Il laboratorio LAMI Università di Cassino L esperienza di San Vittore del Lazio Attività di ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il laboratorio LAMI Università di Cassino L esperienza di San Vittore del Lazio Attività di ricerca"

Transcript

1 Il laboratorio LAMI Università di Cassino L esperienza di San Vittore del Lazio Attività di ricerca

2 Laboratorio LAMI DiMSAT Università di Cassino Centro SIT per: umidità,, pressione, temperatura, massa (PalMer( PalMer), lunghezze (PalMer), acustica (PalMer( PalMer) Collaborazioni di ricerca ventennali con INRIM, Torino

3 L impianto di termovalorizzazione di San Vittore del Lazio (FR) Collaudo (2002) Ruolo dell Universit Università di Cassino Strategia di comunicazione con il territorio Da luglio 2006: ACEA s.p.a. è proprietaria

4 Trend delle emissioni dei macroinquinanti: NOx NOx [mg/nm 3 ] /9/03 29/1/04 27/6/04 24/11/04 23/4/05 20/9/05 17/2/06 17/7/06 14/12/06 Reference document on the Best Available Techniques for Waste Incinerator EU Commission (2005) -(143 WMI in Europe)

5 Trend delle emissioni dei macroinquinanti: polveri 10 8 Polveri [mg/nm 3 ] /9/03 29/1/04 27/6/04 24/11/04 23/4/05 20/9/05 17/2/06 17/7/06 14/12/06 73% of the WMI in Europe presents a limit of 5 mg/nm 3 )

6 Le attività di controllo e di ricerca Coordinamento e supervisione analisi microinquinanti Analisi termofluidodinamica della camera di combustione Caratterizzazione acustica dell impianto Analisi sull applicazione delle B.A.T. Technologies) all impianto (Best Available Progettazione, realizzazione e supervisione scientifica di un laboratorio per la caratterizzazione chimico-fisica del CDR Coinvolgimento con parere vincolante nella progettazione del potenziamento dell impianto sulla base delle B.A.T. (fino a 24 MWe) Confronto tecnico-economico economico tra i diversi sistemi di incenerimento (su griglia, gassificatori,, pirolisi) Caratterizzazione delle polveri emesse dall impianto in termini morfologici, dimensionali e di composizione (metalli pesanti - SEM)

7 Coordinamento e supervisione analisi microinquinanti Supervisione nel monitoraggio dei microinquinanti Scelta dei laboratori di fiducia per l Amministrazione (Eco Research BZ, INDAM BS) Diossine in falda

8 Coordinamento e supervisione analisi microinquinanti ng I-TEQ/kg Scorie (14%) x 1.6 = 0.22 ng I-TEQ Ceneri (7%) x 93 = 6.5 ng I-TEQ CDR in ingresso Fumi 8 Nm 3 x = 0.05 ng I-TEQ Le diossine in uscita sono pari a 6.8 ng I-TEQ/ kg kg CDR Il limite più restrittivo per l emissione l complessiva di diossine in impianti di incenerimento è contenuto in una legge giapponese del 1997 (New Guideline for Controlling Dioxins: 5 ng I-TEQ/ kg RSU )

9 Analisi termofluidodinamica della camera di combustione Analisi termofluidodinamica camera di post-combustione della (D.M. 5 febbraio 1998 e D.L. n. 133/05: temperatura minima dei gas nella camera di combustione di 850 C raggiunta anche in prossimità della parete interna; tempo di permanenza minimo dei gas nella camera di combustione di 2 secondi).

10 Potere calorifico = kj/kg

11 Installazione di un termometro ad infrarossi monocromatico (C0 2 ) Land CD1 Incinerator thermometer

12 Caratterizzazione acustica dell impianto (convenzione di ricerca settembre 2006) Implement the noise reduction measures described in 4.7, and in doing so to achieve a noise level of below 35 db (A) at a minimum distance of 160 m Integrated Pollution Prevention and Control, Draft Reference Document on the Best Available Techniques for Waste Incineration, Draft March 2004

13 Analisi sull applicazione delle B.A.T. (Best Available Technologies) Incarico di ricerca nell agosto 2006 Coinvolgimento con parere vincolante nella progettazione del potenziamento dell impianto (fino a 25 MWe) Progetto da presentare entro la fine dell anno 2006

14 Progettazione, realizzazione e supervisione scientifica di un laboratorio per la caratterizzazione chimico-fisica del CDR Data inizio attività: : 2 agosto 2006 Analisi chimico-fisica e merceologica Un responsabile e un operatore Accreditamento SINAL entro due anni

15 Caratterizzazione delle polveri emesse dall impianto in termini di composizione (metalli pesanti - SEM)

16 Caratterizzazione delle polveri emesse dall impianto in termini di composizione (metalli pesanti - SEM) Chiung-Wen Hu, Mu-Rong Chao, Kuen-Yuh Wu, Gou-Ping Chang-Chien, Wen-Jhy Lee, Louis W., Wei-Shan Lee, Characterization of multiple airborne particulate metals in the surroundings of a municipal waste incinerator in Taiwan, Atmospheric Environment 37 (2003)

17 Caratterizzazione delle polveri emesse dall impianto in termini morfologici e dimensionali Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri da sorgenti e in atmosfera

18 Definizioni sulle polveri e sull aerosol atmosferico Le tipiche distribuzioni di concentrazione di polveri in atmosfera Composizione chimico-fisica delle polveri Le trasformazioni dell aerosol atmosferico Effetti delle polveri sulla salute umana La concentrazione delle polveri in atmosfera Il problema indoor La misura gravimetrica Il conteggio delle polveri (APS) La misura della distribuzione delle polveri (SMPS) Confronto tra diverse fonti di emissione

19 La nanoscienza ha avuto un rapido sviluppo negli ultimi tempi: airborne nanoparticles and nanotechnology Ricerca con Google: , nanoparticles web sites, atmospheric nanoparticles 161 web sites , nanoparticles web sites, atmospheric nanoparticles web sites Il prefisso nano è utilizzato dal momento che le proprietà dei materiali cambiano in funzione delle dimensioni del materiale attorno ai 10-9 m. P i,q =f(l x, l y, l z )

20 Un nanometro corrisponde alla lunghezza di crescita della barba corrispondente al tempo necessario per portare il rasoio al viso 1 nm = 10-3 μm = 10-9 m Il limite superiore per considerare delle particelle come nanoparticelle varia in funzione delle diverse applicazioni polveri grossolane (PM10) D eq <10 μm polveri fini (PM2.5.5) D eq <2.5 μm Polveri ultrafini - D eq < 0.1 μm Nanoparticelle D eq < μm m (50 nm)

21 Il contributo dei veicoli su strada sulle PM10 è solo del 25%

22 Il diametro di un capello umano è pari a circa nm Parametri fisici Dimensione Forma Area superficie esterna Concentrazione Velocità assunzione Radioattività Parametri chimici Composizione Corrodibilità Parametri biologici Organo o tessuto coinvolto Condizioni di salute Variabilità individuale

23 L aerosol atmosferico è una sospensione metastabile di particelle di varie dimensioni e composizione sospese in aria. Al contrario delle sospensioni colloidali (in liquido), gli aerosol generalmente non possono rimanere stabili per periodi prolungati. Alcuni dei componenti possono essere volatili e suddividersi tra le particelle e la fase gassosa. La più importante proprietà delle nanoparticelle è probabilmente la dimensione (diametro). Sono definiti diametri equivalenti quelli di particelle sferiche che si comportano allo stesso modo nel particolare apparato di misura. Poiché esistono molteplici modi di misurare la dimensione, ci sono diversi modi di definire diametri equivalenti

24 Diametro equivalente aerodinamico Il diametro aerodinamico equivalente di una particella è definito come il diametro di una sfera di densità unitaria (ρ = 1 g cm -3 ) che ha la stessa velocità di deposizione della particella in questione. Quest ultima non deve avere necessariamente una densità unitaria e/o essere sferica. Poichè la maggior parte delle particelle sono composte di materiale con densità maggiore di quella standard, di conseguenza il diametro aerodinamico equivalente è tipicamente maggiore del diametro della particella. Comunque, forme molto irregolari presentano un fattore di forma molto grande (per una sfera = 1) con conseguente riduzione del diametro equivalente aerodinamico.

25 L aerosol atmosferico è caratterizzato da una distribuzione delle dimensioni delle particelle. Number distribution, surface area distribution, mass distribution vs. dimensione Nelle diverse rappresentazioni uno o più picchi (mode) possono essere osservati. Passando dalla number alla surface area alla mass distribution si osservano mode spostate verso dimensioni maggiori.

26

27

28 L aerosol atmosferico tipicamente evolve nel seguente modo: 1. le particelle sono generate, in aggiunta a quelle direttamente emesse, per nucleazione di vapori supersaturi; 2. le piccole particelle crescono per coagulazione e/o condensazione in particelle più grandi; 3. le particelle si depositano su superfici (anche di particelle più grandi) per diffusione; 4. le particelle più grandi si depositano per sedimentazione o sono semplicemente lavate dall atmosfera per precipitazione.

29 Coagulazione termica Per particelle con d p < 0.1 μm (raggio particella < libero cammino medio molecolare) il processo diffusivo è di tipo molecolare e non si può applicare la legge di Fick ma la descrizione matematica dei moti browniani. Generalmente si utilizzano coefficienti correttivi di tipo empirico rispetto alla diffusione di tipo continuo. Es.: da particelle monodisperse di diametro 1 μm si riporta il tempo necessario per arrivare ad avere un valore di concentrazione pari a metà (t 1/2N ) o per avere tutte particelle di diametro doppio (t 2d ).

30 Intercettamento Impatto inerziale

31 Coagulazione cinematica in un flusso laminare All interno di un campo di moto caratterizzato da un gradiente di velocità, le particelle tenderanno a seguire diverse linee di flusso con differenti velocità. Può esserci la possibilità di una coagulazione cinematica per intercettamento. I tal caso la probabilità aumenta all aumentare delle dimensioni (d p > 2.5 µm). W.C. Hinds, 1999, Aerosol Technology Properties, Behaviour,, and Measurement of Airborne Particles, Wiley and Sons, New York.

32 Condensazione La condensazione di vapori è il processo dominante per il trasporto di massa dalla fase vapore al particolato con conseguente crescita delle dimensioni delle particelle presenti nell aerosol atmosferico. La condensazione richiede un vapore supersaturo (pressione parziale maggiore della pressione di saturazione ed una superficie su cui il vapore condensa (ad esempio quella di particelle presenti nell aerosol).

33 Meccanismi di deposizione e rimozione Deposizione per diffusione: molto più efficiente per piccole particelle, non è un processo di trasporto di particelle su grandi distanze. Modello diffusivo continuo (legge di Fick) per particelle più grandi e molecolare (moti browniani) per particelle più piccole. A differenza delle molecole di gas, le particelle tendono ad incollarsi su delle superfici che rappresentano quindi un pozzo con concentrazione pari a zero.

34 Meccanismi di deposizione e rimozione Deposizione per sedimentazione gravitazionale: deposizione su terreno o sulla superficie di altre particelle più grandi (scavenging). Es. Concentrazione di particelle di 1/cm 3. In tab. Sono riportate le particelle depositate dopo 100 s. Diffusione Sedimentazione gravitazionale

35 Meccanismi di deposizione e rimozione DR interaction èla deposizione per intercettamento di particelle che diffondono. Tale interazione rappresenta un meccanismo di deposizione praticamente indipendente dal diametro. La diffusione è il solo meccanismo di rimozione per particelle fino a 100 nm. Particelle più grandi possono essere rimosse per intercettamento, impatto e sedimentazione gravitazionale. In aggiunta a questi processi che rimuovono direttamente massa, le particelle possono essere rimosse per coagulazione. La coagulazione non rimuove massa ma sposta la dimensione delle particelle in altri range (accumulation mode) dove altri processi di rimozione di massa sono più efficienti.

36 Effetti delle particelle sulla salute umana Numerose ricerche negli ultimi anni hanno rilevato la pericolosità delle polveri sulla salute umana. La frazione fine e ultrafine sono di particolare interesse per la loro capacità di raggiungere i polmoni e la regione alveolare. Nelle aree industrializzate la maggior parte delle particelle fini e ultrafini è originato da attività antropiche, in particolare da processi di combustione industriale e da emissioni connesse al traffico stradale.

37 Effetti delle particelle sulla salute umana La legislazione vigente nella maggior parte dei casi è però incentrata esclusivamente sulla massa emessa. Tale approccio sembra inadeguato dal momento che le particelle con diametro > 2.5 μm tendono a precipitare nelle vie respiratorie.

38 Effetti delle particelle sulla salute umana Nel 1997 l EPA (Environmental Protection Agency) ha rivisto i limiti focalizzando l attenzione anche sul PM2.5.

39 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio Il legame tra le particelle presenti in atmosfera e la salute umana è rappresentato dalla respirazione con conseguente deposizione di particelle nel tratto respiratorio. La deposizione di particelle interessa non solo per capire gli effetti sulla salute umana ma anche il trasporto di prodotti farmaceutici. La deposizione nei polmoni è basata sui meccanismi già analizzati: sedimentazione, impatto inerziale, intercettamento, diffusione e elettroforesi. Però, a differenza dei filtri, il sistema di deposizione è molto più complicato a causa della variazione di geometria, della portata, in condizioni molto umide che potrebbero portare ad una crescita delle particelle per condensazione. Necessità di un approccio sperimentale con sviluppo di equazioni di tipo empirico.

40 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio

41 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio Dal punto di vista della deposizione, il sistema respiratorio si può suddividere in tre parti, diverse per struttura, flusso, funzionalità, tempo di residenza e sensibilità alle particelle. La prima è la regione extratoracica (verde): include naso, bocca, faringe e laringe. L aria inalata viene qui riscaldata e umidificata. La seconda è la regione tracheobronchiale (arancione e rosso scuro). Questa regione è disegnata come un albero rovesciato dove la trachea rappresenta il tronco che si divide ulteriormente in bronchi e bronchioli. La terza è la regione alveolare, responsabile per gli scambi di massa tra l aria presente nei polmoni ed il sangue (rosso chiaro).

42 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio Il sistema respiratorio di un adulto processa m 3 di aria al giorno (0.5 l di aria inalati a riposo per 12 volte a minuto). Un adulto inala circa di particelle in città al giorno, 100 volte di più che in zone incontaminate La superficie di scambio è pari a circa 75 m 2 con circa 2000 km di capillari. I meccanismi di deposizione più importanti sono la sedimentazione e l impatto per le particelle più grandi, la diffusione per quelle più piccole. Le particelle che entrano in contatto con le pareti (molto umide) non rientrano nel flusso. Una soluzione completa del moto non è possibile tramite le equazioni fondamentali (Navier-Stokes). Qualche informazione sui meccanismi di deposizione nei vari tratti si è ottenuta sperimentalmente.

43 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio Il meccanismo di deposizione per impatto è osservato nei tratti a grande sezione, con velocità elevate. La deposizione per sedimentazione èpiùimportante nelle piccole vie per particelle grandi, dove le velocità sono basse. La deposizione per diffusione, per particelle con diametro < 0.5 μm, è importante nella regione alveolare. Una significativa frazione di particelle ultrafini e nanoparticelle (20-80%) è depositata nei polmoni ad ogni respiro.

44 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio

45 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio Dopo la deposizione, le particelle permangono per tempi variabili, funzione delle proprie proprietà fisico-chimiche e del meccanismo di rimozione. La superficie delle prime due regioni è rivestita da uno strato di muco che è trasportato lentamente verso la laringe e, quindi, al tratto gastrointestinale. Questo trasporto permette di rimuovere le particelle dal tratto respiratorio nel giro di qualche ora. La regione alveolare non presenta lo stesso strato di muco. Le particelle insolubili depositate in questa regione sono rimovibili molto lentamente, con periodi variabili di mesi o anni. Le particelle solubili passano invece la membrana alveolare per entrare nel sangue.

46 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio Aumento numero di decessi Aumento numero di giorni di ricovero Effetti respiratori: Diminuzione breve periodo della capacità respiratoria, aumento dolori toracici Infiammazioni polmonari Danni permanenti ai polmoni Aumento del numero di attacchi asma Effetti cardiovascolari: - Mancanza di ossigeno nel sangue - Aumento del numero di infarti Aumento del rischio di tumori Aumento predisposizione a infezioni tra I bambini

47 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio

48 Deposizione di particelle nel tratto respiratorio

49 La concentrazione di polveri in atmosfera

50 Numero di particelle in atmosfera part./cm 3 nelle remote zone continentali e aree marine part./cm 3 nelle aree urbane part./cm 3 lungo le strade e durante la formazione di nuove nanoparticelle, generalmente durante periodi di elevata radiazione solare

51 In summer: PTS = 15.4 μg/m part./cm 3 average peak diameter = 67 nm In winter: PTS = 19.5 μg/m part./cm 3 average peak diameter = 59 nm Birmingham city: PTS = 45.8 μg/m part./cm 3 average peak diameter = 30 nm Background area: part./cm 3

52

53 The particle number (D<500 nm) concentrations and size distributions at the underground subway station were very similar to those measured at the urban background monitoring site indicating that the source of particles of this size is street traffic. The average daytime particle number concentration was (±14 000) particles cm 3 compared to (±17000) particles cm 3 at an urban background monitoring site (D<320 nm).

54

55 Nonostante la massa emessa di particelle dei motori diesel sia molto maggiore dei motori alimentati a benzina, durante percorsi autostradali i due tipi di motore presentano emissioni in numero simili.

56

57 The concentration of fine and ultrafine particles decay to about half of the maximum at a distance of m at Brisbane Shi et al. observed a faster decline of particle number concentration than mass concentration in Birmingham

58

59 1991: riscaldamento a carbone, motori a due tempi 1998: riscaldamento a metano,, auto moderne Scavenging (coagulation) più importante diffusione

60

61 La concentrazione di polveri in ambienti confinati

62

63

64

65 Cooking activities: part./min (especially frying and stove cooking) Tobacco smoking: part./min Incense stick burning: part./min Tobacco smoke and incense burning particles are more reactive than cooking particles Based on the current study, smoking one cigarette can produce aerosol particles equivalent to the amount produced during intermediate cooking for about half hour and tobacco smoke particles may stay airborne up to 10 h. Cooking activities (2 hours): 5 10 part Tobacco smoking (20 cigarettes, 5 minutes): part Incense stick burning (5 hours): part Incinerator (1 hour): part

66

67 Municipal waste incineration plant (23 MW) 1. Aerodynamic particle sizer (APS) 2. Scanning mobility particle sizer (SMPS) costituita da differential mobility analyzer (DMA) e condensation particle counter (CPC)

68 How long do they persist in the atmosphere? Modeling indicates that for typical urban conditions characteristic times and transit distances for 90% reduction of total number (mainly ultrafine) concentrations are on the order of a few minutes and m, respectively. Thus high ultrafine and nanoparticle concentrations from engines are expected to be found mainly on and near roadways a hotspot problem

69 Municipal waste incineration plant (23 MW) EMISSIONI MOTORI ( part/km/veh) EMISSIONI INCENERITORI ( part/h) DATI FLUSSO VEICOLARE Volume del traffico sui tratti elementari della rete autostrade per l Italia. Anni (edizione Luglio 2005): veicoli ogni ora sull A1 n. auto equiv ESP off EMISSIONI CONTATTO RUOTE-STRADA 1 ora di emissione di nanoparticelle dell inceneritore corrisponde al passaggio di circa 4000 veicoli per un tratto di 10 km (ESP on e soglia di rilevabilità > 15 nm) ESP on km

EMISSIONI DI INQUINANTI DA

EMISSIONI DI INQUINANTI DA EMISSIONI DI INQUINANTI DA INCENERITORI: ASPETTI NORMATIVI E RICERCA LUCA STABILE, GIORGIO BUONANNO l.stabile@unicas.it, buonanno@unicas.it DICeM Università di Cassino e del Lazio Meridionale via G. Di

Dettagli

ULTRAFINI DA INCENERITORI. l.stabile@unicas.it. DiMSAT Università di Cassino via G. Di Biasio, 43 03043, Cassino (FR)

ULTRAFINI DA INCENERITORI. l.stabile@unicas.it. DiMSAT Università di Cassino via G. Di Biasio, 43 03043, Cassino (FR) Workshop Incenerimento e qualità dell aria Lunedì 24.10.2011 Sala rappresentanza Municipio Bolzano, vicolo Gumer EMISSIONI DI POLVERI ULTRAFINI DA INCENERITORI LUCA STABILE l.stabile@unicas.it DiMSAT Università

Dettagli

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Sandro Fuzzi Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche Bologna Aerosol atmosferico

Dettagli

Nanoparticelle nell ambiente: problematiche nella loro misurazione

Nanoparticelle nell ambiente: problematiche nella loro misurazione Milano, 21 settembre 2011 SOCIETÀ ITALIANA DI TOSSICOLOGIA Nanoparticelle nell ambiente: problematiche nella loro misurazione Andrea Piazzalunga Dip. Scienze dell Ambiente e del territorio Università degli

Dettagli

Approcci Igienistico Occupazionali per la stima dell esposizione a nanoparticelle

Approcci Igienistico Occupazionali per la stima dell esposizione a nanoparticelle Università Cattolica del Sacro Cuore - Istituto di Medicina del Lavoro SIMLII Roma, 23 giugno 2012 Seminario Esposizione professionale a nanomateriali: cosa serve sapere al Medico del Lavoro Approcci Igienistico

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO Debora Fino, Guido Saracco, Nunzio Russo

POLITECNICO DI TORINO Debora Fino, Guido Saracco, Nunzio Russo Spett.: Ecoservice Office S.r.l. C.F./P.I 01474030416, Borgo S. Maria n. 43, Pesaro c.a. Sig. G. Simoncelli Torino, 20/11/2006 Oggetto: Relazione finale attività svolte per Ecoservice Office S.r.l Introduzione

Dettagli

Le emissioni di particolato da combustione

Le emissioni di particolato da combustione Le emissioni di particolato da combustione Andrea D Anna Dipartimento di Ingegneria Chimica Università Federico II, Napoli ITALY Il Monitoraggio Meteoambientale dell ARPAC, Napoli, 22 Giugno 2009 Outline

Dettagli

PROBLEMATICHE DI MISURA DELLA DISTRIBUZIONE DEL

PROBLEMATICHE DI MISURA DELLA DISTRIBUZIONE DEL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO Facoltà di Ingegneria Tesi di Dottorato in Ingegneria Meccanica PROBLEMATICHE DI MISURA DELLA DISTRIBUZIONE DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO IN TERMINI DI NUMERO E MASSA Tutor:

Dettagli

M. Conte 1,2 D. Contini 1, A. Donateo 1, A. Dinoi 1, F. Belosi 3. 100 o Congresso Nazionale SIF, Pisa, 22-26 settembre 2014

M. Conte 1,2 D. Contini 1, A. Donateo 1, A. Dinoi 1, F. Belosi 3. 100 o Congresso Nazionale SIF, Pisa, 22-26 settembre 2014 Analisi dei flussi di particolato atmosferico ultrafine e della sua distribuzione dimensionale durante eventi di formazione e crescita di nuove particelle M. Conte 1,2 D. Contini 1, A. Donateo 1, A. Dinoi

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

Termovalorizzatore di Acerra

Termovalorizzatore di Acerra Termovalorizzatore di Acerra Il termovalorizzatore di Acerra è uno dei più grandi impianti d Europa, con una capacità di smaltimento pari a 600.000 t/anno di RSU pretrattato; esso produce 600 milioni di

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente.

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. LA RESPIRAZIONE La respirazione Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. Apparato respiratorio Le vie respiratorie Tessuto epiteliale delle vie respiratorie

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA Emissioni di polveri fini e ultrafini da impianti di combustione Milano, 2 dicembre 2010 Introduzione

SINTESI PER LA STAMPA Emissioni di polveri fini e ultrafini da impianti di combustione Milano, 2 dicembre 2010 Introduzione SINTESI PER LA STAMPA Emissioni di polveri fini e ultrafini da impianti di combustione Milano, 2 dicembre 2010 Introduzione Lo studio, commissionato da Federambiente al laboratorio LEAP, ha l obiettivo

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

Dalla parte della Salute: informazioni e riflessioni sull inquinamento da traffico

Dalla parte della Salute: informazioni e riflessioni sull inquinamento da traffico L Associazione INSIEME per PARMA e l Associazione BICINSIEME FIAB-PARMA aderenti al Forum delle Associazioni culturali parmensi Dalla parte della Salute: informazioni e riflessioni sull inquinamento da

Dettagli

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011 LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia Il Termovalorizzatore di Padova 13 ENERGIA GAS ACQUA AMBIENTE E SERVIZI Cristiano Piccinin Responsabile Operativo

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Inceneritore rifiuti non pericolosi Canal Bianco Ferrara

Inceneritore rifiuti non pericolosi Canal Bianco Ferrara *MEDICINA DEMOCRATICA *COMITATO NORD OVEST *WWF *AMICI DI GRILLO *COORDINAMENTO COMITATI ROVIGO CONA CAVARZERE *COMITATO NO TAD *ASSOCIAZIONE CITTADINI DI VACCOLINO E BOSCHETTO www.movimentoferrara.it

Dettagli

ANALISI DI PARTICOLATO DA TERMOVALORIZZATORI. Dr.ssa Anna Bott. Tutor: Dr. Mario Cirillo Cotutor: Ing. Domenico Imbroglia

ANALISI DI PARTICOLATO DA TERMOVALORIZZATORI. Dr.ssa Anna Bott. Tutor: Dr. Mario Cirillo Cotutor: Ing. Domenico Imbroglia ANALISI DI PARTICOLATO DA TERMOVALORIZZATORI Dr.ssa Anna Bott Tutor: Dr. Mario Cirillo Cotutor: Ing. Domenico Imbroglia Abstract. La scelta di una strategia per la gestione dei rifiuti che risulti il

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

Conversione a biomassa di centrali a olio combustibile: Risultati delle simulazioni 3D. Lucia Giovannini -Sandro Merlini

Conversione a biomassa di centrali a olio combustibile: Risultati delle simulazioni 3D. Lucia Giovannini -Sandro Merlini Conversione a biomassa di centrali a olio combustibile: Risultati delle simulazioni 3D Lucia Giovannini -Sandro Merlini Attività svolte Messa a punto di strumenti di calcolo per la simulazione di sistemi

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini IN QUESTA GUIDA Indice GUIDA PER I GENITORI 5 Introduzione Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini Fisiopatologia 8 Cos è l occlusione

Dettagli

L incidenza dell inquinamento atmosferico da Particolato (PM 10 ) in ambito urbano.

L incidenza dell inquinamento atmosferico da Particolato (PM 10 ) in ambito urbano. Raccolta coordinata di studi e dati sulle emissioni da Particolato realizzata dal Consorzio Ecogas L incidenza dell inquinamento atmosferico da Particolato (PM 10 ) in ambito urbano. Il settore del trasporto

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Angelo Bonomi Consulente ambientale Verbania (VB) angelo.bonomi2@tin.it

Dettagli

2. Metodologie e modelli

2. Metodologie e modelli Influenza dell Uso delle Migliori Tecnologie Disponibili sui Costi Ambientali alla luce della Direttiva Europea IPPC. Caso Studio: Termovalorizzatore Silla 2 Angelo Bonomi Consulente Ambientale, Verbania

Dettagli

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16 Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas FGE aa.2015-16 Obiettivi Trasporto ventilatorio convettivo dei gas integrato con trasporto convettivo circolatorio e respirazione cellulare Cenni

Dettagli

LEAP Laboratorio Energia e Ambiente Piacenza EMISSIONI DI POLVERI FINI E ULTRAFINI DA IMPIANTI DI COMBUSTIONE. Relazione Finale Fase 1

LEAP Laboratorio Energia e Ambiente Piacenza EMISSIONI DI POLVERI FINI E ULTRAFINI DA IMPIANTI DI COMBUSTIONE. Relazione Finale Fase 1 LEAP Laboratorio Energia e Ambiente Piacenza Contratto di Ricerca sul tema EMISSIONI DI POLVERI FINI E ULTRAFINI DA IMPIANTI DI COMBUSTIONE Relazione Finale Fase 1 Coordinatori scientifici proff. Stefano

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

Le conseguenze dello smaltimento sulla salute umana e sull ambiente

Le conseguenze dello smaltimento sulla salute umana e sull ambiente 1 Le conseguenze dello smaltimento sulla salute umana e sull ambiente Impatti ambientali a confronto Federico Valerio Chimica Ambientale Istituto Nazionale Ricerca sul Cancro Genova 2 RISULTATI DI RECENTI

Dettagli

Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima, CNR, Lecce 2

Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima, CNR, Lecce 2 Source Apportionment del particolato atmosferico campionato con un impattore multistadio in un sito di fondo urbano D. Cesari 1, A. Genga 2, M. Siciliano 2, P. Ielpo 1,3 M. R. Guascito 2, D. Contini 1

Dettagli

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive ARPAT - Regionale Tutela Qualità dell Aria Dott.ssa Chiara Collaveri Dati IRSE 2007 Che cos è un inventario

Dettagli

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana Contratto di Ricerca tra Comune di Brescia e Dipartimento di Elettronica per l Automazione (Università degli Studi di Brescia) Responsabile scientifico: prof. Giovanna Finzi Emissioni dei veicoli in autostrada

Dettagli

Il futuro dell auto, l auto del futuro

Il futuro dell auto, l auto del futuro Il futuro dell auto, l auto del futuro ww ww.info Biasca, 16.10.2008 Raffaele Domeniconi Aumentare il raggio d azione www.infov Oltre ogni limite www.infov Scopo dello spostamento Quota 2005 1% 7% 4% 9%

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria

La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria La combustione domestica delle biomasse legnose e qualità dell aria Guido Lanzani Dirigente U.O. Qualità dell aria - ARPA Lombardia Sommario I dati dall inventario delle emissioni Le evidenze sperimentali

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Comune di Spresiano Periodi di indagine: 23 Luglio 4 Novembre

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

G LO B A L I Z I N G THE EXC E L L E N C E. Misure su Polveri. Relatore: Livio Daccò TECNOVA HT. TECNOVA HT Misure su Polveri SAVE 2009 Verona

G LO B A L I Z I N G THE EXC E L L E N C E. Misure su Polveri. Relatore: Livio Daccò TECNOVA HT. TECNOVA HT Misure su Polveri SAVE 2009 Verona G LO B A L I Z I N G THE EXC E L L E N C E Misure su Polveri Relatore: Livio Daccò TECNOVA HT TECNOVA HT Misure su Polveri SAVE 2009 Verona POLVERE E un nome generico attribuito alla materia suddivisa

Dettagli

La validazione del sistema di calcolo delle emissioni dirette ed indirette della gestione dei rifiuti

La validazione del sistema di calcolo delle emissioni dirette ed indirette della gestione dei rifiuti Workshop Gli strumenti operativi per la governance ambientale per i Comuni: Smartness in Waste Management come Decision Support System Fare i conti con l ambiente - Ravenna 2014 21 maggio 2014 La validazione

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

Metodologie di misura di inquinanti gassosi e particellari allo scarico di motori Diesel

Metodologie di misura di inquinanti gassosi e particellari allo scarico di motori Diesel Metodologie di misura di inquinanti gassosi e particellari allo scarico di motori Diesel ISTITUTO MOTORI - CNR V Meeting del Progetto ECOMOS- FAR Composizioni (aria, combustibile e lubrificante) e valori

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

MANUALE PER IL NON USO DEGLI INCENERITORI

MANUALE PER IL NON USO DEGLI INCENERITORI MANUALE PER IL NON USO DEGLI INCENERITORI Tutti ormai lo sappiamo: la Regione Lazio intende realizzare un inceneritore a Pizzo del Prete, in località Palidoro, in uno dei punti più belli del territorio

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO Effettuazione del collaudo dell impianto per il periodo

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine dell inquinamento atmosferico sulla salute umana

Effetti a breve e a lungo termine dell inquinamento atmosferico sulla salute umana Effetti a breve e a lungo termine dell inquinamento atmosferico sulla salute umana Paolo Crosignani Unità di Epidemiologia Ambientale e Registro Tumori Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei Tumori,

Dettagli

Linea progettuale 2: Organizzazione e realizzazione della sorveglianza ambientale nelle aree di indagine

Linea progettuale 2: Organizzazione e realizzazione della sorveglianza ambientale nelle aree di indagine inea progettuale 2: rganizzazione e realizzazione della sorveglianza ambientale nelle aree di indagine biettivi specifici li obiettivi della inea Progettuale 2 sono i seguenti: 1. a realizzazione di inee

Dettagli

Pirelli Ambiente Tecnologie SpA. Come ridurre le emissioni tipiche dei motori diesel: carburanti e tecnologie. Ing. Carlo A.

Pirelli Ambiente Tecnologie SpA. Come ridurre le emissioni tipiche dei motori diesel: carburanti e tecnologie. Ing. Carlo A. Pirelli Ambiente Tecnologie SpA Come ridurre le emissioni tipiche dei motori diesel: carburanti e tecnologie Ing. Carlo A. Bertoglio X Expert Panel Emissioni da trasporto su strada S. Donato Milanese,

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione Costante M. Invernizzi costante.invernizzi@unibs.it San Paolo (BS), 29 maggio 2010 Outline 1 La biomassa 2 La utilizzazione

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Sessione 1 Biogas, Biomassa: La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto Ing. Roberta ROBERTO - Ricercatrice

Dettagli

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1 Appendice al Cap. 3 (della Parte Seconda del Corso) Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1. Generalità Per quanto riguarda l Italia, il Decreto Legislativo n 22 del 5/02/97 (Decreto Ronchi),

Dettagli

2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico

2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico 2. Definizione degli scenari emissivi per l Emilia - Romagna e il Bacino Padano Adriatico 2.1 Lo scenario emissivo BASE per il Nord Italia e l Emilia - Romagna I dati di emissione utilizzati come dati

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 1 di 14 5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 2 di 14 5.1 PREMESSA... 3 5.2 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI COMBUSTIONE RECUPERO ENERGETICO... 6 5.3 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI TRATTAMENTO

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

BIOMASSA: Cartuccia e media filtranti. Claudio Rossi. Country Manager IAF ITALY OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE?

BIOMASSA: Cartuccia e media filtranti. Claudio Rossi. Country Manager IAF ITALY OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Cartuccia e media filtranti Claudio Rossi Country Manager IAF ITALY Biomasse Target di mercato

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS Scheda informativa Il Turbogas (ciclo combinato a gas) è la miglior tecnologia disponibile per produrre energia elettrica da combustibili fossili, ha alta efficienza e basso impatto ambientale. PRECISAZIONI

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Genova, 2 dicembre 2013 Utilizzo del gas naturale liquido nei sistemi propulsivi: potenzialità e problematiche A. Massardo, G. Zamboni Scuola Politecnica

Dettagli

Paola Fermo. Dipartimento di Chimica Inorganica, Metallorganica e Analitica, Milano, Acquario Civico, 14 marzo 2012

Paola Fermo. Dipartimento di Chimica Inorganica, Metallorganica e Analitica, Milano, Acquario Civico, 14 marzo 2012 Paola Fermo Dipartimento di Chimica Inorganica, Metallorganica e Analitica, via Venezian 21, 20133, Milano, paola.fermo@unimi.it i it Milano, Acquario Civico, 14 marzo 2012 Gli inquinanti atmosferici

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Spresiano. Via Montello

IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Spresiano. Via Montello IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Via Montello Periodo di indagine: 01 Settembre 03 Ottobre 2011 Realizzato a cura di A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing.

Dettagli

Prestazioni energetiche ed emissioni inquinanti di una caldaia domestica alimentata con pellets di residui agricoli e ripariali

Prestazioni energetiche ed emissioni inquinanti di una caldaia domestica alimentata con pellets di residui agricoli e ripariali Prestazioni energetiche ed emissioni inquinanti di una caldaia domestica alimentata con pellets di residui agricoli e ripariali Dario Prando, Marco Baratieri Libera Università di Bolzano Sustainable use

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria inquinamento atmosferico e danni correlati >>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile Legnago cambia aria L inquinamento: scelte, necessità, priorità. In generale, per inquinamento si intende l alterazione

Dettagli

Requisiti ambientali e controlli di qualità ambientale

Requisiti ambientali e controlli di qualità ambientale Cap 1 Requisiti ambientali e controlli di qualità ambientale Aldo Volpes Centro Andros s.r.l. Unità di Medicina della Riproduzione, Palermo 1 I requisiti minimi, per quanto riguarda la qualità dell aria,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Capitolo 4 ANALISI DEGLI IMPATTI

Capitolo 4 ANALISI DEGLI IMPATTI 246 Capitolo 4 ANALISI DEGLI IMPATTI 247 4.1 IDENTIFICAZIONE DEGLI IMPATTI Nel presente capitolo si individuano gli impatti connessi con la realizzazione del dissociatore molecolare e della relativa discarica.

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Verona Via Massalongo Periodo di attuazione: 06/09/2010 20/09/2010 RELAZIONE TECNICA 1 Realizzato a cura di: A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali SCHEDE ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.P.A. IN BREVE 2 Missione CSM è un Centro di Ricerca Industriale

Dettagli

Filtri ceramici catalitici per l abbattimento del particolato nella combustione di biomasse

Filtri ceramici catalitici per l abbattimento del particolato nella combustione di biomasse Filtri ceramici catalitici per l abbattimento del particolato nella combustione di biomasse Vincenzo Palma, Eugenio Meloni Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Salerno Meccanismo

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Esperienze di sicurezza ambientale

Esperienze di sicurezza ambientale Esperienze di sicurezza ambientale Progetto Analisi statistica dell inquinamento atmosferico Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie - Napoli Allievi Relatori: Francesco Capasso, Roberta Avolio,

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrera - Cremona Pipeline which

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

Stato della qualità dell aria e sua evoluzione nell ultimo triennio; aggiornamento sulla rete strumentale

Stato della qualità dell aria e sua evoluzione nell ultimo triennio; aggiornamento sulla rete strumentale Stato della qualità dell aria e sua evoluzione nell ultimo triennio; aggiornamento sulla rete strumentale Conferenza dei Sindaci 20 Novembre 2008 Sala del Consiglio Provinciale Dott.ssa Fabrizia Capuano

Dettagli