Prof. Maurizio Comoli Professore ordinario di Economia Aziendale Università del Piemonte Orientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Maurizio Comoli Professore ordinario di Economia Aziendale Università del Piemonte Orientale"

Transcript

1 La valutazione del merito creditizio e la classificazione dei crediti da parte del sistema bancario nei confronti delle imprese in crisi: ricadute sulle imprese Prof. Maurizio Comoli Professore ordinario di Economia Aziendale Università del Piemonte Orientale

2 Agenda Alcuni dati di sintesi Il rischio di credito La classificazione dei crediti secondo le disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche Gli istituti di gestione delle crisi di impresa La centrale rischi Il trattamento contabile e fiscale dei crediti bancari Le misure a sostegno delle imprese Conclusioni 2

3 Alcuni dati di sintesi 3

4 Alcuni dati di sintesi I crediti deteriorati netti 4 Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory sui dati di bilancio del campione, Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza, 2013

5 Alcuni dati di sintesi I crediti deteriorati netti (segue) 5 Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory sui dati di bilancio del campione, Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza, 2013

6 Alcuni dati di sintesi Le sofferenze lorde 6 Fonte: ABI, Osservatorio Permanente sui Rapporti Banca Impresa, Rapporto Trimestrale n 34 Andamenti Congiunturali

7 Il rischio di credito 7

8 Il rischio di credito Rappresenta la possibilità che una variazione inattesa del merito di credito di una controparte verso cui si ha un esposizione generi una variazione inattesa del prezzo di mercato della posizione stessa. Questo giudizio è sintetizzabile in un rating, che può essere assegnato internamente dalla banca o da un agenzia esterna. Ad un aumento del rischio corrisponde un peggioramento del rating, mentre diminuisce il valore della posizione. Al peggioramento del merito di credito di un debitore usualmente la quota utilizzata degli affidamenti aumenta, perché aumenta da parte del debitore la necessità di risorse finanziarie esterne per far fronte alla propria operatività, anche perché diminuiscono gli affidamenti concessi dal sistema. Diventa, pertanto, indispensabile per una banca monitorare con frequenza periodica l andamento del merito di credito dei propri clienti, al fine di limitare le perdite a fronte di prenditori che dovessero diventare insolventi. 8

9 Il rischio di credito (segue) METODOLOGIE Standardizzata Basata sui rating interni (IRB) 1) Suddivisione delle esposizioni in diverse classi; 2) Applicazione di coefficienti di ponderazione diversificati eventualmente anche in funzione di valutazioni del merito creditizio rilasciate da soggetti terzi qualificati (agenzie di rating). 1) Suddivisione delle esposizioni in diverse classi; 2) Il rischio connesso con un esposizione è espresso attraverso quattro componenti: probabilità di default (PD), che attiene al debitore; tasso di perdita in caso di default (LGD), esposizione al momento del default (EAD) e scadenza effettiva (M), che attengono alla singola operazione. 9

10 Il rischio di credito (segue) Il patrimonio di vigilanza da mantenere da parte della banca è funzione del rischio, nel senso che: tanto meno alto è il rischio di credito, tanto minore è il patrimonio di vigilanza da accantonare; tanto più alto è il rischio di credito, tanto maggiore è il patrimonio di vigilanza da accantonare. Come logica conseguenza, ad un rischio moderato corrisponde un tasso di interesse basso, mentre ad un rischio alto corrisponde un tasso di interesse elevato anche perché: i rischi più elevati assorbono un maggior ammontare di equity e sono meno finanziabili ceteris paribus con altre forme di provvista più a buon mercato interbancario (ad es. raccolta diretta dalla clientela). 10

11 Il rischio di credito (segue) In sede di istruttoria di finanziamento, generalmente, l operazione comune a tutte le banche è la stima del rischio di insolvenza (PD), eseguito in base a tre livelli di analisi dell azienda affidata: Quantitativa (scoring) Si svolge costruendo una serie di indicatori (indici e flussi) finalizzati a rappresentare la rischiosità dell azienda ed attribuendo un punteggio sulla base del migliore o peggiore stato di salute finanziaria dell impresa. Qualitativa Analisi relativa al settore di attività del richiedente (es. livello di concorrenza, profittabilità, ecc.); Analisi relativa alle specificità dell azienda (posizione di mercato, capacità produttiva, politiche organizzative e di marketing, ecc.). Andamentale Monitoraggio del comportamento dell azienda affidata nei confronti: del sistema bancario; della banca affidante; relativamente al tipo di affidamenti ottenuti e alla modalità di uso e restituzione degli stessi. 11

12 La classificazione dei crediti 12

13 La classificazione dei crediti secondo le disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche Crediti in bonis Posizioni nei confronti di imprese in ordinario andamento gestionale che non presentano anomalie o criticità Crediti in default Esposizioni ristrutturate Partite incagliate Sofferenze Esposizioni scadute Sofferenze, incagli, esposizioni ristrutturate; Esposizioni scadute e/o sconfinamenti da oltre 90 giorni (past due) Crediti non in default «Non determinano un default le seguenti modifiche delle originarie condizioni contrattuali: il riscadenzamento dei crediti e la concessione di proroghe, dilazioni, rinnovi o ampliamenti di linee di credito. Tali modifiche non devono dipendere dal deterioramento delle condizioni economico-finanziarie del debitore ovvero non devono dare luogo a una perdita» (Circolare B.I. n. 263/2006) 13

14 La classificazione dei crediti secondo le disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (segue) Circolare Banca d Italia n. 263/2006 (Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche) e ss. mod. e agg. Esposizioni in default «Per esposizioni in default si intendono: sofferenze, incagli, crediti ristrutturati, crediti scaduti e/o sconfinanti». 14

15 La classificazione dei crediti secondo le disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (segue) Circolare Banca d Italia n. 272/2008 (Matrice dei conti) e ss. mod. e agg. Sofferenze Esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, etc.) nei confronti di un soggetto in stato di insolvenza * (anche non accertato giudizialmente) o in situazioni sostanzialmente equiparabili, indipendentemente dalle eventuali previsioni di perdita formulate dalla banca. * Secondo l art. 5 della L.F. «Lo stato d insolvenza si manifesta con inadempimenti od altri fatti esteriori, i quali dimostrino che il debitore non è più in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni». Incagli Esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, etc.) nei confronti di soggetti in temporanea situazione di obiettiva difficoltà, che sia prevedibile possa essere rimossa in un congruo periodo di tempo. 15

16 La classificazione dei crediti secondo le disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (segue) Esposizioni ristrutturate Esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, etc.) per le quali una banca (o un pool di banche), a causa del deterioramento delle condizioni economico-finanziarie del debitore, acconsente a modifiche delle originarie condizioni contrattuali (ad esempio, riscadenzamento dei termini, riduzione del debito e/o degli interessi) che diano luogo a una perdita. Esposizioni scadute e/o sconfinanti Esposizioni per cassa e fuori bilancio (finanziamenti, titoli, derivati, etc.), diverse da quelle classificate a sofferenza, incaglio o fra le esposizioni ristrutturate, che, alla data di riferimento della segnalazione, sono scadute o sconfinanti da oltre 90 giorni. L'esposizione complessiva verso un debitore deve essere rilevata come scaduta e/o sconfinante qualora, alla data di riferimento della segnalazione, il maggiore tra i due seguenti valori sia pari o superiore alla soglia del 5%: a) media delle quote scadute e/o sconfinanti sull'intera esposizione rilevate su base giornaliera nell ultimo trimestre precedente; b) quota scaduta e/o sconfinante sull'intera esposizione riferita alla data di riferimento della segnalazione 16

17 Gli istituti di gestione delle crisi di impresa 17

18 Gli istituti di gestione delle crisi di impresa Il D.L. 83/2012 (convertito in L. 134/2012), ed il D.L. 69/2013, hanno introdotto importanti modifiche alla legge fallimentare con la duplice finalità di far emergere tempestivamente lo stato di crisi e di sostenere la continuità aziendale. In particolare, è stato introdotto il concordato c.d. «in bianco» per cui è possibile presentare domanda di concordato preventivo anticipato riservandosi di presentare domanda «definitiva» con tutta la documentazione prevista, entro un termine compreso tra 60 e 120 giorni. L attuale normativa offre i seguenti istituti di gestione delle crisi di impresa: 1) Procedure di gestione preconcorsuale della crisi - Liquidazione ordinaria; - Piano attestato ex art. 67, co.3, lett. d), L.F.; - Accordo di ristrutturazione dei debiti di cui all art. 182-bis L.F.; 2) Procedure di gestione concorsuale della crisi - Concordato fallimentare; - Concordato preventivo; - Fallimento. 18

19 La classificazione dei crediti nell ambito delle procedure di gestione delle crisi Orientamenti di Banca d Italia Lettera roneata Banca d Italia n del 27 settembre 2000 i crediti verso imprese in Amministrazione Straordinaria, ai sensi del D.Lgs. n. 270/99, vanno classificati nella categoria partite incagliate ; laddove il programma di ristrutturazione preveda rinegoziazioni delle condizioni dei finanziamenti bancari (allungamento delle scadenze, riduzione dei tassi applicati), occorre verificare la sussistenza delle condizioni affinché dette esposizioni si possano classificare fra i crediti ristrutturati o in corso di ristrutturazione ; rimane fermo l obbligo delle banche di classificare detti crediti nella categoria delle sofferenze qualora lo stato di insolvenza delle imprese in amministrazione straordinaria sia ritenuto sostanzialmente irreversibile. Parimenti obbligatoria è la classificazione tra le sofferenze nel caso di conversione di detta procedura in fallimento; dette esposizioni devono essere riclassificate tra i crediti vivi alla chiusura positiva della procedura, quando il debitore insolvente ha recuperato la capacità di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni. 19

20 La classificazione dei crediti nell ambito delle procedure di gestione delle crisi Gestione preconcorsuale La liquidazione ordinaria andrà valutata caso per caso, potendo prevedersi una classificazione in bonis, se le condizioni di realizzo della liquidazione possono ragionevolmente prevedersi in un termine breve, tra quelle ristrutturate, tra le incagliate o infine in default. Il piano attestato ex art. 67, co.3, lett. d), L.F., se finalizzato al recupero dell impresa, senza previsione di riduzione dei debiti in conto capitale, potrà da parte delle banche, previo esame, essere considerato strumento con cui l impresa gestisce in bonis la propria situazione o tra le partite incagliate valutando la bontà del credito. L accordo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182-bis, L.F., andrà trattato alla stregua del piano attestato. Gestione concorsuale In caso di fallimento, che si chiude anche tramite il concordato fallimentare, la classificazione sarà tra i crediti in sofferenza. In caso di concordato preventivo, la classificazione potrà variare tra le partite incagliate nel caso di concordato in continuità con previsioni di soluzione integrale dei debiti, tra i crediti ristrutturati o tra le sofferenze a seconda delle diverse previsioni di piano e delle indicazioni di cui alla relazione ex art. 172 L.F. Fonte: cfr. G. Buffelli, Classificazione e valutazione dei crediti delle banche verso le imprese, in Contabilità finanza e controllo,

21 La Centrale Rischi 21

22 La Centrale Rischi La Centrale Rischi (CR): è un sistema informativo, gestito dalla Banca d Italia, che raccoglie le informazioni fornite da banche e società finanziarie sui rapporti che intrattengono con i clienti; comunica mensilmente agli intermediari la complessiva posizione verso il sistema finanziario di ciascun cliente segnalato; fornisce agli intermediari informazioni utili per valutare il merito di credito della clientela; raccoglie informazioni che riguardano i rapporti di credito e/o garanzia di persone fisiche e giuridiche (anche in cointestazione con altri soggetti) con gli intermediari segnalanti. Gli intermediari segnalano alla CR i rapporti in capo a ciascun cliente aggregandoli secondo uno schema stabilito dalla Banca d Italia. La CR pertanto non rileva informazioni sui singoli rapporti. 22

23 La Centrale Rischi Classificazione dei rischi Le categorie di censimento utilizzate dalla CR consentono di classificare le operazioni secondo un criterio di rischiosità crescente. In particolare, sono oggetto di segnalazione: - i rapporti di affidamento per cassa e di firma; - le garanzie reali e personali rilasciate agli intermediari in favore di soggetti dagli stessi affidati; - i derivati finanziari; - altre informazioni che forniscono elementi utili per la gestione del rischio di credito. 23

24 La Centrale Rischi Modalità di rappresentazione dei rischi Fonte: F. Lenoci, S.Peola, Nuova centrale rischi, Ipsoa, 2011, pag

25 La Centrale Rischi Crediti per cassa Nella categoria di censimento finanziamenti a procedura concorsuale e altri finanziamenti particolari vanno segnalati i crediti, assistiti da una specifica causa di prelazione, concessi a organi di procedura concorsuale. Gli importi relativi ai crediti in sofferenza vanno segnalati nella sola classe di dati utilizzato. Il pagamento del debito e/o la cessazione dello stato di insolvenza o della situazione ad esso equiparabile non comportano la cancellazione delle segnalazioni a sofferenza relative alle rilevazioni pregresse. Circolare Banca d Italia n. 139/1991 e ss. mod. agg. «L'appostazione a sofferenza implica una valutazione da parte dell'intermediario della complessiva situazione finanziaria del cliente e non può scaturire automaticamente da un mero ritardo di quest'ultimo nel pagamento del debito. La contestazione del credito non è di per sé condizione sufficiente per l appostazione a sofferenza [ ] 25

26 La Centrale Rischi Crediti per cassa (segue) [ ] Devono essere segnalati nella presente categoria di censimento i crediti ristrutturati vantati nei confronti di clientela a sofferenza. Costituiscono un'eccezione al principio dell'attrazione di tutti i crediti per cassa nelle sofferenze le posizioni di rischio destinate a confluire nella categoria di censimento finanziamenti a procedura concorsuale e altri finanziamenti particolari. [ ] Gli intermediari devono informare per iscritto il cliente e gli eventuali coobbligati (garanti, soci illimitatamente responsabili) la prima volta che lo segnalano a sofferenza. Tale obbligo non configura in alcun modo una richiesta di consenso all interessato per il trattamento dei suoi dati». 26

27 La Centrale Rischi Sezione informativa Nella categoria di censimento sofferenze: crediti passati a perdita vanno segnalati i crediti in sofferenza che l intermediario, con apposita delibera, ha valutato non recuperabili o per i quali non ha ritenuto opportuno intraprendere i relativi atti di recupero. In questa categoria confluiscono anche le frazioni non recuperate dei crediti che hanno formato oggetto di accordi transattivi con la clientela, di concordato preventivo o di concordato fallimentare remissorio. Circolare Banca d Italia n. 139/1991 e ss. mod. agg. «Nella categoria deve essere rilevato, per l'intera durata del rapporto creditizio, lo stock delle perdite via via accumulate. La segnalazione di dette perdite ha luogo qualunque sia il loro importo, sempreché nel mese di rilevazione o in quello precedente l'intermediario, ricorrendone i presupposti, abbia effettuato a nome del medesimo cliente una segnalazione a sofferenza. La segnalazione non è più dovuta dalla rilevazione successiva a quella in cui il credito è stato interamente passato a perdita ovvero è stata rimborsata la parte non passata a perdita». 27

28 La Centrale Rischi Esempio L'accordato rappresenta il credito che gli organi competenti dell'intermediario segnalante hanno deciso di concedere al cliente. Condizione necessaria per la segnalazione è che l'affidamento tragga origine da una richiesta del cliente ovvero dall'adesione del medesimo a una proposta dell'intermediario. L'utilizzato rappresenta l'ammontare del credito erogato al cliente alla data di riferimento della segnalazione (nei crediti di firma, l ammontare delle garanzie effettivamente prestate alla data di riferimento della segnalazione). X Sconfinamento: differenza positiva tra l'utilizzato di una linea di credito e il relativo accordato operativo. Viene calcolata per ogni categoria di censimento e variabile di classificazione senza alcuna compensazione tra le segnalazioni di un singolo intermediario e quelle di più intermediari 28

29 La Centrale Rischi Pro e contro PRO Rappresenta un «biglietto da visita» dell impresa e i benefici per la clientela «meritevole» sono rappresentati da un più agevole accesso al credito. Contribuisce a migliorare la qualità degli impieghi del sistema creditizio accrescendone la stabilità. Gli intermediari impiegano in modo più efficiente le loro risorse, migliorando la qualità dei portafogli crediti. CONTRO Lascia spazio alla soggettività delle banche segnalanti, data la sua complessità normativa. Riporta solo dati aggregati: non contiene tutte le informazioni che il soggetto segnalato può vedere con chiarezza su se stesso. Congenito ritardo temporale (dai 40 ai 70 giorni). Inoltre, le banche possono consultarne i dati su un orizzonte temporale di massimo 36 mesi. 29

30 Il trattamento contabile e fiscale dei crediti nei bilanci bancari 30

31 Il trattamento contabile dei crediti bancari I principi IAS/IFRS indicano una serie di elementi obiettivi di perdita il cui verificarsi comporta la classificazione del credito nella categoria non performing loans, quali: significative difficoltà finanziarie del debitore; violazione degli accordi contrattuali, come un inadempimento o un mancato pagamento degli interessi o del capitale; alta probabilità di fallimento o di altra ristrutturazione finanziaria del debitore. Per tale categoria di crediti, ai sensi dello IAS 39, deve essere effettuata una valutazione analitica al tasso di rendimento effettivo originario del rapporto alla data di passaggio a non performing. Tale valutazione è effettuata attraverso la determinazione del Net Present Value (NPV) dei piani di rientro definiti analiticamente per ciascuna posizione. 31

32 Il trattamento fiscale dei crediti bancari L attuale disciplina (art. 101, co.5. e art. 106, co.3, TUIR) prevede: INESIGIBILITÀ Divenuta definitiva Se pur probabile si presenta ancora come «potenziale» Piena e immediata deducibilità in presenza di determinati requisiti (es. quando sussistono i presupposti per la derecognition) Deducibilità limitata al 0,30% del totale dei crediti al 31/12, il riconoscimento fiscale della perdita complessiva avviene nei successivi 18 anni 32

33 Il trattamento fiscale dei crediti bancari (segue) All interno della legge di stabilità 2014 dovrebbe essere compreso l intervento, attualmente in fase di studio: svalutazioni e perdite su crediti deducibili in 5 anni ed abbandono dell attuale meccanismo di deducibilità in 18 anni delle svalutazioni eccedenti il tetto dello 0,30% del monte crediti al 31/12; ai fini Irap, svalutazioni e perdite su crediti deducibili nel periodo d'imposta in cui sono rilevate in bilancio e nei quattro successivi. La proposta di modifica, fortemente invocata dagli intermediari bancari e assicurativi, rientrerebbe tra le misure per la crescita, al fine di contrastare le morse della stretta creditizia, e con l obiettivo di adeguare la normativa italiana a quella comunitaria. E chiaro, infatti, che se si riduce il costo di una perdita su crediti al netto del beneficio fiscale (considerando anche i tempi più o meno lunghi di monetizzazione di tale beneficio) è possibile per le banche concedere credito alle imprese a condizioni più favorevoli o in maggior quantità. 33

34 Le misure a sostegno delle imprese 34

35 La misure a sostegno delle imprese Accordo per il credito 2013 (1 luglio 2013) Gli interventi finanziari previsti per le imprese sono di 3 tipi: operazioni di sospensione delle rate capitale dei finanziamenti; operazioni di allungamento dei finanziamenti; operazioni per promuovere la ripresa e lo sviluppo delle attività. Abi ha chiesto a Banca d'italia, con una lettera, di potere inserire tra gli incagli e non tra le sofferenze i debiti dell'imprenditore che ha utilizzato la possibilità, offerta da poco più di un anno, di accesso al concordato preventivo senza la contestuale presentazione della documentazione (c.d. concordato in bianco). In caso contrario, la classificazione immediata tra le sofferenze, potrebbe pregiudicare in maniera irrimediabile le chance di riequilibrio dell'azienda impedendo l'erogazione di nuova finanza. 35

36 La misure a sostegno delle imprese (segue) Le differenti pratiche nazionali rendono difficile raccogliere dati comparabili a livello UE e la non perfetta coerenza/comparabilità dei valori di rischio di credito segnalati dalle banche ha portato a difficoltà nella valutazione della qualità dell'attivo. L'Autorità bancaria europea (EBA), ha diffuso nuove indicazioni per rendere più armonici gli standard su sofferenze e debiti incagliati degli istituti europei e le conseguenze che essi hanno potenzialmente sul capitale dell emittente identificando: - forbearance; - non-performing exposures. Secondo la nuova definizione dell EBA un prestito deve essere considerato non performing quando il pagamento è in ritardo di più di 90 giorni. La cosiddetta forbearance (ovvero quando i termini per la restituzione del credito concesso sono dilazionati per difficoltà del debitore) comporta una valutazione più complessa e lo slittamento dei tempi non può, in automatico, condurre a considerare l asset non performing. 36

37 La misure a sostegno delle imprese (segue) Fonte: EBA FINAL draft Implementing Technical Standards. On Supervisory reporting on forbearance and non-performing exposures under article 99(4) of regulation (EU) No 575/2013, 21/10/2013, pag

38 Conclusioni 38

39 Conclusioni La classificazione dei crediti nei confronti di imprese in difficoltà finanziaria ha importanti ricadute: sulla misura della rischiosità degli attivi della banca e sulle conseguenti necessità di dotazione di patrimonio netto di vigilanza a copertura dei rischi di perdita; sul risultato di esercizio, ovvero, un potenziale effetto negativo di natura economico-finanziaria sul bilancio della banca, in particolare, per una classificazione ad incagli o sofferenze (minore redditività per i maggiori accantonamenti richiesti); sul pricing dei finanziamenti, in quanto più elevato è il rischio che assume la banca, più elevato è il tasso applicato al prenditore; sull immagine del cliente veicolata dal sistema centrale rischi dove, in particolare, una segnalazione come sofferenza può avere conseguenze difficilmente recuperabili da parte dell impresa. 39

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio)

AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio) GRUPPI PUMA2 AGGIORNAMENTO DELLA DEFINIZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE (bozza che sostituisce integralmente la bozza pubblicata lo scorso 12 gennaio) Roma, gennaio 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

MODIFICHE ALLA CIRCOLARE 139/91 CENTRALE DEI RISCHI. ISTRUZIONI PER GLI INTERMEDIARI CREDITIZI

MODIFICHE ALLA CIRCOLARE 139/91 CENTRALE DEI RISCHI. ISTRUZIONI PER GLI INTERMEDIARI CREDITIZI Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche MODIFICHE ALLA CIRCOLARE 139/91 CENTRALE DEI RISCHI. ISTRUZIONI PER GLI INTERMEDIARI CREDITIZI Eventuali osservazioni, commenti e proposte possono essere

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Intervento ordine commercialisti

Intervento ordine commercialisti Intervento ordine commercialisti 1 Perché nascono i Confidi? Per favorire l accesso al credito delle PMI e delle imprese artigiane Per ridurre gli squilibri tra banca e impresa nella valutazione del merito

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Documento per la consultazione I PROCEDIMENTI DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO E DI LIQUIDAZIONE PER I SOGGETTI NON FALLIBILI. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

Italia: esposizioni deteriorate. (in % sul totale dei finanziamenti) 10,8 8,9 7,8 3,2 3,0 2,9 6,0 4,5 3,6

Italia: esposizioni deteriorate. (in % sul totale dei finanziamenti) 10,8 8,9 7,8 3,2 3,0 2,9 6,0 4,5 3,6 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati 1. Premessa Negli anni più recenti l economia italiana ha registrato una notevole contrazione.

Dettagli

La Centrale Rischi della Banca d Italia. Vladimiro Rambaldi, Vice Presidente della Commissione Regionale ABI del Piemonte

La Centrale Rischi della Banca d Italia. Vladimiro Rambaldi, Vice Presidente della Commissione Regionale ABI del Piemonte La Centrale Rischi della Banca d Italia Vladimiro Rambaldi, Vice Presidente della Commissione Regionale ABI del Piemonte Cuneo, 5 dicembre 2012 Agenda Caratteristiche delle Centrali Rischi Finalità della

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Riflessi del nuovo assetto regolamentare e di vigilanza nei rapporti tra le banche e la clientela

Riflessi del nuovo assetto regolamentare e di vigilanza nei rapporti tra le banche e la clientela Riflessi del nuovo assetto regolamentare e di vigilanza nei rapporti tra le banche e la clientela Lecce, 29 giugno 2015 Luca Giannini Ufficio Tributario, Bilancio e Vigilanza 1. REGOLAMENTAZIONE, STABILITA

Dettagli

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Nel tempo, grazie all

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Relatore: Alberto Bianchini Responsabile Marketing Aziende Credito Emiliano SpA I soggetti della CR

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015 COME PREVENIRE LE SOFFERENZE PER IL SISTEMA BANCARIO 1 LE FASI DI VITA DELLE IMPRESE DALL ANALISI SI POSSONO INDIVIDUARE PER UNA

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI: Riduzione selezione avversa Riduzione moral hazard

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

20 gennaio 2016. a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

20 gennaio 2016. a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 1001 TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUI «CREDITI DETERIORATI» DELLE BANCHE ITALIANE E NESSUNO VI HA MAI DETTO 20 gennaio 2016 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

Il ruolo degli istituti di credito. crediti. Responsabile Ufficio Affari Legali ABI Tavola rotonda Modena, 20 settembre 2013

Il ruolo degli istituti di credito. crediti. Responsabile Ufficio Affari Legali ABI Tavola rotonda Modena, 20 settembre 2013 Il ruolo degli istituti di credito tra nuova finanza e recupero crediti Avv. Giovanni Staiano Avv. Giovanni Staiano Responsabile Ufficio Affari Legali ABI Tavola rotonda Modena, 20 settembre 2013 Forte

Dettagli

LA NUOVA NOZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE

LA NUOVA NOZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE n. 3/2015 LA NUOVA NOZIONE DI ATTIVITÀ DETERIORATE Impatti sulla segnalazione in Centrale Dei Rischi Roma, settembre 2015. 1. Premessa La Comunità Europea, a partire dagli anni Settanta, ha intrapreso

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2013 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

Oggetto: LA NUOVA STRETTA SUI COSTI AUTO

Oggetto: LA NUOVA STRETTA SUI COSTI AUTO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LA NUOVA STRETTA SUI COSTI AUTO Nell ambito della cosiddetta Riforma del mercato del lavoro meglio nota anche come Legge Fornero (L. n.92 del 28 giugno 2012) erano

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI)

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) Si avvisa la gentile Clientela che la Banca ha aderito, in data 04/05/2015, al nuovo Accordo per il Credito 2015, limitatamente all iniziativa

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

06/05/2015. Il rapporto banca-impresa dopo la grande crisi: come impostare nuove relazioni di clientela per favorire la crescita e lo sviluppo

06/05/2015. Il rapporto banca-impresa dopo la grande crisi: come impostare nuove relazioni di clientela per favorire la crescita e lo sviluppo Seminario didattico Maggio 2015 Il rapporto banca-impresa dopo la grande crisi: come impostare nuove relazioni di clientela per favorire la crescita e lo sviluppo Prof.Alessandro Berti Scuola di Economia

Dettagli

LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2

LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 GRUPPO INTERFINANZIARIO PUMA2 LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 Roma, dicembre 2004 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA..

Dettagli

Il rapporto banca-impresa nel contesto attuale. Milano, 12 febbraio 2013

Il rapporto banca-impresa nel contesto attuale. Milano, 12 febbraio 2013 Il rapporto banca-impresa nel contesto attuale Milano, 12 febbraio 2013 Agenda Introduzione: dati macroeconomici e scenario attuale Obblighi delle banche e assegnazione rating Come migliorare il rating

Dettagli

Regole alla base delle segnalazioni in Centrale Rischi Banca d Italia: le variazioni dello stato del rapporto

Regole alla base delle segnalazioni in Centrale Rischi Banca d Italia: le variazioni dello stato del rapporto Regole alla base delle segnalazioni in Centrale Rischi Banca d Italia: le variazioni dello stato del rapporto Gli intermediari finanziari devono segnalare a Banca d Italia alcune categorie di rischio che

Dettagli

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance. La Centrale dei Rischi Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.eu Obiettivi della Centrale dei Rischi La Centrale dei Rischi

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

La moratoria dei debiti delle PMI a tre mesi dalla firma dell avviso comune

La moratoria dei debiti delle PMI a tre mesi dalla firma dell avviso comune La moratoria dei debiti delle PMI a tre mesi dalla firma dell avviso comune Contenuti Premessa. Obiettivi della moratoria Pag. 1 Le operazioni oggetto dell Avviso Pag. 1 Ambito oggettivo di applicazione

Dettagli

L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi

L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi Sommario Sistema creditizio L inopportuna segnalazione alla Centrale Rischi (Avv. Edoardo Arbasino) Indice degli argomenti I. Riferimenti normativi e funzione della Centrale Rischi II. Posizione a sofferenza

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento 1. REGOLAMENTAZIONE, STABILITA E CRESCITA: QUALI PRIORITA? 2. QUALI VINCOLI «ESTERNI» ALL ATTIVITÀ DI EROGAZIONE

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Regolamento del processo delle. segnalazioni di vigilanza

Regolamento del processo delle. segnalazioni di vigilanza Regolamento del processo delle segnalazioni di vigilanza INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DELLE SEGNALAZIONI DI VIGILANZA... 3 1. STRUTTURA, REGOLE GENERALI E CONTROLLI DELLE SEGNALAZIONI DI VIGILANZA...

Dettagli

CENTRALE DEI RISCHI FOGLIO INFORMATIVO 1

CENTRALE DEI RISCHI FOGLIO INFORMATIVO 1 CENTRALE DEI RISCHI FOGLIO INFORMATIVO 1 1. Fonti normative Il servizio centralizzato dei rischi gestito dalla Banca d Italia, cd. Centrale dei rischi, è disciplinato: dalla delibera del Comitato interministeriale

Dettagli

Incontro con ASSOLOMBARDA

Incontro con ASSOLOMBARDA Incontro con ASSOLOMBARDA Milano, 19 ottobre 2011 UniCredit fonda la propria identità sul valore del proprio radicamento territoriale e si caratterizza per una forte identità europea, un'estesa presenza

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L.R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L.R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L.R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 FINPIEMONTE S.p.A., con sede in Torino, Galleria San Federico n. 54, capitale sociale

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 16 marzo 2011 Con la presente circolare informativa siamo ad illustrare il nuovo accordo per il credito alle PMI recentemente stipulato tra ABI (Associazione Bancaria

Dettagli

Firenze : Arte e Finanza I tesorieri ritornano nella culla della finanza mercantile

Firenze : Arte e Finanza I tesorieri ritornano nella culla della finanza mercantile 2 quadrimestre 2015 Minibond della Lego S.p,a Aumentare la comunicazione finanziaria Firenze : Arte e Finanza I tesorieri ritornano nella culla della finanza mercantile La BPO (Bank Payment Obligation)

Dettagli

Banche e concordati: opportunità e profili di criticità

Banche e concordati: opportunità e profili di criticità Banche e concordati: opportunità e profili di criticità Dott.ssa Laura Zaccaria Direzione Norme e Tributi Modena, 11 ottobre 2013 INTRODUZIONE Il grande «cantiere» della legge fallimentare avviato nel

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 15 gennaio 2010 Oggetto: ULTIMI CHIARIMENTI MORATORIA BANCHE L ABI ha di recente fornito importanti chiarimenti in tema di moratoria

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management Il rapporto BancaImpresa: le nuove opportunità Dipartimento di Economia & Management AGENDA 1 L'evoluzione del rapporto BancaImpresa 2 Le garanzie "Istituzionali" SEI Consulting AGENDA 1 L'evoluzione del

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

La chiave per l'accesso al credito

La chiave per l'accesso al credito La chiave per l'accesso al credito CR EXPERT è un prodotto consulenziale ad alto livello che permette di analizzare la Centrale Rischi Interbancaria e che consente di rappresentare l'andamento degli affidamenti

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

Novità in tema di perdite su crediti

Novità in tema di perdite su crediti Dott.ssa Cecilia Andreoli (Commissione Fiscalità Odcec Modena) Novità in tema di perdite su crediti Il decreto legge n. 83 del 22 giugno 2013, convertito con modificazioni dalla legge n. 134 del 7 agosto

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito

Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito IL BILANCIO DELLE PMI NELLA FASE DI CRISI - I PARTE - Informativa di bilancio nei casi di ristrutturazione del debito Palermo, 5 novembre 2013 Simona Natoli Agenda Introduzione: la definizione di «situazione

Dettagli

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi Corso di Formazione Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica Padova, 04 Novembre 2014 Ore 09.30 11.00 Antiriciclaggio Antiterrorismo Monitoraggio fiscale Privacy La normativa primaria,

Dettagli

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE I0717_1 COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE Tipo intermediario B Indicazioni per la predisposizione dell input Il pannello-guida delle scelte aziendali per la soluzione Basilea3 Il pannello-guida delle scelte

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 AREA RISORSE INFORMATICHE E RILEVAZIONI STATISTICHE Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli