COLLABORAZIONE INDUSTRIALE E OPPORTUNITA DI MERCATO NELLE REGIONI DELLA NUOVA EUROPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLABORAZIONE INDUSTRIALE E OPPORTUNITA DI MERCATO NELLE REGIONI DELLA NUOVA EUROPA"

Transcript

1 COLLABORAZIONE INDUSTRIALE E OPPORTUNITA DI MERCATO NELLE REGIONI DELLA NUOVA EUROPA Focus su Bulgaria, Lituania, Polonia, Romania, Slovacchia e Ungheria Con il contributo della Commissione Europea 2003 PHARE SMALL PROJECTS PROGRAMME

2 Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione Europea nel quadro del Programma Phare Small Projects 2003; i contenuti sono stati curati dalle Camere di Commercio partner e non possono essere considerati posizioni ufficiali della Commissione Europea È consentito l utilizzo, anche parziale, dei contenuti riportati, purché venga fatto riferimento alla fonte

3 INDICE Presentazione Pag. 5 Bulgaria Terra di opportunità A cura della Camera di Commercio e Industria di Vratsa (Vratsa, Bulgaria) Pag. 7 La Regione Nord-Occidentale della Bulgaria Distretto di Vratsa Comune di Vratsa Vendere nella Regione: accesso al Mercato Investire nella Regione (strumenti ed enti che sostengono progetti di investimenti) Camera di Commercio e Industria di Vratsa Panoramica generale e profilo Economico della Lituania A cura della Camera di Commercio Industria e Artigianato di Panevezys (Panevezys, Lithuania) Profilo economico della Regione Struttura industriale in base alla produzione venduta Vendere nel Paese: come penetrare il Mercato Investire nel Paese Camera di Commercio, Industria e Artigianato di Panevezys Polonia guida agli investimenti e agli strumenti finanziari di sostegno alle imprese A cura della Camera di Commercio e Industria Italo Polacca (Varsavia, Polonia) Quadro economico generale Settori Dati economici Investire in Polonia Supporto agli investimenti stranieri Canali distributivi in Polonia La Camera di Commercio e Industria Italo-Polacca Breve profilo economico della Regione (Voivodato) di Podlaskie A cura della Camera di Commercio e Industria di Bialystok (Bialystok, Polonia) Vendere nella regione: come entrare nel mercato Presentazione della Camera di Commercio e Industria di Bialistok Pag. 29 Pag. 41 Pag. 47 Pag. 69 Pag. 75 Pag. 95 Pag. 97 Pag. 101 Pag. 115 Pag. 141 Pag. 145 Pag. 147 Pag. 151 Pag. 169 Pag. 173 Pag. 179 Pag. 185 Pag. 191 Pag. 195 Pag. 203 Pag

4 Presentazione generale della Repubblica Slovacca A cura della Camera di Commercio Italo-Slovacca (Bratislava Repubblica Slovacca Investire in Slovacchia Vendere in Slovacchia Breve descrizione dell attività della Camera di Commercio Italo-Slovacca Romania. Profilo economico A cura della Camera di Commercio Italiana per la Romania (Bucarest Romania) Settori produttivi in Romania Investire in Romania Camera di Commercio Italiana per la Romania Romania Contea di Constanta. Breve profilo economico della Regione A cura della Camera di Commercio, Industria, Navigazione e Agricoltura di Constanta (Constanta Romania) Vendere nella Regione: come penetrare il mercato Investire nella Regione Camera di Commercio Industria, Trasporti marittimi e Agricoltura di Constanta Breve profilo economico della Contea di Braila A cura della Camera di Commercio Industria e Agricoltura di Braila (Braila-Romania) Presentazione generale della Camera di Commercio, Industria e Agricoltura di Braila Breve guida economica all Ungheria A cura della Camera di Commercio Italiana per l Ungheria (Budapest Ungheria) Elementi socio-demografici Quadro generale dell economia Consumi e distribuzione Aspetti normativi e legislativi Strumenti finanziari La CCIU Camera di Commercio Italiana per l Ungheria Profilo economico della Contea di Baranya A cura della Camera di Commercio e Industria di Pecs-Baranya (Pecs Ungheria) Le vendite nella Regione: come entrare nel Mercato Investire nella Regione Pag. 211 Pag. 223 Pag. 235 Pag. 241 Pag. 243 Pag. 257 Pag. 273 Pag. 301 Pag. 305 Pag. 317 Pag. 321 Pag. 337 Pag. 339 Pag. 343 Pag. 345 Pag. 347 Pag. 351 Pag. 361 Pag. 367 Pag. 371 Pag. 389 Pag. 393 Pag. 403 Pag

5 PRESENTAZIONE La Camera di Commercio di Treviso ha promosso la costituzione di una rete di relazioni con alcune Camere di Commercio dei nuovi Paesi membri dell Unione Europea e di Romania e Bulgaria, con la finalità di stabilire rapporti di cooperazione fra gli Enti camerali nell intento di individuare opportunità di sviluppo per le imprese dei sistemi produttivi rappresentati e di contribuire alla creazione di un reale mercato unico. L iniziativa è stata realizzata nell ambito del progetto Chambers of Commerce network for local development in the internal market, cofinanziato dalla Commissione Europea nel quadro del programma Phare Small Projects, che ha visto la partecipazione di organismi italiani ed esteri di prevalente matrice camerale, fra cui : l Unioncamere del Veneto, il Centro Estero delle Camere di Commercio del Veneto, l ACCOA - Associazione delle Camere di Commercio per l Europa Centrale e l Unione Regionale Economica Slovena. Le Camere di Commercio europee presenti nel partenariato sono le seguenti: - CAMERA DI COMMERCIO E INDUSTRIA DI VRATSA (Vratsa, Bulgaria) - CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA E ARTIGIANATO DI PANEVEZYS (Panevezys, Lithuania) - CAMERA DI COMMERCIO ITALO-POLACCA (Varsavia, Polonia) - CAMERA DI COMMERCIO E INDUSTRIA DI BIALYSTOK (Bialystok - Polonia) - CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, NAVIGAZIONE E AGRICOLTURA DI COSTANZA (Constanza Romania) - CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA E AGRICOLTURA DI BRAILA (Braila Romania) - CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA IN ROMANIA (Bucarest Romania) - CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SLOVACCA (Bratislava Repubblica Slovacca) - CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER L UNGHERIA (Budapest - Ungheria) - CAMERA DI COMMERCIO E INDUSTRIA DI PECS-BARANYA (Pecs Ungheria) Questa pubblicazione raccoglie i dossier informativi elaborati dalle Camere di Commercio partner presentati in occasione dei seminari organizzati a Treviso in due distinti focus/paese: il 20 giugno 2005 dedicato a Lituania, Polonia e Ungheria e il 7 luglio 2005 dedicato a Bulgaria, Romania e Slovacchia. I profili paese descrivono sinteticamente il contesto economico 5

6 generale delle regioni della Nuova Europa presenti nel partenariato, offrono una panoramica sui finanziamenti nazionali e comunitari che agevolano i progetti di investimento e forniscono indicazioni sui canali di distribuzione tipici per ogni mercato. I dossier informativi sono stati concepiti per dare una sintetica risposta alle domande che stanno alla base di un approccio ai Paesi di tipo commerciale o produttivo: come entrare nel mercato, quali sono le agevolazioni finanziarie nazionali, locali o dell Unione Europea - e fiscali a sostegno dei progetti di investimento. Tutti i profili qui pubblicati sono disponibili nella versione italiana e inglese - nel sito camerale dove è stata predisposta una pagina dedicata al progetto, accessibile anche dai siti web delle Camere di Commercio e degli altri organismi partner. Camera di Commercio Treviso 6

7 BULGARIA TERRA DI OPPORTUNITÀ Bulgaria: profilo Paese A cura della Camera di Commercio e Industria di Vratsa (Vratsa, Bulgaria) Bulgaria vantaggi competitivi Forza lavoro poliglotta, con competenze specializzate, ai prezzi più competitivi d Europa Scenario imprenditoriale e politico stabile e prevedibile L adesione all Unione Europea prevista per il 1 gennaio 2007 garantisce l accesso a mercati con oltre 500 milioni di consumatori I costi di gestione e le aliquote di imposta più bassi nell economia di mercato europea Scambi di beni industriali esenti da dazi tra Bulgaria e Unione Europea, EFTA (Associazione Europea per il Libero Scambio), CEFTA (Accordo Centro Europeo di Libero Scambio) e Turchia Clima, paesaggio, cibo e ospitalità eccellenti IRPEG ad aliquota fissa del 15% (aliquota prevista per il 2006: 12%) Esenzione IVA su importazioni di attrezzature per progetti di investimento superiori ai 5 milioni di Euro Tasso di ammortamento annuo del 30% su macchinari e attrezzature, del 50% su nuovi impianti per investimenti del tutto nuovi o di ulteriore sviluppo e del 50% su software e hardware Acquisizione di terreni e immobili attraverso società di diritto bulgaro interamente di proprietà straniera Servizi amministrativi continui attraverso agenzie ed enti specializzati 55 trattati per la prevenzione della doppia tassazione 52 accordi di tutela e promozione reciproca degli investimenti esteri Informazioni Generali (Novembre 2003, Fonte: Ministero dell Economia) Posizione: la Bulgaria si trova in Europa sud-orientale, tra Romania e Turchia. Ha uno sbocco nel Mar Nero Superficie: km 2 Paesi limitrofi: Grecia, Macedonia, Romania, Serbia e Montenegro, Turchia Particolarità geografiche: la Bulgaria si trova in posizione strategica rispetto agli stretti turchi e alle principali 7

8 Popolazione: Gruppi etnici: arterie viarie che collegano l Europa con il vicino Oriente e l Asia bulgari 83,6%, turchi 9,5%, rom 4,6%, altri 2,3% (tra cui macedoni, armeni, tartari) Religione: cristiani ortodossi 83,8%, musulmani 12,1%, Lingua ufficiale: Valuta: cristiani cattolici 1,7%, ebrei 0,1%, altri 2,3% bulgaro lev bulgaro (a tasso di cambio fisso rispetto all Euro) Governo stataleeuro/bgn: 1 Euro = 1,95583 Governo statale: democrazia parlamentare Capitale: Sofia Divisione amministrativa: 28 distretti Potere esecutivo: Presidente, Primo Ministro, Consiglio dei Ministri Potere legislativo: Parlamento monocamerale Economia: 75% privata. Paese a economia industriale/agricola, convertita in economia di mercato. Minerali reperibili: ferro, piombozinco, rame, uranio, minerali, carbone, marmo ecc. Principali settori industriali: metallurgia ferrosa e non ferrosa, costruzione macchinari, settore chimico, raffinazione petrolifera, cemento, calzaturiero, tessile, falegnameria, settore alimentare e bevande. I terreni coltivabili occupano circa il 45 % del territorio nazionale. Colture principali: frumento, mais, orzo, girasoli, tabacco, barbabietola da zucchero, vigneti, frutta e verdura. Nel paese da sempre si coltivano roseti che producono olio (la produzione di olio di rosa è di circa 1 tonnellata l anno), lavanda, menta. Allevamento: allevamento specializzato di bovini, suini, ovini, pollame. Data di adesione all UE: 2007 PIL: EUR 16 miliardi crescita PIL: 4,8% Inflazione: 3,8% Accordi di libero scambio: UE, EFTA, CEFTA, Macedonia, Turchia, Israele 8

9 Panoramica generale: fatti e cifre chiave sul paese (Fonte: Ministero dell Economia, NSI) Economia excursus Nel 1991 la Bulgaria ha scelto la strada di una riforma economica rapida e radicale, cominciata con la firma del primo programma della Bulgaria in collaborazione con il Fondo Monetario Internazionale (FMI). Gli obiettivi principali di questo programma erano di mettere un freno all inflazione, rallentare il declino dell economia, raggiungere una certa stabilità della valuta nazionale e promuovere una crescita annuale rapida del settore privato. La stabilizzazione macroeconomica e il mutamento strutturale sono stati elementi chiave della riforma economica. La forte svalutazione della valuta nazionale nel 1997 ha rappresentato la causa principale dell alta inflazione durante tutto l anno. I prezzi netti in aumento di carburante ed elettricità hanno raggiunto e superato i livelli internazionali, determinando un alto livello di inflazione a fine anno. Nello stesso anno è stato nominato un currency board che ha messo in atto una serie di misure rigide e radicalmente nuove relative alla riforma. Il tasso di cambio lev bulgaro/marco tedesco si è stabilizzato a 1000 BGL/1 DEM. La politica del currency board si è tradotta in una notevole diminuzione dell inflazione, maggiore credibilità della valuta nazionale e un minore tasso di interesse. Tutti questi fattori hanno fatto ridurre i pagamenti degli interessi sul debito pubblico e la quota di debiti a breve termine contratti per sanare il disavanzo di bilancio. Ripresa della crescita ( ) Nel periodo la Bulgaria ha riportato parametri economici senza uguali rispetto agli anni precedenti: raggiungimento della stabilità macroeconomica, ripresa della crescita e riduzione dell inflazione a cifre molto basse, e tutto questo è stato reso possibile dalla combinazione della forte volontà politica del Governo e dell appoggio esterno degli istituti finanziari internazionali (EBRD, Banca Mondiale ecc.). Gli accordi quadro per liberalizzare il commercio estero tra Bulgaria e paesi UE, EFTA e CEFTA, Turchia e Macedonia hanno permesso ai produttori nazionali di accedere ad un mercato di oltre 550 milioni di consumatori. L invito ad avviare i negoziati di adesione all UE nel dicembre 1999 e l effettivo avvio degli stessi nel marzo 2000 hanno rappresentato un importante riconoscimento internazionale dei cambiamenti politici ed economici in Bulgaria. La ripresa dell economia è iniziata nel Tutti i prezzi, ad eccezione di quelli relativi agli impianti di riscaldamento industriale centralizzato e di consumo energetico domestico, sono stati liberalizzati. La Bulgaria ha raggiunto un indubbia stabilità finanziaria, con una crescita reale del PIL del 3,5% e un inflazione a fine anno dell 1%. 9

10 Sono stati compiuti importanti passi avanti nel settore della privatizzazione, delle riforme del settore bancario, della liberalizzazione in ambito agricolo. La prudente politica fiscale ha permesso di ridurre il disavanzo di bilancio della pubblica amministrazione allo 0,9% del PIL, ed è stata adottata una rigida politica dei redditi per le imprese statali. Le riforme strutturali sono continuate su vari fronti. L accelerazione del processo di privatizzazione ha fatto registrare il più alto livello di vendite dei beni dello stato nella storia della Bulgaria. Il totale effetto finanziario degli sforzi sostenuti dagli organi di privatizzazione per il periodo giugno ottobre 2000 si è attestato sulla cifra di USD 4,4 miliardi, comprensiva di pagamenti previsti da contratto, obblighi pagati e soddisfatti e investimenti appaltati. Le politiche commerciali e di determinazione dei prezzi nel settore dell agricoltura sono state interamente liberalizzate con conseguente eliminazione del controllo statale sui prezzi dei prodotti agricoli e alimentari. È stato introdotto un sistema di note di deposito autorizzate per offrire al mercato cerealicolo l opportunità di un ulteriore sviluppo. Nel settore dell energia sono state suddivise le attività di generazione, trasmissione e distribuzione elettrica al fine di eliminare il monopolio della Società Elettrica Nazionale. Sono state costituite sette società di distribuzione regionali, nonché la Centrale Nucleare di Kozloduy e altrettante importanti società di generazione elettrica. Sono stati intrapresi dei passi importanti per mobilizzare il mercato degli investimenti. Il Gabinetto si è concentrato sulla promozione dello sviluppo del settore privato e sono state adottate misure per eliminare le trafile burocratiche d ostacolo ad imprenditoria, attività e commercio, causate dai numerosi uffici che richiedevano permessi, autorizzazioni, registrazioni e consultazioni prima dell approvazione. Nel giugno 2000 un totale di 93 uffici autorizzanti era stato eliminato o era in fase di eliminazione. La privatizzazione ha raggiunto la fase finale quando alla fine del 2000 il 51% degli attivi a lungo termine delle imprese statali è stato trasferito a privati. La privatizzazione del settore bancario è ora completata. Circa il 99% del terreno agricolo è stato restituito ai precedenti proprietari. Il valore cumulativo di tutti gli investimenti diretti esteri in Bulgaria ha raggiunto USD 3,929 miliardi nel Circa l 80,5% di tali investimenti è stato creato nel periodo Nel 2000 l importo degli investimenti diretti esteri è stato di USD 1,1 miliardo: + USD 294 milioni rispetto al Per il terzo anno consecutivo gli IDE derivanti da investimenti in società greenfield (di recente costituzione, non ancora quotate in Borsa, con azioni ad elevato rendimento ma a rischio), joint venture, reinvestimenti e investimenti aggiuntivi in imprese già acquisite hanno superato gli IDE derivanti dalla privatizzazione, la principale fonte di investimento nel Gli investitori principali sono Grecia, Austria, Paesi Bassi, Germania, Italia. Tra gli altri 10

11 importanti investitori si annoverano USA, Russia, Cipro, Belgio e Regno Unito. Nel 2001 l Unione Europea è stata la fonte principale di investimenti diretti esteri in Bulgaria, con circa il 63,5% del valore totale dell IDE (cifra ora aumentata). La distribuzione degli IDE per settore mostra il ruolo preponderante dell industria (50,1%), seguita da finanza (19,5%), commercio (16,1%), turismo (4,2%), infrastrutture ed edilizia (4,8%). Oltre all effetto positivo dell introduzione di gestioni, tecnologie e prodotti moderni, gli investimenti IDE in società greenfield hanno creato circa nuovi posti di lavoro e hanno cambiato radicalmente il settore alimentare e delle bevande, quello del cemento, la metallurgia non ferrosa, il commercio all ingrosso e il settore bancario. Settori Panoramica dei settori La struttura del valore aggiunto lordo (simile al PIL) per settore economico è la seguente: industria (ivi compresi il settore minerario, manifatturiero, elettrico, gas e idrico, edile): 27,8%, agricoltura: 14,5%, servizi (ivi compresi commercio, attività di riparazione, trasporti, comunicazioni, intermediazione finanziaria: 57,7%. Il settore industriale (100%) si suddivide come segue: minerario: 5,4, alimentare, bevande e tabacco: 18,4, tessile, pelletteria e abbigliamento: 6,2, prodotti in legno: 1,2, prodotti in carta scadente e in carta ordinaria, editoria: 3,3, chimica, prodotti chimici, fibre, gomma e prodotti in plastica: 9,1, metalli di base ad eccezione dei metalli fusi: 10,1, prodotti, macchinari e attrezzature di metallo, metalli fusi: 7,8, attrezzature elettriche e ottiche: 3,4, mezzi di trasporto: 1,3, elettricità, gas e approvvigionamento idrico: 14,6, prodotti minerali non metallici: 3,3, altro: 5,2 (totale 100%) Agricoltura La Bulgaria gode di ottime condizioni naturali per lo sviluppo dell agricoltura. I terreni agricoli impiegati a coltura occupano circa 4,9 milioni di ettari o il 44% del territorio totale del paese. Il clima favorevole, il suolo e la lunga tradizione agricola hanno favorito uno sviluppo relativamente positivo dell agricoltura e dell allevamento. Tra le colture principali vi sono pomodori, peperoni, tabacco, uva, frumento, mais, fagioli, patate, girasoli, pesche, albicocche, mele, meloni, noci ecc. È radicata la tradizione di allevamento di ovini, suini, bovini, pollame nonché l apicoltura. La Bulgaria occupa una posizione di rilievo nell esportazione di uva, tabacco orientale, pomodori, albicocche. 11

12 Settore chimico Il settore chimico è uno di quelli ben sviluppati dell industria bulgara con il 20% della produzione industriale totale. Questo settore occupa una buona posizione nei principali mercati di esportazione della Bulgaria e fornisce al mercato interno ed estero prodotti semi-lavorati e finiti. I principali prodotti sono: agenti chimici organici e inorganici, fertilizzanti, carbonato di sodio, plastica, PVC, fibre in poliammide e poliestere, diversi tipi di vernice, sostanze sintetiche, prodotti farmaceutici, profumeria e cosmetici, greggio e carburante ecc. Settore tessile Il settore tessile è uno dei più antichi dell industria bulgara. Attualmente comprende oltre imprese che riguardano tessile, maglieria e abbigliamento con circa il 5,3% della produzione industriale totale e il 17% delle esportazioni. I prodotti principali sono: filati, seta, lana, cotone e tessuti sintetici, tessuti a maglia, tappeti, abbigliamento ecc. Negli anni recenti il settore tessile e dell abbigliamento è diventato uno dei più competitivi della Bulgaria grazie a notevoli investimenti, possibilità di esportazione e di occupazione (oltre posti di lavoro). La quota di esportazione del settore tessile e dell abbigliamento è passata al 25% nel Gli investimenti IDE congiunti nel settore tessile e dell abbigliamento ammontavano a US$178,9 milioni nel periodo I principali investitori esteri nella produzione di abbigliamento in tessuto sono società italiane ( Gruppo Miroglio, Safil ), turche ( Maser Holding, Menderes ), francesi ( Dewavrin Group ), greche e tedesche ( Alt Group ). Le società greche ( Pangaea, Kosmos Textile, Unitex ecc.) sono predominanti nella produzione di abbigliamento a maglia. Anche Coats (Regno Unito) ha investito in Bulgaria. I motivi che rendono la Bulgaria un polo di investimento sono: prodotti di alta qualità, forza lavoro e costi di gestione competitivi, settori ben sviluppati, vicinanza ai consumatori, libera circolazione di merci e capitali, stabilità politica. Nel 2002 la Bulgaria ha esportato principalmente in Grecia, Germania, USA, Francia e Italia, e ha importato da Italia, Grecia, Francia e Germania. La maggior parte delle importazioni di materie prime per il settore tessile è impiegata nella produzione di abbigliamento e riesportata come capi finiti. Molte nuove società con nuovi macchinari provenienti principalmente dalla Germania e dal Giappone hanno razionalizzato i processi di produzione ed è nato il marketing moderno, creato da imprenditori moderni. La maggior parte delle società bulgare produttrici di abbigliamento ha in dotazione macchinari per tutte le fasi di produzione, ivi compresi creazione di modelli, taglio, impuntura e pressatura. La maggior parte trova il proprio posizionamento nel 12

13 settore della produzione a basso valore aggiunto a causa della specializzazione nell attività di taglio-confezione-finitura (CMT). Alcune stanno sviluppando linee di produzione complete, ma solo poche hanno inserito con successo i propri marchi di moda nei mercati internazionali. I principali prodotti per l esportazione sono: abbigliamento in tessuto donna e uomo sportivo e per il tempo libero. Il 90% delle esportazioni è destinato all Unione Europea. Metallurgia La metallurgia ferrosa e non ferrosa è alla base del settore della costruzione di macchinari, dell edilizia e di altri settori dell economia bulgara. Nel 2000 la produzione metallurgica rappresentava il 10% della produzione industriale totale. La relativa quota nelle esportazioni totali per il 2000 era di circa il 18%. Ingegneria meccanica Macchinari di precisione e ingegneria meccanica. Nel 2002 la produzione di macchinari e la metallurgia ammontavano a oltre il 7% della produzione industriale totale della Bulgaria. Entro il 2003 oltre metà delle società bulgare produttrici di macchinari aveva introdotto sistemi certificati di assicurazione della qualità in conformità a ISO 9000 e alcune avevano già implementato sistemi di gestione ambientale ISO La Bulgaria esporta la maggior parte delle sue macchine e componenti nei paesi dell Unione Europea sia per l assemblaggio di OEM (Original Equipment Manufacture) sia per i consumatori finali. La maggior parte dei prodotti porta il marchio CE. I produttori bulgari di macchinari e metalli sono famosi per la produzione di: prodotti metallici, ivi compresi cisterne, serbatoi, caldaie a vapore, prodotti da pressa per forgiare e da metallurgia delle polveri, impianti, utensili da cucina e da lavoro, infissi macchine utensili, ivi compresi prodotti idraulici e pneumatici, armi e munizioni, macchine automatizzate, macchine utensili specializzate per il settore automobilistico, sistemi di stoccaggio, muletti, sollevatori elettrici, elettrodomestici, macchinari per la fresatura del metallo e per la lavorazione del legno, macchine agricole, macchine specializzate per il settore alimentare, vinicolo e del tabacco automobili, articolati, semi-articolati, ricambi e accessori veicoli per il trasporto, ivi compresi navi, macchinari e attrezzature per cantieri navali, carrozze ferroviarie, motociclette, biciclette. Le tecnologie di produzione impiegate nel settore delle macchine utensili e della metallurgia variano dal laser di nuova generazione per la fresatura del 13

14 metallo alla lavorazione dei metalli a freddo e a caldo, alla saldatura, la pressofusione (di metalli non ferrosi) in contropressione, il trattamento termico e il trattamento termico chimico dei metalli in atmosfera controllata, alla tradizionale fresatura del metallo a gas. Ingegneria elettrica ed elettronica Ingegneria elettrica ed elettronica sono settori strategici e prioritari per i programmi di sviluppo a lungo termine. La produzione di questi settori nel 2000 ammontava al 3,4% della produzione industriale totale. Il settore dell ingegneria elettrica e dell elettronica riunisce il potenziale di oltre 200 imprese, specializzate in diverse aree come l ingegneria elettrica (motori elettrici, trasformatori, batterie, cavi ecc.), informatica e macchine per l ufficio, elettronica, tecnica delle comunicazioni radio e attrezzature per la comunicazione, elettrodomestici. ICT La Bulgaria emerge come centro preferenziale di conoscenze e competenze per lo sviluppo di prodotti innovativi ICT, integrazione dei sistemi, progetti ed esternalizzazione. Software. Quanto si è fatto finora in Bulgaria continua ad attrarre investimenti dai giganti del settore con marchi conosciuti che cercano basi dove creare società greenfield con annessi centri per lo sviluppo di software e fabbriche nonché da importanti società di nicchia e boutique. La Bulgaria è diventata una base creativa per la tecnologia, scelta da investitori che cercano una combinazione di esperienza tecnica, innovazione, competenze linguistiche universali e capacità di portare avanti i progetti dalla A alla Z per uno sviluppo competitivo. In teoria tutti i professionisti bulgari del settore ICT hanno un ottima padronanza di almeno una seconda lingua europea. Tra gli attuali punti di forza vi sono specializzazioni software come: sviluppo di software personalizzato, sviluppo di soluzioni e applicativi Internet, sviluppo multimedia, sviluppo di applicativi wireless, sviluppo di soluzioni di sicurezza, sviluppo di software didattico, assicurazione qualità, software per sistemi informatici, software di rete e web design, software CAD/CAM/CAE, software di sviluppo di telecomunicazioni e wireless, software applicativo e firmware. Hardware. Montaggio di computer e sistemi, progettazione di circuiti stampati digitali e analogici, produzione di PCB, ingegneria mista analogica. Microelettronica. Progettazione ASIC, attività microelettroniche di frontend e back-end. Sistemi di automazione per l industria. 14

15 Turismo, Ospitalità e Ristorazione Il turismo è uno dei settori chiave in Bulgaria grazie alla natura e al clima del paese. La Bulgaria offre diverse forme di turismo tra cui il turismo del benessere, caccia e pesca, turismo nautico e crociere, turismo congressuale ecc. L abbondanza di sorgenti di acqua minerale nel paese e di luoghi di villeggiatura nei pressi di mare e montagna crea delle condizioni eccellenti per lo sviluppo del turismo termale. I meravigliosi monumenti storici e culturali, compresi quelli risalenti alle epoche di dominazione di Tracia e Roma, il folclore, le abitudini, la cucina e le bevande nazionali sono una delle principali attrazioni per i turisti stranieri. I luoghi di villeggiatura offrono ottime condizioni a prezzi molto competitivi. Nel 2003 gli arrivi di turisti sono aumentati di oltre il 18% rispetto al 2002, raggiungendo quota 3,5 milioni. Gli arrivi di turisti greci sono aumentati di circa il 40% rispetto all anno precedente e quelli di turisti dal Regno Unito di oltre il 43%. Per il 2005, la Bulgaria prevede l arrivo di oltre 4,4 milioni di visitatori e un relativo introito di $2 miliardi. Settore automobilistico (alcuni fatti): 1. Le società bulgare del settore elettronico lavorano esclusivamente per grossi produttori stranieri di automobili. EPIQ Electronic Assembly, Botevgrad, controllata al 100% dal gruppo belga EPIQ, produce circuiti stampati e moduli elettronici per Delphi e Valeo da installare su Opel, Ford, Peugeot e Citroen, sensori per la misurazione della temperatura dei gas di scarico per SAAB, FIAT, BMW e Mac, sistemi di sensori a infrarossi per il controllo della temperatura nell abitacolo. 2. Vasta esperienza nella produzione di fasci di conduttori per automobili: le società bulgare forniscono parti dei conduttori per DaimlerChrysler, VW Golf, Passat, Audi A4 e altri modelli VW, e conduttori per Valeo da installare su Peugeot, Citroen e FIAT 3. Tradizioni radicate nella produzione di strutture fuse in metallo, batterie e filtri per automobili. 4. Successi nel settore R&S: il concetto del cambio della Mercedes classe C di ultima generazione, importante tecnologia per la produzione di corone di ruota in alluminio attraverso pressofusione in contropressione e del sistema di visione notturna a infrarossi simile al Night Vision montato sulla 2000 DeVilleone di GM Cadillac. Altri settori industriali Alcuni degli altri settori industriali con una base ben sviluppata di produzione sono: il settore della costruzione di materiali, il settore della produzione di carta scadente e carta ordinaria, il settore della produzione di pelle, pellicce e 15

16 calzature, il settore del vetro e porcellana, il settore della lavorazione del legno ecc. Infrastrutture Trasporti La vantaggiosa posizione geografica della Bulgaria determina la particolare importanza dello sviluppo dei trasporti. Le autostrade e le linee ferroviarie si collegano alle arterie viarie europee, in particolar modo all autostrada E80, e rappresentano il passaggio terrestre più diretto tra l Europa Occidentale, la Turchia e il Medioriente. Lo sviluppo delle infrastrutture si concentra su diversi progetti: European Crete Transport Corridors No. IV, VII, VIII, IX, X (per un totale di USD 4.068,4 milioni). Sono stati lanciati i progetti di investimento per la modernizzazione degli aeroporti di Sofia e Bourgas. La costruzione di un secondo ponte sul Danubio tra Vidin e Kalafat (Romania) aumenterà significativamente la capacità di traffico sopraelevato. Altri progetti prevedono la ristrutturazione delle Ferrovie Statali BDZ, la riabilitazione della rete stradale nazionale, l Autostrada Transeuropea e un corridoio anulare per i trasporti attorno alla costa del Mar Nero. Telecomunicazioni e tecnologie informatiche 1 Si tratta di uno dei settori più impegnativi per gli investitori stranieri. Grazie alla sua posizione strategica sui Balcani, la Bulgaria serve da crocevia per il traffico delle telecomunicazioni dall Europa al Medioriente e anche verso le parti meridionali della CSI (Confederazione degli Stati Indipendenti) e dell Asia. I principi essenziali della politica rivolta a questo settore sono: demonopolizzazione, liberalizzazione, concorrenza e creazione di condizioni favorevoli per un afflusso di investimenti stranieri. Nel 2000 oltre 700 operatori hanno fornito servizi radio e TV (anche attraverso reti via cavo), avvisi di chiamata, servizi di mobile voice, trasmissione dati (ivi compreso Internet), trasmissioni satellitari ecc. La società di telecomunicazioni bulgara (Bulgarian Telecommunications Company - BTC), una volta monopolio statale, è ora privatizzata. In conformità alla strategia di investimenti di BTC, è stata creata una rete digitale a cui molte importanti città bulgare sono già state connesse. 1 Le informazioni qui presenti sono tratte dalle ricerche condotte da UNDP e dal Centro per lo Studio della Democrazia 16

17 Sono attualmente operativi due operatori GSM ( Mobiltel PLC, Cosmo Bulgaria Mobile PLC ), e si prevede l avvio dell attività di un terzo nei prossimi mesi. Il governo bulgaro ha adottato una Strategia per la Società dell Informazione al fine di attirare l attenzione sull utilizzo dell ICT in tutte le aree dell economia. Una delle priorità di questa strategia è garantire pari accesso a servizi informatici e di telecomunicazione moderni, efficienti e di alta qualità, comprese le opportunità di acquisire competenze adatte. Indicatori economici di base (Fonte: Istituto Nazionale di Statistica, Ministero dell Economia) PIL 2004 (E) Prezzi attuali: milioni BGN Tasso di crescita: 5,6 Valore aggiunto lordo: Tasso di crescita: 5,4 per settori agricolo: industriale: terzo: milioni BGN (10,9% di GAV valore aggiunto) milioni BGN (30,0% di GAV) milioni BGN (59,1% di GAV) per forma di proprietà settore privato: milioni BGN (77% di GAV) settore pubblico: milioni BGN (23% di GAV) PIL pro capite: potere d acquisto per settore - $ (2003 est) - NSI PIL (BGN miliardi) Crescita reale PIL (%) Inflazione annua (fine anno, %) Disavanzo di bilancio (%PIL) E 14,43 17,4 22,42 23,79 26,75 29,62 32,32 35,00 3-9,4-5,6 4,0 2,3 5,4 4,0 4,8 4,8 311,6 547, 7 1,6 7,0 11,3 4,8 3,8 4,0-10,4-3,0 1,0-0,9-0,1-0,9-0,7-0,7 17

18 Debito estero (% PIL) Bilancia dei pagamenti (USD m) Partite correnti (USD m) Partite correnti (% PIL) Bilancia commerciale (USD m) Esportazioni (USD m) Importazioni (USD m) Investimenti IDE (USD m) ,0 100,4 85,5 84,2 88,9 78,3 70, ,7 10,1-0,5-5,0-5,6-6,2-4, Tasso di inflazione Indice Inflazione mensile /base mese precedente / Inflazione maturata /base dicembre 1,0 6,2 11,3 4,8 3,8 5,6 4,0 mese precedente / Inflazione annua media 18,7 2,6 10,3 7,4 5,8 2,3 6,1 Situazione attuale: nell aprile 2005 l inflazione basata sul mese precedente era dell 1,1% e l inflazione maturata era del 3,0%. Importazione/Esportazione: merci importate ed esportate, principali paesi clienti e paesi fornitori Per l anno 2003 le esportazioni totali franco a bordo ammontavano a 7.444,8 milioni USD, mentre le esportazioni franco a bordo hanno raggiunto ,8 milioni di USD, e le importazioni costo, assicurazione, nolo ,6 mln USD. La bilancia esportazioni-importazioni franco a bordo è negativa: ,0 milioni USD Per gruppi di paesi le cifre sono le seguenti: PECO: le esportazioni nel 2003 sono state pari a 946,2 milioni USD (aumento del 37,3% rispetto ai 689,2 milioni USD nel 2002), e le importazioni sono state pari a 961,2 milioni USD nel 2003 (639,5 milioni USD nel 2002, aumento del 50,3%). I paesi principali di questo gruppo verso cui la Bulgaria ha esportato sono stati la Repubblica Ceca, l Ungheria, la Polonia, la Jugoslavia, la Romania, 18

19 l Albania, la Macedonia, mentre i principali importatori sono stati la Repubblica Ceca, l Ungheria, la Polonia, la Romania, la Slovenia, la Slovacchia. Nuovi Stati Indipendenti: esportazioni per il 2003: 264,5 milioni USD (aumento del 10,8% rispetto al 2002), importazioni 1.987,3 milioni USD (aumento del 36,8% rispetto al 2002). USA: esportazioni 2002: 270,5 milioni USD, esportazioni 2003: 330,5 milioni USD (aumento del 22,2%), importazioni 2002: 172,2 milioni USD, 2003: 273,3 milioni USD (aumento del 58,7%). UE: i paesi dell Unione Europea si spartiscono la quota principale del commercio estero bulgaro. Le cifre per esportazioni e importazioni nel 2003 erano pari rispettivamente a 4.211,8 milioni USD e 5.335,8 milioni USD. Rispetto al 2002 le esportazioni sono aumentate del 33,0% e le importazioni del 34,5%. Vale la pena sottolineare che, secondo le cifre riportate, il partner più importante per le società bulgare è l Italia con le seguenti statistiche: esportazioni 2002: 874,9 milioni USD, esportazioni 2003: 1.041,8 milioni USD (aumento del 19,1%), importazioni 2002: 893,9 milioni USD, importazioni 2003: 1.100,7 milioni USD (aumento del 23,1%). Seguono Germania, Grecia, Francia, Belgio, Spagna. Tra i paesi del resto del mondo, i partner principali sono: Cina, Brasile, Taiwan, Egitto. Esportazioni e importazioni per prodotti per il 2002 e il 2003 milioni USD Gruppi di prodotti Esportazioni - FOB Importazioni - CIF /2002 % /2002 % TOTALE 5.692, ,8 130, , ,6 136,1 Alimentari e animali 475,0 vivi 495,8 104,4 356,6 471,7 132,3 Bevande e tabacco 132,1 154,5 117,0 48,4 45,6 94,2 Materie prime non alimentari, escluso 340,0 467,5 137,5 356,5 594,5 166,8 carburante Carburanti minerali, 559,7 lubrificanti e simili 622,9 111, , ,4 121,0 Oli animali e 16,4 vegetali, grassi, cera 13,5 82,3 48,2 44,0 91,3 Prodotti chimici, non 526,6 classificati altrove 671,1 127,4 810, ,9 132,2 Prodotti lavorati , ,3 142, , ,8 139,9 Macchinari, attrezzature, mezzi di 708,2 970,5 137, , ,5 141,7 trasporto Vari prodotti pronti 1.553, ,9 per l uso 137,8 781, ,4 138,8 Altri prodotti e 95,7 operazioni 71,8 75,0 154,5 215,8 139,7 19

20 Dati demografici Popolazione: Percentuali per età: Coefficiente di nascita: Gruppi etnici: (anno 2004), : uomini, : donne di età inferiore a quella della popolazione attiva: 15,1% popolazione attiva: 61,6% di età superiore a quella della popolazione attiva: 23,3% 9 bulgari 83%, turchi 8,5%, rom 2,6%, macedoni, armeni, tartari, gagauzi, circassi, altri (1998) Religioni: bulgari ortodossi 83,5%, mussulmani 13%, cattolici romani 1,5%, cattolici uniati 0,2%, ebrei 0,8%, protestanti, gregoriani-armeni, e altri 1% (1998) Lingue: Alfabetizzazione: Centri principali: urbani bulgaro, le lingue secondarie corrispondono per lo più ai gruppi etnici (popolazione di 15 anni e oltre che sa leggere e scrivere); totale: 98%, uomini: 99%, donne: 98% (1999) Sofia (capitale), Plovdiv, Varna, Bourgas, Rousse, Vratsa, Pleven, Stara Zagora, Blagoevgrad, Dobrich, Montana, Shumen La durata di vita media per il periodo era di 72,37 anni (per le donne è più alta). La popolazione attiva verso la fine del 2004 era composta di circa persone, pari al 61,6% dell intera popolazione, un aumento di persone rispetto all anno precedente. Anche la popolazione di età inferiore a quella attiva è in aumento. Per il 2004 rappresentava il 15,1% dell intera popolazione. Forza lavoro (dati per il 2004) Numero totale della forza lavoro: ; uomini: ; donne: Occupati: ; uomini: ; donne: Tasso di disoccupazione: totale 12,0, uomini: 12,5; donne: 11,5 Nelle cittadine e nelle città il tasso di disoccupazione è al di sotto della media (11,2), mentre nelle regioni rurali è più elevato (14,6). Rispetto al 2003 il tasso di disoccupazione nel paese è sceso dell 1,7% (tasso di disoccupazione 20

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese La presente pubblicazione è stata elaborata nell ambito del progetto Facility for SMEs and Capacity Building (cod. 30), finanziato dall Unione Europea

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli