(servizi pulizie scadenza 2008) CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(servizi pulizie scadenza 2008) CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI"

Transcript

1 (servizi pulizie scadenza 2008) CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI STRUTTURE COMUNALI Art. 1 - Oggetto dell appalto Il presente appalto ha per oggetto lo svolgimento del servizio di pulizia, da effettuarsi con le frequenze indicate nella scheda tecnica allegata che fa parte integrante del presente documento, nelle strutture specificate al successivo articolo 2. Art. 2 - Descrizione degli ambienti Le strutture oggetto dell appalto sono: Biblioteca dei Ragazzi - mq. 297 circa piano terra: ingresso, scalone con scaffali, tavoli e sedie, palco per rappresentazioni, ambiente di lettura per il pubblico, due bagni scala di accesso al 1 piano Piano primo: due sale lettura con tavoli, sedie e scaffali, piccolo ufficio con attrezzature informatiche Magazzini Via Roma mq- 455 circa Atrio, Ufficio, servizi igienici, corridoi, scala di accesso al piano superiore, magazzino librario al piano terra ed al primo piano, vialetto esterno. Biblioteca Labronica c/o Villa Fabricotti mq circa Piano terra :Atrio, 3 sale lettura, informazioni, locali depositi/disimpegni/stipetti, servizi igienici Piano primo: Atrio, corridoi, 3 sale lettura, 1 sala distribuzione, sala polivalente con locale di supporto, locali corridoi, servizi igienici, disimpegni Piano secondo: Atrio, sala riunioni, 6 locali uffici, 1 locale Direzione, 1 locale CED e impianti elettrici, servizi igienici, corridoi e disimpegni, terrazza Scale: Scala principale e scala di servizio (dal piano terra al piano secondo) Castelletto c/o Villa Maria mq. 340 circa Piano Terra: 1 salone, bagni Piano Primo: Ufficio con bagno, locale Museo Mascagnano, terrazze Archivio Banditella mq 950 circa Locali archivi Servizi igienici Ufficio corridoi Immobile Via delle Acciughe mq circa 1

2 piano terra:atrio, vano ascensore piano primo:corridoio, vano ascensore, 14 uffici, locali archivio, 2 ripostigli, chiostra, 1 bagno con tre servizi, 1 bagno per portatore di handicap piano secondo:corridoio, vano ascensore, 12 uffici, 1 bagno con tre servizi, locali archivio, 2 ripostigli, 2 locali uso ricovero attrezzi, 1 piccolo vano ufficio nel corridoio scale interne di accesso agli uffici Uffici Scali del Corso (suddivisi in due distinti appartamenti) mq. 150 circa 9 locali uso ufficio 1 soppalco accessibile con scale utilizzato come ufficio 2 locali uso archivio 2 ingressi 2 bagni di cui uno con antibagno 2 corridoi Immobile Via dei Pescatori mq circa Uffici sale riunioni corridoi e scale locale ascensore servizi igienici piazzale esterno Ufficio Manutenzioni Strade Via dei Bagnetti mq- 150 circa Uffici Bagni e antibagni Scale Museo Fattori mq circa Seminterrato Piano terra : 2 uffici, ingresso, 3 sale espositive, sala biliardo, sala moresca, bagni Piano 1 : 8 sale espositive compreso sala specchi, corridoio, bagno Piano 2 : 8 sale espositive, corridoio, bagno Mezzanino (con accesso dalle scale interne di servizio): locale spogliatoio del personale, stanza comando e bagni Locale mansarda Scalone principale Scala Minissi dal 1 piano al 2 Piano Biblioteca del Museo (ex Cappella) 2

3 Uffici del Mercato Centrale mq. 284 circa Portineria (piano terra) Ufficio Commercio su aree pubbliche (1 Piano):4 uffici, 1 servizio igienico con antibagno,1 corridoio, 1 sala riunioni, scale accesso, pianerottoli Ufficio Strutture Annonarie (1 Piano): 3 uffici, 1 servizio igienico, corridoio Ufficio Artigianato (1 Piano):2 uffici, corridoio Locali VV.UU. Noc 2 Via Lamarmora mq. 150 circa n. 6 Uffici n. 1 ingresso n. 1 corridoio n. 4 docce n. 4 servizi igienici n. 2 ripostigli Locali VV.UU. Noc 3 c/o Villa Mimbelli mq. 114 circa piano terra: 1 locale adibito ad ufficio piano primo :scale di accesso, servizi igienici, spogliatoi, disimpegni Cabina Semaforica Barriera Roma Locali VV.UU. Noc 5 Via Ozanam mq. 170 circa un vano scale un ingresso due stanze medie una stanza grande due locali spogliatoi con annessi bagni e docce. Circoscrizioni Circoscrizione n. 1 - Via delle Sorgenti n mq. 400 circa uffici, sale riunione, locali VV.UU., servizi igienici, corridoi Circoscrizione n.2 - Scali Finocchietti n.6 - mq. 800 circa uffici, sale, servizi igienici, corridoi, scale, pianerottoli, terrazzi, saletta Commissioni p.t. chiostra, Circoscrizione n. 3 - Via Corsica n mq. 600 circa uffici, servizi igienici, corridoi, ingressi, scale, pianerottoli, sale riunioni Circoscrizione n. 4? Via Menasci n. 2 - mq

4 uffici, corridoi, servizi igienici, magazzino, scale? Via Don Bosco mq. 180 biblioteca, ufficio, locale magazzino, servizi igienici? Servizi Igienici Parco G. Masini Via Don Bosco - mq. 16? Locale Via della Costanza - mq. 56 uffici, servizi igienici? Locali Via Guadalajara - mq 40 sala riunione, servizi igienici Circoscrizione n. 5? Via Machiavelli n mq. 600 uffici, saloni, servizi igienici, locali archivio, corridoi? Biblioteca Via Provenzal mq. 100 uffici, salone, ripostiglio, bagno Manutenzioni - Piazza del Cisternone n. 19 mq. 700 comprendente: Manutenzioni Edilizie (spogliatoi, bagni e doccie, uffici, locale fotocopiatrice, corridoio, ingresso) Impianti Termici (spogliatoio, bagno con docce, uffici, ingresso) Impianti Elettrici (spogliatoio, bagni con docce, uffici) Altri Uffici (8 uffici, 2 bagni, 1 ingresso, 1 atrio gabbiotto server Manutenzione del Verde Viale Carducci n. 4 mq. 312 comprendente: Palazzina - piano primo e parte del piano terra (uffici, corridoi, scale, bagni) Spogliatoi (spogliatoi, docce, servizi igienici) Art Durata del contratto 1. Il contratto ha la durata di quattro anni; inizia il giorno e termina il giorno Il Comune di Livorno avrà facoltà di ordinare, per un periodo limitato, la proroga del contratto oltre la data del e l impresa sarà tenuta a garantire la continuità del servizio fino all individuazione del nuovo contraente per un periodo, comunque, non superiore a tre mesi. Art. 4 Base d asta 4

5 L importo a base d asta dell appalto in oggetto ammonta a ,00= + Iva per l intero periodo contrattuale (compreso oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso percentuale stimati in ,00=). Con tale corrispettivo, o quel minor importo che risulterà dalla gara, l Appaltatore si intende compensato di qualsiasi suo avere o pretesa per l appalto in parola senza alcun diritto a nuovi o maggiori compensi. Il suddetto importo a base d asta è la sommatoria delle stime dei costi, per l intero periodo contrattuale, riferiti ai vari immobili come risulta da quanto segue: - Biblioteca dei Ragazzi Euro = + iva - Magazzini Via Roma = +iva - Biblioteca Labronica c/o Villa Fabbricotti = +iva - Castelletto c/o Villa Maria 8.500= + iva - Archivio Banditella = + iva - Immobile Via delle Acciughe = + iva - Uffici Scali del Corso = + iva - Immobile Via dei Pescatori = + iva - Ufficio Manutenzioni Strade Via dei Bagnetti = + iva - Museo Fattori = + iva - Uffici del Mercato Centrale = + iva - Locali VV.UU. Noc 2/3/ ,33= + iva - Circoscrizioni ,66= + iva - U. Manutenzioni c Verde = + iva Somma complessiva Euro ,00= oltre iva Art.5 - Presa visione dei locali L impresa che intende partecipare alla gara deve procedere alla ricognizione dei locali oggetto del servizio acquisendo gli appositi attestati di presa visione. L Amministrazione si rende disponibile a far visitare alle imprese interessate le strutture in oggetto, previo appuntamento da concordare con i seguenti uffici: - Per Biblioteca dei Ragazzi, Magazzini Via Roma, Biblioteca Labronica c/o Villa Fabricotti e Castelletto c/o Villa Maria tel Per Archivio Banditella tel Per Immobile Via delle Acciughe tel Per Uffici Scali del Corso tel Per Immobile Via dei Pescatori tel Per Ufficio Manutenzioni Strade tel

6 - Per Museo Fattori tel Per Uffici del Mercato Centrale tel Per Locali VV.UU. Noc 2 tel ** - Per Locali VV.UU. Noc 3 tel ** - Per Locali VV.UU. Noc 5 tel ** - Per Circoscrizione 1 tel Per Circoscrizione 2 tel Per Circoscrizione 3 tel Per Circoscrizione 4 tel Per Circoscrizione 5 tel Per U.Manutenzioni tel / Per U. Verde tel ** in caso di difficoltà nel contattare i numeri dei locali VV.UU. si prega telefonare alla centrale operativa del Comando VV.UU. al n. 0586/820420/1 Art. 6 Modalità di gara L appalto è effettuato a norma dell art. 83 del D.L.vo n. 163 del Art. 7 Modalità di aggiudicazione L aggiudicazione sarà effettuata a favore dell impresa che avrà presentato l offerta economicamente più vantaggiosa, risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai seguenti elementi: 1) offerta tecnico qualitativa massimo punti 60 2) prezzo massimo punti 40 Le offerte presentate dalle imprese concorrenti verranno sottoposte all esame di una Commissione appositamente costituita ai sensi dell art. 84 del D.L.vo 163/2006 che opererà in base ai parametri ponderali di seguito indicati. 1) OFFERTA TECNICO QUALITATIVA (MASSIMO PUNTI 60) L attribuzione dei 60 punti per la parte qualitativa sarà effettuata in base agli elementi sotto indicati: A) Schema organizzativo del servizio punti 20 B) Numero delle ore previste per il servizio punti 20 C) Personale punti 10 6

7 D) proposte migliorative punti 3 E) progetto per la gestione emergenze punti 5 F) progetti per l utilizzo di prodotti eco ambientali punti 2 A) schema organizzativo del servizio (punti 20) Dovrà essere descritta in forma chiara e sintetica (massimo 10 pagine in formato A4 - carattere Arial 11 - interlinea 1,5 margini superiori e inferiori uguali a 4, sinistro 3 e destro 2) la soluzione tecnico funzionale prevista per lo svolgimento del servizio in oggetto relativamente a: - organizzazione dell azienda in rapporto all appalto in oggetto ( metodologie e criteri tecnico operativi, presidi e loro localizzazione sul territorio, organizzazione delle attività in base alle cadenze temporali previste dalla scheda tecnica del capitolato, ecc.) - modalità di controllo delle attività e dei tempi di esecuzione per ogni servizio previsto dal capitolato e modalità di comunicazione/informazione che l offerente intende proporre - soluzione tecnico operative per la meccaniz zazione delle attività relativamente ad ogni servizio da prestare. In questa sezione dovranno essere descritti puntualmente i macchinari e le attrezzature che l impresa intende utilizzare, le loro caratteristiche tecniche, le modalità di utilizzo, la loro custodia e gli aspetti legati alla sicurezza (riferite a quelle da usare per l appalto e non alla dotazione generale dell impresa). - descrizione dei prodotti che l impresa intende utilizzare per l appalto in oggetto nel rispetto di quanto prescritto al successivo art. 12 del presente capitolato. - Eventuale gestione del servizio utilizzando il subappalto con l indicazione delle quantità e delle qualità delle lavorazioni (attenzione: non devono essere allegate le schede tecniche delle attrezzature e dei prodotti: tale materiale verrà richiesto unicamente alla impresa che risulterà aggiudicataria dell appalto) B) Numero delle ore previste per il servizio punti 20 La ditta deve indicare il numero delle ore annue che intende effettuare per lo svolgimento dell intero appalto, compreso quelle da utilizzare per l eventuale subappalto. Il numero complessivo deve essere suddiviso in ordine alle strutture specificate all art. 2 del presente capitolato. Dovrà essere specificata la distribuzione degli orari proposti in rapporto alla tipologia dei servizi da svolgere (interventi giornalieri, settimanali, mensili, semestrali) C) Personale punti 10 7

8 La ditta deve indicare: - il numero complessivo del personale, con il rispettivo livello di appartenenza, che intende utilizzare per lo svolgimento del presente appalto, nonché specificarne la suddivisione in rapporto alle strutture indicate all art. 2 del capitolato ed in particolare specificare se lo stesso dipendente viene utilizzato in più strutture nel rispetto degli orari previsti - il personale preposto al controllo operativo del lavoro svolto indicando la frequenza della presenza - la tipologia del personale da utilizzare per l eventuale subappalto - le modalità operative che intende adottare per le sostituzioni per ferie, malattie, infortuni, ecc. - piani di formazione del personale utilizzato per l appalto con l indicazione delle ore da assegnare e retribuire a ciascun lavoratore (specificare se le ore della formazione fanno carico al monte orario proposto) D) proposte migliorative punti 3 Dovranno essere presentate eventuali proposte migliorative rispetto a quanto richiesto espressamente dal presente capitolato e dalla scheda tecnica. Tali proposte devono essere compatibili e utili per lo svolgimento delle attività lavorative della Amministrazione Comunale e dovranno assicurare in particolare lo standard della qualità igienico sanitario agli operatori presenti ed all utenza, ove prevista, ed essere obbligatoriamente realizzate nel corso dell appalto, senza alcun onere aggiunto. Deve essere chiarito se viene utilizzata una parte delle ore indicate al punto B per le proposte migliorative ed in tal caso quantificarne il numero. In mancanza di tale dato il punteggio non sarà attribuito. E) progetto per la gestione emergenze punti 5 La relazione descrittiva dovrà illustrare e trattare puntualmente l organizzazione, gli obiettivi, i contenuti, le verifiche, l organizzazione operativa del progetto per la gestione delle emergenze nei giorni feriali e festivi in rapporto alla propria dislocazione territoriale ed al potenziamento del proprio organico. Dovranno essere specificati i tempi di intervento che la ditta prevede per assicurare la reperibilità e la disponibilità del personale nei casi di eventi eccezionali nonché i piani operativi da adottare per la soluzione degli stessi. F) progetti per l utilizzo di prodotti eco ambientali punti 2 L attribuzione di tale punteggio verrà effettuata in ordine alla percentuale più elevata di utilizzo di prodotti certificati secondo un sistema di etichettatura ambientale di tipi 1. (es. Ecolabel europeo, Blazer Engel, Nordic Swan o equivalenti). 8

9 Oltre alla percentuale di utilizzo,la ditta dovrà indicare ed illustrare con una relazione descrittiva o prodotti che utilizzerà in sede di esecuzione del servizio. Per opportuna conoscenza si sottolinea che non saranno valutate le proposte che offrono l utilizzo del 100% dei prodotti certificati Ecolabel in quanto il mercato non offre tipologie sufficienti a coprire l intera gamma di prodotti necessari Le offerte tecniche presentate dalle imprese concorrenti saranno sottoposte all esame della Commissione che opererà in base ai punteggi sopra indicati e con le modalità di seguito specificate. Per rendere omogenea l assegnazione dei punteggi delle diverse offerte per ognuna delle lettere A/B/C/D/E/F sopra indicate sono stati previsti cinque giudizi da attribuire per la valutazione e precisamente: OTTIMO al quale corrisponde il 100% del punteggio da attribuire BUONO 80% SUFFICIENTE 50% PARZIALMENTE SUFFICIENTE 20% INSUFFICIENTE 0% 2) PREZZO (MASSIMO PUNTI 40) I 40 punti a disposizione per il prezzo saranno attribuiti secondo la seguente formula: punteggio attribuito al concorrente: prezzo più basso/ prezzo concorrente x 40 L offerta economica deve specificare il prezzo offerto al netto dell importo previsto per gli oneri della sicurezza; l impresa dovrà indicare la composizione del prezzo con riferimento ai seguenti elementi: - numero dei dipendenti utilizzati per l appalto corrispondente a quello indicato nell offerta progettuale - inquadramento nei livelli del CCNL dei suddetti dipendenti - ore di lavoro impiegate per l appalto - incidenza dell eventuale subappalto - costi macchinari e attrezzature varie - costi dei prodotti - costi per la sicurezza - spese generali - utile di impresa Le offerte ritenute dalla Commissione giudicatrice anormalmente basse verranno sottoposte a verifica in base a quanto stabilito dagli artt. 86,87,88 del D.L.vo n. 163/

10 L Amministrazione Comunale fa riferimento alla tabella approvata dal Ministero del Lavoro pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del L AGGIUDICAZIONE sarà disposta in favore dell impresa che avrà conseguito il punteggio complessivo più alto deriv ante dalla sommatoria dei punteggi attribuiti in relazione agli elementi di valutazione di cui ai sopra indicati punti 1) offerta tecnico qualitativa e 2) prezzo Art. 8 - Svolgimento del servizio 1. Il servizio dovrà svolgersi a regola d arte sulla base delle indicazioni contenute nella apposita scheda allegata, denominata Scheda tecnica per lo svolgimento del servizio di pulizie di varie strutture comunali, che fa parte integrante del presente capitolato, con le modalità ed i tempi ivi contenuti; la qualità del servizio dovrà corrispondere in maniera puntuale ed inderogabile alle predette indicazioni 2. Il servizio dovrà essere effettuato nelle fasce orarie indicate nella scheda tecnica suddetta per ciascuna struttura e comunque in orari diversi da quelli in cui viene svolta l attività lavorativa dei vari uffici comunali 3. La rilevazione dell orario di servizio del personale dell impresa aggiudicataria dovrà risultare da appositi fogli firma che dovranno essere lasciati a disposizione, in un locale delle strutture oggetto del presente appalto, per eventuali controlli che dovessero essere effettuati dal responsabile del contratto o suo delegato. Tali fogli firma, inoltre, dovranno essere allegati alle fatture mensili. Art. 9 - Verifica e controlli in corso di esecuzione Nel corso dell esecuzione del contratto l Amministrazione si riserva la facoltà di effettuare verifiche e controlli sul mantenimento da parte dell impresa dei requisiti certificati e/o dichiarati dalla stessa ai fini della stipula del contratto. Art Personale dell impresa addetto al servizio 1. L impresa risultata definitivamente aggiudicataria dell appalto dovrà inviare all Amministrazione, prima dell inizio del servizio, l elenco nominativo, completo dei dati anagrafici, del personale che svolgerà il servizio stesso (anche eventuali sostituiti) presso ciascuna struttura oggetto dell appalto, con l indicazione, per ognuno, dell inquadramento nei livelli del CCNL. di categoria- Ogni variazione dovrà esser comunic ata all Amm.ne prima che il personale non compreso nel suddetto elenco, già consegnato, sia avviato all espletamento del servizio. 10

11 2. Il mancato invio dell elenco nei termini di cui al precedente comma, comporterà l applicazione delle penale di =, ovvero qualora l inadempienza dovesse persistere, questa sarà motivo di risoluzione contrattuale. 3. Il personale addetto al servizio dovrà essere a conoscenza delle modalità di espletamento dello stesso e dovrà essere consapevole degli ambienti in cui è tenuto ad operare. 4. Il personale dell impresa è tenuto anche a mantenere il segreto d ufficio su fatti e circostanze di cui sia venuto a conoscenza nell espletamento dei propri compiti. 5. L impresa deve incaricare del servizio persone in grado di mantenere un contegno decoroso ed irreprensibile, riservato, corretto e disponibile alla collaborazione con altri operatori ed in particolare nei riguardi dell utenza. 6. E facoltà del responsabile del contratto chiedere all impresa di allontanare dal servizio i propri dipendenti o soci che durante lo svolgimento del servizio abbiano dato motivi di lagnanza od abbiano tenuto un comportamento non consono all ambiente di lavoro. Art Obblighi dell impresa nei confronti del personale addetto al servizio. 1. Il personale che verrà messo a disposizione dell impresa per l espletamento del servizio in oggetto compreso i soci delle cooperative dovrà essere in regola con le norme di igiene e sanità ed in particolare l impresa dovrà predisporre i controlli sanitari richiesti dalla Regione Toscana. 2. In tal senso il responsabile del contratto ha facoltà di verificare in ogni momento la sussistenza delle condizioni sanitarie necessarie per l espletamento del servizio. 3. Il personale che verrà messo a disposizione dalla società per l espletamento del servizio in oggetto dovrà essere idoneo a svolgere tali prestazioni e di provata capacità, onestà e moralità. 4.Il personale dovrà inoltre essere dotato di apposita divisa e di cartellino di riconoscimento. 5. L impresa aggiudicataria si obbliga ad applicare nei confronti dei lavoratori dipendenti e, se cooperative, nei confronti dei soci lavoratori, condizioni contrattuali, normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi nazionali di lavoro di 11

12 categoria delle imprese di pulizia e dagli accordi integrativi territoriali sottoscritti dalle organizzazioni imprenditoriali e dei lavoratori maggiormente rappresentative, nonchè a rispettare le norme e le procedure previste dalla legge, alla data dell offerta e per tutta la durata dell appalto. L obbligo permane anche dopo la scadenza dei suindicati contratti collettivi e fino alla loro sostituzione. 6. I suddetti obblighi vincolano la società aggiudicataria indipendentemente dalla natura artigiana o industriale, dalla struttura o dimensione della società/impresa stessa e da ogni altra sua qualificazione giuridica, economica, o sindacale, ivi compresa la forma cooperativa. 7. L impresa aggiudicataria ha l obbligo di rispettare le prescrizioni di cui al D.L.vo n. 196/2003 in materia di protezione dei dati personali provvedendo tra l altro alla designazione degli incaricati del trattamento 8. La società aggiudicataria è tenuta inoltre all osservanza ed all applicazione di tutte le norme relative alle assicurazioni obbligatorie ed antinfortunistiche, previdenziali ed assistenziali, nei confronti del proprio personale dipendente e dei soci lavoratori nel caso di cooperative. 9. L impresa deve certificare a richiesta dell amministrazione, l avvenuto pagamento dei contributi assicurativi e previdenziali, nonchè l applicazione del trattamento retributivo previsto dal CCNL di categoria delle imprese di pulizia e dagli accordi integrativi territoriali, ai lavoratori, compresi i soci lav oratori qualora si tratti di cooperativa, impiegati nel servizio oggetto dell appalto. 10. Qualora l impresa non risulti in regola con gli obblighi di cui al comma precedente, l Amministrazione procederà alla sospensione del pagamento delle fatture, assegnando all impresa un termine entro il quale procedere alla regolarizzazione. 11. Qualora l impresa non adempia entro il predetto termine l amministrazione procederà alla risoluzione del contratto destinando le somme trattenute al soddisfacimento degli inadempimenti previdenziali e contrattuali. 12. Per tale sospensione o ritardo di pagamento la Società non potrà opporre eccezioni, né avrà titolo al risarcimento dei danni. Art Materiale d uso, attrezzature e prodotti 1. L impresa aggiudicataria, nell espletamento del servizio, dovrà utilizzare prodotti ed impiegare attrezzature e macchine in propria disponibilità. L impiego degli attrezzi e delle 12

13 macchine, la loro scelta e le loro caratteristiche tecniche dovranno essere perfettamente compatibili con l uso dei locali, non dovranno esser rumorose, ai sensi del D.Lgs 277/1991, dovranno essere tecnicamente efficienti e mantenute in perfetto stato, inoltre dovranno essere dotate di tutti quegli accorgimenti e accessori atti a proteggere e salvaguardare l operatore e i terzi da eventuali infortuni. 2. Tutte le macchine dovranno essere conformi a quanto previsto dal D.P.R , N L impresa sarà responsabile della custodia sia delle macchine e attrezzature tecniche sia dei prodotti utilizzati. L Amministrazione non sarà responsabile nel caso di eventuali danni o furti delle attrezzature e dei prodotti. 4. A tutte le attrezzature e macchine utilizzate dall impresa per il servizio dovrà essere applicata una targhetta o un adesivo indicante il nominativo o il contrassegno dell impresa stessa. 5. Tutti i prodotti chimici, utilizzati dall impresa aggiudicataria nell espletamento del servizio, dovranno essere rispondenti alla normativa vigente per quanto riguarda etichettatura, dosaggi, pericolosità e biodegradabilità e modalità d uso. 6. E vietato l uso di sostanze acide ed eccessivamente alcaline e contenenti ammoniaca o coloranti, sui pavimenti di marmo, piastrelle, conglomerati; sulle superfici di gres si potranno usare dei detergenti lievemente acidi; sui pavimenti in pvc, linoleum e gomma non potranno essere usati prodotti contenenti idrocarburi, detersolventi o prodotti all anilina che li danneggerebbero irreparabilmente. 7. Sono altresì vietati prodotti spray con propellenti a base di clorofluorocarburi (CFC) 8. Sulle confezioni di tutti i prodotti utilizzati per la pulizia deve essere indicata in maniera visibile la eventuale pericolosità e nocività dei prodotti stessi. L Amministrazione comunale si riserva di sottoporre a verifica dell ASL i prodotti chiedendone la variazione nel caso di non adeguatezza Art Locali assegnati all impresa 1. L Amministrazione si impegna a mettere a disposizione dell impresa aggiudicataria i locali destinati a spogliatoio e a deposito di materiali ed attrezzature in ciascuna struttura oggetto del presente appalto, riservandosi la facoltà di attuare controlli e verifiche periodiche sullo stato d uso e di mantenimento dei locali, delle attrezzature e dei materiali custoditi. 13

14 2. Nel caso di impossibilità da parte della Amministrazione di mettere a disposizione della ditta aggiudicataria i suddetti locali, l impresa è tenuta a trovare idoneo ricovero con propri mezzi fissi o mobili, per le attrezzature, prodotti e materiale di proprietà. 3. L impresa è comunque responsabile dei locali assegnati. Art Periodo di prova L impresa aggiudicataria è soggetta ad un periodo di prova di sei mesi. Qualora durante tale periodo l esecuzione della prestazione non rispondesse alle norme previste dal presente capit olato l amministrazione ha facoltà di risolvere il contratto ed aggiudicare il servizio alla ditta che segue in graduatoria ove l offerta sia rispondente alle esigenze della Amministrazione. Art Supervisore della impresa L impresa aggiudicataria dovrà comunicare il nominativo del supervisore del servizio di pulizia che ha il compito di intervenire, decidere, rispondere direttamente riguardo ad eventuali problemi che dovessero sorgere relativamente all espletamento del servizio e ne dovrà garantire la reperibilità durante le fasce orarie di espletamento del servizio. Art Commissione di vigilanza e controllo 1. L Amministrazione ha facoltà di nominare un apposita commissione di vigilanza e controllo che avrà il compito di verificare il rispetto da parte dell impresa aggiudicataria di quanto previsto nel presente capitolato segnalando eventuali inadempienze al responsabile del contratto, nonchè di segnalare allo stesso la necessità di prestazioni di pronto intervento e di servizio straordinario. 2. Il supervisore del servizio, nominato dall impresa, dovrà eseguire quanto richiesto dal responsabile del contratto Art. 17 Esenzione dalla responsabilità solidale Si dà atto che l Amministrazione Comunale non è tenuta a corrispondere trattamenti retributivi ai dipendenti dell impresa appaltatrice non sussistendo alcuna responsabilità di tipo solidale. Art Rispetto accordo in materia salvaguardia occupazione Ai sensi di quanto disposto dal verbale di accordo del Ministro del lavoro e della Previdenza Sociale in data 24 ottobre 1997, art. 4 CCNL imprese di pulizia e successive 14

15 integrazioni e modificazioni l impresa aggiudicataria è tenuta al rispetto delle norme contrattuali vigenti in materia di salvaguardia dell occupazione. L impresa subentrante dovrà assumere mediante passaggio diretto ed immediato il personale dell impresa cessante, nel limite del numero dei dipendenti in forza da quattro mesi prima della scadenza dell appalto Art Rispetto D.Lgs 626/94 1. L impresa è tenuta all osservanza delle disposizioni del D. Lgs 626/1994 e ss.mm. ed in particolare a quanto disposto dall art. 4 comma 2 lett. a, b, c 2. L Impresa dovrà ottemperare alle norme relative alla prevenzione degli infortuni dotando il personale di indumenti appositi e di mezzi di protezione atti a garantire la massima sicurezza in relazione ai servizi svolti e dovrà adottare tutti i procedimenti e le cautele atti a garantire l incolumità delle persone addette e dei terzi 3. L Impresa dovrà comunicare, al momento della stipula del contratto, il nominativo del responsabile del Servizio Prevenzione e protezione ai sensi dell art. 4 comma 4 del D.Lgs sopra richiamato Art Danni a persone o cose 1. L Amministrazione non è responsabile dei danni, eventualmente causati ai dipendenti ed alle attrezzature dell impresa aggiudicataria, che possono derivare da comportamenti di terzi estranei all organico dell Amministrazione. 2. L Impresa è direttamente responsabile dei danni derivanti da cause a lei imputabili di qualunque natura che risultino arrecati dal proprio personale a persone o a cose, tanto dell Amministrazione che di terzi, in dipendenza di omissioni o negligenze nell esecuzione della prestazione. 3. A tal fine l impresa risultata aggiudicataria, prima della stip ula del contratto, dovrà essere in possesso di un adeguata polizza assicurativa:? per i danni comunque derivanti all amministrazione causati dal proprio personale, con massimali adeguati al valore dei beni mobili ed immobili;? per la responsabilità civile v erso terzi, con massimali adeguati. 4. L Impresa in ogni caso dovrà provvedere senza indugio a proprie spese alla riparazione e/o sostituzione delle parti o degli oggetti danneggiati Art Accertamento danni 1. L accertamento dei danni sarà effettuato dal responsabile del contratto alla presenza del supervisore del servizio 15

16 2. A tale scopo il responsabile del contratto comunicherà con sufficiente anticipo all impresa il giorno e l ora in cui si valuterà lo stato dei danni in modo da consentire alla stessa di intervenire 3. Qualora l impresa non manifesti la volontà di partecipare all accertamento in oggetto il responsabile del contratto procederà autonomamente alla presenza di due testimoni. 4. Tale constatazione costituirà titolo sufficiente al fine del risarcimento dei danni che dovrà essere corrisposto dall impresa. Art. 22 Penalità 1. Nel caso in cui, per qualsiasi motivo imputabile all impresa, il servizio non venga espletato anche per un solo giorno o non sia conforme a quanto previsto dal Capitolato Speciale l Amministrazione applicherà all impresa una penale pari a = in caso di mancato espletamento del servizio e pari a =in caso di espletamento del servizio non conforme, fatta salva in questi casi la facoltà da parte dell Amministrazione di far svolgere il servizio ad altra impresa in danno dell Appaltatore. In caso di recidiva o di inadempienze più gravi il Comune si riserva la facoltà di adottare più severe misure da determinarsi di volta in volta. 2. Delle applicazioni delle eventuali penalità e dei motivi che le hanno determinate il responsabile del contratto renderà tempestivamente informata l impresa con lettera raccomandata A.R. 3. Le penalità a carico dell impresa saranno prelevate dalle competenze ad essa dovute operando detrazioni sulle fatture mensili emesse dall impresa Art Inadempimento e risoluzione del contratto Nel caso di mancato o non conforme adempimento del servizio l Amministrazione intimerà per iscritto all impresa di adempiere entro un congruo termine. Qualora l impresa non adempia nei termini indicati, l Amministrazione potrà procedere alla risoluzione del contratto incamerando la cauzione e salvo l ulteriore risarcimento del danno. Art Recesso L Amministrazione si riserva la facoltà, in caso di sopravvenute esigenze di interesse pubblico, di recedere in ogni momento dal presente contratto con preavviso di almeno un mese. Art Subappalto L impresa che intende subappaltare deve indicare in sede di gara ai sensi dell art. 118 del D.L.gs n. 163/2006 e ss.mm. i servizi che saranno oggetto di richiesta del subappalto non superiori al 30% dell importo complessivo del contratto 16

17 Art Scioperi Qualora nel corso del contratto si verifichino scioperi o cause di forza maggiore che impediscano l espletamento del servizio, l Amministrazione provvederà al computo delle somme corrispondenti al servizio non svolto da detrarre dalle relative fatture.- L Impresa aggiudicataria è tenuta a dare preventiva e tempestiva comunicazione all Amministrazione nonchè a garantire un servizio di emergenza. Art Pagamenti Il corrispettivo dovrà essere suddiviso in fatture mensili per ciascuna singola struttura e più precisamente per: o Biblioteca dei Ragazzi o Magazzini Via Roma o Biblioteca Labronica o Castelletto c/o Villa Maria o Archivio Banditella o Immobile Via delle Acciughe o Uffici Scali del Corso o Immobile Via dei Pescatori o Ufficio Manutenzioni Strade o Museo Fattori o Uffici del Mercato Centrale o Locali VV.UU. Noc 2 o Locali VV.UU. Noc 3 o Locali VV.UU. Noc 5 o Circoscrizione 1 o Circoscrizione 2 o Circoscrizione 3 o Circoscrizione 4 o Circoscrizione 5 o Manutenzioni o Verde 17

18 Le fatture dovranno essere corredate dei relativi fogli firma di presenza del personale dell impresa che ha prestato servizio per ciascuna struttura, come specificato nell art. 7 punto 3 del capitolato. Si avverte che, ai sensi del 2 comma dell art. 4 del D.leg.vo 231/2002 il pagamento del corrispettivo della fornitura dei beni e servizi verrà effettuato ent ro il termine di 60 (sessanta) giorni lavorativi dalla data di ricezione della relativa fattura L Amministrazione effettuerà il pagamento, dopo aver accertato il regolare servizio prestato, e previa esibizione da parte dell impresa della documentazione attestante il versamento dei contributi assicurativi e previdenziali (DURC), nonchè del trattamento retributivo previsto dal CCNL delle imprese di pulizia e dagli accordi integrativi territoriali. Art Revisione prezzi Non è prevista la revisione dei prezzi offerti in sede di gara per tutta la vigenza del contratto. Tuttavia ai sensi dell art. 115 del D.Lgs 12/4/2006 n. 163, tali prezzi, alla scadenza del 1 anno di servizio, su richiesta dell impresa appaltatrice da pervenire entro e non oltre 30 giorni dalla scadenza suddetta, saranno aggiornati in base al 75% dell incremento dell indice ISTAT dei prezzi al consumo. Art Garanzia provvisoria A garanzia della stipula del contratto i soggetti partecipanti alla gara dovranno costituire una garanzia provvisoria secondo le modalità e l importo di cui all art. 75 del D.Lgs n. 163 Art Garanzia definitiva 1. A garanzia dell esatta osservanza degli obblighi contrattuali, prima della stipula del contratto l impresa aggiudicataria dovrà costituire una garanzia definitiva secondo le modalità e gli importi di cui all art. 113 del D.Lgs n Resta salvo per il Comune l espletamento di ogni altra azione nel caso in cui la cauzione risultasse insufficiente 2. Detto deposito potrà essere costituito in una delle forme previste dalle leggi in materia (contanti, titoli di stato, fidejussione bancaria o polizza fidejussoria assicurativa rilasciata da compagnie di assicurazioni e ciò autorizzate) 3. Tale garanzia definitiva dovrà restare vincolata per tutta la durata del contratto e sarà svincolata e restituita all impresa soltanto dopo la conclusione del rapporto contrattuale, 18

19 dopo che sarà stato accertato il regolare soddisfacimento degli obblighi contrattuali da parte del Servizio che ha usufruito dell appalto. Art Aumento o diminuzione della prestazione L Amministrazione si riserva la facoltà di richiedere eventuali aumenti o diminuzioni della prestazione, conformemente a quanto previsto dall art. 11 del R.D. 2240/1923 Art Foro Competente Per qualsiasi controversia inerente il contratto ove l Amministrazione fosse attore o convenuto, resta inteso, tra le parti la competenza del Foro di Livorno con rinuncia di qualsiasi altro. Art Arbitrato Le controversie insorte fra l Amministrazione e l impresa possono essere risolte, ai sensi degli articoli 810 e ss. del c.p.c. da un collegio arbitrale composto da tre persone nominate una da ciascuna delle parti, e la terza d intesa tra le stesse o in caso di disaccordo dal Presidente del tribunale competente. Art Norme di rinvio Per quanto non espressamente previsto nel presente capitolato si rinvia a quanto disposto dalle norme vigenti in materia. 19

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari,

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Viale dei Giornalisti 6, Edificio E, per una durata di 24 mesi. L anno duemilatredici, il giorno 07 del mese di agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

PROGETTO DEL SERVIZIO

PROGETTO DEL SERVIZIO GISEC S.p.A. a Socio Unico Gestione Impianti e Servizi Ecologici Casertani Società soggetta ad attività di Direzione e Coordinamento da parte della Provincia di Caserta Sede Legale in Corso Trieste, 133

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli