I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?"

Transcript

1 I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili dal docente. La bibliografia completa è a disposizione del docente. Come si è intervenuti per fronteggiare la gravità della crisi odierna? Le Banche centrali hanno seguito POLITICHE MONETARIE super espansive con dimensioni mai viste in precedenza. I tassi di interesse sono ai minimi storici (grafici) GRAFICO 1 I TASSI DI INTERESSE Comunque il pericolo inflazione non c è stato (vedi grafico). Nell area euro si può parlare addirittura di trend deflazionistico.

2 Si prende atto quindi che la Politica monetaria è poco efficace per stimolare l attività economica in periodi di crisi. Keynes ci ricorda che quando abbiamo aspettative negative esse possono agire come fattori che contrastano l azione dei tassi di interesse minimi. L approccio della moneta endogena evidenzia come sia la domanda e non l offerta a determinare la moneta. Ne consegue che imprese e banche non domandano e gli investimenti restano praticamente fermi e le banche restringono il credito (credit crunch). Tuttavia, anche la politica fiscale apparentemente sembra risultare inefficace. Comunque sono necessarie a tal riguardo alcune qualificazioni doverose. Partiamo dai dati: in questi ultimi anni a partire dalla crisi del 2008 il debito pubblico è notevolmente aumentato (vedi grafico)

3 e la crescita? Sembra essere ripartita negli USA mentre l Europa fatica a riportare valori positivi della crescita dei fondamentali economici (pil, occupazione) (vedi grafici)

4 Sembra perciò che i moltiplicatori fiscali siano risultati bassi in termini reali. La spesa pubblica espansiva non sembra aver generato l attivazione della domanda globale. In proposito è ampio il dibattito tra gli economisti sugli effetti sia di politiche fiscali espansive che restrittive. Si può parlare di austerità espansiva? L impostazione neoclassica (mainstream) ritiene che programmi di austerità, fatti di tagli alla spesa e rigore di bilancio pubblico, non avrebbero prodotto depressione ma anzi un effetto espansivo (Giavazzi e Pagano, 1990; 1996; Alesina e Perotti, 1995; 1997). Gli economisti keynesiani viceversa contestano questa linea e ritengono opportuno necessari interventi di spesa pubblica espansiva (Krugman, 2012). Un chiarimento al dibattito è stato posto dall analisi del FMI (2010) che ha rivisto gli effetti dei moltiplicatori fiscali.

5 Il FMI ha analizzato 15 paesi avanzati nel periodo I risultati stabiliscono che il risanamento ha effetti depressivi. Un consolidamento pari all 1% del PIL riduce di 0,5% il PIL reale nell arco di 2 anni; inoltre, aumenta il tasso di disoccupazione di 0,3% nei due anni successivi. Comunque parte degli effetti depressivi sono stati mitigati attraverso tassi di interesse bassi e svalutazione della valuta. Ovviamente questo secondo aspetto non costituisce strumento a disposizione dei paesi europei aderenti alla moneta unica. Quali sono allora i presupposti della teoria neoclassica del rigore espansivo? I soggetti economici formulano Aspettative razionali. Essi sono lungimiranti e sanno che una restrizione fiscale oggi avrà l effetto di allontanare ed eliminare la possibilità di più ampi e dolorosi aggiustamenti fiscali. Cosa ne consegue? I consumatori si sentiranno più ricchi e decideranno di consumare di più e le imprese, contando su maggiori profitti derivanti dalla minor tassazione futura, decideranno di investire di più. Inoltre agisce l effetto derivante dalla riduzione dei tassi di interesse in conseguenza del minor rischio paese, che comporta un minor costo dell indebitamento, aumentando la ricchezza finanziaria delle imprese e delle famiglie. Secondo questa impostazione non importa che i soggetti economici non abbiano le risorse per incrementare la spesa, perché possono chiedere alle banche. Siamo sicuri che questo meccanismo possa funzionare se: a) esiste credit crunch b) le imprese hanno aspettative pessimistiche c) le famiglie hanno timore di perdere reddito? Il punto è che una riduzione della spesa pubblica potrebbe accompagnarsi alla riduzione della spesa privata. In questo caso le prospettive di ripresa si allontanano e i consumi sono destinati a essere depressi e l economia stagnante. La BCE però continua e insiste nell attuazione di politiche di rigore, sottolineando che gli effetti negativi sono minori se si opera in piena credibilità favorendo le attese del mercato. Il problema è che per convincere i mercati, notoriamente caratterizzati da previsioni pessimistiche quando si tratta di attuare manovre restrittive, occorrono tempi non brevi e per quanto tempo possiamo permetterci politiche restrittive? (che sono peraltro invise all elettorato?)

6 Il problema del rigore fiscale è che i moltiplicatori sono troppo alti Nella scuola keynesiana i moltiplicatori prevedono valori ben superiori a quelli previsti dalla teoria neoclassica. In pratica, con valori bassi di m gli effetti recessivi del rigore fiscale saranno deboli così come quelli di natura espansiva. Viceversa, con valori elevati, le politiche restrittive deprimono l economia mentre le politiche espansive daranno un forte impulso alla ripresa. Per Keynes il moltiplicatore sarà maggiore di 1. Al più esiste la teoria di Haavelmo e del bilancio in pareggio, secondo cui il moltiplicatore è pari a 1. (l effetto finale netto sarà comunque positivo per un aumento della spesa pubblica e poco restrittivo nel caso opposto). Per la scuola neoclassica (dei modelli dinamici di equilibrio) il moltiplicatore sarà inferiore a 1. La spiegazione è che la spesa pubblica spiazza parte della spesa privata. Inoltre, il problema è che il deficit verrà finanziato con le imposte attuali e future. Ma non sarà bilancio in pareggio perché entrano in gioco i tassi di interesse reali che aumenteranno in ragione delle preoccupazioni della banca centrale sull evoluzione dell inflazione. Questo aspetto spiazza ulteriormente la spesa privata. Per la scuola neoclassica sul valore del moltiplicatore m influisce fortemente il tasso di interesse. Un abbassamento di esso fa aumentare i consumi e gli investimenti e perciò abbassa m, attenuando la caduta dell attività produttiva a seguito della riduzione della spesa pubblica. Se l elasticità della spesa privata al tasso di interesse è elevata (come prevista da questi modelli) il livello di m si riduce di molto e il livello dell attività produttiva di poco. Ci sono evidenze empiriche che dimostrano che in situazioni con tassi di interesse vicini alle zero m assume valori molto elevati (Woodford, 2011). È la situazione attuale di trappola della liquidità. Ma seguendo l impostazione keynesiana è forse la depressione e non tanto il livello basso dei tassi di interesse a determinare un valore elevato di m. per Keynes gli investimenti sono poco elastici al tasso di interesse in depressione e anche un po prima quando le aspettative imprenditoriali sono pessimistiche. Comunque anche i neoclassici ribadiscono che in depressione m ha valori elevati perché le aspettative delle famiglie hanno l effetto di ridurre i livelli di spesa facendo crescere il moltiplicatore (Corsetti et al, 2009).

7 I numerosi lavori empirici dimostrano che nei periodi di depressione, i valori di m si avvicinano a 0,5. Questo risultato sarebbe a supporta della tesi neoclassica e degli scarsi effetti sull economia della politica fiscale espansiva, che alimenterebbe solo il disavanzo e il debito pubblico. Quando è scoppiata la crisi, il FMI pensava in prima battuta che non fossero necessarie politiche fiscali espansive. Ma in realtà si dava scarsa attenzione ai risultati empirici che ci dicono che durante le crisi finanziarie i valori di m tendono ad essere molto più alti. Blanchard e Leigh (2013) annunciano che m è stato sottostimato nel periodo di crisi attuale. Auerbach e Gorodnickenko (2012) trovano che m in periodi di espansione assume valori tra 0-0,5 e nei periodi di depressione tra 1-1,5. Per alcune componenti della spesa pubblica m è anche più alto (per i consumi pubblici in espansione m è 0,17 e in depressione è 2,11. In conclusione si accetta l ipotesi keynesiana che in depressione le politiche fiscali espansive funzionano per dare un impatto all economia. Coenen et al (2012) dimostra inoltre che tali effetti sono incoraggiati con politiche monetarie espansive, che riducendo ai minimi i tassi alimentano l inflazione facendo ridurre i tassi reali, così da sostenere i consumi e gli investimenti. I paesi europei (quelli mediterranei) osservano un tasso di interesse reale non proprio vicino allo zero, a causa dello spread rispetto ai Bond tedeschi. Gli investimenti che non ripartono e l effetto recessivo si riflettono su valori alti del moltiplicatore. Comunque BCE e Commissione Europea si trovano in disaccordo con l idea di valori di m alti. Ritengono viceversa che i moltiplicatori sono inferiori all unità. In tempi normali stimano m nell UE pari a 0,4 e in tempi di crisi a 0,7. Per la BCE(2012) con valori di m così bassi non preoccupano politiche di rigore fiscale, in quanto fanno abbassare il premio rischio dei debiti sovrani e l abbassamento del tasso di interesse riduce il valore di m, senza deprimere l economia. Il punto comunque è che bassi tassi di interesse riducono m solo se gli investimento salgono. Se c è sfiducia nella capacità di ripresa rapida non è detto che l economia possa sbloccarsi. (vedi grafico sull indice di business)

8 Cosa possiamo dire in più se analizziamo le politiche fiscali dal lato delle entrate e delle spese? Alcune ricerche evidenziano il risanamento attuato tagliando la spesa pubblica. La manovra secondo le stime ha l effetto di provocare minori riduzioni del PIL rispetto a quello attuato da un aumento delle imposte. Il FMI (2010) stima per i primi un m pari a 0,3 e i secondi un m di 1,3. In pratica, una riduzione della spesa pubblica si accompagna a un aumento della spesa privata; i consumi crescono per l equivalenza ricardiana e gli investimenti beneficiano di una politica monetaria espansiva (la BC abbassa i tassi perché scende la spesa pubblica). Romer e Romer (2010) stimano un m del moltiplicatore delle imposte superiore a 3. Questi valori sono così elevati in ragione del crollo di fiducia che si ripercuote sui consumi e gli investimenti. Comunque la tesi del FMI è stata messa in discussione da ricerche che giungono alla conclusione che m della spesa è più elevato del valore di m delle imposte, specie nelle fasi recessive. Si stima che i primi siano fino a 10 volte più grandi e nelle fasi di espansione fino a 6 volte.

9 Risanamento lento e graduale, una posizione aggiornata della BCE Un severo processo di risanamento fiscale può avere l effetto di spingere l economia verso la recessione tanto più alto è il rapporto iniziale debito/pil. È chiaro che bisogna evitare, anche per non alimentare aspettative negative sulle prospettive di ripresa, un processo di risanamento troppo rapido, meglio sarebbe l adozione di un processo più graduale. La questione centrale è che per risanare bisogna avere in mente che occorre tornare in primo luogo a crescere. È difficile pensare che questo possa compiersi se riduciamo invece che aumentare la spesa pubblica. La BCE, in particolare, mantiene un atteggiamento ortodosso su questo versante perché è preoccupata delle eccessive dimensioni del settore pubblico in diversi paesi europei. Comunque alcune dichiarazioni lasciano intravedere qualche cambiamento nell orientamento degli indirizzi di policy bisogna evitare di ridurre la spesa pubblica produttiva.nel medio termine bisogna utilizzare i benefici del risanamento per ridurre le imposte sul lavoro per la prima volta viene posta l opportunità di entrare nel dettaglio della composizione delle politiche fiscali. Auerbach e Gorodnichenko stimano valori di m per spese pubbliche basate sugli investimenti pari a 3, sia nei periodi di recessione che di espansione. Le spese basate invece sui consumi pubblici sembrano essere alti solo nelle fasi di recessione. Facciamo il caso dei trasferimenti di reddito. Questi possono dividersi in due categorie: 1) trasferimenti MIRATI (alle famiglie a reddito basso non hanno accesso al credito e affrontano diversi vincoli di liquidità) in questo caso i trasferimenti si traducono in maggiori spese in consumi 2) trasferimenti GENERICI (sono interventi che attivano meno domanda di consumi per i quali il valore di m è più basso) Gli investimenti pubblici hanno anche un m alto, perché sono creatori di economie esterne (infrastrutture per messa a difesa il suolo nazionale; ristrutturazione dell edilizia scolastica) E i moltiplicatori delle imposte? Le stime empiriche misurano valori di m molto più bassi. La riduzione delle imposte sul lavoro sviluppano un moltiplicatore (0,2-0,5) mentre quella riguardante le imposte sui consumi (0,6-0,66).

10 In definitiva, le stime sembrano suggerire che la politica fiscale attraverso la spesa pubblica esercita un impatto maggiore di stimolo alla domanda globale rispetto al moltiplicatore delle imposte. Quale politica fiscale per la crescita? Occorre aumentare la spesa pubblica e finanziarla con l aumento delle imposte stando attenti a non far cadere l economia in depressione. Bisogna guardare comunque non solo ai livelli di spesa e di entrata ma anche alla loro composizione e ai valori dei moltiplicatori. Quindi si potrebbe generare una spinta alla domanda globale senza far aumentare di troppo la spesa pubblica, grazie a una ricomposizione delle voci di spesa (ridurre i trasferimenti generici e favorire i trasferimenti mirati o gli investimenti). Si potrebbe finanziare la spesa con un aumento delle imposte sui redditi e patrimoni e abbassando quelle sul lavoro (un aumento della busta paga si traduce in consumi). Per l Italia le attenzioni al bilancio pubblico possono servire anche per dare vigore ai problemi della stagnazione della produttività e della mancanza di competitività. Far ripartire la domanda aggregata può dare sollievo alla ripresa della produttività (secondo la ben nota legge di Verdoon).

La crisi e i moltiplicatori fiscali

La crisi e i moltiplicatori fiscali Moneta e Credito, vol. 66 n. 262 (2013), 129-151 La crisi e i moltiplicatori fiscali TERENZIO COZZI * 1. Politiche anti-crisi poco efficaci L attuale crisi impressiona per gravità e durata. È del tutto

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 869 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 29 maggio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Lo scorso 28 maggio l Istat ha rilasciato

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Capitolo 18. La politica fiscale

Capitolo 18. La politica fiscale Capitolo 18 La politica fiscale Definizioni istituzionali La politica fiscale è determinata dall insieme delle entrate e spese del settore pubblico. Occorre quindi definire il settore pubblico Amministrazioni

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?!

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! (9 febbraio 2015) In queste settimane sono in corso di aggiornamento tutte le previsioni macroeconomiche delle

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

Global Strategy Fund

Global Strategy Fund Monthly Newsletter del 28.02.2013 Global Strategy Fund Risultati del mese e previsioni Si è appena concluso un mese particolarmente complicato che ha riportato l area Euro al centro dell attenzione generale.

Dettagli

Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica

Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica Modulo 1 LA TEORIA DEL REDDITO NAZIONALE (*) COMPETENZE ABILITA /CAPACITA

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Caso 1 La politica monetaria negli USA Prof. Gianmaria Martini La congiuntura degli USA Il Sole-24 Ore utilizza frequentemente

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico Dibattito politica fiscale nel medio/lungo periodo Gli effetti di una politica fiscale espansiva con aumento della spesa pubblica dipendono da

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

I MARTEDI DELL ECONOMIA II LEZIONE

I MARTEDI DELL ECONOMIA II LEZIONE I MARTEDI DELL ECONOMIA II LEZIONE ISIS M. CURIE TRADATE 2015 Martina Vitalone martina.vitalone01@gmail.com I cicli economici Obiettivi della seconda lezione: 1. Capire cosa accade nelle quattro fasi del

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

QUALI POLITICHE ECONOMICHE PER FRONTEGGIARE LA CRISI?

QUALI POLITICHE ECONOMICHE PER FRONTEGGIARE LA CRISI? QUALI POLITICHE ECONOMICHE PER FRONTEGGIARE LA CRISI? di Angelo Grimaldi (depositato il 12 novembre 2013) L ex presidente della BCE, Jean-Claude Trichet, tra il 2008 e il 2009 disse chiaramente di non

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14

Politica Economica Europea. a.a. 2013-14 Politica Economica Europea 2 Costi di aderire ad un UM Aderendo ad una UM si perde: la propria moneta; la possibilità di gestire la politica monetaria in modo indipendente; la gestione del tasso di cambio

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

DISPENSE INTEGRATIVE DEL MANUALE DI BLANCHARD

DISPENSE INTEGRATIVE DEL MANUALE DI BLANCHARD IV DISPENSE INTEGRATIVE DEL MANUALE DI BLANCHARD 4. Una specificazione del modello di determinazione della produzione di equilibrio Nei primi tre capitoli del libro di Blanchard avete studiato il modello

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA POLITICA MONETARIA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 GLI OBIETTIVI DELLA POLITICA MONETARIA ----------------------------------------------------------------- 3 2 I MECCANISMI DI TRASMISSIONE DELLA POLITICA

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 *Questo testo è stato realizzato sulla base degli appunti presi durante le lezioni tenute nell anno accademico

Dettagli

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento INDICE XVII 1 2 4 5 Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento 1.1 1.2 1.3 1.4 L'oggetto della macroeconomia

Dettagli

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 - Piigs sotto la lente: il Portogallo - Il dividendo dell euro - Sul ponte sventolo la Bandiera Bianca - Il salvataggio - La cura uccide il malato - Un esercito

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro

La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro 17-01-2015 Numero 15-3 NOTA DAL CSC La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro Nella crisi tutti i paesi euro in deficit hanno aggiustato i conti con l estero. Il saldo dell

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

Indice. 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3

Indice. 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE IX IL SETTORE PUBBLICO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3 1.1. Gli

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Il Quadro attuale Anche prima della crisi le economie europee avevano bassi tassi di crescita

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Università LUM Jean Monnet - Trani European Week 9-10-11 maggio 2013 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Intervento

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces

Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces Gli argomenti Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa 1 1 di Francesco Estrafallaces La recente fase di recessione economica e la blanda ripresa

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014)

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) Non ho bisogno spiegare quanto sia drammatica la situazione economica in Europa, e in Italia in particolare.

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli