I produttori eterogenei

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "11.1.6 I produttori eterogenei"

Transcript

1 L equilibrio nei mercati concorrenziali I produttori eterogenei Nel modello base della concorrenza perfetta, tutte le imprese utilizzano la stessa tecnologia e quindi hanno gli stessi costi di produzione. Tuttavia la realtà è spesso più complicata: a volte produttori diversi che operano nella stessa industria sostengono costi diversi. Per descrivere questa situazione si parla di produttori eterogenei. In questo paragrafo ipotizziamo nuovamente che i prezzi dei fattori rimangano costanti, indipendentemente dalla quantità domandata dall intero mercato, ma abbandoniamo l ipotesi che tutti i produttori siano uguali. L estrazione dell oro negli tati Uniti è un esempio d industria nella quale i produttori sostengono costi notevolmente diversi l uno dall altro. Il minerale che si ricava da alcuni giacimenti è a basso contenuto d oro, per cui estrarre il metallo è molto costoso; il minerale presente in altri giacimenti è, invece, ricco d oro. Le miniere si differenziano tra loro anche in base alla difficoltà di estrazione dello stesso minerale; alcuni filoni auriferi si trovano vicino alla superficie, altri molto più in profondità. lla luce di questa grande variabilità dei costi di produzione, è logico aspettarsi che le diverse miniere abbiano curve di offerta individuali molto diverse, ed effettivamente è così. Per capire quali ripercussioni tutto ciò ha sull equilibrio di mercato, cominciamo con l ipotizzare che ci siano solo due tipi di miniere d oro: quelle buone e quelle scadenti. Le miniere buone sono quattro; da esse si estrae un minerale ricco, per cui i costi di produzione sono bassi rispetto a quelli di tutte le altre miniere. e da un lato il numero delle miniere buone è molto ridotto, dall altro un numero illimitato d imprenditori potrebbe entrare nel mercato e cominciare a sfruttare i giacimenti più scadenti, quelli caratterizzati da costi di estrazione più alti. In altre parole, esiste libertà d entrata per le miniere scadenti. Produttori eterogenei Produttori dello stesso bene che sostengono costi di produzione diversi. L analisi di breve periodo Come al solito, la regola per individuare l equilibrio di mercato di breve periodo è la seguente: trovare l intersezione tra la curva di offerta di mercato e la curva di domanda di mercato di breve periodo. Le curve del costo marginale e del costo medio delle miniere buone sono, rispettivamente, MC R e C R nel grafico della Figura W11.1. Le curve del costo marginale e del costo medio delle miniere scadenti sono invece denominate MC R e C R, rispettivamente. Le linee colorate più scure nel grafico della Figura W11.1 rap- p 1 p b MC R C R MC R g d R C R p 1 e 1 p R D R p p x s x b X 1 FIGUR W11.1 L equilibrio di breve periodo quando i produttori sono eterogenei ommando orizzontalmente le curve di offerta individuali, si ricava la curva di offerta di mercato R, rappresentata nel grafico. Il prezzo di equilibrio è determinato dall intersezione tra la curva di domanda e la curva di offerta relative all intera industria, nel grafico. Una volta individuato tale prezzo, lo si può utilizzare per costruire la curva di domanda dell impresa, d R, a cui si trova di fronte ogni singolo produttore. Nel grafico è indicata la posizione di equilibrio per ciascun tipo d impresa. Katz, Rosen, Morgan, ollino, Microeconomia, 4 a edizione, McGraw-Hill, 211, IN

2 2 Capitolo 11 presentano il tratto positivo delle curve di offerta individuali di breve periodo per ciascuno dei due tipi d impresa. Come sempre, nel breve periodo il numero d imprese operanti nel mercato è fisso. Ciascuna miniera d oro ha una curva di offerta crescente, come conseguenza dei rendimenti marginali decrescenti del lavoro nei processi di estrazione e di fusione. Il fatto che le curve di offerta di breve periodo delle imprese non siano tutte uguali non crea difficoltà aggiuntive: per ottenere la curva di offerta di mercato di breve periodo, non dobbiamo fare altro che sommare orizzontalmente le curve di offerta delle singole miniere che sono in attività nel breve periodo. La curva di offerta di mercato è rappresentata nel grafico, assieme alla curva di domanda dell intera industria. empre nel grafico vediamo che il prezzo di equilibrio è p 1. Da ciò consegue che ogni singola impresa si trova di fronte a una curva di domanda che è parallela all asse orizzontale e interseca quello verticale in corrispondenza di p 1. Dal grafico risulta che, dato questo prezzo di mercato, le miniere buone producono x g grammi d oro ciascuna, mentre le miniere scadenti producono x b grammi ciascuna. L analisi di lungo periodo Quale sarà la situazione di equilibrio di lungo periodo in tale mercato? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo innanzi tutto ricavare la curva di offerta di mercato di lungo periodo. Vediamo qual è la quantità offerta complessivamente sul mercato in corrispondenza di diversi prezzi. In primo luogo supponiamo che il prezzo di mercato sia p h, che è inferiore a p, come risulta dalla Figura W11.2. Per questo prezzo nessuna impresa è disposta a produrre e la quantità offerta sul mercato è pari a zero. L offerta di mercato è pari a zero in corrispondenza di qualunque altro prezzo inferiore al costo medio minimo delle miniere buone. Ora consideriamo il prezzo p i, che è maggiore di p ma minore di p. Dato questo prezzo di mercato, a nessuna delle miniere scadenti conviene produrre, mentre le miniere buone massimizzano il loro profitto producendo x i grammi d oro ciascuna. Quindi la quantità offerta complessivamente sul mercato è 4x i, come indicato nel grafico della Figura W11.2. nalogamente, per qualunque prezzo compreso tra p e p, l offerta di mercato sarà pari al quadruplo della quantità offerta da ciascuna miniera buona. Infine, supponiamo che il prezzo di mercato sia esattamente pari a p. Dato questo prezzo, ciascuna miniera buona è disposta a offrire x j grammi d oro; mentre per le miniere scadenti MC MC C p p p i i C p p h x x x i x j 4x 4x j 4x i FIGUR W11.2 L offerta di lungo periodo in un mercato in cui i produttori sono eterogenei e le miniere buone sono solo quattro ed esiste libertà d entrata per le miniere scadenti, la curva di offerta di lungo periodo dell industria all inizio è crescente e poi diventa parallela all asse orizzontale, in corrispondenza del prezzo che coincide con il costo medio minimo di lungo periodo di una miniera scadente. Katz, Rosen, Morgan, ollino, Microeconomia, 4 a edizione, McGraw-Hill, 211, IN

3 L equilibrio nei mercati concorrenziali 3 è indifferente restare fuori dal mercato oppure entrarvi e produrre x grammi. Quindi, in corrispondenza del prezzo p, l offerta di mercato sarà compresa fra 4x j e una quantità illimitata. Naturalmente, se il prezzo di mercato fosse maggiore di p un numero enorme di nuove imprese entrerebbe nell industria e la quantità offerta sul mercato tenderebbe a infinito. Ne consegue che la curva di offerta di mercato di lungo periodo è nel grafico della Figura W11.2. L andamento di questa curva può essere così spiegato: un aumento del prezzo di mercato induce le imprese già operanti nell industria a espandere la produzione, spostandosi lungo la loro curva del costo marginale; inoltre attira verso l industria nuove imprese che hanno costi di produzione più elevati. L afflusso di nuovi produttori continua finché il produttore marginale (quello che sostiene i costi più elevati tra tutti quelli che operano nel mercato) ottiene un profitto economico esattamente pari a zero, dato il prezzo corrente. Le altre imprese, che producono a costi più bassi, otterranno un profitto economico maggiore di zero. Trovando l intersezione fra la curva di offerta e la curva di domanda di mercato, e D nel grafico della Figura W11.3, vediamo che il prezzo di equilibrio è p. In corrispondenza di questo prezzo, ognuna delle miniere scadenti espande la sua produzione fino al punto minimo della curva del costo medio e offre sul mercato x grammi d oro. Per queste miniere, che sostengono costi di produzione più elevati rispetto alle altre, il prezzo di mercato è esattamente pari al costo medio; di conseguenza esse ottengono un profitto economico pari a zero. Questo risultato era prevedibile, dal momento che esiste libertà d entrata per le miniere scadenti. Le miniere buone, invece, non producono la quantità corrispondente al punto minimo della loro curva del costo medio; ciascuna di esse offre sul mercato x j grammi d oro e ottiene un profitto economico rappresentato dalla superficie colorata H, nel grafico. Come mai queste imprese ottengono un profitto economico maggiore di zero anche nel lungo periodo? La ragione per cui questo profitto economico non attira altre imprese verso l industria è che non esistono altre imprese in grado di produrre a costi altrettanto bassi. Non esistono potenziali produttori che, entrando nell industria, riuscirebbero a ottenere un profitto economico, dato il prezzo di equilibrio p. Naturalmente, nella realtà, i giacimenti auriferi non sono solo di due tipi ma di tanti livelli qualitativi diversi. Questa ulteriore complicazione si può superare semplicemente tracciando più coppie di curve di costo. La nostra teoria dice che, man mano che il prezzo dell oro aumenta, diventa remunerativo aprire nuove miniere da cui si estrae un minerale di qualità progressivamente più scadente. Questo è effettivamente ciò che avviene nella re- Euro all oncia MC C H MC C d Euro all oncia I e 2 x x x j 4x X 2 D FIGUR W11.3 L equilibrio di lungo periodo quando i produttori sono eterogenei Il prezzo di equilibrio di lungo periodo,, è pari al valore minimo del costo medio di lungo periodo di una miniera scadente. In corrispondenza di tale prezzo il profitto economico delle miniere scadenti è pari a zero, mentre le miniere buone ottengono un profitto economico rappresentato dalla superficie colorata H nel grafico. Katz, Rosen, Morgan, ollino, Microeconomia, 4 a edizione, McGraw-Hill, 211, IN

4 4 Capitolo 11 p LIM FIGUR W11.4 L offerta d oro nel lungo periodo e i giacimenti auriferi sono di tanti livelli qualitativi diversi, la curva di offerta di lungo periodo è crescente per un ampio tratto. Quando il prezzo di mercato raggiunge il valore p LIM, questo è talmente elevato che diventa remunerativo estrarre l oro persino dall acqua di mare. Poiché la quantità d oro che verrebbe offerta sul mercato a tale prezzo sarebbe praticamente illimitata, in corrispondenza di p LIM la curva diventa parallela all asse orizzontale. altà: esistono giacimenti, dai quali è molto costoso estrarre l oro, che vengono sfruttati quando il prezzo di mercato dell oro è alto e abbandonati quando il prezzo scende (eabrook 1989, 45). La curva di offerta di mercato di lungo periodo che ne risulta, nella Figura W11.4, è formata da una serie di archi, uno per ogni nuova miniera che entra nel mercato man mano che il prezzo aumenta. In corrispondenza di p LIM, un valore ben al di sopra del prezzo attuale dell oro, sarebbe remunerativo estrarre il metallo prezioso persino dall acqua di mare. La quantità d oro che verrebbe offerta sul mercato a questo prezzo sarebbe praticamente illimitata; per questo motivo diventa parallela all asse orizzontale in corrispondenza di p LIM. Ora, per trovare il punto d equilibrio non bisogna far altro che tracciare la curva di domanda di mercato e vedere dove interseca la curva di offerta di mercato. Quando ci sono più di due tipi diversi d imprese, l analisi diventa più complessa ma il concetto di fondo rimane lo stesso: il flusso d imprese verso l industria continua finché i nuovi entrati possono ottenere un profitto economico maggiore di zero. Le imprese che riescono a produrre a costi relativamente bassi sono quelle per cui l ingresso nel mercato è più vantaggioso e quindi entrano per prime. Man mano che nuovi produttori accedono al mercato, la curva di offerta si sposta verso l esterno e il prezzo d equilibrio diminuisce. nche imprese con costi di produzione relativamente alti entrano nell industria e intanto il prezzo continua a scendere. Il flusso di nuovi produttori verso l industria cessa quando l ultimo arrivato raggiunge esattamente il pareggio, dato il prezzo di mercato. Le imprese con i costi di produzione più bassi, che già si trovano nel mercato, otterranno un profitto economico nella situazione di equilibrio; mentre tutte le imprese che hanno deciso di restare fuori dal mercato hanno costi di produzione così elevati che subirebbero perdite se entrassero in quest industria e vendessero il loro prodotto al prezzo corrente. La rendita economica Parlando dell estrazione dell oro, non abbiamo fatto distinzioni tra il proprietario dell impresa di estrazione e il proprietario del terreno in cui si trova il giacimento. In effetti, nell analisi appena conclusa abbiamo dato per scontato che chi sfruttava la miniera fosse anche il proprietario della terra. Tuttavia, nel caso di un industria come quella estrattiva, per la quale la terra è un input fondamentale e di qualità molto variabile, spesso è utile distinguere i proprietari dell input da coloro che lo utilizzano. Per capirne la ragione, supponiamo che i detentori dei diritti minerari sui giacimenti auriferi e i proprietari delle imprese di estrazione siano persone completamente diverse. quale dei due gruppi di individui andrà il surplus del produttore, rappresentato dalla superficie I nel grafico della Figura W11.3? e esiste libertà di entrata per chiunque voglia avviare un attività di estrazione e tutti possono utilizzare la stessa tecnologia, ci aspettiamo che i proprietari delle imprese di estrazione ottengano un profitto economico pari a zero nel lungo periodo. Poiché i detentori dei diritti minerari sono quelli che controllano la risorsa Katz, Rosen, Morgan, ollino, Microeconomia, 4 a edizione, McGraw-Hill, 211, IN

5 L equilibrio nei mercati concorrenziali 5 scarsa, è logico aspettarsi che il surplus del produttore vada a loro. In particolare, il proprietario di un terreno nel quale si trova un giacimento di minerale ricco riuscirà a vendere i diritti di sfruttamento per una cifra più elevata rispetto a quella che otterrà il proprietario di un terreno che contiene un giacimento meno pregiato. Quanto sarà grande questa differenza di prezzo? La risposta è contenuta nella Figura W11.3. upponiamo, per assurdo, che i diritti minerari siano venduti allo stesso prezzo per tutti i giacimenti. In questo caso gli utilizzatori delle miniere migliori otterrebbero un profitto economico corrispondente alla superficie colorata H nel grafico della Figura W11.3. e così fosse, tutti gli imprenditori cercherebbero di acquistare i diritti di sfruttamento per i giacimenti migliori e di conseguenza ne farebbero salire il prezzo. Il prezzo dei diritti minerari sui giacimenti più ricchi aumenterebbe, fino a superare quello dei diritti minerari sui giacimenti peggiori, di una cifra corrispondente alla superficie colorata H. e ci soffermiamo un attimo a riflettere sul funzionamento di questo mercato, riusciremo a comprendere meglio cosa rappresenta la superficie H. Ipotizziamo che per utilizzi diversi dall estrazione dell oro la terra sia tutta ugualmente produttiva; in questo caso il prezzo di equilibrio dei terreni contenenti minerale scadente sarà pari al costo-opportunità della terra. Il sovrapprezzo che ottengono i proprietari dei terreni con i giacimenti migliori rappresenta una remunerazione aggiuntiva rispetto al costo-opportunità della terra. In altre parole, la differenza di prezzo è un surplus del produttore che va ai proprietari dei giacimenti che contengono il minerale più ricco. i potrebbero fare molti altri esempi di attività economiche nelle quali terreni con caratteristiche diverse hanno valore diverso. lcuni appezzamenti di terra sono molto fertili e facili da coltivare, mentre altri contengono poche sostanze nutritive e sono in forte pendenza; chiaramente i primi sono più adatti all agricoltura e, nel caso vengano destinati a quest uso, il loro valore sarà elevato. Indipendentemente dal fatto che il bene venduto sia terra, il surplus del produttore prende anche il nome di rendita economica. Rendita economica, profitto economico e surplus del produttore sottendono un analogo concetto: il venditore ottiene un surplus quando il prezzo che gli viene versato in cambio di un bene è superiore al costo economico di produzione del bene. Chiudiamo la nostra discussione sulla rendita economica e il surplus del produttore con un richiamo alla cautela. Quando si analizzano grafici relativi alla domanda e all offerta di mercato, bisogna fare attenzione nell attribuire il surplus del produttore a questo o a quel gruppo di operatori. e i prezzi dei fattori sono fissi e la curva di offerta è crescente perché la situazione considerata è di breve periodo o perché non tutte le imprese hanno gli stessi costi di produzione la superficie compresa tra la curva di offerta e il prezzo di mercato rappresenta davvero un surplus che va ai venditori operanti in quel mercato. e invece la curva di offerta è crescente perché le imprese operanti nell industria, collettivamente, determinano i prezzi dei fattori che acquistano, il surplus va ai venditori che forniscono loro quei fattori. In entrambi i casi, comunque, la rendita va a operatori economici che forniscono un bene, per cui si può parlare di surplus del produttore. Rendita economica La somma che il venditore di un bene o servizio ottiene in più rispetto a quella che sarebbe sufficiente per indurlo a fornire il bene. Katz, Rosen, Morgan, ollino, Microeconomia, 4 a edizione, McGraw-Hill, 211, IN

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Capitolo 6 Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Costo opportunità Adalberto può guadagnare 6 all ora come cameriere; in alternativa può effettuare raccolta per riciclaggio al prezzo di 2

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Università di Bari aa. 014-15 CL Economia e Commercio CL Scienze Statistiche Es. 3.1 Concorrenza perfetta In un mercato in concorrenza perfetta in equilibrio

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Approfondimento 1 Le curve di costo

Approfondimento 1 Le curve di costo Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Approfondimento 1 Le curve di costo Prof. Coll. Renato Da Re Barbara Bolognesi Obiettivo della comunicazione La comunicazione

Dettagli

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Funzionamento di un mercato ben organizzato Nel Pitgame i giocatori che hanno poche informazioni private interagiscono

Dettagli

Capitolo 5. La produzione e i costi

Capitolo 5. La produzione e i costi Capitolo 5 La produzione e i costi Spostiamo l'attenzione sulle imprese La natura delle imprese L'impresa è una organizzazione, posseduta e gestita da privati, specializzata nella produzione La produzione

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

12.4 Risposte alle domande di ripasso

12.4 Risposte alle domande di ripasso Il monopolio 81 12.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Controllo su input fondamentali; economie di scala; brevetti; economie di rete; licenze governative. Nel lungo periodo il controllo sugli input

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

Istituzioni di Economia

Istituzioni di Economia Corso di laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia I costi di produzione (Capitolo 13) I costi di produzione La legge dell offerta P Offerta Le imprese sono disposte a produrre e vendere quantità

Dettagli

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato Il vantaggio comparato Nel giorno di San Valentino la domanda statunitense di rose è di circa 10 milioni. Coltivare rose negli Stati Uniti d inverno è difficile. E necessario l uso di serre riscaldate.

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus omanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus Il comportamento dei consumatori relativamente ad un certo bene viene, come noto, descritto di solito tramite una curva di domanda: una curva

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Mercati di concorrenza perfetta

Mercati di concorrenza perfetta Mercati di concorrenza perfetta Capitolo 14 Significato di concorrenza Un mercato perfettamente concorrenziale ha le seguenti caratteristiche: Alto numero di compratori e venditori. I beni offerti sono

Dettagli

13.4 Risposte alle domande di ripasso

13.4 Risposte alle domande di ripasso 86 Capitolo 13 13.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il modello di Cournot è incentrato sull ipotesi che ciascuna impresa consideri costante il livello attuale di output delle concorrenti. Il modello

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005 A Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES Istruzioni: rispondete alle domande segnando con una crocetta la lettera

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D Università Carlo Cattaneo - LIUC Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D 26 Novembre 2009 Informazioni generali Testo: Garavaglia C. (2006), Economia Industriale: Esercizi e Applicazioni, Carocci

Dettagli

I ricavi ed i costi di produzione

I ricavi ed i costi di produzione I ricavi ed i costi di produzione Supponiamo che le imprese cerchino di operare secondo comportamenti efficienti, cioè comportamenti che raggiungono i fini desiderati con mezzi minimi (o, che è la stessa

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Capitolo 9 Concorrenza perfetta

Capitolo 9 Concorrenza perfetta Capitolo 9 Concorrenza perfetta Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.9 McGraw-Hill, 2001 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO definire

Dettagli

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Istituzioni di Economia.

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Istituzioni di Economia. ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Istituzioni di Economia. La prova scritta consta di dodici domande, formulate come test a risposta multipla. Una sola delle cinque risposte fornite

Dettagli

4. IMPRESA. 4.1. Un isoquanto è: 4.2. La retta di isocosto di un'impresa che usa macchine e lavoro inizialmente è PQ.

4. IMPRESA. 4.1. Un isoquanto è: 4.2. La retta di isocosto di un'impresa che usa macchine e lavoro inizialmente è PQ. 4. IMPRESA 4.1. Un isoquanto è: 1) L'insieme delle combinazioni di due beni il cui costo per il consumatore è costante 2) L'insieme delle combinazioni dei fattori della produzione che comportano il medesimo

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

La produzione. Produzione

La produzione. Produzione La produzione Produzione > La produzione è attività che consiste nella combinazione di fattori produttivi (input) e nella loro trasformazione in prodotti (output) direttamente consumabili destinati ad

Dettagli

Elasticità dell offerta rispetto al. prezzo. L elasticità dell offerta al prezzo misura la variazione della quantità offerta al variare del

Elasticità dell offerta rispetto al. prezzo. L elasticità dell offerta al prezzo misura la variazione della quantità offerta al variare del Elasticità dell offerta rispetto al prezzo L elasticità dell offerta al prezzo misura la variazione della quantità offerta al variare del prezzo. Formula ε= ΔQ/Q = (P/Q) x (1/pendenza) ΔP/P L offerta di

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

ESERCITAZIONI di MICROECONOMIA (A-K) a.a. 2008/2009

ESERCITAZIONI di MICROECONOMIA (A-K) a.a. 2008/2009 ESERCITAZIONI di MICROECONOMIA (A-K) a.a. 28/29 M. Bonacina - Università degli Studi di Pavia monica.bonacina@unibocconi.it 1 INTERDIPENDENZA E VANTAGGI DEL COMMERCIO & LE FORZE DI MERCATO - Soluzioni

Dettagli

Teoria del commercio internazionale

Teoria del commercio internazionale Teoria del commercio internazionale (Krugman e Obstfeld Economia Internazionale Hoepli, 2003. Capp. 2, 4 leggere; 6 studiare) Vantaggi dallo scambio Differenze nelle caratteristiche dei paesi danno luogo

Dettagli

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE V LE FORME DI MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 1.1. Le

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI 1 U C I I M - Torino Associazione Cattolica Insegnanti Dirigenti Formatori Sezione di Torino Ettore PEYRON Corso di ECONOMIA PUBBLICA 2007 Aggiornamento per docenti di Scienza delle Finanze della scuola

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

a) In concorrenza perfetta il ricavo totale è dato dal prodotto tra il prezzo e la quantità venduta:

a) In concorrenza perfetta il ricavo totale è dato dal prodotto tra il prezzo e la quantità venduta: Esercizio 1 a) In concorrenza perfetta il ricavo totale è dato dal prodotto tra il prezzo e la quantità venduta: RT = P Q Da cui si ottiene che il ricavo medio e il ricavo marginale sono costanti e pari

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore.

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Se nel mercato

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano -Il modello dell istruzione 1 Il capitale umano Il modello dell istruzione L istruzione, come abbiamo visto, è associata a tassi di disoccupazione

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il comportamento del produttore

Il comportamento del produttore Unità 2 Il comportamento del produttore 1 Indice Ambito I fattori produttivi La funzione di produzione Il mercato concorrenziale 2 Ambito La teoria del produttore si occupa di studiare il comportamento

Dettagli

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.8 McGraw-Hill, 2001

Dettagli

Capitolo 11 La discriminazione di prezzo

Capitolo 11 La discriminazione di prezzo Capitolo La discriminazione di prezzo Le diverse forme di discriminazione Effetti della discriminazione Tariffe a due componenti F. Barigozzi Microeconomia CLEGA Appropriarsi del surplus del consumatore

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Sociali e Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 3 LA TEORIA DELL IMPRESA (b) CURVE DI COSTO

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli