hç äxüá àõ wxzä fàâw w ftäxüçé

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "hç äxüá àõ wxzä fàâw w ftäxüçé"

Transcript

1 hç äxüá àõ wxzä fàâw w ftäxüçé Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa e Comunicazione Pubblica Tesi in DIRITTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA E-advertising: opportunità e problematiche connesse al vuoto normativo in materia Relatore Chiar.mo Prof. Virgilio D Antonio Correlatore Dott. Chiara Di Martino Candidata Maria Maione Matr. n Anno accademico 2010/2011

2 Dedicato a voi A te Mamma, mio sostegno, mia amica, mia maestra. A te Papà, forte esempio di lealtà e onestà. A te Jack, paziente,disponibile, ineguagliabile. A te Francesco, compagno nei momenti difficili e in quelli felici. A te Nonna,ai tuoi sorrisi, ai tuoi racconti,alla tua dolcezza. dedicato a voi, le persone più importanti della mia vita.

3 Indice INTRODUZIONE Introduzione..p.1 CAPITOLO I Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale 1.1 Introduzione p La pubblicità tra mezzi di comunicazione tradizionali e digitali...p Storia della pubblicità: dal papiro al web..p L e-advertising: i diversi formati pubblicitari utilizzabili in Rete p Il banner...p Le pop-up (e pop-under) windows...p L interstitial...p Il mini-sito p Il classified...p Il keyword advertising..p L advertising.p La comunicazione commerciale sui social network: i casi Facebook e Twitter.p Internet: un ricco bagaglio di opportunità p Internet: un sistema di comunicazione troppo invadente.p Conclusioni...p.52 CAPITOLO II La normativa applicabile alle comunicazioni commerciali online: le disposizioni "generali" riferibili all e-advertising 2.1 Introduzione..p.53

4 2.2 Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale, 53 a edizione..p Decreto Legislativo 6 settembre 2005 n. 206, "Codice del Consumo".p Decreto Legislativo 2 agosto 2007 n. 145, "Attuazione dell articolo 14 della direttiva 05/29/CE che modifica la direttiva 84/450/CEE sulla pubblicità ingannevole"..p Conclusioni.p.113 CAPITOLO III La normativa applicabile alle comunicazioni commerciali online: le disposizioni "specifiche" riferibili ad Internet e all e-advertising 3.1 Introduzione p Decreto Legislativo 9 aprile 2003 n. 70, "Attuazione della direttiva 2000/31/CE relativa a taluni aspetti giuridici della società dell informazione nel mercato interno, con particolare riferimento al commercio elettronico"..p La responsabilità dell Internet Service Provider p Codice di autoregolamentazione "Internet e Minori" p L European Advertising Standards Alliance..p Il cross-border complaints system e le autodiscipline nazionali.p I Common Principles e l EASA Charter.p I Position Papers, le Best Practice Recommendations, le pubblicazioni EASA e l Education Programme..p Guidelines on Interactive Marketing Communication p Conclusioni.p.172 CAPITOLO IV Uno sguardo alla realtà: interventi e pronunce in materia di e-advertising 4.1 Introduzione p E-advertising: gli interventi e le disposizioni in merito.p.176

5 4.2.1 Le Decisioni del Giurì e del Comitato di Controllo...p Gli Interventi dell EASA...p I provvedimenti dell AGCM.p Conclusioni.p.202 CONCLUSIONI Conclusioni...p.205 APPENDICE A.1 Direttiva 2005/29/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell 11 maggio 2005 "relativa alle pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori nel mercato interno e che modifica la direttiva 84/450/CEE del Consiglio e le direttive 97/7/CE, 98/27/CE e 2002/65/CE del parlamento europeo e del Consiglio e il regolamento (CE) n. 2006/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio ("direttiva sulle pratiche commerciali sleali")" Art. 14..p.210 A.2 Legge 10 ottobre 1990 n. 287, "Norme per la tutela della concorrenza e del mercato" Artt p.213 A.3 D. lgs. 6 settembre 2005 n. 206, Codice del Consumo Art. 130.p.215 A4. L EASA Best Practice Self-Regulatory Model... p.216 Bibliografia e Sitografia Bibliografia...p.222 Sitografia...p.225

6 INTRODUZIONE «Le regole sono quelle cose che un artista infrange: ciò che è memorabile non è mai nato da una formula» 1. Con queste rivoluzionarie parole, il più creativo tra gli advertising creative director, William Bernbach ( ), ha spiegato ciò che per lui doveva essere un ideazione pubblicitaria: non la conseguenza dell applicazione pedissequa di tante norme che avrebbero generato una pubblicità formalmente perfetta ma, creativamente parlando, sterile, quanto una vera e propria produzione artistica. «La pubblicità è persuasione e si dà il caso che la persuasione non sia una scienza ma un arte. [ ] Non che la tecnica non sia importante. Le capacità tecniche rendono migliore un bravo creativo. Ma il pericolo è che ci si preoccupi solo della tecnica o che si confonda la capacità tecnica con la creatività» 2. Siamo di fronte alla rivoluzione creativa 3 che ha portato Bernbach a schierarsi contro gli esponenti dell advertising "scientifico", tra i quali Rosser Reeves ( ), uno dei più grandi eredi di tale corrente pubblicitaria, che invece proponeva a chiunque volesse formulare un messaggio efficace di dotarsi di una Unique Selling Proposition, una "proposta di vendita unica", esclusiva, precisa, espressione di caratteristiche del prodotto reclamizzato rilevanti per il pubblico, che potesse descrivere al consumatore quel vantaggio specifico derivante dall uso di quel bene specifico, plus che la concorrenza non avrebbe potuto offrire 4. 1 Bernbach W. 2 Bernbach W. 3 Si tratta della seconda rivoluzione creativa che si ebbe nella pubblicità americana negli anni 50. La prima si verificò tra la prima e la seconda guerra mondiale ed ebbe tra i suoi principali promotori Raymond Rubicam, fondatore nel 1923, assieme a John Orr Young, della "Young & Rubicam", una delle più importanti agenzie pubblicitarie del mondo. 4 L esempio classico che meglio può spiegare cosa debba intendersi per Unique Selling Proposition, più volte proposto dalla stesso Reeves, è legato alla sua campagna delle M&M S.

7 Introduzione «[ ] Non sto dicendo che gli annunci eleganti, spiritosi e coinvolgenti non vendano. Sto solo dicendo che ho visto migliaia di campagne eleganti, spiritose e coinvolgenti che non hanno venduto [ ]. Dovete rendere interessante il prodotto, non rendere differente l annuncio. Ecco quello che troppi copywriter statunitensi non hanno ancora capito» 5. Regole o non regole, questo è il problema. Al di là del rispetto o meno di norme formali, stilistiche legate, exempli gratia, all uso della punteggiatura, alla lunghezza di ciascuna frase, ai termini da preferire o da evitare nei messaggi pubblicitari, è importante che coloro che lavorano nel settore dell advertising rispettino le leggi, i codici, i decreti concepiti per tutelare il pubblico e le imprese concorrenti da coloro che, avvalendosi della comunicazione commerciale, possono perpetuare illeciti, offendendo la dignità della persona o agendo slealmente contro i propri competitor. «La pubblicità non è un diritto, è un privilegio. La nostra prima responsabilità non è verso il prodotto, ma verso il pubblico» 6, affermava Howard Luck Gossage ( ), a conferma della necessità di dover dimostrare senso di responsabilità nello svolgimento delle proprie attività che, invece, spesso, troppo spesso, manca. «Racconta Reeves che nel suo studio si presentò il responsabile delle M&M S dicendo che "la pubblicità della sua azienda non aveva successo e che aveva bisogno di un idea per incrementare le vendite. In realtà, come scoprii dopo dieci minuti di conversazione, l idea pubblicitaria era proprio nel prodotto. Era l unico cioccolatino rivestito di zucchero. L idea era lì sul tavolo davanti a noi [ ]. Ora si entra nel campo della tecnica, che si occupa della maniera in cui si scrive, non di ciò che si dice nell annuncio. In questo caso specifico misi due mani a pugno nello schermo e dissi: «In quale mano c è il cioccolatino M&M S? In questa [ ] no: è sporca. È in questa pulita, perché i cioccolatini M&M S si sciolgono in bocca, non in mano»". L affermazione "si sciolgono in bocca non in mano" è una vera USP, perché è esclusiva (nessun altro prodotto può dire altrettanto), è precisa e unica (M&M S non distrae il pubblico dicendo anche che i cioccolatini sono buoni o allegri o economici ) è rilevante per il pubblico (mentre si è in giro con gli amici non è piacevole trovarsi con le mani sporche e non avere dell acqua per lavarsi) ed ebbe un grande successo di mercato» (Vecchia M, "Hapù. Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria", ed. Lupetti, Milano, 2003 p ). 5 Reeves R. 6 Gossage H. L. 2

8 Introduzione Se è incontestabile affermare che attualmente il settore pubblicitario è protetto da norme quali il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale, il Codice del Consumo o il d. lgs. 145/2007, è pur vero che bisogna lavorare ancora tanto per giungere all emanazione di una disciplina univoca che ponga delle regole dettagliate all intero campo, controllando anche i messaggi veicolati su mezzi di comunicazione "speciali", quali Internet. Il presente lavoro si occupa nel dettaglio, infatti, proprio dell e-advertising, la comunicazione commerciale online, e delle norme poste a garanzia di tale ambito di comunicazione. La Rete non può essere assimilata in toto agli altri media poiché presenta delle caratteristiche peculiari che la disciplina che deve regolare il settore non può non considerare. Ecco perché dall analisi delle norme di autoregolamentazione o dei decreti statali, non può non emergere che un abissale vuoto normativo con il quale sono quotidianamente costretti a fare i conti inserzionisti e advertiser, ma anche concorrenti e consumatori. Dopo una minuziosa indagine sulla comunicazione commerciale che tenterà di illustrare l evoluzione dell advertising dalla sua origine alle ultime conquiste, ci si focalizzerà nello specifico sull e-advertising, sui diversi formati pubblicitari utilizzabili in rete, dai banner al keyword advertising, alla pubblicità sui social network, e infine si esamineranno le opportunità offerte da Internet, soprattutto la sua "transnazionalità", così come tutte le sue pecche (Capitolo I). Si entrerà poi nel vivo della materia attraverso lo studio della normativa applicabile alle comunicazioni commerciali online, esaminando in primis, nel capitolo II, le disposizioni "generiche" ad esse riferibili (quali, appunto, il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale, il decreto legislativo 6 settembre 2005 n. 206, "Codice del Consumo", e il decreto legislativo 2 agosto 2007 n. 145, "Attuazione dell articolo 14 della direttiva 05/29/CE che modifica la direttiva 84/450/CEE sulla pubblicità ingannevole"); mentre nel capitolo III ci si soffermerà sulle disposizioni "specifiche" riferibili ad Internet e all e-advertising, quali il decreto legislativo 9 aprile 2003 n. 70, "Attuazione della direttiva 2000/31/CE relativa a taluni aspetti giuridici della società dell informazione nel mercato interno, con particolare riferimento al commercio elettronico", e si procederà con l analisi della responsabilità civile dell Internet Service Provider, 3

9 Introduzione (applicata anche al campo della tutela dei minori, attraverso la discussione del Codice "Internet e Minori"), e il lavoro dell European Advertising Standards Alliance, quale soluzione possibile alla mancanza di normativa univoca riferibile alla comunicazione commerciale online. Il responso conclusivo sarà evidente: il vuoto normativo in materia. L obiettivo del presente lavoro non è, comunque, esclusivamente capire quali disposizioni applicare in caso di illeciti compiuti attraverso la Rete, ma comprendere come realmente gli organi preposti al controllo del rispetto delle regole in discussione affrontino gli inganni perpetuati attraverso il web, anche nel caso di mancanza di normativa specifica. Nel capitolo IV si procederà con un approfondimento circa alcuni provvedimenti assunti da Giurì e Comitato di Controllo, dall EASA e dall AGCM, inerentemente alle comunicazioni commerciali online scorrette, concludendo con alcune proposte in merito da vagliare anche in sede legislativa. Non si vuole condannare a priori i legislatori di incapacità o di prestare scarsa attenzione alla realtà, alla sua evoluzione e ai bisogni della società stessa, quanto piuttosto spronarli a lavorare di più, e meglio. In un mondo in cui non si può non comunicare, in cui tutto si basa sulla comunicazione, anche veicolata attraverso il web, non si può assolutamente lasciare tutto al caso. I primi a subire le conseguenze degli illeciti compiuti attraverso l advertising sarebbero gli utenti stessi, che potrebbero stancarsi dei tanti colori della pubblicità e, non nutrendo più fiducia nelle sue promesse, decretarne un triste "The end". 4

10 CAPITOLO I Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale Sommario: 1.1 Introduzione 1.2 La pubblicità tra mezzi di comunicazione tradizionali e digitali 1.3 Storia della pubblicità: dal papiro al web 1.4 L eadvertising: i diversi formati pubblicitari utilizzabili in Rete Il banner Le pop-up (e pop-under) windows L interstitial Il mini-sito Il classified Il keyword advertising L advertising La comunicazione commerciale sui social network: i casi Facebook e Twitter 1.5 Internet: un ricco bagaglio di opportunità 1.6 Internet: un sistema di comunicazione troppo invadente Conclusioni. 1.1 Introduzione «Il più antico mestiere non è quello che popolarmente si crede. Il primo mestiere lo ha inventato un serpente, o meglio Satana mascherato sotto le apparenze di un serpente» 1. Marco Vecchia, nel suo "Hapù", argutamente descrive il mestiere del pubblicitario proprio in questi termini, definendolo uno dei più antichi, anzi il primo ad essere stato creato. A suo dire, infatti, la storia del serpente che persuade Eva a mangiare la mela, altro non rappresenta che l azione che ha condotto alla nascita della pubblicità, e non solo allo scatenarsi delle pene esistenziali dell umanità. Il comunicatore Diavolo vuole vendicarsi di Dio e per raggiungere il suo obiettivo di comunicazione si serve di un piano strategico ben architettato: indurre Adamo ed Eva a disubbidire a Dio. Il target del rettile è rappresentato dal soggetto maggiormente suscettibile di essere influenzato, la donna, mentre nella copy strategy è delineata una promessa davvero lusinghiera: «Se mangerai il frutto dell albero vietato, diventerai come Dio». Ecco, dunque, il serpente nelle vesti di un pubblicitario. Di frutti, nel paradiso terrestre, ve ne sono tanti. Eppure è questo quello che maggiormente attrae Eva, quello che lei più desidera, quello che ai suoi occhi le appare come il più bello, il migliore. La donna mangia la mela e 1 Vecchia M, "Hapù. Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria", ed. Lupetti, Milano, 2003 p. 23.

11 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale dopo convince l uomo a fare altrettanto. Il diavolo è riuscito nel suo intento, proprio come accade in un comunissimo e moderno spot, proprio come succede, ad esempio, quando una casalinga desidera a tutti i costi non un comune detersivo per lavastoviglie ma esclusivamente "Finish Quantum", presentato come l unico in grado di donare a piatti e stoviglie "La perfezione del diamante", come recita il claim, solo perché tra il luccichio della pietra preziosa e le note del tango utilizzato come soundtrack del commercial 2, la consumatrice, o il consumatore, perde di vista qualità e prezzo e sogna lusso e seduzione utilizzando semplicemente una piccola e ordinaria pastiglia per lavastoviglie. Sembrerebbe la profanazione di un testo sacro eppure il breve episodio dell Antico Testamento citato si è rivelato piacevolmente idoneo ad esplicare cosa si intenda per pubblicità. Sono in molti a ritenere i pubblicitari furbi comunicatori in grado di influenzare subdolamente le scelte dei consumatori, ma sono in tanti anche coloro che reputano gli stessi veri e propri geni, capaci di creare comunicazioni commerciali incantevoli e sorprendenti che per alcuni, per citare solo il caso degli spot tv, sono addirittura migliori dei programmi e dei film che vanno ad interrompere. Anche il trentaduesimo presidente degli Stati Uniti D America, Franklin Delano Roosevelt, si era accorto della potenza di questa forma di comunicazione, tant è che durante il discorso tenuto il 15 giugno del 1931 presso l Advertising Federation of America pronunciò piacevoli parole a favore della pubblicità: «Se ricominciassi la mia vita, credo che preferirei lavorare in pubblicità che in qualsiasi altra professione. Perché la pubblicità è arrivata a coprire l intera gamma delle esigenze umane e unisce autentica fantasia allo studio profondo della psicologia umana. Poiché porta a un gran numero di persone la conoscenza di cose utili, la pubblicità è essenzialmente una forma di educazione. [ ] Il generale miglioramento delle condizioni di vita nelle civiltà moderne sarebbe 2 La colonna sonora utilizzata è "Epoca" dei Gotan Project tratta dall album "La Revancha del Tango". 6

12 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale stato impossibile senza quella conoscenza di livelli più elevati che è diffusa dalla pubblicità» 3. Nel presente capitolo una breve ma puntuale disamina della questione permetterà di chiarire cosa si intenda per pubblicità e quale sia la sua storia, prestando attenzione al modo in cui viene declinata sui diversi mezzi di comunicazione, con esplicito riferimento all e-advertising. È, naturalmente, questo un passo fondamentale che consentirà successivamente di comprendere quali sono le norme poste a tutela del settore e di capire quanto effettivamente sia arduo il compito di chi si trova ad analizzare le comunicazioni commerciali e ha il dovere di esprimersi sulla loro liceità, soprattutto in una realtà, come quella offerta da Internet, dove non ci sono confini né spaziali né giuridici né culturali che possano delimitare la materia 4. L arte del pubblicitario non può e non deve avere limiti soprattutto in una società in cui, purtroppo o per fortuna, l immagine è più importante della verità, l avere più dell essere e i sogni, anche quelli veicolati attraverso annunci e spot, migliori della realtà. 1.2 La pubblicità tra mezzi di comunicazione tradizionali e digitali Il termine "pubblicità" trae origine dal sostantivo francese publicitè, a sua volta derivante da public, ovvero "pubblico" (dal lemma latino publicus) 5. Le accezioni del termine riportate dal Dizionario della Lingua Italiana De Mauro sono tre 6. Nel primo caso si fa riferimento alla peculiarità dell oggetto della discussione di 3 Bassat L., Livraghi G., "Il nuovo libro della pubblicità. I segreti del mestiere", Il Sole 24 Ore Libri, Milano, A tal proposito si rimanda ai Capitoli II e III che saranno dedicati alla normativa vigente in materia di comunicazioni commerciali e che affronteranno la questione dell assenza, relativamente ad Internet, di una disciplina unitaria che, abbattendo il problema-vantaggio della transnazionalità del mezzo, possa portare a pronunce univoche sulla scorrettezza o validità di un annuncio diffuso in paesi diversi da quello di origine con relative regolamentazioni differenti. 5 Cossutta M., "Sull utilizzo fuorviante d un termine. Il caso dei vizi della pubblicità" in "Tigor: rivista di Scienze della Comunicazione", 2010, p Definizione di "pubblicità" tratta dal Dizionario della Lingua Italiana De Mauro, versione elettronica. 7

13 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale essere pubblico, di essere accessibile al pubblico; nel secondo, al rendere pubbliche informazioni o notizie tra la popolazione attraverso un atto di divulgazione; la terza accezione, infine, designa la propaganda svolta da un azienda per richiamare l attenzione del pubblico sul proprio prodotto al fine di incrementare le vendite, da cui, per estensione, qualsiasi forma di annuncio, soprattutto riportato dai mass media, cui sia affidato tale compito. Tre significati, tre aspetti in rilievo: la caratteristica pubblica di un oggetto o concetto; l azione del rendere pubblico; le tecniche e i mezzi di divulgazione 7. In inglese il termine è reso con advertising, "avvertimento", voce che mette in luce il processo tecnologico di natura commerciale volto ad attirare l interesse del target della comunicazione; in francese si utilizza réclame, "richiamo", che pone, invece, l attenzione sia all attività finalizzata a diffondere un prodotto, i suoi pregi, e le sue qualità, che al mezzo utilizzato per inviare il messaggio. Ogni pubblicitario che si rispetti ed ogni manuale sull argomento ha fornito una definizione di "pubblicità" tentando di illustrare, a vario titolo, uno degli aspetti più pervasivi del nostro mondo. Ancora una metafora di Vecchia aiuta a comprendere la portata del fenomeno. Il comunicatore paragona la stessa, infatti, ad un quadro "puntinista" (o meglio, "divisionista"): «Succede per molti oggetti materiali o immateriali che, se li osserviamo da lontano, ci pare di coglierne la forma e di essere in grado di descriverli e che, invece, se ci apprestiamo per guardarli più in dettaglio, non diventano per questo più comprensibili, ma al contrario come avviene con un quadro pointilliste i contorni e i particolari non si precisano ma vanno sempre più sfumando, finché non percepiamo null altro che colori e luci, privi di qualsiasi struttura e di qualsiasi significato. Così è per la pubblicità: attività umana ben nota a chiunque abiti il mondo capitalista (e non solo capitalista [ ]); un attività che si esplica con forza pervasiva nella nostra vita quotidiana [ ]; un fenomeno di cui tutti si sentono così esperti da 7 Cossutta M., "Sull utilizzo fuorviante d un termine. Il caso dei vizi della pubblicità" in "Tigor: rivista di Scienze della Comunicazione", 2010, p

14 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale ritenersi autorizzati a parlarne e a criticarlo, quasi come avviene per il calcio. Sennonché, al momento di provare a darne una definizione, la questione si rivela estremamente più complessa e, per quanto si cerchi, è difficile se non impossibile incontrare una formulazione che sia veramente soddisfacente» 8. Già Henry Ford, per citare solo una delle più note definizioni di "pubblicità", era solito tratteggiarla come «L anima del commercio», mentre è stata successivamente descritta da Abruzzese e Colombo come «Una pratica sociale, volta all esibizione di contenuti simbolici, con funzioni di persuasione e socializzazione, solitamente realizzata nel contesto di un più vasto scambio di stampo economico e/o comunicativo» 9. Più recentemente il sociologo Giampaolo Fabris, invece, ha evidenziato la necessaria presenza, durante un atto di comunicazione pubblicitaria, di una fonte, di un canale e di un obiettivo affermando che l advertising costituisce «Una forma di comunicazione unilaterale, in cui è (o dovrebbe essere) sempre individuabile chi promuove, generalmente veicolata dai grandi mezzi di comunicazione di massa, rivolta a stimolare la propensione al consumo» 10. Ancora, Lombardi ha rimarcato gli elementi simbolici ad essa soggiacenti sostenendo che il compito più prezioso della pubblicità consiste nel «Costruire una marca, scriverne il discorso, ottenendo nel pubblico scelto la percezione dell insieme delle promesse legate al posizionamento strategico stabilito dell azienda» 11 ; mentre Bassat ha ribadito quanto essa sia una forma di comunicazione argomentativa asserendo che rappresenta «L arte di convincere i consumatori» 12. Anche la giurisprudenza non è rimasta immune dalla necessità di dare una chiara spiegazione di questo termine per meglio tracciare i confini di applicazione delle norme stesse. 8 Vecchia M, "Hapù. Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria", ed. Lupetti, Milano, 2003, p Abruzzese A., Colombo F., "Dizionario della pubblicità", Zanichelli, Bologna, Fabris G., "La pubblicità. Teorie e prassi", FrancoAngeli, Milano, 2002, p Lombardi M., "IL nuovo manuale di Tecniche Pubblicitarie. Il senso e il valore della pubblicità", FrancoAngeli, Milano, 1998, Bassat L., Livraghi G., "Il nuovo libro della pubblicità. I segreti del mestiere", Il Sole 24 Ore Libri, Milano,

15 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale Il d. lgs. n. 145 del 2 agosto 2007, "Attuazione dell articolo 14 della direttiva 05/29/CE che modifica la direttiva 84/450/CEE sulla pubblicità ingannevole", che tutela i professionisti dagli effetti della pubblicità ingannevole attuata dai concorrenti e che fissa le condizioni di liceità della pubblicità comparativa (così come è sancito dall art. 1 "Finalità"), stabilisce ex art. 2, nell ambito delle "Definizioni", che va intesa come "pubblicità" «Qualsiasi forma di messaggio che è diffuso, in qualsiasi modo, nell esercizio di un attività commerciale, industriale, artigianale o professionale allo scopo di promuovere il trasferimento di beni mobili o immobili, la prestazione di opere o di servizi oppure la costituzione o il trasferimento di diritti ed obblighi su di essi». Una nozione piuttosto ampia che include anche la pubblicità istituzionale 13 che persegue direttamente uno scopo promozionale ma non la comunicazione non diffusa da un operatore economico che sia volta a promuovere un iniziativa senza scopo di lucro, né gli annunci a carattere politico, ideologico o religioso 14. Sulla cinquantatreesima edizione del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale entrata in vigore il 21 novembre 2011, il cui primo scritto risale al 12 maggio del , si legge, tra le definizioni riportate tra le "Norme Preliminari e Generali" (lett. e), che «Agli effetti del Codice il termine "Comunicazione Commerciale" comprende la pubblicità e ogni altra forma di comunicazione, anche istituzionale, diretta a promuovere la vendita di beni o servizi quali che siano le modalità utilizzate, nonché le forme di comunicazione disciplinate dal titolo VI 16. Non comprende le politiche commerciali e le tecniche 13 La "pubblicità istituzionale" ha come fine non la vendita di beni o servizi, bensì la promozione dell azienda in quanto tale, la diffusione del brand, la notorietà della filosofia aziendale. 14 Ubertazzi L.C., "Concorrenza sleale e pubblicità", CEDAM, Milano, 2008, p Il 12 maggio 1966 il Comitato Permanente Interfederale della Pubblicità diede vita al primo "Codice della Lealtà Pubblicitaria" (denominazione commutata nel 1975 in "Codice di Autodisciplina Pubblicitaria" e nel 2008 in "Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale"), ratificato da FIEG-Federazione Italiana Editori Giornali, RAI e UPA-Utenti Pubblicità Associati. L attuale legislatore, utilizzando l espressione "Comunicazione Commerciale" ha optato per una nozione più ampia di pubblicità comprendente ogni forma di messaggio, diffuso attraverso qualsiasi mezzo, diretto a promuovere la vendita di beni o servizi, ben al di là dell advertising commerciale in senso stretto, ma includendo anche le scritte apposte sulle confezioni del prodotto, i folders, le televendite, le telepromozioni, le promozioni delle vendite, le comunicazioni di pura immagine, la pubblicità istituzionale, gli annunci teaser, la pubblicità sociale, le sponsorizzazioni, il direct marketing, le fiere, le mostre (Ubertazzi L.C., "Concorrenza sleale e pubblicità", CEDAM, Milano, 2008, p. 378 e seg.). 16 Il titolo VI del Codice disciplina la "Comunicazione Sociale", volta a «Sensibilizzare il pubblico su temi di interesse sociale, anche specifici, o che sollecita, direttamente o indirettamente, il 10

16 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale di marketing in sé considerate». Ancora una volta si tratta di una nozione estremamente vasta, volta a rendere applicabili le norme del suddetto Codice ad ogni comunicazione che si pone come supporto intenzionale e interessato di un attività economica, non necessariamente a carattere imprenditoriale o direttamente finalizzata alla promozione delle vendite, comprendendo anche la pubblicità indirizzata al miglioramento della brand image e della brand reputation 17. L AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) ha adottato una nozione esplicativa dell essenza delle comunicazioni commerciali: «La natura pubblicitaria di una comunicazione d impresa è rinvenibile ogniqualvolta la promozione di beni o servizi si presenti come lo scopo primario e diretto della comunicazione stessa. Nelle fattispecie concrete, al fine di verificare se lo scopo pubblicitario perseguito sia diretto o mediato, primario o secondario, si è ritenuto che vada preliminarmente esaminato il contenuto della comunicazione» 18. Insomma, che sia di prodotto o istituzionale 19 la pubblicità può essere semplicemente delineata come una forma di comunicazione a pagamento basata sull acquisto di spazi su mezzi di comunicazione di massa per la presentazione di beni e/o servizi e delle organizzazioni tout court. Una forma di comunicazione dunque argomentativa, di massa, funzionale a un progetto più vasto e in cui per l utilizzo del canale è previsto un pagamento 20. Una "forma di comunicazione" poiché presuppone che vi siano un "emittente" che, in un determinato "contesto", dà inizio al processo comunicativo, un "messaggio" che è veicolato attraverso una "canale" e che raggiunge un "destinatario", il tutto utilizzando un determinato "codice" (ad esempio la lingua, i gesti) che, affinché si possa dire riuscita la comunicazione, deve essere condiviso da emittente e destinatario. Inoltre, saranno importanti anche la figura del "committente" e la volontario apporto di contribuzioni di qualsiasi natura, finalizzate al raggiungimento di obiettivi di carattere sociale». L unico articolo che il titolo comprende è il n. 46, "Appelli al pubblico". 17 Ubertazzi L.C., "Concorrenza sleale e pubblicità", CEDAM, Milano, 2008, p Frignani A., Carraro W., D Amico G. (a cura di), "La comunicazione pubblicitaria d impresa. Manuale giuridico teorico e pratico", Giuffrè, Milano, 2009, p Per "pubblicità di prodotto" si intende quella che ha come oggetto beni o servizi e come obiettivo la promozione degli stessi e lo stimolo all acquisto. Circa la nozione di "pubblicità istituzionale" vedi supra nota Vecchia M, "Hapù. Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria", ed. Lupetti, Milano, 2003, p

17 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale misurazione del feedback. Relativamente alle comunicazioni pubblicitarie, "committente" sarà l impresa, o comunque il soggetto che intende promuovere un bene, un servizio o se stesso, "emittente" sarà l agenzia pubblicitaria, "messaggio" la campagna, "canale" i media e "destinatario" il target group. Si parla poi, nello specifico, di "forma di comunicazione argomentativa" e, dunque, persuasiva, in quanto il discorso pubblicitario si prefigge come scopo primario di riuscire a provocare «l adesione delle menti a una tesi» 21, sia essa l acquisto di un prodotto o la promozione dell immagine aziendale. Desta qualche dubbio, tuttavia, affermare che si tratti di una comunicazione "di massa". Se ciò, di fatto, poteva valere fino a poco tempo fa con l uso esclusivo di mezzi tradizionali come televisione, stampa e radio, attualmente con lo sviluppo di Internet come medium pubblicitario, grazie all affinamento estremo delle tecniche di segmentazione e attraverso la pratica del marketing one-to-one, sono possibili, al contempo, anche comunicazioni incredibilmente personalizzate dove, dunque, target non è la massa indistinta ma l individuo specifico. Il "progetto più vasto" di cui è funzione la pubblicità, così come si legge nella precedente definizione fornita da Vecchia è legato agli scopi effettivi prefissati dal committente della comunicazione commerciale come potrebbe essere la reale vendita del prodotto o l erogazione del servizio. La comunicazione pubblicitaria è solo un gradino verso un risultato finale, uno strumento funzionale al compimento del piano aziendale generale e al raggiungimento del vero obiettivo di corporate (ad esempio incrementare le vendite del 10%). La pubblicità, da sola, non fa vendere più prodotto, non fa ottenere il potere: per raggiungere questi risultati occorre una mirata e complessa strategia che preveda un piano d azione in cui molte armi vengono messe in campo; una di queste è l advertising, spesso è la più importante, quasi sempre è indispensabile e insostituibile, ma quasi mai riesce a raggiungere da sola l obiettivo finale: dalla pubblicità si può solo pretendere che 21 Le parole sono di Chaïm Perelman (Perelman C., Olbrechts-Tyteca L., "Traité de l argomentation. La nouvelle rhétorique", Parigi, Presses Universitaires de France, 1958) che affermava che «L argomentazione è una tecnica atta a provocare o accrescere l adesione delle menti alle tesi che vengono presentate al loro consenso» (Vecchia M., "Hapù. Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria", ed. Lupetti, Milano, 2003, p. 15). 12

18 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale raggiunga il proprio specifico obiettivo di comunicazione, ossia l adesione delle menti alla propria tesi 22. In ogni caso, per poter dar luogo alla pubblicità deve esservi il pagamento dello spazio pubblicitario, sia esso uno spot da mandare in onda in tv, un passaggio in radio, un manifesto in strada, un banner su Internet. Nel caso dell e-advertising (pubblicità elettronica) avremo sempre una forma di comunicazione a pagamento che, in questa circostanza, presuppone inevitabilmente l acquisto di spazi su mezzi di comunicazione digitali ed è finalizzata all informazione, alla creazione di notorietà di prodotto, di marca o dell impresa nel suo complesso e alla persuasione all acquisto del target. Grazie allo sviluppo dell e-commerce, il processo di vendita e di acquisto supportato dai mezzi elettronici, è possibile comprare ciò che si desidera direttamente online: lo shopping a portata di click. Ricordiamo comunque che l e-advertising è solo una delle forme di comunicazione utilizzabile nell ambiente digitale accanto al direct marketing elettronico, la promozione delle vendite online, le sponsorizzazioni digitali, il merchandising interattivo, le relazioni pubbliche in rete. 1.3 Storia della pubblicità: dal papiro al web La pubblicità è ovunque: in tv, in radio, in strada, in aeroporto, sul telefonino, in Internet e nei luoghi più impensabili. Sia essa palese o occulta, ormai ha colmato la nostra vita, le nostre esperienze, gli ambienti che frequentiamo, diventando spesso parte dell arredo urbano delle nostre città, provocando un assuefazione tale per cui la sua presenza non sempre è avvertita, almeno in modo conscio. Il problema dell affollamento pubblicitario non riguarda solo i consumatori odierni. Già Samuel Johnson nel 1759 sul settimanale "The Idler" scriveva che «Gli annunci pubblicitari sono oggi così numerosi, che sono letti con negligenza, ed è perciò divenuto necessario conquistare l attenzione 22 Vecchia M, "Hapù. Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria", ed. Lupetti, Milano, 2003, p

19 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale con magnificenza di promesse, e con eloquenza talvolta sublime e talvolta patetica. Promesse, grandi promesse: questa è l anima della pubblicità» 23. Parole attuali e siamo solo nel E non c è tanto da stupirsi se si considera altresì che 17 anni prima era nato anche l advertising comparativo ad opera di Benjamin Franklin, che vantava la sua stufa attraverso la vivida rappresentazione dei rischi che si potevano correre con gli altri comuni e banali apparecchi 24. Di fronte al vero e proprio caos pubblicitario il consumatore cerca di evitare la réclame facendo zapping col telecomando, sfogliando velocemente le pagine del giornale. Bassat e Livraghi notano che il moderno consumatore è un esperto di tecniche di filtraggio dei messaggi che riceve poiché gli basta esclusivamente un esame superficiale degli annunci per capire quali sono degni di essere ascoltati ed elaborati e quali, al contrario, devono essere ignorati senza pietà. Due sono i fattori in gioco in questa selezione: le esigenze, i gusti e gli umori momentanei del pubblico; la capacità creativa messa in gioco dai pubblicitari per rendere i commercial rilevanti e richiamare l attenzione del target. Il bilancio è spietato: dei mille messaggi quotidiani, un consumatore normale ne ricorda con precisione tre. I restanti 997 possono rimanere sterili, vacui, inutili 25. Banner, spot, campagne radio sono comunque creazioni relativamente recenti. Se si desidera ricostruire la storia dell advertising bisogna indagare nel passato più remoto. Al di là del piacevole episodio biblico raccontato in chiave pubblicitaria da Vecchia 26, la prima forma di pubblicità giunta fino a noi, come descrive lo stesso autore 27, è un papiro egizio della fine del II millennio a.c. in cui si invitavano i 23 Bassat L., Livraghi G., "Il nuovo libro della pubblicità. I segreti del mestiere", Il Sole 24 Ore Libri, Milano, L annuncio così recitava «(Le stufe normali) con le loro bocche piccole permettono che nella stanza si creino correnti di aria fredda, il che rende molto sgradevole e pericoloso sedersi davanti a loro. Le donne, in particolare (che passano molto tempo sedute in casa) contraggono per colpa loro catarri, reumi e deformazioni delle mascelle che distruggono innanzi tempo molte belle dentature in queste colonie settentrionali». Dunn W., "Publicidad", México, UTEHA, 1967 (Vecchia M, "Hapù. Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria", ed. Lupetti, Milano, 2003, p. 40). 25 Bassat L., Livraghi G., "Il nuovo libro della pubblicità. I segreti del mestiere", Il Sole 24 Ore Libri, Milano, Vedi supra, paragrafo Una breve storia della pubblicità è contenuta in Vecchia M, "Hapù. Manuale di tecnica della comunicazione pubblicitaria", ed. Lupetti, Milano, 2003 p. 24 e segg. 14

20 1. Internet e l advertising: lo sviluppo di un nuovo medium a favore della comunicazione commerciale cittadini di Tebe ad aiutare il tessitore Hapù a rintracciare uno schiavo fuggitivo. Si trattava senza dubbio di un proclama pubblico sennonché accanto alle caratteristiche del fuggitivo e l offerta della ricompensa vi era una frase molto particolare e apparentemente fuori luogo: «Il negozio del tessitore Hapù, dove si tessono le più belle tele di tutta Tebe, secondo il gusto di ciascuno». Parliamo senza dubbio della preistoria della pubblicità eppure eccola, nella sua forma più chiara ed evidente. Analizzando il fenomeno nel dettaglio va comunque constatato che i primi messaggi non erano nemmeno scritti ma annunciati a voce da araldi e banditori che a Roma si chiamavano praecones, mentre un altro mezzo di comunicazione pubblicitario era costituito dagli axon greci o album romani: una superficie in legno o muratura ricoperta di vernice bianca su cui si scrivevano annunci pubblici o privati che successivamente veniva ricoperta di bianco per lasciare spazio a nuove comunicazioni. Nell antica Roma vi era anche il libellus, foglietto che veniva appeso alle pareti e corrispondeva al nostro annuncio economico, mezzo divenuto poi particolarmente importante dal 59 a.c., anno in cui Giulio Cesare istituì gli Acta Diurna, progenitori dei nostri giornali, sui quali erano riportate notizie di cronaca. Insegne dei negozi e degli artigiani costituivano anche loro mezzi attraverso i quali rendere noto il nome della bottega, la definizione del tipo di commercio svolto e il "marchio" del commerciante. Nel Medioevo continuarono ad essere utilizzati i media della Roma Imperiale e fu solo nel XIV secolo che cominciarono a svilupparsi nuovi modi per diffondere la pubblicità grazie all arrivo della stampa xilografica e, successivamente nel XV secolo, all invenzione dell incisione su lastra metallica. Tecniche di stampa di certo molto dispendiose cui seguì l invenzione della stampa a caratteri mobili di Johannes Gutenberg della metà del XV secolo che rese molto più economico questo processo. All epoca venivano stampati soprattutto volantini religiosi, comunicazioni per medici, farmacisti, commercianti di libri, pubblicità di iniziative turistiche, spettacoli ed eventi festivi e si trattava comunque sì di episodi diffusi ma non frequenti. 15

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

La second life di una pronuncia

La second life di una pronuncia spaz erti la Newsletter dell Istituto dell Autodisciplina Pubblicitaria Numero 10 Maggio 2011 Il rapporto tra l Autodisciplina e l Autorità giudiziaria La second life di una pronuncia L intrecciarsi tra

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Questa lettera informativa è quindi dedicata a tutti gli imprenditori che vogliono aumentare le vendite della loro azienda.

Questa lettera informativa è quindi dedicata a tutti gli imprenditori che vogliono aumentare le vendite della loro azienda. [D q Una delle domande più frequenti è: Cosa può fare la mia azienda per generare più richieste, avere più clienti e aumentare le vendite? Quasi tutte le aziende, anche le più piccole, oggi investono in

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI Regolamento Art. 1 PROMOTORI E TEMA DEL CONCORSO La Regione del Veneto e il Comitato Pro Loco - Unpli Veneto lanciano il Concorso letterario Racconta le

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Estratto distribuito da Biblet

Estratto distribuito da Biblet Comunic Saggio 2 re A A Prima edizione: gennaio 1997 Prima ristampa: ottobre 1999 1997 by Mario Barbi, Giuseppe Mariani, Manfredi Vinassa de Regny Guaraldi/Gu.Fo edizioni srl Via Covignano 302, 47900 Rimini

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli