IN VACANZA COL BAMBINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN VACANZA COL BAMBINO"

Transcript

1 Clinica Pediatrica Universitaria di Foggia in collaborazione con la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) Puglia. IN VACANZA COL BAMBINO CONSIGLI DEL PEDIATRA PER LE FAMIGLIE IN VIAGGIO D ESTATE CON I BAMBINI Le vacanze possono essere l'occasione per recuperare un contatto più profondo e stabile con la propria famiglia e il proprio bambino. Tuttavia, è bene ricordarsi sempre che viaggiare con i bambini significa essere preparati a qualsiasi evenienza ovunque sia la destinazione e qualunque sia il mezzo di trasporto. Infatti, lontano da casa non è facile prevedere gli imprevisti che molto frequentemente accadono ed è bene essere pronti a intervenire tempestivamente e nel modo corretto al mare ed in campagna come in montagna, in Italia come all estero. In ogni caso è bene assicurarsi che la località prescelta dia sufficienti garanzie igieniche, con assistenza medica (preferibilmente pediatrica) e farmacia nei dintorni, sia ben ventilata e ombreggiata e poco inquinata. Tenere inoltre conto che ambienti ed orari nuovi possono turbare gli abituali ritmi del bambino, rendendolo nervoso ed irrequieto, soprattutto all'inizio della vacanza. Per il resto, ciò che conta è valutare in anticipo quali problemi il tipo di vacanza scelto potrebbe comportare per il piccolo ed organizzarsi di conseguenza. ALCUNE DOMANDE UTILI DA PORSI: ho tutto quello che serve per la durata del viaggio? Quale sarà il clima? Quale sono le condizioni igienico-sanitarie della regione o del Paese che visiterò? Quale sarà l alimentazione? Quali attività ho intenzione di svolgere? Ho preso tutto per i bambini? PREPARARE LA BORSA DA VIAGGIO Indipendentemente dalla destinazione e separatamente dal bagaglio normale, è in ogni caso importante preparare una borsa da tenere sempre a portata di mano con gli oggetti ed i farmaci di prima necessità. Naturalmente ad una dotazione standard vanno aggiunti quei presidi e quei farmaci particolarmente utili per la destinazione prescelta (mare, campagna, montagna, città, estero, ecc). Nel preparare la valigetta con gli oggetti utili ed i medicinali e i farmaci da portare con sé, occorre tenere in considerazione alcuni fattori quali, per esempio, l età del piccolo, sue eventuali patologie congenite, il tipo di vacanza che si andrà a fare, la condizione igienico - sanitaria della località prescelta, il clima. Indipendentemente da queste variabili, esistono comunque farmaci che non dovrebbero mai mancare nel kit degli indispensabili per il primo soccorso e che comunque dovrebbero costituire la dotazione usuale anche per brevi spostamenti e weekend fuori porta con i bambini.

2 Da tenere sempre in Borsa Un disinfettante non alcolico e batuffoli di cotone per pulire eventuali tagli e ferite immediatamente prima che possano fare infezione. Una scatola di cerotti di varie dimensioni è consigliata per arrestare la fuoriuscita del sangue. Se il bambino soffre di cinetosi, il cosiddetto mal d auto, di mare, di aereo o di treno, fondamentale avere con sé un rimedio. La scelta migliore sono i recentissimi braccialetti privi di controindicazioni e per questo particolarmente adatti ai bambini, che hanno il vantaggio di essere spesso graditi psicologicamente dal bambino. Eventualmente, ma solo dietro consiglio e prescrizione del proprio pediatra di fiducia una confezione di farmaci anticolinergici, un rimedio in grado di prevenire l insorgenza della nausea e del generale malessere che questo tipo di disturbo comporta. Ne esistono di vari tipi, dalle classiche pastiglie da assumere qualche ora prima di mettersi in viaggio, ai cerotti da applicare dietro alle orecchie sino. Un termometro, che ingombra poco ed è utile avere a disposizione I Medicinali Non dimenticare i farmaci che si assumono abitualmente, in dosi sufficienti per coprire l intero periodo della vacanza. Un kit per il pronto soccorso: cerotti di diverse misure, garze, salviettine disinfettanti, un flacone di disinfettante non alcolico, un paio di guanti sterili, un paio di forbici, un paio di confezioni di ghiaccio sintetico in buste (in particolare se si prevedono escursioni in montagna, dove può capitare di scivolare e farsi male). Se già allestito in prevedenti occasioni, verificare la data di scadenza dei singoli prodotti e rimpiazzare quelli eventualmente scaduti. Una pomata, un gel o uno spray anestetico per gli eritemi solari e le piccole ustioni. Repellenti contro gli insetti: creme, spray e stick per il dopo-puntura. Per i più piccoli, in commercio troverete baby-cerotti antizanzara che rilasciano oli naturali lenitivi e rinfrescanti contro il prurito e i fastidi causati dalle punture. Con il consiglio del proprio pediatra di famiglia o del medico di fiducia: antibiotico a largo spettro (ad esempio a base di amoxicillina), da assumere in caso di febbre alta prolungata, qualora non si possa consultare un medico. Un antibiotico intestinale. Un antidolorifico. Meglio il paracetamolo, poiché funzionano anche come antipiretici, in caso di febbre. Antistaminici in pomate e compresse in caso di punture d insetto, eritemi, eczemi. Un collirio decongestionante e antisettico per gli occhi. Un lassativo (esempio: lattulosio) in caso di stitichezza. Pastiglie per il mal di gola Sciroppo per la tosse Gocce per il mal d orecchie Fermenti lattici in caso di diarrea e disturbi gastrointestinali Ricordarsi che molto spesso i farmaci all estero non hanno lo stesso nome, quasi sempre il nome commerciale è differente ed il turista non conosce il principio attivo ed il dosaggio, la ricerca di una farmacia è più difficile e poi rimane per molti i problema della lingua e dei foglietti illustrativi scritti in una lingua diversa dall italiano.

3 IL MEZZO DI TRASPORTO Tutti i mezzi di trasporto vanno bene, purché si faccia attenzione a non stravolgere troppo i ritmi del bambino e soprattutto al caldo. IN AUTO Scegliere l'itinerario più agevole, le ore meno calde e i giorni meno trafficati. Mettere in una borsa a parte qualche pannolino e tutto l'occorrente per cambiare o dar da mangiare e bere al bambino. Portare con voi il ciuccio e alcuni giochi per distrarlo, o, se il bambino è più grande, le sue audiocassette preferite, qualche biscotto secco per calmare la fame ed eventualmente combattere il mal d'auto. Vestire il bambino in modo leggero, con abiti comodi e facili da cambiare. Fatelo viaggiare nell'apposito seggiolino a norma di legge o, nei primi 3 mesi, nella cesta della carrozzina, assicurata con cinture Non fumate e tenete pure aperti i finestrini, senza che però l'aria colpisca il bambino direttamente. Usare pure l'aria condizionata; ricordarsi però di cambiare periodicamente i filtri. Tenete la macchina ben pulita, per evitare che l'aria del ventilatore metta in movimento polveri o pollini Applicate le tendine "filtra-vedo" ai finestrini, per proteggere il bambino dal sole; quando lasciate la macchina al sole, ricordatevi di coprire il piano e le fibbie del seggiolino, per non correre il rischio di ustionare il bambino al vostro ritorno. Fare molte soste, in cui il bambino possa sgranchirsi le gambe, mangiare e distrarsi. Dategli spesso da bere, soprattutto se fa molto caldo. IN AEREO Il sito dell'aviazione civile non precisa a partire da che età il bambino può viaggiare, dunque è opportuno consultare il proprio pediatra. Un viaggio aereo con bambini piccoli è sempre fonte di preoccupazione in tutti genitori, specialmente per i percorsi lunghi dove i piccoli si stancano facilmente e quindi bisogna ingegnarsi per tenerli sempre occupati giocando con loro distrarli e accudendoli in tutti i loro bisogni tenendo presente che lo spazio a loro disposizione è sempre molto limitato. Le compagnie aeree raggruppano i bambini in due classi: Infant che va da 0 a 2 anni Child, da 2 a 11 anni. Per quel che riguarda i voli di linea, se non è specificato diversamente, il bambino fino a 2 anni paga solo il 10% del biglietto e non ha diritto al posto prenotato (che comunque gli viene assegnato una volta a bordo se ci sono posti disponibili) e il bambino più grande paga il 50% del prezzo del biglietto. Se le tariffe aeree sono già scontate può accadere che i bambini paghino lo stesso prezzo dell adulto oppure che usufruiscano di uno sconto fino ad un massimo del 33%. Nei voli charter e nelle compagnie a basso costo i bambini fino a 2 anni non pagano o hanno uno sconto che arriva al 90% del prezzo del biglietto mentre gli altri pagano quasi sempre tariffa piena. Vi sono diversi tipi di seggiolini e culle, uno di questi è l'infant seat un seggiolino regolabile che si fissa al sedile adatto per bambini fino a 2 anni o il baby cot per i piccolissimi fino al sesto mese. Il tutto richiedibile senza costi aggiuntivi al biglietto. Al momento dell imbarco alcune compagnie danno la precedenza alle persone con bambini evitando alle famiglie lunghe ed estenuanti file.

4 Alcuni consigli pratici : Arrivare all'aeroporto in anticipo per organizzare tutto con calma far bere spesso il bambino dato che l'aria dell'aereo è molto secca e porta il corpo a disidratarsi Le cabine sono pressurizzate, quindi i bambini, subiscono una pressione simile a quella che si avverte a metri di altezza e questo in corso di viaggio può causare qualche piccolo disagio. In fase di decollo e atterraggio, al bambino, come del resto agli adulti, si possono otturare le orecchie in seguito ai cambi repentini di pressione nella fase di decollo e di atterraggio Dunque, non cercare di fare addormentare il bambino, poiché l eventuale dolore improvviso in seguito al cambiamento di pressione lo spaventa maggiormente. Invece, dar loro caramelle da succhiare perché movendo la mandibola si aiuta il timpano a non chiudersi oppure usare il trucco suggerito dalle hostess di porre un bicchiere di plastica con poche gocce d'acqua intorno all'orecchio e se il nasino è chiuso portatevi uno spray nasale per aprirlo e gocce per l orecchio durante il volo qualche minuto di cammino ogni ora fa sempre bene l'abbigliamento ideale è a strati, T-shirt, una tuta sopra e un maglioncino di lana che verrà tolto in seguito se farà abbastanza caldo per il fuso orario cercare di abituarsi subito alla nuova ora cercando di tenere i ritmi giusti colazione pranzo cena e notte Il bambino fino ad 1 anno Il bambino di questa età non paga quasi mai, dunque è utile fare richiesta al momento della prenotazione di una culla, così si eviterà di tenerlo sempre sopra le vostre gambe, queste culle sono dai 58 ai 70 cm circa e 30 cm di larghezza e vanno bene per bambini di circa 10 kg. Ricordarsi di portare: una quantità di pannolini sufficienti all intera tratta di viaggio una copertina oppure richiedetela al personale(di solito sono sempre presenti all interno dell aereo abbinate a comodi cuscinetti) un asciugamano o un telo di pelle che potrà essere utile nel cambiarlo sul sedile o nelle strette toilette salviette umidificanti usa e getta alcuni bavaglini e un ricambio di vestiario completo il biberon con le bevande preferite e del cibo se il bambino non ha pagato il biglietto e dunque non ha diritto al pasto Il bambino da 1anno in poi Far passare il tempo ai bambini di questa fascia di età diventa più complicato, dunque portare i giochini preferiti o nuovi e passatempi vari le compagnie aeree danno loro un piccolo gioco o un libricino anche se il consiglio migliore è di cercare di farlo dormire il più a lungo possibile. Il bambino di questa fascia pagando il biglietto ha il posto a sedere e il pasto, tuttavia non sempre è di suo gradimento. Dunque è conveniente portare nella borsa qualche spuntino che sia di suo gradimento e dei succhi di frutta: potrebbe infatti anche accadere che abbia fame prima o dopo il momento del pasto servito a bordo. L abbigliamento adatto E preferibile vestirlo a strati con capi di pratico utilizzo come magliette, tute, felpe per far fronte ai cambi di temperature di aerostazioni, piazzole esterne, cabine. Come già detto, nel caso che nell aereo facesse freddo è possibile chiedere al personale di bordo una coperta. E consigliabile che nel bagaglio a mano ci sia sempre almeno un cambio a disposizione, anche in vista di possibili lunghe attese prima di recuperare le valigie. Informarsi sempre sulla temperatura che troverete all arrivo in modo da alleggerire o appesantire l abbigliamento del piccolo.

5 L ora della poppata Se il bambino e' piccolo e viene ancora allattato al seno, il metodo rimane lo stesso e la cosa e' semplice; se prende latte artificiale: preparare tanti biberon quante sono le poppate che normalmente chiede. Infilare i biberon in una borsa frigo, poi, una volta sull aereo, chiedere alla hostess di riscaldarli. Per il bambino più grande, si può richiedere (almeno 48 ore prima della partenza) il menu per bambini: molte compagnie aeree offrono questo servizio. Sedie, Seggiolini e Passeggini Non dimenticare di precisare che volete la culletta quando riservate il volo. Teoricamente vi assegneranno i posti all'inizio della fila, che sono davanti, ma ci sono anche delle cullette appese. Al momento del decollo e dell'atterraggio vi verrà chiesto di prendere in braccio il bambino (alcune compagnie aeree forniscono una cintura per bambini, che si aggancia a quella degli adulti), e per questo motivo non sarà permesso di viaggiare con più di un bambino senza posto sedere alla volta. Secondo l'aviazione civile, se prendete un posto individuale per il vostro bambino, potrete collocarci un seggiolino da auto omologato, che si può rivelarsi utilissimo per un piccolino che non entra più nella culletta fornita sull'aereo. Il passeggino: sarebbe ottimo poterlo tenere fino alla porta dell'aereo, ciò sarà a discrezione del personale della compagnia aerea. Il marsupio è una buona soluzione alternativa. NOTE: In caso di otite in atto il viaggio è sconsigliato e comunque non va intrapreso prima di aver effettuato un controllo con il proprio Pediatra o con l Otorino. Il viaggio in aereo è da evitare in caso di bambini affetti da una cardiopatia importante, per la riduzione dell'ossigeno presente nell'aria alle alte quote. LE PRINCIPALI DESTINAZIONI IN MONTAGNA Il bambino sano di qualsiasi età può soggiornare a qualsiasi altitudine (solo sopra i 2500 metri è necessario un periodo di acclimatazione) Alcuni consigli pratici: Scottature: in montagna ci si scotta più facilmente che al mare; dunque uare creme protettive e berrettini Vipere: fare indossare al bambino scarponcini alti, con un bel paio di calze; tenetelo sempre d'occhio ed insegnategli a non mettere mai le mani tra gli sterpi e i sassi; "battete" tutt'attorno la zona del picnic prima di lasciare giocare il bambino nell area prescelta per la sosta Punture di insetti: portate con voi una pomata a base di cortisone, ed applicatela se la puntura causa un forte prurito o gonfiore Bacche, piante e funghi velenosi: insegnate al bambino a non mettere mai in bocca bacche o frutti se non col vostro permesso Malattia da altitudine (in genere per quote di almeno m): in questi casi è molto importante salire gradualmente, con periodi di qualche gg di acclimatamento alle quote più basse

6 Acqua dei ruscelli: non va mai bevuta, anche se sembra pulita; è facilmente inquinata dagli alpeggi a quote più alte Latte appena munto, formaggi artigianali: buoni, spesso genuini, ma non sono pastorizzati e non danno sufficienti garanzie igieniche Torrenti: attraggono molto il bambino; tenetelo sempre d'occhio Escursioni: le scarpe devono essere alte e solide, non nuove (provarle per un po' a casa prima di usarle in un'escursione), ben allacciate, soprattutto in discesa, per evitare che si formino vesciche; i calzoni devono essere lunghi, magari facendo indossare sotto un paio di calzoncini corti; meglio un abbigliamento "a cipolla", formato cioè di vari strati: togliendo e mettendo uno strato alla volta si potrà graduare il vestiario a seconda della temperatura; berretto, guanti, giacca a vento devono sempre essere portati nello zaino, anche se il tempo è bello: in montagna il tempo cambia nel giro di qualche ora; se fate colazione al sacco, preparate cibi leggeri, non grassi AL MARE Alcuni consigli pratici: Assicurarsi che le acque siano balneabili evitate i tratti di costa vicino a scarichi fognari o industriali Tenere il bambino scoperto: avrà meno caldo e suderà meno; portate con voi in spiaggia acqua o altre bevande e date spesso da bere al bambino Esporre gradualmente al sole, proteggete la pelle con una crema ad alto fattore protettivo, evitare le ore centrali e più cale della giornata. Non portate il bambino piccolo in spiaggia dalle 11 alle 16. Ricordarsi che il bambino deve sempre essere bene idratato (fare bere il bambino acqua e succhi di frutta freschi ma mai ghiacciati). La protezione dalle ore più calde e dal sole diretto insieme ad una corretta idratazione eviteranno la possibilità di colpi di calore. Se il bambino ha meno di 3 mesi di vita, può giocare in una vasca riempita di acqua di mare (sempre che sia pulita) lasciata riscaldare al sole. Se il bambino è più grande, può fare il bagno direttamente in mare, tuttavia: Non forzatelo se non ha voglia di bagnarsi Lasciatelo giocare sul bagnasciuga in qualsiasi ora del giorno e indipendentemente dai pasti;il bagno completo può essere fatto tranquillamente in qualsiasi momento, a meno che l'acqua sia molto fredda, o il bambino vada a nuotare nell'acqua alta, o il pasto sia stato particolarmente abbondante (in tal caso è bene attendere almeno 2-3 ore) Non lasciate mai solo il bambino in acqua e tenetelo d'occhio costantemente. Alla fine del bagno, fategli fare una doccia di acqua dolce: per i più piccolini, si può riempire d'acqua dolce delle bottiglie di plastica, lasciandole poi al sole a scaldare (attenzione: controllate sempre che non sia troppo calda prima di usarla!) LE PICCOLE EMERGENZE AL MARE Meduse e ricci di mare Il contatto o le punture di medusa o ricci causano, di solito, bruciore, arrossamento, bolle e, nei casi più gravi (che richiedono il consulto di un medico), anche nausea, vomito e malessere. Raramente si possono presentare sintomi più seri, come difficoltà respiratoria, mal di pancia, crampi muscolari, fino ad arrivare allo shock anafilattico.

7 COSA SUCCEDE DOPO IL CONTATTO CON LE MEDUSE tentacoli hanno funzione sia offensiva sia difensiva; essi sono rivestiti da particolari cellule in grado di iniettare nella preda un liquido urticante. Il liquido può uccidere le prede più piccole che serviranno da alimento per la medusa o allontanare gli animali più grandi potenzialmente pericolosi. Il liquido urticante è di solito costituito da una miscela di tre proteine: una ad effetto paralizzante, una con effetto infiammatorio e una neurotossica. Fortunatamente le meduse presenti nei nostri mari, non uccidono, a differenza di alcune specie tropicali del Pacifico (Physalia Phisalis) che hanno un veleno molto tossico. Quindi in Italia, normalmente il contatto con i tentacoli della medusa provoca solo una reazione infiammatoria locale, sebbene alcune meduse di grandi dimensioni possano portare anche a shock anafilattico Al primo contatto tra la pelle e la medusa il bambino percepisce un forte bruciore e dolore. Subito dopo la pelle si arrossa e compaiono piccoli pomfi (formazioni rilevate della pelle) tipo orticaria. Il fastidio di bruciore si attenua in minuti e si inizia ad avvertire un intenso prurito. Se viene colpita una area più del 50% del corpo, l intensità di dolore-bruciore può diventare insopportabile. COSA FARE CON IL BAMBINO La prima cosa da fare è di tranquillizzare il bambino e farlo respirare normalmente. Se si è vicino alla riva, lo si fa uscire dall acqua, se si è a largo sorreggere il bambino e richiamare l attenzione per farsi aiutare specie se anche l accompagnatore è venuto a contatto con la medusa. Giunti a riva verificare che non vi siano parti di medusa rimaste attaccate alla pelle e nel caso eliminarle solo delicatamente con le mani. Se non si dispone di medicamenti può essere utile far scorrere acqua di mare sulla parte interessata per tentare di diluire la sostanza tossica non ancora penetrata. Evitare invece di grattarsi o di strofinare la sabbia o ricorrere a medicazioni estemporanee con ammoniaca, aceto, alcool o succo di limone e non usare acqua corrente del lavandino.: non si fa altro che peggiorare la situazione COME MEDICARE IL BAMBINO La medicazione corretta consiste nell applicazione di Gel astringente al cloruro d alluminio. Il Gel astringente ha un immediata azione antiprurito e blocca la diffusione delle tossine. Purtroppo non è ancora diffusa in Italia l abitudine di portare con se questo Gel astringente al cloruro d alluminio, che è peraltro utile anche per le punture di zanzara. In mancanza di questo presidio si può usare una creme al cortisone anche se ha un effetto più ritardato (entrano in azione dopo minuti dall applicazione), cioè quando il massimo della reazione si dovrebbe già essere spenta naturalmente IN CHE CASI PREOCCUPARSI Se immediatamente dopo il contatto la reazione cutanea diventa diffusa e compare difficoltà respiratorie, pallore, sudorazione e disorientamento, la cosa migliore è chiamare il 118 e spiegare di cosa si tratta: si riceveranno le istruzioni sul da farsi in attesa che arrivi il personale di Pronto Soccorso. GLI ESITI L area di pelle colpita dalle meduse rimane sensibile alla luce solare e tende scurirsi rapidamente. Per evitare che la pelle si macchi è bene evitare pomate antistaminiche e occorre tenere coperta l area colpita fino a quando è finita la razione infiammatoria (non più di due settimane). Anemone di mare Ha l aspetto di un grosso fiore ancorato alla roccia e possiede lunghi tentacoli, che rilasciano una sostanza irritante se vengono toccati. Vive in acque superficiali nei mari temperati e tropicali. Nella zona che è venuta a contatto con l anemone di mare si formano chiazze arrossate e rilevate e bolle. Il bambino prova bruciore e prurito. Nei soggetti particolarmente sensibili possono presentarsi anche nausea, vomito, malessere generale e, di rado, sintomi come difficoltà respiratoria, mal di pancia e crampi muscolari, fino allo shock anafilattico.

8 Pulire accuratamente la zona interessata con acqua. Rimuovere eventuali frammenti di tentacoli con pinzette sterili. Se i tentativi dovessero fallire e il bambino lamentasse molto dolore, è opportuno ricorrere subito al medico. Applicare impacchi di sabbia asciutta molto calda sulla parte, direttamente sulla pelle, per alleviare il bruciore e il dolore provocato dalla puntura. Successivamente, fare impacchi di acqua calda (in emergenza va bene anche quella del mare) oppure con alcol o aceto per circa mezz ora. Se i sintomi sono seri o se si notano ulcerazioni accentuate sulla pelle, meglio portare il bimbo al Pronto Soccorso. Pesce ragno E il pesce più velenoso del Mediterraneo. Di piccole dimensioni e di forma piatta, si mimetizza facilmente nella sabbia. A volte, camminando in acqua, capita di calpestarlo: il pesce reagisce pungendo il piede con le sue spine. La zona colpita, all inizio, appare biancastra; poi, diventa rapidamente rossa e gonfia (con il passare del tempo, l infiammazione si estende). La puntura del pesce ragno provoca un dolore molto intenso, che può durare da pochi minuti fino a molte ore e che diviene, in breve tempo, sempre più forte. A volte, è talmente acuto da causare una perdita di conoscenza, difficoltà di respirazione, febbre, mal di testa, nausea e vomito; nei casi più seri, si possono manifestare anche convulsioni. Pulire con cura la ferita e immergere la parte interessata in acqua salata calda (in emergenza va bene anche quella del mare) per almeno un ora, dato che la tossina inoculata dal pesce ragno è sensibile al calore. Rimuovere eventuali frammenti di aculei rimasti nella cute con le pinzette Disinfettare accuratamente la parte Chiamare il medico se compaiono sintomi generali oppure nei giorni successivi la ferita peggiorasse, diventando più rossa, gonfia e dolente. IN MONTAGNA Per i bambini sani di età superiore all'anno non ci sono particolari problemi di altitudine. I bambini di età inferiore ad un anno è bene non superino l'altitudine di 1500 metri. Possono anche arrivare a 2000 metri purché tale quota sia raggiunta gradualmente (come avviene durante escursioni a piedi) e non in poco tempo (con funivie o simili) perché ciò potrebbe causare qualche difficoltà respiratoria dovuta alla carenza di ossigeno che si verifica in quota. In caso di variazioni di altitudine piuttosto rapide si possono avere problemi anche per difetti di compensazione della pressione atmosferica presente nell'orecchio esterno e quella dell'orecchio medio con conseguente trauma sul timpano; ciò si verifica soprattutto se le cavità nasali non sono pervie come avviene, ad esempio, per un banale raffreddore. Per prevenire questo disturbo è bene stimolare la deglutizione facendo bere ogni tanto il bambino o meglio ancora facendogli tenere il succhiotto durante il viaggio. LE PICCOLE EMERGENZE IN MONTAGNA Ragni In genere i tipi di ragno presenti in Italia sono innocui. Solo in rarissimi casi i morsi sono dovuti a specie velenose: nel nostro Paese, solo il ragno violino, il ragno volterrano e la tarantola possono causare reazioni allergiche gravi (naturalmente sono eventualità rare). Applicare sulla zona interessata un cubetto di ghiaccio oppure un po di cotone imbevuto di acqua fredda Cercare di individuare il ragno e allontanarlo subito dalla camera del bambino, in modo da evitare che venga morso di nuovo Chiamare il pediatra se si forma una vescica o una macchia violacea (potrebbe infatti trattarsi di un ragno velenoso) oppure se compare una ferita che fatica a guarire.

9 Scorpioni Il Italia non rappresentano assolutamente una minaccia: il loro veleno, che viene iniettato attraverso il pungiglione situato sulla cosa, non causa infatti disturbi seri. La puntura è dolorosa e provoca gonfiore. In seguito, possono presentarsi nausea e vomito, una leggera febbre e, in rarissimi casi, shock anafilattico con difficoltà a respirare. Tranquillizzare il bambino, invitandolo a restare fermo, per evitare che il veleno si diffonda nel corpo. Applicare ghiaccio o impacchi di acqua fredda sulla parte Fasciare strettamente la gamba o il braccio dove si è verificata la puntura Se possibile, osservare la forma e il colore dello scorpione, in modo che il medico del Pronto Soccorso o del Centro Antiveleni possa scegliere eventualmente un antidoto specifico (in Italia, serve molto di rado) Serpenti non velenosi (bisce) In genere, evitano l uomo, ma può succedere che un bambino venga morso. La biscia è un serpente piuttosto lungo (più della vipera), il cui morso è sostanzialmente innocuo, anche per i piccoli. Di solito, la ferita è superficiale e sono praticamente inesistenti i rischi di infezione, tetano e rabbia. Il problema principale è escludere che si tratti di un morso di vipera: in genere, mancano i due forellini e la ferita non diventa bluastra, gonfia e dolente entro cinque minuti dal morso. tranquillizzare il bambino lavare la ferita con acqua e sapone contattare un medico per ricevere consigli per un eventuale medicazione o terapia e anche per escludere che si tratti del morso di una vipera Vipera Il Morso non è quasi mai mortale per un adulto o per un bambino di età superiore ai sei-otto anni, mentre i più piccoli possono correre seri rischi. La gravità della situazione dipende dalla quantità di veleno iniettata dal rettile e dalla sede del morso (sono più pericolosi quelli al collo o alla testa, meno quelli agli arti inferiori). In genere, la vipera attacca perché è stata calpestata o si sente minacciata, ad esempio, se si tocca un sasso sotto cui si è nascosta. I bimbi, quindi, sono più a rischio, per la loro tendenza a esplorare l ambiente e per l incapacità di valutare in modo adeguato il pericolo. In caso di morso, sulla pelle sono evidenti due forellini distanziati di 6-8 millimetri, da cui fuoriesce sangue misto a siero e circondati da un alone rosso. In breve, la zona diventa bluastra, gonfia e dolente. Se la quantità di veleno iniettata è notevole, il bambino: diventa molto pallido, sudato e ha i brividi presenta vomito, diarrea e dolore alla pancia fatica a respirare dopo una fase di agitazione, diviene sonnolento e può entrare in coma cercare di mantenere la calma portare immediatamente il bambino al Pronto Soccorso e, nel frattempo, chiamare un centro antiveleni per ricevere istruzioni Se il piccolo è cosciente e non presenta ancora disturbi provocati dal veleno, è importante ritardarne il più possibile l entrata in circolo. Ecco cosa fare: - lavare abbondantemente la ferita con acqua e sapone oppure con un fazzoletto, senza strofinare troppo, e coprirla con un indumento pulito (meglio se con una garza sterile) - se la ferita è a un braccio o a una gamba, applicare una fasciatura stretta a monte, immobilizzando l arto con una stecca e tenendolo più basso rispetto alla testa, fino all arrivo al Pronto Soccorso. Se il bambino presenta già disturbi dovuti al veleno, bisogna: - seguire le istruzioni precedenti - coprirlo se ha freddo

10 - eseguire la rianimazione cardio-polmonare, se necessario CHE COSA NON FARE Non incidere la ferita per farla sanguinare di più: si rischierebbe di aumentare il contatto tra il veleno e il sangue Non succhiare il sangue dal morso: se il soccorritore ha una lesione in bocca, il veleno può penetrare nel suo sangue Non iniettare il siero antivipera: una scorretta somministrazione potrebbe provocare una reazione pericolosa. Il siero, comunque, oggi non è più reperibile in farmacia. Solo in ambito ospedaliero può essere iniettato secondo criteri di opportunità e sicurezza. IN CAMPAGNA ED ANCHE IN CITTA Zanzare Le punture, in genere, provocano solo irritazione, prurito e gonfiore. La risposta individuale, però, è molto varia e, se particolarmente forte, bisogna fare ricorso a cure mediche. Se la reazione locale è intensa, si può usare per alleviare fastidio e prurito il ghiaccio o un antistaminico (alle dosi e nella forma consigliate dal pediatra). I prodotto repellenti sono un valido mezzo di prevenzione, ma possono avere effetti collaterali: vanno quindi utilizzati con attenzione evitando di applicarli sulla cute lesa e vicino agli occhi. Api, calabroni, vespe e zecche Alcuni insetti dotati di pungiglione, attraverso la puntura, iniettano il loro veleno. In genere, si presentano solo disturbi locali (se si è allergici, tuttavia, possono manifestarsi reazioni molto serie, fino allo shock anafilattico). Nella sede della puntura si forma una chiazza gonfia, rossa e dolente. Il mare scompare in breve tempo, ma il gonfiore può aumentare per ventiquattr ore. L infiammazione locale, inoltre, può durare anche due giorni. Al centro del rigonfiamento può essere visibile un puntino nero: è il segno che si trattava di un ape e il suo pungiglione è rimasto nella pelle del bambino. Se le punture sono numerose (e soprattutto se sono di calabrone) possono presentarsi vomito, diarrea, mal di testa e febbre: disturbi causati dalla grande quantità di veleno, non da un allergia. Rimuovere il pungiglione, se presente, con le pinzette o un ago sterilizzati. disinfettare con cura la parte applicare impacchi di ghiaccio, per alleviare il dolore per attenuare il prurito, si può ricorrere a creme cortisoniche oppure ad antistaminici per bocca (risultano più efficaci rispetto alle pomate) le punture in zone sensibili (come occhi o bocca) vanno trattate in ospedale di rado, compaiono manifestazioni allergiche (ad esempio, sudorazione, orticaria, pallore, difficoltà respiratoria e abbassamento della pressione). In questo caso, bisogna recarsi immediatamente al Pronto Soccorso. le zecche, se presenti nella pelle, vanno tolte con l aiuto delle pinzette. Bisogna assicurarsi di aver rimosso completamente il pungiglione. Se il bambino ha prurito, si può stendere una pomata antistaminica. Nel caso compaia anche un rash cutaneo circolare associato a febbre, malessere e dolori muscolari (in genere, treta-quaranta giorni dopo la puntura) è necessario rivolgersi subito al pediatra. VACANZE PARTICOLARI Le vacanze in camper, sotto una tenda o in roulotte sono certo vacanze un po' meno comode che in albergo, ma in compenso il bambino può giovarsi del senso di libertà che trasmettono e della condivisione di una esperienza educativa, che insegna a suddividere i compiti per una causa comune. Anche in questo, non esistono limitazioni particolari. basta un po' di buon senso. In camper valgono gli stessi consigli per l'auto. Fate attenzione, in particolare, se vi state muovendo in una zona trafficata: per evitare che frenate brusche e improvvise facciano cadere

11 o sbattere il bambino contro qualche oggetto, mettetelo temporaneamante seduto con la cintura (o col mezzo di ritenzione più adeguato se il bambino deve usarlo normalmente) o comunque fermo e impegnato al tavolino. In campeggio, eventuali problemi possono derivare dagli insetti, dal caldo, dal sole, dall'igiene dei luoghi comuni. Pertanto: proteggete il lettino del bambino con una zanzariera sistemate la tenda in un luogo ombreggiato scegliete un campegio dotato di acqua potabile e di buoni servizi igienici insegnate al bambino a lavarsi sempre le mani dopo che si è recato ai servizi igienici, anche per prevenire le infezioni intestinali L'ASSISTENZA SANITARIA IN VACANZA Portando con sé il libretto sanitario del bambino, è generalmente possibile fruire dell'assistenza di un pediatra di famiglia anche se, per motivi di vacanza, ci si trova fuori della propria USL di residenza, dietro pagamento di un compenso a tariffa fissa; esibendo la relativa fattura al vostro ritorno, potrete chiedere alla vostra ASL il rimborso della cifra pagata. Quanto detto vale negli orari dalle 8 alle 20 dei giorni feriali, e dalle 8 alle 10 del sabato (non però in tutte le regioni); altrimenti, il pediatra potrà pretendere di essere pagato in base alla tariffa di libero professionale; l'alternativa è in tal caso la guardia medica In caso di viaggio all estero, ricordarsi infine di telefonare o consultare il sito web del Ministero Esteri (http://www.esteri.it/mae/it) che ri-indirizzerà la ricerca ai siti consolari o delle rappresentanze Italiane del paese di destinazione, dove usualmente è fornita la lista dei medici (anche dei pediatri) che parlano Italiano e che sono a disposizione della comunità Italiana locale o dei turisti. QUALCHE CONSIDERAZIONE FINALE SULLA ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ESTATE Durante l estate il caldo fa si che le condizioni fisiologiche inducano l organismo a cambiare alimentazione, a causa di esigenze diverse dettate dalla stagione estiva. in base ad esse, cambia sia il metabolismo che l alimentazione. Il corpo, soprattutto quello dei bambini, ha bisogno di energia ed allo stesso tempo di liquidi, vitamine e sali minerali per poter contrastare la loro perdita maggiore in questo periodo. Con l estate le abitudini, anche involontariamente cambiano, il piccolo comincia a diventare inappetente e le mamme cominciano, dal canto loro, a disperarsi cercando di forzarli con il cucchiaio pieno di pastina! Perché il bambino non ha fame? Cosa succede nel suo organismo? I piccoli a causa del caldo e al maggior movimento, a volte tendono a perdere peso in estate anche perché il corpo cerca un equilibrio fisiologico diverso rispetto a quello invernale: brucia meno calorie per tenere equilibrata la termoregolazione del corpo. Per cui ecco che scatta il rifiuto del cibo e la costrizione da parte dei genitori innesca un meccanismo di ribellione del piccoli tanto da farli diventare maggiormente nervosi. Cosa fare: E chiaro che se il bambino rifiuta il cibo è perché il suo organismo ha bisogno di altri tipi di riserve, ad esempio, maggiori liquidi che aiutano a sopportare meglio il caldo e non la pasta o il pane che appesantiscono e difficili da digerire. Dunque, è opportuno offrirgli dei cibi che siano allo stesso tempo gustosi, sani e leggeri e che contengano un elevato valore energetico. I cibi facili da digerire e che possono facilmente essere assimilati dal corpo dando energia immediata, quelli consigliati sono la frutta e la verdura. Quindi frutta quanto più possibile ed inoltre favorire l assunzione di yogurt e frullati e, con moderazione e criterio, qualche volta anche gelati alla frutta: sempre senza esagerare.

12 Il frullato è abbastanza completo come alimento perché oltre a contenere la frutta ricca di vitamine e sali minerali, contiene il latte ricco di proteine importanti per la crescita e lo sviluppo soprattutto dei più piccoli. Coinvolgere psicologicamente il bambino è importante, per esempio invogliandolo a tagliare insieme ai genitori o ai familiari la frutta, rigorosamente con coltellino a punta arrotondata, e versare il contenuto del frullato in bicchieri con forme particolari per invitarlo a gustare con più facilità il frullato e far diventare il momento della merenda, o della colazione, un momento divertente e non un obbligo a mangiare. Le alte temperature tendono a ridurre le difese immunitarie dell organismo colpendo soprattutto anziani e bambini, quindi l obiettivo principale è quello di assumere alimenti nutrienti in grado di fornire difese al sistema. Dunque mai dimenticare frutta, verdura e yogurt che regolarizza l intestino. Alimenti utili per la stagione sono asparagi, albicocche, anguria, carote, pesche, zucchine, melone, fragole, lamponi, papaia, pomodori, ciliegie, peperoni gialli e rossi, cavolfiori ecc..

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario Lezione 07 Traumi dell Apparato Tegumentario La Cute Ferite Cosa è? Interruzione della continuità della cute Classificazione Taglio Punta Lacero Contusa Avulsione cutanea Complicanze: Gravità: Lesioni

Dettagli

MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI

MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI MORSI DI ANIMALI OBIETTIVI SAPERE: - i pericoli legati ai morsi di animali - principali animali con cui abbiamo a che fare SAPER FARE: - riconoscere

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

L INFERMIERE INFORMA...

L INFERMIERE INFORMA... L INFERMIERE INFORMA... IPASVI...e ti insegna i comportamenti più adeguati per ottimizzare il tuo stato di salute Il Morso di vipera Usare calzature alte, pantaloni lunghi e aderenti. Camminare con passo

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

CIBI ACQUA NORME IGIENICHE E GENERALI:

CIBI ACQUA NORME IGIENICHE E GENERALI: NORME IGIENICHE E GENERALI: CIBI Non mangiare verdura, frutta, legumi crudi o che non possano essere sbucciati o cotti. Evitare uova crude o poco cotte, pesce crudo o allevato in zone paludose o in prossimità

Dettagli

Salute. 1 di 1 22/07/11 16:15. (22 luglio 2011) RIPRODUZIONE RISERVATA

Salute. 1 di 1 22/07/11 16:15. (22 luglio 2011) RIPRODUZIONE RISERVATA Dieci consigli per viaggiare in salute - Repubblica.it http://www.repubblica.it/salute/interattivi/2011/07/22/news/di... Salute INTERATTIVO Dieci consigli per viaggiare in salute Vacanze in vista? Per

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

DIABETE E CURA DEI PIEDI

DIABETE E CURA DEI PIEDI DIABETE E CURA DEI PIEDI Un aspetto fondamentale del controllo del diabete è la cura appropriata dei piedi. È possibile ridurre o prevenire complicazioni gravi con una buona igiene del piede. Il vostro

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Comunicato stampa n. 303 23 giugno 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA Prevenzione dei rischi per la salute derivanti dalle ondate di calore Attivo numero verde

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

Eritemi solari e herpes labiale

Eritemi solari e herpes labiale Eritemi solari e herpes labiale ERITEMI SOLARI E HERPES LABIALE L eritema solare è un ustione di primo grado che si manifesta a seguito di una prolungata esposizione ai raggi UV; solitamente, la comparsa

Dettagli

La cute. La cute è l organo di maggiori dimensioni. del corpo umano, perché ne copre la. maggiore superficie

La cute. La cute è l organo di maggiori dimensioni. del corpo umano, perché ne copre la. maggiore superficie La cute La cute è l organo di maggiori dimensioni del corpo umano, perché ne copre la maggiore superficie I Strato: II Strato: III Strato: IV Strato: V Strato: La Cute ANATOMIA Epidermide Derma Tessuto

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Il tuo Pediatra Il tuo Pediatra Gentili Genitori, abbiamo realizzato questa guida Il tuo Pediatra per presentare in modo semplice e comprensibile l

Dettagli

Prima conferenza di Subrogalia sulla maternità

Prima conferenza di Subrogalia sulla maternità MAGGIO 2014 Prima conferenza di Subrogalia sulla maternità surrogata a Barcellona Il 1 maggio scorso ha avuto luogo la prima conferenza sulla MATERNITÀ SURROGATA SUBROGALIA, nella sala conferenze della

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

Dispensa di Pronto Soccorso

Dispensa di Pronto Soccorso Dispensa di Pronto Soccorso Branco "Popolo Libero" Le informazioni raccolte in questa dispensa sono pubblicate su http://www.linguaggioglobale.com/sos Indice generale Bendaggi e fasciature...2 Cosa sono...2

Dettagli

un'estate sicura perchè il mare sia divertimento Realizzato da: S.C. Promozione della salute dell'asl 5 "Spezzino"

un'estate sicura perchè il mare sia divertimento Realizzato da: S.C. Promozione della salute dell'asl 5 Spezzino buone vacanze un'estate sicura perchè il mare sia divertimento Realizzato da: S.C. Promozione della salute dell'asl 5 "Spezzino" Testi e progetto di: Flavio Cavallini CONSIGLI E REGOLE DA RISPETTARE L'acqua

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE I PIEDI MERITANO ATTENZIONE A cura del Prof. Mauro Montesi Presidente Associazione Italiana Podologi Roma UN COMPAGNO DI VITA SCOMODO Il diabete mellito è una malattia metabolica cronica che in Italia

Dettagli

INTOSSICAZIONI e AVVELENAMENTI. INTOSSICAZIONI e AVVELENAMENTI MORSI DI ANIMALI TOSSICODIPENDENZE

INTOSSICAZIONI e AVVELENAMENTI. INTOSSICAZIONI e AVVELENAMENTI MORSI DI ANIMALI TOSSICODIPENDENZE INTOSSICAZIONI e AVVELENAMENTI MORSI DI ANIMALI TOSSICODIPENDENZE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI INTOSSICAZIONI e AVVELENAMENTI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI (CRI Valdagno) INTOSSICAZIONI

Dettagli

Allergia. Cosa sono e come si presentano. Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico

Allergia. Cosa sono e come si presentano. Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico Allergia Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico Cosa sono e come si presentano Le allergie sono una eccessiva reazione a sostanze che in

Dettagli

Informazioni per i Genitori

Informazioni per i Genitori Informazioni per i Genitori Gentili genitori, in occasione dell estate vi invio alcune informazioni: 1. consigli per la salute del vostro bambino durante le vacanze (pagine successive) 2. bilanci di salute

Dettagli

COMPORTAMENTI DA ADOTTARE IN CASO DI EMERGENZA

COMPORTAMENTI DA ADOTTARE IN CASO DI EMERGENZA COMPORTAMENTI DA ADOTTARE IN CASO DI EMERGENZA Le vigenti norme in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro prevedono che tutti gli operatori ricevano un adeguata formazione ed informazione in

Dettagli

allergie allergie Cosa sono Come si manifestano

allergie allergie Cosa sono Come si manifestano automedicazione per chi va in vacanza all estero allergie allergie Cosa sono L allergia è una ipersensibilità ad una particolare sostanza, detta allergene, che, quando è inalata, ingerita o toccata, produce

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

IL KIT DA PRONTO SOCCORSO PER L ESCURSIONISTA (C. FALASCONI)

IL KIT DA PRONTO SOCCORSO PER L ESCURSIONISTA (C. FALASCONI) IL KIT DA PRONTO SOCCORSO PER L ESCURSIONISTA (C. FALASCONI) PREMESSA Andare in montagna per escursioni più o meno impegnative rappresenta un'attività ludicoricreativa (evidentemente la nostra preferita)

Dettagli

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO!

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! Il neonato va posto direttamente nel suo lettino! Non serve farlo dormire nella carrozzina o in ceste o culle. IN CAMERA CON I GENITORI SI NEL LETTONE NO!

Dettagli

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo L IGIENE DEL NEONATO CAMBIO DEL PANNOLINO BAGNETTO CURA DEL CORDONE OMBELICALE CURA DI OCCHI, ORECCHIE E NASO CURA DELLA CUTE TAGLIO DELLE UNGHIE VESTIARIO STERILIZZAZIONE Per ogni donna la maternità è

Dettagli

Abound. Informazioni e Ricette. www.abound.net. Informazioni per il tuo farmacista: Disponibile in confezione da 30 buste, nei gusti: Arancio Neutro

Abound. Informazioni e Ricette. www.abound.net. Informazioni per il tuo farmacista: Disponibile in confezione da 30 buste, nei gusti: Arancio Neutro Ricostruire. Recuperare. Rimettersi in forma. Abound Informazioni e Ricette Informazioni per il tuo farmacista: Disponibile in confezione da 30 buste, nei gusti: Arancio Neutro NAO MPC 2189 01/2010 www.abound.net

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 - Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.it ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO INTRODUZIONE

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM Alta tecnologia Made in Germany per una nuova terapia di Herpes Labialis - senza sostanze chimiche! Che cosa è HERPOTHERM? HERPOTHERM è un nuovo, ma soprattutto innovativo,

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! copyright. E vietata la copia e la diffusione anche a titolo gratuito.

Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! copyright. E vietata la copia e la diffusione anche a titolo gratuito. Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! LE COSE CHE DEVI SAPERE PER IL BAGNETTO A CASA! Il bagnetto non deve essere visto solamente come momento per pulire il proprio bambino ma come un'occasione

Dettagli

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee SALVE, SONO IL DOTTOR CHI. IN QUESTO OPUSCOLO TI DARÒ UNA SERIE DI CONSIGLI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO LE TOSSICITÀ DELLA PELLE. SEGUIMI! SARÒ AL TUO

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

Il tuo bambino è nato: impara a proteggerlo. Piano Regionale della Prevenzione degli incidenti stradali e domestici

Il tuo bambino è nato: impara a proteggerlo. Piano Regionale della Prevenzione degli incidenti stradali e domestici Il tuo bambino è nato: impara a proteggerlo Piano Regionale della Prevenzione degli incidenti stradali e domestici SCOPO DELL OPUSCOLO Questo opuscolo vuol essere una breve guida per conoscere i pericoli

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa Medicina in cucina insaporire per prevenire Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa L'anno scorso la scuola elementare Pascoli e l' Istituto Professionale Cossa hanno sviluppato il progetto: La chimica

Dettagli

Programma di contrasto agli effetti dannosi sulla salute delle ondate di calore in Friuli Venezia Giulia per l anno 2007.

Programma di contrasto agli effetti dannosi sulla salute delle ondate di calore in Friuli Venezia Giulia per l anno 2007. Programma di contrasto agli effetti dannosi sulla salute delle ondate di calore in Friuli Venezia Giulia per l anno 2007. Introduzione Le ondate di calore sono definite come la successione di almeno tre

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Ferite. Trattamento delle piccole ferite

Ferite. Trattamento delle piccole ferite Ferite Le ferite sono classificate in: Escoriazioni e abrasioni Sono spesso il risultato di uno scivolone. Si infettano facilmente in quanto inquinate da polvere e sabbia. Ferite da punta Provocate da

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera Ferite ed emorragie LA PELLE Funzioni delle pelle: - Rivestimento e protezione - Termoregolatrice (attraverso il sudore) - Depuratrice (eliminaz Sali, sost dannose - Reazione ai raggi solari (melanina)

Dettagli

1 Vita Hexin Pomata per le ferite e per la pelle

1 Vita Hexin Pomata per le ferite e per la pelle Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS Esercito svizzero Forze terrestri Formazione d addestramento della logistica Capo S vet CC S vet e anim Es 3000

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

S.O.S. Primo Soccorso. Cos è. Cosa fare. Cosa non fare. I casi più comuni:

S.O.S. Primo Soccorso. Cos è. Cosa fare. Cosa non fare. I casi più comuni: Cos è S.O.S. Primo Soccorso Il primo soccorso è l'assistenza prestata alla vittima di un incidente o di un malore nell'attesa dell arrivo di personale qualificato (medico, ambulanza, pronto soccorso ospedaliero).

Dettagli

RADIESSE IMPIANTO INIETTABILE

RADIESSE IMPIANTO INIETTABILE RADIESSE IMPIANTO INIETTABILE Radiesse e un impianto iniettabile costituito da idrossiapatite, fornito dalla casa produttrice gia sterile e apirogeno, preconfezionato in siringa sterile adeguata per una

Dettagli

astoplastica Riduttiva

astoplastica Riduttiva astoplastica Riduttiva 1 MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Quando una donna ha le mammelle molto grandi e cadenti può accusare una serie di disturbi dovuti al peso eccessivo; male alla schiena e al collo, irritazioni

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE

VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE Quattrozampeinfiera 7-8 giugno 2014 Novegro Manuela Michelazzi, DVM Specialista in Etologia Applicata e Benessere Animale 1) CONSIGLI PER IL VIAGGIO Verificare che la

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 2/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 3/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 4/9 Tinozza vasca da bagno

Dettagli

www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia

www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia Ciao! Sono Nella Cortese di www.dietahl.com, distributore Herbalife. In questo piccolo documento voglio spiegarti come usare

Dettagli

L allergia L allergia è una reazione eccessiva del sistema immunitario verso una sostanza, detta allergene, che solitamente non dà alcun problema nella maggior parte della popolazione. L allergia può essere

Dettagli

ABBIGLIAMENTO ED EBS, SINDROME DI KINDLER

ABBIGLIAMENTO ED EBS, SINDROME DI KINDLER ABBIGLIAMENTO ED EBS, SINDROME DI KINDLER 1. Introduzione Così come per i soggetti dalla pelle sana, anche per coloro che sono affetti da EB l abbigliamento riveste particolare importanza. Se è comodo

Dettagli

Malattie infettive dell infanzia

Malattie infettive dell infanzia Malattie infettive dell infanzia (Varicella, Morbillo, Parotite, Pertosse, Rosolia, Quinta malattia, Scarlattina, Sesta malattia) Queste malattie sono causate da virus eccetto la scarlattina che è causata

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. RELENZA 5 mg/dose polvere per inalazione in contenitore monodose zanamivir

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. RELENZA 5 mg/dose polvere per inalazione in contenitore monodose zanamivir FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE RELENZA 5 mg/dose polvere per inalazione in contenitore monodose zanamivir Legga attentamente tutto questo foglio prima di iniziare ad usare questo

Dettagli

La complicanza del trasporto ordinario

La complicanza del trasporto ordinario La complicanza del trasporto ordinario Obiettivo della lezione I trasporti ordinari più frequenti Le possibili complicanze Come intervenire in modo corretto I trasporti ordinari più frequenti I trasporti

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

Il piede diabetico. Guida alla cura dei piedi

Il piede diabetico. Guida alla cura dei piedi E TCONVIVERE CON IL DIABE Il piede diabetico Guida alla cura dei piedi Progettazione, cura editoriale e impaginazione: In Pagina - Milano Stampa: GECA SPA - Cesano Boscone (MI) Finito di stampare: Maggio

Dettagli

Modo di Uso CUOIO CAPELLUTO

Modo di Uso CUOIO CAPELLUTO Modo di Uso CUOIO CAPELLUTO Al mattino si applicherà, frizionando vigorosamente, la Shivax Plus. Ripetere l'applicazione con la Shivax Plus la sera. Il look sarà quello di una persona che utilizza il gel.

Dettagli

Vestiario e abitudini giornaliere

Vestiario e abitudini giornaliere Vestiario e abitudini giornaliere Il vestiario Conviene sempre mettere a contatto con la pelle del neonato un body di cotone, sostiene Elena Calcinai, pediatra presso l Ospedale Macedonio Melloni di Milano.

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere Ministero della Salute La salute dell anziano Vademecum per la promozione e il mantenimento del benessere Care amiche e cari amici, questo piccolo opuscolo racchiude alcuni semplici ma importanti consigli

Dettagli

PRIMA REGOLA: MANTENIAMO LA CALMA NON METTIAMO IN PERICOLO DI VITA ANCHE NOI CHIAMIAMO IL 118

PRIMA REGOLA: MANTENIAMO LA CALMA NON METTIAMO IN PERICOLO DI VITA ANCHE NOI CHIAMIAMO IL 118 PRIMA REGOLA: MANTENIAMO LA CALMA NON METTIAMO IN PERICOLO DI VITA ANCHE NOI CHIAMIAMO IL 118 Nella scala di priorità (1. pericolo di vita, 2. situazione gravissima ma che può attendere, 3. situazione

Dettagli