Dalla competenza alla certificazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalla competenza alla certificazione"

Transcript

1 Dalla competenza alla certificazione Creazione di modelli e strumenti per l'elaborazione di standard di competenze comuni e condivisi dal sistema istruzioneformazione-lavoro

2 1. TRASPERENZA E COMPETENZA Il progetto Certiskills intende sperimentare e mettere a punto, in modo concertato, tra partner di sei Paesi europei (Spagna, Gran Bretagna, Lussemburgo, Italia, Romania, Bulgaria) un modello di gestione della filiera di trattamento delle competenze finalizzata all integrazione dei sistemi istruzionre-formazione-lavoro. Il modello concordato tra i partner prevede, infatti, una struttura tecnica che, partendo dall analisi delle competenze professionali richieste dalle imprese e dalle organizzazioni, arriva alle modalità di certificazione delle competenze stesse e alla definizione dei crediti formativi. Naturalmente il modello prevede metodologie e strumenti per la progettazione formativa, coerenti con l approccio competence based. Al termine del progetto, tuttora in corso, i partner definiranno le buone pratiche da adottare per consentire una mutua riconoscibilità: dei profili professionali, descritti per competenze; degli esiti di apprendimento di percorsi formativi (learning outcomes); delle certificazioni delle competenze comunque apprese (in modo formale, informale, non formale) Il progetto tiene conto del percorso, in atto a livello europeo, finalizzato alla trasparenza che vuole dare visibilità ai saperi ed alle capacità acquisiti dai singoli individui 1 ed intende fornire un contributo di buone prassi con particolare riferimento alla compilazione del Supplemento al Diploma e del Supplemento al certificato, nonché alla certificazione delle competenze comunque acquisite. Il primo risultato conseguito dai partner consiste nella messa punto di una definizione univoca di competenza, così come dei suoi elementi costitutivi e di rappresentazione. Pare opportuno in questa premessa esplicitarne le principali caratteristiche. Per competenza professionale si intende la mobilitazione dei saperi che ogni individuo attiva per garantire un output, un risultato professionale, riconosciuto/riconoscibile come adeguato e valido rispetto ad un attività richiesta (esplicitamente o implicitamente), nell ambito di una relazione di scambio. La competenza appartiene quindi all individuo ed è oggettivata dalla concreta realizzazione di un output. Sul piano tecnico-metodologico i partner hanno condiviso che la competenza professionale è: denominata utilizzando un espressione verbale la cui sintassi è costituita dalla locuzione Essere in grado di seguita da un verbo d azione il cui oggetto è l output/risultato; descritta attraverso l indicazione delle operazioni che permettono la realizzazione dell output/risultato professionale; tali operazioni non sono solo di tipo realizzativo e devono permettere la successiva individuazione degli elementi della competenza stessa; analizzata e scomposta nei suoi elementi costitutivi che sono individuati nelle conoscenze, nelle abilità e nei comportamenti. Per quanto riguarda il processo di rilevazione, descrizione e analisi delle competenze, i partner hanno condiviso che esse devono essere rilevate presso le organizzazione/imprese che le richiedono e le valorizzano all interno dei propri processi di lavoro. Devono essere legittimate da Top performer/esperti della professione e devono sempre esplicitare l output da garantire. 1 Proposta di decisione Europass presentata dalla Commissione il 17/12/03

3 2. DALLA COMPETENZA ALLO STANDARD DI COMPETENZA Attraverso la rilevazione e la descrizione delle competenze, così come definite in premessa, è possibile rappresentare profili e figure professionali, ruoli aziendali, ecc.. E possibile identificare i saperi necessari per l esercizio di una professione. La prima buona pratica messa a punto dai sei partner è stata quindi la metodologia di rilevazione e descrizione delle competenze di profili professionali, corredata da format, strumenti e modalità di lavoro. Si sono prodotti Dizionari di competenze presso ogni partner e se ne è verificata la concreta riconoscibilità. Dalle elaborazioni in corso a livello europeo 2 e, per quanto riguarda l Italia anche a livello nazionale, si nota che l orientamento per la definizione degli standard di competenza tende ad aggregare le competenze stesse in Unità di competenze-u. C. intese come l insieme omogeneo e coerente di competenze. Le U.C., che hanno come focus i risultati (output/oucomes), sono caratterizzate da un livello di riferimento, da un insieme di competenze riferite ad attività o compiti, da modalità di valutazione e di validazione. Potendo contare sul dettaglio della rilevazione delle competenze presenti Dizionari, è agevole per i partner mettere a punto un modello di U.C. completo dei descrittori dei livelli di padronanza. Quale seconda buona pratica i partner hanno quindi condiviso le modalità di definizione dei descrittori che rappresentano gli standard di competenza richiesti dal mercato del lavoro. Come è possibile rilevare dalla figura n 1, nella prima parte dell U.C. si formalizza: l insieme omogeneo delle competenze, agevolmente ricavato dai relativi Dizionari, ed i saperi in atto che costituiscono il riferimento anche per la progettazione formativa e per la certificazione delle competenze acquisite. In questa parte, infatti, oltre riportare la denominazione delle competenze aggregate si richiede di definire il Sapere come garantire il risultato, l output richiesto dall esercizio delle singole competenze Fig. n 1 Profilo professionale Competenza..1 Competenza.. 2 Competenza.. 3 Competenza.. 4 U.C. Parte prima TITOLO COMPETENZE Il soggetto è in grado di: Denominazione competenza..1 TIPOLOGIA: di base trasversale tecnico-professionale Competenza.. 5 Competenza.. 6 Dizionario delle competenze Denominazione competenza.. 3 Denominazione competenza.. 5 Per [Denominazione competenza.. ] il soggetto deve sapere come: Nella seconda parte: declinazione di livello (v. Fig. n 2), vengono esplicitati i risultati che dimostrano se il soggetto dispone o meno delle competenze aggregate nell UC. Sempre in questa 2 C.,f.r. Dichiarazione di Copeneghen 30 Novembre 2002 e il Documento di lavoro Enhanced European Cooperation in Vocational Education and Training, the Copenhagen Process First Report of the Technical Working Guop on Credit Transfer in VET, October Metodo-Forma 1

4 seconda parte si identificano i descrittori dei livelli di padronanza, cioè le situazioni in cui si ritiene si rendono esplicite e dunque verificabili e valutabili le competenze che costituiscono l UC. Si identificano inoltre gli indicatori necessari per esprimere la valutazione delle competenze ed il loro livello di padronanza. Fig. n 2 U.C. Parte seconda DECLINAZIONE DEL LIVELLO Per essere in grado di: Denominazione competenza..1 Denominazione competenza.. 3 Denominazione competenza.. 5 Il soggetto deve dimostrare di: Gli indicatori sono: I descrittori dei livelli di padronanza (il soggetto deve dimostrare di..) rappresentano le situazioni in cui si ritiene che si rendano esplicite, e dunque verificabili, le competenze dell U.C. In ambito tecnico-professionale si privilegia la situazione che richiede un prodotto in analogia con la definizione di competenza assunta all interno del progetto. Il prodotto, l output, deve essere il più possibile simile a quello richiesto nei reali processi di lavoro e significativo della gamma delle criticità che si possono prospettare. Gli indicatori devono essere pensati anche quale contributo alla formulazione delle prove di verifica e/o certificazione delle competenze comunque acquisite. E opportuno prevedere un indicatore per ogni descrittore, avendo cura di garantire oggettività di rilevazione e la possibilità di definire i relativi indici che definiscono i valori-soglia di accettabilità. E agevole rilevare come i contenuti dell U. C. costituiscono una fonte completa di informazioni strutturate che definiscono nel loro insieme lo standard di competenza. Metodo-Forma 2

5 3. DALLO STANDARD DI COMPETENZA ALLO STANDARD FORMATIVO Una terza area di buone prassi che i partner intendono mettere a punto riguarda gli standard formativi (Unità Formative - U.F.) coerenti con la metodologia competence based adottata e sperimentata per produrre dizionari di competenze e Unità di Competenze. La struttura tecnica dell U.F. (standard formativo) richiede l esplicitazione: degli obiettivi di apprendimento, declinati per conoscenze, abilità e comportamenti ( elementi presenti nei dizionari di competenza). Vale la pena di sottolineare come la metodologia di rilevazione e descrizione delle competenze consenta, infatti, di disporre degli elementi di competenza in modo organico, rilevati anche presso il mondo del lavoro e sufficientemente stabili nel tempo; delle situazioni di apprendimento, preferibilmente suddivise in macro-categorie: apprendimento assistito (aula, laboratorio, ecc.), autoapprendimento (studio individuale, FAD, ecc.), esperienza di lavoro reale (stage, apprendistato, ecc.); dei tempi (carico di lavoro per i partecipanti) assegnati nelle varie situazioni formative; criteri per l assegnazione dei crediti formativi e relativa quantificazione; la tipologia delle prove, gli strumenti, gli oggetti e le modalità di verifica e valutazione. LeUnità Formative (standard formativi) e le Unità di Competenze (standard delle competenze) costituiscono standard di sistema : che permettono di condividere tra Paesi, territori, sottosistemi dell Istruzione, della formazione e del lavoro i punti di riferimento dei percorsi di apprendimento (formali, non formali, informali). Anche i progettisti dei percorsi di apprendimento degli organismi di formazione che intendono proporre offerte formative a standard potranno definire tutti gli elementi di dettaglio del piano formativo, avendo punti di riferimento univoci. I partecipanti ai percorsi di apprendimento così strutturati avranno l opportunità di vedere esplicitate, con modalità riconoscibili anche in contesti transnazionali, tutte le informazioni relative al percorso realizzato, ai risultati conseguiti, alle competenze acquisite. 3 Per quanto riguarda i crediti formativi, il progetto Certiskills intende sperimentare il modello messo a punto in ambito European Credit Transfer System (ECTS) dove, convenzionalmente, si assegna un credito a fronte di un lavoro di apprendimento dello studente pari a 25 ore ( studio personale, aula, laboratorio, stage ecc.). E possibile che nel corso della sperimentazione si possano arricchire i criteri di attribuzione dei crediti formativi, ma resta la criticità legata alla mutua riconoscibilità del credito stesso. Il percorso in atto presso molti Paesi europei e presso la U.E. non ha ancora definito le condizioni per la riconoscibilità dei crediti formativi tout court, siamo oggi nel contesto del riconoscimento bilaterale. 3 C.f.r. CEDEFOP: The Europass Cetificate Supplement Metodo-Forma 3

6 4. DAGLI STANDARD ALLA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE In parallelo alla sperimentazione delle modalità di rappresentazione degli standard, i partner, intendono mettere a punto procedure e strumenti condivisi per la certificazione delle competenze comunque acquisite. Il percorso di lavoro prevede, nella prima fase: la rilevazione delle procedure in atto e/o previste nei sei Paesi di riferimento, sia definite dalle Istituzioni, sia esito di accordi, convenzioni, ecc.; l analisi delle migliori elaborazioni messe a punto a livello europeo; la definizione delle condizioni e delle specifiche tecniche per garantire il muto riconoscimento degli esiti dei percorsi di certificazione. Nella seconda fase i partner intendono mettere a punto la struttura tecnica del percorso di valutazione delle competenze ed i format per la formalizzazione degli esiti. Nella fase conclusiva del progetto si intende definire la modalità di organizzazione del sistema di certificazione inteso come: norme e regolamenti finalizzati alla legittimazione dei valutatori; codici deontologici dei valutatori stessi; modalità di coinvolgimento delle parti sociali, delle imprese, delle persone, degli organismi di formazione, delle scuole e delle Università. Sul piano tecnico-metodologico si assume, quale punto di riferimento, il contenuto dell U.C., con particolare riferimento ai descrittori e agli indicatori. Pare utile richiamare come l intero processo di certificazione implichi due sottoprocessi distinti: la verifica/valutazione delle competenze e la loro certificazione. Il primo è prefigurabile come una procedura di natura tecnica, pur sottoposta a vincoli di regole e modalità, che riguarda la verifica del possesso da parte dei soggetti; il secondo rappresenta una funzione di sistema in quanto è l atto con il quale un soggetto giuridicamente responsabile attesta la disponibilità da parte dell individuo delle competenze in questione. Per questa ragione i partner intendono elaborare e sperimentare il sistema della certificazione su due fronti: la struttura tecnica della valutazione; la definizione dei soggetti responsabili della certificazione (strutture e persone). Per quanto riguarda il primo aspetto i partner intendono mettere a punto la strumentazione tecnica che, assumendo i contenuti dell U.C. e le più consolidate metodologie docimologiche, consenta oggettività ed evidenza degli esiti della valutazione. Per quanto riguarda il secondo aspetto, si assumono a riferimento le logiche e le norme messe a punto in ambito ISO per accreditare strutture e persone responsabili di certificare sistemi, prodotti ecc. Nell attuale momento in cui non esistono regole e/o norme precise in materia di certificazione di competenze, i migliori lavori indicano nella certificazione di parte seconda il modello più adatto, mutuato appunto da quanto elaborato in ambito ISO 4. Nel contesto delle certificazioni di qualità, tale tipologia identifica quel tipo di riconoscimento che viene rilasciato ad un soggetto produttivo direttamente dal cliente o da un Organismo rappresentativo del sistema cliente: il riconoscimento è fondato su requisiti definiti dal cliente. Pare tuttavia proponibile, considerata la valenza di sistema governato da Istituzioni introdurre anche elementi relativi alla tipologia di certificazione di parte 4 La verifica e certificazione di parte prima avviene quando l Organismo che effettua l accertamento fa riferimento esclusivo al sistema fornitore: sono gli organismi rappresentativi dei fornitori che definiscono i requisiti e li verificano. Si dice verifica e certificazione di parte seconda quando l Organismo che effettua la valutazione fa riferimento esclusivo al sistema cliente: in questo caso, sono gli organismi che rappresentano i clienti che definiscono i requisiti e li verificano. Infine, si dice di parte terza quando l Organismo che effettua la valutazione non fa riferimento né ai fornitori né ai clienti, ma è un organismo super partes, riconosciuto da entrambe le parti e accreditato alle attività di certificazione da un livello superiore (es. internazionale): è il caso, ad es. delle ISO 9000 Metodo-Forma 4

7 terza che prevede un soggetto terzo, super partes rispetto a fornitori e clienti, in grado di valutare qualità del fornitore e della fornitura, e quindi di assegnare punteggi e valutazioni di merito. La possibilità di sperimentare un modello di certificazione che assuma entrambe le tipologie consiste nel fatto che a livello locale è agevole sia assegnare direttamente ai soggetti che utilizzano competenze (e costituiscono perciò la domanda di competenze) la responsabilità di certificarle, sia creare soggetti super partes cui affidare il compito di definire procedure, standard e persone (per esempio figure prestigiose dal punto di vista professionale) per certificare competenze. Considerata la natura pubblica dei soggetti di governo del sistema in grado quindi di creare tavoli di concertazione tra le parti sociali, nonché di trasferire nel territorio eventuali regole e/o norme che possono meglio definire ruoli, responsabilità e reciproci riconoscimenti della certificazione, si ritiene possibile adottare anche modalità che prevedano l accreditamento di persone con funzione esperto e/o strutture in grado di garantire al sistema rigore nella valutazione. Metodo-Forma 5

8 5. VERSO L INTEGRAZIONE DI SISTEMA E TRA SISTEMI Le buone prassi sperimentate ed in corso di sperimentazione nell ambito del progetto Certiskills consentono di disporre di prodotti, banche-dati e strumenti utili/indispensabili per la gestione integrata del sistema: Istruzione-lavoro-formazione. Assumendo le competenze quale baricentro del sistema è agevole infatti rilevare, da questa breve sintesi, la coerenza e l opportunità della muta riconscibilità tra sistemi. 1. I Centri per l Impiego, disponendo della banca-competenze e dei Dizionari di competenza possono garantire un alta qualificazione dei propri servizi, con particolare riferimento ai servizi di orientamento e matching. Gli orientatori possono meglio garantire percorsi di definizione di obiettivi professionali per giovani, per persone che intendono migliorare la propria situazione di lavoro, per coloro che rientrano nel m.d.l. Disponendo inoltre di offerte formative (banca-u.f.) definite sulla base di standard condivisi dal sistema sono facilitati nell individuazione di percorsi di apprendimento adatti all acquisizione di competenze spendibili nel m.d.l. Il servizio di mediazione domanda/offerta di lavoro, se è vero che le imprese richiedono competenze e le persone offrono competenze, può contare su strumenti di facilitazione di rappresentazione delle competenze stesse offerte/richieste sul m.d.l. E possibile infatti prevedere un servizio di matching competence based che favorisce la precisione delle richieste e delle offerte di competenze, piuttosto che basato su declaratorie di qualifiche, profili, ecc. poco adatti, nella loro denominazione, a rappresentare la sostanza dello scambio all interno del mondo del lavoro. Il progressivo sviluppo della certificazione delle competenze costituisce inoltre un ulteriore elemento di qualità per il servizio di matching in quanto, superando il livello dell autodichiarazione, rende oggettiva l offerta professionale delle persone e quindi la sua valorizzazione; le aziende possono contare, d altro canto, su una pre-selezione altamente strutturata e validata negli esiti. 2. Gli O.d.F. e il sistema dell Istruzione possono progettare offerte formative e scolastiche coerenti con gli standard di competenza e, quindi, con gli standard formativi (banca- U.F.)adottati a livello di sistema. Possono così garantire trasparenza ai percorsi di apprendimento e certificazione degli esiti attraverso modalità e contenuti condivisi e riconoscibili. 3. Le persone possono contare sulla chiara definizione delle competenze possedute e certificate, possono prevedere percorsi modulari di apprendimento lungo tutto l arco della vita e sono agevolate nella valorizzazione del proprio portato professionale anche in contesti diversi da quelli di appartenenza. 4. Le imprese/organizzazioni possono contare sulla definizione di standard di competenze definiti con il proprio contributo ed in riferimento ai propri processi di lavoro. Tale condizione garantisce servizi scolastici, formativi e a supporto del lavoro, coerenti con i propri bisogni, agevola la selezione del personale e consente una maggiore valorizzazione delle competenze possedute dalle persone. Metodo-Forma 6

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania e del Forum Regionale della Gioventù 03 ALLEGATO A Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania 1- Premessa

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

Il Sistema ECVET: gli elementi chiave

Il Sistema ECVET: gli elementi chiave Il Sistema ECVET: gli elementi chiave ECVET: key features Manuela Bonacci ISFOL Processi integrati Europass Qualità e Accreditamento ECTS ECVET EQF NQS Sistema dei crediti Validation Sistema Nazionale

Dettagli

IL PERCORSO ATTUATO IN TOSCANA PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE:

IL PERCORSO ATTUATO IN TOSCANA PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE: IL PERCORSO ATTUATO IN TOSCANA PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE: L'ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI PISA NEL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Pietro Cataldo 15 dicembre 2014 Il contesto

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

Il dispositivo Europass per promuovere la mobilità: il Supplemento al Diploma Verona, 21 novembre 2014 JOB&ORIENTA 2014

Il dispositivo Europass per promuovere la mobilità: il Supplemento al Diploma Verona, 21 novembre 2014 JOB&ORIENTA 2014 Il dispositivo Europass per promuovere la mobilità: il Supplemento al Diploma Verona, 21 novembre 2014 JOB&ORIENTA 2014 Ismene Tramontano ISFOL Centro Nazionale Europass Italia 1 Muoversi in Europa La

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO PROGETTO 2/1/1/1758/2009 Riconoscimento e certificazione delle competenze acquisite in ambiente di lavoro dagli occupati in contratto di apprendistato AzioneMacro

Dettagli

Che cos'è l'ecvet. L'operatore socio-sanitario in prospettiva europea. Bari, 23 Aprile 2012 Sala Convegni ACLI Provinciali - Via De Bellis, 37

Che cos'è l'ecvet. L'operatore socio-sanitario in prospettiva europea. Bari, 23 Aprile 2012 Sala Convegni ACLI Provinciali - Via De Bellis, 37 L'operatore socio-sanitario in prospettiva europea Bari, 23 Aprile 2012 Sala Convegni ACLI Provinciali - Via De Bellis, 37 Che cos'è l'ecvet Lorenzo Liguoro Kairos S.p.A. Consulenza e Formazione www.kairos-consulting.com

Dettagli

L impatto di ECVET sul sistema regionale degli standard

L impatto di ECVET sul sistema regionale degli standard L impatto di ECVET sul sistema regionale degli standard La sperimentazione ECVET nel settore turistico -alberghiero: l esperienza dell Agenzia di formazione professionale delle Colline Astigiane Asti -AglianoTerme,

Dettagli

L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di ECVET

L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di ECVET L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di Luogo Presentazione: Vicenza Autore: Data: giovedì 12 giugno 2014 ESCO PROCESSI INTEGRATI Europass NQS ECTS Sistema dei crediti HE EQF

Dettagli

Strumenti e modelli di valutazione dei progetti IFTS, delle competenze acquisite e del riconoscimento dei crediti

Strumenti e modelli di valutazione dei progetti IFTS, delle competenze acquisite e del riconoscimento dei crediti PROGETTO 8180 Strumenti e modelli di valutazione dei progetti IFTS, delle competenze acquisite e del riconoscimento dei crediti RICONOSCIMENTO DEI CREDITI RELATORE: Prof. Luciano De Bonis Consorzio Metis

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

ALLEGATO 1. Repertorio Regionale dell apprendistato. Premessa

ALLEGATO 1. Repertorio Regionale dell apprendistato. Premessa ALLEGATO 1 Repertorio Regionale dell apprendistato Premessa Il Repertorio nazionale dei Titoli e Qualificazioni professionali istituito con Decreto Legislativo 13/2013 segna, in maniera inequivocabile,

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

CORSO SERALE - LINEE GUIDA

CORSO SERALE - LINEE GUIDA CORSO SERALE - LINEE GUIDA 1. ASPETTI GENERALI Dal 31 agosto 2015, con l entrata in vigore del D.P.R. n.263 del 29 ottobre 2012 e le successive circolari ministeriali, i corsi serali, i CTP, i corsi di

Dettagli

Struttura/e formativa/e

Struttura/e formativa/e Logo delle Istituzioni 1 Dichiarazione dei Percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore Rilasciato a Nome e cognome Nat a il Struttura/e formativa/e Nome Sede Nome Sede Nome Sede Luogo e data

Dettagli

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Il tema della trasparenza e del riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite rappresenta

Dettagli

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia disegna un panorama molto variegato con differenze marcate

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Apprendistato.

Art. 1 Finalità. Art. 2 Apprendistato. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 30 maggio 2007, n. 18 Disciplina dell'apprendistato. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 25 del 06/06/2007 Il Consiglio regionale ha approvato. La Presidente della Giunta

Dettagli

IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ. Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015

IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ. Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015 IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015 Muoversi in Europa La mobilità transnazionale è considerata da oltre un

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

DIREZIONE GENERALE CULTURA FORMAZIONE LAVORO Servizio Formazione Professionale

DIREZIONE GENERALE CULTURA FORMAZIONE LAVORO Servizio Formazione Professionale I professionisti del care Figure professionali la cui definizione e formazione è di competenza Ministeriale (Università) Medici Assistente Sociale Fisioterapista Infermiere professionale Terapista della

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO SUI CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL SANNIO (D.R. n. 304 del 13 aprile 2004) Articolo 1 Finalità 1.

Dettagli

Guida per il formatore

Guida per il formatore Sistema flessibile di formazione al ruolo di Capocantiere dell edilizia storica PON IT 053-PO 007- Avviso 1/01 Fasc. 37 Guida per il formatore La formazione del Capocantiere edilizia storica 1. Gli elementi

Dettagli

delle competenze e delle qualifiche per tutti

delle competenze e delle qualifiche per tutti Verso un Euro e-portfolio delle competenze e delle qualifiche per tutti Alfredo Mazzocchi Dirigente Scolastico - Marche Venezia, 15 03 2013 Lifelong learning & Lifelong mobility Il lifelong learning e

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

2. DEFINIZIONE DEI LABORATORI PER IL RECUPERO E IL SOSTEGNO DELI APPRENDIMENTI (LaRSA)

2. DEFINIZIONE DEI LABORATORI PER IL RECUPERO E IL SOSTEGNO DELI APPRENDIMENTI (LaRSA) PROPOSTA DI ACCORDO TRA L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DEL PIEMONTE, LA REGIONE PIEMONTE, LE PROVINCE PIEMONTESI SULLE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE ASSISTITA DEI PASSAGGI TRA I SISTEMI

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 )

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) Il Liceo favorisce la frequenza scolastica degli studenti in Istituti esteri per periodi brevi, lunghi o corrispondenti alla durata dell anno scolastico,

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Progettare per competenze. Milano

Progettare per competenze. Milano Progettare per competenze Milano Contenuti PROGETTARE PER COMPETENZE 1. Il concetto di competenza 2. I riferimenti normativi europei ed italiani (la raccomandazione sulle competenze chiave; il documento

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi DISCIPLINA DEI PROFILI FORMATIVI DELL'APPRENDISTATO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEL DIPLOMA PROFESSIONALE AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 2 DEL D.LGS 167/2011

Dettagli

ECTS SISTEMA EUROPEO DI ACCUMULAZIONE E TRASFERIMENTO DEI CREDITI. Punti chiave

ECTS SISTEMA EUROPEO DI ACCUMULAZIONE E TRASFERIMENTO DEI CREDITI. Punti chiave COMMISSIONE EUROPEA Direzione Generale per l Educazione e la Cultura Versione 11.02.03 ECTS SISTEMA EUROPEO DI ACCUMULAZIONE E TRASFERIMENTO DEI CREDITI Punti chiave Cosa è un sistema di crediti? Un sistema

Dettagli

M.O.T.O. Model of transferability of learning outcome units

M.O.T.O. Model of transferability of learning outcome units M.O.T.O. Model of transferability of learning outcome units MOTO Roma 27 / 3 / 2014 Perchè M.O.T.O.? MOTIVAZIONE Verificare fino a che punto gli strumenti sviluppati a livello nazionale consentono di trasferire

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

Formulario Allegato all Operazione

Formulario Allegato all Operazione Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 26/03/2009 azione 1 Per i soggetti interessati si è provveduto a realizzare la presente guida per una corretta compilazione dei singoli campi

Dettagli

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks Estratto dal documento A Framework for Qualifications of the European Higher Education Area (Il Quadro dei Titoli dello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore), disponibile sul sito www.processodibologna.it/documentieuropei

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

European Center of Education STRUTTURA DEGLI INCONTRI DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE SULLA NORMA CEIS

European Center of Education STRUTTURA DEGLI INCONTRI DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE SULLA NORMA CEIS STRUTTURA DEGLI INCONTRI DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE SULLA NORMA CEIS I Corsi di Alta Formazione sulla Norma CEIS vengono erogati dall E.C.E. European Center of Education (www.eceducation.it) e sono strutturati

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato B Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato

Dettagli

Linee guida per le Università sul tema del riconoscimento e della convalida degli apprendimenti pregressi. Luciano Galliani, Università di Padova

Linee guida per le Università sul tema del riconoscimento e della convalida degli apprendimenti pregressi. Luciano Galliani, Università di Padova Linee guida per le Università sul tema del riconoscimento e della convalida degli apprendimenti pregressi Luciano Galliani, Università di Padova Secondo quanto riportato all art. 4 commi 51-58 della Legge

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

La Certificazione epmq

La Certificazione epmq La Certificazione epmq Pier Paolo Maggi AICA pierpaolomaggi@aicanet.it Saper gestire progetti articolati, correlati con altre funzioni, saper tenere sotto controllo il loro andamento rispetto a tempi,

Dettagli

Percorsi di Istruzione e Formazione professionale

Percorsi di Istruzione e Formazione professionale Allegato A Modello 7 Percorsi di Istruzione e Formazione professionale erogati da Istituzioni Formative e Istituti Professionali di Stato in regime di sussidiarietà report annuale di monitoraggio Regione

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Il CPP come sede di confronto e di sintesi a livello di sistema territoriale Marina Maselli maselli.marina@virgilio.it

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

Progettare la mobilità per unità di risultati dell apprendimento

Progettare la mobilità per unità di risultati dell apprendimento Progettare la mobilità per unità di risultati dell apprendimento Marta Santanicchia Isfol Team Nazionale Esperti ECVET Workshop di approfondimento su ECVET Agenzia Leonardo da Vinci Roma, 21 Settembre

Dettagli

European Center of Education STRUTTURA DEGLI INCONTRI DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE SUL MODELLO DI ECCELLENZA CEIF

European Center of Education STRUTTURA DEGLI INCONTRI DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE SUL MODELLO DI ECCELLENZA CEIF STRUTTURA DEGLI INCONTRI DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE SUL MODELLO DI ECCELLENZA CEIF I Corsi di Alta Formazione sul Modello di Eccellenza CEIF vengono erogati dall E.C.E. European Center of Education (www.eceducation.it)

Dettagli

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Prime indicazioni in merito alla metodologia di determinazione delle opzioni di semplificazione di costo (c.d. costi standard) nell ambito

Dettagli

Il Repertorio RRFP come strumento multifunzione per la analisi dei fabbisogni formativi, l orientamento e l incontro tra domanda e offerta di lavoro

Il Repertorio RRFP come strumento multifunzione per la analisi dei fabbisogni formativi, l orientamento e l incontro tra domanda e offerta di lavoro Il Repertorio RRFP come strumento multifunzione per la analisi dei fabbisogni formativi, l orientamento e l incontro tra domanda e offerta di lavoro Luciano Capriolo Cagliari 9 giugno 2014 IL SISTEMA REGIONALE

Dettagli

CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO

CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO I corsi riconosciuti dalla regione Lazio sono: Corso di addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI Il Comitato Direttivo dell AUSER nazionale riunito a Roma in data 24 giugno 2015 - valutando

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO OFFICINA PITTINI PER LA FORMAZIONE PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO Il sistema europeo per il trasferimento dei crediti e la certificazione delle competenze European Qualification Framework (EQF) European

Dettagli

MODIFICHE E INTEGRAZIONI AL SISTEMA REGIONALE DI FORMALIZZAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DI CUI ALLA DGR. N. 530/2006

MODIFICHE E INTEGRAZIONI AL SISTEMA REGIONALE DI FORMALIZZAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DI CUI ALLA DGR. N. 530/2006 Progr.Num. 739/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 10 del mese di giugno dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA SMART CARD COMPETENZE del FAPI

GUIDA ALL UTILIZZO DELLA SMART CARD COMPETENZE del FAPI GUIDA ALL UTILIZZO DELLA SMART CARD COMPETENZE del FAPI Rev.1.0 del 01/12/2015 SOMMARIO 1. Introduzione. pag.2 2. Utilizzo della SMART CARD COMPETENZE del FAPI sull Avviso 2 2015 pag.2 3. Progettare per

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

La certificazione delle competenze: il caso dei valutatori/certificatori del sistema regionale delle competenze. Silvia Marconi

La certificazione delle competenze: il caso dei valutatori/certificatori del sistema regionale delle competenze. Silvia Marconi 1 La certificazione delle competenze: il caso dei valutatori/certificatori del sistema regionale delle competenze Silvia Marconi Firenze, 18 febbraio 2011 2 La Regione Toscana ha definito un sistema per

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE L accreditamento corrisponde al riconoscimento di idoneità dei soggetti che si candidano a gestire iniziative di

Dettagli

Format questionario selezione formatori

Format questionario selezione formatori Allegato B Format questionario selezione formatori Progetto sperimentale Competence Based Approach WP 4 - Costruzione e sperimentazione di un sistema di monitoraggio dei processi formativi a garanzia della

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Funzioni responsabili. Direttore di sede sig.ra Roberta FILIPAZZI per Genova; Direttore generale dei corsi: Sig. Luigi CIULLO.

Funzioni responsabili. Direttore di sede sig.ra Roberta FILIPAZZI per Genova; Direttore generale dei corsi: Sig. Luigi CIULLO. FORMAZIONE POST SECONDARIA IN OSTEOPATIA: MODALITA ( Estratto dalla Guida dello Studente IEMO ) Funzioni responsabili. Direttore di sede sig.ra Roberta FILIPAZZI per Genova; Direttore generale dei corsi:

Dettagli

Istruzione e Formazione Professionale: Esame conclusivo dei percorsi triennali

Istruzione e Formazione Professionale: Esame conclusivo dei percorsi triennali Istruzione e Formazione Professionale: Esame conclusivo dei percorsi triennali Riferimenti nazionali DL 226/2005 Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relative al secondo ciclo del sistema

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla certificazione della competenza Progetto di ricerca-formazione I nuovi Licei. Una guida a partire dalle pratiche USR Puglia

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O I S T I T U T O C O M P R E N S I V O Scuola Infanzia - Primaria e Secondaria di 1 Grado Via S. Pertini, 1 tel. 0836/817370-73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) C.F. 92012650757 C.M. LEIC84300C e-mail: leic84300c@istruzione.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 marzo 2015, n. 622

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 marzo 2015, n. 622 14236 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 55 del 21 04 2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 marzo 2015, n. 622 Approvazione Linee guida per lo svolgimento degli esami di Qualifica in esito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO)

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. SACCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE AD INDIRIZZO IGEA E PROGRAMMATORI I S T I T U T O P R O F E S S I O N A L E PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE S A N T

Dettagli

VERBALE DI RICONOSCIMENTO DEI CREDITI FORMATIVI

VERBALE DI RICONOSCIMENTO DEI CREDITI FORMATIVI LOGO ISTITUZIONE VERBALE DI RICONOSCIMENTO DEI CREDITI FORMATIVI ISTITUZIONE FORMATIVA / SCOLASTICA: 1 1. dati del richiedente nome cognome_ nato il a (Città) Provincia di residente a in Via /P.za n doc.

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

Riconoscimento e validazione apprendimenti non formali

Riconoscimento e validazione apprendimenti non formali Riconoscimento e validazione apprendimenti non formali Prof. Umberto Margiotta Università Cà Foscari -Venezia Progetto SUV -Veneto 2009-2010 Istruzione e formazione durante tutto l arco della vita L'educazione

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE

ACCORDO TERRITORIALE ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato, in persona del Dirigente Generale Avv. Bruno Calvetta E UFFICIO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN RIPENSARE L ORIENTAMENTO A.A. 2012/13 ANAGRAFICA DEL CORSO - A CFU 20 Lingua Italiano Percentuale di frequenza obbligatoria: 70% del monte ore

Dettagli

INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE La Commissione Paritetica istituita ai sensi della dichiarazione a verbale n. 1 in calce all articolo 60

Dettagli

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari 1 Job Progetto FIxO Scuola e Università 2012 2013 Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari Nota informativa

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

Logo Università. Progetto Individuale. Azione 8 Sperimentazione dottori di ricerca 1

Logo Università. Progetto Individuale. Azione 8 Sperimentazione dottori di ricerca 1 Progetto Individuale Azione 8 Sperimentazione dottori di ricerca 1 INDICE SEZ.1 VALUTAZIONE PERSONALIZZATA... 3 1.1 Analisi esperienze formative e professionali... 3 1.2 Le competenze acquisite... 6 1.3

Dettagli