Le proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno"

Transcript

1 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 1 Capitolo 1 Le proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera Percorsi scientifici per l interpretazione dei processi di outsourcing del sistema di controllo interno La gestione del controllo interno e le teorie organizzative Il controllo interno e la gestione strategica dell azienda La gestione del controllo interno e le relazioni tra aziende Dalla coesistenza al coordinamento, alla collaborazione La posizione degli internal auditor La metodologia della ricerca Percorsi scientifici per l interpretazione dei processi di outsourcing del sistema di controllo interno L obiettivo prioritario di questo lavoro di ricerca è di investigare le modalità organizzative adottate dalle aziende per la gestione (progettazione, implementazione, funzionamento, monitoraggio e sviluppo) del sistema di controllo interno. Il processo finalizzato a presidiare, in azienda, il sistema di controllo interno è quello di audit. Pertanto questa ricerca mira, in particolare, ad indagare le ragioni e le determinanti della scelta di gestire il servizio di audit internamente, cioè facendo leva sulle risorse di proprietà, o esternamente, cioè mediante il supporto di una società di consulenza o di revisione, oppure mediante forme di collaborazione. Operativamente i servizi di audit possono essere organizzati in diversi modi. Da un lato, è possibile ricorrere al mercato e acquistare tali servizi contro il pagamento di un compenso, generalmente commisurato al tempo e all impegno richiesto dalle verifiche da svolgere. Tale modalità organizzativa viene, utilizza- 1 Pur essendo frutto delle riflessioni congiunte degli autori, S. Garzella è autore del par ; D. Mancini dei parr. 1.1, 1.1.3, 1.2, 1.3; L. Moschera del par

2 2 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera ta per la revisione contabile, dato che esiste un obbligo di legge che impone alle aziende di rivolgersi alle società di revisione per l espressione di un giudizio qualificato sul bilancio di esercizio. In contrapposizione l azienda può utilizzare una struttura interna per sviluppare le attività di audit che ritiene significative, di anno in anno, sulla base del piano di audit concordato tra il responsabile di funzione e il Comitato di audit. Normalmente i revisori esterni possono avvalersi della collaborazione dei revisori interni. Tra queste due posizioni estreme (mercato e gerarchia) si colloca una terza soluzione, l outsourcing 2, che consiste nell affidare ad una società esterna tutta la gestione dei processi di audit, fermo restando la destinazione alle società di revisione dell audit finalizzato alla certificazione del bilancio. Nella realtà la società di audit può essere una società indipendente, oppure una azienda appositamente creata che gestisce, a favore di un gruppo di aziende, i servizi di audit. Nello specifico, però, un azienda può combinare risorse esterne con risorse interne in modi diversi, dando vita a forme organizzative che presentano un differente grado di intensità di outsourcing (IIA, 2005): a) outsourcing totale quando il 100 per cento dei servizi di internal auditing sono ottenuti da fonti esterne normalmente su base continuativa, in tal caso il responsabile della funzione è un dipendente della società di consulenza; b) outsourcing parziale quando meno del 100 per cento dei servizi di audit interno sono ottenuti da fonti esterne normalmente su base continuativa; c) co-sourcing quando le risorse esterne e lo staff interno di audit partecipano congiuntamente all attività di audit, tale impegno può essere continuativo o con una scadenza specifica, in tal caso il responsabile della funzione di audit interno coordina le attività e riporta i risultati al top management; d) sub appalto quando uno specifico compito o parte di esso è svolto da un soggetto esterno, tipicamente per un periodo di tempo limitato. La gestione e il controllo dell impegno sono normalmente seguiti dallo staff di internal audit a- ziendale. Nella letteratura scientifica nazionale e internazionale le scelte organizzative anzidette sono state interpretate mediante diversi modelli teorici quali la teoria dell agenzia (Williamson, 1985), quella della catena del valore (Porter, 1987) e la resource based view (Grant, 1994). Ciò ha consentito di indagare, sia a livello teorico che empirico, quali siano le ragioni alla base di tali scelte organizzative, quali siano i vantaggi e gli svantaggi delle diverse soluzioni possibili. In Italia, però, la tematica della gestione in outsourcing dei servizi di audit non è stata oggetto di un 2 «Specifically it is the performance of an organization s function by another organization that is not integrally a part of the basic organization structure» (Sawyer et al., 2003, p. 1305).

3 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 3 approfondimento specifico, maggiore attenzione ha ricevuto l investigazione in generale dell organizzazione assunta dalla funzione di internal auditing in ambito aziendale (D Onza, 2006; Allegrini, D Onza, Meini, 2007). Nei prossimi paragrafi vengono esaminate alcune delle teorie elaborate in letteratura per interpretare il fenomeno dell outsourcing La gestione del controllo interno e le teorie organizzative I contributi di taglio organizzativo nella letteratura accademica per l analisi della funzione di internal auditing nelle aziende sono numerosi ed eterogenei. Gli studi si concentrano, adottando differenti matrici disciplinari, principalmente su due macro aree tematiche: assetto organizzativo della funzione di internal auditing; scelta di gestire in autonomia e all interno le attività di internal auditing versus scelta di esternalizzare in parte o in tutto le stesse attività. Queste due aree, che si influenzano reciprocamente, rappresentano l oggetto della ricerca condotta e presentata in questo volume. La prima macro area è direttamente collegata alla volontà di gestire in autonomia le attività di internal auditing, utilizzando strumenti organizzativi e procedure più o meno strutturate. Le tematiche organizzative che rientrano in questa macro area sono legate principalmente alla costituzione di una funzione o di un unità organizzativa di internal auditing, alla sua collocazione nella struttura aziendale, alla sua dimensione, alle responsabilità collegate. Tali scelte di progettazione organizzativa sono fondamentalmente ancorate all impostazione strategica che si vuole dare alle attività di internal auditing in a- zienda e ai principi di progettazione organizzativa più generali che sono alla base della struttura organizzativa dell azienda. Ma sicuramente il ruolo operativo o strategico che si vuole dare alle stesse impatta notevolmente in termini di assetto organizzativo della funzione. Nell ambito dell audit, l entità degli investimenti allocati e la dimensione e collocazione della funzione dipendono, tra gli altri, infatti, da due fattori: dalla natura dell attività di audit da svolgere e, dunque, dalla complessità dell incarico (si pensi, ad esempio, ad un audit standard di tipo contabile rispetto ad un audit gestionale su un progetto specifico); dal ruolo attribuito all attività di audit nell organizzazione (si pensi, ad esempio, ad una visione di mero guardiano dell affidabilità dei dati finanziari a quella di servizio a valore aggiunto nei diversi ambiti del controllo, della valutazione dei rischi e della corporate governance). In una logica simile, ma più generale, la scelta sarà anche influenzata dal modello di corporate governance dell azienda. Le attività di internal auditing posso-

4 4 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera no svolgere un ruolo importante nelle comunicazioni e nelle fasi di pianificazione e controllo nei rapporti tra proprietà e management. In tal senso, alla luce della teoria dell agenzia (Jensen, Meckling, 1976), la funzione di internal auditing si inserisce nella gestione dell asimmetria informativa tra principale (proprietà) e agente (management). Proprietà e management sono, infatti, entrambi incentivati a investire in sistemi informativi e di controllo per ridurre i costi di agenzia collegati all asimmetria informativa (Sarens, Abdolmohammadi, 2007). L approccio della teoria dell agenzia è stato anche utilizzato per tentare di trovare una correlazione tra esigenze di controllo della proprietà e dimensione della funzione internal auditing in azienda (Sarens, Abdolmohammadi, 2007). Le altre variabili che giocano un ruolo essenziale nelle scelte di progettazione organizzativa e principalmente nella collocazione, nel ruolo, nel potere e nella dimensione sono variabili di tipo contingente: il settore in cui opera l azienda, la dimensione aziendale, se l azienda è quotata in Borsa o non lo è, l età dell azienda e della funzione. Il filone più ricco di contributi è, però, quello che analizza l alternativa insourcing/outsourcing nella gestione della funzione. È possibile distinguere i molteplici e numerosi contributi sulla base dell impianto teorico di riferimento e dell oggetto di analisi privilegiato: approcci di economia dell organizzazione; approcci di sociologia dell organizzazione. Il modello interpretativo teorico utilizzato in modo più diffuso per spiegare il progressivo ricorso all esterno per svolgere l attività di audit è rinvenibile negli approcci di economia dell organizzazione ed è rappresentato dalla c.d. teoria dei costi di transazione (Williamson, 1975; Widener, Selto, 1999; Spelkè, van Elten, Kruis, 2007). Adottando questo approccio si ritiene che le aziende abbiano la possibilità di scegliere tra due modalità opposte di gestione dell attività di audit che si differenziano per il meccanismo di controllo adottato: a) il governo dell attività di controllo facendo leva sulla gerarchia, mediante la gestione interna dei servizi di audit; b) il governo dell attività di controllo basata sul mercato, mediante l acquisizione all esterno delle risorse necessarie. Guardando queste due modalità come gli estremi di un continuum, è possibile individuare, inoltre, anche ulteriori soluzioni intermedie in cui solo alcune delle attività di internal auditing vengono ad essere esternalizzate in una sorta di co-sourcing. Analogamente al modello generale di Williamson (1975; 1985) assumono importanza le variabili della frequenza delle transazioni, dell incertezza delle

5 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 5 stesse e della specificità degli investimenti e degli asset richiesti; anche per l analisi dell internalizzazione/esternalizzazione delle attività di internal auditing tali variabili giocano un ruolo chiave negli studi che analizzano la scelta alla luce del modello dei costi di transazione. Prescindendo dall esame delle singole variabili sono comunque rinvenibili dei costi generali tipici della transazione in oggetto: costi di negoziazione, costi di pianificazione e preparazione del singolo contratto, di revisione dello stesso, di controllo dell operato dell auditor esterno, costi generici e difficilmente quantificabili legati a comportamenti opportunistici, costi-opportunità su eventuali minori performance correlate a controllo imperfetto esercitato dall auditor prescelto (Spelkè et al., 2007). Per quanto attiene alla specificità della transazione, essa è direttamente collegata alla specificità degli investimenti messi in atto per il governo delle attività di internal auditing. La specificità degli investimenti è generalmente correlata al grado di differenziazione dei servizi/prodotti offerti e/o dei processi. L entità di asset specifici da destinare alla funzione o in generale alle attività di internal auditing sono correlabili all esigenza o alla volontà forte di creare un insieme di attività più o meno firm specific. Prescindendo, infatti, dal contesto (ad esempio grado di differenziazione del business aiendale), le attività di internal auditing si potrebbero governare con procedure formalizzate e standardizzate che richiederebbero una minore specificità di investimenti. Analogamente si potrebbero creare strumenti e procedure definite ad hoc per la singola azienda con un elevato livello di specificità. Logicamente tra i due estremi si collocano differenti soluzioni con diversi gradi di specificità. La scelta del grado di specificità è, quindi, anche funzionale alla strategia che l azienda intende perseguire con le sue attività di internal auditing: dal mero rispetto degli adempimenti formali fino ad arrivare ad una centralità dell internal auditing a supporto delle strategie aziendali. Analogamente impatta sulla specificità degli investimenti richiesti il grado di dettaglio delle informazioni che si vogliono ottenere, produrre e monitorare: da informazioni operative a informazioni strategiche. In considerazione di ciò, la specificità della transazione sarà associata direttamente al livello di profondità e personalizzazione che l azienda e il provider esterno concordano. Logicamente una forte specificità richiede forti investimenti del provider esterno, giustificabili solo da una relazione contrattuale di lungo periodo che gli permetta di ammortizzare gli investimenti specifici (in conoscenze, strutture, procedure ecc.). Ma in ogni caso lo stesso contratto dovrà prevedere le modalità e i termini per sottolineare e pretendere l elevato grado di specificità: contratti incompleti potrebbero dar luogo a comportamenti opportunistici del provider di servizi (Spelkè et al., 2007). Un così forte legame (firm specific e di lunga durata) potrebbe costituire, inoltre, una barriera al-

6 6 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera l uscita della relazione per l azienda: gli switch cost per sostituire il fornitore di servizi con un altro non dotato nella fase iniziale della necessaria conoscenza specifica dell azienda risulterebbero molto elevati. Alla luce di queste riflessioni, pertanto, e con il supporto da una consolidata evidenza empirica (Wiedener, Selto, 1999; Spelkè et al., 2007) è possibile affermare che la specificità influenza negativamente il ricorso all esternalizzazione: tanto maggiore è la specificità, tanto maggiore sarà il ricorso ad una gestione gerarchica e internalizzata della funzione e delle attività di internal auditing. La variabile della frequenza è collegata alla specificità: transazioni con un maggior grado di specificità richiedono una maggiore frequenza nei rapporti tra azienda e società di consulenza esterna. In generale, anche in questo caso bisogna considerare il ruolo più o meno strategico che si vuole dare alla funzione e alle attività di auditing. Una visione e un utilizzo dell internal auditing in chiave strategica richiede una più elevata frequenza delle transazioni. La frequenza sarà, quindi, analizzabile in base al volume e al valore intrinseco (strategico versus operativo) delle singole transazioni. Generalmente, infatti, più che la ripetitività delle transazioni e il numero relativo delle stesse, nell approccio williamsoniano (Williamson, 1975) assume importanza, ai fini dell analisi della frequenza, l incidenza in termini di importanza della transazione (valore strategico-operativo ad esempio) e l entità della transazione. In questi termini risulta facilmente correlabile la scelta di internalizzare le attività a fronte di un elevata frequenza. Anche in questo caso gli studi empirici (Wiedener, Selto, 1999; Spelkè et al., 2007) confermano in tal senso l impatto della frequenza sulla scelta di make or buy delle attività di internal auditing. Più complessa è l analisi della variabile dell incertezza. Generalmente si fa riferimento a incertezza ambientale o del contesto e incertezza dei comportamenti. Nel primo caso, l incertezza deriva dal grado di prevedibilità delle situazioni di contesto e contingenti: bisogna valutare quanto si è in grado di prevedere ex ante l output delle attività di internal auditing e delle singole transazioni. Anche in questo caso, laddove si imposti la funzione in senso strategico aumenta notevolmente l incertezza nella definizione della transazione e in generale dell oggetto delle attività di internal auditing. All estremo opposto per attività operative, dotate di elevata possibilità di essere operazionalizzate o standardizzate, diminuiscono i rischi di incertezza e si può dar luogo a contratti per la regolazione della transazione più completi. La estrema incertezza sul contenuto della transazione rende, da un lato, impossibile o perlomeno difficile la definizione di contratti completi e abilita potenzialmente, dall altro, comportamenti opportunistici. Quest ultimo punto è ricollegabile all incertezza sui comportamenti: in presenza di contratti incompleti o aperti è difficile operare un controllo della prestazione (osservabilità e verificabilità delle performance) e si può dare origine anche in questo caso a com-

7 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 7 portamenti opportunistici o devianti (moral hazard, asimmetrie informative, manipolazione delle informazioni; cfr. Spelkè et al., 2007). In sintesi, pertanto, è possibile affermare, anche sulla base di ricerche empiriche 3, che: al crescere dell entità degli investimenti specifici tende ad essere più conveniente la gestione dell attività di audit internamente; l incertezza non ha nessun effetto sulle decisioni di gestione dei sistemi di controllo interno e al crescere della frequenza delle transazioni tende ad essere più conveniente la gestione interna dell attività di audit. Se invece di analizzare le transazioni poste in essere e le relative alternative di make or buy, si focalizza l attenzione sulle competenze interne dall azienda per gestire in autonomia le attività di internal auditing può risultare utile ai fini interpretativi l approccio della resource based view (Barney 1991; Prahalad, Hamel 1990). Acquisire, creare, e sviluppare capacità e competenze chiave ha implicazioni importanti per la scelta delle attività da svolgere all interno delle organizzazioni e quelle da esternalizzare. L idea che ci sia una relazione tra le core competencies e il fenomeno dell outsourcing è sottolineato dal contributo di Prahalad, Hamel (1990): gli autori sostengono che la fonte del vantaggio competitivo delle organizzazioni risieda nell abilità del management a consolidare gli skills, le conoscenze e le tecnologie in competenze tali da costituire un vantaggio competitivo. Molti approcci relativi al tema dell oustourcing utilizzano l approccio delle core competencies come punto di partenza: ad esempio, Quinn e Hilmer (1994) sostengono che l organizzazione debba concentrare le sue risorse su una serie di competenze core, che possano costituire la base per il raggiungimento di un vantaggio competitivo e esternalizzare, invece, le altre attività per lo svolgimento delle quali non si abbiano competenze specifiche. In generale, nel contesto dell outsourcing, le attività core hanno le seguenti caratteristiche: sono quelle che contribuiscono maggiormente a creare valore per il cliente, rappresentano un elemento distintivo rispetto ai competitors sul mercato, l organizzazione ha particolari competenze per lo svolgimento delle stesse. Una crescente parte della letteratura focalizza l attenzione sul tema delle relazioni interorganizzative per analizzare e spiegare il raggiungimento e il mantenimento del vantaggio competitivo. Si evidenzia, infatti, una tendenza al coinvolgimento di attori esterni per lo svolgimento di attività prima svolte all interno della singola impresa. L approccio relazionale sostiene che le organizzazioni possono sviluppare risorse chiave attraverso la gestione delle relazioni con diversi attori esterni ai confini dell organizzazione quali clienti, fornitori, enti di ricerca, istituzioni etc. Lo studio delle relazioni e del loro contenuto è spinto dalla convinzione che la fonte del vantaggio competitivo risieda nella capacità di individuare e utilizzare 3 Per un approfondimento cfr. Wiedener, Selto, 1999; Spelkè et al., 2005, 2007.

8 8 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera le conoscenze create nel sistema nel suo complesso (Lipparini, 1995). Secondo questo approccio assumono un significato fondamentale, quindi, il ruolo dei meccanismi di governance come la fiducia (Lorenzoni, Lipparini 1999) e le risorse e le capacità dei clienti e dei fornitori (Kaufman et al., 2000). Il tema della fiducia appare importante anche negli altri approcci teorici finora presentati. Sia nella teoria dell agenzia, sia nell approccio dei costi di transazione, sia in generale nelle relazioni interorganizzative la fiducia può: diminuire i rischi di comportamenti opportunistici, ridurre la complessità nella formalizzazione del contratto, rendere più agevole il controllo il coordinamento della relazione con il fornitore di servizi di auditing (sia esso interno sia esso soprattutto esterno all organizzazione). Un altro approccio teorico che consente un analisi interpretativa sia delle logiche di progettazione organizzativa interna legate alla funzione internal auditing, sia della scelta di internalizzare/esternalizzare le attività è quello neoistituzionalista (Meyer, Rowan, 1977; Di Maggio, Powell, 1983, 1991). Secondo questa prospettiva l organizzazione deve essere concepita come un sistema inserito e avvolto da un contesto sociale e culturale (ipotesi dell embeddedness, Granovetter, 1985), il quale a sua volta è il risultato prodotto dall interazione fra le azioni poste in essere dai singoli attori, a loro volta condizionati e/o vincolati dalle caratteristiche strutturali del contesto (Barley, Tolbert, 1997; Giddens, 1984). Il livello di analisi di tale approccio è costituito dal campo organizzativo, nel quale sono comprese tutte quelle organizzazioni che costituiscono, nel loro insieme, una riconosciuta area di vita istituzionale (Di Maggio, Powell, 1983: 148). Due sono le tipologie di ambienti istituzionali utili ai fini della ricerca presentata in questo volume. Da un lato quello dei diversi settori societari (Scott, Meyer, 1983) in cui operano le singole aziende che necessitano (im misura maggiore o minore) di attività di internal auditing; dall altro quello dell ambiente istituzionale che caratterizza le società fornitrici di servizi di internal auditing. Su entrambi i campi organizzativi insistono una serie di pressioni competitive (che innescano processi imitativi) e di pressioni istituzionali (che attivano processi coercitivi e normativi) (Di Maggio, Powell, 1983, 1991). Tanto maggiore sarà la forza condizionante di queste due tipologie di condizionamenti, tanto più forte sarà il grado di istituzionalizzazione del campo e, quindi, la tendenza all isomorfismo. Alla luce dell approccio neoistituzionalista, sul versante delle scelte di progettazione organizzativa interna le pressioni istituzionali agiscono in modo differente e variegato. Le aziende potrebbero essere influenzate nelle scelte di progettazione organizzativa sia da pressioni coercitive, sia da pressioni imitative sia, infine, da pressioni normative. Le pressioni coercitive sono essenzialmente legate alla legislazione vigente nel Paese in cui l organizzazione opera e alle caratteristiche della singola società (ad

9 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 9 esempio se quotate in borsa o meno). Nella ricerca condotta, circa il 70% delle aziende quotate intervistate collega l istituzione di una funzione interna di internal auditing derivante da adempimenti normativi, regolamentari o di Gruppo. Più nel dettaglio, per quanto riguarda le modalità organizzative prescelte, solo il 40% ritiene di avere agito in completa autonomia, mentre ben un azienda su due rileva una risposta organizzativa influenzata da adempimenti legislativi o da logiche dettate dalla (eventuale) holding di riferimento (vd. infra per approfondimenti). Figura 1.1. Ritenete che l istituzione della funzione del controllo interno derivi da vincoli normativi, regolamentari o di Gruppo? Valore percentuale si no non saprei Aziende quotate Società di consulenza Figura 1.2. Come ritenete che le vostre aziende abbiano deciso di istituzionalizzare la funzione del controllo interno 10% 20% 30% 40% autonomamente in risposta ad adempimenti di legge in risposta ad esigenza della Capogruppo altro Ma anche la pressione imitativa può giocare un ruolo di rilievo ai fini delle scelte di progettazione interna o della scelta tra gestione della funzione in autonomia o esternalizzazione in outsourcing. Le organizzazione tenderanno, nella logica neo istituzionale, ad imitare le scelte e le forme organizzative delle altre organizzazioni (concorrenti) che ritengono essere maggiormente legittimate nel contesto esterno.

10 10 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera A rafforzare ulteriormente le scelte di progettazione organizzativa della funzione internal auditing e l assetto interno versus outsourcing della stessa agiscono anche le pressioni normative. La tendenza all isomorfismo è anche frutto dell elevato grado di professionalizzazione nel campo delle attività di internal auditing. Numerosi studi (si vedano tra gli altri Rittenberg, Covalesky 2001; Covalesky, Dirsmith, Rittenberg, 2004) testimoniano in tal senso la forza della pressione normativa derivante dal tipo e dall alto livello di professionalizzazione del campo Il controllo interno e la gestione strategica dell azienda Il successo dell azienda ed anche il suo perdurare nel tempo sono strettamente legati alla capacità strategica e alla bontà della sua azione di governo (Bertini, 1995; Galeotti, 2001; Reboa, 2002; Garzella, 2006). Attraverso il processo di governo le idee e la visione imprenditoriale prendono forma e si materializzano determinando i fatti e gli andamenti di gestione (Miolo Vitali, 1993; Bertini, 1995; Bianchi Martini, 2008). La bontà dell azione di governo, da parte sua, si concretizza in una superiorità quali-quantitativa dei processi sistematicamente coordinati e dei prodotti rispetto ai competitor che, percepita dal cliente, è in grado di generare ritorni adeguati in termini economico-finanziari (Porter 1987, 1996, 1997; Saloner, Shepard, Podolny, 2002). La superiorità competitiva e gestionale trova il suo fondamento nel possesso di alcune risorse distintive che opportunamente attivate ed utilizzate conferiscono alle diverse attività ed ai processi che scaturiscono dalla loro interrelazione la capacità di generare valore (Barney, 1991; Buttignon, 1996; Grant, 2003; Garzoni, 2004; Garzella, 2005; Bianchi Martini, 2009). È noto infatti che la sistematica gestione dell azienda può essere utilmente suddivisa in processi a loro volta scomponibili in attività (Porter, 1987; Brusa, 1995; Brimson, Antos, 1999; Giannetti, 2006; Kaplan, Anderson, 2007). È la superiorità nello svolgimento sistematico e simultaneo di tali attività e di tali processi che rende l azienda in grado di sovra-performare. Nel pieno convincimento di quanto detto, riteniamo che l azienda debba organizzare la propria azione di governo e la propria attività gestionale risolvendo una serie di scelte decisionali di carattere e natura strategica, tra le quali possono trovare posto accanto ad azioni tipicamente competitive, economico-finanziarie, sociali, ecc. anche le decisioni di make or buy (Ricciardi, 2000; De Paolis, 2000; Culliton, 1942; Oxenfeldt, Watkins, 1956). Ossia le decisioni concernenti quali attività svolgere internamente e quali e- sternamente. Nei fatti, le aziende si trovano costantemente di fronte ad opzioni di make or

11 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 11 buy qualunque sia l oggetto interessato, e tali scelte, che come detto rivestono in alcuni casi un valore perfino strategico, si fondano su di una complessità di variabili da valutare in modo sistematico. Tra queste assumono principale rilievo la necessità di presidiare le risorse distintive, evitare la diffusione di conoscenze strategicamente rilevanti, la complessità tecnica e il grado di specializzazione delle attività, il legame tra alcune attività e le attività considerate core. Per riuscire a individuare le risorse strategicamente rilevanti e per deliberare le modalità per la loro attivazione, valorizzazione e difesa sono stati sviluppati diversi modelli e strumenti. In gran parte, sono strumenti che collegano le tecniche di analisi e mappatura dei processi con i concetti tipici dell analisi strategica (Ostinelli, 1995; Ceppatelli, 2000). Nel tempo tali modelli e applicazioni si sono moltiplicati, diffusi e affinati. Ciò nonostante, tra i più noti, diffusi ed efficaci nell incrociare le attività compiute nella ricerca del vantaggio competitivo con il controllo delle risorse e delle competenze distintive, vi sono quelli che, in modo più o meno diretto, possono essere ricondotti alla catena del valore. Originariamente intuita da McKinsey e compiutamente elaborata e definita da Porter si sostanzia, nella sua versione generale, in una freccia caratterizzata in cinque attività primarie e quattro di supporto. Il modello generale, poi, potrà ma forse è più corretto dire dovrà essere personalizzato in relazione alle peculiarità dell azienda oggetto di analisi e in relazione alle esigenze di analisi. Spiega infatti lo stesso Porter che: Per diagnosticare il vantaggio competitivo è necessario definire la catena del valore propria di un impresa per competere in un particolare settore industriale. Cominciando dalla catena generica, bisogna identificare le specifiche attività generatrici di valore per quella particolare azienda. [ ]«dovrebbero essere isolate e separate le attività che hanno logiche economiche diverse, che possiedono un alto impatto o differenziazione potenziale, oppure che rappresentano una porzione di costo crescente o significativa. Nell uso della catena del valore vengono effettuate poi delle disaggregazioni più sottili per alcune attività [ ]; altre attività vengono combinate, in quanto governate da logiche economiche simili [ ] Il giusto grado di disaggregazione dipende dalle caratteristiche economiche delle attività e dagli scopi per cui viene analizzata la catena del valore» 4. La complessa e sistematica attività aziendale, pertanto, può essere utilmente 4 Porter, 1987: 56. Cfr. anche Miolo Vitali, 2000; Shank, Govindarajan, 1996; Bain Cuneo & Associati, 1992; Grant, 2003; Valdani, 2000.

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli