L importanza della corretta gestione dei rischi finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L importanza della corretta gestione dei rischi finanziari"

Transcript

1 L importanza della corretta gestione dei rischi finanziari Rupert Limentani L&P- Limentani & Partners L adeguata gestione del rischio consente alle aziende di pianificare con maggiore tranquillità le proprie risorse finanziarie e di eliminare importanti elementi di incertezza dall attività di impresa. Ci possiamo concentrare su tre tipi di rischi finanziari: rischi di cambio, rischi di tasso d interesse, rischi di prezzo (delle materie prime, dell energia elettrica ecc.,). Ne esistono anche altri, come ad esempio i rischi climatici, i rischi di credito ed i rischi di prezzo riferiti al mercato immobiliare. 1

2 Un esempio di Interest Rate Swap La Banca A propone alla Impresa B un contratto per la copertura di un rischio di oscillazione dei tassi di interesse. Capitale nozionale di Durata: tre anni a partire dall , con scadenza il Azienda pagherà un tasso 4,30% fisso ad ogni scadenza (giugno di ogni anno a partire dal ). Banca paga un tasso variabile euribor 3 mesi rilevato il giorno precedente a ciascuna scadenza del contratto. Il pagamento avviene mediante scambio di differenziali ad ogni scadenza di periodo. Supponiamo che l'euribor di riferimento sia 4,00% all , il 4,50% all , 5,00% al periodo

3 Un esempio di Interest Rate Swap Scadenze Evoluzione Euribor Tasso Fisso Flussi pagati Banca Flussi pagati Impresa Differenziale Saldo Banca Saldo Impresa Scadenza anno ,00% 4,30% Scadenza anno ,50% 4,30% Scadenza anno ,00% 4,30%

4 Un esempio di Interest Rate Swap 4

5 Il rischio di cambio rappresenta la sensibilità dei flussi economico-finanziari d impresa all'andamento dei tassi di cambio. Il dilazionamento dei pagamenti e degli incassi, unito alla volatilità tipica dei mercati valutari determina incertezza sull andamento del fatturato e/o dei costi aziendali. Quindi il rischio di cambio è quello più conosciuto ed evidente. Un azienda esportatrice, se fattura in valuta estera, rischia di incassare meno del previsto se il cambio scende. Oppure un azienda importatrice rischia di pagare le forniture di più del previsto se il cambio sale. Possono co-esistere entrambi i rischi se l azienda importa materie prime ed esporta i prodotti finiti. Anche se l impresa fattura tutto l ammontare nella propria valuta, può avere comunque un rischio di cambio indiretto se i propri clienti all estero non si possono più permettere di acquistare oppure se i propri fornitori esteri non hanno più convenienza a vendere a causa di oscillazioni del cambio. 5

6 Come si gestisce il rischio di cambio? I principali strumenti di gestione del rischio di cambio sono la compravendita di valuta a termine e le opzioni su cambi. Esiste una vasta tipologia di opzioni che consente una gestione del rischio di cambio estremamente flessibile e adeguabile ad ogni esigenza specifica. La scelta delle opzioni, la loro strutturazione ed utilizzo per strategie di ampio respiro richiede competenze distintive. Alcune banche mettono a disposizione delle aziende con flussi di interscambio con l'estero cinque differenti tipi di strumenti derivati per la gestione del rischio di cambio, utilizzabili per attività sia di import che di export, che prendono a riferimento il mercato dei cambi a termine: knock in forward, knock out forward, fade in forward, collar, range bonus forward. Questi prodotti, applicabili a tutte le valute, consentono di adottare una gestione selettiva dei rischi nei modi più coerenti con le strategie di business dell impresa, permettendo al tempo stesso di sfruttare gli eventuali andamenti favorevoli del cambio. 6

7 Analogamente ai rischi di cambio, anche il rischio di tasso può essere gestito con strumenti derivati. Quello più conosciuto è lo swap, con il quale due controparti (generalmente impresa e banca) concordano di scambiarsi due tassi d interesse (solitamente fisso contro variabile), per un determinato periodo, su un determinato importo immaginario (detto nozionale). Esempio: l impresa che ha un mutuo a tasso variabile lo può trasformare in tasso fisso chiudendo uno swap con una banca in cui acquista il diritto di ricevere tasso variabile pagando alla banca un tasso fisso, su un importo nozionale e per una durata uguale al mutuo Così facendo, l impresa si protegge contro un rialzo dei tassi durante la vita del mutuo. L unico svantaggio è che generalmente il tasso fisso che pagherà sarà più alto del tasso variabile al momento della chiusura della transazione; la differenza rappresenta il premio che l azienda paga per proteggersi contro un successivo rialzo dei tassi d interesse. 7

8 L Interest Rate Swap Permette di trasformare da fisso a variabile (o viceversa) flussi relativi ai tassi d'interesse; lo Swaption permette di gestire dinamicamente il rischio di tasso delle passività e delle attività generate dalla propria tesoreria; il Forward Rate Agreement permette di fissare un tasso di interesse per esposizioni future. Altro strumento di gestione dei tassi d interesse è il cap. Si tratta di un contratto fra due controparti (ad esempio banca e impresa) in cui l acquirente del cap paga un premio per avere il diritto di ricevere la differenza fra un tasso variabile di riferimento e un altro tasso denominato strike. Il rischio di tasso è più insidioso del rischio di cambio perché si estende tipicamente per un periodo più lungo e rappresenta la sensibilità dei flussi finanziari d impresa all'andamento dei tassi di interesse. Le oscillazioni possono impattare sia sull'attivo che, soprattutto, sul passivo, in considerazione del fatto che la maggior parte delle aziende è indebitata secondo varie forme: a breve termine (portafoglio, denaro caldo, finanziamenti all importazione e all esportazione, ecc); a medio-lungo termine (mutui, leasing, obbligazioni). 8

9 La variazione dei tassi di interesse può essere un rischio/opportunità da cogliere, in modo da beneficiare del livello dei tassi di interesse rendendo certo il costo del debito per un periodo di tempo prolungato; pianificare al meglio la struttura dei costi aziendali rendendo certo il costo del debito per un periodo di tempo prolungato. Prendiamo l esempio dell impresa che finanzia un nuovo stabilimento con un mutuo a tasso variabile di dieci o quindici anni: ogni sei mesi il tasso del finanziamento viene rivisto secondo l andamento dei tassi;un mutuo conveniente con tassi bassi potrebbe diventare insostenibile nel momento in cui i tassi iniziano a crescere. Lo stesso rischio esiste anche per altre forme di finanziamento a tasso variabile (ad esempio le obbligazioni), così come esiste per quelle aziende che hanno disponibilità liquide investite a tasso fisso o variabile. Il rischio esiste anche per tutti gli interessi attivi e passivi calcolati su base variabile, quindi anche ad esempio per lo scoperto di conto corrente, in quanto un aumento pregiudicherebbe il cash flow dell azienda. 9

10 Eventuali interessi pagati o ricevuti su base fissa non rappresentano un vero rischio, poichè già fissati in anticipo; possono rappresentare un rischio di convenienza o di mancata opportunità perchè solo alla fine dell operazione si può verificare la convenienza o meno della scelta di un tasso variabile anziché fisso. Alcune banche, per la gestione del rischio di tasso offrono cinque tipologie di strumenti derivati in grado di gestire le oscillazioni sfavorevoli dei tassi: collar con protezione parziale o totale, flip flop swap, swap con opzione di chiamata, rischio barriera giornaliera, triple currency swap. Questi prodotti, che prevedono un importo minimo impiegato di 1 milione di euro e una durata fino a 10 anni, vengono modulati sulle specifiche esigenze dell impresa attraverso flessibilità delle scadenze, variabilità degli importi nominali da coprire, adattabilità alle specifiche caratteristiche di gestione. 10

11 La terza tipologia di rischio è il rischio di prezzo: il costo delle materie prime, il costo dell energia elettrica o del gasolio variano in continuazione. Il rischio di materia prima rappresenta quindi la sensibilità dei flussi finanziari d impresa alle oscillazioni dei prezzi delle materie prime. Normalmente il prezzo delle materie prime è espresso in dollari americani, per cui al rischio di prezzo denominato in dollari si aggiunge anche il rischio di cambio. Tutte le moderne tecniche di gestione finanziaria del rischio possono essere adottate per il rischio di oscillazione dei prezzi delle materie prime, che può così essere gestito attraverso strumenti quali swap, option o combinazioni di option, con la possibilità di prendere a riferimento fixing e medie mensili. 11

12 Le tipologie di settori sulle quali possono essere studiate strategie di copertura con prodotti derivati sono le seguenti: Energia: - petrolio e suoi derivati (Jet Fuel, Gasoil, Fuel Oil, Btz. Atz, Bunker); - Plastiche: polipropilene, polietilene; Metalli preziosi e Metalli non ferrosi; oro, argento, platino, alluminio, rame, zinco, piombo, stagno e nichel; Soft Commodity: caffè, cacao, cotone, zucchero, cellulosa. 12

13 Il rischio climatico sorge in presenza di oscillazioni dei ricavi o dei costi aziendali dovuti a fenomeni atmosferici. E possibile contenere l'impatto che le oscillazioni del fatturato, derivanti dall'imprevedibilità delle condizioni atmosferiche, hanno sul risultato reddituale aziendale grazie ai weather derivative. Essi sono strumenti finanziari derivati analoghi ai classici strumenti utilizzati sui mercati finanziari quali swap e option, con la differenza che l elemento sottostante è un evento meteorologico quale temperatura, precipitazioni, umidità e velocità del vento. Rispetto ai prodotti assicurativi, i weather derivative risultano molto più flessibili e soprattutto non richiedono la dimostrazione del danno subito, né alcuna perizia. Si tratta di contratti derivati standard su sottostanti meteorologici che danno alle imprese la possibilità di coprire la variabilità dei flussi reddituali dovuti a variazioni climatiche, seguendo lo stesso schema previsto per altri sottostanti quali ad esempio i tassi d interesse. L utilizzo di questi strumenti si è affermato con maggiore continuità negli Stati Uniti dalla metà degli anni 90. Ciò è stato favorito sia dal processo di liberalizzazione del settore elettrico, che ha comportato il passaggio dai monopoli locali ai mercati regionali competitivi, che dall intensificarsi di variazioni 13

14 climatiche con il rapido alternarsi di inverni tiepidi e di estati torride. Nel 1984 la Svensk ExportKredit lanciò un emissione di titoli obbligazionari legati al terremoto in Giappone. 14

15 Nel 1990 la Chicago Board of Trade introdusse un future basato su indice di grandi perdite sul settore industriale L inadeguatezza del settore assicurativo a fornire soluzioni calibrate per coprirsi da questo rischio, spinse molti operatori ad accelerare la ricerca di nuove soluzioni finanziarie non solo negli Stati Uniti, ma anche da parte delle compagnie e delle aziende europee. 15

16 Un contratto finanziario meteorologico si caratterizza perché il suo pay-off dipende dal manifestarsi d eventi climatici futuri. Per determinare il flusso (uni o multi periodale) bisogna individuare un appropriato indice meteorologico, coerente con le esigenze del compratore di protezione. I weather risk products utilizzati sui mercati finanziari replicano le tipologie contrattuali dei derivati più trattati quali: basic option, caps, floors, collars e swaps. Per evitare di assumere rischi illimitati le controparti fissano un livello massimo (cap) sui pagamenti futuri, legati agli scostamenti dal livello di esercizio (lo strike). La struttura delle opzioni call e put viene adattata al sottostante meteorologico. Quindi il buyer di un opzione call riceverà il differenziale solo se l indice meteorologico sarà superiore a uno specifico livello (strike) alla fine di un determinato periodo. Il compratore di un opzione put incasserà il differenziale nel caso in cui l indice meteorologico sarà inferiore allo strike nel periodo di esercizio. I settori più esposti ai rischi climatici su cui si strutturano soluzioni di gestione sono i seguenti: energetico, agricolo, edile, turistico, intrattenimento, alimentare, trasporti. 16

17 Gli strumenti finanziari che possono mitigare i rischi sono i prodotti derivati. Cos è uno strumento derivato? Non è altro che un diritto di fare qualcosa (acquistare, vendere) con un quantitativo prestabilito di un altra grandezza finanziaria, denominato sottostante, che può essere valuta estera, a un determinato tasso d interesse su un importo prestabilito. Il termine derivato sta a significare che il valore dello strumento deriva, appunto, dalle variazioni di valore di un altro strumento finanziario. 17

18 Un esempio di strumento derivato è l opzione. Un opzione in valuta dà a chi la detiene il diritto (ma non l obbligo) di acquistare ( call option ), oppure il diritto di vendere ( put option ) un quantitativo prestabilito di valuta estera (detto nozionale ) ad un cambio prestabilito ad una data o in un periodo prefissato. Si sottolinea il diritto ma non l obbligo : anziché fare un cambio a termine, con un opzione l azienda può tenersi aperta la possibilità di guadagno nel caso di un movimento favorevole del cambio. A differenza del cambio a termine, l azienda può decidere liberamente a scadenza se esercitare l opzione o meno, secondo la convenienza. Il vantaggio è evidente: se l affare commerciale che genera la transazione in valuta dovesse sfumare, chiudersi in ritardo o in anticipo o per un importo diverso, l azienda non sarebbe costretta a far fronte ad un cambio a termine non più favorevole. 18

19 E doveroso premettere che non è possibile eliminare totalmente i rischi di cui si sta parlando. Si possono mitigare o sostituire con altri rischi più gestibili, ma non si possono eliminare totalmente. Nell affrontare il problema dei rischi finanziari, l obiettivo dell impresa non deve essere quello di speculare sui mercati, bensì di rendere stabili i propri ricavi (o i costi) aziendali isolandoli da rischi finanziari Così facendo l azienda può concentrarsi sul proprio core business senza doversi preoccupare dell andamento dei mercati finanziari. 19

20 Si ribadiscono alcuni principi fondamentali: I prodotti derivati possono essere utili nell ottica di copertura rischio, per stabilizzare i ricavi, ma non vanno usati come strumento speculativo. Negli ultimi anni le banche hanno proposto con grande insistenza i propri prodotti derivati per gestire i rischi finanziari delle aziende. A volte le aziende hanno guadagnato, purtroppo in non pochi casi hanno perso somme anche molto elevate. 20

21 Come deve comportarsi, quindi, un azienda per proteggersi dai rischi di tasso di cambio e di prezzo delle materie prime? Quali sono le precauzioni da prendere quando si pensa di acquistare un prodotto derivato da una banca? Poiché negli ultimi anni numerose aziende hanno avuto esperienze negative con prodotti derivati, occorre chiarire il loro funzionamento, i rischi che possono essere effettivamente coperti e i rischi che non possono essere coperti. Inoltre diventa importante capire come un prodotto finanziario possa lasciare l azienda aperta a rischi inattesi non collegati alla propria attività industriale o commerciale. L esperienza di questi ultimi anni ha dimostrato come, ben prima della nascita dei prodotti derivati, molte aziende abbiano dovuto affrontare momenti molto difficili a causa di operazioni su mercati finanziari. In realtà il problema non è solo nell'assunzione dei rischi, ma anche nel non aver attuato una pianificazione ed un corretto controllo di gestione che comprenda l analisi dei flussi finanziari. 21

22 Occorre anche essere consapevoli che coprire un rischio implica un costo; se l operazione proposta da un intermediario è apparentemente gratuita, significa che essa contiene rischi impliciti (ad esempio la vendita di un opzione) che la rendono potenzialmente molto costosa; pertanto va esaminata con particolare attenzione. A fronte quindi di un mercato non facile, vogliamo fornire un piccolo vademecum dei rischi finanziari e della loro gestione con strumenti derivati. 22

23 Lo abbiamo chiamato: Gli 11 COMANDAMENTI PER LA GESTIONE DI RISCHI FINANZIARI 1. Prima di fare qualsiasi operazione analizzare i propri flussi monetari (Ad esempio, quantificare i flussi in entrata e in uscita in valute diverse dall Euro, oppure le rate di finanziamento a tasso fisso ecc.) 2. Non fare operazioni proposte solo su iniziativa delle banche senza che ci sia un effettivo rischio sottostante (Le banche a volte propongono operazioni nel proprio interesse e non nell interesse del cliente). 3. Chiedere quotazioni ad almeno tre banche (I prezzi dei derivati sono complessi da calcolare ed è un mercato poco trasparente; quindi è importante confrontare l offerta da più banche). 4. Fare operazioni solo in ottica di copertura e non di speculazione (L attività delle aziende industriali e commerciali non è quello di speculare sui mercati finanziari; se si chiude un operazione derivato deve essere solo in ottica di protezione da un rischio reale e non per approfittare di possibili futuri movimenti dei mercati). 23

24 5. Farsi fare un simulazione che evidenzi la perdita massima potenziale ( worst case ) (La perdita massima potenziale da un derivato deve essere sostenibile; in caso contrario non la si deve chiudere). 6. Valutare l opportunità di coprire solo una parte del rischio (Lasciando aperta una parte ci si lascia maggiore margine di manovra per il futuro nel caso in cui i mercati dovessero muoversi inaspettatamente). 7. Essere consapevoli che chi compra un opzione rischia al massimo il premio, mentre chi vende un opzione accetta un rischio potenzialmente illimitato, a meno che non abbia acquistato contemporaneamente un opzione speculare (La conseguenza è che un azienda industriale o commerciale non dovrebbe mai vendere un opzione a meno di non essere coperta in altro modo al 100% dal rischio che si sta assumendo). 8. Non fare operazioni parametrate su sottostanti che non abbiano alcun rapporto con la propria attività industriale o commerciale (Come detto, le aziende non devono speculare ma solo coprirsi dai rischi ai quali sono esposti). 24

25 9. Una volta fatta un operazione monitorarla almeno settimanalmente (I mercati si muovono in continuazione ed è importante verificare regolarmente se la copertura acquistata rappresenta ancora la soluzione ottimale). 10. Se un operazione va male fissare uno stop loss e accettare una modesta perdita piuttosto che una ristrutturazione con maggiori rischi (E meglio perdere un importo certo che lasciarsi aperti al rischio di perdere un importo molto più elevato). 11. Non estrapolare l andamento passato dei mercati nel futuro (correlazioni, movimenti massimi ecc.) (I mercati si muovo in modo non lineare! Il passato non può rappresentare un indicazione di come si muoveranno in futuro). 25

26 Per riassumere: I prodotti derivati possono essere utili nell ottica di copertura rischio, per stabilizzare i ricavi, ma non devono essere usati come strumento speculativo; L azienda dovrebbe coprire solo i rischi che derivano dall operatività commerciale o industriale; inoltre, è meglio coprire solo una parte del rischio, lasciando aperte più strade per una successiva modifica della strategia di copertura; Mai chiudere un operazione solo perché è stata consigliata dalla banca. Prima di chiudere operazioni in strumenti derivati occorre che i flussi di cassa e i flussi finanziari dell azienda vengano analizzati dall intermediario finanziario che lo propone per garantire la coerenza fra attività commerciale e strumenti di copertura; Una volta chiusa un operazione, non dimenticarla! Il monitoraggio continuativo delle posizioni in essere è essenziale per prendere eventuali futuri correttivi in tempo utile. E giusto proteggersi contro i rischi di tasso, di cambio e di prezzo delle materie prime, ma occorre essere veramente sicuri che lo strumento che si sta acquistando sia davvero nell interesse dell azienda e che non la esponga ad altri rischi ancora più gravi. 26

27 Grazie per l attenzione L&P- Limentani & Partners- Consulenza gestionale e del credito Siamo disponibili a fornire ulteriori approfondimenti sui nostri servizi per la piccola e media impresa L&P s.r.l. Limentani & Partners Via Santa Radegonda Milano Tel.: Fax: Sito internet: 27

Pillole di Finanza: l adeguata gestione del rischi, di Rupert Limentani

Pillole di Finanza: l adeguata gestione del rischi, di Rupert Limentani Pillole di Finanza: l adeguata gestione del rischi, di Rupert Limentani L adeguata gestione del rischio consente alle aziende di pianificare con maggiore tranquillità le proprie risorse finanziarie e di

Dettagli

Centrobanca - Direzione Derivati OTC

Centrobanca - Direzione Derivati OTC 1 AGENDA La copertura del rischio di tasso con CAP o IRS La copertura del rischio di cambio con PLAFOND La copertura del rischio Materie Prime con lo SWAP 2 RISCHIO TASSO: COSA STIAMO PROPONENDO? Stiamo

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Attività di Risk Management Advisory

Attività di Risk Management Advisory Attività di Risk Management Advisory 08 Febbraio 2007 Chi siamo Diamond Consulting nasce nel 2005 grazie alla partecipazione di un nucleo di professionisti provenienti da alcuni dei più prestigiosi istituti

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI Eurco S.p.A. Milano, 01 Aprile 2008 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse Eurco e il mercato dei derivati

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI Ing. Andrea Zadra Milano, 11 Maggio 2010 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse 2 Coperture

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Studio Gallone I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Scaletta Argomenti Gli strumenti finanziari derivati: definizioni Pagina 3 Diffusione

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) La definizione del cambio obiettivo nell azienda industriale non è solo

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Gestione del rischio tasso

Gestione del rischio tasso CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Gestione del rischio tasso Dott. Corso Pecori Giraldi 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rischio tasso nei clienti dei PB

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario 1. Modalità di pagamento Per il regolamento degli ordini l esportatore può richiedere diverse forme di pagamento che presentano vari profili di rischio. Nell ottica del cliente tali modalità hanno diversi

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Convegno Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Fabio Massoli, Corporate Treasury Sales Italy Vicenza, 26 ottobre 2011 L impatto dei rischi sul bilancio aziendale

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Contratto n 1 Banca CRT IRS Plain Vanilla Caratteristiche Strumento Derivato Data Sottoscrizione 04/09/2000 Nominale 516.456,90 Data iniziale 06/09/2000 Scadenza

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Dott. Gabriele Sabato Luglio 2003 Abstract Lo sviluppo dei prodotti derivati ha interessato anche quelli su valute che permettono

Dettagli

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 La ristrutturazione del debito In base al D.M. 1.12.2003 n. 389 sono consentite le seguenti operazioni:

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

- Corporate l ment -

- Corporate l ment - Enrico Paracchini - Corporate Financial Piccola Industria Risk Management Genova - 11 Introduzione Aspetti teorici: Le transazioni vs l estero e il rischio finanziario (cambio) Corporate Financial Risk

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY LA PUT-CALL PARITY Questa relazione chiarisce se sia possibile effettuare degli arbitraggi e, quindi, guadagnare senza rischi. La put call parity è una relazione che lega tra loro: il prezzo del call,

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato COMUNE DI MONTECATINI TERME 16 marzo 2009 1. Introduzione La valutazione del derivato del Comune

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

LS Advisor ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA

LS Advisor ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA Gli swap sono accordi tra società per scambiarsi futuri pagamenti. L accordo definisce le date in cui i pagamenti vengono scambiati e il modo

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Covered Warrants ABN AMRO su Commodity.

Covered Warrants ABN AMRO su Commodity. Covered Warrants ABN AMRO su Commodity. Covered Warrants ABN AMRO su Commodity. 4 Definizione. 5 Valutazione dei Covered Warrants. 7 Parametri che influiscono sul prezzo. 8 Le Greche: coefficienti di

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Tavolo di Lavoro e Confronto Il rischio di prezzo delle materie prime: come

Tavolo di Lavoro e Confronto Il rischio di prezzo delle materie prime: come Tavolo di Lavoro e Confronto Il rischio di prezzo delle materie prime: come misurarlo e gestirlo Introduzione di: Maurizio Belli ed Emanuele Facile - Financial Innovations Udine, 31 maggio 2012 AGENDA

Dettagli

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ]

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Il programma che ti aiuta a pianificare i flussi finanziari in modo semplice, veloce ed intuitivo. La flessibilità di MS Excel senza il

Dettagli

Un esportatore italiano, che opera in euro, deve riscuotere un credito in $ e vuole coprirsi dal rischio di cambio con un opzione:

Un esportatore italiano, che opera in euro, deve riscuotere un credito in $ e vuole coprirsi dal rischio di cambio con un opzione: Un esportatore italiano, che opera in euro, deve riscuotere un credito in $ e vuole coprirsi dal rischio di cambio con un opzione: Cpa = 0,95 $ Sp = 0,82 $ P = 0,05 e Cps = 0,91 $ Specificare il tipo di

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Libera Università Maria SS. Assunta

Libera Università Maria SS. Assunta Libera Università Maria SS. Assunta Corso di Economia e Gestione delle Imprese La gestione finanziaria 1 Definizione Alla funzione finanziaria è affidato il complesso di decisioni ed operazioni volte a

Dettagli

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1 Analisi fondamentale dei mercati Lezione 1 Definizione di commodity Il termine commodity indica ogni materiale di base (prodotti agricoli, minerari, energetici, ecc.) con caratteristiche di elevata standardizzazione

Dettagli

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005-

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- Dipartimento II Servizio 6 GESTIONE DEL DEBITO MONITORAGGIO INVESTIMENTI Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- 1. Introduzione Obiettivo del Report è produrre l analisi del debito al

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Titolo SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.24option.com/it ATTENZIONE: tutti i diritti sono riservati

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

ABN AMRO E BANCA IMI SI SCONTRANO SUL TERRENO DELLE COMMODITY

ABN AMRO E BANCA IMI SI SCONTRANO SUL TERRENO DELLE COMMODITY ABN AMRO E BANCA IMI SI SCONTRANO SUL TERRENO DELLE COMMODITY Dal 20 dicembre 2006 sono quotati sul segmento Sedex di Borsa Italiana i Reflex su Commodity, nome commerciale che indica i classici benchmark

Dettagli

I derivati «tossici» della Regione Veneto Jacopo Berti

I derivati «tossici» della Regione Veneto Jacopo Berti I derivati «tossici» della Regione Veneto Jacopo Berti I mutui originari Nel marzo 2006 la Regione Veneto, aveva debiti con le banche per oltre un miliardo di euro; tra gli altri, aveva due prestiti obbligazionari:

Dettagli

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere.

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere. I piccoli imprenditori hanno le stesse esigenze delle grandi aziende. Nel nostro Paese tutti se ne dimenticano, ma non i professionisti della nostra struttura. Chi ha avuto il coraggio di intraprendere

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 20 I forward rate agreement Maggio 2003 I FORWARD RATE AGREEMENT DOCUMENTO ARISTEIA N. 20 I FORWARD RATE AGREEMENT SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Aspetti generali sui Forward

Dettagli

MUTUO FACILE. Banca Popolare di Vicenza

MUTUO FACILE. Banca Popolare di Vicenza Banca Popolare di Vicenza Una soluzione per ogni esigenza pag. 2 Mutuo 97% a Tasso Variabile pag. 4 Mutuo 97% con Opzione sul Tasso pag. 6 Mutuo a Tasso Variabile pag. 8 Mutuo a Tasso Variabile, Rata Fissa

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

Lessico poco familiare

Lessico poco familiare STUDI NOTARILI APERTI Consulenze per acquistare casa in sicurezza Comprare casa senza rischi Lessico poco familiare Termine AGENTE o AGENZIA IMMOBILIARE AMMORTAMENTO CANCELLAZIONE DI IPOTECA CAPITALE CAPITOLATO

Dettagli

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse Scheda Prodotto FLOOR IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli elementi di rischiosità connessi al prodotto

Dettagli

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice Indice 1. Premessa. pag.3 2. Il rischio cambio in Xxxx. pag.3 3. Strutture coinvolte nella gestione del rischio cambio. pag.5 4. Identificazione del rischio cambio oggetto di copertura. pag.8 5. Strategia

Dettagli

Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003

Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003 Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003 Agenda Premessa L analisi delle passività come presupposto La diversificazione La riduzione

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti.

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Certificates Multigeo 100 Plus Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Multigeo 100 Plus è un certificate che

Dettagli

Analisi di risk management per la copertura dell esposizione al prezzo del petrolio

Analisi di risk management per la copertura dell esposizione al prezzo del petrolio sede: Corso Mazzini, 160 60121 Ancona (AN) sito internet: www.zeygos.com email: info@zeygos.com telefono: 071.55141 partita IVA 024.366.900.24 Analisi di risk management per la copertura dell esposizione

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli