IN VACANZA COL BAMBINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN VACANZA COL BAMBINO"

Transcript

1 Clinica Pediatrica Universitaria di Foggia in collaborazione con la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) Puglia. IN VACANZA COL BAMBINO CONSIGLI DEL PEDIATRA PER LE FAMIGLIE IN VIAGGIO D ESTATE CON I BAMBINI Le vacanze possono essere l'occasione per recuperare un contatto più profondo e stabile con la propria famiglia e il proprio bambino. Tuttavia, è bene ricordarsi sempre che viaggiare con i bambini significa essere preparati a qualsiasi evenienza ovunque sia la destinazione e qualunque sia il mezzo di trasporto. Infatti, lontano da casa non è facile prevedere gli imprevisti che molto frequentemente accadono ed è bene essere pronti a intervenire tempestivamente e nel modo corretto al mare ed in campagna come in montagna, in Italia come all estero. In ogni caso è bene assicurarsi che la località prescelta dia sufficienti garanzie igieniche, con assistenza medica (preferibilmente pediatrica) e farmacia nei dintorni, sia ben ventilata e ombreggiata e poco inquinata. Tenere inoltre conto che ambienti ed orari nuovi possono turbare gli abituali ritmi del bambino, rendendolo nervoso ed irrequieto, soprattutto all'inizio della vacanza. Per il resto, ciò che conta è valutare in anticipo quali problemi il tipo di vacanza scelto potrebbe comportare per il piccolo ed organizzarsi di conseguenza. ALCUNE DOMANDE UTILI DA PORSI: ho tutto quello che serve per la durata del viaggio? Quale sarà il clima? Quale sono le condizioni igienico-sanitarie della regione o del Paese che visiterò? Quale sarà l alimentazione? Quali attività ho intenzione di svolgere? Ho preso tutto per i bambini? PREPARARE LA BORSA DA VIAGGIO Indipendentemente dalla destinazione e separatamente dal bagaglio normale, è in ogni caso importante preparare una borsa da tenere sempre a portata di mano con gli oggetti ed i farmaci di prima necessità. Naturalmente ad una dotazione standard vanno aggiunti quei presidi e quei farmaci particolarmente utili per la destinazione prescelta (mare, campagna, montagna, città, estero, ecc). Nel preparare la valigetta con gli oggetti utili ed i medicinali e i farmaci da portare con sé, occorre tenere in considerazione alcuni fattori quali, per esempio, l età del piccolo, sue eventuali patologie congenite, il tipo di vacanza che si andrà a fare, la condizione igienico - sanitaria della località prescelta, il clima. Indipendentemente da queste variabili, esistono comunque farmaci che non dovrebbero mai mancare nel kit degli indispensabili per il primo soccorso e che comunque dovrebbero costituire la dotazione usuale anche per brevi spostamenti e weekend fuori porta con i bambini.

2 Da tenere sempre in Borsa Un disinfettante non alcolico e batuffoli di cotone per pulire eventuali tagli e ferite immediatamente prima che possano fare infezione. Una scatola di cerotti di varie dimensioni è consigliata per arrestare la fuoriuscita del sangue. Se il bambino soffre di cinetosi, il cosiddetto mal d auto, di mare, di aereo o di treno, fondamentale avere con sé un rimedio. La scelta migliore sono i recentissimi braccialetti privi di controindicazioni e per questo particolarmente adatti ai bambini, che hanno il vantaggio di essere spesso graditi psicologicamente dal bambino. Eventualmente, ma solo dietro consiglio e prescrizione del proprio pediatra di fiducia una confezione di farmaci anticolinergici, un rimedio in grado di prevenire l insorgenza della nausea e del generale malessere che questo tipo di disturbo comporta. Ne esistono di vari tipi, dalle classiche pastiglie da assumere qualche ora prima di mettersi in viaggio, ai cerotti da applicare dietro alle orecchie sino. Un termometro, che ingombra poco ed è utile avere a disposizione I Medicinali Non dimenticare i farmaci che si assumono abitualmente, in dosi sufficienti per coprire l intero periodo della vacanza. Un kit per il pronto soccorso: cerotti di diverse misure, garze, salviettine disinfettanti, un flacone di disinfettante non alcolico, un paio di guanti sterili, un paio di forbici, un paio di confezioni di ghiaccio sintetico in buste (in particolare se si prevedono escursioni in montagna, dove può capitare di scivolare e farsi male). Se già allestito in prevedenti occasioni, verificare la data di scadenza dei singoli prodotti e rimpiazzare quelli eventualmente scaduti. Una pomata, un gel o uno spray anestetico per gli eritemi solari e le piccole ustioni. Repellenti contro gli insetti: creme, spray e stick per il dopo-puntura. Per i più piccoli, in commercio troverete baby-cerotti antizanzara che rilasciano oli naturali lenitivi e rinfrescanti contro il prurito e i fastidi causati dalle punture. Con il consiglio del proprio pediatra di famiglia o del medico di fiducia: antibiotico a largo spettro (ad esempio a base di amoxicillina), da assumere in caso di febbre alta prolungata, qualora non si possa consultare un medico. Un antibiotico intestinale. Un antidolorifico. Meglio il paracetamolo, poiché funzionano anche come antipiretici, in caso di febbre. Antistaminici in pomate e compresse in caso di punture d insetto, eritemi, eczemi. Un collirio decongestionante e antisettico per gli occhi. Un lassativo (esempio: lattulosio) in caso di stitichezza. Pastiglie per il mal di gola Sciroppo per la tosse Gocce per il mal d orecchie Fermenti lattici in caso di diarrea e disturbi gastrointestinali Ricordarsi che molto spesso i farmaci all estero non hanno lo stesso nome, quasi sempre il nome commerciale è differente ed il turista non conosce il principio attivo ed il dosaggio, la ricerca di una farmacia è più difficile e poi rimane per molti i problema della lingua e dei foglietti illustrativi scritti in una lingua diversa dall italiano.

3 IL MEZZO DI TRASPORTO Tutti i mezzi di trasporto vanno bene, purché si faccia attenzione a non stravolgere troppo i ritmi del bambino e soprattutto al caldo. IN AUTO Scegliere l'itinerario più agevole, le ore meno calde e i giorni meno trafficati. Mettere in una borsa a parte qualche pannolino e tutto l'occorrente per cambiare o dar da mangiare e bere al bambino. Portare con voi il ciuccio e alcuni giochi per distrarlo, o, se il bambino è più grande, le sue audiocassette preferite, qualche biscotto secco per calmare la fame ed eventualmente combattere il mal d'auto. Vestire il bambino in modo leggero, con abiti comodi e facili da cambiare. Fatelo viaggiare nell'apposito seggiolino a norma di legge o, nei primi 3 mesi, nella cesta della carrozzina, assicurata con cinture Non fumate e tenete pure aperti i finestrini, senza che però l'aria colpisca il bambino direttamente. Usare pure l'aria condizionata; ricordarsi però di cambiare periodicamente i filtri. Tenete la macchina ben pulita, per evitare che l'aria del ventilatore metta in movimento polveri o pollini Applicate le tendine "filtra-vedo" ai finestrini, per proteggere il bambino dal sole; quando lasciate la macchina al sole, ricordatevi di coprire il piano e le fibbie del seggiolino, per non correre il rischio di ustionare il bambino al vostro ritorno. Fare molte soste, in cui il bambino possa sgranchirsi le gambe, mangiare e distrarsi. Dategli spesso da bere, soprattutto se fa molto caldo. IN AEREO Il sito dell'aviazione civile non precisa a partire da che età il bambino può viaggiare, dunque è opportuno consultare il proprio pediatra. Un viaggio aereo con bambini piccoli è sempre fonte di preoccupazione in tutti genitori, specialmente per i percorsi lunghi dove i piccoli si stancano facilmente e quindi bisogna ingegnarsi per tenerli sempre occupati giocando con loro distrarli e accudendoli in tutti i loro bisogni tenendo presente che lo spazio a loro disposizione è sempre molto limitato. Le compagnie aeree raggruppano i bambini in due classi: Infant che va da 0 a 2 anni Child, da 2 a 11 anni. Per quel che riguarda i voli di linea, se non è specificato diversamente, il bambino fino a 2 anni paga solo il 10% del biglietto e non ha diritto al posto prenotato (che comunque gli viene assegnato una volta a bordo se ci sono posti disponibili) e il bambino più grande paga il 50% del prezzo del biglietto. Se le tariffe aeree sono già scontate può accadere che i bambini paghino lo stesso prezzo dell adulto oppure che usufruiscano di uno sconto fino ad un massimo del 33%. Nei voli charter e nelle compagnie a basso costo i bambini fino a 2 anni non pagano o hanno uno sconto che arriva al 90% del prezzo del biglietto mentre gli altri pagano quasi sempre tariffa piena. Vi sono diversi tipi di seggiolini e culle, uno di questi è l'infant seat un seggiolino regolabile che si fissa al sedile adatto per bambini fino a 2 anni o il baby cot per i piccolissimi fino al sesto mese. Il tutto richiedibile senza costi aggiuntivi al biglietto. Al momento dell imbarco alcune compagnie danno la precedenza alle persone con bambini evitando alle famiglie lunghe ed estenuanti file.

4 Alcuni consigli pratici : Arrivare all'aeroporto in anticipo per organizzare tutto con calma far bere spesso il bambino dato che l'aria dell'aereo è molto secca e porta il corpo a disidratarsi Le cabine sono pressurizzate, quindi i bambini, subiscono una pressione simile a quella che si avverte a metri di altezza e questo in corso di viaggio può causare qualche piccolo disagio. In fase di decollo e atterraggio, al bambino, come del resto agli adulti, si possono otturare le orecchie in seguito ai cambi repentini di pressione nella fase di decollo e di atterraggio Dunque, non cercare di fare addormentare il bambino, poiché l eventuale dolore improvviso in seguito al cambiamento di pressione lo spaventa maggiormente. Invece, dar loro caramelle da succhiare perché movendo la mandibola si aiuta il timpano a non chiudersi oppure usare il trucco suggerito dalle hostess di porre un bicchiere di plastica con poche gocce d'acqua intorno all'orecchio e se il nasino è chiuso portatevi uno spray nasale per aprirlo e gocce per l orecchio durante il volo qualche minuto di cammino ogni ora fa sempre bene l'abbigliamento ideale è a strati, T-shirt, una tuta sopra e un maglioncino di lana che verrà tolto in seguito se farà abbastanza caldo per il fuso orario cercare di abituarsi subito alla nuova ora cercando di tenere i ritmi giusti colazione pranzo cena e notte Il bambino fino ad 1 anno Il bambino di questa età non paga quasi mai, dunque è utile fare richiesta al momento della prenotazione di una culla, così si eviterà di tenerlo sempre sopra le vostre gambe, queste culle sono dai 58 ai 70 cm circa e 30 cm di larghezza e vanno bene per bambini di circa 10 kg. Ricordarsi di portare: una quantità di pannolini sufficienti all intera tratta di viaggio una copertina oppure richiedetela al personale(di solito sono sempre presenti all interno dell aereo abbinate a comodi cuscinetti) un asciugamano o un telo di pelle che potrà essere utile nel cambiarlo sul sedile o nelle strette toilette salviette umidificanti usa e getta alcuni bavaglini e un ricambio di vestiario completo il biberon con le bevande preferite e del cibo se il bambino non ha pagato il biglietto e dunque non ha diritto al pasto Il bambino da 1anno in poi Far passare il tempo ai bambini di questa fascia di età diventa più complicato, dunque portare i giochini preferiti o nuovi e passatempi vari le compagnie aeree danno loro un piccolo gioco o un libricino anche se il consiglio migliore è di cercare di farlo dormire il più a lungo possibile. Il bambino di questa fascia pagando il biglietto ha il posto a sedere e il pasto, tuttavia non sempre è di suo gradimento. Dunque è conveniente portare nella borsa qualche spuntino che sia di suo gradimento e dei succhi di frutta: potrebbe infatti anche accadere che abbia fame prima o dopo il momento del pasto servito a bordo. L abbigliamento adatto E preferibile vestirlo a strati con capi di pratico utilizzo come magliette, tute, felpe per far fronte ai cambi di temperature di aerostazioni, piazzole esterne, cabine. Come già detto, nel caso che nell aereo facesse freddo è possibile chiedere al personale di bordo una coperta. E consigliabile che nel bagaglio a mano ci sia sempre almeno un cambio a disposizione, anche in vista di possibili lunghe attese prima di recuperare le valigie. Informarsi sempre sulla temperatura che troverete all arrivo in modo da alleggerire o appesantire l abbigliamento del piccolo.

5 L ora della poppata Se il bambino e' piccolo e viene ancora allattato al seno, il metodo rimane lo stesso e la cosa e' semplice; se prende latte artificiale: preparare tanti biberon quante sono le poppate che normalmente chiede. Infilare i biberon in una borsa frigo, poi, una volta sull aereo, chiedere alla hostess di riscaldarli. Per il bambino più grande, si può richiedere (almeno 48 ore prima della partenza) il menu per bambini: molte compagnie aeree offrono questo servizio. Sedie, Seggiolini e Passeggini Non dimenticare di precisare che volete la culletta quando riservate il volo. Teoricamente vi assegneranno i posti all'inizio della fila, che sono davanti, ma ci sono anche delle cullette appese. Al momento del decollo e dell'atterraggio vi verrà chiesto di prendere in braccio il bambino (alcune compagnie aeree forniscono una cintura per bambini, che si aggancia a quella degli adulti), e per questo motivo non sarà permesso di viaggiare con più di un bambino senza posto sedere alla volta. Secondo l'aviazione civile, se prendete un posto individuale per il vostro bambino, potrete collocarci un seggiolino da auto omologato, che si può rivelarsi utilissimo per un piccolino che non entra più nella culletta fornita sull'aereo. Il passeggino: sarebbe ottimo poterlo tenere fino alla porta dell'aereo, ciò sarà a discrezione del personale della compagnia aerea. Il marsupio è una buona soluzione alternativa. NOTE: In caso di otite in atto il viaggio è sconsigliato e comunque non va intrapreso prima di aver effettuato un controllo con il proprio Pediatra o con l Otorino. Il viaggio in aereo è da evitare in caso di bambini affetti da una cardiopatia importante, per la riduzione dell'ossigeno presente nell'aria alle alte quote. LE PRINCIPALI DESTINAZIONI IN MONTAGNA Il bambino sano di qualsiasi età può soggiornare a qualsiasi altitudine (solo sopra i 2500 metri è necessario un periodo di acclimatazione) Alcuni consigli pratici: Scottature: in montagna ci si scotta più facilmente che al mare; dunque uare creme protettive e berrettini Vipere: fare indossare al bambino scarponcini alti, con un bel paio di calze; tenetelo sempre d'occhio ed insegnategli a non mettere mai le mani tra gli sterpi e i sassi; "battete" tutt'attorno la zona del picnic prima di lasciare giocare il bambino nell area prescelta per la sosta Punture di insetti: portate con voi una pomata a base di cortisone, ed applicatela se la puntura causa un forte prurito o gonfiore Bacche, piante e funghi velenosi: insegnate al bambino a non mettere mai in bocca bacche o frutti se non col vostro permesso Malattia da altitudine (in genere per quote di almeno m): in questi casi è molto importante salire gradualmente, con periodi di qualche gg di acclimatamento alle quote più basse

6 Acqua dei ruscelli: non va mai bevuta, anche se sembra pulita; è facilmente inquinata dagli alpeggi a quote più alte Latte appena munto, formaggi artigianali: buoni, spesso genuini, ma non sono pastorizzati e non danno sufficienti garanzie igieniche Torrenti: attraggono molto il bambino; tenetelo sempre d'occhio Escursioni: le scarpe devono essere alte e solide, non nuove (provarle per un po' a casa prima di usarle in un'escursione), ben allacciate, soprattutto in discesa, per evitare che si formino vesciche; i calzoni devono essere lunghi, magari facendo indossare sotto un paio di calzoncini corti; meglio un abbigliamento "a cipolla", formato cioè di vari strati: togliendo e mettendo uno strato alla volta si potrà graduare il vestiario a seconda della temperatura; berretto, guanti, giacca a vento devono sempre essere portati nello zaino, anche se il tempo è bello: in montagna il tempo cambia nel giro di qualche ora; se fate colazione al sacco, preparate cibi leggeri, non grassi AL MARE Alcuni consigli pratici: Assicurarsi che le acque siano balneabili evitate i tratti di costa vicino a scarichi fognari o industriali Tenere il bambino scoperto: avrà meno caldo e suderà meno; portate con voi in spiaggia acqua o altre bevande e date spesso da bere al bambino Esporre gradualmente al sole, proteggete la pelle con una crema ad alto fattore protettivo, evitare le ore centrali e più cale della giornata. Non portate il bambino piccolo in spiaggia dalle 11 alle 16. Ricordarsi che il bambino deve sempre essere bene idratato (fare bere il bambino acqua e succhi di frutta freschi ma mai ghiacciati). La protezione dalle ore più calde e dal sole diretto insieme ad una corretta idratazione eviteranno la possibilità di colpi di calore. Se il bambino ha meno di 3 mesi di vita, può giocare in una vasca riempita di acqua di mare (sempre che sia pulita) lasciata riscaldare al sole. Se il bambino è più grande, può fare il bagno direttamente in mare, tuttavia: Non forzatelo se non ha voglia di bagnarsi Lasciatelo giocare sul bagnasciuga in qualsiasi ora del giorno e indipendentemente dai pasti;il bagno completo può essere fatto tranquillamente in qualsiasi momento, a meno che l'acqua sia molto fredda, o il bambino vada a nuotare nell'acqua alta, o il pasto sia stato particolarmente abbondante (in tal caso è bene attendere almeno 2-3 ore) Non lasciate mai solo il bambino in acqua e tenetelo d'occhio costantemente. Alla fine del bagno, fategli fare una doccia di acqua dolce: per i più piccolini, si può riempire d'acqua dolce delle bottiglie di plastica, lasciandole poi al sole a scaldare (attenzione: controllate sempre che non sia troppo calda prima di usarla!) LE PICCOLE EMERGENZE AL MARE Meduse e ricci di mare Il contatto o le punture di medusa o ricci causano, di solito, bruciore, arrossamento, bolle e, nei casi più gravi (che richiedono il consulto di un medico), anche nausea, vomito e malessere. Raramente si possono presentare sintomi più seri, come difficoltà respiratoria, mal di pancia, crampi muscolari, fino ad arrivare allo shock anafilattico.

7 COSA SUCCEDE DOPO IL CONTATTO CON LE MEDUSE tentacoli hanno funzione sia offensiva sia difensiva; essi sono rivestiti da particolari cellule in grado di iniettare nella preda un liquido urticante. Il liquido può uccidere le prede più piccole che serviranno da alimento per la medusa o allontanare gli animali più grandi potenzialmente pericolosi. Il liquido urticante è di solito costituito da una miscela di tre proteine: una ad effetto paralizzante, una con effetto infiammatorio e una neurotossica. Fortunatamente le meduse presenti nei nostri mari, non uccidono, a differenza di alcune specie tropicali del Pacifico (Physalia Phisalis) che hanno un veleno molto tossico. Quindi in Italia, normalmente il contatto con i tentacoli della medusa provoca solo una reazione infiammatoria locale, sebbene alcune meduse di grandi dimensioni possano portare anche a shock anafilattico Al primo contatto tra la pelle e la medusa il bambino percepisce un forte bruciore e dolore. Subito dopo la pelle si arrossa e compaiono piccoli pomfi (formazioni rilevate della pelle) tipo orticaria. Il fastidio di bruciore si attenua in minuti e si inizia ad avvertire un intenso prurito. Se viene colpita una area più del 50% del corpo, l intensità di dolore-bruciore può diventare insopportabile. COSA FARE CON IL BAMBINO La prima cosa da fare è di tranquillizzare il bambino e farlo respirare normalmente. Se si è vicino alla riva, lo si fa uscire dall acqua, se si è a largo sorreggere il bambino e richiamare l attenzione per farsi aiutare specie se anche l accompagnatore è venuto a contatto con la medusa. Giunti a riva verificare che non vi siano parti di medusa rimaste attaccate alla pelle e nel caso eliminarle solo delicatamente con le mani. Se non si dispone di medicamenti può essere utile far scorrere acqua di mare sulla parte interessata per tentare di diluire la sostanza tossica non ancora penetrata. Evitare invece di grattarsi o di strofinare la sabbia o ricorrere a medicazioni estemporanee con ammoniaca, aceto, alcool o succo di limone e non usare acqua corrente del lavandino.: non si fa altro che peggiorare la situazione COME MEDICARE IL BAMBINO La medicazione corretta consiste nell applicazione di Gel astringente al cloruro d alluminio. Il Gel astringente ha un immediata azione antiprurito e blocca la diffusione delle tossine. Purtroppo non è ancora diffusa in Italia l abitudine di portare con se questo Gel astringente al cloruro d alluminio, che è peraltro utile anche per le punture di zanzara. In mancanza di questo presidio si può usare una creme al cortisone anche se ha un effetto più ritardato (entrano in azione dopo minuti dall applicazione), cioè quando il massimo della reazione si dovrebbe già essere spenta naturalmente IN CHE CASI PREOCCUPARSI Se immediatamente dopo il contatto la reazione cutanea diventa diffusa e compare difficoltà respiratorie, pallore, sudorazione e disorientamento, la cosa migliore è chiamare il 118 e spiegare di cosa si tratta: si riceveranno le istruzioni sul da farsi in attesa che arrivi il personale di Pronto Soccorso. GLI ESITI L area di pelle colpita dalle meduse rimane sensibile alla luce solare e tende scurirsi rapidamente. Per evitare che la pelle si macchi è bene evitare pomate antistaminiche e occorre tenere coperta l area colpita fino a quando è finita la razione infiammatoria (non più di due settimane). Anemone di mare Ha l aspetto di un grosso fiore ancorato alla roccia e possiede lunghi tentacoli, che rilasciano una sostanza irritante se vengono toccati. Vive in acque superficiali nei mari temperati e tropicali. Nella zona che è venuta a contatto con l anemone di mare si formano chiazze arrossate e rilevate e bolle. Il bambino prova bruciore e prurito. Nei soggetti particolarmente sensibili possono presentarsi anche nausea, vomito, malessere generale e, di rado, sintomi come difficoltà respiratoria, mal di pancia e crampi muscolari, fino allo shock anafilattico.

8 Pulire accuratamente la zona interessata con acqua. Rimuovere eventuali frammenti di tentacoli con pinzette sterili. Se i tentativi dovessero fallire e il bambino lamentasse molto dolore, è opportuno ricorrere subito al medico. Applicare impacchi di sabbia asciutta molto calda sulla parte, direttamente sulla pelle, per alleviare il bruciore e il dolore provocato dalla puntura. Successivamente, fare impacchi di acqua calda (in emergenza va bene anche quella del mare) oppure con alcol o aceto per circa mezz ora. Se i sintomi sono seri o se si notano ulcerazioni accentuate sulla pelle, meglio portare il bimbo al Pronto Soccorso. Pesce ragno E il pesce più velenoso del Mediterraneo. Di piccole dimensioni e di forma piatta, si mimetizza facilmente nella sabbia. A volte, camminando in acqua, capita di calpestarlo: il pesce reagisce pungendo il piede con le sue spine. La zona colpita, all inizio, appare biancastra; poi, diventa rapidamente rossa e gonfia (con il passare del tempo, l infiammazione si estende). La puntura del pesce ragno provoca un dolore molto intenso, che può durare da pochi minuti fino a molte ore e che diviene, in breve tempo, sempre più forte. A volte, è talmente acuto da causare una perdita di conoscenza, difficoltà di respirazione, febbre, mal di testa, nausea e vomito; nei casi più seri, si possono manifestare anche convulsioni. Pulire con cura la ferita e immergere la parte interessata in acqua salata calda (in emergenza va bene anche quella del mare) per almeno un ora, dato che la tossina inoculata dal pesce ragno è sensibile al calore. Rimuovere eventuali frammenti di aculei rimasti nella cute con le pinzette Disinfettare accuratamente la parte Chiamare il medico se compaiono sintomi generali oppure nei giorni successivi la ferita peggiorasse, diventando più rossa, gonfia e dolente. IN MONTAGNA Per i bambini sani di età superiore all'anno non ci sono particolari problemi di altitudine. I bambini di età inferiore ad un anno è bene non superino l'altitudine di 1500 metri. Possono anche arrivare a 2000 metri purché tale quota sia raggiunta gradualmente (come avviene durante escursioni a piedi) e non in poco tempo (con funivie o simili) perché ciò potrebbe causare qualche difficoltà respiratoria dovuta alla carenza di ossigeno che si verifica in quota. In caso di variazioni di altitudine piuttosto rapide si possono avere problemi anche per difetti di compensazione della pressione atmosferica presente nell'orecchio esterno e quella dell'orecchio medio con conseguente trauma sul timpano; ciò si verifica soprattutto se le cavità nasali non sono pervie come avviene, ad esempio, per un banale raffreddore. Per prevenire questo disturbo è bene stimolare la deglutizione facendo bere ogni tanto il bambino o meglio ancora facendogli tenere il succhiotto durante il viaggio. LE PICCOLE EMERGENZE IN MONTAGNA Ragni In genere i tipi di ragno presenti in Italia sono innocui. Solo in rarissimi casi i morsi sono dovuti a specie velenose: nel nostro Paese, solo il ragno violino, il ragno volterrano e la tarantola possono causare reazioni allergiche gravi (naturalmente sono eventualità rare). Applicare sulla zona interessata un cubetto di ghiaccio oppure un po di cotone imbevuto di acqua fredda Cercare di individuare il ragno e allontanarlo subito dalla camera del bambino, in modo da evitare che venga morso di nuovo Chiamare il pediatra se si forma una vescica o una macchia violacea (potrebbe infatti trattarsi di un ragno velenoso) oppure se compare una ferita che fatica a guarire.

9 Scorpioni Il Italia non rappresentano assolutamente una minaccia: il loro veleno, che viene iniettato attraverso il pungiglione situato sulla cosa, non causa infatti disturbi seri. La puntura è dolorosa e provoca gonfiore. In seguito, possono presentarsi nausea e vomito, una leggera febbre e, in rarissimi casi, shock anafilattico con difficoltà a respirare. Tranquillizzare il bambino, invitandolo a restare fermo, per evitare che il veleno si diffonda nel corpo. Applicare ghiaccio o impacchi di acqua fredda sulla parte Fasciare strettamente la gamba o il braccio dove si è verificata la puntura Se possibile, osservare la forma e il colore dello scorpione, in modo che il medico del Pronto Soccorso o del Centro Antiveleni possa scegliere eventualmente un antidoto specifico (in Italia, serve molto di rado) Serpenti non velenosi (bisce) In genere, evitano l uomo, ma può succedere che un bambino venga morso. La biscia è un serpente piuttosto lungo (più della vipera), il cui morso è sostanzialmente innocuo, anche per i piccoli. Di solito, la ferita è superficiale e sono praticamente inesistenti i rischi di infezione, tetano e rabbia. Il problema principale è escludere che si tratti di un morso di vipera: in genere, mancano i due forellini e la ferita non diventa bluastra, gonfia e dolente entro cinque minuti dal morso. tranquillizzare il bambino lavare la ferita con acqua e sapone contattare un medico per ricevere consigli per un eventuale medicazione o terapia e anche per escludere che si tratti del morso di una vipera Vipera Il Morso non è quasi mai mortale per un adulto o per un bambino di età superiore ai sei-otto anni, mentre i più piccoli possono correre seri rischi. La gravità della situazione dipende dalla quantità di veleno iniettata dal rettile e dalla sede del morso (sono più pericolosi quelli al collo o alla testa, meno quelli agli arti inferiori). In genere, la vipera attacca perché è stata calpestata o si sente minacciata, ad esempio, se si tocca un sasso sotto cui si è nascosta. I bimbi, quindi, sono più a rischio, per la loro tendenza a esplorare l ambiente e per l incapacità di valutare in modo adeguato il pericolo. In caso di morso, sulla pelle sono evidenti due forellini distanziati di 6-8 millimetri, da cui fuoriesce sangue misto a siero e circondati da un alone rosso. In breve, la zona diventa bluastra, gonfia e dolente. Se la quantità di veleno iniettata è notevole, il bambino: diventa molto pallido, sudato e ha i brividi presenta vomito, diarrea e dolore alla pancia fatica a respirare dopo una fase di agitazione, diviene sonnolento e può entrare in coma cercare di mantenere la calma portare immediatamente il bambino al Pronto Soccorso e, nel frattempo, chiamare un centro antiveleni per ricevere istruzioni Se il piccolo è cosciente e non presenta ancora disturbi provocati dal veleno, è importante ritardarne il più possibile l entrata in circolo. Ecco cosa fare: - lavare abbondantemente la ferita con acqua e sapone oppure con un fazzoletto, senza strofinare troppo, e coprirla con un indumento pulito (meglio se con una garza sterile) - se la ferita è a un braccio o a una gamba, applicare una fasciatura stretta a monte, immobilizzando l arto con una stecca e tenendolo più basso rispetto alla testa, fino all arrivo al Pronto Soccorso. Se il bambino presenta già disturbi dovuti al veleno, bisogna: - seguire le istruzioni precedenti - coprirlo se ha freddo

10 - eseguire la rianimazione cardio-polmonare, se necessario CHE COSA NON FARE Non incidere la ferita per farla sanguinare di più: si rischierebbe di aumentare il contatto tra il veleno e il sangue Non succhiare il sangue dal morso: se il soccorritore ha una lesione in bocca, il veleno può penetrare nel suo sangue Non iniettare il siero antivipera: una scorretta somministrazione potrebbe provocare una reazione pericolosa. Il siero, comunque, oggi non è più reperibile in farmacia. Solo in ambito ospedaliero può essere iniettato secondo criteri di opportunità e sicurezza. IN CAMPAGNA ED ANCHE IN CITTA Zanzare Le punture, in genere, provocano solo irritazione, prurito e gonfiore. La risposta individuale, però, è molto varia e, se particolarmente forte, bisogna fare ricorso a cure mediche. Se la reazione locale è intensa, si può usare per alleviare fastidio e prurito il ghiaccio o un antistaminico (alle dosi e nella forma consigliate dal pediatra). I prodotto repellenti sono un valido mezzo di prevenzione, ma possono avere effetti collaterali: vanno quindi utilizzati con attenzione evitando di applicarli sulla cute lesa e vicino agli occhi. Api, calabroni, vespe e zecche Alcuni insetti dotati di pungiglione, attraverso la puntura, iniettano il loro veleno. In genere, si presentano solo disturbi locali (se si è allergici, tuttavia, possono manifestarsi reazioni molto serie, fino allo shock anafilattico). Nella sede della puntura si forma una chiazza gonfia, rossa e dolente. Il mare scompare in breve tempo, ma il gonfiore può aumentare per ventiquattr ore. L infiammazione locale, inoltre, può durare anche due giorni. Al centro del rigonfiamento può essere visibile un puntino nero: è il segno che si trattava di un ape e il suo pungiglione è rimasto nella pelle del bambino. Se le punture sono numerose (e soprattutto se sono di calabrone) possono presentarsi vomito, diarrea, mal di testa e febbre: disturbi causati dalla grande quantità di veleno, non da un allergia. Rimuovere il pungiglione, se presente, con le pinzette o un ago sterilizzati. disinfettare con cura la parte applicare impacchi di ghiaccio, per alleviare il dolore per attenuare il prurito, si può ricorrere a creme cortisoniche oppure ad antistaminici per bocca (risultano più efficaci rispetto alle pomate) le punture in zone sensibili (come occhi o bocca) vanno trattate in ospedale di rado, compaiono manifestazioni allergiche (ad esempio, sudorazione, orticaria, pallore, difficoltà respiratoria e abbassamento della pressione). In questo caso, bisogna recarsi immediatamente al Pronto Soccorso. le zecche, se presenti nella pelle, vanno tolte con l aiuto delle pinzette. Bisogna assicurarsi di aver rimosso completamente il pungiglione. Se il bambino ha prurito, si può stendere una pomata antistaminica. Nel caso compaia anche un rash cutaneo circolare associato a febbre, malessere e dolori muscolari (in genere, treta-quaranta giorni dopo la puntura) è necessario rivolgersi subito al pediatra. VACANZE PARTICOLARI Le vacanze in camper, sotto una tenda o in roulotte sono certo vacanze un po' meno comode che in albergo, ma in compenso il bambino può giovarsi del senso di libertà che trasmettono e della condivisione di una esperienza educativa, che insegna a suddividere i compiti per una causa comune. Anche in questo, non esistono limitazioni particolari. basta un po' di buon senso. In camper valgono gli stessi consigli per l'auto. Fate attenzione, in particolare, se vi state muovendo in una zona trafficata: per evitare che frenate brusche e improvvise facciano cadere

11 o sbattere il bambino contro qualche oggetto, mettetelo temporaneamante seduto con la cintura (o col mezzo di ritenzione più adeguato se il bambino deve usarlo normalmente) o comunque fermo e impegnato al tavolino. In campeggio, eventuali problemi possono derivare dagli insetti, dal caldo, dal sole, dall'igiene dei luoghi comuni. Pertanto: proteggete il lettino del bambino con una zanzariera sistemate la tenda in un luogo ombreggiato scegliete un campegio dotato di acqua potabile e di buoni servizi igienici insegnate al bambino a lavarsi sempre le mani dopo che si è recato ai servizi igienici, anche per prevenire le infezioni intestinali L'ASSISTENZA SANITARIA IN VACANZA Portando con sé il libretto sanitario del bambino, è generalmente possibile fruire dell'assistenza di un pediatra di famiglia anche se, per motivi di vacanza, ci si trova fuori della propria USL di residenza, dietro pagamento di un compenso a tariffa fissa; esibendo la relativa fattura al vostro ritorno, potrete chiedere alla vostra ASL il rimborso della cifra pagata. Quanto detto vale negli orari dalle 8 alle 20 dei giorni feriali, e dalle 8 alle 10 del sabato (non però in tutte le regioni); altrimenti, il pediatra potrà pretendere di essere pagato in base alla tariffa di libero professionale; l'alternativa è in tal caso la guardia medica In caso di viaggio all estero, ricordarsi infine di telefonare o consultare il sito web del Ministero Esteri (http://www.esteri.it/mae/it) che ri-indirizzerà la ricerca ai siti consolari o delle rappresentanze Italiane del paese di destinazione, dove usualmente è fornita la lista dei medici (anche dei pediatri) che parlano Italiano e che sono a disposizione della comunità Italiana locale o dei turisti. QUALCHE CONSIDERAZIONE FINALE SULLA ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ESTATE Durante l estate il caldo fa si che le condizioni fisiologiche inducano l organismo a cambiare alimentazione, a causa di esigenze diverse dettate dalla stagione estiva. in base ad esse, cambia sia il metabolismo che l alimentazione. Il corpo, soprattutto quello dei bambini, ha bisogno di energia ed allo stesso tempo di liquidi, vitamine e sali minerali per poter contrastare la loro perdita maggiore in questo periodo. Con l estate le abitudini, anche involontariamente cambiano, il piccolo comincia a diventare inappetente e le mamme cominciano, dal canto loro, a disperarsi cercando di forzarli con il cucchiaio pieno di pastina! Perché il bambino non ha fame? Cosa succede nel suo organismo? I piccoli a causa del caldo e al maggior movimento, a volte tendono a perdere peso in estate anche perché il corpo cerca un equilibrio fisiologico diverso rispetto a quello invernale: brucia meno calorie per tenere equilibrata la termoregolazione del corpo. Per cui ecco che scatta il rifiuto del cibo e la costrizione da parte dei genitori innesca un meccanismo di ribellione del piccoli tanto da farli diventare maggiormente nervosi. Cosa fare: E chiaro che se il bambino rifiuta il cibo è perché il suo organismo ha bisogno di altri tipi di riserve, ad esempio, maggiori liquidi che aiutano a sopportare meglio il caldo e non la pasta o il pane che appesantiscono e difficili da digerire. Dunque, è opportuno offrirgli dei cibi che siano allo stesso tempo gustosi, sani e leggeri e che contengano un elevato valore energetico. I cibi facili da digerire e che possono facilmente essere assimilati dal corpo dando energia immediata, quelli consigliati sono la frutta e la verdura. Quindi frutta quanto più possibile ed inoltre favorire l assunzione di yogurt e frullati e, con moderazione e criterio, qualche volta anche gelati alla frutta: sempre senza esagerare.

12 Il frullato è abbastanza completo come alimento perché oltre a contenere la frutta ricca di vitamine e sali minerali, contiene il latte ricco di proteine importanti per la crescita e lo sviluppo soprattutto dei più piccoli. Coinvolgere psicologicamente il bambino è importante, per esempio invogliandolo a tagliare insieme ai genitori o ai familiari la frutta, rigorosamente con coltellino a punta arrotondata, e versare il contenuto del frullato in bicchieri con forme particolari per invitarlo a gustare con più facilità il frullato e far diventare il momento della merenda, o della colazione, un momento divertente e non un obbligo a mangiare. Le alte temperature tendono a ridurre le difese immunitarie dell organismo colpendo soprattutto anziani e bambini, quindi l obiettivo principale è quello di assumere alimenti nutrienti in grado di fornire difese al sistema. Dunque mai dimenticare frutta, verdura e yogurt che regolarizza l intestino. Alimenti utili per la stagione sono asparagi, albicocche, anguria, carote, pesche, zucchine, melone, fragole, lamponi, papaia, pomodori, ciliegie, peperoni gialli e rossi, cavolfiori ecc..

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Sicurezza del Cibo Se rimanete senza corrente per meno di 2 ore, il cibo nel vostro frigorifero e congelatore si potrà consumare con sicurezza.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE?

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? Il modo per aiutare una persona spesso dipende dal problema che ha. A volte, il sistema più rapido per soccorrere

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli