DUVRI GENERALE. Gruppo GSE REVISIONI DEL DOCUMENTO N DATA DESCRIZIONE DELLA REVISIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DUVRI GENERALE. Gruppo GSE REVISIONI DEL DOCUMENTO N DATA DESCRIZIONE DELLA REVISIONE"

Transcript

1 DUVRI GENERALE Gruppo GSE REVISIONI DEL DOCUMENTO N DATA DESCRIZIONE DELLA REVISIONE 1 09/12/2009 Prima Emissione 2 16/02/2010 Aggiornamento per inclusione nuove sedi aziendali 3 26/04/2012 Aggiornamento per inclusione nuove sedi aziendali 4 10/03/2014 Aggiornamento per inclusione nuove sedi e nuove misure di prevenzione e protezione

2

3 DUVRI GENERALE Pag. 3 di 27 INDICE PREMESSA... 4 OBIETTIVI E CONTENUTI... 4 ACRONIMI DESCRIZIONE DEL GRUPPO SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SEDI ED IMMOBILI AZIENDALI ATTIVITA LAVORATIVE PROCESSI DI SERVIZIO E INTERFERENZE CON ALTRE DITTE OBBLIGHI GENERALI DELLA DITTA APPALTATRICE VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA VALUTAZIONE DEI RISCHI NON NORMATI VALUTAZIONE DEI RISCHI NORMATI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE A. RISCHI PER LA SICUREZZA B. RISCHI PER LA SALUTE C. RISCHI TRASVERSALI O ORGANIZZATIVI COSTI PER LA SICUREZZA MISURE GENERALI PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE EMERGENZA AL DI FUORI DELL ORARIO DI LAVORO PROCEDURA DI EVACUAZIONE... 27

4 DUVRI GENERALE Pag. 4 di 27 PREMESSA L art. 26 del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. impone al Datore di Lavoro, in qualità di Committente, di fornire alle Ditte Appaltatrici o Subappaltatrici dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinate a operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate nei luoghi di lavoro. Lo stesso Decreto impone al Committente di promuovere la cooperazione e il coordinamento elaborando un Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (di seguito DUVRI), che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non sia possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze. I rischi interferenti devono intendersi quelli derivanti dalle fasi di lavoro che, a causa della loro sovrapposizione ed interferenza (parziali e totali), possono creare pericolo per la salute e la sicurezza dei lavoratori del Committente, ma anche degli Appaltatori. Tale valutazione non contempla in ogni caso la valutazione dei rischi specifici propri delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi che, comunque, dovranno attenersi a tutti gli obblighi previsti dal disposto legislativo in tema di salute e sicurezza sul lavoro. Rientrano nel campo di applicazione dell art. 26 del D.Lgs. n. 81/08 i contratti di appalto e subappalto e i contratti d opera di cui agli art e 1656 del Codice Civile. Sono esclusi gli appalti relativi a cantieri temporanei e mobili che rientrano nel campo di applicazione del Titolo IV del D.Lgs. n. 81/08 e per i quali sussista l obbligo di redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC). OBIETTIVI E CONTENUTI Il presente documento è redatto al fine di dare attuazione ai disposti dell art. 26 del D.Lgs. n. 81/08 aggiornato con le modifiche introdotte dal Decreto Legislativo 3 Agosto 2009 n. 106, da applicare in caso di affidamento di lavori, servizi e forniture a imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi all interno della propria azienda, sempre che si abbia la disponibilità giuridica dei luoghi in cui si svolge l appalto o la prestazione di lavoro autonomo. Gli obiettivi del presente documento sono: - fornire alle imprese appaltatrici e/o lavoratori autonomi dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività (art. 26 comma 1 del D.Lgs. n. 81/08); - promuovere la cooperazione ed il coordinamento tra il Committente e l Appaltatore, i quali cooperano all attuazione delle misure di protezione e prevenzione dai rischi sul lavoro incidenti sull attività lavorativa oggetto dell appalto e coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell esecuzione dell opera complessiva (art. 26 comma 2 del D.Lgs. n. 81/08); - indicare gli eventuali costi della sicurezza necessari per l eliminazione dei rischi da interferenze al fine di riportarli sui documenti contrattuali (art. 26 comma 5 del D. Lgs. n. 81/08). Inoltre, ai sensi di quanto precisato dalla Determinazione dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici, appalti e forniture n. 3/2008 del 5 marzo 2008, la suddetta valutazione dei rischi da interferenze terrà conto non solo del personale interno e dei lavoratori delle imprese appaltatrici, ma anche dei clienti e di tutti coloro che, a vario titolo, si trovano nella struttura o che sono presenti presso la struttura stessa. Qualora, a seguito di situazioni specifiche, si rendesse necessario integrare il DUVRI con eventuali misure aggiuntive di prevenzione e protezione contro i rischi da interferenza, le stesse verranno indicate in un

5 DUVRI GENERALE Pag. 5 di 27 ulteriore documento, così detto DUVRI Temporaneo Specifico, al quale verrà data attuazione congiuntamente con il DUVRI Generale, e che verrà a quest ultimo allegato. ACRONIMI Nel presente documento sono stati utilizzati gli acronimi di seguito indicati. ASPP Addetti al Servizio di AU Acquirente Unico CEI Comitato Elettrotecnico Italiano CENELEC European Committee for Electrotechnical Standardization DL Datore di Lavoro DPI Dispositivi di Protezione Individuali DVR Documento di Valutazione dei Rischi DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze GME Gestore dei Mercati Energetici GPG Guardie Particolari Giurate GSE Gestore dei Servizi Energetici INAIL Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro ISO International Organization for Standardization ISS Istituto Superiore di Sanità NIOSH National Institute for Occupational Safety and Health OSHA Occupational Safety and Health Administration POS Piano Operativo di Sicurezza RLS Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza RSE Ricerca sul Sistema Energetico RSPP Responsabile del Servizio di SPP Servizio di UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione

6 DUVRI GENERALE Pag. 6 di DESCRIZIONE DEL GRUPPO Il Gruppo GSE è costituito dalle seguenti aziende: - GESTORE DEI SERVIZI ENERGETICI - GSE S.p.A., in qualità di capogruppo - ACQUIRENTE UNICO AU S.p.A. - GESTORE DEI MERCATI ENERGETICI S.p.A. - RICERCA SUL SISTEMA ENERGETICO RSE S.p.A. La capogruppo GSE in particolare, nell ambito dell applicazione della presente valutazione, ges tisce con il ruolo di Committente l erogazione di processi di servizio per conto delle società controllate GME e AU, in funzione di apposito contratto di servizio SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Le Società GSE, GME e AU del Gruppo hanno un Servizio di unificato. SPP NOME TELEFONO RSPP DOMENICO PURIFICATI Ferdinando Carosi ASPP Mario Di Adamo Gianluca Di Carlo Medico competente Dott. Fabrizio Salvitti 1.2. SEDI ED IMMOBILI AZIENDALI Ad oggi, il Gruppo GSE dispone di diverse sedi aziendali in cui vengono svolte le attività operative della Società e di alcune strutture ad uso esclusivo di depositi e archivi. Il presente documento si applica agli immobili nella piena disponibilità della Società GSE S.p.A. e delle controllate GME S.p.A. e AU S.p.A. di seguito riportati: IMMOBILE Viale M. Pilsudski, 92 - Roma Viale M. Pilsudski, Roma Viale M. Pilsudski, Roma Viale Tiziano, 25 - Roma Via G. Del Monte, 45 - Roma Largo Tartini, 3/4 - Roma Via Palmiano, Roma SOCIETA GSE S.p.A. GSE S.p.A. / AU S.p.A. GSE S.p.A. GSE S.p.A. AU S.p.A. GME S.p.A. GME S.p.A. Inoltre, fanno capo al GSE S.p.A. alcuni locali adibiti a esclusivo utilizzo di magazzino e deposito: IMMOBILE Viale M. Pilsudski, 120A - Roma Via Lori, 10/12 - Roma La descrizione dei luoghi di lavoro identificati è la seguente: GSE S.p.A. GSE S.p.A. Sede Legale (GSE): Viale Maresciallo Pilsudski, 92 - Roma SOCIETA L'edificio, di proprietà di GSE S.p.A., costituisce la sede legale e principale della Società ed è situato nel Municipio II del Comune di Roma. L immobile è sviluppato su dieci livelli di cui uno interrato e presenta una superficie complessiva di circa mq: alla struttura si accede tramite due ingressi principali (per lavoratori, ospiti e personale di servizio) e un ingresso carrabile dedicato al transito di autoveicoli.

7 DUVRI GENERALE Pag. 7 di 27 L edificio è adibito prevalentemente a uso ufficio tranne che nelle aree destinate a impianti tecnologici e a servizi di supporto delle attività (pulizie, ristorazione, ecc.). Sede Operativa (GSE): Viale Tiziano, 25 Roma / Via Flaminia, 330 L immobile è situato nel Municipio II del Comune di Roma, a circa un chilometro di distanza dalla sede legale. La struttura è costituita da un unico corpo di fabbrica di sette livelli di cui uno interrato, suddiviso in due scale con accesso indipendente. Il GSE detiene in locazione circa metà del fabbricato con accesso dedicato, per una superficie complessiva di circa mq: gli spazi adiacenti all'area di pertinenza del GSE sono gestiti dal condominio di edificio. L immobile è adibito prevalentemente a uso ufficio tranne che nelle aree destinate a impianti tecnologici e a servizi di supporto. I piani primo, secondo e terzo sono ceduti in sublocazione dal GSE S.p.A. ad altra società. Sede Operativa (GSE - AU): Viale Maresciallo Pilsudski, Roma La struttura è situata nel Municipio II del Comune di Roma, nelle immediate vicinanze della sede legale. L immobile, interamente realizzato in cemento armato, è composto da 3 corpi di fabbrica con accessi in comune ed è sviluppato su otto livelli fuori terra per una superficie complessiva di circa mq. Il GSE ad oggi detiene in locazione la maggior parte dell immobile: solo una porzione è attualmente adibita a uso ufficio da parte dei lavoratori e in parte ad aree impiantistico/tecnologico e di servizio. Sede Operativa (GSE): Viale Maresciallo Pilsudski, Roma La struttura è situata nel Municipio II del Comune di Roma, nelle immediate vicinanze della sede legale. L immobile, sviluppato su quattro livelli fuori terra, è composto da due corpi con accessi diversi. Il GSE ad oggi detiene in locazione il solo piano terzo ultimo dell immobile al civico indicato, per una superficie complessiva di circa 500 mq. I locali sono adibiti ad uso ufficio da parte dei lavoratori. Sede Legale (AU): Via Guidubaldo del Monte, 45 - Roma La sede aziendale di AU S.p.A. è situata nel Municipio II del Comune di Roma, in prossimità della sede principale della capogruppo Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. Il fabbricato è composto da un unico corpo a pianta trapezoidale e si sviluppa su otto livelli, di cui il primo interrato e l'ultimo a copertura piana. L'altezza totale della struttura dal piano stradale è di circa 20 metri e la superficie utile complessiva circa mq. Dal punto di vista funzionale, al piano interrato dell'edificio sono stati realizzati locali destinati ad ospitare gli impianti tecnologici automatizzati o piccoli magazzini, mentre al piano terra sono presenti locali dedicati ai servizi comuni di edificio: reception, vigilanza, pulizie, ecc. I piani dal primo al sesto sono dedicati interamente a uso degli uffici per i lavoratori della società. Sede Legale (GME): Largo Giuseppe Tartini, 3/4 - Roma La sede legale del Gestore dei Mercati Energetici - GME S.p.A. è situata nel Municipio II del Comune di Roma. Il fabbricato, sviluppato su sette livelli, è composto da un unico corpo a pianta rettangolare. L altezza totale della struttura dal piano stradale è di circa 20 metri e la superficie utile complessiva è di circa mq. Sono presenti: un piano interrato, destinato a soli locali tecnologici, un piano seminterrato, che ospita locali di servizio e alcune stanze ufficio, e cinque piani fuori terra (rialzato, primo, secondo, terzo e quarto). In particolare, il piano rialzato è destinato ad alcuni servizi comuni di edificio (reception, vigilanza) e ad attività d'ufficio mentre il primo, il secondo, il terzo e il quarto piano sono destinati a locali ad uso ufficio e sale riunioni.

8 DUVRI GENERALE Pag. 8 di 27 Sede Operativa (GME): Via Palmiano, Roma La sede operativa di Via Palmiano 101, situata nel Comune di Roma, è costituita da un'ampia area concessa in locazione (con un contratto di affitto/facility) al GME S.p.A. da Terna S.p.A., all'interno di un edificio adibito ad uffici al civico indicato. L'edificio è posto nella zona nord di Roma, in prossimità del Grande Raccordo Anulare e della zona urbanistica denominata Fidene, in un area non completamente urbanizzata. Il fabbricato è costituito da diversi corpi a pianta rettangolare, con accesso condiviso e intercomunicanti tra loro, e si sviluppa su due livelli fuori terra e alcuni livelli interrati non di pertinenza del GME S.p.A. All'area di pertinenza del GME si accede da un corridoio di transito del fabbricato tramite porta dotata di lettore badge. L'area confina con altri uffici e un cortile esterno di Terna S.p.A. adibito a parcheggio per autovetture, al quale si accede tramite una porta regolarmente tenuta chiusa e allarmata, utilizzabile per l'esodo in caso di emergenza. Gli impianti tecnologici comuni (climatizzazione, ascensori, impianto elettrico, ecc) sono direttamente gestiti dalla proprietà. Depositi e archivi (GSE): Viale Maresciallo Pilsudski, 120 A - Roma La struttura è situata nel Municipio II del Comune di Roma, al piano interrato della sede di Viale Pilsudski, 124, con accesso separato al civico 120A. L area è stata recentemente riqualificata per ospitare aree di deposito pratiche e archivio. Depositi e archivi (GSE): Via Lori, 10 - Roma La struttura è situata alla periferia Nord del Comune di Roma: è composta da un nucleo di depositi, di cui il GSE detiene in affitto 3 unità distinte, con accesso separato, per una superficie complessiva di circa mq. Le unità sono composte da un livello unico posto a piano terra, realizzate in cemento armato e con un altezza media di circa 5 metri ATTIVITA LAVORATIVE I lavoratori del Gruppo GSE svolgono mansioni prettamente di ufficio, utilizzo di materiale cartaceo, videoterminali, stampanti, ecc. Negli immobili aziendali sono stati valutati i rischi di natura specifica presenti e applicate le misure di prevenzione e protezione ritenute più idonee. Le lavorazioni sono generalmente svolte su un unico turno giornaliero con orario di ufficio dal lunedì al venerdì, escluso gli operatori della sala trading, che operano su turnazione diurna PROCESSI DI SERVIZIO E INTERFERENZE CON ALTRE DITTE Negli immobili aziendali operano regolarmente e con continuità diverse Ditte Appaltatrici di servizi accessori: tali servizi sono gestiti dal GSE anche per le società controllate Gestore dei Mercati Energetici GME S.p.A. e Acquirente Unico AU S.p.A. in virtù di specifici contratti di service. Di seguito è riportato, alla data del presente documento, lo schema dei servizi erogati rispettivamente per gli immobili adibiti ad uso ufficio e ad uso magazzino/deposito.

9 DUVRI GENERALE Pag. 9 di 27 IMMOBILI MAGAZZINI V.le Tiziano,25 V.le Pilsudski, Via G. Del Via Palmiano, V.le Pilsudski, SERVIZIO V.le Pilsudski, 92 Via Flaminia, L.go Tartini, 3 Via Lori, e 138 Monte, a Roma 330 Roma Roma Roma Roma Roma Roma Roma FACCHINAGGIO Su richiesta POSTA RECEPTION VIGILANZA PULIZIE MANUTENZIONE ORDINARIA Servizi a ASSISTENZA carico di INFORMATICA Terna RISTORAZIONE S.p.A. ASSISTENZA TELEFONICA GUIDA CON CONDUCENTE CONSULENZE

10 DUVRI GENERALE Pag. 10 di OBBLIGHI GENERALI DELLA DITTA APPALTATRICE La Ditta Appaltatrice ha l obbligo di: - Cooperare e collaborare con il Committente, anche attraverso incontri e sopralluoghi congiunti presso le aree di lavoro oggetto del servizio e concordare con questi i tempi e le modalità di esecuzione dei lavori. - Mettere a punto e fornire al Committente, laddove previsto, opportune Procedure Operative di Sicurezza (POS) o Documenti di Valutazione dei Rischi (DVR). - Richiedere preventivamente, in forma scritta e con congruo anticipo, l autorizzazione all accesso agli stabili aziendali al Responsabile/Referente contrattuale. - Fornire al Committente i nominativi dei lavoratori presenti, i quali dovranno essere muniti e esibire con continuità nell'ambito dello svolgimento delle attività apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente tutte le indicazioni previste dalla legislazione vigente. - Fornire al Committente documentazione attestante l idoneità tecnico professionale dei lavoratori in funzione delle specifiche attività oggetto del servizio. - Astenersi dall iniziare un attività prima di avere predisposto e adottato tutte le misure di prevenzione e protezione necessarie alla sicurezza e salute dei propri lavoratori e prescritte dal Committente per eliminare o ridurre rischi da interferenza. - Attenersi alle procedure di sicurezza vigenti presso il Committente in relazione a rischi specifici presenti. - Procedere allo sfasamento temporale o spaziale di interventi che possano generare rischi per i lavoratori del Committente o, nel caso in cui ciò non sia possibile, adottare idonea ed adeguata segnaletica e misure di prevenzione e protezione aggiuntive (supporto di un operatore supplementare, individuazione di percorsi sicuri, etc.). - Provvedere autonomamente in riferimento ai rischi specifici derivanti dalla propria attività, ai sensi della normativa vigente in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. - Utilizzare esclusivamente il proprio materiale (macchine, attrezzature, utensili) che deve essere conforme alle norme in vigore, rispondente alle norme antinfortunistiche, adeguatamente identificato e sottoposto a regolare manutenzione; l uso di tale materiale deve essere consentito solo al personale addetto e adeguatamente addestrato. - Conservare materiali e attrezzature utilizzati negli spazi assegnati evitando di lasciarli incustoditi e/o posti in modo da recare ingombro al passaggio e/o pericolo per i lavoratori del Committente. - Attenersi al divieto di utilizzare qualsiasi attrezzatura o sostanza di proprietà del Committente, se non dietro espressa autorizzazione scritta. - Cooperare all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull attività lavorativa oggetto dell appalto, informandosi reciprocamente col Committente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori di imprese diverse. - Formare ed informare il proprio personale anche sui rischi derivanti dalle altre attività, se concomitanti all esecuzione del lavoro, fornendo al personale le misure di prevenzione e sorvegliare sulla loro corretta applicazione; coordinare il lavoro di eventuali ditte subappaltatrici informandole di quanto programmato e sui sistemi di protezione previsti.

11 DUVRI GENERALE Pag. 11 di 27 - Segnalare ogni malfunzionamento di impianti o attrezzature al Committente e, in caso di pericolo grave ed immediato, sospendere immediatamente i lavori ed adottare le indispensabili misure correttive e protettive. - Provvedere all immediata comunicazione di eventuali rischi non previsti che dovessero eventualmente manifestarsi sui luoghi delle attività in situazioni particolari o transitorie. - Mettere a disposizione dei propri lavoratori i dispositivi di protezione individuale (DPI), attrezzature, utensili e sostanze adeguati alla tipologia dei lavori da eseguire ed ai rischi presenti sul luogo di intervento e conformi alle normative vigenti. - Accertarsi che il proprio personale sia dotato e faccia effettivo uso dei DPI previsti per lo svolgimento della propria mansione e che gli stessi siano in ottime condizioni d uso. - Custodire in sicurezza, a propria cura e rischio, le attrezzature e i materiali necessari per l esecuzione dei lavori, all interno delle strutture della Società. - Provvedere alla sorveglianza sanitaria del proprio personale, considerando anche i rischi specifici che dovessero derivare dalla eventuale frequentazione delle aree di lavoro del Committente. - Provvedere alla gestione dei rifiuti prodotti nelle attività oggetto dell incarico ed alla salvaguardia dell ambiente, secondo quanto disposto dalla normativa vigente in materia, salvo diverso specifico e formale accordo indicato in sede contrattuale. - In caso di sversamento accidentale di sostanze chimiche: avvisare il Servizio di prevenzione e protezione; arieggiare immediatamente il locale ovvero la zona; utilizzare, secondo le istruzioni, i kit di assorbimento, che devono essere presenti nell attrezzatura di lavoro qualora si utilizzino tali sostanze, e porre il tutto in contenitori all'uopo predisposti (contenitori di rifiuti compatibili), evitando di usare apparecchi alimentati ad energia elettrica che possano costituire innesco per una eventuale miscela infiammabile, ovvero esplosiva presente; comportarsi scrupolosamente secondo quanto previsto dalle istruzioni contenute nelle schede di sicurezza.

12 DUVRI GENERALE Pag. 12 di VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA L'attività di valutazione di ogni rischio interferenziale si è articolata seguendo il seguente criterio: - Individuazione dei pericoli intrinseci nelle aree di lavoro; - Valutazione dei rischi presenti nel luogo di lavoro e legati alle varie fasi lavorative interferenti; - Individuazione delle misure di prevenzione e protezione attuate dal Committente; - Valutazione dei rischi residui presenti; - Individuazione delle misure di prevenzione e protezione, che restano in capo alle ditte esecutrici di lavori in appalto. Al fine di eseguire una corretta valutazione dei rischi sono stati utilizzati validi criteri ed efficienti metodi di analisi (Linee Guida Comunitarie, normative tecniche UNI, NIOSH, OSHA, CEI, CENELEC, ISO, nonché Linee Guida e Banche Dati ISS, INAIL, ecc.), tenendo conto del fatto che per alcuni rischi sussistono disposizioni legislative o normative specifiche che indicano criteri di analisi e di stima più o meno specifici VALUTAZIONE DEI RISCHI NON NORMATI La valutazione dei rischi, laddove non specificatamente normata dalla legislazione vigente, è stata effettuata attraverso un metodo ispirato a quello proposto dallo STANDARD MILITARE STD 882c, che prevede la stima di due fattori: - Probabilità P di accadimento di un evento pericoloso (secondo la seguente scala di gradualità: bassa - 1, media - 2, alta - 3, molto alta - 4) - Danno atteso G che questo evento pericoloso potenzialmente può arrecare a persone o cose (secondo la seguente scala di gradualità: danno lieve 1, danno medio 2, danno grave 3, danno gravissimo 4). Tale metodo di stima risulta particolarmente adatto nei casi in cui non siano disponibili dati quantitativi; esso infatti rientra nella tipologia di metodo semi-qualitativo, ovvero un modello di valutazione che si basa su un analisi quantitativa, in cui il rischio è definito secondo l espressione che lo correla al danno atteso e alla probabilità di accadimento ( ), ma con un approccio semplificato in cui i dati a disposizione sono quelli osservabili al momento di indagine ed i parametri di confronto sono quelli che prescrivono le norme tecniche e le norme vigenti. Nelle successive tabelle sono descritte le scale semiquantitative della probabilità P e del danno atteso G ed i criteri per l attribuzione dei valori. VALORE 4 Molto alta 3 Alta 2 Media 1 Bassa Criteri di stima della probabilità di accadimento P DESCRIZIONE E CRITERI Esiste una correlazione diretta tra la mancanza rilevata ed il verificarsi del danno ipotizzato per i lavoratori e sono stati rilevati danni per la stessa mancanza in Azienda o in aziende simili. A tal fine sono state consultate le fonti di dati disponibili in azienda su infortuni e malattie professionali ovvero in loro mancanza le banche dati di rilevamento statistico disponibili (fonti ISPESL, USSL, ecc.) Incidenti avvenuti o ipotizzabili non prevedibili e sufficienza dell evento singolo a causare il danno. La mancanza rilevata può provocare un danno solo laddove si verifichi una concomitanza di eventi avversi. Sono noti solo rarissimi episodi già verificatisi. Incidenti avvenuti o ipotizzati non prevedibili e non sufficienza dell evento singolo a causare il danno; incidenti avvenuti causati da manovre errate dell operatore.

13 DUVRI GENERALE Pag. 13 di 27 VALORE 4 Gravissime 3 Gravi 2 Medie 1 Lievi Criteri di stima della gravità del danno G Assenza dati statistici Morte Lesioni irreversibili Perdita totale di funzioni Lesioni difficilmente reversibili Lesioni lentamente reversibili Perdita parziale di funzioni Lesioni reversibili Esposizione cronica con effetti reversibili Lesioni rapidamente reversibili Esposizione con effetti reversibili DESCRIZIONE E CRITERI Disponibilità dati statistici Patologie / lesioni che possono portare alla morte o a invalidità permanenti superiori al 30%. Patologie / lesioni che possono portare invalidità permanenti tra il 10 e il 30%. Infortuni con assenze dal lavoro da 30 a 60 giorni. Patologie che possono portare invalidità permanenti fino al 10%. Infortuni con assenze dal lavoro fino a 30 giorni. Stadi di disagio, discomfort o patologie reversibili. Definiti il danno e la probabilità, il rischio è automaticamente determinato mediante la formula R=P x G ed è indicato nella tabella grafico - matriciale seguente, avente in ascisse la gravità del danno atteso ed in ordinate la probabilità del suo verificarsi. Matrice di valutazione del rischio P G Attraverso la matrice di rischio è possibile individuare le condizioni di maggiore criticità e di conseguenza le priorità da assegnare agli interventi correttivi volti all eliminazione o alla riduzione del rischio. Nella seguente tabella vengono indicati alcuni criteri per la valutazione delle azioni di prevenzione e protezione da intraprendere in funzione della classe di rischio, fermo restando che la programmazione degli interventi dovrà rispondere ai criteri indicati nell articolo 28 del D.Lgs 81/08 e contenere l indicazione dei tempi e delle risorse impiegate. Azioni da intraprendere in funzione della classe di rischio VALORI LIVELLO DI RISCHIO AZIONE E TEMPISTICA ALTO Azioni correttive urgenti con tempi di intervento immediati. 6-9 MEDIO Azioni correttive e/o migliorative da programmare nel brevemedio termine con orizzonte temporale massimo di 12 mesi. 3-4 BASSO Azioni di mantenimento e/o migliorative da programmare nel medio-lungo termine con orizzonte temporale massimo di 36 mesi. 1-2 TRASCURABILE Non sono necessarie ulteriori azioni migliorative ad eccezione delle misure di controllo che garantiscono il mantenimento delle condizioni rilevate.

14 DUVRI GENERALE Pag. 14 di VALUTAZIONE DEI RISCHI NORMATI Per quanto concerne i rischi normati, ossia quei rischi lavorativi per i quali sussistono disposizioni legislative o normative specifiche, i parametri di valutazione sono diversi in ragione della natura del rischio e, nella maggior parte dei casi, riconducibili a valori di soglia degli indicatori del rischio, esprimibili nella scala semi quantitativa precedentemente esposta. In tali casi, laddove l evidenza del pericolo o il disposto legislativo lo imponga, sono state predisposte specifiche valutazioni di rischio, il cui risultato è riportato nella valutazione generale adottando i parametri semi quantitativi ragionevolmente più attinenti all esito della valutazione stessa. La tabella sottostante riporta i rischi normati con i relativi riferimenti legislativi e le classi di rischio che ne scaturiscono. Tabella di correlazione tra i valori di rischio specifico e l indicatore di riferimento Fattore di Rischio Riferimento Legislativo Valori di riferimento Indicatore del Rischio BASSO MEDIO ALTO Rischio incendio Atmosfere esplosive D.Lgs. 81/08 art. 46 e D.M All. I 9.4 D.Lgs. 81/08 art. 46 e D.M All. I 9.3 D.Lgs. 81/08 art. 46 e D.M All. I 9.2 D.Lgs. 81/08 art. 290 e Allegato LI Luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze a basso tasso di infiammabilità e le condizioni locali e di esercizio offrono scarse possibilità di sviluppo di principi di incendio ed in cui, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata. Attività soggette a CPI e/o caratterizzate da luoghi di lavoro in cui sono presenti sostanze infiammabili e/o condizioni locali e/o di esercizio che possono favorire lo sviluppo di incendi, ma nei quali, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata. Attività soggette a CPI caratterizzate da luoghi di lavoro in cui, per presenza di sostanze altamente infiammabili e/o per le condizioni locali e/o di esercizio, sussistono notevoli probabilità di sviluppo di incendi e nella fase iniziale sussistono forti probabilità delle fiamme, ovvero non è possibile la classificazione come luogo a rischio di incendio basso o medio. Area in cui durante le normali attività NON E PROBABILE la formazione di una atmosfera esplosiva, consistente in una miscela di aria e sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbia o, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata. Area in cui durante le normali attività NON E PROBABILE la formazione di una atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere o, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata. Area in cui la formazione di una atmosfera esplosiva, consistente in una miscela di aria e sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbia, E PROBABILE che avvenga occasionalmente durante le normali attività. Area in cui la formazione di una atmosfera esplosiva, sotto forma di nube di polvere combustibile nell aria, E PROBABILE che avvenga occasionalmente durante le normali attività. Area in cui è presente in permanenza o per lunghi periodi un atmosfera esplosiva, consistente in una miscela di aria e sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbia. Area in cui è presente in permanenza o per lunghi periodi o frequentemente, un atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile nell aria. Rischio biologico Rischio chimico determinazione quantitativa D.Lgs. 81/08 art. 268/271 e Allegato LIV D.Lgs. 81/08 art. 223 e Allegati VIII e I Poca probabilità di causare malattie in soggetti umani. Può causare malattie in soggetti umani e costituire un rischio per i lavoratori; poco probabile che si propaghi nella comunità; sono disponibili efficaci misure di profilassi o terapeutiche. Può causare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio pericolo per i lavoratori; l agente biologico può propagarsi nella comunità; sono disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche. Può causare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio pericolo per i lavoratori e può presentare un elevato rischio di propagazione nella comunità; non sono disponibili, di norma, efficaci misure profilattiche o terapeutiche. 10% TLV 50% TLV 50% TLV

15 DUVRI GENERALE Pag. 15 di 27 Rischio chimico determinazione qualitativa Metodologie basate su algoritmi per la Sicurezza ed Irrilevante per la Salute Non per la Sicurezza e/o non Irrilevante per la Salute Radiazioni ottiche incoerenti Rumore Vibrazioni mano braccio D.Lgs. 81/08 art. 216 e Allegato VII D.Lgs. 81/08 art. 189 D.Lgs. 81/08 art. 202 e Allegato V Parte A < valori limite > valori limite Lex < 80 db(a) e < 135 db(c) peak Lex > 80 db(a) e < 87 db(a) > 135 db(c) e < 137 db(c) peak Lex > 87 db(a) e > 137 db(c) peak < 2,5 m/sec2 > 2,5 m/sec2 e < 5 m/sec2 > 5 m/sec2 > 20 m/sec2 per brevi periodi Vibrazioni corpo intero D.Lgs. 81/08 art. 202 e Allegato V Parte B < 0,5 m/sec2 > 0,5 m/sec2 e < 1 m/sec2 > 1 m/sec2 > 1,5 m/sec2 per brevi periodi Allegato VI lett. B < valori di azione Campi elettromagnetici Movimentazione manuale dei carichi Videoterminale Stress Lavoro Correlato Allegato VI lett. A D.Lgs. 81/08 art. 168 e Allegato III D.Lgs. 81/08 art. 173 D.Lgs. 81/08 artt. 6 e 28 Comunicato ufficiale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (G.U. 304 del 30/12/2010) > valori di azione e < valori limite > valori limite < 0,75 0,75 e < 1,25 1,25 < 20 h/w e < 4 h/d > 20 h/w e < 4 h/d > 20 h/w e > 4 h/d L analisi degli indicatori non evidenzia particolari condizioni organizzative che possono determinare la presenza di stress correlato al lavoro. L analisi degli indicatori evidenzia condizioni organizzative che possono determinare la presenza di stress lavoro correlato; vanno adottate azioni correttive e successivamente va verificata l efficacia degli interventi stessi; in caso di inefficacia, si procede, alla fase di valutazione approfondita. L analisi degli indicatori evidenzia una situazione di alto rischio stress lavoro correlato tale da richiedere il ricorso ad azioni correttive immediate. Si adottano le azioni correttive corrispondenti alle criticità rilevate; successivamente va verificata l efficacia degli interventi correttivi; in caso di inefficacia, si procede alla fase di valutazione approfondita.

16 DUVRI GENERALE Pag. 16 di SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE L analisi di ciascun rischio da interferenza individuabile all interno delle sedi è riassunta nelle schede di valutazione di seguito, in cui sono riportate le seguenti informazioni: - Fattore di rischio esaminato; - Misure di prevenzione e protezione attuate da parte del Committente per l eliminazione o la riduzione dei rischi; - Valutazione del rischio residuo a seguito dell attuazione di tutte le misure di prevenzione e protezione, in forma quantitativa P x G = R e in forma qualitativa: ACCETTABILE: laddove siano attuate tutte le misure di prevenzione e protezione tecnicamente disponibili e applicabili ai luoghi di lavoro ovvero all attività lavorativa; NON ACCETTABILE: laddove siano risultate evidenti carenze nell attuazione delle misure di prevenzione e protezione previste. - Indicazione delle misure di prevenzione e protezione da applicare da parte della ditta esecutrice per garantire il livello di rischio residuo individuato.

17 DUVRI GENERALE Pag. 17 di 27 A. RISCHI PER LA SICUREZZA A1. LUOGHI DI LAVORO A1.01 FATTORE DI RISCHIO INTERFERENZE STRUTTURA-TERRITORIO A1.02 STRUTTURE A1.03 SCALE A1.04 SOTTERRANEI E SEMINTERRATI A1.05 MAGAZZINI E DEPOSITI (APPLICATE DAL COMMITTENTE) Sono definite in fase di coordinamento le aree di transito esterne e le modalità di utilizzo delle aree di sosta. I luoghi di lavoro sono idonei per consentire lo svolgimento delle attività dei lavoratori e conformi ai requisiti dell Allegato IV al D.Lgs. 81/08. Gli spazi sono gestiti e dimensionati coerentemente alle indicazioni dell'all. IV al D.Lgs 81/08. Il mobilio presente rispetta le norme vigenti in materia di sicurezza per quanto riguarda i materiali e le finiture. I percorsi sono segnalati e dimensionati coerentemente alle indicazioni dell'all. IV al D.Lgs 81/08. Le aree di transito interne hanno illuminamento adeguato. Gli eventuali ostacoli fissi presenti nei luoghi di transito e passaggio sono adeguatamente segnalati. Le caratteristiche delle zone di passaggio sono periodicamente controllate. Le strutture non presentano crepe, distacchi e altri segni di dissesto. Le aperture nelle pareti sono protette con parapetto di almeno 1 m (90 cm per le finestre). I pavimenti corrispondono alle indicazioni dell'all. IV al D.Lgs 81/08. I pavimenti e i luoghi di passaggio sono idonei alla natura delle lavorazioni svolte e non presentano buche o avvallamenti. Il pavimento dei luoghi di lavoro viene mantenuto pulito. Le scale fisse a gradini rispondono ai requisiti fissati dall All. IV al D.Lgs 81/08. Le scale sono di resistenza adeguata alle condizioni d uso. Le scale e i pianerottoli hanno adeguata illuminazione. Le scale di emergenza esterne sono realizzate a regola d arte. I gradini hanno alzata e pedata dimensionate a regola d arte e sono antisdrucciolo in relazione alle condizioni d uso. Nei sotterranei e seminterrati è rispettata la massima pulizia, l ordine e la corretta disposizione delle attrezzature previste. Nei magazzini e nei depositi è rispettata la massima pulizia, l ordine e la corretta disposizione a prescindere dal tipo di materiale stivato. RISCHIO RESIDUO QUANTITATIVO QUALITATIVO (DA APPLICARE DA PARTE DELLE DITTE ESECUTRICI) Trascurabile Attenersi alle indicazioni fornite per le aree di sosta. Trascurabile Verificare lo stato delle aree oggetto di appalto. Prima dell'inizio dei lavori, verificare che, nelle aree destinate alle lavorazioni, non sia presente materiale della committenza, che può generare un rischio per i propri lavoratori. In caso di spandimenti di acqua o sostanze liquide nelle aree destinate alle lavorazioni, effettuare una immediata pulizia. Al termine dei lavori nelle aree destinate alle lavorazioni, verificare l avvenuta pulizia dell'area in modo da eliminare la presenza di materiale che può generare un rischio per i lavoratori del Committente. Attenersi alle indicazioni di buona prassi per l uso delle scale. Utilizzare scale conformi e idonee alle lavorazioni previste. Mantenere i luoghi nelle condizioni di massima pulizia, ordine e non alterare la disposizione delle attrezzature previste. Mantenere i luoghi nelle condizioni di massima pulizia e ordine. Non sovraccaricare i ripiani oltre il limite indicato.

18 DUVRI GENERALE Pag. 18 di 27 A2. MACCHINE IMPIANTI E ATTREZZATURE A3. RISCHI ELETTRICI A2.01 A2.02 A2.03 FATTORE DI RISCHIO USO DI MACCHINE, IMPIANTI E ATTREZZATURE PRESENZA DI MACCHINE E ATTREZZATURE PARTICOLARI O SPECIALI MACCHINE E ATTREZZATURE IN ASSENZA DI DIRETTIVA CE A2.04 MEZZI DI TRASPORTO A3.01 ELETTROCUZIONE PER CONTATTO DIRETTO O INDIRETTO (APPLICATE DAL COMMITTENTE) Tutti gli impianti sono conformi alla vigente normativa, come da documentazione relativa. Le verifiche periodiche previste dalle vigenti disposizioni legislative sono regolarmente effettuate, cosi come le manutenzioni periodiche e correttive in caso di guasto. Gli ascensori sono provvisti di dispositivo di riporto al piano in caso di blackout elettrico, della relativa segnaletica e dell illuminazione di emergenza. Sono state individuate procedure di emergenza, in accordo con le imprese di manutenzione degli impianti ed il servizio di vigilanza, da adottare in caso di mancanza di energia elettrica o di cattivo funzionamento. Sono definite in fase di fornitura le autovetture più idonee alle attività lavorative da effettuare. E stata effettuata una adeguata valutazione dei rischi elettrici. Gli impianti elettrici sono mantenuti da soggetto abilitato. Gli impianti elettrici sono periodicamente controllati per verificarne lo stato di conservazione ed efficienza ai fini della sicurezza. Gli impianti elettrici sono dotati di interruttori differenziali, regolarmente testati. Gli impianti sono realizzati a regola d arte e con la prescritta dichiarazione di conformità e pertanto assicurano la protezione contro i contatti diretti con elementi in tensione e contatti indiretti determinati da condizioni di guasto. E fatto divieto ai lavoratori della ditta appaltatrice di toccare o manomettere i quadri elettrici e tutti gli impianti o le parti in tensione degli stessi. La ditta appaltatrice presterà attenzione ai cavi di alimentazione dei computer, stampanti o fotocopiatrici. L accesso ai locali tecnologici, per l espletamento dei servizi appaltati, avverrà con la supervisione del personale tecnico al fine di garantire la sicurezza delle persone e degli impianti presenti nei locali. L'esito delle verifiche periodiche sugli impianti di messa a terra é verbalizzato e tenuto a disposizione dell autorità di vigilanza. Le apparecchiature elettriche sono dotate del marchio CE e possono essere considerate sicure. Le attrezzature elettriche recano l'indicazione delle caratteristiche costruttive, tensione, intensità e tipo di corrente e altre eventuali caratteristiche importanti per l'uso in sicurezza. RISCHIO RESIDUO QUANTITATIVO QUALITATIVO Trascurabile Non presente Non presente (DA APPLICARE DA PARTE DELLE DITTE ESECUTRICI) Prendere visione delle apparecchiature, degli impianti fissi (compresi ascensori, ecc.) e di quelli d impiego transitorio o occasionale, per le necessità dell appalto, siti nei luoghi di lavoro, nonché il relativo funzionamento. Non effettuare interventi sulle apparecchiature e/o sugli impianti, salvo che ciò si renda necessario per fronteggiare situazioni di pericolo e/o di emergenza. In tal caso l Appaltatore dovrà impiegare solo personale competente e dare tempestiva comunicazione all Azienda dell intervento effettuato. Non utilizzare attrezzature, macchine e/o impianti di proprietà della Società salvo espressa autorizzazione. Concordare con il Committente qualsiasi interruzione di alimentazione o di funzionamento degli impianti: le manovre di erogazione/interruzione saranno eseguite in seguito all accertamento che le stesse non generino condizioni di pericolo e/o danni per disservizio. Verificare preventivamente la conformità dei punti di alimentazione che si intendono utilizzare, onde evitare incidenti o interruzioni del servizio. Tutte le macchine e attrezzature particolari e speciali devono essere preventivamente approvate dal Committente. Tutte le macchine e attrezzature particolari e speciali devono essere preventivamente approvate dal Committente. Formare e informare opportunamente il proprio personale in merito ai rischi relativi. Trascurabile A3.02 SCARICHE ATMOSFERICHE Gli edifici sono considerati autoprotetti dal rischio fulminazione. Trascurabile Utilizzare l impianto elettrico secondo quanto imposto dalla buona tecnica e dalla regola dell arte; non deve fare uso di cavi giuntati o che presentino lesioni o abrasioni. Attenersi al divieto di utilizzare, nei lavori in luoghi bagnati o molto umidi e nei lavori a contatto o entro grandi masse metalliche, utensili elettrici portatili a tensione superiore a 50 V verso terra. Utilizzare componenti (cavi, spine, prese, adattatori etc.) e apparecchi elettrici rispondenti alla regola dell arte (marchio CE o altro tipo di certificazione) ed in buono stato di conservazione. Attenersi al divieto di attivare linee elettriche volanti senza aver prima avvisato il personale preposto del Committente. Verificare che la potenza dell apparecchio utilizzatore sia compatibile con la sezione della conduttura che lo alimenta, anche in relazione ad altri apparecchi utilizzatori già collegati al quadro. Attenersi al divieto di effettuare allacciamenti provvisori di apparecchiature elettriche alle linee di alimentazione. Provvedere a effettuare la regolare manutenzione delle attrezzature da utilizzare per l espletamento delle lavorazioni oggetto dell appalto. La potenza assorbita della macchine elettriche utilizzate dall Affidatario deve essere compatibile con le caratteristiche della rete elettrica della sede.

19 DUVRI GENERALE Pag. 19 di 27 A4. RISCHIO INCENDIO ED ESPLOSIONE FATTORE DI RISCHIO A4.01 RISCHIO INCENDIO A4.02 FORMAZIONE DI ATMOSFERE ESPLOSIVE (APPLICATE DAL COMMITTENTE) E stata effettuata la valutazione del rischio incendio ai sensi del D.M. 10/03/98 e ed è stato individuato il livello di rischio corrispondente per gli adempimenti a questo correlati. Sono adottate le specifiche misure di riduzione del rischio previste dal DM 10/03/98. Sono adottate le misure generali contro l incendio e l esplosione previste dal D.Lgs. 81/08. I materiali a rischio incendio sono stati rimossi o ridotti al quantitativo minimo richiesto per l attività svolta. Le vie di esodo sono individuate in conformità alla normativa al fine di garantire un veloce e sicuro deflusso in caso di evacuazione; le stesse sono sorvegliate e mantenute sgombre da possibili materiali di intralcio alla circolazione. Nei luoghi di lavoro esistono adeguati sistemi antincendio. Si usano estintori conformi ai requisiti essenziali di sicurezza di cui all allegato del D.Lgs. 25 febbraio 2000 n. 93 munite di marcatura CE o dichiarazione CE di conformità. I presidi antincendio sono oggetto di regolari controlli e interventi di manutenzione I cui esiti sono annotati e conservati in forma scritta. Le verifiche, le manutenzioni e la formazione sono registrate e annotate su un apposito registro. E espressamente vietato fumare in tutti I locali aziendali. Non usare l acqua come estinguente in prossimità di conduttori, macchine e apparecchi elettrici sotto tensione. Sono stati individuati Lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendi. I lavoratori sono informati e formati sui principi di base della prevenzione incendi e addestrati sulle azioni da attuare in caso di incendio. Fornitura alla ditta appaltatrice del Piano di emergenza ed evacuazione e di tutte le informazioni utili alla gestione dell emergenza. Le batterie presenti sono a chiusura ermetica e sigillata. Ne viene svolta adeguata manutenzione. I locali sono dotati di ricambi d aria e la temperatura si mantiene al di sotto del limite massimo di esercizio. RISCHIO RESIDUO QUANTITATIVO QUALITATIVO (DA APPLICARE DA PARTE DELLE DITTE ESECUTRICI) Provvedere a formare e informare il proprio personale, con idoneo corso, sulla procedura di gestione dell emergenza e sull uso dei presidi antincendio disponibili, restituendo alla società appaltante copia degli attestati di formazione ovvero autocertificazione sostitutiva. Nelle aree destinate alle lavorazioni e in prossimità dei punti di intervento non utilizzare né stoccare materiali infiammabili e/o combustibili, anche in quantità minime. E fatto divieto di utilizzare fiamme libere durante la preparazione delle vivande nell area dedicata al catering sul terrazzo dello stabile. Verificare che le attrezzature da lavoro utilizzate siano efficienti sotto il profilo della sicurezza e che il prelievo dell energia elettrica avvenga nel rispetto delle caratteristiche tecniche compatibili con il punto di allaccio. Verificare che i corridoi e le vie di fuga in generale siano mantenuti costantemente in condizioni tali da garantire una facile percorribilità delle persone in caso di emergenza e che siano sgombri da materiale combustibile e infiammabile e da ostacoli di qualsiasi genere anche se temporanei. Verificare la necessità di ulteriori presidi antincendio o mezzi estinguenti efficienti in prossimità dei punti di intervento e a portata degli operatori. Verificare che non siano alterate le condizioni esistenti e indicate nei locali in cui sono presenti batterie e UPS:

20 DUVRI GENERALE Pag. 20 di 27 B. RISCHI PER LA SALUTE FATTORE DI RISCHIO (APPLICATE DAL COMMITTENTE) RISCHIO RESIDUO QUANTITATIVO QUALITATIVO (DA APPLICARE DA PARTE DELLE DITTE ESECUTRICI) B1. RISCHI BIOLOGICI B1.01 ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Non è previsto l uso di agenti biologici durante le normali attività lavorative. E stato predisposto un piano di indagine per la legionella. Sono stati effettuati campionamenti ambientali nelle diverse sedi per la verifica della qualità dell aria sotto il profilo microbiologico. Sono attuate misure di raccolta e smaltimento dei rifiuti speciali (es. presidio medico/ristorazione). Non abbandonare nell edificio rifiuti provenienti dalla lavorazione effettuata al termine del lavoro/servizio. Attenersi alle disposizioni impartite per lo smaltimento dei rifiuti speciali. B2. RISCHI CHIMICI B2.01 B2.02 ESPOSIZIONE A SOSTANZE CHIMICHE ESPOSIZIONE AD AGENTI CANCEROGENI O MUTAGENI Non è previsto l uso di agenti chimici durante le normali attività lavorative. Trascurabile E' stato imposto il divieto di fumare negli ambienti di lavoro ed presente la relativa cartellonistica. Informare il Committente sui tempi e modalità di lavoro che possano provocare esposizione ad agenti chimici anche al fine di evitare disagi a soggetti asmatici o allergici eventualmente presenti, anche nei giorni successivi all impiego di sostanze detergenti. Garantire che l impiego di tutti i prodotti chimici avvenga secondo le specifiche modalità operative indicate sulla scheda tecnica; la stessa scheda aggiornata deve essere presente in loco insieme alla documentazione di sicurezza ed essere esibita su richiesta del personale del SPP, del DL, del Responsabile o del Referente del Contratto. Programmare, per quanto possibile, gli interventi per cui è necessario l uso di prodotti chimici in modo tale da non esporre persone terze al pericolo derivante dal loro utilizzo. Attenersi al divieto di miscelare tra loro prodotti diversi o travasarli in contenitori non correttamente etichettati. Attenersi al divieto di lasciare prodotti chimici e loro contenitori, anche se vuoti, incustoditi. Attenersi al divieto di abbandonare negli edifici rifiuti provenienti dalla lavorazione effettuata al termine del lavoro/servizio. Smaltire i contenitori, una volta esaurite le quantità contenute, secondo le norme vigenti. Assicurarsi che non permangano residui di prodotto e che gli ambienti siano sempre puliti ed areati (anche in orari non coincidenti con quelli dei dipendenti). Nel caso in cui un attività lavorativa preveda lo svilupparsi di polveri, operare con massima cautela. Tali attività saranno programmate e svolte in assenza di terzi, salvo cause di forza maggiore (in tal caso informare e tutelare le persone presenti). Trascurabile E' vietata l'introduzione di agenti cancerogeni o mutageni negli spazi aziendali.

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Scienze dell Alimentazione

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli