Comune di Corzano (BS)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Corzano (BS)"

Transcript

1 Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Ed. 01 del 15/06/2013 Comune di Corzano (BS) PRONTUARIO DI EMERGENZA - PROCEDURE

2 RI.2 Rischio Idrogeologico - Fase di Allerta - Codice 2 PROCEDURE DA ATTIVARE RI.2.1 Servizio di Allerta - Monitoraggio RI.2.1 POSTAZIONI DI MONITORAGGIO Dal momento che nell'analisi delle pericolosità non sono emerse particolari criticità per il rischio idrogeologico si considera potenzialmente da sottoporre a monitoraggio l'intero territorio comunale. RI.2.1 SERVIZIO DI ALLERTA - MONITORAGGIO 1 MONITORAGGIO 2 PERLUSTRAZIONE 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE 9 RIMOZIONE OSTACOLI DA ALVEO

3 RI.3 Rischio Idrogeologico - Fase di Allerta Codice 3 RI.3.1 Posizionamento Cancelli - Informazione alla Popolazione PROCEDURE DA ATTIVARE RI.3.2 Attivazione Aree di Emergenza RI.3.3 Evacuazione RI.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE RI.3.2 Aree di raccolta popolazione Aree di ricovero AREE E EDIFICI DISPONIBILI PER ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA - Scuola dell'infanzia - Cod. Stradario 5 - Ricovero - Scuola Primaria - Cod. Stradario 2 - Tendopoli - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Tendopoli RI.3.3 AREE SOGGETTE A EVACUAZIONE RI.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE RI.3.2 ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA 5 ALLESTIMENTO AREA DI RICOVERO RI.3.3 EVACUAZIONE 7 EVACUAZIONE

4 RI.4 Rischio Idrogeologico - Fase di Allerta Codice 4 PROCEDURE DA ATTIVARE RI.4.1 Interventi in Emergenza per Riparazione e Manutenzione RI.4.2 Allestimento Aree di Raduno dei Soccorritori Cartografia di Supporto RI.4.1 INTERVENTI IN EMERGENZA PER RIPARAZIONE E MANUTENZIONE RI.4.2 AREE E EDIFICI DISPONIBILI PER ALLESTIMENTO AREE DI RADUNO DEI SOCCORRITORI - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Aviosuperficie Aree di raduno soccorritori - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ammassamento - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Aviosuperficie 8 RIMOZIONE OSTACOLI RI.4.1 INTERVENTI IN EMERGENZA PER 9 RIMOZIONE OSTACOLI DA ALVEO RIPARAZIONE E MANUTENZIONE 10 PRESERVAZIONE ARGINI 11 FRANA RI.4.2 AREE DI RADUNO DEI SOCCORRITORI 6 ALLESTIMENTO AREA DI AMMASSAMENTO SOCCORSI

5 AIB.2 Rischio Incendio Boschivo - Fase di Allarme PROCEDURE DA ATTIVARE AIB.2.1 Posizionamento Cancelli - Informazione alla Popolazione AIB.2.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE AIB.2.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE

6 AIB.3 Rischio Incendio Boschivo - Fase di Emergenza AIB.3.1 Posizionamento Cancelli - Informazione alla Popolazione PROCEDURE DA ATTIVARE AIB.3.2 Attivazione Aree di Emergenza AIB.3.3 Evacuazione AIB.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE AIB.3.2 Aree di raccolta popolazione Aree di ricovero AREE E EDIFICI DISPONIBILI PER ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA - Scuola dell'infanzia - Cod. Stradario 5 - Ricovero - Scuola Primaria - Cod. Stradario 2 - Tendopoli - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Tendopoli AIB.3.3 AREE SOGGETTE A EVACUAZIONE AIB.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE AIB.3.2 ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA 5 ALLESTIMENTO AREA DI RICOVERO AIB.3.3 EVACUAZIONE 7 EVACUAZIONE

7 IR.3 Rischio di Incidente Rilevante/Trasporto di Sostanze Pericolose IR.3.1 Posizionamento Cancelli - Informazione alla Popolazione IR.3.2 Attivazione Aree di Emergenza PROCEDURE DA ATTIVARE IR.3.3 Evacuazione IR.3.4 Revoca dello stato di emergenza IR.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE IR.3.2 AREE E EDIFICI DISPONIBILI PER ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA - Scuola dell'infanzia - Cod. Stradario 5 - Ricovero - Scuola Primaria - Cod. Stradario 2 - Tendopoli Aree di raccolta popolazione - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ricovero Aree di ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Tendopoli IR.3.3 IR.3.4 AREE SOGGETTE A EVACUAZIONE AREE DOVE ESEGUIRE LA REVOCA DELLO STATO DI EMERGENZA Area interessata dalle conseguenze dell'incidente. IR.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE IR.3.2 ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA 5 ALLESTIMENTO AREA DI RICOVERO IR.3.3 EVACUAZIONE 7 EVACUAZIONE IR.3.4 REVOCA DELLO STATO DI 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE

8 RG.2 Rischio di Incidente Rete Metano - Fase di Allarme RG.2.1 Posizionamento Cancelli - Informazione alla Popolazione PROCEDURE DA ATTIVARE RG.2.2 Attivazione Aree di Emergenza RG.2.3 Evacuazione RG.2.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE RG.2.2 Aree di raccolta popolazione Aree di ricovero AREE E EDIFICI DISPONIBILI PER ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA - Scuola dell'infanzia - Cod. Stradario 5 - Ricovero - Scuola Primaria - Cod. Stradario 2 - Tendopoli - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Tendopoli RG.2.3 AREE SOGGETTE A EVACUAZIONE RG.2.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE RG.2.2 ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA 5 ALLESTIMENTO AREA DI RICOVERO RG.2.3 EVACUAZIONE 7 EVACUAZIONE

9 RG.3 Rischio di Incidente Rete Metano - Fase di Emergenza RG.3.1 Posizionamento Cancelli - Informazione alla Popolazione PROCEDURE DA ATTIVARE RG.3.2 Attivazione Aree di Emergenza RG.3.3 Evacuazione RG.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE RG.3.2 Aree di raccolta popolazione Aree di ricovero AREE E EDIFICI DISPONIBILI PER ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA - Scuola dell'infanzia - Cod. Stradario 5 - Ricovero - Scuola Primaria - Cod. Stradario 2 - Tendopoli - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Tendopoli RG.3.3 AREE SOGGETTE A EVACUAZIONE RG.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE RG.3.2 ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA 5 ALLESTIMENTO AREA DI RICOVERO RG.3.3 EVACUAZIONE 7 EVACUAZIONE

10 MR.3 PROCEDURE DA ATTIVARE Rischio Dispersione Materiale Radioattivo MR.3.1 Posizionamento Cancelli - Informazione alla Popolazione MR.3.2 Allestimento Aree di Raduno dei Soccorritori MR.3.3 Attivazione Aree di Emergenza MR.3.4 Evacuazione MR.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE MR.3.2 AREE E EDIFICI DISPONIBILI PER ALLESTIMENTO AREE DI RADUNO DEI SOCCORRITORI - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Aviosuperficie Area di raduno soccorritori - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ammassamento - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Aviosuperficie MR.3.3 AREE DISPONIBILI PERATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA - Scuola dell'infanzia - Cod. Stradario 5 - Ricovero - Scuola Primaria - Cod. Stradario 2 - Tendopoli Aree di raccolta popolazione - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ricovero Aree di ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Tendopoli MR.3.4 AREE SOGGETTE A EVACUAZIONE MR.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE MR.3.2 AREE DI RADUNO DEI SOCCORRITORI 6 ALLESTIMENTO AREA DI AMMASSAMENTO SOCCORSI MR.3.3 ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA 5 ALLESTIMENTO AREA DI RICOVERO MR.3.4 EVACUAZIONE 7 EVACUAZIONE

11 IV.3 Rischio Interruzione Viabilità - Fase di Emergenza PROCEDURE DA ATTIVARE IV.3.1 Posizionamento Cancelli - Informazione alla Popolazione IV.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE IV.3.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE

12 GE Grandi Eventi Organizzati nel Territorio Comunale PROCEDURE DA ATTIVARE GE.1 Posizionamento Cancelli - Informazione alla Popolazione GE.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE GE.1 POSIZIONAMENTO CANCELLI - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE

13 RS.2 Rischio Sismico - Fase di Allarme PROCEDURE DA ATTIVARE RS.2.1 Perlustrazione - Informazione alla Popolazione RS.2.1 PERLUSTRAZIONE - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Intero territorio comunale al fine di verificare i danni e di informare la popolazione su quanto accaduto RS.2.1 PERLUSTRAZIONE - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE

14 RS.3 PROCEDURE DA ATTIVARE Rischio Sismico - Fase di Emergenza RS.3.1 Ripristino Viabilità - Informazione alla Popolazione - Primi Interventi RS.3.2 Attivazione Aree di Emergenza RS.3.3 Evacuazione RS.3.4 Allestimento Aree di Raduno dei Soccorritori RS.3.1 RIPRISTINO VIABILITÀ - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE - PRIMI INTERVENTI RS.3.2 AREE E EDIFICI DISPONIBILI PER ALLESTIMENTO AREE DI RADUNO DEI SOCCORRITORI - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Aviosuperficie Area di raduno soccorritori - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ammassamento - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Aviosuperficie RS.3.3 AREE DISPONIBILI PERATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA - Scuola dell'infanzia - Cod. Stradario 5 - Ricovero - Scuola Primaria - Cod. Stradario 2 - Tendopoli Aree di raccolta popolazione - Oratorio - Cod. Stradario 4 - Ricovero Aree di ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Ricovero - I.I.S. "Vincenzo Dandolo" - Cod. Stradario 3 - Tendopoli RS.3.4 AREE SOGGETTE A EVACUAZIONE RIPRISTINO VIABILITÀ - 3 PRESIDIO CANCELLI/SUPPORTO VIABILITÀ RS.3.1 INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE - 4 INFORMAZIONE DIRETTA ALLA POPOLAZIONE PRIMI INTERVENTI 8 RIMOZIONE OSTACOLI RS.3.2 ATTIVAZIONE AREE DI EMERGENZA 5 ALLESTIMENTO AREA DI RICOVERO RS.3.3 EVACUAZIONE 7 EVACUAZIONE RS.3.4 AREE DI RADUNO DEI SOCCORRITORI 6 ALLESTIMENTO AREA DI AMMASSAMENTO SOCCORSI

15 P.O.S. 1 Monitoraggio Descrizione attività Consiste nel presidio di una località in cui sia possibile l inizio o sia in atto un dissesto idrogeologico. Numero Operatori Minimo 2 Automezzo dedicato Non necessario Equipaggiamento minimo consigliato Vestiario alta visibilità EN471 - Impermeabile Torcia elettrica Modalità di comunicazione Cellulare / Radio Azioni Osservare l evoluzione dell evento. Fare rapporti all UCL ad intervalli regolari. Ubicazione Postazioni di monitoraggio In accordo con il PE o dove stabilito dall'ucl. Termine intervento Concordato con PCA / UCL - Alla cessata Emergenza. P.O.S. 2 Perlustrazione Descrizione attività Consiste nel controllo di ampie porzioni di territorio mediante pattuglie lungo percorsi che attraversino le aree a rischio. Numero Operatori Minimo 2 Automezzo dedicato Si Equipaggiamento minimo consigliato Vestiario alta visibilità EN471 - Impermeabile Torcia elettrica Modalità di comunicazione Cellulare / Radio Osservare l evoluzione dell evento. Azioni Fare rapporti all'ucl ad intervalli regolari sulla posizione della pattuglia. Comunicare all'ucl lo stato delle aree a rischio raggiunte. In accordo con il PE o dove stabilito dall'ucl. Termine intervento Concordato con PCA / UCL - Alla cessata Emergenza.

16 P.O.S. 3 Presidio Cancelli/Supporto Viabilità Descrizione attività Numero Operatori e Automezzi Equipaggiamento minimo consigliato Modalità di comunicazione Azioni Termine intervento Posizionamento e presidio di cancelli, che regolino o interdicano l'accesso a vie o aree interessate da attività di protezione civile. Minimo 2 operatori dotati di automezzo. Vestiario alta visibilità EN471 - Impermeabile Torcia elettrica Paletta Transenne e/o nastro segnaletico Cartelli segnaletici Cellulare / Radio Posizionare opportunamente transenne e segnaletica e presidiarle con continuità. Fare rapporti all'ucl ad intervalli regolari. In accordo con il PE o dove stabilito dall'ucl. Concordato con PCA / UCL - Alla cessata Emergenza. P.O.S. 4 Informazione Diretta alla Popolazione Descrizione attività Numero Operatori e Automezzi Equipaggiamento minimo consigliato Modalità di comunicazione Azioni Termine intervento Fornire alle persone esposte informazioni circa: - la tipologia di evento calamitoso in atto; - le misure di contrasto e/o prevenzione adottate; - il comportamento da seguire. Minimo 2 operatori dotati di automezzo. Vestiario alta visibilità EN471 - Impermeabile Torcia elettrica Megafono o altoparlante Cellulare / Radio Organizzare la diffusione delle informazioni sul territorio di competenza. In accordo con il PE o dove stabilito dall'ucl. Concordato con PCA / UCL - Alla cessata Emergenza.

17 P.O.S. 5 Allestimento Area di Ricovero Descrizione attività Numero Operatori e Automezzi Equipaggiamento minimo consigliato Materiale Necessario Modalità di comunicazione Azioni Termine intervento Descrizione attività Numero Operatori e Automezzi Equipaggiamento minimo consigliato Materiale Necessario Modalità di comunicazione Predisporre i materiali e le attrezzature necessarie all'accoglienza ed al ricovero della popolazione sfollata. Minimo 2 squadre con automezzo. Brande/Cuscini/Materassi/Coperte Generi di prima necessità (Acqua, Carta igienica, viveri, ecc.) Cellulare / Radio Reperire, trasportare e posizionare i materiali presso le aree prescelte. Organizzare un servizio di accoglienza registrazione e smistamento. Verificare necessità di assistenza sanitaria ed eventualmente comunicarla all'ucl. Distribuire generi di prima necessità. Fornire agli ospiti assistenza continua. Fare periodico rapporto all'ucl. Aree definite nel PE o definite da UCL in emergenza. Concordato con PCA / UCL P.O.S. 6 Allestimento Area di Ammassamento Soccorsi Azioni Termine intervento Predisporre i materiali e le attrezzature necessarie all'accoglienza dei soccorritori. Minimo 2 squadre con automezzo. Brande/Cuscini/Materassi/Coperte Generi di prima necessità (Acqua, Carta igienica, viveri, ecc.) Cellulare / Radio Rendere accessibili le aree preventivamente individuate. Piantonare l'ingresso, accogliere registrare e dislocare mezzi e personale. Fare periodico rapporto all'ucl. Aree definite nel PE o definite da UCL in emergenza. Concordato con PCA / UCL

18 P.O.S. 7 Evacuazione Descrizione attività Numero Operatori Automezzo dedicato Equipaggiamento minimo consigliato Modalità di comunicazione Azioni Termine intervento Consiste nella notifica dell'ordinanza di evacuazione e verifica dell'esecuzione. Almeno 2 per ogni area (obbligatoria la presenza di almeno 1 agente di Pubblica Sicurezza). Si Vestiario alta visibilità EN471 - Impermeabile Torcia elettrica Copia Ordinanza e Modulo E2 - Scheda Registrazione Persone Evacuate Cellulare / Radio Comunicazione ad ogni unità abitativa dell'allarme in atto e della necessità di evacuazione. Dare alla popolazione delle disposizioni per un corretto allontanamento. Informare circa l'ubicazione dell'area di Accoglienza/Ricovero. Comunicare all'ucl se le persone evacuate intendano usufruire dell'area di Accoglienza/Ricovero o se provvedono da soli al proprio alloggiamento presso strutture private (alberghi, parenti, amici ); in tal caso comunicare anche un recapito telefonico per comunicazioni di urgenza. Comunicare all'ucl il progressivo sgombero dei numeri civici interessati. A evacuazione ultimata presidio e controllo delle aree disabitate. In accordo con il PE o dove stabilito dall'ucl. Concordato con PCA / UCL - Alla cessata Emergenza.

19 P.O.S. 8 Rimozione Ostacoli Descrizione attività Numero Operatori Automezzo dedicato Equipaggiamento minimo consigliato Modalità di comunicazione Azioni Termine intervento Rimuovere ostacoli di diverso genere (materiale franato o schiantato, o abbattuto) che possano compromettere la viabilità o l accesso ad aree strategiche pubbliche o private. Oltre alla rimozione si prevede contestualmente od in alternativa la messa in sicurezza dell area. Minimo 2 - Meglio una squadra Si Vestiario alta visibilità EN471 - Impermeabile - DPI antitaglio Attrezzatura: badili, picconi, rastri, roncole, motosega, decespugliatori Materiali di delimitazione: transenne e segnali Cellulare / Radio Perimetrare l area, inibirne l accesso e verificarne la sicurezza. Rimuovere l ostacolo direttamente e/o verificare se necessario con UCL l invio di macchinari specifici. Fare rapporti all UCL ad intervalli regolari descrivendo lo stato dell avanzamento dei lavori. In accordo con il PE o dove stabilito dall'ucl. Concordato con PCA / UCL - Alla cessata Emergenza.

20 P.O.S. 9 Rimozione Ostacoli da Alveo Descrizione attività Numero Operatori Automezzo dedicato Equipaggiamento minimo consigliato Modalità di comunicazione Azioni Termine intervento Rimuovere ostacoli di diverso genere (alberi, automobili, passerelle pedonali crollate, oggetti abbandonati di dimensioni rilevamnti, ecc. ) che possano compromettere il normale deflusso dell'acqua nell'alveo o che ostruiscano parzialmente la luce di un attraversamento. Oltre alla rimozione si prevede, se tecnicamente possibile, la definitiva messa in sicurezza dell area. Almeno una squadra. Si Vestiario alta visibilità EN471 - Impermeabile - DPI antitaglio - Imbragatura o Dispositivi di Protezione Anticaduta. Attrezzatura: badili, picconi, rastri, roncole, motosega, decespugliatori. Attrezzature speciali: se necessarie idonee macchine d'opera. Materiali di delimitazione: transenne e segnali Cellulare / Radio Perimetrare l area, inibirne l accesso e verificarne la sicurezza. Rimuovere l ostacolo direttamente e/o verificare se necessario con UCL l invio di macchinari specifici. Fare rapporti all UCL ad intervalli regolari descrivendo lo stato dell avanzamento dei lavori. In accordo con il PE o dove stabilito dall'ucl. Concordato con PCA / UCL - Alla cessata Emergenza.

21 P.O.S. 10 Preservazione Argini Descrizione attività Numero Operatori Automezzo dedicato Equipaggiamento minimo consigliato Materiale Necessario Modalità di comunicazione Azioni Termine intervento Preparare e posizionare sacchetti di sabbia per arginature. Una squadra per ogni sezione di argine a rischio. Si Vestiario alta visibilità EN471 - Impermeabile. Sabbia - sacchi in nylon o canapa - cordame - badili - bancali - teli di cellophane o nylon - idrovore ( almeno lt/min) con aspirazione e tubi di mandata. Cellulare / Radio Predisposizione in area sicura dei sacchi di sabbia da impiegare: - nell' innalzamento degli argini; - nell'allestimento di barriere di protezione per gli accessi agli immobili più esposti. Nelle aree arginate e sicure posizionare idrovore per l'allontanamento dell'acqua. Fare rapporti all'ucl ad intervalli regolari descrivendo lo stato degli argini e l'avanzamento dei lavori. In accordo con il PE o dove stabilito dall'ucl. Concordato con PCA / UCL - Alla cessata Emergenza.

22 P.O.S. 11 Frana Descrizione attività Numero Operatori Automezzo dedicato Equipaggiamento minimo consigliato Modalità di comunicazione Azioni Termine intervento Mitigazione del rischio derivato da dissesti idrogeologici in evoluzione mediante interventi in emergenza eseguiti direttamente sul corpo di frana. Minimo 2 - Meglio una squadra. Si Vestiario alta visibilità EN471 - Impermeabile - DPI antitaglio Attrezzatura: badili, picconi, rastri, roncole, motosega, decespugliatori. Materiali di consumo: teli di cellophane o nylon, transenne e segnali, materiali da costruzione. Cellulare / Radio Mettere in sicurezza le aree interessate dallo smottamento: - limitando, se possibile, l'afflusso di acqua alle aree in dissesto; - perimetrare l'area interessata e, se possibile, coprire con teli impermeabili le aree soggette a smottamento. - provvedere allo sgombero degli ostacoli come da POS dedicata - attendere la consulenza di personale tecnico specializzato prima di mettere in atto ulteriori interventi o accedere all'area in dissesto. In accordo con il PE o dove stabilito dall'ucl. Concordato con PCA / UCL - Alla cessata Emergenza.

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A () (, CC, Polizia Municipale,..) FASE DI ATTENZIONE Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione Fax, telefono, cellulare ()

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Località Territorio comunale Evento sismico di media entità (magnitudo Richter Descrizione compresa tra 4,0 e 5,5) Grado di rischio Alto SCENARIO 3.29

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione emergenze P08 Rev 02 del 14/06/2014 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile.

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile. Comune di San Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Sezione viabilità Bozza: Ottobre 2000 1a stesura: Luglio 2001 Verifica: Ottobre 2001 PROCEDURA Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI)

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) PROCEDURE INTEGRATIVE AI PIANI DI COORDINAMENTO DEI SINGOLI PALAZZI DOCUMENTO DESTINATO ALLE AZIENDE Versione Data 1 Dicembre 2010 CONTENUTO Procedure Moduli

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la Casa comunale Se questi locali risultassero inagibili la sala operativa sarà allestita

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

MODULISTICA OPERATIVA

MODULISTICA OPERATIVA MODULISTICA OPERATIVA INDICE SCHEDA OPERATIVA PER ATTIVAZIONE PIANO DI EMERGENZA Pag. 2 MESSAGGIO DI ALLARME, EMERGENZA E CESSATO ALLARME Pag. 4 COMUNICATO ALLA POPOLAZIONE Pag. 7 SCHEDA OPERATIVA RISCHIO

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO SEZIONE II SCENARI DI RISCHIO DOC 2.1 LIVELLI DI ALLERTA MODELLO DI INTERVENTO, SCENARI DI RISCHIO E INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Sommario Scenari di rischio...2 Metodologia utilizzata...2 Gli scenari

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 153 in data 29.05.2012, modificato con deliberazione G.P.

Dettagli

! " # $ " '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $

!  # $  '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $ ! " # " %% & " '###( ) & *+%, - & & ). / 0)1 +-234563 )+ 7 ) 8 7 111& 287 ) / 9) #.:; " < &=44>.:; < - / # '###( ' ( ;?&0 -.:;/ @! A, # *%? '(, ' 1(@ :B 1!? # 288 +.:;/ +; # ;,&1;1C - # ' ( @ " " @ " *%

Dettagli

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO Rischio: Ribaltamento di un autobotte di benzina lungo SS 342 SP48 SP69 FS171 Descrizione evento: Lo scenario ipotizzato è relativo al rischio chimico

Dettagli

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti.

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. A seguito della Convenzione Intercomunale dell 11 Giugno 2009,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 03 - FAC-SIMILE ORDINANZE, MANIFESTI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Segreteria Normalità Emergenza Logistica Mezzi Materiali Specialità

Dettagli

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE 1 APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE IN CASO DI EMERGENZA VENGONO MESSE IN EVIDENZA LE ATTIVITÀ DA SVOLGERE DA PARTE DELLA DITTA

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

ANTINCENDIO BOSCHIVO. Corso I Livello di Antincendio Boschivo. Relatrice: Maria Claudia Burlotti

ANTINCENDIO BOSCHIVO. Corso I Livello di Antincendio Boschivo. Relatrice: Maria Claudia Burlotti Corso I Livello di Antincendio Boschivo Relatrice: Maria Claudia Burlotti Organizza e coordina il servizio AIB attraverso la collaborazione con il CFS, VVF e gli Enti DIP. P.C. COAU ENTI (PROVINCE, COMUNITA

Dettagli

Le procedure e gli adempimenti per la bonifica dell amianto in matrice friabile

Le procedure e gli adempimenti per la bonifica dell amianto in matrice friabile Castello Chiaramonte Favara, 23 Maggio 2014 Seminario di aggiornamento professionale GESTIONE RISCHIO AMIANTO: ADEMPIMENTI E PROCEDURE Le procedure e gli adempimenti per la bonifica dell amianto in matrice

Dettagli

MESSAGGIO DI PREALLARME

MESSAGGIO DI PREALLARME logo COMUNE DI. Da utilizzarsi per comunicare che sul territorio comunale si sono manifestati eventi potenzialmente in grado di arrecare danni a persone, cose e ambiente. MESSAGGIO DI PREALLARME DA: COMUNE

Dettagli

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI)

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) PROCEDURE INTEGRATIVE AI PIANI DI COORDINAMENTO DEI SINGOLI PALAZZI DOCUMENTO DESTINATO ALLE AZIENDE Versione Data 1 Gennaio 2011 CONTENUTO Procedure Moduli

Dettagli

Vigili del fuoco 115 Emergenza sanitaria 118 Carabinieri 112

Vigili del fuoco 115 Emergenza sanitaria 118 Carabinieri 112 CAPITOLO 4: PROCEDURE OPERATIVE 4.1 Tipologia degli eventi Ai fini dell attività di protezione civile gli eventi si distinguono a seconda degli ambiti di competenza previsti dall art. 2 della L. 225/1992:

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il Piano

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

R1.1 Incidente stradale

R1.1 Incidente stradale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO Oltre al tessuto stradale comunale, il comune di Flero è attraversato dalla SP IX (che ne costituisce il confine nord occidentale)

Dettagli

Gestione del servizio di piena

Gestione del servizio di piena Gestione del servizio di piena 1.- Premessa 2.- Allarme e attivazione della sala operativa 3.- Allertamento dei volontari 4.- Servizio di piena Fase di preparazione al servizio di piena Controllo degli

Dettagli

Associazione di Protezione Civile Propyrgi - Santa Marinella. Simulazione d intervento in caso di calamità naturale

Associazione di Protezione Civile Propyrgi - Santa Marinella. Simulazione d intervento in caso di calamità naturale Associazione di Protezione Civile Propyrgi - Santa Marinella Simulazione d intervento in caso di calamità naturale 1 Introduzione In questa simulazione i partecipanti assumeranno i ruoli dei principali

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Comune di Luino Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Protezione Civile: le novità LEGGE 100 del 12 luglio 2012 (Riordino Protezione Civile) 3-bis. Il comune approva con deliberazione consiliare,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI)

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) PROCEDURE INTEGRATIVE AI PIANI DI COORDINAMENTO DEI SINGOLI PALAZZI DOCUMENTO DESTINATO ALLE AZIENDE Versione Data 2 Novembre 2012 CONTENUTO Procedure Moduli

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

Celle frigorifere e lavori in isolamento. Il lavoro isolato casi di studio. rivetta sistemi

Celle frigorifere e lavori in isolamento. Il lavoro isolato casi di studio. rivetta sistemi Celle frigorifere e lavori in isolamento Il lavoro isolato casi di studio rivetta sistemi Ogni qualvolta un lavoratore entra in una cella frigorifera da solo si trova ad operare in isolamento. Nel caso

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

I.I.S. Marconi-Guarasci Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 98104070788 - UFPA4M - CSIS073004 e - mail csis073004@istruzione.it

I.I.S. Marconi-Guarasci Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 98104070788 - UFPA4M - CSIS073004 e - mail csis073004@istruzione.it I.I.S. Marconi-Guarasci Via degli Stadi, snc 87100 COSENZA Tel. 0984.481317 Fax 0984 38804 Codice Fiscale 98104070788 - Cod. Ufficio Univoco:UFPA4M - Codice Meccanografico CSIS073004 e-mail csis073004@istruzione.it

Dettagli

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 in data 29 novembre 2007) INDICE

Dettagli

Comune di Padova Comando di Polizia Locale e Protezione Civile 5 Protezione Civile Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile

Comune di Padova Comando di Polizia Locale e Protezione Civile 5 Protezione Civile Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile Comune di Padova Comando di Polizia Locale e Protezione Civile 5 Protezione Civile Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile MANOVRA ADDESTRATIVA PADOVA 15 Distretto Padova Città Programma vagliato

Dettagli

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Stesura Bozza: Maggio 2001 (Gruppo di Lavoro S. Rocco + CRI di Lodi) 1 Verifica: 13 Ottobre 2001 PROCEDURA GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: SISMA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: SISMA PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Piano di Protezione Civile PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Indicazioni Procedurali: SISMA Comune di Volpago del Montello Indicazioni procedurali

Dettagli

LOGISTICA DI PROTEZIONE CIVILE

LOGISTICA DI PROTEZIONE CIVILE DI PROTEZIONE CIVILE La logistica nelle fasi di: Prevenzione Emergenza Ripristino A cura dell Ist. Arch. Francesco Stucchi 1/38 Alcune definizioni Logistica è un termine derivato dal gergo militare che

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA Località Territorio comunale Evento sismico di modesta entità, percepito dalla Descrizione popolazione (magnitudo Richter inferiore a 4,0) Grado di rischio

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

- Procedura Operativa

- Procedura Operativa INTERVENTI DI MANUTENZIONE E DI RIMOZIONE DI TUBATURE IDRICHE IN CEMENTO-AMIANTO - Procedura Operativa 1 Predisposizione dell area cantiere 2 Esecuzione dello scavo e messa allo scoperto della tubazione

Dettagli

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO CON LA COLLABORAZIONE DI RAGGRUPPAMENTO PROVINCIALE MISERICORDIE LIVORNO CONFEDERAZIONE NAZIONALE MISERICORDIE D ITALIA CONFERENZA REGIONALE MISERICORDIE

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA OBIETTIVI L impresa CERIOLI S.r.l. è da sempre attenta alle problematiche della sicurezza e della salute dei lavoratori in ambiente lavorativo. Gli obiettivi dell azienda sono: avere un anno di lavoro

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

AMIANTO: Rimozione amianto - Presentazione piano di lavoro ex art. 59 DUODECIES D.Lgs. 626/94

AMIANTO: Rimozione amianto - Presentazione piano di lavoro ex art. 59 DUODECIES D.Lgs. 626/94 A cosa serve A quale ufficio va inviato Chi deve redigere il piano Quando si deve presentare In quali casi Documentazione da presentare Modalità Cosa fa lo SPISAL Tempi medi di attesa AMIANTO: Rimozione

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA ( approvato con deliberazione della Giunta municipale n. 211 del 29/05/2007) ART. 1 Oggetto del Regolamento. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

Le figure della protezione civile a livello comunale

Le figure della protezione civile a livello comunale Obiettivo della lezione: Conoscere la struttura e le attività di un gruppo comunale di protezione civile Le figure della protezione civile a livello comunale Il responsabile della protezione civile a livello

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5G PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO S7 NUCLEARE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5G PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO S7 NUCLEARE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5G PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO S7 NUCLEARE Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 Esercitazioni Provinciali 13 novembre 2010 Provincia ESERCITAZIONI PROVINCIALE PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO Scenari di rischio incendi boschivi

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA (Emanato con D.R. n. 1215 del 28 giugno 2007, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 69) Sommario

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE CONTATTI E NUMERI UTILI DI PROTEZIONE CIVILE NUMERI UTILI DENOMINAZIONE INDIRIZZO DELLA SEDE TEL. REPERIBILE PREFETTURA Piazza del Papa

Dettagli

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI Normalmente poco considerato nei cantieri. Tuttavia possono costituire fonte di innesco con conseguenze devastanti: - Uso fiamme libere per operazioni di impermeabilizzazioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE - allestimenti temporanei - CAPES10C.rtf - (06/2012) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA TIPO DI MANIFESTAZIONE ED UBICAZIONE Descrizione sommaria: Gli spazi

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli