# IL CORAGGIO DI CAMBIARE # UN OPPORTINITÀ DA COGLIERE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "# IL CORAGGIO DI CAMBIARE # UN OPPORTINITÀ DA COGLIERE"

Transcript

1 # IL CORAGGIO DI CAMBIARE # UN OPPORTINITÀ DA COGLIERE # IL NUOVO ACCORDO # FEDIT E UNIVERSITÀ LUISS

2 EDITORIALE IL NEONATO STRUMENTO D INFORMAZIONE, FORMAZIONE E CONFRONTO nizia con il 2014 la pubblicazione di Feditinforma, neonato strumento d informazione, formazione e confronto alla fine di un anno da dimenticare per i tanti record negativi degli indicatori economici che hanno fatalmente e inevitabilmente coinvolto anche il nostro mondo. Siamo anche al termine di un anno importante per noi: dopo lunghe e faticose trattative abbiamo portato a termine il rinnovo del contratto nazionale della logistica, trasporto, merci e spedizioni, sui cui contenuti rimando alle pagine successive. Possiamo solo esprimere un apprezzamento a nome di tutti nostri associati al segretario generale Enzo Solaro e al suo vice Alfredo D Ascoli per l impegno, la competenza e la tenacia con cui hanno condotto questa lunga ed estenuante trattativa che hanno prodotto un buon risultato per noi e per chi, con noi, condivide la fatica di tutti i giorni. Il nuovo contratto nazionale siglato lo scorso anno tuttavia, non è l unico risultato positivo da ricordare. Nei giorni scorsi abbiamo raggiunto un altro importante risultato sul fronte delle relazioni sindacali, ma soprattutto sul difficilissimo versante della situazione dei magazzinieri. Il 13 Febbraio scorso, assistiti da Confetra abbiamo siglato al Ministero del Lavoro un intesa con i rappresentati sindacali di Fit Cisl, Uiltrasporti e Filt Cgil alla presenza del sottosegretario Carlo Dell Aringa. STEFANIA PEZZETTI Presidente FEDIT ANNO 2014 N 01 DIRETTORE Guglielmo Nardocci COMITATO TECNICO SCIENTIFICO Via di Priscilla, 101 Roma UFFICIO STAMPA COMUNICAZIONI FEDIT Federazione Italiana Trasportatori Via di Priscilla, 101 Roma t.:

3 EDITORIALE Tale intesa, sulla quale nelle pagine successive verrà dato ampio conto, pone le condizioni per l avvio di un processo di regolarizzazione dei lavoratori a fronte di efficaci forme di mobilità sulle quali le aziende potranno far leva per eliminare le tante e note diseconomie. Era una piaga endemica, l abbiamo affrontata. Ma non è tutto: il lavoro di preparazione di due importanti pubblicazioni è giunto al termine. Presto vedrà la luce il Manuale del Diritto dei Trasporti da noi fortemente sollecitato e voluto che il Prof. Maurizio Riguzzi docente del Diritto dei Trasporti dell ateneo veronese (coadiuvato dal Prof. PierGuido Carmagnani docente dell Università di Macerata), ha scritto cercando con successo una sintesi fra dottrina giuridica e utilità quotidiana. In maggio invece invece nel corso di un convegno Fedit Nuovi modelli di governance della distribuzione urbana. La Smart Logistic, presenteremo l opera che Massimo Marciani ha scritto mettendo a nostra disposizione la sua vasta esperienza in questo delicato e cruciale segmento della nostra attività che investe la vita dei centri urbani e che ha trovato un idea di soluzione nell esperimento che ha preso il via a Torino prima Smart City italiana. Questa nostra attività di comunicazione culturale, come si vede, ha fini fortemente associativi: vogliamo cioè esprimere una linea di comunicazione fondata sullo scambio esperienza/ricerca con le università. La collaborazione con il mondo del sapere e la pubblicazione degli studi basati sulle esperienze e le buone pratiche ci consentono di allargare gli orizzonti. Tale collaborazione s intensificherà attraverso la partnership con la Luiss, il prestigioso ateneo di Roma; ma abbiamo allo studio anche un progetto con l Università di Roma Tor Vergata basato su una ricerca comune che prenderà corpo con una serie di tesi di laurea da noi appositamente commissionate e che darà luogo ad una manifestazione pubblica annuale nel corso della quale sarà premiata la tesi di laurea più brillante. Abbiamo infine firmato nei giorni scorsi, un importante convenzione con Transcash Mastercard, primaria società gestrice di carte di credito, che ci permetterà di adeguarci presto e con una serie di sensibili vantaggi economici per i nostri conti aziendali, alle decisioni dalla Commissione Europa in tema di riduzione della liquidità monetaria (alcune già assunte, altre previste per la prossima primavera). La diffusione delle carte di credito ricaricabili per la gestione degli stipendi ( conseguente azzeramento del costo dei bonifici), le carte aziendali per la gestione delle spese ed altre soluzioni innovative per semplificare e ridurre sensibilmente i costi aziendali facilitando nel contempo il rapporto con i fornitori, è una frontiera che mette insieme il miglioramento dei conti aziendali ed un cambiamento culturale nell approccio con la moneta di grande importanza e soprattutto di grande utilità per noi e per i nostri dipendenti. Noi abbiamo fornito lo strumento, la palla ora passa alle aziende alle quali spediremo tutte le informazioni necessarie. L anno che si è aperto sarà ancora duro per i conti economici e l occupazione, ma è nei momenti di crisi che si vede la tenuta e la capacità di innovazione delle aziende e degli uomini che le dirigono. Questa è la nostra speranza in una fase nella quale il processo di riorganizzazione sarà messo a dura prova da tensioni sociali e problemi annosi che ci trasciniamo da anni. Affronteremo tutto sperando nella collaborazione di tutti. Buon lavoro

4 IL CORAGGIO DI CAMBIARE La presidente della Fedit Stefania Pezzetti spiega perché l accordo per il personale delle ribalte e dei magazzini va al di là di un normale fatto di relazioni industriali rriva un momento nella vita in cui ci si deve rimettere in gioco. Il cambiamento diventa l unica risorsa disponibile per superare i momenti di debolezza e ritrovare la forza per migliorare. È vero nella vita privata, e lo è altrettanto nella vita professionale. Le grandi aziende, i grandi leader, hanno radicata l idea che perseverare nello status quo, quando questo non garantisce più una crescita sostenibile per il proprio business, è il peggior errore che si possa compiere. E, di qui, la necessità di guardare oltre, di ridisegnare il proprio modello operativo, di ricostruire basi solide per lo sviluppo futuro. Cambiamento è il messaggio intrinseco all accordo recentemente siglato, al Ministero del Lavoro, da Fedit- Confetra con le Organizzazioni Sindacali e volto a meglio regolamentare il lavoro nei magazzini, oggi in prevalenza affidato a società terze cooperative. Nessuna demagogia, sia chiaro. Non vi è nulla di negativo nel modello cooperativistico, la cui base ideologica non può che essere condivisa. Il problema e la sua evoluzione o, meglio, involuzione negli anni, è il deterioramento delle condizioni di lavoro dei molti a favore del benessere dei pochi, conseguenza del proliferare di cooperative spurie - contro le quali le stesse associazioni di categorie si sono espresse -, che hanno fatto uso improprio del modello e favorito il nascere di una Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare ormai dilagante tensione sociale, esasperata, peraltro, dalla spinta populista di soggetti operanti al limite della legalità. Regolamentare per ridare dignità a delle figure professionali forse dimenticate negli ultimi anni da parti imprenditoriali e parti sociali. L accordo è un segnale forte della presa di coscienza del problema e della maturità relazionale delle parti coinvolte. Rappresenta uno scambio che supera le barriere ideologiche e si pone come obiettivo il miglioramento delle condizioni lavorative delle parti più deboli. Il cambiamento è solo all inizio. Perché si realizzi appieno, è necessaria la collaborazione di tutti, ivi comprese le Istituzioni, che dovranno intervenire a sostegno e in difesa di aziende e lavoratori contro eventuali forze pretestuosamente conflittuali. Diceva Winston Churchill Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare. È arrivato, per tutti, il momento di farlo.

5 UN OPPORTUNITÀ DA COGLIERE Certezze, flessibilità e legalità: Enzo Solaro spiega perché l accordo sul personale delle ribalte vale quasi una Messa ei contratti che si susseguono nel tempo c è la storia di tante cose: l evoluzione delle relazioni industriali, la sapienza dei tempi nuovi, l urgenza di affrontare congiunture difficili e da ultima la crisi strutturale che ha investito l umanità intera (pensiamo alla incredibile svolta arrivata con internet e quanto ha influito nei nuovi equilibri di potere e nei rapporti di lavoro). I punti cardinali del passato saltano, non tutti e subito, spesso troppo tardi per porre rimedi efficaci. L accordo sul personale di ribalta, che va a completare il quadro delineato dal contratto nazionale siglato lo scorso anno, non fa eccezione ed è la logica conseguenza di un altro aspetto legato alla contrattualistica, il più semplice ed efficace: mettere una pezza ad un errore commesso nell accordo di rinnovo del precedente CCNL che introduceva l obbligo di applicare a tutti i soggetti della filiera degli appalti (e quindi anche agli addetti alle attività di magazzino) il contratto collettivo del trasporto delle merci, con tutti i suoi vincoli e tutte le sue rigidità, soprattutto in tema di orario di lavoro, ingestibili in realtà come quelle dei magazzini e della gestione della logistica, che hanno invece l esigenza di avere il massimo della flessibilità possibile. Tutto questo, lungi dal sostenere la strutturazione di un sistema più regolare, ha favorito la crescita del fenomeno della cooperazione spuria e offerto argomenti a soggetti che di sindacale hanno davvero molto poco e che, sfruttando il disagio presente all interno del mondo delle ribalte, perseguivano obiettivi che nulla hanno a che vedere con la difesa dei diritti dei lavoratori. Abbiamo dovuto fronteggiare da soli l utilizzo spregiudicato di forme di lotta violente e l insorgere di comportamenti potenzialmente eversivi, legati anche ad estremismi di natura etnica o religiosa, fenomeni che dovrebbero ricevere maggiori attenzioni da parte della politica e delle forze dell ordine. Di tutto ciò, oggi, le parti sociali hanno consapevolezza piena, tanto da consentire un approccio al problema diverso, meno ideologico, prendendo atto del fallimento del vecchio modello e rendendosi disponibili a scelte coraggiose. Un accordo è sempre una scommessa che parte, però, dalla consapevolezza che la situazione così com è oggi non è più sostenibile per nessuno. Sicuramente non è più sostenibile per le imprese, perché sta generando tensioni sociali fortissime, indotte sovente da comportamenti scorretti delle imprese appaltatrici che, seppur correttamente compensate dai propri committenti per i servizi appaltati, omettono il regolare versamento dei contributi previdenziali, oppure non retribuiscono come dovuto i propri dipendenti. E qui al danno si aggiunge la beffa: oltre a dover fronteggiare pesanti situazioni di tensione nei magazzini, con il meccanismo della responsabilità solidale i committenti pagano nuovamente quello che hanno già pagato una volta. Vi era dunque la necessità di rimettere a punto un modello che, seppure in grado di aiutare lo sviluppo delle imprese negli anni passati, era ormai caratterizzato da troppe negatività. Da qui la soluzione: rapporti di lavoro stabili e regolari, rapporti di lavoro dipendente in cambio di una maggiore flessibilità nella gestione degli orari di lavoro. Naturalmente le maggiori flessibilità e gli elementi di riduzione del costo del lavoro saranno utilizzabili esclusivamente in caso di utilizzo di rapporti di lavoro dipendente, escludendo le forme più disparate oggi utilizzate, compresa quella di socio-lavoratore, con l aggiunta di

6 una filiera più corta, che veda un solo passaggio tra committente ed appaltatore (tranne il caso di affidamento da un consorzio a un impresa consorziata) e non più una catena lunga di appalti e sub appalti che finiscono per fare esclusivamente gli interessi di appaltatori e sub appaltatori spregiudicati. Gli elementi di flessibilità introdotti sono molteplici ed importanti (vedi la scheda allegata); per ora fanno parte di un accordo sottoscritto tra la Fedit ed il sindacato confederale, riteniamo però che, nella prossima tornata contrattuale, debbano essere integrati all interno del corpo del contratto collettivo, introducendo in maniera strutturale elementi di flessibilità vera nel lavoro. I meccanismi che abbiamo individuato (la flessibilità della prestazione giornaliera, la determinazione dell orario settimanale su base semestrale, una nuova forma di part-time, regole che penalizzino l utilizzo scorretto dell istituto della malattia, ecc.), introducono flessibilità accompagnata, però, da regolarità nei rapporti di lavoro e certezza delle retribuzioni per le persone. Tutto questo riteniamo possa ripristinare normali condizioni di lavoro all interno dei magazzini, oggi purtroppo caratterizzate da fenomeni di conflittualità, sovente ingiustificata e sempre attuata con l utilizzo di forme violente ed illegali. Ovviamente tale impianto di regole e di nuove opportunità non è (e non potrebbe essere) coercitivo per le imprese; è un nuovo modello di gestione delle attività di magazzino, caratterizzato da differenti rapporti di lavoro, probabilmente partner imprenditoriali differenti, che le imprese possono liberamente decidere di adottare. Le crescenti difficoltà di questi anni nella gestione del modello sino ad ora utilizzato, hanno fatto crescere la necessità di procedere sulla strada del rinnovamento. Questo accordo offre gli strumenti per cambiare, ed è per questo che lo abbiamo fortemente voluto nell interesse di tutti. ENZO SOLARO Enzo Solaro, 59 anni, è segretario generale della FEDIT, l associazione imprenditoriale alla quale aderiscono le più importanti imprese di autotrasporto a collettame ed a carico completo. Il dr. Solaro è componente: del Comitato Centrale dell Albo degli Autotrasportatori; della Commissione Sicurezza del Trasporto, istituita presso i Ministeri degli Interni e dei Trasporti; della commissione consultiva per la redazione del Piano della Mobilità, istituita presso il Ministero dei Trasporti del Comitato portuale del porto di Savona. Il segretario generale della Fedit infine, è Consigliere di Amministrazione del FASC, Fondo di previdenza complementare dei dipendenti delle imprese corrieristiche, di spedizione e delle agenzie marittime. Consigliere di Amministrazione del Previlog, Fondo di previdenza complementare dei dipendenti delle imprese di trasporto delle merci e di logistica.

7 UN PASSO IN AVANTI VERSO LA LEGALITÀ Il presidente della Confetra Marcucci spiega perché l acordo per il personale delle ribalte e dei magazzini segna un punto fermo sulla via della piena legalità Signor Presidente, cosa vi aspettate dal recente accordo sulla regolarizzazione dei contratti di lavoro dei magazzinieri? L accordo fa parte di una strategia più complessiva di interventi per porre rimedio alla degenerazione dei conflitti sociali all interno dei magazzini. Da questo punto di vista è stato fondamentale l avvio nei giorni scorsi del Tavolo della Legalità presso il Ministero del Lavoro che fungerà da cabina di regia per la messa a punto di tutte le misure necessarie a normalizzare la situazione delle ribalte. Sono convinto che la provenienza dal mondo della cooperazione del nuovo Ministro ne garantirà ulteriormente la continuità e l efficacia. Come si colloca questo accordo per importanza e contenuti nell obiettivo della legalità e come contribuirà a raggiungerlo? Rappresenta certamente un primo passo in avanti per la stabilizzazione e l internalizzazione del personale impiegato negli appalti in cambio di maggiore flessibilità organizzativa per le aziende. Come ho già detto non deve rimanere un fatto isolato ma deve essere accompagnato da misure, anche di tipo normativo, da parte delle Istituzioni. Solo se tutti i soggetti coinvolti faranno la loro parte si realizzerà un cambio di rotta sostanziale. Questa intesa, sotto il profilo dei contenuti e della metodologia seguita, rappresenta un innovazione delle relazioni industriali che si aggiunge al contratto nazionale di lavoro siglato lo scorso anno, oppure ha un percorso proprio dettato da un problema grave, ma circoscritto? L intesa ha seguito un percorso a sé che è stato portato avanti dalla Fedit al di fuori del rinnovo del CCNL per affrontare una situazione di emergenza. In ogni caso, come specificato dallo stesso Protocollo, si tratta di una intesa aperta alla condivisione anche delle altre associazioni datoriali firmatarie del CCNL. NEREO MARCUCCI Facoltà di Scienze politiche presso l Università di Pisa. Incarichi attuali: Presidente Confetra (Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica). Incarichi precedenti: Membro delle Executive Committee di FEPORT (Federation of European Private Port Operators/Bruxelles) (fino al ) Consigliere di Amministrazione di SNT La Spezia, Scuola Nazionale Trasporti e Logistica (fino al ) Consigliere di Amministrazione del Gruppo Contship Italia SpA con delega alla pianificazione e sviluppo ed alle relazioni Istituzionali. (fino al ) Vice Presidente di Assologistica con delega ai Porti (Associazione Italiana Imprese di Logistica, Magazzini Generali, Magazzini Frigoriferi, Terminalisti portuali, Interportuali ed Aeroporti (fino al ) Amministratore Delegato LSCT, La Spezia Container Terminal ( ) Vice Presidente di TCR, Terminal Container Ravenna ( ) Consigliere di Amministrazione TDT, Terminal Container Livorno ( ) Consigliere di Amministrazione di Contrepair La Spezia ( ) Consigliere di Amministrazione di TIBRE srl, Società per lo sviluppo multimodale Tirreno/Brennero Presidente di Assologistica Presidente dell Autorità Portuale di Livorno Vicepresidente di Assoporti ( Ass. delle Autorità Portuali Italiane) Membro del Board di MEDCRUISE (Ass. Europea dei porti croceristici) Membro del Board di Villes et Ports (Ass. Europea delle città di mare) Consigliere di Amministrazione dell Interporto Toscano Amerigo Vespucci Presidente del CdA di SITEL, società; pubblico-privata per lo sviluppo telematico portuale Presidente del CdA di Nuovo Marzocco soc. pubblico-privata per lo sviluppo intermodale Funzionario di Banca, dirigente della Silos Livornesi SpA, società per lo sbarco ed imbarco di cereali e semi oleosi nel Porto di Livorno.

8 IL NUOVO ACCORDO PUNTO PER PUNTO Breve guida pratica al contratto del personale delle ribalte ORARIO DI LAVORO Ferma restando la durata dell orario di lavoro ordinario in 39 ore settimanali, lo stesso potrà essere distribuito su sei giorni alla settimana (lunedì/sabato) ed essere determinato come media su un arco temporale di 6 mesi. Sempre in un ottica di maggiore flessibilità, e superando il tetto rigido delle 8 ore giornaliere, la prestazione lavorativa potrà essere articolata con un minimo di 4 ed un massimo di 10 ore giornaliere, con un nastro lavorativo giornaliero non superiore a 13 ore. Non è dovuta alcuna maggiorazione per le ore di lavoro prestate il sabato. Le 40 ore di permesso retribuito, di cui all art. 9 del CCNL di settore, e le 4 giornate di ex festività verranno sostituite con diverse modalità di pagamento che saranno definite nell ambito degli accordi aziendali, istituendo un Premio di Risultato, ovvero attraverso la definizione di diverse modalità di fruizione. PART TIME Viene definita una nuova modalità di rapporto di lavoro a tempo parziale, con una durata minima della prestazione ordinaria di 16 ore settimanali (in luogo delle 20 previste dal CCNL), con una prestazione minima di 4 ore giornaliere consecutive. Ferma restando l applicazione delle clausole elastiche e flessibili (ossia quelle che consentono la variazione della collocazione temporale ovvero variazioni in aumento della prestazione lavorativa inizialmente pattuita), le stesse non potranno essere più disdettate, se non previo accordo scritto tra azienda e lavoratore. La variazione in aumento della durata della prestazione lavorativa nonché la modifica della collocazione della stessa, in virtù di tali clausole elastiche/flessibili, dovrà essere comunicata al lavoratore con un preavviso di almeno 11 ore prima della prestazione lavorativa (rispetto ai 7 giorni di calendario che prevede il nostro CCNL). Le prestazioni lavorative rese secondo modalità elastiche, inoltre, potranno superare in ogni anno solare il limite complessivo pro-capite del 20% della prestazione concordata, con un massimo da definirsi a livello aziendale. REPERIBILITÀ I lavoratori interessati saranno tenuti ad essere reperibili in ore non lavorative per sopperire ad esigenze aziendali, secondo modalità da definirsi a livello di accordo aziendale e non possono rifiutarsi, salvo giustificato impedimento, di rispondere alle chiamate. I periodi di reperibilità saranno comunicati al lavoratore ad inizio di ogni mese. INQUADRAMENTO CONTRATTUALE Il personale neo assunto addetto alla movimentazione merci sarà inquadrato, per effetto degli accordi aziendali previsti dalle presenti linee guida, al livello 6 J per quanto riguarda il profilo di attività manuali di carico e scarico merci- facchino ed al livello 6 per quanto riguarda il profilo di facchino qualificato (in pratica un livello più basso rispetto alle attuali previsioni contrattuali). Il lavoratore, trascorso un periodo di 24 mesi decorrenti dalla data di assunzione, verrà inquadrato nel livello contrattuale di corrispondenza professionale. MALATTIA Riconoscendo che i livelli anomali di assenze improvvise e non pianificate sono tra le cause che incidono negativamente sull organizzazione produttiva, le parti, ove si riscontrasse che le assenze per malattia raggiungono sia a livello individuale che di singola unità produttiva livelli tali da incidere negativamente sulla normale organizzazione del lavoro, hanno assunto l impegno a definire, a livello aziendale, misure e strumenti finalizzati a contrastare e ridurre tale fenomeno. VALIDITÀ DEGLI ACCORDI Per la loro validità, oltre che dalle imprese interessate, gli accordi aziendali dovranno essere sottoscritti dalle parti firmatarie l intesa, intendendosi, per la parte sindacale, le competenti strutture nazionali e regionali. Gli accordi aziendali avranno durata triennale, valendo in ogni caso il principio dell ultrattività; dovranno essere, inoltre, depositati presso il costituendo osservatorio in seno all Ente Bilaterale del settore.

9 FEDIT E INSIEME PER RIDURRE I COSTI AZIENDALI E CONTENERE LE SPESE Fedit e Transcasch hanno stipulato una convenzione per gestire gli stipendi, abbattere significativamente i costi bancari e risparmiare sulle spese, monitorando e controllando i movimenti di denaro in azienda. Elenchiamo qui di seguito i servizi messi a disposizione dalla Convenzione PPROGRAMMA STIPENDI SULLE CARTE TRANSCASH SOLUZIONE TRANSCASH PER LE AZIENDE Aderendo al PROGRAMMA STIPENDI SULLE CARTE TRANSCASH, le aziende hanno a disposizione UN METODO DI RISPARMIO GARANTITO: con un unico bonifico paghi tutti gli stipendi unico bonifico, unico costo un software innovativo di gestione degli stipendi un sistema di gestione delle spese/stipendi per i collaboratori/dipendenti stagionali metodo innovativo per la corresponsione delle retribuzioni per i dipendenti stagionali o a progetto CARTE TRANSCASH AZIENDALI E CARTE TRANSCASH SMALL Affidando le CARTE TRANSCASH AZIENDALI ai propri responsabili aziendali e le CARTE TRANSCASH AZIENDALI SMALL ai dipendenti/collaboratori per l effettuazione delle spese per conto dell azienda si: ELIMINANO I COSTI BANCARI: CARTE BUSINESS E CORPORATE senza canoni mensili e senza costi fissi condividi istantaneamente e gratuitamente il denaro presente sulle CARTE AZIENDALI con i collaboratori distaccati all estero SI POSSONO MONITORARE IN TEMPO REALE LE SPESE: affida le CARTE TRANSCASH SMALL ai tuoi collaboratori autorizzati ad effettuare spese per conto dell azienda pianifica e controlla la loro spesa mensile BENEFIT POSSESSORI CARTE PER AZIENDA E PER DIPENDENTE BENEFIT CARTA AZIENDA 1) Servizi Assinova validi sia per le vetture che per i furgoni fino a35ql RIPARA: se hai torto (danno passivo), ripara il danno alla carrozzeria con uno sconto fino al 40% sui prezzi di listino, con ricambi originali o equivalenti a tua scelta presso le officine convenzionate SOCCCORSO STRADALE (carro attrezzi)

10 VETTURA O FURGONE SOSTITUTIVA: per tre giorni durante la riparazione della tua vettura presso le officine convenzionate Assinova, applicabile solo per danni superiori alle 8 ore di lavorazione 2) Convenzione con Assibroker: convenzione con Assibroker per la riduzione del costo della polizza Rca auto con primarie assicurazioni. Possibilità di pagare il premio in dieci rate. 3) Accordo con Viasat e nuovo sistema per il controllo dei consumi collegato alla carta Tc 4) Accordi in convenzione per le criticità finanziarie (crediti non riscossi) 5) Servizi legali a supporto dell impresa VANTAGGI PER DIPENDENTI AZIENDA POSSESSORI DI TRANSCASH 1) Prestito fino a 4mila euro gruppo Smartika (social landing 0,50% di sconto sul tasso variabile) 2) Possibilità facoltativa di usufruire sia dei servizi Assinova (ripara, auto sostitutiva ecc.) che del servizio Assibroker per le polizze Rca auto. Tale servizio costa 25,99 euro euro l anno. 3) Accordo in convenzione con la Carta Transcash per avere sconti sui contratti finanziari (mutui, prestiti) 4) Servizi legali a supporto del cliente.

11 QUELL ULTIMO MIGLIO Smart city è un sogno possibile. Massimo Marciani nel suo libro spiega perché l ultimo miglio non è tabù uovi modelli di governance: dalla distribuzione urbana alla smart logistics, pubblicato da Giordano Editore per conto di FEDIT, individua le criticità del trasporto urbano delle merci, che impediscono di avviare un vero e proprio sistema di trasporto sostenibile, nella mancanza di coordinamento tra i diversi soggetti che vi operano, le risposte soltanto limitative delle amministrazioni pubbliche, la scarsa accessibilità delle aree urbane, la prevalenza del conto proprio (più dispersivo e incontrollabile) sul conto terzi (più professionale e regolamentato). Il libro a cui hanno contribuito importanti esperti del settore - non si limita a diagnosticare la malattia, ma propone anche alcune terapie per favorire una razionalizzazione del trasporto delle merci nelle città, terapie basate sul concetto di cooperazione e concertazione fra le parti in modo da superare l arcaica contrapposizione di interessi legittimamente contrapposti fino a giungere ad un sistema di gestione della mobilità fondato su incentivi piuttosto che su divieti. In questo scenario regolato dal principio dell accreditamento, la maggiore diffusione dei sistemi intelligenti di trasporto (ITS) possono consentire una gestione efficace che riduca i viaggi a vuoto, prenoti gli stalli per il carico e lo scarico, «dialoghi» con le infrastrutture di transito, indirizzi i mezzi lungo le direttrici meno trafficate, ne tracci il movimento in modo da poter intervenire tempestivamente in situazioni d emergenza. Gli ITS, tuttavia, hanno bisogno di essere accompagnati da politiche selettive che non si limitino a divieti di circolazione, ma regolino gli accessi in base al tipo di veicolo, alla sua vetustà, al tipo di merce, alle fasce orarie e così via, incentivino il rinnovamento del parco veicoli, creino nuove infrastrutture immateriali. L innovazione, o meglio la rivoluzione copernicana presentata nel libro, è un nuovo modello di governance in grado di garantire una maggiore produttività con conseguenti risparmi per gli operatori logistici, una maggiore efficienza e rapidità per i destinatari delle merci, un minore inquinamento e congestione anche in termini di occupazione del suolo pubblico per il comune e per la collettività. Questo cambiamento di prospettiva investimenti privati in cambio di premialità pubblica segue un importante pietra miliare nel percorso che va verso la creazione della smart logistics in un ecosistema in cui veicoli ed infrastrutture siano in grado di comunicare e d interagire in modo proattivo. Massimo Marciani

12 FEDIT E UNIVERSITÀ LUISS PER L ECO MOBILITÀ Fedit e Luiss collaborano per il master in Eco Mobility con tre borse di studio per la formazione di manager. edit ha siglato un accordo strategico per il trasporto e la logistica con il Master in Eco mobility Management (MEM) della Business School dell Università LUISS. Giunto alla sua terza edizione il MEM è ancora oggi l unico percorso europeo di formazione professionalizzante per esperti e addetti alla mobilità sostenibile delle merci e delle persone a livello universitario. Patrocinato dal Ministero dell Ambiente, dei Trasporti, dalla Toyota Italia e da altri importanti player del settore, si rivolge sia ai professionisti che già operano nel campo della mobilità, ma anche ai giovani che credono nel futuro dell Eco mobility. L accordo con la LUISS prevede per le aziende FEDIT la disponibilità di borse di studio che riducono la quota di iscrizione del 40%, da a euro, oltretutto dilazionabili in 3 rate senza interessi (Iva escl). Eccezionalmente abbiamo ottenuto la possibilità di estendere tale offerta anche ai figli dei nostri associati, poiché siamo profondamente convinti della necessità nel nostro settore di investire nei giovani, nel passaggio generazionale e nelle future generazioni. Per vostra informazione vi comunichiamo che la partecipazione al Master MEM prevede al suo termine l ottenimento di due diplomi, uno della LUISS che certifica la frequenza del Master di primo livello, l altro della Commissione Europea specificatamente per il modulo formativo City Logistic Manager. Questo modulo formativo è ad oggi l unico percorso europeo di formazione dedicato alla logistica delle merci dell ultimo miglio. Il Master MEM inizia il 28 marzo È organizzato per andare incontro alle esigenze di chi lavora (solo due week end al mese il venerdi e sabato). Termina a novembre Per informazione sui posti disponibili che sono limitati e a numero chiuso, è possibile contattare direttamente il direttore del Master a nome della Fedit. Dott. Roberto Maldacea Tel

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa via Venezia, 26-48121 RAVENNA RA Tel./fax 0544219377 e-mail: info@villaggioglobale.ra.it - web: www.villaggioglobale.ra.it REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010 Premessa

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE 1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE Il bilancio consuntivo al 31/12/03 di Previambiente è stato redatto con l ausilio tecnico del Collegio dei Revisori Contabili

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT AREA TRANSPORT MANAGEMENT Modulo Base RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT Mercoledì 23 maggio 2012 Il corso si pone come obiettivo l approfondimento delle principali tematiche

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Benvenuto nel mondo del noleggio a lungo termine: l auto su misura per te!

Benvenuto nel mondo del noleggio a lungo termine: l auto su misura per te! .it Benvenuto nel mondo del noleggio a lungo termine: l auto su misura per te! easynoleggio Easynoleggio nasce dalla collaborazione di professionisti con pluriennale esperienza nel mondo dell automobile

Dettagli

Master Bancario in Area Commerciale

Master Bancario in Area Commerciale Master Bancario in Area Commerciale Premessa Il mondo del credito è in costante evoluzione e le innovazioni si susseguono con sempre maggior frequenza nel campo legislativo, gestionale, organizzativo e

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI (Lavanderie Industriali) Premessa Il contesto nel quale

Dettagli

FOCUS ON BORSA TRASPORTI INTERVISTA AL GENERAL MANAGER Dott. Angelo Coletta

FOCUS ON BORSA TRASPORTI INTERVISTA AL GENERAL MANAGER Dott. Angelo Coletta 1. CHE COS E, COME NASCE L IDEA DI CREARE UNA BORSA MERCI E DA QUALI ESIGENZE? Borsa Trasporti è l ultima nata tra le borse merci telematiche ed è un portale interamente dedicato al mondo del trasporto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II Presentazione Un Master per i mestieri della cultura Un anno dopo la triennale, con una forte componente professionale,

Dettagli

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2492 Roma 31 dicembre 2014 ALLE ALLE ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI TERRITORIALI UNIONI REGIONALI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE COMPONENTI

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

I CONVEGNI di Quotidiano Immobiliare

I CONVEGNI di Quotidiano Immobiliare Fondi Immobiliari per la Ristrutturazione del Debito Martedì 11 maggio 2010 NCTM - Studio Legale Associato Via Agnello, 12 - MILANO > Le opportunità offerte dai Fondi Immobiliari per la ristrutturazione

Dettagli

pubblica amministrazione

pubblica amministrazione scenario L Ente locale oggi è diventato promotore dello sviluppo di una società territoriale sempre più dinamica, complessa ed esigente. Comuni, Provincie e Regioni rispondono alla collettività e al territorio

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 2014 L esercizio 2014 è stato caratterizzato dal pieno recepimento degli indirizzi del socio unico Roma Capitale, che hanno imposto una linea di austerità e di totale compliance

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI:

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI: LA FORMULA PROFILO EDITORIALE: La collana de I Quaderni della Comunicazione nasce come una guida mensile rivolta alle Aziende per aiutarle a orientarsi nei diversi meandri della comunicazione commerciale.

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

Family business day Aziende familiari a confronto

Family business day Aziende familiari a confronto presenta: Family business day Aziende familiari a confronto Milano, 23 novembre 2006 Un analisi economica dei tre elementi che caratterizzano il family business: la FAMIGLIA, l AZIENDA di famiglia, il

Dettagli

Project Management in Sanità

Project Management in Sanità - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 Il Circuito ICS Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 ICS e il car sharing Il Ministero dell Ambiente, in collaborazione con alcuni Comuni, costituisce

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle

Dettagli

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI SLAI Cobas per il Sindacato di Classe Federazione Autisti Operai i C.C.N.L. AUTOTRASPORTI e LOGISTICA per le COOPERATIVE I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI 2004--2007-2006--2010-2011

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

Figure professionali «Mobilità sostenibile» LOGISTIC MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure professionali «Mobilità sostenibile» LOGISTIC MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure professionali «Mobilità sostenibile» LOGISTIC MANAGER GREEN JOBS Formazione e Orientamento LOGISTIC MANAGER Il logistic manager si occupa dell organizzazione e della circolazione delle merci e delle

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

FondItalia fa un salto da te

FondItalia fa un salto da te FONDO FORMAZIONE ITALIA Campagna informativa 2011 FondItalia fa un salto da te PREMESSA I Fondi Paritetici Interprofessionali sono stati chiamati, in questa fase di crisi economica, a svolgere una funzione

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DELL AGRICOLTURA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

Conoscere e discutere i fondamenti di una buona impresa

Conoscere e discutere i fondamenti di una buona impresa CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA Organizza un percorso di formazione sul tema: Conoscere e discutere i fondamenti di una buona impresa 20-27 Ottobre; 10-17-24 Novembre 2012 Consorzio Polo Tecnologico

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Il giorno 27 04 2004, presso l Assessorato del Lavoro, si è svolto un

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Spett. Alleanza Assicurazioni S.p.A. Servizio del Personale SEDE

Spett. Alleanza Assicurazioni S.p.A. Servizio del Personale SEDE Spett. Alleanza Assicurazioni S.p.A. Servizio del Personale SEDE Vi trasmettiamo in allegato la piattaforma per il rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale dei lavoratori dell Alleanza Assicurazioni,

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6 Presentazione 3 Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4 Progetto Borse Lavoro 6 2 Comunità Oklahoma Onlus Milano Buongiorno, Il progetto Borsa Lavoro che vi presentiamo, mira a creare nuove opportunità

Dettagli

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate *** COMUNE DI QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L approvazione della

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

OSSERVATORIO Corporate Social Responsibility

OSSERVATORIO Corporate Social Responsibility OSSERVATORIO Corporate Social Responsibility Milano, 26 maggio 2008 MOBILITY MANAGEMENT E CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Federico Isenburg LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Il Libro Verde dell Unione

Dettagli

Master Executive. MASTER di II Livello IP 01 - LA TUTELA DEL RAPPORTO DI LAVORO. 1500 ore 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015

Master Executive. MASTER di II Livello IP 01 - LA TUTELA DEL RAPPORTO DI LAVORO. 1500 ore 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015 Master Executive MASTER di II Livello IP 01 - LA TUTELA DEL RAPPORTO DI LAVORO 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 Titolo Categoria Livello IP 01 - LA TUTELA DEL RAPPORTO DI LAVORO MASTER II Livello

Dettagli

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI Addì, 22 dicembre 2010, in Roma CONFAPI FEDERMANAGER e Premesso

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Realizzato da Partner tecnici Partner scientifici Media partner Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Geologi Fondamentali per il settore geotermico. Ingegneri Essenziali per la progettazione di

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA La UIL nell assumere tra i suoi obiettivi prioritari per l'anno in corso il superamento del blocco della contrattazione

Dettagli