Il crollo dei regimi di cambio fisso (Dott. Alessandro Gambini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il crollo dei regimi di cambio fisso (Dott. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.it)"

Transcript

1 Universià Poliecnica delle Marche Diparimeno di Economia Corso di Economia Monearia Inernazionale Il crollo dei regimi di cambio fisso (Do. Alessandro Gambini Dopo il crollo del sisema di cambi fissi di Breon Woods nel 1971 mole economie hanno cercao di sabilizzare le proprie value sui mercai inernazionali insaurando regimi di cambio fisso che in un gran numero di casi sono crollai in seguio ad aacchi speculaivi che hanno esaurio le riserve valuarie dei paesi soo aacco. Gli aacchi speculaivi non sono cero una novià (la Bank of England è saa aaccaa dagli speculaori nel 1931, 1949 e 1967), ma sono divenui sempre più imponeni e difficili da conrasare con lo sviluppo e l inegrazione dei mercai finanziari a parire dagli anni 70 e soprauo nell ulimo decennio del secolo scorso; la frequenza degli episodi di crisi valuaria con conseguene crollo dei regimi di cambio fisso in vigore ne è una conferma: Messico e Argenina negli anni 70 e 80, il Sisema Moneario Europeo (SME) nel 199 e 1993, Messico nel 1994, le Tigri del sudes asiaico nel 1997, Russia (1998), Brasile ( ), Turchia (001). Tale elenco si riferisce solo agli episodi in cui l aacco speculaivo si è concluso con l effeiva svaluazione del asso di cambio nominale, ma sarebbe molo più lungo se considerassimo una definizione di crisi valuaria (o della bilancia dei pagameni) più ampia includendo anche i numerosissimi episodi in cui le auorià nazionali riescono a difendere la propria valua soo pressione degli speculaori araverso la vendia di ingeni quanià di riserve ufficiali o un fore aumeno dei assi di ineresse. Approfondimeno n 1: i regimi di cambio fisso In un regime di assi di cambio fissi il canale esero di creazione della base monearia (monea) funziona, ma la Banca Cenrale ne perde il conrollo. Il saldo globale della bilancia dei pagameni è il canale esero di creazione della base monearia ed influisce sullo sock di riserve ufficiali di valua esera e, quindi, sulla componene esera della base monearia (RUN* =BP*). Se la bilancia dei pagameni è in aivo, gli incassi dell economia dall esero sono maggiori dei pagameni dell economia verso l esero, gli operaori ricevono valua esera in quanià maggiore di quella che devono pagare e si ha dunque un eccesso di offera di valua esera (il che è equivalene ad un eccesso di domanda di valua inerna). Affinché l eccesso di offera di valua esera non pori ad una ensione sul prezzo della divisa con conseguene apprezzameno della sessa, la BC deve rispondere al surplus di bilancia dei pagameni con un riiro di valua esera e conemporanea creazione di base monearia. Un defici della bilancia dei pagameni per moivi analoghi, ma opposi si raduce in una vendia di riserve in divisa e nella disruzione di base monearia conseguene al riiro della sessa da pare delle auorià monearie. Se ciò non accadesse l eccesso di domanda di valua esera (eccesso di offera di valua inerna) porerebbe ad un deprezzameno della divisa inerna

2 Dao se BP>0 (incassi > pagameni, eccesso offera $) RUN e BM creo BM Dao se BP<0 (pagameni >incassi, eccesso domanda $) RUN e BM disruggo BM Dunque, il saldo globale della bilancia dei pagameni riflee la variazione delle riserve e quindi della componene eserna della base monearia. In queso meccanismo le auorià di poliica monearia perdono il conrollo sul canale esero di creazione della base monearia, cioè sulle riserve in divisa, perché la Banca Cenrale ha come unico scopo il manenimeno del asso di cambio su cui si è impegnaa. Al asso prefissao la BC deve essere, infai, prona a scambiare qualunque ammonare di valua nazionale ed esera per eliminare gli eccessi di domanda ed offera di valua esera e manenere fisso il asso. Approfondimeno n : aacco speculaivo È una siuazione in cui, in aesa di una svaluazione, si verifica una fuga di capiali dal paese la cui valua è soo aacco. Gli speculaori si coordinano, vendono la valua inerna in odore di svaluazione per comprare valua esera nell aesa di poer rivendere ale valua esera ad un prezzo più alo in ermini di valua inerna (cioè il asso di cambio 1 ) dopo che la svaluazione si è effeivamene realizzaa. La domanda di valua esera aumena e la banca cenrale deve reagire o vendendo le proprie riserve in valua o alzando i assi di ineresse o in ulima isanza svaluando il asso di cambio. Il uo avviene senza grandi rischi per gli speculaori perché, se le auorià monearie riescono a difendere il asso di cambio e la svaluazione non si verifica, gli speculaori si riroveranno con la sessa quanià di valua inerna per lo più diminuia dei cosi di ransazione. Esempio: supponiamo che il asso peso/dollaro sia inizialmene 1 a 1 e che ci si aenda una svaluazione del Peso messicano. L azione speculaiva consise nel vendere ad esempio 1000 pesos a frone di dollari americani al prezzo di 1 a 1 e, una vola che la svaluazione si è verificaa e il asso di cambio è salio a 1, pesos per dollaro, rivendere i 1000 dollari in cambio di 100 pesos, con un guadagno neo (ralasciando i cosi di ransazione) di 00 pesos (0%). Su quesa base si insaura poi la praica dell indebiameno che conferisce una sora di effeo leva all azione speculaiva. Se disponiamo inizialmene di 1000 dollari chiediamo in presio a brevebrevissimo ermine sui mercai finanziari pesos a assi di mercao (quindi molo conenui), ponendo come garanzia i nosri 1000 dollari. Se il cambio è 1 a 1 disporremo ora di pesos con i quali poremo operare come sopra con la differenza che il nosro guadagno neo sarà molo maggiore (vedi esempio pag. 341 Colombo Lossani), sempre con un rischio molo ridoo al massimo equivalene ai cosi di ransazione ed agli ineressi passivi su un periodo molo ridoo. Queso spiega la fuga di capiali che precede ogni crisi della bilancia dei pagameni; gli speculaori rischiano pochissimo a frone di possibili guadagni molo ingeni. Di frone a quesi aacchi le auorià monearie rispondono in due modi per difendere la parià: 1. vendendo le proprie riserve di valua esera che sono finie, anche se esise (per lo meno esiseva all inerno dello SME) la possibilià da pare di una banca cenrale di chiedere in presio riserve valuarie ad alre isiui cenrali per resisere all aacco. Si sima che il Regno Unio abbia speso 7 miliardi di $ delle sue riserve per difendere la sua posizione all inerno del SME durane l aacco speculaivo alla serlina nel seembre 199. L inerveno delle auorià monearie messicane a supporo del asso di cambio peso-dollaro 1 In quesa dispensa uilizziamo la definizione incero per cero del asso di cambio, cosicché un deprezzameno della valua inerna corrisponde ad un incremeno del asso di cambio e viceversa. - -

3 durane la crisi del 1994 è sao pari a 50 miliardi di $, ma ciò non è basao ad eviare il collasso del peg fra le due value alla fine del medesimo anno.. rispondere all aacco alzando i assi di ineresse isananei in modo ale da rendere roppo cososo agli speculaori prendere posizioni core nella valua soo aacco (indebiarsi per vendere valua inerna di cui non disporrebbe alrimeni): la Svezia durane l aacco del seembre 199 ha aumenao il asso overnigh per alcune ore al 500%. Aumeni così grandi dei assi di ineresse in ermini assolui sono sai rari e comunque sempre di breve duraa, ma in alri casi le banche cenrali hanno dovuo alzare i propri assi di scono di alcuni puni per un periodo prolungao per difendersi da aacchi speculaivi. Misure di queso ipo hanno però effei reali foremene negaivi per le economie che li adoano in ermini di cadua degli invesimeni ed in ermini di spese per ineressi derivani dall indebiameno pubblico (debio e defici pubblici) e privao (obbligazioni privae, muui) dell economia. In quese lezioni ci occuperemo di quegli episodi di crisi valuaria che si sono conclusi con un crollo del regime di cambio fisso vigene prima dell aacco speculaivo, ralasciando quindi quei casi in cui le auorià monearie sono riuscie a difendere l impegno di cambio fisso. Quesi episodi sono sai paricolarmene frequeni nell ulimo decennio del secolo scorso, ma le economie dei paesi colpii presenavano caraerisiche diverse comprendendo una serie di economie dell America Laina, per le quali gli economisi hanno soolineao delle evideni incongruenze fra la condoa della poliica macroeconomica ed un impegno di cambio fisso, alcune paesi sviluppai europei, per i quali non sono sae rinracciae ali incongruenze ma per le quali esiseva per le auorià una enazione a svaluare o ad abbandonare il peg al fine di poer perseguire una poliica inerna più espansionisica ed infine economie in via di sviluppo, come le igri del sud-es asiaico nelle quali i fondamenali macroeconomici sembravano fori e la poliica macroeconomica coerene con un regime di cambio fisso. Una florida leeraura è emersa su quesi argomeni negli ulimi anni per spiegare ali crisi valuarie, il iming e le cause degli aacchi speculaivi. I re principali filoni di quesa leeraura corrispondono ai re casi sopra menzionai; i modelli di crisi valuarie che ne sono emersi sono sai classificai in modelli di prima, seconda e erza generazione. I modelli di prima generazione Quesa classe di modelli è naa per spiegare le crisi valuarie che hanno caraerizzao numerosi paesi in via di sviluppo, in paricolare dell America Laina, che avevano adoao regimi di cambio fisso durane gli anni 70 ed 80. A queso fine prendono in considerazione come faori comuni i consiseni e prolungai defici di bilancio ipici di quesi paesi. Senza un adeguaa disciplina fiscale ali defici devono essere finanziai da una moneizzazione del debio domesico, che conduce alla progressiva erosione delle riserve valuarie fino alla crisi del regime di cambio fisso. I principali riferimeni sui modelli di prima generazione sono Krugman (1979) Journal of Money, Credi, and Banking (vol. 11, pp ); Flood e Garber (1984) Journal of Inernaional Economics (vol. 17, pp.1-13). Gli effei negaivi di un aumeno dei assi di ineresse sull indebiameno sono ano maggiori quano maggiore è la quoa del debio a asso variabile e ano minore è la sua duraa media. Durane la crisi dello SME, l Ialia aveva un debio pubblico elevao (più del 110% del PIL) caraerizzao da una duraa media breve (3 anni circa). Il Regno Unio, invece aveva problemi in ermini di sruura dei assi perché una consisene pare sia del debio pubblico sia dei muui privai era a asso variabile (conseguenze negaive sia sul debio pubblico sia sul mercao immobiliare)

4 Il modello è un ipico modello moneario a prezzi flessibili, in cui le variabili del modello (ecceo il asso di ineresse) sono in logarimi. L analisi del modello pare dall enunciazione delle ipoesi e prosegue con la presenazione delle equazioni e dunque dei risulai del modello sesso. Ipoesi del modello: 1. La condizione di parià del poere d acquiso (PPP) 3 sabilisce che due panieri di beni idenici vendui in paesi diversi devono avere lo sesso prezzo, quando queso è misurao con una valua comune: p = p * + s (1) * dove p, p e s rappresenano rispeivamene i logarimi dei livelli dei prezzi inerni, dei prezzi eseri e del asso di cambio.. i soggei economici sono doai di perfec foresigh (informazione perfea), cioè non commeono errori di previsione ed il asso aeso di variazione percenuale del prezzo (asso di deprezzameno/apprezzameno) della valua domesica coincide con il asso di variazione percenuale effeivo 4 : s e = s () 3. La condizione di parià scopera dei assi di ineresse (UIP) 5 sabilisce che il asso di ineresse sulle aivià domesiche è pari al asso di ineresse su analoghe aivià esere più il asso di variazione percenuale (deprezzameno/apprezzameno) aeso della valua domesica: * e * i = i + s = i + s (3) dove i, * e i e s rappresenano rispeivamene il asso di ineresse inerno, il assi di ineresse esero ed il asso aeso di variazione percenuale (del prezzo) della valua domesica. 4. Il asso di cambio nominale è fissao ad un livello s = s, quindi il asso di deprezzameno della valua domesica è 0: ds = s = 0 (4) d 5. il governo inerno si compone di seori: un seore fiscale che produce un defici di bilancio prolungao finanziandolo emeendo nuovo debio incassando di conseguenza dal seore privao o moneizzando il defici pubblico, cioè creando nuova monea per finanziare l acquiso di beni e servizi da pare dello Sao un seore moneario che ha obieivi: manenere l impegno sul asso di cambio e moneizzare pare del defici fiscale acquisando un flusso cosane di ioli pubblici; il secondo obieivo ha precedenza sul primo 3 Purchasing Power Pariy. Tre ipoesi sono alla sua base: i) non ci sono cosi di rasporo, ii) i beni sono commerciabili iii) i mercai dei beni sono perfeamene compeiivi in enrambi i paesi. 4 Il simbolo s sa ad indicare il asso di crescia del asso di cambio, cioè la derivaa del asso di cambio rispeo al empo. È imporane ricordare che il asso di crescia del logarimo di una variabile equivale al asso di variazione percenuale della variabile in livelli. 5 Uncovered Ineres Pariy. Le re ipoesi su cui si basa sono le segueni: i) perfea mobilià dei capiali, ii) assenza di cosi di ransazione, iii) le aivià finanziarie sono perfee sosiue

5 6. le riserve valuarie sono in quanià finia e nel caso vadano esaurie le auorià hanno come unica opzione l abbandono dell impegno di asso di cambio fisso. 7. lo sock di credio inerno della BC cresce ad un asso cosane pari a >0: b = µ (5) dove b è il asso di crescia del credio domesico. Modello L equilibrio del mercao moneario richiede che l offera reale di monea sia uguale alla domanda reale di monea: m p = y k i (6) dove k k > 0 indicano rispeivamene il logarimo dello sock di monea, il logarimo del reddio di piena occupazione e la semi-elasicià della domanda di monea rispeo al asso di ineresse inerno. m, y ed ( ) Inolre, il vincolo di bilancio di una banca cenrale sabilisce l idenià fra lo sock di monea M da una pare e la somma del volume di credio inerno (B ) e dell ammonare delle riserve valuarie (RU ) dall alra: M = B + RU (7) Tale idenià nel modello di Flood e Garber (1984) è approssimaa dall equazione: M = B + RU la cui rasformazione logarimica è daa da m γ ( 1 γ ), (8) ( ) ru = γ b + 1 γ, (9) dove 0 < γ < 1, menre b e ru sono i logarimi del credio inerno e delle riserve. Ora, inserendo la (1), (3) e (4) nella (6) oeniamo m p s = y k i k s = y k i (10) * * * Normalizzando il livello dei prezzi a 1 (ed il suo logarimo a 0), poichè s = m y + k i = γ * s = s ed inserendo la (9) * γ b + ( ) ru y + k i s = b + ( γ ) ru A 1 γ 1 (11) * dove A è un faore cosane perché y ed i sono delle cosani per l economia inerna. La (11) mosra un risulao illuminane per la spiegazione la dinamica delle riserve valuarie: se il asso di cambio è fisso, in seguio ad una poliica fiscale espansionisica con creazione di defici pubblico la banca cenrale deve moneizzare il defici (creare base monearia per comprare ioli pubblici) e quindi deve aumenare il credio inerno, ma, dao che il asso di cambio deve resare fisso, deve - 5 -

6 conemporaneamene diminuire lo sock di riserve valuarie così da bilanciare il mercao moneario. 6 Una crescia cosane del credio inerno deve equivalere ad una diminuzione cosane delle riserve che, essendo in quanià finia, prima o poi si esauriranno cosringendo le auorià monearie a rompere l accordo di cambio. ( γ ) * s + y k i γ b Dalla (11) si ricava ru =, da cui assumendo θ = 1 si oiene che le ( 1 γ ) γ riserve decrescono ad un asso proporzionale al asso di crescia del credio inerno: µ r u =. (1) θ Dunque, una siuazione in cui le auorià monearie moneizzano il debio e conemporaneamene manengono un accordo di cambio di fisso non è sosenibile nel empo perché si arriverà ineviabilmene all esaurimeno delle riserve. Tuavia il modello di Flood e Garber (4) dimosra come il regime di cambio fisso non finisce per un naurale collasso al ermine del cosane processo di decremeno delle riserve, ma prima a causa di un aacco speculaivo che elimina isananeamene le rimaneni riserve. Infai, poiché la legge di movimeno delle riserve è noa, gli operaori del mercao possono calcolare l isane in cui si esauriranno nauralmene le riserve e le auorià monearie saranno cosree a svaluare. Ageni razionali roveranno, dunque, conveniene indebiarsi in valua inerna per acquisare valua esera un momeno prima dell esaurimeno, in modo da realizzare un profio nel momeno della svaluazione e del passaggio al regime di cambi flessibili. 7 L aacco speculaivo verrà dunque condoo prima dell esaurimeno naurale delle riserve e, quindi, prima dell abbandono del regime di cambio fisso per esaurimeno riserve. Il problema è che, sapendo ciò ed avendo informazione perfea, gli speculaori incominceranno ad aaccare la valua ancora prima di un momeno prima dell esaurimeno delle riserve. Queso ragionameno a riroso porebbe essere ripeuo all infinio da pare degli speculaori, finanoché esise la possibilià di oenere un profio neo dall operazione speculaiva per cui si pone il problema di sabilire il momeno preciso dell aacco da pare degli speculaori. Per deerminare il momeno dell aacco inroduciamo il conceo di asso di cambio ombra ( s~ ), cioè il asso di cambio che si realizzerebbe se lo sock di riserve valuarie si esaurisse ed il asso di cambio fosse lasciao libero di fluuare. In ermini analiici corrisponde al caso in cui ru = 0 e si può dimosrare (si veda Appendice Colombo Lossani pag. 375 e segueni) che il asso di cambio ombra ha un asso di crescia cosane (γµ ) proporzionale al asso di crescia del credio inerno (vedi Figura 1): 8 6 È in sosanza una riaffermazione dell inefficacia della poliica monearia in un regime di cambi fissi con perfea mobilià dei capiali. L offera di monea è endogena, cioè deerminaa dal modello e non è una scela dell auorià di poliica monearia: se espando la base monearia via il canale del credio inerno sarò cosreo al fine di manenere fisso il asso di cambio ad una conrazione della sessa base monearia via una vendia delle riserve valuarie e conseguene disruzione di base monearia. 7 In un regime di cambi flessibili il canale eserno di creazione della monea scompare perché lascio variare il asso di cambio e manengo un obieivo di quanià; dunque una poliica monearia espansiva deermina un eccesso di offera di valua inerna che si raduce via il canale dei assi di ineresse in un deprezzameno della valua. 8 Inolre il asso di cambio cresce allo sesso asso della monea: s = m perché la derivaa rispeo al empo di kγµ è 0 e quindi d~ s dm =. d d - 6 -

7 ~ s = kγµ + e s ~ = γµ. (13) m Osservando la Figura 1 è possibile inuire come gli speculaori non aaccheranno mai la valua se ~ s <, perché comprerebbero la valua esera ad un asso s maggiore di quello a cui la s 0 0 rivenderebbero dopo la svaluazione; non c è nessun incenivo all aacco perché si incorrerebbe in perdie in cono capiale. Se ~ s > s 1 1, esise un opporunià per profii infinii comprando valua esera al asso di cambio fisso e rivendendola al asso di cambio ombra più alo dopo la svaluazione. Il problema è che gli infinii profii in cono capiale sono incompaibili con la perfec foresigh. Poiché gli operaori anicipano che al empo 1 un opporunià di infinii guadagni esaurirebbe ue le riserve isananeamene, essi avranno l incenivo di comprare valua esera un momeno prima di 1. Siccome ui gli invesiori ragionano e si comporano nello sesso modo, la compeizione fra di essi assicura che l aacco avvenga esaamene nel momeno in cui il asso di cambio ombra coincide con il asso di cambio fisso: ~ s =. A parire da ale momeno il asso di crescia del C s C asso di cambio µγ è proporzionale al asso di crescia del credio inerno µ, per cui gli speculaori realizzano un guadagno in cono capiale rivendendo la valua esera compraa al asso di cambio ombra che si deprezza al asso µγ. Nell Appendice al cap. 11 del Colombo Lossani si dimosra come il momeno dell aacco speculaivo (equazione (14)) è ano più disane nel empo ano maggiore è il livello di riserve valuarie iniziali ru0 e ano minore è il asso di crescia del credio inerno µ, menre il livello delle riserve al momeno dell aacco (equazione 15) è posiivo. C = ( 1 ) ru γµ γ 0 k (14) r C µ kγ = 1 γ (15) La Figura ci mosra come prima dell aacco il asso di cambio è fisso, l offera di monea cosane, il credio inerno cresce ad un asso µ, menre le riserve valuarie decrescono ad un asso µ θ. Nel momeno in cui il asso di cambio ombra eguaglia il asso di cambio fisso scaa l aacco speculaivo che pora all immediao esaurimeno delle riserve e ad una idenica riduzione della monea. Dopo l aacco, il asso di cambio e la monea crescono allo sesso asso µγ proporzionale al asso di crescia del credio inerno µ ; gli speculaori possono realizzare i profii cercai perché hanno comprao a s~ e rivendono ad un asso maggiore dao che la poliica di C finanziameno del defici pubblico si raduce in cambi flessibili in un deprezzameno del asso di cambio. Riassumendo, i modelli di prima generazione suggeriscono che, in presenza di informazione perfea e di una incompaibilià ra la poliica di bilancio e la poliica di cambio, la crisi - 7 -

8 valuaria è ineviabile e prevedibile 9 ; è, infai, possibile prevedere con esaezza il iming della sessa crisi che avviene a causa di un aacco speculaivo prima dell esaurimeno naurale delle sock finio di riserve. I modelli di seconda generazione I modelli di prima generazione presenano due difei: innanziuo riraggono i policy-makers come ageni passivi che seguono regole meccaniche e non hanno nessuna preoccupazione circa la sosenibilià nel lungo periodo dell impegno sul asso di cambio; in secondo luogo l evidenza suggerisce che mole crisi valuarie receni non sono sae precedue da un cosane declino delle riserve valuarie, anzi esse sembrano essersi verificae nonosane un assenza di squilibri fondamenali e l apparene capacià delle auorià monearie di difendere la valua inerna. È il caso della crisi dello SME che ha colpio fra il 199 ed il 1993 quasi ue le value parecipani a ale accordo di cambio fisso con parià fluuani. La caraerisica fondamenale dei modelli di seconda generazione è che un aacco speculaivo può aver successo anche quando la poliica monearia e fiscale è coerene con l impegno di asso di cambio fisso, nel senso che non c è un iniziale perdia di riserve derivane da incompaibilià di obieivi. Ci deve essere, comunque, una enazione per le auorià monearie a svaluare la monea o anche ad abbandonare l impegno di asso di cambio al fine di perseguire una poliica inerna più espansionisica. A differenza delle crisi di prima generazione in cui il policy-maker incapace di difendere la propria valua subisce la crisi valuaria, in queso caso il policy-maker si compora in maniera oimizzane nel senso che decide volonariamene di uscire dall accordo di cambio fisso sulla base del rade-off fra manenere l impegno poliico di cambio fisso, a coso di aumenare pericolosamene il livello dei assi di ineresse ed alri obieivi, come la riduzione della disoccupazione e la sabilià del sisema finanziario. La considerazione dei cosi di difesa dell impegno sul cambio inroduce nello sudio delle crisi valuarie il problema della credibilià della poliica economica e delle aspeaive del mercao sul comporameno del policy-maker. Infai, anche quando i cosi poliici di abbandono del cambio sono ali 10, il solo fao che il mercao rienga i cosi di manenimeno del cambio roppo pesani e sappia che le auorià sono enae di svaluare rende l accordo di cambio poco credibile con consegueni aacchi speculaivi ramie i quali le aspeaive di svaluazione si auo-realizzano (selfulfilling expecaions). Il principale riferimeno sui modelli di seconda generazione è Obsfeld (1994), The Logic of Currency Crises, NBER Working Paper n Modello di Obsfeld: il governo assume un impegno sul asso di cambio e decide se manenerlo o meno sulla base di una funzione di perdia con la quale il policy-maker desidera minimizzare le deviazioni del asso di cambio da due valori arge ed il coso di abbandono dell impegno di cambio. Il policy-maker confrona la funzione di perdia associaa ai vari casi e sceglie la soluzione che minimizza le perdie. 9 Inroducendo l elemeno di incerezza al poso dell informazione perfea il risulao cambia nel senso che, pur essendo la crisi sempre ineviabile a causa delle incongruenze a livello di poliica di bilancio e di cambio, gli speculaori possono prevedere solo in media l andameno delle riserve e dunque il momeno esao della crisi. 10 I cosi poliici di una svaluazione possono essere visi come la perdia di presigio e credibilià sul frone inernazionale che un governo deve sopporare in seguio ad una roura del precedene impegno di asso di cambio

9 e { ( sˆ s) + β ( s s)} + C( s) L = α (15) La funzione di perdia è composa di re pari: 1. il ermine ( sˆ s) è il coso di misalignmen (deviazione) del asso di cambio dal asso di cambio di equilibrio di lungo periodo compaibile con la PPP ( ŝ ); se il asso di cambio di equilibrio è maggiore del asso di cambio effeivo i prezzi inerni sono più ali dei prezzi all esero per uno sesso paniere di beni una vola che esprimo enrambi nella sessa valua e quindi l economia ha uno svanaggio compeiivo (meno esporazioni e più imporazioni).. il ermine ( s e s) è il coso di un aspeaiva di svaluazione; ano più elevao è il asso di svaluazione aeso ano più alo è il asso di ineresse domesico (vedi UIP) e quindi ano più difficile è per il policy-maker manenere un cambio fisso a causa degli oneri da sopporare per l economia in ermini di disoccupazione e spesa per ineressi sul debio pubblico. 3. il ermine C( s) è il coso di abbandono del regime di cambio fisso e corrisponde alla perdia di repuazione di cui soffre un governo che decide di radire l impegno preso: ale coso è 0 se l accordo di cambio fisso è manenuo, menre è C se si decide di lasciare fluuare il asso di cambio che si andrà di conseguenza a posizionare su di un livello rienuo di equilibrio dal mercao, cioè ŝ. Vediamo ora come le aspeaive del mercao influiscono sulla funzione di perdia e sulle decisioni del policy-maker: Nel caso di aspeaive di manenimeno del asso di cambio fisso, cioè s e = s il policy-maker può decidere di manenere il asso di cambio fisso, nel qual caso s = s e C=0 con una funzione di perdia dipendene unicamene dal misalignmen del asso di cambio fisso da quello di equilibrio di lungo periodo ( ) ( ) + β( )} { { + 0 = α( )} = α (16) oppure può decidere di abbandonare l accordo di cambio, nel qual caso s = sˆ e la funzione di perdia coniene sia i cosi di repuazione sia i cosi derivani dal fao che le aspeaive del mercao divergono dal asso di cambio di equilibrio ( ) = { α ( ) + β( )} + = { β( )} +. (17) Quindi, dae le aspeaive del mercao di manenimeno del asso di cambio fisso, il policy-maker deciderà di manenere il cambio fisso se il coso derivane dal funzionameno del regime di cambio fisso è minore del coso di un suo abbandono e quindi dal confrono fra le funzioni di perdia se { α ( )} < { β( )} + e valendo ( sˆ s) = ( s sˆ ) se ( β )( s ˆ s) = F1 < C α (18) SVALUTAZIONE ( α )( ) MANTENIMENTO TASSO CAMBIO C F1 = β sˆ s Inolre, se la (18) è soddisfaa, il manenimeno del asso di cambio è una soluzione di equilibrio di Nash 11, dao che ogni agene compie la propria scela oima daa la scela oima del rivale. Il 11 In eoria dei giochi un equilibrio di Nash è un insieme di sraegie ale per cui ogni giocaore compie la scela migliore daa la sraegia alrui

10 mercao si aspea il manenimeno del cambio e ale aspeaiva risula correa, daa la scela del policy-maker. A sua vola il policy-maker dae le aspeaive di manenimeno del asso di cambio fisso da pare del mercao sceglie in maniera oimale (cioè dal confrono delle funzioni di perdia) il manenimeno del asso di cambio. Nel caso di aspeaive di abbandono del cambio fisso, cioè se s e = sˆ il policy-maker può decidere di manenere il asso di cambio fisso, nel qual caso s = s e C=0 con un coso crescene per il governo rispeo al caso precedene perché la funzione di perdia dipende sia dal misalignmen dal asso di equilibrio sia dalle aspeaive del mercao ( ŝ ) diverse dal asso di cambio vigene ( s ) ( ) ( ) + β( )} { { α + 0 = ( α + β)( )} dove ( α + β )( sˆ s)} > ( sˆ s)} = { { α (19) e oppure può decidere di svaluare, nel qual caso s = sˆ = s e ( ) =. Quindi, dae le aspeaive del mercao di abbandono del asso di cambio fisso, il policy-maker deciderà di abbandonare il cambio fisso se il coso derivane dall abbandono è minore del coso associao al suo funzionameno e quindi dal confrono fra le funzioni di perdia se {( + )( sˆ s)} F C < α β =. (0) SVALUTAZIONE F = ( α + β )( s )} STABILITA CAMBIO C { ˆ s Inolre, se la (0) è soddisfaa, l abbandono del asso di cambio è una soluzione di equilibrio di Nash, perché il mercao si aspea la roura dell impegno di cambio e ale aspeaiva si rivela correa, daa la scela del policy-maker. A sua vola il policy-maker, dae le aspeaive di abbandono del asso di cambio da pare del mercao, sceglie in maniera oimale (cioè minimizzando le perdie) l abbandono del asso di cambio. La prima conclusione che si può rarre dai due casi è che, dae le aspeaive del mercao, la crisi valuaria non è un fao ineluabile subio dal policy-maker, ma una vera e propria scela vola ad oimizzare e quindi minimizzare i cosi. Per ale decisione assumono imporanza le aspeaive del mercao che influenzano la funzione di perdia del policy-maker e i cosi associai all abbandono del cambio fisso. La figura 3 (pp. 351 Colombo Lossani) riunisce i casi analizzai ed divide lo spazio dei cosi C in 3 regioni con i due valori criici F 1 e F a loro vola funzione dei parameri sruurali e e del grado di misalignmen del asso di cambio fissao dal asso di lungo periodo: ano più la parià di cambio prefissaa è vicina al asso di cambio compaibile con la PPP (il che equivale a dire ano più in ordine sono i fondamenali dell economia) ano più piccoli sono i valori criici F 1 e F e quindi ano più facile e ano più credibile è manenere la sabilià di cambio perché i cosi C che l economia dovrà sosenere per manenere l accordo di cambio saranno piccoli. 1 Vediamo cosa accade nelle re regioni di valori per C: 1. Se C< F 1 <F il coso derivane dall abbandono del regime di cambio fisso è minore del coso associao al suo manenimeno qualsiasi siano le aspeaive del mercao; 13 dunque il regime di 1 Nel caso limie in cui s ˆ = s i valori criici si annullano e qualsiasi valore C>0 renderebbe il asso di cambio fisso sempre sosenibile. 13 Se C< F <F nel caso di aspeaive di manenimeno ( )} { ( ) 1 β s sˆ + C s < { α ( sˆ s)}, menre nel caso di aspeaive di abbandono C<F.

11 cambio fisso verrà sempre abbandonao. Infai le grandezze fondamenali sono così disordinae (i due valori criici così ano a desra nella figura) che, dai i cosi di abbandono del regime di cambio C, per il policy-maker è sempre conveniene lasciar fluuare il cambio.. Se C> F il coso derivane dal manenimeno del regime di cambio fisso è minore del coso associao al suo funzionameno qualunque siano le aspeaive di mercao; 14 dunque il regime di cambio verrà sempre manenuo, perché le grandezze fondamenali sono così in ordine (i due valori criico sanno così ano a sinisra nella figura) che, dai i cosi di abbandono del regime di cambio C, per il policy-maker è sempre oimale manenere il asso di cambio fisso. 3. se F 1 <C<F ci roviamo in una regione misa in cui la scela del policy-maker dipende dalle aspeaive del mercao: se il mercao si aende il manenimeno del cambio la (18) è soddisfaa e conviene coninuare l impegno di cambio; se invece il mercao aende un abbandono la (0) è soddisfaa e conviene abbandonare il cambio fisso. Quindi se i fondamenali non sono né roppo buoni né roppo deeriorai esisono equilibri mulipli la cui realizzazione dipende dalle aspeaive del mercao, aspeaive che sono auorealizzani (selfulfilling) perché un loro cambiameno compora un aumeno del coso di manenimeno del regime di cambio fisso inducendo il governo a svaluare. Riassumendo, i modelli di seconda generazione considerano come grandezze fondamenali non solo le principali variabili macroeconomiche (che comunque hanno un ruolo perché su di esse si formano le aspeaive degli speculaori), ma anche le aspeaive del mercao e i cosi connessi alla difesa del asso di cambio. In queso modo divena possibile spiegare non solo la relazione sraegica fra policy-maker e speculaori (nel senso che una variazione delle aspeaive influenza le scele del policy-maker), ma anche l apparene irrazionalià dei policy-maker nei modelli di prima generazione; infai, la crisi valuaria non è una più subia passivamene dal policy-maker, ma risula essere una sua scela vola ad oimizzare i cosi. Con quesi modelli è possibile spiegare gli episodi di crisi dello SME fra il 199 e 1993; se per l Ialia non si può dire che i fondamenali fossero in ordine (i defici di bilancio elevai e persiseni rendevano ancora validi i modelli di prima generazione), alri paesi come Francia e Inghilerra, pur essendo in fase di recessione, avevano un quadro dei fondamenali abbasanza in linea con il paese leader dello SME, la Germania. Il problema nacque da un conflio di obieivi fra la Germania che dopo la riunificazione era già in fase espansiva e necessiava manenere assi di ineresse ali per combaere pressioni inflazionisiche e gli alri paesi che savano inconrando una fase di recessione e avrebbero preferio assi di ineresse bassi per rilanciare lo sviluppo. Il mercao si rese cono di queso conflio di ineressi e modificò le proprie aspeaive sul asso di cambio, rendendo il manenimeno dell impegno di cambio fisso ancora più oneroso. Di frone a quesa siuazione l Inghilerra ha preferio svaluare immediaamene giudicando roppo elevao il coso di manenimeno del cambio fisso rispeo ai cosi poliici di un abbandono del proprio impegno (C<F ), menre la Francia ha resisio all aacco perché, avendo parecipao foremene alla cosruzione dello SME, evidenemene dava un grande valore ai cosi di un abbandono dello sesso sisema moneario (C>F ). Il governo svedese, a sua vola, per convincere il mercao della rilevanza del proprio impegno a manenere il asso di cambio fisso ha aumenao fino al 500% per alcune ore il asso overnigh; ciò non basò a convincere gli speculaori che coninuarono l aacco con conseguene uscia della corona svedese dallo SME. Alla fine del 1993, dopo un anno di aacchi che hanno coinvolo 11 value di quelle appareneni allo Sme; solo marco edesco (ovviamene), fiorino olandese, corona danese e franco francese non erano sae svaluae. 14 Se C>F >F 1 nel caso di aspeaive di manenimeno C>F 1, menre evidenemene nel caso di aspeaive di abbandono C> F

12 I modelli di erza generazione I modelli di erza generazione pongono l enfasi sulla presenza di squilibri di naura finanziaria con la conseguenza che le crisi valuarie non sono più visi come fenomeni a sé sani ma come pare di una crisi sisemica che riguarda il seore finanziario nel suo complesso. In seguio al verificarsi nell ulimo decennio del secolo scorso di una nuova serie di crisi valuarie Messico 1994, Far Eas ( ), Russia (1998), Brasile (1999) - una nuova e ancora crescene leeraura si è recenemene sviluppaa soprauo in risposa al più imporane di quesi episodi, la crisi asiaica del , in cui non si risconrano gli elemeni ipici dei precedeni modelli. I fondamenali economici delle Tigri del sud-es asiaico erano più che posiivi: i bilanci saali presenavano in numerosi casi surplus consiseni, i assi di inflazione per la maggior pare dei casi era al di soo della media dei paesi emergeni, i assi di crescia nei primi anni 90 erano superiori al 5 perceno, menre l unico elemeno negaivo era cosiuio dai defici delle parie correni, i quali però sembravano ampiamene sosenibili in quano erano deerminai da un ali livelli di invesimeno più che da bassi livelli di risparmio. 15 L assenza di defici di bilancio ipici dei modelli di crisi di prima generazione si accompagnava all assenza anche di alcuna enazione ad uscire dall impegno di cambio fisso al fine di perseguire una poliica più espansiva, come i modelli di seconda generazione suggeriscono. Innanziuo sono sai individuai una serie di elemeni comuni alle receni crisi finanziarie: dinamica dei flussi dei capiali: le crisi finanziarie degli anni Novana hanno colpio soprauo le economie emergeni che in quegli anni sono divenae molo più inegrae dal puno di visa finanziario rispeo ai decenni precedeni. La maggiore inegrazione si è radoa nella dinamica dei flussi finanziari verso i paesi in quesione. Ciascun episodio di crisi è sao, infai, caraerizzao nei mesi precedeni da ingeni afflussi di capiali, pur di differene duraa, naura ed inensià, cui si sono conrappose al momeno della crisi ondae di capiali in uscia accomunae dall essere originae da una perdia di fiducia degli invesiori nelle poliiche macroeconomiche e nella solidià dei paesi emergeni. Sia la crisi messicana sia la crisi asiaica sono sae precedue da imporani afflussi di capiali, ma con una differenza rilevane nella naura degli sessi. I capiali verso il Messico e gli alri paesi laino-americani erano prevalenemene invesimeni di porafoglio, menre quelli verso i paesi asiaici erano composi principalmene da presii bancari. Le fuoriuscie di capiali hanno rispecchiao ali iniziali concenrazioni. Secondo il Fondo Moneario Inernazionale in Messico c è sao un ampio riflusso di invesimeni di porafoglio, da un picco di 3 miliardi di dollari nel 1993 ad un deflusso neo di 14 miliardi nel 1995, per un oale di 37 miliardi di dollari (13 perceno del PIL). Per i paesi asiaici colpii dalla crisi del Thailandia, Malesia, Filippine, Indonesia e Corea - le fuoriuscie di capiali hanno rappresenao principalmene una conrazione dei presii bancari da un afflusso neo di 40 miliardi di dollari nel 1996 ad un deflusso neo di 30 miliardi di dollari, per una variazione complessiva di 70 miliardi di dollari (7 perceno del PIL). win crises (crisi gemelle): per le crisi valuarie degli anni 90 è sao coniao 16 queso ermine, perché le crisi valuarie sono sempre sae accompagnae o meglio causae dal collasso del sisema bancario e finanziario, il quale dopo essere sao liberalizzao non è sao adeguaamene regolamenao e reso maggiormene rasparene. La conseguenza è saa un eccessivo sviluppo dei livelli di invesimeno in aivià eccessivamene rischiose o a basso rendimeno. dollarizzazione del debio: la denominazione del debio in valua esera fore (dollari, yen) nei paesi emergeni ha assuno dimensioni cresceni daa l incapacià del mercao finanziario 15 Colombo Lossani pag. 31 dimosra come il saldo di pare correne sia riconducibile sia ai livelli di risparmio sia ai livelli di invesimeno. Una valuazione correa dei saldi di pare correne deve dunque deerminare se esso rae origine da un alo livello di invesimeni, un basso asso di risparmio privao o da un elevao defici pubblico. 16 Kaminsky G. e Reinhar (1999), American Economic Review, vol. 89, pp

13 inerno di fornire sufficieni fondi per finanziare ue le opporunià di invesimeno e dunque la necessià di reperire fondi presso invesiori eseri non disposi a deenere credii in valua debole. La conseguenza è saa l aggiuna al rischio d invesimeno di cui sopra un eccessiva esposizione al rischio di cambio con conseguenze pesani in cono capiale nel caso di svaluazione. Il fenomeno del conagio : ulima, ma non in ordine di imporanza, fra le caraerisiche che accomunano le crisi valuarie e finanziarie receni è la maniera in cui le difficolà delle singole economie e l insabilià dei mercai valuari e dei capiali si sono rasmesse da un paese agli alri della sessa regione ed, in alcuni casi, del mondo, dando via a quel fenomeno che è in leeraura riconosciuo come conagio. Le crisi degli anni 90 hanno, infai, comporao significaivi effei diffusivi su alre economie ed episodi di conagio vero e proprio senza precedeni nel passao. 17 Tali fenomeni hanno provocao un sensibile incremeno dei comovimeni nelle variabili finanziarie e nei flussi di capiale durane le crisi e si è viso come ale aumeno sia sao paricolarmene pronunciao non solo all inerno delle regioni (si pensi alla rapida diffusione della crisi hailandese a Indonesia, Malaysia, Corea e Filippine nel ), ma anche fra paesi con legami economici e finanziari deboli (si pensi alla diffusione della crisi russa del 1998, culminaa con la svaluazione del rublo, ad alri paesi emergeni come Argenina, Brasile, Venezuela e Sud Africa (racce di conagio sono risconrabili ra la crisi russa e quella brasiliana anche se i legami economici e finanziari fra le due economie sono deboli). Per quano riguarda le cause delle crisi di erza generazione, e della crisi asiaica in paricolare, la leeraura ha avanzao re approcci differeni che non si escludono a vicenda ed anzi si riiene abbiano parecipao congiunamene alla esplosione della crisi. Moral hazard (azzardo morale) e sovrainvesimeno: con queso ermine si definisce una siuazione di asimmerie informaive ex-pos in cui dopo la sipula di un conrao una pare dello sesso non è in grado di osservare le azioni della conropare. In queso coneso una qualche forma di complea coperura da shocks avversi può meere in moo comporameni a rischio della pare assicuraa che ha minori incenivi a comporameni poco rischiosi perché sa di essere copera. Il ipico esempio è quello del mercao delle assicurazioni, ad esempio dell auo, in cui l assicuraore non può osservare le azioni dell assicurao che senendosi compleamene copero non guida con la sessa aenzione con cui guiderebbe se fosse responsabile in prima persona di un incidene (da cui la franchigia, bonus/malus, ec. ec.). Nel sisema finanziario l azzardo morale è il problema per cui il presaore/daore di fondi è soggeo al rischio che il prendiore di fondi, dopo la sipula del conrao di finanziameno, inraprenda progei di invesimeno a lui sgradii perchè molo rischiosi anche se poenzialmene più reddiizi. In queso caso una qualche forma di garanzia (governaiva o meno) nei confroni dell invesimeno rischioso produce una disorsione nell allocazione del risparmio inerno perché, proprio grazie alle garanzie che annullano il rischio, i progei poenzialmene più rischiosi ed a rendimeno aeso più elevao divengono i più araeni. È il caso delle economie asiaiche in cui sono sai messi in opera progei di invesimeno per i quali esiseva una garanzia da pare dello Sao, il che ha generao una vera e propria sindrome da 17 In leeraura esisono due definizioni di conagio. La definizione esesa riconduce la rasmissione degli shocks araverso diversi paesi ai legami economici, poliici, finanziari e poliici esiseni fra paesi e in queso senso viene normale ricondoo al conceo di inerdipendenza fra paesi. Il conagio è definio in senso sreo come l eccessivo comovimeno delle variabili finanziarie di un cero gruppo di paesi dopo che una crisi ha colpio uno di essi, comovimeno che è il risulao di quei comporameni degli operaori finanziari che pur essendo ex ane razionali dal puno di visa del singolo invesiore, in realà non lo sono nella maggior pare dei casi dal puno di visa della colleivià. Ci riferiamo in paricolare a fenomeni di herding behaviour (comporameno imiaivo di chi copia le scele di invesimeno di alri ageni essenzialmene a causa di asimmerie informaive esiseni fra gli operaori del mercao) e sraegie di feedback rading (endenza di un invesiore a comprare o vendere ioli sulla base dei rendimeni passai degli sessi)

14 sovrainvesimeno. Nel momeno in cui è risulao evidene che l eccessivo invesimeno aveva aumenao noevolmene il rischio dello sesso e che il coso complessivo del fallimeno delle socieà finanziarie sarebbe sao molo elevao, i flussi finanziari eseri si ridussero rapidamene meendo in crisi il sisema finanziario e ponendo fore pressioni sulle valua inerna. Da qui il sorgere della crisi finanziaria e valuaria che rae dunque origine da faori fondamenali quali la bassa reddiivià degli invesimeni domesici, dalla loro eccessiva rischiosià e dall inefficiene funzionameno del sisema finanziario che se fosse sao maggiormene regolamenao e più rasparene avrebbe eviao l eccessivo invesimeno di cui sopra. Mauriy mismach ( disallineameno delle scadenze): sempre con riferimeno alla crisi asiaica alri auori hanno soolineao il mismach ra la duraa dei debii conrai e quella degli invesimeni finanziai dai debii sessi, nel senso che menre i progei di invesimeno erano a lungo ermine i debii erano prevalenemene a breve ermine. Ciò genera un poenziale problema di liquidià: nel caso di un improvvisa fuga di capiali come quella in effei verificaasi gli invesiori finanziari sarebbero sai obbligai a liquidare i progei prima della loro ulimazione con grande perdia in cono capiale 18 per i daori di fondi (banche) e conseguene minaccia alla sabilià del sisema finanziario. Un allineameno delle scadenze avrebbe reso meno problemaica la fuga dei capiali; se è vero che il rischio di crisi di liquidià è inrinseco nel sisema bancario, uavia bisogna dire che ale rischio era paricolarmene elevao per le economie asiaiche. Currency mismach ( disallineameno delle value ): l ulima inerpreazione pone l acceno non ano sul mismach delle scadenze fra aivià e passivià del sisema finanziario, quano sul mismach in ermini di denominazione valuaria. Come già soolineao menre gli invesimeni erano in monea locale, i daori di fondi eseri preendevano una dollarizzazione del debio che ha esposo il sisema finanziario ad un eccesivo rischio di cambio che si è aggiuno al già elevao rischio di credio. Riassumendo, sono sai modellizzai re diversi modelli di crisi valuaria (roura dell accordo di cambio fisso conseguene ad un aacco speculaivo). I modelli di prima generazione danno una spiegazione fondamenalisa delle crisi nel senso che fanno risalire la crisi allo sfasameno dei fondamenali macroeconomici dell economia, in paricolare l esisenza di poliiche fiscali espansive e prolungai defici di bilancio incompaibili con un impegno di cambio fisso. I modelli di seconda generazione soolineano il comporameno oimizzane del policy-maker che non subisce più la crisi, ma decide di avviarla perché ale scela minimizza i cosi, nel senso che i cosi in ermini di repuazione a cui il governo va inconro uscendo dall impegno sono comunque minori dei cosi di rimanere in ermini di incremeno dei assi di ineresse e riduzione delle riserve valuarie. I modelli di erza generazione pongono l enfasi sulla presenza di squilibri di naura finanziaria con la conseguenza che le crisi valuarie non sono più visi come fenomeni a sé sani ma come pare di una crisi sisemica in cui le crisi valuarie e bancarie si auoalimenano. Quesi modelli rappresenano il filone più recene e uora in evoluzione di quesa leeraura. Essi descrivono le crisi valuarie e bancarie che hanno colpio i paesi in via di sviluppo alla fine degli anni 90, paesi i cui fondamenali non erano ali da prefigurare scenari così negaivi, ma i cui sisemi finanziari recenemene liberalizzai erano minai da una scarsa regolamenazione e rasparenza con flussi di sovrainvesimeno precedeni alle crisi che si sono rasformai in deflussi improvvisi e faali per gli impegni di cambio di ali paesi. 18 Se una casa finia vale 100, la consegna di meà casa non vale 50, ma molo meno

15 In quano sopra dobbiamo aribuire il giuso ruolo ai singoli aori: - il coordinameno dei singoli speculaori mee in crisi il regime di cambio fisso, - il ruolo dei grandi speculaori (hedge funds e fondi speculaivi) è desabilizzane non ano e non solo per il ruolo direo che gli sessi hanno avuo negli aacchi speculaivi (nel seembre del 199 i fondi mobiliai dai grandi speculaori nell aacco alla serlina inglese sono sai un decimo del oale dei fondi mobiliai dai mercai) ma piuoso perché gli sessi sono percepii dal mercao come meglio informai e quindi influenzano le aspeaive degli alri operaori che sono spini a comporameni imiaivi, - le banche cenrali hanno in genere a disposizione le risorse per affronare aacchi speculaivi di qualsiasi enià; la abella mosra come nel 1994 solo Ialia, Germania, Regno Unio avessero fra i paesi dello SME avessero un rapporo riserve/base monearia inferiore al 100%. Come i modelli di ^ generazione mosrano, olre agli srumeni, è decisiva la volonà di difendere il asso di cambio da pare del policy maker che si rova di frone ad un rade-off fra difendere il asso di cambio con aumeni ripeui del asso di ineresse che rischiano di avere ripercussioni reali molo negaive sull economia e non difendere la valua a coso di una perdia di credibilià della propria poliica economica con effei ancora peggiori in ermini di perdia di disciplina monearia, aumeni delle aspeaive inflazionisiche e del premio di rischio sulla valua

16 Bibliografia Colombo E. e M. Lossani, Economia monearia inernazionale, Roma, Carocci ediore, 003, cap. 11. Flood R. e P. Garber (1984). Collapsing Exchange Rae Regimes: Some Linear Examples, Journal of Inernaional Economics, vol. 17, pp Krugman P. (1979), A Theory of Balance of Paymens Crises, Journal of Money, Credi and Banking, vol. 11 pp Kaminsky G. e C. Reinhar (1999). The Twin Crises: The Cause of Banking and Balance-of- Paymens Problems, American Economic Review, vol. 89, pp Obsfeld M. (1994). The Logic of Currency Crises, NBER Working Paper, n

17 - 17 -

18 - 18 -

19 - 19 -

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

EACB Second Academics and stakeholders day 14-05-2013

EACB Second Academics and stakeholders day 14-05-2013 EACB Second Academics and stakeholders day 14-05-2013 Gentili signore e signori, Sono onorato di accogliervi al Parlamento Europeo per il Secondo Academics and stakeholders day. Saluto tutti i partecipanti,

Dettagli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli Siamo nel mezzo di una crisi finanziaria e reale tanto pervasiva e globale che sta coinvolgendo tutti i paesi, dai più

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

23/04/14 1. Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi. La comunicazione nei gruppi 1/6. La comunicazione nei gruppi 2/6. La comunicazione nei gruppi 3/6

23/04/14 1. Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi. La comunicazione nei gruppi 1/6. La comunicazione nei gruppi 2/6. La comunicazione nei gruppi 3/6 La comunicazione nei gruppi 1/6 Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi Luigi Anolli, Fondamen> di Psicologia della Comunicazione Il Mulino 2006 Psicologia della Comunicazione Pof. Fabrizia Mantovani 1

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli