ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA PETRARCA P.za C. Battisti, MONTEVARCHI Tel Fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA PETRARCA P.za C. Battisti, 33 52025 - MONTEVARCHI Tel. 055901823 Fax 055982128"

Transcript

1 Contratto integrativo d istituto sui criteri generali per la ripartizione delle risorse del Fondo dell Istituzione Scolastica (FIS) e criteri di assegnazione incarichi specifici del personale. Nell anno scolastico 2013/2014 il giorno 16 del mese di maggio dell anno 2014 presso la sede dell Istituto Comprensivo Petrarca di Montevarchi (AR) tra Il Dirigente Scolastico in rappresentanza dell Istituzione Scolastica Nedo Migliorini Istituto Comprensivo Petrarca di Montevarchi e i componenti delle RSU d Istituto Michele Pistritto Anna Norti Gualdani Mosè Ghinassi i rappresentanti sindacali delle seguenti OO.SS. per la CGIL per la CISL per la UIL per lo SNALS-CONFSAL per la GILDA viene sottoscritto il seguente: 1 Premessa CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO Le relazioni sindacali sono improntate al preciso rispetto dei diversi ruoli e responsabilità del Dirigente Scolastico e delle RSU, e perseguono l obiettivo di incrementare la qualità del servizio scolastico, sostenendo i processi innovatori in atto anche mediante la valorizzazione delle professionalità coinvolte, contemperando l interesse dei dipendenti al miglioramento delle condizioni di lavoro e alla crescita professionale con l esigenza di incrementare l efficacia e l efficienza dei servizi prestati alla collettività, ed in considerazione del fatto che la correttezza e la trasparenza dei comportamenti sono condizione essenziale per il buon esito delle relazioni sindacali, costituendo quindi impegno reciproco delle Parti contraenti. 2 Scopo Il contratto - conforme nella sostanza alla pre-intesa ha lo scopo di: a) definire il quadro delle relazioni sindacali a livello di Istituto; b) regolare le modalità ed i criteri per la distribuzione del fondo della Istituzione Scolastica Pag. 1

2 dell'anno scolastico ; c) definire le modalità applicative dell art. 55 del CCNL 2006/2009; d) definire alcuni specifici aspetti delle mansioni del personale ausiliario. CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza Le disposizioni contenute nel presente accordo si applicano al personale docente ed ATA assunto a tempo determinato e indeterminato in servizio presso l Istituto Comprensivo Petrarca a partire dal 1 settembre 2013; ha validità per gli anni scolastici successivi, con tacito rinnovo, fino a disdetta di almeno una delle parti da presentarsi entro il 31 luglio con esclusione della parte economica che avrà validità per il solo anno scolastico 2013/14. ART 2 Interpretazioni autentiche e controversie Qualora insorgano controversie sulla interpretazione del presente contratto collettivo si applicano le disposizioni di cui all art. 49 d. lgs. 165/2001. ART. 3 Rinvio Per quanto non previsto dal presente accordo, si fa rinvio al CCNL, CCNI e decentrati vigenti nonché alla normativa sul pubblico impiego. ART. 4 Delibere degli Organi Collegiali Nella definizione di tutte le materie oggetto delle relazioni sindacali di Istituto si tiene conto delle delibere degli OO. CC., per quanto di competenza. ART. 5 Rapporti tra RSU e Dirigente Scolastico 1. Le RSU designano il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e comunicano il nominativo al Dirigente Scolastico; il rappresentante rimane in carica fino a diversa comunicazione della RSU. 2. Il Dirigente Scolastico, informa la RSU che per l anno scolastico 2013/14 il monte ore previsto per i permessi sindacali è pari a 42 ore e 8 minuti, (25 minuti e 30 secondi moltiplicato per ogni dipendente con rapporto a tempo indeterminato, n 99 addetti). ART. 6 - Calendario degli incontri Tra il Dirigente Scolastico e le RSU viene concordato il seguente calendario di massima per le materie in base alle normative vigenti: a) Entro il mese di ottobre: - modalità e criteri di applicazione delle relazioni sindacali; - organizzazione del lavoro del personale ATA; - adeguamento degli organici del personale; - assegnazione del personale ai plessi e sezioni staccate; - assegnazione dei docenti alle classi e attività. b) Nel mese di dicembre: - piano delle attività aggiuntive retribuite con il FIS; - utilizzo delle risorse finanziarie e del personale per progetti, convenzioni ed accordi; - criteri per la fruizione dei permessi sull aggiornamento; - utilizzazione dei servizi sociali; - sicurezza nei luoghi di lavoro. c) Nel mese di gennaio: - verifica dell'organizzazione del lavoro personale ATA. Pag. 2

3 d) Nel mese di marzo: - proposte di formazione classi e determinazione organici di diritto. Il Dirigente Scolastico concorda con la RSU le modalità ed il calendario per lo svolgimento dei diversi modelli di relazioni sindacali; in ogni caso la convocazione da parte del Dirigente Scolastico va effettuata con almeno sei giorni di anticipo e la richiesta da parte della RSU va soddisfatta entro sei giorni, salvo elementi ostativi che rendano impossibile il rispetto dei termini indicati. Per ogni incontro vanno preliminarmente indicate le materie. Il Dirigente Scolastico fornisce la relativa documentazione almeno 48 ore prima dell incontro. Bacheca sindacale Il Dirigente Scolastico assicura la predisposizione di una bacheca riservata all esposizione di materiale sindacale, in collocazione idonea e concordata con le RSU. Le RSU hanno diritto di affiggere, nella suddetta bacheca, materiale di interesse sindacale e del lavoro, in conformità alla legge sulla stampa e senza preventiva autorizzazione del Dirigente Scolastico. Stampati e documenti da esporre nelle bacheche possono essere inviati anche direttamente dalle OO. SS. provinciale o nazionale. Il Dirigente Scolastico assicura la tempestiva trasmissione alle RSU del materiale a loro indirizzato ed inviato per posta, per fax o per . CAPO II DISPOSIZIONI RELATIVE ALL UTILIZZO DEL FIS ART.7 - Risorse afferenti al FIS Va premesso preliminarmente che per l'anno scolastico le risorse ammontano complessivamente a ,47, come analiticamente indicato nell allegata relazione al presente contratto tale somma corrisponde ai seguenti istituti contrattuali (mod. A): FIS ,92 (compresa Indennità DSGA 5.851,65) funzioni Strumentali 4.262,28; incarichi Specifici 1.641,30; pratica sportiva 962,53; economie FIS anni precedenti ,58; ore sostituzione docenti 2.460,28; economie ore sostituzione docenti 193,58; Le somme suddette si intendono al lordo dipendente (al netto quindi di Irap e Inpdap a carico dello Stato). ART. 8 - Distribuzione delle risorse fra i diversi profili professionali Il FIS dell anno viene così suddiviso: 70% per il personale docente ( ,20) e 30% per il personale ATA ( ,65). Quanto risulta, detratta la quota dell indennità di direzione ( 5.851,65), in considerazione della presenza di un sostituto del DSGA al quale spetta la quota fissa e la quota variabile. L utilizzazione del Fondo di Istituto è specificamente legato alle attività previste nel Piano della Offerta Formativa della Istituzione Scolastica. Le quote di ripartizione tra il personale docente ed ATA dei fondi di cui sopra sono stabilite in questa sede tra il Dirigente Scolastico e la Rappresentanza Sindacale Unitaria (di seguito RSU) in base alle necessità rilevabili dal POF ed alle esigenze avanzate da Collegio dei Docenti e riunioni di servizio del personale ATA. Pag. 3

4 Le somme sono destinate al rispettivo personale secondo la specifica finalità. Eventuali economie di tali somme sono riutilizzate negli anni successivi senza alcun vincolo. Per i criteri di accesso ai compensi che gravano sul fondo di Istituto valgono le disposizioni di cui ai successivi articoli del presente accordo. In allegato al presente accordo i prospetti di quantificazione di ripartizione del budget del fondo medesimo al personale Docente (mod. B) ed ATA (mod. C), validi per l anno scolastico 2013/2014. ART. 9 Funzioni strumentali I compensi per la funzioni Strumentali sono stabiliti in 473,59 forfetarie per ogni docente nominato dal Collegio dei Docenti, come di seguito.: AREA 1 Gestione del Piano dell Offerta Formativa LUCIA ANNUNZIATA MAGGIO PISTRITTO MICHELE AREA 2 Sostegno al lavoro dei docenti MASSIMO MUGNAI AREA 3 Interventi e servizi per studenti CARLA BORGOGNI; MARZIA RESTI; MANUELA NOCENTINI AREA 4 Realizzazione di progetti formativi d intesa con enti ed istituzioni esterni MARIA GRAZIA CANESCHI AREA 5 Supporto alle attività del C.T.P. MARIA CIRRINCIONE STEFANIA VALDAMBRINI ART Attività complementari di educazione fisica Come ex-art. 28 del CCNL/03, si stabilisce il relativo compenso come da disposizioni Ministeriali per creazione Centro Sportivo, pari a 962,532. ART. 11 Incarichi specifici personale ATA. 1 Servizi Amm.vi Assistenti amministrativi non beneficiari dell art. 7: 1) personale di Ruolo. 2 Servizi Ausiliari Collaboratori scolastici non beneficiari dell art. 7: 1) personale di Ruolo; 2) Personale nei plessi di scuola materna; 3) Personale nei plessi dove è attiva la pre-scuola; 4) Personale nei plessi dove esiste un collaboratore unico. 3 Flessibilità organizzativa Pag. 4

5 Per Orario Entrata 7,30 9,00 11,00 16,18 Uscita 14,42 16,12 18,12 23,30 Con rientri pomeridiani per completamento orario stabiliti individualmente con il DSGA. Per apertura segreteria pomeridiana dalle 15 alle 18 nel giorno di mercoledì; Per disponibilità a rientri pomeridiani o cambiamenti di orario per eventuali esigenze impreviste e comunque ogni qualvolta il Dirigente Scolastico lo richieda. Per disponibilità orario spezzato nei giorni di maggior esigenza di lavoro. ART. 12 Norme comuni Le risorse finanziarie che perverranno nella disponibilità ex L. 440/1997, per attività IDA, per progetti didattici finanziati da EE.LL o privati, per progetti europei e per ogni altra motivazione, che prevedono nella loro utilizzazione la corresponsione di compensi ed indennità al personale docente ed ATA, ferma restando la destinazione in caso di finalizzazione, verranno utilizzate con le seguenti priorità: 1. Retribuzione delle attività aggiuntive non di insegnamento per il personale docente e delle attività aggiuntive per il personale ATA connesse con la realizzazione dei progetti e delle iniziative che saranno realizzate con i finanziamenti in questione; 2. Retribuzione delle attività di insegnamento e delle attività di consulenza affidate a personale docente ed a esperti esterni all istituto le professionalità e le competenze richieste; 3. Nel caso in cui sia necessario ricorrere a personale docente ed a esperti esterni all istituto sarà data precedenza nell individuazione del suddetto personale a coloro che appartengono al personale della scuola statale. ART Informazione preventiva L informazione preventiva relativa alle attività ed ai progetti retribuiti con il fondo d Istituto e con le altre risorse pervenute nella disponibilità dell Istituto sarà fornita anche utilizzando i prospetti di cui agli allegati A, B e C al presente accordo fornendo copia del conto consuntivo relativo all e.f. precedente, completo di relazione e prospetto delle economie, e copia del programma annuale relativo all e.f. in corso, aggiornato alle variazioni apportate. ART. 14 Variazione della situazione Nel caso in cui fosse assolutamente necessario, per comprovati motivi, effettuare attività oltre quelle previste, si procederà alla revisione del piano delle attività. ART. 15 Informazione successiva e verifica L informazione successiva relativa alle attività e ai progetti retribuiti con il fondo d Istituto e con altre risorse pervenute nella disponibilità dell Istituto sarà fornita, ai sensi dell art. 16 del protocollo di intesa regionale del 18/9/2000 mediante prospetti riepilogativi dei fondi dell Istituzione Scolastica e di ogni altra risorsa finanziaria aggiuntiva destinata al personale, comprensivi dei nominativi, delle attività svolte, degli impegni orari e dei relativi compensi. Saranno messi a disposizione copia del consuntivo relativo all e.f. precedente, completo di relazione e prospetto delle economie, e copia del programma annuale relativo all e.f. in corso, aggiornato alle ultime variazioni apportate. Pag. 5

6 CAPO III DISPOSIZIONI RELATIVE AL PERSONALE DOCENTE ART. 16 Orario di lavoro. 1. La durata massima dell orario giornaliero è fissato in 5 ore di effettiva docenza. 2. La durata massima dell impegno orario di docenza più intervalli di attività è fissata in n. 8 ore giornaliere. ART. 17 Orario delle lezioni 1. Ferme restando le competenze in materia di redazione dell orario delle lezioni, sarà tenuto conto delle richieste presentate dai docenti che si trovino nelle condizioni previste dalla legge 104/1992 e dalla legge 1204/ L orario delle lezioni è organizzato per tutte le scuole del Comprensivo su 5 giorni settimanali quindi il giorno libero è per tutti il sabato. ART. 18 Orario delle riunioni 1. Le riunioni previste nel piano delle attività non potranno effettuarsi nel giorno di sabato, tranne, ovviamente, per scrutini ed esami. 2. Le riunioni pomeridiane avranno inizio non prima delle ore 14,30 e termineranno non oltre le ore 20,00; la durata massima di una riunione, salvo eccezionali esigenze, è fissata in 3 ore. A tale limite di durata si potrà eccezionalmente derogare per scrutini ed esami. 3. Eventuali motivate variazioni al calendario delle riunioni definito ad inizio dell anno scolastico dovranno essere comunicate per scritto con un preavviso di almeno 7 giorni rispetto alla data stabilita per la riunione per la quale si intende variare la data di effettuazione; analogamente dovrà essere comunicato con almeno 7 giorni di preavviso lo svolgimento di una riunione non prevista nel calendario, salvi ovviamente motivi eccezionali. ART. 19 Attività con le famiglie Il ricevimento individuale delle famiglie, nella scuola secondaria di primo grado, avverrà per due settimane in ogni mese. ART. 20 Vigilanza 1. La vigilanza sugli alunni durante l intervallo sarà effettuata all interno dell aula dai docenti di classe dell ora precedente. 2. Il Dirigente Scolastico, in caso di genitori che abitualmente ritirino i propri figli con ritardo al termine delle lezioni costringendo il personale docente a svolgere attività di vigilanza oltre il proprio orario, provvederà a richiamarli al rispetto dell orario e in caso di persistenza adotterà i provvedimenti conseguenti. ART. 21 Servizi minimi essenziali in caso di sciopero Il presente articolo è garantito da quanto previsto dalle leggi 146/90 e 83/2000. In particolare: a) attività, dirette e strumentali, riguardanti lo svolgimento degli scrutini e degli esami finali; Pag. 6

7 b) attività, dirette e strumentali, riguardanti lo svolgimento degli esami finali, con particolare riferimento agli esami conclusivi dei cicli di istruzione nei diversi ordini e gradi del sistema scolastico (esami di licenza elementare, esami di licenza media; c) vigilanza sui minori presenti in orario scolastico e durante i servizi di refezione, ove funzionanti, nei casi in cui non sia possibile una adeguata sostituzione del servizio. ART. 22 Flessibilità oraria. La eventuale riduzione dell unità didattica oraria comporta obbligatoriamente il recupero dei tempi di insegnamento non effettuati secondo le esigenze individuate dal Collegio dei Docenti e dal Dirigente Scolastico. Prioritariamente tali recuperi saranno finalizzati alla sostituzione dei docenti assenti. Gli alunni recupereranno l orario non svolto in ore aggiuntive extracurricolari, con attività di consolidamento ed ampliamento dell offerta formativa. ART. 23 Sostituzione dei colleghi assenti La sostituzione dei colleghi assenti sarà effettuata secondo i seguenti criteri: a) Le sostituzioni dovranno essere effettuate prioritariamente nel Plesso di servizio, successivamente negli altri plessi. b) I docenti saranno individuati prioritariamente in relazione alla materia di insegnamento e successivamente in relazione alla classe in cui insegnano. c) Il Dirigente Scolastico fornirà informazione successiva sulle assenze dei Docenti e sulle supplenze assegnate. CAPO IV DISPOSIZIONI RELATIVE AL PERSONALE ATA Titolo I Disposizioni riguardanti tutto il personale amministrativo ed ausiliario. ART. 24 Chiusure prefestive Nei periodi di interruzione dell attività didattica, nel rispetto delle attività approvate nel POF, è consentita la chiusura prefestiva della scuola disposta dal DS, compatibilmente con le esigenze di servizio. Il dipendente per compensare le ore lavorative non prestate deve utilizzare, a propria scelta, ore di recupero anche cumulate, in giorni oppure festività soppresse, oppure ferie. ART. 25 Le ferie Le ferie devono essere richieste per iscritto entro il 30 aprile specificando i periodi di gradimento. Entro il 15 maggio il DSGA provvede alla elaborazione del piano ferie da pubblicarsi all albo. Le ferie, di norma, devono essere usufruite nel periodo di sospensione delle attività didattiche salvo i casi in cui il dipendente venga sostituito da un collega. Nel caso in cui le richieste individuali non si conciliassero con le specifiche esigenze di servizio, il DSGA provvede a stabilire criteri di turnazione annuale tra i dipendenti. La variazione del piano delle ferie potrà avvenire solo in presenza di inderogabili esigenze sopravvenute e, comunque, tenuta presente la compatibilità con le esigenze del servizio. ART 26 Il Piano delle attività del personale ATA Il Piano delle Attività per ciascun anno scolastico è redatto dal DSGA ed è adottato dal Dirigente Scolastico. Il Piano è formulato nel rispetto: dei criteri generali oggetto del presente accordo ai sensi del CCNL. delle finalità e degli obbiettivi della scuola contenuti nel POF. Il Piano contiene: 1. l assegnazione delle sedi, il piano orario e il piano di lavoro dei collaboratori scolastici; 2. i criteri di preposizione del personale ai servizi per collaboratori e assistenti; 3. l individuazione delle attività e degli incarichi aggiuntivi; 4. avvertenze e istruzioni specifiche. Pag. 7

8 ART 27 Adozione del Piano delle attività Il DS verifica la congruenza della proposta di Piano delle attività ATA rispetto al POF e lo adotta entro il 30 ottobre o comunque dopo l approvazione del POF stesso e ne affida al DSGA l attuazione. Il piano è quindi trasmesso ai dipendenti e affisso all albo dell Istituzione scolastica. Disposizioni riguardanti il personale collaboratore scolastico. ART. 28 Le attività contenute nel Piano Nell individuazione annuale dei servizi previsti, il Piano fa riferimento alle mansioni previste dal CCNL 2003 e alle attività deliberate nel Piano dell Offerta Formativa. ART. 29 Interruzioni della attività didattica Durante i periodi di interruzione della attività didattica, esperite le necessarie informazioni preventive alla Rappresentanza Sindacale Unitaria (di seguito RSU) dell Istituto, il personale potrà essere utilizzato anche in altra sede, diversa da quella assegnata per l a.s., in base a motivate esigenze, su disposizione del DSGA, sentito il parere del DS, con ordine di servizio. ART. 30 Orario di servizio L orario è regolamentato dagli artt. 50 del CCNL e 52 del CCNI vigenti. Il personale collaboratore scolastico dell istituto presta la propria attività con una rotazione dei turni per la copertura di tutto il periodo delle attività della scuola. L orario ordinario di lavoro, di 36 ore settimanali, è disposto in modo funzionale all orario di funzionamento delle scuole presenti nell Istituto. L articolazione dell orario di servizio del personale ausiliario in ogni plesso, tenuto conto degli apporti orari e dei servizi delle ditte esterne, dovrà garantire: apertura del plesso, prima delle lezioni, sorveglianza e predisposizione dei locali per l accoglienza degli alunni e del personale docente; svolgimento delle attività didattiche, secondo l orario settimanale di funzionamento; pulizia dei locali al termine delle lezioni, sorveglianza e chiusura. In relazione alla specifica situazione di ogni plesso nel Piano delle attività del personale ATA è stabilito l orario giornaliero di servizio. In occasioni dello svolgimento dei colloqui, consegna dei documenti ai genitori, riunioni di interclasse o assemblee l orario giornaliero potrà essere adeguatamente modificato. Nei periodi di sospensione dell attività didattica è possibile articolare l orario giornaliero in modo differenziato. ART. 31 Ore eccedenti l orario di servizi per mansioni ordinarie Nel piano delle attività è prevista la necessità di eventuali ore eccedenti per lo svolgimento delle mansioni ordinarie che si dovessero verificare a seguito di assenze di colleghi, feste scolastiche, apertura dei locali, esigenze di ufficio. Le eventuali ore eccedenti saranno effettuate prioritariamente dal personale che si è reso disponibile all inizio dell anno scolastico e, normalmente, dal personale che è stato assegnato alla sede in cui si verifica l esigenza straordinaria o legata al POF. Il recupero delle ore eccedenti con riposi compensativi avverrà, su richiesta degli interessati, in giorni o periodi di minor carico di lavoro e comunque preferibilmente durante i periodi di interruzione della attività didattica. Il recupero non deve comportare alcun onere per l amministrazione. Nel caso in cui nessun dipendente sia disponibile ad effettuare ore eccedenti necessarie allo svolgimento di funzioni inderogabili di servizio, le stesse saranno ripartite in modo omogeneo fra tutto il personale con criterio della rotazione in ordine alfabetico, con esclusione di coloro che si trovino in particolari situazioni previste dalle leggi 1204/71, 903/77, 104/92. Pag. 8

9 I prolungamenti dell orario di servizio sono disposti esclusivamente dal DSGA, sentito il parere del DS. Qualsiasi scostamento in eccedenza dall orario stabilito non viene considerato se non preventivamente autorizzato dal DSGA. Per tali scostamenti, che hanno esclusivamente carattere di eccezionalità e urgenza; non è necessaria l informazione preventiva alla RSU. ART. 32 Ore eccedenti l orario di servizi per esigenze di accoglienza previste nel POF Nel Piano delle attività sono previsti servizi di accoglienza per venire incontro alle esigenze delle famiglie degli alunni frequentanti l Istituto, in particolare per quanto riguarda le scuole materne ed elementari. Il personale collaboratore scolastico che si rende disponibile a questo tipo di servizio accede forfetariamente al fondo di Istituto e recupera il credito orario secondo le disposizioni di cui al precedente articolo. ART. 33 Servizi minimi essenziali in caso di sciopero Il presente articolo è garantito da quanto previsto dalle leggi 146/90 e 83/2000. In particolare: a) vigilanza sui minori presenti in orario scolastico e durante i servizi di refezione, ove funzionanti, nei casi in cui non sia possibile una adeguata sostituzione del servizio; b) vigilanza degli impianti e delle apparecchiature, laddove l interruzione del funzionamento comporti danni alle persone o alle apparecchiature stesse; c) raccolta, allontanamento e smaltimento dei rifiuti tossici, nocivi e radioattivi; d) adempimenti necessari per assicurare il pagamento degli stipendi e delle pensioni, per il periodo di tempo strettamente necessario in base alla organizzazione delle singole istituzioni scolastiche. ART. 34 Il controllo dell orario di servizio Il dipendente è obbligato alla firma dell orario di ingresso e di uscita giornalieri, negli appositi registri presenti nella sede ove presta servizio, predisposti dall ufficio di segreteria. Con scadenza mensile la segreteria invierà al dipendente il foglio presenze con il riepilogo dell orario prestato e i crediti o recuperi da effettuare. ART. 35 I ritardi I ritardi sull orario di ingresso al lavoro sono disciplinati dai citati articoli del CCNL e CCNI vigenti. Devono essere recuperati entro il mese successivo a decorrere dalla data di consegna del riepilogo orario mensile. Il mancato recupero, cagionato da inadempienza del lavoratore, comporta la riduzione della retribuzione fatta salva la richiesta della amministrazione di recupero in periodo successivo o l assenza del dipendente. ART I permessi orari ed i recuperi I permessi brevi di cui all art. 16 del CCNL sono autorizzati dal DS, sentito il parere del DSGA. Il dipendente concorda con il DSGA il recupero delle ore non lavorate secondo le esigenze di servizio. Il recupero, per il personale che non ha credito orario, deve avvenire comunque entro i due mesi lavorativi successivi. Le ore non lavorate possono essere compensate con prestazioni di ore aggiuntive e ferie. I crediti orari comunque determinatisi possono essere recuperati, di norma, durante i periodi di sospensione della attività didattica e comunque non oltre l anno scolastico in cui sono maturati. Al termine dell anno scolastico non si monetizzano eventuali crediti residui. L eventuale rifiuto o riduzione della concessione deve essere comunicato specificando i motivi legati alle esigenze di servizio. I permessi possono essere concessi anche al personale con contratto a tempo determinato. Pag. 9

10 ART. 37 Le sostituzioni dei colleghi assenti In caso di contemporanea assenza di più unità è rimessa al DSGA la facoltà di utilizzare i dipendenti per la sostituzione dei colleghi esclusivamente per la copertura di turni che compromettano la normale attività delle sedi. Durante la chiusura dei plessi per motivi elettorali, il personale è esonerato dal servizio salvo la sostituzione di colleghi assenti in altri plessi. ART. 38 Le funzioni miste I collaboratori scolastici dell Istituto possono essere utilizzati in funzioni miste, su richiesta degli Enti Locali, purché vi sia la disponibilità del personale ed il riconoscimento economico così come stabilito dal protocollo di intesa dell ANCI con il Ministero della Pubblica Istruzione del 27 settembre 2000, e prorogato con la nota MPI Prot. n.310 del 10 Agosto L entità dei compensi per la retribuzione delle funzioni in oggetto non potrà superare il finanziamento finalizzato trasferito dall EE.LL. Lo svolgimento di una funzione mista non è incompatibile con lo svolgimento di una funzione aggiuntiva o con l assolvimento di altre funzioni previste nel POF. ART 39 Accesso al Fondo dell Istituzione Scolastica per i collaboratori scolastici Il personale collaboratore scolastico accede al FIS in base ad i seguenti criteri: 1. quota in base alla disponibilità e alla effettiva prestazione di servizi in altre sedi per la sostituzione di colleghi assenti, in misura forfetaria rispetto alle giornate prestate; 2. quota in base alle complessificazione delle ordinarie mansioni derivanti da: il supporto ad alunni portatori di handicap; servizi di accoglienza o sorveglianza degli alunni anche per periodi ove non sia prevista la presenza dei docenti; 3. quota in base alla disponibilità ed alla effettiva prestazione di attività legate ad iniziative inserite nel POF degli EE.LL o di altri enti purché non compensate con la corresponsione di somme o altri benefici da parte dei suddetti enti e comunque per quanto specificato nell art.7 del presente contratto. L individuazione delle specifiche attività che, in relazione ai criteri di cui al comma precedente, danno accesso al Fondo di Istituto, viene effettuata nel Piano delle Attività (mod C). Disposizioni riguardanti il personale assistente amministrativo e il Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi. ART. 40- Orario di lavoro L orario è regolamentato dagli artt. 50 del CCNL e 52 del CCNI vigenti. L orario di lavoro ordinario è di 36 ore settimanale ed è disposto in modo funzionale all orario di apertura dell Ufficio di Segreteria. L articolazione dell orario di lavoro dovrà garantire il funzionamento dell Ufficio nelle fasce orarie del mattino (da lunedì al venerdì) e nei pomeriggi (mercoledì) anche mediante prestazioni orarie aggiuntive. ART. 41 Applicazione di norme Per gli assistenti amministrativi valgono le norme di cui ai collaboratori scolastici del presente accordo in quanto applicabili. ART. 42 Attività pomeridiana Il personale assistente amministrativo presta l attività pomeridiana previa disponibilità acquisita dal DSGA comunicato per iscritto. Pag. 10

11 ART. 43 Il sostituto del DSGA L assistente amministrativo cui è attribuita la funzione aggiuntiva di coordinamento e raccordo tra gli Uffici, funzioni vicariali e diretta collaborazione con il DSGA. Secondo le modalità di cui all art. 55 CCNI, può svolgere, previa dichiarazione di disponibilità, alcuni dei compiti del coordinatore amministrativo di cui all art. 1 Intesa 8 marzo Per tali compiti, tassativamente elencati nel Piano delle Attività, accede al FIS nella misura ivi stabilita, ferma restando che l applicazione delle disposizioni al presente articolo non determina diritto al trattamento previsto per la qualifica superiore. ART. 44 Accesso al FIS per gli assistenti amministrativi Il personale assistente amministrativo accede al FIS o in base allo svolgimento di specifici incarichi inerenti le complessità operative amministrative. L individuazione delle specifiche attività di cui al comma precedente, che danno accesso al FIS, viene effettuata nel Piano delle Attività. L entità dei compensi è fissata tenendo conto delle proposte del personale interessato sentito in apposita riunione di servizio, convocata dal DSGA, entro la fine di ottobre e comunque dopo la definizione soggettiva dell organico di fatto riferito agli assistenti amministrativi. La proposta di utilizzazione del FIS che ne scaturisce è quindi oggetto di informazione successiva alla RSU. Su richiesta del personale, anche le ore di attività aggiuntive che danno accesso al FIS, non prestate all interno dell orario di obbligo, possono essere compensate con ore libere o con eventuali permessi, anche cumulabili in giornate libere. Il limite posto alla possibilità di svolgimento di attività aggiuntive è costituito dalle risorse del FIS destinate al personale ATA e dalla possibilità di compensazione. CLAUSOLA AGGIUNTIVA: qualora le cifre assegnate alla scuola fossero modificate per ridimensionamento, si provvederà agli adeguamenti proporzionali per tutte le voci senza ulteriore contrattazione. Montevarchi, lì 16 maggio 2014 PARTE PUBBLICA PARTE SINDACALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Nedo Migliorini MICHELE PISTRITTO ANNA NORTI GUALDANI MOSE GHINASSI Pag. 11

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata LICEO CLASSICO STATALE N. FORTEGUERRI LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE A. VANNUCCI Corso Gramsci, 148 - PISTOIA - Tel. 0573/20302-22328-Fax 0573/24371 Modalità di organizzazione del personale docente

Dettagli

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 -

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - PREMESSA Al fine di evitare equivoci di sorta, a tutto il personale ATA viene consegnata copia individuale dell

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD) I criteri per le determinazioni del dirigente riferiti a l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro ex art. 5, comma 2, del Dlgs n. 165/2001 come novellato

Dettagli

dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

dispone per l anno scolastico 2013/2014 la seguente ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Prot. n. 6173 del 20/11/2013 Il Dirigente Scolastico Visto il D.Lgs 297/1994; Vista la Legge 59/1997 art. 21; Visto il DPR 275/1999 art. 14; Visto il D.Lgs 165/201 art. 25; Visto il CCNL 2006/2009; Visto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO

DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO DIREZIONE DIDATTICA DI CODROIPO (UD) Via Friuli, 14 33033 CODROIPO E-mail Intranet: UDEE057002@istruzione.it Tel. 0432-906427 Fax 0432-906436 E-mail Internet: cdcodroipo@cdcodroipo.it CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA

CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA CRITERI E MODALITA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA Art. 1 Criteri di assegnazione del personale docente ai corsi e alle classi 1. Il

Dettagli

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A.

Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015. Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. Contratto Integrativo di Istituto a.s. 2014/2015 Organizzazione del lavoro e articolazione dell orario del personale A.T.A. VISTO il CCNL 2006/2009 e successive modificazioni ed integrazioni Art.1 Riunione

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012

INFORMATIVA SU MODALITA DELL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DELL ORARIO DI SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE E ATA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE GIUSEPPE PEANO 00142 Roma - Via Francesco Morandini, 38 - XIX Distretto e-mail:

Dettagli

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI

INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E DEGLI UFFICI Prot. n. 4369/A 26 Concordia Sagittaria, 24 novembre 2015 Ai rappresentanti sindacali Al personale dell Istituto All albo dell Istituto INFORMATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO SULL ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO Ministero della Pubblica Istruzione I. C. Galilei Via Quadrelli, 2 21052 Busto Arsizio Tel:0331 340120 Fax: 0331 340120 e-mail uffici: vaic860001@istruzione.it CONTRATTO INTEGRATIVO d ISTITUTO A.S. 2013/2014

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec.

ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec. ISTITUTO COMPRENSIVO ASSISI 1 Via S.Antonio n. 1 06081 Assisi (PG) Tel. 075812360 - Fax 075812159 @-mail certificata: pgic83500t@pec.it Contratto Integrativo d Istituto sui criteri generali per la ripartizione

Dettagli

Fondo dell Istituzione Scolastica

Fondo dell Istituzione Scolastica MINISTERO DELL ISTRUZIONE UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO Via Giulia, 38-00186 ROMA tel. 0668806226- fax. 0668300813 www.liceoclassicovirgilio.it

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B PERSONALE ATA

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B PERSONALE ATA Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato B

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO CIAMPOLI-SPAVENTA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI PRIMO GRADO SECONDARIA DI SECONDO GRADO: ITE - LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO S.A. IST. PROF.LE SOCIO SANITARIO

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI - PASCOLI Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria di Primo Grado - Sezione Ospedaliera Via D. Bottari, 1 (Piazza

Dettagli

INTEGRATIVO DI ISTITUTO PER L'IMPIEGO DELLE RISORSE FINANZIARIE RIFERITE AL FONDO D'ISTITUTO PERSONALE A.T.A. ANNO SCOLASTICO 2008/09 (CCNL

INTEGRATIVO DI ISTITUTO PER L'IMPIEGO DELLE RISORSE FINANZIARIE RIFERITE AL FONDO D'ISTITUTO PERSONALE A.T.A. ANNO SCOLASTICO 2008/09 (CCNL ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOLIERA VIA ROMA N. 134 41019 SOLIERA (MO) TEL. 059 567234 FAX 059 567471 C.F. 81001280361 C.M. MOIC808007 Email: ufficio@icsoliera.191.it CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO PER

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL CONTRATTO INTEGRATIVO. Premessa

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL CONTRATTO INTEGRATIVO. Premessa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 17 MONTORIO Via Dei Gelsi, 20 37141 Montorio-Verona Sito web: www.scuolemontorio.org e-mail ministeriale: vric88800v@istruzione.it Tel. 045.557507/045.8840944 Fax. 045.8869196

Dettagli

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA

Contrattazione integrativa d Istituto a.s.2012/2013 FRONTESPIZIO DELL INTESA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Scuola dell INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA di I GRADO Via Milazzo,21-03030

Dettagli

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA

PARTE GENERALE PROCEDURE PER LA DEFINIZIONE DEL PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA (ai sensi dell art. 3, comma 1, lettera f del CCNL 15/03/2001) L anno 2002 il mese

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 -

CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - CAPO IV MODALITÀ DI UTILIZZO DEL PERSONALE DOCENTE IN RAPPORTO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO. - 1 - ART. 19 Orario 1. All inizio dell anno scolastico vene definito l orario

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ALLEGATA ALLA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D'ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ALLEGATA ALLA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D'ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Protocollo n. 1907/B15 del 2 aprile 2014 RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ALLEGATA ALLA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D'ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI

Dettagli

1.Criteri di assegnazione del personale

1.Criteri di assegnazione del personale ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARMIGIANINO P.le Rondani, 1 43100 Parma - Tel. 0521/233874 Fax 0521/233046 e-mail: pric83600p@istruzione.it PEC: pric83600p@pec.istruzione.it web: www.icparmigianino.it Codice

Dettagli

Titolo 1 Utilizzo del personale

Titolo 1 Utilizzo del personale CONTRATTAZIONE D ISTITUTO sull utilizzo del personale in applicazione del POF e sull impiego delle risorse finanziarie a.s. 2014-15 Il giorno 1 ottobre, 8 ottobre 2014 e 14 gennaio 2015 presso l Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA 1 CONTRATTO INTEGRATIVO PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA Roccastrada Via S. d Acquisto s.n. Protocollo d intesa tra il Dirigente

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D ISTITUTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Il giorno 30/09/2014 alle ore 10.30 presso l Istituto Comprensivo di Varallo tra il Dirigente Scolastico e le R.S.U., si stipula la seguente

Dettagli

prot. 1246 A03 Bisuschio 18.05.2013

prot. 1246 A03 Bisuschio 18.05.2013 Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Istituto Comprensivo Don Milani via Ugo Foscolo 13 21050 Bisuschio Tel. 0332/471213 Fax. 0332/473798 e-mail uffici: vaic815003@istruzione.it e-mail certificata:

Dettagli

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO il CCNL Comparto Scuola 2006-2009; VISTA la Sequenza Contrattuale Docenti dell 8.04.2008; VISTA la Sequenza Contrattuale

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO 2014-15 TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo di applicazione, decorrenza e durata Il presente contratto si applica a tutto il personale docente ed

Dettagli

Prot. n 287 A/19 San Pietro In Guarano 06/02/2015 Ai Revisori dei Conti AMBITO CS079

Prot. n 287 A/19 San Pietro In Guarano 06/02/2015 Ai Revisori dei Conti AMBITO CS079 Distretto Scolastico N 28 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Luigi Settino SAN PIETRO IN GUARANO (CS) con Plessi e Sezioni Staccate in Castiglione Cosentino Codice Meccanografico: CSIC857002 - Codice Fiscale:

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO PARTE PRIMA: DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO PARTE PRIMA: DISPOSIZIONI GENERALI 1 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO PARTE PRIMA: DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Campo d'applicazione, decorrenza e durata a) il presente contratto si applica a tutto il personale docente ed

Dettagli

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Sermide Via Zambelli, 2 46028 Sermide (MN) Tel. 0386 61101 Fax. 0386 960476 email: mnic82200r@istruzione.it - info@icsermide.it

Dettagli

VERBALE ESAME CONGIUNTO

VERBALE ESAME CONGIUNTO VERBALE ESAME CONGIUNTO Il giorno 27/03/2013, presso l ITIS E. Mattei di San Donato Milanese tra la delegazione di parte pubblica rappresentata dal Dirigente Scolastico prof. Paiano Giacomo e la delegazione

Dettagli

SERVIZIO PRESSO L ISTITUZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO PRESSO L ISTITUZIONE SCOLASTICA CONTRATTO INTEGRATIVO SULL IMPIEGO DELLE RISORSE FINANZIARIE RIFERITE AL FONDO D ISTITUTO E AD OGNI ALTRA RISORSA IMPIEGATA PER CORRISPONDERE COMPENSI E INDENNITA AL PERSONALE IN SERVIZIO PRESSO L ISTITUZIONE

Dettagli

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU ACCORDO A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA L anno 2015, nel mese di MAGGIO, il giorno

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie Prot. n. 3631/C16 Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie 35136 PADOVA - Via delle Cave, 174 Tel. 049/720744 - Fax 049/8685112

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11

IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11 IPOTESI DI ACCORDO CONTRATTAZIONE DI ISTITUTO 2010/11 L'anno 2010, il giorno 14, del mese di dicembre alle ore 11,00 nei locali dell'istituto Statale d Arte Bruno Munari di Vittorio Veneto tra la delegazione

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12

Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Istituto Tecnico Tecnologico E. FERMI Ascoli Piceno ART 6 comma 2 CCNL 2007 Informazione preventiva a.s. 2011-12 Lettera c): criteri di attuazione dei progetti nazionali, europei e territoriali Sono inseriti

Dettagli

20 SCHEDE. i diritti delle RSU e la contrattazione di istituto

20 SCHEDE. i diritti delle RSU e la contrattazione di istituto 20 SCHEDE riguardanti i diritti delle RSU e la contrattazione di istituto aggiornate al CCNL 2006-2009 Le 20 schede che seguono riguardano i compiti e i diritti delle RSU, le competenze degli Organi collegiali,

Dettagli

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro.

INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE. Organizzazione del lavoro. INFORMAZIONE DISPOSIZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE A.S.2014/15 PERSONALE DOCENTE - Struttura organizzativa dei docenti Organizzazione del lavoro. 1- Il Dirigente Scolastico sceglie

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE SUI CRITERI PER LA FRUIZIONE

Dettagli

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. N 1073/A26 Genova, 9 febbraio 2012 DETERMINAZIONE UNILATERALE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO LICEO STATALE P. GOBETTI Liceo Linguistico Liceo Musicale e Coreutico sez. Coreutica Liceo Scienze Umane Liceo Scienze Umane Economico Sociale Via Spinola di S.Pietro, 1-16149 Genova - Tel.0106469787 -Fax

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE DOCENTE M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I. I. S. J. T O R R I A N I I S T I T U T O T E C N I C O - S E T T O R E T E C N O L O G I C O L I

Dettagli

prot. 469 C1 Bisuschio 25/02/2015

prot. 469 C1 Bisuschio 25/02/2015 Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Istituto Comprensivo Don Milani via Ugo Foscolo 13 21050 Bisuschio Tel. 0332/471213 Fax. 0332/473798 e-mail uffici: vaic815003@istruzione.it e-mail certificata:

Dettagli

Prot. n 7032 /I20 Ai Revisori dei Conti AMBITO PE068 Bucci Gabriella_ membro MEF Palombo Lucio_ membro MIUR

Prot. n 7032 /I20 Ai Revisori dei Conti AMBITO PE068 Bucci Gabriella_ membro MEF Palombo Lucio_ membro MIUR Prot. n 7032 /I20 Ai Revisori dei Conti AMBITO PE068 Bucci Gabriella_ membro MEF Palombo Lucio_ membro MIUR OGGETTO: relazione tecnico-finanziaria inerente l ipotesi di contrattazione integrativa di istituto

Dettagli

NORME COMUNI. Art. 1 Obiettivi del contratto integrativo

NORME COMUNI. Art. 1 Obiettivi del contratto integrativo MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO III ISTITUTO STATALE D ARTE Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma Telefono e fax 067480609 - E-mail: info@terzoisa.org Distretto

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012

INFOMAZIONE PREVENTIVA IN RELAZIONE ALL'ART. 6 DEL CCNL 2006-2009 ANNO SCOLASTICO 2011-2012 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 Sito internet: http://icsorbolomezzan.scuolaer.it e-mail: pric81400t@istruzione.it Prot. n. 4918/C14

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino Telefax 011/724696 C.F. 80090940018 e-mail:segreteria@ddducadaosta.

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino Telefax 011/724696 C.F. 80090940018 e-mail:segreteria@ddducadaosta. prot. 1164/A26 del 29 febbraio 2012 DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino Telefax 011/724696 C.F. 80090940018 e-mail:segreteria@ddducadaosta.it CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 18 dicembre 2014 alle ore 10.50 nel locale Presidenza viene sottoscritta la presente Ipotesi di accordo, finalizzata alla

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 1 REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO L. PIRANDELLO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado

Dettagli

Proposta CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Proposta CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOLANO Via dei Castagni, 10 Ceparana (SP) C.F. 90016620115 Tel. 0187933789 Tel./Fax 0187934603 E-mail spic80400g@istruzione.it Proposta CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Dettagli

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 20 del mese di novembre 2012

Dettagli

OGGETTO: Relazione tecnico-finanziaria di accompagnamento al contratto integrativo d Istituto 2012/2013, sottoscritto il 30/04/2013 PREMESSA

OGGETTO: Relazione tecnico-finanziaria di accompagnamento al contratto integrativo d Istituto 2012/2013, sottoscritto il 30/04/2013 PREMESSA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. CERULLI Tel. 085-8005999 - Fax 085-8027953 - C.F.91041900670

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

GILDA DEGLI INSEGNANTI FEDERAZIONE GILDA-UNAMS. Il fondo d istituto

GILDA DEGLI INSEGNANTI FEDERAZIONE GILDA-UNAMS. Il fondo d istituto Il fondo d istituto Il Fondo è destinato a retribuire le prestazioni rese dal personale docente, educativo ed ata (solo personale interno, sia a tempo determinato che indeterminato) per sostenere il processo

Dettagli

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico

Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015. Il Dirigente Scolastico Prot. N. 1551/C14 Abbiategrasso, 18 settembre 2015 Oggetto: Piano di lavoro personale A.T.A. a.s. 2015/16 Agli interessati e p.c. Alla RSU Atti Albo Il Dirigente Scolastico VISTO il CCNL 2006/09, con riferimento

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO COLLETTIVO DI ISTITUTO

CONTRATTO INTEGRATIVO COLLETTIVO DI ISTITUTO CONTRATTO INTEGRATIVO COLLETTIVO DI ISTITUTO TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo di applicazione, decorrenza e durata 1. Il presente contratto si applica a tutto il personale docente ed ATA

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO per l'anno scolastico 2011/2012

CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO per l'anno scolastico 2011/2012 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L.A. G. MISTICONI I.S.A. V. BELLISARIO Sede: Via L. Einaudi, 2 - Tel. 085/51382 - Fax: 085/52055 Sede staccata: V.le Kennedy, 137 Tel. 085/4712759 Fax 085/4712796. 65129

Dettagli

Bozza a.s. 2012/2013 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Bozza a.s. 2012/2013 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PROVAGLIO D ISEO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Roma - 25050 PROVAGLIO D ISEO (BS) TEL.030/9881247 FAX 030-9839181 C.F.: 98117000178 E-mail bsic85000a@istruzione.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

Dirigente Scolastico. Prof.ssa Chiassai Maria Rita. RSU d Istituto: Prof. Bonifazi Paolo. Prof. Giulivi Patrizia. Prof.

Dirigente Scolastico. Prof.ssa Chiassai Maria Rita. RSU d Istituto: Prof. Bonifazi Paolo. Prof. Giulivi Patrizia. Prof. Istituto di Istruzione Superiore CLASSICO E ARTISTICO Terni A.S. 2013/2014 Contratto Integrativo di Istituto Verbale di sottoscrizione Il giorno 9 del mese di maggio 2014, presso l I.I.S.C.A.. di Terni,

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 Allegato A

Dettagli

MCM INFORMATICA DI Marsico Massimo - CASALNUOVO DI NAPOLI (NA)

MCM INFORMATICA DI Marsico Massimo - CASALNUOVO DI NAPOLI (NA) MCM INFORMATICA DI Marsico Massimo - CASALNUOVO DI NAPOLI (NA) RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ALLEGATA ALLA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D'ISTITUTO A.S. 2012/2013 Prot. / li IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Cittanova-San Giorgio Morgeto Via Galileo Galilei, 5 89022 CITTANOVA (RC) C.F. 82002680807 Codice Meccanografico RCIC80200C

ISTITUTO COMPRENSIVO Cittanova-San Giorgio Morgeto Via Galileo Galilei, 5 89022 CITTANOVA (RC) C.F. 82002680807 Codice Meccanografico RCIC80200C ISTITUTO COMPRENSIVO Cittanova-San Giorgio Morgeto Via Galileo Galilei, 5 89022 CITTANOVA (RC) C.F. 82002680807 Codice Meccanografico RCIC80200C Prot. n. del 25/09/2014 CIRCOLARE N. DOCENTI p.c. DSGA OGGETTO:

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE RAIMONDO FRANCHETTI VENEZIA-MESTRE

LICEO GINNASIO STATALE RAIMONDO FRANCHETTI VENEZIA-MESTRE LICEO GINNASIO STATALE RAIMONDO FRANCHETTI VENEZIA-MESTRE Corso del Popolo,82 VE-MESTRE 30172 Tel. 041/5315531 Fax 041/5328524 e-mail : segreteria@liceofranchetti.it Cod. fiscale 82007660275 - Cod. Scuola

Dettagli

Direzione Generale PREMESSO

Direzione Generale PREMESSO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 9 dicembre 2008 in Bologna presso l Ufficio

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO PER L ANNO SCOLASTICO 2011 2012 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 L anno 2011 il giorno 19 del mese di dicembre alle ore 10,00 nei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LENTINI VIA ROMA, 102 85045 LAURIA (PZ) Tel. 0973/2823292 FAX 0973823292

ISTITUTO COMPRENSIVO LENTINI VIA ROMA, 102 85045 LAURIA (PZ) Tel. 0973/2823292 FAX 0973823292 Prot. N.588/C22c Lauria 28/02/2014 RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA ALL 'ACCORDO SIGLATO IN DATA 27/02/2014 IN SEDE DI CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA D'ISTITUTO SULLE MODALITA DI GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

OGGETTO: Relazione tecnico-finanziaria di accompagnamento al contratto integrativo d Istituto 2013/2014. PREMESSA

OGGETTO: Relazione tecnico-finanziaria di accompagnamento al contratto integrativo d Istituto 2013/2014. PREMESSA Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Istruzione Superiore F. ORIOLI Via Villanova, s.n.c. 01100 VITERBO Tel. 0761/251194-96 Fax 0761/354358

Dettagli

a. s. 2013/2014 RELAZIONI E DIRITTI SINDACALI

a. s. 2013/2014 RELAZIONI E DIRITTI SINDACALI Prot. N. 6454/A26 del 05/09/2013 CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO (CCNL 2006-2009 art. 6) a. s. 2013/2014 L'anno duemilatredici, il giorno 03 del mese di settembre, presso l'istituto Comprensivo Boer-Verona

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PERSONALE A.T.A. VERBALI D'INTESA ISTITUTO COMPRENSIVO SAN FRANCESCO ANGUILLARA SABAZIA

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PERSONALE A.T.A. VERBALI D'INTESA ISTITUTO COMPRENSIVO SAN FRANCESCO ANGUILLARA SABAZIA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PERSONALE A.T.A. VERBALI D'INTESA ISTITUTO COMPRENSIVO SAN FRANCESCO ANGUILLARA SABAZIA Il giorno 13 dicembre 2010 alle ore 14,15 si riuniscono per la contrattazione integrativa

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Relazione illustrativa al contratto INTEGRATIVO a.s.2014/2015 Legittimità giuridica MODULO 1

Relazione illustrativa al contratto INTEGRATIVO a.s.2014/2015 Legittimità giuridica MODULO 1 Prot.1897/A26 Relazione illustrativa al contratto INTEGRATIVO a.s.2014/2015 Legittimità giuridica (art. 40bis, comma 5, D.Lgs 165/2001 come modificato dal D.Lgs 150/2009, circ. MEF n. 25 del 19/07/2012)

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Scuola materna, elementare e media B. Lorenzi CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Capo I Diritti sindacali Art.1 Assemblee sindacali Art.2 Permessi

Dettagli

BOZZA a cura della Cisl Scuola

BOZZA a cura della Cisl Scuola BOZZA a cura della Cisl Scuola IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Attuazione normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (CCNL art. 6 comma 2 lettera k) Istituto/Circolo - a.s./.. L'anno

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO L'anno 2013, il mese di Marzo, il giorno 08 nei locali del Liceo Scientifico Statale G.Galilei di Pescara,

Dettagli

ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO

ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO Direzione Provinciale di Belluno ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO Il Direttore della Direzione Provinciale di Belluno, i componenti della RSU ed i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali territoriali

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico ACCORDO NAZIONALE tra il Ministero dell istruzione, della e dell università e le Organizzazioni sindacali concernente l attuazione dell articolo 2 della sequenza contrattuale (ex art. 62 ccnl/2007) sottoscritta

Dettagli

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte)

Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) pag. 1 di 6 Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione E. Maggia -Stresa Contrattazione integrativa di Istituto (2 parte) ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TRATTAMENTO ECONOMICO

Dettagli

ATA, pratica sportiva e finanziamenti per scuole collocate in aree a forte processo

ATA, pratica sportiva e finanziamenti per scuole collocate in aree a forte processo ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CARPENEDOLO Prot. 2391/B15 del 1/04/2015 Al Dirigente Scolastico Dott.ssa Patrizia Leorati Atti - sede OGGETTO: Relazione tecnico-finanziaria di accompagnamento al contratto

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015 ATTIVITA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE 1) CALENDARIO SCOLASTICO Definito per le parti di propria competenza, dal Ministro dell Istruzione, dalla

Dettagli

CON L EUROPA, INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

CON L EUROPA, INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Prot. n. 1334 C/14 Relazione illustrativa Legittimità giuridica (art. 40bis, comma 5, D.Lgs 165/2001 come modificato dal D.Lgs 150/2009, circ. MEF n. 25 del 19/07/2012)) Premessa Obiettivo Modalità di

Dettagli

MODULO I COSTITUZIONE DELLA DOTAZIONE PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA 1

MODULO I COSTITUZIONE DELLA DOTAZIONE PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA 1 dal 1888 Prot. n 0003066 3 g 7 Ai Revisori dei Conti AMBITO TO 127 Dott.ssa Monica Budicin membro MEF Dott.ssa Maria Clara ROSSI membro MIUR OGGETTO: relazione tecnico-finanziaria inerente l ipotesi di

Dettagli

I. CLASSI PRIME DELL A.S. 2014-15 MODELLI DI FUNZIONAMENTO E OFFERTA FORMATIVA (Dpr 89/2009)

I. CLASSI PRIME DELL A.S. 2014-15 MODELLI DI FUNZIONAMENTO E OFFERTA FORMATIVA (Dpr 89/2009) M i n i s t e r o d e l l i s t r u z i o n e, d e l l u n i v e r s i t à e d e l l a r i c e r c a Istituto Comprensivo Como Prestino Breccia Via Picchi 6 22100 Como - Tel: 031 507192 - Fax: 031 5004738

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE N. MACHIAVELLI FIRENZE

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE N. MACHIAVELLI FIRENZE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE N. MACHIAVELLI FIRENZE Prot.187 C15h Relazione tecnico-finanziaria al contratto integrativo in merito all utilizzo del budget Miglioramento Offerta Formativa a.s.2014/15

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO (GR)

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO (GR) ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO (GR) Contratto Integrativo d istituto Anno Scolastico 2011/2012 (CCNL Scuola 2006/2009) L anno 2011, il giorno 29 del mese di novembre, presso la scuola primaria,

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE 2016

PROGRAMMA ANNUALE 2016 PROGRAMMA ANNUALE 2016 Relazioni: Direttore dei servizi generali ed amministrativi Dirigente Scolastico Delibere: Giunta Esecutiva del 15/01/2016 Consiglio di Istituto del 15/01/2016 Modulistica: Modello

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/15 PARTE PRIMA NORMATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/15 PARTE PRIMA NORMATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli