PRINCIPI DI CARTOGRAFIA E ORIENTAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPI DI CARTOGRAFIA E ORIENTAMENTO"

Transcript

1 Raffaella Lovreglio CAPITOLO 24 PRINCIPI DI CARTOGRAFIA E ORIENTAMENTO INDICE 1 LE CARTE TOPOGRAFICHE La scala della carta Le curve di livello e pendenza Simbologia Coordinate geografiche Orientamento della carta Misure delle distanze sulle carte 19 2 IL SISTEMA G.P.S PERIMETRAZIONE DELLE AREE PERCORSE DA INCENDIO CON USO DI GPS 24 Acronimi e sigle AIMA = Azienda Interventi sul Mercato Agricolo I.G.M = Istituto Geografico Militare GIS = Geographic Information System GPS = Global Position System GPRS = General Packet Radio Service GSM = Global System for Mobile Communications SA = Selective Availability USB = Universal Serial Bus UTM = Universale Trasversa di Mercatore

2

3 1 LE CARTE TOPOGRAFICHE La carta è una rappresentazione grafica, in scala ridotta, della realtà vista dall alto, con una propria simbologia e linguaggio; consente la rappresentazione in piano, ridotta, approssimata e simbolica di un tratto, più o meno esteso, della superficie terrestre. A seconda della loro scala, le carte si suddividono in: geografiche (scale a denominatore molto grande, oltre ); corografiche (a scala oltre ); topografiche (scale comprese fra e ); mappe (da a ) Le carte topografiche contengono informazioni visualizzate mediante opportune simbologie e mostrano elementi fisici o antropogeografici che esistono realmente sul suolo, nonché elementi immaginari quali limiti regionali, amministrativi, ecc. ed i sistemi di coordinate. La carta fondamentale d Italia consta di fogli alla scala 1: realizzati dall Istituto Geografico Militare (I.G.M.) di Firenze. Ogni foglio di forma all incirca quadrata è stato diviso in 4 quadranti, riportati alla scala di 1: Questi sono stati a loro volta divisi in 4 tavolette alla scala 1: Un foglio comprende quindi 4 quadranti e 16 tavolette. La carta d Italia comprende 277 fogli numerati da 1 a 277. I quadranti di ciascun foglio sono distinti da numeri romani (I, II, III, IV) incominciando in alto a destra e procedendo in senso orario. Le tavolette sono distinte in base alla posizione che esse hanno rispetto al punto di unione di tutte 4, quindi NE, NO, SE e SO (Fig. 1). La maggior parte delle carte non edite dall I.G.M. rispetta questa suddivisione. Fig. 1 Grafico delle suddivisioni di un foglio della carta topografica d Italia I, II, III, IV = quadranti NE, NO, SE, SO = tavolette. 3

4 Le carte topografiche utili nell attività antincendio e disponibili sono: Carte I.G.M. 1: in produzione aggiornata Carte 1: edite da privati. Ne esistono diverse nelle regioni italiane. Sono molto aggiornate per quanto riguarda le strade e facilmente leggibili perché a colori. Tavolette I.G.M. 1: attualmente in produzione aggiornata, anche se sono ancora disponibili all IGM le tavolette che risalgono a circa 50 anni fa. Permettono una orientazione precisa sul territorio, sono dettagliate ma a tratti, imprecise e non sempre aggiornate, soprattutto per la viabilità, i fabbricati sparsi e il land-use. A partire dal 1986 l Istituto Geografico Militare ha articolato la produzione cartografica in serie corrispondenti alle varie scale contraddistinte da una copertina colorata che le caratterizza: serie 25V: scala 1: azzurro, terminata serie 25: scala 1: azzurro, terminata serie 25 DB: scala 1: azzurro, in produzione serie 50 e 50/L: scala 1: arancione, in produzione serie 100V e 100L: scala 1: marrone, terminata Nell ambito di ciascuna serie possono esservi tipologie cartografiche diverse. Alcune di queste tipologie sono state contraddistinte da una lettera: L per cartografia con limiti amministrativi, evidenziati in viola G per cartografia contenente informazioni aeronautiche S per cartografia elaborata da immagini da satellite V per cartografia vecchio taglio, in quanto già in corso di sostituzione, ma tuttora ristampata e posta in vendita 1.1 La scala della carta Si definisce scala di una carta il rapporto fra la distanza di due punti qualsiasi segnati sulla carta (distanza planimetrica) e la loro distanza reale sul terreno (Fig. 2). Così, per esempio, scala 1: indica che due punti distanti sulla carta cm 1 sono nella realtà distanti cm , cioè m 250. La scala si può indicare anche graficamente, tracciando un segmento campione ed esprimendone la lunghezza nella scala della carta. Sulle carte topografiche è riportata la scala grafica, che è molto utile perché permette di effettuare una misurazione direttamente sulla carta senza bisogno di calcoli (Fig. 3). 4

5 Fig. 2 Concetto di scala topografica. Fig. 3 Le diverse scale grafiche. 1.2 Le curve di livello e pendenza Per rendere graficamente le caratteristiche del terreno, variamente accidentato, si ricorre a sistemi convenzionali: quote e curve di livello, come fondamentali; tratteggio, lumeggiamento e colorazione, come complementari. Per quota di un determinato punto del terreno si intende la sua altezza, o altitudine, riferita ad un piano orizzontale di paragone, corrispondente al livello del mare. Il sistema delle quote si applica in riferimento a punti topografici caratteristici e ben definiti: culmini, colli, abitati, ecc.; da solo, quindi, il sistema delle quote non può risolvere il problema della rappresentazione altimetrica. L andamento della superficie del suolo viene indicato, ormai universalmente, con il sistema delle curve di livello o isoipse, linee immaginarie che uniscono tutti i punti del terreno situati a quota (o livello, o altitudine) uguale: risultano dalla intersezione ideale della superficie del terreno con piani orizzontali di determinata quota (Fig. 4). La distanza verticale, cioè il dislivello tra ognuno di questi piani e il successivo (per una data carta) è costante e chiamasi equidistanza. Curve ravvicinate rappresentano una maggiore pendenza, mentre curve più rade una pendenza minore. 5

6 Fig. 4 Le curve di livello: sezioni dei piani orizzontali. Le curve di livello sono di 3 tipi: direttrici: segnate a tratto continuo e pesante, interrotte per portare l indicazione della quota relativa (che è un multiplo dell'equidistanza); generalmente hanno equidistanza di 100 m.; intermedie: segnate a tratto continuo e meno inciso; sono comprese fra due curve direttrici e non portano l'indicazione di quota; generalmente equidistano 25 m.; ausiliarie: hanno una equidistanza sottomultipla delle intermedie e vengono segnate con linea e trattini entro due curve intermedie successive; generalmente equidistanti 5 m. Alle curve ausiliarie si ricorre solo allorché non è possibile rendere con chiarezza la rappresentazione di una particolare forma dei terreno, mediante le sole curve intermedie. A completamento delle curve di livello e soprattutto quando per la eccessiva pendenza del terreno queste risulterebbero troppo vicine, si ricorre ad altri metodi: il tratteggio, più o meno fitto secondo la maggiore o minore pendenza e con l andamento dei trattini secondo la direzione del pendio; il lumeggiamento o sfumo, che pone in evidenza ottica i rilievi del terreno (Fig. 5). 6

7 Fig. 5 Rappresentazioni di una particolare forma dei terreno. Il terreno compreso fra due curve di livello deve intendersi di pendenza uniforme, a meno che non sia indicato diversamente (per es. con le curve ausiliarie). La pendenza espressa in percentuale dei terreno compreso fra due curve di livello successive si determina per due punti qualsiasi (Fig. 6) come rapporto tra distanza e dislivello. Nel caso particolare il dislivello è rappresentato dalla equidistanza delle curve: a parità di equidistanza la pendenza è inversamente proporzionale alla distanza naturale fra le curve stesse, nel tratto considerato. 7

8 Fig. 6 Calcolo della pendenza del pendio. La quota di un punto compreso fra due curve di livello si ricava per interpolazione dalla quota delle due curve; se il punto è pressoché equidistante da ambedue, la sua quota sarà la media fra quella delle curve; se più vicino all una o all altra si può fare una semplice proporzione (per es. se fosse distante 1/3 da quella inferiore e 2/3 da quella superiore, la sua quota sarà eguale a quella della curva inferiore aumentata di 1/3 dall equidistanza e così via). Un occhiata alle curve di livello di una carta fornisce immediatamente un idea sulla configurazione del terreno, poiché le curve infittiscono (Fig. 7) quando la pendenza è rilevante, e viceversa (un terreno perfettamente piano non ha curve di livello. Un esame appena più approfondito fornisce ulteriori particolari immediati: curve di livello che presentano le concavità a monte indicano costoni o speroni, cioè displuvi (linee di demarcazione delle acque); curve di livello con la concavità a valle indicano impluvi, cioè linee di raccolta delle acque, vallette, canaloni, ecc.. (Fig. 8 e 10). Sono tutte situazioni in cui il comportamento di un fronte di fiamme può assumere comportamenti inattesi e che vanno pertanto considerate con attenzione (Fig. 9). 8

9 Fig. 7 Tipi di terreno in relazione alle linee di livello. Cresta Canaloni incassati Parete quasi verticale Fig. 8 Esempi di curve di livello e corrispondente rappresentazione cartografica. 9

10 Fig. 9 Diverse situazioni indicate dalla curve di livello e potenzialmente pericolose in caso di fuoco spinto dal vento che risale la china, in particolare 3 e 7 (pendice ripida) 6 valle stretta e incassata. Fig. 10 Interpretazione delle curve di livello sulla carta. 10

11 1.3 Simbologia La carta utilizza un insieme di simboli per indicare la realtà presente sul suolo. Più la carta è dettagliata maggiore è il numero dei simboli usati di cui solitamente riporta in margine la legenda esplicativa. Nelle carte moderne si fa inoltre largo uso dei colori per meglio evidenziare i particolari. (Figg ). Fig. 11 Legenda esplicativa della simbologia I.G.M. relativa ad altimetria, idrografia, confini e uso del suolo. 11

12 Fig. 12 Legenda esplicativa della simbologia I.G.M. relativa alla viabilità. 1.4 Coordinate geografiche A partire dal 1950, in sede internazionale, in particolare per scopi militari, è stato introdotto il sistema UTM. Il globo è stato suddiviso in 60 fusi di 6 di longitudine numerati progressivamente a partire dall antimeridiano di Greenwich. Nel senso della latitudine la superficie rappresentata nel sistema UTM è stata suddivisa in 20 fasce parallele dell estensione di 8 (Fig. 13). L Italia è quindi compresa nei fusi 32, 33 e 34 e nelle fasce S e T. Tali informazioni sono sempre riportate in calce alle carte. Ogni zona è stata ulteriormente suddivisa, sul reticolato chilometrico della carta, in quadrati di 100 Km di lato, designati da una coppia di lettere maiuscole scelta in modo tale che non si ripeta entro un area di 18 di latitudine e 18 di longitudine (Fig. 14). La designazione di un punto può così essere effettuata tramite un unica sigla alfanumerica che comprende: il fuso di appartenenza; la fascia di appartenenza il quadrato di lato 100 KM di appartenenza; la distanza in decametri o ettometri (in ascissa e ordinata) del punto dall origine del quadrato. 12

13 Fig. 13 Il sistema UTM. Fig. 14 Fusi e fasce ricadenti nel territorio nazionale: ogni quadrato ha 100 km di lato ed è indicato con una coppia di lettere maiuscole. 13

14 L operazione di designazione di un punto è effettuata avvalendosi della numerazione verticale e orizzontale della quadrettatura chilometrica o reticolato sovrapposto alla rappresentazione del terreno. Per tale operazione ci si avvale di uno strumento chiamato coordinatometro (Fig. 15) che si trova anche riprodotto a destra in basso sulle carte, in prossimità del riquadro dove si trovano le istruzioni. Fig. 15 Coordinatometro (non in scala). Designazione di un punto Su ogni carta topografica IGM in un riquadro a destra in basso è riportato un esempio di designazione di un punto con l approssimazione di 100 m (Fig ). In esso oltre alla denominazione del foglio (in alto) è indicato il fuso e la zona di riferimento oltre alla indicazione del quadrato di 100 km di lato (nel caso in esame 33T, XE). Fig. 16 Esempio di designazione di un punto. 14

15 Fig. 17 Stralcio del Foglio SENISE 211 II NO (immagine non in scala). 15

16 Esempio di designazione di un punto Effettuare la designazione del punto corrispondente a Masseria Cirigliano ubicato nel quadrato del reticolo di 1 km di lato, delimitato a sinistra dal meridiano segnato in grassetto 11 e sotto dal parallelo segnato in grassetto 39 (Fig. 18). Già con la indicazione 33TXE1139 si indica con precisione tale ambito dell ampiezza di 100 ha, cioè di 1 km 2. Per segnare il punto, misurare con il coordinatometro la distanza in ettometri dal meridiano 11; essa è di 1. Poi misurare la distanza in ettometri dal parallelo 39; essa è di 4. Il punto sarà pertanto cosi segnato con l approssimazione dei 100 metri: 33TXE Fig. 18 Individuazione di un punto sulla carta (stralcio del Foglio SENISE 211 II NO illustrato nella figura precedente). 16

17 1.5 Orientamento della carta Le carte topografiche sono tutte realizzate con il Nord geografico verso l alto. Per Nord geografico (N) s intende l effettiva direzione verso il Polo Nord terrestre. Il reticolo di coordinate (Nord reticolato Nr) può per ragioni varie non essere orientato esattamente con il Nord geografico ma differirne di un angolo, detto convergenza. Anche il Nord magnetico (Nm), quello cioè indicato dalla bussola, non corrisponde al Nord geografico differendone di un angolo, detto declinazione magnetica. Questo angolo non è costante e varia lentamente nel tempo o a seconda dei luoghi; viene comunque di solito indicato sulle carte. Orientare la carta significa disporla in piano orizzontalmente e ruotarla in modo che la direzione del Nord della carta corrisponda esattamente con il Nord reale. In questo modo l ambiente circostante corrisponderà, come posizione, con la carta permettendoci di ricercare i particolari che ci interessano nella direzione che la carta ci indica. La carta si può orientare facilmente se si dispone di una bussola: basta collocare quest ultima con l asse parallelo a un lato verticale della carta e ruotare il tutto finché l ago non indica i gradi di declinazione magnetica segnati in margine alla carta stessa (Fig. 19). Fig. 19 Orientamento della carta topografica con la bussola. Se non si dispone di una bussola vi sono molti sistemi per orientarsi, tutti però dipendenti da una buona visibilità. Il modo più semplice è orientare direttamente la carta sfruttando gli allineamenti di punti notevoli, osservando cioè dei particolari facilmente individuabili sul terreno e confrontandone la posizione sulla carta. Di notte si individua il Nord mediante la Stella Polare, facilmente individuabile. Essa indica quasi esattamente (con un grado di errore) il Nord. Per individuare la Stella Polare bisogna riportare cinque volte la distanza delle ultime due stelle dell Orsa Maggiore; il punto trovato indica il Nord (Fig. 20). 17

18 Fig. 20 Identificazione della Stella Polare. Di giorno il sole, a seconda dell ora della giornata, dà una indicazione approssimativa con l aiuto dell'orologio (non digitale!!) (Fig. 21 e 22). Fig. 21 Orientamento con orologio. Tenendo orizzontale l orologio, ruotarlo fino a quando la lancetta delle ore punti verso il sole. La bisettrice dell angolo formato dalla lancetta delle ore e le ore 12 indica la direzione del Sud, il Nord sarà dalla parte opposta. Fare sempre il calcolo considerando l'ora solare. Si può anche procedere sistemando un fiammifero o un filo d erba verticalmente al centro dell'orologio, che va tenuto in piano. Si orienta l orologio fino a quando l ombra proiettata dal fiammifero va a coincidere con la lancetta delle ore. La direzione del Nord sarà individuata dalla bisettrice dell angolo formato dalla lancetta delle ore con le ore 12. Fare sempre il calcolo considerando l ora solare (Fig. 22). 18

19 Fig. 22 Uso del fiammifero posto verticalmente al centro dell orologio. 1.6 Misure delle distanze sulle carte Per determinare la distanza rettilinea fra due punti determinati, si misura sulla carta la lunghezza, in millimetri, che separa i due punti e si moltiplica questa misura per la scala della carta divisa per Ad es. distanza grafica 47 mm.; scala della carta 1:50.000; la distanza naturale è m 47 x 50 = m. Ove si debba misurare una distanza non rettilinea si utilizza un mezzo flessibile (spago, filo d erba) e lo si adatta sulla carta all'andamento del percorso. Per la misura di tracciati non rettilinei si può usare anche una strisciolina di carta su cui riportare uno dopo l'altro i piccoli tratti rettilinei in cui si può scomporre il tracciato stesso, oppure un compasso, o più comodamente l apposito strumento detto curvimetro, in cui una rotellina, che segue sulla carta la sinuosità del tracciato, segna direttamente su un quadrante, suddiviso in varie scale, l effettiva distanza naturale. Alle volte invece della distanza planimetrica fra due punti, specie se il loro dislivello è sensibile, può interessare di conoscere la distanza reale. Tale distanza corrisponde alla ipotenusa AB del triangolo rettangolo, di cui CB costituisce la distanza planimetrica e l altezza CA il dislivello (Fig. 23): allora AB = AC 2 + BC 2 (teorema di Pitagora). 19

20 Fig. 23 Distanza planimetrica e distanza reale. Esempio Se distanza planimetrica è m 300 e dislivello m 50, la distanza reale è: AB = = 304,13 Nello stesso esempio 50/300 = 17% (pendenza) La nozione di distanza reale può essere di notevole interesse nel calcolo della velocità di percorrenza a piedi, tenendo presente che il tempo di percorrenza di 1 km varia come indicato nello schema che segue (Fig. 24). TEMPO (minuti) per percorrere 1000 metri Strada Campi Boschi radi Montagne e foreste Fig. 24 Tempi di percorrenza di 1 km. La velocità di percorrenza a piedi è di particolare importanza in particolare in situazioni di emergenza, quando gli operatori devono tentare di porsi in salvo raggiungendo una zona di sicurezza. La velocità in tali condizioni è stata oggetto di numerose ricerche di cui si sintetizzano i dati principali. In particolare si ricordano le esperienze realizzate dal Forest Engineering Research Institute of Canada nella provincia di Alberta. Velocità di corsa di addetti all attività antincendio è stata misurata in 107 m/min per i primi 100 m salvo poi decrescere vistosamente per la stanchezza di almeno 26m/min. Su un percorso di 250 m in piano i tempi di percorrenza risultano i seguenti: 20

21 Soprassuolo di conifere Con attrezzi manuali portati in zaino a spalla da 157 a 174 Senza attrezzi da 136 a 131 Erba e cespugli Con attrezzi manuali portati in zaino a spalla da 112 a 162 Senza attrezzi da 77 a 126. In salita, con pendenza del 26% il fuoco viaggia con una velocità tale (almeno 60m/min per i modelli di combustibile considerati) da sorprendere gli addetti ai lavori, che tentassero di fuggire, risalendo la pendice in un tempo dell ordine di 6-7,5 minuti. 2 IL SISTEMA G.P.S. Il G.P.S., la cui denominazione completa è NAVSTAR G.P.S. (NAvigation Satellite Timing and Ranging Global Position System), è un sistema di posizionamento basato sulla ricezione di segnali elettromagnetici, emessi da una costellazione di satelliti artificiali in orbita attorno alla Terra, che permettono di ricavare informazioni relative al tempo ed alle distanze tra i satelliti stessi ed una stazione ricevente (ferma o in movimento). Attraverso la ricezione e l interpretazione di tali segnali da parte della stazione ricevente, è possibile realizzare in tempo reale, in ogni istante e in ogni luogo, il posizionamento tridimensionale di oggetti, anche in movimento, in un sistema di riferimento cartesiano geocentrico. Il G.P.S. utilizza 24 satelliti artificiali, divisi in gruppi di quattro, che ruotano attorno alla terra alla quota di circa Km in orbite distanti fra loro di un angolo di 60 e formanti un angolo di 55 rispetto al piano equatoriale (Fig. 25). Fig. 25 Costellazioni di satelliti. Il principio di funzionamento si basa sulla misura del tempo impiegato da un segnale radio a percorrere la distanza satellite-ricevitore. Conoscendo l esatta posizione di almeno 3 satelliti per avere una posizione 2D (bidimensionale) e 4 per avere una posizione 3D (tridimensionale) ed il tempo impiegato dal segnale per giungere al ricevitore, è possibile determinare la posizione nello spazio del ricevitore stesso (Fig. 26). 21

22 Fig. 26 Sistema ricevitore-satellite. I satelliti G.P.S. generano due diversi segnali di tipo numerico, chiamati L1 ed L2, alle frequenze rispettivamente di 1,5 e 1,2 GHz circa, dei quali il primo serve per la localizzazione grossolana, quella di tipo civile, e l altro per la localizzazione più precisa, di tipo militare. Il primo segnale consente la determinazione della posizione con la precisione di circa metri, il secondo invece, con la precisione di 50 cm. Inizialmente il primo segnale era trasmesso in chiaro mentre il secondo era trasmesso in codice segreto e non accessibile se non al Ministero della Difesa degli Stati Uniti che lo utilizzava esclusivamente per la propria sicurezza e non lo rendeva noto. In un secondo momento, il segnale per uso civile veniva degradato per ridurre la precisione attraverso la Selective Availability (SA), consentendo precisioni nell'ordine di m. Dal maggio 2000, tuttavia, per decreto del Presidente Clinton, è stata disabilitata la degradazione del segnale, consentendo la precisione attuale di circa m. I ricevitori G.P.S. commerciali consentono di sintonizzarsi automaticamente sulle frequenze dei satelliti suddetti e, dopo un tempo di ricerca e di elaborazione dei dati ricevuti, dell ordine di pochi minuti, sono in grado, individuando la distanza di almeno quattro satelliti, di determinare la propria posizione geografica sulla superficie terrestre in termini di latitudine e longitudine o in altri sistemi a scelta, comprendendo eventualmente la quota. I migliori fra questi ricevitori risultano in grado di mostrare la propria posizione all interno di una cartina geografica completa di una singola nazione, che può essere ingrandita fino a diventare una vera e propria cartina topografica in cui sono evidenziate anche le strade principali con i loro nomi. I segnali sono codificati da appositi ricevitori che, a seconda della precisione attesa, si possono classificare sommariamente in 3 tipi: topografici (precisioni submetriche), G.I.S. (precisioni metriche, alla massima precisione possono commettere un errore di 3-5 m sul rilevamento del punto), palmari (precisioni decametriche). Il ricorso all uso del G.P.S. permette semplificazione e precisione dei rilievi, assicurando inoltre l immediata connessione tra informazioni spaziali e dati raccolti in campo. 22

23 È possibile rilevare in tempo reale, con accuratezza sub-centimetrica oggetti e fenomeni localizzati sul territorio con l impiego della tecnologia satellitare G.P.S. e trasmettere via GSM o GPRS tali dati dal campo direttamente nei database dell ente e renderli in tempo reale disponibili su Web a tutti gli utilizzatori interni ed esterni all organizzazione. Ma oltre a rilevare la posizione spaziale degli oggetti territoriali è possibile rilevare in una unica soluzione anche l informazione temporale; la sincronizzazione del tempo associato alla posizione spaziale di un oggetto, che il sistema G.P.S. fornisce, con la corrispondente informazione temporale associata per esempio ad una ripresa fotografica o ad una ripresa video, consente l integrazione di tutte le informazioni multimediali relative all oggetto di indagine alla sua posizione spaziale registrata nel database. Sulla base di queste considerazioni sono stati messi a punto ricevitori G.P.S. dotati di software G.I.S., che permettono di importare una cartografia (raster o vettoriale) e di navigare su di essa, ovvero di visualizzare la posizione del ricevitore sulla carta in tempo reale. I sistemi integrati G.P.S./G.I.S. sono costituiti da un sensore G.P.S e da un software, installato su un PC palmare, che permette il posizionamento con precisioni decimetriche, in tempo reale o in post-processing, di determinati punti di interesse o di interi percorsi rilevati con il G.P.S. su una base cartografica gestita da un sistema G.I.S.. Alcuni ricevitori G.P.S. per applicazioni G.I.S. sono in grado di fornire precisioni fino al centimetro, anche in movimento, con grande facilità, con grande produttività e soprattutto con un solo operatore (Fig 26). Fig. 26 Ricevitori G.P.S. per applicazioni G.I.S. L accuratezza di un G.P.S. per uso G.I.S. va parametrata alla accuratezza della cartografia su cui verrà realizzato il database geografico; può quindi essere sufficiente un accuratezza metrica o submetrica. 23

24 3 PERIMETRAZIONE DELLE AREE PERCORSE DA INCENDIO CON USO DI GPS La procedura prevede una fase preliminare di individuazione della zona ove si è verificato l evento, per mezzo delle informazioni riportate dal CFS nelle schede AIB: tale individuazione fa riferimento alle coordinate riportate nella scheda, di norma relative al punto d innesco stimato, o, se mancanti, al toponimo, individuabile sulla Carta Tecnica Regionale. L uso del GPS (Global Positioning System) è fondamentale per una delimitazione dei confini delle aree incendiate più accurata rispetto alla perimetrazione con rilievo eseguito a vista sulla carte (ortofoto AIMA oppure IGM 1:25000). La perimetrazione a piedi con l uso del GPS è un metodo accurato ma complesso che fornisce ottima accuratezza della perimetrazione, un livello informativo numerico, conoscenza immediata delle estensioni e delle tipologie di uso delle superfici percorse. Di conto è necessario la scelta e l impiego di hardware e software specifico e di operatori specificatamente formati. Gli strumenti necessari per il rilievo a piedi sono : ricevitore G.P.S. per applicazioni G.I.S composto da un datalogger portatile collegato tramite cavi ad uno zaino a spalla contenente le batterie per lo stesso funzionamento, e l antenna per il rilevamento dei segnali satellitari stazione fissa con memorizzazione delle coordinate a tempi prestabiliti, un software per la correzione differenziale (correzione effettuata sui dati rilevati dalla stazione fissa e necessaria per aumentare la precisione dei rilievi) dei dati spaziali acquisiti in campo e un software GIS per realizzare il database cartografico finale. Una volta approntata la strumentazione si percorre (a piedi o in macchina a seconda della morfologia territoriale) l'intero perimetro dell'area sul margine della zona percorsa (Fig. 27) Fig. 27 Rilevatore con GPS. A intervalli di un secondo (l intervallo può essere impostato) vengono rilevate le coordinate dei punti e uniti automaticamente tra loro tramite spezzoni di linea. L unione di tutti gli spezzoni fornisce l intero perimetro che rimane memorizzato nel datalogger. L ultima fase prevede il lavoro all interno della struttura con la postazione hardware. Ossia il perimetro misurato viene scaricato attraverso cavo USB all'interno del PC. A 24

25 questo punto viene operata la cosiddetta correzione differenziale con i dati acquisiti dalla stazione fissa in loco e tramite il software. Il perimetro cosi corretto e georeferenziato viene sovrapposto su supporto cartografico digitale a video, anche in questo caso o su ortofoto AIMA o su carta IGM al Si ottiene così direttamente l intera superficie percorsa da incendio alla quale viene associata una tabella con i vari punti e le diverse coordinate, creata in automatico dal software GIS utilizzato. Tale procedura aumenta la precisione del lavoro di percentuali rilevanti, anche nell ordine del 25% e oltre rispetto al rilievo solo cartografico avendo il vantaggio di essere piuttosto semplice e non particolarmente onerosa. Concetti salienti La carta è una rappresentazione grafica, in scala ridotta, della realtà vista dall'alto, con una propria simbologia e linguaggio; consente la rappresentazione in piano, ridotta, approssimata e simbolica di un tratto, più o meno esteso, della superficie terrestre. A seconda della loro scala, le carte si suddividono in: geografiche (scale a denominatore molto grande, oltre ); corografiche (a scala oltre ); topografiche (scale comprese fra e ); mappe (5.000 e ). Le carte topografiche contengono informazioni visualizzate mediante opportune simbologie e mostrano elementi fisici o antropogeografici che esistono realmente sul suolo, nonché elementi immaginari quali limiti regionali, amministrativi, ecc. ed i sistemi di coordinate. Si definisce scala di una carta il rapporto fra la distanza di due punti qualsiasi segnati sulla carta (distanza planimetrica) e la loro distanza reale sul terreno. Per rendere graficamente le caratteristiche del terreno, variamente accidentato, si ricorre a sistemi convenzionali: quote e curve di livello, come fondamentali; tratteggio, lumeggiamento e colorazione, come complementari. La quota di un punto compreso fra due curve di livello si ricava per interpolazione dalla quota delle due curve. A partire dal 1950, in sede internazionale, in particolare per scopi militari, è stato introdotto il sistema UTM. Il globo è stato suddiviso in 60 fusi di 6 di longitudine numerati progressivamente a partire dall antimeridiano di Greenwich. Nel senso della latitudine la superficie rappresentata nel sistema UTM è stata suddivisa in 20 fasce parallele dell estensione di 8. L Italia è quindi compresa nei fusi 32, 33 e 34 e nelle fasce S e T. Nel capitolo è chiaramente spiegato come si effettua la designazione di un punto sulla carta, il suo orientamento e la misura delle distanze sulla carta. Il G.P.S., la cui denominazione completa è NAVSTAR G.P.S. (NAvigation Satellite Timing and Ranging Global Position System), è un sistema di posizionamento basato sulla ricezione di segnali elettromagnetici, emessi da una costellazione di satelliti artificiali in orbita attorno alla Terra, che permettono di ricavare informazioni relative al tempo ed alle distanze tra i satelliti stessi ed una stazione ricevente (ferma o in movimento). L uso del GPS (Global Positioning System) è fondamentale per una delimitazione dei confini delle aree percorse dal fuoco più accurata rispetto alla perimetrazione con rilievo eseguito a vista sulla carte (ortofoto AIMA oppure IGM 1:25000). La perimetrazione a piedi con l uso del GPS è un metodo accurato ma complesso che fornisce ottima accuratezza della perimetrazione, un livello informativo numerico, conoscenza immediata delle estensioni e delle tipologie di uso delle superfici percorse. 25

26 Bibliografia Baxter G. Alexander M Travel rates by Alberta wildland firefighters using escape routes on a moderately steep slope. ADVANTAGE, 25 Grippa C. s.d. Brevi note di topografia e orientamento (Delegazione Speleologica Ligure e Gruppo Speleologico Imperiese CAI) Brambilla A. e Santorini M, s.d. Lezioni di Topografia Scuola di Sci e Alpinismo M. Righini Cartografia Ufficiale Italiana IGMI (Istituto Geografico Militare Italiano) Ihttp://geomatica.como.polimi.it/corsi/cartografialaurea/cartografiaufficialeitaliana/cartografiaufficialeitalianaigmi.htm Regione Lombardia-ERSAF 2005 Linee guida per la perimetrazione a terra delle superfici percorse dal fuoco. Regione Lombardia, Collana Coltivare il futuro, pp. 40 Simbologia cartografica 26

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio.

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio. Orientamento Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola Sole Orologio Stelle BUSSOLA Tacca di mira Ago Magnetico Cerchio graduato Ci indica

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO

Scuola Alpinismo Cosimo Zappelli CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Viareggio 02/05/2013 Introduzione Cos è l orientamento? L'orientamento è l'insieme delle tecniche che permettono di riconoscere

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI 1. Definizione e scopo della topografia.... Pag. 1 2. Sistemi di misure lineari e angolari... Pag. 1 3. Misura delle lunghezze... Pag.

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo Definizione e scopo della topografia Nel suo significato etimologico, topografia vuoi dire descrizione dei luoghi. La topografia è, infatti, quella scienza che ha per scopo lo studio, la descrizione e

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

Lettura delle carte, orientamento sul territorio

Lettura delle carte, orientamento sul territorio Corso di Primo Livello per Volontari di Protezione Civile Amm.ne Provinciale di Lecco Lettura delle carte, orientamento sul territorio Relatori: geologi Bonfanti Dr. Carlo, De Maron Dr. Egidio e Stanzione

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.)

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.) CARTOGRAFIA La CARTOGRAFIA è l insieme delle operazioni Scientifiche, artistiche e tecniche che, a partire dai risultati delle levate originali o dall esame e dallo studio dei dati di una documentazione,

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

GPS Global Positioning System

GPS Global Positioning System GPS Global Positioning System GNSS GNSS Global Navigation Satellite System Il GNSS (Global Navigation Satellite System) è il sistema globale di navigazione satellitare basato sul sistema statunitense GPS

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile Obiettivi Introdurre il concetto di carta come rappresentazione dello spazio che ci circonda; Familiarizzare con le caratteristiche costitutive

Dettagli

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI Esistono 3 tipi di dati: 1- Dati tabellari (informativi) 2- Dati geometrici (territoriali) 3- Dati geometrici e tabellari (informativi territoriali) La localizzazione

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

Autore: Mauro Vannini. Uisp, Lega Montagna Toscana, Firenze, Via F. Bocchi 32

Autore: Mauro Vannini. Uisp, Lega Montagna Toscana, Firenze, Via F. Bocchi 32 Il GPS in escursionismo 2 parte: Uso del GPS in ambiente 10/2010 Autore: Mauro Vannini Uisp, Lega Montagna Toscana, Firenze, Via F. Bocchi 32 Gps 1 Global Positioning System: Introduzione Il sistema di

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

CAPITOLO I - L'Attrezzatura

CAPITOLO I - L'Attrezzatura PICCOLO MANUALE DI TOPOGRAFIA CAPITOLO I - L'Attrezzatura Per orientarti (trovare l oriente), non ti bastano una bussola e una carta. E necessario infatti avere un minimo di attrezzatura che ti permetta

Dettagli

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Carta topografica Bussola Altimetro Orientamento classico 2 L orientamento classico

Dettagli

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci Introduzione al sistema GPS Corso GPS riservato ai soci Agenda 1. Generalità sul sistema GPS 2. Principi di orientamento 2 Generalità sul sistema GPS 3 NAVSTAR GPS, a cosa serve Il NAVSTAR GPS (Navigation

Dettagli

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Scuola Interregionale di Escursionismo Veneto Friulano - Giuliana Corso di Formazione/Verifica per aspiranti Operatori Sezionali ONC e TAM CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Paluzza

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro INDICE Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro...1 LA TRIANGOLAZIONE...1

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA COMMISSIONE CATASTO Unione Speleologica Calenzano con il patrocinio del Comune di Calenzano CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 Istruttori Bernabini

Dettagli

LA CARTOGRAFIA ITALIANA

LA CARTOGRAFIA ITALIANA LA CARTOGRAFIA ITALIANA ENTI CARTOGRAFICI ITALIANI che producono cartografia di base: I.G.M. - Istituto Geografico Militare Sede a Firenze Carta Topografica d Italia: VECCHIA PRODUZIONE 1:100.000 Fogli

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

ORIENTARSI sulla TERRA

ORIENTARSI sulla TERRA ORIENTARSI sulla TERRA significato del termine orientarsi : il termine orientarsi indica letteralmente la capacità di individuare l oriente e fa quindi riferimento alla possibilità di localizzare i quattro

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

La Georeferenziazione dei dati territoriali

La Georeferenziazione dei dati territoriali La Georeferenziazione dei dati territoriali Dott. Alessandro Santucci ANNO ACCADEMICO 2006/07 Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Civile ARGOMENTI Georeferenziazione degli oggetti: concetti generali

Dettagli

Orientarsi senza bussola

Orientarsi senza bussola Orientarsi senza bussola Nello sfortunato caso in cui, durante una esercitazione sull orientamento vi siate dimenticati a casa la bussola, non disperatevi, o almeno non immediatamente. Potreste essere

Dettagli

GPS CATERINA CHIEFARI

GPS CATERINA CHIEFARI GPS CATERINA CHIEFARI CNR-ITABC Autore (Arial 14 punti, corsivo) 1 Indice 1. Applicazione GPS in modalità statico 2. Applicazione GPS in modalità RTK 3. Applicazione GPS in modalità cinematico Autore (Arial

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

14. Tecniche di rilievo cinematiche

14. Tecniche di rilievo cinematiche . Tecniche di rilievo cinematiche UNITÀ Come si è visto, nelle procedure statiche i ricevitori rimangono fermi sugli estremi della baseline per tutta la sessione di misura e sono spenti durante le fasi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il satellite Il satellite ruota attorno alla terra a centinaia di chilometri di altezza ed è fornito di sofisticati strumenti di misura e di

Dettagli

La misura in topografia

La misura in topografia La misura in topografia In questa dispensa di fornisce un cenno agli strumenti e alle tecniche di misura impiegate in topografia. Vengono descritti gli strumenti per misurare le lunghezze, quali il flessometro,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO LEZIONE 6 Dott. PhD. Alessandro Marucci LA CARTOGRAFIA PER L ANALISI TERRITORIALE

Dettagli

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è:

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: Le proiezioni geografiche La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: approssimata ridotta simbolica È approssimata perché non è possibile sviluppare su un piano una superficie sferica senza

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

LE SCALE DI RIDUZIONE

LE SCALE DI RIDUZIONE LE SCALE DI RIDUZIONE la prima cosa che si deve osservare in una carta, insieme all'equidistanza fra le curve di livello, è la scala di riduzione che è sempre in primo piano, é altresì importante osservare

Dettagli

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS 2011 1- Cosa è una carta 2- Elementi principali di una carta 3- Come si legge una carta 4- Cartografia tematica 5- Fotointerpretazione da

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL Il punto di stazione Abbiamo visto tanti modi per usare la bussola, abbiamo visto come trovare un punto sulla carta e come darne le coordinate, come seguire un percorso, ma la cosa più importante è sapere

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Basi di cartografia: le coordinate geografiche

Basi di cartografia: le coordinate geografiche Basi di cartografia: le coordinate geografiche Introduzione Diversamente da una decina di anni fa, le coordinate geografiche di un luogo sono diventate una informazione usuale da fornire in ambito lavorativo.

Dettagli

NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO

NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO 1. Perché orientarsi?... 2 2. Alcune definizioni geografiche... 2 3. Le rappresentazioni cartografiche terrestri... 4 4. La bussola...10 5. L'altimetro...14 6. Lo schizzo

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento La carta topografica Orientare la carta e valutare l azimut Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Il GPS La normativa di riferimento Guida alla compilazione

Dettagli

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI:

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI: COORDINATE E DATUM Viene detta GEOREFERENZIAZIONE la determinazione della posizione di un punto appartenente alla superficie terrestre (o situato in prossimità di essa) La posizione viene espressa mediante

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali. Genova, 26 marzo 2013

Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali. Genova, 26 marzo 2013 Cartografia Cartografiaufficiale ufficialeitaliana italiana Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cartografia ufficiale italiana Organi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare

Dettagli

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA)

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA) Via G. De Marinis, 13 70131 (ITALY) e mail: info@geotek rilievi.com web: www.geotek rilievi.com COMUNE DI ADELFIA (BA) LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA DELLO STABILIMENTO EX SAPA FASE: SMASSAMENTO

Dettagli

Relatore: Giovanni Telesca

Relatore: Giovanni Telesca Potenza 15/10/2009 La necessità di gestire grandi volumi di informazioni, provenienti da molteplici fonti e organizzati secondo sistemi di georeferenziazione diversi per caratteristiche e accuratezza,

Dettagli

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale.

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale. Cenni di geografia astronomica. Tutte le figure e le immagini (tranne le ultime due) sono state prese dal sito Web: http://www.analemma.com/ Giorno solare e giorno siderale. La durata del giorno solare

Dettagli

SINOSSI DI CARTOGRAFIA

SINOSSI DI CARTOGRAFIA SINOSSI DI CARTOGRAFIA BOLOGNA NOZIONI DI TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA Sinossi ad uso esclusivo dei frequentatori dei corsi informativi di Topografia Cartografia e Navigazione terrestre Edizione 2009 INDICE

Dettagli

La Cartografia. Immagine da satellite

La Cartografia. Immagine da satellite La Cartografia 1 La nascita della Cartografia Fin dai tempi più antichi l'uomo ha avvertito la necessità di rappresentare su un piano una porzione più o meno estesa del-la superficie terrestre. Le più

Dettagli

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1 DEFINIZIONE di CARTA Carta di Mercatore Schermata ArcView Una carta geografica non è altro che una figura piana, che rappresenta la superficie della Terra o una sua porzione (Lagrange 1736-1813) Generalità

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

SmartGPS Satellite Information System Guida all utilizzo del programma Sviluppato da Fabio e Marco Adriani Versione 1.0.0

SmartGPS Satellite Information System Guida all utilizzo del programma Sviluppato da Fabio e Marco Adriani Versione 1.0.0 SmartGPS Satellite Information System Guida all utilizzo del programma Sviluppato da Fabio e Marco Adriani Versione 1.0.0 Benvenuto in SmartGPS, l'applicativo che consente di determinare, utilizzando un

Dettagli

A - ORIENTAMENTO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

A - ORIENTAMENTO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI GEOGRAFIA CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA A - ORIENTAMENTO Riconosce e indica la propria posizione e quella di oggetti dati, nello spazio vissuto, rispetto a diversi punti di riferimento. a1) Riconoscere

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO RAGAZZI IN GAMBA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO +MOVIMENTO TV = OK! SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO Laboratorio sperimentale per la ricerca di una maggiore consapevolezza e conoscenza

Dettagli

BREVE CORSO SUL GPS E CARTOGRAFIA GENERALE

BREVE CORSO SUL GPS E CARTOGRAFIA GENERALE BREVE CORSO SUL GPS E CARTOGRAFIA GENERALE GPS è una sigla, sta per Global Positioning System. Un GPS è un ricevitore satellitare che, grazie a 24 satelliti geostazionari usa e di recente anche altri europei,

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 6. Produzione cartografica in Italia Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Produttori

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

3 La cartografia ufficiale italiana

3 La cartografia ufficiale italiana Topografia, Cartografia e GIS Prof. Carlo Bisci Modulo Topografia e Cartografia (6 CFU) 3 La cartografia ufficiale italiana Per fare cartografia è necessario fissare: il sistema di riferimento (datum):

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LA POSIZIONE DEL SOLE È noto che la terra ruota intorno al sole muovendosi

Dettagli

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO IS Antonio Cortigiani TOPOGRAFIA E RILIEVO Di Antonio Cortigiani La Topografia e la Cartografia La Topografia è quella disciplina che ha come scopo quello di fornire una

Dettagli

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1 GPS Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA Sokkia 1 Che cos è il GPS Un sistema di posizionamento estremamente preciso Creato e gestito dal Ministero della Difesa Americano Nato per

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 IL DISEGNO DELLE GROTTE PREMESSA Il rilievo di una grotta è destinato ad essere utilizzato

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

Notizie sul Copyright

Notizie sul Copyright Notizie sul Copyright Questo documento e nessuna parte di esso possono essere riprodotti, copiati, trasmessi, trascritti o registrati in alcun linguaggio, in nessuna forma ed in nessun modo sia esso elettronico

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri COMPETENZA CHIAVE MATEMATICA Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno utilizza il calcolo scritto e mentale con i numeri

Dettagli

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l.

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Aerofotogrammetria Dettagli costruttivi Aerofotogrammetria con SAPR Introduzione Al-To Drones Srl 2 Introduzione Lunghezza focale

Dettagli

MATEMATICA CLASSE PRIMA

MATEMATICA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L alunno/a si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di ricorrere a una calcolatrice. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente,

Dettagli

Metodi di Posizionamento

Metodi di Posizionamento Metodi di Posizionamento Modi di posizionamento Determinazione di una posizione mediante GPS dipende: Accuratezza del dato ricercato Tipo di ricettore GPS Modi: Posizionamento assoluto Posizionamento relativo

Dettagli

Sistemi di forze: calcolo grafico

Sistemi di forze: calcolo grafico UNTÀ D3 Sistemi di forze: calcolo grafico TEOA Uso del CAD nei procedimenti grafici 2 appresentazione grafica dei vettori 3 Poligono delle forze 4 Poligono delle successive risultanti 5 Poligono funicolare

Dettagli

Corso base di cartografia ed orientamento. Novembre 2004 a cura di Giorgio Berni

Corso base di cartografia ed orientamento. Novembre 2004 a cura di Giorgio Berni Corso base di cartografia ed orientamento Novembre 2004 a cura di Giorgio Berni Sommario Corso di cartografia ed orientamento... 2 Introduzione... 2 Le carte geografiche... 3 Definizioni generali... 3

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

9 Corso di Alpinismo di base 2010/2011 Scuola «Cosimo Zappelli» Sezione CAI di Viareggio

9 Corso di Alpinismo di base 2010/2011 Scuola «Cosimo Zappelli» Sezione CAI di Viareggio 9 Corso di Alpinismo di base 2010/2011 Scuola «Cosimo Zappelli» Sezione CAI di Viareggio Viareggio 16 dicembre 2010 a cura di Claudio Luperini Istruttore Sezionale Cosa significa orientamento? In generale,

Dettagli

Ordine dei Geologi Regione del Veneto

Ordine dei Geologi Regione del Veneto Corso CARTOGRAFIA E GIS Luogo di svolgimento Cittadella (PD) Durata 10 moduli tra loro indipendenti da svolgersi tra aprile e giugno 2011. E possibile l iscrizione anche a singoli moduli. Docenti Dr. Lorenzo

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio 1 Star Party Parco Faunistico del Monte Amiata Conferenza Ottimizzare il Telescopio di Carlo Martinelli 1 Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano

Dettagli

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID ferrigno@unicas.it Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID Docente: Luigi Ferrigno GPS Il sistema GPS (Global Positioning

Dettagli