1) INTRODUZIONE 2) DEFINIZIONI. Perchè si misura la viscosità? A chi serve?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) INTRODUZIONE 2) DEFINIZIONI. Perchè si misura la viscosità? A chi serve?"

Transcript

1 1) INTRODUZIONE Perchè si misura la viscosità? A chi serve? La viscosità è uno principali parametri da prendere in considerazione quando si effettuano misure di fenomeni di trasporto di fluidi allo stato liquido, semi solido, gas ed anche solido. Chiunque sia coinvolto nella caratterizzazione della fenomenologia del trasporto ai fini di ricerca & sviluppo, controllo di qualità o trasferimento di fluidi, si troverà, prima o poi, ad effettuare qualche tipo di misura di viscosità. Brookfield è sinonimo di viscosità. Con la presentazione dei propri viscosimetri digitali, nei primi anni ottanta, ha fornito gli strumenti necessari alla valutazione del comportamento reologico dei fluidi, dei quali la viscosità rappresenta uno dei parametri che ne caratterizza il comportamento stesso. L'andamento reologico ci consente di capire con che tipo di fluidi stiamo lavorando; in questo modo possiamo definire come questi si comportano, ed, eventualmente, modificarli, fino a far loro assumere un comportamento compatibile con le nostre esigenze. Con questo documento desideriamo affrontare alcuni concetti base della reometria rotazionale, (tutti i viscosimetri e reometri Brookfield sono strumenti rotazionali), e i profili di base (grafici) dei comportamenti reologici dei fluidi. Una volta compresi questi concetti sarà possibile mettere in relazione i comportamenti reologici con le nostre necessità di sviluppo e di applicazione di un determinato prodotto. I nuovi reometri sono stati sviluppati per consentire di misurare le diverse variabili reologiche: gradienti di velocità, sforzi di taglio e viscosità, sia per attività di controllo di qualità che di ricerca. 2) DEFINIZIONI La REOLOGIA è la parte della fisica che studia il comportamento e le deformazioni che i fluidi subiscono quando questi, sono l'azione di una forza, vengano posti in movimento. Con i suoi strumenti, BROOKFIELD rivolge la sua attenzione ai fluidi allo stato di liquido e semi-solido. Misurando la deformazione al moto, misuriamo gli attriti dei fluidi. La forza di attrito, concettualmente, può essere vista come la quantità di energia richiesta per muovere un corpo che striscia contro un altro. La viscosità, invece può essere intesa come la forza di attrito esercitata tra due lamine di fluido che vengano poste in moto una contro l'altra. Isac Newton, per interpretare questo processo, propose un'equazione matematica che potesse risultare utile alla spiegazione del fenomeno in questione. Essa è molto importante per sviluppare e chiarire il concetto di viscosità come forza di attrito dei fluidi in moto, vista in termini di quantità misurabile.

2 Consideriamo quindi un modello nel quale un fluido è delimitato tra due piani fra loro paralleli e sia: A = X = Area in cm² dei piani considerati. distanza in cm fra il piano inferiore e superiore (spessore). Nota: il piano superiore è mobile mentre quello inferiore resta in stato di quiete F = forza espressa in dyne applicata al piano mobile superiore V= velocità relativa in cm s del piano superiore rispetto al piano inferiore in stato di quiete Quando il piano superiore si sposta, si spostano anche gli strati interposti fra i due piani. Il piano superiore si muoverà con la maggiore velocità, il piano inferiore con la minore (zero) e gli strati intermedi con velocità intermedie. Il gradiente di velocità dv dx sarà costante in ogni sezione dx di fluido. Sia il gradiente di velocità γ = dv dx

3 Ipotizziamo che in questo modello il gradiente di velocità sia uniforme fra i due piani. Allora il gradiente dv dx può anche essere scritto come il rapporto fra la velocità v e la distanza x: Gradiente di Velocità γ = dv dx = v x = Velocità Distanza cm v cm γ = = s = = = s x cm s cm s Le unità di misura coinvolte sono: v = velocità (cm/s) x = distanza (cm) quindi γ = Gradiente di Velocità ( 1 s ) Consideriamo ora la forza totale F che agisce sul piano superiore. Essa esplica i suoi effetti su una unità di superficie dell'area A della piastra stessa; allora il rapporto F/A rappresenta lo Sforzo di Taglio τ. F Forza Sforzo di taglio τ = = = A Unità di Area Dyne 2 cm Le unità di misura coinvolte sono: F = forza (dyne) 2 A= area (cm ) 2 Pertanto τ = Sforzo di Taglio (dyne/cm ). Determinando i valori del Gradiente di Velocità γ e dello Sforzo di Taglio τ possiamo allora definire la viscosità come la resistenza che si oppone al moto del fluido. Sforzo di taglio τ τ Viscosità η = = Gradiente di velocità γ γ η Dyne 2 cm 1 s Dyne s = cm = 2 = Poise Le unità di misura coinvolte sono: τ = sforzo di taglio (dyne/cm ) 2 γ = gradiente di velocità (1/s)

4 Quindi la viscosità η risulta espressa in dyne.s/cmq, unità di misura usualmente denominata Poise. Il Poise è l'unità di misura che definisce la viscosità assoluta ma nelle misure quotidiane è sempre stato adottato il Centipoise: Centipoise = Poise/100 L'equazione che definisce la viscosità non include la temperatura tra i suoi parametri. Anche se gli strumenti possono misurare la viscosità senza l inserimento del valore di temperatura, quest ultima influenzerà in modo inversamente proporzionale la viscosità dei fluidi soggetti a misura. Nella maggior parte dei casi la viscosità del fluido diminuisce all'aumentare della temperatura e viceversa. Risulta pertanto necessario tenere accuratamente sotto controllo la temperatura durante le rilevazioni di viscosità. L'esempio dei due piani paralleli usato per spiegare il concetto di viscosità, ovviamente, è un modello ideale; tuttavia questo modello è un buon approccio, utilizzato in molte applicazioni industriali e, in senso pratico, nelle geometrie dei viscosimetri rotazionali. Esempi industriali: Applicazioni a pennello di vernici su una superficie Applicazione con strumenti di stesura od applicazione di film (racle, barre stenditrici spiralate, ecc.) Esempio su un viscosimetro: Consideriamo una girante cilindrica ed inseriamola nella sua camera di misura anch'essa cilindrica. Immaginiamo che tale sistema di cilindri coassiali abbia un diametro molto grande e consideriamo una piccola porzione dell'area della superficie della girante stessa. Questa geometria può approssimare l'esempio dei piani paralleli di cui sopra, e, se la girante cilindrica fosse messa in movimento, il sistema apparirebbe come quei piani utilizzati per definire il concetto di viscosità e dove la distanza tra la camera e la girante rappresenta la distanza X esistente fra i piani stessi prima considerati. In relazione a quanto espresso risulta evidente che esiste un rapporto fra il modello dei piani paralleli, le applicazioni industriali e l uso dei viscosimetri. Ricordiamoci che la viscosità è l'opposizione al trasferimento della quantità di moto ad un fluido.

5 3) TIPI DI VISCOSITA Esistono tre tipi fondamentali di viscosità: 1) Viscosità Assoluta 2) Viscosità Cinematica 3) Viscosità Apparente 3.1) VISCOSITA ASSOLUTA E' la viscosità che può essere determinata con qualsiasi geometria dove l'effetto dell'accelerazione di gravità terrestre g risulti essere macroscopicamente ininfluente sulla misura. L'unità di misura di questo tipo di viscosità viene espressa generalmente in Poise o Centipoise. 3.2) VISCOSITA CINEMA TICA E' la viscosità determinata con qualsiasi geometria che usa l'accelerazione di gravità g per ottenere la misurazione. Questa unità viene espressa generalmente in Stokes o Centistokes. 3.3) VISCOSITA APPARENTE Indica la viscosità di un fluido che non obbedisce alla legge di Newton. La sua viscosità viene misurata ad un unico Gradiente di Velocità con una sola misura. La misura di viscosità ad unico Gradiente di Velocità risulta utile soltanto se prima si è ottenuto un comportamento della viscosità in funzione del Gradiente di Velocità stesso. L'unità di misura di questo tipo di viscosità viene espressa generalmente in Poise o Centipoise. Se i fluidi misurati sono Newtoniani è valida la seguente relazione: Stoke = Poise Densità del Fluido Ci sono alcuni viscosimetri che utilizzano unità di misura diverse dal Poise e dallo Stokes. Per esempio il viscosimetro Stormer che utilizza l'unità Kreb o le tazze Ford e Zahn le cui misure sono espresse in secondi.

6 4) FLUIDI NEWTONIANI I fluidi newtoniani o i materiali classificati come tali sono quelli la cui viscosità è indipendente dal gradiente di velocità al quale è stata misurata. Se essa viene misurata a differenti velocità di rotazione (differenti gradienti di velocità) e i risultati ottenuti si equivalgono, il materiale può essere considerato newtoniano nel campo di gradiente di velocità entro il quale sono state effettuate le misure. E' possibile per un fluido avere entrambi i comportamenti, newtoniano o non newtoniano, a patto che la sua viscosità possa essere misurata in un vasto campo di gradienti di velocità. Molti fluidi sono newtoniani, come ad esempio: acqua, solventi, olii minerali e fluidi siliconici 5) FLUIDI NON NEWTONIANI I fluidi non newtoniani possono essere classificati in due grandi categorie: 1) fluidi non newtoniani la cui viscosità risulta non essere funzione del tempo 2) fluidi non newtoniani la cui viscosità risulta essere funzione del tempo. 5.1 FLUIDI LA CUI VISCOSITA' NON E' FUNZIONE DEL TEMPO 5.1.1) PSEUDOPLASTICITA' In un fluido pseudoplastico la viscosità risulta essere decrescente con l'aumentare del Gradiente di Velocità: tecnicamente questo fenomeno è conosciuto anche come shear thinning". Se vengono effettuate delle misure con un viscosimetro a velocità di rotazione crescente per poi ritornare al valore iniziale e le letture effettuate non diminuiscono, il fluido risulta possedere una viscosità non dipendente dal tempo e viene denominato pseudoplastico. Questi fluidi hanno un cambiamento di viscosità dipendente dal modo con cui essi si muovono e dal modo con cui si agisce su di essi per provocare il moto, inoltre il comportamento di tali fluidi è reversibile. Così è possibile controllare gli effetti del moto su tali fluidi mediante la forza ad essi applicata. La viscosità risulta più alta a bassi Gradienti di Velocità e minore ad elevati Gradienti di velocità. Sono fluidi tipicamente pseudoplastici quelli usati nell'industria farmaceutica e delle vernici e rientrano in questa categoria le emulsioni e le dispersioni.

7 E' importante ricordare che essi hanno un comportamento reversibile, sono non newtoniani con viscosità indipendente dal tempo di mantenimento del moto del fluido. In funzione dei dati reologici ottenuti con le misurazioni su tali fluidi possiamo classificarli come pseudoplastici Una volta stabilito il loro comportamento reologico sarà possibile alterare le loro caratteristiche in relazione alle necessità dei differenti processi produttivi ) FLUIDI PSEUDOPLASTICI DI BINGHAM Se un fluido pseudoplastico possiede forze interne (forze intermolecolari) che impediscono il suo moto al di sotto di un determinato valore di Sforzo di Taglio, il fluido stesso non inizierà il suo movimento fintanto che tale valore non verrà superato; un tale fluido viene classificato come Fluido di Bingham. Questo fenomeno viene anche definito plasticità. Fluidi appartenenti a questa categoria sono ad esempio i fanghi utilizzati per le perforazioni di pozzi petroliferi, grassi ed unguenti, preparati per rossetti, stucchi e composti usati in edilizia, dentifrici e alcuni materiali semisolidi ) LIMITE DI SCORRIMENTO Il valore di sforzo di taglio al quale un Fluido Plastico di Bingham comincia il suo moto è denominato limite di scorrimento (Yield Stress in lingua inglese). Esso è molto significativo in molti processi ed in campo alimentare, ne sono esempi tipici la salsa di pomodoro, la maionese e la glassa. Essenzialmente questi fluidi non devono spandersi dopo la fuoriuscita dal loro contenitore. Anche nell'industria serigrafica e in alcuni processi di rivestimento l'inchiostro non deve colare dopo che lo stesso sia stato depositato sopra un supporto. Un ulteriore esempio viene offerto dai prodotti cosmetici, i quali devono essere spalmabili soltanto sotto la forza prodotta dall' azione dello sfregamento delle dita.

8 5.1.4) FLUIDI DILATANTI Se la viscosità di un fluido è misurata da bassa ad alta velocità di rotazione ed aumenta all'aumentare della velocità (in altre parole all'aumentare del Gradiente di Velocità) il fluido viene classificato come Dilatante. Solitamente, i fluidi dilatanti hanno elevate concentrazioni di particelle solide in sospensione. A Gradienti di Velocità relativamente bassi, le particelle in sospensione agiscono come particelle lubrificate dove la fase solida si muove in funzione del moto della fase liquida. Con l'aumentare del Gradiente di Velocità la fase solida non viene sufficientemente dispersa nella fase liquida e le particelle solide in sospensione subiscono un fenomeno di impaccamento (come se la fase solida aumentasse la propria densità). Questo causa, per esempio, la striatura della carta se il contenuto di caolino nella pasta di cellulosa non è stato attentamente controllato. Ne deriva che l'effetto della dilatanza dei fluidi, nella maggior parte delle applicazioni industriali, non è un comportamento desiderabile. Questo tipo di fluido è usato per formulare i fanghi utilizzati nella perforazione dei pozzi petroliferi per spostare agevolmente il greggio. L'incremento di viscosità, ad esempio, permette alle automobili di poter essere guidate sulla spiaggia di Daytona dove la sabbia assume un comportamento di tipo dilatante, infatti la rotazione veloce delle ruote dell'automobile sulla sabbia bagnata, consente la separazione delle fasi solido/liquido provocando l'impaccamento della fase solida; se la miscela acqua/sabbia non avesse un comportamento dilatante l'automobile s'impantanerebbe. 5.2) FLUIDI CON VISCOSITA' DIPENDENTE DAL TEMPO 5.2.1) TISSOTROPIA Se si effettuano misure di viscosità su un fluido mediante due rampe consecutive a velocità variabile, la prima a velocità di rotazione crescente, la seconda a velocità decrescente, e quest ultima presenta valori inferiori alla prima, il fluido viene classificato come tissotropico, e la sua viscosità risulta essere funzione del tempo. Questi fluidi possono anche rientrare nella classificazione dei Fluidi di Bingham, in quanto evidenziano un valore di soglia di scorrimento (comunemente chiamato valore di Yield Stress). Il comportamento dei fluidi tissotropici è molto utile ed importante in campo industriale. I processi di dispersione, ad esempio, evidenziano un comportamento al flusso di tipo tissotropico.

9 Nella formulazione di composizioni chimiche tale comportamento serve per ottenere il grado di dispersione necessario per raggiungere lo stato chimico-fisico previsto per il prodotto finale. Variando le quantità, il tipo e la sequenza dei prodotti aggiunti, è possibile intervenire sul comportamento reologico della dispersione. L'altro aspetto del comportamento tissotropico si evidenzia nell'utilizzo pratico dei liquidi. La vernice ne rappresenta un esempio classico. Essa deve scorrere sotto lo sforzo di taglio determinato dal tipo di applicazione usato: pennello o rullo, ma poi deve rapprendersi non appena cessi l'effetto della forza applicata. Lo strato di vernice, a questo punto, deve livellarsi e rimanere uniformemente steso, senza colature, risultando presenti soltanto le forze interne al film di vernice stesso. Tutte le dispersioni hanno un loro grado di stabilità e, a riposo, col passare del tempo, si potrebbero verificare fenomeni di sedimentazione; pertanto quando non in uso, è necessario che il prodotto sia in grado di recuperare la sua tissotropia inteso come recupero della viscosità a gradiente di velocità zero. La conoscenza del comportamento reologico del fluido (tissotropia), consente di utilizzare il prodotto nel migliore dei modi ) REOPESSIA Se un fluido è sottoposto ad un determinato Gradiente di Velocità, costante, e la sua viscosità aumenta col trascorrere del tempo, esso viene classificato come Reopettico. Questo è il comportamento opposto a quello tixotropico, dove la viscosità diminuisce mantenendo il fluido in moto a gradiente di velocità costante. Guardando un diagramma di un fluido Reopettico si può notare che la curva di ritorno si trova sopra alla curva di andata. Questo fenomeno si chiama tissotropia negativa o antitissotropia. Ad esempio, per i mulini a sfere o a ciotoli, in cui lo sforzo di taglio applicato alle dispersioni è relativamente basso, il processo di dispersione inizia come un'antitissotropia, ma quando la deflocculazione raggiunge un determinato grado di dispersione la curva reologica passa da uno stato di tissotropia negativa ad un comportamento pseudoplastico fino a quando acquisisce un comportamento tissotropico normale.

10 La reopessia è un comportamento piuttosto raro ) GRAFICI REOLOGICI COMPOSTI La figura sottostante mostra, tutti insieme, i grafici discussi finora. Possiamo notare quanto siano differenti. Dall osservazione dei dati numerici ottenuti risulta piuttosto facile, se si pensa in termini di comportamento al flusso, riconoscere questi stessi comportamenti. Il diagramma ottenuto confermerà la vostra prima impressione. I valori acquisiti dal reometro via software liberano l operatore dall onere di mantenere una data velocità, prima di acquisire una misura, per poi passare a quella successiva, e dallo sviluppo del reogramma stesso. I reometri Brookfield sono progettati per offrire questa possibilità, sia che siano utilizzati autonomamente, sia mediante programmi dedicati.

11 6) METODOLOGIA BROOKFIELD Il concetto di base dei viscosimetri Brookfield, è la rotazione di un sensore (storicamente chiamato girante) immerso in un fluido contenuto in un beaker da 600 cc, forma bassa. A questo punto viene misurato il relativo momento torcente necessario a vincere la resistenza al moto del fluido; in altre parole ed in altri termini misuriamo la viscosità del fluido. Risulta evidente, quindi, dalla discussione e dalle definizioni del comportamento reologico dei fluidi Non Newtoniani, che la misurazione della viscosità richiede la massima flessibilità dello strumento per ottenere dati accurati e precisi. La metodologia deve debitamente tener conto: della meccanica dei fluidi da misurare, dei vincoli imposti dai flussi laminari e non laminari durante il moto (regimi turbolenti), insieme alla precisione e l'accuratezza dello strumento che dovrà dare misure accettabili entro limiti di ripetibilità. Le condizioni di flusso laminare esistono quando le sottili lamine di fluido (mostrati precedentemente) si muovono uno sopra l'altro senza moti in direzioni diverse da quelle del flusso. Le lamine dovrebbero anche essere omogenee al fine di ottenere un buon flusso laminare. Il regime turbolento (non laminare) si attua quando esistono interscambi macroscopici tra le lamine del fluido. Brookfield ha sviluppato la sua metodologia in un vasto campo di viscosità usando diversi tipi di giranti con diversi campi di torsione e velocità di rotazione multipli fra di loro. Esistono inoltre diversi tipi di accessori a cilindri concentrici e cono-piatto per effettuare misure con geometria definita. 6.1) COME FUNZIONA LA METODOLOGIA? Ogni combinazione viscosimetro/reometro e girante/velocità di rotazione, determinano una viscosità e uno sforzo di taglio di fondo scala ad un dato valore di gradiente di velocità. In altri termini la viscosità in cp e lo sforzo di taglio in dyne/cmq, possono variare da un minimo (suggerito 10%) ad un valore massimo del 100% della fondo scala, ad un determinato gradiente di velocità (RPM). Tutti i viscosimetri/reometri Brookfield hanno una accuratezza di misura pari a +/- 1% del fondo scala. La viscosità e lo sforzo di taglio varieranno concordemente con la coppia della molla a spirale piana del viscosimetro/reometro e con la geometria delle giranti utilizzate. Il gradiente di velocità varierà in funzione della geometria girante/contenitore ma anche in funzione della velocità di rotazione della girante stessa. Risulta così possibile configurare un viscosimetro/reometro con campi di misura adatti ad uno specifico fluido campione attraverso la possibilità di far ruotare le giranti in un ampio campo di velocità. Ogni tipo di strumentazione e metodologia ha dei limiti. Questi limiti, relativi alla misurazione della viscosità con strumenti Brookfield, variano dai bassi valori di viscosità (da l cp fino a 15 cp) per reometri della serie LV fino ad un massimo di 100 cp per reometri della serie RV. Per fluidi a bassa viscosità la condizione di regime di moto laminare passa a regime di moto turbolento man mano che aumenta lo spazio fra parete e girante e qualora venga raggiunto un determinato valore critico di gradiente di velocità espresso in RPM o 1/sec. Queste situazioni possono verificarsi per tutte le geometrie quali: giranti a disco, sistemi di giranti a cilindri coassiali e viscosimetri/reometri operanti con geometrie a cono piatto.

12 A) Per i viscosimetri/reometri della serie LV la condizione sopra descritta viene raggiunta a 60 RPM con la girante n 1 in beaker da 600 cc per viscosità di 15 cp. B) Per l'accessorio ULA (Ultra Low Adapter) il limite minimo, per il quale la misura di viscosità risulta essere affidabile, è di 0,8 cp a 60 RPM. Dati, questi ultimi, in rapporto lineare con quanto ottenuto durante misure su campioni di vino, che hanno evidenziato il passaggio a regime di turbolenza a 120 RPM per viscosità di 1,6 cp. Con il viscosimetro/reometro Brookfield cono piatto della serie LV è possibile effettuare misure attendibili in condizioni di moto laminare ad un livello di viscosità dell'ordine di 0,5 cp. Le misure di alta viscosità sono solitamente limitate dalla coppia massima che lo strumento può fornire, ma anche dalla possibilità di circondare omogeneamente, la girante con il fluido di prova. Esistono altri problemi di meccanica dei fluidi che alterano le misure di viscosità con modalità differenti. Uno di questi è causato dalle così dette forze normali. Queste forze sono state studiate approfonditamente usando reometri che misurano le forze parallele all'asse di rotazione della girante. Gli strumenti Brookfield sono progettati e costruiti tenendo conto dell'effetto di tali forze. Nel caso della geometria cono/piatto, il gruppo cono/albero deve essere sufficientemente pesante per vincere la forza normale, e mantenere il cono in posizione fissa sopra il piatto, assicurarando così un valore costante di gradiente di velocità. Usando giranti a disco o con geometria a cilindro coassiale, l'effetto sopra descritto si manifesta come una salita del fluido lungo l'albero della girante. Il fluido si muove verso l'alto, coprendo il battente di immersione in modo direttamente proporzionale al numero di RPM (valore del gradiente di velocità). Quindi, più alta è la velocità di rotazione, più in alto sale il fluido lungo l'asse della girante. Abbiamo parlato di queste limitazioni perchè si possa prestare attenzione alle misure reologiche effettuate e non essere tratti in inganno pensando di avere problemi di carattere strumentale. Con la rilevazione continua dei viscosimetri/reometri Brookfield è possibile mantenere sotto controllo in ogni istante i risultati prodotti dall'azione di taglio sul fluido sottoposto a prova. Ciò che si vuole sottolineare è la duplice situazione che si presenta nelle misure delle proprietà reologiche dei fluidi. Dal punto di vista tecnico abbiamo a disposizione reometri che funzionano appropriatamente, ed in grado di fornire precisione ed accuratezza di misura grazie all applicazione dalle più recenti tecnologie. Tuttavia, contemporaneamente, siamo vincolati dalla meccanica del fluido del campione sottoposto a misura, il quale, in base alla sua natura specifica, potrà comunque porre dei limiti. Ci auguriamo di aver chiaramente puntualizzato che bisogna prestare attenzione a questi problemi così che si possa comprendere al meglio ciò che accade quando si effettuano misure reologiche.

13 6.2) APPLICAZIONI Qui di seguito vengono elencate le applicazioni dei viscosimetri e reometri Brookfield che illustrano come possano essere utilizzati i nostri strumenti. Speriamo di darvi qualche idea su come poter aggiornare le vostre attuali procedure o stimolare futuri sviluppi delle vostre ricerche. Le prove eseguite in questi anni rientrano nelle categorie sotto riportate. Nell'elenco viene evidenziata la categoria commerciale ed a lato è riportato l'accessorio comunemente utilizzato. Nelle pagine seguenti, inoltre, si riportano le schede tecniche degli accessori BROOKFIELD qui menzionati. - adesivi - sistema thermosel - cosmetico/farmaceutico - adattatore per piccoli campioni - alimentare - sistema helipath/adattatore a spirale - pitture/vernici - sistema giranti std. /cono-piatto - soluzioni/gels - adattatore per basse viscosità NOTA: in alcuni casi particolari vengono utilizzate delle prolunghe per le giranti al fine di allontanare la girante stessa dalla testa dello strumento, nonchè delle camere e giranti speciali 7) PRESENTAZIONE DEI REOMETRI BROOKFIELD I reometri Brookfield mantengono il sistema e la metodologia originale. I softwares dedicati ne incrementano le prestazioni. 7.1) SEMPLICITA' DELLE OPERAZIONI Sia operando autonomamente, sia sotto controllo di un PC, i reometri Brookfield rispettano la tradizionale filosofia e metodologia BROOKFIELD di sempre, che li rendono facili da usare. Gli strumenti sono stati concepiti in modo tale che siano di facile utilizzo, funzionanti secondo sistemi di misurazione ben collaudati, e in modo da poter acquisire i dati riducendo al minimo le operazioni necessarie. Sia che si operi da tastiera dello strumento, sia attraverso softwares dedicati. 7.2) AUTOMATIZZAZIONE PER RISPARMIARE TEMPO I reometri Brookfield possono essere programmati sia quando funzionano autonomamente, sia quando funzionano sotto il controllo di un PC. Ad esempio il Reometro DVIII Ultra, utilizzato senza software, consente la memorizzazione di 10 programmi, ognuno composto da un massimo di 25 velocità di rotazione diverse. Sotto il controllo del PC le serie di velocità sono limitate dallo spazio libero sul disco fisso ed è possibile usare tutte le velocità comprese nel campo da 0,01 a 250 RPM con incrementi o decrementi di 0,0l RPM fino a 0,99 RPM e di 0,1 RPM fino a 250 RPM.

14 7.3) PRESTAZIONI MIGLIORATE NEL CONTROLLO QUALITA' La riduzione degli interventi dell'operatore per l'attività di acquisizione dei dati, con relativa determinazione e controllo degli intervalli di misura, consente un migliore ripetibilità dei risultati di prova. La funzione di blocco della tastiera dello strumento, impedisce errori da parte dell'operatore, poichè consente l'utilizzo dello solo programma selezionato, mentre tutte le altre funzioni restano, automaticamente, escluse. Con questa modalità di prova vengono acquisiti esclusivamente i dati relativi al programma impostato. 7.4) INCREMENTA LA PRODUTTIVITA' Acquisizione automatica dei dati con sequenza programmata significa che l'utilizzatore può dedicare il suo tempo alla sola preparazione dei campioni. In modalità autonoma, senza ausilio di software, sarà sufficiente richiamare, da tastiera, un dato programma, preparare il campione e premere un tasto per ottenere il lancio del programma con relativa acquisizione dati. I dati di prova acquisiti possono essere letti sul visore o inviati ad una stampante per ottenere un listato delle misure effettuate. Sotto il controllo del PC è possibile memorizzare dati in un file, ottenere grafici, richiamare file di prove precedentemente eseguite, ristampare e rifare grafici nei casi di prove sequenziali e, naturalmente, scrivere nuovi programmi dedicati alle varie esigenze di misura. 8) RISPARMIO ECONOMICO I reometri Brookfield possono eseguire prove reologiche in minor tempo rispetto ai viscosimetri omonimi non programmabili. In condizioni di equilibrio le letture possono essere eseguite con intervalli di un secondo. In condizioni di normalità le singole misure vengono acquisite ad intervalli da 5 a 15 secondi, ma possono essere selezionati altri intervalli di tempo in funzione delle prove che devono essere effettuate. Per le misure di fluidi aventi viscosità dipendente dal tempo, una volta definito l'intervallo di acquisizione ottimale, ne risulta assicurata la ripetibilità di misura. Con fluidi che polimerizzano, lo strumento può essere messo in funzione sotto controllo di allarmi riferiti alla coppia espressa in %, in modo tale che le letture eseguite vengano effettuate nei limiti del campo di sforzo di taglio previsto. In questo modo l'operatore non è costretto ad intervenire. I vantaggi offerti in sintesi sono: - più prove in minor tempo - minore manualità - notevole risparmio economico - buon rapporto prezzo/prestazioni - possibilità di collegamento a PC per archivio dati di prova

La gamma completa di viscosimetri e reometri per il controllo qualità e la ricerca delle Aziende

La gamma completa di viscosimetri e reometri per il controllo qualità e la ricerca delle Aziende Apparecchi scientifici, arredi tecnici Bilance elettroniche, attività di taratura La gamma completa di viscosimetri e reometri per il controllo qualità e la ricerca delle Aziende Reometro DV3T Nuovissimo

Dettagli

Viscosimetri capillari

Viscosimetri capillari Misurazione della viscosità Ricorda! La viscosità dei fluidi è dipendente dalla temperatura! Perciò in tutte le misurazioni di viscosità è essenziale che la temperatura sia strettamente controllata! Viscosimetri

Dettagli

Decantazione. Ne= f(re);

Decantazione. Ne= f(re); TUTTI I «PROCESSI» DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI SONO SUDDIVISIBILI IN «OPERAZIONI UNITARIE» DETTE OPERAZIONI RAPPRESENTANO I MATTONI E POSSONO ESSERE VALUTATE INDIPENDENTEMENTE DAL PROCESSO IN CUI SONO INSERITE

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

Estensimetro. in variazioni di resistenza.

Estensimetro. in variazioni di resistenza. Estensimetro La misura di una forza incidente su di un oggetto può essere ottenuta misurando la deformazione o la variazione di geometria che l oggetto in questione subisce. L estensimetro estensimetro,

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

LABORATORIO DI FISICA DOMESTICA. Osservazioni sulle proprietà elastiche dei materiali

LABORATORIO DI FISICA DOMESTICA. Osservazioni sulle proprietà elastiche dei materiali LABORATORIO DI FISICA DOMESTICA Osservazioni sulle proprietà elastiche dei materiali percorso proposto per una prima superiore Percorso proposto: uno dei tanti possibili Osservazione di fenomeni riproducibili

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Prevenzione della Corrosione

Prevenzione della Corrosione DL MK1 BANCO DI LAVORO PER LA PROTEZIONE CATODICA La Protezione Catodica è una tecnica di controllo della corrosione di una superficie metallica facendola funzionare come il catodo di una cella elettrochimica.

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione Gli impianti VTA vengono impiegati per la purificazione, la concentrazione, la rimozione dei residui di solventi, la decolorazione e l essiccazione di prodotti in diversi settori industriali: chimico,

Dettagli

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS La srl progetta, costruisce, collauda ed installa impianti e macchine per la lavorazione dell EPS vantando 20 anni di esperienza nel settore. La continua ricerca

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Elementi di macchine 9 Elementi di macchine Generalità La costruzione di una macchina si basa anche sull utilizzo di componenti commerciali normalizzati; tali componenti possono essere impiegati come reperiti

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli

LA VISCOSITA scala SAE alla sigla SAE seguono due numeri seguito da W alle basse temperatura un olio 5W-30 è sicuramente meglio di un 10W-30.

LA VISCOSITA scala SAE alla sigla SAE seguono due numeri seguito da W alle basse temperatura un olio 5W-30 è sicuramente meglio di un 10W-30. LA VISCOSITA Molti clienti scelgono l olio esclusivamente in base al grado di viscosità, senza tener conto né del suo significato né di quali altre caratteristiche deve avere un olio. Un olio è costituito

Dettagli

U 1 . - - . - - Interfaccia. U m

U 1 . - - . - - Interfaccia. U m Introduzione La teoria delle reti logiche tratta problemi connessi con la realizzazione e il funzionamento di reti per l elaborazione dell informazione (il termine logico deriva dalla stretta parentela

Dettagli

ColorSplitter. La separazione automatica dei colori di Colibri.. Perché ColorSplitter? Come opera ColorSplitter?

ColorSplitter. La separazione automatica dei colori di Colibri.. Perché ColorSplitter? Come opera ColorSplitter? ColorSplitter La separazione automatica dei colori di Colibri.. ColorSplitter è una nuova funzionalità aggiunta a Colibri, che permette di elaborare un immagine trasformandola in una separata in canali

Dettagli

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS SHAPING THE FUTURE Da oltre 20 anni BIKO è sinonimo di qualità. Già subito dopo il suo lancio, la linea di calandre BIKO è diventata la marca preferita di centinaia di produttori di serbatoi, scambiatori

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

Istruzioni d uso. Kit Densità Per solidi e liquidi

Istruzioni d uso. Kit Densità Per solidi e liquidi Istruzioni d uso Kit Densità Per solidi e liquidi Indice 1 2 3 4 5 6 7 Introduzione Attrezzatura standard Preparazione della bilancia per la determinazione della densità Principio della determinazione

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica L hard disk Introduzione alla memoria virtuale Scendiamo di un altro livello CPU Banco Cache Memoria principale Memoria secondaria Dimensioni < 1KB < 1 MB

Dettagli

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo.

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. Introduzione Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. riassunto Cosa determina il moto? Forza - Spinta di un

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 La nozione di breve e di lungo periodo Una assunzione rilevante della teoria del comportamento dell'impresa sviluppato in precedenza è che l'impresa

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25 Indice generale PREFAZIONE ALLO STUDENTE TAVOLA DEI COLORI x xiv xvi 1 INTRODUZIONE, MISURE, STIME 1 1 1 La natura della scienza 2 1 2 Modelli, teorie e leggi 3 1 3 Misure ed errori; cifre significative

Dettagli

GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI

GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI Settembre 2011 v2.3.0 Di Robert Shawhan Presentazione: 2 Interfaccia: 2 Schizzo: 2 Punti: 2 Linee: 2 Aree: 2 Archi: 2 Dimensioni: 2 Mettere in scala: 2 Frecce: 2 Testo:

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

Il Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Tecnologia delle Giranti

Il Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Tecnologia delle Giranti Il Leader nella Tecnologia dell'agitazione Tecnologia delle Giranti Ricerca e Sviluppo La Chiave per Disegnare Giranti Efficienti Girante Lightnin A6000 in funzionamento nel laboratorio laser La chiave

Dettagli

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi : di base e applicativo L HardWare (monitor, tastiera, circuiti, stampante, ) è il nucleo fondamentale del calcolatore ma da solo non serve a nulla. Bisogna utilizzare il software per poterlo fare funzionare.

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

I fosfolipidi. Figura 3: tipica struttura di un fosfolipide. Schema 1. Struttura del fosfolipide POPE.

I fosfolipidi. Figura 3: tipica struttura di un fosfolipide. Schema 1. Struttura del fosfolipide POPE. Proprietà chimico-fisiche di modelli di sistemi biologici Materiale didattico per lo stage presso il laboratorio NanoBioLab Abstract L attività è basata sull utilizzo di tecniche sperimentali avanzate

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

STAMPA CON IL CIOCCOLATO

STAMPA CON IL CIOCCOLATO STAMPA CON IL CIOCCOLATO Sostituiamo la testa di stampa con una siringa motorizzata e un riscaldatore, e creiamo oggetti di ogni genere e dolci di qualsiasi forma: dalle uova di Pasqua a cioccolatini personalizzati,

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Avvertenza. gesn@bluewin.ch

Avvertenza. gesn@bluewin.ch Versione 2.0 settembre 2006 Avvertenza Il presente testo è da considerarsi come documento di lavoro. Vi invitiamo pertanto a voler segnalare eventuali errori e imprecisioni al seguente indirizzo gesn@bluewin.ch

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

SISTEMA MOTION 5D CINEMA

SISTEMA MOTION 5D CINEMA 24/06/2013 SISTEMA MOTION 5D CINEMA Il sistema sarà costituito da: n 1 pc laptop +joystick per EDITOR n 1 pc desktop per pilotare il motion: la connessione con il PLC avverrà mediante cavo Ethernet n 1

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Programma MyHatch. Manuale d'uso

Programma MyHatch. Manuale d'uso Programma MyHatch Manuale d'uso PREMESSE... 2 SCOPO DEL PROGRAMMA... 2 I TRATTEGGI DI AUTOCAD... 2 IL PROGRAMMA MYHATCH... 2 LA DEFINIZIONE DEI MOTIVI... 3 USO DEL PROGRAMMA... 5 INSTALLAZIONE... 5 BARRA

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Il termine Disturbo Specifico dell Apprendimento (DSA) descrive più profili neuropsicologici a insorgenza in età evolutiva accomunati dalla presenza di una significativa

Dettagli

Modulo di Meccanica e Termodinamica

Modulo di Meccanica e Termodinamica Modulo di Meccanica e Termodinamica 1) Misure e unita di misura 2) Cinematica: + Moto Rettilineo + Moto Uniformemente Accelerato [+ Vettori e Calcolo Vettoriale] + Moti Relativi 3) Dinamica: + Forza e

Dettagli

DISPENSA DI PNEUMATICA

DISPENSA DI PNEUMATICA DISENS DI NEUMTIC 1 RESSIONE La pressione è una grandezza fisica derivata dal rapporto tra forza e superficie. L unità di misura internazionale della pressione è il ascal, anche se è più comodo utilizzare

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 1 Introduzione al Corso Ruolo del Disegno Nell ambito dell ingegneria industriale ed in particolar

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Rivestimenti Protettivi Loctite Nordbak

Rivestimenti Protettivi Loctite Nordbak Rivestimenti Protettivi Loctite Nordbak Allungano la vita utile dei macchinari industriali Per rimandare le manutenzioni industriali più pesanti, Henkel offre una gamma completa di rivestimenti protettivi

Dettagli

THINKING3D. GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling

THINKING3D. GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Le nostre stampanti FDM utilizzano principalmente filamenti in PLA. Il PLA (acido polilattico) è un polimero

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

Acqua, sapone e superfici minime

Acqua, sapone e superfici minime SISSA PER LA SCUOLA Acqua, sapone e superfici minime Un gioco matematico per le scuole medie Titolo: Acqua, sapone e superfici minime Area: Matematica Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Ragazzi delle

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini Dimensione delle immagini e Scorrimento del testo Dimensione delle immagini Anche oggi parliamo di immagini. Cominciamo proponendo qualche considerazione circa le dimensioni e il ritaglio dell immagine

Dettagli

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2015-2016 A. Ponno (aggiornato al 19 gennaio 2016) 2 Ottobre 2015 5/10/15 Benvenuto, presentazione

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla)

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla) INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 L EQUILIBRIO DEI SOLIDI 2 IL MOVIMENTO: LA VELOCITA 3 IL MOVIMENTO: L ACCELERAZIONE 4 I PRINCIPI DELLA DINAMICA 5 IL LAVORO, LA POTENZA E L ENERGIA 6 LA TEMPERATURA

Dettagli

APPLICATORE DI FILM AUTOMATICO TQC

APPLICATORE DI FILM AUTOMATICO TQC APPLICATORE DI FILM AUTOMATICO TQC L applicatore di film automatico TQC fornisce una base affidabile per applicare pellicole di rivestimento per test su pannelli o fogli, in modo uniforme e riproducibile

Dettagli

COME VENGONO ORGANIZZATI I DOCUMENTI?

COME VENGONO ORGANIZZATI I DOCUMENTI? COME VENGONO ORGANIZZATI I DOCUMENTI? Tutte le informazioni da noi salvate vengono memorizzate sull HARD DISK, sul FLOPPY DISK o sulla chiavetta USB. Una volta salvate le informazioni vengono organizzate

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S.

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti il principio di conservazione dell'energia meccanica,

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000.

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Otteniamo il miglior angolo di salita. Riduzione dei dati di prestazione in salita,

Dettagli

NEOTEC PRO TREPPIEDI E MONOPIEDE

NEOTEC PRO TREPPIEDI E MONOPIEDE introduzione Nell affrontare questo progetto, il nostro team ha ignorato volutamente il modo tradizionale di apertura degli attuali treppiedi, pensando piuttosto a come dovrebbero essere facilmente e velocemente

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE GRAVIMETRIA LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE r La legge di gravitazione universale, formulata da Isaac Newton nel 1666 e pubblicata nel 1684, afferma che l'attrazione gravitazionale tra due corpi è

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

L'impulso di una forza che varia nel tempo

L'impulso di una forza che varia nel tempo Lezione 13 approfondimento pag.1 L'impulso di una forza che varia nel tempo Un riassunto di quel che sappiamo Riprendiamo in esame il solito carrellino che si trova sopra la rotaia a basso attrito. Se

Dettagli

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA 1 di 8 Anno scolastico: PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: 2013/14 Fisica Data: Classe: 1A I Insegnante: Barbara Baiguini La presente programmazione fornisce linee guida generali. È suscettibile

Dettagli

La lubrificazione delle catene

La lubrificazione delle catene La lubrificazione delle catene 1. Introduzione. Le catene sono organi di trasmissione tra i più diffusi in ogni tipologia di macchinari ed impianti. Come ogni organo meccanico in movimento, anche le catene

Dettagli

MagicControl CM30. Potente e facile da usare. Your global partner for high quality powder coating. MagicControl CM30

MagicControl CM30. Potente e facile da usare. Your global partner for high quality powder coating. MagicControl CM30 MagicControl CM30 Potente e facile da usare MagicControl CM30 Con questa unità di controllo tutte le funzioni delle vostre apparecchiature per la verniciatura a polvere possono essere gestiti in modo confortevole

Dettagli

Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE

Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE Titolo: Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare AVVERTENZA: Le domande che

Dettagli

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE L. DA Vinci Via G. Rosato, 5-66034 L a n c i a n o (Ch) Tel. 087242556 Fax 0872702934 E-mail: chtf0200l@istruzione.it

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

DUPLIKO! Manuale Utente

DUPLIKO! Manuale Utente DUPLIKO Manuale Utente Indice 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Generalità 2. Menu Principale 2.1 Interfaccia 2.2 Il Menu Principale 3. Archivi 3.1 Tabelle Generiche 4. Gestione 4.1 Caricare un anagrafica

Dettagli

IMPORTANZA DELLA REOLOGIA NELLA PRODUZIONE DI DERIVATI DI FRUTTA E ORTAGGI

IMPORTANZA DELLA REOLOGIA NELLA PRODUZIONE DI DERIVATI DI FRUTTA E ORTAGGI IMPORTANZA DELLA REOLOGIA NELLA PRODUZIONE DI DERIVATI DI FRUTTA E ORTAGGI Rosaria Fragni Antonio Trifirò Soluzioni Strumentali ed Esperienze Applicative per Caratterizzazione e Controllo degli Ingredienti

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzione elettromagnetica 1. Induzione elettromagnetica 2. Esperienze di Faraday 3. Legge di Faraday Neumann Lenz Induzione elettromagnetica (1) La rivoluzione determinata dall'utilizzo dell'energia elettrica

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli