Il coraggio del quotidiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il coraggio del quotidiano"

Transcript

1 TRACCIA PER CAMPO GIOVANISSIMI 2012

2 INTRODUZIONE Questo testo rappresenta una traccia per realizzare un campo giovanissimi che concluda idealmente l itinerario formativo Infatti questa traccia di lavoro per i campiscuola diocesani o parrocchiali dei giovanissimi è in piena continuità con Walk in progress, il sussidio annuale che ha accompagnato il percorso durante l anno associativo. Al termine del cammino di formazione annuale e con uno sguardo sul prossimo anno associativo, i giovanissimi saranno aiutati a trovare il coraggio per alzarsi, come Bartimeo, credere e seguire coraggiosamente Gesù con la propria vita nelle esperienze quotidiane. Ci sembra anche un bel modo per prepararci a vivere intensamente l Anno della Fede voluto da Papa Benedetto XVI nella valorizzazione del cinquantesimo anniversario dell apertura del Concilio. Ovviamente questo sussidio non vuole essere uno strumento sostitutivo del pensiero delle équipe diocesane, né una ricetta pronta, ma, più semplicemente, un sostegno per aiutare la progettazione e la programmazione, e per valorizzare il grande patrimonio dell associazione rappresentato dalla bellezza e dalla ricchezza delle esperienze estive di Ac. Sarà poi compito e responsabilità dell équipe scegliere le declinazioni e le metodologie più opportune per la propria realtà sulla base delle specifiche esigenze (come quelle legate al cammino fatto durante l anno, alle caratteristiche della parrocchia e della diocesi, alla tradizione di campi scuola di ciascuna realtà ). Proprio per questo motivo la definizione delle attività da svolgere nel corso della giornata, le celebrazioni, la programmazione delle uscite o delle serate è lasciata all impegno e alla fantasia degli educatori; la vera traccia del campo, infatti, non potrà che essere sviluppata da ciascuna équipe, su misura per il tipo di campo che si vuole proporre e per i giovanissimi che vi parteciperanno. L articolazione proposta nella traccia di lavoro prevede cinque giornate di campo, ma questi spunti possono essere riadattati anche a campi più lunghi (ad esempio prevedendo delle giornate di approfondimento tematico o delle uscite) o più brevi. Di seguito vi indichiamo alcune attenzioni, ormai consolidate, da non tralasciare nella fase di programmazione del campo: è fondamentale preparare l intero campo con un intenso e appassionato lavoro d équipe, arrivando a definire nel dettaglio i tempi della giornata e gli obiettivi di ogni singolo momento del campo (è importante alternare bene liturgia, attività formative e animazione, e dare significato anche ai momenti liberi, che hanno un grande valore e vanno ben preparati). I giovanissimi imparano la cura e la responsabilità anche vedendo all opera educatori attenti e appassionati, che progettano tutto con attenzione al fine di far vivere una bella esperienza ai partecipanti; non dimenticate di valorizzare, per quanto possibile, le persone e i luoghi in cui si svolge il campo, affinché l esperienza sia segno anche per il contesto e la comunità che accoglie; il campo può essere anche l occasione per presentare alcuni testimoni importanti, collegati all Associazione. In particolare quest anno è l occasione per scoprire ed approfondire la figura del Beato Giuseppe Toniolo; seppur nella fatica di trovare le disponibilità di sacerdoti assistenti al campo, non fermiamo la ricerca alle prime difficoltà; la loro presenza è occasione per costruire legami e relazioni di accompagnamento spirituale con i partecipanti, sia nei giorni del campo, sia anche successivamente. Buona estate! Gli amici del Settore giovani di Ac 2

3 Campo Giovanissimi 2012 Coraggiosi per scelta PRIMO GIORNO Il coraggio del quotidiano Obiettivi Nel corso della giornata: aiuteremo i giovanissimi a prendere consapevolezza di cosa voglia dire aver coraggio; accompagneremo i giovanissimi a riflettere sulla propria vita e a comprendere che le scelte, che richiedono maggior coraggio e che trasformano davvero la vita, sono quelle quotidiane. Icona biblica Ascoltate un'altra parabola: c'era un uomo che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: "Avranno rispetto per mio figlio!". Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: "Costui è l'erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!". Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero. Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?". Gli risposero: "Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo". E Gesù disse loro: "Non avete mai letto nelle Scritture: La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d'angolo; questo è stato fatto dal Signore ed è una meraviglia ai nostri occhi? Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti. Chi cadrà sopra questa pietra si sfracellerà; e colui sul quale essa cadrà, verrà stritolato". (Mt 21,33 44) Zoom sulla Parola Matteo inserisce questa parabola all interno di altre due quella dei due fratelli e quella della grande cena facendone il perno di un ampio discorso sul rifiuto e sul giudizio. Il rifiuto della persona di Gesù ha delle conseguenze concrete sulla salvezza dell uomo. Quello che è successo al popolo eletto dopo il graduale rifiuto dei profeti e del Battista, fino al rifiuto della predicazione cristiana, può accadere a ciascun uomo di ogni luogo e di ogni tempo. L evangelista racconta la parabola sulla falsa riga del canto della vigna di Isaia (Is 5), ma ad un certo punto il racconto parabolico si allontana dall allegoria profetica. Nell allegoria di Isaia il padrone si aspettava uva pregiata e invece ha trovato uva scadente. Nella parabola di Matteo non è questione di frutti buoni o cattivi, ma di rifiuto dei diritti del padrone. I contadini non vogliono riconoscere i diritti del padrone: essi si comportano come se la vigna appartenesse a loro. Difatti il rifiuto dei profeti, come poi quello di Gesù, non è un peccato qualsiasi, ma il peccato di chi si erge 3

4 a padrone e, anziché stare in ascolto del Signore che parla attraverso i suoi profeti, pretende di farsi arbitro e giudice della stessa parola di Dio. Questa parabola che sembra inverosimile per noi, non lo è certamente per un ascoltatore palestinese del tempo. Gran parte della Galilea apparteneva a pochi proprietari stranieri. La lontananza dei padroni favoriva, talvolta, la rivolta dei coloni. Tanto più che a certe condizioni la proprietà si considerava abbandonata e passava nelle mani del primo che se ne fosse appropriato. Tutto ciò ci aiuta a dare un volto più preciso a questo padrone e a capire i suoi interventi a favore della propria vigna. Dietro il volto di questo padrone paziente e ostinato si vede chiaramente quello di Dio Padre che ha cura della sua vigna, simbolo perenne del popolo eletto. Non un padrone sprovveduto, ma un padrone che programma degli interventi precisi nei confronti della vigna: «vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano» (Mt 21, 33). Non solo ma nel periodo della raccolta si preoccupa di mandare alcuni servi per ritirare il prodotto. Quanto gli è costata questa vigna! E anche nel momento della ribellione da parte dei vignaiuoli programma altri interventi, fino a mettersi in gioco egli stesso. Pensiamo a questa vigna come alla vita dei nostri giovanissimi. Cerchiamo di far loro riflettere sul modo con cui gestiscono la loro vita. Se si accontentano di vivere alla giornata, oppure se, come il padrone, hanno programmato già degli interventi precisi nella loro esistenza. E ancora, se di fronte agli imprevisti si sono arresi o hanno avuto il coraggio di riprogrammare la loro vita in vista degli obiettivi che si sono proposti. Si può far riflettere loro anche sui frutti che vorrebbero dalla loro vita. Credere in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, significa credere in un Dio che fin dalla creazione del mondo si è fatto in quattro per l uomo, per far sì che la sua vita fosse pienamente realizzata. A tal fine ha programmato degli interventi continui nella storia, nonostante spesso il cuore dell uomo si sia allontanato e continui ad allontanarsi da lui, seguendo strade di infelicità. Rotta educativa Che cos'è il coraggio? Che cosa vuol dire essere coraggiosi? Se partiamo dalla sua etimologia scopriamo che il termine coraggio deriva dal latino cor habeo: ho cuore. Avere coraggio vuol dire, quindi, mettere il proprio cuore nelle cose della vita. Una persona coraggiosa è una persona che si appassiona e si spende con impegno e, talvolta, con fatica. Il coraggio è una virtù che aiuta a guardare la vita con occhi diversi, ad affrontare non solo le gioie, ma anche le difficoltà e le sofferenze, con speranza e fiducia. Aiuteremo i giovanissimi a comprendere che avere coraggio vuol dire imparare a scegliere, vuol dire saper prendere in mano la propria vita e guardarsi dentro, vuol dire imparare a decidere di voler crescere e diventare maturi 1. Allenarsi in questo stile significa prendere sul serio il proprio presente e la propria storia, con la consapevolezza che il futuro si costruisce a partire dall oggi. Sono le piccole e grandi scelte di adesso, infatti, a costruire ciò che si diventerà. 1 Cfr. Azione cattolica italiana, Walk in progress, Editrice AVE, Roma 2011 pp

5 Campo Giovanissimi 2012 Coraggiosi per scelta Proposta di attività Mattino Potremmo partire presentando ai partecipanti una serie di aforismi sul tema del coraggio, invitando ciascuno a scegliere quelli che li colpiscono maggiormente. Si può pensare anche ad un percorso da realizzare in un salone o all aperto, nel quale alternare gli aforismi con video, canzoni, storie sullo stesso tema. Al termine di questo momento si chiederà a ognuno cosa ha pensato nel leggere le frasi o nei diversi momenti che sono stati proposti e, dopo la condivisione in gruppo, si può elaborare una definizione del termine coraggio. (Tra gli approfondimenti, allegato 1, troverete una serie di aforismi da poter utilizzare). Proponiamo poi un test, a partire dalla domenica tipo che ciascun giovanissimo vive, per aiutare a riflettere su quanto vivono in maniera coraggiosa la propria giornata. (Trovate il test tra gli approfondimenti, allegato 2 ). Pomeriggio Prepariamo per ciascun giovanissimo due rose dei venti. Sulla prima chiederemo loro di scrivere per ognuno dei quattro punti cardinali gli ideali che in passato hanno mosso le loro scelte importanti e significative. In un secondo momento chiederemo loro di pensare ad una scelta importante che in un futuro, prossimo o remoto che sia, sono chiamati a compiere. Daremo la seconda rosa dei venti e chiederemo loro di indicare quali sono gli ideali che dovranno muovere la scelta, invitandoli anche a compararli a quelli che hanno mosso le scelte del passato. Questo potrebbe essere il momento per presentare ai giovanissimi il testimone che li accompagnerà per tutto il campo: Giuseppe Toniolo. Si può immaginare che il beato scriva una lettera ai giovanissimi nella quale parla dei momenti in cui gli è stato richiesto maggiore coraggio per portare avanti le proprie scelte di vita. Per comporre la lettera gli educatori possono utilizzare sia quanto si trova sul sito toniolo 0 sia alcuni testi recentemente pubblicati: E. Preziosi, Giuseppe Toniolo. Per una società di santi, libro con dvd della collana promossa dalla Fondazione Ac Scuola di Santità Pio XI, Editrice Ave Lev, Città del Vaticano Roma 2012 D. Sorrentino, Giuseppe Toniolo. L economista di Dio, Editrice Ave, Roma 2012 G. Toniolo (a cura di D. Sorrentino), Voglio farmi santo. Diario spirituale, Editrice Ave, Roma 2012 D. Amato, Cercate prima il Regno di Dio. Pregare con il beato Giuseppe Toniolo, testimone laico della fede, Editrice Ave, Roma 2012 Spunti per una celebrazione Per pregare: Ef 1,3-10 In ascolto di Giuseppe Toniolo Dalla Lettera al figlio Antonio, 1 luglio 1904 «Caro Antonio, [ ] Né io, né tu siamo preoccupati, perché questo momento fuggevole è di passaggio a quel domani, che raffigura, come si dice, un salto nel buio! Noi diciamo, credo, con uguale fede, che è un salto nelle braccia della Provvidenza. [ ]». 5

6 Serata Giochiamo in borsa. L'idea è quella di simulare una vera e propria borsa. I titoli a disposizione per l'acquisto, tuttavia, sono davvero speciali: affetti, famiglia, figli, hobby, studio, lavoro, casa, amicizie, ma anche droga, sballo, sesso, discoteca... All'inizio della serata ogni giovanissimo avrà a disposizione un budget (uguale per tutti) che utilizzerà per la compravendita delle azioni delle società quotate in borsa. Ad ogni giovanissimo verrà chiesto di "investire sul proprio futuro" la somma a propria disposizione, calibrando le percentuali da investire in ogni titolo. Un educatore deciderà, man mano che la serata prosegue, l'andamento dei vari titoli, facendo guadagnare o perdere soldi ai ragazzi. Naturalmente, verso la fine della serata acquisteranno sempre più valore solo quei titoli che rappresentano quei valori (casa, affetti, amicizie, famiglia...) fondamentali per un futuro sereno. A fine serata si valuta il valore dei titoli acquistati da ogni giovanissimo e si somma al denaro contante di cui dispongono ancora. Vince quindi colui che ha meglio investito sul proprio futuro. 6

7 Campo Giovanissimi 2012 Coraggiosi per scelta SECONDO GIORNO Il coraggio di affidarsi Obiettivi Nel corso della giornata: aiuteremo i giovanissimi a riscoprire il significato e il valore della fiducia e dell'affidarsi inviteremo i giovanissimi ad avere come modello Gesù, affidandosi e alimentando la relazione con Lui. Icona biblica Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: "Se tu sei Figlio di Dio, di' a questa pietra che diventi pane". Gesù gli rispose: "Sta scritto: Non di solo pane vivrà l'uomo". Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: "Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo". Gesù gli rispose: "Sta scritto: Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto". Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: "Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano; e anche: Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra". Gesù gli rispose: "È stato detto: Non metterai alla prova il Signore Dio tuo". Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato. (Lc 4,1 13) Zoom sulla Parola Il racconto delle tentazioni, soprattutto nella narrazione dei Vangeli di Luca e Matteo, ha come scopo quello di illustrare il vero messianismo di Gesù, con il rifiuto di prendere il potere politico, di fare un segno divino che costringesse tutti a credergli e di seguire una via umana che rifiutasse la croce per ottenere il Regno. Tutto l episodio è da leggere alla luce del cammino esodale di Israele; infatti dopo il battesimo, che corrisponde al passaggio del mar Rosso, Gesù viene condotto dallo Spirito nel deserto; ma mentre tutto il popolo cadde nella prova e morì, egli la supera definitivamente e apre l ingresso alla terra promessa che è il Regno di Dio. Anche le tentazioni, modulate su quelle di Israele, sono storicamente connesse con il battesimo. Con il battesimo, infatti, Gesù compie la sua scelta fondamentale: solidarizzare con i fratelli e vivere in obbedienza al Padre. Le tentazioni rappresentano i costi da pagare per questa scelta. Ricercare il potere a qualsiasi costo significa porsi contro i fratelli e disobbedire al Padre! Luca attraverso questo episodio mostra chiaramente che ci sono due modi opposti di essere figlio ( Se tu sei Figlio ), uno diabolico e uno divino. Il primo consiste nel voler possedere sé, gli altri e Dio stesso, mettendo le mani sulla propria vita e su quella altrui, il secondo nel ricevere tutto come dono dal Padre e donare come lui, mettendo la propria vita nelle mani degli altri. Si spiega così chi 7

8 è il Figlio di cui Dio si compiace: è il Figlio obbediente alla sua parola, che con l obbedienza ha vinto il male e ha creato uno spazio libero dal suo potere, nel quale tutti gli uomini possono essere salvati. La forza con la quale Gesù vince la tentazione è il ricorso alla Scrittura. Nell obbedienza alla Parola di Dio si sperimenta che il primo pane, sorgente di vita, è Dio stesso nel suo amore. Scriveva don Tonino Bello nel testo Maria, donna dei nostri giorni : «Si sente parlare di obbedienza cieca. Mai di obbedienza sorda. Sapete perché? [ ] Obbedire deriva dal latino ob-audire, che significa: ascoltare stando di fronte. Quando ho scoperto questa origine del vocabolo, anch io mi sono liberato dal falso concetto di obbedienza inteso come passivo azzeramento della mia volontà e ho capito che essa non ha alcuna rassomiglianza, neppure alla lontana, col supino atteggiamento dei rinunciatari. Chi obbedisce non annulla la sua libertà ma la esalta». Pensiamo a come i nostri giovanissimi vivono nei confronti della loro vita più con un senso di possesso ( decido tutto io ) che di dono ( sia fatta la Tua volontà ). Come spesso non abbiano punti di riferimento per scoprire la volontà di Dio nella loro vita, e invece necessitino di modelli e guide che li aiutino a rileggere la propria vita alla luce della Parola di Dio. Come i nostri ragazzi usano della loro libertà? Spesso le loro scelte sono dettate dalla superficialità, dal disimpegno e dalla facilità. Credere in Gesù Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli, significa prenderlo nella nostra vita come modello di figliolanza che si realizza in una libera obbedienza alla volontà di Dio su ciascuno. Non solo si diventa figli nel Figlio, ma si diventa figli come il Figlio. Rotta educativa La fiducia è un valore che si intreccia profondamente con la vita dei giovanissimi: ciò emerge dal loro forte desiderio di avere accanto persone di cui potersi fidare fino in fondo e, nel contempo, di guadagnarsi la fiducia altrui. Fidarsi e affidarsi ad altre persone però richiede una buona dose di coraggio. I giovanissimi ne sono capaci? In questa giornata proveremo ad interrogarci sul significato e sul valore di questo atteggiamento e su quanto esso sia determinante per la nostra vita. Per noi cristiani, poi, il valore dell'affidarsi assume un significato tutto speciale: è Gesù, infatti, il nostro modello ed è nelle sue mani che vogliamo mettere la nostra esistenza. Guardare a Gesù in tale prospettiva, per un giovanissimo, può non essere semplice, eppure abbiamo tanti esempi luminosi di giovani che si sono lasciati abbracciare e guidare da Lui. Scegliere Gesù e decidere di seguirlo può sì costare fatica ma è una scelta in controtendenza che, come dice Papa Benedetto, non toglie nulla ma anzi dona tutto. La fiducia in Gesù va dunque alimentata attraverso una relazione costante. La preghiera, l ascolto fedele della Parola, il discernimento, l accompagnamento spirituale, la vita della Chiesa, la carità, sono strumenti che ravvivano l'amicizia con il Signore e il desiderio di affidarsi a Lui. Proposta di attività Mattino Si può dare vita ad un gioco di ruolo che coinvolga tutti i giovanissimi presenti al campo e anche gli educatori. Ognuno è chiamato ad assumere i panni di una personaggio della società (uno studente, un ingegnere, un parroco, un medico, ecc.) che vive una situazione in cui si deve fidare, per esempio in campo professionale, affettivo, scolastico, familiare... 8

9 Campo Giovanissimi 2012 Coraggiosi per scelta Tutti i profili saranno scritti in modo che i diversi personaggi debbano darsi fiducia vicendevolmente, ognuno, per una decisione, dipende da uno degli altri. Si può pensare che a colazione i giovanissimi trovino al loro posto il profilo da interpretare. Il gioco si concluderà al segnale degli educatori. A quel punto si condivideranno le emozioni che si sono provate nell'affidarsi seppure sotto mentite spoglie, per poi arrivare a condividere episodi di fiducia vissuti per davvero. Ad ogni partecipante verrà consegnato un foglio su cui dovrà tracciare cinque cerchi concentrici. Il giovanissimo si posizionerà al centro e scriverà il nome delle persone con cui entra in contattato nella sua quotidianità più o meno vicino al centro in base alla fiducia che sente di nutrire nei confronti di ognuno. Al termine dell'attività ogni giovanissimo condividerà con il gruppo e inizierà la riflessione su come e quanto ci fidiamo delle persone che abbiamo accanto. Pomeriggio Il pomeriggio viene dedicato al deserto, un tempo in cui i giovanissimi sostano e meditano in silenzio sull icona biblica del giorno. È possibile dedicare anche un tempo per una liturgia penitenziale, e/o battesimale (per quest ultima, una proposta la potete trovare negli approfondimenti, allegato 3. Spunti per la celebrazione Per pregare: Sal 30, 2-6 In ascolto di Giuseppe Toniolo Dal Diario spirituale «Oh mio Dio! Dunque la conoscenza e l adempimento della vostra volontà è il fine della nostra vita quaggiù, è il compendio di tutti i nostri doveri; è l obbiettivo e il termine dì ogni giustizia di ogni perfezione; è l argomento d ogni nostra gloria e d ogni nostra felicità. Oh! Mio Dio, lasciate dunque che io vi faccia una preghiera che tutte le altre riassume, la preghiera che voi mio sovrano, mio padre, mio maestro, mi avete insegnato: fìat, fìat voluntas tua!» Serata Fidarsi è bene, af-fidarsi è meglio. Prepariamo un percorso ad ostacoli che i partecipanti non dovranno in alcun modo vedere prima del gioco e che eventualmente potrà cambiare durante lo svolgimento del gioco stesso. Dividiamo i giovanissimi in due squadre e formiamo, all'interno delle squadre, delle coppie. Uno dei due (colui che porterà l'altro sulle spalle durante il percorso) verrà bendato. Al via parte una coppia per ogni squadra e il ragazzo bendato dovrà affidarsi alle indicazioni del ragazzo che trasporta per affrontare il percorso. Vince la squadra che avrà totalizzato più punti e avrà fatto cadere meno ostacoli. Ad ogni ostacolo caduto corrisponderà una penalità sul punteggio finale. Nel caso in cui il campo sia di una giornata in più, si potrebbe aggiungere un giorno con il titolo: Il coraggio di credere. Potrebbe essere ulteriormente ampliata la seconda giornata approfondendo 9

10 la figura di Gesù Cristo, Figlio di Dio, affinché si curi il passaggio che aiuti ad aumentare la consapevolezza dei giovanissimi sul cammino alto e bello a cui viene loro proposto di aderire: una vita conformata a Gesù Cristo Risorto. Ulteriori attività Si costruisce un identikit di Gesù al fine di presentare il Gesù storico. Dopo questa presentazione si apre un dibattito su quali difficoltà e dubbi i giovanissimi hanno che bloccano il credere in Gesù. Attenzione invece che la discussione non si limiti solo al Gesù storico, ma poi si ampli al fatto che l esperienza di fede non è solo un credere se Gesù è esistito o meno, ma è prima di tutto un incontro personalissimo con una persona viva. Quest attività potrebbe essere propedeutica all esperienza del deserto. In una stanza della casa posizioniamo un'immagine del volto di Gesù da cui partono tanti fili quanti sono i partecipanti all'attività. Invitiamo tutti i giovanissimi a disporsi liberamente più o meno vicini all'immagine in base alla fiducia che sentono di nutrire in Gesù in questo momento della vita e ad assumere una posizione del corpo che descriva il loro stato d'animo. Diamo un tempo congruo perché ognuno rimanga nella propria posizione sentendola chiaramente. Quindi concediamo alcuni minuti perché ognuno osservi le posizioni assunte dagli altri. Successivamente, si procede alla condivisione disponendosi in cerchio attorno all'immagine. Ognuno prende in mano un filo e ogni volta che interviene farà un passo avanti tenendo il filo tra le mani. Al termine si noterà che procedendo nella condivisione ci si è avvicinati reciprocamente e a Gesù. L'educatore evidenzierà le dinamiche: alcuni saranno più vicini al centro, altri saranno più lontani. Si può provare a chiedere ai giovanissimi ragione di questo. 10

11 Campo Giovanissimi 2012 Coraggiosi per scelta Il coraggio di amare TERZO GIORNO Obiettivi Nel corso della giornata: aiuteremo i giovanissimi a trovare il coraggio di lasciarsi conoscere e amare dagli altri per quello che sono, con le proprie povertà e le proprie ricchezze stimoleremo i giovanissimi ad esercitarsi nel voler bene agli altri senza idealizzarli o giudicarli a priori, ma accogliendone qualità e fragilità Icona biblica Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. In questo si è manifestato l'amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui. In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati. Carissimi, se Dio ci ha amati così, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l'amore di lui è perfetto in noi. In questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha donato il suo Spirito. (1 Gv 4,7 13) Zoom sulla Parola La prima lettera di Giovanni, che fa parte delle cosiddette lettere cattoliche, è un omelia inviata ad una o a diverse comunità cristiane. Il brano di riferimento fa parte della terza parte della lettera il cui tema centrale è dato dall assunto tipicamente giovanneo Dio è amore. Il brano procede con uno stile letterario prettamente orientale e, come accade in tanti scritti dell'evangelista Giovanni, torna in modo concentrico su temi che vengono sempre più approfonditi. Qui il centro è l'amore (già l'autore sacro aveva detto che Dio è Amore!). Vengono così evidenziate le diverse relazioni d'amore. Anzitutto quello di Dio che, "per primo" (dunque senza nessun merito nostro) ha preso l'iniziativa di amarci, fino a donarci il suo Figlio unigenito. La seconda relazione è la nostra risposta d'amore nei confronti di Dio. Essa si esprime in quella sete d'infinito che ci abita per il fatto di essere creature a sua immagine e somiglianza. La terza relazione è il nostro amore per i fratelli, così importante che S. Paolo dirà: «Chi ama il prossimo ha adempiuto la legge». E lo stesso Giovanni affermerà: «Sappiamo d'essere passati da morte a vita perché amiamo i fratelli». Dire di amare Dio e chiudersi ai fratelli è menzogna esistenziale. Ecco perché la nostra fede è sostanzialmente fede nell'amore e Giovanni arriva a dire: «Questa è la vittoria che vince il mondo: la nostra fede». Lo Spirito Santo, amore che unisce il maniera sostanziale il Padre e il Figlio all interno della Santissima Trinità, soffia nei nostri cuori e diventa il motore di questa risposta d amore a Dio e ai fratelli. Il termine greco, infatti, usato da Giovanni per tradurre il termine amore è agape: esso è usato essenzialmente per descrivere l amore tra il Padre e il Figlio all interno della SS. Trinità. Il Padre in persona sulle rive del Giordano proclama suo Figlio l amato (cfr. Mc 1,11), lo stesso avviene sul monte Tabor nella trasfigurazione di Gesù (cfr. Mc 9,7). È un amore che si dispiega fin dall eternità, che porta il Padre a mettere tutto il potere nella mani del Figlio e a 11

12 rivelarli ciò che egli fa. D altro canto Gesù è il Figlio obbediente, pronto ad offrire la vita per compiere la volontà del Padre. Pensiamo al modo in cui vivono le relazioni i giovanissimi, soprattutto quelle basate su un amore elettivo (amicizie, innamoramenti ): spesso queste sono relazioni consumate più che vissute, basate su degli interessi piuttosto che su un amore gratuito sul modello di quello trinitario. Pensiamo anche allo stile comunicativo su cui si basano le relazioni che essi vivono, spesso fatto di codici indecifrabili o di silenzi che parlano più delle parole. Credere nello Spirito Santo, che è Signore e da la vita, significa conformare a lui il nostro modello di amore e viverlo concretamente. Un amore che fin dall eternità unisce il Padre al Figlio, in un rapporto di reciproca donazione, tanto da farne un'unica sostanza pur nella diversità delle persone. Rotta educativa I giovanissimi vivono tante relazioni, più o meno profonde e significative. Ma si sentono amati davvero? E, soprattutto, hanno il coraggio di aprirsi agli altri senza maschere riconoscendo e mostrando tutte le loro sfaccettature, sia quelle di cui vanno orgogliosi, sia quelle che più temono? Solo così, infatti, permetteranno agli altri di conoscerli veramente e di poterli amare per quello che sono. In questa giornata vorremmo far sentire ai giovanissimi il desiderio di aprirsi agli altri cogliendo fino in fondo la bellezza e la forza dell'amore che gli altri provano per loro. A volte infatti capita ad ognuno di noi di dare un po' per scontato il bene che genitori, amici, insegnanti, educatori provano nei nostri confronti. Allenarci a coglierlo sarà dono sia per noi che per loro perché contribuirà a rendere più forti e profonde queste relazioni. Allo stesso tempo l'amore chiede qualcosa anche a ciascuno di noi: non solo infatti lo riceviamo dagli altri e da Dio, ma esso ci impegna in prima persona ad essere capaci di amare. Amare, però, significa andare in profondità, vincendo la tentazione di fermarci ad una conoscenza superficiale di chi abbiamo accanto, ma impegnandoci a coglierne anche i lati meno evidenti, senza paura di scoprirne sia le qualità che le piccole povertà. Proposta di attività Mattino Il gruppo viene diviso in coppie di giovanissimi che non si conoscono molto tra di loro. Ogni giovanissimo si racconta all altro a partire da alcune domande che toccano la sfera personale (ad es.: come stai? ti vuoi bene? a chi vuoi bene? che cosa non accetti di te? che cosa ti fa soffrire?). È necessario che i giovanissimi facciano l esperienza di non fermarsi ad una risposta superficiale, mettendosi in gioco veramente. Al termine del confronto di coppia, in piccoli gruppi si condivideranno le emozioni e le impressioni nate dall esperienza fatta. Pomeriggio I giovanissimi, testo alla mano, ascoltano alcune canzoni sul tema delle relazioni (es.: In bianco e nero di Carmen Consoli, La cura di Battiato, Una su un milione di Alex Britti, L amore va oltre di Gatto Panceri, A te di Jovanotti, Spaccacuore di Samuela Bersani, L amore conta di Ligabue, Quella che non sei di Ligabue), sottolineando, di volta in volta, i passaggi che maggiormente li colpiscono. Successivamente essi si confrontano sui diversi modi di amare rappresentati nei brani, riflettendo poi sullo stile delle proprie relazioni. 12

13 Campo Giovanissimi 2012 Coraggiosi per scelta Spunti per una celebrazione Per pregare: Sal 44 In ascolto di Giuseppe Toniolo Da Lettera a un allievo, 11 ottobre 1877 «Ci sono degli amori che deprimono e dissipano; altri, che sospingono viemmeglio all operosità buona e proficua. Le auguro quei conforti veri e inestimabili, che accompagnano sempre il connubio cristiano, e di cui io (contro i miei meriti) feci e faccio esperimento». Serata Tutti in pista. Per portare a riconoscere gli aspetti positivi degli altri compagni del gruppo e i propri, possiamo pensare a una attività che porti loro a fare un po di movimento. Chiediamo ai giovanissimi di fermare, con una spilla da balia o con dello scotch, un foglio bianco dietro la propria spalla e diamo a ciascuno un pennarello colorato. Ciò fatto, mettiamo della musica ballabile, in modo che i giovanissimi possano muoversi e divertirsi liberamente. Di tanto in tanto stoppiamo la musica e li invitiamo a scrivere una caratteristica positiva del compagno che si è fermato loro accanto. Dopo aver ripetuto l operazione più volte, chiediamo ai giovanissimi di recuperare il foglio che disporremo assieme agli altri in un grande cerchio. Chiediamo a questo punto a ciascuno di leggere pubblicamente le caratteristiche, i carismi, individuati dai propri compagni, di commentarli per capire se si riconosce o no in essi e di aggiungerne eventualmente altri. All educatore il compito di fare sintesi e di puntualizzare l'importanza che ciascun giovanissimo, con le proprie peculiarità, ha per l edificazione del Regno di Dio. 13

14 QUARTO GIORNO Il coraggio di far rete Obiettivi Nel corso della giornata: aiuteremo i giovanissimi ad amare sempre più la Chiesa, senza negarne limiti e difficoltà; li porteremo a scoprire che, attraverso la loro comune figliolanza nei riguardi del Padre, la diversità è sempre una ricchezza. Icona biblica Quand'ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: "Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?". Gli rispose: "Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene". Gli disse: "Pasci i miei agnelli". Gli disse di nuovo, per la seconda volta: "Simone, figlio di Giovanni, mi ami?". Gli rispose: "Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene". Gli disse: "Pascola le mie pecore". Gli disse per la terza volta: "Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?". Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse: "Mi vuoi bene?", e gli disse: "Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene". Gli rispose Gesù: "Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi". Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: "Seguimi". (Gv 21,15 19) Zoom sulla Parola Dopo che la vicenda umana di Gesù si è conclusa, si riapre la prospettiva sulla Chiesa e sul futuro di due discepoli di grande rilievo, Pietro e il discepolo amato (Giovanni). Il dialogo con Pietro è posto al centro di questo epilogo e ne costituisce il cuore. Tuttavia esso è legato all apparizione che Gesù fa sul lago di Tiberiade e si divide in due parti: la prima (quella che prendiamo in considerazione) contiene la riabilitazione di Pietro e il conferimento a lui della missione di pascere le pecore di Gesù; la seconda parte parla dei futuri destini di Pietro e del discepolo amato. Pietro viene chiamato stranamente con il patronimico di Giovanni. Si tratta per lui di una seconda chiamata, come effettivamente si rivela nel corso del dialogo. Il dialogo, in particolare, si sviluppa attorno a tre domande e tre risposte che vanno a riabilitare Pietro dopo il suo triplice rinnegamento. Ma ciò che risulta particolarmente significativo è il fatto che Gesù conferisce a Pietro una missione particolare rispetto agli altri discepoli, altrimenti non avrebbe senso il rivolgersi singolarmente a lui. Gli affida la cura di tutto il suo gregge, una missione pastorale universale. Il riferimento all allegoria del Buon Pastore (Gv 10, 1 16), presenta Pietro come il vicario di Cristo stesso in questo ruolo così difficile. Le pecorelle restano di Gesù, per cui quello di Pietro è solo un servizio tutto orientato a Cristo buon pastore, e come il buon pastore dà la vita per le pecore, anche Pietro sarà chiamato a dare la vita nel martirio. La Chiesa non è proprietà degli uomini ma di Dio, tuttavia Egli l ha affidata agli uomini come dono da custodire e da coltivare. Questo fa della Chiesa una realtà santa e peccatrice nello stesso 14

15 Campo Giovanissimi 2012 Coraggiosi per scelta tempo, capace di grandi slanci ma anche di scelte che spesso la conformano ad una mentalità mondana. Scrive Mazzolari in Lettere al mio parroco : «La Chiesa è quella mirabile istituzione dove la Provvidenza si compiace talvolta di servirsi di strumenti nobilissimi, ma molte volte preferisce rovinare i metodi dell umana saggezza. Le impalcature non reggono: il fasto e la fama non sorreggono. La fede è un occhio nuovo che vede; un sesto senso che percepisce là dove gli altri non arrivano, senza distruggere nulla che gli altri cinque percepiscono» 2. Lo stile più corretto per vivere nella Chiesa è sicuramente quello del servizio: «chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti» (Mc 10,44). Il servizio diventa di conseguenza martirio, ovvero testimonianza non solo per coloro che sono nella Chiesa, ma anche per coloro che per qualche motivo vi si sono allontanati, o comunque vivono ai margini. In diverse circostanze i nostri giovanissimi si mostrano distanti dalla realtà ecclesiale o comunque assumono un atteggiamento critico. Talvolta si rinchiudono nella cerchia del loro gruppo formativo o nel loro ambito di servizio e non si aprono alla possibilità di relazioni autentiche all interno della comunità. Forse perché non riescono ad accettare che questa istituzione, che ha origine in Dio ed è guidata dallo Spirito Santo, vive al suo interno anche dinamiche di peccato o relazioni ferite da atteggiamenti di chiusura reciproca. Credere la Chiesa, una, santa, cattolica, apostolica significa amarla anche nei lati più oscuri che la caratterizzano, con la consapevolezza dell alta dignità che le è stata conferita dal Concilio Vaticano II che l ha definita: Sacramento di Cristo per il mondo (LG 1). Rotta educativa Tra un attività e l altra, tra un incontro di gruppo e il semplice rimanere a chiacchierare con i propri amici, i giovanissimi vivono in parrocchia gran parte del loro tempo. Ciononostante può capitare che non riescano a riconoscersi completamente nella Chiesa, distinguendo così la propria fede personale dall esperienza della comunità. Io credo in Dio, ma non nella Chiesa, io prego, ma non vado a messa e altre frasi simili, pronunciate dai giovanissimi, esprimono questa difficoltà. Inoltre può capitare anche che facciano fatica a sentirsi un cuor solo e un anima sola con chi fa parte della comunità. Riflettendo su queste situazioni i giovanissimi avranno la possibilità di prendere coscienza che la Chiesa non è sempre perfetta, seppur ricerchi la santità; ma che proprio dentro essa lo Spirito Santo opera a partire dai carismi di chiunque si apra alla sua azione, mettendoli a servizio di tutti. I giovanissimi scopriranno così che i differenti carismi possono vivere insieme, contribuendo ognuno a compiere la propria parte in un percorso di crescita sia personale sia comunitario. È lo Spirito l autore dei carismi; a tutti vengono distribuiti per l edificazione di tutti. Il percepirsi parte di una comunità, figli dello stesso Padre, farà sì che le differenze da ostacoli diventino un valore aggiunto, che aiuta ciascuno prima di tutto a comprendere pienamente ciò che è. Proposta di attività Mattina Si propone un brainstorming sulla parola Chiesa, a cui seguirà una breve condivisione. Successivamente, ciascun giovanissimo è invitato ad individuare da una parte le motivazioni che lo fa stare dentro la Chiesa, a partire dal motivo iniziale che l ha legato alla propria comunità; dall altra le situazioni che vive con maggiore difficoltà. 2 P. Mazzolari, Lettere al mio parroco, Editrice EDB, Bologna

16 A piccoli gruppi, ci si confronta su come poter valorizzare gli aspetti positivi, e come poter migliorare gli aspetti negativi. Sarà necessario rendere i giovanissimi consapevoli del fatto che dentro questa Chiesa, tra povertà e ricchezze, lo Spirito Santo sta continuando ad agire per la salvezza di tutti. Pomeriggio Si propone una tavola rotonda con le testimonianze di diverse realtà ecclesiali (es.: Ac, Agesci, Gifra,...) o di persone che svolgono per la comunità diversi servizi, mettendo in evidenza come ognuno con il proprio carisma collabora al bene della Chiesa e di tutti i fratelli. Spunti per la celebrazione Per pregare: Sal 133 In ascolto di Giuseppe Toniolo Da Il concetto cristiano della democrazia, 1897) «Oh! Veramente da quel dì in cui si vide Gesù piegare le ginocchia dinanzi a dodici pescatori, e ad essi riluttanti lavare i piedi, prescrivendo che per lo innanzi essi pure facessero altrettanto; da quel dì solenne il mondo assistette allo spettacolo nuovo e commovente di tutta intera la gerarchia sociale, che, a grado a grado fra le resistenza di una natura orgogliosa, si ripiega all ingiù a servire le moltitudini ignare, povere, sofferenti. Ecco la democrazia cristiana». Serata Tocca a te! Si dividono i giovanissimi in gruppi e ciascuno preparerà un gioco da proporre agli altri nel corso della serata. Così facendo ciascuno metterà in campo la propria creatività e le proprie abilità, e si eserciterà anche nella collaborazione di gruppo e nella valorizzazione delle idee altrui. 16

17 Campo Giovanissimi 2012 Coraggiosi per scelta QUINTO GIORNO Il coraggio di scegliere Obiettivi Nel corso della giornata: aiuteremo i giovanissimi a capire che, per vivere in pienezza e con speranza, è importante avere il coraggio di scegliere e vivere il proprio tempo; li accompagneremo a scoprire il valore della perseveranza, come elemento fondamentale per rimanere fedeli nelle proprie scelte. Icona biblica Allora il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l'olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l'olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. A mezzanotte si alzò un grido: "Ecco lo sposo! Andategli incontro!". Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: "Dateci un po' del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono". Le sagge risposero: "No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene". Ora, mentre quelle andavano a comprare l'olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: "Signore, signore, aprici!". Ma egli rispose: "In verità io vi dico: non vi conosco". Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l'ora. (Mt 25,1 13) Zoom sulla Parola Siamo all interno del quinto ed ultimo discorso presente nel Vangelo di Matteo, detto, appunto, discorso escatologico (cap ). Nella seconda parte di esso (di cui fa parte la nostra parabola) l evangelista sembra essere interessato a determinare meglio il contenuto e la modalità dell imperativo della vigilanza. La parabola è costruita sul contrasto fra due gruppi di fanciulle invitate a un corteo a nozze: le prime, previdenti, presero con sé le lampade e l olio; le seconde, improvvide, presero le lampade ma non l olio. Le prime, sagge, hanno la possibilità di far fronte all'inattesa emergenza del ritardo dello sposo; le seconde, stolte, si trovano impreparate. Questo brano ci mostra la maniera più opportuna di vivere cristianamente l attesa del Signore: essa deve coniugare insieme prontezza e perseveranza. Prontezza perché il Signore viene in ogni momento, perseveranza perché Egli può anche tardare. Due tratti della parabola risultano particolarmente interessanti. Da un lato la risposta dello sposo alle fanciulle stolte ( Non vi conosco! ) assomiglia alla risposta del Signore ai falsi discepoli, ovvero nei confronti di coloro che dicono e non fanno (Mt 7,23). Non solo, ma la differenza tra sagge e stolte, richiama la parabola dei costruttori che ergono la casa sulla roccia o sulla sabbia. I primi sono coloro che acclamano il Signore e, nello stesso tempo, si sforzano di fare la sua volontà, i secondi dicono ma non fanno. Il problema delle vergini stolte, quindi, sta in una separazione tra il dire e il fare, fra preghiera e vita. 17

18 La speranza cristiana, quindi, non è un vago attendere un futuro migliore, ma, alimentata dalla lampada della fede nel Crocifisso Risorto, è attesa certa della venuta di Cristo alla fine dei tempi per portare a pienezza il suo Regno. La resurrezione dei morti, la vita eterna sono concetti essenziali della nostra fede: sono quella spinta che deve dare slancio alla nostra vita cristiana. Vivere da cristiani significa essere protagonisti della nostra vita, della storia del mondo, piuttosto che intendere il tempo come un semplice trascorrere di minuti, di ore, di giorni. Possiamo vivere le giornate, specialmente il tempo libero (quello che fondamentalmente decidiamo noi come investire), con banalità, dissipandolo in cose futili o in ozio improduttivo. La speranza cristiana dà valore ad ogni attimo che viviamo, il kronos (tempo inteso come pura fattualità), può essere un kairos (tempo decisivo) in cui si gioca la nostra salvezza. Rotta educativa Sperare, così come dice Enzo Bianchi, è una scelta, una decisione personale, è decidersi per una vita responsabile, perché è credere che sia ancora possibile un avvenire per una persona, per una società, per l umanità intera. Questo avvenire si costruisce con coraggio. Ciò significa non rimandare le scelte che ci troviamo ad affrontare ogni giorno, soprattutto quelle che ci possono sembrare più difficili. Rischieremo altrimenti di non cogliere le opportunità che ci vengono date o di non esprimere al meglio le nostre potenzialità, rifiutando di imbarcarci in ciò che ci sembra troppo faticoso e rimanendo così fermi nella realizzazione del nostro progetto di vita. Nel progetto formativo dell Azione cattolica il coraggio è definito come la fortezza di riconoscere la realtà così com è e di prendere posizione per i valori in cui crediamo, anche quando questo è sconveniente, anche quando si paga a caro prezzo 3. L invito che vogliamo rivolgere ai giovanissimi è allora quello di essere coraggiosi per scelta, prendendosi a cuore le situazioni della vita e mettendosi in gioco in prima persona. Le scelte avranno tanta più forza quanto più i giovanissimi saranno perseveranti in esse. Il perseverare nelle scelte prese sarà ciò che permetterà la costruzione di una vita nuova, capace di migliorare la realtà, ancor più quando questo richiederà sacrificio. Il sacrificio assume significato in un esercizio di fedeltà che modella il nostro essere in virtù che aprono ad un cammino che tende alla santità, nella consapevolezza che con le parole di Giuseppe Toniolo chi definitivamente recherà a salvamento la società presente non sarà un diplomatico, un dotto, un eroe, bensì un santo, anzi una società di santi. Proposta di attività Mattina Vengono preparati dei foglietti in cui, in ciascuno, vengono scritte situazioni diverse, legate al vissuto dei giovanissimi, in cui essi si possono trovare a poter scegliere, come il tradimento di un amico, scegliere una scuola che piace seppur i genitori non sono d accordo, testimoniare di fronte ad un avvenimento accaduto e che potrebbe compromettere alcuni legami, il soffrire per una situazione/persona e poterlo raccontare, un guaio fatto e dire la colpevolezza, ecc.. Le situazioni dovranno essere scritte raccontando l episodio e i vari soggetti coinvolti, chiudendo la storia con una decisione da prendere. 3 Azione cattolica italiana, Perché sia formato Cristo in voi, Editrice AVE, Roma 2004, p.56 18

19 Campo Giovanissimi 2012 Coraggiosi per scelta Divisi in piccoli gruppi, i giovanissimi dovranno confrontarsi per definire che decisione prendere. La discussione dovrebbe aiutare a comprendere che ogni scelta apre a una responsabilità di bene o di male per se stessi e/o per gli altri. Un successivo momento, invece, vede i giovanissimi a individuare personalmente alcune situazioni in cui non hanno avuto il coraggio di scegliere, cercando di riconoscere le conseguenze che queste non scelte hanno portato e cosa invece avrebbero potuto fare. Pomeriggio Dividiamo i giovanissimi in piccoli gruppi e chiediamo loro di realizzare una pubblicità progresso. In particolare chiederemo di far emergere dalle proprie rappresentazioni che cosa voglia dire perseveranza per essere giovanissimi fino in cima. Dopo aver visto le pubblicità li aiuteremo a scoprire il valore della perseveranza e del sacrificio come chiave per un cammino che non si accontenti di volare basso. Spunti per la celebrazione Per pregare: Sal 39 In ascolto di Giuseppe Toniolo Dalla Lettera al figlio Antonio, 1 luglio 1904 «Non dimenticarlo mai; dentro di te e fuori di te poni ad obiettivo della tua esistenza il quaerite primum regnum Dei e fa di cercarlo e custodirlo con la pietà; e vedrai come sia bella tutta la scena di questo mondo, come si sublimano tutti gli affetti di questo nostro cuore, come si appianano tutte le asprezze di questo cammino nella società, come si affrettano e si assicurano tutti i successi di queste battaglie per conquistare l avvenire. In Dio sappi ricercare e vedere e gustare sempre e le gioie della futura famiglia, e i progressi delle tue indagini scientifiche e lo scioglimento delle questioni sociali; e le previsioni della futura democrazia, e la rivendicazione della patria e della sua grandezza, e il progresso della civiltà per mezzo della Chiesa; tutto ciò che forma (io lo so e ne godo) il nostro comune ideale». Serata Veglia sotto le stelle. La proposta è quella di preparare una veglia sotto le stelle, raccogliendo i ragazzi attorno a un falò. L'attenzione deve essere rivolta alle loro speranze per il futuro. Si potrebbe pensare di riportarle per iscritto su dei foglietti da affidare al fuoco dopo essere stati condivisi con il resto del gruppo. Per introdurre il confronto si potrebbe partire da canzoni quali L'isola che non c'è di Edoardo Bennato o Sogna, ragazzo sogna di Roberto Vecchioni. 19

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

Consegna del Catechismo

Consegna del Catechismo .II C 1.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Consegna del Catechismo Lasciate che i bambini vengano a me Parrocchia..... Domenica. LA TUA PAROLA, SIGNORE, È LUCE AI NOSTRI PASSI Se è possibile,

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno SETTORE ADULTI PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI anno PRESENTAZIONE #Viaggiando sull esempio di Maria, per essere uomini e donne che camminano «lungo la vita», luogo teologico in cui Dio si fa presente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli