IL CREDITO BANCARIO A LIVELLO LOCALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CREDITO BANCARIO A LIVELLO LOCALE"

Transcript

1 GIUSEPPE AMMANNATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA IL CREDITO BANCARIO A LIVELLO LOCALE ABSTRACT L obiettivo di questo lavoro è esaminare le principali caratteristiche del mercato del credito bancario italiano, analizzando le particolarità e le differenze che contraddistinguono le diverse aree geografiche del Paese. Si è posta l attenzione sulla dinamica del credito in Italia, esaminando i principali indicatori di rischio e di razionamento e l evoluzione dei tassi attivi d interesse nelle diverse regioni italiane. È stata eseguita un analisi econometrica con lo scopo di mettere in relazione i tassi d interesse sugli impieghi misurati a livello regionale con alcuni indicatori di rischio e di razionamento calcolati sempre su base regionale, per verificare se e in che direzione questi influenzino la fissazione del tasso. È stata effettuata inoltre un ulteriore analisi econometrica con lo scopo di analizzare le caratteristiche ed il comportamento del mercato del credito in relazione agli impieghi bancari, verificando se il mercato del credito bancario italiano sia razionato. INDICE I Il processo di concentrazione del sistema bancario italiano...3 II Struttura del sistema finanziario italiano...5 III La dinamica del credito in Italia...12 IV Condizioni di erogazione del credito...17 V Il pluriaffidamento in Italia...21 VI Analisi del costo del credito...22 VII Analisi econometrica Le determinanti dei tassi d interesse attivi La domanda e l offerta di impieghi bancari:il razionamento...39 Conclusioni...50 Estratto dalla tesi di laurea di Giuseppe Ammannato presso la facoltà di Economia dell Università degli studi di Parma, Corso di laurea in Economia e Finanza, relatore prof. Giovanni Verga. 1

2 INTRODUZIONE L economia italiana si caratterizza per l esistenza di due formazioni economico-sociali, con diversi livelli di sviluppo e sistemi produttivi: il Nord e il Sud Italia. Il Nord Italia a fronte di un minor tasso d interesse attivo, presenta una minore rischiosità ed un minor livello di razionamento del mercato, mentre la nel Sud Italia situazione è completamente invertita: il costo del finanziamento risulta più elevato, così come la rischiosità ed il livello di razionamento. Questo lavoro si propone di analizzare gli elementi distintivi dei diversi mercati locali, cercando di fornire un quadro rappresentativo dell attuale situazione italiana. Si illustreranno i tratti fondamentali del processo di concentrazione del sistema bancario italiano, fornendo un quadro delle operazioni di fusione, incorporazione ed acquisizione della maggioranza, che hanno determinato una diminuzione del numero delle banche. Si passerà poi ad esaminare la composizione del sistema bancario, descrivendo l evoluzione e la distribuzione delle diverse tipologie di istituti bancari (BCC, S.p.a. e Popolari) nel territorio, osservando la dinamica del numero degli sportelli, (aumentati sensibilmente in tutte le aree del Paese), ed analizzando alcuni indicatori di bancarizzazione che permettono di giudicare il livello di bancarizzazione a livello territoriale. Successivamente si tratterà la dinamica del credito in Italia, presentando l evoluzione degli aggregati degli impieghi, dei depositi e delle sofferenze per macroaree. Si analizzerà inoltre il rapporto tra sofferenze ed impieghi, un utile indicatore utile per valutare la rischiosità insita nell attività di prestito. Si riporteranno inoltre i dati relativi alla dinamica del credito utilizzato ed accordato, soffermandosi sul loro rapporto, che può essere considerato un approssimazione del grado di razionamento nei diversi mercati. Ci si concentrerà poi sul costo del credito in Italia: per prima cosa si valuterà il numero di affidati e l ammontare di credito utilizzato ed accordato in relazione alle classi di tasso d interesse; quindi si analizzerà l andamento dei tassi d interesse attivi, esaminando il differenziale esistente tra Nord e Sud e studiando l evoluzione di tali tassi anche in relazione all ammontare di credito accordato; per ultimo si illustrerà il differenziale esistente tra i tassi attivi e passivi. Si eseguirà un analisi econometrica con il fine di mettere in relazione i tassi d interesse sugli impieghi misurati a livello regionale con alcuni indicatori di rischio e di razionamento calcolati sempre su base regionale, indagando la relazione che lega tra loro il rischio, i tassi attivi ed il razionamento. Si effettuerà un ulteriore analisi econometrica con lo scopo di analizzare le caratteristiche ed il comportamento del mercato del credito in relazione agli impieghi bancari, verificando se l offerta di impieghi, (ossia gli impieghi bancari effettivi), dipenda dal grado di razionamento del mercato, oltre che dai tassi e dal grado di rischio, e quindi se il mercato del credito bancario italiano sia razionato. Si conosce soltanto l offerta di impieghi, ma non la domanda; si dovrà quindi procedere stimando una misura del razionamento che permetta di verificare se la domanda di impieghi risulti superiore all offerta. 2

3 I IL PROCESSO DI CONCENTRAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO I.1 evoluzione del processo di concentrazione bancario in Italia Il processo di concentrazione del sistema bancario italiano ha preso avvio verso la fine degli anni '80 e ha conosciuto una significativa accelerazione nella seconda metà degli anni '90. Nel decennio scorso le operazioni di concentrazione hanno interessato una parte assai rilevante del mercato creditizio italiano. Tra il 1990 e il 2001 si sono avute 387 operazioni di fusione o incorporazione tra banche di cui 240 concluse nella categoria delle Banche di Credito Cooperativo e 166 acquisizioni della maggioranza del capitale, senza sfociare successivamente nell'unificazione giuridica. Analizzando i dati si osserva che le operazioni di concentrazione hanno interessato prevalentemente le banche di credito cooperativo; infatti il 62 per cento delle operazioni di fusione ed incorporazione ha interessato questa tipologia di istituti, banche target con chiara connotazione locale, la maggior parte dei quali situate nel Sud. Sotto il profilo temporale, emerge l'intensificazione del processo a partire dal Questo momento segna anche il diffondersi delle operazioni di acquisizione del controllo, che prima di quella data rimanevano sporadiche. Allo stesso modo, l'entità della operazione è cresciuta nella seconda metà del decennio. Se invece si ragiona in termini di fondi intermediati, tra il 1990 ed il 2001 le fusioni ed incorporazioni hanno rappresentato il 13,71 per cento del mercato, con uno 0,48 per cento del mercato se si considera i fondi intermediati da BCC interessate da queste operazioni; mentre le acquisizioni della maggioranza del capitale hanno interessato il 33,29 per cento sul totale dei fondi intermediati e negli anni più recenti l'acquisto della maggioranza è divenuta quantitativamente prevalente. Ciò si riconduce alla diffusione del modello di aggregazione denominato di tipo federativo. Nel 2001 sono diminuiti il numero delle operazioni di concentrazione (40 rispetto a 57 nel 2000) e la loro rilevanza rispetto ai fondi intermediati (1,6 per cento, rispetto a 6,4 nel 2000). L'analisi del profilo temporale del processo indica che la tendenza alla concentrazione si è avviata prima del varo del Testo Unico del credito e più precisamente a partire dalla legge Amato-Carli sulla privatizzazione delle banche pubbliche. Tuttavia il rafforzamento del processo a partire dal 1994 consente di affermare che la riforma della Legge Bancaria ha accresciuto gli stimoli alla aggregazione fra le aziende, predisponendo anche un quadro normativo più favorevole alla integrazione tra banche di diversa matrice giuridica. I.2 Operazioni di concentrazione, fusione ed acquisizione della maggioranza Di seguito viene presentata l evoluzione temporale del processo di concentrazione bancario italiano, analizzando le operazioni di concentrazione, fusione ed acquisizione della maggioranza che hanno caratterizzato il sistema bancario, esaminando l andamento di queste operazioni anche a livello territoriale (per macroaree). 3

4 Anno OPERAZIONI DI CONCENTRAZIONE NEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Numero di banche Numero sportelli Fusioni e incorporazioni Numero di operazioni Fondi intermediati Numero di di cui:bcc di cui:bcc di cui:bcc operazioni Acquisizione della maggioranza del capitale fondi intermediati ,06 0,02 4 0, ,45 0,03 5 0, ,04 0,01 1 0, ,63 0,05 6 1, ,59 0, , ,57 0,1 19 4, ,47 0, , ,8 0, , ,65 0, , ,39 0, , ,5 0, , ,08 0,06 9 1,55 Totale / / / ,71 0, ,29 Fonte: Banca d Italia, dati Attività di Vigilanza Analizzando le operazioni di concentrazione effettuate nel decennio , si osserva come la quota percentuale di acquisizioni sul totale del Sud ( 38,9 per cento), sia simile a quella del Nord Italia (40,2 per cento). Quindi i processi di acquisizione che hanno interessato le banche meridionali sono risultati simili a quelli relativi ai mercati settentrionali. Ma, esaminando il numero di acquisizioni effettuate all interno dell area, si scopre che nel Sud Italia la quota è del 10,1 per cento, mentre nel Nord sale all 89,9 per cento. OPERAZIONI DI CONCENTRAZIONE PER AREA GEOGRAFICA Aree geografiche Totale Numero acquisizioni all'interno dell'area quota % di acquisizioni sul totale Nord Italia ,2 Centro Italia ,4 Sud Italia ,9 Totale italia Fonte: Banca d Italia, dati Attività di Vigilanza 4

5 Il processo di riallocazione proprietaria ha particolarmente interessato il Mezzogiorno, comportando un forte aumento del peso degli intermediari del Centro Nord nella proprietà delle banche meridionali. Tra il 1990 e il 2001 nel Sud si sono verificate 159 fusioni o acquisizioni di banche cui faceva capo il 12,4 per cento dei fondi intermediati e, di queste operazioni, 36 sono state compiute da banche del Centro Nord, rappresentando un 3,8 per cento dei fondi intermediati. Sempre nello stesso periodo nel Mezzogiorno si sono accertate 60 acquisizioni della maggioranza del capitale, rappresentanti il 57,1 per cento di fondi intermediati, e di queste 51 sono state effettuate da banche del Centro-Nord, con un 52,2 per cento di fondi intermediati. Se si analizza la seconda parte degli anni Novanta, si osserva un accelerazione del processo di concentrazione nel Meridione. Infatti il numero complessivo di operazioni effettuate nel Mezzogiorno tra il 1996 ed il 2001 è stato di 138, contro le 81 operazioni registrate nel periodo precedente ( ). È anche aumentata la quota di operazioni effettuate da banche del Centro Nord: mentre tra il 1990 ed il 1995 rappresentavano il 33,33 per cento delle operazioni realizzate nel Meridione, tra il 1996 ed il 2001 la loro quota è salita al 43,48 per cento. Anche in termini di fondi intermediati si è registrato un significativo aumento nel Sud: si è passati dal 22,7 per cento nel periodo al 73,5 per cento nei sei anni successivi; inoltre è cresciuta notevolmente la quota di fondi intermediati da parte di banche del Centro Nord nel Meridione: si è passati infatti dal 14,3 al 64,3 per cento, ossia dal 63 per cento all 87,48 per cento sul totale dei fondi intermediati nel mezzogiorno. Come conseguenza del processo di concentrazione, il numero delle banche operanti in Italia si è fortemente ridotto. OPERAZIONI DI CONCENTRAZIONE NEL SISTEMA BANCARIO MERIDIONALE Numero di operazioni Fondi intermediati Anni Fusioni e incorporazioni da parte di banche CN Acquisizioni della maggioranza del capitale da parte di banche CN Totale da parte di banche CN ,3 2,3 18, ,7 14, , ,2 73,5 64, ,4 3,8 57,1 52,2 69,5 56 Banche CN: banche del Centro-Nord Fonte: Banca d Italia, dati Attività di Vigilanza II STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO II.1 Composizione del sistema bancario italiano Come conseguenza del processo di concentrazione, il numero delle banche operanti in Italia si è fortemente ridotto. Si è passati da 944 intermediari nel 1996 ad 814 nel

6 Alla fine del 2002 il sistema finanziario italiano annoverava anche altri 529 intermediari vigilati (SGR, SIM e società finanziarie dell elenco speciale di cui all art. 107 del Testo unico bancario.) Delle 814 banche esistenti in Italia, 248 sono banche s.p.a., 40 banche popolari e 461 BCC. Le BCC rappresentano oltre il 50 per cento degli istituti presenti sul paese. Se si analizza l evoluzione nel corso del tempo dei diversi tipi di istituti, si osserva che sia il numero delle banche popolari che delle BCC è diminuito negli anni, mentre il numero delle banche S.p.A. è aumentato, in controtendenza con l andamento complessivo di diminuzione del numero di banche sul territorio. Si osserva inoltre che vi è stata una diminuzione del numero di società di intermediari mobiliari, passati da 191 nel 1998 a 153 nel 2002, mentre le società finanziarie iscritte nell elenco articolo 106 del Testo Unico sono rimaste pressoché stabili. Composizione del sistema bancario % 31% - spa - popolari 57% 5% - BCC - succursali di b estere Fonte: elaborazione dati Banca d Italia, Bollettini Statistici La diminuzione del numero delle banche ha riguardato tutte le aree del Paese. A livello nazionale si è passati dalle 1061 banche esistenti nel 1990 alle 816 del 2002, con una riduzione media del 23 per cento. Ma il calo di istituti bancari è risultato particolarmente accentuato nel Mezzogiorno, dove il numero di banche è passato dalle 313 del 1990 alle 156 del 2002, con una riduzione del 50,2 per cento. Se invece si considera il resto dell Italia, si osserva che nel 1990 il numero complessivo di banche del Nord e del Centro ammontava a 748, mentre nel 2002 le stesse regioni centro-settentrionali contavano 658 banche, con una riduzione del 13 %. Inoltre, alla fine del 2002 oltre la metà delle banche diverse da BCC con sede legale nel Mezzogiorno era controllata da gruppi bancari del Centro Nord, mentre non ci sono invece esempi del caso contrario, ovvero di banche con sede legale nel Centro Nord controllate da gruppi creditizi meridionali. Ciò sottolinea quanto le banche del Centro-Nord si siano espanse nei mercati meridionali. II.1.1 Gruppi bancari Il numero di gruppi bancari in Italia è passato dagli 85 del 1998 ai 76 del 2001, mentre il numero di banche appartenenti a gruppi bancari è aumentato dal 1998 al 2001 del 13 per cento, passando da 200 a 226. Se si analizza la tipologia di banche appartenenti ai gruppi bancari, si nota come più del 50 per cento delle banche capogruppo siano S.p.A. (47 su 76) ed abbiano visto un aumento del 25 per cento delle banche incluse al loro interno, mentre i gruppi capeggiati da banche popolari e BCC sono rimasti pressoché stabili. 6

7 I maggiori gruppi bancari nazionali stanno intensificando il processo di revisione dei loro assetti organizzativi. Gli interventi realizzati e in via di completamento, che hanno interessato le strutture centrali e quelle periferiche, mirano a ridurre i costi, a uniformare le procedure operative informatiche delle varie componenti del gruppo e a sfruttare i vantaggi derivanti dalla specializzazione dell offerta di servizi per segmento di clientela. I principali gruppi bancari si stanno orientando verso modelli caratterizzati da una netta separazione tra l unità di indirizzo e di governo, presso la capogruppo, e le unità operative, che possono assumere la forma di strutture organizzative interne alla capogruppo stessa o di entità giuridiche separate, di norma controllate totalmente. EVOLUZIONE DEI GRUPPI BANCARI NEL TEMPO Tipo capogruppo Gruppi Banche Sportelli Gruppi Banche Sportelli Gruppi Banche Sportelli Gruppi Banche Sportelli Banche spa Banche popolari - controllate spa / / / / BCC Finanziarie di partecipaz Totale Fonte: Banca d Italia, dati Attività di Vigilanza L esigenza di mantenere i legami con il territorio di insediamento spinge i grandi gruppi a valorizzare i marchi acquisiti: nel caso di acquisizioni, il presidio del territorio è assegnato alle banche in esso preesistenti, accentuandone il carattere di banche-reti; nelle fusioni, gli sportelli dell incorporante affiancano al proprio il marchio della banca incorporata. Con riferimento alla funzione creditizia, si registra una progressiva separazione tra attività commerciale, a cui è assegnata la definizione del prezzo e della qualità del servizio fornito, e valutazione del rischio, spesso affidata a strutture separate all interno della banca, collegate funzionalmente con la direzione crediti della capogruppo. Presso quest ultima è accentrato, oltre alla gestione dei rischi creditizi a livello consolidato, lo sviluppo delle metodologie e dei modelli statistici comuni a tutte le banche del gruppo. II.2 Dinamica e evoluzione degli sportelli bancari Nonostante il calo del numero di intermediari, è aumentata la disponibilità di servizi offerti dalle banche. Tra il 1990 e il 2002 le banche hanno notevolmente esteso l operatività sull intero territorio nazionale. Se si analizza i dati raccolti, si osserva che il numero degli sportelli dal 1990 al 2002 è aumentato dell 80,9 per cento, passando a unità. 7

8 Questo aumento ha interessato sia le BCC, che dal 1997 al 2002 sono aumentate del 20 per cento, passando da 2657 a 3191 unità, che le banche s.p.a., che nello stesso periodo sono passate da a 22893, con un aumento del 26,3 per cento Evoluzione numero banche e sportelli in Italia 960 N. sportelli Sportelli (scala sx) Banche (scala dx) N. banche L incremento della rete bancaria è risultato simile in tutta Italia. Tra il 1989 ed il 2002 nel Nord Italia il numero degli sportelli è aumentato del 99,2 per cento, passando da 8661 a unità; nel Centro c è stato un aumento dell 89,1 per cento, passando da 3187 a 6027 unità; nel Sud si è avuto un incremento del 78,6 per cento, passando da 3721 a 6645 unità. Ma se si analizza la quota di sportelli detenuti per area geografica, si scopre che oltre la metà degli sportelli fa capo a banche del Nord, e più precisamente il 57,45 per cento al Nord Italia, il 30,14 al Centro ed il 22,2 al Sud. Ciò testimonia una costante e sensibile concentrazione delle reti nei mercati settentrionali. 22% Sportelli per area geografica 20% 58% Nord Italia Centro Italia Sud Italia II.3 Gli indicatori di bancarizzazione Gli indicatori di bancarizzazione permettono di decifrare ancor più chiaramente il più elevato livello di bancarizzazione nel Centro Nord e la conseguente riallocazione delle reti territoriali a vantaggio dei mercati settentrionali. Il rapporto sportelli per abitante nell ultimo decennio è migliorato in tutta Italia, passando mediamente da 0,27 a 0,53 sportelli ogni mille abitanti. Ma se analizziamo la situazione per macroaree scopriamo che nel Nord Italia si è passati da 0,34 sportelli per mille abitanti nel 1989 a 0,67 nel 2002, mentre nel Sud Italia la copertura di sportelli era 0,18 nel 1989 ed è arrivata a 0,33 nel 2002, la metà della quota coperta nel Nord. 8

9 SPORTELLI PER ABITANTE Aree geografiche Nord Italia 0,34 0,54 0,57 0,59 0,61 0,63 0,66 0,67 Centro Italia 0,29 0,44 0,45 0,47 0,49 0,51 0,53 0,55 Sud Italia 0,18 0,28 0,28 0,3 0,3 0,31 0,32 0,33 Totale Italia 0,27 0,43 0,44 0,46 0,48 0,5 0,51 0,53 Sportelli ogni mille abitanti Fonte: elaborazioni dati Banca d Italia, Istat Anche il rapporto sportelli per chilometro quadrato porta alle stesse conclusioni: la media nazionale è passata da 0,05 sportelli per chilometro quadrato nel 1989 a 0,1 nel Ma se si osserva i dati per aree geografiche si nota come nel Nord si sia passati da 0,07 a 0,144 sportelli per chilometro quadrato dal 1989 al 2002, mentre nello stesso periodo il Sud registrava livelli di 0,03 nel 1989 e 0,54 nel 2002, meno della metà della quota del Nord Italia. SPORTELLI PER CHILOMETRO QUADRATO Aree geografiche Nord Italia 0,07 0,11 0,12 0,125 0,13 0,135 0,14 0,144 Centro Italia 0,05 0,08 0,085 0,088 0,09 0,096 0,1 0,103 Sud Italia 0,03 0,04 0,046 0,05 0,05 0,051 0,053 0,054 Totale Italia 0,05 0,08 0,084 0,087 0,09 0,093 0,097 0,1 Fonte: elaborazioni dati Banca d Italia, Istat Anche il rapporto tra sportelli e PIL per macroaree sottolinea l inadeguatezza delle strutture bancarie del Mezzogiorno in relazione al resto del paese. Il rapporto rimane infatti negli anni sempre più basso per il Nord Italia. RAPPORTO PIL/SPORTELLI PIL Aree geografiche Nord Italia 35,65 33,22 32,43 32,77 Nord Italia Centro Italia 39,37 36,73 36,17 37,22 Centro Italia Sud Italia 39,65 35,99 36,33 37,6 Sud Italia Totale Italia 37,17 34,56 34,02 34,74 Totale Italia Fonte: elaborazione dati Banca d'italia, Istat Conti Provinciali Questi indicatori di copertura del territorio mettono in luce come nell ultimo decennio ci siano stati miglioramenti a livello nazionale, ma nel Sud gli incrementi sono stati molto 9

10 minori rispetto alla media e riflettono un costante aumento del gap dei mercati meridionali rispetto a quelli del Nord in relazione al livello di bancarizzazione. II.4 La stuttura finanziaria delle imprese La struttura finanziaria delle imprese fornisce utili indicazioni in merito alla rischiosità dei prestiti. Il grado di indebitamento delle imprese non finanziarie è espresso dal rapporto tra i debiti finanziari e la somma dei debiti finanziari e del patrimonio netto (leverage). A livello nazionale si è avuta una riduzione di questo indicatore, che è passato dal 53,3 per cento del 1997 al 49,6 del 2000, con variazioni circa simili tra Nord e Sud, anche se alla fine del 2000 il grado di indebitamento era più elevato nel Nord Est (55,6 per cento). Un elevato livello d indebitamento segnala una situazione di fragilità finanziaria, a cui le banche guardano con preoccupazione nella fase in cui valutano se erogare un finanziamento. In rapporto al valore aggiunto i debiti finanziari sono aumentati dal 113,4 al 127,0 per cento a livello nazionale. Questo fenomeno ha riguardato sia il Settentrione che il Meridione, ma è stato più intenso nel Sud, dove è passato dal 131,8 per cento del 1997 al 150,3 del 2000, mentre è passato rispettivamente dal 104,1 al 115,3 per cento nel Nord Ovest, e dal 125,3 al 135,9 nel Nord Est. Questo indicatore, sensibilmente più alto nel Meridione, evidenzia una maggiore rischiosità dell attività bancaria nel Mezzogiorno rispetto al resto del paese. La quota dei debiti bancari sui debiti finanziari è scesa dal 1997 al 2000 dal 65,4 al 64,1 per cento a livello nazionale. La dinamica è stata però differenziata a livello territoriale. L incidenza è salita nelle aree dove già era più elevata, come il Nord Est (dal 70,8 al 71,1 per cento) e il Mezzogiorno (dal 72,5 al 73,5 per cento). È invece diminuita dove era inferiore alla media nazionale: nel Nord Ovest (dal 64,5 al 61,9 per cento) e al Centro (dal 60,3 al 58,7 per cento). Questo indicatore è risultato più elevato nel Meridione e nel Nord Est anche per la più contenuta dimensione media delle imprese. Emerge quindi dalla composizione delle passività delle imprese una prevalenza del ricorso all indebitamento bancario diffusa su tutto il territorio nazionale. Inoltre, i finanziamenti bancari si concentrano, in particolar modo al Nord, sugli strumenti a breve termine. La quota dei debiti bancari a breve termine sul totale dei debiti bancari è passata dal 63,7 per cento del 1997 al 67 per cento del 2000, con valori più elevati per il Settentrione, passato rispettivamente dal 68,1 al 70,6 per cento nel Nord Ovest, e dal 70,4 al 68,4 nel Nord Est, mentre nel Meridione si è passati dal 56,8 per cento del 1997 al 56,1 del La quota dei debiti commerciali sull indebitamento totale è cresciuta dall inizio degli anni novanta di circa sette punti percentuali, al 42,7 per cento. L ampliamento è stato maggiore nel Mezzogiorno. 10

11 Aree geografiche Debiti finanziari / (debiti fin + capitale netto) Debiti bancari / debiti finanziari Nord ovest 52,5 48,9 64,5 61,9 Nord est 56,9 55,6 70,8 71,1 Centro 52,2 46,6 60,3 58,7 Sud 52,6 49,4 72,5 73,5 Italia 53,3 49,6 65,4 64,1 Aree geografiche Debiti bancari a breve / debiti bancari Debiti finanziari / valore aggiunto Nord ovest 68,1 70,6 104,1 115,3 Nord est 70,4 68,4 125,3 135,9 Centro 54 64,2 113,9 133,2 Sud 56,8 56,1 131,8 150,3 Italia 63, ,4 127 Fonte: Banca d Italia, Sintesi economia delle regioni italiane II.5 I tempi i recupero dei crediti In caso di inadempienza del debitore, i tempi di recupero dei crediti rappresentano un elemento importante per i creditori. La bassa efficienza delle procedure giudiziarie, in caso di insolvenza del debitore, determinano tempi lunghi per la conclusione del contenzioso e margini di incertezza elevati sulla quota del credito recuperabile. Queste inefficienze comportano per l intermediazione creditizia costi considerevoli, che finiscono per gravare sia sulle banche, aumentando le spese amministrative e legali e riducendo il valore delle garanzie, sia sulla clientela, innalzando il costo del credito. Una recente indagine condotta dalla Banca d Italia sull attività di recupero dei crediti indica che il costo medio di tale attività è pari a 1,2 euro per ogni 100 euro di prestiti in sofferenza. La sua incidenza sul totale dei costi operativi è superiore al Sud e nelle Isole (rispettivamente 5,3 e 3,1 per cento) rispetto al Centro e, soprattutto, al Nord (rispettivamente 2,7 e 1,8 per cento). I tempi medi di risoluzione del contenzioso in sede giudiziaria variano da quasi tre anni per le procedure esecutive mobiliari a quasi sette per quelle fallimentari. Le procedure esecutive immobiliari hanno una durata più che doppia rispetto a quelle mobiliari. Per tutte le procedure in questione, esclusi i concordati preventivi, i tempi di recupero sono in media superiori al Centro e nel Mezzogiorno rispetto al Nord. Emergono quindi significative differenze a livello territoriale: in particolare, le procedure fallimentari e quelle esecutive (immobiliari) presentano tempi più lunghi nel Centro-Sud rispetto al Nord. Da questo quadro emerge quindi che risulta più difficile la protezione per via legale dei diritti dei creditori nel Sud rispetto al Nord. 11

12 La durata dei processi, più lunga nel Mezzogiorno rispetto al Centro Nord, contribuisce ad innalzare il costo del credito; un aumento del numero di processi pendenti non sembra invece avere effetti significativi sul costo del credito. TEMPI DELLE PROCEDURE DI RECUPERO Tipo di procedure Aree geografiche Nord Ovest Nord Est Centro Sud Italia Procedure esecutive mobiliari 2,8 2,3 2,6 3,1 2,8 Procedure esecutive immobiliari 5,8 5,3 6,6 7,1 6,3 Concordati preventivi 7,4 6 6,2 5,4 6,2 Procedure fallimentari 6,4 6 7,3 7,3 6,8 Accordi privatistici 2,3 2 2,4 2,3 2,1 Fonte: Banca d Italia, Sintesi dell economia nelle regioni italiane 2000 III LA DINAMICA DEL CREDITO IN ITALIA III.1 Evoluzione degli impieghi per macroaree Se si analizza l evoluzione degli impieghi bancari, si osserva che dal 1996 al 2002 gli impieghi sono cresciuti complessivamente del 69,4 per cento, ma con un incremento del 96 per cento nel Nord Italia e del 33 per cento nel Sud. I tassi annuali di crescita degli impieghi sono stati sempre positivi in tutta Italia, ma sono risultati più elevati nel Nord, con una media annuale dal 1996 al 2002 del 12 per cento di crescita, contro il 9,2 per cento dello stesso periodo nel Sud Italia. Inoltre tra il 1996 e il 2001 si è complessivamente ridotta la quota di prestiti bancari indirizzata ad imprese dell area meridionale e centrale a vantaggio dei mercati del Nord Italia. Nel 1996 i prestiti del Sud Italia rappresentavano il 16,8 per cento del totale, contro il 54,7 per cento del Nord Italia. Nel 2002 gli impieghi dell area meridionale risultavano essere il 13,6 per cento del totale, con una flessione di 3,2 punti percentuali, mentre la quota degli impieghi del Settentrione nel 2002 è stata del 62,2 per cento, con un aumento di 7,5 punti percentuali. La redistribuzione degli impieghi a favore delle aree settentrionali suggerisce l ipotesi che parte dell incremento degli impieghi nel Mezzogiorno sia stata canalizzata verso prenditori localizzati nei mercati del Nord Italia, caratterizzato da una migliore dinamica produttiva e da un migliore profilo di rischiosità dei debitori. EVOLUZIONE E TASSO DI CRESCITA DEGLI IMPIEGHI PER MACROAREE Aree geografiche Nord Italia Centro Italia Sud Italia Totale Italia Impieghi Impieghi Impieghi Impieghi Tasso di crescita Tasso di crescita Tasso di crescita Tasso di crescita 9,98 3,68 3,58 7,05 18,3 9,5 9,3 14,3 13,54 2,91 6,06 9,5 17,05 6,5 2,5 12,1 7,2 7,3 3,12 6,65 5,7 5,98 4,8 5,7 Dati in milioni di Euro 12

13 impieghi in mln di euro Quota di impieghi per macroaree Nord Centro Sud Italia L aggregato degli impieghi stato è calcolato comprendendo al suo interno anche le sofferenze, si è quindi considerato gli effetti della elevata mortalità del credito nelle aree meridionali. Se si computa solo gli impieghi vivi, cioè gli impieghi al netto delle sofferenze, si osserva che l andamento degli impieghi netti è stato mediamente simile a quello degli impieghi totali, solo leggermente inferiore in quanto ne manca una sua componente. III.2 Evoluzione dei depositi per macroaree Tra il 1996 ed il 2002 si è registrato a livello nazionale un andamento altalenante dell aggregato dei depositi, con una crescita del 7 per cento nel periodo in esame ed un incremento medio annuale dell 1,2 per cento. Se si considera le macroaree, tra il 1996 ed il 2002 si osserva nel Nord Italia una crescita del 6,3 per cento ed un incremento medio annuale dell 1,7 per cento, contro una crescita del 3 per cento ed un incremento annuale dello 0,75 per cento nel Sud Italia. Nel 1996 la quota di depositi nel nord Italia era pari al 56,8 del totale, contro il 21,7 per cento dei depositi detenuti nel Sud; questi rapporti sono rimasti circa stabili nel Sud Italia Totale Italia EVOLUZIONE E TASSO DI CRESCITA DEI DEPOSITI PER MACROAREE Aree geografiche Nord Italia Centro Italia Dati in milioni di Euro Depositi Tasso di crescita -8-0,03 2,16-0,02 6,2 6,7 Depositi Tasso di crescita -8,1 3,1 5,2 2,9 3,4 6,1 Depositi Tasso di crescita -5,1-1,8-0,01-0,1 7,6 3,9 Depositi Tasso di crescita -7,3 0,2 2,35 0,3 5,8 6 Fonte: Banca d Italia, elaborazione dati Bollettini statistici

14 depositi in mln di euro Quota di depositi per macroaree Nord Centro Sud Italia III.2.1 Distribuzione dei depositi per forma tecnica Tra il 1996 ed il 2001 a livello nazionale si è registrato un aumento della quota di depositi detenuta in forma di conto corrente, si è passati infatti dal 50,7 per cento dei depositi in conto corrente del 1996 al 70,4 per cento nel Anche a livello di macroaree la componente dei depositi in conto corrente risulta caratterizzata da tassi di crescita elevati: si è passati infatti nel Nord Italia dal 53 per cento dei depositi in conto corrente del 1996 al 72,4 nel 2001 e nel Sud Italia si è passati dal 38,6 del 1996 al 60,4 del Nel Nord Italia comunque la quota di depositi sotto forma di conto corrente risulta essere più alta rispetto al Meridione. La diffusione dei conti correnti può essere identificata come un indicatore della propensione delle banche ad intensificare l attività di servizio collegata al rapporto di conto corrente. Il costante aumento della quota dei depositi in conto corrente può essere interpretato come un generico indicatore del grado di bancarizzazione dell area, ed anche come il segnale di una propensione a diversificare la composizione degli attivi finanziari indotta dal comportamento delle banche entrate a seguito di operazioni di acquisizione. Aree geografiche C/c QUOTA DI DEPOSITI IN CONTO CORRENTE altri depositi C/c altri depositi C/c altri depositi Nord Italia ,9 37,1 67,2 32,8 70,8 29,2 71,7 28,3 72,4 27,6 Centro Italia 56,9 43,1 65,3 34,7 73,2 26,8 71,3 28,7 70,6 29,4 74,3 25,7 Sud Italia 38,6 61,4 44,6 55,4 52,2 47,8 54,3 45,7 56,2 43,8 60,4 39,6 Totale Italia 50,7 49,3 59,3 40,7 68,5 31,5 67,6 32,4 68,4 31,6 70,4 29,6 C/c altri depositi C/c altri depositi C/c altri depositi Fonte: Banca d Italia, Sintesi delle note sull andamento dell economia delle regioni italiane Và ricordato che l aggregato dei depositi è al netto della componente obbligazionaria, che rappresenta una quota significativa dei depositi, in quanto ci sono dati relativi alle obbligazioni solo su base nazionale, ma non a livello territoriale. (Il discorso può essere ritenuto valido solo supponendo che obbligazioni siano suddivise equamente per macroaree). 14

15 Composizione depositi in Italia Depositi a risparmio Conti correnti Buoni fr. Fino a 18 m Buoni fr. Oltre 18 m Altri depositi III.3 Rapporto impieghi/depositi L andamento del rapporto impieghi/depositi per macroaree può fornire utili indicazioni in relazione alla direzione segnata dai processi di consolidamento. Va però ricordato che le informazioni ricavabili da tale indicatore hanno valore parziale, perché non si include la raccolta obbligazionaria che nel periodo considerato ha rifornito in maniera rilevante la provvista del sistema, ma per la quale non sono disponibili dati disaggregati a livello locale. Un basso valore del rapporto prestiti/depositi può significare che il mercato regionale è un serbatoio di raccolta che canalizza risorse verso impieghi esterni al mercato stesso. Analizzando il rapporto impieghi depositi per macroaree si osserva come il valore di tale indicatore si mantenga costantemente più basso al sud rispetto al Nord, a sinonimo del fatto che i mercati meridionali possono essere considerati dei mercati di raccolta. Si osserva comunque nell intero periodo un trend ascendente del rapporto impieghi depositi in tutta Italia, (pur rimanendo il Sud a livelli inferiori al Nord). Quindi questo indicatore consente di intravedere gli effetti reali che i processi di ristrutturazione hanno avuto sui mercati bancari meridionali. Una analisi dei bilanci bancari rivela però che gli elevati valori del rapporto impieghi/raccolta al Centro Nord sono ottenuti grazie alla ingente raccolta estera, mentre per le banche con sede legale nel Mezzogiorno l incidenza della provvista estera è invece assai più contenuta. Inoltre il contenuto rapporto impieghi/raccolta registrato nelle regioni meridionali risente anche dell ampia quota di titoli pubblici all attivo degli intermediari con sede legale in quell area, e non solo della cessione di risorse alle imprese del Centro Nord. L economia meridionale è destinataria di ampi trasferimenti, quindi un più contenuto rapporto tra impieghi e raccolta del Mezzogiorno rispetto al Centro Nord costituisce una naturale conseguenza delle diverse modalità di formazione del reddito nelle due aree. RAPPORTO IMPIEGHI/DEPOSITI PER MACROAREE Aree geografiche Nord Italia 1,05 1,25 1,49 1,65 1,94 1,95 1,94 Centro Italia 1,49 1,68 1,79 1,75 1,81 1,88 1,88 Sud Italia 0,89 0,97 1,08 1,15 1,19 1,14 1,15 Totale Italia 1,11 1,28 1,46 1,57 1,75 1,76 1,75 15

16 impieghi/depositi 1,9 1,7 1,5 1,3 1,1 0,9 0,7 Impieghi/depositi per macroaree Nord Centro Sud Italia III.4 Analisi dei prestiti in sofferenza Analizzando l andamento dei prestiti in sofferenza, si osserva un calo di questo aggregato tra il 1996 ed il 2002, a cui hanno contribuito le operazioni di cessione (di crediti inesigibili). A livello nazionale le sofferenze dal 1996 al 2002 sono diminuite del 24,4 per cento, con dati sostanzialmente simili tra Nord e Sud; al Settentrione c è stato un calo del 20,5 per cento delle sofferenze, ed al Meridione del 25 per cento. Il Nord Italia detiene il 36 per cento delle partite in sofferenza a livello nazionale, contro il 38 per cento detenuto dal Sud. Nonostante al Sud gli impieghi siano molto minori rispetto al Nord, la quota di prestiti in sofferenza risulta essere maggiore. Aree geografiche Nord Italia Centro Italia Sud Italia Totale Italia Dati in milioni di euro EVOLUZIONE SOFFERENZE PER MACROAREE sofferenze tasso di crescita 0-3,5-4,7-8,8-13,5 9,6 sofferenze tasso di crescita 5,8 2, ,7-16,6 6,7 sofferenze tasso di crescita 3,3 7,7 0-20,6-8,1-7,8 sofferenze tasso di crescita 2,9 2,3-6,3-14,3-12,2 1,7 Sofferenze per macroaree nel 2002 Sud 38% Nord 36% Nord Centro Sud Centro 26% 16

17 III.5 Rapporto sofferenze/impieghi Il rapporto tra sofferenze e impieghi può essere considerato un indicatore utile per valutare la rischiosità insita nell attività di prestito. Infatti l analisi della qualità degli impieghi bancari permette di spiegare le diversità relative alla disponibilità e al costo del credito bancario. Analizzando il rapporto tra sofferenze ed impieghi dal 1996 al 2002 si nota un trend discendente di questo indicatore su tutto il territorio nazionale, sia al Nord che al Sud. In Italia si è infatti passati da un rapporto del 10 per cento nel 1996 al 4,4 per cento nel ma se si analizza le macroaree si scopre una marcata differenziazione territoriale. Si passa infatti nel Nord Italia da un peso delle sofferenze pari al 6,4 per cento nel 1996 al 2,6 per cento nel 2002, mentre nel Sud si registra valori del 21,7 per cento nel 1996 e del 12,2 per cento nel 2002, con un gap percentuale del 15,3 per cento nel 1996 e del 9,6 per cento nel Quindi nonostante a livello nazionale sia diminuita la rischiosità media insita nell attività di prestito, permane una marcata differenza tra l erogazione del credito nel Nord e nel Sud. RAPPORTO SOFFERENZE IMPIEGHI PER MACROAREE Aree geografiche Nord Italia 6,4 5,8 4,8 4 3,1 2,5 2,6 Centro Italia 9,6 9,7 9,1 7,4 6,2 4,8 4,8 Sud Italia 21,7 21,6 21,3 20,1 15,6 13,9 12,2 Totale Italia 10 9,6 8,6 7,3 5,6 4,6 4,4 Fonte: elaborazione dati Banca d Italia, Bollettini Statistici punti % Rapporto sofferenze impieghi Nord Centro Sud Italia IV CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL CREDITO VI.1 Il credito accordato operativo Il credito accordato operativo è l ammontare del credito direttamente utilizzabile dal cliente in quanto riveniente da un contratto perfezionato e pienamente efficace. Analizzando l evoluzione di questo aggregato si osserva una sua continua crescita. Tra il 1997 ed il 2002 a livello nazionale l ammontare di credito accordato è cresciuto del 55,7 per cento, con un aumento medio annuale del 9 per cento. Ma l intensità della crescita non è stata uguale in tutta Italia. Nello stesso periodo, infatti, il credito accordato è cresciuto nel 17

18 Nord del 62,4 per cento, con un incremento medio annuale del 10,5 per cento, mentre nel Sud Italia è aumentato del 37,2 per cento, con un aumento medio del 6 per cento. Inoltre nel 2002 il l ammontare di credito accordato nel Nord Italia era pari al 68 per cento del totale, contro il 23 per cento del Centro Italia e solo il 9 per cento del Sud Italia. CREDITO ACCORDATO OPERATIVO PER MACROAREE Aree geografiche Nord Italia Centro Italia Sud Italia Totale Italia Fonte: Banca d Italia, Bollettini Statistici Credito accordato per macroaree nel 2002 Sud 9% Centro 23% Nord Centro Sud Nord 68% IV.2 Il credito utilizzato Il credito utilizzato è l ammontare del credito effettivamente erogato al cliente; per le garanzie rilasciate alla clientela corrisponde all importo delle garanzie effettivamente concesse. Osservando l andamento di questo aggregato si scopre, così come per il credito accordato, una sua continua crescita tra il 1997 ed il In questo periodo vi è stato un aumento a livello nazionale del 55,8 per cento, con un incremento medio annuale del 9,1 per cento. Ma anche in questo caso vi sono state disparità riguardo l intensità della crescita. Tra il 1997 ed il 2002 nel Nord Italia si è registrato un aumento del 70,3 per cento del credito utilizzato, con un incremento medio annuale dell 11,7 per cento, mentre al Sud la crescita totale è stata solo del 30,2 per cento, con un aumento medio annuale del 5 per cento. Se si analizza l ammontare di credito utilizzato per macroaree si evidenzia ancor di più la disparità territoriale tra Nord e Sud: nel 2002 il l ammontare di credito utilizzato nel Nord Italia era pari al 65 per cento del totale, contro il 25 per cento del Centro Italia e solo il 10 per cento del Sud Italia. 18

19 CREDITO UTILIZZATO PER MACROAREE Aree geografiche N ord Italia Centro Italia Sud Italia Totale Italia Fonte: Banca d Italia, Bollettini Statistici Credito utilizzato per macroaree nel 2002 Sud 10% Nord Centro 25% Nord 65% Centro Sud IV.3 Rapporto tra credito utilizzato ed accordato Il rapporto tra credito utilizzato ed accordato può essere considerato un indicatore indiretto del razionamento del credito. Un più elevato livello di questo rapporto segnala una situazione di maggiore tensione tra domanda e offerta di credito. È però un indicatore indiretto perché non si riesce a misurare direttamente la quantità di credito domandata dalle imprese, ma solo i volumi effettivi. Và ricordato che il sistema bancario può reagire al rischio di credito razionando la clientela richiedente attraverso una limitazione della quantità disponibile, oppure aumentando il tasso d interesse applicato. Il rapporto tra credito utilizzato ed accordato tra il 1997 ed il 2002 a livello nazionale si è mantenuto stabile, facendo segnare un valore di 67,5 per cento nel 1997 e di 67,7 nel Ma la dinamica di questo indicatore è stata molto diversa a livello territoriale, facendo registrare valori molto più alti nel Mezzogiorno, a testimonianza del fatto che nel Sud si registra una maggiore tensione tra domanda e offerta di credito. Nel Nord Italia questo indicatore ha raggiunto un valore del 62 per cento nel 1997 e del 65 per cento nel 2002 (con un leggero aumento nel periodo in questione), mentre nel Sud questo indicatore toccava punte del 77,9 per cento nel 1997 e del 73,9 per cento nel 2002 (con una diminuzione del rapporto nel periodo in esame. Quindi il gap percentuale tra Nord e Sud, pur rimanendo considerevole, si è ridotto di 7 punti percentuali, passando da 15,9 punti percentuali nel 1997 a 8,9 punti percentuali nel Ciò implica quindi che nel Meridione siano leggermente migliorate le condizioni di erogazione di credito. 19

20 RAPPORTO TRA CREDITO UTILIZZATO E ACCORDATO Aree geografiche Nord Italia 62 61,3 63,3 65,7 65,9 65 Centro Italia 78 76, ,1 74,3 72,8 Sud Italia 77,9 75,4 73,3 74,3 73,9 73,9 Totale Italia 67,5 66,2 66,9 67,9 68,5 67,6 Fonte: Banca d Italia, elaborazione dati Bollettini Statistici Utilizzato/Accordato nel tempo punti % Nord Centro Sud Italia IV.3.1 Rapporto tra credito utilizzato ed accordato per classi di credito accordato Il rapporto tra credito utilizzato ed accordato per classi di credito accordato mette in luce come mediamente si registra un livello più basso di questo indicatore nella classe più piccola di credito accordato, e che il rapporto cresce al crescere della classe dimensionale. Inoltre si registra costantemente valori di questo indicatore più elevati al Sud rispetto al Nord, per ogni classe di accordato. Si registra infatti su base nazionale valori del 48 per cento per la classe più piccola, compresa tra 77,5 e 129,1 milioni di euro, 53,3 per cento per la classe successiva (129,1-516,5 mln), 56,5 per cento per la classe 516, ,9 mln e 59,8 per cento oltre i 25288,9 mln. Si rileva quindi per le minori classi di accordato migliori condizioni di erogazione di credito. punti % Utilizzato/accordato per classi di credito 77,5-129,1 mln 129,1-516,5 mln 516, ,9 mln oltre 25822,9 mln Nord Centro Sud Italia 20

4. IL CREDITO BANCARIO NELLE REGIONI ITALIANE: I PROBLEMI DEL MEZZOGIORNO *

4. IL CREDITO BANCARIO NELLE REGIONI ITALIANE: I PROBLEMI DEL MEZZOGIORNO * 58 4. IL CREDITO BANCARIO NELLE REGIONI ITALIANE: I PROBLEMI DEL MEZZOGIORNO * Il sistema bancario italiano ha sperimentato un intenso processo di ristrutturazione. Di rilievo sono gli obiettivi che hanno

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma gennaio 211 2 1 1 1 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Prestiti bancari alle imprese (1) (variazioni percentuali sui 12 mesi e punti percentuali) -10 2007

Prestiti bancari alle imprese (1) (variazioni percentuali sui 12 mesi e punti percentuali) -10 2007 . IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE..1 I prestiti alle imprese Nei dodici mesi terminanti a giugno 14, i prestiti bancari alle imprese si sono contratti del, per cento al Centro Nord e del,4 per cento nelle

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma dicembre 2013 2 0 1 3 44 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXIX N. 2

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXIX N. 2 Camera dei Deputati - 8 1 - Senato della Repubblica Fondi pensione negoziali. Oneri di gestione.1'* (importi in milioni di euro; valori percentuali sul patrimonio a fine esercizio) Tav. 3.9 Ammontare 2012

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI. Report 3 Trimestre 2012

Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI. Report 3 Trimestre 2012 Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI Report 3 Trimestre 2012 Novembre 2012 INDICE Struttura dell Osservatorio nazionale sul credito per le PMI... Fonti... Executive Summary... Parte I... Analisi

Dettagli

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI . Principali risultati Da alcuni anni, la Banca d Italia svolge un indagine sull onerosità dei conti correnti, basata sui costi effettivamente sostenuti da un campione rappresentativo di clienti nel corso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA S.C.R.L./BANCA POPOLARE DI BERGAMO S.C.R.L. LA BANCA D ITALIA

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA S.C.R.L./BANCA POPOLARE DI BERGAMO S.C.R.L. LA BANCA D ITALIA Provvedimento n. 48 del 9 agosto 2003 BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA S.C.R.L./BANCA POPOLARE DI BERGAMO S.C.R.L. LA BANCA D ITALIA VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTI il regolamento CEE

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma luglio 2013 2 0 1 3 22 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

14. GLI INTERMEDIARI CREDITIZI

14. GLI INTERMEDIARI CREDITIZI 1. GLI INTERMEDIARI CREDITIZI Nel i prestiti bancari hanno registrato un accelerazione, dovuta alla forte domanda di fondi da parte delle imprese alimentata dalla ripresa dell attività produttiva; il credito

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Giorgio Gobbi Servizio Stabilità Finanziaria della Banca d Italia

Giorgio Gobbi Servizio Stabilità Finanziaria della Banca d Italia RECUPERARE IL CREDITO: I RISULTATI DI UNA (NUOVA) INDAGINE DELLA BANCA D ITALIA Giorgio Gobbi Servizio Stabilità Finanziaria della Banca d Italia 1 Numero Link al lavoro 311 1991 1992 1993 1994 1995 1996

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 21 L economia del Molise I prestiti bancari È proseguito il calo dei prestiti bancari,

Dettagli

Innovazione e crescita nel sistema bancario

Innovazione e crescita nel sistema bancario Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Innovazione e crescita nel sistema bancario Intervento del Governatore della Banca d Italia Antonio Fazio Roma, 23 giugno 2000 Sommario pag. Il risparmio

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Questioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) Il mercato del credito alle famiglie dopo cinque anni di crisi: evidenze dall indagine sui loro bilanci di Silvia Magri e Raffaella Pico Ottobre 2014

Dettagli

8. Dati finanziari e bancari

8. Dati finanziari e bancari 8. Dati finanziari e bancari Roma rappresenta dopo Milano il principale Centro finanziario del Paese con 46 Istituti creditizi, 1.988 sportelli bancari, 91 miliardi di euro depositati in banca (pari al

Dettagli

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o C R E D I T O 1 S e c o n d o i dati elaborati da Bankitalia per local i z z a z i o - ne della clientela, a fine giugno 2004 è stata registrata in provincia una crescita tendenziale degli impieghi 1 pari

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

Credito alle famiglie e stabilità finanziaria

Credito alle famiglie e stabilità finanziaria ABI Assofin Convegno Credito al credito Credito alle famiglie e stabilità finanziaria Intervento del Vice Direttore Generale della Banca d Italia Salvatore Rossi Roma, 27 novembre 2012 Sommario Pag. Il

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

...... Osservatorio su fallimenti,

...... Osservatorio su fallimenti, ...... Osservatorio su fallimenti,...... Nel settembre del 212 sono entrate in vigore alcune modifiche al concordato preventivo, la procedura attraverso la quale l'imprenditore cerca di superare la crisi

Dettagli

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria

La finanza d impresa in Italia: banche e mercato. Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria La finanza d impresa in Italia: banche e mercato Paolo Finaldi Russo Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria Perugia, 16 aprile 2015 Traccia dell intervento Punti di debolezza della struttura finanziaria

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Assessorato dell Economia. Regione Siciliana. Dipartimento delle Finanze e del Credito. Osservatorio Regionale. Rilevazione tassi di interesse

Assessorato dell Economia. Regione Siciliana. Dipartimento delle Finanze e del Credito. Osservatorio Regionale. Rilevazione tassi di interesse Assessorato dell Economia Regione Siciliana Dipartimento delle Finanze e del Credito Osservatorio Regionale Rilevazione tassi di interesse Rapporto trimestrale APRILE/GIUGNO 2011 Assessorato dell Economia

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO. Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria

SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO. Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria 1 SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO Di Michela Mantovani (bozza) Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria Per ricercare le ragioni del deficit di sviluppo e per

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie Indagine sulle imprese industriali e dei servizi Anno di riferimento 2010 Nuova serie Anno XXI - 28 Luglio 2011 Numero 37 INDICE Introduzione...

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

4. IMPIEGHI BANCARI E MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE: DUE CONTRIBUTI

4. IMPIEGHI BANCARI E MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE: DUE CONTRIBUTI 58 4. IMPIEGHI BANCARI E MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE: DUE CONTRIBUTI In questo capitolo vengono presentati due contributi specificamente diretti ad affrontare questioni di rilievo sulla gestione dell

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 1. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 1. LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati dell operazione di incrocio massivo e completo

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Credito, garanzia e impresa

Credito, garanzia e impresa FEDERCONFIDI Credito, garanzia e impresa Stefano Mieli Direttore Centrale dell Area Vigilanza Bancaria e Finanziaria Torino 26 novembre 2011 Indice 1. Il ruolo dei confidi: elementi di forza e criticità

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

Accesso al Credito: Evoluzione e prospettive

Accesso al Credito: Evoluzione e prospettive Accesso al Credito: Evoluzione e prospettive Fausto Fontanesi Bologna 1 Dicembre 2015 Come si è modificato il sistema finanziario Italiano durante questa lunga crisi Agenda Effetti della crisi sul sistema

Dettagli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli IL FIDO BANCARIO Prof. Pietro Samarelli In questo modulo: il fido bancario e le sue classificazioni modalità di utilizzo regole tecniche e amministrative dei fidi la Centrale dei rischi i Confidi Basilea

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2014 Pisa, 15 maggio 2015. Tra il 2013 ed il 2014 il numero di sportelli bancari attivi in provincia di Pisa segna un ulteriore contrazione passando

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II Presentazione del Rapporto L Economia della Campania nel 2008 redatto dalla Sede di Napoli della Banca d Italia Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese X Convention ABI Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 6 novembre 2006 Sommario Pag. Premessa...5

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI TECNOBORSA

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI TECNOBORSA N 130 15/04/2015 UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI TECNOBORSA COMPRAVENDITE Prezzi delle abitazioni: IV trimestre 2014 Istat Un annualità per acquistare casa Tecnocasa

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione AUDIZIONE COVIP (Presidente facente funzione dott. Bruno Mangiatordi) TESTO DELL'INTERVENTO Indagine conoscitiva sulla crisi finanziaria internazionale

Dettagli

Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012. settembre 2013 - numero 3

Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012. settembre 2013 - numero 3 Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012 settembre 2013 - numero 3 Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012 Numero 3 - settembre 2013 Questo fascicolo presenta una sintesi dei risultati dell

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Roma, dicembre 2014 Premessa La CONFAPI - Confederazione della Piccola e Media Industria privata, ha promosso un'indagine a campione rivolta

Dettagli