Schema generale di International Economics and Finance: la Bilancia dei pagamenti e i modelli macroeconomici in economia aperta di Michele Faggion

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schema generale di International Economics and Finance: la Bilancia dei pagamenti e i modelli macroeconomici in economia aperta di Michele Faggion"

Transcript

1 Schema generale di International Economics and Finance: la Bilancia dei pagamenti e i modelli macroeconomici in economia aperta di Michele Faggion 1. Da Blanchard (2011): Indice degli argomenti Argomenti del corso: 1.1 I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta (cap. 14) 1.2 I mercati dei beni in economia aperta (cap. 15) 1.3 Produzione, livello dei prezzi e tasso di cambio (cap. 5) 1.4 Regimi di cambio (cap. 6) Approfondimenti: a) Mercati finanziari e aspettative (cap. 2) b) Aspettative, produzione e politica economica (cap. 4) c) Elevato debito pubblico (cap. 8) d) Iperinflazione (cap. 9) e) Politica monetaria e fiscale: regole e vincoli (cap. 11) f) L unione economica e monetaria europea (cap. 12) g) L euro (cap. 13) h) Politica economica (cap. 17) i) La crisi del (cap. 7) 2. Da Krugman (2007): Argomenti del corso: 2.1 Moneta, tassi dʼinteresse e tassi di cambio (cap. 4) 2.2 Livello di prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo (cap. 5) 2.3 Produzione e tasso di cambio nel breve periodo (cap. 6) 2.4 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute (cap. 7) 2.5 Politiche macroeconomiche e coordinamento in regime di tassi flessibili (cap. 9) 3. Da Economia Internazionale (Ingham, 2011): Argomenti del corso: 3.1 La bilancia dei pagamenti 3.2 Il mercato dei cambi 3.3 Il tasso di cambio e la politica economica 3.4 I flussi di capitali e le crisi finanziare 3.5 La mobilità internazionale dei fattori di produzione Approfondimenti: a) L Unione europea nell economia globale (cap. 12) b) Le economie europee in transizione nell economia globale (cap. 13) c) Le istituzioni internazionali (cap. 14) d) Le nuove sfide dell economia globale: commercio internazionale, flussi finanziari e tecnologia (cap. 15) e) La teoria della protezione commerciale (cap. 4) f) Il commercio internazionale e la crescita economica: passato e presente (cap. 6) 1

2 1.1 Il mercato dei beni e i mercati finanziari in economia aperta (Cap. 14, Blanchard) Il concetto di apertura dei mercati ha tre dimensioni: 1) apertura del mercato dei beni sia per i consumatori che per le imprese. Ovviamente anche i paesi più liberi impongono dazi (tasse sui beni importati) o quote (restrizioni sulle quantità di beni che possono essere importati); nella maggiorparte dei paesi, sono comunque e in diminuzione. 2) apertura dei mercati finanziari: lʼopportunità per gli investimenti finanziari di scegliere tra attività finanziarie nazionali ed estere. I mercati si stanno integrando e i controlli sui movimenti di capitali stanno sparendo; 3) apertura dei mercati dei fattori: lʼopportunità delle imprese di scegliere dove localizzare unʼattività produttiva e per i lavoratori di scegliere dove lavorare. Le imprese multinazionali gestiscono impianti in molti paese per sfruttare vantaggi di costo (un esempio è lʼaccordo NAFTA fra Canada, Usa e Messico. Oggi timori simili vengono invocati dalla Cina. Infine, lʼimmigrazione da paesi con bassi salari verso quelli con salari più elevati è al centro del dibattito politico I mercati dei beni in economia aperta Esportazioni e importazioni Il saldo commerciale o bilancia commerciale è dato dalla differenza fra esportazioni e importazioni: quando è positivo si parla di avanzo commerciale, quando negativo di disavanzo commerciale. Fig Esportazioni e importazioni degli Stati Uniti in rapporto al Pil dal 1960 Un migliore indice di apertura dei mercati è quello dei beni commercializzabili ovvero la proporzione di prodotto aggregato, beni che competono con i beni esteri sia sul mercato interno sia sul mercato estero. Su questi aspetti influiscono anche dimensione e geografia dei paesi (si pensi al caso del Giappone). Solitamente, più piccolo è un paese, tanto minore sarà il numero di prodotti in cui si specializza e quindi tanto maggiori saranno i suoi scambi con lʼestero. La scelta fra beni nazionali e beni esteri I consumatori scelgono se acquistare beni nazionali o esteri e tale decisione ha effetto diretto sulla produzione nazionale. La variabile chiave è il prezzo dei beni nazionali in termini di beni esteri ovvero il tasso di cambio reale. Esso non è osservabile, se non nominale. Tassi di cambio reali Il tasso di cambio nominale è il prezzo della moneta nazionale (euro) in termini della moneta estera (dollari). Se il tasso di cambio euro-dollaro è 1,2, allora 1 euro è uguale a 1,20 dollari. I tassi di cambio variano continuamente: - un apprezzamento della moneta nazionale è un aumento del prezzo della moneta nazionale in termini di moneta estera; un apprezzamento è un aumento del tasso di cambio. - un deprezzamento della moneta nazionale è una riduzione del prezzo della moneta nazionale in termini di moneta estera e corrisponde a una diminuzione del tasso di cambio. 2

3 Si parla invece di rivalutazioni o svalutazioni quando un paese adotta un regime di cambi fissi, un sistema di cambio nel quale due o più paesi mantengono un tasso di cambio costante fra le loro valute. In questo sistema, gli aumenti del tasso di cambio che sono rari vengono detti rivalutazioni e viceversa svalutazioni. Fig Tasso di cambio nominale tra l euro e il dollaro, Il tasso di cambio reale, ovvero il prezzo dei beni nazionali in termini di beni esteri, è costruito moltiplicando il prezzo nazionale (il deflatore del PIL nazionale) per il tasso di cambio nominale, e dividendo poi per il prezzo dei beni esteri (il deflatore del PIL estero). epselon = E * (P/P*) Solitamente le fluttuazioni dei due tassi di cambio sono simili, perché i tassi di inflazione sono simili. Per vedere alcuni dai europei, si veda pp Fig Tasso di cambio reale e nominale tra l Italia e gli Stati Uniti,

4 14.2 I mercati finanziari in economia aperta Lʼapertura dei mercati significa la possibilità di diversificare i portafogli, di speculare fra le fluttuazioni dei tassi di interesse e dei tassi di cambio. Dato che lʼacquisto o la vendita di attività finanziarie estere comporta lʼacquisto o la vendita di moneta estera o valuta estera, la dimensione delle transazioni sul mercato delle valute è un indicatore dellʼimportanza delle transazioni finanziarie internazionali. Per un paese, lʼapertura dei mercati finanziari permette allo stesso di registrare avanzi o disavanzi commerciali: Se un paese è in disavanzo commerciale, compra dallʼestero più di quanto vende allʼestero: è quindi necessario che prenda a prestito la differenza fra il valore delle sue importazioni e quello delle sue esportazioni: riesce a farlo rendendo conveniente per gli investitori esteri aumentare la loro quota di attività finanziarie nazionali, il che equivale a prestare denaro al paese. La bilancia dei pagamenti Le transazioni di un paese verso del mondo è descritta in una serie di conti (che compongono la bilancia dei pagamenti): a) transazioni sopra la linea: conto corrente b) transazioni sotto la linea: conto capitale Il conto corrente. Le transazioni registrano tutti i pagamenti da e verso il resto del mondo: - le prime due righe riguardano beni e servizi - i residenti inoltre ricevono reddito da investimenti dalla attività finanziarie estere che possiedono e i cittadini residenti allʼestero ricevono un reddito dʼinvestimento dalle attività finanziarie nazionali incluse nel loro portafoglio. - i paesi inoltre danno e ricevono aiuti dallʼestero. Il valore netto di tali aiuti è registrato sotto la voce trasferimenti netti ricevuti. La somma di questi pagamenti da e verso il resto del mondo è chiamata saldo di conto corrente: - se i pagamenti dal resto del mondo sono positivi, si ha un avanzo di conto corrente; - viceversa si ha un disavanzo di conto corrente. Il conto capitale. Nel 2003 il disavanzo corrente degli USA costringeva il paese a prendere a prestito 541 milairdi di dollari dal resto del mondo, o a indurre il resto del mondo ad aumentare lʼinvestimento in attività finanziarie statunitensi della stessa cifra. I numeri sotto la linea ci dicono comʼè avvenuto ciò. Nello specifico, gli USA hanno registrato un aumento netto dellʼindebitamento con lʼestero (aumento delle attività finanziarie USA tenute dal resto del mondo al netto da quelle tenute dagli USA), detto anche flussi netti di capitale o saldo del conto capitale: flussi netti di capitale positivi sono chiamati avanzo del conto capitale, viceversa di parla di disavanzo. Infine, lʼultima voce è la discrepanza statistica. La scelta fra attività finanziarie nazionali o estere Tale scelta dipende, oltre che dalla redditività dei titoli e dai tassi di interesse, bisogna formulare unʼaspettativa sullʼandamento del tasso di cambio per i prossimi anni. Assumendo che gli investitori vogliano detenere attività finanziaria con il rendimento più elevato, per detenere sia titoli nazionali che esteri, essi devono avere lo stesso tasso di rendimento atteso, cioè deve valere la seguente condizione di arbitraggio (si vedano le formule a pag. 362). Lʼequazione è chiamata parità scoperta dei tassi di interesse o parità dei tassi di interesse. 4

5 Lʼipotesi che gli investitori finanziaria detengano soltanto i titoli con tasso di rendimento atteso più alto è evidentemente troppo restrittiva per due ragioni: a) ignora i costi di transazione; b) ignora lʼesistenza del rischio, in quanto il tasso di cambio è incerto. Tuttavia tale condizione spiega bene i movimenti di capitale fra i principali mercati finanziari del mondo. Notizie di apprezzamenti o viceversa possono spostare miliardi in pochi minuti. La condizione di arbitraggio è quindi una buona approssimazione della realtà. In altri paesi, dove i mercati dei capitali sono di dimensioni inferiori o meno avanzati, o dove esistono controlli di capitale, gli investitori saranno più propensi a scegliere il tasso di interesse nazionale più di quanto non risulti dallʼequazione. Si parla di parità scoperta, per distinguerla da parità coperta. La parità coperta di tassi di interesse è derivata osservando la seguente scelta: acquistare e tenere titoli italiani per un anno oppure acquistare dollari oggi, acquistare titoli usa annuali e accordarsi per vendere dollari in cambio di euro fra un anno a un prezzo prefissato, chiamato tasso di cambio a termine. Il tasso di rendimento di queste due alternative, entrambe realizzabili oggi senza rischio, deve essere lo stesso. La parità coperta dei tassi di interesse è una condizione di arbitraggio in condizioni di certezza (assenza di rischio). Tassi di interesse e tassi di cambio Lʼarbitraggio fa si che il tasso di interesse interna sia (approssivativamente) uguale al tasso di interesse estero meno il tasso di apprezzamento atteso della moneta interna. Si noti che il tasso di apprezzamento atteso della moneta nazionale è anche il tasso di deprezzamento atteso della moneta estera. Quindi lʼequazione può essere espressa dicendo che il tasso di interesse nazionale deve essere uguale al tasso di interesse estero meno il tasso di deprezzamento atteso della moneta estera. La relazione di arbitraggio fra tassi di interesse e tassi di cambio ci suggerisce che, a meno che i mercati valutari non si aspettino forti deprezzamenti o apprezzamenti, i tassi di interesse interno ed esterno si muoveranno insieme. Infine, se osserviamo i movimenti dei tassi di interesse fra paesi diversi, possiamo notare che siano spesso strettamente correlati, seppure con momenti di divergenza (ad esempio, fra Italia e USA nel grafico seguente). Fig Tassi di interesse nominale in Italia e negli Stati Uniti,

6 1.2 Il mercato dei beni in economia aperta (Cap. 15, Blanchard) Recessione negli USA: significa per gli altri paesi minori esportazioni verso gli USA, un peggioramento della loro posizione commerciale, un maggior rischio di recessione per le loro economie 15.1 La curva IS in economa aperta Domanda nazionale di beni (rivolta in parte anche a beni esteri) diverso da domanda di beni nazionali (parte di essa proviene dallʼestero). Domanda di beni nazionali in economia aperta Z = C + I + G + IM/epselon + X C+I+G = domanda nazionale di beni. Aggiustamenti: - IM sono le importazioni che devono essere sottratte, cioè parte della domanda nazionale rivolta ai beni esteri, espressi nella valuta nazionale. Per questo le importazioni sono espresse in base al tasso di cambio reale, il prezzo relativo dei beni esteri in termini di beni nazionali. - X sono le esportazioni ovvero la domanda di beni nazionali da parte del resto del mondo. Determinanti della domanda di beni nazionali a) le decisioni di spesa dei consumatori dipendono dal loro reddito e dalla loro ricchezza; b) il tasso di cambio reale influenza la composizione della spesa per consumo di beni nazionali e di beni esteri, ma non il livello. Stessa cosa vale per gli investimenti. C + I + G = C (Y - T) + I (Y, r - ) + G dove r è il tasso di interesse reale e allʼaumenta di esso, diminuiscono gli investimenti. Consideriamo G esogena. a) Le determinanti delle importazioni 1) il loro livello dipende dal livello aggregato della domanda nazionale (Y): quanto maggiore è la domanda interna, tanto più elevata sarà la domanda di tutti i beni, sia nazionali, sia esteri. 2) dipendono dal tasso di cambio reale, il prezzo di beni nazionali in termini di beni esteri. Quanto maggiore è tale prezzo, tanto maggiore sarà la domanda relativa di beni esteri, e tanto maggiori saranno le importazioni; cioè un maggior tasso di cambio reale è associato a maggiori importazioni. IM = IM (Y, epselon + ) Un tasso di cambio reale più elevato rende i beni nazionali relativamente meno costosi e quindi aumenta la quantità di importazioni IM. b) Le determinanti delle esportazioni 1) il loro livello dipende dal reddito estero (Y*); un maggior reddito estero dà luogo a una maggiore domanda estera per tutti i beni sia nazionali sia esteri; un maggior reddito estero fa aumentare le esportazioni; 2) dipendono dal tasso di cambio; quanto maggiore è il prezzo dei beni nazionali rispetto ai beni estri, tanto minore sarà la domanda estera di beni nazionali. In altre parole, tanto maggiore è il tasso di cambio, tanto minori sono le esportazioni. X = X (Y*, epselon - ) Un incremento della produzione estera induce un incremento della domanda estera di tutti i beni e quindi anche delle esportazioni. Un incremento del tasso di cambio reale rende i beni esteri relativamente più costosi e quindi genera una riduzione delle esportazioni. In generale, comunque, un incremento del reddito fa aumenta la domanda in misura meno che proporzionale (si veda la figura 15.1 pag. 375). 6

7 Vi sono delle osservazioni da fare: - la domanda nazionale di beni (meno le importazioni, al netto delle esportazioni) è più più piatta rispetto alla domanda nazionale, perché parte della domanda è rivolta anche ai beni esteri: allʼaumentare del reddito, la domanda interna di beni nazionali aumenta meno della domanda interna nazionale. - è positivamente inclinata: un incremento del reddito fa aumentare la domanda interna di beni nazionali. Poi aggiungiamo le esportazioni: - non dipendono dalla produzione interna; Possiamo così commentare lʼandamento delle esportazioni nette o bilancia commerciale (pag. 375), ovvero la differenza fra esportazioni e importazioni (X - IM/epselon) in funzione della produzione: - un valore positivo è un avanzo commerciale; - un valore negativo è un disavanzo commerciale. Le esportazioni nette sono una funzione decrescente della produzione: allʼaumentare della produzione, le importazioni aumentano e le esportazioni rimangono invariate, per cui le esportazioni nette diminuiscono Produzione di equilibrio e bilancia commerciale La produzione di equilibrio è il punto dove la domanda è uguale alla produzione e può essere associata a un avanzo o a un disavanzo commerciale Aumenti della domanda estera o nazionale Aumento della domanda nazionale Supponiamo che lʼeconomia sia in recessione e il governo stia pensando di aumentare la spesa pubblica. Quali sono gli effetti su produzione e bilancia commerciale? Con lʼaumento della spesa pubblica, aumenta la domanda nazionale di beni e quindi la produzione: lʼincremento della produzione è maggiore dellʼaumento della spesa pubblica, per effetto del moltiplicatore. Più altri effetti: a) poiché la spesa pubblica non entra nellʼequazione ne delle esportazioni, ne delle importazioni, la retta della BC non si sposta. Lʼincremento di G causa quindi un disavanzo commerciale. b) lʼeffetto di G sulla produzione è inferiore rispetto a quello in economia chiusa: il moltiplicatore è più piccolo che in economia chiusa. Questo deriva da una causa: lʼaumento della domanda di beni ricade sia su beni nazionali sia su beni esteri. Di conseguenza, quando la produzione aumenta, lʼeffetto sulla domanda di beni nazionali è più piccolo di quello che si avrebbe in economia chiusa, ed il valore del moltiplicatore è più piccolo. Inoltre, parte dellʼaumento della domanda è rivolto alle importazioni - e le esportazioni sono invariate - ne risulta un disavanzo commerciale. In economia aperta quindi, un aumento della domanda interna incide sulla produzione in misura inferiore rispetto al caso di unʼeconomia chiusa, e inoltre ha un effetto negativo sulla bilancia commerciale. Eʼ il caso del Belgio che ha un rapporto Importazioni/PIL dellʼ80%. Quando la domanda in Belgio aumenta, tale incremento si riflette in un aumento delle importazioni invece che in quello della domanda di beni nazionali. Eʼ quindi probabile che un incremento di G provochi un peggioramento del disavanzo commerciale e un modesto aumento della produzione, rendendo lʼespansione della domanda interna una politica sconveniente per il paese. Anche gli Stati Uniti, che hanno un rapporto Importazioni/PIL del 14%, un aumento della domanda sarebbe comunque associato a un certo deterioramento della bilancia commerciale. Aumento della domanda estera Un aumento della produzione estera (Y*) provoca un incremento delle esportazioni del paese: a) per ogni livello un aumento delle esportazioni della domanda di beni nazionali; 7

8 b) quindi, un incremento del prodotto estero provoca un aumento (delle esportazioni e) della produzione nazionale. Un maggior livello di produzione genera maggiori esportazioni di beni nazionali, che a loro volta fanno aumentare la produzione interna e la domanda nazionale di beni attraverso il moltiplicatore. c) la bilancia commerciale deve migliorare. Quindi, un aumento della produzione estera aumenta la produzione e migliora la bilancia commerciale. Le importazioni aumentano, ma non in misura tale da compensare lʼincremento delle esportazioni. Un riesame della politica fiscale Il caso dellʼincremento della spesa pubblica (e quindi della produzione) che provoca un peggioramento del saldo commerciale) è identico quello della riduzione delle imposte, di un aumento della spesa per consumi, ecc. Ciò che abbiamo visto comporta che: 1) gli shock di domanda in un paese hanno effetti anche negli altri paesi: quanto maggiori sono i legami commerciali, tanto maggiori sono le interazioni e più i paesi avranno andamenti economici simili; Ad esempio, molti paesi OCSE hanno vissuto negli anni ʼ90 una forte espansione economica, seguita da un rallentamento e da una recessione nei primi anni Eʼ vero che hanno vissuto lo stesso periodo di euforia irrazionale e lo stesso ciclo di investimenti degli USA. Tuttavia lʼevidenza empirica suggerisce che anche i legami commerciali hanno avuto un ruolo 2) Tali interazioni complicano il ruolo della politica economica. I governi preferiscono non incorrere in disavanzi commerciali per le seguenti ragioni: a) un paese con un disavanzo commerciale cronico accumula debito nei confronti del presto del mondo e quindi deve pagare interessi sempre più alti al resto del mondo. Non è sorprendente che i paesi prediligano incrementi della domanda estera, che provocano un miglioramento della bilancia commerciale. In paesi con forti legami commerciali e una bilancia più o meno in pareggio, se cadessero in recessione, un incremento della domanda interna avrebbe scarsi effetti sulla produzione e quindi ciascuno aspetterà che lʼaltro intervenga e la recessione persisterà. Una via dʼuscita a questo problema è la seguente: se tutti i paesi coordinassero le loro politiche macroeconomiche in modo da aumentare la domanda interna simultaneamente, potrebbero aumentare la produzione senza generare maggiori disavanzi commerciali fra loro. Lʼaumento coordinato della domanda genererebbe aumenti sia nelle importazioni che nelle esportazioni, che compenserebbero lʼaumento delle importazioni di ogni paese. I paesi oggi si coordinano in diversi organismi, come il G7: USA, Giappone, Francia, Germania, Belgio, Regno Unito, Italia e Canada. Purtroppo si è lontani dal coordinamento vero perché: 1) il coordinamento potrebbe richiedere ad alcuni paesi di intervenire più di altri e non è detto che siano disposti a farlo; 2) i paesi hanno un forte incentivo a promettere di aderire al coordinamento, per poi rinnegare la loro promessa (e ci sarà unʼespansione della domanda insufficiente ad uscire dalla recessione). I paesi dellʼunione europea soffrono di problemi di coordinamento. Si pensi al caso dei socialisti francesi allʼinizio degli anni ʼ Deprezzamento, bilancia commerciale e produzione Il tasso di cambio reale è dato da: epselon = E * (P/P*) ovvero dal tasso di cambio reale (il prezzo relativo della valuta nazionale per la valuta estera) * livello di prezzi interni/livello dei prezzi esteri* Si ricorda già ora che un deprezzamento nominale genera un deprezzamento reale nel breve periodo, ma non nel medio periodo. 8

9 Deprezzamento e bilancia commerciale: la condizione di Marshll-Lerner Il tasso di cambio reale influenza sia le esportazioni che le importazioni, quindi un deprezzamento reale (un aumento di epselon) ha nel breve periodo influenza la bilancia commerciale su tre canali: a) X aumenta. Un deprezzamento reale rende i beni nazionali relativamente meno costosi allʼestero, provoca un aumento della domanda interna di beni nazionali e quindi un incremento delle esportazioni; b) IM diminuisce. Il deprezzamento reale rende i beni esteri relativamente più costosi, provoca un aumento della domanda interna di beni nazionali e quindi una riduzione delle importazioni. c) Il prezzo relativo dei beni esteri in termini di beni nazionali, ovvero il rapporto del tasso di cambio 1/epselon, aumenta. Questo tende ad aumentare il valore delle importazioni, IM/ epselon. La stessa quantità di importazioni adesso costa di più. Così, affinché la bilancia commerciale migliori a seguito di un deprezzamento, le esportazioni devono aumentare in misura sufficiente e le importazioni devono diminuire abbastanza da compensare lʼaumento dei prezzi dei beni importati. La condizione in base alla quale un deprezzamento reale genera un aumento delle esportazioni nette è nota come Condizione di Marshall-Lerner, condizione che nella realtà è soddisfatta. Gli effetti di un deprezzamento Gli effetti non finiscono. La variazione delle esportazioni fa variare a sua volta la produzione nazionale, influenzano ulteriormente le esportazioni nette. Gli aumenti sono simili a quelli dellʼaumento della produzione estera. La bilancia commerciale migliora: lʼaumento delle importazioni indotto da un incremento della produzione è inferiore al miglioramento della bilancia commerciale indotto direttamente dal deprezzamento. In sintesi, il deprezzamento provoca una variazione della domanda, sia estera sia interna, a favore dei beni nazionali. Questo genera a sua volta un aumento della produzione interna e un miglioramento della bilancia commerciale. In sintesi, il deprezzamento provoca una variazione della domanda, sia estera sia interna, a favore dei beni nazionali. Questo genera a sua volta un aumento della produzione interna e un miglioramento della bilancia commerciale. Fra un deprezzamento e un aumento della produzione estera cʼè una sottile differenza: un deprezzamento agisce rendendo i beni esteri relativamente più costosi. Questo significa che, dato il loro reddito, le persone, che ora spendono di più per acquistare i beni esteri, vedono ridotto il loro tenore di vita. Questo meccanismo è avvertito nei paesi che sperimentano forti deprezzamenti; le conseguenze sono rivolte e scioperi contro il rincaro dei beni esteri. Un caso simile è quello del Messico, dove il forte deprezzamento del peso dal 1994 al 1995 da 0,29 dollari per peso (nov- 1994) a 0,17 (mag 1995), ha peggiorato notevolmente il tenore di vita, suscitando forti tensioni sociali. Unʼalternativa alle rivolte è chiedere e ottenere un aumento dei salari. Tuttavia se i salari aumentano, il prezzo dei beni nazionali aumenterà anchʼesso, generando un minor deprezzamento reale. La combinazione di politiche fiscali e di cambio Supponiamo che il governo voglia ridurre il disavanzo commerciale senza cambiare il livello di produzione aggregata. In tal caso, il deprezzamento non permetterà di raggiungere questo obiettivo, perché ridurrebbe il deficit commerciale, ma aumenterebbe i livelli di produzione. Anche una stretta fiscale ridurrebbe il deficit commerciale, ma anche la produzione. La risposta è una combinazione fra deprezzamento e stretta fiscale. Il governo deve fare due cose: 1) generare un deprezzamento sufficiente a eliminare il disavanzo commerciale al livello iniziale di produzione; 9

10 2) ridurre la spesa pubblica, lasciando invariato il livello di produzione e migliorando la bilancia commerciale. Così i governi utilizzano sia la politica fiscale sia quella del tasso di cambio. Purtroppo, a seconda del livello iniziale di produzione, un deprezzamento non garantisce che si generi un incremento sufficiente di prodotto a eliminare il disavanzo commerciale e magari sarà necessario accompagnare la misura con unʼaumento o diminuzione della spesa pubblica Uno sguardo alla dinamica: la curva J Un deprezzamento provoca un aumento delle esportazioni e una diminuzione delle importazioni, ma ciò non accade subito! Nei primi mesi dopo il deprezzamento, lʼeffetto si rifletterà più sui prezzi che sulle quantità. Il prezzo delle importazioni aumenterà, mentre il prezzo delle esportazioni diminuisce. La quantità si aggiusterà lievemente: ci vuole un poʼ di tempo prima che i consumatori si rendano conto che i prezzi relativi sono cambiati, prima che le imprese si rivolgano a fornitori che praticano prezzi più convenienti, e così via. Eʼ possibile quindi che un deprezzamento causi un peggioramento iniziale della bilancia commerciale: epselon diminuisce ma ne X ne IM si aggiustano in misura significativa, generando così una diminuzione delle esportazioni nette. Con il passare del tempo, gli effetti sui prezzi si rafforzano: le esportazioni aumentano, le importazioni diminuiscono. Se la condizione M-L è soddisfatta, la variazioni su esportazioni e importazioni diventa più forte di quella sui prezzi e lʼeffetto finale è il miglioramento della bilancia commerciale (figura pag. 389). Nel periodo cʼè stato un brusco apprezzamento reale negli USA, seguito da un rapido deprezzamento dal 1985 al 1988; dal punto di vista della bilancia commerciale, i fatti sono due: 1) le variazioni del tasso di cambio reale si sono effettivamente riflesse in movimenti paralleli delle esportazioni nette; lʼapprezamento è stato associato a un ampio deterioramento della bilancia commerciale, e il successivo deprezzamento è stato accompagnato da un sensibile miglioramento della bilancia commerciale. 2) tuttavia si osservano ritardi non irrilevanti nella risposta della bilancia commerciale a variazioni del tasso di cambio reale. Un deprezzamento reale impiega circa dai 6 mesi a 1 anno a tramutarsi in un miglioramento della bilancia commerciale (evidenza dei paesi OCSE) Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Riordinando la formula del PIL, possiamo scrivere: NX = S + (T - G) - I Questa condizione dice che: In equilibrio, la bilancia commerciale deve essere uguale al risparmio - privato (S) e pubblico (T- G) meno gli investimenti (I). Quindi, un avanzo commerciale corrisponde ad un eccesso di risparmio sullʼinvestimento. Un disavanzo commerciale corrisponde invece a un eccesso di investimento sul risparmio. Ricordando il significato di conto corrente e di conto capitale: - un avanzo commerciale comporta un prestito netto al presto del mondo; - mentre un disavanzo commerciale comporta un debito netto nei confronti del resto del mondo; Se consideriamo un paese che investe di più di quanto non risparmi, S + (T-G) - I è una quantità negativa: quel paese dovrà prendere a prestito la differenza dal resto del mondo, cioè dovrà sopportare un disavanzo commerciale. Possiamo fare quindi alcune considerazioni: a) un aumento degli investimenti deve riflettersi in un aumento del risparmio privato, del risparmio pubblico o in un peggioramento del saldo commerciale; 10

11 b) un aumento del disavanzo di bilancio deve riflettersi in un aumento del risparmio privato, in una riduzione dellʼinvestimento o in un peggioramento del saldo commerciale; c) un paese con alto tasso di risparmio deve avere o un elevato tasso di investimento o un significativo avanzo commerciale. Notiamo anche quello che lʼequazione non dice. Non dice se, e a quali condizioni, un disavanzo di bilancio si rifletta in un aumento del risparmio privato, o in una riduzione dellʼinvestimento. In realtà, un deprezzamento incide sul risparmio e sullʼinvestimento, attraverso la domanda di beni nazionali e attraverso un aumento della produzione. Una produzione più elevata fa aumentare il risparmio rispetto allʼinvestimento o, equivalentemente, riduce il disavanzo commerciale. Y = C Y " T + I Y r + G" IM Y + X Y * ( ) (, ) (,!)/! (,!) Focus: il disavanzo commerciale statunitense: origini e implicazioni (pag. 393). Il disavanzo commerciale statunitense ha raggiungo nel 2003 il record del 4,5% del PIL. Tre sono i fattori dʼorigine del disavanzo commerciale USA: 1) tasso di crescita elevato degli USA negli anni ʼ90 rispetto al resto del mondo, per via della New Economy; la principale fonte sono però consumi e investimenti interni; 2) continuo apprezzamento reale dei beni statunitensi, ovvero lʼaumento continuo del tasso di cambio reale multilaterale del dollaro. Dal 2002 il dollaro si è deprezzato, ma il deprezzamento è stato limitato e il tasso di cambio oggi è più alto che nella metà degli anni ʼ90; 3) spostamento delle funzioni di esportazioni e importazioni. Eʼ comunque probabile che gli USA non possano continuare a permettersi in futuro di farsi prestare 500 miliardi di dollari allʼanno per finanziare il loro disavanzo commerciale. 11

12 1.3 Produzione, livello dei prezzi e tasso di cambio (Cap. 5, Blanchard) Si è ipotizzato che il tasso di cambio nominale fosse uno strumento di politica economica del governo, e che nel breve periodo fosse uguale al tasso di cambio reale. In realtà, non è prettamente uno strumento di politica economica, perché è determinato sul mercato dei cambi. Quindi, cosa determina e cosa può influenzare il tasso di cambio? Il modello è unʼestensione di quello IS-LM, detto modello di Mundell-Fleming. 5.1 Lʼequilibrio del mercato dei beni Affinché il mercato sia in equilibrio, la produzione deve essere uguale alla domanda di beni nazionali. La domanda è a sua volta uguale a consumo, investimento e spesa pubblica, più esportazioni e meno importazioni (detti X esportazioni nette o bilancia commerciale, X-IM/ epselon): - il consumo dipende positivamente dal reddito disponibile; - lʼinvestimento dipende positivamente da produzione e negativamente dal tasso di interesse reale. - la spesa pubblica è considerata esogena. - le esportazioni nette dipendono da produzione interna, produzione estera e tasso di cambio reale. Ripassando: 1) un aumento della produzione interna fa aumentare le importazioni e quindi diminuisce le esportazioni nette; 2) un incremento della produzione estera fa aumentare le esportazioni e quindi le esportazioni nette; 3) una riduzione di epselon, ovvero del tasso di cambio reale, un deprezzamento reale provoca (sotto la condizione di Marshall-Lerner) un incremento delle esportazioni nette. Inoltre: a) un aumento del tasso di interesse reale genera una riduzione della spesa per investimenti e quindi una riduzione della domanda di beni nazionali. Questo conduce, attraverso il moltiplicatore, ad una diminuzione della produzione; b) un aumento del tasso di cambio reale, un apprezzamento reale, provoca uno spostamento della domanda a favore dei beni esteri e quindi un calo delle esportazioni nette, che a sua volta, fa diminuire domanda e produzione. Va precisato che, riferendoci al breve periodo, il livello dei prezzi è esogeno, come per quelli esteri. Su questa base tasso di cambio nominale e reale si muovono allo stesso modo (un deprezzamento nominale provoca un deprezzamento reale dello stesso ammontare). La seconda semplificazione è lʼassenza di inflazione, effettiva o attesa, in quanto i livelli dei prezzi sono dati. Il tasso di interesse reale è quindi uguale a quello nominale. 5.2 Lʼequilibrio nei mercati finanziari Le persone scelgono fra due attività finanziarie, moneta e titoli. In economia aperta, però, le persone possono scegliere anche fra titoli nazionali e titoli esteri. 12

13 La scelta fra moneta e titoli M P = YL( i) Abbiamo assunto che lʼofferta reale di moneta (lato sinistro) fosse data, perché lo stock di moneta è dato dal livello dei prezzi che è costante) e che la domanda reale di moneta dipendesse dal livello di transazioni nellʼeconomia (misurato dalla produzione reale Y) e dal costo opportunità di detenere moneta anziché titoli (è il tasso di interesse nominale i). In economia aperta, le modifiche al modello sono le seguenti: a) la domanda di moneta nazionale rimane è ancora attribuita ai cittadini residenti, che dipende ancora dal livello di transazioni (approssimato alla produzione interna) e dal costo opportunità di tenere moneta (il tasso d interesse nominale sui titoli). In economia aperta, quindi, secondo lʼequazione sopra, il tasso di interesse nominale deve eguagliare domanda ed offerta di moneta: 1) un aumento dellʼofferta di moneta induce una riduzione del tasso di interesse; 2) au aumento della domanda di moneta (per esempio a causa di un incremento della produzione) provoca un aumento del tasso di interesse. La scelta fra titoli nazionali e titoli esteri Per analizzare questa scelta, ci si basa sullʼipotesi per cui investitori, nazionali o stranieri, cercano il tasso di rendimento atteso più elevato; affinché in equilibrio siano detenuti sia titoli nazionali che esteri, essi dovranno avere lo stesso tasso di rendimento atteso. Deve essere soddisfatta la seguente condizione di arbitraggio: (1 + i ) = (1 + i E t t = 1+ it E * 1 + i t e t+ 1 * t ) E E t e t+ 1 Questa condizione è nota come parità dei tassi dʼinteresse, per cui in equilibrio i rendimenti dei titoli devono essere uguali. Lʼequazione indica una relazione positiva fra tasso di interesse nazionale e tasso di cambio: 1) dato il tasso di cambio futuro atteso e il tasso di interesse estero, un aumento del tasso di interesse interno provoca un aumento del tasso di cambio, cioè un apprezzamento; 2) viceversa, una diminuzione del tasso di interesse interno provoca una riduzione del tasso di cambio, cioè un deprezzamento. Esempio. Supponiamo che a seguito di una restrizione monetaria negli USA, il tasso di interesse USA aumenti. Dato il tasso di cambio, i titoli USA diventano più convenienti, per cui gli investitori finanziari dovranno scambiare titoli europei per titoli statunitensi; per fare questo, dovranno vendere i titoli europei che possiedono che possiedono per ricavare euro, per poi scambiare euro con dollari, e infine usare i dollari ottenuti per acquistare i titoli statunitensi. La vendita di euro per dollari genera un apprezzamento del dollaro. Non è difficile intuire perché un aumento del tasso di interesse statunitense provochi un apprezzamento del dollaro: una maggior domanda di dollari ne fa aumentare il prezzo. Ciò che è meno ovvio è di quanto il dollaro debba deprezzarsi. Il punto importante è il seguente: se gli investitori non modificano le loro aspettative sul tasso di cambio futuro, allora quanto più forte è lʼapprezzamento del dollaro oggi, tanto più gli investitori si aspetteranno un suo deprezzamento in futuro. A parità di altre condizioni, questa aspettativa rende i titoli europei più convenienti: quando ci si spetta che il dollaro si deprezzi, un dato tasso di rendimento in euro genera un maggior tasso di rendimento in dollari. 13

14 Lʼapprezzamento iniziale del dollaro deve pertanto essere tale per cui il deprezzamento futuro atteso compensi lʼaumento del tasso di interesse interno. In questo caso, gli investitori torneranno ad essere indifferenti e il mercato sarà in equilibrio. Fig La relazione tra il tasso di interesse e il tasso di cambio descritta dalla parità dei tassi di interesse. Un maggior tasso di interesse comporta un maggior tasso di cambio, cioè un apprezzamento. Il tasso di cambio corrente dipende dal tasso di interesse nominale, dal tasso di interesse estero e dal tasso di cambio atteso: 1. un aumento del tasso di interesse interno provoca un aumento del tasso di cambio; 2. un aumento del tasso di interesse estero provoca una riduzione del tasso di cambio; 3. un aumento del tasso di cambio atteso porta a un aumento del tasso di cambio corrente. Ipotesi fondamentale: quando il tasso di interesse cambia, il tasso di cambio atteso resta invariato. Questo implica che un apprezzamento oggi porta a un deprezzamento atteso in futuro, poiché ci si aspetta che il tasso di cambio torni allo stesso valore. La relazione tra tasso di interesse e tasso di cambio è chiamata la parità dei tassi di interesse. Quando il tasso di interesse interno è uguale al tasso di interesse estero, il tasso di cambio corrente è uguale al tasso di cambio futuro atteso. 5.3 Unʼanalisi congiunta dei mercati reali e finanziari Lʼequilibrio del mercato dei beni richiede che la produzione dipenda dai seguenti fattori, fra cui tasso di interesse e tasso di cambio: * Y = C( Y! T) + I( Y, i) + G+ NX( Y, Y, E) Il tasso di interesse è determinato dallʼeguaglianza fra domanda ed offerta di moneta (nel mercato finanziario): M YL () i P = La parità del tasso di interesse, infine, fa sì che vi sia una relazione positiva fra il tasso di interesse interno e il tasso di cambio: Insieme, queste tre relazioni determinano la produzione, il tasso di interesse e il tasso di cambio. Possiamo ridurle a due: IS: LM: & 1+ i Y = C( Y ' T) + I( Y, i) + G + NX $ Y, Y*, E % 1+ i* M YL () i P = Consideriamo la curva IS e analizziamo gli effetti sulla produzione di un aumento del tasso di interesse, che ha due effetti: #! " e 14

15 1) il primo (già in economia chiusa), è lʼeffetto diretto sullʼinvestimento. Un tasso di interesse più elevato provoca una riduzione dellʼinvestimento e quindi una diminuzione della domanda di beni nazionali. 2) il secondo opera attraverso il tasso di cambio. Un aumento del tasso di interesse interno genera un apprezzamento. Questʼultimo, rende i beni nazionali relativamente più costosi, provoca a sua volta una riduzione delle esportazioni nette e quindi una riduzione della domanda di beni nazionali. Entrambi gli effetti operano nella stessa direzione: un aumento del tasso di interesse riduce la domanda e - attraverso il moltiplicatore - anche la produzione; il moltiplicatore qui è più piccolo rispetto allʼeconomia chiusa, in quanto ora parte della domanda è rivolta ai beni esteri anziché ai beni nazionali. a) la curva IS è inclinata negativamente: un aumento del tasso di interesse provoca una riduzione della produzione; il tasso di interesse influenza la produzione sia direttamente, sia indirettamente attraverso il tasso di cambio; b) la curva LM è inclinata positivamente, uguale allʼeconomia chiusa. Per un dato valore dello stock reale di moneta (M/P), un aumento della produzione fa aumentare la domanda di moneta e quindi anche il tasso di interesse di equilibrio. Fig Il modello IS-LM in economia aperta 5.4 Gli effetti della politica economica in economia aperta 1) Gli effetti della politica fiscale in economia aperta Consideriamo un aumento della spesa pubblica. Fig Gli effetti di un aumento della spesa pubblica. Un aumento della spesa pubblica provoca un aumento della produzione, un incremento del tasso di interesse e un apprezzamento del tasso di cambio. 15

16 Passaggi: - unʼaumento della spesa pubblica fa aumentare la produzione a parità di tasso di interesse e quindi sposta la curva IS verso destra. - poiché la spesa pubblica non entra nella curva LM, questa non si sposta. - il nuovo equilibrio comporta un maggior tasso di interesse. - questo maggior tasso di interesse induce un aumento del tasso di cambio, un apprezzamento. Quindi, un aumento della spesa pubblica provoca quindi un incremento del prodotto, un aumento del tasso di interesse e un apprezzamento. A parole, un aumento della spesa pubblica fa aumentare la domanda e quindi anche la produzione. Allʼaumentare della produzione, aumenta anche la domanda di moneta, generando pressioni per lʼaumento del tasso di interesse. A sua volta, lʼincremento del tasso di interesse rende i titoli nazionali relativamente più convenienti, e genera un apprezzamento della moneta nazionale. Il maggior tasso di interesse e lʼapprezzamento inducono entrambi una riduzione della domanda di beni nazionali, compensando quindi parte dellʼeffetto della spesa pubblica sulla domanda e sulla produzione. Guardando invece alle componenti della domanda: a) il consumo e la spesa pubblica chiaramente aumentano, il primo a causa dellʼaumento del reddito, il secondo per ipotesi. b) ciò che accade allʼinvestimento è invece ambiguo: esso dipende sia dalla produzione che dal tasso di interesse; da un lato, la produzione aumenta, inducendo un incremento dellʼinvestimento, dallʼaltro anche il tasso di interesse aumenta, riducendo la spesa per investimenti. Lʼeffetto complessivo può essere sia positivo sia negativo, a seconda di quale prevalga. c) per le esportazioni nette, che dipendono da produzione estera, produzione nazionale e tasso di cambio. Le esportazioni nette diminuiscono sia per effetto dellʼapprezzamento, sia a causa dellʼaumento di produzione: lʼapprezzamento riduce le esportazioni e aumenta le importazioni, e lʼincremento della produzione fa aumentare ulteriormente le importazioni. Il disavanzo di bilancio genera quindi un peggioramento della bilancia commerciale. 2) Gli effetti della politica monetaria in economia aperta Consideriamo una stretta monetaria. Fig Gli effetti di una stretta monetaria. Una stretta monetaria provoca una riduzione della produzione, un incremento del tasso di interesse e un apprezzamento del tasso di cambio. 16

17 Passaggi: - una riduzione dello stock di moneta fa aumentare il tasso di interesse: la curva LM si sposta verso lʼalto; - poiché la moneta non entra direttamente nellʼequazione IS, questa curva non si sposta. - lʼaumento del tasso di interesse provoca un apprezzamento della valuta nazionale. Una stretta monetaria genera quindi una riduzione della produzione, una aumento del tasso di interesse e un apprezzamento. A parole, una stretta monetaria fa aumentare il tasso di interesse, rendendo i titoli nazionali relativamente più convenienti, e quindi genera un apprezzamento del cambio. Domanda e produzione si riducono per effetto sia dellʼapprezzamento, sia a causa del maggior tasso di interesse. Al diminuire della produzione, la minor domanda di moneta che ne deriva fa diminuire il suo tasso di interesse, compensando parte dellʼaumento iniziale del tasso di interesse e dellʼapprezzamento. (analisi delle componenti della domanda lasciata allo studente) 5.5 Tassi di cambio fissi Finora abbiamo assunto che la banca centrale scegliesse lʼofferta di moneta e lasciasse il tasso di cambio libero di aggiustarsi per garantire lʼequilibrio di un mercato dei cambi. Nella maggior parte dei casi, questa ipotesi non è realistica. Le banche centrali usano la politica monetaria per raggiungere determinati obiettivi in termini di tassi di cambio. A volte tali obiettivi sono impliciti, altre volte sono bande di oscillazioni. Di seguito, i principali accordi di cambio fra paesi Le parità, e parità mobili, le bande di oscillazione e lo Sme Come la danza del dollaro degli anni ʼ80, cʼè stata una danza dello yen (Giappone) negli anni ʼ90. Lo yen si è apprezzato notevolmente nella prima metà degli anni ʼ90, poi si è deprezzato in seguito. Sono paesi che non hanno obiettivi specifici in termini di tasso di cambio. Sebbene le banche centrali prestino molta attenzione allʼandamento del tasso di cambio, esse si sono mostrate disposte a consentire ampie fluttuazioni dello stesso. Allʼestremo opposto, ci sono i paesi che operano in regime di tasso di cambio fissi. Questi paesi mantengono un tasso di cambio fisso in termini di qualche valuta estera: - alcuni ancorano la loro moneta al dollaro (Bahamas e Oman); - altri al franco francese (ex colonie); - altri ad un insieme di valute estere con pesi proporzionali ai loro flussi commerciali. fisso è però fuorviante. Non è vero che il cambio non vari mai. Un caso estremo è quello dei paesi africani ancorati al frano francese: quando nel 1994 i tassi di cambio sono stati aggiustati, era la prima volta dopo 45 anni di accordo di cambio. Poiché queste variazioni sono rare, sono usati termini differenti dalle variazioni giornaliere dei tassi di cambio flessibili. In caso di riduzioni, si parla di svalutazioni, quando aumenta il tasso di cambio, di rivalutazioni. Tra questi estremi ci sono accordi di cambio di grado intermedio. Per esempio, molti paesi operano con una parità mobile del tasso di cambio. Questi paesi hanno tipicamente tassi di inflazione che eccedono quegli degli Stati Uniti. Se essi ancorassero il loro tasso di cambio nominale al dollaro, il maggior aumento dei prezzi interni rispetto a quelli statunitensi causerebbe un continuo apprezzamento reale della loro valuta e renderebbe i loro beni non competitivi: per evitare tale effetto, questi paesi non scelgono una parità fissa ma stabiliscono un tasso di deprezzamento predeterminato nei confronti del dollaro. 17

18 Un secondo tipo di accordo prevede che un gruppo di questi paesi mantengono i loro tassi di cambio bilaterali (cioè i tassi di cambio di ciascuna coppia di paesi del gruppo) allʼinterno di certe bande di oscillazione. Lʼesempio per antonomasia di un sistema di questo tipo è lo SME (Sistema monetario europeo), introdotto nel 1979 e in funzione fino al 1999 quando ebbe inizio lʼunione monetaria. Sullo base di questo meccanismo del tasso di cambio (ERM), i paesi membri mantenevano il loro tasso di cambio, rispetto alle altre valute del sistema, allʼinterno di una banda di oscillazione costruita intorno ad una parità centrale. Variazioni della parità centrali e svalutazioni o rivalutazioni di alcune valute erano possibili, ma dovevano essere condivise dai paesi aderenti allʼaccordo. Dopo una grave crisi del 1992, quando Regno Unito e Italia uscirono dallo SME e le bande degli altri paesi furono ampliate, gli aggiustamenti dei tassi di cambio furono meno frequenti, spingendo alcuni paesi ad adottare la moneta unica, lʼeuro tassi di cambio fissi e politica monetaria Deciso il tasso di cambio fisso, esso deve rispettare la parità dei tassi di interesse. Una volta ancorato un tasso di cambio ad un dato livello, se i mercati finanziari e dei cambi credono che il tasso di cambio rimarrà effettivamente fisso, allora la loro aspettativa del tasso di cambio futuro sarà uguale a questo livello dato. Se gli investitori finanziari si aspettano che il tasso di cambio rimanga invariato, essi richiederanno lo stesso tassi di interesse nominale in entrambi i paesi. In ipotesi di tasso di cambio fisso e di perfetta mobilità dei capitali, il tasso di interesse deve essere uguale al tasso di cambio esterno. Tornando alla condizione secondo al quale offerta e domanda di moneta devono essere uguali, la condizione di parità di tassi di interesse diventa: Et (1 + it ) = (1 + i * t ) e * * E (1 + i) = (1 + i )! i = i M YL i P = * ( ) t+ 1 t t t t Supponiamo che un aumento della produzione nazionale faccia aumentare la domanda di moneta. In unʼeconomia chiusa, la banca centrale potrebbe lasciare invariato lo stock di moneta, genera in tal modo un incremento del tasso di interesse di equilibrio. Lo stesso risultato vale in unʼeconomia aperta in regime di cambi flessibili: in tal caso il risultato sarà un aumento del tasso di interesse e un apprezzamento. Ma se esiste un accordo di cambio, la banca centrale non può non modificare lo stock di moneta. Per prevenire un aumento del tasso di interesse interno oltre il tasso di interesse estero, essa deve aumentare lʼofferta di moneta proporzionalmente allʼincremento della domanda di moneta, in modo tale da lasciare invariato il tasso di interesse di equilibrio. Dato il livello dei prezzi P, lo stock nominale di moneta, M, deve aggiustarsi affinché lʼequazione continui a essere soddisfatta. In altre parole: in un sistema di cambi fissi, la banca centrale rinuncia alla politica monetaria come strumento di politica monetaria. Un tasso di cambio fisso comporta lʼeguaglianza fra il tasso di interesse interno e quello estero. Di conseguenza, lʼofferta di moneta deve essere aggiustata allo scopo di mantenere il tasso di interesse a quel livello Tassi di cambio fissi e politica fiscale Nel caso dei tassi di cambio flessibili, unʼespansione fiscale sposta la IS verso destro, causando un aumento della produzione, un aumento del tasso di interesse e un apprezzamento. In regime di tassi di cambio fissi, però, la banca centrale non può lasciare che il tasso di cambio aumenti. Poiché un aumento della produzione induce un incremento della domanda di 18

19 moneta, la banca centrale deve accomodare la maggior domanda di moneta aumentando lʼofferta di moneta. Come indicato in figura, quando la curva IS si sposta verso destra, la banca centrale deve spostare la curva LM verso il basso, in modo tale che il tasso di interesse e quindi il tasso di cambio non varino. Lʼequilibrio si sposta da A a C, e i tassi di interesse e di cambio rimangono invariati. In regime di tassi di cambio fissi, la politica fiscale è più efficace di quanto non lo sia in regime di tassi di cambio flessibili, in quanto essa richiede una politica monetaria accomodante. Perché un paese dovrebbe decidere di fissare il proprio tasso di cambio? Facendo così, rinuncia ad uno strumento efficace nella correzione degli squilibri commerciali e nel controllo del livello di produzione aggregata. Ancorandosi ad un tasso di cambio fisso, esso rinuncia anche al controllo del suo tasso di interesse. Inoltre, deve seguire anche lʼandamento del tasso di interesse estero, correndo il rischio di effetti indesiderati sulla sua attività economica. Nonostante il paese mantenga lo strumento di politica economica, potrebbe non essere sufficiente. Ad esempio, unʼespansione fiscale può aiutare lʼeconomia ad uscire dalla recessione, ma solo al prezzo di un disavanzo commerciale più elevato. Oppure, un paese che voglia ridurre il suo disavanzo di bilancio non può usare la politica monetaria per compensare gli effetti recessivi della politica fiscale sulla produzione. Cosa spinge allora un paese ad ancorare il suo tasso di cambio? 1) un tasso di cambio fisso facilita lʼattività delle imprese e ne riduce i costi (per decisioni produttive e di investimento) - stessa cosa vale per le aree monetarie comuni; 2) un sistema di tassi di cambio fissi può avere degli svantaggi, lo stesso vale per un sistema di tassi di cambio flessibili. Molti economisti credono che in un sistema di tassi di cambio flessibili, i tassi siano troppo volatili. Questa volatilità dei tassi di cambio provoca a sua volta variazioni indesiderate delle importazioni, delle esportazioni e della produzione. La fissazione del tasso di cambio elimina tutti questi problemi. 3) nel caso di un tasso di cambio reale richieda un aggiustamento (ad esempio, per eliminare un disavanzo commerciale), questo può avvenire anche in un sistemi di tassi di cambio fissi. In un sistema di questo tipo, infatti, cioè che è fisso è il tasso di cambio nominale, non reale. In linea di principio, aggiustamenti nei livelli di prezzi interni ed esterni possono dare lo stesso risultato di una variazione del tasso di cambio nominale; 4) un sistema di tassi di cambio fissi, limitando lʼindipendenza della politica monetaria, elimina anche il rischio che la banca centrale si comporto in modo opportunistico. Questa constatazione rientra nellʼargomentazione secondo la quale vincoli stringenti alla politica economica, sia fiscale che monetaria, possono effettivamente migliorare, e non peggiorare, la situazione di un paese. La scelta fra regime a tassi fissi e variabili rimane quindi controversa. 19

20 1.4 Regimi di cambio (Cap. 6, Blanchard) Nel 1944 a Bretton Woods, 44 paesi decisero un nuovo sistema monetario e valutario internazionale. Il sistema era basato su cambi fissi e tutti i paesi tranne gli USA si impegnarono ad ancorare il prezzo delle proprie valute al dollaro. Nel 1973, una serie di crisi valutarie causò il crollo del sistema e la fine del periodo di Bretton Woods ; da allora alcuni paesi operano in un sistema di cambi flessibili. Alla fine degli anni ʼ90 fu firmato un altro accordo relativo ai regimi di tasso di cambio in Europa che stabilirono permanentemente tassi fissi fra paesi e lʼadozione di una moneta comune. 6.1 Il medio periodo 1) Con i tassi di cambio flessibili, un paese che ha bisogno di un deprezzamento reale, per esempio per ridurre il suo disavanzo commerciale o per uscire da una recessione, poteva farlo con la politica monetaria per ridurre il tasso di interesse e diminuire il tasso di cambio (il che equivale ad un deprezzamento). 2) Con i tassi di cambio fissi, lo stesso paese non aveva più a disposizione nessuno dei due strumenti: per definizione, il tasso era fisso e pertanto non poteva essere aggiustato. Il tasso di cambio fisso e la condizione di parità dei tassi di interesse implicavano che il paese non potesse aggiustare il suo tasso di interesse: il tasso di interesse interno doveva rimanere uguale a quello esterno. Perchè rinunciare a due strumenti macroeconomici così importanti? Quindi nel breve preferivamo il sistema a tassi di cambio flessibili. Nel medio periodo la differenza fra i due regimi d cambio svanisce. In particolare, nel medio periodo, lʼeconomia raggiunge lo stesso livello di tasso di cambio reale e lo stesso livello di produzione, sia che operi con sistema di cambi flessibili che fissi. Ricordando la definizione di tasso di cambio reale (ovvero moltiplicato allʼinflazione dei due paesi), ci sono due modi in cui il tasso di cambio reale si può aggiustare a) attraverso una variazione del tasso di cambio nominale, e questo è possibile per i sistemi di cambio flessibile b) attraverso una variazione del livello di prezzi nazionale P, possibile anche per un paese che opera nel regime di cambi (nominali) fissi. Ed è infatti proprio quello che succede. La domanda aggregata in un sistema di tassi di cambio fissi! EP " Y = Y #, G, T P * $ % & (!, +,!) La curva di domanda aggregata (che descrive gli effetti del livello dei prezzi sulla produzione e deriva dalla condizione di equilibrio sui mercati dei beni e finanziari) dipende dal tasso di cambio reale, la spesa pubblica e le imposte. - un aumento del tasso di cambio reale, un apprezzamento reale, riduce la produzione; - un aumento della spesa pubblica fa aumentare la produzione; - un aumento delle imposte fa diminuire la produzione. 20

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità)

Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) Il nuovo fondo salva stati Testo TRATTATO CHE ISTITUISCE IL MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana di Riccardo Faini (Università di Roma Tor Vergata e CEPR) e André Sapir (Université Libre de Bruxelles e CEPR) Maggio 2005 Questo

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Il modello tedesco ha una grande rilevanza pratica nell Europa di oggi e la capacità di Berlino di portare a termine riforme economiche può servire

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA CONCETTO PAOLO VINCI * 1. Introduzione Sebbene si possa obiettare che è ancora troppo presto per formulare un giudizio su alcune misure in particolare

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Capitolo 7 - Dall import substituion alla globalizzazione - Marco Missaglia. Introduzione

Capitolo 7 - Dall import substituion alla globalizzazione - Marco Missaglia. Introduzione Capitolo 7 - Dall import substituion alla globalizzazione - Marco Missaglia Introduzione In questa lezione cercherò di delineare le caratteristiche fondamentali delle diverse strategie attraverso le quali,

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli