RISCHIO AMBIENTALE, ALLOCAZIONE DEL CREDITO, BANCA TRADIZIONALE E BANCA VERDE: ELEMENTI DI ANALISI ECONOMICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISCHIO AMBIENTALE, ALLOCAZIONE DEL CREDITO, BANCA TRADIZIONALE E BANCA VERDE: ELEMENTI DI ANALISI ECONOMICA"

Transcript

1 RISCIO AMBIENTALE, ALLOCAZIONE DEL CREDITO, BANCA TRADIZIONALE E BANCA VERDE: ELEMENTI DI ANALISI ECONOMICA DONATO MASCIANDARO * 1. Introduzione La nostra premessa è che esiste un fallimento del mercato: le imprese sembrano non considerare in modo opportuno il rischio ambientale. Il segnale è rappresentato dal fatto che non fanno sufficienti investimenti in politiche di prevenzione dei danni ambientali. Occorre allora disegnare delle regolamentazioni che pongano rimedio a tali comportamenti microeconomici, inefficienti in termini di sviluppo sostenibile. Da qui anche la normativa sulla lender responsibility, che di fatto «obbliga le banche» a considerare nella valutazione del credit risk il problema del danno ambientale 1. Ma perché le imprese non hanno incentivi a far politiche di prevenzione dei danni ambientali, cioè a fare investimenti in tal senso (investimenti verdi)? Una possibile risposta è che gli investimenti verdi hanno un diverso valore economico a seconda dell orizzonte temporale in cui vengono considerati. In un'ottica di breve periodo, gli investimenti verdi possono essere percepiti come un costo fisso irrecuperabile (sunk costs), che, soprattutto nelle fasi negative del ciclo, appesantisce i conti aziendali, senza alcun beneficio atteso. Se l imprenditore si pone in una ottica di più lungo periodo, è più facile che l impresa percepisca i benefici attesi degli investimenti verdi: abbassamento della probabilità di danni ambientali effettivi, aumento dei benefici per gli stakeholders, ecc. Il problema è che l ottica dell impresa è sovente di breve periodo, rispetto alle esigenze di sviluppo sostenibile. Proprio per «allungare» l orizzonte temporale delle decisioni d impresa, in modo da ottenere un'«internalizzazione» del rischio d impresa, l analisi economica del diritto ha messo l accento sull opportunità di introdurre un principio di responsabilità civile del soggetto che causi un danno ambientale 2. Il processo di «internalizzazione» che dovrebbe avviarsi sulla base dell esistenza della responsabilità del sog- *Centro Paolo Baffi, Università Bocconi, Milano e Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche, Facoltà di Economia, Università di Lecce. 1 Sulle diverse esperienze internazionali di lender s liability vedi Porrini (2002). 2 Shavell (1987). 33

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/9 getto inquinante trova però un limite nella cosidetta judgement proofness 3, vale a dire la circostanza che, sovente, l ammontare del danno ambientale atteso può essere superiore allo stesso valore economico del soggetto inquinante. Ed allora è emersa la soluzione della lender s responsibility: la responsabilità del danno ambientale viene estesa anche ai finanziatori dell impresa, in particolare le banche. In tal modo, l interesse di una banca ad evitare che un'impresa da essa affidata si renda responsabile ex-post di un danno ambientale dovrebbe essere sufficiente a definire ex-ante un efficace disegno degli incentivi che spingesse l impresa a fare i necessari investimenti verdi. Se la banca, esistendo il principio della lender s responsibility, si trova a far fronte ad un nuovo rischio, appunto da danno ambientale, dovrà tenerne conto ex-ante nella definizione del tasso di interesse del credito affidato; se l impresa vorrà ridurre il costo del credito 4, dovrà mettere in atto quegli investimenti e quei comportamenti che possono rassicurare la banca in tal senso; il danno ambientale sarà così oggetto di un processo di risk sharing tra banca ed impresa, con un processo di «internalizzazione» che colpisce la funzione obiettivo sia del finanziato che del finanziatore. In realtà, in presenza di asimmetrie informative e di incertezza, il problema dell «internalizzazione» del danno ambientale è lungi dall essere risolto dalla semplice presenza della norma della lender s liability 5 ; si possono verificare sia fenomeni di moral hazard 6 comportamenti scorretti da parte delle imprese affidate o di adverse selection 7 affidamento delle imprese «sbagliate». Un altra possibile soluzione al problema della mancata «internalizzazione» è che sul mercato esistano delle banche verdi. Definiamo banca verde una banca che, data un impresa, le affida il credito in una prospettiva di più lungo periodo, rispetto ad una banca tradizionale, in cambio di investimenti verdi da parte di quell impresa. Quindi la banca verde non è un impresa no-profit, né tantomeno il suo credito è un «pasto gratis». Semplicemente, il suo contratto di credito è diverso da quello tradizionale: scambia un commitment dell impresa ad essere eco-sostenibile, con maggiori probabilità di creare una long-term relationship. E, anche posta in perfetta competizione con banche tradizionali, può essere più efficiente. È possibile dimostrare che, in mercati competitivi, in cui la banca verde compete con banche tradizionali, si può avere, sotto certe condizioni, una migliore allocazione delle risorse. Il seguente modello dimostra tale assunto. 3 Schwartz (1985); Shavell (1986). 4 Segerson e Tietenberg (1992). 5 Porrini (2002). 6 Pitchford (1995) e (2001); Lewis e Sappington (2001); Balkenborg (2001). 7 eyes (1996). 34

3 D. MASCIANDARO, RISCIO AMBIENTALE, ALLOCAZIONE DEL CREDITO... Le conseguenze di policy sono evidenti: il rapporto tra rischi ambientali e credit allocation può passare non solo attraverso la legal view (tipo la regolamentazione lender responsibility) ma anche una market view, se aumenta il numero delle banche verdi, ovvero ed è lo stesso aumenta la sensibilità ambientale delle banche commerciali. 2. Il modello Per cogliere l importanza della presenza di una banca verde, anche in mercati perfettamente competitivi, si cercherà di sviluppare un modello dinamico il più semplice possibile in cui, in particolare, sia evidente l efficienza legata alla presenza della banca verde. Procediamo per gradi. Caso A. Si immagini un imprenditore senza capitali con un progetto di investimento (in t = 0) che nel periodo successivo e finale (diciamo t = 2) produce profitti certi e sufficienti a coprire il costo del capitale. Ovvio che sarebbe efficiente se un investitore (banca) finanziasse questo progetto: se però il profitto dell imprenditore non è verificabile, e vi è dunque un classico problema di asset diversion, tipico dell ipotesi di asimmetria informativa, questo non accade a causa del timore della banca che l imprenditore «nasconda» il suo profitto. Caso B. Ipotizzando un periodo intermedio (t = 1) lo scenario cambia. In t = 1 c è la realizzazione di un pay-off positivo ma sempre non verificabile. La banca accetterebbe di finanziare l imprenditore a breve termine (fino a t = 1): se non viene ripagata in t = 1 può «minacciare» di far fallire l imprenditore così che il profitto certo in t = 2 non venga realizzato. La minaccia è credibile perché il creditore sa che, comunque, in t = 2 non verrebbe ripagato: quindi è conveniente recuperare il collateral in t = 1 piuttosto che in t = 2. Nel modello che consideriamo vi è un aggiunta rispetto al caso B, in quanto inseriamo la possibilità che l impresa debba ovviamente considerare la possibilità di shock congiunturali, positivi o negativi. Per cogliere questo fenomeno in modo molto semplice ed intuitivo, possiamo ipotizzare che in t = 1 muove la Natura (= lo shock congiunturale) e possono esservi due scenari osservabili (scenario buono i cui il pay-off è positivo, scenario cattivo in cui il pay-off è zero) 8. 8 Si noti l ipotesi che le mosse della Natura siano osservabili: questa è un ipotesi molto plausibile e semplifica i risultati, ma non è fondamentale ai fine del modello. Se essa è verificata il creditore può distinguere in t = 1 quando vi è insolvenza per causa della Natura oppure quando non vi sia insolvenza, ma il debitore non vuole pagare sfruttano la non verificabilità degli assets. Di conseguenza il debitore non ha convenienza a mentire perché verrebbe fatto fallire con certezza. Questa ipotesi potrebbe essere superata introducendo incertezza, nella conoscenza del debitore, sui parametri del creditore: in questo caso, quand anche i parametri fossero tali che di fronte a una dichiarazione di insolvenza la banca decidesse sempre di rinegoziare, vi sarebbe per il debitore un rischio sui parametri e, quindi, probabilità di fallimento: per un rischio sufficientemente alto e, in particolare, un profitto atteso in t = 2 sufficientemente alto, sarebbe ottimo non mentire. 35

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/9 Dunque il pay-off non solo è non verificabile, ma anche incerto. Se il pay-off nel periodo intermedio è sufficientemente grande, la banca continuerà a prestare denaro all imprenditore in t = 0 fino a t = 1 9. I problemi nascono in t = 1. Se la Natura è benigna siamo nel caso B: l imprenditore paga la banca e procede in t = 2 a «godersi» i profitti certi. Ma «se le cose vanno storte» in t = 1 siamo nel caso A: la banca non può essere ripagata. La colpa è della Natura, e nel periodo successivo vi è profitto certo e positivo: quindi sarebbe efficiente rinegoziare il debito; ma vi è il problema di asset diversion in t = 2 (caso A), quindi la banca non sarebbe disposta a rinnovare il credito (preferirebbe incassare il collateral subito in t = 1 piuttosto che aspettare t = 2 se il tasso di sconto è positivo). Questo vale anche se si suppone che il problema di asset diversion non sia totale, ma la banca possa recuperare una (sufficientemente piccola) parte del valore dell impresa, diciamo una frazione (1 α). A questo punto entra in gioco l esistenza di una banca alternativa a quella tradizionale, che chiamiamo banca verde. La banca verde è caratterizzata dall avere un sistema etico, del tipo «etica del mercato sostenibile». La banca verde è disposta a mettersi con un'impresa in una long term relationships, purché quest impresa faccia degli investimenti verdi, volti a rendere la propria attività eco-compatibile. Dunque, se l impresa affronta i costi legati agli investimenti verdi, la banca, come si vedrà meglio oltre, trae un beneficio dalla continuazione dell attività in t = 1. La probabilità di rinegoziazione, dunque, è più alta con la banca verde di quanto lo sia con la banca tradizionale in t = 0. Se l impresa ha anch essa un beneficio privato dalla continuazione 10 del rapporto di credito, questa più alta probabilità di rinegoziazione avrà per essa un valore, e sarà quindi anche disposta ad accettare di pagare un costo, legato appunto agli investimenti verdi. Si noti, che, dal punto di vista dell impresa, la somma algebrica tra costo atteso e beneficio atteso dell entrare in relazione con la banca verde viene comunque confrontato con le condizioni offerte dalla banca tradizionale, in quanto ipotizziamo mercati competitivi. Inoltre, sempre l ipotesi di mercati competitivi, «costringe» sia la banca tradizionale che la banca verde a rispettare il criterio di massimizzazione del profitto. Occorre allora scoprire se, e sotto quali condizioni, la 9 In questo caso la minaccia della banca continua a valere quindi viene superato il problema della verificabilità del pay-off. Naturalmente la banca per prestare il denaro chiederà un tasso d interesse più alto (per questo il pay-off nel periodo intermedio deve essere sufficientemente alto, o l ammontare del debito proporzionatamente basso). 10 Questo punto verrà discusso più in dettaglio oltre. Si pensi per ora che il fallimento in t = 1 implica un «crollo» nel valore del capitale umano dell imprenditore (non solo perdita di credibilità, ma anche conseguenza giuridica del fallimento). Rinviare questa perdita di capitale umano può avere un valore molto alto, specie se si osserva il problema in un orizzonte con più di tre periodi: perché si perde l opportunità di investimenti. 36

5 D. MASCIANDARO, RISCIO AMBIENTALE, ALLOCAZIONE DEL CREDITO... banca verde è più efficiente rispetto alla banca tradizionale, in termini di allocazione delle risorse, cioè di scelte dell impresa. Consideriamo dunque un impresa con la seguente opportunità: nel periodo 0 investe I; in t = 1 ottiene P con probabilità p e 0 con probabilità (1 - p). Le mosse della Natura sono osservabili; se non fallisce prima, in t = 2 ottiene, certo. L investimento non solo ha valore atteso positivo in t = 0, ma, siccome comporta un pay-off certo ed elevato in t = 2 (), ha valore positivo indipendentemente dalla realizzazione dell investimento in t = 1. Questa struttura dell investimento, quindi, vuole cogliere la possibilità di crisi di liquidità nel breve termine, quand anche il valore del progetto fosse positivo nel lungo termine. L impresa non dispone di I e dunque deve farsi finanziare: al limite può fornire una garanzia pari a C < I. Vi è però un problema di asset diversion. Così come da tradizione in questo tipo di modellistica, l investitore può appropriarsi del cash flow futuro. Come già osservato, ciò ha varie implicazioni: nessuno è disposto a finanziare l investimento con capitale di rischio, perché l investitore potrà sempre simulare profitti nulli o molto bassi; nessuno è disposto a finanziare l investitore a lungo termine (fino a t=2), perché in questo caso l imprenditore piuttosto che ripagare il debito deciderebbe di fallire (per sufficientemente grande da coprire la garanzia C) catturando quasi tutto il pay-off. Non è però precluso il credito a breve termine. Se, infatti vale che: P = (1 + r)i C(1 p) p [A.1] il prestatore potrà chiedere un tasso di interesse tale da avere profitti maggiori o uguali a zero e, in caso di realizzazione positiva e di sufficientemente grande, il creditore sarà disposto a pagare: se non lo fa, il creditore chiederebbe il fallimento e verrebbe perso. Nel modello vi sono due fonti alternative di credito: la banca tradizionale e la banca verde. Il mercato bancario è perfettamente concorrenziale (dunque i profitti delle banche sono ex-ante nulli) e le banche raccolgono il capitale pagando un tasso d interesse pari a r. Entrambi i creditori per elargire il credito sostengono un costo fisso pari a N, che può essere pensato come il costo di raccolta delle informazioni e disbrigo delle pratiche. La banca verde è diversa dalla banca tradizionale per due aspetti. In primo luogo, la banca verde chiede all impresa di fare investimenti verdi, che hanno per l impresa un costo pari a η. In secondo luogo, però, la banca verde è interessata a porsi in una long term relationship 37

6 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/9 con le imprese che fanno investimenti verdi; per cui vedono un beneficio nel caso di continuazione dell investimento pari a B. 3. L allocazione del credito Dunque, il gioco che si instaura fra debitore ed un qualunque creditore può essere rappresentato con la forma estesa rappresentata nella Figura 1. t = 0 t = 1 t = 2 Investimento pari a I Realizzazione di breve periodo con probabilità 1 p di illiquidità Realizzazione di lungo periodo certo se non c è fallimento in t = 1 Fig. 1 Sequenza temporale del modello Nel periodo 0, dunque, l investitore ottiene in prestito I e fornisce come garanzia C; nel periodo 2, se il pay-off è P rimborserà il proprio debito più gli interessi con un pay-off di (P R)) il creditore otterrà (R r)i 11. Se invece il pay-off in t = 1 è zero chiederà di rinegoziare il debito, ma ovviamente senza successo. Supponiamo ora che, a causa del problema di difficile appropriabilità dei redditi futuri generati dall investimento che si è citato sopra, in caso di fallimento la banca tradizionale riesca ad appropriarsi solo di una quota (1 α) del pay-off. In questo caso la banca tradizionale deciderà di rinegoziare il debito in t = 1 se il profitto atteso in t = 2 (condizionato all evento P = 0) è superiore a quello di un fallimento in t = 1. Quando si verifica l evento P = 0 e viene rinegoziato il debito, la banca ottiene un profitto pari a : Π Β rinegoziazione = (1 α) + C (1 + r) 2 I ovvero uguale alla frazione di profitti dell investimento che riesce a recuperare, più la garanzia prestata, al netto del costo opportunità del capitale per due periodi. 11 rc Il debitore decide di non fallire in t = 1 se 1 α =, ovvero >(1+r)(αP C): l impresa gli frutta più di quanto gli frutterebbe l investimento sul mercato del valore della liquidazione dell impresa in t = 1. Siccome si è ipotizzato che l impresa abbia extra-profitti, ciò è vero. 38

7 D. MASCIANDARO, RISCIO AMBIENTALE, ALLOCAZIONE DEL CREDITO... Al contrario, se non viene accettata la rinegoziazione, il fallimento avverrà in t = 1, e il pay-off del banchiere tradizionale sarà Π Β fallimento = C (1 + r) I. Il creditore, quindi, deciderà di rinegoziare il credito solo se Π Β P=0 = (1 + r) 1 Π Β rinegoziazione Π Β fallimento = 1 α r 1 + r 1 + r C <0 che può essere riscritta come: 1 α = rc [1]] La [1] si presta a una facile interpretazione. Se il banchiere tradizionale decide di far fallire l investitore in t = 1 ottiene il collateral con un periodo di anticipo rispetto alla rinegoziazione, il costo opportunità del differimento di questa decisione, dunque, è pari agli interessi che perderebbe: ovvero rc. In compenso se viene decisa la rinegoziazione in t = 2 si ottiene un pay-off più alto di (1 α). Dunque la rinegoziazione avviene se (1 α) > rc. Si noti che per α = 1 (totale asset diversion) non vi è mai rinegoziazione, qualsiasi siano e C. Data la (1), si può calcolare il profitto atteso del debitore in t = 0: { 1 P R B 1 + r + C (1 α) P [ (1 p) se r (1 + r) ] ( r ) > C t=0 Π D = [2] 2 P R b 1 + r ] + α C (1 α) p [ (1 p) se r (1 + r) ( ) 2 (1 + r) 2 < C 1 2 Nella [2] R B e R b rappresentano il pagamento che il debitore deve versare alla banca al periodo 1 se vi è o meno rinegoziazione: è possibile dimostrare che R B < R b 1 2. In r * (1 α)η = c è una discontinuità perché in corrispondenza di esso cambia la scelta ottima della banca nel C periodo 2: ex-ante la scelta ottima del creditore tradizionale viene endogenizzata e dipende dai parametri del modello. Il problema della banca verde si presenta diverso: da un lato il debitore ha un maggiore interesse alla continuazione del progetto, dato che percepisce benefici da esso; dall altro, però, vi sono dei costi in cui incorre nell avere rapporti con la banca verde. La banca verde rinegozia solo se: Π U P=0 = (1 + r) 1 Π U rinegoziazione Π U 1 α r fallimento = ( + B) C>0, 1 + r 1 + r che può essere riscritta come: 1 α = rc B [3]] 39

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/9 Data la scelta di rinegoziazione dei due tipi di investitore (banca tradizionale e banca verde) quando il debitore preferirà la banca verde? Naturalmente la scelta del debitore dipenderà dal tasso di interesse richiesto da pagare in t = 1 se non vi è illiquidità. La banca verde deve soddisfare due vincoli. Da un lato deve conseguire l utilità di riserva ū: pur assumendo ū = 0, ciò impone un valore minimo a R U. Dall altro lato, però, la banca verde deve farsi preferire alla banca tradizionale: ciò, ovviamente, impone un valore massimo a R U. Partiamo dall ipotesi (vedremo provvisoria) che la banca verde richieda un tasso uguale a quello della banca tradizionale R U = R 12 B. Ebbene rc B R U = R B non è un equilibrio: per 1 α > il pay-off dell imprenditore è più basso con la banca tradizionale che con la banca verde, e verrebbe scelta quest ultima: ma questo è vero anche se la banca verde richiedesse un tasso leggermente più alto; inoltre se il vincolo di partecipazione era soddisfatto lo sarà, a maggior ragione, ancora. In equilibrio la banca verde sceglie l R U massimo che rende indifferente il debitore. Stessa cosa negli intervalli esterni. Se il vincolo è soddisfatto in modo non stringente, allora la banca verde sarà disposta a ridurre R per attrarre «clienti». In equilibrio possiamo dire: PROPOSIZIONE 1. Dati gli assunti del modello, vale che: quando 1 α rc B > non vi è mai credito erogato dalla banca verde; quando 1 α rc > il creditore preferito è la banca verde e tale banca richiederà un tasso d interesse d equilibrio pari a: { 1 1 p α η(1 + r) rc B rc R B + se 1 α p [ 1 + r 1 p ] R U = 1 + r P R p ] se 1 α rc r + R B [ (1 + r) dove R B e R B sono i tassi d interesse richiesti nei rispettivi intervalli. rc B Nell intervallo 1 α > vi è sempre rinegoziazione della banca tradizionale: quindi è efficiente ottenere credito nei canali tradi- 12 (1 α) (1 α) Quindi R u = R B1 se r > e R u = R B2 se r <. C 40

9 D. MASCIANDARO, RISCIO AMBIENTALE, ALLOCAZIONE DEL CREDITO... zionali, dato che non si deve sostenere il costo η, legato agli investimenti verdi. Se la banca verde vuole competere con la banca tradizionale deve accettare un tasso di interesse nel finanziamento a breve (R u ) più basso di quello della banca tradizionale, così da compensare il costo η: alla banca verde può convenire farlo perché ciò gli può poi consentire il beneficio B legato alla long term relationship con imprese eco-compatibili. Per valori più bassi di (1 α) il problema di asset diversion è tale che la banca decide di far fallire il debitore illiquido (ma comunque meritevole di credito) in t = 1. In questo caso, però si possono verificare due diverse ipotesi quando la verificabilità del valore dell impresa è rc B bassissima (1 α > ) né la banca tradizionale né la banca verde decidono di rinegoziare: la banca verde perde il proprio vantaggio rispetto alla banca ed è meno conveniente, a causa del costo legato agli investimenti verdi, quindi non verrà mai scelta. Nell intervallo rc B 1 α rc si verifica il fenomeno più interessante. Da un lato, la banca verde rimane meno conveniente perché implica sempre un costo η per il debitore; ma dall altro la banca verde ha un importante vantaggio: garantisce la rinegoziazione. Siccome il debitore continua ad avere un beneficio privato dalla rinegoziazione (a causa del problema di asset diversion gode, in ogni caso, di a in t = 2), la banca verde potrà farsi pagare per questo «servizio»: da qui si capisce anche perché, nonostante per certi valori di h il tasso di interesse chiesto dalla banca verde in equilibrio è più alto di quello della banca tradizionale 13, la banca verde è comunque preferita. L intervallo dei parametri in cui questo equilibrio si verifica può essere anche molto ampio: tutto dipende dalla dimensione di B. Infine, è opportuno soffermarsi su un importante ipotesi del modello. La banca verde ottiene benefici privati solo dalla continuazione del finanziamento da t = 1 a t = 2, ovvero da un rapporto di finanziamento di lungo periodo. Quest ipotesi, molto plausibile e supportata dall esperienza comune, ha implicazioni di rilievo: in particolare, grazie ad essa, nel periodo t = 1 la banca verde non accetterebbe mai di sottrarre debitori alla banca tradizionale, ovvero di rifinanziare debitori a cui la banca tradizionale non accetta di rinegoziare il credito: se la banca tradizionale non lo trova conveniente, allora anche la banca verde, senza benefici privati, non lo troverà. 13 rc Si noti dalla Proposizione 2 che ciò si verifica se η < : ovvero se il costo di «fa- re affari con l usuraio» è più basso del valore atteso del beneficio privato del debitore derivante dalla continuazione. Bisogna ricordare che a può assumere valori molto alti, visto che incorpora anche il valore della reputazione e del «capitale umano» del debitore. 41

10 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/9 Il debitore, quindi, in t = 0 è consapevole che sebbene stia scegliendo un finanziamento a breve termine fra banca tradizionale e banca verde, questa scelta ha ripercussioni a lungo termine. Una volta scelta la fonte di finanziamento non si può più cambiarla: dunque la scelta del debitore deve essere strategica. È quindi naturale chiedersi fino a che punto i risultati visti sopra siano ancora validi se si consente di cambiare la fonte di finanziamento in t = 1. Ovvero: scegliere la banca tradizionale e poi, se le cose vanno male, la banca verde. Ebbene, vale comunque che: PROPOSIZIONE 2. Se anche si assume che la banca verde tragga benefici privati anche nel rapporto di breve termine e il debitore possa cambiare fonte di finanziamento in t = 1, esiste sempre un intervallo dei parametri in cui il debitore sceglie di farsi finanziare dalla banca verde in t = 0. La ragione per cui vale la Proposizione 2 è semplice. L erogazione di credito ha, per il creditore un costo fisso pari a N (dovuto alla raccolta di informazioni, adempimento delle pratiche, ecc.). Se il credito viene erogato in t = 0 questo costo fisso di «apertura della relazione» viene sostenuto in t = 0 e non ha effetti, al margine, sulla scelta in t = 1. Se, invece, in t = 1 si cambia fonte di finanziamento, il costo marginale della rinegoziazione aumenta di N: dunque la rinegoziazione diventa più difficile e in alcuni casi impossibile in t = 1. Per questo il debitore vorrà «fare affari» direttamente in t = 0 con chi più gli garantisce la rinegoziazione, cioè la banca verde. Vi sono varie altre ragioni intuitive per sospettare che l analisi possa rimanere valida, oltre al caso visto sopra in cui i benefici privati dipendono dal periodo del finanziamento: la più importante ed economicamente rilevante è forse quella di inefficienze nella cessione dei crediti. Se c è illiquidità e la banca tradizionale non rinegozia il credito possono accadere due cose: a) decide il fallimento dell impresa e ottiene C (1 + r)i (< 0); b) «vende» il credito alla banca verde. In linea del tutto teorica la banca dovrebbe essere disposta all opzione b), se la banca verde le paga φ = C + ε per qualsiasi ε > 0, ma ciò vorrebbe dire che la banca tradizionale «paga» la banca verde per ottenere il credito 14 : gli converrebbe perché pagherebbe meno di quanto gli costa il fallimento (Ponzi Games). Questo scenario appare irrealistico: lo scenario più tipico potrebbe essere che il debitore chiede i soldi alla banca verde per ripagare la banca tradizionale e salvarsi dal fallimento. Specie per piccoli debiti, la banca tradizionale può essere disposta ad evitare il fallimento solo se viene ripagata in modo da non patire perdite [R B (1 + r)]. In questo caso la banca verde potrebbe non accettare l affare. Più semplicemen- 14 Infatti φ (1 + r)i = C + ε I(1 + r) < 0 per ε sufficientemente piccolo. 42

11 D. MASCIANDARO, RISCIO AMBIENTALE, ALLOCAZIONE DEL CREDITO... te, è plausibile credere che la «vendita» del credito implichi un costo: tanto maggiore è questo costo, tanto minore è la probabilità che la banca verde accetti di assumere il credito in t = Conclusioni Una banca attenta al rischio ambientale, e quindi alla capacità delle imprese affidate di effettuare investimenti eco-compatibili, può dare un contributo importante all allocazione efficiente delle risorse. L affidamento del credito attento alla eco-compatibilità può aiutare le imprese a rendere il proprio orizzonte temporale più coerente con i principi della sostenibilità, senza per questo dover rinunciare alla massimizzazione del profitto. In questo lavoro si è cercato di studiare cosa accade se, nel mercato, competono per l allocazione del credito una banca «tradizionale» con una banca «verde», vale a dire un intermediario che scambia l investimento ex-ante delle imprese affidate in politiche di «internalizzazione» dal danno ambientale con un rapporto ex-post più solido, che in concreto implica in generale maggiori possibilità di rinegoziazione dei crediti. Il rapporto tra la banca verde e l impresa non si limita cioè alla semplice copertura del rischio da danno ambientale che come sappiamo non è perfettamente attuabile a causa dell incertezza e delle asimmetrie informative ma inserisce la politica di eco-compatibilità nel più generale rapporto di credito tra affidato ed affidante, aumentandone le caratteristiche di medio lungo periodo. È ovvio che, in generale, anche la long term relationship tra banca verde ed impresa si basa anch essa su un contratto incompleto, e non può considerarsi immune da rischi di moral hazard e di adverse selection. Compito dell analisi economica è allora quello di approfondire le caratteristiche dei possibili contratti caratteristici di una banca verde, in modo da comprendere meglio la natura dei relativi rischi, nonché dei possibili antidoti. 43

12 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/9 BIBLIOGRAFIA Balkenborg D. (2001), ow Liable Should a Lender Be? The Case of Judgment Proof Firms and Environmental Risk: Comment, in American Economic Review, 91, pagg eyes A. (1996), Lender Penalty for Environmental Damage and the Equilibrium Cost of Capital, in Economica, 63, pagg Lewis T. Sappington D.M. (2001), ow Liable Should a Lender Be? The Case of Judgment Proof Firms and Environmental Risk: Comment, in American Economic Review, 91, pagg Pitchford R. (1995), ow Liable Should a Lender Be?, in American Economic Review, 85, pagg Pitchford R. (2001), ow Liable Should a Lender Be? The Case of Judgment Proof Firms and Environmental Risk: Reply, in American Economic Review, 91, pagg Porrini D. (2002), Effetti economici della Lender s Liability e della Financial Responsibility per Danni Ambientali, in Rivista Italiana degli Economisti, 7, pagg Schwartz A. (1985), Products Liability, Corporate Structure and Bankruptcy: Toxic Substances and the Remote Risk Relationship, in Journal of Legal Studies, 14, pagg Segerson K. Tietenberg T. (1992), The Structure of Penalities in Environmental Enforcement: an Economic Analysis, in Journal of Environmental Economics and Management, 23, pagg Shavell S. (1986), The Judgement Proof Problem, in International Review of Law and Economics, 6, pagg Shavell S. (1987), Economic Analysis of Accident Law, Cambridge, arvard University Press. 44

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Le garanzie pubbliche nel PPP. Guida alla migliore valutazione, strutturazione, implementazione e gestione

Le garanzie pubbliche nel PPP. Guida alla migliore valutazione, strutturazione, implementazione e gestione European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre Guida alla migliore valutazione, strutturazione, implementazione e gestione Guida

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli