POLVERE. Traduzione di Annamaria Biavasco e Valentina Guani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLVERE. Traduzione di Annamaria Biavasco e Valentina Guani"

Transcript

1

2 Il libro Kay Scarpetta è finalmente tornata a casa sua a Cambridge, dopo l ultimo difficile caso, quando riceve una telefonata dal suo storico compagno di lavoro, Pete Marino, il quale la informa che il corpo di una giovane donna è stato ritrovato sul campo da baseball del Massachusetts Institute of Technology. Ben presto si scopre che si tratta di Gail Shipman, un ingegnere informatico che ha in corso una causa milionaria contro una società di intermediazione finanziaria che l ha mandata sul lastrico. Kay Scarpetta dubita fortemente che si tratti di una coincidenza e ha anche il timore che questo caso sia in qualche modo collegato alla sua geniale nipote, Lucy. A un primo sguardo, la causa della morte di Gail Shipman non è chiara: il suo cadavere è avvolto in un telo color avorio ed è stato composto in una posa particolare. Questo fa pensare che chi l ha uccisa non sia un killer alle prime armi. Sul corpo vengono inoltre ritrovate tracce di polvere fluorescente rosso sangue, verde smeraldo e blu zaffiro. Tutti questi elementi collegano il fatto a una serie di omicidi a sfondo sessuale perpetrati a Washington da un serial killer soprannominato Capital Killer, di cui si sta occupando Benton Wesley, il marito di Kay. La famosa anatomopatologa e i suoi collaboratori si ritrovano ben presto di fronte a uno scenario molto più inquietante di un semplice caso di omicidi seriali, un mondo sinistro che ha a che fare con le droghe sintetiche e la nuova tecnologia dei droni, che vede coinvolti il crimine organizzato e le più alte sfere governative. Polvere è il ventunesimo caso di Kay Scarpetta, protagonista icona di un autrice che da molti anni non smette di stupire e appassionare i lettori.

3 L autore Patricia Cornwell è una delle più famose autrici di best seller internazionali. I suoi romanzi sono tradotti in trentasei lingue, in più di cinquanta paesi. È tra i fondatori del Virginia Institute of Forensic Science and Medicine e della National Forensic Academy, e membro del Comitato consultivo del Forensic Sciences Training Program presso l OCME di New York, nonché del McLean Hospital s National Council, dove è sostenitrice della ricerca psichiatrica. Nel 2008, con Il libro dei morti, Patricia Cornwell ha conseguito il Galaxy British Book Award, nella sezione Crime Thriller. Il suo primo romanzo, Postmortem, è l unico ad avere vinto nello stesso anno cinque dei premi più prestigiosi. Insolito e crudele è stato insignito del Gold Dagger Award come miglior romanzo giallo del Tutti i romanzi di Patricia Cornwell sono pubblicati in Italia da Mondadori. L autrice vive tra New York e la Florida. Visitate il suo sito

4 Patricia Cornwell

5 POLVERE Traduzione di Annamaria Biavasco e Valentina Guani

6 Questo libro è un opera di fantasia. Personaggi e luoghi citati sono invenzioni dell autrice e hanno lo scopo di conferire veridicità alla narrazione. Qualsiasi analogia con fatti, luoghi e persone, vive o scomparse, è assolutamente casuale.

7 POLVERE Come sempre, a Staci (sei il meglio di tutto)

8 In una manciata di polvere vi mostrerò la paura. T.S. ELIOT, La terra desolata, 1922

9 1 Cambridge, Massachusetts Mercoledì 19 dicembre, ore 4.02 Lo squillo del telefono profana il rumore incessante della pioggia che batte sul tetto come un rullo di tamburi. Mi tiro su a sedere sul letto e il cuore mi fa un balzo nel petto come uno scoiattolo spaventato quando lancio un occhiata allo schermo illuminato per vedere chi sta chiamando. «Cosa succede?» La mia voce non lascia trapelare emozioni mentre saluto Pete Marino. «A quest ora, nulla di buono, immagino.» Sock, il levriero abbandonato che ho accolto in casa nostra, mi viene vicino e gli accarezzo la testa per tranquillizzarlo. Accendo l abat-jour, prendo un bloc-notes e una penna dal cassetto e intanto ascolto Marino che mi parla di un cadavere rinvenuto all MIT, il Massachusetts Institute of Technology, a qualche chilometro da qui. «Nel fango, in fondo a uno dei campi sportivi, il Briggs Field. È una donna. L hanno trovata mezz ora fa» dice. «Ora faccio un salto dove pensiamo che fosse quando è scomparsa e poi vado sul luogo del rinvenimento. Lo stanno mettendo in sicurezza in attesa che arrivi tu.» Mi parla con il suo vocione come se non fosse successo niente fra noi. Stento a crederci. «Non capisco perché hai chiamato me.» Non avrebbe dovuto, ma so per quale motivo l ha fatto. «Teoricamente, non sono ancora rientrata in servizio. Sarei in malattia.» Glielo dico educatamente, con la voce calma e appena un po roca. «Dovresti chiamare Luke o...» «Ti conviene occupartene personalmente: fidati, Kay. Sarà un incubo, dal punto di vista mediatico. Come se non ti bastasse quello che è già successo.» Allude al weekend che ho passato nel Connecticut, e che è finito su tutti i giornali. Non vedeva l ora di parlarne, evidentemente. Ma io non intendo dargli corda. Mi ha chiamato perché può farlo. Mi sonderà e cercherà di estorcermi informazioni per mettere bene in chiaro che, dopo essere stato ai miei ordini per dieci anni, adesso i ruoli si sono invertiti. Adesso comanda lui, non io. È questo il mondo secondo Pete Marino. «Per chi sarà un incubo dal punto di vista mediatico? Io non mi occupo di pubbliche relazioni.» «Un cadavere nel campus dell MIT è un incubo per tutti. Ho un brutto presentimento. Sarei venuto con te se me l avessi chiesto. Non ci saresti dovuta andare da sola.» Sta di nuovo parlando del Connecticut, ma io faccio finta di niente. «Me l avresti dovuto dire, sul serio.» «Non lavori più per me. Ecco perché non te l ho detto.» Non intendo aggiungere altro. «Sarà stato terribile per te. Mi spiace.» «È stato terribile non solo per me, ma per il mondo intero.» Ho un accesso di tosse e allungo la mano per prendere l acqua. «L avete identificata?» Mi sistemo i guanciali dietro la schiena. Sock mi appoggia il muso allungato sulla coscia.

10 «Potrebbe essere una studentessa di ventidue anni, Gail Shipton.» «Studentessa dove?» «All MIT. Ingegneria informatica. Ne è stata denunciata la scomparsa intorno a mezzanotte. L ultima volta che è stata vista era allo Psi Bar.» Il locale preferito di mia nipote. Questo pensiero mi sconcerta. Lo Psi Bar è vicino all MIT ed è frequentato da artisti, studenti di fisica e geni dell informatica come Lucy. Lei e Janet, la sua compagna, ogni tanto mi ci portano per il brunch, la domenica. «Lo conosco» mi limito a dire a Marino, l uomo che mi ha abbandonato. A livello razionale so che è meglio così. Peccato che i miei sentimenti la pensino diversamente. «A quanto pare ieri pomeriggio Gail Shipton era lì con una sua amica. Questa ragazza dice che verso le cinque e mezzo Gail ha ricevuto una telefonata, è uscita dal bar perché dentro non si sentiva niente e non è più tornata. Non saresti dovuta andare da sola nel Connecticut. Avrei potuto accompagnarti io in macchina, se non altro» insiste Marino. Non mi chiede come vanno le cose al CFC, ora che lui se n è andato per ricominciare daccapo. Perché Marino si è licenziato dal Cambridge Forensic Center per tornare in polizia. Sembra contento della sua scelta. Non gliene frega niente di come l ho presa io. Vuole solo sapere del Connecticut. Come tutti, peraltro. Ma io non ho rilasciato nemmeno un intervista. Non ne voglio parlare. Mi irrita che Marino abbia sollevato il discorso. È stata un esperienza orribile, a cui cerco di non pensare. E lui me l ha fatta tornare in mente. «E non l ha trovato strano? Non si è preoccupata che la sua amica fosse uscita a telefonare e non si fosse più fatta vedere?» Ho inserito il pilota automatico: vado avanti con il lavoro cercando di non badare a Marino. «So solo che, quando ha visto che Gail non rispondeva né al telefono né ai messaggi, ha pensato che le fosse successo qualcosa.» Ormai questa ragazza scomparsa, e forse morta, è Gail per Marino. C è un legame tra loro. Lui ha affondato gli artigli nel caso e non se lo lascerà scappare. «A mezzanotte, non avendola più sentita, ha cominciato a cercarla» mi comunica. «Si chiama Haley Swanson.» «E cosa sai di questa Haley Swanson? Che genere di amica era?» «Era solo una chiamata interlocutoria.» Vuol dire che non sa quasi niente perché la denuncia di Haley Swanson lì per lì non è stata presa molto sul serio. «Non ti pare strano che abbia cominciato a preoccuparsi solo a mezzanotte?» gli chiedo. «La sua amica sparisce alle cinque e mezzo e lei chiama la polizia sei o sette ore dopo?» «Sai come sono gli studenti: sbevazzano, incontrano uno, vanno via con lui... Non ci fanno manco caso.» «E Gail lo faceva d abitudine?» «Sono tutte domande che andranno fatte, se quello che temo risulterà fondato.» «Sappiamo poco o niente, quindi.» Non avrei dovuto dirlo, ma ormai mi è sfuggito. «Non mi sono dilungato molto con Haley Swanson» si giustifica Marino, sulla difensiva. «Ufficialmente le denunce di scomparsa vanno presentate di persona, non per telefono.» «Come mai le hai parlato, allora?» «In un primo tempo ha chiamato il 911 e le hanno detto che doveva venire da noi e riempire i moduli del caso. Perché è così che bisogna fare denuncia. Per telefono non si può.» Ha alzato la voce, tanto che ho dovuto abbassare il volume del telefono. «Poi ha richiamato e ha chiesto di me. Io le ho parlato due minuti, ma non l ho presa tanto sul serio. Cioè, se fosse stata veramente preoccupata, si sarebbe

11 precipitata qui a sporgere denuncia, no? Siamo aperti giorno e notte.» Marino è tornato a lavorare in polizia da poche settimane soltanto: mi pare incredibile che una sconosciuta abbia chiesto di lui alla centrale di Cambridge. Mi vengono immediatamente dei sospetti su Haley Swanson, ma evito di dirglielo perché sarebbe inutile. Non mi starebbe neanche a sentire. Penserebbe che voglio insegnargli a fare il suo lavoro. «Ti è sembrata agitata?» gli domando. «Hanno tutti la voce agitata quando chiamano la polizia. Non vuol dire che ci sia davvero da preoccuparsi, però: novantanove su cento, gli studenti scomparsi non sono scomparsi per niente. Riceviamo parecchie chiamate del genere, da queste parti.» «Sappiamo dove abita Gail Shipton?» «In uno dei condomini eleganti vicino all hotel Charles.» Mi dà l indirizzo e io lo scrivo. «Sono case di lusso.» Si tratta di palazzi molto belli, di mattoni, vicino alla Kennedy School of Government e al fiume Charles, non distanti dalla sede del CFC. «Probabilmente pagano i genitori, come spesso accade qui nel regno dell Ivy League.» Marino non prova molta simpatia per gli abitanti di Cambridge. Dice sempre che da queste parti se non sei un cervellone ti fanno la multa. «Avete controllato che non sia a casa e semplicemente non risponda al telefono, vero?» Prendo appunti, adesso sono concentrata, distratta da una tragedia diversa, l ultima in ordine di tempo. Ma anche mentre sto lì sul letto a parlare al telefono, non riesco a dimenticare quello che è successo, quello che ho visto. I cadaveri, il sangue, i bossoli di ottone sparpagliati come monetine sui pavimenti di una scuola elementare di mattoni rossi. È come se avessi ancora davanti agli occhi quelle immagini, tanto sono vivide. Ventisette autopsie, per lo più bambini. E, quando mi sono tolta il camice tutto macchiato di sangue e mi sono infilata sotto la doccia, ho deciso di smettere di pensarci. Mi sono imposta di cambiare canale. Ho imparato molto tempo fa che è meglio vivere per compartimenti stagni, che devo smettere di pensare ai corpi straziati e martoriati appena finisco di sezionarli. Mi sono sforzata di lasciare quelle immagini lì dove le ho viste, nella scuola e nella sala settoria, fuori dei miei pensieri, ma non ci sono riuscita. Quando sono tornata a casa, sabato sera, avevo la febbre e dolori dappertutto, come se il male mi avesse contagiato. Le mie consuete difese avevano ceduto. Mi ero offerta io di dare una mano ai colleghi dell Istituto di medicina legale del Connecticut e si sa che le buone azioni finiscono sempre per essere punite. Cerchi di fare la cosa giusta? Stai sicuro che la pagherai. Le forze oscure non apprezzano, lo stress ti farà ammalare. «Dice di esserci andata per assicurarsi che Gail non fosse rientrata» mi risponde Marino. «Pare abbia chiesto al portinaio di controllare il suo appartamento e non c era traccia di lei, sembrava non fosse più tornata a casa dopo il bar.» Gli faccio notare che Haley Swanson deve essere ben conosciuta nel condominio di Gail Shipton, perché altrimenti non le avrebbero aperto la porta dell appartamento e, mentre lo dico, mi cade l occhio sulla pila esagerata di pacchi sul divano, che mi sono stati consegnati dalla FedEx e non ho ancora aperto. Rifletto che non mi fa bene restare sola troppi giorni di seguito, specie se non ho la forza di lavorare, cucinare e uscire, e mi spaventa isolarmi con i miei pensieri. Sento il bisogno di distrarmi e lo faccio nel modo sbagliato. La fibbia a forma di teschio e il giubbotto di pelle vintage della Harley-Davidson sono per Marino, la colonia di Hermès e i braccialetti di Jeff Deegan per Lucy e per Janet; per mio marito Benton ho preso invece un orologio Breguet fuori commercio, di titanio con quadrante in fibra di carbonio. Compie gli anni domani, cinque giorni prima di Natale, ed è difficile fargli un regalo perché non ha bisogno di niente

12 e ha già praticamente tutto. Ci sono doni in abbondanza anche per mia madre e mia sorella, per la nostra domestica, Rosa, per il personale del CFC, per Sock, per il bulldog di Lucy e per il gatto del mio assistente. Non so cosa mi sia preso in questi giorni in cui sono stata a letto malata, ma ho comprato un sacco di cose su internet. Colpa della febbre. Sono sicura che mi prenderanno in giro tutti quanti: la sobria e assennata dottoressa Kay Scarpetta quest anno si è data allo shopping sfrenato. Lucy non mi darà requie. «Gail non risponde al cellulare, alle , agli SMS» continua Marino, mentre la pioggia batte sui vetri. «Niente post su Facebook, Twitter o altro. Ma, soprattutto, la descrizione corrisponde a quella della morta. Insomma, secondo me l hanno rapita, l hanno portata da qualche parte, l hanno uccisa e poi hanno avvolto il corpo in un lenzuolo e l hanno abbandonato lì. Non ti avrei disturbato, date le circostanze, ma ti conosco e...» Sì, mi conosce, e non andrò né all MIT né da nessun altra parte. Manco dal CFC da cinque giorni e sono virtualmente in quarantena. Glielo comunico. Uso un tono brusco e seccato con il mio ex investigatore. Sì, ex, ribadisco dentro di me. «Come stai adesso? Te l avevo detto di non farlo, il vaccino antinfluenzale. Scommetto che è stato quello» dice. «È un virus morto: non ti puoi ammalare.» «Be, io le uniche due volte che l ho fatto mi sono ammalato. Eccome. Sono stato male come un cane. La voce ti è migliorata, comunque.» Fa il premuroso perché ha bisogno di me. «È tutto relativo: potrei stare meglio, ma potrei stare anche peggio.» «Sei arrabbiata con me, vero? Be, tanto vale che ne parliamo.» «Veramente mi riferivo al mio stato di salute.» Non sono solo arrabbiata. Provo emozioni ben più complesse e stratificate. Marino non ha minimamente pensato a cosa la sua decisione di cambiare lavoro avrebbe comportato per me, che dirigo il Cambridge Forensic Center e l Istituto di medicina legale del Massachusetts. Da dieci anni Marino era responsabile del reparto investigativo e posso solo immaginare le illazioni che faranno, o avranno già fatto, soprattutto in polizia, riguardo a questo improvviso divorzio. Prevedo già come verrò trattata sulle scene del crimine, al CFC, in tribunale. Metteranno in dubbio la mia professionalità, cercheranno di capire cosa ho fatto di male. In realtà, io non c entro assolutamente niente. La scelta di Marino di cambiare lavoro è stata dettata prevalentemente da una crisi di mezza età che lo affligge da che lo conosco. Se fossi indiscreta, potrei dire al mondo che Pete Marino soffre di problemi di identità e di bassa autostima da quando è nato in una zona malfamata del New Jersey, da un padre alcolizzato e violento e una madre debole e sottomessa. Io sono una donna fuori della sua portata, forse il grande amore della sua vita, di sicuro la sua migliore amica. Per questo mi punisce. Lo fa in maniera inconscia, ovviamente. Non ne è consapevole quando mi telefona nel cuore della notte pur sapendo che ho l influenza e che sono stata talmente male che a un certo punto ho creduto di morire e mi sono detta: Ecco, è così che succede.

13 2 In un epifania causata dal febbrone, mi è parso di capire il significato ultimo della vita, frutto di una collisione tra le particelle divine che stanno alla base della materia nell universo, e della morte, processo perfettamente inverso. Quando ho sfiorato i quaranta gradi, mi è sembrato tutto chiarissimo, illuminata com ero dalla presenza di una nera signora incappucciata ai piedi del letto. Se solo avessi scritto quello che mi diceva, la formula elusiva della natura che produce massa e della morte che la elimina, il mistero della creazione dal big bang a oggi misurato attraverso i prodotti del decadimento! Ruggine, sporcizia, malattia, follia, caos, corruzione, bugie, marcescenza, rovina, cellule morte e atrofizzate, tanfo, sudore, lordume, polvere alla polvere... Tutto questo interagisce a livello subatomico, dando origine a nuova massa in un ciclo senza fine. Non vedevo il volto della nera signora, ma so che era bonario e irresistibile, mentre mi parlava con un linguaggio scientifico e poetico al tempo stesso, davanti a un fuoco che emanava luce ma non calore. Per qualche istante di straordinaria lucidità, ho capito che cosa vogliamo dire quando parliamo di frutto proibito e peccato originale, di avanzare verso la luce, lungo strade lastricate d oro, di extraterrestri, aura, spiriti, paradiso, inferno e trasmigrazione delle anime, guarigione, resurrezione, reincarnazione sotto forma di corvi, gatti, gobbi, angeli. Mi è stato rivelato il mistero di questo riciclo continuo, di una precisione cristallina e di una bellezza prismatica, il piano di Dio Fisico Supremo, misericordioso, giusto e divertente. Un Dio creativo, parte di ognuno di noi. Ho visto, ho conosciuto, ho toccato con mano la Verità perfetta. Poi la vita ha riaffermato la propria supremazia e mi ha privato della Verità. E così sono ancora qui, trattenuta su questa terra dalla forza di gravità. Immemore. Non ricordo più, o comunque non so esprimere quello che finalmente avrei potuto spiegare ai parenti disperati dei morti che sottopongo ad autopsia. Do risposte cliniche alle loro domande, che sono sempre le stesse. Perché? Perché? Perché... Come hanno potuto fare una cosa del genere? Non ho mai saputo dare una risposta valida a questi interrogativi. Ma la risposta c è, e io l ho afferrata, anche se solo per un istante. L ho avuta sulla punta della lingua, ma poi sono tornata in me e mi è sfuggita dalla mente, sostituita dal lavoro che avevo appena finito, da immagini inconcepibili, che nessuno dovrebbe mai vedere. Sangue e bossoli lungo corridoi pieni di disegni e decorazioni natalizie. E dentro l aula... i bambini che non sono riuscita a salvare, i genitori che non sono riuscita a consolare, le rassicurazioni che non sono riuscita a dare. Hanno sofferto? È stato rapido? Quanto tempo c è voluto? Mi dico che è colpa della febbre. Non c è nulla che io non abbia già visto, che io non sia in grado di gestire, e mi sento invadere dalla collera, che si risveglia come un drago dentro di me. «Credimi: non vorrai che se ne occupi qualcun altro. Non è ammessa la minima cazzata, te lo dico io.» Marino continua imperterrito a parlare e, per essere sincera, devo ammettere che mi fa piacere udire la

14 sua voce. Non voglio sentire la sua mancanza come in quest ultimo periodo. È l unica persona che porterei con me in un inferno mediatico di quelle dimensioni, di portata incomprensibile: strade bloccate per chilometri dai mezzi di innumerevoli televisioni, antenne satellitari, elicotteri che sorvolavano la zona senza posa, nemmeno stessero girando un film. Hanno sparato da vicino o da lontano? Il drago si riscuote di nuovo, ma non posso permettermi di lasciare che la collera mi travolga. Meno male che Marino non è venuto con me. Non volevo che venisse. So che cosa è in grado di gestire e cosa no. Sarebbe crollato come un vetro che si spezza in mille frammenti a causa di vibrazioni troppo intense per l udito umano. «L istinto mi dice che questo è il primo di una lunga serie, Kay» mi confida Marino. Ha la stessa voce di sempre, ma più sicura, più assertiva. «Qualche psicopatico deve aver preso spunto da quello che è appena successo.» «Quello che è successo a Newtown?» Non vedo come faccia a saltare a una conclusione simile e vorrei che la piantasse di tirare fuori il Connecticut. «È così che funziona» insiste. «Uno psicopatico prende spunto da un altro psicopatico che fa una strage in un cinema o in una scuola per attirare l attenzione.» Lo immagino che guida per le strade buie di Cambridge sotto la pioggia. Sono sicura che non ha allacciato la cintura, ma evito di dirglielo, ora che è di nuovo in polizia. Ricade nelle vecchie, brutte abitudini con grande facilità. «Le hanno sparato?» Glielo chiedo perché smetta di divagare, tornando continuamente su un argomento di cui non voglio parlare. «Non sei nemmeno sicuro che sia stata assassinata, dico bene?» «Non pare che le abbiano sparato» conferma Marino. «Cerchiamo di non confondere ulteriormente le cose facendo inutili confronti con quello che è successo nel Connecticut.» «Non tollero che sti coglioni ricevano tanta attenzione dai media.» «Su questo siamo tutti d accordo.» «Peggiora le cose. È un istigazione a delinquere. Non dovremmo nemmeno dire come si chiamano. Dovremmo seppellirli senza lapide.» «Parliamo del caso, per cortesia. Il cadavere presenta lesioni o ferite visibili?» «A prima vista, no» risponde Marino. «Ma non credo proprio che si sia avvolta da sola in un lenzuolo per andare scalza nel campus a morire nel fango, sotto la pioggia.» Se Marino sta bypassando il mio vice, Luke Zenner, e gli altri medici legali del CFC, non è perché pensa che io sia più qualificata di loro a gestire il caso, anche se è vero che lo sono. Ha chiamato me perché vuole tornare ai vecchi tempi, riappropriarsi del ruolo che aveva quando ci siamo conosciuti. Non lavora più per me. Adesso mi chiama quando decide lui. Mi ricorderà che i ruoli sono questi tutte le volte che potrà. «Comunque, se non te la senti...» comincia. Forse lo fa per invogliarmi a dire di sì. O forse la sua è una sfida. Non so. Non sono in grado di giudicare, in questo momento. Sono stanca e ho lo stomaco vuoto. Non riesco a pensare ad altro che a uova sode con burro e una macinata di pepe, pane appena sfornato e caffè espresso. Cosa non darei per una spremuta di arance rosse. «No, no. Il peggio è passato.» Prendo la bottiglietta sul comodino. «Dammi il tempo di prepararmi.» Bevo un sorso d acqua soltanto: non ho più una sete inestinguibile, le labbra secche e la lingua asciutta

15 come carta vetrata. «Ho preso lo sciroppo per la tosse prima di dormire. Codeina.» «Beata te.» «Sono un po annebbiata, ma sto bene. Non mi sento di guidare, però; soprattutto con questo tempo. Chi ha trovato il corpo?» Forse me lo ha già detto. Mi premo una mano sulla fronte: non ho febbre. Sono abbastanza sicura che mi sia passata e che non sia solo effetto dell Advil. «Una studentessa dell MIT e un tipo della Harvard che stavano andando verso la camera di lei alla residenza universitaria. Hai presente la Simmons Hall? Quel palazzo enorme che sembra costruito con il Lego di là del campo da rugby e del campo da baseball dell MIT?» mi chiede Marino. Sento che ha il ricevitore scanner acceso. È nel suo elemento. Armato e pericoloso, con il distintivo appeso al cinturone, al volante di un auto della polizia senza contrassegni ma con luci, sirena e chissà cos altro ancora. Ai vecchi tempi, truccava i mezzi della polizia come fa tuttora con le sue Harley- Davidson. «Lì per lì hanno pensato che fosse un manichino con una toga steso nel fango dietro la recinzione che separa il campo dal parcheggio» mi informa Marino, tornato a essere il detective di una volta. «Quando poi si sono avvicinati, entrando da un cancello aperto, e si sono accorti che era una donna avvolta in un lenzuolo, che sotto non aveva niente addosso e che non respirava, hanno chiamato il 911.» «È nuda?» In realtà gli sto chiedendo di dirmi se qualcuno ha toccato il cadavere, e chi. «I due ragazzi giurano di non aver toccato niente. Il lenzuolo è fradicio ed è abbastanza evidente che è nuda. Machado gli ha parlato e dice che secondo lui non c entrano niente. In ogni caso, per sicurezza, gli fa fare un tampone per il test del DNA e controlla se hanno precedenti. La solita trafila.» Poi mi spiega che Sil Machado, investigatore della polizia di Cambridge, sospetta si tratti di un overdose. «Potrebbe essere la stessa roba, tagliata male, che gira in questo periodo causando un sacco di problemi» dice Marino. «Come lo strano suicidio dell altro giorno.» «Quale strano suicidio?» Purtroppo ce ne sono stati diversi mentre ero fuori città e poi a casa malata. «La stilista che si è lanciata dal tetto del suo palazzo di Cambridge e ha imbrattato le vetrate della palestra al pianoterra mentre la gente faceva ginnastica» mi spiega. «Sembrava che fosse scoppiata una bomba di spaghetti al pomodoro. Comunque sia, pensano che potrebbe esserci un collegamento.» «Non vedo quale.» «La stessa droga. Qualche schifezza di cui si faceva.» «E chi è che lo pensa?» Non ho fatto io l autopsia alla suicida, ovviamente. Prendo i dossier che ho impilato sul pavimento vicino al letto. «Machado e il suo sergente, il suo vice» mi risponde Marino. «Il caso è stato subito sottoposto all attenzione dei sovrintendenti e del commissario.» Poso i dossier sul letto. Devono essere almeno una dozzina di fascicoli, referti autoptici e foto che il mio assistente Bryce Clark mi ha portato tutti i giorni, lasciandoli fuori della porta. Insieme al lavoro, mi ha portato anche provviste e generi di conforto. «Si teme che sia metamfetamina tagliata con chissà cosa o qualche altra droga sintetica, una versione recente dei sali da bagno che gira a Cambridge in questo periodo. Forse anche la donna che si è suicidata era sotto l effetto di questa droga» mi dice. «Una possibilità è che Gail Shipton, sempre che il cadavere sia il suo, si sia drogata con qualcuno che, quando lei è andata in overdose, l ha portata nel campus.» «È una teoria tua?» «No, no. Se ti vuoi sbarazzare di un cadavere, perché lo porti nel campo sportivo di un università,

16 come se volessi metterlo in mostra per scioccare la gente? Il punto secondo me è questo, il pericolo maggiore da cui ci dobbiamo guardare in questo periodo: compi un gesto sensazionale e finisci su tutti i giornali e attiri l attenzione persino del presidente degli Stati Uniti. Io credo che chi ha messo quel cadavere al Briggs Field sia uno così. Uno che vuole attirare l attenzione, insomma, finire sui giornali.» «Potrebbe essere. Ma non è tutto.» «Ti inoltro le foto che mi ha mandato Machado per SMS.» La voce profonda di Marino è insistente, sgarbata, brusca. «Non usare il cellulare mentre guidi.» Prendo il mio ipad. «Tranquilla: dopo mi faccio la multa.» «Ci sono solchi per terra, o altri segni da cui si possa capire come ha fatto il cadavere ad arrivare fin lì?» «Dalle foto vedrai che c è un casino di fango e purtroppo, se anche c erano, impronte, solchi o segni di qualsiasi tipo sono stati cancellati dalla pioggia. Ma io non sono ancora stato sul posto. Non ho ancora visto niente.» Apro le foto che Marino mi ha appena spedito via e osservo l erba bagnata e il fango rossastro di un campo da baseball delimitato da una recinzione. Zumo sulla donna avvolta in un telo bianco. È snella, supina, con i lunghi capelli castani disposti ordinatamente intorno al viso giovane e grazioso, inclinato leggermente verso sinistra e imperlato di pioggia. Ha il lenzuolo avvolto sul petto, sotto le ascelle, come un telo da bagno. Sembra una signora alle terme. È un immagine familiare e mi colpisce la somiglianza con alcune foto che mi ha fatto vedere Benton qualche settimana fa, prendendosi un rischio notevole. Senza l autorizzazione dell FBI, mi ha chiesto infatti un parere sul caso che sta seguendo a Washington. Le vittime di cui mi ha mostrato le foto, però, avevano un sacchetto di plastica sulla testa, fissato intorno al collo con del nastro adesivo fantasia e un fiocco. È la firma del serial killer, e qui non c è. Non sappiamo neppure se è stata assassinata mi dico. Non mi sorprenderei se fosse morta improvvisamente e chi era con lei si fosse lasciato prendere dal panico, l avesse avvolta in un lenzuolo, magari del dormitorio universitario, e l avesse portata fuori in maniera che venisse ritrovata in tempi brevi. «Potrebbero essere entrati nel parcheggio con un auto, essersi fermati vicino alla recinzione, aver aperto il cancello e averla portata lì a braccia, oppure trascinandola» prosegue Marino mentre io guardo l immagine sul mio ipad, che mi turba a livello profondo, viscerale. Cerco di scacciare quella sensazione, ma non ci riesco. A Marino non posso dire niente. Benton verrebbe licenziato se l FBI sapesse che ha svelato a sua moglie informazioni secretate. Poco importa che io sia un medico legale che ha competenza su casi federali e che aveva un senso consultarmi. L FBI mi chiede spesso consulenze, ma in questo caso non l ha fatto. Il capo di Benton, Ed Granby, non mi vede di buon occhio e sarebbe più che felice di gettare fango su Benton e farlo licenziare. «Uno dei cancelli non era chiuso» mi informa Marino. «I due ragazzi che hanno trovato il cadavere dicono che quando sono arrivati loro era solo accostato. Gli altri, invece, sono chiusi con catene e lucchetti in maniera che fuori orario non entri nessuno. Chi ha portato lì il corpo, dunque, sapeva che quel cancello era aperto, oppure aveva la chiave o ha usato un tronchese.» «Il corpo è stato messo deliberatamente in quella posizione.» Ho la testa pesante, l eco di un emicrania cronica. «Supina, gambe unite, dritte, un braccio sul ventre, l altro teso e con il polso piegato. Sembra una ballerina, o una dama d altri tempi che ha un mancamento e chiede i sali. Non c è niente fuori posto, il lenzuolo è sistemato con cura... In realtà non sono nemmeno sicura che sia un lenzuolo.»

17 Ingrandisco il particolare più che posso senza che l immagine si sgrani. «Un telo bianco, comunque. È una posizione simbolica, rituale.» Ne sono sicurissima, e la stretta che provo allo stomaco è paura. E se fosse la stessa mano? E se l assassino fosse arrivato qui? Mi dico che ho in mente i casi di Washington perché se ne sta occupando Benton, in trasferta proprio per questo motivo. E poi non è passato molto tempo da quando mi ha fatto vedere quelle foto, i referti autoptici e degli esami di laboratorio. Un cadavere avvolto in un telo bianco, in una posizione aggraziata e pudica, non significa che l assassino sia lo stesso. Me lo dico e me lo ripeto. «Lo stronzo l ha messa così apposta» dice Marino «perché per lui ha chissà quale significato.» «Come si fa a portare lì un cadavere senza farsi vedere?» Cerco di concentrarmi sui problemi più importanti. «In un campo sportivo dentro l MIT, in mezzo a dormitori e residenze studentesche? Probabilmente chi l ha fatto conosce bene la zona. Potrebbe essere uno studente o un dipendente, uno che vive o lavora nel campus.» «Il posto dove l ha lasciata non è illuminato di notte» replica Marino. «Dietro i campi da tennis coperti. Hai presente quei palloni bianchi vicino ai campi di atletica? Ti vengo a prendere tra mezz ora, quaranta minuti. Sono davanti allo Psi Bar. È chiuso, ovviamente. Non c è nessuno e le luci sono tutte spente. Ma faccio un giro per vedere dove può essere andata a parlare al telefono. Poi vengo a casa tua.» «Sei solo, immagino.» «Affermativo.» «Sta attento, mi raccomando.» Seduta sul letto, sfoglio i dossier nella camera padronale della nostra casa d epoca, costruita nel diciottesimo secolo da un noto trascendentalista. Comincio con il suicidio a cui accennava Marino. Tre giorni fa, domenica 16 dicembre, Sakura Yamagata, ventisei anni, si è lanciata dal tetto del palazzo di diciannove piani in cui abitava, a Cambridge. La causa della morte è quella che mi aspettavo, date le circostanze: traumi contusivi multipli, lacerazioni a cuore, fegato, milza e polmoni, cervello avulso dalla scatola cranica. Fratture estese a volto, coste, braccia, gambe e bacino. Guardo le foto venti per venticinque scattate prima della rimozione del cadavere, in cui si vedono persone scioccate, molte in tenuta da palestra, infreddolite, e un distinto signore con i capelli grigi, in giacca e cravatta, con l aria sconfitta e sconcertata. In una foto, l uomo è accanto a Marino, che indica e parla. In un altra, è accucciato vicino al cadavere e piega la testa di lato, con la stessa espressione sconfitta e scioccata sul volto. È ovvio che conosceva Sakura Yamagata. Immagino lo spavento delle persone in palestra che, guardando fuori, hanno visto sfracellarsi il corpo. Deve aver fatto un tonfo terribile, come un pesante sacco di sabbia, come lo ha descritto un testimone in un articolo di giornale allegato al fascicolo. C erano sangue e tessuti su tutta la vetrata e denti e frammenti sparsi nel raggio di quindici metri. Testa e volto erano sfigurati, irriconoscibili. Associo le morti con simili mutilazioni alla psicosi o all effetto di droghe e, mentre sfoglio il rapporto dettagliato della polizia, penso a quanto mi fa impressione leggere il nome di Marino e il suo numero di matricola. Verbalizzante: investigatore P.R. Marino (D33). Non leggevo verbali scritti da lui da quando è andato via dalla polizia di Richmond, una decina di anni fa. Guardo il suo resoconto di quello che è successo domenica scorsa a Cambridge, in un condominio di lusso in Memorial Drive.

18 ... Intervenivo sul luogo dell incidente e interrogavo il dottor Franz Schoenberg, il quale dichiarava di esercitare la professione di psichiatra presso il proprio studio privato di Cambridge e di avere come paziente Sakura Yamagata, stilista di moda. Il giorno dell incidente, alle 15.56, la donna gli mandava un SMS comunicandogli la propria intenzione di volare fino a Parigi dal tetto del palazzo in cui era residente. Alle circa il dottor Schoenberg giungeva all abitazione della donna e veniva accompagnato sul tetto, a cui accedeva da una porta di servizio. Il dottor Schoenberg dichiara che la donna era in piedi sul cornicione, oltre la bassa ringhiera di protezione, nuda e con le braccia aperte, girata di spalle rispetto al dichiarante. Il dottore l ha chiamata una volta, dicendo: Suki, sono qui io. Andrà tutto bene. La donna non gli ha risposto, né ha dato altrimenti segno di averlo sentito e subito si è lasciata cadere in avanti, intenzionalmente, come se volesse tuffarsi ad angelo... A farle l autopsia è stato Luke Zenner, che ha mandato al laboratorio di tossicologia campioni di fluidi e tessuti: cuore, polmone, fegato, pancreas, sangue... Accarezzo il dorso sottile di Sock, le coste che si alzano e si abbassano a ogni respiro, e di colpo mi sento di nuovo stanchissima, come se parlare con Marino mi avesse succhiato tutte le energie che avevo. Faccio fatica a non riaddormentarmi, ma mi impongo di guardare di nuovo le fotografie, soffermandomi sull uomo con i capelli grigi, che sospetto sia il dottor Franz Schoenberg. Per questo la polizia lo ha lasciato avvicinare alla morta. Per questo è insieme a Marino. Non riesco a immaginare che effetto debba fare veder volar giù da un tetto un proprio paziente. Come farà a superare un simile trauma? Vaglio i pensieri che affiorano fugaci alla mia mente e mi chiedo se ho già incontrato da qualche parte lo psichiatra. Certe cose non si superano penso. Non è umanamente possibile superare certe cose... Mi torna in mente che Marino ha accennato alle droghe tagliate male o sintetiche che circolano nel Massachusetts da un annetto a questa parte. Ha nominato i sali da bagno, che sono stati causa di molti incidenti e suicidi inconsueti. Abbiamo riscontrato un preoccupante aumento di omicidi e di reati contro il patrimonio, specie nei quartieri degradati di Boston, quelli che la polizia chiama le case popolari. Spacciatori e membri delle gang affittano immobili a poco prezzo in periferia, e in breve tempo il quartiere si degrada. Penso a quello che devo fare e mi collego alla casella di posta dell ufficio per scrivere al laboratorio di tossicologia di dare la priorità alle analisi di Sakura Yamagata e cercare eventuali sostanze psicoattive sintetiche. Mefedrone, metilendiossipirovalerone, anche detto MDPV, e metilone. Luke non ha pensato di estendere i test agli allucinogeni, ma io credo che vadano cercate tracce anche di LSD, metilergometrina, ergotamina... I miei pensieri vanno e vengono. Gli alcaloidi dell ergot possono causare ergotismo, una malattia nota anche come ignis sacer o fuoco di Sant Antonio, con sintomi neuroconvulsivi che si pensa possano essere stati alla base dei processi alle streghe di Salem. L intossicazione da segale cornuta provocava infatti convulsioni, spasmi, psicosi e allucinazioni. A tratti mi si annebbia la vista e mi cade la testa sul petto. Mi riscuoto sentendo la pioggia che batte sul tetto e sui vetri. Avrei dovuto dire a Marino di raccomandare agli agenti già sul posto di montare una specie di tenda con una cerata sopra il cadavere, per proteggerlo dalla pioggia, oltre che dagli sguardi dei curiosi. E per proteggere me, che non devo prendere freddo e infradiciarmi, ed è meglio che resti lontano dalle telecamere. C erano furgoni delle televisioni ovunque e abbiamo dovuto tirare tutte le tende. La moquette era marrone, intrisa di sangue scuro e secco che stava cominciando a decomporsi, si capiva dall odore, e restava appiccicato alle suole quando ci si camminava sopra. Era tantissimo e, anche se cercavo di non

19 passarci sopra per non contaminare la scena, era impossibile. Come se non contaminare la scena servisse a qualcosa, poi. Non c è nessuno da punire e nessuna punizione sarebbe adeguata. Seduta sul letto, con i cuscini dietro la schiena, taccio e sento la collera ferma nel suo angolino buio, che guarda fuori con occhi di citrino. Ne sento la grandezza, il peso in fondo al letto. L avrà detto Marino che bisogna mettere al riparo il cadavere. La collera si sposta, pesantemente. Il volume e il ritmo dell acquazzone passano da fortissimo a pianissimo... Marino sa fare il suo mestiere. Fuga da adagio a furioso...

20 3 Dieci anni prima Richmond, Virginia La pioggia scroscia sul vialetto allagando le lastre di granito, il cielo è rabbioso e il temporale estivo scuote gli alberi della città che sto per lasciare. Taglio una striscia di nastro da imballaggio. Sono nel mio garage, sudata e un po brilla. L alcol mi rende disinibita. L investigatore Pete Marino, del dipartimento di polizia di Richmond, sta cercando di farmi ubriacare per abbassare le mie difese e vincere le mie resistenze. Forse dovrei dargliela e farla finita. Scrivo con il pennarello sugli scatoloni il nome delle varie stanze della mia casa di Richmond, quella che ho costruito con pietra e legname di recupero e che speravo fosse un sogno destinato a durare: SALOTTO, BAGNO PRINCIPALE, CAMERA DEGLI OSPITI, CUCINA, DISPENSA, LAVANDERIA, STUDIO... Lo faccio per facilitarmi le cose nella prossima casa, che non so ancora dove sarà. «Detesto i traslochi.» Chiudo un altro scatolone. La pistola nastratrice fa un rumore come di stoffa strappata. «Perché continui a cambiar casa, allora?» Marino mi corteggia con una certa aggressività e, in questo momento, lo lascio fare. «Continuo a cambiar casa, secondo te?» Rido, perché è un affermazione ridicola. «Nella stessa città, piuttosto che niente. Da un quartiere a quello vicino.» Si stringe nelle spalle, inconsapevole di quello che sta accadendo fra noi. «Non ti si tiene dietro...» «Se trasloco, è per fondate ragioni.» Parlo come un avvocato. Lo sono: ho una laurea in giurisprudenza e una in medicina. E dirigo l Istituto di medicina legale della Virginia. «Scappa, scappa più veloce che puoi.» Gli occhi rossi di Marino mi inchiodano nella sua teca emozionale. Sono una farfalla. Una Limenitis arthemis. Una Papilio glaucus. Una Actias luna. Se ti lasciassi fare, mi rovineresti le ali. Sarei un trofeo di cui ti stancheresti presto. Restiamo amici. Perché non ti basta? Chiudo un altro scatolone, confortata dall acquazzone fuori della porta aperta del mio garage. Vento forte, cento per cento di umidità, afa: sembra di essere in un bagno turco. O in un grembo materno. Un corpo caldo che mi avvolge, scambio di fluidi tiepidi sulla pelle e nel profondo di recessi solitari. Ho bisogno di lasciarmi abbracciare da calore e umidità, di sentirmeli addosso come i miei vestiti umidi, mentre Marino mi osserva dalla sedia pieghevole su cui è seduto, pantaloni della tuta tagliati al ginocchio e camicia senza maniche, faccia rubizza per l eccitazione, la fregola e la birra. Mi chiedo chi sarà il prossimo investigatore di polizia prepotente con cui dovrò rapportarmi. Non ho voglia di scontrarmi con qualcun altro. Dovrò educarlo, imparare a rispettarlo e a detestarlo, a stufarmi

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli