Blanchard: La crisi economica globale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Blanchard: La crisi economica globale"

Transcript

1 Blanchard: La crisi economica globale Il modo migliore per capire l'origine della crisi è esaminare la figura 1 che ci mostra i prezzi delle case dal 1890 (linea rossa). La figura mostra due episodi in cui i prezzi delle case sono aumentati rapidamente. Il primo, alla fine degli anni quaranta è facile da capire: alcune case furono costruite durante la seconda guerra mondiale: al momento, l'economia stava usando la maggior parte delle sue risorse a fini bellici. Alla fine del conflitto si formarono molte nuove famiglie, molti nuovi bambini nacquero e la domanda di case esplose. Ma l'offerta di case era limitata, quindi i prezzi salirono vertiginosamente. Figura 1a. Prezzi delle case, costo dei mutui e crescita della popolazione Tuttavia, l'aumento dei prezzi delle case negli anni quaranta è piccolo rispetto a quello che si è verificato nel primo decennio di questo secolo. E in quel periodo non c'era alcun motivo evidente perché i prezzi dovessero aumentare così tanto. Come mostra la figura 1a, né i costi di costruzione che cadevano, né la crescita della popolazione che non accelera possono giustificare un rapido aumento dei prezzi. Eppure il boom continua per un decennio ma, infine, poiché nulla può durare per sempre, si ferma e la caduta dei prezzi delle case (i prezzi sono diminuiti in media circa il 30% negli Stati Uniti tra il 2006 e il 2009, vedi figura 1a) ha messo in crisi l'intera economia. Gli Stati Uniti non sono l'unico paese in cui i prezzi delle case sono aumentati molto. Nel Regno Unito, Irlanda e Spagna i prezzi sono aumentati ancora di più dal 1980 (figura 1b). La figura 2 mostra ciò che è accaduto alla fine: in meno di un anno il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è più che raddoppiato, aumentando dal 4,5% al 9,5%. Subito dopo la recessione ha colpito il mondo intero. Il valore delle case in cui vivono rappresenta circa un terzo della ricchezza totale delle famiglie americane (32% nel 2007). Non è quindi sorprendente che un forte calo dei prezzi delle case possa avere indotto le famiglie a consumare meno. Tuttavia è sorprendente che un calo del 30% dei prezzi delle case abbia generato una fase di profonda recessione. Il 19 ottobre 1987 (successivamente chiamato "Lunedì Nero", Wall Street subì un calo del 20,4% in un solo giorno. I titoli sono meno importanti delle case nella ricchezza delle famiglie degli Stati Uniti: essi rappresentano comunque circa il 20% della loro ricchezza totale, una quantità non trascurabile. Ciononostante il crash del 1

2 1987 non ebbe quasi nessun effetto sulla crescita e il consumo. L'anno seguente la crescita del reddito accelerò al 4%, un punto in più del Figura 1b. Andamento dei prezzi delle case in altri paesi Figura 2. PIL e disoccupazione negli USA e nel mondo 2

3 Famiglie 'sott'acqua' Nella sezione precedente due domande sono rimaste senza risposta: perché il valore delle case è esploso dopo il 2000 e perché gli effetti della esplosione sono stati così drammatici? Cominciamo dall'aumento dei prezzi delle case. È evidente, guardando la figura 1b che i prezzi delle case stavano cavalcando una bolla. 'I prezzi delle case non possono cadere!', è stata una dichiarazione comune negli anni prima dello schianto. Tale esuberanza è spesso irrazionale. L'aumento dei prezzi delle case è stato anche l'effetto di un lungo periodo di tassi di interesse estremamente bassi che ha reso il prestito per comprare una casa molto attraente soprattutto se si ritiene che la bolla debba continuare! La Fed mantenne bassi i tassi di interesse perché l'inflazione era bassa. I prezzi delle case stavano aumentando molto velocemente, ma questi prezzi non entrano direttamente nell'indice utilizzato per calcolare l'inflazione. Quello che entra è il costo dell'affitto di una casa, e questo non aumenta così velocemente come i prezzi delle case e, in ogni caso, non abbastanza velocemente da modificare significativamente l'indice dei prezzi al consumo. Così, i prezzi delle case continuarono a crescere sia a causa dell'esuberanza razionale sia per i tassi di interesse molto bassi. Se i prezzi delle case fossero stati inclusi nell'indice utilizzato per calcolare l'inflazione, quest'ultima sarebbe aumentata e la Fed forse avrebbe aumentato i tassi di interesse. La bolla immobiliare non sarebbe forse cresciuta così tanto. I prestiti per la casa sono stati incoraggiati anche da un cambiamento nella severità dei requisiti fissati dalle banche per approvare un mutuo. Il risultato è stato che anche le famiglie che avevano una probabilità relativamente bassa di pagare le rate dei mutui, i cosiddetti clienti 'subprime', hanno ottenuto comunque un prestito. Perché le banche si assumono questi rischi? Il punto è che non lo hanno fatto, o almeno molto meno di prima. In passato una banca manteneva un mutuo sui suoi libri fino al giorno del completo rimborso. Aveva così un forte incentivo a vigilare sul cliente e assicurarsi che fosse solvibile. Oggi, invece, una banca può concedere un gran numero di mutui e vendere lo strumento finanziario che li contiene ad altri investitori. Quando un investitore, a volte un'altra banca, compra uno di questi titoli che contiene migliaia di ipoteche e viene chiamato mortgage-backed security non può controllare la qualità di ogni singolo prestito. La qualità e la sicurezza sono certificate da un'agenzia di rating. Ma le agenzie di rating non possono controllare ogni singolo prestito. Il risultato è che il controllo della qualità si è indebolito e le banche sono diventate molto meno attente nel concedere prestiti. Se le banche non sono attente non sorprende che, quando i prezzi delle case iniziano a cadere, alcune famiglie finiscano 'sott'acqua', ossia quanto hanno preso in prestito dalla Banca supera il valore di mercato della loro casa. Quando questo accade molte famiglie (soprattutto se pensano che 3

4 i prezzi delle case non torneranno più al livello precedente) sono costrette a lasciare la casa. Il mutuo quindi va in default e la casa viene pignorata ossia la proprietà è trasferita alla banca. Poiché il valore della casa è minore del valore del prestito che è stato inizialmente concesso, la banca realizza una perdita. Tuttavia, questo non basta per spiegare cosa è successo. La maggior parte delle famiglie non abbandonano la loro casa quando il prezzo della casa scende sotto il valore del prestito bancario (a meno che essi non possano più permettersi il mutuo). Le banche hanno realizzato grandi perdite sulle case pignorate, ma non abbastanza grandi da spiegare il tracollo del sistema finanziario internazionale. Né un calo del 30% dei prezzi delle case giustifica, di per sé, la forte caduta nei consumi delle famiglie ( 3.5% a tassi annui per due trimestri consecutivi) alla fine del Qualcos'altro deve aver lavorato per amplificare lo shock. Gli effetti amplificati della leva Per capire come l'effetto della caduta dei prezzi delle case è stato amplificato fino al punto da causare una forte recessione, abbiamo bisogno di introdurre un concetto non menzionato finora: il leverage o leva. Il modo migliore per farlo è con un esempio. Tavola 1. Cosa è il leverage (leva finanziaria)? Attività Passività Capitale Leva Banca Banca Prendiamo in considerazione i bilanci delle due banche che compaiono nella tavola 1. Entrambe hanno attività per un valore pari a 100. Queste attività potrebbero essere, per esempio, i prestiti ipotecari sulle abitazioni. Le due banche differiscono nel modo in cui le loro attività sono finanziate: la banca 1 ha finanziato i mutui con 20 di capitale proprio (il capitale iniziale accantonato quando è stata istituita) e ha preso a prestito 80 sul mercato, per esempio aprendo depositi per 80. La banca 2, invece, ha utilizzato solo 5 di capitale proprio e ha preso a prestito 95. La leva finanziaria è il rapporto tra attività e capitale proprio: Leva finanziaria = attività/capitale La banca 1 ha 100 di attività e 20 di capitale: la sua leva finanziaria è 100/20 = 5. Per la banca 2 la leva finanziaria è 20 (100/5). Ora chiediamoci che cosa accade se il valore delle attività passa da 100 a 80, per esempio perché i prezzi delle case scendono del 20%. Quando i prezzi delle case vanno giù il valore delle ipoteche (che sono sostituti dal valore delle case finanziate) va giù del 20%. Banca 1 rimane solvibile, dal momento che il suo capitale è sufficiente per assorbire la perdita di 20. Banca 2, invece, va in bancarotta perché non è in grado di far fronte alle perdite con il suo capitale. Ecco perché un rapporto di leva alto è rischioso: in caso di un calo del valore delle sue attività, la banca potrebbe diventare insolvente. Anche se è rischioso, le banche preferiscono avere un rapporto di leva elevato. Si supponga che il patrimonio che la banca ha investito garantisca un rendimento del 10% e dimentichiamoci i costi (immaginiamo per semplicità che la banca possa prendere in prestito senza pagare alcun interesse: questo è ovviamente irrealistico, ma negli anni prima della crisi, i tassi di interesse, come abbiamo già accennato, erano molto bassi). I proprietari della Banca 1 avranno un ritorno sul loro capitale del 50%: 10/20. I proprietari della Banca 2 fanno molto meglio: il loro rendimento è 10/5, cioè il 200%. Non c'è niente di nuovo in questo. È solo la 'ferrea legge della finanza': è possibile ottenere rendimenti più elevati solo se siete disposti a correre rischi più elevati. Fintanto che i prezzi delle case aumentavano, mantenendo una leva alta le banche potevano guadagnare enormi profitti e nessuna falliva. Ma questa lunga luna di miele non poteva durare all'infinito e, quando giunse al termine, molte banche si trovarono senza sufficiente capitale per assorbire le perdite: erano in bancarotta. 4

5 Perché il governo non intervenne, imponendo un limite sulla leva, è un'altra storia. Una spiegazione, come abbiamo già accennato, è che l'ampliamento del numero di cittadini americani possessori di una casa era un obiettivo politico: per raggiungerlo il governo doveva rendere attraente per le banche investire in prestiti immobiliari. Il modo per farlo era consentire alle banche di fare prestiti con una elevata leva finanziaria, cioè non con il proprio capitale, ma con denaro preso in prestito a buon mercato. Quando le cose andavano bene, questo significava rendimenti elevati per la banca e per i banchieri stessi perché i loro bonus erano legati ai profitti della banca. L'interesse dei banchieri spesso si traduceva in contributi per la campagna elettorale dei politici che poi facevano pressioni per mantenere una normativa permissiva in materia di leva. Nel corso del tempo l'esempio e la cattiva regolamentazione delle banche si sono diffusi ad altre istituzioni finanziarie. La tavola 2 mostra la leva media degli istituti finanziari più importanti negli USA nell'anno precedente alla crisi. Il mercato finanziario degli Stati Uniti ha cominciato ad apparire come una piramide invertita: un enorme massa di investimenti rischiosi si appoggiavano su un piccolo piedistallo di capitale. Non sorprende che quando il mercato ha smesso di crescere, queste istituzioni si siano rivelate molto fragili. Emettendo credit default swap alcune compagnie di assicurazione si sono esposte sul mercato immobiliare e, quando il mercato immobiliare è crollato e il valore dei prestiti è caduto, hanno cominciato a perdere senza avere sufficiente capitale per assorbire le perdite. Tavola 2. Leva finanziaria di alcune istituzioni finanziarie americane nel 2007 Banche commerciali 9.08 Banche cooperative 8.07 Società finanziarie Banche di investimento e hedge funds Fannie Mae e Freddie Mac Figura 3. Credito al settore privato non finanziario Finora, abbiamo capito perché la leva è attraente (per i banchieri), ma anche rischiosa. Che dire dell'amplificazione? Perché la leva alta ha amplificato gli effetti sull'economia della caduta dei prezzi delle case? Quando il valore del loro patrimonio è caduto, alcune banche con alta leva 5

6 finanziaria sono fallite. Ovviamente hanno smesso anche di concedere prestiti. Ma anche le banche che avevano abbastanza capitale e sono sopravvissute hanno cominciato a preoccuparsi. Per poter sopravvivere avevano usato quasi tutti i loro capitali e si erano indebolite. Riprendendo l'esempio precedente, Banca 2 va in bancarotta, Banca 1 si salva ma emerge dalla crisi con zero capitale e una leva infinita. Banche come Banca 1 hanno cercato di rafforzare la loro posizione in tre modi. In primo luogo cercando di raccogliere più capitali, ma questo non è facile perché le crisi non sono un buon momento per convincere la gente ad investire in una banca. In secondo luogo riducendo l'importo dei prestiti concessi, che significa fare meno nuovi prestiti e non rinnovare quelli in scadenza. In terzo luogo vendendo a qualunque prezzo altre attività liquide (principalmente titoli) in portafoglio. Il risultato è stato un congelamento del credito (come documentato nella figura 3) e una vendita di realizzo nel mercato azionario. Le vendite di realizzo (fire sales) accadono quando gli investitori hanno bisogno di vendere i loro asset rapidamente e questo fa cadere i prezzi. Questi sono i principali canali attraverso i quali la crisi finanziaria ha colpito l'economia reale. La stretta creditizia ha ridotto gli investimenti e la caduta del mercato azionario (in contemporanea con la caduta dei prezzi delle case) ha ridotto il valore della ricchezza delle famiglie e, di conseguenza, i consumi. Domanda di investimento, con le banche come intermediari Nella sezione precedente, abbiamo visto che un importante canale per la trasmissione della crisi all'economia reale sono i bilanci delle banche. Appena il loro capitale si è ridotto, le banche hanno iniziato a tagliare il credito, cioè smesso di fare prestiti e questo ha scoraggiato gli investimenti. Tutto questo non si spiega bene con un semplice modello IS-LM di investimento. Estendiamo quindi il modello IS LM per includere le banche. Consideriamo il caso di un'impresa che deve decidere se comprare una nuova macchina. L'impresa deve guardare al tasso di interesse. Tuttavia non c'è un tasso di interesse unico: il tasso di interesse (il tasso sui depositi bancari, i) ricevuto dai risparmiatori è di solito inferiore al tasso al quale le banche prestano alle imprese (il tasso di prestito, ). Quest'ultimo, cioè il costo di un prestito da una banca, è solitamente uguale al tasso ricevuto dai risparmiatori più un margine (spread) x: = i + x Dunque, quando un'impresa deve decidere se comprare una macchina, ρ è il tasso di interesse da considerare. La domanda di investimenti dipende quindi dal costo dei prestiti bancari (e non semplicemente dal tasso di interesse) e può essere espressa come: I = I (Y, ρ ) (+, ) Gli investimenti sono funzione del reddito reale e del tasso di prestito. Il segno positivo sotto Y (reddito reale) nell'equazione indica che un aumento del livello di reddito reale conduce a un aumento degli investimenti. Ciò accade perché un reddito più alto da luogo anche a una maggiore domanda di consumi, per fronteggiare questa domanda le imprese devono creare nuova capacità produttiva attraverso gli investimenti. Il segno negativo sotto ρ indica che un aumento del costo dei prestiti bancari porta con sé una diminuzione degli investimenti. Il margine x dipende da due fattori: 1) Il capitale delle banche (B). Come abbiamo detto nella sezione precedente, le banche vogliono e spesso hanno bisogno di mantenere un sufficiente livello di capitale: il livello minimo di capitale può essere determinato da norme, o semplicemente desiderato dalla banca per non aumentare troppo la sua leva. Ora si supponga che il capitale di una banca si riduca, per esempio perché alcuni clienti non riescono a rimborsare i loro prestiti. Il capitale della banca assorbe la perdita e si riduce di un 6

7 importo equivalente alla perdita nel portafoglio dei prestiti (ricordate sempre l'identità contabile: attività = passività, ovvero prestiti + altre attività = capitale + depositi). Una caduta del capitale della banca aumenta la leva. Per ovviare alla caduta del suo capitale, al fine di ripristinare l'originale rapporto di leva, la banca ha due opzioni: aumentare il capitale o diminuire le attività. Per aumentare il capitale può cercare nuovi investitori, disposti a investire nella banca capitale fresco. Oppure si può vivere con il capitale che resta e ridurre il proprio patrimonio riducendo il volume dei prestiti. Entrambe le strategie hanno l'effetto di ridurre la leva finanziaria della banca che è aumentata a causa delle perdite sul portafoglio dei prestiti. Ad esempio, immaginate che una banca, con un patrimonio pari a 100 e capitale pari a 20, registri una perdita pari a 2. Il capitale scende a 18. La leva quindi aumenta da 5 (= 100/20) a circa 5.5 (= 100/18). Per diminuire la leva tornando al livello precedente (5), la banca può aumentare il capitale a 20 (trovando investitori disposti ad investire una somma pari a 2 nel capitale della banca), oppure deve ridurre il suo patrimonio a 90, affinché leva vada giù a 5 (= 90/18). Per ridurre le attività da 100 a 90, le passività devono ridursi fino a 72 (in modo che passività (72) + capitale (18) = attività (90)). Poiché trovare nuovi investitori richiede tempo, la prima reazione a una perdita di capitale è quella di ridurre le attività riducendo il volume dei prestiti, per esempio con il blocco di nuovi prestiti. Di conseguenza, quando il capitale delle banche si riduce, cade anche l'offerta di prestiti. La contrazione dell'offerta porta con sé un aumento del prezzo, le banche quindi chiedono un margine più alto per concedere prestiti. 2) Capitale delle imprese (F). Per capire questo, si consideri un'impresa che debba decidere se comprare un nuovo macchinario il cui costo è I. Per acquistarlo l'impresa chiede alla banca un prestito pari a I. Si supponga ora che l'impresa abbia un patrimonio (il valore delle sue macchine e impianti, il denaro in banca, le attività finanziarie e altri beni che possiede) pari a F. Il costo del prestito dipende quindi dalla differenza I-F. Per capire meglio bisogna considerare che il valore di F, può essere utilizzato come una garanzia per il prestito: spesso un contratto di prestito specifica che se il debitore non riesce a ripagare I, la banca può appropriarsi di F. Ma prestiti superiori a F non possono essere garantiti dal capitale dell impresa e quindi sono più rischiosi per la banca. Per questo motivo, oltre a pretendere F come garanzia, la banca addebita un margine x. Questo spread viene chiamato premio finanziario esterno, ed è il premio che la Banca chiede per prestiti non pienamente garantiti. Quali fra gli asset dell'impresa saranno accettati come garanzia, e quindi il valore di F, dipende dalla banca. Alcune banche accettano solo attività molto liquide, contanti o obbligazioni pubbliche; altre possono accettare anche beni immobili che sono più rischiosi perché la banca non può essere sicura del valore ricavabile in caso di vendita. Ciò che spesso succede è che meno liquido è un bene e meno viene accettato come garanzia. Un capitale di credito F serve non solo come esplicita garanzia per la banca: esso crea anche incentivi a scegliere progetti di investimento redditizi e a portarli avanti con attenzione. Più alto è F, più l'impresa ha da perdere se il progetto non ha successo. Questa è un'altra ragione alla base dello spread, x dipende da I- F. Quindi lo spread x dipende sia dal capitale delle banche che da quello delle imprese, pertanto possiamo scrivere: x = x (B, F) ( ) I segni meno sotto F e B mostrano che, quando il capitale delle banche o delle imprese diminuisce, lo spread x aumenta e viceversa. La riduzione del capitale di banche e/o imprese influisce sui prestiti? Consideriamo una caduta del capitale delle imprese, F (cioè, una riduzione degli attivi finanziari che riduce il valore delle garanzie che l'impresa può fornire). Lo spread aumenterà e lo stesso farà il costo del credito. I prestiti bancari cadranno. Gli investimenti e l'output andranno giù. Prendiamo ora in considerazione l'effetto sui prestiti di una caduta del capitale delle banche, B. Abbiamo già visto che le banche sono propense a rispondere ad un calo di B tagliando i prestiti. 7

8 L'effetto è uguale a quello prodotto da una caduta del capitale delle imprese. Per ogni livello del tasso di rifinanziamento ρ una caduta di B aumenterà lo spread x e il costo del credito per le imprese e di conseguenza si ridurranno investimenti e output. Ora torniamo al modello IS-LM. Dal momento che gli investimenti entrano nella linea IS ma non in quella LM, tutto quello che dobbiamo fare è sostituire, nella relazione IS, la domanda di investimenti che conoscete con la nuova versione sopra descritta. La nuova curva IS è quindi una funzione dello spread x poiché l'investimento dipende dal costo dei prestiti e quindi da x: I [Y, i + x (B, F)]. Non cambia nient'altro. Così, quando il capitale delle banche si riduce per qualsiasi motivo, ad esempio perché il numero di famiglie non in grado di rimborsare i loro mutui o prestiti sulla carta di credito aumenta la curva di offerta dei prestiti si sposta verso l'alto, lo spread x aumenta e con esso anche il costo dei prestiti bancari anche se il tasso di interesse non è cambiato. Il risultato è che la curva IS si sposta a sinistra e il nuovo livello di equilibrio dell'output diminuisce come mostrato nella figura seguente. Figura 4. LM e 'nuova' IS. Figura 5a. Spread in alcuni paesi 5b. Crollo degli investimenti In sintesi: qualsiasi evento che colpisce il valore dei beni che compaiono nei bilanci delle banche (o delle imprese) quindi qualsiasi evento che modifica il capitale di banche o imprese incide 8

9 anche sul livello di equilibrio dell'output. Inoltre, più alta è la leva finanziaria maggiore è l'effetto sull'output di una data caduta del valore dei beni. Il motivo è che più alta è la leva maggiore è la riduzione del capitale per ogni data perdita di valore delle attività. Questo spiega esattamente perché la crisi finanziaria ha colpito l'economia reale così duramente: uno shock relativamente piccolo in termini di valore delle attività bancarie (le perdite sui subprime e altre ipoteche) è stato amplificato dalla leva alta e ha prodotto grandi perdite nel capitale delle banche. Ciò ha spinto verso l'alto lo spread provocando una corrispondente caduta degli investimenti. La figura precedente mostra proprio questo: l'ampliamento dello spread che nella figura è misurato dallo spread sui corporate bonds, vale a dire la differenza tra il tasso di interesse che le imprese pagano sulle obbligazioni emesse ( ) e il tasso di prestito ( ). Nella figura 5b è rappresentato il crollo degli investimenti in quattro paesi durante la crisi in Europa e negli Stati Uniti. Il contagio internazionale La crisi finanziaria che ha avuto inizio negli U.S.A. si è rapidamente estesa a tutte le principali economie avanzate e ai paesi emergenti. Il principale canale di trasmissione è stato il commercio. L' apertura dei mercati ha un'importante implicazione macroeconomica: i consumatori e le imprese spendono parte del loro reddito disponibile in merci straniere. Quando il reddito disponibile cade, anche il consumo diminuisce e questo riduce sia la domanda di beni prodotti all'interno sia quella di merci straniere, le importazioni. Durante la crisi finanziaria, quando i consumatori e le imprese hanno smesso di spendere, le importazioni statunitensi sono crollate. La figura 6 mostra che, in appena pochi mesi dal luglio 2008 al febbraio 2009, le importazioni americane di beni sono diminuite del 46%! Dato che gli Stati Uniti d'america sono il più grande importatore di merci in tutto il mondo (le importazioni americane rappresentano intorno al 13% delle importazioni totali del mondo), un simile crollo ha rappresentato una grande diminuzione delle esportazioni per i paesi esportatori verso gli U.S.A. Nel complesso, la contrazione del commercio internazionale (considerando sia le importazioni che le esportazioni) ha raggiunto il 12% nel corso del 2009 (figura 7). Figura 6. Importazioni degli Stati Uniti

10 Figura 7. Il commercio mondiale (esportazioni +importazioni) tra il 1970 e il Il contagio è stato maggiore nei paesi relativamente più dipendenti dal commercio estero, la Germania per esempio. Tra le economie aperte, quelle con forti legami commerciali con gli Stati Uniti Canada e Messico al di sopra di tutti, ma anche l'ue e la Cina hanno sofferto di più. Gli effetti del contagio internazionale sono stati amplificati in paesi come il Regno Unito e l'irlanda dove le banche nazionali hanno sofferto di problemi simili a quelli delle banche degli Stati Uniti. Più in generale, il virtuale arresto del mercato interbancario, che è il mercato dove le banche prendono a prestito fondi a breve termine da altre banche con eccesso di liquidità (che seguì il fallimento di Lehman Brothers su 15 Settembre 2008) ha colpito le banche di tutti i paesi diventando un altro importante canale di contagio. La politica economica e la crisi In questa sezione spieghiamo come le politiche monetaria e fiscale sono state utilizzate per rispondere alla crisi. I dati di base sono mostrati nella figura 8. Le Banche centrali hanno usato la politica monetaria per tagliare i tassi di interesse fino a valori vicini allo zero, mentre i governi hanno usato la politica fiscale per sostituire la domanda privata con quella pubblica, cercando di compensare la caduta nel consumo privato e nell'investimento privato con maggiore spesa pubblica. Parte dell'aumento del deficit di bilancio è stato automatico, a causa degli effetti degli stabilizzatori automatici (ad esempio, sussidi di disoccupazione più elevati), parte è dovuta a specifiche azioni da parte dei governi, come ad esempio l'aumento degli investimenti pubblici e la riduzione delle aliquote fiscali (pannello inferiore della figura 8). Queste misure hanno funzionato? Sono state cioè efficaci nel limitare l'effetto della crisi finanziaria sulla produzione e l'occupazione? Prima di rispondere a questa domanda, abbiamo bisogno di guardare più da vicino la politica monetaria, poiché ciò che hanno fatto le banche centrali non è stato solo portare i tassi di interesse vicino allo zero. Per capire questo che dobbiamo tornare alla trappola della liquidità nel modello IS LM. La vediamo nella figura 9. Figura 8. 10

11 Figura 9. Trappola della liquidità 11

12 Riducendo il capitale delle banche e, attraverso questo canale, scoraggiando l'investimento, la crisi finanziaria ha spostato la curva IS a sinistra fino a IS. Prima della crisi, l'economia era in piena occupazione nel punto E. La crisi ha spostato l'equilibrio in E. La politica fiscale ha parzialmente compensato lo spostamento della curva IS, portandola indietro a IS ma l'effetto non è grande, almeno nel breve periodo, perché, per esempio, gli investimenti pubblici nelle infrastrutture uno degli elementi quantitativamente più rilevanti nel pacchetto di politica fiscale richiede tempo per tradursi in spesa. La politica monetaria sposta la curva LM, ma quando raggiunge LM il tasso di interesse è pari a zero e la 'tradizionale politica monetaria' non funziona più perché il tasso di interesse nominale non può scendere sotto zero. Così l'economia è bloccata a Y e quello che la politica monetaria può fare è aspettare che gli effetti della politica fiscale spostino ulteriormente la curva IS. C'è qualcos'altro che la Banca centrale può fare? Ricordiamo perché la curva si è spostata in primo luogo. E' accaduto perché la riduzione del loro capitale ha indotto le banche a vendere parte dei loro beni, compresi i prestiti. Questo ha aumentato il costo dei prestiti per le imprese, e il risultato è stato una caduta degli investimenti. Se la Banca centrale interviene per acquistare alcuni dei beni di cui le banche vogliono sbarazzarsi (tra cui alcuni dei loro prestiti), il costo dei prestiti non deve necessariamente cambiare. Per esempio: assumiamo che la banca voglia ridurre i suoi prestiti al settore edile, e lo fa rifiutando di fornire qualsiasi nuovo prestito ai costruttori. Se la Banca centrale è disposta a comprare una parte del portafoglio di prestiti per abitazioni della banca (pagando in contanti), la banca può evitare di ridurre i prestiti a questo settore. In altre parole, offrendo di acquistare beni dalle banche commerciali, la Banca centrale può annullare l'aumento iniziale dello spread x, ed evitare una contrazione dei prestiti. In termini di figura 9, la curva LM si sposta verso destra (poiché la Banca centrale stampa denaro per acquistare beni delle banche), ma questo sposta anche la curva IS di nuovo verso destra. Il tasso di interesse rimane a zero, ma la produzione si muove di nuovo verso Y*. Questo politica è chiamata quantitative easing. La Banca d'inghilterra, per esempio, nel marzo del 2009 ha iniziato ad acquistare attività del settore privato. Questi beni erano prestiti che le banche avevano fatto a imprese o obbligazioni emesse da imprese e comprate da banche o da altri investitori. La Banca d'inghilterra ha affermato che lo scopo di questi acquisti era di 'alleviare la stretta nel mercato del credito alle imprese e, in definitiva, di aumentare la domanda nominale', proprio come abbiamo visto nella sezione precedente. Da settembre 2009, tali attività hanno rappresentato la quasi totalità delle attività detenute dalla Banca d'inghilterra (figura 10). Poiché il valore del patrimonio di una banca centrale è uguale al valore delle sua passività (cioè le banconote emesse), i beni acquistati dalle banche ammontavano a poco meno dell'intera offerta di moneta del Regno Unito. Figura 10. Composizione delle attività della Banca d'inghilterra 12

13 Figura 11. Andamento della produzione industriale e delle vendite Figura 12. Livello della produzione. Confronto fra la crisi attuale e quella del 29 Oggi sappiamo che l'intervento del governo ha funzionato consentendo di evitare una depressione. La figura 11 mostra l'andamento della produzione industriale e delle vendite al dettaglio fin dall'inizio della crisi. Anche se non si può attribuire l'inversione di tendenza osservata nell'estate del 2009 solo alle politiche monetarie e fiscali, gli effetti degli shock finanziari sembrano essere stati gravi ma limitati nel tempo. Questo è particolarmente sorprendente se confrontiamo la crisi del con ciò che è accaduto negli anni trenta. Figura confronta i percorsi di produzione industriale nella crisi del con ciò che è accaduto dopo il La figura 12 mostra la produzione industriale, che è una misura molto imperfetta delloutput ma è l'unica misura disponibile per gli anni trenta. È abbastanza evidente ciò che è accaduto è niente in confronto a quello che è successo dopo la crisi finanziaria del L'eredità della crisi Guardando avanti quale eredità ci lascia questa crisi? L'eredità principale deriva dall'utilizzo di criteri di politica fiscale che hanno portato ad un forte aumento del debito pubblico (vedi figura 13): 13

14 come sarà risolto questo problema? L'eredità del debito elevato sarà con noi per lungo tempo. La storia dimostra che l' accumulazione del debito per esempio durante le guerre richiede molto tempo per essere invertita. A volte un debito elevato va di pari passo con un'inflazione elevata, che è un modo per ridurre il valore reale del debito. La preoccupazione per l'inflazione si pone anche per il modo in cui è stata utilizzata la politica monetaria: non solo riducendo i tassi di interesse a zero, ma continuando con il quantitative easing, come abbiamo imparato nella sezione precedente. In tempi normali, la Banca centrale avrebbe 'creato' ulteriore denaro comprando buoni del tesoro sul mercato con operazioni di mercato aperto. Questa volta, tuttavia, la Fed e la Bank of England (in misura minore la BCE) hanno creato denaro acquistando dal mercato una vasta gamma di titoli che, come nel caso delle ipoteche comprate da parte della Fed, sono molto meno liquidi rispetto a quelli del tesoro. Quando le banche centrali decideranno che è giunto il momento di alzare i tassi di interesse per impedire l'inflazione, potrebbero trovare che la vendita di tali titoli sul mercato non è facile. L'eredità di un debito elevato e la necessità di ridurlo condizionerà la politica economica nei paesi sviluppati per molti anni a venire. 14

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Politica economica e finanziaria applicata

Politica economica e finanziaria applicata Politica economica e finanziaria applicata Appunti delle lezioni A cura di Alessio Brunelli AFC 2011/12 1 Punto sulla situazione finanziaria corrente: home page di banca carige e in basso a sinistra c

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli Siamo nel mezzo di una crisi finanziaria e reale tanto pervasiva e globale che sta coinvolgendo tutti i paesi, dai più

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli