PREMESSA... 3 LE FONTI NORMATIVE... 4 LE AFFERMAZIONI DEI CONSULENTI TECNICI DELLE BANCHE Il ruolo e le prerogative della Banca d Italia...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSA... 3 LE FONTI NORMATIVE... 4 LE AFFERMAZIONI DEI CONSULENTI TECNICI DELLE BANCHE... 6. Il ruolo e le prerogative della Banca d Italia..."

Transcript

1 Redatta da: dott. Armando Miele consulente Tecnico Tribunale di Brindisi già professore a contratto presso Università di Lecce Consulente di tecnica bancaria Pag. 1

2 INDICE PREMESSA... 3 LE FONTI NORMATIVE... 4 LE AFFERMAZIONI DEI CONSULENTI TECNICI DELLE BANCHE... 6 Il ruolo e le prerogative della Banca d Italia... 7 La Banca d Italia e le Istruzioni per gli istituti di credito IL PRINCIPIO ALLA BASE DEL TEG TASSO EFFETTIVO GLOBALE La formula per la determinazione del TEG Esempio comparativo di determinazione del TEG Sviluppo dei conteggi per la determinazione del TEG CONCLUSIONI Pag. 2

3 Le presenti note sono state redatte per esaminare approfonditamente tutte le tematiche legate alla determinazione del Tasso Effettivo Globale Medio (TEG Medio) con particolare attenzione rivolta alla teoria esposta da alcuni Consulenti Tecnici di istituti bancari i quali sostengono che le banche per la rilevazione del TEG Medio applicato ai rapporti di conto corrente utilizzano i saldi per valuta derivanti dall estratto conto scalare. In base a tale affermazione, peraltro assolutamente non provata e comunque non rispondente alla normativa, riterrebbero di voler applicare tale metodologia anche alla verifica del TEG applicato. Nel seguito si analizzeranno i seguenti aspetti: 1. la normativa che sta alla base della determinazione del TEG (Tasso Effettivo Globale); 2. il ruolo, i compiti e le prerogative della Banca d Italia; 3. i valori corretti che devono essere considerati per determinare, secondo la legge e la tecnica bancaria, il costo del denaro; 4. il significato dei termini TAEG e TEG, i motivi per cui sono stati definiti e vengono utilizzati; 5. si descriverà analiticamente la formula adottata dalla Banca d Italia per la rilevazione del TEG in tutte le sue componenti verificando quali valori e per quali motivi devono essere inseriti in detta formula; 6. a quali risultati congrui ed incongrui portano le due diverse alternative di determinazione del TEG utilizzando i Capitali (congruo) o i saldi (incongruo); 7. come determinate affermazioni dei consulenti tecnici di alcuni istituti di credito non siano in alcuno modo provate documentalmente e come, se effettivamente utilizzate dal mondo bancario, contravvengono palesemente ai principi normativi; 8. come sia improponibile partire da una affermazione palesemente falsa e non fondata per giungere a risultati fuorvianti e, anche nell assunto che tale modus operandi sia effettivamente applicato dalle banche, come questo non possa comunque in alcun modo modificare o condizionare le verifiche secondo legge. Pag. 3

4 Le fonti normative a cui si deve far risalire tutta la problematica legata alla corretta e puntuale determinazione dell effettivo costo del denaro sono le seguenti: La Direttiva 87/102/Cee; La Legge 154/1992; La Legge 108/1996. Direttiva 87/102/Cee precisa: d) per «costo totale del credito al consumatore», tutti i costi del credito compresi gli interessi e gli altri oneri direttamente connessi con il contratto di credito, determinati conformemente alle disposizioni o alle prassi esistenti o da stabilire negli Stati membri; e) per «tasso annuo effettivo globale», il costo globale del credito al consumatore, espresso in percentuale annua dell'ammontare del credito concesso e calcolato secondo i metodi esistenti negli Stati membri. Evidente che scopo principale di questa direttiva è, oltre che determinare uguali criteri nell ambito dei diversi paesi europei, anche quello di garantire che il fruitore del servizio riceva informazioni chiare e comprensibili sui costi che deve sostenere per l utilizzo del credito. Legge 154/92 "Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari": ratio della Legge è l evidente intento di rendere completamente chiari e comprensibili a tutti i meccanismi di applicazione delle condizioni contrattuali, dei costi e dei tassi di interesse effettivamente praticati dalle banche e più in generale dagli operatori finanziari. Con la evidente conseguenza di rendere pienamente evidenti ed accessibili a tutti i costi collegati con l erogazione del credito in ogni sua forma tecnica. Per maggiore precisione riportiamo di seguito il testo della L. 154/92: a) i tassi di interesse effettivamente praticati per le operazioni di credito e di raccolta Legge 108/96 art. 644 c.p.: Ratio della normativa sull'usura e delle modifiche apportate all'art. 644 c.p. è quella di cercare di impedire che surrettiziamente si possa realizzare una usura lecita attraverso una maliziosa disciplina contrattuale o attraverso l applicazione di meccanismi finalizzati all occultamento del tasso di interesse affettivamente applicato. Per maggiore precisione qui riportiamo il testo di legge: "art (Usura) - Chiunque, fuori dei casi previsti dall'articolo 643, si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per sé o per altri, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilità, interessi o altri vantaggi usurari, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da lire sei milioni a lire trenta milioni. Alla stessa pena soggiace chi, fuori del caso di concorso nel delitto previsto dal primo comma, procura a taluno una somma di denaro od altra utilità facendo dare o promettere, a sé o ad altri, per la mediazione, un compenso usurario. La legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari. Pag. 4

5 Sono altresì usurari gli interessi, anche se inferiori a tale limite, e gli altri vantaggi o compensi che, avuto riguardo alle concrete modalità del fatto e al tasso medio praticato per operazioni similari, risultano comunque sproporzionati rispetto alla prestazione di denaro o di altra utilità, ovvero all'opera di mediazione, quando chi li ha dati o promessi si trova in condizioni di difficoltà economica o finanziaria. Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito. Con questa articolata normativa il legislatore ha inteso tutelare chi, nella necessità di fruire del credito, deve ricevere informazioni chiare, precise ed assolutamente non fuorvianti sul reale costo del denaro; ha anche inteso definire dei limiti oltre i quali si incorre sempre e comunque nel reato di usura ed infine ha chiarito che il reato di usura non si concretizza esclusivamente nell applicazione di interessi superiori alla soglia determinata, ma si attua anche in presenza di condizioni che:...risultano comunque sproporzionate rispetto alla prestazione di denaro. Il principio ispiratore, nonché lo spirito originario di tutte queste leggi, è quello di consentire al cliente, che non è un esperto di tecnica bancaria, di conoscere quale è il tasso di interesse effettivo che paga per il denaro ricevuto in prestito. Ora la parte normativa è certamente chiara nei propri intendimenti. L applicazione di questi principi nella realtà però ha dato e dà adito a parecchi dubbi sulle modalità di effettiva applicazione di detti principi. Da questa necessaria premessa normativa deriva la conseguenza che chiunque presta denaro (sotto qualsiasi forma tecnica) ad un terzo ricevendone una remunerazione deve: Pattuire condizioni economiche conformi alla legge vigente; Pattuire condizioni che siano chiare, determinate e determinabili, completamente e semplicemente comprensibili dalla controparte che riceve il denaro; Applicare tassi di interesse effettivo che siano sempre a comunque inferiori alla soglia massima definita per legge; Applicare interessi che, anche se inferiori al limite di legge, siano comunque tali da non essere sproporzionati rispetto alla prestazione (forma tecnica di finanziamento) fornita. Pag. 5

6 L affermazione che in questa sede si intende confutare è quella che alcuni consulenti tecnici degli istituti di credito sostengono. Essi affermano che per la rilevazione del TEG le banche prendono in considerazione i saldi comprensivi di interessi e spese dei trimestri precedenti (invece dei capitali al netto degli interessi relativi ai trimestri precedenti) e pertanto, per uniformità di confronto, anche nella verifica del TEG occorre prendere in considerazione i saldi e non i capitali. Innanzi tutto tale affermazione risulta assolutamente non provata e non giustificata, ma qualora risultasse vero quanto affermato da detti CTP, tale metodologia operativa rivestirebbe carattere di estrema gravità in quanto costituirebbe una evidente ed eclatante violazione della normativa vigente ed anche delle istruzioni impartite dalla Banca d Italia. Ma ancora questa affermazione risulta decisamente sconcertante ed allarmante là dove non si afferma che la legge prescrive di utilizzare determinati dati (saldi o capitali) e che di conseguenza tutti debbano uniformarsi alla legge, ma si propone, il principio, pericolosissimo in quanto implicito e dato così per scontato, che siano le stesse banche a determinare le regole cui poi devono esse stesse attenersi indicando e decidendo, anche in difformità dalla legge, quali valori considerare e quali escludere. Il tutto con la inverosimile giustificazione che deve esserci omogeneità tra i valori da confrontare e pertanto visto che le banche utilizzano valori non corretti e difformi dalla legge e che da tali valori scaturiscono i tassi soglia, allora per la verifica occorre utilizzare lo stesso metodo errato e contra legem. Ulteriore giustificazione sarebbe costituita dal fatto che gli interessi addebitati sul conto corrente producono un nuovo saldo, che questo saldo costituisca una nuova erogazione di credito da parte dell istituto, che quindi gli interessi siano dovuti e di conseguenza la determinazione del TEG vada fatta su tale valore. Orbene, certamente tale affermazione ha una propria validità (anche se soltanto a far data dal giugno 2000 (data di entrata in vigore del Dgls. 342/99) ma non varia comunque i termini della modalità di calcolo del TEG. E vero infatti che gli interessi costituiscono un ulteriore debito del correntista ed è anche vero che, se pattuito ed a partire dal giugno 2000, su tali interessi è lecito conteggiare ulteriori interessi ma è altrettanto innegabile che comunque sia gli interessi originari che gli ulteriori interessi prodotti dall effetto della capitalizzazione costituiscono sempre e comunque un costo del denaro che come tale deve necessariamente essere incluso nel TEG. Senza voler commentare tali affermazioni e le conseguenze da esse derivanti, in questa sede ci si limiterà ad esaminare le modalità con cui si deve determinare il costo effettivo del denaro nelle scoperture di conto corrente; come la Banca d Italia ha inteso far applicare le norme vigenti; come dalla nostra tesi derivano conclusioni perfettamente congrue con la tecnica bancaria e con la normativa vigente; come invece applicando la Teoria bancaria si giunge a risultati incongrui ed addirittura paradossali. Pag. 6

7 !" #$ %! Passando all esame del ruolo istituzionale della Banca d'italia, nella rilevazione del TEG e del Tasso di soglia, l Istituto con la diffusione della propria circolare: Istruzioni per la rilevazione del tasso effettivo globale medio ai sensi della legge sull'usura, prima edizione 30 settembre 1996, ed ogni successivo aggiornamento, indica alle banche come procedere per rilevare il TEG medio applicato ai rapporti di conto corrente. La circolare consta di due sezioni: la prima sezione descrive le Istruzioni per la segnalazione ; la seconda sezione le Modalità tecnico - operative per l'inoltro delle informazioni. La Banca d'italia non è intervenuta per dettare proprie norme riguardo alla metodologia di calcolo del TEG né certamente poteva farlo. Ha semplicemente definito delle metodologie uniformi per la rilevazione di un dato. Certamente, là dove dette metodologie dovessero risultare in difformità dalla legge vigente, ci si dovrà necessariamente attenere alla Legge e non alle istruzioni della Banca d Italia. La Legge 108/96 all art. 2 prevede: 1. Il Ministero del Tesoro, sentiti la Banca d'italia e l'ufficio Italiano dei Cambi, rileva trimestralmente il tasso effettivo globale medio comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli imprenditori finanziari iscritti negli elenchi tenuti dall'ufficio Italiano dei cambi e dalla Banca d'italia.... La Banca d'italia, ha emanato le proprie istruzioni sulla rilevazione dei tassi medi praticati dagli istituti di credito. Tali istruzioni non hanno rispettato pienamente il Decreto legislativo sopra riportato in riferimento alle voci da includere. Nelle prime stesure infatti la Banca d Italia riteneva di escludere dalla rilevazione la cms (commissione di massimo scoperto), ma poi ha dovuto correggere le proprie Istruzioni (circolare n del 2/12/2005) inserendo anche tale voce di costo come correttamente prescrive la Legge: remunerazione a qualsiasi titolo. Ulteriore conferma del fatto che, in alcuni casi, le citate istruzioni contrastano palesemente con la lettera dell'art. 644 comma 4 c.p. e con l'art. 2 comma 1 della legge 108/96, l esclusione prevista nella rilevazione proposta dalla Banca d Italia di numerosi elementi di costo: le spese legali e assimilate, gli interessi di mora ed oneri assimilabili, gli addebiti per tenuta conto e per il servizio incassi e per i servizi accessori, le spese per assicurazioni, la commissione di massimo scoperto (1). Resta acclarato comunque che il TEG medio rilevato dalla Banca d Italia 1 BONORA (cfr. La nuova legge sull'usura, Cedam 1998, 70 segg.) afferma: con un'operazione di dubbia legittimità, la Banca d'italia ha stabilito che:... la commissione di massimo scoperto è oggetto di autonoma rilevazione. L'operazione è stata avallata dal Ministero del Tesoro con D.M. 22 marzo 1997[2]. Non solo. (...) provvede ad una arbitraria suddivisione delle spese incluse e di quelle escluse (...) A nostro giudizio la scelta Pag. 7

8 aumentato del 50%, così come pubblicato sulla G.U., determini la soglia oltre la quale gli interessi praticati sono da considerarsi sempre usurari. La Banca d'italia ha scelto, per ragioni evidentemente pratiche, di sintesi e statistiche, un metodo di raccolta dei dati ed in tal modo ha ritenuto di adempiere al disposto dell'art. 2 della legge 108/96. Tale operazione però, non può mutare i termini per la determinazione del TEG stabiliti dall'art. 1 della stessa legge. Infatti, l'art. 644 c.p. detta delle perentorie indicazioni che devono essere necessariamente rispettate e risulta pacifico che la Banca d'italia non abbia la veste né la funzione per modificare i dettami normativi. Ciò perché non vi è alcuna norma che attribuisca alla Banca d'italia poteri di intervento né sulle metodologie di calcolo né sulla discriminazione degli elementi da includere o escludere nella determinazione del TEG. Tale funzione appartiene ad altro organo. L'art. 2 del T.U. della legge bancaria precisa: 1. il Comitato interministeriale per il credito ed il risparmio ha l'alta vigilanza in materia di credito e di tutela del risparmio. Esso delibera nelle materie attribuite alla sua competenza dal presente decreto legislativo e da altre leggi.... omissis Per l'esercizio delle proprie funzioni il CICR si avvale della Banca d'italia. L'art. 116 comma 3 del T.U. precisa inoltre:...il CICR:(...) c) stabilisce criteri uniformi per l'indicazione dei tassi d'interesse e per il calcolo degli interessi e degli altri elementi che incidono sul contenuto economico dei rapporti. Infine, l'art. 122 del T.U. al comma 2 cita: il CICR stabilisce le modalità di calcolo del TAEG, individuando in particolare gli elementi da computare e la formula di calcolo. Da quanto esposto deriva evidentemente che la Banca d Italia non possiede poteri modificativi delle norme di legge ma che ad esse deve attenersi. La funzione della Banca d Italia, in questo ambito, è quella di rilevare i tassi medi; il dovere degli istituti erogatori del credito è quello di comunicare correttamente ed in modo rispondente alla realtà, i Tassi Effettivi Globali medi applicati alle scopertura di conto corrente. I criteri da seguire per la determinazione del TEG sono e possono essere soltanto quelli imposti dal 1 comma dell'art. 1 della legge 108/96 che riprendono, quelli seguiti per il calcolo del TAEG previsti dall'art. 122, 1 comma del T.U. bancario. della Banca d'italia, per quanto comprensibile, contrasta con il pur discutibile testo e spirito della norma la quale, nel pretendere che tutte le commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e spese (...) vengano inserite nel calcolo del tasso ai fini della determinazione della sua liceità, ha inteso sicuramente obbligare il sistema bancario e finanziario ad una ulteriore opera di trasparenza delle condizioni e comparabilità delle stesse. Pag. 8

9 #$ %! &!'#&!!!$! In riferimento alle Istruzioni per la rilevazione del Tasso Effettivo Globale medio ai sensi della legge sull usura di cui esistono diversi e successivi aggiornamenti, queste contengono indicazioni ben precise laddove, nella spiegazione della formula, si precisa che: i numeri debitori sono dati dal prodotto tra i CAPITALI ed i GIORNI e più avanti a conferma e chiarimento che si deve prendere in considerazione l effettiva quantità di denaro messa a disposizione del correntista ancora si legge l ulteriore precisazione: i numeri debitori sono comprensivi esclusivamente dei giorni strettamente necessari per l incasso. (2). In tal modo risulta evidente che tutti gli importi devono essere rapportati al CAPITALE e non al saldo e che addirittura tale capitale deve essere determinato in funzione delle valute effettive di incasso e non di quelle applicate. Prendere direttamente il saldo senza depurarlo di tali elementi di costo accessori è semplicistico ed evidentemente consente di ridurre il valore del TEG. Nel seguito lo renderemo palese con un semplice esempio. Certamente se la Banca d Italia (le cui istruzioni, ripetiamo non costituiscono e non possono in alcun modo costituire modifica della normativa vigente) avesse voluto intendere, come alcuni consulenti hanno ritenuto, che nella formula devono essere inseriti i saldi per valuta per i giorni, esattamente come riportato negli estratti conto scalari delle banche, avrebbe semplicemente detto: i numeri debitori sono dati dai Saldi per valuta come da estratto conto della banca per i giorni banca. Altro fondato motivo per cui non si può in alcun modo intendere saldo dove è precisato capitale è costituito dalla seguente innegabile considerazione. Qualora la Banca d Italia avesse realmente voluto intendere Saldo, in questo caso la formula per la rilevazione del TEG (che sarà esaminata nel seguito) avrebbe perduto completamente la propria ragione d essere in quanto il Tasso risultante sarebbe sempre e soltanto lo stesso Tasso Nominale indicato dalle banche. Ma ad ulteriore conferma interviene anche il C.I.C.R. (Comitato Interministeriale per il Credito e Risparmio). Il CICR nella propria Deliberazione del 2 settembre 2000 chiarisce all art. 2: Nel conto corrente l accredito e l addebito degli interessi avviene sulla base dei tassi e con le periodicità contrattualmente stabiliti. Il SALDO periodico produce interessi La precisazione che occorre fare riferimento ai giorni di incasso effettivi e non ai giorni di valuta previsti contrattualmente, e computati nell estratto conto scalare, evidenzia ancora maggiormente, qualora ve ne fosse necessità, che il conteggio deve essere fatto in riferimento all effettiva movimentazione di capitali ( giorni strettamente necessari per l incasso ) e non ai saldi inquinati dai costi e dalla valute applicate per contratto (ben diverse dai giorni strettamente necessari per l incasso). Pag. 9

10 secondo le medesime modalità. Non dice, e non potrebbe essere altrimenti, che il saldo così ottenuto diventa capitale (nè tanto meno che gli interessi diventano ccapitale) e non dice, e non potrebbe essere altrimenti, che quegli interessi perdono la loro natura di costo per il correntista. Inoltre, lo stesso CICR, a maggiore riprova e conferma di quanto si afferma, lo stesso CICR con propria delibera del 4 marzo 2003 chiarisce ancora, bene e meglio, all art. 9 secondo comma, che: gli intermediari sono obbligati a rendere noto un Indicatore Sintetico di Costo (ISC) comprensivo degli interessi e degli oneri che concorrono a determinare il costo effettivo dell operazione per il cliente, secondo la formula stabilita dalla Banca d Italia. Appare chiaro ed evidente a questo punto che la metodologia di determinazione del TEG deve necessariamente fornire una indicazione esatta e completa dell EFFETTIVO COSTO DEL DENARO e che l addebito degli sullo stesso conto (in analogia al reinvestimento degli interessi nei titoli di stato) produce comunque un ulteriore costo a carico del correntista (così come nel caso dei B.O.T. produce un ulteriore guadagno. Per maggiore chiarimento di tutto quanto prima esporto dobbiamo fare riferimento alla formula per la rilevazione del TEG indicata dalla Banca d Italia: INTERESSI x 36,500 ONERI x 100 TEG = + NUMERO DEBITORI ACCORDATO Se nella prima parte della formula, quando si determinano i NUMERI DEBITORI, si prendono in considerazione i saldi del conto corrente, così come rivenienti dall estratto conto scalare (come pretenderebbero i consulenti delle banche), si ottiene esattamente il Tasso nominale applicato dalla banca come indicato negli estratti conto. Ci si chiede: se la Banca d Italia avesse voluto indicare (e lo avrebbe fatto in difformità dalla Legge) che andavano presi in considerazione i saldi, avrebbe molto più semplicemente espresso la formula nel seguente modo: ONERI x 100 TEG = TA (Tasso Applicato) + ACCORDATO E sarebbe stato molto più semplice spiegare che per ottenere il TEG è sufficiente sommare al Tasso di Interesse Medio Applicato nel periodo e le spese collegate con l erogazione del credito e addebitate nello stesso periodo. In questo modo si sarebbe eliminato ogni e qualsiasi dubbio interpretativo con estrema semplicità espositiva. Nello stesso modo però sarebbe risultato ben Pag. 10

11 chiaro che il risultato così ottenuto e derivante dall utilizzo di tali valori non avrebbe rappresentato l effettivo costo del denaro. Ma così non è ed evidentemente se è stato necessario definire una formula specifica per determinare il TEG ciò significa che le variabili in gioco erano diverse da quelle, già note, utilizzate dalle banche per applicare il Tasso di interesse praticato. Le precedenti affermazioni e considerazioni, non costituiscono una semplice valutazione personale dello scrivente, esse trovano ampio ed autorevole riscontro in numerosa letteratura. Pur essendo, come spiegato, evidente che nella determinazione del tasso effettivo globale medio, ai sensi dell'art. 644 c.p., non possano applicarsi gli stessi criteri dettati dalla Banca d'italia per la rilevazione del TEG, poiché detti criteri trovano unica giustificazione nelle esigenze statistiche di rilevazione omogenea 3, che non possono tenere conto anche di dati ed elementi di costo estremamente soggettivi e di non facile (se non impossibile) rilevazione, in questo caso la banca d Italia ha correttamente parlato di capitali intendendo esattamente capitali e soltanto una evidente forzatura può mettere in dubbio questa interpretazione. Nella rilevazione del tasso di usura applicato al caso concreto si deve tenere conto di tutte le commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e spese riferite esclusivamente al capitale effettivamente fruito dal correntista. 3 L omogeneità deve qui intendersi esclusivamente come rilevamento di dati. Detto concetto di omogeneità naturalmente non può essere esteso alla verifica del TEG applicato. L estensione del concetto alla verifica del TEG porterebbe al paradosso per cui una banca, applicando al conto corrente una voce di costo (magari del 20%), ma non ricompressa nella formula del TEG indicata dalla Banca d Italia, pretenderebbe di non aver superato la soglia usura invocando il principio della omogeneità di confronto dei dati. Potrebbe infatti affermare che detta voce, pur costituendo un costo per il correntista, non può essere inclusa nel TEG in quanto non prevista dalla Banca d Italia nella fase di rilevazione (sic!). Pag. 11

12 I due indici TEG (Tasso Effettivo Globale) e TAEG (Tasso Effettivo Annuo Globale) sono nati con lo scopo precipuo di determinare in maniera chiara ed univoca il costo effettivo del denaro nelle operazioni bancarie e parabancarie. Il TAEG proviene direttamente dalla citata direttiva 87/102/Cee e si utilizza per determinare il costo effettivo dei finanziamenti con restituzione rateale o comunque finanziamenti a tempo determinato. Tutti quei finanziamenti per i quali è conosciuto in anticipo il periodo di durata del prestito. Semplificando al massimo possiamo affermare che: conoscendo il capitale prestato, la durata del prestito, e tutti i costi e gli oneri (interessi e spese) applicati, è possibile determinare il Tasso Effettivo Globale applicato annualmente quindi Tasso Annuo Effettivo Globale. Il TAEG è determinabile a priori in quanto ognuna delle variabili della formula è conosciuta prima dell erogazione del finanziamento. Per la determinazione del TAEG si utilizza la seguente formula: La determinazione del TAEG si è resa necessaria per impedire che, come accadeva in maniera evidente per i prestiti, il soggetto erogante il prestito, mascherava il costo effettivo del denaro nascondendolo dietro voci di costo variamente denominate che comunque costituivano e costituiscono un interesse pagato dal fruitore del denaro. Quando invece, come nei conti correnti di corrispondenza, la durata del rapporto (quindi del prestito) è a tempo indeterminato e quando, inoltre, l importo del prestito (somme utilizzate dal correntista) varia quotidianamente, non è possibile determinare preventivamente un Tasso Annuo Effettivo Globale. Il costo effettivo del denaro si può determinare soltanto a consuntivo per il periodo precedente calcolando il TEG (Tasso Effettivo Globale), non più annuo quindi. Nei rapporti a tempo indeterminato ecco che il Tasso Effettivo viene svincolato dalla variabile temporale per assumere una valenza indipendente dal tempo ed acquisisce la caratteristica di media tra i diversi tassi applicati nel corso del rapporto pur se rapportato ad anno. Si parla infatti di TEG Medio e non potrebbe essere altrimenti. Il TEG si determina: in analogia a quanto previsto dal Decreto del ministro del Tesoro dell (da Istruzioni per la rilevazione del Tasso Effettivo Globale Medio ai sensi della Pag. 12

13 legge antiusura Banca d Italia) in analogia con quanto previsto per il TAEG, pur con le dovute differenze. I principi che valgono per l uno sono validi anche per l altro. Riassumendo quanto esposto: 1. le direttive europee hanno imposto agli stati membri di definire regole unitarie per consentire la corretta comprensione del costo del denaro nelle sue differenti forme tecniche; 2. lo stato italiano ha recepito tale direttiva e ha promulgato la L. 154/92 con lo scopo di rendere palesi e comprensibili tutti i costi collegati con l erogazione del credito; 3. la legge L. 108/96 ha stabilito che: Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese. Sulla base di queste considerazioni, appare evidente, che: gli operatori professionali (banche) devono fornire informazioni chiare, veritiere e ampiamente comprensibili sul reale costo del denaro; il costo effettivo del denaro ricevuto può essere determinato esclusivamente in funzione del capitale ricevuto e non già del saldo debitore a carico del cliente; ogni interpretazione differente è palesemente errata e non corretta. A maggiore chiarimento delle affermazioni fatte ed alla luce delle interpretazioni, decisamente fuorvianti, proposte da alcuni Consulenti Tecnici di parte bancaria è necessario precisare in termini strettamente tecnici quali sono le differenze tra i diversi termini utilizzati nelle formule e quali conseguenze può avere un non corretto utilizzo delle variabili in gioco. Dimostreremo anche in modo inequivocabile a quale assurda ed improponibile conclusione si giunge se, con evidenti forzature, si utilizzano variabili e valori non in linea con la tecnica bancaria e come con tale artificiosa manipolazione delle formule si riesca ad occultare una rilevante parte del costo del denaro con evidente violazione della normativa vigente. Per dimostrare inequivocabilmente i nostri assunti è utile iniziare dimostrando la fondamentale differenza esistente tra i due termini: capitale e saldo : CAPITALE: è la somma netta prestata e ricevuta dal cliente: SOMMA PRESTATA; SALDO: è la somma a debito (o eventualmente a credito) del cliente ed e costituita dall importo del capitale a cui vengono sommati gli interessi e le eventuali spese: SOMMA PRESTATA + INTERESSI + SPESE. Il debito complessivo di un cliente è indicato dal saldo debitore, l eventuale credito dal saldo creditore che possono coincidere con il capitale nel solo caso in cui non vi sia stato addebito alcuno di interessi e/o spese. Pag. 13

14 Tali considerazioni sono di per sè necessarie ma anche ampiamente sufficienti per eliminare ogni e qualsiasi eventuale dubbio su quale delle due variabili debba essere presa in considerazione nella determinazione del tasso di interesse applicato all operazione di erogazione del credito. In aggiunta ci pare utile un paragone con i rendimenti dei titoli di stato. Il paragone viene effettuato nel caso opposto ma similare dei B.O.T.. Sarebbe come affermare che la capitalizzazione composta degli interessi nei B.O.T. trimestrali, quindi il reinvestimento degli interessi in ulteriori B.O.T., garantisce al risparmiatore un rendimento pari a quello ottenuto non reinvestendo gli interessi maturati nel periodo precedente. Giustificando l affermazione con il fatto che gli interessi reinvestiti in B.O.T. si integrano nel capitale e quindi non costituiscono un ulteriore guadagno per il cliente stante il fatto che il rendimento trimestrale dei B.O.T. rimane fisso. E chiaro ed universalmente riconosciuto ed accettato che il reinvestimento degli interessi per acquistare ulteriori titoli costituisce un maggiore utile per il cliente. Non si comprende bene perché invece, nel caso opposto di pagamento degli interessi capitalizzati alla banca, questo non debba diventare un aggravio di costo per il correntista. Ciò indipendentemente dalla legittimità della capitalizzazione e indipendentemente dalla legittimità del credito vantato dalla banca. Ma qualora tutte le affermazioni precedenti non fossero ritenute sufficienti esamineremo tutti gli elementi della formula relativa al TEG e dimostreremo con un esempio volutamente semplificato a quali paradossali risultati si arriva utilizzando i SALDI invece dei CAPITALI nella variabile NUMERI. Pag. 14

15 La formula per la determinazione del TEG Posto che la Banca d Italia ha individuato la formula per la rilevazione del TEG derivata per espressa analogia dalla formula del TAEG 4 che per maggiore chiarezza espositiva riportiamo di seguito: INTERESSI x 36,500 ONERI x 100 TEG = + NUMERO DEBITORI ACCORDATO Risulta evidente che la Banca d Italia ha inteso adottare detta formula per proprie esigenze di rilevazione e per rendere omogenea la segnalazione da parte delle banche che, altrimenti avrebbero potuto adottare formule differenti rendendo non omogenea la Rilevazione e non già la Determinazione cosa ben differente come già precisato. Risulta ancora certamente chiaro che, ad esempio, partendo dalla formula originaria di determinazione degli interessi sia attivi che passivi: NUMERI x TASSO NOMINALE INTERESSI = considerando ed inserendo unitamente alla voce interessi anche tutti gli ulteriori oneri ( remunerazioni a qualsiasi titolo connessi con l erogazione del credito ) da includersi secondo legge e invertendo la formula si ottiene: (INTERESSI + COSTI ACCESSORI) x TASSO EFFETTIVO = NUMERI DEBITORI Produce lo stesso risultato di quantificare il tasso di interesse effettivo globalmente applicato al conto corrente, laddove è fuori dubbio che facciano parte del costo del denaro: gli interessi ultra-legali, l'anatocismo anche se ammesso per decreto (soltanto a partire dal giungo 2000, vedi uguale periodicità di capitalizzazione), le valute, le spese legali e assimilate, gli interessi di mora ed oneri assimilabili, gli addebiti per tenuta conto e per il servizio incassi e per i servizi 4 Per ogni eventuale dubbio la stessa Banca d Italia precisa: In analogia a quanto previsto dal decreto del Ministro del Tesoro del per il calcolo del TAEG Pag. 15

16 accessori, le spese per assicurazioni, la commissione di massimo scoperto, relative all'intera durata del rapporto 5, ma percentualizzate su base annua. Da questo ne deriva abbastanza semplicemente che la formula adottata dalla Banca d Italia è soltanto una delle possibili formule possibili e come tale, può certamente costituire vincolo per la segnalazione da parte della banche alla stessa Banca d Italia, ma non certamente ai fini dell accertamento del superamento della soglia usura che evidentemente non può in alcun modo essere vincolata ad una circolare interbancaria. A tal fine si rileva che l omogeneità di confronto resta comunque sempre assicurata in virtù della equivalenza delle formule adottate. Principio ineliminabile nella determinazione del TEG (lo ricordiamo denominato non a caso Tasso EFFETTIVO Globale) è la quantificazione della percentuale di interesse che indichi il costo reale del denaro IN RIFERIMENTO AL CAPITALE UTILIZZATO. Ciò detto, entrando nel merito più strettamente tecnico della formula, occorre verificare quali valori devono essere inseriti nelle variabili componenti la formula e perché. Esaminiamoli separatamente: INTERESSI: in questa variabile devono essere inseriti tutti gli interessi, a qualsiasi titolo, sotto qualsiasi forma ed aventi ogni diversa denominazione, che la banca ha addebitato sul conto. Quindi, certamente quanto rinviene dalla voce interessi, ma anche ogni altra voce di costo, collegata al conto corrente ed in qualsiasi modo purché determinata dalla banca in percentuale alla scopertura giornaliera, media o massima; NUMERI DEBITORI: in questa variabile deve essere inserito il totale dei numeri debitori determinato a consuntivo moltiplicando il CAPITALE per i GIORNI. E indubbio che il CAPITALE è costituito dalla somma di denaro utilizzata dal correntista e non già dal saldo debitore evidenziato dalla banca, che è cosa ben diversa come già spiegato precedentemente. Tale affermazione trova fondata conferma, anche nelle Istruzioni per la rilevazione del Tasso Effettivo Globale medio ai sensi della legge sull usura Banca d Italia (seppure ripetiamo vincolanti esclusivamente per la banche) dove, in tutte le successive revisioni ed aggiornamenti, viene chiaramente precisato che: i numeri sono il prodotto dei capitali per i giorni. Evidente che la Banca d Italia (e non poteva fare altrimenti) se avesse voluto intendere saldo del conto corrente, possedendo adeguate conoscenze tecniche ed un appropriato linguaggio, avrebbe scritto 5 Il riferimento all'intera durata del rapporto è necessario perché diversamente operando si verrebbe ad eliminare dal costo del credito quell'effetto di moltiplicazione esponenziale del debito dettato dai meccanismi di matematica finanziaria tipici di alcune voci di costo, quali l'anatocismo e le provvigioni di massimo scoperto. Pag. 16

17 saldi per giorni (e non capitali x giorni). Il saldo risultante dall estratto conto dovrà quindi essere depurato degli interessi e delle spese via via addebitate sul conto; ONERI: in questa variabile devono essere inseriti tutti i costi, comunque denominati ed in qualsiasi modo determinati e/o applicati, costituenti una remunerazione a qualsiasi titolo per la banca e che gravano sul conto corrente ma che non sono in nessun modo calcolati in percentuale sulla scopertura del conto. Quindi, a titolo di esempio: commissioni di tenuta conto, spese di chiusura comunque periodicizzate, costi di rinnovo affidamento; ma anche ogni altro costo collegato con il conto corrente quale ad esempio le spese per operazione che costituiscono anche esse, comunque un costo legato alla tenuta del conto e quindi all utilizzo del denaro. Questa affermazione trova valido e determinante supporto nell analogia con i criteri per la determinazione del TAEG nella cui formula devono essere considerate ed incluse anche, ad esempio, le spese di incasso rata 6. Non c è alcun dubbio sul fatto che il costo effettivo sopportato dall'utente bancario per l'utilizzo del credito in conto corrente si compone di diversi elementi e risulta sempre notevolmente più elevato rispetto al tasso di interesse nominale ad esso applicato 7. Il tasso effettivo è, quindi, cosa ben diversa dal tasso convenzionale o nominale, indicato sull'estratto conto (e/o comunque applicato dalla banca): esso rappresenta, in realtà, solo il punto di partenza per la determinazione del tasso effettivo (o costo effettivo) medio annuo del denaro (8). E' pertanto evidente che negli estratti conto periodici non vengono esposti con chiarezza e precisione i tassi di interesse effettivamente praticati per le operazioni di credito 9. Le argomentazioni precedenti escludono ogni e qualsiasi altra interpretazione ed in particolare quella, assolutamente non accettabile, proposta da alcuni istituti di credito che pretenderebbe di utilizzare invece i numeri banca ossia il saldo per valuta moltiplicato per i giorni o i cosiddetti saldi liquidi ciò in riferimento alla circolare Banca d Italia del 2/12/2005 che non ha alcun valore in quanto trattasi di circolare esplicativa relativa alla commissione massimo scoperto e resta completamente contestualizzata alla relativa problematica. Per maggiore precisione chiariamo inoltre che quella stessa circolare precisa nelle note che: la formula 6 cfr. Gianluigi De Marchi, I Fidi Bancari, Milano 1992, pagg. 156 e ss., Milano 1996, pagg. 160 e ss.; nonché Legge 07/03/1996 n Roberto Ruozi, Le Operazioni Bancarie, Biblioteca dell'economia d'azienda, quarta edizione, pag Il principio applicato metodicamente dalle banche di considerare separatamente l'elemento principale delle operazioni attive per la banca da quello accessorio, (cioè gli interessi dalle varie commissioni e spese) che costituisce in effetti una maggiorazione del primo, si fonda sull'osservazione che tali operazioni sembrano, in tal modo, meno onerose di quanto effettivamente non siano meglio predisponendo, sul piano psicologico, quella parte della clientela che intende usufruirne (Enciclopedia della banca e della borsa, CEI, vol. VI, pag. 482/3). 9 Aldo Maisano, Trasparenza e riequilibrio delle operazioni bancarie, Milano Pag. 17

18 del TEG è la seguente omissis le Istruzioni specificano il contenuto di ciascun elemento della formula. Rinviando quindi di fatto sempre a dette istruzioni. Quanto da noi affermato trova eminente conferma nei contenuti della Enciclopedia della Banca e della Borsa CEI volume 5 pagina 30 che spiega quanto segue: Per la determinazione della scopertura media effettiva, in considerazione che sul conto corrente si succedono prelevamenti e versamenti, occorre uniformare in un unico importo medio il capitale effettivamente finanziato e quindi determinare la scopertura media effettiva che si pone come problema di adeguato semplice dove si hanno: C1, C2, C3,..., Cn, che indicano le somme accreditate o addebitate in conto a seconda che si tratti di posizione creditoria o debitoria e t1, t2, t3,..., tn, che indicano i rispettivi tempi di durata delle suddette somme. Operando secondo il criterio matematico computistico, la determinazione della scopertura media effettiva, o del deposito medio effettivo, riviene dallo svolgimento della seguente formula: Sommatoria C h x t h / Sommatoria t h Precisando che per Tasso Effettivo Globale Medio annuo del denaro si intende la determinazione, espressa in percentuale annua, del costo effettivo globale che il correntista sostiene per l'utilizzo di una somma di denaro concessagli dalla banca. Esso è rappresentato da più componenti: il tasso d'interesse, cioè il costo diretto del denaro ottenuto dalla banca. L'addebito degli interessi è stato effettuato trimestralmente, alla chiusura dei mesi di marzo, giugno, settembre e dicembre. Per effetto di tale procedura, l'onere effettivo per il debitore non è rappresentato dal solo tasso nominale ma anche dall'aggravio derivante dalla capitalizzazione composta (l'ormai famoso, quanto invalido almeno fino al giungo anatocismo trimestrale); la commissione di massimo scoperto, cioè la percentuale (dal 0,125% al 2%) applicata sulla punta di scoperto verificatasi in ogni trimestre indipendentemente dal tempo; la valuta sui versamenti e sui prelevamenti, cioè il numero di giorni intercorrenti tra la data di un versamento o di un prelevamento e quella di inizio del conteggio degli interessi creditori o debitori; le spese, cioè il totale degli addebiti conseguenti alla cosiddetta istruttoria, spese unitarie e spese annuali di tenuta conto, ecc. (cfr. Gianluigi De Marchi, I Fidi Bancari, Milano 1992, pagg. 156 e ss., Milano 1996, pagg. 160 e ss.; nonché Legge 07/03/1996 n. 108). Alla fine di ogni trimestre il compenso globale dovuto dal cliente è stato dunque capitalizzato aumentando così il debito nel trimestre successivo. Al tempo stesso sono state addebitate sul conto le varie commissioni e spese. Pag. 18

19 Il Tasso Effettivo Globale è, come sabbiamo chiaramente descritto, cosa ben diversa dal tasso nominale, indicato sull'estratto conto. Il TAN, Tasso Annuo Nominale rappresenta, in realtà, solo il punto di partenza per la determinazione del Tasso Effettivo (o costo effettivo) Medio Annuo del Denaro. L esempio che segue chiarisce in termini numerici quanto affermato. La semplificazione nei numeri si è resa necessaria per meglio evidenziare le differenze nella determinazione del TEG in funzione dei diversi valori utilizzati. Nel normale andamento di un conto corrente, il variare quotidiano dei saldi, l applicazione delle valute e la complessità dei numeri nell estratto conto scalare, rendono estremamente difficile e difficoltosa la verifica di tali differenze, possono ingenerare confusione e nascondere risultati, anche paradossali, cui si riesce ad arrivare inserendo valori differenti. Nel normale andamento del conto corrente l unica differenza è costituita, come detto, dal variare quotidiano del saldo conto. La differenza nei risultati ottenuti è uguale ed i TEG risultanti sono ugualmente differenti. Pag. 19

20 &( $(!"!( # '# Si può dimostrare quanto fin qui affermato con un semplice esempio che rende evidente a quale paradosso può portare il conteggio, preteso dai consulenti tecnici di alcune banche, dove, per la determinazione del TEG, vengano utilizzati i saldi per i giorni invece dei capitali per i giorni. Per necessità di comprensione esaminiamo lo stesso conto corrente dove la scopertura di capitale fissa per tutto l anno sia di Euro. Il confronto viene eseguito determinando il TEG con la capitalizzazione semplice un'unica volta a fine anno e con capitalizzazione composta trimestrale, sia sul saldo che sul capitale: Condizioni poste: Capitale fisso utilizzato: euro Interessi: Tasso annuo nominale 12% Spese: 15 Euro per ogni trimestre TABELLA 1: ESEMPIO DI INCONGRUITÀ PER LA DETERMINAZIONE DEL TEG CON UTILIZZO DEL SALDO INVECE DEL CAPITALE CAPITALIZZAZIONE ANNUALE CON TEG DETERMINATO SUL SALDO CAPITALIZZAZIONE TRIMESTRALE CON TEG DETERMINATO SUL SALDO Data Saldo = Capitale Interessi e spese TEG (1) Data Saldo comprensivo di interessi e spese Interessi e spese TEG (2) 1/ / / / ,58 29, , ,49% 30/ / ,83 31, ,99% 30/ / ,82 32, , ,99% 31/ / ,26 34, ,16% (?) , ,99% (?) Con queste modalità di calcolo si giunge alla conclusione, invero abbastanza incredibile, che l applicazione della capitalizzazione trimestrale riduce il costo del denaro! Pag. 20

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Comitato Interministenale per il Credito ed il Risparmio Il Ministro dell'economia e delle Finanze - Presidente RR

Comitato Interministenale per il Credito ed il Risparmio Il Ministro dell'economia e delle Finanze - Presidente RR Segreteria del Comitato lntenninisteriale per il Credito ed il Rispar7lJi01t' ~be~ ~. Comitato nterministenale per il Credito ed il Risparmio l Ministro dell'economia e delle Finanze - Presidente RR VSTO

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014 IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente del Collegio ABF di Milano Presidente Membro effettivo

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli