Blanchard: La crisi economica globale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Blanchard: La crisi economica globale"

Transcript

1 Blanchard: La crisi economica globale Il modo migliore per capire l'origine della crisi è esaminare la figura 1 che ci mostra i prezzi delle case dal 1890 (linea rossa). La figura mostra due episodi in cui i prezzi delle case sono aumentati rapidamente. Il primo, alla fine degli anni quaranta è facile da capire: alcune case furono costruite durante la seconda guerra mondiale: al momento, l'economia stava usando la maggior parte delle sue risorse a fini bellici. Alla fine del conflitto si formarono molte nuove famiglie, molti nuovi bambini nacquero e la domanda di case esplose. Ma l'offerta di case era limitata, quindi i prezzi salirono vertiginosamente. Figura 1a. Prezzi delle case, costo dei mutui e crescita della popolazione Tuttavia, l'aumento dei prezzi delle case negli anni quaranta è piccolo rispetto a quello che si è verificato nel primo decennio di questo secolo. E in quel periodo non c'era alcun motivo evidente perché i prezzi dovessero aumentare così tanto. Come mostra la figura 1a, né i costi di costruzione che cadevano, né la crescita della popolazione che non accelera possono giustificare un rapido aumento dei prezzi. Eppure il boom continua per un decennio ma, infine, poiché nulla può durare per sempre, si ferma e la caduta dei prezzi delle case (i prezzi sono diminuiti in media circa il 30% negli Stati Uniti tra il 2006 e il 2009, vedi figura 1a) ha messo in crisi l'intera economia. Gli Stati Uniti non sono l'unico paese in cui i prezzi delle case sono aumentati molto. Nel Regno Unito, Irlanda e Spagna i prezzi sono aumentati ancora di più dal 1980 (figura 1b). La figura 2 mostra ciò che è accaduto alla fine: in meno di un anno il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è più che raddoppiato, aumentando dal 4,5% al 9,5%. Subito dopo la recessione ha colpito il mondo intero. Il valore delle case in cui vivono rappresenta circa un terzo della ricchezza totale delle famiglie americane (32% nel 2007). Non è quindi sorprendente che un forte calo dei prezzi delle case possa avere indotto le famiglie a consumare meno. Tuttavia è sorprendente che un calo del 30% dei prezzi delle case abbia generato una fase di profonda recessione. Il 19 ottobre 1987 (successivamente chiamato "Lunedì Nero", Wall Street subì un calo del 20,4% in un solo giorno. I titoli sono meno importanti delle case nella ricchezza delle famiglie degli Stati Uniti: essi rappresentano comunque circa il 20% della loro ricchezza totale, una quantità non trascurabile. Ciononostante il crash del 1

2 1987 non ebbe quasi nessun effetto sulla crescita e il consumo. L'anno seguente la crescita del reddito accelerò al 4%, un punto in più del Figura 1b. Andamento dei prezzi delle case in altri paesi Figura 2. PIL e disoccupazione negli USA e nel mondo 2

3 Famiglie 'sott'acqua' Nella sezione precedente due domande sono rimaste senza risposta: perché il valore delle case è esploso dopo il 2000 e perché gli effetti della esplosione sono stati così drammatici? Cominciamo dall'aumento dei prezzi delle case. È evidente, guardando la figura 1b che i prezzi delle case stavano cavalcando una bolla. 'I prezzi delle case non possono cadere!', è stata una dichiarazione comune negli anni prima dello schianto. Tale esuberanza è spesso irrazionale. L'aumento dei prezzi delle case è stato anche l'effetto di un lungo periodo di tassi di interesse estremamente bassi che ha reso il prestito per comprare una casa molto attraente soprattutto se si ritiene che la bolla debba continuare! La Fed mantenne bassi i tassi di interesse perché l'inflazione era bassa. I prezzi delle case stavano aumentando molto velocemente, ma questi prezzi non entrano direttamente nell'indice utilizzato per calcolare l'inflazione. Quello che entra è il costo dell'affitto di una casa, e questo non aumenta così velocemente come i prezzi delle case e, in ogni caso, non abbastanza velocemente da modificare significativamente l'indice dei prezzi al consumo. Così, i prezzi delle case continuarono a crescere sia a causa dell'esuberanza razionale sia per i tassi di interesse molto bassi. Se i prezzi delle case fossero stati inclusi nell'indice utilizzato per calcolare l'inflazione, quest'ultima sarebbe aumentata e la Fed forse avrebbe aumentato i tassi di interesse. La bolla immobiliare non sarebbe forse cresciuta così tanto. I prestiti per la casa sono stati incoraggiati anche da un cambiamento nella severità dei requisiti fissati dalle banche per approvare un mutuo. Il risultato è stato che anche le famiglie che avevano una probabilità relativamente bassa di pagare le rate dei mutui, i cosiddetti clienti 'subprime', hanno ottenuto comunque un prestito. Perché le banche si assumono questi rischi? Il punto è che non lo hanno fatto, o almeno molto meno di prima. In passato una banca manteneva un mutuo sui suoi libri fino al giorno del completo rimborso. Aveva così un forte incentivo a vigilare sul cliente e assicurarsi che fosse solvibile. Oggi, invece, una banca può concedere un gran numero di mutui e vendere lo strumento finanziario che li contiene ad altri investitori. Quando un investitore, a volte un'altra banca, compra uno di questi titoli che contiene migliaia di ipoteche e viene chiamato mortgage-backed security non può controllare la qualità di ogni singolo prestito. La qualità e la sicurezza sono certificate da un'agenzia di rating. Ma le agenzie di rating non possono controllare ogni singolo prestito. Il risultato è che il controllo della qualità si è indebolito e le banche sono diventate molto meno attente nel concedere prestiti. Se le banche non sono attente non sorprende che, quando i prezzi delle case iniziano a cadere, alcune famiglie finiscano 'sott'acqua', ossia quanto hanno preso in prestito dalla Banca supera il valore di mercato della loro casa. Quando questo accade molte famiglie (soprattutto se pensano che 3

4 i prezzi delle case non torneranno più al livello precedente) sono costrette a lasciare la casa. Il mutuo quindi va in default e la casa viene pignorata ossia la proprietà è trasferita alla banca. Poiché il valore della casa è minore del valore del prestito che è stato inizialmente concesso, la banca realizza una perdita. Tuttavia, questo non basta per spiegare cosa è successo. La maggior parte delle famiglie non abbandonano la loro casa quando il prezzo della casa scende sotto il valore del prestito bancario (a meno che essi non possano più permettersi il mutuo). Le banche hanno realizzato grandi perdite sulle case pignorate, ma non abbastanza grandi da spiegare il tracollo del sistema finanziario internazionale. Né un calo del 30% dei prezzi delle case giustifica, di per sé, la forte caduta nei consumi delle famiglie ( 3.5% a tassi annui per due trimestri consecutivi) alla fine del Qualcos'altro deve aver lavorato per amplificare lo shock. Gli effetti amplificati della leva Per capire come l'effetto della caduta dei prezzi delle case è stato amplificato fino al punto da causare una forte recessione, abbiamo bisogno di introdurre un concetto non menzionato finora: il leverage o leva. Il modo migliore per farlo è con un esempio. Tavola 1. Cosa è il leverage (leva finanziaria)? Attività Passività Capitale Leva Banca Banca Prendiamo in considerazione i bilanci delle due banche che compaiono nella tavola 1. Entrambe hanno attività per un valore pari a 100. Queste attività potrebbero essere, per esempio, i prestiti ipotecari sulle abitazioni. Le due banche differiscono nel modo in cui le loro attività sono finanziate: la banca 1 ha finanziato i mutui con 20 di capitale proprio (il capitale iniziale accantonato quando è stata istituita) e ha preso a prestito 80 sul mercato, per esempio aprendo depositi per 80. La banca 2, invece, ha utilizzato solo 5 di capitale proprio e ha preso a prestito 95. La leva finanziaria è il rapporto tra attività e capitale proprio: Leva finanziaria = attività/capitale La banca 1 ha 100 di attività e 20 di capitale: la sua leva finanziaria è 100/20 = 5. Per la banca 2 la leva finanziaria è 20 (100/5). Ora chiediamoci che cosa accade se il valore delle attività passa da 100 a 80, per esempio perché i prezzi delle case scendono del 20%. Quando i prezzi delle case vanno giù il valore delle ipoteche (che sono sostituti dal valore delle case finanziate) va giù del 20%. Banca 1 rimane solvibile, dal momento che il suo capitale è sufficiente per assorbire la perdita di 20. Banca 2, invece, va in bancarotta perché non è in grado di far fronte alle perdite con il suo capitale. Ecco perché un rapporto di leva alto è rischioso: in caso di un calo del valore delle sue attività, la banca potrebbe diventare insolvente. Anche se è rischioso, le banche preferiscono avere un rapporto di leva elevato. Si supponga che il patrimonio che la banca ha investito garantisca un rendimento del 10% e dimentichiamoci i costi (immaginiamo per semplicità che la banca possa prendere in prestito senza pagare alcun interesse: questo è ovviamente irrealistico, ma negli anni prima della crisi, i tassi di interesse, come abbiamo già accennato, erano molto bassi). I proprietari della Banca 1 avranno un ritorno sul loro capitale del 50%: 10/20. I proprietari della Banca 2 fanno molto meglio: il loro rendimento è 10/5, cioè il 200%. Non c'è niente di nuovo in questo. È solo la 'ferrea legge della finanza': è possibile ottenere rendimenti più elevati solo se siete disposti a correre rischi più elevati. Fintanto che i prezzi delle case aumentavano, mantenendo una leva alta le banche potevano guadagnare enormi profitti e nessuna falliva. Ma questa lunga luna di miele non poteva durare all'infinito e, quando giunse al termine, molte banche si trovarono senza sufficiente capitale per assorbire le perdite: erano in bancarotta. 4

5 Perché il governo non intervenne, imponendo un limite sulla leva, è un'altra storia. Una spiegazione, come abbiamo già accennato, è che l'ampliamento del numero di cittadini americani possessori di una casa era un obiettivo politico: per raggiungerlo il governo doveva rendere attraente per le banche investire in prestiti immobiliari. Il modo per farlo era consentire alle banche di fare prestiti con una elevata leva finanziaria, cioè non con il proprio capitale, ma con denaro preso in prestito a buon mercato. Quando le cose andavano bene, questo significava rendimenti elevati per la banca e per i banchieri stessi perché i loro bonus erano legati ai profitti della banca. L'interesse dei banchieri spesso si traduceva in contributi per la campagna elettorale dei politici che poi facevano pressioni per mantenere una normativa permissiva in materia di leva. Nel corso del tempo l'esempio e la cattiva regolamentazione delle banche si sono diffusi ad altre istituzioni finanziarie. La tavola 2 mostra la leva media degli istituti finanziari più importanti negli USA nell'anno precedente alla crisi. Il mercato finanziario degli Stati Uniti ha cominciato ad apparire come una piramide invertita: un enorme massa di investimenti rischiosi si appoggiavano su un piccolo piedistallo di capitale. Non sorprende che quando il mercato ha smesso di crescere, queste istituzioni si siano rivelate molto fragili. Emettendo credit default swap alcune compagnie di assicurazione si sono esposte sul mercato immobiliare e, quando il mercato immobiliare è crollato e il valore dei prestiti è caduto, hanno cominciato a perdere senza avere sufficiente capitale per assorbire le perdite. Tavola 2. Leva finanziaria di alcune istituzioni finanziarie americane nel 2007 Banche commerciali 9.08 Banche cooperative 8.07 Società finanziarie Banche di investimento e hedge funds Fannie Mae e Freddie Mac Figura 3. Credito al settore privato non finanziario Finora, abbiamo capito perché la leva è attraente (per i banchieri), ma anche rischiosa. Che dire dell'amplificazione? Perché la leva alta ha amplificato gli effetti sull'economia della caduta dei prezzi delle case? Quando il valore del loro patrimonio è caduto, alcune banche con alta leva 5

6 finanziaria sono fallite. Ovviamente hanno smesso anche di concedere prestiti. Ma anche le banche che avevano abbastanza capitale e sono sopravvissute hanno cominciato a preoccuparsi. Per poter sopravvivere avevano usato quasi tutti i loro capitali e si erano indebolite. Riprendendo l'esempio precedente, Banca 2 va in bancarotta, Banca 1 si salva ma emerge dalla crisi con zero capitale e una leva infinita. Banche come Banca 1 hanno cercato di rafforzare la loro posizione in tre modi. In primo luogo cercando di raccogliere più capitali, ma questo non è facile perché le crisi non sono un buon momento per convincere la gente ad investire in una banca. In secondo luogo riducendo l'importo dei prestiti concessi, che significa fare meno nuovi prestiti e non rinnovare quelli in scadenza. In terzo luogo vendendo a qualunque prezzo altre attività liquide (principalmente titoli) in portafoglio. Il risultato è stato un congelamento del credito (come documentato nella figura 3) e una vendita di realizzo nel mercato azionario. Le vendite di realizzo (fire sales) accadono quando gli investitori hanno bisogno di vendere i loro asset rapidamente e questo fa cadere i prezzi. Questi sono i principali canali attraverso i quali la crisi finanziaria ha colpito l'economia reale. La stretta creditizia ha ridotto gli investimenti e la caduta del mercato azionario (in contemporanea con la caduta dei prezzi delle case) ha ridotto il valore della ricchezza delle famiglie e, di conseguenza, i consumi. Domanda di investimento, con le banche come intermediari Nella sezione precedente, abbiamo visto che un importante canale per la trasmissione della crisi all'economia reale sono i bilanci delle banche. Appena il loro capitale si è ridotto, le banche hanno iniziato a tagliare il credito, cioè smesso di fare prestiti e questo ha scoraggiato gli investimenti. Tutto questo non si spiega bene con un semplice modello IS-LM di investimento. Estendiamo quindi il modello IS LM per includere le banche. Consideriamo il caso di un'impresa che deve decidere se comprare una nuova macchina. L'impresa deve guardare al tasso di interesse. Tuttavia non c'è un tasso di interesse unico: il tasso di interesse (il tasso sui depositi bancari, i) ricevuto dai risparmiatori è di solito inferiore al tasso al quale le banche prestano alle imprese (il tasso di prestito, ). Quest'ultimo, cioè il costo di un prestito da una banca, è solitamente uguale al tasso ricevuto dai risparmiatori più un margine (spread) x: = i + x Dunque, quando un'impresa deve decidere se comprare una macchina, ρ è il tasso di interesse da considerare. La domanda di investimenti dipende quindi dal costo dei prestiti bancari (e non semplicemente dal tasso di interesse) e può essere espressa come: I = I (Y, ρ ) (+, ) Gli investimenti sono funzione del reddito reale e del tasso di prestito. Il segno positivo sotto Y (reddito reale) nell'equazione indica che un aumento del livello di reddito reale conduce a un aumento degli investimenti. Ciò accade perché un reddito più alto da luogo anche a una maggiore domanda di consumi, per fronteggiare questa domanda le imprese devono creare nuova capacità produttiva attraverso gli investimenti. Il segno negativo sotto ρ indica che un aumento del costo dei prestiti bancari porta con sé una diminuzione degli investimenti. Il margine x dipende da due fattori: 1) Il capitale delle banche (B). Come abbiamo detto nella sezione precedente, le banche vogliono e spesso hanno bisogno di mantenere un sufficiente livello di capitale: il livello minimo di capitale può essere determinato da norme, o semplicemente desiderato dalla banca per non aumentare troppo la sua leva. Ora si supponga che il capitale di una banca si riduca, per esempio perché alcuni clienti non riescono a rimborsare i loro prestiti. Il capitale della banca assorbe la perdita e si riduce di un 6

7 importo equivalente alla perdita nel portafoglio dei prestiti (ricordate sempre l'identità contabile: attività = passività, ovvero prestiti + altre attività = capitale + depositi). Una caduta del capitale della banca aumenta la leva. Per ovviare alla caduta del suo capitale, al fine di ripristinare l'originale rapporto di leva, la banca ha due opzioni: aumentare il capitale o diminuire le attività. Per aumentare il capitale può cercare nuovi investitori, disposti a investire nella banca capitale fresco. Oppure si può vivere con il capitale che resta e ridurre il proprio patrimonio riducendo il volume dei prestiti. Entrambe le strategie hanno l'effetto di ridurre la leva finanziaria della banca che è aumentata a causa delle perdite sul portafoglio dei prestiti. Ad esempio, immaginate che una banca, con un patrimonio pari a 100 e capitale pari a 20, registri una perdita pari a 2. Il capitale scende a 18. La leva quindi aumenta da 5 (= 100/20) a circa 5.5 (= 100/18). Per diminuire la leva tornando al livello precedente (5), la banca può aumentare il capitale a 20 (trovando investitori disposti ad investire una somma pari a 2 nel capitale della banca), oppure deve ridurre il suo patrimonio a 90, affinché leva vada giù a 5 (= 90/18). Per ridurre le attività da 100 a 90, le passività devono ridursi fino a 72 (in modo che passività (72) + capitale (18) = attività (90)). Poiché trovare nuovi investitori richiede tempo, la prima reazione a una perdita di capitale è quella di ridurre le attività riducendo il volume dei prestiti, per esempio con il blocco di nuovi prestiti. Di conseguenza, quando il capitale delle banche si riduce, cade anche l'offerta di prestiti. La contrazione dell'offerta porta con sé un aumento del prezzo, le banche quindi chiedono un margine più alto per concedere prestiti. 2) Capitale delle imprese (F). Per capire questo, si consideri un'impresa che debba decidere se comprare un nuovo macchinario il cui costo è I. Per acquistarlo l'impresa chiede alla banca un prestito pari a I. Si supponga ora che l'impresa abbia un patrimonio (il valore delle sue macchine e impianti, il denaro in banca, le attività finanziarie e altri beni che possiede) pari a F. Il costo del prestito dipende quindi dalla differenza I-F. Per capire meglio bisogna considerare che il valore di F, può essere utilizzato come una garanzia per il prestito: spesso un contratto di prestito specifica che se il debitore non riesce a ripagare I, la banca può appropriarsi di F. Ma prestiti superiori a F non possono essere garantiti dal capitale dell impresa e quindi sono più rischiosi per la banca. Per questo motivo, oltre a pretendere F come garanzia, la banca addebita un margine x. Questo spread viene chiamato premio finanziario esterno, ed è il premio che la Banca chiede per prestiti non pienamente garantiti. Quali fra gli asset dell'impresa saranno accettati come garanzia, e quindi il valore di F, dipende dalla banca. Alcune banche accettano solo attività molto liquide, contanti o obbligazioni pubbliche; altre possono accettare anche beni immobili che sono più rischiosi perché la banca non può essere sicura del valore ricavabile in caso di vendita. Ciò che spesso succede è che meno liquido è un bene e meno viene accettato come garanzia. Un capitale di credito F serve non solo come esplicita garanzia per la banca: esso crea anche incentivi a scegliere progetti di investimento redditizi e a portarli avanti con attenzione. Più alto è F, più l'impresa ha da perdere se il progetto non ha successo. Questa è un'altra ragione alla base dello spread, x dipende da I- F. Quindi lo spread x dipende sia dal capitale delle banche che da quello delle imprese, pertanto possiamo scrivere: x = x (B, F) ( ) I segni meno sotto F e B mostrano che, quando il capitale delle banche o delle imprese diminuisce, lo spread x aumenta e viceversa. La riduzione del capitale di banche e/o imprese influisce sui prestiti? Consideriamo una caduta del capitale delle imprese, F (cioè, una riduzione degli attivi finanziari che riduce il valore delle garanzie che l'impresa può fornire). Lo spread aumenterà e lo stesso farà il costo del credito. I prestiti bancari cadranno. Gli investimenti e l'output andranno giù. Prendiamo ora in considerazione l'effetto sui prestiti di una caduta del capitale delle banche, B. Abbiamo già visto che le banche sono propense a rispondere ad un calo di B tagliando i prestiti. 7

8 L'effetto è uguale a quello prodotto da una caduta del capitale delle imprese. Per ogni livello del tasso di rifinanziamento ρ una caduta di B aumenterà lo spread x e il costo del credito per le imprese e di conseguenza si ridurranno investimenti e output. Ora torniamo al modello IS-LM. Dal momento che gli investimenti entrano nella linea IS ma non in quella LM, tutto quello che dobbiamo fare è sostituire, nella relazione IS, la domanda di investimenti che conoscete con la nuova versione sopra descritta. La nuova curva IS è quindi una funzione dello spread x poiché l'investimento dipende dal costo dei prestiti e quindi da x: I [Y, i + x (B, F)]. Non cambia nient'altro. Così, quando il capitale delle banche si riduce per qualsiasi motivo, ad esempio perché il numero di famiglie non in grado di rimborsare i loro mutui o prestiti sulla carta di credito aumenta la curva di offerta dei prestiti si sposta verso l'alto, lo spread x aumenta e con esso anche il costo dei prestiti bancari anche se il tasso di interesse non è cambiato. Il risultato è che la curva IS si sposta a sinistra e il nuovo livello di equilibrio dell'output diminuisce come mostrato nella figura seguente. Figura 4. LM e 'nuova' IS. Figura 5a. Spread in alcuni paesi 5b. Crollo degli investimenti In sintesi: qualsiasi evento che colpisce il valore dei beni che compaiono nei bilanci delle banche (o delle imprese) quindi qualsiasi evento che modifica il capitale di banche o imprese incide 8

9 anche sul livello di equilibrio dell'output. Inoltre, più alta è la leva finanziaria maggiore è l'effetto sull'output di una data caduta del valore dei beni. Il motivo è che più alta è la leva maggiore è la riduzione del capitale per ogni data perdita di valore delle attività. Questo spiega esattamente perché la crisi finanziaria ha colpito l'economia reale così duramente: uno shock relativamente piccolo in termini di valore delle attività bancarie (le perdite sui subprime e altre ipoteche) è stato amplificato dalla leva alta e ha prodotto grandi perdite nel capitale delle banche. Ciò ha spinto verso l'alto lo spread provocando una corrispondente caduta degli investimenti. La figura precedente mostra proprio questo: l'ampliamento dello spread che nella figura è misurato dallo spread sui corporate bonds, vale a dire la differenza tra il tasso di interesse che le imprese pagano sulle obbligazioni emesse ( ) e il tasso di prestito ( ). Nella figura 5b è rappresentato il crollo degli investimenti in quattro paesi durante la crisi in Europa e negli Stati Uniti. Il contagio internazionale La crisi finanziaria che ha avuto inizio negli U.S.A. si è rapidamente estesa a tutte le principali economie avanzate e ai paesi emergenti. Il principale canale di trasmissione è stato il commercio. L' apertura dei mercati ha un'importante implicazione macroeconomica: i consumatori e le imprese spendono parte del loro reddito disponibile in merci straniere. Quando il reddito disponibile cade, anche il consumo diminuisce e questo riduce sia la domanda di beni prodotti all'interno sia quella di merci straniere, le importazioni. Durante la crisi finanziaria, quando i consumatori e le imprese hanno smesso di spendere, le importazioni statunitensi sono crollate. La figura 6 mostra che, in appena pochi mesi dal luglio 2008 al febbraio 2009, le importazioni americane di beni sono diminuite del 46%! Dato che gli Stati Uniti d'america sono il più grande importatore di merci in tutto il mondo (le importazioni americane rappresentano intorno al 13% delle importazioni totali del mondo), un simile crollo ha rappresentato una grande diminuzione delle esportazioni per i paesi esportatori verso gli U.S.A. Nel complesso, la contrazione del commercio internazionale (considerando sia le importazioni che le esportazioni) ha raggiunto il 12% nel corso del 2009 (figura 7). Figura 6. Importazioni degli Stati Uniti

10 Figura 7. Il commercio mondiale (esportazioni +importazioni) tra il 1970 e il Il contagio è stato maggiore nei paesi relativamente più dipendenti dal commercio estero, la Germania per esempio. Tra le economie aperte, quelle con forti legami commerciali con gli Stati Uniti Canada e Messico al di sopra di tutti, ma anche l'ue e la Cina hanno sofferto di più. Gli effetti del contagio internazionale sono stati amplificati in paesi come il Regno Unito e l'irlanda dove le banche nazionali hanno sofferto di problemi simili a quelli delle banche degli Stati Uniti. Più in generale, il virtuale arresto del mercato interbancario, che è il mercato dove le banche prendono a prestito fondi a breve termine da altre banche con eccesso di liquidità (che seguì il fallimento di Lehman Brothers su 15 Settembre 2008) ha colpito le banche di tutti i paesi diventando un altro importante canale di contagio. La politica economica e la crisi In questa sezione spieghiamo come le politiche monetaria e fiscale sono state utilizzate per rispondere alla crisi. I dati di base sono mostrati nella figura 8. Le Banche centrali hanno usato la politica monetaria per tagliare i tassi di interesse fino a valori vicini allo zero, mentre i governi hanno usato la politica fiscale per sostituire la domanda privata con quella pubblica, cercando di compensare la caduta nel consumo privato e nell'investimento privato con maggiore spesa pubblica. Parte dell'aumento del deficit di bilancio è stato automatico, a causa degli effetti degli stabilizzatori automatici (ad esempio, sussidi di disoccupazione più elevati), parte è dovuta a specifiche azioni da parte dei governi, come ad esempio l'aumento degli investimenti pubblici e la riduzione delle aliquote fiscali (pannello inferiore della figura 8). Queste misure hanno funzionato? Sono state cioè efficaci nel limitare l'effetto della crisi finanziaria sulla produzione e l'occupazione? Prima di rispondere a questa domanda, abbiamo bisogno di guardare più da vicino la politica monetaria, poiché ciò che hanno fatto le banche centrali non è stato solo portare i tassi di interesse vicino allo zero. Per capire questo che dobbiamo tornare alla trappola della liquidità nel modello IS LM. La vediamo nella figura 9. Figura 8. 10

11 Figura 9. Trappola della liquidità 11

12 Riducendo il capitale delle banche e, attraverso questo canale, scoraggiando l'investimento, la crisi finanziaria ha spostato la curva IS a sinistra fino a IS. Prima della crisi, l'economia era in piena occupazione nel punto E. La crisi ha spostato l'equilibrio in E. La politica fiscale ha parzialmente compensato lo spostamento della curva IS, portandola indietro a IS ma l'effetto non è grande, almeno nel breve periodo, perché, per esempio, gli investimenti pubblici nelle infrastrutture uno degli elementi quantitativamente più rilevanti nel pacchetto di politica fiscale richiede tempo per tradursi in spesa. La politica monetaria sposta la curva LM, ma quando raggiunge LM il tasso di interesse è pari a zero e la 'tradizionale politica monetaria' non funziona più perché il tasso di interesse nominale non può scendere sotto zero. Così l'economia è bloccata a Y e quello che la politica monetaria può fare è aspettare che gli effetti della politica fiscale spostino ulteriormente la curva IS. C'è qualcos'altro che la Banca centrale può fare? Ricordiamo perché la curva si è spostata in primo luogo. E' accaduto perché la riduzione del loro capitale ha indotto le banche a vendere parte dei loro beni, compresi i prestiti. Questo ha aumentato il costo dei prestiti per le imprese, e il risultato è stato una caduta degli investimenti. Se la Banca centrale interviene per acquistare alcuni dei beni di cui le banche vogliono sbarazzarsi (tra cui alcuni dei loro prestiti), il costo dei prestiti non deve necessariamente cambiare. Per esempio: assumiamo che la banca voglia ridurre i suoi prestiti al settore edile, e lo fa rifiutando di fornire qualsiasi nuovo prestito ai costruttori. Se la Banca centrale è disposta a comprare una parte del portafoglio di prestiti per abitazioni della banca (pagando in contanti), la banca può evitare di ridurre i prestiti a questo settore. In altre parole, offrendo di acquistare beni dalle banche commerciali, la Banca centrale può annullare l'aumento iniziale dello spread x, ed evitare una contrazione dei prestiti. In termini di figura 9, la curva LM si sposta verso destra (poiché la Banca centrale stampa denaro per acquistare beni delle banche), ma questo sposta anche la curva IS di nuovo verso destra. Il tasso di interesse rimane a zero, ma la produzione si muove di nuovo verso Y*. Questo politica è chiamata quantitative easing. La Banca d'inghilterra, per esempio, nel marzo del 2009 ha iniziato ad acquistare attività del settore privato. Questi beni erano prestiti che le banche avevano fatto a imprese o obbligazioni emesse da imprese e comprate da banche o da altri investitori. La Banca d'inghilterra ha affermato che lo scopo di questi acquisti era di 'alleviare la stretta nel mercato del credito alle imprese e, in definitiva, di aumentare la domanda nominale', proprio come abbiamo visto nella sezione precedente. Da settembre 2009, tali attività hanno rappresentato la quasi totalità delle attività detenute dalla Banca d'inghilterra (figura 10). Poiché il valore del patrimonio di una banca centrale è uguale al valore delle sua passività (cioè le banconote emesse), i beni acquistati dalle banche ammontavano a poco meno dell'intera offerta di moneta del Regno Unito. Figura 10. Composizione delle attività della Banca d'inghilterra 12

13 Figura 11. Andamento della produzione industriale e delle vendite Figura 12. Livello della produzione. Confronto fra la crisi attuale e quella del 29 Oggi sappiamo che l'intervento del governo ha funzionato consentendo di evitare una depressione. La figura 11 mostra l'andamento della produzione industriale e delle vendite al dettaglio fin dall'inizio della crisi. Anche se non si può attribuire l'inversione di tendenza osservata nell'estate del 2009 solo alle politiche monetarie e fiscali, gli effetti degli shock finanziari sembrano essere stati gravi ma limitati nel tempo. Questo è particolarmente sorprendente se confrontiamo la crisi del con ciò che è accaduto negli anni trenta. Figura confronta i percorsi di produzione industriale nella crisi del con ciò che è accaduto dopo il La figura 12 mostra la produzione industriale, che è una misura molto imperfetta delloutput ma è l'unica misura disponibile per gli anni trenta. È abbastanza evidente ciò che è accaduto è niente in confronto a quello che è successo dopo la crisi finanziaria del L'eredità della crisi Guardando avanti quale eredità ci lascia questa crisi? L'eredità principale deriva dall'utilizzo di criteri di politica fiscale che hanno portato ad un forte aumento del debito pubblico (vedi figura 13): 13

14 come sarà risolto questo problema? L'eredità del debito elevato sarà con noi per lungo tempo. La storia dimostra che l' accumulazione del debito per esempio durante le guerre richiede molto tempo per essere invertita. A volte un debito elevato va di pari passo con un'inflazione elevata, che è un modo per ridurre il valore reale del debito. La preoccupazione per l'inflazione si pone anche per il modo in cui è stata utilizzata la politica monetaria: non solo riducendo i tassi di interesse a zero, ma continuando con il quantitative easing, come abbiamo imparato nella sezione precedente. In tempi normali, la Banca centrale avrebbe 'creato' ulteriore denaro comprando buoni del tesoro sul mercato con operazioni di mercato aperto. Questa volta, tuttavia, la Fed e la Bank of England (in misura minore la BCE) hanno creato denaro acquistando dal mercato una vasta gamma di titoli che, come nel caso delle ipoteche comprate da parte della Fed, sono molto meno liquidi rispetto a quelli del tesoro. Quando le banche centrali decideranno che è giunto il momento di alzare i tassi di interesse per impedire l'inflazione, potrebbero trovare che la vendita di tali titoli sul mercato non è facile. L'eredità di un debito elevato e la necessità di ridurlo condizionerà la politica economica nei paesi sviluppati per molti anni a venire. 14

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

La crisi del 2007 2010

La crisi del 2007 2010 La crisi del 2007 2010 Francesco Giavazzi e Alessia Amighini If these things were so large, how come everyone missed them? Domanda posta da Sua Maestà la Regina Elisabetta II d Inghilterra ai professori

Dettagli

Crisi finanziaria dalla A alla Z

Crisi finanziaria dalla A alla Z Crisi finanziaria dalla A alla Z Focus La crisi economica scoppiata nel 2008 in seguito alla caduta di Lehman Brothers, una banca di investimenti americana, ha contagiato tutto il pianeta, risultando nel

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

retemmt www.retemmt.it

retemmt www.retemmt.it MMT Primer di L. Randall Wray Blog 25 retemmt www.retemmt.it La solvibilità della valuta e il caso particolare del Dollaro USA di L. Randall Wray Postato il 20 novembre 2011 Nei blog recenti stiamo esaminando

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Nozioni preliminari: la Trappola della Liquidità 2. Un caso del recente passato: la Stagnazione

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie Le crisi bancarie 1 Effetti delle crisi bancarie Interruzione del funzionamento del sistema dei pagamenti; Contrazione del credito erogato al sistema produttivo; Crisi di fiducia dei depositanti; Brusca

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

L urgente riforma del sistema monetario

L urgente riforma del sistema monetario L urgente riforma del sistema monetario di Mark Joób Oggi un numero crescente di persone si rende conto che il denaro è più di uno strumento neutrale per gli scambi economici, il denaro in effetti governa

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Caso 1 La politica monetaria negli USA Prof. Gianmaria Martini La congiuntura degli USA Il Sole-24 Ore utilizza frequentemente

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico Leonardo Bargigli Risparmio privato Gli individui desiderano risparmiare per poter trasferire potere d acquisto nel tempo e per poter coprire necessità impreviste

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi.

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Moneta e Debito (di Josef Hasslberger) Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Alcuni personaggi importanti che si misero a cambiare la situazione furono

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Le Bolle speculative

Le Bolle speculative Le Bolle speculative Vito Lops giornalista del Sole 24 Ore Social media editor Sole 24 Ore www.twitter.com/vitolops Autore del blog «L economia della trasparenza» http://vitolops.blog.ilsole24ore.com COME

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di 1 di 5 11/09/2011 14:52 LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE A cura di Roberto Praderi. Come nelle elaborazioni precedenti ci siamo basati su documenti ufficiali, in questa facciamo riferimento allo 2

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

La teoria del debito pubblico

La teoria del debito pubblico Capitolo IV. La teoria del debito pubblico Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 IL DEBITO PUBBLICO In che senso un debito pubblico crescente costituisce un problema per un

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita Capitolo 14 Crescita economica e innalzamento del tenore di vita La crescita economica è l'incremento della produzione di beni e servizi di un sistema economico nel lungo periodo Il raggiungimento di un

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

La Crisi Finanziaria del 2007-2010: di Politica Economica

La Crisi Finanziaria del 2007-2010: di Politica Economica La Crisi Finanziaria del 2007-2010: Cause, Effetti e Risposte di Politica Economica Alessandro Scopelliti Università Mediterranea di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Massimo Amato, Università Bocconi

Massimo Amato, Università Bocconi Massimo Amato, Università Bocconi Nuove misure di supporto al capitale circolante. Moneta complementare e Supply chain finance: strumenti ed esperienze innovative a confronto Milano 4 dicembre 2012, Auditorium

Dettagli