Caserma L. Pierobon 18 marzo U.N.U.C.I. sezione di Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova"

Transcript

1 Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova

2 NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di proporzione Curve di livello Segni convenzionali

3 NOZIONI DI TOPOGRAFIA ORIENTAMENTO Strumentazione Orientamento della carta Determinazione del punto stazione Direzione di marcia Studio dell itinerario

4 NOZIONI DI TOPOGRAFIA ORIENTAMENTO RILEVAMENTO SATELLITARE ESERCIZI PRATICI

5 TOPOGRAFIA Dal greco topos / graphia significa: descrizione dei luoghi È una scienza che ha per scopo: lo studio la descrizione e la rappresentazione, su carta, del terreno

6 rappresentazione delle carte Ieri ( XIV Sec.) oggi

7 Una carta geografica non può mai mantenere contemporaneamente: La corrispondenza delle aree La corrispondenza delle distanze La corrispondenza degli angoli

8 RETICOLATO GEOGRAFICO

9 longitudine del punto P varia da 0 a 180 est e da 0 a 180 ovest Punto P P.N. RETICOLATO GEOGRAFICO Asse terrestre parallelo equatore meridiano P.S. latitudine del punto P varia da 0 a 90 nord e da 0 a 90 sud meridiano di origine di Greenwich - la cartografia italiana fa riferimento al meridiano di M. Mario situato a a Est del meridiano di Greenwich

10 Gli spazi delimitati da queste linee immaginarie vengono identificati in : Fusi area delimitata da due meridiani consecutivi Fasce area delimitata da due paralleli consecutivi Zone area di intersezione tra fuso e fascia Asse terrestre P.N. equatore Le fasce sono nell emisfero nord e 10 nell emisfero sud hanno una ampiezza di 8 I fusi sono 60 numerati da 1 a 60 verso est hanno una ampiezza di 6 P.S. Le zone, ottenute dall intersezione delle fasce con i fusi, sono 1200

11 Ogni zona (larghezza media di 500 Km circa) è identificata da una sigla alfanumerica (es. 33T ) A sua volta la zona viene suddivisa in quadrati da 100 Km di lato, mediante fasci di rette parallele rispettivamente al meridiano centrale del fuso e all equatore. Ciascun quadrato di 100 Km è contraddistinto da una coppia di lettere (es. PQ ) A sua volta ogni quadrato di 100 km verrà suddiviso in aree ancora più piccole.

12 COORDINATE DI UN PUNTO L ubicazione di un punto è definita mediante la misura delle distanze che lo separano dagli assi di riferimento. Dette distanze vengono definite coordinate chilometriche RETICOLATO CHILOMETRICO Per praticità e quindi per consentire la misurazione delle coordinate dei punti, sulle carte vengono sovrastampati dei reticolati chilometrici a maglie quadrate da 1 km di lato

13 Distanza in Km del parallelo dall equatore Distanza fittizia del meridiano da quello centrale del fuso

14 DESIGNAZIONE DI UN PUNTO Significa precisare la posizione del punto rispetto al sistema di riferimento adottato.

15 DESIGNAZIONE DI UN PUNTO Significa precisare la posizione del punto rispetto al sistema di riferimento adottato. 33S VB P

16 DESIGNAZIONE DI UN PUNTO Significa precisare la posizione del punto rispetto al sistema di riferimento adottato. 33S VB P S VB q.150 zona Quadrato Di 100 km Coordinata Est Coordinata Nord Quota Le coordinate vengono determinate utilizzando uno strumento chiamato coordinatometro

17 SISTEMI DI MISURA Lunghezze : metrico decimale (cm - m - km) Angoli: grado sessagesimale primo sess. secondo sess. radiante convenzionale rad ettogrado h millesimo conv. ( 1 h = 100 )

18 gli angoli vengono misurati con uno strumento denominato Rapportatore

19 gli angoli vengono misurati con uno strumento denominato Rapportatore = 17,778 1 = Per il passaggio da un sistema di misura ad un altro vale la seguente proporzione: 360 : 6400 = :

20 NORD GEOGRAFICO, RETE E MAGNETICO Nord geografico (N) : punto di incontro dei meridiani geografici. Nord rete (Nr) : punto di incontro dei meridiani rete, che, essendo paralleli tra loro, si incontreranno all infinito. Nord magnetico (Nm) : punto di convergenza delle linee di forza del campo magnetico terrestre. La posizione di tale nord è variabile nel tempo.

21 LE DISTANZE Reale - Naturale - Grafica Nei documenti topografici il terreno viene rappresentato graficamente alterando opportunamente le dimensioni reali secondo un determinato rapporto di riduzione. Dr = Distanza Reale A Dr B misura diretta fra i punti A e B L = Distanza Naturale A1 L B1 è la proiezione della distanza reale sul piano orizzontale : A1 B1 l l = Distanza Grafica è la distanza naturale ridotta in base alla scala di proporzione

22 SCALA DI PROPORZIONE

23 SCALA DI PROPORZIONE è il rapporto costante n tra una lunghezza grafica l e la corrispondente lunghezza naturale L : l n = L A Dr B A1 L B1 l

24 CLASSIFICAZIONE DELLE CARTE

25 CLASSIFICAZIONE DELLE CARTE in funzione della scala di proporzione carte geografiche scala inf. a 1: carte corografiche da 1: a 1: carte topografiche da 1: a 1: mappe e piante scala magg. a 1:10.000

26 LA CARTOGRAFIA Le carte in uso nell Esercito sono: Foglio, serie M691 1: Quadrante, a scala 1: Tavoletta, a scala 1: NO IGM IV III NE SO SE I II F 131 Il Foglio rappresenta una zona di terreno di circa 40x40 km. Viene identificato con una sigla (es. F131). Il Quadrante rappresenta una zona di 20x20 km circa. Viene identificato con numero romano. Ogni foglio viene suddiviso in quattro quadranti. La Tavoletta rappresenta una zona di circa 10x10 km. Viene indicata con i punti cardinali. Ogni quadrante viene suddiviso in quattro tavolette.

27 RAPPRESENTAZIONE ALTIMETRICA DEL TERRENO

28 RAPPRESENTAZIONE ALTIMETRICA DEL TERRENO

29 RAPPRESENTAZIONE ALTIMETRICA DEL TERRENO B A hab ha hb Livello medio del mare Quota ha : distanza verticale del punto A dal livello medio del mare Dislivello hab : differenza di quota tra i punti A e B

30 CURVE DI LIVELLO

31 CURVE DI LIVELLO Nella carta sono le proiezioni, su di un piano orizzontale, delle curve chiuse ottenute da sezioni orizzontali equidistanti di una zona di superficie terrestre. foto Sono chiamate anche ISOIPSE in quanto definiscono un livello in cui la quota rimane costante.

32 CURVE DI LIVELLO L andamento delle curve di livello consente di interpretare le forme del terreno: curve ravvicinate curve piuttosto rade curve concentriche = pendio ripido = pendio dolce = altura o depressione

33 TIPI DI CURVE DI LIVELLO

34 TIPI DI CURVE DI LIVELLO. 335 I Curve direttrici ( 100 mt - più marcate ) Curve intermedie ( 25 mt ) Curve ausiliarie ( 5 mt - tratteggiate) Equidistanza (e), dislivello fra due curve di livello successive è indicata sul margine della carta. Intervallo (I), distanza orizzontale fra due curve di livello successive

35 SEGNI CONVENZIONALI Per rappresentare il terreno sulla carta vengono adottati dei segni convenzionali, di determinate dimensioni e forme, tali da fornire tutte le indicazioni necessarie e utili, senza togliere ad essa la chiarezza.

36

37 O R I E N T A M E N T O Orientarsi vuole dire individuare sul terreno la direzione dell oriente. In senso lato, vuol dire individuare la direzione di uno qualunque dei punti cardinali: N - S - E - W Significa anche localizzare con buona precisione la propria posizione sulla carta.

38 Richiede la conoscenza di alcune fondamentali nozioni: geografiche matematiche astronomiche inoltre occorre: abilità nell impiego di adeguate strumentazioni ( bussola, altimetro, coordinatometro..) intuizione e spirito di osservazione capacità di valutazione e di coordinamento dei dati rilevati dall esame del terreno

39 Le attività più ricorrenti da effettuare durante il movimento sono: Osservare sempre il territorio circostante Individuare e identificare elementi caratteristici sul terreno Orientare la carta topografica Determinare la propria posizione Individuare e mantenere la direzione di marcia

40 STRUMENTAZIONE DI BASE BUSSOLA (da Orienteering) ALTIMETRO BINOCOLO BUSSOLA (mod. militare) CURVIMETRO CARTA TOPOGRAFICA

41 AZIMUT (dall'arabo as-sûmut = le direzioni) anche: Azimuth

42 AZIMUT (dall'arabo as-sûmut = le direzioni) anche: Azimuth L'azimut è la distanza angolare di un punto dalla direzione del Nord Convenzionalmente, il Nord ha azimut pari a 0, l'est azimut pari a 90, il Sud a 180, l'ovest a 270. L azimut copre pertanto la gamma di angoli da 0 incluso a 360 esclusi.

43 DETERMINARE LA PROPRIA POSIZIONE È di fondamentale importanza sapere sempre dove ci si trova in ogni punto del percorso, che deve essere preventivamente pianificato. Riconoscere la propria posizione orientando la carta topografica, sovrapponendola idealmente al terreno circostante, è il metodo speditivo più ricorrente e rapido. Un attento ed accurato studio della carta topografica consente di programmare un itinerario sicuro e limitare le difficoltà di movimento.

44 L importante è sempre fare riferimento ad alcuni punti e/o elementi caratteristici dislocati sul terreno (campanili, cippi km, ciminiere, corsi d acqua, strade, rilievi, ), che siano su differenti direttrici e non ravvicinati.

45 Stesso risultato lo si ottiene facendo uso della bussola. Sistemare la carta topografica su un piano orizzontale e porre sopra alla carta la nostra bussola. L ago magnetico dello strumento si orienterà verso nord. A questo punto ruotare la carta, senza spostare la bussola, fino a quando non saranno allineati il nord magnetico del reticolato chilometrico con la direzione dell ago magnetico della bussola. Ora basterà osservare il terreno davanti a noi alla ricerca di qualche elemento caratteristico da individuare nella carta. Attenzione: se la ricerca del punto stazione viene fatto in modo speditivo, non è indispensabile calcolare preventivamente la variazione magnetica del momento.

46 Il metodo più preciso da applicare per la determinazione del punto stazione è quello degli azimut reciproci. Scelti sul terreno due punti caratteristici, su direzioni diverse, e individuati gli stessi sulla carta, misurare con la bussola i loro azimut magnetici e calcolare i rispettivi azimut reciproci (sommare o sottrarre 180 all angolo rilevato). Trasformarli quindi in azimut rete e tracciare sulla carta le relative direzioni facendo centro sui punti scelti. L intersezione delle rette tracciate, determinano con buona approssimazione il punto stazione.

47 STUDIO DI UN ITINERARIO

48 STUDIO DI UN ITINERARIO È conveniente compiere, nell ordine, le seguenti operazioni: Suddivisione in tratti maggiori aventi medesimo orientamento medio; Misurazione dell angolo di rotta di ciascun tratto maggiore; Approfondimento delle caratteristiche del terreno da attraversare; Individuazione dei punti pericolosi e relative possibilità di aggiramento; Individuazione dei punti che dovranno fungere da punti di controllo e/o riferimento;

49 DIREZIONE DI MARCIA : ANGOLO DI ROTTA Impostare l angolo di rotta ( 1) sulla bussola (ottenuto dalla differenza fra l azimut rete e la variazione magnetica determinata ), traguardando attraverso la tacca di mira e linea di fede della bussola. Ruotare la ghiera esterna fino a sovrapporre la linea di riferimento, posta sul vetrino, all ago magnetico. A questo punto basta controllare che, durante il movimento, i due indici rimangano sempre sovrapposti.

50 Eventualmente, verificata la presenza di un elemento caratteristico posto lungo la direzione di movimento, puntare verso questo fino al completamento della tratta. Arrivati al punto di controllo successivo, impostare il secondo azimut magnetico ( 2) e procedere come in precedenza. Continuare così per tutte le altre singole tratte

51 SISTEMA DI RILEVAMENTO SATELLITARE G.P.S. ( Global Positioning System )

52 NOZIONI SUL SISTEMA DI RILEVAMENTO SATELLITARE G.P.S. Il sistema G.P.S. (Global Positioning System) avviato dagli U.S.A. a partire dagli anni 70, e completato nel 1993, è stato realizzato per motivi principalmente militari, per rispondere all esigenza di seguire il percorso di mezzi militari sulla terraferma ed in mare in modo da localizzarne la posizione in ogni momento. In seguito ha trovato applicazione anche in ambito civile nella navigazione satellitare, nel monitoraggio dei servizi mobili e nel controllo del territorio.

53 Il G.P.S. è un sistema di individuazione della posizione che utilizza 24 satelliti artificiali, divisi in gruppi di quattro che ruotano attorno alla terra alla quota di circa km. Pertanto risulta che in ogni istante sono presenti sopra di noi, in media, da cinque a otto satelliti che si alternano in quota.

54 Il Principio di funzionamento si basa sul un metodo di posizionamento sferico, che consiste nel misurare il tempo impiegato dal segnale a percorrere la distanza satellite-ricevitore. Ricev. t Satellite Conoscendo l esatta posizione di almeno quattro satelliti (per avere una posizione 3D) ed il tempo impiegato dal segnale per giungere al ricevitore, è possibile determinare la posizione nello spazio del ricevitore stesso; nelle applicazioni quotidiane di determinare la propria posizione geografica sulla superficie terrestre in termini di latitudine e longitudine, comprendendo eventualmente la quota se si è in montagna o in aereo.

55 I satelliti G.P.S. generano due diversi segnali di tipo numerico, L1 frequenza di 1.5 GHz per localizzazione grossolana di tipo civile consente la determinazione della propria posizione con approssimazione di circa 300 mt L2 frequenza di 1.2 GHz per localizzazione più precisa di tipo militare consente la determinazione della propria posizione con approssimazione di 50 cm.

56 I ricevitori G.P.S. funzionano all aperto, non è quindi possibile utilizzarli all interno di un appartamento o in sotterranei, ma devono poter vedere il cielo libero su di se per ricevere il segnale satellitare. Il sistema di posizionamento Galileo è un sistema di navigazione satellitare Europeo come alternativa al G.P.S. Entrerà in funzione nel 2010 e conterà su 30 satelliti alla quota di km.

57

58 ORIENTAMENTO DELLA CARTA

59 ORIENTAMENTO DELLA CARTA Aula didattica

60 MISURAZIONE AZIMUT MAGNETICO Individuato un punto sul terreno, collimare in direzione la linea di fede con il traguardo della bussola. Leggere il valore dell angolo indicato sul quadrante della bussola dalla posizione dell ago magnetico.

61 MISURAZIONE AZIMUT MAGNETICO Per una buona misurazione dell angolo magnetico, rilevato con una bussola, è opportuno: non trovarsi nelle vicinanze di linee elettriche e/o altre sorgenti di onde elettromagnetiche evitare di appoggiare la bussola sopra masse ferrose mantenere la bussola in piano orizzontale considerare le zone con anomalie magnetiche dichiarate nelle carte topografiche

62 MISURA DELLE DISTANZE La misurazione di un percorso o di una sua parte può essere eseguita con un particolare strumento, a più scale di proporzione, denominato curvimetro o più semplicemente utilizzando un foglio di carta e la scala grafica riportata sul margine inferiore della carta topografica.

63 MISURA DELLE DISTANZE : esempio A B L AB = 1420 mt Dr Dr AB = 1455 mt L

64 MISURA DELLE DISTANZE : esempio Lunghezza strada A-B = = 1580 mt B A

65 CALCOLO DELLA QUOTA DI UN PUNTO

66 CALCOLO DELLA QUOTA DI UN PUNTO Si premette che tra due curve di livello successive, il terreno viene considerato a pendenza uniforme P B A Per la similitudine dei triangoli: P B PP /AP = BB /AB A P B PP = BB /AB x AP = h / l x AP

67 QUOTE SEGNATE SULLA CARTA Quota trigonometrica

68 CALCOLO DELLA QUOTA : esempio A 200 mt 175 mt A AA = h 12,5 / L mt x base q. A q. = A 175 = + 12,5 = 187,5 mt

69 DETERMINAZIONE DEL PUNTO STAZIONE CON GLI AZIMUT RECIPROCI Individuati sul terreno due particolari caratteristici, rilevare i rispettivi azimut magnetici. riconoscere sulla carta i particolari individuati Da ogni particolare sulla carta, tracciare una retta avente come angolo il reciproco di quello rilevato con la bussola. Il punto di incontro delle due rette determina, con approssimazione, la nostra posizione.

70 AZIMUT RECIPROCI : esempio r = = 125 r = = 225 m = 305 m = 45

71 INDIVIDUAZIONE PARTICOLARE CARATTERISTICO

72 USO DELLA BUSSOLA

73 Caserma Pierobon 24 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI 1. Definizione e scopo della topografia.... Pag. 1 2. Sistemi di misure lineari e angolari... Pag. 1 3. Misura delle lunghezze... Pag.

Dettagli

Lettura delle carte, orientamento sul territorio

Lettura delle carte, orientamento sul territorio Corso di Primo Livello per Volontari di Protezione Civile Amm.ne Provinciale di Lecco Lettura delle carte, orientamento sul territorio Relatori: geologi Bonfanti Dr. Carlo, De Maron Dr. Egidio e Stanzione

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO

Scuola Alpinismo Cosimo Zappelli CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Viareggio 02/05/2013 Introduzione Cos è l orientamento? L'orientamento è l'insieme delle tecniche che permettono di riconoscere

Dettagli

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio.

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio. Orientamento Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola Sole Orologio Stelle BUSSOLA Tacca di mira Ago Magnetico Cerchio graduato Ci indica

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo Definizione e scopo della topografia Nel suo significato etimologico, topografia vuoi dire descrizione dei luoghi. La topografia è, infatti, quella scienza che ha per scopo lo studio, la descrizione e

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO

NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO 1. Perché orientarsi?... 2 2. Alcune definizioni geografiche... 2 3. Le rappresentazioni cartografiche terrestri... 4 4. La bussola...10 5. L'altimetro...14 6. Lo schizzo

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA COMMISSIONE CATASTO Unione Speleologica Calenzano con il patrocinio del Comune di Calenzano CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 Istruttori Bernabini

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

CAPITOLO I - L'Attrezzatura

CAPITOLO I - L'Attrezzatura PICCOLO MANUALE DI TOPOGRAFIA CAPITOLO I - L'Attrezzatura Per orientarti (trovare l oriente), non ti bastano una bussola e una carta. E necessario infatti avere un minimo di attrezzatura che ti permetta

Dettagli

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Scuola Interregionale di Escursionismo Veneto Friulano - Giuliana Corso di Formazione/Verifica per aspiranti Operatori Sezionali ONC e TAM CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Paluzza

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile Obiettivi Introdurre il concetto di carta come rappresentazione dello spazio che ci circonda; Familiarizzare con le caratteristiche costitutive

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LA POSIZIONE DEL SOLE È noto che la terra ruota intorno al sole muovendosi

Dettagli

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI Esistono 3 tipi di dati: 1- Dati tabellari (informativi) 2- Dati geometrici (territoriali) 3- Dati geometrici e tabellari (informativi territoriali) La localizzazione

Dettagli

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.)

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.) CARTOGRAFIA La CARTOGRAFIA è l insieme delle operazioni Scientifiche, artistiche e tecniche che, a partire dai risultati delle levate originali o dall esame e dallo studio dei dati di una documentazione,

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

SINOSSI DI CARTOGRAFIA

SINOSSI DI CARTOGRAFIA SINOSSI DI CARTOGRAFIA BOLOGNA NOZIONI DI TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA Sinossi ad uso esclusivo dei frequentatori dei corsi informativi di Topografia Cartografia e Navigazione terrestre Edizione 2009 INDICE

Dettagli

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è:

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: Le proiezioni geografiche La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: approssimata ridotta simbolica È approssimata perché non è possibile sviluppare su un piano una superficie sferica senza

Dettagli

ORIENTARSI sulla TERRA

ORIENTARSI sulla TERRA ORIENTARSI sulla TERRA significato del termine orientarsi : il termine orientarsi indica letteralmente la capacità di individuare l oriente e fa quindi riferimento alla possibilità di localizzare i quattro

Dettagli

CORSO DI ORIENTAMENTO

CORSO DI ORIENTAMENTO CLUB ALPINO ITALIANO CORSO DI ORIENTAMENTO Relatore del corso A.E. Pino Scattaro 1 Nel mezzo del cammin di ORIENTAMENTO di Pino Scattaro nostra vita, mi ritrovai in una selva oscura che la diritta via

Dettagli

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro INDICE Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro...1 LA TRIANGOLAZIONE...1

Dettagli

CARTOGRAFIA. Autore: Mauro Vannini. Firenze, Via F. Bocchi 32

CARTOGRAFIA. Autore: Mauro Vannini. Firenze, Via F. Bocchi 32 CARTOGRAFIA Nozioni di base Autore: Mauro Vannini Uisp, Lega montagna Toscana Firenze, Via F. Bocchi 32 Ottobre 2010 Scopo della dispensa: Introduzione 1) Fornire le nozioni di base sul corretto uso delle

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL Il punto di stazione Abbiamo visto tanti modi per usare la bussola, abbiamo visto come trovare un punto sulla carta e come darne le coordinate, come seguire un percorso, ma la cosa più importante è sapere

Dettagli

S O M M A R I O. BIBLIOGRAFIA e RISORSE WEB

S O M M A R I O. BIBLIOGRAFIA e RISORSE WEB S O M M A R I O Compagni inseparabili... 03 IL RETICOLATO GEOGRAFICO Meridiani e paralleli 04 LA COSTRUZIONE DELLE CARTE TOPOGRAFICHE Il sistema Universal Transverse Mercator 06 La carta topografica d

Dettagli

PERCORSO RETTIFICATO

PERCORSO RETTIFICATO Il percorso rettificato serve per effettuare un rilievo topografico di una zona rapidamente, basandosi su un disegno schematico da tracciarsi man mano si cammina, ciò consiste, come dice il nome, nel raddrizzare

Dettagli

Orientarsi senza bussola

Orientarsi senza bussola Orientarsi senza bussola Nello sfortunato caso in cui, durante una esercitazione sull orientamento vi siate dimenticati a casa la bussola, non disperatevi, o almeno non immediatamente. Potreste essere

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento La carta topografica Orientare la carta e valutare l azimut Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Il GPS La normativa di riferimento Guida alla compilazione

Dettagli

La Georeferenziazione dei dati territoriali

La Georeferenziazione dei dati territoriali La Georeferenziazione dei dati territoriali Dott. Alessandro Santucci ANNO ACCADEMICO 2006/07 Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Civile ARGOMENTI Georeferenziazione degli oggetti: concetti generali

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

La Cartografia. Immagine da satellite

La Cartografia. Immagine da satellite La Cartografia 1 La nascita della Cartografia Fin dai tempi più antichi l'uomo ha avvertito la necessità di rappresentare su un piano una porzione più o meno estesa del-la superficie terrestre. Le più

Dettagli

PRINCIPI DI CARTOGRAFIA E ORIENTAMENTO

PRINCIPI DI CARTOGRAFIA E ORIENTAMENTO Raffaella Lovreglio CAPITOLO 24 PRINCIPI DI CARTOGRAFIA E ORIENTAMENTO INDICE 1 LE CARTE TOPOGRAFICHE 3 1.1 La scala della carta 4 1.2 Le curve di livello e pendenza 5 1.3 Simbologia 11 1.4 Coordinate

Dettagli

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche Cpia di Lecce Le coordinate geografiche Forma della Terra La Terra è sferica Per la sua rappresentazione si usa il globo o mappamondo Meridiani e paralleli sono linee immaginarie usate dai geografi per

Dettagli

TOPOGRAFIA e CARTOGRAFIA

TOPOGRAFIA e CARTOGRAFIA 1. Un ettometro corrisponde a : a. 100 m ; b. 1.000 m ; c. 10.000 m ; 2. Un chilometro corrisponde a : a. 100 m ; b. 1.000 m ; c. 10.000 m ; 3. Un decametro corrisponde a : a. 0,1 m ; b. 0,01 m ; c. 10

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

LA CARTOGRAFIA ITALIANA

LA CARTOGRAFIA ITALIANA LA CARTOGRAFIA ITALIANA ENTI CARTOGRAFICI ITALIANI che producono cartografia di base: I.G.M. - Istituto Geografico Militare Sede a Firenze Carta Topografica d Italia: VECCHIA PRODUZIONE 1:100.000 Fogli

Dettagli

LE SCALE DI RIDUZIONE

LE SCALE DI RIDUZIONE LE SCALE DI RIDUZIONE la prima cosa che si deve osservare in una carta, insieme all'equidistanza fra le curve di livello, è la scala di riduzione che è sempre in primo piano, é altresì importante osservare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore La terra ha la forma di una sfera e per rappresentarla si usa il Mappamondo chiamato anche globo I geografi hanno tracciato sul mappamondo

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Indica il numero delle ore giornaliere nelle quali un punto (o una superficie) è colpito dalla radiazione solare.

Indica il numero delle ore giornaliere nelle quali un punto (o una superficie) è colpito dalla radiazione solare. APPUNTI SUI PERCORSI SOLARI Bibliografia Manuale di architettura bioclimatica - Cristina Benedetti Maggioli Editore SOLEGGIAMENTO. SOLEGGIAMENTO = NUMERO DI ORE Indica il numero delle ore giornaliere nelle

Dettagli

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS 2011 1- Cosa è una carta 2- Elementi principali di una carta 3- Come si legge una carta 4- Cartografia tematica 5- Fotointerpretazione da

Dettagli

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8

APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8 APPUNTI DI TOPOGRAFIA MODULO 8 PIANI QUOTATI E CARTOGRAFIA PROF. SPADARO EMANUELE UNITA DIDATTICA N 1 PIANI QUOTATI http://spadaroemanueletopografia.bloog.it/ 2 RAPPRESENTAZIONI COMPLETE DEL TERRENO Premesse

Dettagli

CARTOGRAFIA. Analizziamo ora le diverse tipologie di supporto che si trovano sul mercato:

CARTOGRAFIA. Analizziamo ora le diverse tipologie di supporto che si trovano sul mercato: CARTOGRAFIA Con questa piccola guida vorrei illustrare in maniera semplice come si legge una carta topografica e come soprattutto si possa, in mancanza di un GPS tracciare una rotta o comunque decidere

Dettagli

Topografia e Orientamento C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario

Topografia e Orientamento C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario Club Alpino Italiano Sezione di Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento Topografiaa e Orientamento Sommario Introduzione... 3 1. Topografia... 4 1.1. La distanza... 4 1.2. La carta topografica... 5

Dettagli

Relatore: Giovanni Telesca

Relatore: Giovanni Telesca Potenza 15/10/2009 La necessità di gestire grandi volumi di informazioni, provenienti da molteplici fonti e organizzati secondo sistemi di georeferenziazione diversi per caratteristiche e accuratezza,

Dettagli

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Carta topografica Bussola Altimetro Orientamento classico 2 L orientamento classico

Dettagli

Corso base di cartografia ed orientamento. Novembre 2004 a cura di Giorgio Berni

Corso base di cartografia ed orientamento. Novembre 2004 a cura di Giorgio Berni Corso base di cartografia ed orientamento Novembre 2004 a cura di Giorgio Berni Sommario Corso di cartografia ed orientamento... 2 Introduzione... 2 Le carte geografiche... 3 Definizioni generali... 3

Dettagli

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci Introduzione al sistema GPS Corso GPS riservato ai soci Agenda 1. Generalità sul sistema GPS 2. Principi di orientamento 2 Generalità sul sistema GPS 3 NAVSTAR GPS, a cosa serve Il NAVSTAR GPS (Navigation

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO Sfera celeste ASTRONOMIA Il cielo considerato come l'interno di una sfera cava al fine di descrivere le posizioni e i movimenti degli oggetti astronomici. Ogni particolare osservatore è situato al centro

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale.

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale. Cenni di geografia astronomica. Tutte le figure e le immagini (tranne le ultime due) sono state prese dal sito Web: http://www.analemma.com/ Giorno solare e giorno siderale. La durata del giorno solare

Dettagli

Funzioni avanzate e guida alle funzioni. Italiano

Funzioni avanzate e guida alle funzioni. Italiano Funzioni avanzate e guida alle funzioni Funzioni avanzate e guida alle funzioni Questo libretto contiene le istruzioni per l uso delle funzioni aggiuntive (principalmente sul modello con la ghiera girevole

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI:

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI: COORDINATE E DATUM Viene detta GEOREFERENZIAZIONE la determinazione della posizione di un punto appartenente alla superficie terrestre (o situato in prossimità di essa) La posizione viene espressa mediante

Dettagli

Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo. Corso Capacity 2015

Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo. Corso Capacity 2015 Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo Corso Capacity 2015 Perchè siamo qui? Il territorio è PREZIOSO. Deve essere tutelato, ma prima di tutto compreso Sono necessari sistemi per

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

APPUNTI DI CARTOGRAFIA E USO DI GPS

APPUNTI DI CARTOGRAFIA E USO DI GPS Unione di Comuni Lombarda Terre di Frontiera GRUPPO DI PROTEZIONE CIVILE APPUNTI DI CARTOGRAFIA E USO DI GPS Gennaio 2012 0 Appunti di cartografia L obiettivo di questi appunti è di fornire ai Volontari

Dettagli

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO IS Antonio Cortigiani TOPOGRAFIA E RILIEVO Di Antonio Cortigiani La Topografia e la Cartografia La Topografia è quella disciplina che ha come scopo quello di fornire una

Dettagli

Scuola Nazionale di Speleologia Club Alpino Italiano Materiale esclusivo ad uso interno, consultazione per i quadri della SNS-CAI INDICE GENERALE

Scuola Nazionale di Speleologia Club Alpino Italiano Materiale esclusivo ad uso interno, consultazione per i quadri della SNS-CAI INDICE GENERALE TOPOGRAFIA INDICE GENERALE Prefazione...pag. 3 Punti cardinali...pag. 4 Coordinate Topografiche...pag. 6 Coordinate Geografiche...pag. 6 Latitudine e Longitudine...pag. 7 Coord. Geograf. Sugl elementi

Dettagli

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO RAGAZZI IN GAMBA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO +MOVIMENTO TV = OK! SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO Laboratorio sperimentale per la ricerca di una maggiore consapevolezza e conoscenza

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

Lezione 4: Ancora localizzazione. Beacon attivi: principio generale

Lezione 4: Ancora localizzazione. Beacon attivi: principio generale Robotica Mobile Lezione 4: Ancora localizzazione Beacon attivi: principio generale 1 Un triangolo Può essere risolto se si conoscono tre dei suoi sei elementi costitutivi; Se si misurano gli angoli si

Dettagli

9 Corso di Alpinismo di base 2010/2011 Scuola «Cosimo Zappelli» Sezione CAI di Viareggio

9 Corso di Alpinismo di base 2010/2011 Scuola «Cosimo Zappelli» Sezione CAI di Viareggio 9 Corso di Alpinismo di base 2010/2011 Scuola «Cosimo Zappelli» Sezione CAI di Viareggio Viareggio 16 dicembre 2010 a cura di Claudio Luperini Istruttore Sezionale Cosa significa orientamento? In generale,

Dettagli

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio 1 Star Party Parco Faunistico del Monte Amiata Conferenza Ottimizzare il Telescopio di Carlo Martinelli 1 Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano

Dettagli

LA LETTURA DELLA CARTA TOPOGRAFICA Guida all Orientamento G.Corbellini, Ed. Zanichelli 1985

LA LETTURA DELLA CARTA TOPOGRAFICA Guida all Orientamento G.Corbellini, Ed. Zanichelli 1985 LA LETTURA DELLA CARTA TOPOGRAFICA Guida all Orientamento G.Corbellini, Ed. Zanichelli 1985 UN PO' DI GEOGRAFIA: I PUNTI CARDINALI Prima di intraprendere la nostra avventura in compagnia della carta e

Dettagli

GPS CATERINA CHIEFARI

GPS CATERINA CHIEFARI GPS CATERINA CHIEFARI CNR-ITABC Autore (Arial 14 punti, corsivo) 1 Indice 1. Applicazione GPS in modalità statico 2. Applicazione GPS in modalità RTK 3. Applicazione GPS in modalità cinematico Autore (Arial

Dettagli

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007 Introduzione ai Sistemi Informativi Territoriali Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Sommario Cos è il SIT Gli strumenti del SIT L informatizzazione

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA Un famoso scienziato (secondo alcuni fu Bertrand Russell) tenne una volta una conferenza pubblica su un argomento di astronomia. Egli parlò di come la Terra orbiti intorno

Dettagli

NOZIONI ELEMENTARI SEMPLIFICATE DI ORIENTAMENTO IN MONTAGNA

NOZIONI ELEMENTARI SEMPLIFICATE DI ORIENTAMENTO IN MONTAGNA NOZIONI ELEMENTARI SEMPLIFICATE DI ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Testi e figure tratti tutti, o quasi, da Topografia e orientamento della Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci-Alpinismo Massimo Pantani

Dettagli

Le mappe in formato di gitale si dividono principalmente in RASTER e VETTORIALI.

Le mappe in formato di gitale si dividono principalmente in RASTER e VETTORIALI. MAPPE DIGITALI Oltre al formato cartaceo, le mappe possono essere realizzate anche nel formato digitale, in pratica sono dei file/mappa che possono essere letti ed elaborati con appositi programmi o semplicemente

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

L orientamento e la misura del tempo

L orientamento e la misura del tempo L orientamento e la misura del tempo Isola di Sakhalin (Unione Sovietica), 1 settembre 1983. Un volo di linea della Korean Air Lines, con a bordo 289 persone tra passeggeri e membri dell equipaggio, entra,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il satellite Il satellite ruota attorno alla terra a centinaia di chilometri di altezza ed è fornito di sofisticati strumenti di misura e di

Dettagli

Autore: Mauro Vannini. Uisp, Lega Montagna Toscana, Firenze, Via F. Bocchi 32

Autore: Mauro Vannini. Uisp, Lega Montagna Toscana, Firenze, Via F. Bocchi 32 Il GPS in escursionismo 2 parte: Uso del GPS in ambiente 10/2010 Autore: Mauro Vannini Uisp, Lega Montagna Toscana, Firenze, Via F. Bocchi 32 Gps 1 Global Positioning System: Introduzione Il sistema di

Dettagli

LE SEZIONI TRASVERSALI

LE SEZIONI TRASVERSALI LE SEZIONI TRASVERSALI Rappresentano l intersezione del corpo stradale e del terreno con un piano verticale e normale all asse stradale. Vengono eseguite in corrispondenza di ciascun picchetto d asse.

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE CENTRO NAZIONALE METEOROLOGIA E CLIMATOLOGIA AERONAUTICA. Servizio di Climatologia e Documentazione EFFEMERIDI AERONAUTICHE

AERONAUTICA MILITARE CENTRO NAZIONALE METEOROLOGIA E CLIMATOLOGIA AERONAUTICA. Servizio di Climatologia e Documentazione EFFEMERIDI AERONAUTICHE AERONAUTICA MILITARE CENTRO NAZIONALE DI METEOROLOGIA E CLIMATOLOGIA AERONAUTICA Servizio di Climatologia e Documentazione EFFEMERIDI AERONAUTICHE 2 0 1 5 AERONAUTICA MILITARE CENTRO NAZIONALE DI METEOROLOGIA

Dettagli

Corso di Topografia. L arte di perdersi

Corso di Topografia. L arte di perdersi L arte di perdersi Corso di Topografia Questo corso che ti proponiamo è il frutto dell'esperienza di un capo scout, che vuol far vivere l'avventura con competenza ai suoi ragazzi. Vuol essere un corso

Dettagli

EFFEMERIDI AERONAUTICHE

EFFEMERIDI AERONAUTICHE AERONAUTICA MILITARE CENTRO NAZIONALE DI METEOROLOGIA E CLIMATOLOGIA AERONAUTICA Servizio di Climatologia e Documentazione EFFEMERIDI AERONAUTICHE 2014 INDICE Descrizione e modalità d impiego.... III Tavole

Dettagli

Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo

Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo Néstor CAMINO Complejo PLAZA DEL CIELO Facultad de Ingeniería (UNPSJB) y ISFD N 804 Esquel, Chubut, Patagonia, ARGENTINA. nestor.camino@speedy.com.ar -

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 6. Produzione cartografica in Italia Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Produttori

Dettagli

BREVE CORSO SUL GPS E CARTOGRAFIA GENERALE

BREVE CORSO SUL GPS E CARTOGRAFIA GENERALE BREVE CORSO SUL GPS E CARTOGRAFIA GENERALE GPS è una sigla, sta per Global Positioning System. Un GPS è un ricevitore satellitare che, grazie a 24 satelliti geostazionari usa e di recente anche altri europei,

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli