Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati"

Transcript

1 Anagrafica n. ID 928 n. Prot Data prot. 27/12/2013 Soggetto proponente Pubblico Mittente Comune di Spinazzola Comune Informazioni catastali Elaborato/i di piano osservati 6 - Sistema delle tutele: Struttura Idrogeomorfologica Botanico vegetazionale Antropica e storico culturale Componente UCP lame e gravine, grotte; UCP formazioni arbustive in evoluzione naturale; UCP testimonianze della stratificazione insediativa; Documenti presentati 1 Relazione, D.C.C., Shape files. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta.

2 Dati osservazione Oggetto: Proposta di integrazione del Sistema delle Tutele del PPTR miranti al riconoscimento di ulteriori valori paesaggistici dell'area ricadente nel territorio comunale denominata Grottelline, non ritenendo esaustive le specifiche misure di salvaguardia e di utilizzazione riferite alla presenza dell Ulteriore Contesto Paesaggistico individuato come Geosito definito dall'art.50, comma 5 e della Zona di interesse archeologica definita dall art.80 delle NTA. 1. Struttura Idrogeomorfologica 1.1 Componenti geomorfologiche - Lame e Gravine come definite dall'art.50, comma 2 e come normate dall'art.54 delle NTA del PPTR. L area proposta, ad una valutazione più specifica, presenta le tipiche caratteristiche dei solchi erosivi di natura carsica, peculiari del territorio pugliese, dovuti all azione naturale di corsi d acqua di natura episodica. La zona di cui fa parte il sito è attraversata dal torrente Roviniero che scorre nella valle e da ruscelli tributari del suddetto torrente. I solchi erosivi caratterizzano particolarmente il lungo versante meridionale dell alto piano murgiano verso la compagine bradanica; questi si presentano con tracciati paralleli di diverse lunghezze e con altrettanta varietà di classi di pendenza dei fianchi interni alla lama; così come dimostrato dalla presenza di una situazione similare posta adovest della lama oggetto della presente osservazione e riconosciuto nell ambito del sistema delle tutele come lama dal PPTR adottato. 1.2 Componenti geomorfologiche - Grotte come definite dall'art.50 comma4 e come normate dall'art.55 delle NTA del PPTR. L area proposta è caratterizzata da una significativa presenza di cavità sotterranee di natura carsica generate dalla corrosione di rocce solubili, anche per l azione delle acque sotterranee, alla quale si aggiunge, subordinatamente, anche il fenomeno dell'erosione meccanica; queste sono state nel tempo oggetto di ripetute alterazioni e manomissioni, lasciando tuttavia riconoscibili e visibili significative testimonianza di naturalità, coma per la chiesa rupestre lungo il versante ovest dalla lama. 2.Struttura ecosistemica ed ambientale 2.1 Componenti botanico vegetazionali -Formazioni arbustive in evoluzione naturale come definite dall'art 59, comma 3 e come normate dall'art.66 delle NTAdel PPTR; L area proposta, ad una indagine specifica è caratterizzata da formazioni vegetali basse e chiuse tra i versanti della lama; queste sono composte principalmente da cespugli, arbusti e piante erbacee in evoluzione naturale permettendo un interscambio ad una scala più vasta tra le aree naturali dell altopiano murgiano e quelle delle aree del versante bradanico. Nello specifico, l area oggetto di osservazione, benché esterna al SIC/ZPS Murgia Alta, cod. lt , rientra tuttavia in un ambito di transizione e tra una delle aree substeppiche più vaste d Italia, con vegetazione erbacea presente negli habitat d interesse comunitario prioritari delle Formazioni erbose secche seminaturali e facies coperte da cespugli su substrato calcareo (Festuco-Brometalia) (*stupenda fioritura di orchidee) cod. 62l 0* e dei Percorsi substeppici di graminacee e piante annue dei Thero- Brachypodietea. Tra gli altri habitat d interesse comunitario sono presenti: pareti rocciose calcaree con vegetazione casmofitica (cod 8210), Querceti a Quercus trojana casmofitica (cod 8250). Tra gli uccelli sono presenti specie prioritarie d interesse comunitario nidificanti, il grillaio (Falco naumanni), il lanario (Falco biarmicus feldeggii); quest ultimo presente in ragione della specifica caratteristica del sito oggetto di osservazione di essere una delle due aree riproduttive (cfr. Servizio Ecologla, Regione Puglia, Ufficio Programmazione politiche energetiche, VIA e VAS). 3.Struttura antropica e storico-culturale 3.1 Componenti culturali ed insediative-testimonianze della stratificazione insediativa come definite dall'art.76, comma 2/a e normate dall'art.81 delle NTA del PPTR; L area proposta, ad una valutazione più specifica, presenta le caratteristiche di sito interessato da stratificazione di beni storico culturali di particolare valore paesaggistico in quanto espressione dei caratteri identitari del territorio regionale. Nello specifico l intera aerea oggetto di osservazione, presenta i tipici caratteri di un villaggio rurale rupestre, essendo collocato lungo i versanti dell alto piano murgiano, in corrispondenza delle incisioni carsiche e lungo le vie di comunicazione più importanti. La ricca stratifi cazione del sito, che si articola lungo un

3 arco temporale significativo con testimonianze peculiari nei periodi, neolitico, bizantino, normanno-svevo, è documentata dalla: -presenza del sito di interesse archeologico denominata località Grottelline (istituita con D.M.08/11/06 e soggetta alle disposizioni del D.Lgs. 22/01/04n 42); -dalle segnalazioni in sede di censimento dei beni culturali del Documento Preliminare del Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Barletta Andria Trani (approvato con DGP nr66 del ); Nello specifico sono incluse nell area oggetto di osservazione le seguenti testimonianze: -diffusi resti di attività estrattive della calcarenite riutilizzate in ricoveri per gli armenti o altre attività di servizio collaterali; -la chiesa rupestre ipogea a cinque absidi e croce greca (lat ,13 - long ,92 ); -Masseria Salomone di pregevole architettura risalente ai secoli XVI-XVII con annessi altri fabbricati di più recente costruzione; ad ovest infine un gruppo di costruzioni rurali. -Casale di Grottellini, possedimento dei Templari documentato sin dal 1197, ora denominato Masseria Grottellini o anche Viti, costituito da una costruzione centrale, ubicata nel territorio dipoggiorsini, circondata da innumerevoli grotte che concorrono alla funzionalità della struttura. L intero complesso, la cui area di pertinenza ricade anche in agro di Spinazzola, è sottoposto a tutela ai sensi della legge n 1089 del 1939 individuata ed elencata nella cartografia del P.U.T.T./P. con segnalazione architettonica e compresa in Ambito Territoriale Esteso di valore distinguibile C dell art.2.01 che recita: valore distinguibile ( C ); D E L I B E R A Le premesse costituiscono parte integrante del presente deliberato; Di Approvare le osservazioni di merito che implementano il sistema delle tutele in materia di "Ulteriori Contesti Paesaggistici"come esplicitate nelle premesse, unitamente agli elaborati grafici, disponibili anche nello strato informativo in formato shapefile, riportanti la ubicazione delle strutture descrittive dei caratteri del paesaggio; DI Richiedere alla Regione di recepire nell'ambito del PPTR le osservazioni di merito approvate col presente atto; DI Riservarsi di formulare eventuali ulteriori osservazioni per le restanti aree del territorio comunale; DI Attivarsi affinchè venga attivata a livello europeo, una richiesta di procedura di infrazione per palese violazione della DIRETTIVA 2009/147/CE, concernente la conservazione degli uccelli selvatici; DI Attivarsi affinchè venga attivata a livello europeo una richiesta di procedura di infrazione, per palese violazione della Direttiva 2008/98/CE del Parlamento Europeo; Di Attivarsi, affinchè sulla base del Decreto 25 marzo 2005, predisposto dal ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del mare, in relazione all'art. 6 della direttiva Habitat (92/43/CEE), si attivino i procedimeni volti al riconoscimento quali "Siti di interesse comunitario (SIC) il sito neolitico di Grottelline, il villaggio dell'età del bronzo in località Castello, le incisioni in località Cavone e la villa di epoca romana in località Santissima e le cave di bauxite; DI Attivarsi, attraverso il Ministero dell'ambiente di intesa con il Ministero delle Politiche Agricole, affinchè sulla base della direttiva 79/409/CEE, recepita in Italia con la legg , n.157, si provveda ad estendere all'intera area in località Grottelline i vincoli ZPS (Zone a protezione speciale); DI Incaricare il Servizio tecnico di inviare le osservazioni in parola alla Regione corredate dei corrispondenti shapefile, riportanti la ubicazione delle strutture descrittive dei caratteri del paesaggio approvate col presente atto; DI Dare atto che il presente atto non comporta oneri economici a carico dell'ente; Di Trasmettere il presente deliberato a: Presidente della Regione Puglia, Assessori regionali, Consiglieri regionali, consiglio Europeo, all'agenzia Europea per l'ambiente, al Commissario Europeo per l'ambiente, alla Corte di Giustizia Europea, alla Corte Europea per i diritti dell'uomo. DI Dichiarare il presente provvedimento, con voti favorevoli 9, immediatamente eseguibile ai sensi dell'art.134, comma 4 del D.Lgsl. n.267/2000. Istruttoria - controdeduzioni Dopo attenta analisi dei luoghi e della documentazione prodotta si conviene con l Amministrazione comunale di Spinazzola e si propone l integrazione delle seguenti componenti del sistema delle tutele:

4 a) UCP - Testmonianze della stratificazione insediativa - Casale Grottelline-Mass. Salomone quali sito pluristratificato; b) UCP - Geositi 100m - Ulteriori cave storiche di bauxite; c) UCP - Lame e Gravine - Lama di Grottelline Si allegano gli shape delle integrazioni. Non si accoglie la proposta di integrazione delle seguenti componenti: a) UCP - Formazioni arbustive in evoluzione naturale - in quanto la perimetrazione proposta si sovrappone ad un area tipizzata dal PPTR più pertinentemente come Ucp - Prati e pascoli naturali; b) UCP - Grotte - in quanto le grotte segnalate nell osservazione non sono presenti nel Catasto Grotte della regione Puglia e più che da un punto di vista geomorfologico si caratterizzano quali siti storici di insediamento umano e quindi ricompresi nella delimitazione dell UCP - Testmonianze della stratificazione insediativa - Casale Grottelline-Mass. Salomone. L osservazione è parzialmente accolta. Istruttore Arch Aldo Creanza Allegati Proposta di integrazione dell UCP - Geositi 100m

5 Proposta di integrazione dell UCP - Testimonianze della stratificazione insediativa Proposta di integrazione dell UCP

6

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I Azione D.4 Realizzazione e collocazione di Pannelli informativi Accettura, 17 maggio 2012 OBIETTIVI Gli obiettivi generali dell azione sono: Promozione e sensibilizzazione al rispetto

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Comune di Patù. Documento Programmatico Preliminare. Q.1 Vincoli sovraordinati Scala 1: 5000 Novembre 2013. Progettazione. Ufficio di Piano Patù

Comune di Patù. Documento Programmatico Preliminare. Q.1 Vincoli sovraordinati Scala 1: 5000 Novembre 2013. Progettazione. Ufficio di Piano Patù Q.1 Vincoli sovraordinati Bosco Area di rispetto costa (300 m) Vincolo paesaggistico art. 136 Dlgs 42/2004 Vincolo idrogeologico Sic Mare Q.2 Invarianti del sistema idrogeomorfologico Grotta Area di rispetto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA A RELAZIONE ILLUSTRATIVA PREMESSA L art. 5.06 del Piano Urbanistico Territoriale Tematico Paesaggio (PUTT/p), approvato dalla Regione Puglia con Delibera di Giunta Regionale del 15 dicembre 2000, n. 1748

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

N.2548 /7/Reg. Deter. Data, 31/07/2012

N.2548 /7/Reg. Deter. Data, 31/07/2012 Provincia di Foggia Settore Assetto del Territorio SIT e Beni Culturali Sede: Via Telesforo, 25-71100 FOGGIA tel. 0881/791347 /401/351 fax 0881/791434 codice fiscale 00374200715 N.2548 /7/Reg. Deter. Data,

Dettagli

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA OBIETTIVO DEL PRESENTE INTERVENTO È UNA RIFLESSIONE SULLE STRATEGIE ED AZIONI SVOLTE E DA PIANIFICARE NELLA REGIONE PUGLIA IN TEMA DI GESTIONE DELLA RETE NATURA

Dettagli

Parchi e Riserve Naturali, confermata dal Dirigente del competente Servizio Ecologia, riferisce:

Parchi e Riserve Naturali, confermata dal Dirigente del competente Servizio Ecologia, riferisce: 19452 zione di euro 4.618,12 dal capitolo 1110090/09 e aumento di pari importo, in termini di competenza e cassa, sul correlato capitolo 1318/09 rientrante nella U.P.B. del medesimo Servizio Ragioneria;

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE Provincia di Foggia Settore Assetto del Territorio SIT e Beni Culturali Sede: Via Telesforo, 25-71100 FOGGIA tel. 0881/791347 /401/351 fax 0881/791434 codice fiscale 00374200715 N. 3388 /7/Reg. Deter.

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 PARERE RELATIVO ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA Direttiva 92/43/CEE, art.6, D.P.R. 08/09/1997 n. 357, art.5. Oggetto: D.P.R. n.

Dettagli

Anagrafica. Dati osservazione. parzialmente accolta

Anagrafica. Dati osservazione. parzialmente accolta Anagrafica n. ID 237 n. Prot. 9850 Data prot. 05/11/2013 Soggetto proponente Privato Mittente Jonica impianti srl Comune Informazioni catastali Elaborato/i di piano osservati Sistema delle tutele; Linee

Dettagli

(Progetto RI.CO.PRI.) Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell Italia centromeridionale

(Progetto RI.CO.PRI.) Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell Italia centromeridionale (Progetto RI.CO.PRI.) Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell Italia centromeridionale Comune di Cerreto Laziale Il Progettista e Direttore dei Lavori: Dott. Forestale e Dott. in Arch. Del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 33. Tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e speleologico. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 33. Tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e speleologico. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO 25652 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 33 Tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e speleologico. La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

TITOLO 3 VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E PAESAGGISTICHE Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio

TITOLO 3 VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E PAESAGGISTICHE Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio Unità di paesaggio (Art. 3.1-3.2) Indicazioni generali Le unità di paesaggio, al fine di garantire una gestione del territorio coerente con gli obiettivi di valorizzazione

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1)

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica società impresa ente 2. TIPOLOGIA

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE Provincia di Foggia Settore Assetto del Territorio SIT e Beni Culturali Sede: Via Telesforo, 25-71100 FOGGIA tel. 0881/791347 /401/351 fax 0881/791434 codice fiscale 00374200715 N. 3385/7/Reg. Deter. Data,

Dettagli

AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE

AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE REGIONE MARCHE Delibera n. 13 del 30 Aprile 2001 AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE COMITATO ISTITUZIONALE OGGETTO: L. 183/89 L. 267/98 - L. 365/00 - L.R. 13/99 -. Adozione del Progetto di Piano

Dettagli

AL COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE

AL COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Protocollo... SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA N... del... (Riservato all Ufficio) AL COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività (Artt.

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI

PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI Dott. ROSETO CARMELO PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI COPIA DI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE POLITICHE COMUNITARIE E SERVIZI ATTIVI AL CITTADINO N. Reg.Settore 58 del Oggetto: Progetto LIFE

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005 SERVIZIO 4 - ASSETTO DEL TERRITORIO PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLA TERZA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46 DEL 25.10.2008 RELATIVA ALL ADEGUAMENTO AL P.R.A.E. DELLA

Dettagli

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO Relazione del Responsabile del Procedimento Ai sensi dell art. 16 della L.R.T. 1/2005 Introduzione e generalità Il procedimento di formazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 21 febbraio 2006 - Deliberazione N. 231 - Area Generale di Coordinamento N. 5 - Ecologia,

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici

CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici Cristina Lucca Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici delle Province di Torino, Asti,

Dettagli

CITTÁ DI MESSINA VARIANTE PARZIALE PER LA MODIFICA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE A SEGUITO DI RICHIESTA DI DECLASSIFICAZIONE A ZONA AGRICOLA.

CITTÁ DI MESSINA VARIANTE PARZIALE PER LA MODIFICA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE A SEGUITO DI RICHIESTA DI DECLASSIFICAZIONE A ZONA AGRICOLA. CITTÁ DI MESSINA VARIANTE PARZIALE PER LA MODIFICA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE A SEGUITO DI RICHIESTA DI DECLASSIFICAZIONE A ZONA AGRICOLA. DITTA: SERGI DOMENICO; SERGI MAURO; SERGI SANTI; IANNELLI ANNA

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE AGRICOLTURA

IL DIRETTORE GENERALE AGRICOLTURA ADOZIONE LINEE GUIDA ED ELENCO SUPPORTI UTILI PER RELAZIONE DESCRITTIVA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 1442/2001 (RETE 'NATURA 2000') Visti: IL DIRETTORE GENERALE AGRICOLTURA - la Direttiva

Dettagli

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 27 marzo 2008 Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida SITI NATURA 2000 LAZIO DGR

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1)

RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2): persona fisica società impresa

Dettagli

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 6 AGRICOLTURA FORESTE E FORESTAZIONE AREA TERRITORIALE [*1]... [*2].... [*3] Via........ [ CAP ] [ CITTÀ ] www.assagri.regione.calabria.it Per il tramite del Suap del Comune

Dettagli

Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw. Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw Medi: 1000 Pe < 5000 kw Grandi: Pe 5000 kw

Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw. Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw Medi: 1000 Pe < 5000 kw Grandi: Pe 5000 kw IMPIANTI A BIOMASSA - FILIERA DEI COMBUSTIBILI LIQUIDI AMBITI DI Siti UNESCO - candidature in atto Core zone Siti UNESCO - candidature in atto buffer zone Beni Paesaggistici PRINCIPALI DISPOSIZIONI DI

Dettagli

A relazione degli Assessori Casoni, Coppola, Quaglia: Premesso che:

A relazione degli Assessori Casoni, Coppola, Quaglia: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU21 24/05/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 8 maggio 2012, n. 31-3835 Programma di intervento per la valorizzazione integrata delle strutture regionali del Parco naturale La Mandria

Dettagli

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Piano urbanistico attuattivo ambito territoriale denominato Altanea Brian. Ditte AGRICOLA ED IMMOBILIARE STRETTI s.s., SOCIETA AGRICOLA NOGARA s.s., SOCIETA AGRICOLA LAGUNA VERDE s.a.s. ADOZIONE.

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO. Il sottoscritto cod. fisc.

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO. Il sottoscritto cod. fisc. AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO N. Prot. OGGETTO: COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Istallazione di un impianto fotovoltaico (Art.

Dettagli

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO 1 STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO In attuazione del comma 2, lett. d) art. 6 della L.R. n. 14 del 30.07.2009 Misure straordinarie ed urgenti a sostegno dell attività edilizia e per il miglioramento della

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

base dell istruttoria effettuata dal funzionario dell Ufficio Osservatorio Fitosanitario, riferisce:

base dell istruttoria effettuata dal funzionario dell Ufficio Osservatorio Fitosanitario, riferisce: base dell istruttoria effettuata dal funzionario dell Ufficio Osservatorio Fitosanitario, riferisce: Visto il D. Lgs. n 214 del 19/08/05 che dispone che i Servizi Fitosanitari Regionali istituiti dal Decreto

Dettagli

degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati Ai Consiglieri Nazionali Ai componenti il Comitato Amministratore AGROTECNICI/ENPAIA LORO SEDI e-mail

degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati Ai Consiglieri Nazionali Ai componenti il Comitato Amministratore AGROTECNICI/ENPAIA LORO SEDI e-mail Roma, 12 marzo 2013 Prot. n. 1130/ARA OR/ml Oggetto: competenze professionali in valutazioni di incidenza ambientale. Direttiva n. 92/43/CEE e DPR n. 357/1997. Circolare pubblica. Ai Presidenti dei Collegi

Dettagli

COMUNE DI RUVO DI PUGLIA

COMUNE DI RUVO DI PUGLIA COMUNE DI RUVO DI PUGLIA ( PROVINCIA BA) REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE FOTOVOLTAICA DENOMINATA "RUBIS SOLARE" E DELLE OPERE ED INFRASTRUTTURE CONNESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RUVO DI PUGLIA PRODUZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 ottobre 2010, n. 2172

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 ottobre 2010, n. 2172 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 ottobre 2010, n. 2172 PO FESR 2007-2013 - ASSE IV - LINEA 4.4 INTERVENTI PER LA RETE ECOLOGICA - AZIONE 4.4.1 - ATTIVITA E - Approvazione schema di convenzione

Dettagli

COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO STRUTTURALE

COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO STRUTTURALE COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO REGOLATORE GENERALE PIANO STRUTTURALE L.R. 16 gennaio 1995 n 5 art. 24 VALUTAZIONE DELL'INCIDENZA DEL PIANO STRUTTURALE DEL COMUNE DI PESCAGLIA IN RELAZIONE

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

Stato dell arte dei piani di gestione dei siti Rete Natura 2000 in Puglia

Stato dell arte dei piani di gestione dei siti Rete Natura 2000 in Puglia Stato dell arte dei piani di gestione dei siti Rete Natura 2000 in Puglia Convegno Internazionale LA GESTIONE DI RETE NATURA 2000 Esperienze a confronto Genova 20-21 novembre 2008 Ufficio Parchi e Riserve

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O GG E TTO : Art. 57 LR 36/97 e art. 8 LR 18/99 : Schema di Accordo di Pianificazione per variante PTC della Provincia di Genova in recepimento del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico del Bacino

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: Il Comune di San Gimignano è dotato di Piano Strutturale approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.78 del 30 novembre 2007. Con Deliberazione n.101 del 22

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto Regolamento attuativo del Decreto del Ministero del Ministero per lo Sviluppo Economico del 10 settembre 2010, Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, recante la

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA. Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO DI RECUPERO DENOMINATO "SCULAZZON" A TRESCHE' CONCA

PROVINCIA DI VICENZA. Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO DI RECUPERO DENOMINATO SCULAZZON A TRESCHE' CONCA Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA Deliberazione n. 52 Data 10-04-2012 Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile N N VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

- Con L.R. 11 del 15/05/2006 è stata istituita la Riserva Naturale Regionale Palude la Vela, ricadente nel territorio comunale di Taranto.

- Con L.R. 11 del 15/05/2006 è stata istituita la Riserva Naturale Regionale Palude la Vela, ricadente nel territorio comunale di Taranto. FORUM ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI INCONTRO DEL 23.07.2008 LA VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI : PIANO DI GESTIONE DEL SIC-ZPS AREE DELLE GRAVINE RELAZIONE - La Regione Puglia con L.R. 24/07/1997 n. 19 recante:

Dettagli

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL CORPO FORESTALE DI IMPERIA ALLA POLIZIA PROVINCIALE DI IMPERIA Prot.n. 251/06

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

N.1937 /7/Reg. Deter. Data, 11/06/2012

N.1937 /7/Reg. Deter. Data, 11/06/2012 Provincia di Foggia Settore Assetto del Territorio SIT e Beni Culturali Sede: Via Telesforo, 25-71100 FOGGIA tel. 0881/791347 /401/351 fax 0881/791434 codice fiscale 00374200715 N.1937 /7/Reg. Deter. Data,

Dettagli

IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI NORMATIVA DI RIFERIMENTO:

IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: D.Lgs 387/2003 (promozione produzione energia da fonti rinnovabili); D.M. Sviluppo Economico 20 settembre 2010 (linee

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

La Puglia. e i suoi paesaggi

La Puglia. e i suoi paesaggi La Puglia e i suoi paesaggi La carta fisica La puglia confina a nord e a est con il mar Adriatico a sud con mar Ionio e Basilicata e a ovest con Molise e Campania La parte amministrativa Il capoluogo di

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 29/07/2013 Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

Proposta di legge 26918" Relazione

Proposta di legge 26918 Relazione Proposta di legge 26918" Relazione Con il presente progetto di legge la Regione Calabria stabilisce I'istituzione del Parco marino regionale Riviera dei Cedri. La presente proposta di legge rieritra in

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Rientra il consigliere comunale Dilillo IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: In data 14/04/2005, con nota Prot. n.22485 i Sigg.ri Palmitessa Francesco,Palmitessa Giuseppe, Palmitessa Angela Raffaella, nella

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BAT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 70031 A N D

Dettagli

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale Copertura vegetale è una componente ambientale in cui le piante costituiscono l'elemento principale nella configurazione più complessiva degli ecosistemi terrestri; rappresenta la risultante della molteplicità

Dettagli

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale per la Sardegna 2007/2013. Asse 4 Attuazione dell approccio Leader. Misura a regia regionale 323, azione 1, sottoazione 1 Tutela

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod:

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod: L'Assessore regionale al territorio, ambiente e opere pubbliche, Alberto Cerise, sottopone all'esame della Giunta la trasposizione delle cartografie degli ambiti inedificabili, relative alla delimitazione

Dettagli

- la L.R. 9 aprile 1985, n.16 Individuazione e disciplina del sistema di aree di interesse naturalistico ambientale del Monte Beigua ;

- la L.R. 9 aprile 1985, n.16 Individuazione e disciplina del sistema di aree di interesse naturalistico ambientale del Monte Beigua ; DGR n.270 del 25 febbraio 2000 Richiamati: - la direttiva 79/409/CEE concernente la conservazione degli uccelli selvatici, con la quale al paragrafo 2 dell'art. 4. si prevede che gli Stati membri classifichino

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 45 del 21-4-2016 18807

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 45 del 21-4-2016 18807 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 45 del 21-4-2016 18807 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE ECOLOGIA 15 aprile 2016, n. 70 Ampliamento di opificio artigianale esistente adibito ad officina

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-12-2010 (punto N. 8 ) Proposta Di Deliberazione Al C.R. N.8 del 13-12-2010

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-12-2010 (punto N. 8 ) Proposta Di Deliberazione Al C.R. N.8 del 13-12-2010 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-12-2010 (punto N. 8 ) Proposta Di Deliberazione Al C.R. N.8 del 13-12-2010 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ANNA MARSON GIANNI SALVADORI

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO - Progetto Piano Urbanistico Comunale (P.U.C.) adozione ai sensi dell'art. 38, comma 2, della legge regionale n. 36 del 4/9/1997 come modificata dalla legge regionale n. 11 del 2 aprile 2015. A

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO Interventi di adeguamento del Centro Materiali Raccolta Differenziata di Taranto Progetto definitivo Responsabile del Procedimento Dott. Alessandro De Roma Ufficio

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 29/08/2014 ore 09:00 delibera n. 102 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MANTOVA QUALE PIANO D'AREA DEL PTCP

Dettagli

Visura per immobile Situazione degli atti informatizzati al 11/02/2015

Visura per immobile Situazione degli atti informatizzati al 11/02/2015 ^ *.. nt rate Ufficio Provinciale di Venezia - Territorio Servizi Catastali Visura per immobile Situazione degli atti informatizzati al 11/02/2015 Data; 11/02/2015 - Ora; 16.08.06 Visura n.; T263617 Pas;

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 9/03/2016

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 9/03/2016 Deliberazione n. 21 del 9/03/2016 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE Seduta del 9/03/2016 OGGETTO: AIUTI PREVISTI DALLA MISURA 10 DEL P.S.R. 2014-2020 PER LA GESTIONE DI CANNEI, CARICETI,

Dettagli

persona fisica società impresa ente

persona fisica società impresa ente SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2) : persona fisica

Dettagli

Direzione Ambiente Aree Naturali Protette. L.r. 19/2009 Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità SCHEDA GUIDA

Direzione Ambiente Aree Naturali Protette. L.r. 19/2009 Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità SCHEDA GUIDA L.r. 19/2009 Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità SCHEDA GUIDA di assoggettabilità alla procedura di valutazione di incidenza ex art. 43 l.r. 19/2009 SIC/ZPS IT1180026 Capanne

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

PROCEDURA PER LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA MODELLO PER LA DICHIARAZIONE DI NON NECESSITA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA DICHIARA

PROCEDURA PER LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA MODELLO PER LA DICHIARAZIONE DI NON NECESSITA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA DICHIARA ALLEGATO E alla Dgr n. 2299 del 09 dicembre 2014 PROCEDURA PER LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA MODELLO PER LA DICHIARAZIONE DI NON NECESSITA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA Il sottoscritto dott. Pietro Strobbe,

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. 1. adozione del P.A.T. con delibera di Consiglio Comunale n. 2 del 7/03/2012;

LA GIUNTA COMUNALE. 1. adozione del P.A.T. con delibera di Consiglio Comunale n. 2 del 7/03/2012; Adozione del piano di lottizzazione di iniziativa privata denominato "Valle Agno relativo ad un' area inviduata nel piano degli interventi come ZTO D2/35 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO CHE: -il Comune di

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

COMUNE DI...ACIREALE...

COMUNE DI...ACIREALE... COMUNE DI...ACIREALE... AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. (1) 1. RICHIEDENTE: (2)...COMUNE DI ACIREALE...

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO MODIFICA AL PROGRAMMA DI EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE AI SENSI ART. 51 L. 865/71 AREA EX-CASERMETTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 94 DEL 18/12/2009 RELAZIONE

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015 COMITATO ISTITUZIONALE Oggetto: Direttiva 2007/60/CE D.Lgs.49/2010 Valutazione e gestione dei rischi di alluvioni Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni del distretto idrografico della Regione Autonoma

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E CONSEGUENTE ADOZIONE DELLA VARIANTE N. 86 AL P.R.G.C. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: -

Dettagli

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO RECEPIMENTO DELLE PRESCRIZIONI PREVALENTI DELLA PROVINCIA IN MERITO ALLA VERIFICA DI COMPATIBILITA CON IL P.T.C.P. ART.13 commi

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli