GRANDE E PICCOLA IMPRESA NELLA STORIA DELL INDUSTRIA. L Italia è un paese di piccole e medie imprese. È opinione corrente sia degli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRANDE E PICCOLA IMPRESA NELLA STORIA DELL INDUSTRIA. L Italia è un paese di piccole e medie imprese. È opinione corrente sia degli"

Transcript

1 GRANDE E PICCOLA IMPRESA NELLA STORIA DELL INDUSTRIA ITALIANA Franco Amatori, PAM, Università Bocconi 1. L opinione comune e il modellaccio L Italia è un paese di piccole e medie imprese. È opinione corrente sia degli studiosi sia del più vasto pubblico opinione sigillata da un capitolo dell autorevole libro di Michael Porter Il vantaggio competitivo delle nazioni. In effetti, fra le nazioni avanzate l Italia ha un vero e proprio record con oltre il 60% della forza lavoro che si concentra in imprese con un numero di addetti inferiore a 50. Il nostro problema è che questa opinione prevalente si è tradotta anche in una prospettiva storiografica. Nell introduzione al volume curato da Giannetti e Vasta, L impresa industriale italiana del Novecento, Vera Zamagni parla di vie diverse alla crescita industriale intendendo la possibilità di competere attraverso le piccole dimensioni di impresa. Pierangelo Toninelli scrive addirittura più provocatoriamente di una industrializzazione senza energia, senza tecnologia, senza industria. L idea di fondo è che esiste un modello dei paesi avanzati e l Italia ne è fuori. Non sono d accordo. Secondo me quello dell Italia per dirla con Giorgio Fuà è un modellaccio. L Italia ha provato ad inserirsi nella corrente delle nazioni di prima fila e stava per riuscire ma poi qualcosa è andato storto. 2. Il modello dei paesi avanzati Nell ultimo ventennio dell 800 si ha una grande discontinuità che concerne essenzialmente lo stato dell arte della tecnologia. Questa è un prodotto profondamente umano, frutto di conoscenze scientifiche, di abilità tecniche, di 1

2 attitudini socio-culturali che si riflettono nelle forme di mercato. Prodotto umano che però ad un certo punto acquista una vita autonoma, è altro da noi. A fine 800 sotto tale punto di vista constatiamo l avvento della Seconda Rivoluzione Industriale, un complesso di innovazioni caratterizzato da alta intensità di capitale, di energia, processo produttivo continuo e veloce, larga infornata. Sono le produzioni di massa che colpiscono in particolare quattro settori: la metallurgia, la meccanica, la chimica, l industria elettrica. In questi settori funzionano le economie di scala e di diversificazione, ovvero quelle che consentono di produrre con uno stesso impianto beni diversi. Solo alcuni settori come quelli menzionati subiscono le conseguenze di questa grande svolta. Essi divengono il motore dello sviluppo. Ma attorno ad essi permangono rami ad alta intensità di lavoro nei quali all aumentare della produzione i costi unitari non cadono drasticamente e al cui interno pertanto la piccola impresa resta competitiva. Perché questa opportunità tecnologica si traduca in realtà economica è necessario un triplice investimento in impianti alla giusta dimensione di scala, in legame fra produzione e distribuzione tale da rendere fluido il rapporto fra fabbrica e mercato, nell ampia assunzione e promozione del management. È un passaggio difficile perché implica una notevolissima socializzazione dell impresa, un passaggio politico quindi. Tuttavia se questa mossa riesce e viene ribadita nel corso del tempo, l impresa acquista il diritto ad una lunga sopravvivenza. Le dimensioni di questo first mover sono quasi sempre settoriali; il che non significa che non possa essere sfidato, non però da rivali di piccole dimensioni ma sempre attraverso il triplice investimento, che è à la Taylor, l unica via migliore. È da rimarcare il fatto che in questo modello la crescita avviene per ragioni economiche ossia essenzialmente per tramutare l alto costo fisso in basso costo unitario. 2

3 3. L Italia e la Seconda Rivoluzione Industriale Se questo è il modello dei paesi avanzati, a cavallo del 1900 esso è constatabile anche nell evoluzione del sistema economico italiano. Come negli altri paesi anche da noi la prima grande impresa è un impresa ferroviaria, la Strade ferrate meridionali, ovvero la cosiddetta Bastogi dal nome del suo fondatore Pietro Bastogi, ministro delle finanze nel primo governo dello Stato unitario presieduto da Camillo Cavour. La Bastogi costruisce la ferrovia che va da Ancona a Brindisi entro il 1867 ed in seguito realizza la Napoli-Foggia, non senza scandali e malversazioni. Nel 1905 quando le ferrovie vengono nazionalizzate essa riversa gli indennizzi nell emergente settore elettrico restando quindi una potenza finanziaria di prima grandezza nel panorama economico italiano. Nel 1962, nazionalizzata a sua volta l industria elettrica, la Bastogi dirige le sue risorse verso la chimica, ma in questo caso il diverso scenario competitivo rende il passaggio molto più problematico. Nel 1884 nasce la Edison, la più grande impresa elettrica italiana, presto raggiunta dalla Sip, la Sade e la Sme. Nel 1888 è fondata la Montecatini che poi insieme alla Snia sarà di gran lunga la più importante impresa chimica italiana. Già nel 1872 era nata la Pirelli. Nell ultimo anno del secolo viene fondata la Fiat che alla vigilia della prima guerra mondiale produce la metà degli autoveicoli italiani per raggiungere subito dopo il conflitto il controllo di quasi il 90% del mercato. Si costruisce intanto, sempre a cavallo del XX secolo, la grande siderurgia con la Terni, l Elba, l Ilva, la Piombino e la Falck; mentre la grande meccanica negli stessi anni ha come protagonisti di assoluto rilievo l Ansaldo e la Breda. Nel contempo si profila a livello settoriale il predominio dell Italcementi, mentre acquista consistenza un impresa produttrice di macchine per ufficio, l Olivetti. Anche la grande distribuzione che ha dimensioni e ritmi industriali nasce in questi anni. Sulle ceneri della ditta Bocconi 3

4 nel 1917 è creata La Rinascente da cui a sua volta per mitosi nel 1931 ha inizio la Standa. In definitiva, tranne ENI e Fininvest per evidenti motivi, sebbene con nomi diversi e con pur notevoli trasformazioni societarie, all inizio del secolo sono presenti tutti gli attori che domineranno la scena industriale sino all ultimo decennio di esso. La presenza della grande dimensione è quindi simile a quella di Stati Uniti, Inghilterra e Germania, con un importante differenza però. In Italia la struttura oligopolistica è ancora più ristretta data la relativa povertà del mercato interno. Inoltre la concentrazione è spesso nascosta dalla forma a gruppo, che porta a distinguere il soggetto giuridico da quello economico. Per questo motivo capita di prendere non indifferenti cantonate a chi studia le imprese partendo dai repertori delle società per azioni. 4 Gli attori Se vista dall alto la forma del sistema industriale non è diversa da quella delle nazioni di prima fila, differenti sono invece gli attori dello sviluppo. L Italia è il terreno ideale per la verifica delle teorie di Alexander Gerschenkron il quale, come è noto, postula l esigenza di fattori sostitutivi (ovvero sostitutivi del semplice imprenditore) per promuovere l industrializzazione dei paesi late comer. Essi sono la banca universale se il ritardo è relativamente contenuto - e lo Stato se il grado di arretratezza è maggiore. Ora, in Italia attorno al 1900 è grande il contributo della banca universale, soprattutto la Comit e il Credito Italiano, alla fondazione di interi settori e alle più importanti iniziative industriali. Ma è soprattutto lo Stato il fattore decisivo, quello al quale la stessa banca guarda come rete protettiva di ultima istanza. Per l Italia si è parlato giustamente di precoce capitalismo di Stato nel senso che esso si caratterizza come il maggiore operatore economico-finanziario sin dall unificazione: per la creazione di debito pubblico, 4

5 per la pressione fiscale, per il vasto processo di privatizzazione del territorio nazionale (beni demaniali ed ecclesiastici) tutti strumenti con i quali finanziare infrastrutture essenziali come le ferrovie, l apparato amministrativo, le forze armate, le opere pubbliche. In definitiva in Italia i primi grandi affari si effettuano all ombra dell azione pubblica. Tuttavia, negli anni Ottanta dell'ottocento il potere politico compie una vera e propria forzatura verso la nascita di serie iniziative industriali. La rivoluzione nelle comunicazioni e nei trasporti, notevole esempio di globalizzazione, provoca la massiccia immissione sul mercato italiano di prodotti agricoli provenienti da oltreoceano, sommergendo in tal modo il modello di un Italia esportatrice di beni del settore primario. Questa ragione oltre che quelle relative ad esigenze di politica internazionale, porta nel 1884 alla creazione della prima impresa industriale moderna del paese, la Terni. È un episodio strategico della storia economica italiana perché alla Terni lo Stato non concede solo sovvenzioni, commesse, protezionismo. Quando tre anni dopo la nascita, nel 1887, l impresa è sull orlo della bancarotta lo Stato provvede al salvataggio utilizzando la Banca Nazionale, in seguito Banca d Italia, con l emissione di nuove banconote. Un operazione di questo genere il salvataggio attraverso l intervento della banca centrale in mezzo secolo è attuata quattro volte: nel 1887 viene salvata un impresa, la Terni per l appunto; nel 1911 è la volta di un intero settore industriale, il siderurgico; nel 1922 il privilegio tocca alle attività industriali afferenti a due grandi banche, la Banca Italiana di Sconto (dentro c è la maggiore azienda italiana, l Ansaldo) e il Banco di Roma; infine, nel 1933 l ultimo e più grande salvataggio, quello delle imprese legate alle tre grandi banche miste, la Comit, il Credito Italiano, il Banco di Roma. Nasce l IRI, ovvero lo Stato Imprenditore, ed è la fine della banca mista. Dopo l Unione Sovietica l Italia è il paese che può vantare la maggiore estensione di proprietà 5

6 industriale pubblica. La morale è evidente: per un'impresa ritenuta strategica per gli interessi del paese, manca in Italia una libertà fondamentale in un sistema capitalistico, quella di fallire. 5. Il capitalismo politico Non si tratta tuttavia di un fatto solo quantitativo. La pervasiva presenza dello Stato ha un forte impatto sull agire imprenditoriale. Mentre nei paesi avanzati la crescita è perseguita per ragioni squisitamente economiche, ovvero il taglio dei costi unitari, non di rado in Italia si assiste a tentativi di espansione per meglio contrattare con il potere politico. All inizio del secolo gli imprenditori siderurgici sono consapevoli del fatto che le caratteristiche del mercato non richiedono la costruzione di nuovi impianti e tuttavia si espandono perché sanno che presto o tardi si arriverà ad un accordo arbitrato dal governo; è meglio arrivarci più abbondanti possibile. Allo stesso modo l Ansaldo si lancia in un folle progetto di integrazione verticale durante la prima guerra mondiale: dalle miniere alla fabbricazione di tutte le più significative produzioni metalmeccaniche. Per i suoi leader giustificare in senso economico quest opera è compito dello Stato dato l interesse nazionale che essa rappresenta. Significativo è l esempio della Terni nel periodo immediatamente successivo alla prima guerra mondiale. Vengono meno le ragioni economiche della siderurgia bellica e il suo leader, Arturo Bocciardo, la porta ad operare nel campo della produzione di energia elettrica e di risulta in quello elettrochimico. La siderurgia bellica però viene mantenuta in attività in quanto formidabile strumento di pressione nei confronti del governo fascista. È un do ut des: la Terni continua ad offrire armamenti anche quando non ha alcuna convenienza economica, ma il governo garantisce buone condizioni per le forniture di energia elettrica, un terreno di prezzi amministrati, e buone 6

7 posizioni all interno dei cartelli chimici. Prendiamo anche l esempio della Montecatini: per acquisire una duratura supremazia nel fondamentale settore dei concimi chimici, l impresa di Guido Donegani si lancia nella produzione di azoto sintetico con l originale metodo Fauser che lo ricava da acqua, aria, elettricità. Ma per un obiettivo del genere la società milanese deve attuare costosissimi investimenti, ovvero la costruzione di centrali idroelettriche. Per giustificare un impegno del genere Donegani ha bisogno del totale controllo del mercato interno. Chiede quindi a Mussolini dazi che costituiscano barriere insuperabili e all inizio degli anni Trenta li ottiene. Del resto la Montecatini era l epitome dell impresa fascista. In particolare per la produzione di azoto sintetico, che corrispondeva a tre idee-forza del regime: ruralismo, bellicismo, e infine autarchia, dati gli ingredienti necessari. Nulla viene dato per gratuito, però. In cambio della protezione tariffaria il governo chiede alla Montecatini una serie di salvataggi: l ACNA, impresa produttrice di coloranti; la Montevecchio, che in Sardegna gestiva giacimenti piombiferi; le maggiori aziende attive nel settore marmifero carrarese. Alla Montecatini viene anche chiesto di tenere in vita produzioni obsolete, come la lignite, o autarchiche, si veda il caso dello zinco con un impianto elettrolitico. L azienda di Donegani si appesantisce così con danno irreparabile nel differente contesto del secondo dopoguerra. È questa l origine del fallimento che porta nel 1966 alla disastrosa fusione con la Edison. Si ricordi infine la vicenda della chimica italiana negli anni Settanta, quella che è all origine del famoso processo IMI-SIR. Tre aziende Montedison, ENI e SIR di Nino Rovelli costruiscono tre impianti simili nello stesso luogo, Ottana, al centro della Sardegna. Non c è razionalità economica ma solo ragioni strategico-politiche. In totale, se il capitalismo americano può essere definito manageriale, se quello inglese è un capitalismo personal-famigliare, e se il tedesco può essere indicato come 7

8 capitalismo cooperativo, non pare esagerato definire quello italiano un capitalismo politico. 6. Il grande capitalismo privato Non c è solo questo in Italia. C è anche una grande industria orientata al mercato. Giovanni Battista Pirelli si consolida ed amplia la propria azienda sin dall ultimo ventennio dell Ottocento rispondendo a commesse pubbliche nel settore dei cavi telegrafici e telefonici. Pirelli tuttavia costruisce ben presto un impresa che compete sul mercato internazionale costruendo stabilimenti in Spagna, in Sud America, addirittura in Inghilterra, nel cuore del capitalismo globale. La Fiat è senz altro un impresa che nasce bene. Fra gli azionisti ci sono i migliori nomi dell aristocrazia e della borghesia torinese e all inaugurazione del primo stabilimento sono presenti due altezze reali. Tuttavia la Fiat è l impresa egemone dell industria automobilistica italiana già alla vigilia della prima guerra mondiale quando produce la metà dei veicoli nazionali, grazie ad un imprenditore, Giovanni Agnelli, il primo a comprendere che l automobile non è un giocattolo per ricchi ma un tipico prodotto di massa della seconda rivoluzione industriale. Agnelli è quindi capace di attuare una vasta operazione di integrazione verticale dalle fonderie ai garage per la vendita che dà alla Fiat un incolmabile vantaggio sugli altri competitori nazionali. Si consideri anche il caso della Falck che fabbrica acciaio con una tecnologia flessibile come quella che consente il forno elettrico e che punta su un mercato normale ovvero non legato a commesse militari, per la meccanica e lo sviluppo urbano. 7. Il mercato interno ristretto 8

9 Perché questo capitalismo pur orientato al mercato non si trasforma in capitalismo manageriale all americana o famigliar-manageriale alla tedesca? Appare decisiva in questo senso la ristrettezza del mercato interno che se all inizio degli anni Venti vede pari ad 1 il reddito pro capite italiano, deve assegnare il doppio a quello inglese e francese e un 3,6 all americano. Del resto quando i tecnici della Fiat vanno a Detroit a studiare il funzionamento delle celebri catene di montaggio di Ford, tornano con una relazione nella quale è scritto che il loro sistema appariva impetuoso come un torrente di montagna a paragone del quale la catena del Lingotto sembrava uno stagnante rigagnolo. E tutto ciò non sembra esagerato, dato che alle 2000 automobili giornaliere della Ford ne corrispondevano 300 della Fiat. È il paese, l Italia, nel quale la maggiore impresa chimica, la Montecatini, ha alla base dei suoi affari la produzione di concimi con la calciocianamide il villano se la ride recita un celebre slogan mentre è ben visibile la debolezza della chimica industriale. L Italia è il paese in cui una catena di grande distribuzione, la Rinascente, non può puntare sui magazzini di lusso e riesce quindi a salvarsi dalla grave crisi dei primi anni Trenta con la riconversione verso i negozi popolari della UPIM (Unico prezzo italiano Milano). È l Italia in cui nel 1932 il direttore generale della Fiat, Vittorio Valletta, predica un fordismo grazie al quale quattro operai comprano una Balilla, l automobile meno cara della Fiat sebbene costosa quanto un appartamento. Ai quattro ipotetici operai Valletta chiedeva di recarsi al lavoro insieme con l automobile acquistata e quindi di godersela con la famiglia una domenica al mese ciascuno. Si potrebbe sostenere che un alterativa possibile era rappresentata dalle esportazioni, ad esempio la Fiat collocava all estero nel 1922 il 70% della propria produzione. Ma il mercato internazionale si presentava caratterizzato da forti incertezze e fluttuazioni. Quando nel 1926 il governo italiano decide di sostenere la lira probabilmente oltre 9

10 i limiti del ragionevole, il settore automobilistico, ad esempio, riceve un durissimo colpo. 8. Il settore elettrico cuore del potere economico Alla vigilia della seconda guerra mondiale il capitalismo industriale italiano sembra regredire verso forme feudali. È quanto afferma il magnate dell industria elettrica Ettore Conti in una celebre pagina del suo Taccuino di un borghese. In essa si afferma che mentre in Italia si celebra un sistema politico ed economico che va verso il popolo, la realtà dice di interi rami dell industria governati da un uomo, Agnelli, Pirelli, Donegani, Falck, Cini, Volpi. A fine anni Trenta Stato e famiglie dominano la grande industria italiana e la loro azione converge nel controllo del settore elettrico, un industria resa possibile dall eccellenza tecnica dei nostri ingegneri ma che finisce per risolversi in un terreno di sicura rendita. I capi dell industria elettrica più che a top manager in senso anglosassone assomigliano a funzionari, funzionari di un grande imprenditore pubblico come Alberto Beneduce, o di eminenti famiglie, gli Agnelli, i Pirelli, i Crespi, i Feltrinelli, i Borletti, i Marchi. 9. Un miracolo che viene da lontano Pur in un percorso tutt altro che lineare, quando inizia la seconda guerra mondiale l Italia è l unico paese del Mediterraneo ad avere raggiunto uno stabile stadio di industrializzazione. Non ce l ha fatta la Spagna, ad esempio, che forse si è affidata troppo alle multinazionali. Per l'italia è la prima guerra mondiale con le commesse della Mobilitazione Industriale il punto di non ritorno al termine del quale la nazione è fra le otto più industrializzate del mondo. Ma già negli anni 10

11 immediatamente precedenti la Grande Guerra il paese è autonomo per una produzione essenziale come quella siderurgica, mentre un'impresa come l'ansaldo nonostante la megalomania dei suoi capi ha impianti che suscitano l'ammirazione degli addetti militari tedeschi. Nel corso della prima metà del ventesimo secolo si formano in Italia importanti forze produttive che si concretizzano soprattutto nella costituzione di coorti manageriali. Sono ad esempio gli uomini del Professore, ovvero i dirigenti della Fiat che affiancano Vittorio Valletta nella grande performance degli anni Cinquanta. Quasi tutti entrano in azienda all'inizio degli anni Venti per rispondere alle esigenze create dalla inaugurazione del Lingotto, il più moderno impianto automobilistico d'europa. Sono i siderurgici di Oscar Sinigaglia, il samurai che ha individuato nell'acciaio la questione economica fondamentale dell'economia italiana. Sinigaglia sin dal 1910 espone un lucido programma di sviluppo e specializzazione degli impianti a ciclo integrale che diano al paese prodotti siderurgici su vasta scala, di buona qualità e a basso prezzo. Sinigaglia prosegue la sua azione per tutto il periodo considerato, particolarmente importante è a sua opera all'interno della Sofindit, la finanziaria che raggruppa le partecipazioni industriali della Banca Commerciale Italiana all'inizio degli anni Trenta. E' qui che Sinigaglia ha un'influenza decisiva su un manager come Agostino Rocca che alla fine degli anni Trenta realizzerà il primo stabilimento a ciclo integrale di Cornigliano, presso Genova, un'esperienza che, sebbene vanificata dai tedeschi nel 1943 è all'origine dei grandi successi degli anni Cinquanta. Un terzo nucleo di assoluta rilevanza è costituito dai seguaci di Francesco Saverio Nitti, l'uomo politico lucano, che riteneva solo l'industrializzazione potesse risolvere la grande questione nazionale, quella del Sud. Il più importante dei nittiani è Alberto Beneduce, l'ideatore della formula 11

12 IRI, ovvero di un'insieme di imprese di proprietà pubblica ma caratterizzate da uno stile manageriale privato. 10. La grande impresa protagonista del miracolo Gli anni a cavallo del 1960 sono ricordati come il periodo del miracolo economico italiano. Indiscussi protagonisti sono imprenditori che giocano in grande e non vedono il mercato frenato da vincoli insuperabili. Perseguono quindi le economie di scala e di diversificazione lanciandosi nella costruzione di grandi impianti e grandi organizzazioni. Non vedono nella contrattazione con il potere politico l'essenza del proprio agire imprenditoriale. Questa è data piuttosto da produzioni di massa che rendano accessibili beni essenziali alla maggioranza dei consumatori. Si consideri Vittorio Valletta e il lancio della 600 nel 1955 e della 500 due anni dopo. Per l'italia è il raggiungimento della motorizzazione con livelli comparabili a quelli del grande paese d'oltreoceano. Un traguardo impensabile pochi anni prima. Oscar Sinigaglia realizza un piano per la siderurgia degno di un John Rockefeller. Costruisce un grande impianto a ciclo integrale presso Genova, a Cornigliano appunto, secondo lo stato dell'arte della tecnologia. Specializza la produzione degli altri impianti, chiude quelli obsoleti licenziando migliaia di operai. Sinigaglia era molto sensibile ai costi sociali e a chi gli obiettava le conseguenze della sua azione in questo campo rispondeva che offrendo acciaio di buona qualità e a basso prezzo sviluppava potentemente l'industria meccanica ottenendo quindi un massiccio incremento dell'occupazione. Altro grande primo attore di questa fase è il leggendario Enrico Mattei, il fondatore dell'eni, che realizza a vantaggio dell'industria settentrionale una fitta rete metanifera mentre attua un'efficace politica nel settore del petrolio grazie a geniali e rischiosi accordi 12

13 con i paesi produttori. Mattei si avvale della sua posizione in campo metanifero per strappare alla Montecatini, a vantaggio degli agricoltori italiani, la leadership dei concimi chimici azotati. Nel 1956, infatti, costruisce a Ravenna un impianto petrolchimico con un investimento di sessanta miliardi. Sei anni prima la Montecatini aveva speso per un analogo stabilimento a Ferrara diciotto miliardi. Le economie di scala realizzate dall'eni sono imbattibili. Un quarto indimenticabile protagonista è Adriano Olivetti, l'imprenditore più consapevole delle conseguenze sociali dell'industrializzazione ma così concreto da realizzare nel campo dei prodotti per ufficio una multinazionale da cinquantamila dipendenti, tale da acquisire alla fine degli anni Cinquanta una delle maggiori imprese americane del settore la Underwood. Importante è notare come non ci sia differenza in questa golden age fra privato e pubblico (a questo proposito potremmo aggiungere il caso dell'alfa Romeo di Giuseppe Luraghi). Certo non tutti vincono. Perdenti sono coloro che restano fermi alla cultura e al modo di operare del periodo precedente, al capitalismo politico. La prova più chiara è la vicenda della Montecatini che dopo il 1945 non muta la filosofia di do ut des con il potere politico restando un'obsoleta conglomerata. 11. Un approdo giapponese? Un reddito nazionale che in vent'anni ( ) cresce mediamente del 6% annuo; la Fiat quinta impresa automobilistica mondiale potenzialmente in grado di competere sul mercato internazionale con l'esperienza acquisita nel segmento delle small cars; la Olivetti che primeggia sui mercati internazionali con le sue macchine per scrivere e con le sue calcolatrici tanto da acquisire una corporation americana di primo rango; Enrico Mattei protagonista della politica petrolifera 13

14 internazionale; la siderurgia che passa dal nono al sesto posto nel mondo; il nucleare che vede il paese all'avanguardia in Europa; la formazione di nuovi settori industriali come quello degli elettrodomestici e il generale irrobustimento della struttura produttiva cosicché i sarti diventano industriali dell'abbigliamento, i falegnami mobilieri, i calzolai calzaturieri. Tutto questo dava la sensazione che l'italia potesse spingersi sino alla frontiera dell'economia mondiale, come il Giappone, un paese certo lontano ma per molti versi vicino data la periodizzazione del suo sviluppo industriale, dato il ruolo giocato in esso dall'attore pubblico. La chiave per comprendere i diversi esiti dei due paesi è nell'elemento politico-istituzionale. Negli anni Trenta in Giappone l'azione dello Stato è troppo pervasiva: una selva di leggi e regolamentazioni finisce per ingessare l'economia nazionale. Il Giappone dove la burocrazia è forte mentre debole è la politica, apprende la lezione. Nel secondo dopoguerra si assiste al ritiro dell'intervento pubblico diretto; i grandi ministeri dirigono la politica industriale grazie a guidelines, a moral suasion. Si delinea una sorta di quadratura del cerchio per cui lo Stato protegge e sostiene le grandi imprese ma le obbliga a confrontarsi con il mercato globale. In un tentativo di storia controfattuale si potrebbe dire che in Italia lo Stato avrebbe dovuto ritirarsi dall'intervento diretto e dedicarsi alla creazione di un quadro di regole all'interno delle quali la grande impresa potesse prosperare. Sarebbe stata necessaria quindi un'efficace protezione degli investitori in Borsa; la promozione di investitori istituzionali; la revisione della legge bancaria con il ripristino della cosiddetta haus bank; una legislazione antitrust; il governo delle trasformazioni sociali e del conflitto. 12. Uno Stato politicizzato 14

15 Quella italiana è una società che, date le caratteristiche del processo che ha portato alla formazione dello Stato unitario, si è sempre contrassegnata per la sua frammentazione localistica tale da non sopportare un rapporto diretto fra Stato e cittadini, necessitando invece di una mediazione da parte della politica. Quando si parla di pubblico in Italia, quando si parla di Stato, è sempre necessario intravedere l'azione e la discrezionalità della politica. Si prenda il caso di quello che diverrà il sistema delle Partecipazioni Statali. La formula Beneduce proprietà pubblica e stile managerial-imprenditoriale privato era la brillante soluzione di un nodo storico, la discrepanza fra le necessità di investimenti industriali e la disponibilità di capitali. Ma i rischi non erano di poco conto. La fase della negligenza benigna da parte dei politici non dura molto a lungo. Già alla metà degli anni Cinquanta si intravede uno spoil system che segnerà pesantemente l'intera costruzione. E dato il cosiddetto bipartitismo polarizzato che la natura del maggiore partito di opposizione, il Partito Comunista Italiano, rende inevitabile, si tratta di uno spoil system a senso unico che finisce per rendere irresponsabili governo ed opposizione. Lo Stato Imprenditore diviene sempre più uno strumento per il consenso, ovvero cresce per incrementare l'occupazione sicuro grimaldello del successo elettorale. Nel 1956 con la nascita del Ministero delle Partecipazioni Statali viene creata una catena di comando che nel corso degli anni si rivelerà micidiale. Prendiamo il caso siderurgico. Alla fine degli anni Cinquanta era necessario incrementare sostanzialmente la capacità produttiva. Viene effettuata una indagine fra i maggiori dirigenti della Finsider, la finanziaria siderurgica dell'iri, il responso è quasi unanime e prevede il raddoppio dello stabilimento di Piombino, un sito di antica industrializzazione. Il Ministero insiste perché un nuovo impianto sorga a Taranto, la città pugliese in crisi per lo stato dei suoi cantieri. I capi della Finsider vi si recano e, constatata la grave situazione di 15

16 disagio sociale, si convincono a costruire a Taranto il quarto centro siderurgico dopo quelli di Genova, Piombino, Bagnoli. Ma gli allievi di Oscar Sinigaglia non potevano non confrontarsi con le esigenze del mercato. Propongono quindi di costruire un impianto che realizzi grandi tubi per metanodotti e lamiere per navi, ovvero prodotti ad alto valore aggiunto. Ancora una volta prevalgono i politici e impongono il dissennato incremento della produzione con la costruzione di diversi altiforni. E' la produzione di massa a basso costo per la quale si va a sicura sconfitta da parte dei concorrenti asiatici. L'occupazione aumenta ma per la Finsider è l'inizio della fine, che arriva con la bancarotta del 1988, un debito di miliardi. Una sorte simile rischia l'eni, che, obbligata a salvataggi da leggi del parlamento un vero e proprio metodo sovietico di esproprio delle prerogative di impresa viene trasformata di fatto da azienda a ente per lo sviluppo. Pasquale Saraceno. accademico ma anche fra i maggiori dirigenti dell'iri, testimone e protagonista della sua vicenda afferma l'esigenza per l'impresa pubblica di perseguire il concetto di economicità, ovvero la dialettica fra massimizzazione del profitto e istanze politico-sociali. E' quanto di fatto avviene con i cosiddetti oneri impropri, ovvero indicazioni politiche di investimenti per le imprese pubbliche e vincoli localizzativi che il parlamento compensa con un fondo di dotazione. E' un metodo che finisce per rendere irresponsabile il management pubblico. L'economicità di Saraceno è un concetto affascinante ma che non regge alla prova dei fatti. 13. L'approdo mancato L'incapacità di raggiungere i risultati del Giappone si concretizza in cinque grandi episodi. 16

17 1. La degenerazione dello Stato Imprenditore, di cui si è parlato proprio ora; 2. Il fallimento dei progetti di frontiera tecnologica. E' l'olivetti che dopo l'improvvisa scomparsa del suo leader Adriano Olivetti non riesce a concretizzare l'occasione della pionieristica produzione di computer, una iniziativa i cui costi andavano ben oltre le disponibilità di una impresa famigliare. E' l'abortire del grande progetto di dotare il paese di una rete di impianti nucleari, che solo una determinata e unitaria politica industriale poteva rendere realistico. 3. Le conseguenze della nazionalizzazione dell'energia elettrica. E' il risultato della decisione caldeggiata dal governatore della Banca d'italia Guido Carli di indennizzare le aziende e non gli azionisti. Carli pensava di ripetere l'operazione del 1905 quando gli indennizzi della nazionalizzazione delle ferrovie si erano riversati nell'emergente industria elettrica. Ora si pensava alla chimica ma il contesto competitivo era ben diverso né esisteva una Borsa per sanzionare i comportamenti negativi degli imprenditori né una haus bank tale da indirizzarli correttamente. Il risultato più rilevante di questo snodo è la disastrosa fusione fra Montecatini ed Edison. 4. La crisi delle grandi famiglie che si verifica diffusa negli anni Sessanta fra vecchie e nuove dinastie industriali. Del resto nel 1976 viene pubblicata una ricerca dello studioso italo-americano Robert J. Pavan, dalla quale emerge l'incapacità di crescere e di competere sui mercati internazionali della grande impresa famigliare italiana all'interno della quale i dirigenti risultano giudicati più per la fedeltà che per le performances. 5. Il lungo autunno. E' il periodo che inizia con la vertenza Fiat del settembre 1969 e che si conclude sempre alla Fiat con la cosiddetta marcia dei quarantamila nell'ottobre del E' un periodo di importanti conquiste 17

18 sociali ma anche di tragici conflitti come la diffusione del terrorismo. Ciò che risalta è l'incapacità di incanalare politicamente e istituzionalmente giustificate rivendicazioni, alla maniera tedesca con la cogestione. Sono sconfitte dalle quali la grande impresa non si riprenderà più, nonostante i ruggenti anni Ottanta, del resto profondamente contrassegnati dall'assenza di regole. Carlo De Benedetti quota in Borsa quattro volte la stessa società; la Fiat vende le azioni libiche con metodi non proprio trasparenti. Raoul Gardini acquista la Montedison con i soldi della Montedison. Una vera e propria fortuna per l'italia è rappresentata dalla piena adesione al progetto europeo, dall'accordo di Maastricht. Esso porta non solo alla moneta unica ma anche all'instaurazione finalmente di regole, come l'antitrust, il rafforzamento della Consob, la legge sulle SIM, la nuova legge bancaria, la legge sulla corporate governance. Ma i buoi sono scappati. La grande impresa è irrimediabilmente depotenziata. Nel 1997 la Montedison cede le attività chimiche. Quasi nello stesso periodo la Fiat entra in una crisi di cui è difficile prevedere la conclusione, mentre le prime imprese italiane risultano quelle come l'eni e la Telecom che nella realtà usufruiscono di forti posizioni di rendita. 14. La scoperta della piccola impresa L'Italia degli anni Settanta è un mistero. Sembra afflitta da tutti i mali e da tutte le crisi ma continua a crescere seconda solo al Giappone fra i paesi dell'ocse. Si riscopre allora la piccola impresa, spesso organizzata nella forma del distretto industriale - un territorio definito dedicato alla produzione di un bene per la quale viene realizzata una divisione del lavoro sia orizzontale sia verticale, ovvero oltre 18

19 al bene si fabbricano anche le macchine per la sua realizzazione. Nel 1991 quando il parlamento approva una legge che intende tutelarli, vengono censiti 199 distretti che possono contare addetti, ossia il 45% dell'occupazione manifatturiera complessiva. Sono i distretti che indirizzano le proprie risorse verso la produzione di beni per la persona e per l'abitazione ad essere protagonisti nell'ascesa del made in Italy. I distretti si formano in un processo di lungo periodo. Se la causa scatenante è l'emergere di un mercato nazionale e internazionale nel secondo dopoguerra, le origini sono senz'altro remote. Un forte ruolo è giocato dalla tradizione corporativa come dal retaggio mezzadrile con l'etica del lavoro, le tante abilità manuali, lo spirito imprenditoriale. Importanti sono anche l'antica consuetudine di raffinata domanda urbana e l'attitudine al commercio cosmopolita. In ogni caso, quello dei distretti è un successo che non si spiega solo con la quantità e qualità dei fattori individuali. Decisivo è l'apporto di un'istituzione come la famiglia per aziende nelle quali padroni ed operai sono spesso parenti. Così come in primo piano è la comunità locale, per cui la concorrenza è bilanciata da un senso di solidarietà e le conoscenze tecniche e professionali sono nell'aria. Altrettanto importanti sono le istituzioni locali sia con interventi positivi, come ad esempio nel campo dell'istruzione e della costruzione di infrastrutture, ma anche con la tolleranza verso comportamenti discutibili (evasione fiscale). Si consideri infine l'elemento relativo alla omogeneità politica: i distretti fioriscono in aree o fortemente rosse o a netta prevalenza cattolica. In questo modo è possibile attenuare il lacerante conflitto sociale che caratterizza la grande impresa. Tutte queste virtù non possono nascondere lati oscuri come la sottocapitalizzazione, la sclerosi produttiva, la volatilità dei mercati al cui interno i distretti operano, mercati soprattutto di beni voluttuari, come si è già detto, la diffusa piaga dell'evasione fiscale. Un quadro di 19

20 luci e di ombre quindi che in definitiva riesce a catturare la grande vitalità del paese. 15. Il quarto capitalismo Dai distretti emergono non di rado imprese che in essi creano precise gerarchie. Tali attori vengono definiti quarto capitalismo perché non possono essere identificati né con la grande impresa privata né con quella pubblica né con la piccola impresa. Alla fine degli anni Novanta sono attive in Italia un migliaio di aziende che fatturano fra i trecento e i tremila miliardi di lire. Una parte di esse ha origini che risalgono al periodo successivo alla prima guerra mondiale, altre sono figlie del miracolo economico, altre ancora nascono proprio con la crisi degli anni Settanta. Due le caratteristiche fondamentali: grande abilità tecnica di origine addirittura artigianale - si pensi a Leonardo Del Vecchio e alla sua Luxottica - oppure una straordinaria capacità commerciale come nel caso della Divani e Divani di Pasquale Natuzzi. La formula del successo di questo quarto capitalismo è la concentrazione su una nicchia ma a livello globale, come sanno i produttori fabrianesi di cappe aspiranti. Il quarto capitalismo ha fatto scrivere che l'italia più che un declino stia subendo una metamorfosi. In realtà questo nuovo protagonista deve affrontare due nodi irrisolti. Il primo riguarda quella che oggi viene definita governance, ovvero il modo in cui si rende armonico il rapporto fra proprietà, controllo e gestione d'impresa. Il quarto capitalismo è nettamente dominato da imprese famigliari, con tutti i problemi che questo assetto comporta. Il secondo riguarda i settori in cui esso opera tessile, abbigliamento, calzature, pelli e cuoio, legno e mobili, ceramiche e marmo, oreficeria, gioielleria, strumenti musicali, articoli sportivi, giocattoli ovvero quelle produzioni a cui si accennava 20

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta

L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta Indice Introduzione 1. L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta I primi passi e il ruolo dello Stato. Pil 1/3 della Francia, Inghilterra 2000 km ferrovia contro 9000 Francia, 17000

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

L agricoltura tradizionale

L agricoltura tradizionale L agricoltura tradizionale Prima dell industria la grande maggioranza della popolazione (60-90%) viveva sulla e della terra Nell Europa occidentale e mediterranea gli uomini erano legati alla terra da

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli