ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo"

Transcript

1 Definizione e scopo della topografia Nel suo significato etimologico, topografia vuoi dire descrizione dei luoghi. La topografia è, infatti, quella scienza che ha per scopo lo studio, la descrizione e la rappresentazione del terreno. Più precisamente possiamo dire che la topografia studia il terreno nelle sue forme, dimensioni e caratteristiche, lo descrive e quindi lo rappresenta in vari modi: carte geografiche, carte topografiche, plastici ecc. La dimensione della terra studiata fin dall antichità portò il filosofo Erastotene 2000 anni fa a determinare la lunghezza del raggio terrestre attraverso la misura dell ombra di una pertica e la misura della distanza tra due città, ottenendo un valore di km, molto prossimo a quello determinato oggi: km. Successivamente si determinò che la terra non era sferica ma avesse la forma di uno sferoide, secondo Newton di un elissoide. Oggi tenendo conto della differenza della distribuzione delle masse la superficie viene indicata con una forma matematicamente complessa che prende il nome di Geoide. Questa superficie teorica corrisponde a quella che avrebbe se gli oceani si potessero estendere sotto i continenti con il livello dell acqua in quiete. Nella pratica ritorniamo a considerare la superficie come un elissoide per le valutazioni geodetiche ed una sfera locale per le determinazioni in zone limitate ed addirittura in piano per misure inferiori ai 20 Km. Mappa dell arcidiacono Riperti 1757 ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 6

2 Reticolato geografico, coordinate geografiche I due punti diametralmente opposti del geoide e li chiamiamo Polo nord e Polo sud e il diametro che li congiunge l asse terrestre. I piani che passano attraverso l asse terrestre sono chiamati piani meridiani e generano sulla superficie degli archi che chiameremo con lo stesso nome meridiani; i piani perpendicolari all asse terrestre, paralleli tra loro, generano sulla superficie dei cerchi paralleli tra di loro che chiameremo paralleli. La longitudine (ω ο λ) di un punto è l arco di parallelo compreso tra il meridiano che comprende il punto e un meridiano preso come origine di riferimento Per convenzione internazionale il meridiano di origine è il meridiano di Greenwich (sobborgo vicino a Londra ove ha sede un osservatorio astronomico). Nelle misure internazionali la longitudine si misura per 180 a est e per 180 a ovest dal meridiano di riferimento di Greenwich La cartografia italiana tuttavia utilizza un meridiano locale di riferimento ed è quello di Monte Mario vicino a Roma; si trova a ad est dal meridiano di Greenwich. La latitudine (φ) di un punto è l arco di meridiano compreso tra il parallelo che comprende il punto e il parallelo preso come origine di riferimento che è l equatore, il cerchio parallelo con il massimo raggio. La latitudine è quindi compresa tra 0 e 90 nord (emisfero boreale) e da 0 e 90 (emisfero australe) sud. Qualunque punto del globo è unicamente definito da un valore di Latitudine e un valore di Longitudine. Rappresentazione cartografica della superficie terrestre. Il problema della cartografia è quello di rappresentare sul piano ad una scala opportuna, un sistema di paralleli e meridiani sui quali sia possibile riportare i disegni topografici. In realtà non è possibile riportare sul piano una superficie curva come la sfera senza alterare le forme e i rapporti tra le dimensioni; avremo sempre delle deformazioni che si cercherà di ridurre. Nel trasportare sul piano della carte le condizioni del terreno non è possibile mantenere contemporaneamente inalterate: ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 7

3 - le distanze, - le aree, - gli angoli. A seconda delle esigenze produrremo delle rappresentazioni cartografiche: equidistanti, quando le distanze sulla carta corrispondono esattamente a quelle del terreno, equivalenti, quando le superfici riportate sulla carta corrispondono esattamente a quelle misurate sul terreno, conformi, quando gli angoli misurati sulla carta corrispondono esattamente a quelli misurati sul terreno, afilattiche quando sono alterati distanze, superfici, angoli, per conciliare le diverse esigenze. I mezzi che usa il cartografo per rappresentare in scala la superficie terrestre possono essere - basati su leggi geometriche, che danno origine alle proiezioni prospettiche e di sviluppo; - basati su sull impostazione matematica che danno origine a presentazioni analitiche. Distanza reale, naturale e grafica. Il topografo per rappresentare graficamente il terreno sulla carta deve per forza alterare le dimensioni reali secondo un rapporto di riduzione chiamato scala. Considerando due punti qualsiasi del terreno, A e B, possiamo individuare le distanze come: distanza effettiva: la distanza che sarebbe misurata percorrendo punto per punto la linea che individua la sezione del territorio; distanza reale: (indicata nel grafico come Dr) è la lunghezza del segmento A- B; distanza naturale: (indicata nel grafico come a-b ) è la proiezione sul piano cartografico della distanza reale Dr; distanza grafica: è la distanza naturale ridotta secondo la scala grafica ( es 1: come dire che 1 cm = cm = 250 m) L altezza del punto B, riferita alla quota del punto A rappresentata dal segmento B-C (h) si riposta in cartografia attraverso l altimetria. ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 8

4 Scala La scala esprime il rapporto tra una distanza misurata sulla carta e la distanza misurata sul terreno ed è espresso come 1 : , 1 : , 1 : , 1 : 50000, 1 : 25000, 1 : che corrisponde alla carta al ecc. Nelle varie scale il rapporto sta ad indicare: lunghezza misurata sulla carta Scala 1: Scala 1: Scala 1: Scala 1: ,2 mm 2 m 5 m 10 m 20 m 1 mm 10 m 25 m 50 m 100 m 1 cm 100 m 250 m 500 m 1 km 10 cm 1 km 2,5 km 5 km 10 km Abitualmente sulla cartografia è riportato il rapporto della scala insieme alla costruzione grafica, tratto rettilineo che esprime la distanza grafica in cm cui corrispondente la lunghezza naturale in km. Secondo parametri medici si ritiene che l occhio umano riesca a percepire al massimo differenze grafiche dell ordine di 0,2 mm, conseguentemente errori di valore inferiore non sono percepibili; sulla scala della tavoletta 1: la precisione massima ottenibile nella lettura e misura grafica non può essere superiore a 5 m, parimenti il topografo che disegna la carta può trascurate le misure lineari di valore inferiore ai 5 metri. Rappresentazione U.T.M. ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 9

5 Il reticolato usato universalmente è il reticolato U.T.M. (Universal Transverse Mercator proyection) che corrisponde a quello tracciato sulla proiezione cartografica universale trasversa di Mercatore, rappresentazione: costruita in base a formule analitiche e non con metodi geometrici, conforme, gli angoli sono uguali agli angoli reali, non è equivalente né equidistate, cilindrica inversa, trasformazione della proiezione cilindrica di Mercatore universale, si estende a tutto il globo, escluse le calotte polari. Per ridurre gli errori angolari e di superficie si sfrutta la sola parte centrale delle proiezione cilindrica inversa, denominata fuso; Si è suddiviso il globo in 60 fusi dell ampiezza di 6 di longitudine che si estendono in latitudine dal parallelo + 80 a 80, escludendo le calotte polari, numerati partendo dal meridiano opposto (antimeridiano) di Greenwich che si trova a 180 di longitudine; il territorio italiano si trova compreso tra i fusi 32, 33 3 per poco a Otranto nel fuso 34. Il meridiano centrale al fuso è tangente al cilindro, ogni fuso ha una cartografia analitica indipendente da quella degli altri fusi e un reticolato chilometrico indipendente. Cartografia italiana L Italia si estende in longitudine dal meridiano 6 est di Greenwich al meridiano 18 est di Greenwich; il meridiano 12 est di Greenwich è il meridiano che separa la cartografia. Per ridurre gli inconvenienti determinati da una cartografia analitica indipendente i e un reticolato chilometrico indipendente sul territorio si è creata una zona di sovrapposizione di 30. La carta d Italia fa riferimento al meridiano di Monte Mario che si trova a ,40 a est di Greenwich ed allora per mantenere le caratteristiche del fuso la squadratura dei fogli inizia dal meridiano ,40 a est di Greenwich, ( ,40 longitudine di monte ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 10

6 Mario 6 larghezza del fuso, + 30 di sovrapposizione ) fino a ,40, per riprendere con l altro fuso fino a ,40. Le carte topografiche al e al nella zona di sovrapposizione avranno due tipi di reticolato, uno principale, l altro di sovrapposizione. Coordinate chilometriche U.T.M. Se in qualsiasi fuso lasciamo solo il meridiano centrale e l equatore possiamo identificare tutti i punti di quel fuso misurando la distanza da questi due assi; la distanza prende il nome di coordinata chilometrica. La coordinata chilometrica Nord (nel nostro emisfero boreale) cioè l ordinata Y rappresenta la distanza in chilometri dall equatore ed è espressa da un insieme di caratteri con uno o due numeri più piccoli che indicano le migliaia o le centinaia di chilometri seguiti da due numeri più grandi che esprimono le decine e le unità di chilometri: esempio 4450 stanno ad indicare la distanza di chilometri dall equatore. Per le ascisse misurate dal meridiano centrale si avrebbero numeri positivi verso EST e numeri negativi nella direzione inversa; per evitare i numeri negativi si assegna al meridiano centrale anziché il valore 0 un valore fittizio di 500; in questo modo un punto che si trova a 2 km a est del meridiano centrale assume il valore di 502, un punto che si trova a 5 km a ovest del meridiano centrale assume il valore di 495. La distanza massima di in punto a ovest del meridiano centrale può essere pari a 350 km circa se si trova sull equatore, infatti la larghezza massima del fuso all altezza dell equatore è pari a meno di 700 km, 350 km a est e km, 350 a ovest del meridiano; aggiungendo il valore fittizio di 500 avrà una ascissa di ( ) 150, valore positivo. In questo modo non esistono coordinate chilometriche negative. La distanza tra i due punti rimane pari alla ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 11

7 differenza dei valori (502 km 495 km = 7 km), mentre volendo conoscere la distanza effettiva dal meridiano di riferimento occorre togliere il valore fittizio di 500 e se il numero risultante è negativo significa che il punto si trova ad ovest del meridiano centrale. Il numero 4987 scritto sulle ordinate indica che quella linea di quadrettatura è posta alla distanza di km dall equatore, il numero 318 scritto sulle ascisse indica che quella linea di quadrettatura è posta alla distanza di 318 km dalla falsa origine del meridiano, pari a ( ) 182 km dal meridiano centrale del fuso. L indicazione m sta ad indicare la distanza di 317 km e 000 metri La teoria di poter designare un punto con le sole coordinate chilometriche e l indicazione del fuso di appartenenza non trova applicazione pratica per la difficoltà nella ricerca dell elemento cartografico che contiene il punto descritto dalle coordinate chilometriche. Per semplificare l individuazione delle aree si è ritenuto opportuno suddividere i fusi in 20 fasce parallele con una ampiezza di 8 a partire dal parallelo a 80 Sud, fino al parallelo 80 Nord, contraddistinte dalle lettere dalla C alla X, le fasce che comprendono l Italia sono quelle contraddistinte dalle lettere S e T. Incrociando le fasce con i fusi si contraddistinguono con 32S, 32T, 33S, 33T, 34S, 34T, le ultime due per una piccola porzione nell area di Otranto. La coppia di numero-lettere dell alfabeto individua la zona che individua una superficie di terreno ancora troppo ampia. Per suddividere ancora il terreno, partendo dall equatore e dal meridiano centrale del fuso si sono tracciate delle parallele all equatore e al meridiano centrale distanziate di 100 km tra loro. Ogni quadrato con il lato di 100 km è stato identificato con una copia di lettere che non hanno alcun riferimento con le lettere che individuano le fasce. Prendiamo come esempio una cartografia in scala 1: e troviamo sul bordo della carta l inquadramento dell elemento: ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 12

8 ci troviamo nel Nord Ovest al confine tra l Italia e la Francia, la tavola di inquadramento ci fa rilevare un area compresa tra il 6 e il 12 meridiano a est di Greenwich, e tra il 44 e il 48 parallelo a nord dell equatore, siamo quindi nel fuso 32 e nella fascia T, all interno di questa area la zona è individuata con la sigla NL caratteri, dentro la quale una quadrettatura divide la superficie in 12 quadri, quello tra il 45 e il 46 parallelo e tra il 6 e 8 meridiano prende il n 7, una ulteriore quadrettatura entro il quadro 7, con 30 elementi contrassegnati in ordinata con le lettere da a alla e ed in ascissa con i numeri da 1 a 6, il nostro elemento topografico è quindi individuato da: Osserviamo che il nostro foglio cartografico è compreso tra i paralleli 45 e /5 di grado, pari a a nord, e tra i meridiani 6 + 2/6 (2 /6 = 20 * 2 = 40 ) e 6 + 3/6 (2 /6 = 20 * 3 = 60 = 1 ) nell intervallo tra 6 e 8 e precisamente tra 6 40 e 7 Con riferimento alla quadrettatura chilometrica Gauss-Boaga riprendiamo in margine alla carta la tabella che riporta i valori dei vertici della mappa: lo spigolo alto a sinistra che corrisponde alla longitudine Est, latitudine Nord, si trova a m dalla falsa origine del meridiano di Monte Mario ed a m a nord dell equatore lo spigolo alto a destra che corrisponde alla longitudine Est, latitudine Nord, si trova a m dalla falsa origine del meridiano di Monte Mario ed a m a nord dell equatore. Questa cartografia quindi rappresenta un territorio che: sul margine nord ha una lunghezza di 26 km e 182 metri, pari a cm 52,36 nella scala 1:50000 sul margine sud ha una lunghezza di 26 km e 273 metri, pari a cm 52,54 nella scala 1:50000 ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 13

9 sul margine ovest ha una lunghezza di 22 km e 218 metri, pari a cm 44,43 nella scala 1:50000 sul margine est ha una lunghezza di 22 km e 219 metri pari, a cm 44,43 nella scala 1:50000 Sempre sul bordo del foglio troviamo ancora il quadro d unione che ci fornisce i riferimenti cartografici per la scala 1: e i riferimenti per la cartografia di contorno al nostro foglio. Misura delle coordinate Le coordinate metriche di un punto possono essere misurate con un decimetro, uno scalimetro o un coordinatometro; lo scalimetro consente di misurare le distanze grafiche trasformandole in distanze naturali in funzione della scala, il coordinatometro oltre questa funzione consente anche di effettuale la misura delle ascisse e delle ordinate contemporaneamente. È costituito da una squadretta di materiale trasparente sulla quale sono riportate le gradazioni in funzione delle scala della carta. Si dispone il coordinatometro con il lato orizzontale lungo a retta orizzontale, facendola scorrere fin quando sul lato verticale si incrocia il punto da leggere. Si legge le distanze prima sull ascissa ( orizzontale) e poi sull ordinata (verticale). Nord, geografico, rete e magnetico, convergenza rete. Il Nord geografico (N) è il punto di incontro dei meridiani e dell asse terrestre nell emisfero boreale; per definizione è un punto fisso. Il Nord rete (Nr o Nq) è il punto di incontro dei meridiani e della rete, la direzione è individuata dalla direzione del meridiano locale. Per definizione corrisponde a un punto all infinito. ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 14

10 L angolo compreso tra la direzione del nord geografico e nord rete si chiama convergenza rete (γ); nel meridiano centrale del fuso il nord rete e geografico coincidono, l angolo di convergenza rete è 0; anche all equatore la direzione del nord rete e geografico coincidono, l angolo di convergenza rete è 0; il valore dell angolo (γ) è riferito al centro della carta topografica ed è scritto sul bordo della carta stessa; il valore dell angolo (γ) aumenta con l aumentare della latitudine, positivamente dal meridiano centrale verso est, negativamente dal meridiano centrale verso ovest; La convergenza rete (γ) può essere calcolata attraverso la formula : γ = Δ ω sen φ, ove Δ ω rappresenta la differenza di longitudine tra il meridiano passante per il punto e il meridiano centrale del fuso a cui il punto appartiene e φ è la latitudine del punto. Ricordiamo che in l Italia il fuso di riferimento 32 ha il meridiano centrale a 9 est da Greenwich, mentre fuso di riferimento 33 ha il meridiano centrale a 15 est da Greenwich. Il prospetto per l applicazione delle formula ed un esempio di calcolo si trova sul foglio di excel allegato insieme ad altre utilità di trasformazione delle misure degli angoli. Il Nord magnetico è il punto di convergenza delle linee di forza del campo magnetico terrestre, la sua direzione è individuata dall ago delle bussola; la posizione è variabile nel tempo. La declinazione magnetica (δ) è l angolo compreso fra la direzione del Nord Geografico e la direzione del Nord magnetico; varia nel tempo e nello spazio e si sposta in Italia di 7-8 verso est. ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 15

11 Il valore è indicato sul bordo della carta e si riferisce all anno in cui è stata stampata la carta, deve essere aggiornato alla data di utilizzo. Segni convenzionali Il topografo utilizza appositi simboli per rendere possibile la rappresentazione di quei particolari del terreno che hanno una certa importanza per chi usa la carta, particolari che non sarebbe possibile rappresentare in scala, come una strada, una ferrovia, un ponticello o una casa; i segni convenzionali servono anche per rappresentare quei particolari che non esistono sul terreno come i confini amministrativi Orografia e altimetria. Le forme e le altezze del terreno sono rappresentate con curve di livello, quote e tratteggio; per il rilevamento ha particolare importanza il punto trigonometrico, rappresentato come un triangolo equilatero con al centro un puntino, che è un punto in ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 16

12 posizione elevata determinato con la massima precisione sia nella posizione planimetrica che altimetrica. Un punto sulla cartografia è rappresentato in modo completo se oltre alla posizione planimetrica è indicata anche la sua altimetria. Ricordiamo che si intende per quota la distanza verticale dal punto al livello del mare e dislivello tra due punti la differenza tra le loro quote. Per dare una immediata informazione sulle condizioni altimetriche del territorio si ricorre al metodo del lumeggiamento a sfumo che consiste nel riportare sul disegno le ombre che i diversi rilievi proietterebbero quando illuminate da una lue che in genere si dispone a Nord-Ovest in modo da far arrivare i raggi sul terreno con una inclinazione di 45. Informazioni simili sono ratte dalla cartografia tratta con il metodo delle tinte ipsometriche, che consiste nel dare un colore con graduazione e sfumature diverse a seconda dell altitudine; si usa il blu per le distese d acqua, mari, laghi e fiumi, con intensità maggiore o minore per indicare la profondità, il verde per la pianure, il marrone per le montagne e le colline, il bianco per i nevai e i ghiacciai. In entrambi i casi l impressione che si determina è quella di consentire a colpo d occhio di riconoscere l andamento del suolo con le sue pianure, le vallate, i rilevi, i valichi. Il metodo dei punti quotati consiste nel riportare a fianco delle emergenze più significative il numero che rappresenta il valore della quota espresso in metri. Si usa principalmente per le cime delle montagne, per i valichi, per le distese di pianure o d acqua, per gli edifici caratteristici che possono essere utilizzati come punti di riferimento. Il metodo più significativo che consente di effettuare anche elaborazioni di calcolo è quello delle curve di livello. Si tratta di tracciare la linea di intersezione della superficie del terreno con piani orizzontali a quote equidistanti; in questo modo tutti i punti che si trovano sulla linea sono alla stessa quota altimetrica e potendo camminare sulla linea si percorrerebbe un sentiero in piano. Se proiettiamo le curve di livello sul piano della cartografia ne risultano degli andamenti sinuosi con linee che si allontanano tanto più diminuisce la pendenza del terreno e linee che si avvicinano tanto più cresce l inclinazione del versante. ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 17

13 Il terreno compreso tra le due curve viene trattato come se avesse una pendenza uniforme. Il dislivello tra due curve di livello successive è chiamato equidistanza (h), l intervallo (d) è la distanza orizzontale tra due curve di livello successive, la pendenza (p) è il rapporto tra l equidistanza e l intervallo: pendenza = l equidistanza / l intervallo. Il valore della curva di livello è indicato solo sulle curve principali, es. le curve a quota 100, 200, ecc. Per trovare il valore di un punto intermedio non quotato occorre effettuare una interpolazione tra le curve di livello superiore e inferiore, esempio: conoscendo la quota della curva inferiore (525 m) l equidistanza (25 m), l intervallo ( 40 m) e la distanza del punto (M) dalla curva di livello (30 m) si determina il valore della quota del punto (M) = ((25/40) * 30) = 543,75 m. Orientamento della carta Individuare sul terreno la direzione dell oriente, è come dire individuare sul terreno la direzione dei punti cardinali; la carta topografica è caratterizzata dall avere il lato superiore rivolto a nord, la destra a est, la sinistra a ovest e il bordo inferiore rivolto a sud; per potersi servire della carta occorre orientare la carta nello stesso senso del territorio che si osserva, quindi se guardo il territorio rivolgendomi a Nord posiziono la carta davanti a me con il lato superiore rivolto in avanti, in questo modo la carta e il territorio sono orientati; ma per fare questo devo spere dove si trova il Nord sul terreno che sto osservando. Orientamento per mezzo del terreno: se noto sulla carta due punti conosciuti visibili sul territorio e ancor meglio se riconosco il punto nel quale mi trovo, oppure un tratto rettilineo di una strada o un fiume con andamento quasi rettilineo, basterà posizionare la carta in orizzontale e farla ruotare fin quando l allineamento riconosciuto sulla carta si presenti con un andamento parallelo a quello esistente; a questo punto sarà la carta con il suo bordo superiore a indicarmi dove si trova il Nord e similmente gli altri punti cardinali. ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 18

14 Orientamento per mezzo del sole: il sole sorge approssimativamente a est, e tramonta verso ovest; a mezzogiorno mi indica la direzione del sud. Occorre tener conto che il sole nell arco della giornata di 24 ore con il suo moto apparente percorre il giro completo di 360, in un ora copie un tragitto pari a (360/24 =) 15. Il sole alle 9 del mattino proietterà l ombra di un albero, uno spigolo di una casa, un bastone piantato per terra, in una direzione che si discosta da quella proiettata a mezzogiorno con un angolo di (12-9 =) 3 * 15 = 45 ; se alla linea dell ombra delle ore 9 aggiungo 45 (i lati di un foglio formano un angolo di 90, piegandolo a metà ottengo il 45 ) ottengo la direzione dell ombra a mezzogiorno ovvero la direzione Nord-Sud. Orientamento a mezzo delle stella polare: la stella polare indica la direzione del nord; occorre individuarla nella coda del piccolo carro o orsa minore, eventualmente attraverso il prolungamento delle linea che congiunge le stelle posteriori del grange carro (orsa maggiore) che ha stelle più lumonose. Orientamento a mezzo dell orologio: occorre posizionale uno spillo, un ago di pino o un sottile elemento, in verticale nel centro del orologio. L orologio deve essere ruotato in piano fin quando l ombra dello spillo cade sulla lancetta delle ore dell orologio. Il Nord è indicato dalla bisettrice dell angolo compreso tra la direzione della lancetta delle ore (l ombra) e la direzione delle ore 12. Un altro metodo che si basa sulle stesse proprietà consiste nel dirigere la lancetta delle ore verso il sole; il Nord è individuato dalla bisettrice dell angolo determinato della lancetta delle ore e dalla ipotetica indicazione dell ora attuale/2; esempio 9/2= 4h e 30 (per le ore pomeridiane ore 16,30 = 8h 15 ). ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 19

15 Orientamento a mezzo della bussola: è il metodo diretto più facile. L ago della bussola ci indica la direzione del Nord magnetico, effettuata la correzione dell angolo come già indicato nelle pagine precedenti, la carta viene posizionata in coerentemente. Per semplificare il posizionamento della bussola sulla cartografia IGM è riportato in alto (verso il Nord) una scaletta graduata sulla quale tracciare la declinazione magnetica; sul bordo della carta in basso è individuato un punto (P) da unire con un segmento diretto al segno sulla scala graduata; posizionando la bussola orientata a nord sulla retta tracciata sulla carta si ottiene l orientamento corretto della cartografia. ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 20

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI Esistono 3 tipi di dati: 1- Dati tabellari (informativi) 2- Dati geometrici (territoriali) 3- Dati geometrici e tabellari (informativi territoriali) La localizzazione

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI 1. Definizione e scopo della topografia.... Pag. 1 2. Sistemi di misure lineari e angolari... Pag. 1 3. Misura delle lunghezze... Pag.

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

ORIENTARSI sulla TERRA

ORIENTARSI sulla TERRA ORIENTARSI sulla TERRA significato del termine orientarsi : il termine orientarsi indica letteralmente la capacità di individuare l oriente e fa quindi riferimento alla possibilità di localizzare i quattro

Dettagli

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è:

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: Le proiezioni geografiche La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: approssimata ridotta simbolica È approssimata perché non è possibile sviluppare su un piano una superficie sferica senza

Dettagli

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio.

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio. Orientamento Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola Sole Orologio Stelle BUSSOLA Tacca di mira Ago Magnetico Cerchio graduato Ci indica

Dettagli

Lettura delle carte, orientamento sul territorio

Lettura delle carte, orientamento sul territorio Corso di Primo Livello per Volontari di Protezione Civile Amm.ne Provinciale di Lecco Lettura delle carte, orientamento sul territorio Relatori: geologi Bonfanti Dr. Carlo, De Maron Dr. Egidio e Stanzione

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

La Georeferenziazione dei dati territoriali

La Georeferenziazione dei dati territoriali La Georeferenziazione dei dati territoriali Dott. Alessandro Santucci ANNO ACCADEMICO 2006/07 Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Civile ARGOMENTI Georeferenziazione degli oggetti: concetti generali

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale.

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale. Cenni di geografia astronomica. Tutte le figure e le immagini (tranne le ultime due) sono state prese dal sito Web: http://www.analemma.com/ Giorno solare e giorno siderale. La durata del giorno solare

Dettagli

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche Cpia di Lecce Le coordinate geografiche Forma della Terra La Terra è sferica Per la sua rappresentazione si usa il globo o mappamondo Meridiani e paralleli sono linee immaginarie usate dai geografi per

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.)

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.) CARTOGRAFIA La CARTOGRAFIA è l insieme delle operazioni Scientifiche, artistiche e tecniche che, a partire dai risultati delle levate originali o dall esame e dallo studio dei dati di una documentazione,

Dettagli

Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo. Corso Capacity 2015

Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo. Corso Capacity 2015 Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo Corso Capacity 2015 Perchè siamo qui? Il territorio è PREZIOSO. Deve essere tutelato, ma prima di tutto compreso Sono necessari sistemi per

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO IS Antonio Cortigiani TOPOGRAFIA E RILIEVO Di Antonio Cortigiani La Topografia e la Cartografia La Topografia è quella disciplina che ha come scopo quello di fornire una

Dettagli

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL Il punto di stazione Abbiamo visto tanti modi per usare la bussola, abbiamo visto come trovare un punto sulla carta e come darne le coordinate, come seguire un percorso, ma la cosa più importante è sapere

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

Relatore: Giovanni Telesca

Relatore: Giovanni Telesca Potenza 15/10/2009 La necessità di gestire grandi volumi di informazioni, provenienti da molteplici fonti e organizzati secondo sistemi di georeferenziazione diversi per caratteristiche e accuratezza,

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LA POSIZIONE DEL SOLE È noto che la terra ruota intorno al sole muovendosi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore La terra ha la forma di una sfera e per rappresentarla si usa il Mappamondo chiamato anche globo I geografi hanno tracciato sul mappamondo

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA COMMISSIONE CATASTO Unione Speleologica Calenzano con il patrocinio del Comune di Calenzano CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 Istruttori Bernabini

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

S O M M A R I O. BIBLIOGRAFIA e RISORSE WEB

S O M M A R I O. BIBLIOGRAFIA e RISORSE WEB S O M M A R I O Compagni inseparabili... 03 IL RETICOLATO GEOGRAFICO Meridiani e paralleli 04 LA COSTRUZIONE DELLE CARTE TOPOGRAFICHE Il sistema Universal Transverse Mercator 06 La carta topografica d

Dettagli

SINOSSI DI CARTOGRAFIA

SINOSSI DI CARTOGRAFIA SINOSSI DI CARTOGRAFIA BOLOGNA NOZIONI DI TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA Sinossi ad uso esclusivo dei frequentatori dei corsi informativi di Topografia Cartografia e Navigazione terrestre Edizione 2009 INDICE

Dettagli

LA CARTOGRAFIA ITALIANA

LA CARTOGRAFIA ITALIANA LA CARTOGRAFIA ITALIANA ENTI CARTOGRAFICI ITALIANI che producono cartografia di base: I.G.M. - Istituto Geografico Militare Sede a Firenze Carta Topografica d Italia: VECCHIA PRODUZIONE 1:100.000 Fogli

Dettagli

COM È FATTA UNA MERIDIANA

COM È FATTA UNA MERIDIANA COM È FATTA UNA MERIDIANA L orologio solare a cui noi comunemente diamo il nome di meridiana, in realtà dovrebbe essere chiamato quadrante; infatti è così che si definisce il piano su cui si disegnano

Dettagli

Orientarsi senza bussola

Orientarsi senza bussola Orientarsi senza bussola Nello sfortunato caso in cui, durante una esercitazione sull orientamento vi siate dimenticati a casa la bussola, non disperatevi, o almeno non immediatamente. Potreste essere

Dettagli

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro INDICE Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro...1 LA TRIANGOLAZIONE...1

Dettagli

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS 2011 1- Cosa è una carta 2- Elementi principali di una carta 3- Come si legge una carta 4- Cartografia tematica 5- Fotointerpretazione da

Dettagli

Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo

Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo Néstor CAMINO Complejo PLAZA DEL CIELO Facultad de Ingeniería (UNPSJB) y ISFD N 804 Esquel, Chubut, Patagonia, ARGENTINA. nestor.camino@speedy.com.ar -

Dettagli

La Cartografia. Immagine da satellite

La Cartografia. Immagine da satellite La Cartografia 1 La nascita della Cartografia Fin dai tempi più antichi l'uomo ha avvertito la necessità di rappresentare su un piano una porzione più o meno estesa del-la superficie terrestre. Le più

Dettagli

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta ERIICA La Terra e la Luna Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? L eclisse di Sole è dovuta all ombra della Luna che si proietta sulla Terra Durante un eclisse di Sole la Luna può oscurare il Sole anche

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli

Proiezioni cartografiche in uso in Italia

Proiezioni cartografiche in uso in Italia Proiezioni cartografiche in uso in Italia Proiezioni cartografiche in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento

Dettagli

Indica il numero delle ore giornaliere nelle quali un punto (o una superficie) è colpito dalla radiazione solare.

Indica il numero delle ore giornaliere nelle quali un punto (o una superficie) è colpito dalla radiazione solare. APPUNTI SUI PERCORSI SOLARI Bibliografia Manuale di architettura bioclimatica - Cristina Benedetti Maggioli Editore SOLEGGIAMENTO. SOLEGGIAMENTO = NUMERO DI ORE Indica il numero delle ore giornaliere nelle

Dettagli

CAPITOLO I - L'Attrezzatura

CAPITOLO I - L'Attrezzatura PICCOLO MANUALE DI TOPOGRAFIA CAPITOLO I - L'Attrezzatura Per orientarti (trovare l oriente), non ti bastano una bussola e una carta. E necessario infatti avere un minimo di attrezzatura che ti permetta

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO Sfera celeste ASTRONOMIA Il cielo considerato come l'interno di una sfera cava al fine di descrivere le posizioni e i movimenti degli oggetti astronomici. Ogni particolare osservatore è situato al centro

Dettagli

Corso base di cartografia ed orientamento. Novembre 2004 a cura di Giorgio Berni

Corso base di cartografia ed orientamento. Novembre 2004 a cura di Giorgio Berni Corso base di cartografia ed orientamento Novembre 2004 a cura di Giorgio Berni Sommario Corso di cartografia ed orientamento... 2 Introduzione... 2 Le carte geografiche... 3 Definizioni generali... 3

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie?

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Anassimandro (IV sec. a.c.) Omero (VIII sec. a.c.?) Aristotele (384-322 a.c.) riportava due osservazioni a riprova della sfericità della

Dettagli

Punti cardinali Bussola Di giorno Di notte Ricapitolando. A caccia del Nord. L orientamento di giorno e di notte. Daniela Cirrincione

Punti cardinali Bussola Di giorno Di notte Ricapitolando. A caccia del Nord. L orientamento di giorno e di notte. Daniela Cirrincione L orientamento di giorno e di notte Daniela Cirrincione INAF - Osservatorio Astronomico di Palermo G. S. Vaiana 15 maggio 2011 Punti cardinali I punti cardinali sono dei punti di riferimento che indicano

Dettagli

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007 Introduzione ai Sistemi Informativi Territoriali Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Sommario Cos è il SIT Gli strumenti del SIT L informatizzazione

Dettagli

Scuola Nazionale di Speleologia Club Alpino Italiano Materiale esclusivo ad uso interno, consultazione per i quadri della SNS-CAI INDICE GENERALE

Scuola Nazionale di Speleologia Club Alpino Italiano Materiale esclusivo ad uso interno, consultazione per i quadri della SNS-CAI INDICE GENERALE TOPOGRAFIA INDICE GENERALE Prefazione...pag. 3 Punti cardinali...pag. 4 Coordinate Topografiche...pag. 6 Coordinate Geografiche...pag. 6 Latitudine e Longitudine...pag. 7 Coord. Geograf. Sugl elementi

Dettagli

Gianni Ferrari FORMULE E METODI PER LO STUDIO DEGLI OROLOGI SOLARI PIANI

Gianni Ferrari FORMULE E METODI PER LO STUDIO DEGLI OROLOGI SOLARI PIANI Gianni Ferrari FORMULE E METODI PER LO STUDIO DEGLI OROLOGI SOLARI PIANI INDICE ix PARTE I - Definizioni e considerazioni generali Capitolo 1 1 Coordinate equatoriali e azimutali del Sole Relazioni fondamentali

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE Forma del fascio di luce e distanza Quesiti per un indagine sulle idee spontanee 1. Quale forma attribuiresti al fascio di luce solare che illumina un area circolare a livello

Dettagli

3 La cartografia ufficiale italiana

3 La cartografia ufficiale italiana Topografia, Cartografia e GIS Prof. Carlo Bisci Modulo Topografia e Cartografia (6 CFU) 3 La cartografia ufficiale italiana Per fare cartografia è necessario fissare: il sistema di riferimento (datum):

Dettagli

Topografia e Orientamento C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario

Topografia e Orientamento C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario Club Alpino Italiano Sezione di Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento Topografiaa e Orientamento Sommario Introduzione... 3 1. Topografia... 4 1.1. La distanza... 4 1.2. La carta topografica... 5

Dettagli

CARTOGRAFIA. Analizziamo ora le diverse tipologie di supporto che si trovano sul mercato:

CARTOGRAFIA. Analizziamo ora le diverse tipologie di supporto che si trovano sul mercato: CARTOGRAFIA Con questa piccola guida vorrei illustrare in maniera semplice come si legge una carta topografica e come soprattutto si possa, in mancanza di un GPS tracciare una rotta o comunque decidere

Dettagli

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra Il calore del sole e le fasce climatiche della terra 1 Il sole trasmette energia e calore alla terra. Ma, dato che la terra ha una forma simile a quella di una sfera, che ruota su se stessa attorno a un

Dettagli

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci Introduzione al sistema GPS Corso GPS riservato ai soci Agenda 1. Generalità sul sistema GPS 2. Principi di orientamento 2 Generalità sul sistema GPS 3 NAVSTAR GPS, a cosa serve Il NAVSTAR GPS (Navigation

Dettagli

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8 APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8 PIANI QUOTATI E CARTOGRAFIA PROF. SPADARO EMANUELE UNITA DIDATTICA N 1 PIANI QUOTATI http://spadaroemanueletopografia.bloog.it/ 2 RAPPRESENTAZIONI COMPLETE DEL TERRENO Premesse

Dettagli

PERCORSO RETTIFICATO

PERCORSO RETTIFICATO Il percorso rettificato serve per effettuare un rilievo topografico di una zona rapidamente, basandosi su un disegno schematico da tracciarsi man mano si cammina, ciò consiste, come dice il nome, nel raddrizzare

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI:

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI: COORDINATE E DATUM Viene detta GEOREFERENZIAZIONE la determinazione della posizione di un punto appartenente alla superficie terrestre (o situato in prossimità di essa) La posizione viene espressa mediante

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it e-mail:

Dettagli

TOPOGRAFIA e CARTOGRAFIA

TOPOGRAFIA e CARTOGRAFIA 1. Un ettometro corrisponde a : a. 100 m ; b. 1.000 m ; c. 10.000 m ; 2. Un chilometro corrisponde a : a. 100 m ; b. 1.000 m ; c. 10.000 m ; 3. Un decametro corrisponde a : a. 0,1 m ; b. 0,01 m ; c. 10

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

LE SCALE DI RIDUZIONE

LE SCALE DI RIDUZIONE LE SCALE DI RIDUZIONE la prima cosa che si deve osservare in una carta, insieme all'equidistanza fra le curve di livello, è la scala di riduzione che è sempre in primo piano, é altresì importante osservare

Dettagli

Modellare una copertura a falde

Modellare una copertura a falde 4 Modellare una copertura a falde Costruire un tetto a falde partendo dalla posizione dei muri. Utilizzeremo sia strumenti di creazione sia strumenti di deformazione dei solidi. Introduzione In questo

Dettagli

I punti cardinali EST ORIENTE LEVANTE OVEST OCCIDENTE PONENTE SUD MEZZOGIORNO MERIDIONE NORD MEZZANOTTE SETTENTRIONE

I punti cardinali EST ORIENTE LEVANTE OVEST OCCIDENTE PONENTE SUD MEZZOGIORNO MERIDIONE NORD MEZZANOTTE SETTENTRIONE I punti cardinali Sin dall antichità l uomo ha osservato il movimento apparente del Sole e ha notato che sorge sempre dalla stessa parte, a oriente e tramonta dal lato opposto, a occidente. I termini oriente

Dettagli

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento La carta topografica Orientare la carta e valutare l azimut Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Il GPS La normativa di riferimento Guida alla compilazione

Dettagli

Orientarsi con un bastone

Orientarsi con un bastone Orientarsi con un bastone Pianta in terra un bastone, puntandolo verso il sole in maniera che non faccia ombra sul terreno. Dopo almeno una ventina di minuti apparirà l ombra alla base del bastone, questa

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO

NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO 1. Perché orientarsi?... 2 2. Alcune definizioni geografiche... 2 3. Le rappresentazioni cartografiche terrestri... 4 4. La bussola...10 5. L'altimetro...14 6. Lo schizzo

Dettagli

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 sostituscono le pagg. 50-58 (fino alle eq. 5.28) Come già visto è stato scelto l'ellissoide come riferimento planimetrico sul quale proiettare tutti i punti

Dettagli

1 Tempo del Sole e tempo degli orologi

1 Tempo del Sole e tempo degli orologi Lucia Corbo e Nicola Scarpel 3SD TEMPO SOLARE E LONGITUDINE 1 Tempo del Sole e tempo degli orologi La durata del giorno solare, cioè il tempo che intercorre tra due passaggi del Sole in meridiano in una

Dettagli

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4)

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) Misura di e/m Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) 1 Introduzione 1.1 Introduzione ai fenomeni in esame Un elettrone all interno di un campo elettrico risente della forza elettrica

Dettagli

1. Nozioni di base sulle carte

1. Nozioni di base sulle carte 1. Nozioni di base sulle carte 1.1 Generalità Una carta è una rappresentazione sul piano della crosta terrestre secondo norme e segni convenzionali assegnati; per tutti gli usi cui è destinata ogni carta

Dettagli

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA Un famoso scienziato (secondo alcuni fu Bertrand Russell) tenne una volta una conferenza pubblica su un argomento di astronomia. Egli parlò di come la Terra orbiti intorno

Dettagli

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Scuola Interregionale di Escursionismo Veneto Friulano - Giuliana Corso di Formazione/Verifica per aspiranti Operatori Sezionali ONC e TAM CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Paluzza

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

LA FORMA DELLA TERRA

LA FORMA DELLA TERRA LA FORMA DELLA TERRA La forma approssimativamente sferica della Terra può essere dimostrata con alcune prove fisiche, valide prima che l Uomo osservasse la Terra dallo Spazio: 1 - Avvicinamento di una

Dettagli

APPUNTI DI CARTOGRAFIA E USO DI GPS

APPUNTI DI CARTOGRAFIA E USO DI GPS Unione di Comuni Lombarda Terre di Frontiera GRUPPO DI PROTEZIONE CIVILE APPUNTI DI CARTOGRAFIA E USO DI GPS Gennaio 2012 0 Appunti di cartografia L obiettivo di questi appunti è di fornire ai Volontari

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci

Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci Via Stazione snc, 89811 Vibo Valentia Marina Tel. 0963/572073 telefax 0963/577046 Cod. mecc. VVIC82600R cod. fiscale 96013890791 Distretto Scol. n. 14 vvic82600r@istruzione.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE Per ogni superficie trasparente presente sulle facciate degli edifici è possibile costruire una maschera

Dettagli

Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO

Scuola Alpinismo Cosimo Zappelli CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Viareggio 02/05/2013 Introduzione Cos è l orientamento? L'orientamento è l'insieme delle tecniche che permettono di riconoscere

Dettagli

6. Le conseguenze del moto di rivoluzione

6. Le conseguenze del moto di rivoluzione eclittica cerchio massimo sulla sfera celeste percorso apparente del Sole durante l'anno. interseca l'equatore celeste in due punti o nodi : Punto vernale (o punto γ o punto di Ariete) nodo ascendente.

Dettagli