RASSEGNA WEB DEL 8 ottobre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA WEB DEL 8 ottobre 2013"

Transcript

1 RASSEGNA WEB DEL 8 ottobre 2013 POLITICA E ISTITUZIONI... 3 DECRETO IMU, RIAMMESSO UN EMENDAMENTO SUI GIOCHI, OGGI IL VOTO DELLE COMMISSIONI... 3 DECRETO IMU, PIOGGIA DI INAMMISSIBILITÀ PER MOLTI EMENDAMENTI SUL GIOCO... 3 DECRETO IMU, TRA GLI EMENDAMENTI PROPOSTA PER AFFIDARE AI MONOPOLI IL CONTROLLO DELLA RETE SLOT... 3 PD PRESENTA DDL: DIVIETO DI INTRODURRE NUOVI GIOCHI PER CINQUE ANNI... 4 CAUSI (PD): "DELEGA FISCALE DIFENDE SISTEMA CONCESSORIO ITALIANO"... 5 ZANDA (PD): "OCCORRE SALTO DI QUALITÀ NEL TRATTARE IL GIOCO"... 5 CHITI: REGOLE RIGOROSE, NON CAMPAGNA MORALISTICA... 5 BUBBICO: "GIOCO LEGALE E ILLEGALE NON VANNO EQUIPARATI"... 6 PASSAMONTI (SGI): "D'ACCORDO SULLA DELEGA, MA SERVONO DATI CERTI"... 6 SESTO SAN GIOVANNI (MI). FORZA ITALIA PROPONE DI ELIMINARE LA TARES PER I LOCALI PRIVI DI SLOT MACHINE.. 6 PESCARA. CONSIGLIERE ACERBO (RC): RIDURRE DAL 30 AL 50% LA TARES PER GLI ESERCIZI NO SLOT... 7 MERCATO... 7 ENTRATE TRIBUTARIE: DAI GIOCHI 8,5 MILIARDI IN OTTO MESI (-0,5%)... 7 SISAL, DEBUTTO IN BORSA ENTRO L ANNO... 7 BAKOO S.P.A. ACQUISISCE BET&WIN... 7 NEWSLOT E VLT... 8 NEWSLOT 3, LA PRESENTAZIONE DEL DECRETO ATTUATIVO DEFINITIVO PREVISTA PER GIOVEDÌ 10 OTTOBRE... 8 NEW SLOT 3: IL 10 OTTOBRE IL NUOVO VERTICE DI FILIERA... 8 SALA SLOT CON ANNESSO BAR. PER IL VIMINALE SÌ ALLA GESTIONE SEPARATA, MA... 8 ADM: SLOT, MAI (E IN NESSUN CASO) SENZA OFFERTA DI PURO INTRATTENIMENTO... 9 SCOMMESSE, POKER E ONLINE... 9 INTRALOT AMPLIA L OFFERTA DI GIOCO CON NUOVE SCOMMESSE... 9 OPINIONI E COMMENTI SALVATE L'INTRATTENIMENTO! CESARE LANZA A BOLDRINI: SA COSA SIGNIFICHEREBBE VIETARE IL GIOCO? CRONACA SAN PELLEGRINO CI RIPROVA: CHIEDE AL GOVERNO DI POTER APRIRE UN CASINÒ AL VIA L INIZIATIVA DI CONTRIBUENTI.IT LO SCONTRINO VINCENTE MONDO ZITRO ROMPE LE BARRIERE E DIFFONDE LA SUA RETE DI BINGO ELETTRONICO ANCHE A MADRID ZITRO PRESENTA LA SUA ULTIMA PIATTAFORMA DEL BET IN ANDALUSIA SPAGNA. CROLLA IL MERCATO DEGLI APPARECCHI DA GIOCO IN ANDALUCIA PORTOGALLO, UNA COMMISSIONE GOVERNATIVA PER APRIRE AL MERCATO DEL GIOCO D AZZARDO ONLINE A CURA DELL UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DI GAMENET S.P.A.

2 Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 2

3 POLITICA E ISTITUZIONI DECRETO IMU, RIAMMESSO UN EMENDAMENTO SUI GIOCHI, OGGI IL VOTO DELLE COMMISSIONI (GIOCONEWS 08/10/2013) Nel corso della seduta di ieri la quinta e sesta commissione della Camera, incaricate in sede referente dell esame del decreto Imu, hanno deciso di riammettere l emendamento 14.9 del M5S che proponeva di sottoporre al controllo dei Monopoli, "in modo autonomo e diretto, la rete telematica a cui sono collegati gli apparecchi da gioco dei concessionari pubblici". A partire da questa mattina prenderanno il via le votazioni sulle proposte di modifica: in tutto sono circa 150 gli emendamenti considerati ammissibili. Il provvedimento è atteso nell Aula di Montecitorio per mercoledì pomeriggio, anche se resta in piedi l ipotesi di un rinvio a giovedì. DECRETO IMU, PIOGGIA DI INAMMISSIBILITÀ PER MOLTI EMENDAMENTI SUL GIOCO (GIOCONEWS 08/10/2013) Si riferiscono sia all articolo 11 che all articolo 14 gli emendamenti al decreto Imu, in fase di esame in sede referente da parte della quinta e sesta commissione alla Camera, in materia di gioco. Per quanto riguarda l articolo 11, con diversi emendamenti gli onorevoli Fedriga e Guidesi (Lega Nord) chiedono al Mef e all Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di adotta misure in materia di giochi pubblici online, lotterie istantanee e apparecchi e congegni di gioco, utili al fine di assicurare, con riferimento ai rapporti negoziali in essere alla medesima data di entrata in vigore, il reperimento delle maggiori entrate di cui al presente articolo, ossia quello sulla risoluzione strutturale delle problematiche pensionistiche dei lavoratori cosiddetti esodati, ma tutti gli emendamenti presentati sono stati dichiarati inammissibili. L'ARTICOLO 14 - Quanto all articolo 14, quello che prevede la sanatoria agevolata per le slot, sono stati dichiarati inammissibili gli emendamenti che ne chiedevano la soppressione, come quello che chiedeva di limitare la sanatoria alle somme inferiori ai 100 milioni di euro, mentre il Pdl chiede di posticipare al 30 novembre il termine per aderire alla sanatoria e al 31 dicembre il termine per il pagamento. Una proposta di Fratelli d Italia chiede di elevare la percentuale della somma da pagare al 35%, mentre il M5S e il Pd propongono rispettivamente il 30% e il 50% Un altro emendamento dei democratici, invece, propone che la percentuale sia compresa tra il 25 e il 35%. I grillini chiedono anche che sia l Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a controllare "in modo autonomo e diretto la rete telematica a cui sono collegati gli apparecchi da gioco dei concessionari pubblici". Il Pd, infine, propone di applicare quanto previsto dall articolo 14 anche "ai giudizi per i quali, alla data di entrata in vigore del presente decreto, pende giudizio di revocazione innanzi alle competenti Sezioni Giurisdizionali d appello. In questo caso il calcolo della somma per la definizione del giudizio è operato con riferimento al danno quantificato nella sentenza d appello sottoposta a revocazione ed essa non può eccedere il 10 per cento del danno liquidato in sentenza". Inammissibile anche l'emendamento che prevedeva che "per evitare ulteriori consistenti danni erariali l'agenzia delle Dogane e dei Monopoli controlla in modo autonomo e diretto la rete telematica a cui sono collegati gli apparecchi da gioco dei concessionari pubblici". DECRETO IMU, TRA GLI EMENDAMENTI PROPOSTA PER AFFIDARE AI MONOPOLI IL CONTROLLO DELLA RETE SLOT (JAMMA 08/10/2013) Al fine di evitare ulteriori consistenti danni erariali l Agenzia delle Dogane e dei Monopoli affidare il controllo in modo autonomo e diretto la rete telematica a cui sono collegati gli apparecchi da gioco dei concessionari pubblici. E una delle proposte emendandative presentate al decreto in materia di Imu oggi all esame della Commissione Finanze della Camera. La proposta è a firma di alcuni deputati del Movimento Cinque Stelle. La Commissione bilancio e finanze della Camera stamattina ha bocciato 322 emendamenti dei 454 presentati al decreto legge Imu-cig-esodati. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 3

4 Le commissioni si riuniranno nel pomeriggio per procedere all esame del decreto e alla votazione degli emendamenti. Il provvedimento scade il 31 ottobre ed è atteso nell aula di Montecitorio nel pomeriggio di mercoledì 9 ottobre, per poi passare all esame del Senato. PD PRESENTA DDL: DIVIETO DI INTRODURRE NUOVI GIOCHI PER CINQUE ANNI (GIOCONEWS 08/10/2013) Roma - Il Pd di Camera e Senato presenta oggi nel corso del seminario 'A che gioco giochiamo' alla Camera dei deputati le proposte di legge in materia di gioco. LA PROPOSTA GARAVINI SPERANZA - In quella che vede come primi firmatari Laura Garavini e Roberto Speranza presentata in parallelo come ddl in Senato da Vannino Chiti e Luigi Zanda, si recano le disposizione in materia di gioco al fine di incrementare le risorse in favore della cura del gioco patologico, al rafforzamento della tutela dei minori e dei soggetti vulnerabili, alla previsione del divieto di pubblicità e del divieto di introdurre per cinque anni nuovi giochi con vincite, al contrasto dell'evasione fiscale, del riciclaggio dei proventi di attività illecite e dell'infiltrazione della criminalità organizzata nella gestione dei giochi anche mediante il rafforzamento delle norme sui controlli in materia di concessioni e la ridefinizione delle autorità competenti e delle limitazioni ai fini dell'autorizzazione per l'esercizio del gioco lecito; nonché per il rafforzamento delle sanzioni per il contrasto del gioco illegale e per il potenziamento di norme volte alla trasparenza dei flussi finanziari in tale settore. La proposta chiede poi il fondo per la prevenzione e per la cura istituito da Mef e Ministero della Salute. LA PROPOSTA BASSO SPERANZA - Nella proposta di legge presentata da Basso, Speranza e altri si propone una modifica dell'articolo 7 della legge Balduzzi, introducendo il divieto di qualsiasi tipo di pubblicità per i giochi con vincita. Sono confermate le norme sull'obbligatorietà delle formule di avvertimento in schedine e tagliandi giochi, ma si specifica che tali formule debbono coprire almeno il 20 percento della superficie complessiva, come previsto per I tabacchi. Poi si individua nel sindaco l'autorità competente per l'autorizzazione all'esercizio dei giochi previo parere del questore e fatte salve le competenze previste dagli articoli 88 e 86. Si prevedono limitazioni al rilascio di autorizzazione per l'apertura di sale giochi e scommesse. Queste non possono nascere a meno di trecento metri da luoghi sensibili come scuole, luoghi di culto, impianti sportivi. I COMMENTI Sicuramente la Delega fiscale è un segnale positivo verso il riordino del settore", sottolinea Garavini. IL RISCHIO CRIMINALITA' - "Il settore del gioco sta diventando una delle frontiere della criminalità' organizzata. Le ultime proiezioni ci stanno portando a ritenere che anche nel gioco le organizzazioni criminali stanno assumendo i connotati di normalità e questo comporta un risultato finale che vede le associazioni mafiose operare in regime di oligopolio, spiega Marco Alma magistrato e già consulente antimafia. Un esempio è l'imposizione ad alcuni esercenti di apparecchi da gioco spesso scollegati. Estremamente diffusa è anche l'imposizione di materiali tecnologici illeciti provenienti dall'asia", ha sempre analizzato Alma. IL NODO LUDOPATIA NEI LEA - Ma non è tutti. Anzi. Secondo la dottoressa Marica Guiducci della campagna 'Mettiamoci in gioco', "Occorre inserire Il gioco patologico nei Lea (livelli essenziali di assistenza) dato che la misura contenuta nella legge Balduzzi è rimasta senza copertura finanziaria". Per questo, propone, "Si potrebbe destinare l'1 percento del fatturato totale del gioco". L'OK DALL'ANCI - "Ricordo la proposta di iniziativa popolare sul gioco di Legautonomie e mi auguro che ci possa essere una convergenza con quella di iniziativa parlamentare che oggi viene presentata. E' importante che ci sia il coinvolgimento dei sindaci quando si parla di gioco e di controllo dello stesso. E' il territorio che deve essere posto sotto controllo. Quella Chiti-Garavini mi sembra quindi una norma positiva sotto il profilo dei comuni", ha analizzato nel corso dell'incontro Giorgio Pighi, delegato nazionale dell'anci in tema di legalità. IL REALISMO DI ZERBETTO - "Sarebbe utile avere un atteggiamento realistico sul gioco. In Italia non ci sono numeri certi sui giocatori patologici anche perchè in nessuna legge si dice dove essi debbano andare a farsi curare. Questa legge è un momento importante in tal senso, anche se l'aspetto della terapia è lasciata un po' nell'ombra", commenta da parte sua Riccardo Zerbetto, direttore scientifico della Comunità Orthos. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 4

5 L'AVVISO DI AVVISO PUBBLICO - Secondo Filippo Torrigiani, di Avviso Pubblico, "Spesso gli operatori di gioco sono stati avanti alla politica, penso ad esempio a quando hanno introdotto l'albo dei gestori. Quello che manca è allora la politica. C'è la questione delle maxi penali su cui si deve trovare la quadratura del cerchio. E la colpa non è dei concessionari ma della politica che è mancata". CAUSI (PD): "DELEGA FISCALE DIFENDE SISTEMA CONCESSORIO ITALIANO" (GIOCONEWS 08/10/2013) Roma - "C'era la necessità di una riforma del gioco già dall'anno scorso e la delega fiscale ne tiene conto affrontando i temi legati alla regolazione del settore e ai profili erariali. Ma l'articolo 14 sui giochi è stato maggiormente migliorato rispetto allo scorso anno. Positiva l'interazione tra commissione finanze e Intergruppo parlamentare sui giochi per iniziativa del Pd". È quanto afferma Marco Causi, capogruppo Pd in commissione finanze della Camera in occasione del seminario sul gioco in corso a Roma. Secondo Causi il settore del gioco "è cresciuto in modo distorto e disordinato con inefficienza allocativa perché fra il 2010 e il 2012 le giocate aumentano da 61,4 a 88,6 miliardi. In parte c'è il recupero del mercato illegale, ma resta la domanda se è efficiente per il paese destinare alla spesa per i giochi più di 5 punti di Pil e al funzionamento del settore ben 9 miliardi. Mentre aumentavano le giocate, diminuivano gli incassi erariali (da 8,7 a 8 miliardi) per effetto della scelta discutibile di rendere attraenti i nuovi giochi aumentando il pay out e riducendo il prelievo erariale. Le scelte della delega sono di difendere il gioco pubblico per contrastare il circuito illegale, ma al tempo stesso razionalizzare e ridurre il perimetro del settore; rafforzare la capacità del regolatore Adm di gestire le relazioni contrattuali con i concessionari, di superare contenziosi, di indurre una positiva evoluzione dell'impianto legislativo comunitario, di dare spazio ai comuni e agli enti locali nelle decisioni localizzativi, di limitare la pubblicità. Il decreto Balduzzi inoltre non potrà essere modificato. Il secondo principio è di riordinare il Preu e armonizzare le percentuali di aggio o compenso riconosciute ai concessionari, ai gestori e agli esercenti e le percentuali destinate a vincita. La nostra volontà è comunque quella di difendere il sistema concessorio. Si vogliono garantire forme vincolanti di partecipazione dei comuni competenti per territorio al procedimento di autorizzazione e di pianificazione e introdurre un titolo abilitativo unico all'esercizio di offerta di gioco. ZANDA (PD): "OCCORRE SALTO DI QUALITÀ NEL TRATTARE IL GIOCO" (GIOCONEWS 08/10/2013) Roma - "Sul tema del gioco il Partito Democratico cerca di superare l'handicap del bicameralismo perfetto presentando a Camera e Senato lo stesso ddl". E' quanto dichiara il capogruppo Pd in Senato, Luigi Zanda, al seminario di oggi promosso dal partito e dedicato alla 'materia' gioco pubblico. "Dobbiamo tenere presente la differenza tra gioco legale e illegale, la capillarità del fenomeno, la dimostrata capacità delle fasce più deboli di diventare preda del gioco, la complessità delle implicazioni che il gioco mette in campo. Pensiamo all'aspetto fiscale e a quello criminale e sociale. La nostra proposta mette in risalto gli aspetti sanitari del gioco patologico che il Governo deve tenere presente. Occorre un salto di qualità da fare in modo più vasto e profondo. Ci si aspetta forza politica per dare azione a queste proposte". CHITI: REGOLE RIGOROSE, NON CAMPAGNA MORALISTICA (GIOCONEWS 08/10/2013) Roma - "Abbiamo voluto presentare la proposta di legge anche in Senato, proprio per far capire che Il Pd tiene molto a tale tema. Ma non vogliamo fare una campagna moralistica, ma introdurre regole rigorose". È quanto afferma Il senatore Pd Vannino Chiti in occasione del seminario di oggi alla Camera. "Il ruolo dei Comuni a mio avviso è fondamentale come lo è il controllo sulla pubblicità anche alla luce della diffusione del gioco online. C'è una sensibilità che è cresciuta a livello locale, perchè i sindaci sperimentano in prima persona l'impatto dei giochi sui territori. Rispetto a queste proposte di legge dobbiamo cercare di dare un'azione di urgenza. Sicuramente già nella delega fiscale siamo riusciti a inserire passaggi importanti. In Italia c'è stato un moltiplicarsi dell'offerta frutto di una volontà di fare cassa dello stato esagerata", conclude Chiti. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 5

6 BUBBICO: "GIOCO LEGALE E ILLEGALE NON VANNO EQUIPARATI" (GIOCONEWS 08/10/2013) Roma - "Mi pare un lavoro importante quello fatto stasera, con una proposta di legge matura. È quanto evidenzia, in conclusione del convegno di oggi sul gioco e durante il quale sono stati presentati i disegni di legge del Pd, il viceministro dell Interno Filippo Bubbico. Il gioco è un processo che avrebbe dovuto avere ben altra attenzione dalla politica. Dobbiamo però sconfiggere un modo di affrontare i problemi che non ci consente di distinguere. È sbagliato equiparare gioco legale con illegale, questo è l'atteggiamento più auspicato da chi vuole lucrare su tale settore. Stiamo attenti. Il gioco legale è una cosa, discutibile, ma ancorato a regole ben precise. Le attività illegali sono altra cosa. La patologia va trattata come tale e con strumenti propri. È importante che nella delega fiscale siano stati improntati i principi e spero che il Senato non li modifichi. Bubbico sottolinea ancora: La delega opera delle scelte, qualifica la concessione e mette in campo il superamento del conflitto che attiene l'attività di stabilimento, mettendo l'accento sull'online e su coloro che operano al di fuori della concessione statale. Va messa in campo la tutela di interessi rilevanti. Dobbiamo cogliere l'impegno dei sindaci e degli enti locali impegnati sui fronti più complicati dell'affermazione della legalità. Tutto può aiutarci a recuperare maggiori contenuti per politiche di tutela dei cittadini e di legalità. Dobbiamo provare a dare più forza a tale iniziativa con l'approvazione di un ddl che affronti la materia in maniera organica, ma anche dando ai comuni più poteri. L'osservazione epidemiologica richiede campi di osservazione che vanno al di là della sola statistica. Ma senza che ci sia una logica proibizionistica. Il ruolo delle associazioni nel mettere in luce la questione gioco è stato prezioso ma il ruolo delle associazioni non si esaurisce arrivando alla approvazione della legge migliore". I LEA - Il viceministro assicura infine che "non c'è un problema di finanziamento dei Lea. Il finanziamento del servizio sanitario nazionale viene ripartito non per Lea ma attraverso il sistema regionale. No quindi a un finanziamento specifico dei Lea. PASSAMONTI (SGI): "D'ACCORDO SULLA DELEGA, MA SERVONO DATI CERTI" (GIOCONEWS 08/10/2013) Roma - "Sono molto d'accordo sull'impianto della delega fiscale. Mi farebbe piacere però che quando si parla di gioco ci fosse una aderenza con dati economici veri". E' il commento del Presidente di Sistema Gioco Italia, Massimo Passamonti, in occasione del dibatito di oggi promosso dal Pd. "Come Confindustria - aggiunge - abbiamo proposto noi una riduzione delle macchine, del criterio di contingentamento. Il numero di due milioni di soggetti a rischio non fa riferimento a nessuna ricerca epidemiologica certa. Dal punto di vista nazionale fanno fede i dati provenienti dai Sert, secondo i quali, nel 2012, le richieste di aiuto sono state 7212, mentre si continua a parlare di milioni. Per questo dico che l'analisi sul gioco deve fondarsi su dati certi. E il presidio pubblico sul gioco è senza dubbio fondamentale". SESTO SAN GIOVANNI (MI). FORZA ITALIA PROPONE DI ELIMINARE LA TARES PER I LOCALI PRIVI DI SLOT MACHINE (JAMMA 08/10/2013) Roberto Di Stefano, consigliere di Forza Italia e Vice presidente del Consiglio comunale, nella giornata del 7 ottobre ha inviato al sindaco di Sesto San Giovanni, Monica Chittò, e al presidente del Consiglio comunale, Ignazio Boccia, una interrogazione sulla possibile eliminazione della Tares (Tassa Rifiuti e Servizi) per quei commercianti che tolgono le slot machines dai propri esercizi (bar e ristoranti). Spiega Di Stefano: Considerato che in alcuni comuni sono state intraprese iniziative volte a sensibilizzare la cittadinanza sul problema del gioco d azzardo e sulla ludopatia e considerato anche che tali iniziative hanno la finalità di ridurre sensibilmente o addirittura abolire la Tares per bar e ristoranti che decidono di togliere slot machines, videopoker e apparecchi con vincita di denaro, non vedo perché il Comune di Sesto non possa fare lo stesso. Chiedo quindi al sindaco, al presidente del Consiglio comunale e all Assessore competente per quale motivo non abbiano avviato un iniziativa simile per cercare di debellare una piaga sociale che investe la casalinga, l operaio, il professionista, insomma tutte quelle persone che con le macchinette da gioco pensano di racimolare fortuna economica o semplice gratificazione. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 6

7 Credo conclude Di Stefano -, che la ludopatia sia ancora un fenomeno sociale poco considerato da chi amministra la nostra città, quando invece miete ogni giorno un numero sempre più importante di soggetti che, per rivolgersi alla Dea bendata, cade irrimediabilmente in una grave situazione economica personale. Il passo è breve ed è meglio prevenire certi fenomeni piuttosto che cercare soluzioni improvvisate in futuro. L essere dipendenti dal gioco è una malattia che deve essere curata con differenti metodi e premiare gli esercizi pubblici con la diminuzione o l eliminazione della Tassa Rifiuti e Servizi (Tares) è incentivante e si conferma come un segno di civiltà e rispetto verso quelle persone che sperperano denaro. PESCARA. CONSIGLIERE ACERBO (RC): RIDURRE DAL 30 AL 50% LA TARES PER GLI ESERCIZI NO SLOT (JAMMA 08/10/2013) Nel corso dell ultimo Consiglio comunale di Pescara il consigliere comunale e regionale Maurizio Acerbo (Rc) ha chiesto di abbassare del 50 o almeno del 30% la Tares a quei locali che non offrono né slot machine né altri giochi con vincite in denaro. «Tutti gli esperti concordano sul fatto», spiega Acerbo, «che la ludopatia è una patologia che aumenta col proliferare dell offerta. Per questo occorre porre un freno al dilagare di slot ovunque. Riducendo la Tares il Comune incentiverebbe il comportamento virtuoso di quei titolari che rinunciano agli introiti delle macchinette. Spero che questa proposta, già assunta in tanti comuni italiani, venga condivisa da tutte le forze politiche presenti in Consiglio». Fli aveva invece proposto la riduzione del 20 per cento per le abitazioni con unico occupante, a condizione che il titolare dell utenza abbia un reddito Isee non superiore a euro e non possegga, oltre all immobile in cui dimora, altre unità immobiliari in Italia. E, inoltre, una riduzione del 30 per cento per le abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo, non superiore a 183 giorni nell anno solare, per le abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per oltre sei mesi all anno all estero, e per fabbricati rurali ad uso abitativo. MERCATO ENTRATE TRIBUTARIE: DAI GIOCHI 8,5 MILIARDI IN OTTO MESI (-0,5%) (GIOCONEWS 08/10/2013) Nei primi otto mesi del 2013 le entrate tributarie dovute al mercato del gioco pubblico sono state di milioni di euro ( 43 milioni di euro, pari a 0,5 percento rispetto al 2012). Importo relativo alle sole imposte indirette, mentre il gettito delle attività da gioco (lotto, lotterie e delle altre attività di gioco) è di milioni di euro (+17 milioni di euro, pari a +0,2%). È quanto reso noto dal Ministero dell'economia attraverso il consueto bollettino di Finanza pubblica pubblicato nelle scorse ore. SISAL, DEBUTTO IN BORSA ENTRO L ANNO (JAMMA 08/10/2013) I proprietari private equity di Sisal stanno valutando di quotare la società in Borsa entro la fine dell anno, e questo con l obiettivo di catturare il crescente appetito per le offerte pubbliche europee. Apax, Permira e Clessidra stanno lavorando con UBS e Deutsche Bank per valutare una possibile offerta che potrebbe valutare la società di gioco pubblico a circa 1,7 miliardi, inclusi i debiti. Secondo quanto riferisce il Financial Times questa mossa non si discosta poi molto dalla politica delle private equity, solite nel mettere sul mercato le loro aziende nell arco di tre, al massimo cinque anni, dal loro acquisto. La partecipazione di controllo di Sisal è stata acquistata nel 2006, in pieno boom, per circa 900 milioni di euro, compresi i debiti. Non sarebbe stata rimessa sul mercato solo perché la situazione finanziaria non è stata delle più favorevoli. BAKOO S.P.A. ACQUISISCE BET&WIN (JAMMA 08/10/2013) Bakoo S.p.A. ha completato le procedure di acquisizione del pacchetto di controllo della società milanese di produzione di macchine da intrattenimento Bet&Win. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 7

8 L azienda, già produttrice di alcuni dei migliori titoli di successo di Bakoo manterrà la propria sede a Milano dove è nata e dove continuerà ad operare. Non cambia la direzione della neo controllata che vedrà l imprenditore Carlo Gori mantenere la propria carica quale amministratore delegato. Riservati i dettagli degli accordi che hanno comunque comportato il passaggio del 10% della società Parmense Bakoo S.p.A. allo stesso Gori. La nuova assemblea dei soci della Holding Parmigiana che raggruppa anche sixtinine s.r.l. società di renting Bakoo software technologies per la produzione di software e Bet&Win per la produzione di macchine, si terrà presumibilmente nel mese di novembre. Già nel corso di ENADA ROMA (fiera internazionale del divertimento automatico) dal prossimo 16 ottobre sarà possibile riscontrare la nuova formazione operativa. Bakoo S.p.A. comunica inoltre che verranno mantenute distinte le strutture operative e decisionali e che la futura produzione di apparati, e conseguente distribuzione, verrà effettuata anche attraverso i convenzionali partner tecnologici. NEWSLOT E VLT NEWSLOT 3, LA PRESENTAZIONE DEL DECRETO ATTUATIVO DEFINITIVO PREVISTA PER GIOVEDÌ 10 OTTOBRE (JAMMA 08/10/2013) Si terrà il prossimo giovedì, 10 ottobre, la riunione tra operatori, Amministrazione delle Dogane e dei Monopoli, Sogei e ogni altro soggetto interessato alla introduzione sul mercato di una nuova generazione di apparecchi da intrattenimento a vincita limitata (NewSlot), così come previsto da una disposizione del Nel corso della riunione verrà ufficialmente reso noto il testo definitivo del decreto attuativo di regole tecniche per gli apparecchi. La riunione, che doveva tenersi la scorsa settimana, è stata rimandata a causa della crisi del Governo e il concomitante voto di fiducia previsto in Senato. NEW SLOT 3: IL 10 OTTOBRE IL NUOVO VERTICE DI FILIERA (GIOCONEWS 08/10/2013) Si svolgerà giovedì 10 ottobre, nel quartier generale dei Monopoli di Stato di Roma, a Piazza Mastai, la nuova riunione dedicata alle cosiddette 'new slot 3', dopo lo slittamento dei lavori della scorsa settimana. Lo scopo rimane ovviamente lo stesso: "ultimare il decreto attuativo" realtivo alla nuova produzione di apparecchi da intrattenimento il cui debutto sul mercato è previsto a partire da gennaio I LAVORI SULLE NUOVE SLOT - Per gli addetti ai lavori, come noto, la riunione offrirà l'occasione di conoscere il futuro del proprio mercato: dall'attuazione delle nuove norme relative alle new slot, in effetti, oltre a conoscere i tempi di immissione sul mercato della prossima generazione di apparecchi, si avvierà anche il count down dei trenta giorni che rimarranno ai produttori per richiedere dei nulla osta relativi alle attuali comma 6a. Per le sigle che rappresentano il comparto, invece, rimane da capire se e come sono state accolte le ultime richieste avanzate in seguito alla lettura della prima stesura del decreto. SALA SLOT CON ANNESSO BAR. PER IL VIMINALE SÌ ALLA GESTIONE SEPARATA, MA (JAMMA 08/10/2013) Il titolare di una sala slot può liberamente dare in gestione il bar, attività interna alla sala e quindi secondaria, ma attenzione a quanto prevede la legge in merito. E il contenuto di una nota del Ministero degli Interni che fa seguito ad una richiesta di chiarimento in merito. Il Ministero ribadisce infatti che l apertura di una sala Vlt implica il rilascio di una licenza di cui all art.86 del Tulps di competenza comunale. La normativa consente l esercizio congiunto di una attività di somministrazione di alimenti e bevande. Nulla osta a che la gestione del bar possa essere affidata ad un soggetto diverso dal titolare della sala giochi, a patto che abbia tutti i requisiti richiesti. Ciò nonostante non va dimenticato che l attività di somministrazione, in quanto accessoria e servente l attività principale, non possiede una natura gestionale completamente autonoma. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 8

9 Questo vuol dire che il bar dovrà rispettare gli stessi orari di apertura e che e soggetto alle eventuali sanzioni inibitorie che potrebbero interessare il gestore degli apparecchi da gioco come ad esempio la sospensione o la chiusura dell attività. In virtù poi della natura personale delle licenze di polizia va ricordato che se si svolgono più attività, da parte di soggetti diversi, nella stessa sede deve essere chiaro chi è il responsabile oltre alla completa autonomia e differenziazione dell apparato organizzativo e del personale. ADM: SLOT, MAI (E IN NESSUN CASO) SENZA OFFERTA DI PURO INTRATTENIMENTO (JAMMA 08/10/2013) L installazione delle slot deve essere sempre affiancata da una offerta di apparecchi di puro intrattenimento, anche quando l esercizio pubblico parrebbe non esser incluso nella lista di quelli obbligati al rispetto della norma. E quanto conferma l Amministrazione delle Dogane e dei Monopoli con una nota in risposta ad un quesito della Federazione dei Pubblici Esercizi secondo la quale nell elenco del Decreto del 2003, relativo alle disposizioni sul contingentamento degli apparecchi, non erano compresi gli esercizi commerciali e le tabaccherie, recentemente abilitati a detenere apparecchi newslot e che questa mancanza potrebbe comportare una disparità di trattamento, dato che le attività citate, non essendo comprese nell elenco, non hanno formalmente l obbligo della differenziazione dell offerta di gioco. I Monopoli hanno formalmente risposto al quesito in materia di offerta complessiva di gioco nei pubblici esercizi che detengono apparecchi newslot. L Amministrazione ha ribadito quanto già anticipato per le vie brevi, confermando che la normativa in materia non risulta essere cambiata dal 2003 ad oggi. Pertanto, secondo quanto disposto dall art. 3 comma 3 del Decreto Interdirettoriale dell AAMS del 27 ottobre 2003, nei bar, ristoranti, stabilimenti balneari, alberghi, esercizi di scommesse e circoli privati, l offerta complessiva di gioco tramite apparecchi o congegni non deve riguardare esclusivamente l installazione degli apparecchi previsti dal comma 6 dell art. 110 TULPS. Quindi tutti gli esercenti che detengono le newslot devono preoccuparsi di installare oltre quelle altri apparecchi e congegni da gioco. L AAMS ha risposto affermando che la norma di cui al comma 3, dell articolo 3 citato, troverà applicazione anche per gli esercizi diversi da quelli ivi espressamente considerati, qualora ciò sia consentito in via interpretativa con il ricorso all analogia e comunque limitatamente ai punti di vendita aventi come attività accessoria la commercializzazione dei prodotti di gioco pubblici. I Monopoli hanno in ogni caso assicurato che, nell emanazione del decreto ministeriale sull offerta di gioco previsto dalla Legge di Stabilità per il 2013, terranno in debita considerazione le valutazioni espresse dalla FIPE. SCOMMESSE, POKER E ONLINE INTRALOT AMPLIA L OFFERTA DI GIOCO CON NUOVE SCOMMESSE (AGIMEG - 08/10/2013) Si fa ancora più ricco il palinsesto scommesse di INTRALOT. Da oggi, infatti, l offerta delle scommesse sportive a quota fissa sul calcio si arricchisce di tante nuove tipologie per regalare ai propri giocatori un prodotto sempre innovativo e aggiornato. Dalla possibilità di pronosticare se il numero dei goal della squadra che gioca in casa sarà di numero pari o dispari ( PARI/DISPARI CASA) alla scelta di indovinare se il numero di goal segnati dalle due squadre nel secondo tempo sarà di numero pari o dispari (PARI/DISPARI SECONDO TEMPO), gli appassionati di calcio potranno selezionare la loro tipologia di scommessa preferita all interno di una gamma di giochi sempre più completa e competitiva. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 9

10 Gli scommettitori potranno, inoltre, cimentarsi nelle nuove combo bets scegliendo, con un unica puntata, di pronosticare l esito di una o più scommesse, come ad esempio il RISULTATO FINALE e l UNDER/OVER 1,5, oppure 1X2 PRIMO TEMPO e GOAL/NOGOAL PRIMO TEMPO. Le nuove tipologie di scommesse sono accessibili nell area scommesse del sito e disponibili in tutta la rete vendita di INTRALOT Italia, che conferma ancora una volta il suo impegno nel garantire sempre un offerta di gioco accompagnata da elevati standard di sicurezza e legalità a protezione dei propri utenti. OPINIONI E COMMENTI SALVATE L'INTRATTENIMENTO! (GIOCONEWS 08/10/2013) Che mondo sarebbe senza intrattenimento? O, meglio, restringendo il campo della provocazione: che Paese ci ritroveremo se dovesse sparire l'offerta di giochi di puro divertimento dai locali pubblici? In un momento in cui l'opinione pubblica si scaglia violentemente contro il comparto del gioco pubblico, considerato come la causa della deriva sociale della popolazione, sempre più incline all'azzardo e ormai dipendente da esso, l'ipotesi di una scomparsa dell'unica offerta di gioco per la quale non sembrano esistere controindicazioni (neppure presunte, a differenza dell'altro segmento), non può che apparire come un vero e proprio rischio, non soltanto per la sostenibilità del comparto ma anche, e soprattutto, per i riflessi sulla vita quotidiana delle persone. Visto che, seppure in maniera molto meno frequente rispetto agli anni '80 e '90, esistono ancora oggi tantissime famiglie che si recano nelle sale giochi o nei Fec (Family Entertainment Centre) con i propri bambini, per trascorrere qualche sana ora di relax e intrattenimento. Eppure, è arrivato il momento di domandarsi cosa accadrebbe di fronte a un simile scenario, perché questo, a quanto pare, è il rischio a cui si andrà incontro se non ci sarà una presa di coscienza da parte del Legislatore e dei Monopoli di Stato, chiamati ad attuare le disposizioni normative previste dal nuovo Testo Unico di Pubblica Sicurezza. Sì, perché il nuovo testo di legge che disciplina il comparto dei giochi, nella sua ultima formulazione introdotta a fine 2012, prevede una sorta di equiparazione di tutti gli apparecchi da intrattenimento elettromeccanici a videogiochi (comma 7c nella norma). Cosa significa questa metamorfosi normativa, è la vera preoccupazione degli addetti ai lavori: perché il rischio in attesa di vedere attuate le disposizioni dai Monopoli è quello di ritrovarsi un obbligo di omologazione per questa categoria di giochi che prevede, si badi bene, quei 'pericolossissimi giochi' come calciobalilla, kiddie rides, carambole a gettone, air hockey e, dulcis in fundo, i flipper. Ebbene, se tutti questi giochi dovranno essere dotati di nulla osta e, quindi, di una certificazione di omologa, ciò si tradurrebbe, nel medio termine, nela scomparsa dell'intero segmento del gioco pubblico (che già oggi non gode di certo di buona salute proprio per via di norme vetuste ed eccessivamente rigide) visto che, per queste macchine a bassa redditività, un aumento dei costi che scaturirebbe dalla procedura di omologazione oltre a quello dei tempi di immissione sul mercato, comporterebbe l'inevitabile uscita di scena. Ora, fermo restando che, da questa situazione, si potrebbe comunque uscire facilmente (per esempio, attraverso l'autocertificazione da parte del produttore in sostituzione di una omologa completa), come spiegato nell'articolo dedicato a questa materia nel numero di ottobre della rivista Gioco News, quello che ci preme, in questa sede, è riflettere sull'opportunità di un intervento di questo tipo. E, soprattutto, sulle conseguenze che la nuova normativa avrebbe sul settore visto che la ratio del Legislatore doveva essere quella di 'sanare' il settore delle cosiddette 'ticket redemption', proprio per rivalutare l'offerta di intrattenimento e non certo per affossarlo o condannarlo a morte. Invece, una stesura forse avventata delle nuove disposizioni, ha finito per equiparare tutti i giochi, con i rischi di cui sopra, e con il potenziale effetto esattamente contrario. La speranza, dunque (e non soltanto degli addetti ai lavori) è che i Monopoli si rendano conto di questa possibile disfatta, prima che sia troppo tardi. E non abbiamo dubbi che non è certo questo che vogliano a Piazza Mastai. Come non abbiamo troppi dubbi, tuttavia, che il settore dell'intrattenimento sia l'ultimo pensiero dell'agenzia. Per questo ci permettiamo di offrire - ancora una volta - un così esplicito promemoria. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 10

11 CESARE LANZA A BOLDRINI: SA COSA SIGNIFICHEREBBE VIETARE IL GIOCO? (JAMMA 08/10/2013) Gentile Presidente, Carissima Laura Boldrini,mi rivolgo a Lei, mi permetta, con questo approccio confidenziale ed affettuoso, perché non riesco a darmi pace per un grave errore di valutazione, che forse ho commesso quando Lei fu designata a presiedere ai lavori della Camera. Inizia così la lettera aperta di Cesare Lanza, giornalista e autore televisivo alla presidente della Camera. Contro il parere di tanti amici e di competenti analisti del mondo politico, salutai la Sua investitura con un euforia senza se e senza ma, senza filtri e senza riflessioni preventive. Mi entusiasmava il fatto che alla terza carica dello Stato fosse eletta una donna con un curriculum apparentemente trasparante e interessante, un volto nuovo, estraneo agli accordi sottobanco, alle manovre e agli inciuci della vecchia politica politicante. Questo mi bastava. Oggi, i motivi di perplessità, di fronte alla Sua evidente vocazione ad apparire, sulla base di schemi e di stile politically correct, sono diventati via via numerosi e, mi consenta, a volte anche fastidiosi. Con il forte e inquietante sospetto che Lei sia estranea alla realtà aspra e crudele del nostro Paese, e affezionata soprattutto, nobilmente, ai Suoi valori, (che peraltro condivido inlinea di principio), e però, purtroppo, incautamente predisposta ad aumentare i nostri guai con esternazioni inopportune, vorrei proporre a Lei e a chi segue le Sue vicende un episodio specifico e significativo: il Suo diktat ostile al cosiddetto gioco d azzardo, espresso ancora venerdì scorso, attraverso un tweet. Proibire il gioco? Ho l impressione che Lei non abbia coscienza di quanto afferma. Cos è, infatti, il gioco d azzardo? E perché si dovrebbe proibirlo? A parte la difesa di un valore per me assoluto, e cioè la libertà, e di conseguenza il netto rifiuto di ogni forma di proibizionismo, mi permetta di sottoporle elementi semplici di ragionamento. Il gioco d azzardo è un industria, che produce entrate fiscali sicure per lo Stato (nell ultimo anno, 8 miliardi) e centinaia di migliaia di posti d lavoro, a parte i benefici indotti. Prima domanda: Le sembra questo il momento giusto, adatto e opportuno, per tagliare posti di lavoro, ed entrate fiscali per le nostre povere casse? Lei mi risponderà, secondo la vocazione al politically correct, che prima di ogni altra riflessione deve prevalere l aspetto etico, morale. E giusto, giustissimo. E condivido pienamente. E tuttavia il problema è un altro, e mi permetto di sottoporglierlo con la seconda domanda: è a conoscenza Lei, Presidente della Camera, che ogni divieto verso il cosiddetto gioco d azzardo, strutturato legalmente, altro risultato non consegue, salvo quello di lasciare uno spazio infinito al gioco abusivo, dominato e gestito dalle peggiori mafie e camorre esistenti nel nostro paese? Certo Lei, come tutti noi, sostenitori della legalità del gioco non vorrà essere neanche in minima misura responsabile e compartecipe di un immenso, e pericolosissimo, regalo all industria criminale! Chieda ai suoi collaboratori di verificare quando dove e come i proibizionismi imposti su principi autoritari, sia pure con la passione e il cuore, ma anche estranei alla ragione, abbiano dato frutti positivi ad una società di qualsiasi epoca e di qualsiasi connotato politico. Non si tratta solo di gioco. Quanto al gioco, chieda ai suoi collaboratori di verificare quanto sia diminuita l influenza della criminalità nel settore del gioco, dal momento (circa una decina d anni fa) in cui, in Italia, si è perseguita una crescente e convincente regolamentazione, imitata oggi in molti paesi europei. Spero di non aver urtato i Suoi sentimenti di principio, ai quali mi associo, ma di averle dato qualche elemento di riflessione per poter indirizzare la Camera verso la più corretta e intelligente legiferazione. Con un cordiale saluto, Cesare Lanza Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 11

12 CRONACA SAN PELLEGRINO CI RIPROVA: CHIEDE AL GOVERNO DI POTER APRIRE UN CASINÒ (JAMMA 08/10/2013) Il Comune di San Pellegrino ci riprova e dopo la richiesta avanzata all ex ministro Canellieri lo scorso gennaio ora si rivolge direttamente al Governo Letta con una lettera inviata inviata in questi giorni con la quale si chiede di inserire all interno della nuova legge di Stabilità l autorizzazione alla riapertura del Casinò della località turistica brembana. Si tratta di un elemento fondamentale per favorire lo sviluppo economico dell intero territorio della Valle Brembana che vive da tempo una condizione di vera e propria emarginazione ed emergenza occupazionale si legge nella missiva. In questa direzione, si ritiene di dover sottolineare che il Comune di San Pellegrino Terme, amministrato da sempre con grande oculatezza e rigore, non chiede il ripianamento di deficit di bilancio, ma l adozione di un provvedimento che così come in passato avvenuto per le realtà di Sanremo, Venezia, Campione d Italia e Saint Vincent, consentirebbe, senza alcun onere per lo Stato, di dare un forte e decisivo impulso allo sviluppo turistico-termale di tutta la Valle Brembana e insieme di salvaguardare e recuperare i due complessi monumentali liberty del Casinò e del Grand Hotel, oggetto di specifico vincolo da parte del ministero dei Beni Culturali. Diverse le ragioni portate dall amministrazione comunale a sostegno della richiesta di riapertura del Casinò. In primo luogo, San Pellegrino Terme e la Valle Brembana vivono da diversi anni ormai una condizione drammatica di vera e propria emergenza occupazionale e sociale che si è ulteriormente aggravata in conseguenza della crisi economica mondiale in atto. In Valle Brembana realtà montana della Provincia di Bergamo con 38 Comuni per una popolazione di circa abitanti a partire dagli anni ricordati la già debole presenza industriale è stata infatti sostanzialmente azzerata con la chiusura, il ridimensionamento o la delocalizzazione di numerose aziende. In secondo luogo, il 30 gennaio 2007, Regione Lombardia, Provincia di Bergamo, Comune di San Pellegrino Terme e Gruppo Percassi hanno sottoscritto un accordo di Programma per la realizzazione degli interventi di riqualificazione e valorizzazione delle strutture termali di San Pellegrino Terme per il rilancio turistico, la formazione e lo sviluppo occupazionale con l obiettivo di dare una prima concreta risposta proprio alla riconosciuta situazione di emergenza che ha colpito San Pellegrino Terme e la Valle Brembana, si legge nel documento. L accordo prevede la realizzazione di un nuovo Centro Termale, il completo restauro e recupero dei due complessi monumentali liberty del Casinò Municipale e del Grand Hotel e investimenti vari per complessivi 201 milioni di euro (143 milioni circa dei quali ad opera del soggetto privato aderente all AdP), a seguito della grave crisi economica in atto, stenta a decollare e richiede la messa in campo di nuove azioni e iniziative che possano rendere concreto ed effettivo questa operazione di rilancio turistico. In questa direzione la riapertura della Casa da Gioco può costituire un formidabile elemento di spinta e di fiducia per consentire una più rapida ed efficace realizzazione di tutti gli interventi previsti dall Accordo di Programma e portare al tempo stesso ad una ulteriore qualificazione e completamento dell offerta turistica, conclude l amministrazione. AL VIA L INIZIATIVA DI CONTRIBUENTI.IT LO SCONTRINO VINCENTE (JAMMA 08/10/2013) Combattere l evasione con gli scontrini. E la richiesta che da anni avanzano politici, associazioni e privati cittadini ma che fino ad oggi non è mai stata accolta. Tuttavia qualcosa è cambiato. Oggi acquisti, domani ti premio. Con questo slogan partirà da domani la nuova campagna di comunicazione contro l evasione fiscale e la promozione del Made in Italy elaborata dal Centro Studi e Ricerche Sociologiche Antonella Di Benedetto di KRLS Network of Business Ethics per conto di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 12

13 L iniziativa, lanciata il mese scorso con successo in Portogallo dall Associazione Contribuenti Italiani nelle città di Lisbona, Oporto e Maia, sbarca da domani in tutte le principali città italiane dove è presente Lo Sportello del Contribuente. Per partecipare all iniziativa Scontrino vincente basta acquistare prodotti Made in Italy presso un qualunque esercizio commerciale italiano, pagare con carta di credito, bancomat o postamat e richiedere lo scontrino fiscale. Ogni settimana, dal 6 ottobre 2013 fino al 31 dicembre 2013, Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani effettuerà un sorteggio tra tutti contribuenti, che hanno fatto pervenire, presso la propria sede di Roma, il maggior numero di scontrini fiscali. Ogni premiato, riceverà un buono sconto del valore di 500 euro da utilizzare entro un anno presso Lo Sportello del Contribuente per ricevere check up fiscali, ckeck up finanziari, tessere ad ad alto valore aggiunto come la bronze card, silver card o gold card per gli imprenditori oppure la green card, black card e platium card per i professionisti. L evasione fiscale non si combatte con gli spot televisivi o con il redditometro o altri strumenti di catastalizzazione del reddito afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani Bisogna iniziare a premiare i contribuenti onesti, dando loro un riconoscimento per quello che fanno per il rilancio del Paese e dei prodotti Made in Italy. MONDO ZITRO ROMPE LE BARRIERE E DIFFONDE LA SUA RETE DI BINGO ELETTRONICO ANCHE A MADRID (GIOCONEWS 08/10/2013) Ineguagliabile: Madrid quinta regione autonoma nell includere al bingo elettronico (Bet) di Zitro tante interconnessioni in una sola rete. Giovedì passato, è decollato il Bet a Madrid. Così insieme Castilla e León, Aragona, Castilla La Mancha, Paesi Baschi e Madrid giocano già al Bet di Zitro, l'unica azienda che collega tutte le regioni autonome che hanno l omologazione, l'approvazione e l'autorizzazione ad offrire questo tipo di gioco. La storia di Zitro è segnata da pietre miliari e questo è un altro esempio del successo inarrestabile del bingo elettronico della società, ovunque esso venga presentato. È da ammirare, senza dubbio, il lavoro incalcolabile dell azienda per arrivare a questo punto, considerando il grande sforzo tecnologico e il coordinamento di norme per avviare un prodotto che, per avere successo, deve essere preventivamente approvato in cinque territori, il tutto senza perdere la simultaneità o la spinta commerciale. La leadership di Zitro differenzia la società dalle altre, apre una strada unica e pionieristica rompendo le barriere per chiunque segua la sua scia. ZITRO PRESENTA LA SUA ULTIMA PIATTAFORMA DEL BET IN ANDALUSIA (JAMMA 08/10/2013) Durante il secondo Expo andaluso sul gioco, ZITRO ha presentato la sua ultima piattaforma di Bingo Elettronico. Si tratta di un nuovo terminal integrato su tavolo, adattabile a qualsiasi tipo di spazio, con schermo HD da 22 pollici, CPU ad alte prestazioni e concepito in particolare per le stupende grafiche che hanno i giochi Zitro. Una delle ultime novità che Zitro ha esposto in Andalusia, sono le recenti creazioni di gioco di quest anno: El Último Bingo en París, Stiffany s e Free Bingo, i nuovi giochi che hanno riscosso tanto successo in tutta la Spagna e ora anche in Andalusia, portando nelle sale da gioco divertimento ed intrattenimento. SPAGNA. CROLLA IL MERCATO DEGLI APPARECCHI DA GIOCO IN ANDALUCIA (JAMMA 08/10/2013) Situazione critica per il comparto degli apparecchi da gioco nella regione spagnola dell Andalucia dove nei primi sei mesi del 2013 il parco macchine dei giochi del tipo B, quelli per intenderci con vincita in denaro, ha perso un totale di unità. Un ulteriore riduzione degli apparecchi installati del 9,83%, quindi, che si va ad aggiungere al calo delle macchine registrato tra il 2005 e il 2012 ( macchine). Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 13

14 A rendere più critica la situazione numerosi fattori concomitanti: l aumento, avvenuto lo scorso ottobre 2012, del 15% della tassa che grava sugli apparecchi da gioco con vincita in denaro e che arriva fino a per apparecchio; gli effetti della crisi economica in sé; il divieto di fumo e, infine, il pesante carico fiscale a carico delle aziende del settore che a costretto produttori, operatori, aziende di distribuzione e sale giochi a vivere una situazione estremamente difficile e che potrà essere contrastata solo con una riforma fiscale adattata alla realtà attuale. PORTOGALLO, UNA COMMISSIONE GOVERNATIVA PER APRIRE AL MERCATO DEL GIOCO D AZZARDO ONLINE (JAMMA 08/10/2013) Il 3 ottobre scorso, dopo una riunione con l esecutivo, il governo portoghese ha annunciato l intenzione di legalizzare il mercato del gambling online con lo scopo di incrementare il gettito fiscale. Nei prossimi tre mesi il governo creerà un nuovo gruppo di lavoro il cui scopo è quello di confrontarsi sulla normativa in termini nazioni e europei. Lo studio che verrà messo a punto dal gruppo di esperti getterà le basi per implementare un sistema di norme che consentirà di aprire il mercato all offerta online. Le modalità e le misure che verranno messe in campo nel processo per la legalizzazione di queste attività non sono ancora stati resi noti. Rassegna WEB di martedì 8 ottobre 2013 Pag. 14

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli