IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE"

Transcript

1 GESTIONE DEL CAPITALE Elisabetta Montanaro a.a Appunti introduttivi alla regolamentazione di Basilea IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE La struttura finanziaria delle banche si caratterizza per l elevato livello del leverage. In media il rapporto Capitale/Totale Attivo (E/TA) delle banche si stima intorno al 4%: questo significa che a fronte di un attivo di 100 la banca si finanzia con 96 unità di debito e con 4 unità di capitale. In altre parole, l attivo è 25 volte il capitale e il debito (D) è 24 volte il capitale. La perdita di valore del 4% delle attività porta all azzeramento del capitale e quindi all insolvenza. Diversi indicatori per misurare il leverage: E/TA = 4% 1- E/TA = D/TA =96% TA/E = 25 TA/E 1 = D/E = 24 La specificità delle banche è evidente se si confronta la loro struttura finanziaria con quella delle imprese non finanziarie. Mediamente le imprese non bancarie hanno un rapporto E/TA intorno al 40%, ossia hanno un leverage (TA/E) di 2,5, circa 1/10 di quello delle banche. La maggiore capacità d indebitamento delle banche dipende, in parte, dal fatto che solo esse possono finanziarsi con depositi, ossia con passività che hanno funzione monetaria e che quindi beneficiano delle tutele previste dagli ordinamenti bancari a favore dei depositanti e a difesa del sistema dei pagamenti (assicurazione dei depositi; prestito di ultima istanza delle banche centrali). Questo però non spiega tutta la differenza. Anche escludendo i depositi, il leverage delle banche resterebbe molto più alto di quello delle altre imprese: la peculiare capacità d indebitamento delle banche, confermata dal loro leverage elevato, si spiega per il basso rischio di fallimento che tradizionalmente ha caratterizzato le banche. I LEVERAGE E RISCHIO. RICHIAMI Il leverage influisce sulle performance delle banche: livello e variabilità del ROE sono associati al leverage in funzione diretta. Valori di leverage crescenti comportano un aumento del valore del ROE, ma anche un aumento della sua variabilità. Una maggiore variabilità del ROE significa un maggior rischio di impresa. Si dimostra 1 che vale la relazione: ROE = ra + (ra-ip)*d/e Ossia: il rendimento del capitale cresce linearmente con il rapporto di indebitamento D/E Dove: ra = (ricavi CO-CR)/TA ricavi = interessi attivi, commissioni e utili da negoziazione CO = costi operativi CR = costi per il rischio (rettifiche e svalutazioni) 1 Definendo R i ricavi al netto dei costi operativi e per il rischio, ra = R/(E+D) e Roe = (R ipd)/e. Da cui: ROE*E = ra*(e+d) ip*d, ossia ROE*E = ra*e+ ra*d ip*d. Ne segue che ROE = ra+ (ra-ip)*d/e. 1

2 TA = valore totale attivo D = debiti E = capitale = A-D IA = totale dei ricavi per interessi, commissioni e utili da negoziazione, al netto dei costi operativi e dei costi per il rischio = ra*ta IP = costi per interessi passivi =ip*d ip = tasso medio del passivo = IP/D UN = utile netto ROE = UN/E Leverage TA/E = 11 D/E =10 Variabili Tempo 1 base Tempo 2 espansione Tempo 3 recessione ip 2% 2% 2% ra 3% 4% 2% Δra - +1% (100 p.b) -1% (-100 p.b.) Ra -ip 1% 2% 0 ROE 13% 24% 2% ΔROE - +11% (100 p.b*11) -11% (-100 p.b.*11) Media ROE 13% Dev.St ROE 8,98% Leverage TA/E = 26 D/E = 25 Variabili Tempo 1 base Tempo 2 espansione Tempo 3 recessione ip 2% 2% 2% ra 3% 4%=+1% 2% = -1% Δra - + 1% -1% Ra-ip 1% 2% 0 ROE 28% 54% 2% ΔROE % (100 p.b.*26) -26% (-100 p.b.*26) Media ROE 28% Dev.St. ROE 21,23% Al crescere del leverage, aumenta il livello ma anche la variabilità del ROE: il che implica un trade-off fra redditività e rischio. III. LEVERAGE E REDDITIVITÀ - DETERMINANTI DEI PROCESSI DI CRESCITA DELL INTERMEDIAZIONE Le banche hanno un incentivo alla crescita del leverage per massimizzare il ROE e quindi la capacità di crescita dell intermediazione. Al crescere del leverage, il contributo alla crescita derivante dalla redditività dell intermediazione si riduce. Tanto più elevato è il leverage, tanto maggiore è, a parità di ROA, la capacità della banca di aumentare i volumi dell attivo. Il ROE (UN/E) può essere definito: ROE = ROA * TA/E Dove: ROA = UN/TA 2

3 TA/E = leverage Assumiamo che: a) il capitale della banca cresca solo in funzione dell autofinanziamento, ossia della quota di utili che non sono distribuiti sotto forma di dividendi e di bonus; b) Il leverage abbia un valore desiderato di equilibrio che la banca intende mantenere costante. Per mantenere costante il leverage, il tasso di variazione dell attivo deve essere uguale al tasso di crescita del capitale. Dato: d = tasso di distribuzione degli utili = (dividendi + bonus)/un, ossia pay-out ratio si definisce: p = 1-d= tasso di conservazione del capitale (retention rate) = quota percentuale degli utili portata ad aumento del capitale (mediante aumento delle riserve di utili netti). UN *p = ΔE UN/E * p = ROE*p = ΔE/E = tasso di variazione del capitale In base all assunto b), sarà allora: ΔTA/TA = ΔE/E = ROE*p Da cui ΔTA/A = ROA*TA/E*p (1) In base alla relazione (1), la banca ha tre leve su cui agire per conseguire determinati obiettivi di crescita dell attivo a) ROA b) Leverage TA/E c) tasso di conservazione del capitale p Fissato un valore desiderato (valore obiettivo) del tasso di crescita dell attivo, la combinazione di ROA, leverage e tasso di conservazione del capitale definisce le principali strategie con cui le banche possono conseguire i livelli desiderati di crescita dell intermediazione. 2 Nelle ipotesi fatte, il leverage necessario a conseguire il tasso desiderato di crescita dell attivo è crescente al decrescere del ROA. Viceversa, il ROA necessario per conseguire un desiderato tasso di crescita dell attivo cresce al diminuire del leverage. Negli ultimi anni, la concorrenza e i bassi tassi d interesse hanno ridotto il valore del ROA delle banche, per effetto soprattutto di una flessione dello spread e quindi del margine di interesse unitario. 2 Ovviamente, le banche possono anche utilizzare fonti esterne di aumento di capitale. Tale possibilità è tuttavia disponibile a condizione che il tasso atteso di rendimento del capitale sia adeguato alle aspettative degli azionisti. 3

4 La tendenza decrescente del ROA è una delle spiegazioni dell aumento del leverage delle banche. La crescita dell intermediazione consentita dall aumento dell indebitamento ha permesso alle banche di generare utili netti elevati e crescenti, destinati in parte alla remunerazione degli azionisti e dei manager (dividendi e bonus), in parte minore ad aumento di capitale mediante autofinanziamento. Dimensioni delle maggiori banche EU (2012) TA md TA/PIL % Barclays (UK) HSBC (UK) RBS (UK) BNP (FR) Credit agricole (FR) Soc. Générale (FR) ING (NL) Deutsche Bank DE) Commerzbank (DE) Banco Santander (ES) BBVA (ES) Intesa Sanpaolo (IT) UniCredit (IT) Banca MPS (IT) Banco Popolare (IT) UBI Banca (IT) Fonte: Mediobanca (R&S), Le principali banche internazionali,

5 Leverage e struttura finanziaria delle maggiori banche EU (2012) TA/PN PN/TA Raccolta all'ingrosso/ta Barclays (UK) 26,9 3,7% 60,8% HSBC (UK) 19,8 5,1% 45,8% RBS (UK) 22,8 4,4% 55,9% BNP (FR) 23,3 4,3% 67,4% Credit agricole (FR) 61,9 1,6% 68,7% Soc. Générale (FR) 26,4 3,8% 68,8% ING (NL) 25,5 3,9% 50,2% Deutsche Bank DE) 49,7 2,0% 68,9% Commerzbank (DE) 26,4 3,8% 54,4% Banco Santander (ES) 22,1 4,5% 46,1% BBVA (ES) 17,7 5,6% 48,1% Intesa Sanpaolo (IT) 18,6 5,4% 58,2% UniCredit (IT) 17,9 5,6% 50,3% Banca MPS (IT) 41,4 2,4% 60,5% Banco Popolare (IT) 19,5 5,1% 57,4% UBI Banca (IT) 17 5,9% 53,5% Fonte: Mediobanca (R&S), Le principali banche internazionali, 2013 E importante ricordare che valori del leverage alti significano che la crescita dell intermediazione è finanziata in misura prevalente con l indebitamento; se il leverage è crescente, il tasso di crescita del passivo è maggiore del tasso di crescita dell attivo. La raccolta sotto forma di depositi da clientela ha una dinamica relativamente stabile o addirittura decrescente nell ultimo decennio. Il che significa che aumenti significativi del leverage, a fronte della crescita dell attivo, sono stati conseguiti da parte delle banche soprattutto attraverso la crescita di altre componenti della raccolta: in particolare, raccolta all ingrosso sul mercato interbancario, pronti contro termine, emissione di titoli. Livelli elevati e crescenti di leverage si associano quindi anche a una struttura della raccolta spesso molto volatile, che comporta per le banche rischi d interesse e di liquidità potenzialmente elevati. III LEVERAGE E CICLICITÀ Il livello del leverage ha l effetto di amplificare il comportamento ciclico delle banche e del sistema finanziario. Supponiamo che il livello di leverage sia una costante (ossia le banche tendano a gestire il proprio portafoglio in modo da mantenere il leverage sul livello desiderato). Questa ipotesi è empiricamente verificata. In situazione di normalità, si ipotizzi la seguente situazione aggregata del sistema bancario: TA0 = 100 E0 = 4 D0 = 96 Leverage0 = 25 5

6 Nelle fasi di espansione, quando il valore degli attivi aumenta (supponiamo che gli attivi siano valutati mark-to-market), fino a quando i debiti restano costanti, il leverage diminuisce al di sotto del livello desiderato. TA1 = (+ 3%) E1 = 4+3 (+75%) D = 96 Leverage1 = 14,71 Dato che al tempo 1 il tasso di crescita dell attivo è inferiore al tasso di crescita del capitale, le banche si trovano in questa fase in una situazione di squilibrio, ossia hanno un leverage inferiore a quello desiderato: in altre parole, hanno un eccesso di capitale rispetto agli investimenti effettuati. 3 Questo induce le banche ad aumentare l attivo mediante la crescita dell indebitamento 4, fino a ripristinare il valore del leverage desiderato. Supponendo che il riequilibrio avvenga al tempo due: Dato E1 = 7, il valore di TA deve essere = 25* E1 =25*7 = 175, ossia: TA2 = 175 (+75% rispetto al tempo 0) E2 = 7 (+ 75% rispetto al tempo 0) D2 = 168 (+ 75% rispetto al tempo 0) Leverage1 = 25 Un incremento di 3 unità del valore degli attivi e del capitale consente di aumentare l indebitamento di 72, e il valore degli investimenti di 75. Con 3 unità addizionali di capitale, la banca può incrementare il debito e gli investimenti della stessa percentuale dell aumento del capitale. L aumento dell indebitamento e degli investimenti accentua la fase ciclica espansiva, con una maggiore offerta di credito e una maggiore domanda di investimenti. Questo aumenta i prezzi e innesta un processo di amplificazione della fase ciclica. L aumento dell indebitamento in funzione del leverage desiderato comporta l assunzione di maggiori rischi di liquidità e di controparte, se l indebitamento cresce mediante la raccolta all ingrosso e/o sul mercato dei capitali. Nelle fasi di recessione, quando il valore degli attivi diminuisce, l effetto è opposto. La diminuzione del valore degli attivi, a parità di valore dei debiti, porta il leverage sopra il livello desiderato: TA1 = (- 2%) E1 = 4-2 (-50%) D1 = 96 Leverage1 = 49 Una flessione relativa del valore degli attivi inferiore a quella del capitale comporta che banche si trovano in una condizione di squilibrio (opposto a quello registrato nella fase di espansione): ossia un eccesso d indebitamento rispetto ai valori giudicati di equilibrio. Per rispristinare l equilibrio, le banche avviano un processo di deleveraging: ossia una diminuzione dei debiti a un tasso uguale a quello registrato dal capitale e una conseguente diminuzione degli investimenti nella stessa proporzione. TA2 = 50 (-50%) = E1*25 E2 = 2 D2 = 48 (-50%) Leverage2 = 25 3 Se il capitale è in eccesso, la banca può non essere in grado di remunerarlo ai tassi desiderati dagli azionisti: questo la spinge ovviamente ad aumentare gli impieghi per aumentare i profitti. 4 La crescita dell indebitamento, in condizioni di espansione, può avvenire a tassi relativamente costanti o addirittura decrescenti, perché il valore dell attivo a garanzia dei creditori è crescente. 6

7 La perdita di valore degli attivi e del capitale obbliga la banca a ridurre l offerta di credito e a vendere titoli, per rimborsare i debiti in eccesso, Questo processo amplifica la fase ciclica, per effetto delle vendite di attivi il cui prezzo si deprime, amplificando a sua volta il processo di deleveraging. I rischi di liquidità e di controparte impliciti nell indebitamento eccessivo possono, in queste condizioni, minacciare la solvibilità delle banche. Se si verificano fenomeni di vera e propria fuga dei creditori sul mercato al dettaglio (corse agli sportelli), o, molto più probabilmente, sul mercato all ingrosso, le banche possono essere costrette a subire dalla vendita forzata di attivi perdite di dimensioni superiori al capitale. In questo caso, i rischi di liquidità derivanti dal passato eccesso d indebitamento possono degenerare in vere e proprie situazioni d insolvenza. All amplificarsi di questi processi, solo il supporto del rifinanziamento delle banche centrali e le ricapitalizzazioni pubbliche consentono di evitare situazioni di crisi sistemica. A livello sistemico, il problema del leverage diviene quindi evidente proprio quando si verificano i processi di deleveraging: in realtà, il deleveraging è potenzialmente tanto peggiore quanto maggiore è il leverage (ossia la crescita dell indebitamento consentita nelle fasi di espansione dal livello del leverage di equilibrio). E facile dimostrare che in presenza di un leverage di equilibrio inferiore, ad esempio pari a 10, una diminuzione di valore degli impieghi di 2 unità comporta il ritorno al livello di equilibrio del leverage con una riduzione dell indebitamento e delle attività molto inferiore: ossia con un processo di deleveraging molto meno accentuato e, quindi, molto meno pericoloso per la solvibilità delle banche: TA0 = 100 E0 = 10 D0 = 90 Leverage0 = 10 Per effetto della perdita di 2 unità di valore degli attivi in fase di recessione, la banca registra un aumento del leverage rispetto al livello di equilibrio, ma inferiore a quello dell esempio precedente. TA1 = E1 = 10-2 = 8 (-20%) D1 = 90 Leverage1 = 12,25 Il processo di deleveraging sarà in questo caso molto più contenuto: TA2 = 80 (-20%) = E1*10 E2 = 8 D2 = 72 (-20%) Leverage2 = 10 7

8 LA REGOLAMENTAZIONE DEL CAPITALE SECONDO BASILEA 5 I. La regolamentazione del capitale delle banche L obbligo per le banche di dotarsi di una adeguata dotazione di capitale è il fondamento della moderna regolamentazione prudenziale. L adeguatezza del capitale fa riferimento alla dimensione dell eccedenza delle attività bancarie rispetto alle passività: in questo senso, è una misura della capacità della banca di far fronte alle perdite. Per la regolamentazione, il capitale è rilevante dato che obiettivo principale della regolamentazione e della vigilanza prudenziale è garantire la stabilità del sistema finanziario, minimizzando il rischio di situazioni di panico e di contagio derivanti dall insolvenza di singole banche. L intermediazione svolta dalle banche è particolarmente rischiosa per il divario di scadenze e di liquidità che esiste fra le loro attività e passività. Mentre larga parte delle passività delle banche sono a breve e volatili, i loro impieghi in genere sono a lungo termine, non standardizzati (ossia con condizioni contrattuali e caratteristiche tecniche specificamente negoziate con le singole controparti), non liquidi e il cui valore è difficilmente valutabile dal mercato (attività opache). Il valore di mercato di tali impieghi ossia il prezzo che un potenziale acquirente è disposto a pagare per comprarli, qualora la banca intenda cederli è funzione di molte variabili, fra cui la probabilità che gli impieghi vadano a buon fine (ossia siano convertiti in moneta alla scadenza per un valore pari al capitale investito + gli interessi), nonché la qualità delle garanzie acquisite a fronte degli impieghi. Le informazioni di cui la banca dispone per valutare la qualità dei propri impieghi e delle relative garanzie di solito non sono accessibili dal mercato, specie in tempi brevi. Quindi se una banca avesse la necessità di cedere rapidamente i propri impieghi per far fronte a rimborsi consistenti del passivo (ad esempio, in ipotesi di corsa agli sportelli), troverebbe acquirenti disposti a comprarsi solo con un forte sconto sul nominale. Le perdite conseguenti possono generare l insolvenza della banca. L insolvenza di una banca, considerata come fenomeno isolato, non sarebbe un problema di cui la regolamentazione pubblica dovrebbe preoccuparsi. In astratto, i depositanti e gli altri creditori dovrebbero essere compensati del rischio dell insolvenza della banca debitrice mediante il premio per il rischio percepito sui finanziamenti accordati. 6 Il fallimento di una banca diviene in realtà un problema per la regolamentazione per i rischi di contagio che esso comporta: rischi che nascono dai rapporti di credito e di debito che esistono fra le banche e fra le banche e altri intermediari (dealers, assicurazioni, fondi di investimento etc.). L operare delle banche in sistema fa sì che l insolvenza di una di esse (crisi specifica) possa generare crisi finanziarie sistemiche, che possono compromettere gravemente il funzionamento del sistema dei pagamenti e il finanziamento dell economia. 5 Il Comitato di Basilea per la Vigilanza Bancaria (Basel Committee on Banking Supervision, BCBS) è un organismo internazionale composto dalle autorità di vigilanza e dalle banche centrali dei principali paesi sia industrializzati sia emergenti. Il BCBS opera presso la Banca dei Regolamenti Internazionali (Bank for International Settlements, BIS, che ha sede a Basilea). Il BCBS definisce, attraverso Accordi internazionali, gli standard minimi della regolamentazione prudenziale (per il capitale e per la liquidità) che tutti i paesi aderenti si impegnano ad applicare alle proprie banche, almeno a quelle operanti a livello internazionale. Gli Accordi di Basilea sono quindi tradotti in norme vincolanti per le banche attraverso le legislazioni adottate dalle diverse giurisdizioni. In Europa, la disciplina di Basilea è adottata mediante direttive e regolamenti dell UE. Mentre i regolamenti sono direttamente vincolanti per tutti i paesi dell Unione, le direttive sono applicate nei diversi stati membri mediante leggi nazionali. La disciplina di Basilea è applicata nell UE a tutte le banche e a tutte le imprese di investimento. 6 Questo non vale per i depositi al dettaglio, coperti dall assicurazione sui depositi. 8

9 Per prevenire o mitigare i fenomeni di panico e di contagio esistono vari rimedi, fra cui l assicurazione sui depositi e il credito di ultima istanza delle banche centrali. Queste reti di sicurezza intendono scoraggiare i creditori delle banche a chiedere il rimborso dei loro crediti verso le banche quando si diffondono notizie (magari infondate) negative sulla singola banca o sulla stabilità del sistema bancario nel suo complesso. L effetto è però anche quello di generare fenomeni di azzardo morale, perché tali reti di sicurezza riducono gli incentivi dei creditori assicurati ad esercitare un adeguato controllo sul comportamento delle banche, penalizzando con premi per il rischio più alti le banche che fanno investimenti più rischiosi. Inoltre, anche se l assicurazione sui depositi e il credito di ultima istanza fossero congegnati in modo tale da evitare questi incentivi distorti sul comportamento dei creditori, le banche avrebbero comunque incentivi ad assumere rischi eccessivi e a dotarsi di un capitale troppo basso rispetto a quello considerato ottimo dal punto di vista collettivo. Si sono già analizzati gli effetti del leverage sulla redditività per gli azionisti. Tanto minore è la capitalizzazione, tanto minore è l incentivo per gli azionisti a contenere i rischi: se dalle operazioni ad alto rischio si generano alti profitti, gli azionisti se ne appropriano mediante dividendi crescenti; se si generano perdite elevate, gli azionisti limitano la loro quota al capitale (basso), il resto va a carico dei creditori (non assicurati). Perché tuttavia questi ultimi non esercitano un sufficiente controllo sulla rischiosità della banca? Ossia, perché le banche con più alto leverage non sono di norma penalizzate da un costo del passivo maggiore? Questo si dovrebbe verificare se i creditori non assicurati ritenessero che, in caso di insolvenza, rischiano di perdere tutto o larga parte del loro investimento. In realtà, questo empiricamente non si verifica perché, almeno finora, è stato molto raro che una banca in dissesto, specie se grande, sia stata lasciata fallire e quindi messa in liquidazione. In caso di perdite, sono stati spesso i governi che hanno ricapitalizzato le banche, con l effetto che nessuna perdita dei dissesti è andata a carico dei creditori (né di quelli assicurati né di quelli non assicurati). La garanzia implicita derivante dalla prassi dei salvataggi pubblici (che pongono le perdite a carico dei contribuenti) implica che le banche con alto leverage (specie di grandi dimensioni, le banche too- big- to- fail) abbiano di fatto goduto di un sussidio sul costo del passivo, ossia abbiano pagato ai loro creditori non assicurati un premio per rischio minore di quello che sarebbe stato adeguato a compensarli dei rischi assunti. La regolamentazione cerca quindi di ridurre gli incentivi alle banche ad assumere rischi eccessivi, mediante diversi interventi finalizzati a promuovere la sana e prudente gestione di questi intermediari. Lo strumento principale adottato a tale scopo è il vincolo dei requisiti di capitale in funzione del rischio: tanto maggiori sono i rischi assunti da una banca, tanto maggiore è il capitale che esse devono detenere. Gli impieghi più rischiosi assorbono più capitale, ossia obbligano le banche ad investire un volume maggiore di risorse proprie (fondi propri). L effetto principale della disciplina del capitale dovrebbe essere quello di ridurre gli incentivi alle banche ad assumere rischi. Richiedendo alle banche di detenere un capitale maggiore, una quota maggiore delle perdite grava sugli azionisti e si riduce la quota di perdite che viene subita dai creditori e/o dal governo. II. Struttura finanziaria e costo del capitale delle banche Soprattutto a seguito della crisi finanziaria recente, si è largamente diffusa l opinione che la stabilità finanziaria può essere assicurata se le banche detengono dosi elevate di capitale, e che questo possa realizzarsi senza costi significativi per le banche stesse e l economia in cui esse operano. Un aumento del peso del capitale nella composizione dei finanziamenti bancari è realmente conseguibile senza effetti rilevanti sul costo complessivo che le banche pagano per finanziarsi (costo medio ponderato del capitale) 7? 7 Il costo medio ponderato del capitale w è definito dalla seguente relazione: 9

10 La risposta a questo problema è importante, perché il costo dei finanziamenti bancari determina anche il tasso medio a cui le banche sono disposte ad impiegare (tasso attivo medio sui prestiti): se aumenta il peso del capitale proprio nella struttura finanziaria delle banche, quali effetti si generano sui tassi attivi e quindi sul volume di prestiti bancari? La teoria finanziaria (Modigliani e Miller, M-M) ha dimostrato che, date certe condizioni, elevati livelli di capitale non aumentano i costi a cui un impresa si finanzia. E vero che il capitale proprio è più costoso del debito; tuttavia, secondo i teoremi di M-M, in condizioni di mercati perfetti, all aumento del peso del capitale di rischio, il costo di ogni unità di capitale e di ogni unità di debito si riduce di un ammontare che compensa esattamente il costo addizionale derivante dal maggior peso del capitale di rischio. Il costo unitario dei finanziamenti sia a titolo di debito sia a titolo di capitale si riduce perché, per effetto della maggiore capitalizzazione, debito e capitale di rischio diventano più sicuri. In che misura questa teoria è valida per spiegare gli effetti di una maggiore capitalizzazione per le imprese bancarie? Il dibattito teorico è largamente aperto. Tuttavia, esistono vari elementi che dimostrerebbero che le condizioni ideali su cui si regge la teoria di M-M in realtà per le banche non sono empiricamente verificate. a) Effetto delle imposte: mentre gli interessi passivi sono dedotti dalle imposte sul reddito, i dividendi non lo sono. Tenendo conto dell effetto fiscale, i costi del finanziamento si riducono all aumentare del peso del debito. Per compensare questo effetto, la maggiore capitalizzazione richiesta alle banche dovrebbe essere accompagnata da modifiche del regime fiscale che in tutti i paesi favorisce il debito rispetto al capitale. b) Garanzie pubbliche implicite o esplicite sui debiti bancari: anche senza ipotizzare che il governo intervenga sempre con fondi pubblici per salvare qualsiasi banca in dissesto, è tuttavia verosimile che interventi pubblici di salvataggio delle banche vengano adottati quando è a rischio la stabilità complessiva del sistema finanziario. La convinzione che, almeno in una certa misura, le risorse pubbliche intervengano a tutela dei creditori (ma non degli azionisti) delle banche, in caso di crisi sistemica, comporta che il costo del debito sia comunque inferiore e meno sensibile al rischio di insolvenza delle banche, che sono quindi incentivate a finanziarsi in misura maggiore con debito che con capitale di rischio. E vero che questi sussidi pubblici impliciti o espliciti sono distorsioni che possono essere eliminate: ma l effetto di una eliminazione dei sussidi pubblici è quello di un aumento del costo del debito, che molto probabilmente verrà trasferito in un aumento dei tassi attivi. c) Maggiori emissioni di azioni per aumentare il capitale non necessariamente si traducono in una riduzione del rendimento atteso da parte degli azionisti. Non è detto che essi credano che in questo modo la banca diventi più sicura, dato che i rischi assunti dalle banche sono difficilmente valutabili dal mercato. Niente garantisce gli azionisti che l aumento di capitale non sia associ ad un aumento dei rischi: se così fosse, la banca non diventerebbe più sicura, perché i vantaggi dell aumento di capitale sarebbero bilanciati dagli svantaggi derivanti dai maggiori rischi. Il rapporto fra capitale e attivo pesato per il rischio potrebbe restare costante, e gli effetti sul rendimento richiesto dagli azionisti potrebbero quindi essere nulli. Se, al crescere della capitalizzazione bancaria, il costo unitario delle fonti di finanziamento (debito e capitale) non si riduce (o non si riduce in misura adeguata), w = id*(d/(e+d)) + ke* (E/(E+D)), dove id è il costo medio del debito, ke il rendimento atteso sul capitale di rischio (approssimato dal ROE), E è il capitale di rischio e D è il debito. Dato che il debito è meno rischioso del capitale di rischio, perché i debiti hanno una maggiore protezione legale, in primis il diritto di priorità nel rimborso in caso di insolvenza rispetto agli azionisti, id < ke. 10

11 l effetto è inevitabilmente quello di un aumento dei tassi attivi, necessario per bilanciare il maggior costo del funding. Esempio Supponiamo che la banca abbia la seguente struttura finanziaria: D/(E+D) = 95%; E/(E+D)= 5%; id = 3%; ke = 3%+5% = 8%. Il costo del funding (costo medio ponderato del capitale di debito e del capitale proprio) è pari al 3,25%. Se il peso del capitale proprio aumenta dal 5% al 30%, il costo del funding, nell ipotesi che id e ke restino costanti (ossia non siano sensibili al minor rischio della banca), aumenta di 1,25%. Ovviamente questa può essere considerata una situazione estrema. Tuttavia, non esistono sufficienti elementi neppure per ipotizzare che il costo del funding resti costante, se D/(E+D) aumenta dal 5% al 30%: perché ciò si verificasse, supponendo che la differenza fra ke e id restasse pari al 5%, il costo del debito si dovrebbe ridurre dal 3% all 1,75% e il costo del capitale dall 8% al 6, 75%. III. Principi fondamentali della disciplina di Basilea sul capitale La disciplina di Basilea sul capitale è la base della moderna regolamentazione prudenziale. I principi fondamentali della disciplina di Basilea sono i seguenti: La regolamentazione prudenziale basata sul capitale intende indurre le banche a dotarsi di livelli di capitalizzazione sufficienti ad assorbire le perdite potenziali a cui esse sono esposte per effetto della loro attività. Livelli adeguati di capitalizzazione delle banche riducono la probabilità di crisi e quindi aumentano la stabilità dei sistemi finanziari. Le banche possono assumere liberamente tutte le varie tipologie di rischi, ma a condizione che dispongano di un capitale adeguato a coprirli. Il capitale deve essere commisurato ai rischi. La disciplina impone alle banche di detenere un coefficiente minimo di solvibilità, calcolato come rapporto fra il capitale regolamentare (Patrimonio di vigilanza) e attivo ponderato per il rischio. In presenza di gruppi bancari, la disciplina di Basilea deve essere applicata sia alle singole banche del gruppo sia su base consolidata. Per le banche multinazionali, il Paese in cui ha sede la casa madre (home country) è responsabile del controllo della solvibilità su tutto il gruppo. Originariamente la disciplina di Basilea doveva essere applicata solo alle banche internazionali, con l obiettivo di assoggettarle a vincoli regolamentari omogenei, (level playing field). La grande maggioranza dei Paesi (e l Europa in particolare) ha in realtà deciso di applicare le regole di Basilea a tutte le banche, e non solo a quelle internazionali. Vincolo di Basilea sul capitale Il coefficiente di solvibilità, ossia il rapporto fra Patrimonio di vigilanza e attivo ponderato per il rischio, deve essere non inferiore all 8%. PV n CSM A i rw i i Dove: PV = Patrimonio di vigilanza Ai = valore delle diverse tipologie di attivi classificati dalla regolamentazione in funzione del rischio ad esse attribuito (ΣAi = TA) rwi = coefficienti di ponderazione per il rischio attribuiti all i.ma categoria di attivi Ai. 11

12 CSM = è il coefficiente minimo di solvibilità definito dalla regolamentazione. Con Basilea 2, CSM = 8%. Con Basilea 3 8, il valore del CSM è stato aumentato: esso è pari al 10,5% + un ulteriore importo compreso fra l 1% e il 5% per le banche definite sistematicamente rilevanti (G-SIB s, Global systemic important banks, definite in Europa come SIFIs, Systemically important financial institutions). 9 L attivo di una banca può essere scomposto in due principali portafogli : il banking book (BB, prevalentemente prestiti e titoli detenuti per investimento e liquidità) e il trading book (TB, titoli per la negoziazione e derivati non di copertura). Il rispettivo coefficiente medio di ponderazione sarà rw1 e rw2. I valori BB e BT misurano il totale dei due portafogli così come iscritto in bilancio. Di norma, è rw1 > rw2, ossia, ai fini della regolamentazione prudenziale di Basilea, il banking book ha un peso (in termini di rischio e quindi di assorbimento di capitale per ogni unità di esposizione) maggiore del trading book. BB rw1 + TB rw2 = TA* ( BB rw TA 1 + TB rw TA 2) ( BB rw TA 1 + TB rw TA 2) = rw, Dove rw è il coefficiente medio di ponderazione dell attivo, ossia la media dei coefficienti rw1 e rw2 ponderata per il peso delle rispettive classi di attività sul totale del portafoglio. Sarà quindi: TA* rw = BB* rw1 + TB* rw2 In generale, dato: rw = il coefficiente medio di ponderazione dell attivo, pari a: n rw =( i A i rw i )/TA Si definisce: RWA 10 = TA*rw = valore totale dell attivo ponderato per il rischio (Risk weighted assets), con RWA/TA = rw. Il coefficiente rw dipende dai valori dei coefficienti di ponderazione attribuiti alle singole componenti dei portafogli bancari, e, a parità di questi, dal modello di business che caratterizza la singola banca: e, in particolare, dal diverso peso del BB e del TB sul totale dell attivo (in bilancio e fuori bilancio). La relazione che stabilisce il coefficiente minimo di solvibilità si può quindi scrivere in termini semplificati CMS = PV/RWA 8% (Basilea II) CMS = PV/RWA 8%+ 2,5% (Buffer di conservazione) + (1-5%) (Buffer G-SIBs) Basilea III 8 Il valore del CSM previsto da Basilea 3 entrerà progressivamente a regime a partire dal L applicazione a regime si avrà nel La maggiorazione minima del coefficiente di solvibilità per le banche sistemiche è definita a livello internazionale dal Financial Stability Board, varia in funzione delle dimensioni e della rilevanza sistemica della singola banca banca e può essere aumentata dalle autorità di vigilanza nazionali (nell area euro, dalla Banca Centrale Europea). 10 Nella terminologia italiana, RWA è definito come ARP (attivo di rischio ponderato), che comprende tutte le tipologie di rischio previste dalla regolamentazione (I Pilastro di Basilea), ossia il rischio di credito e di controparte, il rischio di mercato, il rischio operativo. 12

13 La disciplina di Basilea sul capitale si basa su quattro principali componenti: 1. Il valore del coefficiente di solvibilità minimo (CSM) ossia il minimo valore di PV/RWA. 2. La definizione del Patrimonio di vigilanza PV. Il PV è composto non solo dal capitale in senso civilistico (E), ma anche da altri strumenti finanziari ammessi dalla disciplina: quindi PV è di norma maggiore di E. 3. La ponderazione per il rischio delle diverse classi di attività da cui dipende rw. Vale la regola secondo cui 0 < rw < 1, per cui RWA < TA Le categorie di rischio che sono considerate dalla disciplina ai fini del calcolo dell attivo ponderato per il rischio. Dato il livello minimo del coefficiente di solvibilità, la disciplina di Basilea definisce il valore del leverage massimo consentito alle banche in funzione inversa di rw e in funzione diretta di PV/E: PV/RWA = E/TA* TA/RWA*PV/E, dove TA/RWA 1 = 1/rw PV/E 1. Con Basilea 2: Dato: min (PV/RWA) = 8% = 1/12,5 La relazione può scriversi: 8% = min (E/TA) *TA/RWA* PV/E Invertendo il primo e il secondo termine della relazione, sarà: 12,5 = max (TA/E)*RWA/TA*E/PV max (TA/E) *rw*e/pv = 12,5 max Leverage = (12,5*PV/E) /rw Ricordando che CMS = 8%, sarà quindi: Max Leverage = 1 CMS rw PV/E Nell ipotesi che rw = 100% e PV/E = 1, il leverage massimo definito dalla regolamentazione di Basilea 2 sarebbe pari a 1/CMS = 1/8% = 12,5. A parità di CSM, valori di leverage massimo superiori a 12,5 si registrano se rw < 1 e se PV/E > 1. Al diminuire del valore medio di rw e all aumentare del valore di PV/E cresce il valore del leverage massimo consentito alla singola banca dalla sua composizione dell attivo ponderato per il rischio e dalla sua composizione del patrimonio di vigilanza. Secondo la stessa logica, con Basilea 3 (CSM > 10,5%, ossia per le banche non sistemiche), il leverage massimo consentito, se PV = E e rw = 1, sarebbe pari a 9, Da notare che per totale attivo si deve intendere l esposizione complessiva ai rischi derivante sia dalle attività sopra la linea sia da quelle sotto la linea (poste fuori bilancio). 13

14 Leverage Effettivo Dato per la singola banca TCR = PV/RWA, Dove TCR = total capital ratio (ossia il coefficiente effettivo di solvibilità proprio della singola banca, che di norma deve essere superiore al CSM), sarà anche: Leverage effettivo = 1 TCR rw PV/E Da sottolineare la differenza fra leverage massimo e leverage effettivo: - Il leverage massimo è il massimo teorico che una singola banca potrebbe conseguire rispettando il coefficiente minimo di solvibilità, data la composizione dell attivo da cui dipende il coefficiente medio di ponderazione per il rischio e data la composizione del suo patrimonio di vigilanza. - Il leverage effettivo è il valore calcolato in base ai dati patrimoniali della singola banca, ossia quel leverage che si associa con il TCR, ossia il livello effettivo del coefficiente di solvibilità della banca. - Dato che le banche tendono a mantenere coefficienti di solvibilità superiori al minimo, il leverage effettivo è di norma inferiore al massimo teorico consentito dalla regolamentazione vigente. Esempi (dati 2013) Banche rw PV/E 12 TCR % CSM% B2* CSM % B3** Max lev B2 Max lev B3 Lev Effettivo (2013) Unicredit 0,46 1,43 13,7 8% 11% 39,0 28,36 22,6 MPS 0,39 1,63 11,4 8% 10,5 52,1 39,7 36,5 Deutsche Bank 0,24 1,14 15,3 8% 13 58,5 35,9 30,5 BN Paribas 0,31 1,17 12,4 8% 12,5 46,4 29,7 29,8 Fonte: European Banking Authority (2014), EU-wide stress test results (*) B2 = Basilea 2 (**) B3 = Basilea 3 12 Basilea 3 ha modificato la composizione del patrimonio di vigilanza, obbligando le banche ad eliminare progressivamente (entro il 2023) strumenti in precedenza ammessi nel patrimonio di vigilanza. Con la definitiva entrata a regime di Basilea 3, il rapporto PV/E è quindi destinato a ridursi. 14

IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE

IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE GESTIONE DEL CAPITALE Elisabetta Montanaro a.a. 2013-14 Appunti introduttivi alla regolamentazione di Basilea IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE La struttura finanziaria delle banche

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring Rony Hamaui AD&DG Mediofactoring Torino, 25 gennaio, 2011 Agenda Basilea 3: obiettivi e strumenti Implicazioni delle nuove regole prudenziali sulle banche

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario BANCHE A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014. Commenti di Elena Carletti Università Bocconi

Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014. Commenti di Elena Carletti Università Bocconi Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014 Commenti di Elena Carletti Università Bocconi Il rapporto in breve Bassa crescita e bassa inflazione rimangono i problemi principali nell

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La ricerca dell equilibrio fra teoria e vincoli Fabrizio Bencini Partner Kon Spa, dottore commercialista e revisore contabile Leonardo Filippini

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Note di stabilità finanziaria e vigilanza

Note di stabilità finanziaria e vigilanza Note di stabilità finanziaria e vigilanza N. 1 Aprile 2014 1. Il trattamento fiscale delle perdite su crediti: il vecchio regime... 2 2. Gli effetti della nuova disciplina... 4 3. Il rafforzamento dell

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO La Cassa di Risparmio di Orvieto, in qualità di Emittente, invita gli investitori a prendere attenta visione della nota informativa, al fine di comprendere i fattori

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di liquidazione delle azioni ai sensi dell art. 2437-ter

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

RISCHIO DI INTERESSE APPUNTI

RISCHIO DI INTERESSE APPUNTI E. MONTANARO A.A. 2008-2009 RISCHIO DI INTERESSE APPUNTI Premessa Il rischio di interesse per qualsiasi agente economico è associato alla intrinseca variabilità dei tassi di interesse di mercato, che rende

Dettagli

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE?

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE? entriamo in tema attraverso la soluzione di un problema PROGETTO DI INVESTIMENTO : - IMPORTO 3.000.000 - REDDITIVITA 15% COPERTURA FINANZIARIA : -AUMENTO DI CAPITALE N AZIONI 1.000.000 PAY OUT RATIO 100

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk Assignment finale NB: per ottenere risultati uniformi attraverso i gruppi di lavoro, si raccomanda per lo svolgimento degli esercizi l utilizzo

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare LA SOLVIBILITÀ DEI FONDI PENSIONE: NORMATIVA ITALIANA E SITUAZIONE IN AMBITO UE L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative

Dettagli

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico : l informativa al pubblico Ø Il c.d. terzo pilastro dell accordo di Basilea (Basilea II) ha introdotto obblighi di informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Analisi finanziaria: indici di bilancio

Analisi finanziaria: indici di bilancio Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi finanziaria: indici di bilancio Capitolo 4 degli argomenti 1. I quozienti nelle analisi finanziarie A. Equilibrio finanziario

Dettagli

Il sistema dei rischi bancari

Il sistema dei rischi bancari Il sistema dei rischi bancari 1 Il rischio finanziario Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici (specifici) 2 Il rischio finanziario Concetto connaturato

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E.

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. La riclassificazione economica dello SP: La gestione dell impresa viene idealmente scomposta in aree omogenee di attività Le attività e le passività, i

Dettagli

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2 Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Ricavi bancari raddoppiati e diversificati Ricavi di Gruppo ( mln) Ricavi bancari ( mln) 1.800 1.50 1.10 870 Ricavi bancari CAGR +7% 870 Credito Consumer al consumo

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Analisi di bilancio: redditività e finanza

Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Redditività finale per i proprietari: gli effetti della finanza gli effetti delle imposte e delle rettifiche : la teoria

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

BASILEA 3 NELL UNIONE EUROPEA Elisabetta Montanaro

BASILEA 3 NELL UNIONE EUROPEA Elisabetta Montanaro BASILEA 3 NELL UNIONE EUROPEA Elisabetta Montanaro A.A. 2015-16 1. LE PRINCIPALI CRITICITÀ DI BASILEA II ALLA LUCE DELLA CRISI FINANZIARIA DEL 2007-2009 La recente crisi finanziaria ha reso evidenti non

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche 0 Bologna, 7 ottobre 20 Agenda Andamento del credito a livello nazionale Il credito in Emilia-Romagna 1 Crescita sostenuta

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Osservazioni introduttive di Jean-Pierre Danthine

Osservazioni introduttive di Jean-Pierre Danthine Berna, 12 dicembre 2013 Osservazioni introduttive di Tema di questo mio discorso è la situazione delle banche in Svizzera nell ottica della stabilità finanziaria. Parlerò dapprima delle grandi banche e

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA DI CESENA 09/03/2009 09/03/2012

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

RISCHIO DI INTERESSE APPUNTI

RISCHIO DI INTERESSE APPUNTI E. MONTANARO A.A. 2007-2008 RISCHIO DI INTERESSE APPUNTI Premessa Il rischio di interesse per qualsiasi agente economico è associato alla intrinseca variabilità dei tassi di interesse di mercato, che rende

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli