ELEMENTI DI TOPOGRAFIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI DI TOPOGRAFIA"

Transcript

1 Elaborati per il corso ELEMENTI DI TOPOGRAFIA Prof. Renzo Carlucci Elaborati svolti da TOSCANO SIMONE matricola: Anno Accademico 2006/2007 Sessione di esame Novembre 2006

2 Indice ESERCITAZIONE SU ANGOLI E CONVERSIONI ANGOLARI pag. 3 ESERCITAZIONE DI CARTOGRAFIA....pag. 7 o Scelta della carta pag. 7 o Scelta dei punti trigonometrici..pag. 10 o Calcolo delle coordinate cartesiane dei due punti. pag. 11 o Calcolo delle coordinate geografiche dei due punti...pag. 15 o Calcolo della distanza tra i due punti trigonometrici..pag. 17 o Calcolo angolo di direzione (AB) Direzione alla bussola..pag. 19 o Calcolo del dislivello tra i due punti trigonometrici.pag. 21 RILIEVO TOPOGRAFICO DI UNA STANZA.. pag. 22 FOTOGRAMMETRIA pag. 27 o Fotogrammetria digitale.pag. 32 ESERCITAZIONE DI AEROFOTOGRAMMETRIA...pag. 35 2

3 ESERCITAZIONE SU ANGOLI E CONVERSIONI ANGOLARI Esercizio n. 1 eseguire le seguenti operazioni ' '' ' '' = ' '' ' '' ' '' = ' '' 79 8 ' '' ' '' = ' '' ' '' x ' '' = ' '' Esercizio n. 2 trasfomare i seguenti angoli nei vari sistemi DEG GRAD RAD ' '' ' '' ' '' ' '' ' '' DMS Esercizio 3: In un poligono irregolare di 5 lati ABCDE, si conoscono 4 angoli interni ABC = BCD = 70g 88c 41.6cc CDE = gon DEA = rad Determinare il valore del quinto angolo EAB espresso in gradi sessagesimali, gradi centesimali e radianti [ ; gon ; rad] 3

4 4

5 5

6 6

7 ESERCITAZIONE DI CARTOGRAFIA Determinare analiticamente su una tavoletta I.G.M. in scala 1:25000 la distanza, il dislivello e la direzione alla bussola tra due punti trigonometrici liberamente scelti. Dei punti trigonometrici scelti fornire le coordinate cartesiane e geografiche nel sistema di riferimento presente sulla carta. SCELTA DELLA CARTA Come carta è stata scelta la seguente: CARTA D ITALIA - SCALA 1 : FOGLIO N 388 SEZ. IV - GENZANO DI ROMA 7

8 La carta rappresenta la zona di Genzano di Roma in scala 1 : , zona appartenente al Fuso 33, con reticolo di riferimento UTM-WGS84. Come riportato a bordo del foglio, le coordinate ai vertici della carta sono: 8

9 9

10 SCELTA DEI PUNTI TRIGONOMETRICI I punti trigonometrici da me scelti sono MONTE CAVO (A) MASCHIO DELL ARTEMISIO (B). 10

11 CALCOLO DELLE COORDINATE CARTESIANE DEI DUE PUNTI Per il calcolo analitico delle coordinate cartesiane dei due punti, bisogna misurare la distanza dalle linee del reticolo di riferimento immediatamente ad ovest ed a sud dei punti. Sapendo che un riquadro misura 4 cm di lato sulla carta (che in scala 1 : equivalgono a 1000 m nella realtà) si può impostare la seguente proporzione: 4 cm : 1000 m = (distanza misurata in cm sulla carta) : X Il valore così ottenuto andrà aggiunto alla coordinata di riferimento riportata sul reticolo (il valore va aggiunto poiché sono state prese come riferimento le linee immediatamente a sud ed a ovest dei punti trigonometrici). Punto trigonometrico Monte Cavo Coordinata cartesiana est (x) in UTM-WGS84 Coordinata di partenza: m 4 cm : 1000 m = 2,25 cm : X X = 562,5 m m + 562,5 m = ,5 m coordinata cartesiana est Monte Cavo 11

12 Coordinata cartesiana nord (y) in UTM-WGS84 Coordinata di partenza: m 4 cm : 1000 m = 2,95 cm : X X = 737,5 m m + 737,5 m = ,5 m coordinata cartesiana nord Monte Cavo Punto trigonometrico Maschio dell Artemisio Coordinata cartesiana est (x) in UTM-WGS84 Coordinata di partenza: m 4 cm : 1000 m = 0,45 cm : X X = 112,5 m m + 112,5 m = ,5 m coordinata cartesiana est Maschio dell Artemisio Coordinata cartesiana nord (y) in UTM-WGS84 Coordinata di partenza: m 4 cm : 1000 m = 1,15 cm : X X = 287,5 m m + 287,5 m = ,5 m coordinata cartesiana nord Maschio dell Artemisio 12

13 Le coordinate cartesiane appena trovate si riferiscono al reticolato UTM-WGS84. Seguendo le indicazioni riportate nella tabella riportata sulla tavola Posso riportare le coordinate cartesiane dei due punti trigonometrici in riferimento al sistema UTM-ED50 e GAUSS-BOAGA. Supponiamo per esempio di volerle riportare da UTM-WGS84 a UTM-ED50. I punti si trovano nel Fuso 33. Andremo così ad aggiungere alle coordinate est 70 m, mentre alle coordinate nord 193 m. Punto trigonometrico Monte Cavo Coordinata cartesiana est (x) da UTM-WGS84 a UTM-ED ,5 m + 70 m = ,5 m coordinata cartesiana est Monte Cavo Coordinata cartesiana nord (y) da UTM-WGS84 a UTM-ED ,5 m m = ,5 m coordinata cartesiana nord Monte Cavo Punto trigonometrico Maschio dell Artemisio Coordinata cartesiana est (x) da UTM-WGS84 a UTM-ED ,5 m + 70 m = ,5 m coordinata cartesiana est Maschio dell Artemisio Coordinata cartesiana nord (y) da UTM-WGS84 a UTM-ED ,5 m m = ,5 m coordinata cartesiana nord Maschio dell Artemisio 13

14 Calcolate le coordinate cartesiane dei punti trigonometrici sia nel sistema UTM-WGS84 che UTM-ED50, posso ricavare la designazione dei due punti trigonometrici seguendo l esempio riportato nella tavola I.G.M. Designazione dei punti trigonometrici: DESIGNAZIONE DI ZONA 33T Identificazione del quadrato di 100 km di lato: UG NOME DEL PUNTO: MONTE CAVO 949 m Il particolare in coordinate UTM-WGS84 e UTM-ED50 è individuato dal complesso dei seguenti valori: Fuso: Zona: Quadrato di 100 km: Coordinata est: Coordinata nord: DESIGNAZIONE: UTM-WGS84 33 T UG UTM-ED50 33 T UG TUG TUG Nella designazione del punto, misurare in decametri, con un coordinatometro, le distanze dalla quadrettatura chilometrica a partire dalle linee immediatamente ad ovest e a sud dal particolare e registrare le coordinate trascurando le cifre scritte in carattere piccolo lungo la cornice. DESIGNAZIONE DI ZONA 33T Identificazione del quadrato di 100 km di lato: UG NOME DEL PUNTO: MASCHIO DELL ARTEMISIO 812 m Il particolare in coordinate UTM-WGS84 e UTM-ED50 è individuato dal complesso dei seguenti valori: Fuso: Zona: Quadrato di 100 km: Coordinata est: Coordinata nord: DESIGNAZIONE: UTM-WGS84 33 T UG UTM-ED50 33 T UG TUG TUG Nella designazione del punto, misurare in decametri, con un coordinatometro, le distanze dalla quadrettatura chilometrica a partire dalle linee immediatamente ad ovest e a sud dal particolare e registrare le coordinate trascurando le cifre scritte in carattere piccolo lungo la cornice. Nella designazione del punto, misurare in decametri, con un coordinatometro, le distanze dalla quadrettatura chilometrica a partire dalle linee immediatamente ad ovest e a sud dal particolare e registrare le coordinate trascurando le cifre scritte in carattere piccolo lungo la cornice. CALCOLO DELLE COORDINATE GEOGRAFICHE DEI DUE PUNTI 14

15 Per calcolare le coordinate geografiche dei due punti trigonometrici il procedimento da seguire è analogo a quello per calcolare le coordinate geografiche. Ci si riferisce alla squadratura posta ai bordi della carta, dove vengono indicati i valori di latitudine e longitudine. Basta misurare le distanze dei punti dalle linee di latitudine e longitudine immediatamente ad ovest ed a nord del punto e poi impostare le seguenti proporzioni: Latitudine 7,4 cm sulla carta = ,4 cm : = (distanza misurata sulla carta) : X Longitudine 5,55 cm sulla carta = ,5 cm : = (distanza misurata sulla carta) : X Il valore così ottenuto andrà aggiunto alla coordinata di riferimento riportata sul bordo della carta (il valore va aggiunto poiché sono state prese come riferimento le coordinate immediatamente a sud ed a ovest dei punti trigonometrici). Punto trigonometrico Monte Cavo Coordinata geografica latitudine nord Coordinata di partenza: ,4 cm : = 0,7 cm : X X = , ,68 = ,68 latitudine nord Monte Cavo Coordinata geografica longitudine est Coordinata di partenza: ,55 cm : = 3,15 cm : X X = , ,36 = ,36 longitudine est Monte Cavo 15

16 Punto trigonometrico Maschio dell Artemisio Coordinata geografica latitudine nord Coordinata di partenza: ,4 cm : = 5,5 cm : X X = , ,59 = ,59 latitudine nord Maschio dell Artemisio Coordinata geografica longitudine est Coordinata di partenza: ,55 cm : = 1,19 cm : X X = , ,98 = ,98 longitudine est Maschio dell Artemisio 16

17 CALCOLO DELLA DISTANZA TRA I DUE PUNTI TRIGONOMETRICI Usando le coordinate cartesiane in UTM-WGS84 dei due punti trigonometrici, si può calcolare la distanza tra i due punti con la formula 2 ( X - X ) + ( Y - Y ) 2 B A B A 2 2 ( ,5m ,5m) + ( ,5m ,5m) = 5.692,54m 17

18 La distanza ottenuta va corretta del modulo di deformazione lineare che è riportato sulla tavola I.G.M. nella seguente tabella Modulo di deformazione lineare : 1,00003 m Per tanto, la distanza corretta sarà: 5.692,54m 1,00003m = 5.692,37 m distanza tra i punti trigonometrici A e B Come verifica approssimativa dell esattezza della distanza, basta misurare sulla carta la distanza in centimetri tra i punti ed impostare la seguente proporzione: 1 cm : 250 m = (distanza misurata sulla carta) : X Nel nostro caso abbiamo che la distanza in centimetri sulla carta tra un punto e l altro è di 22,77 cm. La proporzione sarà: 1 cm : 250 m = 22,77 cm : X X = 5.692,5 m Il valore ottenuto si avvicina molo a quello calcolato analiticamente con le coordinate cartesiane dei punti. 18

19 CALCOLO ANGOLO DI DIREZIONE(AB) DIREZIONE ALLA BUSSOLA Per calcolare l angolo di direzione (AB) ci serviremo nuovamente delle coordinate cartesiane dei due punti trigonometrici, che inseriremo nella formula α = arctg ( X ) B - X A ( Y - Y ) L angolo ottenuto è espresso nel sistema centesimale. In base al segno del numeratore e del denominatore si procederà in un dei seguenti modi: B A o o o o + (AB) = angolo + + (AB) = 200 g - angolo - - (AB) = 200 g + angolo - - (AB) = g angolo Nel nostro caso avremo: = arctg ( , ,5) ( ) = α , , 5-42 g,8680 Siamo nel caso - + e quindi dovrò fare 200 g g,8680 = 157 g,1320 angolo (AB) espresso in forma centesimale 141,4188 angolo (AB) espresso in forma sessadecimale ,68 angolo (AB) in forma sessagesimale Ora l angolo va corretto con la declinazione magnetica e la convergenza, valori che sono riportati nella tabella, e che vanno calcolati ed aggiornati alla data odierna. 19

20 Come si può leggere dai dati sopra riportati, la declinazione magnetica al 1 gennaio 2000 valeva , ed è stato calcolato che varia annualmente di È presente inoltre una convergenza pari a Bisogna ora calcolare quanto è variata dal 1 gennaio 2000 ad oggi. Variazione della declinazione magnetica dal 1 gennaio 2000 al 1 gennaio 2006 Tempo trascorso: 6 anni Variazione annuale: x 6 = Variazione della declinazione magnetica dal 1 gennaio 2006 al 1 novembre 2006 Tempo trascorso: 10 mesi Variazione mensile: ( / 12) = x 10 = Variazione della declinazione magnetica dal 1 novembre 2006 al 22 novembre 2006 Tempo trascorso: 22 giorni Variazione giornaliera: ( / 365) = 0 0 0, ,82 x 22 = ,08 Variazione totale della declinazione magnetica dal 1 gennaio 2000 al 22 novembre ,08 = ,08 Declinazione magnetica aggiornata al 22 novembre 2006 ( ) + ( ,08 ) = ,08 Correzione angolo di direzione Direzione alla bussola Angolo di direzione (AB) + Declinazione magnetica aggiornata + Convergenza , ,08 + ( ) = ,7 La direzione alla bussola da seguire per andare dal punto A al punto B sarà di ,7 S. E. 20

21 CALCOLO DEL DISLIVELLO TRA I DUE PUNTI TRIGONOMETRICI Dalla carta di può leggere che: o o Il punto trigonometrico Monte Cavo si trova alla quota di 949 m s.l.m. Il punto trigonometrico Maschio dell Artemisio si trova alla quota di 812 m s.l.m. Le quote sopra riportate fanno riferimento al mareografo di Genova (1942). Il dislivello tra due punti sarà dato dalla differenza delle due quote: Dislivello AB = 949m s.l.m. 812 m s.l.m. = 137 m 21

22 RILIEVO TOPOGRAFICO DI UNA STANZA Planimetria della stanza in scala 1:50 22

23 È stato effettuato il rilievo di una stanza. Dei lati e delle diagonali sono state effettuate quattro misurazioni, con l uso di tre diversi strumenti: o Fettuccia o Metro di legno o Metro da sarto Una volta rilevate le diverse misure, ne è stata fatta la media matematica per avere il valore più probabile della reale misura presa. Sulla base della Teoria degli errori, è stato poi successivamente calcolato lo scarto quadratico medio per ogni misurazione rilevata, usando la seguente formula: m = ± Vi n dove il termine V i sta ad indicare le differenze tra la media matematica ed i singoli valori ottenuti dalle quattro misurazioni poi elevate al quadrato e sommate tra loro; dove il termine n 1 sta ad indicare il numero di misurazioni fatte meno uno. Di seguito viene riportata una tabella riassuntiva dei valori rilevati e calcolati durante il rilievo della stanza. METRO DI LEGNO 2 MISURA METRO DA SARTO FETTUCCIA MEDIA 2 MISURA MISURA MISURA MATEMATICA Vi m = ± (cm) LATO (cm) (cm) (cm) (cm) (cm) n -1 L1 360,4 360, ,8 360,35 0, L2 350,6 349,1 348,9 351, , L3 361,7 361, ,5 361,7 0, L4 361,9 361,7 362,2 361,5 361,825 0, d1 506,3 506,5 506,6 505,9 506,325 0, d2 510,2 510,3 509,8 509,9 510,05 0, Una volta rilevate le misure e calcolati gli scarti quadratici medi, si è proceduto alla rappresentazione in scala della stanza, usando il metodo dell intersezione in avanti. 23

24 Come prima cosa è stato disegnato il lato L1, definita come base del disegno. Sono stati poi tracciati gli archi puntando il compasso una volta nel vertice sinistro di L1 con apertura pari a d2, ed una volta puntando il compasso nel vertice destro di L1 con apertura L4. Il punto di incrocio tra i due archi segna esattamente dove finisce il lato L4 che è poi stato rappresentato. Costruzione grafica scala 1:50 24

25 Lo stesso procedimento è stato seguito per rappresentare il lato L3, puntando prima il compasso nel vertice destro di L1 con apertura pari a d2, e poi puntando il compasso nel vertice sinistro di L1 con apertura pari a L3. Il punto di incrocio tra i due archi segna esattamente dove finisce il lato L3 che è poi stato rappresentato. Costruzione grafica scala 1:50 25

26 Chiudendo poi il disegno, ecco che è stato ottenuto L2, come riportato nella planimetria sottostante. Planimetria schematica della stanza scala 1:50 LATO MISURA (cm) L1 360,35 ±0, L2 350 ±1, L3 361,7 ±0, L4 361,825 ±0, d1 506,325 ±0, d2 510,05 ±0,

27 27

28 FOTOGRAMMETRIA Con l avvento della fotogrammetria l uomo è riuscito ad effettuare rilievi del territorio con l ausilio di apposite apparecchiature fotografiche, aumentando così il livello della precisione del rilievo, traendo vantaggi sia a livello qualitativo che a livello economico. Le operazioni della fotogrammetria consistono nello scattare una serie di fotogrammi dell oggetto, determinando poi con una serie di lunghi e complessi calcoli matematici le coordinate plano-altimetriche di ogni singolo punto, dopo ovviamente aver controllato sul posto le zone che magari sono risultate scarsamente visibili, come ad esempio avvallamenti particolarmente profondi. La precisione della fotogrammetria è data dal fatto che con una fotografia del territorio dall alto si riescono a riportare fedelmente tutti i particolari e gli oggetti presenti nella zona, senza preoccuparsi di dimenticarsene qualcuno. Così facendo, il fotogramma sostituisce il libretto di campagna, sul quale l operatore, durante il rilievo diretto sul territorio doveva riportare in una scala opportuna tutti gli oggetti che venivano notati ad occhio nudo nelle giuste loro posizioni. Esistono diversi tipi di fotogrammetria: fotogrammetria aerea: usata a scopi cartografici, per realizzare cartografie di ampie zone con grande precisione fotogrammetria terrestre: usata per scopi cartografici, realizzata da terra esclusivamente in zone non facilmente visibili dall alto (scarpate rocciose, valli profonde, ecc ) fotogrammetria speciale: usata per piccole misurazioni, come ad esempio in campo medico per la visione di organi umani, o in campo industriale per misurazione e creazione di carrozzerie, documentazioni di incidenti stradali fotogrammetria architettonica: usata per il rilevo architettonico di particolari strutturali di edifici, volte, prospetti piani ecc La prima fotogrammetria fu senza dubbio analitica. Bisognava infatti calcolare le coordinate plano-altimetriche di ogni punto analiticamente, partendo dal fotogramma. Verso i primi del 900 queste operazioni venivano effettuate con l ausilio di mono o stereo comparatori di immagine, con i quali le operazioni risultavano senza dubbio più semplici. Evoluzione della restituzione analitica fu quella analogica, basata sul concetto si proiezione ottica del fotogramma sia di tipo meccanica che ottico-meccanica. Successivamente vennero affrontati diversi studi riguardo alla restituzione analitica, ma i risultati ottenuti, anche se molto considerevoli, non potevano essere presi in considerazione a causa della scarsa competitività dei prezzi delle apparecchiature analitiche con quelle analogiche. Solamente in tempi recenti questa competitività economica si è venuta a creare. Verso il 1981 è stata proposta la possibilità di usare immagini digitali fotogrammetriche dalle quali ricavare con estrema semplicità e velocità, grazie a calcolatori automatici, le coordinate di ogni singolo punto in maniera del tutto automatizzata. Fu questo l inizio della restituzione digitale. 28

29 PROCESSO DEL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO Il rilievo fotogrammetrico consiste nel rilevare dai fotogrammi le coordinate X, Y e Z di ogni singolo punto del fotogramma, usando solo le coordinate x e y dello stesso, con operazioni matematiche. Ciò può avvenire sia con l uso di un solo fotogramma, (ottenendo con il suo raddrizzamento un fotopiano), oppure con due fotogrammi di una stessa zona scattati da angolazioni diverse che vengono poi disposti in maniera tale da permettere una restituzione dell immagine in tre dimensioni grazie alla fusione dei due fotogrammi tramite una stereoscopio. In questo caso i fotogrammi vengono disposti nell esatta posizione in cui sono stati scattati, posti uno accanto all altro e poi osservati contemporaneamente ma separatamente. I restitutori di immagini possono essere di tre tipi: analogici: due portalastre nei quali vengono inseriti i fotogrammi orientati esattamente come al momento dello scatto. Il tracciamento è eseguito da pantografi collegati meccanicamente con le lastre analitici: due portalastre che vengono mossi meccanicamente con impulsi provenienti da un elaboratore, che le trasla automaticamente e simultaneamente. Il tracciamento avviene con l utilizzo di plotter che ricevono l impulso direttamente dai calcolatiri che estrapolano direttamente dai fotogrammi le coordinate ed effettuano sul momento i calcoli digitali: utilizza immagini a video, dette raster che, visionate con particolari occhiali vengono visualizzate in tre dimensioni. Il processo fotogrammetrico segue le seguenti fasi: progetto di presa presa dei fotogrammi topografia d appoggio formazione dei modelli e delle triangolazioni aeree restituzione grafica ricognizione finale sul terreno e disegno da plotter o archiviazione La presa dei fotogrammi viene effettuata con speciali camere metriche e realizzata in modo che due fotogrammi consecutivi di sovrappongano almeno del 60% l uno con l altro. Si ha così, con il giusto posizionamento, l immagine tridimensionale attraverso lo stereoscopio. 29

30 LE CAMERE DA PRESA Le camere da presa vengono classificate in base all angolo di campo di cui sono dotate, cioè in base all abbracciamento di territorio che riescono ad incorporare in un singolo fotogramma. Possono essere: camere normali (per grandi scale) camere grandangolari (per medie scale) camere supergrandangolari (per piccole scale) I fotogrammi sono in genere di dimensioni standard 23cm x 23 cm. In base al campo di visione si determinano le seguenti focali di campo: campo normale: 305 mm, 610 mm, 210 mm campo grandangolare: 152 mm campo supergrandangolare: 85 mm, 88 mm Le camere da presa aeree sono molto ingombranti e pesano all incirca 100 kg. Sono dotate di molte apparecchiature ausiliarie, come quelle per la regolazione del tempo di scatto tra un fotogramma e l altro, della regolazione dell inclinazione della macchina da presa rispetto a quella dell aereo, del caricamento della carta fotografica a rullo o digitale. Su una lastra sono presenti alcuni dati relativi allo scatto, come il numero progressivo della tavola, la scala di rappresentazione, le coordinate di latitudine e longitudine, ora data e luogo, griglia per le coordinate di ogni singolo fotogramma. L obbiettivo della macchina da presa viene costruito con una precisione molto alta, per avere un immagine più vicina possibile alla realtà. Ogni macchina è accompagnata da un certificato della casa costruttrice sul quale vengono riportate le caratteristiche tecniche della stessa, come, dato molto importante, la distanza focale (f) ovvero la distanza del centro dell obbiettivo con la lastra. L otturatore viene costruito assieme al diaframma. Il tempo di apertura dell otturatore deve essere molto breve, per evitare l effetto di trascinamento nei fotogrammi dovuto alla velocità di movimento dell aereo. Macchina da presa aerea 30

31 GEOMETRIA DELLA PRESA Con semplici relazioni matematiche si possono calcolare alcuni elementi geometrici utili per il rilievo aerofotogrammetrico. Si può ad esempio calcolare la quota di volo in base alla distanza focale (f) ed al rapporto di scala media di rappresentazione del fotogramma (l su L, dove l sta per la grandezza del fotogramma ed L la sua proiezione sul terreno in scala. Il loro rapporto è proprio la scala media di rappresentazione grafica). Si parla di scala media perché non si può garantire che tutti i punti sono alla stessa distanza H dalla machina da presa a causa delle variazioni di quota del terreno. Si assume così un valore medio di H. Sappiamo che la distanza focale (f), la quota di volo (H), la dimensione del lato del fotogramma (l) e la sua proiezione sul terreno (L) sono legate dalla seguente relazione: f : H = l : L Da qui ne ricaviamo la quota di volo H. Un altro fattore importante è il potere risolutivo dell obbiettivo, perché con ciò si può determinare la dimensione del più piccolo oggetto rappresentabile sul fotogramma in maniera chiara e nitida. La base di presa (b) nasce da una buona relazione tra il voler ottenere una buona immagine stereoscopica e precisa. È stato calcolato che per avere queste precisioni bisogna sovrapporre due fotogrammi consecutivi per almeno il 60%. La base di presa sarà allora il restante 40% della lunghezza L. Altro fattore da tenere conto è la sovrapposizione trasversale delle strisciate contigue. Questa sovrapposizione deve essere tra il 10% ed il 20%, ciò per garantire che non rimangano zone non rappresentate tra una strisciata e l altra. Per effettuare le strisciate l aereo può seguire rotte nord-sud oppure est ovest. Perché si possa effettuare correttamente u rilievo aerofotogrammetrico bisogna tener conto anche di alcune condizioni meteorologiche: assenza di nebbia o nuvole a bassa quota assenza di forti raffiche di vento per evitare eccessivi spostamenti della rotta dell aereo raggi solari inclinati di un angolo superiore a 30 - condizioni vegetative a terra ottimali per non coprire alcuni particolari Con queste condizioni, le giornate utili per i rilievi aerofotogrammetrici sono davvero poche. 31

32 Fotogrammetria Digitale Oggi è molto diffuso l utilizzo di immagini digitali create con apposite macchine digitali o con la digitalizzazione di un fotogramma tramite scanner. Con il loro uso si è in grado di rendere automatici molti processi fotogrammetrici, come l orientamento dei fotogrammi, il disegno delle relative cartografie per coordinate e la costruzione di modelli 3D, lavorando anche con immagini di scarsa qualità. Il processo di restituzione digitale di un immagine precede i seguenti passaggi: acquisizione dei fotogrammi tramite scanner orientamento interno creazione del modello 3D elaborazioni automatizzate dell immagine elaborazioni di disegno manuale a video E stata nominata nelle pagine precedenti l immagine digitale, meglio nominata raster. Questa immagine nasce dalla suddivisione dell immagine fotografica in elementi di dimensioni finite chiamati pixel, trasformando l immagine in una matrice righe per colonne. L origine di questo sistema viene fissato per convenzione nell angolo in alto a destra del fotogramma. È così possibile associare ad ogni singolo pixel delle coordinate. Per calcolare le coordinate di un oggetto rappresentato nell immagine basterà così calcolare la posizione del pixel all interno della matrice, calcolo che avviene in maniera del tutto automatica. RISOLUZIONE DELL IMMAGINE La risoluzione di un immagine è la nitidezza di rappresentazione della stessa, la possibilità di individuare chiaramente il più piccolo oggetto presente. Le risoluzione delle immagine possono essere di due tipi. Parliamo di risoluzione radiometrica quando ci basiamo sulle gradazioni di colorazione dell immagine. In un immagine ci sono 256 livelli cromatici differenti. Se l immagine è in bianco e nero, verrà fissato il valore 0 al colore nero, mentre il livello 255 al colore bianco. L intervallo tra i valori rappresenta ogni tipo di gradazione di grigio. Se l immagine è a colori, si divide ogni singola tonalità cromatica nei tre colori base rosso giallo e verde, ai quali si affidano valori da 0 (assenza di colore) a 255 (saturazione del colore). La radiometria di un pixel a colori nasce dalla somma dei valori di ogni singolo colore base. Parliamo di risoluzione geometrica quando ci si riferisce direttamente alle dimensioni dei pixel. È strettamente legata alla capacità di risoluzione delle macchine da presa e degli scanner. 32

33 VISIONE STEREOSCOPICA NEL CAMPO DIGITALE I sistemi di visione stereoscopica nel campo digitale sono sostanzialmente di sue tipi: occhiali a polarizzazione attiva schermo a polarizzazione attiva ed occhiali passivi Ambedue i sistemi permettono la creazione di un immagine tridimensionale dalla fusione di due fotogrammi, che si viene a creare con la proiezione alternata dei due fotogrammi ad alta frequenza, facendo visualizzare con l occhio destro l immagine destra e con l occhio sinistro l immagine sinistra. Nel primo caso si usano degli occhiali a polarizzazione, che, collegati al monitor, oscura con le stesse frequenze di visualizzazione dell immagine la vista dell occhio destro e sinistro. Nel secondo caso è uno schermo a cristalli liquidi posto davanti al monitor ad oscurare alternativamente le immagini. L operatore indossa dei normali occhiali polarizzati che permettono di visualizzare l immagine in 3D. ALGORITMI DI UN IMMAGINE DIGITALE Tramite questi algoritmi di autocorrelazione è possibile individuare automaticamente immagini omologhe in due fotogrammi, i modo da poterli orientare correttamente con una precisione pari alle dimensioni di un pixel. Queste operazioni possono essere eseguite basandosi o in base ai valori radiometrici dell immagine o i base alle relazioni tra gli spazi geometrici presenti. In generale si basano sulla comparazione delle gradazioni di grigio tra i pixel delle immagini. Ci si aiuta con una matrice sagoma che viene tenuta ferma sull oggetto da cercare all interno dell altro fotogramma, e di una matrice di ricerca, che cerca muovendosi all interno del secondo fotogramma l immagine analoga evidenziata nel primo fotogramma dalla matrice sagoma. Esistono due tecniche: tecnica Cross-corelation che si basa sulla correlazione tra i livelli di grigio e che fornisce una precisione al livello del pixel; tecnica Least Squares Matching che considera anche le distorsioni radiometriche e le deformazioni di immagine, ottenendo così una precisione inferiore al pixel Il processo di autocorrelazione avviene seguendo quattro punti: selezione dell entità per la correlazione dell immagine individuazione della corrispondente entità su un altra immagine calcolo della posizione nello spazio del punto considerato valutazione della qualità della correlazione Il primo punto sta a significare la ricerca automatica di punti facilmente individuabili nel primo fotogramma 33

34 Il secondo riguarda la ricerca degli stessi all interno di una seconda immagine,secondo i metodi della scomposizione piramidale (si scompone l immagine in immagini con risoluzioni via via più base e si parte a cercare da quella con risoluzione più bassa) e della geometria epipolare (basata sul presupposto che i fotogrammi sono fissati su un unico piano e che quindi i unti possono essere cercati su di una stessa linea). 34

35 ESERCITAZIONE DI AEROFOTOGRAMMETRIA Piano di volo per rilievo aerofotogrammetrico della regione Lazio DATI DI PROGETTO Scala 1 : Distanza focale (f): 150 mm Dimensioni fotogramma (l): 23 cm x 23 cm Velocità Aereo: 200 km/h CALCOLO DEL LATO DEL FOTOGRAMMA IN SCALA 1: PROIETTATO SUL TERRENO (L) Nota la scala di progetto, nota la dimensione dei lati del fotogramma, possiamo impostare la seguente proporzione: 1 cm : cm = 23 cm : X X = cm m CALCOLO DELLA QUOTA DI VOLO DELL AEREO (H) Sappiamo che la distanza focale (f), la quota di volo (H), la dimensione del lato del fotogramma (l) e la sua proiezione sul terreno (L) sono legate dalla seguente relazione: dove: f = 150 mm 0,15 m l = 23 cm 0,23 m L = m f : H = l : L Conoscendo I valori, impostiamo la proporzione: 0,15 m : H = 0,23 m : m H = m 35

36 CALCOLO DELL AREA DI UN FOTOGRAMMA PROIETTATA SUL TERRENO IN SCALA 1 : Sono note le dimensioni dei lati della porzione di terreno rappresentata all interno di un fotogramma. Pertanto possiamo calcolarne l area: A = L x L m x m = m 2 47,61 km 2 CALCOLO DELLA BASE DI PRESA (b) La base di presa b è definita come la distanza tra i centri di due fotogrammi, ed ha valore pari al 40% di L, ovvero 40% di m = m 2,76 km CALCOLO DEL TEMPO DI SCATTO TRA UN FOTOGRAMMA E L ALTRO Sapendo che l aereo vola a 200 km/h (velocità minima perché l aereo riesca a rimanere sospeso in aria) e conoscendo la base di presa, possiamo impostare la seguente proporzione, riportano le lunghezze in m e i tempi in secondi: s : m = X : m X = 49,68 s CALCOLO DEL NUMERO APPROSSIMATIVO DI FOTOGRAMMI DA SCATTARE Sappiamo che la superficie del Lazio misura km 2. Per regola, i fotogrammi contigui presenti all interno di una strisciata devono essere sovrapposti del 60% gli uni agli altri (fotogramma 2 sovrappone il fotogramma 1 per il 60%, fotogramma 3 sovrappone il fotogramma 2 per il 60 % e così via ). Così facendo si ottiene un fotogramma utile ogni tre fotogrammi continui sovrapposti. Proprio per questa ragione, basta dividere la superficie del Lazio per il valore della superficie di un fotogramma proiettato sul terreno e moltiplicare per tre il valore appena ottenuto, trovando così approssimativamente il numero di fotogrammi da scattare per avere una visione aerofotogrammetrica del Lazio km 47,61km fotogrammi puliti 362 x 3 = fotogrammi sovrapposti 36

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria principi della fotografia metrica la fotogrammetria aerea

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO PRINCIPI TEORICI La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di ottenere dati metrici di un qualsiasi oggetto (forma

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO Corsi di Laurea in: - Gestione tecnica del territorio agroforestale e Sviluppo rurale - Scienze forestali e ambientali - Costruzioni rurali e Topografia RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO 5. Fotogrammetria

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Aerofotogrammetria 2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Dal negativo, impressionato in volo, si possono ottenere diversi prodotti tra cui: stampe a contatto, ingrandimenti, raddrizzamenti, ortofoto e restituzioni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il satellite Il satellite ruota attorno alla terra a centinaia di chilometri di altezza ed è fornito di sofisticati strumenti di misura e di

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

Costruzioni e Territorio

Costruzioni e Territorio UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI AGRARIA Costruzioni e Territorio C.L.: Tecnologie agrarie A.A. 2014-2015 Prof. Lorenzo Boccia lorenzo.boccia@unina.it AGR10 = Costruzioni Rurali

Dettagli

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati Prerequisiti 2. Raddrizzamento analitico Obiettivi

Dettagli

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R.

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R. Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE Autore Prof. Renato Avato Faenza, ottobre 2000 1 DIGITALIZZAZIONE DELL IMMAGINE 1.1 Considerazioni tecniche sulla scansione Le nuove tecnologie in

Dettagli

LA CARTOGRAFIA ITALIANA

LA CARTOGRAFIA ITALIANA LA CARTOGRAFIA ITALIANA ENTI CARTOGRAFICI ITALIANI che producono cartografia di base: I.G.M. - Istituto Geografico Militare Sede a Firenze Carta Topografica d Italia: VECCHIA PRODUZIONE 1:100.000 Fogli

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di fotogrammetria Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Definizioni e scopi della

Dettagli

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI Esistono 3 tipi di dati: 1- Dati tabellari (informativi) 2- Dati geometrici (territoriali) 3- Dati geometrici e tabellari (informativi territoriali) La localizzazione

Dettagli

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi Martina Agazzi Corso di Tecniche plastiche contemporanee Prof. Carlo Lanzi RILEVAMENTO 3D DI UN OGGETTO ARTISTICO (SCULTURA) Luce strutturata Dispositivo portatile, facilmente trasportabile digitalizzazione

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES pag. 16-17-18 Unità aggiornata: 7/2012 2 Se vogliamo

Dettagli

Topografia e cartografia digitale

Topografia e cartografia digitale Prof. Fausto Sacerdote Topografia e cartografia digitale Capitolo 1 Fotogrammetria dispense del corso Modulo Professionalizzante Corso per Tecnico in Cartografia Tematica per i Sistemi Informativi Territoriali

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Raddrizzamento fotografico Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati.

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione

Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione ARCHITETTURE d INTERNI servizi di progettazione professionale on-line Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione La presente guida intende fornire le indicazioni

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Esercizi per l esame di patente nautica Tutte le prove per esercitarsi in vista dell esame. 130 esercizi autocorrettivi e autovalutativi a tempo.

Esercizi per l esame di patente nautica Tutte le prove per esercitarsi in vista dell esame. 130 esercizi autocorrettivi e autovalutativi a tempo. Varrone Terenzio Esercizi per l esame di patente nautica Tutte le prove per esercitarsi in vista dell esame. 130 esercizi autocorrettivi e autovalutativi a tempo. 360 quiz a risposta aperta e multipla

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA I. I. S."MOREA-VIVARELLI" ----- FABRIANO ********************************************************* sez. COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO - a.s.2013/2014 corso di TOPOGRAFIA prof. FABIO ANDERLINI nella classe

Dettagli

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE SardegnaFotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale L immagine fotografica è una proiezione centrale La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale Nei casi in cui l'oggetto del rilievo si possa considerare definito

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre ad indagini geologico-strutturali di terreno M. Rinaldi (*), C.R. Perotti (*), F. Zucca (*) (*) Università degli Studi di Pavia - Dipartimento di Scienze

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Le scale di riduzione

Le scale di riduzione Le scale di riduzione Le dimensioni di un oggetto, quando sono troppo grandi perché siano riportate sul foglio da disegno, si riducono in scala. Scala 1 a 200 (si scrive 1 : 200) rappresenta una divisione.

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione generale per i porti S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO Guida alla compilazione del Modello Domanda D3 (Parte Tecnica: cartelloni, insegne

Dettagli

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo Abteilung 41 Grundbuch, Grund- und Gebäudekataster Amt 41.2 Inspektorat für den Kataster Ripartizione 41 Libro fondiario, catasto fondiario e urbano Ufficio 41.2 Ispettorato per il catasto La mappa catastale

Dettagli

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Come si pianifica un rilievo fotogrammetrico da drone Dronitaly, 25-26 settembre 2015 ATA Hotel EXPO

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri COMPETENZA CHIAVE MATEMATICA Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno utilizza il calcolo scritto e mentale con i numeri

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana.

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Il monitoraggio geodetico di una frana Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Per determinare

Dettagli

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI In queste lezioni impareremo ad usare i fogli di calcolo EXCEL per l elaborazione statistica dei dati, per esempio, di un esperienza di laboratorio. Verrà nel seguito spiegato:

Dettagli

Problematiche di allineamento tra cartografie catastali e DB topografici

Problematiche di allineamento tra cartografie catastali e DB topografici Gabriele GARNERO garnero@agraria.unito.it Problematiche di allineamento tra cartografie catastali e DB topografici Seminario AM/FM Il decentramento del catasto ai Comuni BERGAMO, 07/05/02 Università degli

Dettagli

Valutazioni metriche di piattaforme UAV per rilievi e modellazioni 3D

Valutazioni metriche di piattaforme UAV per rilievi e modellazioni 3D Valutazioni metriche di piattaforme UAV per rilievi e modellazioni 3D M. Lo Brutto, A. Garraffa Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali (DICAM) Università di Palermo

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni:

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: 1 - FILE FIGURA 1.1 Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: - apertura e salvataggio di disegni nuovi ed esistenti; - spedizione di disegni tramite email; - collegamento

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese

Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell'ambiente Costruito POLITECNICO DI MILANO Comunedi Varese ProtocolloGenerale n. 0023289 dei20/0b/2009 Classificazione:10/10105 COMUNE DI VARESE, 6 MAG.2009 1111

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI La Topografia è sempre stata una materia di primaria importanza per i Geometri. Adesso che la materia si evolve verso la Geomatica, le esigenze formative si fanno ancora più evidenti e pressanti, infatti

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

Orientamento e restituzione

Orientamento e restituzione UNITÀ T3 Orientamento e restituzione TEORI 1 Orientamento dei fotogrammi 2 Orientamento interno 3 Orientamento esterno 4 Orientamento relativo 5 Orientamento assoluto 6 Triangolazione aerea 7 Equazioni

Dettagli

11 - Rilievo tridimensionale di un edificio con distanziometro senza prisma e restituzione dei prospetti in 2D

11 - Rilievo tridimensionale di un edificio con distanziometro senza prisma e restituzione dei prospetti in 2D 11 - Rilievo tridimensionale di un edificio con distanziometro senza prisma e restituzione dei prospetti in 2D Vediamo in questo capitolo una procedura molto importante di PFCAD CATASTO quale il disegno

Dettagli

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale.

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale. Cenni di geografia astronomica. Tutte le figure e le immagini (tranne le ultime due) sono state prese dal sito Web: http://www.analemma.com/ Giorno solare e giorno siderale. La durata del giorno solare

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

IsoStereo 3D: il sistema generale ed automatizzato per ricostruzione tridimensionale

IsoStereo 3D: il sistema generale ed automatizzato per ricostruzione tridimensionale IsoStereo 3D: il sistema generale ed automatizzato per ricostruzione tridimensionale Isomorph srl, Giugno 2008 Caratteristiche del programma: IsoStereo 3D elabora immagini stereoscopiche e ricostruisce

Dettagli

LE SCALE DI RIDUZIONE

LE SCALE DI RIDUZIONE LE SCALE DI RIDUZIONE la prima cosa che si deve osservare in una carta, insieme all'equidistanza fra le curve di livello, è la scala di riduzione che è sempre in primo piano, é altresì importante osservare

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2 Azione 2 REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI CONSULTAZIONE ON LINE DELLE COPERTURE AEROFOTOGRAMMETRICHE REGIONALI e VIDEOCONSULTAZIONE IN STEREOSCOPIA CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSE La Regione Campania nell ambito

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

Come costruire una distribuzione di frequenze per caratteri quantitativi continui

Come costruire una distribuzione di frequenze per caratteri quantitativi continui Come costruire una distribuzione di frequenze per caratteri quantitativi continui Consideriamo i dati contenuti nel primo foglio di lavoro (quello denominato dati) del file esempio2.xls. I dati si riferiscono

Dettagli

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l.

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Aerofotogrammetria Dettagli costruttivi Aerofotogrammetria con SAPR Introduzione Al-To Drones Srl 2 Introduzione Lunghezza focale

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

3 Lavorare con i livelli

3 Lavorare con i livelli INTRODUZIONE 3 Lavorare con i livelli I livelli costituiscono un elemento essenziale nella programmazione di un filmato FLASH. Mentre i fotogrammi individuano la sequenzialità, i livelli definiscono la

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE

Università Iuav di Venezia - CIRCE Università Iuav di Venezia - CIRCE Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani aerei con RDF Silvia Mander, Davide Miniutti Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1 Avvio di RDF

Dettagli

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo Disegnare Il disegno (1) Quando si disegna in Adobe Photoshop si creano forme vettoriali e tracciati. Per disegnare potete usare gli strumenti: Forma Penna Penna a mano libera Le opzioni per ogni strumento

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

RESTITUZIONE ED ANALISI NUMERICA DI DATI FOTOGEOLOGICI 3D A PARTIRE DA FOTO AEREE E TOPOGRAFIA ANALOGICHE

RESTITUZIONE ED ANALISI NUMERICA DI DATI FOTOGEOLOGICI 3D A PARTIRE DA FOTO AEREE E TOPOGRAFIA ANALOGICHE RESTITUZIONE ED ANALISI NUMERICA DI DATI FOTOGEOLOGICI 3D A PARTIRE DA FOTO AEREE E TOPOGRAFIA ANALOGICHE Alberto ANTINORI (*) Luigi CARMIGNANI (**) (*) Sistemi Territoriali Srl (**) Dip.. Scienze della

Dettagli

LA VISIONE STEREOSCOPICA

LA VISIONE STEREOSCOPICA LA VISIONE STEREOSCOPICA ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Università degli Studi dell Insubria A.A. 2004/2005 Sinardi Matteo Zappino Massimo Indice Introduzione Cenni storici L'occhio umano La stereopsi Stereogrammi

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

RILIEVI TOPOGRAFICI ED ARCHITETTONICI CON APPARECCHIATURA LASER SCANNER

RILIEVI TOPOGRAFICI ED ARCHITETTONICI CON APPARECCHIATURA LASER SCANNER Studio Tecnico Associato CALCATERRA Geom. Giancarlo - PRADELLA Geom. Ermindo SONDRIO RILIEVI TOPOGRAFICI ED ARCHITETTONICI CON APPARECCHIATURA LASER SCANNER Cenni metodologici ed esempi Febbraio 2015 L

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it L'impiego dei droni per lo svolgimento delle attività professionali. Qualità e affidabilità delle

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Elementi chiave della formattazione professionale per immagini guida avanzata GRAFICO PIRAMIDI 35 30 25 20

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE FotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca 3.

Dettagli

1 Il Laser 2 Il laser quindi non è altro che una radiazione elettromagnetica, ovvero un'onda luminosa, avente particolari caratteristiche: deve essere composta da luce di una sola frequenza (monocromaticità).

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

Come si orienta un blocco fotogrammetrico

Come si orienta un blocco fotogrammetrico Come si orienta un blocco fotogrammetrico Marica Franzini DICAR Università degli Studi di Pavia Marica Franzini DRONITALY 25-26 settembre 2015 Milano - Pag. 1 a 45 La misura fotogrammetrica La misura fotogrammetrica

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo Definizione e scopo della topografia Nel suo significato etimologico, topografia vuoi dire descrizione dei luoghi. La topografia è, infatti, quella scienza che ha per scopo lo studio, la descrizione e

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli