Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità?"

Transcript

1 Strategia e investimenti Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? Perché investire nel debito dei mercati emergenti Documento illustrativo di approfondimento che non costituisce offerta al pubblico di prodotti/servizi finanziari. Understand. Act.

2 2

3 Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? Indice 4 La politica accomodante delle banche centrali nei mercati sviluppati 6 Quali segnali non devono sfuggire agli investitori? 10 Il ruolo del debito emergente in una strategia di asset allocation nel periodo che precede la normalizzazione dei tassi di interesse 11 La questione del rapporto volatilità / solvibilità 12 Che cosa è cambiato questa volta? 13 Il cerchio si chiude con il principale rischio di questo nuovo ciclo: la volatilità 14 Parliamo di liquidità, ma non come la conosciamo noi 15 Understand. Act. Fonte dei dati, se non diversamente indicato: Thomson Reuters Datastream 3

4 Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? Greg Saichin, CIO Emerging Market Debt In questo approfondimento, passeremo in rassegna i possibili effetti della normalizzazione dei tassi sul fixed income e, in particolare, sul debito dei mercati emergenti. La storia dimostra che ci siamo già trovati in questa situazione in passato, anche se le condizioni erano diverse. La comprensione degli eventi trascorsi può esserci d aiuto per elaborare la strategia di asset allocation più adeguata al ciclo che ci aspetta. Affronteremo inoltre la questione del rapporto tra volatilità e solvibilità, e la conclusione sbagliata a cui spesso si giunge che la prima sia sempre un indicatore anticipatore della seconda. Per condurre questa analisi, confronteremo le probabilità implicite di default con i default effettivi al fine di estrapolare la quota di volatilità degli spread legata a un aumento dei premi di liquidità, e la quota attribuibile invece a un reale peggioramento della solvibilità dovuto a un aumento dei premi al rischio complessivi. Infine esamineremo i fattori che in passato hanno indotto cambiamenti di paradigma all interno del reddito fisso, analizzandone le differenze rispetto al ciclo attuale. La politica accomodante delle banche centrali nei mercati sviluppati Il contesto risk-on favorito dalle politiche monetarie del G3 probabilmente rimarrà accomodante almeno fino al secondo semestre 2015 negli USA e nel Regno Unito, mentre la Banca centrale europea (BCE) sta contemplando ulteriori interventi con il ricorso a un vero e proprio quantitative easing (QE) per contrastare il fenomeno 4

5 della disinflazione. Pur trattandosi di una buona notizia per il reddito fisso core nel breve periodo, dopo cinque anni di financial repression sui mercati del debito si nota un certo surriscaldamento di alcuni segmenti più rischiosi che offrono rendimenti più elevati. Per sfruttare queste aree calde è necessario ricorrere a una gestione attiva, in grado di selezionare i titoli di credito destinati ad apprezzarsi a fronte dell inversione di tendenza dei tassi di interesse. Di certo l attuale paradigma è ancora valido: la financial repression sta riducendo la volatilità e comprimendo i rendimenti a livelli che non si registravano dal Le banche centrali di Regno Unito e USA sembrano intenzionate a inasprire i tassi di interesse in maniera graduale e moderata fino a una loro normalizzazione, al fine di proteggere la crescita ed evitare forti ondate di vendite sui mercati del debito. Si tratta di un difficile esercizio di equilibrio, attentamente orchestrato su scala globale: passo dopo passo, le banche centrali dei mercati sviluppati sono intervenute per combattere la volatilità, in modo da stimolare una ripresa economica che resta fragile rispetto agli standard storici. È un esercizio di equilibrio in quanto le banche centrali hanno il mandato di perseguire la stabilità dei prezzi, ma l ingente debito pubblico dei rispettivi Paesi e i driver economici fondamentali limitano la loro capacità di ridurre l indebitamento a causa del livello di maturità delle rispettive economie. In generale, il dilemma che affligge le banche centrali può essere sintetizzato come segue: A Le banche centrali possono adempiere il proprio mandato primario, vale a dire mantenere la stabilità dei prezzi, con un orientamento più aggressivo ma potenzialmente in grado di condannare l economia alla stagnazione... B Oppure possono adoperarsi per stimolare la crescita tramite un atteggiamento accomodante per un periodo di tempo prolungato, ottenendo nel corso del processo una parziale riduzione della leva finanziaria attraverso la financial repression e i tassi negativi, ma rischiando al contempo un possibile aumento dell inflazione (nella speranza che i bond vigilantes non intervengano in forze). Non tutte le banche centrali si trovano a dover affrontare le stesse sfide. La Bank of England (BoE) sembra più preoccupata dalla bolla immobiliare che pare ora si stia sgonfiando, ma ha comunque segnalato l intenzione di iniziare a inasprire i tassi nel primo semestre La Federal Reserve statunitense (Fed) appare più interessata all andamento dell occupazione e sta puntando a raggiungere un tasso di disoccupazione del 6%. In ogni caso, i mercati prevedono che la Fed inizierà a intervenire sui tassi nel secondo e terzo trimestre Nell Eurozona, con un inflazione allo 0,3% (settembre 2014) a fronte di un target del 2% e gli indici dei direttori d acquisto (PMI) in flessione, la Banca centrale europea è intervenuta tagliando i tassi di interesse fino a un livello prossimo a zero. Inoltre, la BCE ha messo in atto altre misure, fatta eccezione per un QE con acquisto di asset a titolo definitivo, quali un ulteriore taglio dei tassi repo (con tassi negativi per i depositi delle banche presso la BCE) e LTRO mirati, tenendo asciutte le polveri nel caso in cui l inflazione continui a scendere. La Cina, l altro motore della crescita globale, sta affrontando un processo di transizione programmata verso un economia trainata dai consumi. Grazie a un mix di scelte politiche ortodosse e amministrative, sembra che la leadership cinese stia riuscendo a innescare una ripresa della crescita tale da permettere al Paese di raggiungere l obiettivo del 7,5% fissato per il Da questo quadro d insieme non emerge quindi un economia globale tanto esuberante da richiedere un inasprimento aggressivo della politica monetaria. Anzi, lo scenario è ancora positivo, e invita gli investitori a sfruttare le strategie orientate al reddito e alla crescita. Ma è necessaria una precisazione in merito: le valutazioni degli asset obbligazionari, in particolare, stanno di nuovo iniziando ad apparire eccessive, a dispetto del ridotto rischio di coda insito in questo scenario. 5

6 Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? Quali segnali non devono sfuggire agli investitori? Quali saranno le tempistiche e l entità degli interventi delle banche centrali nel caso l inflazione si mostri in netta risalita? Si esporranno al rischio inflazionistico per stimolare la crescita e accelerare il processo di riduzione dell indebitamento? E in quale misura le banche centrali che interverranno per ultime saranno punite dai mercati per aver sprecato tempo prezioso? 1 Nell attuale contesto, è sicuro acquistare titoli obbligazionari con duration lunga per ottenere maggiori rendimenti? Quanto risulterebbe vulnerabile tale posizione se si sbaglia a prevedere che le banche centrali decideranno di combattere l inflazione? 2 Le asset class più rischiose nell universo fixed income sono ancora interessanti in questo contesto (soprattutto il debito dei mercati emergenti)? La storia ci può dare indicazioni in proposito? 3 Per rispondere alla prima domanda, era il 1981 quando gli USA adottarono per l ultima volta un atteggiamento passivo (l inflazione toccò il picco del 13,5%). Paul Volcker, l allora Presidente della Federal Reserve, aumentò progressivamente il tasso sui Fed Funds fino a raggiungere il picco del 20% nel giugno 1981, anno in cui anche il tasso prime rate toccò il massimo del 21,5%. I tassi dei Treasury statunitensi a 10 anni salirono al 15,8% nel settembre Ma giocare con l inflazione è un rischio per le banche centrali: una volta persa la credibilità in quest ambito, gli sforzi per ricostruire la fiducia devono essere amplificati tramite un inasprimento più aggressivo, con terribili conseguenze non solo per l economia, ma anche per i mercati. A nostro parere la Fed non cadrà sulla questione dell inflazione, e riteniamo che quanto accaduto nel 1981 rappresenti uno scenario estremo. Inoltre siamo altrettanto convinti che la Fed potrebbe prendere decisioni drastiche in presenza di un inflazione più elevata. Dare una risposta alla seconda domanda è invece più complesso. Siamo del parere che la Fed sia al momento più preoccupata di garantire la stabilità del tratto a lungo della curva, piuttosto che di quello a breve. E questo dipende dal fatto che l ancoraggio del mercato immobiliare alla stabilità dei tassi di lungo periodo dovrebbe stimolare la spesa al consumo a fronte di un incremento del valore degli immobili. In questo caso, l anello debole potrebbe essere il tratto della curva a due-cinque anni, Grafico 1: Spread di rendimento dei Treasury USA a 2-5 anni /04 03/04 05/04 07/04 09/04 11/04 01/05 03/05 05/05 07/05 09/05 11/05 01/06 03/06 05/06 Fed Funds Rate (%) 2 5y US Treasury yield spread (bps, rhs) Fonte: Bloomberg, Allianz Global Investors, 01/ /2006 I rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri e possono risentire negativamente dell andamento del tasso di cambio. 6

7 e come riferimento per gli eventi futuri si potrebbe prendere il 2004, anno in cui il delta di rendimento tra i due si è ridotto di 140 punti base (cfr. Grafico 1). Ciò non significa, tuttavia, che il tratto a lungo non debba essere soggetto a eventuali variazioni. Nel caso in cui i tassi a dieci anni raggiungano un tetto massimo, diciamo il 3,5% in 18 mesi, anche i tassi a 30 anni dovrebbero risalire. Ma l entità di questo aumento dipenderà dalla portata dell intervento della Fed nel momento in cui la banca centrale dovesse decidere di difendere tale parte della curva. L impatto della duration sugli asset nel tratto a breve della curva dovrebbe essere contenibile in termini di distruzione del valore. Per rispondere alla terza domanda, dobbiamo tornare con la memoria al 2004 e al panico da tapering del 2013 per cercare indizi utili. Innanzitutto, ai tempi il livello dei tassi di interesse e dei Fed Funds era decisamente più alto. L economia USA attraversava una fase di ripresa anche allora, mentre la spinta della globalizzazione era al culmine e la crescita cinese superava il 10% annuo in termini nominali. Inoltre, il rating assegnato da Standard & Poor s (S&P) al debito dei mercati emergenti (EM) in valuta forte era compreso tra BB e BB+, facendo rientrare quest asset class nella categoria dei prodotti speculativi. Gli spread del debito dei mercati emergenti sono stati oggetto di vendite massicce in linea con i Treasury decennali statunitensi (cfr. Grafico 2), per poi cambiare rotta nel momento in cui, cinque mesi dopo, le valutazioni sono diventate molto allettanti Grafico 2: Contrazione degli spread EM nell ultimo ciclo di rialzi della Fed nel periodo Grafico 3: Spread dei titoli BBB EM e Treasury decennali USA durante il panico da tapering /04 03/04 05/04 EMBIG spread (bps) Fed Funds Rate (bps) 07/04 09/04 11/04 01/05 03/05 05/05 07/05 UST 10y (bps) 09/05 11/05 01/06 03/06 05/ /13 06/13 EMBIG BBB spread (bps) 07/13 08/13 09/13 10/13 11/13 12/13 UST 10y (bps) 01/14 02/14 03/14 Fonte: Bloomberg, Allianz Global Investors, 01/ /2006. I rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri e possono risentire negativamente dell andamento del tasso di cambio. Fonte: Bloomberg, Allianz Global Investors, 05/ /2014. I rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri e possono risentire negativamente dell andamento del tasso di cambio. 7

8 Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? e gli spread hanno toccato i 550 punti base. Questo rally si è concretizzato con i tassi della Fed che hanno continuato a crescere per un altro anno. Nella fase del panico da tapering iniziata nell aprile 2013, i tassi dei Treasury USA a 10 anni e gli spread dei titoli BBB EM si sono mossi in parallelo per due mesi, come illustrato nel Grafico 3. Sempre in questa fase (una prova generale in vista della normalizzazione dei tassi di interesse reali), gli spread dei titoli BBB EM (mercati emergenti) hanno segnato il picco di 265 pb in linea con i tassi dei decennali USA. Nonostante la stabilizzazione degli spread dei mercati emergenti, i Treasury USA a dieci anni hanno continuato a salire fino a quota 305 pb. Dopo il massimo raggiunto a luglio, il debito dei mercati emergenti si è quindi stabilizzato mentre i rendimenti dei Treasury USA sono rimasti elevati per un periodo più lungo. Ne consegue che gli asset BBB dei mercati emergenti risentono maggiormente degli effetti di una normalizzazione dei tassi nella fase iniziale di questo processo, quando la correlazione è più alta. Una volta che gli spread del debito degli EM raggiungono i massimi, la correlazione tende invece a indebolirsi o a diventare negativa. La volatilità degli spread dei mercati emergenti può aumentare durante le fasi di turbolenza dei titoli di Stato USA, come già accaduto durante il panico da tapering, ma raramente supera un livello di volatilità doppio rispetto a quello dei Treasury USA. Solitamente gli spread dei titoli BBB dei mercati emergenti risultano meno volatili dei rendimenti dei Treasury USA (cfr. Grafico 4). Inoltre abbiamo esaminato l andamento della volatilità sottostante dei titoli EM BBB rispetto a un tasso minimo standard dell indice BofA Merrill Lynch BBB US corporate. Tale confronto era volto a verificare la reazione dell indice BofA Merrill Lynch BBB US corporate durante la fase del tapering, sulla base del presupposto che l aumento della volatilità possa essere attribuito a premi di liquidità in eccesso e al rischio idiosincratico associato alla fragilità economica. Come risulta evidente nel Grafico 5, anche i normali titoli BBB hanno subito una correzione nella fase iniziale, ma la volatilità ha raggiunto il picco molto prima. L aumento della volatilità associato al debito dei mercati emergenti è chiaramente visibile nel Grafico 6, dove a fronte di una volatilità sull indice BofA Merrill Lynch BBB US corporate pari all incirca a 1,0 l annuncio del tapering ha fatto impennare il tasso di volatilità a quota 6,0. La Tabella 1 mostra la sensibilità delle variazioni dello spread EM alle oscillazioni dei Treasury USA a 10 anni. Nei primi due mesi dopo l annuncio del tapering, la distruzione di valore implicita era intorno all 8,8%. Nel 2004, quando la Fed annunciò il proprio ciclo restrittivo l indice JPMorgan Emerging Markets Bond Index Global (EMBIG), ai tempi Grafico 4: Raramente la volatilità EM ha raggiunto un livello superiore al doppio di quello dei Treasury USA durante il panico da tapering del 2013 Greater than 3 Between 2.0 and 2.5 Between 1.5 and 2.0 Between 1 and 1.5 Less than and equal to % 20.0 % 40.0 % 60.0 % EM BBB spread vol to UST 10y vol ratio 80.0 % Fonte: Bloomberg, Allianz Global Investors, 05/ /2014 8

9 Grafico 5: Andamento dei normali titoli BBB durante il panico da tapering /13 02/13 03/13 04/13 05/13 06/13 EMBIG BBB spread (bps) UST 10y (bps) ML BBB spread (bps) 07/13 08/13 09/13 10/13 11/13 12/13 01/14 02/14 03/14 04/14 05/14 06/14 07/14 08/14 Fonte: Bloomberg, Allianz Global Investors, 01/ /2014 I rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri e possono risentire negativamente dell andamento del tasso di cambio. Grafico 6: Indicatore di volatilità titoli BBB EM/indice BofA Merrill Lynch BBB US corporate durante il panico da tapering del Fonte: Bloomberg, Allianz Global Investors, 01 / / /13 04/13 07/13 10/13 01/14 04/14 07/14 Vol ratio (EM BBB / BofA Merrill Lynch BBB US corporate index) Tabella 1: Total return EM (scenario) Variazione dello spread EM (pb) US 10y % 15.6 % 13.9 % 12.1 % 10.4 % 8.6 % 6.9 % 5.1 % 3.4 % 1.7 % 0.1 % 1.8 % 3.6 % % 13.9 % 12.1 % 10.4 % 8.6 % 6.9 % 5.1 % 3.4 % 1.7 % 0.1 % 1.8 % 3.6 % 5.3 % % 12.1 % 10.4 % 8.6 % 6.9 % 5.1 % 3.4 % 1.7 % 0.1 % 1.8 % 3.6 % 5.3 % 7.1 % % 10.4 % 8.6 % 6.9 % 5.1 % 3.4 % 1.7 % 0.1 % 1.8 % 3.6 % 5.3 % 7.1 % 8.8 % % 8.6 % 6.9 % 5.1 % 3.4 % 1.7 % 0.1 % 1.8 % 3.6 % 5.3 % 7.1 % 8.8 % 10.5 % % 6.9 % 5.1 % 3.4 % 1.7 % 0.1 % 1.8 % 3.6 % 5.3 % 7.1 % 8.8 % 10.5 % 12.3 % % 5.1 % 3.4 % 1.7 % 0.1 % 1.8 % 3.6 % 5.3 % 7.1 % 8.8 % 10.5 % 12.3 % 14.0 % % 3.4 % 1.7 % 0.1 % 1.8 % 3.6 % 5.3 % 7.1 % 8.8 % 10.5 % 12.3 % 14.0 % 15.8 % % 1.7 % 0.1 % 1.8 % 3.6 % 5.3 % 7.1 % 8.8 % 10.5 % 12.3 % 14.0 % 15.8 % 17.5 % % 0.1 % 1.8 % 3.6 % 5.3 % 7.1 % 8.8 % 10.5 % 12.3 % 14.0 % 15.8 % 17.5 % 19.3 % % 1.8 % 3.6 % 5.3 % 7.1 % 8.8 % 10.5 % 12.3 % 14.0 % 15.8 % 17.5 % 19.3 % 21.0 % % 3.6 % 5.3 % 7.1 % 8.8 % 10.5 % 12.3 % 14.0 % 15.8 % 17.5 % 19.3 % 21.0 % 22.7 % La colonna di sinistra riporta la variazione di rendimento dei Treasury USA a 10 anni espressa in punti base. La riga in alto riporta la variazione degli spread EM espressa in punti base. I rendimenti in tabella sono calcolati su un orizzonte di investimento di un anno. Fonte: Allianz Global Investors 9

10 Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? il più ampio indicatore dell andamento del debito sovrano dei mercati emergenti, si mosse di 150 pb (rispetto ai 75 pb dei decennali USA) dal momento della rilevazione iniziale, a gennaio 2013, fino al picco toccato nel luglio La correzione degli spread dell indice EMBIG fu quindi pari al 10,5%. La differenza sostanziale tra la situazione attuale e quella precedente è che nel 2004 l EMBIG aveva un rating BB, pertanto la volatilità degli spread sarebbe stata decisamente superiore in quel periodo. Sul tratto a breve della curva è più probabile che la distruzione di valore risulti più limitata. Nella costruzione del portafoglio bisognerebbe quindi tentare di evitare questo movimento di appiattimento, prediligendo un posizionamento con duration a quattro anni. In alternativa, in un portafoglio maggiormente esposto al credito, sarebbe parimenti efficace anche una strategia di copertura attiva contro questo movimento di appiattimento, che consentirebbe a una buona parte del portafoglio di mantenere una scadenza annuale ed essere reinvestita a uno spread premium superiore. Il ruolo del debito emergente in una strategia di asset allocation nel periodo che precede la normalizzazione dei tassi di interesse A nostro parere, i mercati emergenti sono nella fase centrale del ciclo secolare che li porterà a diventare parte integrante dei portafogli di investimento. Esisteranno sempre Paesi con rischi idiosincratici superiori alla media. I gestori di portafoglio possono costruire un portafoglio robusto che, pur sfruttando tutti i vantaggi dell asset allocation nel debito dei mercati emergenti, riduca al minimo i rischi di coda tipici di determinati Paesi. A posteriori, possiamo affermare che il debito emergente ha offerto questi vantaggi anche in presenza di rischi idiosincratici maggiori rispetto a quelli odierni. Tabella 2: Probabilità implicita di default e default effettivi per i titoli di credito corporate EM (spread CEMBI broad) Anno Spread dell indice delle obbligazioni corporate EM Tasso di default implicito (%) Default effettivi a cinque anni (%) % 47.4 % 5.89 % % 30.0 % 6.21 % Il tasso di recovery medio è del 30% per le obbligazioni corporate EM. I dati sui default effettivi sono stati forniti da DB. Lo spread dell indice delle obbligazioni corporate EM è calcolato sull indice JPMorgan CEMBI Broad. Fonte: Bloomberg, DB Research, Allianz Global Investors. Grafico 7: Distribuzione rischio/rendimento delle differenti classi del reddito fisso, Return (% Annualized) EMBIG Local Curr EM Debt Euro HY US HY 8.0 EMBIG 1-3Y 6.0 EMBIG 3-5Y CEMBIG Global Gov 1-10Y Bonds G7 Gov 1-3Y Bonds Global Gov Bonds CMBS Fixed Rate 0-10Y A Risk (% Annualized) Fonte: Risklab, in USD senza copertura, 01 / /

11 In quest ottica, è importante comprendere la distribuzione rischio/rendimento delle differenti asset class nel lungo periodo al fine di determinare, in rapporto al profilo di rischio previsto, come conviene posizionarsi. Dal Grafico 7 emerge chiaramente che il debito dei mercati emergenti nel periodo uno-cinque anni offre un miglior indice di Sharpe rispetto alle obbligazioni globali (tratto a breve), e che i normali titoli di debito dei mercati emergenti presentano un profilo decisamente più interessante rispetto a obbligazioni globali, commercial mortgage-backed securities (CMBS) o titoli high yield (HY). La questione del rapporto volatilità/solvibilità Se la storia ci insegna qualcosa, è che a seguito della normalizzazione dei tassi dobbiamo sempre aspettarci una forte dislocazione iniziale, che dal punto di vista di un esperto di asset allocation, implica un arbitraggio derivante da valutazioni errate del rapporto tra solvibilità e volatilità. Tradizionalmente i mercati hanno sempre ritenuto che un aumento della volatilità sia indicativo di un imminente deterioramento del merito creditizio. L improvviso rialzo della volatilità degli spread a seguito della normalizzazione potrebbe mandare segnali sbagliati a prestatori di denaro, mercati obbligazionari e fornitori che determinano il costo del capitale. All occhio di un analista che ha esaminato il business model di una società, la sua struttura finanziaria, il profilo delle scadenze del debito e altre fonti di finanziamento, quest improvviso aumento della volatilità degli spread dovuto a ragioni sistemiche può offrire un opportunità eccezionale per acquistare valore sulla scia della dislocazione. La Tabella 2 ribadisce questo concetto: a livello cumulativo, i tassi di default impliciti risultano slegati dai tassi di default effettivi a cinque anni verificati ex-post. Ciò appare particolarmente evidente dal momento che alle vendite massicce di titoli BBB- registrate nel 2008 e nel 2011 non ha invece fatto seguito un particolare aumento dei tassi di default. La precedente analisi è confermata dai dati statistici regionali riferiti ai default riportati nella Tabella 3. I tassi di default effettivi più alti si sono rilevati nel segmento HY della gamma dopo la crisi della Lehman Brothers, con circa il 19% di default cumulativi a cinque anni. Tabella 3: Dati statistici sui default effettivi EM Tasso di default (%) dei titoli di debito HY EM YTD 2014F Asia 16.9 % 1.3 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.4 % 0.0 % 0.6 % 9.1 % 1.5 % 0.0 % 2.2 % 1.0 % 0.0 % 1.9 % Europa EM 0.0 % 14.6 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.1 % 0.9 % 17.1 % 1.6 % 0.6 % 4.5 % 1.7 % 1.7 % 2.9 % America latina 1.5 % 24.8 % 12.3 % 0.0 % 0.0 % 0.1 % 0.0 % 4.3 % 5.7 % 1.7 % 0.8 % 2.5 % 7.5 % 0.6 % 5.9 % Regione MENA 0.0 % 0.0 % 0.0 % 12.8 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 4.7 % 1.1 % 0.0 % 0.1 % 0.0 % 0.0 % 0.8 % HY EM 7.3 % 15.4 % 6.3 % 0.1 % 0.0 % 0.2 % 0.0 % 1.9 % 10.7 % 1.6 % 0.5 % 2.7 % 3.3 % 0.7 % 3.4 % Tasso di default (%) dei titoli di debito EM YTD 2014F Asia 9.6 % 0.6 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.1 % 0.0 % 0.1 % 1.9 % 0.3 % 0.0 % 0.6 % 0.3 % 0.0 % 0.5 % Europa EM 0.0 % 9.2 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.1 % 0.4 % 7.9 % 0.8 % 0.2 % 2.0 % 0.7 % 0.7 % 1.1 % America latina 1.0 % 15.0 % 6.6 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 1.9 % 2.4 % 0.7 % 0.3 % 0.8 % 2.3 % 0.2 % 1.7 % Regione MENA 0.0 % 0.0 % 0.0 % 1.4 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.9 % 0.1 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.0 % 0.1 % HY EM 4.5 % 8.1 % 3.0 % 0.1 % 0.0 % 0.1 % 0.0 % 0.7 % 3.5 % 0.5 % 0.1 % 0.9 % 1.0 % 0.2 % 1.0 % Fonte: J. P. Morgan 11

12 Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? L Europa emergente ha sofferto in maniera sproporzionata nel 2009, con un tasso di default effettivi del 17,1%. Che cosa è cambiato questa volta? Quali sono dunque le novità di questo ciclo rispetto al , e quali sono i fattori potenzialmente in grado di porre fine a questo mercato generoso? Da un lato, l economia statunitense era in piena salute fino a giugno 2007, quando iniziarono a verificarsi i primi crack dei mutui sub-prime e furono posti in liquidazione due fondi molti indebitati della Bear Stearns. Al tempo le banche centrali del G7 avevano bilanci accettabili e disponevano di un margine di manovra più ampio grazie a tassi di interesse decisamente più alti di quelli odierni. Il resto è storia: il crollo dell intera struttura provocò l esplosione dei sub-prime, con ripercussioni sulle intricate relazioni reciproche tra gli istituti finanziari sistemici che si trovarono in mano le garanzie prive di valore lasciate da Lehman Brothers e da altri istituti. La Fed si vide quindi costretta a tagliare i tassi, mentre il Congresso USA approvò il TARP (Troubled Asset Relief Program), un programma volto a riassorbire tutti gli asset tossici detenuti dagli istituti del sistema. Il bilancio della Fed si è di conseguenza ampliato fino agli odierni miliardi di dollari, con l indebitamento che ha raggiunto il 108% del prodotto interno lordo. Se presumiamo che i responsabili politici globali stiano ancora smaltendo il leverage rimasto dall ultima crisi, e che continueranno a farlo ancora per molti anni, possiamo concludere che l economia globale sia ancora in una fase di ripresa, il che rende improbabile un ritorno ai trend di crescita antecedenti alla crisi. È proprio questo contesto ciò che differenzia radicalmente il 2014 dal 2007.Gli strumenti politici a disposizione delle banche centrali sono limitati. Malgrado ciò possiamo presumere che la maggior parte degli scheletri sia ormai fuori dall armadio, e quindi che gli strumenti politici non dovranno gestire un altro scenario estremo. Ciò ci riporta al tema principale di questo studio: in che modo le banche centrali riusciranno ad assorbire tutta la liquidità immessa per rilanciare le rispettive economie, tramite Quantitative Easing (QE), LTRO e meccanismi di repo, senza portare grande scompiglio sui mercati obbligazionari globali? In linea teorica, l elevato indebitamento ha interessato anche le famiglie dei mercati Grafico 8: Capacità d intermediazione dei broker in presenza di una regolamentazione più rigorosa Dealer holdings HG trading volume, $bn Jan 05 Jan 07 Jan 09 Jan 11 Jan 13 Jan 13 Mar 13 Apr 13 Jun 13 Aug 13 Sep 13 Nov 13 Dealer holdings of 1yr+ corps (old series) TRACE HG an HY volumes (1m avg) Pre-crisi avg daily trading volume: $12.7bn Post-crisis avg daily trading volume: $16.5bn CEMBI bid offer EMBIG bid offer Fonte: J. P. Morgan 12

13 sviluppati (e persino di alcuni Paesi del mondo emergente), pertanto un accelerazione della ripresa tramite i consumi appare improbabile. Ne consegue che la strada del deleveraging e di una piena ripresa sarà lunga e accuratamente orchestrata da quelle stesse banche centrali responsabili di aver inizialmente immesso tutta questa liquidità. Il ciclo precedente ci ha inoltre lasciato in eredità una regolamentazione talora macchinosa, tesa a mitigare l esposizione sistemica dei principali istituti finanziari. Politici e autorità di regolamentazione hanno adottato queste misure per placare la rabbia pubblica dopo gli errori compiuti nella regolamentazione del rischio associato agli eccessi dei sub-prime nel periodo Pur rinunciando a riapplicare il Glass-Steagall Act, le autorità di regolamentazione del G7 hanno introdotto nuove norme che hanno innalzato i requisiti patrimoniali sulle attività di trading, spingendo i derivati su borse indipendenti e innalzando i coefficienti di adeguatezza patrimoniale tramite lo schema di regolamentazione di Basilea 3. Queste nuove norme hanno però portato la bilancia a pendere dal lato opposto, in quanto hanno reso decisamente meno redditizia l attività di trading, facendo salire i relativi costi per le banche. Si stima che oggi, in termini di intermediazione dei flussi, la capacità delle banche sia circa un terzo di quella esistente prima del Tuttavia, il fatto che i volumi siano comunque aumentati di un terzo indica che la liquidità è migrata sul buyside del mercato. Anche gli spread denaro/ lettera hanno risentito di queste limitazioni. Dall annuncio del tapering, il livello degli spread denaro/lettera è salito in misura sostanziale nel reddito fisso dei mercati emergenti, a conferma che la mancanza di intermediazione crea una strozzatura con gravi ripercussioni sui premi di liquidità. Il cerchio si chiude con il principale rischio di questo nuovo ciclo: la volatilità Oggi la liquidità è abbondante perché il QE è riuscito a risollevare gli asset finanziari e a ridurre i premi al rischio. Tuttavia ciò ha anche spostato l enfasi sul buy-side, con la conseguente crescita esponenziale di fondi di ogni genere. In presenza di istituzioni e investitori privati con ampia liquidità a disposizione e a caccia di rendimenti ormai quasi inesistenti, il mercato primario è al lavoro per fornire titoli con rendimenti relativi interessanti a costo di clausole contrattuali meno forti. In termini di protezione degli obbligazionisti, le operazioni effettuate tra il 2009 e il 2011 erano caratterizzate da accordi e vincoli contrattuali (covenant) di qualità nettamente superiore rispetto alla situazione odierna. Mentre una buona parte del flusso di operazioni del offriva covenant più solidi e una certa sicurezza, successivamente le emissioni si sono concentrate su titoli di debito junior o senior non garantiti, visto l aumento della liquidità dovuto alla politica monetaria accomodante. Questo peggioramento della qualità è in parte imputabile alla mancanza di concorrenza sul mercato dei leveraged loan che, bloccato dopo il fallimento di Lehman Brothers, non è ripartito fino al Con lo spostamento dei vantaggi dagli acquirenti ai venditori, l Europa in particolare ha iniziato a offrire strutture più aggressive come prestiti PIK, PIK-toggle (titoli obbligazionari i cui pagamenti di cedole avvengono tramite l attribuzione di altri titoli dello stesso tipo) e clausole COC (cambiamento di controllo) trasferibili. Inoltre si sono compressi i premi al rischio per i diversi livelli di subordinazione, con gli investitori che ricevono premi decisamente inferiori per gradi di subordinazione più bassi. Sempre in termini di protezione, anche le nuove emissioni corporate dell universo EM stanno subendo un indebolimento a livello di covenant. Le obbligazioni asiatiche sono emesse da strutture di holding, spesso prive di garanzia. La financial repression è stata quindi favorevole agli emittenti. Il nostro team seleziona i titoli di debito high yield più rischiosi e alcune aree più volatili del debito dei mercati emergenti in quanto consentiranno di incrementare i rendimenti nel momento in cui si concretizzerà 13

14 Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? l inversione di tendenza dei tassi di interesse. Ma per fortuna non mancano le buone notizie. In Europa come nel mondo emergente, i mercati high yield sono caratterizzati da società di migliore qualità con una posizione patrimoniale più solida. Saranno solo le posizioni degli obbligazionisti a deteriorarsi, se gli investitori faranno la scelta sbagliata in termini di subordinazione. Il QE e la financial repression hanno stimolato la crescita dei mercati high yield, mentre la propensione al rischio degli investitori ha fatto raddoppiare il volume delle emissioni a partire dal Parliamo di liquidità, ma non come la conosciamo noi La liquidità globale è un driver essenziale alla base della massiccia offerta obbligazionaria odierna. Gli investitori obbligazionari globali stanno cercando di ottenere maggiori rendimenti passando ad aree come l high yield, le obbligazioni convertibili, il reddito fisso dei mercati emergenti e altre categorie obbligazionarie alternative, un tempo di esclusiva competenza degli investitori specializzati. La necessità di considerare un nuovo segmento crossover, per i tipici investitori obbligazionari non specializzati ha dato impulso alla compressione delle valutazioni. Anche dopo la dislocazione osservata nei mercati emergenti in dollari statunitensi a seguito dell annuncio del tapering a maggio 2013, le valutazioni hanno recuperato terreno molto rapidamente tanto da ritornare ai livelli precedenti all annuncio già a febbraio A fronte di valutazioni sempre più eccessive, bisogna considerare che il nuovo paradigma di liquidità porta con sé un maggior rischio di uno shock improvviso. I dealer potrebbero infatti non riuscire ad assorbire il rischio in eccesso dovuto agli ulteriori oneri normativi e alle limitazioni al rischio imposti a seguito della crisi. In sostanza, la liquidità potrebbe implodere rapidamente qualora gli investitori non dedicati decidessero di abbandonare le partecipazioni obbligazionarie non core, creando una strozzatura insopportabile per il mercato. Una volta esauriti tutti i propri limiti di rischio, i dealer si limiteranno all intermediazione dei flussi e al trasferimento dei titoli al miglior offerente, creando un vortice in cui tutti gli operatori sul mercato saranno in linea di massima venditori. La normalizzazione dei tassi di interesse permetterà di valutare in prospettiva il rischio idiosincratico, e cambierà radicalmente la struttura delle scadenze del premio al rischio per le differenti categorie di subordinazione. La mancanza di liquidità in uscita creerà una dislocazione di valore su tutto lo spettro a fronte di un premio di liquidità fuori controllo. Chart 9: Growth in global high-yield bond markets Face Value, US $tn 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0, US HY EU HY EM HY Fonte: BofA Merrill Lynch Global Research, BofA Merrill Lynch Bond Indices, S&P LCD 14

15 Il nuovo paradigma di liquidità non è sfuggito all attenzione di alcuni policy-maker, che hanno avviato un dibattito su possibili misure di protezione a favore degli investitori. Di recente, l ex Governatore della Fed Jeremy Stein ha dichiarato che i fondi con liquidità giornaliera stanno diventando simili a banche, dato l ammontare di disponibilità che hanno accumulato con il passaggio della liquidità dalle banche ai fondi. Understand. Act. La gestione attiva è cruciale per gli investitori che intendono scegliere l allocazione più adeguata nell attuale contesto di instabilità. Nei precedenti capitoli di questo documento abbiamo descritto la reazione di panico che potrebbe colpire il debito dei mercati emergenti a seguito di un inversione di rotta dei tassi USA, solitamente seguita da un rally dopo il raggiungimento del picco di volatilità degli spread all incirca due trimestri dopo. Durante il prossimo ciclo dei tassi, nell ambito dell universo del debito emergente la volatilità degli spread è probabilmente destinata ad essere più bassa a livello di titoli sovrani e obbligazioni corporate Investment Grade, in quanto la qualità creditizia di tali sottosegmenti era inferiore nelle precedenti occasioni. A nostro parere, qualità creditizia, allocazione settoriale, duration e contratti obbligazionari (covenant) sono fattori importanti da considerare nell ambito di un investimento in titoli societari finalizzato a costruire un portafoglio robusto per il futuro. Presumendo che l inflazione resti nell intervallo target, i titoli di credito adeguatamente selezionati nella gamma dell high yield dovrebbero fornire buone performance anche in un contesto di aumento dei tassi. Nel complesso, gli attuali emittenti high yield appaiono, in generale, decisamente più sicuri rispetto al 2005, anno in cui venivano piantati i semi da cui è germogliata l ultima bolla. Oggi gli emittenti dispongono di scorte e flussi di cassa reali, mentre otto anni fa si riscontrava una leva elevata per i business model meno stabili o persino discutibili. Alcuni acquirenti potrebbero lasciare il mercato a causa della flessione dei prezzi e dello sviluppo di questo processo; tuttavia si tratta di un esito auspicabile, dal momento che ciò riporterebbe il tanto atteso equilibrio su un mercato che ha favorito per lungo tempo gli emittenti. Inoltre condividiamo la tesi secondo cui la normalizzazione dei tassi è probabilmente destinata ad essere un processo pilotato e prolungato, il cui picco risulterà più basso rispetto alle precedenti normalizzazioni. Confermiamo ancora una volta che nell immediato la solvibilità non rappresenta un problema, invitando i clienti a tenere conto delle differenze tra volatilità e solvibilità quando definiscono la propria allocazione in una fase a elevata volatilità, in modo da catturare valore tramite un alto premio di liquidità. Con l aumento dei premi di liquidità, molti investitori potrebbero fare di nuovo confusione fra i due concetti giungendo alla conclusione che i titoli di credito oggetto di correzioni significative stiano subendo un peggioramento a livello di fondamentali. È proprio a questo punto che la capacità di sopportare la volatilità consente agli investitori di ottenere guadagni nel lungo periodo. La comprensione del rischio di credito in un contesto di crescente volatilità genera opportunità per quegli investitori che colgono la differenza tra solvibilità e volatilità. La gestione del portafoglio dovrebbe identificare con precisione quale parte della curva risulterà probabilmente più esposta a un trend di appiattimento ed effettuare le opportune coperture. I gestori dovrebbero indicare apertamente ai propri clienti quali sono i rischi e le opportunità che derivano dalla possibilità di cogliere valore attraverso un premio di liquidità sempre più elevato che non comporta maggiori rischi di solvibilità. Siamo orientati verso gli asset caratterizzati da una duration più breve, con una particolare attenzione alla selezione dei titoli di credito, e verso asset con una duration più lunga che offrono valore nella fase che precede la normalizzazione dei tassi. 15

16 Lo scenario di tassi di interesse bassi è prossimo alla fine o no? Minaccia o opportunità? 16

17 L investimento implica dei rischi. Il valore di un investimento e il reddito che ne deriva possono aumentare così come diminuire e, al momento del rimborso, l investitore potrebbe non ricevere l importo originariamente investito. I rendimenti passati non sono indicativi dei quelli futuri. Se la valuta in cui sono espressi i rendimenti passati differisce dalla valuta del paese di residenza dell investitore, quest ultimo potrebbe essere penalizzato dalle fluttuazioni dei tassi di cambio fra la propria valuta e quella di denominazione dei rendimenti al momento di un eventuale conversione. Le informazioni e le opinioni espresse nel presente documento, soggette a variare senza preavviso nel tempo, sono quelle della società che lo ha redatto o delle società collegate, al momento della redazione del documento medesimo. I dati contenuti nel presente documento derivano da fonti che si presumono corrette e attendibili ma non sono state verificate da terze parti indipendenti. Per questo motivo l accuratezza e la completezza di tali dati non sono garantite e nessuna responsabilità è assunta circa eventuali danni o perdite derivanti dall uso delle informazioni fornite. Si applicano con prevalenza le condizioni di un eventuale offerta o contratto che sia stato o che sarà stipulato o sottoscritto. Il presente documento è una comunicazione di marketing emessa da Allianz Global Investors GmbH, una società di gestione a responsabilità limitata di diritto tedesco, con sede legale in Bockenheimer Landstrasse 42-44, Francoforte sul Meno, iscritta al Registro Commerciale presso la Corte di Francoforte sul Meno col numero HRB 9340, autorizzata dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (www.bafin.de). Allianz Global Investors GmbH ha stabilito una succursale in Italia, Allianz Global Investors Europe GmbH, Succursale in Italia, via Durini Milano, soggetta alla vigilanza delle competenti Autorità italiane e tedesche in conformità alla normativa comunitaria. Le informazioni contenute nel presente documento hanno natura confidenziale. È vietata la duplicazione, pubblicazione o trasmissione dei contenuti del presente documento in qualsiasi forma. Documento illustrativo di approfondimento che non costituisce offerta al pubblico di prodotti/servizi finanziari. 17

18 Allianz Global Investors GmbH Succursale in Italia, via Durini Milano Dicembre 2014

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

UBS CIO Monthly Letter

UBS CIO Monthly Letter ab CIO WM Ottobre 2012 UBS CIO Monthly Letter I banchieri centrali vestono il mantello dei supereroi Alexander S. Friedman CIO UBS WM Quando ero piccolo, mi piaceva guardare film come Superman. Oggi quei

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager Soluzioni orientate ai risultati Obiettivo raggiunto L esperienza trentennale di UBS Global Asset Management nella gestione dei

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli