Le proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno"

Transcript

1 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 1 Capitolo 1 Le proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera Percorsi scientifici per l interpretazione dei processi di outsourcing del sistema di controllo interno La gestione del controllo interno e le teorie organizzative Il controllo interno e la gestione strategica dell azienda La gestione del controllo interno e le relazioni tra aziende Dalla coesistenza al coordinamento, alla collaborazione La posizione degli internal auditor La metodologia della ricerca Percorsi scientifici per l interpretazione dei processi di outsourcing del sistema di controllo interno L obiettivo prioritario di questo lavoro di ricerca è di investigare le modalità organizzative adottate dalle aziende per la gestione (progettazione, implementazione, funzionamento, monitoraggio e sviluppo) del sistema di controllo interno. Il processo finalizzato a presidiare, in azienda, il sistema di controllo interno è quello di audit. Pertanto questa ricerca mira, in particolare, ad indagare le ragioni e le determinanti della scelta di gestire il servizio di audit internamente, cioè facendo leva sulle risorse di proprietà, o esternamente, cioè mediante il supporto di una società di consulenza o di revisione, oppure mediante forme di collaborazione. Operativamente i servizi di audit possono essere organizzati in diversi modi. Da un lato, è possibile ricorrere al mercato e acquistare tali servizi contro il pagamento di un compenso, generalmente commisurato al tempo e all impegno richiesto dalle verifiche da svolgere. Tale modalità organizzativa viene, utilizza- 1 Pur essendo frutto delle riflessioni congiunte degli autori, S. Garzella è autore del par ; D. Mancini dei parr. 1.1, 1.1.3, 1.2, 1.3; L. Moschera del par

2 2 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera ta per la revisione contabile, dato che esiste un obbligo di legge che impone alle aziende di rivolgersi alle società di revisione per l espressione di un giudizio qualificato sul bilancio di esercizio. In contrapposizione l azienda può utilizzare una struttura interna per sviluppare le attività di audit che ritiene significative, di anno in anno, sulla base del piano di audit concordato tra il responsabile di funzione e il Comitato di audit. Normalmente i revisori esterni possono avvalersi della collaborazione dei revisori interni. Tra queste due posizioni estreme (mercato e gerarchia) si colloca una terza soluzione, l outsourcing 2, che consiste nell affidare ad una società esterna tutta la gestione dei processi di audit, fermo restando la destinazione alle società di revisione dell audit finalizzato alla certificazione del bilancio. Nella realtà la società di audit può essere una società indipendente, oppure una azienda appositamente creata che gestisce, a favore di un gruppo di aziende, i servizi di audit. Nello specifico, però, un azienda può combinare risorse esterne con risorse interne in modi diversi, dando vita a forme organizzative che presentano un differente grado di intensità di outsourcing (IIA, 2005): a) outsourcing totale quando il 100 per cento dei servizi di internal auditing sono ottenuti da fonti esterne normalmente su base continuativa, in tal caso il responsabile della funzione è un dipendente della società di consulenza; b) outsourcing parziale quando meno del 100 per cento dei servizi di audit interno sono ottenuti da fonti esterne normalmente su base continuativa; c) co-sourcing quando le risorse esterne e lo staff interno di audit partecipano congiuntamente all attività di audit, tale impegno può essere continuativo o con una scadenza specifica, in tal caso il responsabile della funzione di audit interno coordina le attività e riporta i risultati al top management; d) sub appalto quando uno specifico compito o parte di esso è svolto da un soggetto esterno, tipicamente per un periodo di tempo limitato. La gestione e il controllo dell impegno sono normalmente seguiti dallo staff di internal audit a- ziendale. Nella letteratura scientifica nazionale e internazionale le scelte organizzative anzidette sono state interpretate mediante diversi modelli teorici quali la teoria dell agenzia (Williamson, 1985), quella della catena del valore (Porter, 1987) e la resource based view (Grant, 1994). Ciò ha consentito di indagare, sia a livello teorico che empirico, quali siano le ragioni alla base di tali scelte organizzative, quali siano i vantaggi e gli svantaggi delle diverse soluzioni possibili. In Italia, però, la tematica della gestione in outsourcing dei servizi di audit non è stata oggetto di un 2 «Specifically it is the performance of an organization s function by another organization that is not integrally a part of the basic organization structure» (Sawyer et al., 2003, p. 1305).

3 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 3 approfondimento specifico, maggiore attenzione ha ricevuto l investigazione in generale dell organizzazione assunta dalla funzione di internal auditing in ambito aziendale (D Onza, 2006; Allegrini, D Onza, Meini, 2007). Nei prossimi paragrafi vengono esaminate alcune delle teorie elaborate in letteratura per interpretare il fenomeno dell outsourcing La gestione del controllo interno e le teorie organizzative I contributi di taglio organizzativo nella letteratura accademica per l analisi della funzione di internal auditing nelle aziende sono numerosi ed eterogenei. Gli studi si concentrano, adottando differenti matrici disciplinari, principalmente su due macro aree tematiche: assetto organizzativo della funzione di internal auditing; scelta di gestire in autonomia e all interno le attività di internal auditing versus scelta di esternalizzare in parte o in tutto le stesse attività. Queste due aree, che si influenzano reciprocamente, rappresentano l oggetto della ricerca condotta e presentata in questo volume. La prima macro area è direttamente collegata alla volontà di gestire in autonomia le attività di internal auditing, utilizzando strumenti organizzativi e procedure più o meno strutturate. Le tematiche organizzative che rientrano in questa macro area sono legate principalmente alla costituzione di una funzione o di un unità organizzativa di internal auditing, alla sua collocazione nella struttura aziendale, alla sua dimensione, alle responsabilità collegate. Tali scelte di progettazione organizzativa sono fondamentalmente ancorate all impostazione strategica che si vuole dare alle attività di internal auditing in a- zienda e ai principi di progettazione organizzativa più generali che sono alla base della struttura organizzativa dell azienda. Ma sicuramente il ruolo operativo o strategico che si vuole dare alle stesse impatta notevolmente in termini di assetto organizzativo della funzione. Nell ambito dell audit, l entità degli investimenti allocati e la dimensione e collocazione della funzione dipendono, tra gli altri, infatti, da due fattori: dalla natura dell attività di audit da svolgere e, dunque, dalla complessità dell incarico (si pensi, ad esempio, ad un audit standard di tipo contabile rispetto ad un audit gestionale su un progetto specifico); dal ruolo attribuito all attività di audit nell organizzazione (si pensi, ad esempio, ad una visione di mero guardiano dell affidabilità dei dati finanziari a quella di servizio a valore aggiunto nei diversi ambiti del controllo, della valutazione dei rischi e della corporate governance). In una logica simile, ma più generale, la scelta sarà anche influenzata dal modello di corporate governance dell azienda. Le attività di internal auditing posso-

4 4 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera no svolgere un ruolo importante nelle comunicazioni e nelle fasi di pianificazione e controllo nei rapporti tra proprietà e management. In tal senso, alla luce della teoria dell agenzia (Jensen, Meckling, 1976), la funzione di internal auditing si inserisce nella gestione dell asimmetria informativa tra principale (proprietà) e agente (management). Proprietà e management sono, infatti, entrambi incentivati a investire in sistemi informativi e di controllo per ridurre i costi di agenzia collegati all asimmetria informativa (Sarens, Abdolmohammadi, 2007). L approccio della teoria dell agenzia è stato anche utilizzato per tentare di trovare una correlazione tra esigenze di controllo della proprietà e dimensione della funzione internal auditing in azienda (Sarens, Abdolmohammadi, 2007). Le altre variabili che giocano un ruolo essenziale nelle scelte di progettazione organizzativa e principalmente nella collocazione, nel ruolo, nel potere e nella dimensione sono variabili di tipo contingente: il settore in cui opera l azienda, la dimensione aziendale, se l azienda è quotata in Borsa o non lo è, l età dell azienda e della funzione. Il filone più ricco di contributi è, però, quello che analizza l alternativa insourcing/outsourcing nella gestione della funzione. È possibile distinguere i molteplici e numerosi contributi sulla base dell impianto teorico di riferimento e dell oggetto di analisi privilegiato: approcci di economia dell organizzazione; approcci di sociologia dell organizzazione. Il modello interpretativo teorico utilizzato in modo più diffuso per spiegare il progressivo ricorso all esterno per svolgere l attività di audit è rinvenibile negli approcci di economia dell organizzazione ed è rappresentato dalla c.d. teoria dei costi di transazione (Williamson, 1975; Widener, Selto, 1999; Spelkè, van Elten, Kruis, 2007). Adottando questo approccio si ritiene che le aziende abbiano la possibilità di scegliere tra due modalità opposte di gestione dell attività di audit che si differenziano per il meccanismo di controllo adottato: a) il governo dell attività di controllo facendo leva sulla gerarchia, mediante la gestione interna dei servizi di audit; b) il governo dell attività di controllo basata sul mercato, mediante l acquisizione all esterno delle risorse necessarie. Guardando queste due modalità come gli estremi di un continuum, è possibile individuare, inoltre, anche ulteriori soluzioni intermedie in cui solo alcune delle attività di internal auditing vengono ad essere esternalizzate in una sorta di co-sourcing. Analogamente al modello generale di Williamson (1975; 1985) assumono importanza le variabili della frequenza delle transazioni, dell incertezza delle

5 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 5 stesse e della specificità degli investimenti e degli asset richiesti; anche per l analisi dell internalizzazione/esternalizzazione delle attività di internal auditing tali variabili giocano un ruolo chiave negli studi che analizzano la scelta alla luce del modello dei costi di transazione. Prescindendo dall esame delle singole variabili sono comunque rinvenibili dei costi generali tipici della transazione in oggetto: costi di negoziazione, costi di pianificazione e preparazione del singolo contratto, di revisione dello stesso, di controllo dell operato dell auditor esterno, costi generici e difficilmente quantificabili legati a comportamenti opportunistici, costi-opportunità su eventuali minori performance correlate a controllo imperfetto esercitato dall auditor prescelto (Spelkè et al., 2007). Per quanto attiene alla specificità della transazione, essa è direttamente collegata alla specificità degli investimenti messi in atto per il governo delle attività di internal auditing. La specificità degli investimenti è generalmente correlata al grado di differenziazione dei servizi/prodotti offerti e/o dei processi. L entità di asset specifici da destinare alla funzione o in generale alle attività di internal auditing sono correlabili all esigenza o alla volontà forte di creare un insieme di attività più o meno firm specific. Prescindendo, infatti, dal contesto (ad esempio grado di differenziazione del business aiendale), le attività di internal auditing si potrebbero governare con procedure formalizzate e standardizzate che richiederebbero una minore specificità di investimenti. Analogamente si potrebbero creare strumenti e procedure definite ad hoc per la singola azienda con un elevato livello di specificità. Logicamente tra i due estremi si collocano differenti soluzioni con diversi gradi di specificità. La scelta del grado di specificità è, quindi, anche funzionale alla strategia che l azienda intende perseguire con le sue attività di internal auditing: dal mero rispetto degli adempimenti formali fino ad arrivare ad una centralità dell internal auditing a supporto delle strategie aziendali. Analogamente impatta sulla specificità degli investimenti richiesti il grado di dettaglio delle informazioni che si vogliono ottenere, produrre e monitorare: da informazioni operative a informazioni strategiche. In considerazione di ciò, la specificità della transazione sarà associata direttamente al livello di profondità e personalizzazione che l azienda e il provider esterno concordano. Logicamente una forte specificità richiede forti investimenti del provider esterno, giustificabili solo da una relazione contrattuale di lungo periodo che gli permetta di ammortizzare gli investimenti specifici (in conoscenze, strutture, procedure ecc.). Ma in ogni caso lo stesso contratto dovrà prevedere le modalità e i termini per sottolineare e pretendere l elevato grado di specificità: contratti incompleti potrebbero dar luogo a comportamenti opportunistici del provider di servizi (Spelkè et al., 2007). Un così forte legame (firm specific e di lunga durata) potrebbe costituire, inoltre, una barriera al-

6 6 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera l uscita della relazione per l azienda: gli switch cost per sostituire il fornitore di servizi con un altro non dotato nella fase iniziale della necessaria conoscenza specifica dell azienda risulterebbero molto elevati. Alla luce di queste riflessioni, pertanto, e con il supporto da una consolidata evidenza empirica (Wiedener, Selto, 1999; Spelkè et al., 2007) è possibile affermare che la specificità influenza negativamente il ricorso all esternalizzazione: tanto maggiore è la specificità, tanto maggiore sarà il ricorso ad una gestione gerarchica e internalizzata della funzione e delle attività di internal auditing. La variabile della frequenza è collegata alla specificità: transazioni con un maggior grado di specificità richiedono una maggiore frequenza nei rapporti tra azienda e società di consulenza esterna. In generale, anche in questo caso bisogna considerare il ruolo più o meno strategico che si vuole dare alla funzione e alle attività di auditing. Una visione e un utilizzo dell internal auditing in chiave strategica richiede una più elevata frequenza delle transazioni. La frequenza sarà, quindi, analizzabile in base al volume e al valore intrinseco (strategico versus operativo) delle singole transazioni. Generalmente, infatti, più che la ripetitività delle transazioni e il numero relativo delle stesse, nell approccio williamsoniano (Williamson, 1975) assume importanza, ai fini dell analisi della frequenza, l incidenza in termini di importanza della transazione (valore strategico-operativo ad esempio) e l entità della transazione. In questi termini risulta facilmente correlabile la scelta di internalizzare le attività a fronte di un elevata frequenza. Anche in questo caso gli studi empirici (Wiedener, Selto, 1999; Spelkè et al., 2007) confermano in tal senso l impatto della frequenza sulla scelta di make or buy delle attività di internal auditing. Più complessa è l analisi della variabile dell incertezza. Generalmente si fa riferimento a incertezza ambientale o del contesto e incertezza dei comportamenti. Nel primo caso, l incertezza deriva dal grado di prevedibilità delle situazioni di contesto e contingenti: bisogna valutare quanto si è in grado di prevedere ex ante l output delle attività di internal auditing e delle singole transazioni. Anche in questo caso, laddove si imposti la funzione in senso strategico aumenta notevolmente l incertezza nella definizione della transazione e in generale dell oggetto delle attività di internal auditing. All estremo opposto per attività operative, dotate di elevata possibilità di essere operazionalizzate o standardizzate, diminuiscono i rischi di incertezza e si può dar luogo a contratti per la regolazione della transazione più completi. La estrema incertezza sul contenuto della transazione rende, da un lato, impossibile o perlomeno difficile la definizione di contratti completi e abilita potenzialmente, dall altro, comportamenti opportunistici. Quest ultimo punto è ricollegabile all incertezza sui comportamenti: in presenza di contratti incompleti o aperti è difficile operare un controllo della prestazione (osservabilità e verificabilità delle performance) e si può dare origine anche in questo caso a com-

7 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 7 portamenti opportunistici o devianti (moral hazard, asimmetrie informative, manipolazione delle informazioni; cfr. Spelkè et al., 2007). In sintesi, pertanto, è possibile affermare, anche sulla base di ricerche empiriche 3, che: al crescere dell entità degli investimenti specifici tende ad essere più conveniente la gestione dell attività di audit internamente; l incertezza non ha nessun effetto sulle decisioni di gestione dei sistemi di controllo interno e al crescere della frequenza delle transazioni tende ad essere più conveniente la gestione interna dell attività di audit. Se invece di analizzare le transazioni poste in essere e le relative alternative di make or buy, si focalizza l attenzione sulle competenze interne dall azienda per gestire in autonomia le attività di internal auditing può risultare utile ai fini interpretativi l approccio della resource based view (Barney 1991; Prahalad, Hamel 1990). Acquisire, creare, e sviluppare capacità e competenze chiave ha implicazioni importanti per la scelta delle attività da svolgere all interno delle organizzazioni e quelle da esternalizzare. L idea che ci sia una relazione tra le core competencies e il fenomeno dell outsourcing è sottolineato dal contributo di Prahalad, Hamel (1990): gli autori sostengono che la fonte del vantaggio competitivo delle organizzazioni risieda nell abilità del management a consolidare gli skills, le conoscenze e le tecnologie in competenze tali da costituire un vantaggio competitivo. Molti approcci relativi al tema dell oustourcing utilizzano l approccio delle core competencies come punto di partenza: ad esempio, Quinn e Hilmer (1994) sostengono che l organizzazione debba concentrare le sue risorse su una serie di competenze core, che possano costituire la base per il raggiungimento di un vantaggio competitivo e esternalizzare, invece, le altre attività per lo svolgimento delle quali non si abbiano competenze specifiche. In generale, nel contesto dell outsourcing, le attività core hanno le seguenti caratteristiche: sono quelle che contribuiscono maggiormente a creare valore per il cliente, rappresentano un elemento distintivo rispetto ai competitors sul mercato, l organizzazione ha particolari competenze per lo svolgimento delle stesse. Una crescente parte della letteratura focalizza l attenzione sul tema delle relazioni interorganizzative per analizzare e spiegare il raggiungimento e il mantenimento del vantaggio competitivo. Si evidenzia, infatti, una tendenza al coinvolgimento di attori esterni per lo svolgimento di attività prima svolte all interno della singola impresa. L approccio relazionale sostiene che le organizzazioni possono sviluppare risorse chiave attraverso la gestione delle relazioni con diversi attori esterni ai confini dell organizzazione quali clienti, fornitori, enti di ricerca, istituzioni etc. Lo studio delle relazioni e del loro contenuto è spinto dalla convinzione che la fonte del vantaggio competitivo risieda nella capacità di individuare e utilizzare 3 Per un approfondimento cfr. Wiedener, Selto, 1999; Spelkè et al., 2005, 2007.

8 8 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera le conoscenze create nel sistema nel suo complesso (Lipparini, 1995). Secondo questo approccio assumono un significato fondamentale, quindi, il ruolo dei meccanismi di governance come la fiducia (Lorenzoni, Lipparini 1999) e le risorse e le capacità dei clienti e dei fornitori (Kaufman et al., 2000). Il tema della fiducia appare importante anche negli altri approcci teorici finora presentati. Sia nella teoria dell agenzia, sia nell approccio dei costi di transazione, sia in generale nelle relazioni interorganizzative la fiducia può: diminuire i rischi di comportamenti opportunistici, ridurre la complessità nella formalizzazione del contratto, rendere più agevole il controllo il coordinamento della relazione con il fornitore di servizi di auditing (sia esso interno sia esso soprattutto esterno all organizzazione). Un altro approccio teorico che consente un analisi interpretativa sia delle logiche di progettazione organizzativa interna legate alla funzione internal auditing, sia della scelta di internalizzare/esternalizzare le attività è quello neoistituzionalista (Meyer, Rowan, 1977; Di Maggio, Powell, 1983, 1991). Secondo questa prospettiva l organizzazione deve essere concepita come un sistema inserito e avvolto da un contesto sociale e culturale (ipotesi dell embeddedness, Granovetter, 1985), il quale a sua volta è il risultato prodotto dall interazione fra le azioni poste in essere dai singoli attori, a loro volta condizionati e/o vincolati dalle caratteristiche strutturali del contesto (Barley, Tolbert, 1997; Giddens, 1984). Il livello di analisi di tale approccio è costituito dal campo organizzativo, nel quale sono comprese tutte quelle organizzazioni che costituiscono, nel loro insieme, una riconosciuta area di vita istituzionale (Di Maggio, Powell, 1983: 148). Due sono le tipologie di ambienti istituzionali utili ai fini della ricerca presentata in questo volume. Da un lato quello dei diversi settori societari (Scott, Meyer, 1983) in cui operano le singole aziende che necessitano (im misura maggiore o minore) di attività di internal auditing; dall altro quello dell ambiente istituzionale che caratterizza le società fornitrici di servizi di internal auditing. Su entrambi i campi organizzativi insistono una serie di pressioni competitive (che innescano processi imitativi) e di pressioni istituzionali (che attivano processi coercitivi e normativi) (Di Maggio, Powell, 1983, 1991). Tanto maggiore sarà la forza condizionante di queste due tipologie di condizionamenti, tanto più forte sarà il grado di istituzionalizzazione del campo e, quindi, la tendenza all isomorfismo. Alla luce dell approccio neoistituzionalista, sul versante delle scelte di progettazione organizzativa interna le pressioni istituzionali agiscono in modo differente e variegato. Le aziende potrebbero essere influenzate nelle scelte di progettazione organizzativa sia da pressioni coercitive, sia da pressioni imitative sia, infine, da pressioni normative. Le pressioni coercitive sono essenzialmente legate alla legislazione vigente nel Paese in cui l organizzazione opera e alle caratteristiche della singola società (ad

9 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 9 esempio se quotate in borsa o meno). Nella ricerca condotta, circa il 70% delle aziende quotate intervistate collega l istituzione di una funzione interna di internal auditing derivante da adempimenti normativi, regolamentari o di Gruppo. Più nel dettaglio, per quanto riguarda le modalità organizzative prescelte, solo il 40% ritiene di avere agito in completa autonomia, mentre ben un azienda su due rileva una risposta organizzativa influenzata da adempimenti legislativi o da logiche dettate dalla (eventuale) holding di riferimento (vd. infra per approfondimenti). Figura 1.1. Ritenete che l istituzione della funzione del controllo interno derivi da vincoli normativi, regolamentari o di Gruppo? Valore percentuale si no non saprei Aziende quotate Società di consulenza Figura 1.2. Come ritenete che le vostre aziende abbiano deciso di istituzionalizzare la funzione del controllo interno 10% 20% 30% 40% autonomamente in risposta ad adempimenti di legge in risposta ad esigenza della Capogruppo altro Ma anche la pressione imitativa può giocare un ruolo di rilievo ai fini delle scelte di progettazione interna o della scelta tra gestione della funzione in autonomia o esternalizzazione in outsourcing. Le organizzazione tenderanno, nella logica neo istituzionale, ad imitare le scelte e le forme organizzative delle altre organizzazioni (concorrenti) che ritengono essere maggiormente legittimate nel contesto esterno.

10 10 Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera A rafforzare ulteriormente le scelte di progettazione organizzativa della funzione internal auditing e l assetto interno versus outsourcing della stessa agiscono anche le pressioni normative. La tendenza all isomorfismo è anche frutto dell elevato grado di professionalizzazione nel campo delle attività di internal auditing. Numerosi studi (si vedano tra gli altri Rittenberg, Covalesky 2001; Covalesky, Dirsmith, Rittenberg, 2004) testimoniano in tal senso la forza della pressione normativa derivante dal tipo e dall alto livello di professionalizzazione del campo Il controllo interno e la gestione strategica dell azienda Il successo dell azienda ed anche il suo perdurare nel tempo sono strettamente legati alla capacità strategica e alla bontà della sua azione di governo (Bertini, 1995; Galeotti, 2001; Reboa, 2002; Garzella, 2006). Attraverso il processo di governo le idee e la visione imprenditoriale prendono forma e si materializzano determinando i fatti e gli andamenti di gestione (Miolo Vitali, 1993; Bertini, 1995; Bianchi Martini, 2008). La bontà dell azione di governo, da parte sua, si concretizza in una superiorità quali-quantitativa dei processi sistematicamente coordinati e dei prodotti rispetto ai competitor che, percepita dal cliente, è in grado di generare ritorni adeguati in termini economico-finanziari (Porter 1987, 1996, 1997; Saloner, Shepard, Podolny, 2002). La superiorità competitiva e gestionale trova il suo fondamento nel possesso di alcune risorse distintive che opportunamente attivate ed utilizzate conferiscono alle diverse attività ed ai processi che scaturiscono dalla loro interrelazione la capacità di generare valore (Barney, 1991; Buttignon, 1996; Grant, 2003; Garzoni, 2004; Garzella, 2005; Bianchi Martini, 2009). È noto infatti che la sistematica gestione dell azienda può essere utilmente suddivisa in processi a loro volta scomponibili in attività (Porter, 1987; Brusa, 1995; Brimson, Antos, 1999; Giannetti, 2006; Kaplan, Anderson, 2007). È la superiorità nello svolgimento sistematico e simultaneo di tali attività e di tali processi che rende l azienda in grado di sovra-performare. Nel pieno convincimento di quanto detto, riteniamo che l azienda debba organizzare la propria azione di governo e la propria attività gestionale risolvendo una serie di scelte decisionali di carattere e natura strategica, tra le quali possono trovare posto accanto ad azioni tipicamente competitive, economico-finanziarie, sociali, ecc. anche le decisioni di make or buy (Ricciardi, 2000; De Paolis, 2000; Culliton, 1942; Oxenfeldt, Watkins, 1956). Ossia le decisioni concernenti quali attività svolgere internamente e quali e- sternamente. Nei fatti, le aziende si trovano costantemente di fronte ad opzioni di make or

11 Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 11 buy qualunque sia l oggetto interessato, e tali scelte, che come detto rivestono in alcuni casi un valore perfino strategico, si fondano su di una complessità di variabili da valutare in modo sistematico. Tra queste assumono principale rilievo la necessità di presidiare le risorse distintive, evitare la diffusione di conoscenze strategicamente rilevanti, la complessità tecnica e il grado di specializzazione delle attività, il legame tra alcune attività e le attività considerate core. Per riuscire a individuare le risorse strategicamente rilevanti e per deliberare le modalità per la loro attivazione, valorizzazione e difesa sono stati sviluppati diversi modelli e strumenti. In gran parte, sono strumenti che collegano le tecniche di analisi e mappatura dei processi con i concetti tipici dell analisi strategica (Ostinelli, 1995; Ceppatelli, 2000). Nel tempo tali modelli e applicazioni si sono moltiplicati, diffusi e affinati. Ciò nonostante, tra i più noti, diffusi ed efficaci nell incrociare le attività compiute nella ricerca del vantaggio competitivo con il controllo delle risorse e delle competenze distintive, vi sono quelli che, in modo più o meno diretto, possono essere ricondotti alla catena del valore. Originariamente intuita da McKinsey e compiutamente elaborata e definita da Porter si sostanzia, nella sua versione generale, in una freccia caratterizzata in cinque attività primarie e quattro di supporto. Il modello generale, poi, potrà ma forse è più corretto dire dovrà essere personalizzato in relazione alle peculiarità dell azienda oggetto di analisi e in relazione alle esigenze di analisi. Spiega infatti lo stesso Porter che: Per diagnosticare il vantaggio competitivo è necessario definire la catena del valore propria di un impresa per competere in un particolare settore industriale. Cominciando dalla catena generica, bisogna identificare le specifiche attività generatrici di valore per quella particolare azienda. [ ]«dovrebbero essere isolate e separate le attività che hanno logiche economiche diverse, che possiedono un alto impatto o differenziazione potenziale, oppure che rappresentano una porzione di costo crescente o significativa. Nell uso della catena del valore vengono effettuate poi delle disaggregazioni più sottili per alcune attività [ ]; altre attività vengono combinate, in quanto governate da logiche economiche simili [ ] Il giusto grado di disaggregazione dipende dalle caratteristiche economiche delle attività e dagli scopi per cui viene analizzata la catena del valore» 4. La complessa e sistematica attività aziendale, pertanto, può essere utilmente 4 Porter, 1987: 56. Cfr. anche Miolo Vitali, 2000; Shank, Govindarajan, 1996; Bain Cuneo & Associati, 1992; Grant, 2003; Valdani, 2000.

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO http://www.sinedi.com ARTICOLO 63 LUGLIO/AGOSTO 2013 GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO La letteratura dedicata al controllo di gestione è estremamente ampia e si è sviluppata largamente

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 www.ibs.it www.bol.it Di Gianluigi Mangia estratto Negli ultimi decenni si è realizzato un profondo cambiamento

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Pietro Galbiati Buongiorno a tutti. 1 Il mio compito è quello di presentare in sintesi come stiamo affrontando il tema della esternalizzazione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

Performance management

Performance management Performance management Valutare i risultati e valorizzare le competenze Una forte leva di sviluppo organizzativo e di gestione dei grandi processi di cambiamento che caratterizzano molte aziende Nicola

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 2 1 L organo amministrativo o controller L are amministrativa è l area in cui si colloca l organo o ente oggi denominato

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo 1 Indice Obiettivi dell intervento Nota Metodologica Quadro dell attuale sistema

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety dott. Matteo Rossi Le istanze sociali e gli indirizzi strategici La gestione delle problematiche di safety incide sulla redditività

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni A. SVILUPPO STORICO: NORMA COMUNITARIA LA IV a DIRETTIVA 25/7/1978 N. 78/660 Art. 1 Art. 11 Art. 51 comma 1: Art. 51 comma 2: i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni in cosa consiste

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione I modelli organizzativi di prevenzione nelle cooperative e i nuovi reati del D.Lgs. 231/01 L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione Paolo Maestri Unilab Consulenze Aziendali 9 aprile

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI)

COMUNE DI RAVENNA GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI) COMUNE DI RAVENNA Il sistema di valutazione delle posizioni del personale dirigente GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI) Ravenna, Settembre 2004 SCHEMA DI SINTESI PER LA

Dettagli

L analisi dell integrazione verticale

L analisi dell integrazione verticale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO L analisi dell integrazione verticale ( CAP 13 GRANT ) A cura di: Luca Fraternali Indice Definizione di integrazione verticale Fattori da considerare per effettuare

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO ECM in Project Management: prospettiva per un governo integrato dei processi sanitari Azienda Ospedaliera San Filippo Neri IL CONTROLLO DI GESTIONE Relatore: Dott.ssa Silvia Cavalli Gli anni 90 sono

Dettagli

oltre l'adempimento Assicurazione interna della qualità: Conferenza di Ateneo sull'accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012

oltre l'adempimento Assicurazione interna della qualità: Conferenza di Ateneo sull'accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012 Assicurazione interna della qualità: Conferenza di Ateneo sull'accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012 oltre l'adempimento Serafina Pastore Qualche precisazione Diverse le modalità per strutturare

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO ALLE NORME DI RiFERIMENTO... 2 4.1 Referente per DNV GL...

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati Maggio 2014 Prime riflessioni sul recepimento degli Orientamenti EIOPA, attuativi della direttiva Solvency II: l IVASS modifica il Regolamento n. 20/2008 Silvia Colombo, Jenny.Avvocati L iter delle modifiche

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 5 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

CAPITOLO 5 Le Risorse e le Competenze come base della strategia

CAPITOLO 5 Le Risorse e le Competenze come base della strategia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA CAPITOLO 5 Le Risorse e le Competenze come base della strategia Robert M. Grant Presentazione di: Radi Davide SCOPO DEL CAPITOLO: Valutare

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione QUALITY ASSESSMENT REVIEW I KEY PERFORMANCE INDICATORS

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 05

Economia e gestione delle imprese - 05 Economia e gestione delle imprese - 05 Prima parte: la gestione delle operation Seconda parte: la gestione dei rischi e la protezione delle risorse aziendali Sommario: La gestione delle operation 1. Le

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Inquadramento concettuale - l esigenza di ricondurre gli interventi a un

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE AREA TEMATICA RETRIBUZIONE L'area tratta delle problematiche legate alla retribuzione: la retribuzione caratteristiche della retribuzione struttura e sistemi di retribuzione voci della retribuzione adempimento

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

CODICE ETICO. Premesse

CODICE ETICO. Premesse CODICE ETICO Premesse I. La Confederazione Generale Italiana delle Imprese, delle Attività Professionali e del Lavoro Autonomo, denominata in breve Confcommercio-Imprese per l Italia o anche Confederazione,

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DIPENDENTE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DIPENDENTE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 167 del 28.12.2011 INDICE 1. OBIETTIVI, PRINCIPI, CONTENUTI, RUOLI 1.1 Obiettivi... p.

Dettagli