Opportunità d Impresa ed Esclusione dal Credito: Il caso italiano. Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Opportunità d Impresa ed Esclusione dal Credito: Il caso italiano. Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza)"

Transcript

1 Opportunità d Impresa ed Esclusione dal Credito: Il caso italiano Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Francesco Terreri, Microfinanza srl Luigi Galimberti Faussone, Microfinanza srl Con il supporto della Gli autori possono essere contattati scrivendo a e 1

2 Indice Introduzione... 3 Capitolo 1: Una prospettiva globale... 4 Credito e povertà: alcune riflessioni dal rapporto Finance for All? Esclusione sociale e finanziaria: Italia e Francia a confronto Quale ruolo per la microfinanza nel contesto europeo? L esclusione finanziaria: modalità e conseguenze sociali. Alcune riflessioni in ambito europeo I mutui subprime: dalla crisi alla finanza etica Capitolo 2: Il contesto italiano Povertà ed esclusione finanziaria in Italia Il caso degli immigrati Inclusione e nuovo indebitamento Le conseguenze della crisi Il mercato dell usura Capitolo 3: La microfinanza in Italia: il caso di RITMI Capitolo 4: Una stima del mercato potenziale della microfinanza in Italia Bibliografia e Sitografia

3 Introduzione Il rapporto Opportunità di Impresa ed Esclusione dal Credito: Il caso italiano è stato presentato da RITMI (Rete Italiana di Microfinanza) in occasione del convegno Microcredito in azione: buone pratiche per buone idee di impresa, Firenze, Palazzo Vecchio, 19 dicembre Con questa iniziativa, RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) intende perseguire i suoi obiettivi strategici: a livello politico, dare maggiore visibilità al microcredito e alla microfinanza e, a livello operativo, contribuire alla crescita delle istituzioni di microfinanza ad essa appartenenti sul territorio italiano. Lo studio, le riflessioni e la ricerca sulle povertà, sull esclusione finanziaria e sulla domanda di microfinanza, sono le motivazioni che stanno dietro a questo rapporto e costituiscono una delle attività principali di RITMI. Allo stesso modo, il confronto delle esperienze di microcredito, la messa in comune di buone pratiche, così come lo sviluppo di nuove iniziative di microfinanza caratterizzano l operato della Rete. Questa ricerca nasce dall esigenza di investire sulla microfinanza in un contesto caratterizzato da una crisi finanziaria di acuta gravità, che sta avendo e avrà ripercussioni sull economia reale e, in particolar modo, sulle fasce più deboli della popolazione. Nel Capitolo 1 si presenta la problematica dell esclusione finanziaria, sia nel contesto mondiale che in quello europeo e italiano. Si delinea quindi il ruolo della microfinanza per favorire una maggiore inclusione e si accenna agli sviluppi prodotti dalla crisi dei mutui subprime. Nel Capitolo 2 si analizza il caso italiano: dalle stime sull esclusione finanziaria alla vicenda specifica degli immigrati, alla crescita della bancarizzazione e dell accesso al credito, sia pur in forme che provocano effetti di segno opposto con l esplodere della crisi. Nel Capitolo 3 vengono brevemente esaminate alcune stime sulla diffusione del microcredito in Italia e viene presentata la realtà di RITMI. Nel Capitolo 4, infine, si tenta una prima stima del mercato potenziale della microfinanza in Italia da qui a cinque anni, nell ambito di una più generale «manovra» creditizia anticrisi e antiesclusione. 3

4 1. Una prospettiva globale L esclusione finanziaria è un tema che sta acquistando sempre più rilevanza nell opinione pubblica, nella comunità scientifica, ma soprattutto nelle politiche dei principali attori istituzionali nazionali e sovranazionali. Una tra le definizioni adottate è quella data dalla Commissione Europea, per cui per esclusione finanziaria s intende il processo per cui le persone incontrano difficoltà nell accesso o nell uso dei servizi finanziari e dei prodotti più diffusi sul mercato che sono appropriati ai loro bisogni e che permettano a queste persone di condurre una vita sociale normale nelle società a cui appartengono 1. L analisi delle relazioni tra credito e povertà e tra esclusione sociale ed esclusione finanziaria, considerati in contesti di paesi con economie sviluppate e di paesi con economie in via di sviluppo, porterà a considerare la microfinanza in Europa come un prezioso strumento integrativo di welfare. Credito e povertà: alcune riflessioni dal rapporto Finance for All? 2 Secondo la Banca Mondiale, l evidenza suggerisce che, non solo la finanza promuove la crescita, ma riduce il differenziale di reddito ed è, quindi, a favore dei poveri 3. La Figura 1 mostra come all aumentare del rapporto tra credito privato e PIL, diminuisce la disuguaglianza in termini di reddito e ricchezza misurata dal coefficiente di Gini. Tale analisi è particolarmente significativa nei paesi con economie in via di sviluppo, in cui larga parte della popolazione è ancora esclusa dai servizi finanziari di base. Figura 1 Credito e disuguaglianza del reddito Fonte: World Bank (2008), p. 11. Esclusione sociale e finanziaria: Italia e Francia a confronto Tuttavia, la relazione tra esclusione finanziaria ed esclusione sociale è evidente anche in altri contesti, come quello europeo. La Tabella 1 mette a confronto il contesto 1 Definizione utilizzata nel rapporto Financial Services Provision and Prevention of Financial Exclusion di marzo 2008 della Commissione Europea, p World Bank (2008) Finance for All?: Policies and Pitfalls in Expanding Access, Washington, DC: The International Bank for Reconstruction and Development / The World Bank. La traduzione dall inglese degli estratti riportati è dell autore. 3 Ibid., p

5 francese e quello italiano. Il tasso di esclusione finanziaria in Italia mostra un dato molto alto, 16%, che tuttavia è in diminuzione rispetto a quello di precedenti analisi (29,6% nel ). A ciò, corrisponde una maggiore disuguaglianza economica rispetto alla Francia (36 contro 32,7), che invece ha un tasso d esclusione finanziaria molto basso (2%). A supporto di questi dati, in Italia vi sono circa il 7% di famiglie a rischio di povertà, mentre in Francia sono meno del 3%. Traspare chiaramente da questo confronto, come l esclusione finanziaria si manifesti assieme a quella sociale. Tabella 1 Italia Francia Indicatori e Fonti Famiglie a rischio di povertà Esclusione finanziaria Disuguaglianza di reddito 6,6% 2,8% 16% 2% 36 32,7 Reddito inferiore al 40% del reddito mediano nazionale (OECD; OECD.Stat, ultimi dati disponibili, 2005) Stima dal rapporto Financial Services Provision and Prevention of Financial Exclusion (Commissione Europea, Marzo 2008) Coefficiente di Gini: min 0 max 100 (UNDP, Human Development Report 2007/2008) Quale ruolo per la microfinanza nel contesto europeo? Tuttavia, espandere l accesso ai servizi finanziari alle fasce più deboli in particolare, per quanto riguarda il credito non è una strategia unanimemente condivisa. Secondo la Banca Mondiale, fin qua l evidenza sembra suggerire che la fornitura diretta di servizi finanziari ai poveri può non essere il canale più importante attraverso cui la finanza riduce la povertà e la sperequazione 5. Tali riflessioni non possono che condurre a una domanda centrale nella discussione sul ruolo della microfinanza: nei paesi con economie sviluppate, quale strumento per fare fronte alla povertà è preferibile? Il welfare o la microfinanza? Considerato che, perlomeno nel breve e medio periodo, le istituzioni di microfinanza (MFI, dall inglese MicroFinance Institutions) in Europa non sono in grado di raggiungere la sostenibilità finanziaria, a differenza di numerose MFI nei paesi con economie in via di sviluppo, e che, quindi, dipendono da sussidi erogati da governi, fondazioni e privati cittadini (vedi Tabella 2), la Banca Mondiale chiede: Se la finanza per i più poveri deve essere sussidiata, [ ] è la microfinanza il miglior modo di fornire quei sussidi? 6. Secondo il rapporto, la risposta richiede la comparazione dei costi e dei benefici tra i sussidi per il settore finanziario e tra quelli in altri settori, quali l istruzione e le infrastrutture 7. 4 United Nations (2006), Building Inclusive Financial Sectors for Development, p Ibid., p Ibid., p Ibid., p

6 Tabella 2 Aree: Economie e diseconomie di scala: Tipologia di clienti: Paesi con economie in via di sviluppo Africa, America del Sud, Sud est asiatico, Asia centrale, Balcani numero di clienti (es. Grameen Bank, 6.7 milioni), portafoglio prestiti (es. Bank Rakyat Indonesia, 3,5 miliardi di dollari; l ONG Al Amana in Marocco, 300 milioni di dollari) gli esclusi dal sistema finanziario (la maggior parte della popolazione) Paesi con economie sviluppate Europa (EU 15), America del Nord, Australia, paesi OCSE in genere i clienti attivi nell EU 25 sono , mentre nel 2007 sono stati erogati prestiti per circa 400 milioni di euro poveri e migranti (persone con cattiva o nessuna storia creditizia) Fonte: ultimi dati disponibili al 31/12/2007; MixMarket.org ultimi dati disponibili al 31/12/2007; EMN (2008) Overview of the Microcredit Sector in the European Union. Per le differenti caratteristiche dei contesti, le istituzioni di microfinanza (MFI) nei paesi con economie in via di sviluppo sono generalmente sostenibili (su un campione di 890 MFI nel mondo, la sostenibilità operativa media è del 110%; fonte: MixMarket, 2008), mentre nell Unione Europea le MFI non sono attualmente sostenibili e, quindi, necessitano di finanziamenti esterni da soggetti terzi (istituzioni pubbliche e private) Conseguentemente, un passo fondamentale per la crescita della microfinanza in Europa è la quantificazione monetaria dei risultati dell attività di microfinanza. Il valore prodotto da un microprestito (es. creazione di un posto di lavoro) può essere calcolato in base a quanto lo Stato avrebbe speso per assistere socialmente il beneficiario (es. sussidio di disoccupazione). Rendere possibile un paragone tra la microfinanza e il welfare permette alle MFI europee di dimostrare il loro valore sociale ed economico e, di conseguenza, di avere titolo per chiedere supporto alle pubbliche istituzioni affinché la loro attività venga sussidiata. Tale passo di vitale importanza è stato compiuto da ADIE (Association pour le Droit à l Initiative Economique), una MFI francese leader in Europa, con clienti attivi e circa prestiti erogati nel ADIE ha calcolato in euro il costo medio per sostenere la creazione di una microimpresa, includendo tutti i costi operativi dei servizi finanziari e non finanziari. Anche aggiungendo un prestito degli enti locali per lo start up dell impresa e tenendo conto del costo medio del rischio, il costo totale in termini di sussidi per le istituzioni pubbliche non eccede i euro. Al contrario, il 8 ADIE (2008) 20 Years of Microcredit in France: The Knowledge Gained through Adie s Experience, Parigi: ADIE, p

7 costo di un disoccupato per lo Stato francese supera i euro l anno. Ogni impresa finanziata da ADIE ha creato una media di 1,2 posti di lavoro durante il periodo di start up. Alcune delle imprese create con il supporto di ADIE si sono sviluppate al punto di diventare clienti delle istituzioni bancarie e di creare decine di posti di lavoro. L esclusione finanziaria: modalità e conseguenze sociali. Alcune riflessioni in ambito europeo Nel rapporto sulla fornitura dei servizi finanziari e la prevenzione dell esclusione finanziaria, pubblicato nel , la Commissione Europea sottolinea la profonda interazione tra l esclusione sociale e quella finanziaria: Se la prima quasi automaticamente conduce alla seconda, l esclusione finanziaria fa parte di un processo che rafforza il rischio di far fronte all esclusione sociale. Essere oggettivamente esclusi o sentirsi tali può avere origine o essere accresciuto dalla difficoltà di accesso o di utilizzo dei servizi finanziari 10. Quattro sono le aree fondamentali di accesso finanziario identificate nel rapporto 11. La prima e più elementare forma di esclusione è la mancanza di accesso al sistema bancario nel suo complesso, in particolare per quanto riguarda le transazioni bancarie. Queste comprendono la ricezione regolare di pagamenti, quali stipendi, pensioni, sussidi pubblici, la possibilità di incassare assegni, di pagare le utenze elettronicamente, di pagare i beni non con denaro contante e, nel caso degli immigrati, di inviare rimesse 12. Ciò viene considerato un bisogno universale nelle economie più sviluppate, come sono o stanno diventando quelle dei paesi dell Unione Europea. Il mancato accesso a tale tipologia di prodotti è fortemente stigmatizzante, poiché sono generalmente molto diffusi. Inoltre, l accesso al sistema finanziario formale di base costituisce la chiave di accesso ad altri servizi finanziari (es. credito) e riduce fortemente i rischi legati alla gestione del denaro contante (es. furto). La mancanza di accesso a un conto ove riporre i propri depositi costituisce la seconda forma di esclusione finanziaria. Le cause principali dell esclusione da tale servizio sono la mancanza di documenti d identificazione (es. nel caso di persone immigrate), il costo del servizio, la complessità delle procedure d accesso, la mancanza di risparmio o di abitudine a risparmiare e la diffidenza nei confronti delle banche per ragioni culturali e sociali. La terza forma di esclusione, la più diffusa, è quella creditizia. Il rapporto della Commissione Europea prende in esame il credito fornito alle famiglie per l accesso a beni e servizi essenziali (credito d emergenza e al consumo). Il credito viene considerato un importante strumento finanziario che permette l accesso a beni o spese che eccedono il budget mensile (es. veicoli di vario tipo, casa, arredamento, ecc.) 13. L accesso al credito favorisce la mobilità, la formazione professionale e il miglioramento delle condizioni abitative, che contribuiscono positivamente alla salute e all auto stima. Tutto ciò eventualmente conduce all innalzamento del reddito personale e a un più ampio accesso ai servizi pubblici. La mancanza di accesso al credito, sia in forma di prestiti sia tramite il possesso di carte di credito o di autorizzazione allo scoperto bancario, è causa, oltre a una maggiore avversità al rischio, 9 European Commission (Marzo 2008) Financial Services Provision and Prevention of Financial Exclusion, manoscritto. La traduzione dall inglese degli estratti riportati è dell autore. 10 Ibid., p Ibid., pp Ibid., p Ibid., p

8 anche di ricorso a sistemi di credito alternativi (es. finanziarie) che possono portare al sovraindebitamento o a sistemi di credito informali (es. usura), che offrono condizioni fortemente svantaggiose, aggravando la posizione di chi già vive nella precarietà. La quarta e ultima area di esclusione finanziaria identificata nel rapporto è relativa al campo assicurativo. Mentre alcuni tipi di assicurazione sono obbligatori nei paesi UE (es. RCA auto), altri tipi di assicurazione, come quella sanitaria o integrativa della pensione, stanno assumendo una crescente importanza a causa dell indebolimento del sistema di welfare europeo. I mutui subprime: dalla crisi alla finanza etica Figura 2 Crescita dei mutui subprime nel periodo Fonte: Roberts, L. (2008), p. 56. Una delle manifestazioni più eclatanti dell odierna crisi finanziaria globale è stato lo scoppio della bolla immobiliare negli USA, causata principalmente dallo sregolato utilizzo di prodotti finanziari strutturati e CDO (Collaterliazed Debt Obligations) e da gravi errori di valutazione del rischio del capitale relativo ai mutui immobiliari 14. Tale fenomeno ha raggiunto il culmine con la quasi nazionalizzazione dei due colossi della cartolarizzazione dei mutui immobiliari negli U.S.A., Fanny Mae e Freddie Mac 15. Nonostante la diversità e la complessità delle cause della crisi finanziaria globale, vi è un ampio consenso nel dare la colpa ai mutui subprime 16. Tuttavia, l interpretazione del fenomeno richiede una più attenta analisi. Questi mutui vengono concessi a clienti definiti sub prime (in altre parole, una seconda scelta), che sono solitamente esclusi dal credito concesso dagli operatori principali del mercato. Le ragioni dell esclusione sono da ricercarsi nella scarsa o assente storia creditizia, in precedenti fallimenti o insolvenze, o in un lavoro irregolarmente o scarsamente retribuito. A causa dell elevato profilo di rischio dei clienti, i mutui subprime portano un tasso d interesse maggiore rispetto a quello dei clienti considerati più affidabili. Da un lato, quindi, gli erogatori di mutui subprime sono accusati di aver cercato nuovi e redditizi clienti tra coloro che non sarebbero stati in grado di sostenere un prestito, provocando l eccessivo indebitamento dei clienti, la cui insolvenza ha raggiunto il 18,7% negli Stati Uniti 17, e, conseguentemente, la bancarotta di tali istituzioni, che hanno cercato di trasferire il rischio tramite la 14 Roberts, L. (2008) The Great Housing Bubble: Why Did House Price Fall?, Monterey Cypress Publishing, p The Wall Street Journal (23 settembre 2008) Blame Fannie Mae and Congress For the Credit Mess 16 Newsweek (24 novembre 2008) A Risk Worth Taking. 17 Ibid. 8

9 cartolarizzazione, causando il collasso, tra gli altri, dei già citati Fannie Mae e Freddie Mac. Dall altro lato, tuttavia, il vertiginoso aumento dei mutui subprime che si è verificato negli Stati Uniti dal 2002 (vedi Figura 2) non è nient altro che l espansione di accesso al credito. Le persone che ne erano escluse a causa di una cattiva storia creditizia hanno potuto accedere al credito immobiliare per soddisfare il fondamentale bisogno abitativo. Rendere bancabili i non bancabili è un principio cardine tanto del microcredito, quanto dei mutui subprime 18. Non è quindi il prodotto in sé la causa di parte del dissesto finanziario occorso negli Stati Uniti, i cui riverberi si stanno propagando ovunque nel mondo della finanza globale, quanto piuttosto il cattivo uso che ne è stato fatto e, soprattutto, il meccanismo di trasferimento del rischio nei mercati finanziari. L eccessiva speculazione finanziaria tramite il meccanismo di leverage è stata una causa molto più importante del dissesto finanziario che sta ora causando gravi danni al sistemo economico e produttivo del paese 19. La critica principale che è stata mossa contro i mutui subprime è che prestare i soldi ai poveri (i clienti subprime) è necessariamente rischioso. Tuttavia, i tassi di restituzione dei clienti del microcredito nel mondo sono generalmente molto alti. Infatti, l evidenza è piena di casi in cui fornitori di mutui subprime continuano a operare profittevolmente. Ad esempio, Nehemiah Homes costruisce abitazioni nei sobborghi di New York e le vende con mutui definiti subprime: in 27 anni di attività e abitazioni vendute, i default dei clienti sono stati meno di 10, ossia lo 0,25% 20. In California, invece, la Clearinghouse CDFI (Istituzione Finanziaria per lo Sviluppo Comunitario) ha erogato dal 2003 più di 220 milioni di dollari per mutui immobiliari, realizzando nel 2007 un profitto di 1,4 milioni di dollari. Più del 90% di clienti acquistavano un abitazione per la prima volta e circa metà di essi appartengono e minoranze etniche. Su circa 770 prestiti, in soli 7 casi si è arrivati al processo di esecuzione della casa. Quindi, lo strumento di subprime è sostenibile sia per chi lo eroga (profitto) sia per chi ne fa uso (inclusione finanziaria). Ciò che differenzia le istituzioni citate e molte altre dalla parte malsana del mercato è l attenzione al cliente, tramite un istruttoria ben ponderata, e tassi d interesse che non vanno a massimizzare il profitto 21. Inoltre, alcuni fornitori di mutui subprime offrono ai loro clienti anche servizi non finanziari tipicamente associati a programmi di microcredito. Ad esempio, Shore Bank, storica banca comunitaria di sviluppo con sede a Chicago e attività per 2,1 miliardi di dollari, offre ai clienti persino l assistenza per ridurre il consumo di energia nelle abitazioni. Spinti dal successo che stanno avendo nel contesto fortemente negativo di oggi, alcuni ethical subprime lenders (fornitori etici di mutui subprime, come loro stessi si definiscono) stanno espandendo le loro attività al di là dei mutui immobiliari. La North Side Community Federal Credit Union di Chicago (cassa di risparmio federale) ha iniziato a erogare microcrediti di 500 dollari (circa 380 euro al gennaio 2009) con una maturità di 6 mesi e un tasso d interesse del 16,5%. Al settembre 2008, su più di prestiti, quelli in ritardo con il pagamento erano appena il 2,5%. La finanza può essere, a certe condizioni, uno strumento assai utile per fronteggiare l esclusione sociale. La crisi economica globale in atto non è causata da alcuni strumenti finanziari in sé, ma dal modello di gestione del rischio creditizio che vi era associato, nonché da comportamenti irresponsabili e criminosi 18 Newsweek (20 settembre 2008) Poverty: Cheap Loans at Insanely High Rates? Give Us More. 19 The Atlantic (dicembre 2008) Iceland s Meltdown 20 Newsweek (7 ottobre 2008) Subprime Suspects. 21 Newsweek (24 novembre 2008) A Risk Worth Taking. 9

10 di singole istituzioni. In generale, tutti gli strumenti della finanza possono essere impiegati eticamente per favorire l inclusione finanziaria e sociale delle fasce più deboli. 10

11 2. Il contesto italiano Abbiamo già citato alcuni indici di povertà, esclusione finanziaria e disuguaglianza in Italia confrontati in un contesto europeo. Entriamo ora nei dettagli, esaminando trend e composizione di alcuni di questi indicatori. Come vedremo, benché con intensità e caratteristiche diverse, anche in Italia negli ultimi anni si segnala un incremento della bancarizzazione e dell accesso al credito della popolazione. Il fenomeno tuttavia avviene con modalità tali da creare i presupposti per nuove forme di esclusione nella fase di recessione che stiamo vivendo. Povertà ed esclusione finanziaria in Italia La povertà relativa, definita come una carenza di risorse relativamente ad una situazione media o normale della popolazione di riferimento, viene misurata in Italia dall ISTAT attraverso un indagine campionaria sui consumi delle famiglie 22. L Istituto centrale di statistica approssima lo standard di vita attraverso i consumi in quanto ritenuti un indicatore migliore del reddito, perché tengono conto, ad esempio, del possibile utilizzo di risparmi accumulati o dell accesso al credito per acquisire beni in un anno di reddito più basso. Sono considerate povere quelle famiglie i cui consumi pro capite sono equivalenti a meno della metà del consumo medio pro capite nazionale. Nel 2007, ultimo dato disponibile, la soglia di povertà per una famiglia di due componenti è risultata pari a 986,35 euro mensili, cioè ,20 euro annui. Le famiglie composte da due persone che hanno una spesa media mensile pari o inferiore a tale valore vengono quindi classificate come relativamente povere. Per famiglie di ampiezza diversa il valore della linea si ottiene applicando una opportuna scala di equivalenza che tiene conto delle economie di scala realizzabili all aumentare del numero di componenti. Figura 3 Fonte: ISTAT (vari anni), cit. 22 ISTAT (vari anni), La povertà relativa in Italia, Statistiche in breve; ISTAT, I consumi delle famiglie, entrambi su 11

12 In Italia, le famiglie che nel 2007 si trovano in condizioni di povertà relativa sono 2 milioni 653 mila e rappresentano l 11,1% delle famiglie residenti. Nel complesso sono 7 milioni 542 mila gli individui poveri, il 12,8% dell intera popolazione. La popolazione relativamente povera non scende sotto l 11% del totale, dopo punte vicine al 12% nei primi anni 80. Per quanto riguarda l esclusione finanziaria, oltre alle rilevazioni europee, un quadro di dettaglio può essere tratto dall indagine sui bilanci delle famiglie della Banca d Italia 23. L indicatore di riferimento è il possesso o meno del più basilare tra i servizi finanziari, il conto corrente bancario o postale. Figura 4 Fonte: Banca d Italia (2008), cit. Nel 2006, ultimo anno disponibile, l 89,2% delle famiglie italiane, che in tutto sono 22,8 milioni, possedeva un deposito bancario o postale. Di conseguenza ne era privo il 10,8% del totale, cioè circa 2 milioni 462 mila famiglie. Il dato risulta in calo rispetto alle rilevazioni precedenti: nel 2002 la percentuale di esclusi era del 14,1%, nel 2004 del 13,7%. L indicatore mostra quindi un incremento del grado di bancarizzazione della popolazione, mentre la quota di esclusione finanziaria tende ad allinearsi al dato della povertà relativa, intorno all 11%. Tenendo conto che, nell indagine della Banca d Italia, le caratteristiche individuali sono riferite al capofamiglia, cioè al maggior percettore di reddito all interno del nucleo familiare, la fotografia dell esclusione finanziaria è la seguente: le donne sono maggiormente escluse degli uomini: non possiede nessun conto il 15,5% dei nuclei con capofamiglia donna contro l 8,7% degli uomini. Tuttavia la bancarizzazione delle donne cresce: l esclusione era quasi il 20% due anni prima; non possiede un conto i 19,5% degli ultrasessantacinquenni, mentre l esclusione scende al 5% nella fascia di età anni, che è diventata la più inclusa sorpassando quella anni. In forte 23 Banca d Italia (2008), I bilanci delle famiglie italiane nell anno 2006, Supplementi al Bollettino Statistico, a. XVIII, n, 7, 28 gennaio. Analoghe indagini campionarie vengono svolte dal 1961 e, in modo più omogeneo, dal Nella fase più recente, vengono aggiornate ogni due anni. 12

13 aumento anche i conti dei più giovani: nella fascia fino a 30 anni si passa dall 84,4 al 91,4% di inclusione in due anni; l esclusione cresce al diminuire del livello di istruzione: è privo di un conto in banca o in posta il 43,6% delle persone senza titolo di studio, ma solo lo 0,7% dei laureati; l esclusione cresce al diminuire del reddito: nel quinto della popolazione con reddito più basso è senza conto il 32,8% delle famiglie, nel secondo quinto il 13%, nel quinto più ricco appena lo 0,4%; tra il 2004 e il 2006 cresce di dieci punti, da quasi l 80% a oltre il 90%, il livello di inclusione nell agricoltura. Aumenti più moderati per gli altri settori, che però partivano da livelli più elevati. Resta sopra il 10% l esclusione degli operai, mentre diminuisce quella degli impiegati, dei dirigenti e degli imprenditori e liberi professionisti. Più inclusi anche gli altri autonomi, passati dall 89,7 al 94,4% di possessori di conti. Resta bassa invece l inclusione dei non occupati; sono maggiormente escluse le famiglie con un solo componente (17% senza conto) e quelle numerose, con 5 e più componenti (16,6% senza conto); l esclusione si è spostata dai piccoli centri, dove è ormai sotto il 10%, alle grandi città: nei centri sopra 500 mila abitanti è privo di conto l 11,3% delle famiglie (era il 17,5% due anni prima); resta il Mezzogiorno l area dove si concentra l esclusione: è senza conto il 24,8% delle famiglie contro il 7,4% del Centro e il 3,1% del Nord. Il caso degli immigrati In Italia, secondo il rapporto Caritas Migrantes, sono presenti circa 4 milioni di immigrati regolari, tra comunitari e extracomunitari, il 6,7% della popolazione 24. La collettività più numerosa è diventata quella romena, con oltre 850 mila presenze regolari, seguita dagli albanesi ( ) e dai marocchini ( ). Il flusso è in crescita: tra il 2005 e il 2007 ci sono state 1 milione e mezzo di domande di assunzione di lavoratori stranieri da parte di aziende e famiglie italiane. Tra i dati da ricordare, l aumento degli imprenditori immigrati: si contano titolari d impresa, soci e altre figure societarie, per un totale che supera le 300 mila unità. Come tra la popolazione italiana in generale, anche tra gli immigrati in questi anni è cresciuta la bancarizzazione. Secondo il più recente rapporto ABI CESPI 25, i migranti dei paesi non OCSE con conto corrente sono passati da nel 2005 a nel 2007, con un tasso di crescita su base annua del 15%, superiore a quello della popolazione migrante che è stato del 10%. Di conseguenza il 67% degli immigrati extra OCSE adulti ha un conto in banca contro il 60% di due anni prima. Il cliente immigrato utilizza prevalentemente i servizi finanziari di base, mentre ha, in genere, scarsa conoscenza dei prodotti di gestione del risparmio e in genere di quelli più evoluti. Più della metà ha attivato un finanziamento presso una banca: in primo luogo carte di credito, poi prestiti personali e 24 Caritas Migrantes (2008), Immigrazione. Dossier statistico 2008, XVIII Rapporto, Roma: Idos. 25 ABI CESPI (2009), Banche e nuovi italiani. I comportamenti finanziari degli immigrati, Roma: Bancaria Editrice. 13

14 mutui. A proposito dei mutui per l abitazione, l ABI stima che il 10% dei 3,5 milioni di finanziamenti in essere faccia capo a migranti 26. Tra gli immigrati, un decimo circa è proprietario della casa in cui abita, ma gli acquisti stanno crescendo rapidamente: nel 2007, secondo la Caritas, ne sono stati effettuati , secondo Scenari Immobiliari Nel 2008, invece, il dato sarebbe in calo a Appare ancora relativamente bassa, ma in crescita, l incidenza del credito al consumo. La rilevazione di una società di informazione commerciale riferita ai primi otto mesi del 2008 stima che le domande di credito al consumo, credito personale e carte revolving provenienti da immigrati siano salite al 15,4% del totale, contro il 12,1% rilevato nello stesso periodo del Tuttavia, più della metà delle richieste viene respinta, contro un terzo circa di quelle degli italiani 28. Sono sottoutilizzati, infine, i prodotti assicurativi: il 42% è titolare di un prodotto assicurativo, ma il 60% è costituito da RC auto. Sempre secondo ABI CESPI, gli immigrati presentano una elevata propensione al risparmio. Il 70% dei migranti occupati riesce a risparmiare in previsione di spese future, il 38% risparmia più di 200 euro mensili. La banca è il principale depositario del risparmio accumulato. Non è però il principale canale attraverso cui parte del risparmio, le rimesse, viene inviato nel paese d origine. Le rimesse hanno superato nel 2007 i 6 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti almeno altri 2 miliardi, secondo le stime più accreditate, inviati attraverso canali informali. Nel complesso il 52% degli invii avviene attraverso le agenzie di money transfer, il 23% attraverso il sistema bancario e il restante 25% con sistemi informali. Per quanto riguarda l utilizzo a destinazione, il 26% va a spese di consumo, il 17% a spese sanitarie, il 14% a spese per l educazione. A progetti imprenditoriali è destinato l 8% delle rimesse 29. Il flusso di risparmio proveniente dai migranti è una delle principali entrate della bilancia dei pagamenti di molti paesi poveri e contribuisce all attenuazione degli squilibri economici del paese di provenienza. Tuttora, però, non è adeguatamente valorizzato come risorsa per moltiplicare gli impieghi e gli investimenti nel paese di provenienza. Il livello crescente di bancarizzazione degli immigrati non si traduce però necessariamente in accesso al credito. Accede a prestiti, metà mutui, metà prestiti personali, il 23% dei migranti bancarizzati. Tra gli immigrati imprenditori, gli investimenti, in media di dimensioni tra i 10 e i 20 mila euro, sono finanziati in oltre il 70% dei casi da risorse proprie, a cui, nel 16% dei casi, si affianca il supporto da parte di amici e parenti e solo nel 15% dei casi il credito bancario 30. Il 40% degli immigrati imprenditori ha chiesto un prestito in banca e in questo caso la dimensione media supera i 30 mila euro. Due terzi di essi l hanno ottenuto, un terzo no. Per confronto, un indagine riferita allo start up di impresa (in generale, a prescindere dalla nazionalità del titolare) indica che le percentuali di domande di credito respinte in media dalle banche si collocano tra il 14 e il 21% delle richieste ABI (2008), Banche: ABI, il 10% dei mutui è di immigrati, Roma, Palazzo Altieri 23 gennaio. 27 Scenari Immobiliari (2009), Primo osservatorio 2009 immigrati e casa: dal boom allo sboom, Milano, marzo. 28 Experian (2008), Credito agli stranieri: Experian rileva un aumento delle richieste, 20 novembre. 29 ABI CESPI (2009), cit. 30 Unioncamere (2007), Comportamenti finanziari e creditizi della società multietnica, rapporto realizzato in collaborazione con Nomisma, Crif Decision Solutions e Adiconsum e presentato a Roma il 18 aprile 2007, 31 Francesco Chelli, Alberto Zazzaro (2008), I finanziamenti bancari allo start up d impresa: l esperienza e il ruolo dei direttori di filiale, in Alberto Zazzaro (a cura di), I vincoli finanziari alla crescita delle imprese, Roma: Carocci. 14

15 Inclusione e nuovo indebitamento Il maggior accesso ai servizi finanziari in Italia si è accompagnato ad una crescita dell indebitamento delle famiglie e delle imprese, sia pur non agli stessi ritmi degli Stati Uniti. L accelerazione dell erogazione del credito da parte del sistema bancario è stata particolarmente accentuata attorno alla metà del decennio Nei primi anni del decennio la crescita si attestava sul 5 6% annuo. Nel 2005 balza all 8% e nel 2006 all 11%, per poi collocarsi vicino al 10% nel Questo a fronte di un Prodotto interno lordo che non cresceva più del 2% 32. Nel 2008 la crescita degli impieghi bancari si è dimezzata al 4,5%. Per quanto riguarda le famiglie, tra il 2002 e il 2008 i mutui per la casa sono cresciuti del 132%, passando da quasi 100 a 232 miliardi di euro. La dinamica è stata a due cifre fino al 2006, ma con un ritmo decrescente: dal +26% del 2003 al +13% del Nel 2007 l aumento si è attestato poco sotto il 9%, mentre nel 2008 è sceso al 2,4%. Il credito al consumo è aumentato, sempre dal 2002 al 2008, del 121%, balzando da 46 a quasi 102 miliardi di euro. Anche in questo caso la dinamica è stata elevata verso metà decennio, con un picco del + 21,6% nel 2004, ma è rimasta a due cifre (+ 14,3%) anche nel 2007, rallentando vistosamente al 4,1% nel Tabella 3 Famiglie: le componenti principali del debito sono casa e beni di consumo Dati in miliardi di euro e % Mutui per abitazione Variazione annua 31/12/ ,0 + 18,4% 46,1 Credito al consumo, comprese carte di Variazione annua credito 31/12/ ,4 + 26,4% 50,1 + 8,6% 31/12/ ,6 + 22,3% 60,9 + 21,6% 31/12/ ,8 + 18,9% 72,7 + 19,2% 31/12/ ,3 + 13,3% 85,6 + 17,8% 31/12/ ,4 + 8,7% 97,8 + 14,3% 31/12/ ,9 + 2,4% 101,8 + 4,1% Fonte: Banca d Italia (vari anni), cit. e nostre elaborazioni È indebitato il 26,1% delle famiglie italiane, per un valore medio del debito pari a euro, il 33% del reddito 33. Il 12,8% risulta indebitato per l acquisto di beni di consumo, l 11,6% per l acquisto di immobili e il 3,8% per attività di lavoro indipendente. Sono più indebitate le famiglie con capofamiglia 32 Banca d Italia (vari anni), Base informativa pubblica on line, su 33 Banca d Italia (2008), cit. 15

16 uomo rispetto a quelle guidate da donne. La quota più elevata, pari al 39,1%, si trova nella fascia di età da 41 a 50 anni, con un debito per famiglia superiore ai 17 mila euro. Ma la quota maggiore di debito sul reddito si raggiunge nella fascia di età anni con il 51,3% (le famiglie indebitate sono il 36,2%). Gli indebitati sono nettamente di più tra i lavoratori indipendenti, 44,4% del totale con euro di valore medio pari al 73,4% del reddito, che tra i dipendenti, 33,6% del totale con euro di debito medio pari al 32,6% del reddito. Il debito è più diffuso tra le famiglie numerose: il 39,2% delle famiglie con 4 componenti e il 38,2% di quelle con 5 o più componenti, con un indebitamento che sfiora il 50% del reddito (49,5% per 4 componenti, 46,2% per 5 o più). Sono relativamente più indebitate le famiglie delle fasce di ricchezza superiori e quelle che vivono nelle grandi città. Restano meno indebitate il 22,3% del totale con il 22,2% di quota del debito sul reddito le famiglie del Mezzogiorno d Italia. Il boom del credito al consumo è stata la principale novità degli ultimi anni in Italia. Nel 2002 il 60% delle erogazioni facevano capo alle banche e il 40% alle società finanziarie. Nel 2008 il rapporto è arrivato quasi alla parità: 51% banche, 49% finanziarie. Va ricordato, tuttavia, che delle 79 associate ad Assofin, l associazione del credito al consumo e immobiliare, 25 sono banche, specializzate o generaliste, e altre 25 società finanziarie che fanno capo agli istituti di credito. Il credito al consumo è appannaggio del sistema bancario per quasi due terzi. Sul versante delle aziende 34, abbiamo preso in considerazione le famiglie produttrici cioè le imprese individuali e familiari fino a 5 addetti. I dati sulle famiglie produttrici costituiscono un indicatore dell atteggiamento delle banche verso le microimprese. I crediti a questa categoria sono passati dai 65,6 miliardi di euro del 2002 agli 89,1 miliardi del 2008, una crescita del 35,8% in sei anni. Aumenti più accentuati si segnalano nel 2003 (+ 8,7%) e nel 2006 (+ 7,6%). Nel 2007 la crescita scende al 4,7% e nel 2008 si registra una diminuzione della consistenza dei finanziamenti di oltre mezzo miliardo di euro, pari allo 0,6% in meno. Tabella 4 Il credito alle microimprese ( Dati in miliardi di euro e % ) Consistenze crediti Variazione annua 31/12/ ,6 + 6,7% 31/12/ ,3 + 8,7% 31/12/ ,1 + 6,7% 31/12/ ,6 + 4,6% 31/12/ ,6 + 7,6% 31/12/ ,6 + 4,7% 31/12/ ,1 0,6% Fonte: Banca d Italia (vari anni), cit. e nostre elaborazioni 34 Banca d Italia (vari anni), cit. 16

17 In media per le imprese un terzo dei crediti sono affidamenti in conto corrente. Nel caso delle famiglie produttrici, il dato a fine 2008, unico disponibile, indica una quota di fidi in conto corrente pari al 25%. I mutui sono il 71% del totale, con una buona fetta (il 35%) di mutui per la casa, in imprese dove il patrimonio familiare e quello aziendale si confondono. I prestiti personali sono l 1,5% del totale, quota nettamente superiore alla media delle imprese (0,3%). Un altra quota di finanziamenti personali e di leasing, 7 miliardi circa, viene dalle società finanziarie. Nel mondo delle microimprese e dell'autoimpiego, particolarmente ampio in Italia rispetto agli altri paesi Ocse, gli imprenditori donne rappresentano il 25% del totale dei titolari. Come abbiamo visto, l'accesso ai fidi bancari è un'importante fonte di credito per le necessità di cassa di queste imprese. Ma sui fidi le microimprese con titolare donna pagano un tasso di interesse più alto rispetto a quelle con titolare uomo: in media lo 0,3% in più 35. Secondo lo studio condotto dal professor Alberto Alesina dell Università di Harvard e da due ricercatori della Banca d Italia 36 e basato sull esame degli accessi al fido di 150 mila microimprese tra il 2004 e il 2006, il differenziale non è giustificato da un maggior rischio di fallimento e non è spiegato da differenze territoriali o da specificità settoriali. Inoltre la differenza nei tassi scende se c'è un garante uomo e sale se il garante è donna. L ipotesi è che potrebbe trattarsi di una vera e propria forma di discriminazione basata sul convincimento, radicato ma errato, della maggiore inaffidabilità delle donne. Le conseguenze della crisi La crisi esplosa nell estate 2007 con lo scoppio della bolla dei mutui USA subprime ha colpito anche in Italia famiglie e imprese sia sul versante dei costi che sul versante dell accesso al credito. Sul versante dei costi hanno pesato la stretta sulla liquidità e la rapida crescita dei tassi di interesse sul mercato interbancario (Euribor), che si sono riflessi in particolare sui finanziamenti delle banche alla clientela stipulati a tasso variabile. Questo effetto, anche a seguito dell immissione di liquidità sui mercati da parte di governi e banche centrali, si sta esaurendo nel 2009, ma ha assestato un duro colpo ai bilanci 2008 di famiglie e imprese. L altra conseguenza della crisi, la stretta sull erogazione del credito, permane tuttora. Il tasso medio effettivo sui mutui per acquisto abitazione delle famiglie è salito in Italia di oltre due punti percentuali tra il 2006 e il Al 31 dicembre 2005, per mutui fino a 125 mila euro, era pari al 3,60%. Dodici mesi dopo era cresciuto al 4,65%, al dicembre 2007 al 5,76% e al dicembre 2008 si è attestato al 5,73%, dopo aver toccato il 6% a settembre. In termini di interessi, commissioni e spese, le famiglie italiane hanno pagato nel 2006 circa 5 miliardi e mezzo di euro. Nel 2008 la cifra sfiora gli 8 miliardi, con un aumento in due anni del 46%. Considerando però l incremento del volume dei mutui nello stesso periodo, pari all 11%, l effettivo aumento dovuto alla crescita dei tassi è stato del 35%, pari a 1,9 miliardi in due anni. Le famiglie con un mutuo a tasso variabile sono circa 3,2 milioni. 35 Alberto Alesina (2008), Il credito caro alle donne, 31 ottobre. 36 Alberto Alesina, Francesca Lotti, Paolo Emilio Mistrulli (2008), Do Women Pay More for Credit? Evidence from Italy, Nber Working Paper 14202, luglio. 37 Banca d Italia (vari anni), cit. 17

18 L incremento nel costo di acquisto della casa è connesso all aumento nel 2008 dei pignoramenti immobiliari. In attesa dei dati definitivi, le associazioni dei consumatori hanno stimato una crescita annua del 22% 38. Figura 5 Per quanto riguarda le imprese, i tassi di interesse sulle operazioni a scadenza (mutui, leasing) sono passati, tra la fine del 2005 e la fine del 2008, dal 3,70% al 6,12%, quelli sulle operazioni autoliquidanti (sconto portafoglio) dal 4,76% al 6,48%, quelli sulle operazioni a revoca (fidi in conto corrente) dall 8,12% all8,99%. Complessivamente per le imprese l aggravio sui conti dipendente dal solo aumento dei tassi, dedotto l incremento dei crediti, è stato tra il 2006 e il 2008 di 11 miliardi e mezzo di euro circa, pari al 40%. Ma l effetto più duraturo della crisi è la riduzione dei finanziamenti soprattutto alle piccole e micro imprese. Nel 2008 i crediti alle famiglie produttrici sono calati dello 0,6%, passando da 89,6 a 89,1 miliardi. Un indicatore del razionamento del credito è il rapporto tra credito utilizzato e credito accordato. Tra fine 2005 e fine 2008 il rapporto cresce di due punti, dall 83,9% all 85,9%. La tensione sui fidi è segnalata anche dagli sconfinamenti, aumentati nello stesso periodo al 2,3% del credito accordato. Il rapporto tra utilizzato e accordato per le microimprese si attestava nei primi anni Duemila attorno all 80%. Tabella 5 Il razionamento del credito Rapporto tra credito utilizzato e accordato per le famiglie produttrici 31/12/ ,89% 31/12/ ,12% 31/12/ ,49% 31/12/ ,86% 38 Elio Lannutti (Adusbef), Rosario Trefiletti (Federconsumatori) (2008), Banche: si consolida boom pignoramenti immobiliari, comunicato stampa, 25 ottobre. 18

19 A mettere in difficoltà le microimprese sono le condizioni per ottenere il prestito, decisamente peggiorate come emerge dalla rilevazione di febbraio 2009 dell Osservatorio sull imprenditoria giovanile di Confartigianato: nei tre mesi precedenti il 38,7% dei giovani imprenditori ha riscontrato maggiori difficoltà nei rapporti con le banche. Tra esse, richieste ingiustificate di rientro anticipato degli affidamenti, aumento dello spread sui tassi di interesse, richieste di maggiori garanzie, allungamento dei tempi delle procedure burocratiche 39. Il rallentamento della crescita e la vera e propria diminuzione dei prestiti ai piccoli operatori economici deprime la propensione a investire delle microimprese. Nel 2008 la quota di piccoli operatori che ha effettuato investimenti è scesa al 28,7%, rispetto al 35,4% del La previsione per il 2009 è di un nuovo calo al 27,6% 40. Trova così conferma la tesi sostenuta nell ultimo rapporto Global Economic Prospects 2009 della Banca Mondiale, secondo cui il principale meccanismo del rallentamento dell economia sia nei Paesi ad alto reddito che in quelli in via di sviluppo passa per la caduta del tasso di investimento 41. Gli investimenti reali sono stati spiazzati da quelli finanziari. Il mercato dell usura In Italia il numero dei commercianti coinvolti in rapporti usurari è sensibilmente aumentato: nel 2008 sono stimati in circa rispetto ai del Poiché ciascuno s indebita con più usurai, le posizioni debitorie sono valutate in oltre , per un giro d affari complessivo di 35 miliardi di euro. Di essi, 12,6 miliardi sono denaro movimentato dalle mafie, per almeno posizioni debitorie. Gli interessi sono stabilizzati oltre il 10% mensile. Il costo complessivo per le vittime è di 15 miliardi di euro. Un terzo dei commercianti coinvolti si concentra in Campania, Lazio e Sicilia. È la Calabria, però, a presentare il più alto rapporto attivi/coinvolti. La Campania detiene il record degli importi protestati (736 milioni di euro) seguita dalla Lombardia e dal Lazio. Il Lazio è invece in testa alla classifica per numero dei protesti. Lo stesso Lazio (5,34%), la Campania (4,46%) e la Calabria (3,53%) sono le regioni con il più alto numero di protesti in rapporto alla popolazione residente. Alle aziende commerciali coinvolte vanno aggiunti altri piccoli imprenditori, artigiani in primo luogo, ma anche dipendenti pubblici, operai, pensionati, portando a oltre le posizioni debitorie basate su patti usurari. Sono invece le persone immigrate che si stima siano vittime o comunque coinvolte in attività tra il parabancario e l usura vera e propria. 39 Giorgio Guerrini (Confartigianato) (2009), La crisi del credito costa alle imprese 12,5 miliardi l anno, comunicato stampa, 9 febbraio. 40 Crif Decision Solutions Nomisma (2008), Osservatorio sulla finanza per i piccoli operatori economici, dodicesima edizione, Roma, 26 novembre. 41 World Bank (2009), Global Economic Prospects. Commodities at the Crossroads, Washington, DC: The International Bank for Reconstruction and Development / The World Bank. 42 Sos Impresa Confesercenti (2008), Le mani della criminalità sulle imprese, undicesimo rapporto, Roma. 19

20 3. La microfinanza in Italia: il caso di RITMI RITMI, la Rete Italiana di Microfinanza, comprende alcune tra le più significative esperienze di microcredito nel paese: Banca Etica, Compagnia di San Paolo, Fondazione Antiusura Santa Maria del Soccorso, Fondazione Don Mario Operti, Fondo Essere, MAG Roma, MAG Verona, MAG 2 Milano, Micro.Bo, MicroProgress, PerMicro, Fondazione Giordano Dell Amore, Forum per la Finanza Sostenibile, Microfinanza Srl. Secondo RITMI, la microfinanza ha una funzione produttiva e di accompagnamento alla crescita e all inclusione sociale attraverso strumenti finanziari pensati ad hoc per le persone escluse dal sistema finanziario tradizionale. Ciò che contraddistingue la microfinanza è l attenzione alla persona, che porta ad accogliere, ascoltare e seguire coloro che si rivolgono alle istituzioni di microfinanza, fino alla chiusura del programma di credito, comunque all interno e a favore di un modello di sviluppo locale delle comunità, basato su equità, solidarietà, educazione al consumo e all'uso del denaro e sostenibilità ambientale. L analisi del microcredito nel contesto italiano necessita per prima cosa di uno sforzo definitorio, che qui si propone, senza tuttavia dichiararne la sua universalità, considerate la molteplicità e la complessità delle esperienze di microcredito in Italia. Per microcredito s intende, da un lato, l erogazione di prestiti mirati al finanziamento di microimprese e alla creazione di occupazione e, dall altro, il credito al consumo e d emergenza. Tale definizione, più ampia che quella adottata dall Unione Europea che riguarda il solo credito all impresa (per un importo al di sotto di euro a un impresa con meno di 10 dipendenti e un fatturato inferiore ai 2 milioni di euro), nasce da una più attenta analisi sia dell attuale mercato della microfinanza in Europa e, in modo particolare, in Italia sia delle esigenze dei più poveri. Difatti, il credito d emergenza (es. in caso di malattie improvvise, calamità naturali, ecc.) è uno strumento prezioso, ma raramente accessibile alle fasce più deboli. Allo stesso modo, il credito al consumo, che in alcune sue manifestazioni intrinsecamente legate a un modello di società improntato al consumismo irresponsabile è da temere, permette tuttavia l accesso a consumi che migliorano l attività lavorativa (es. automobile) e favoriscono l integrazione sociale (es. computer). Le stime esistenti sulle dimensioni del microcredito in Italia dipendono in buona parte dalla definizione adottata. Valutazioni ai poli estremi sono da un lato la ricerca Associazione Finanza Etica Lunaria del 2004, che calcola appena 550 mila euro di finanziamenti erogati nei primi quattro anni del decennio Duemila, con 330 beneficiari raggiunti 43, e dall altro le stime ABI, secondo cui il 70% delle banche italiane offre prodotti e servizi di microfinanza 44. Secondo l indagine di C. Borgomeo & co. giunta alla quarta edizione 45, gli enti che in Italia dichiarano di fare microcredito sono 81, con 225 milioni di euro prestati, a fine 2007, a beneficiari. L indagine, tuttavia, adotta una definizione piuttosto ampia di microcredito, che comprende, ad esempio, i prestiti d onore erogati a studenti da istituzioni pubbliche. 43 Il microcredito in Italia. La situazione attuale e le prospettive future (2004), Associazione Finanza Etica, Regione Emilia Romagna, Regione Toscana, IV giornata nazionale della finanza etica, novembre. 44 ABI (2009), Banche: microfinanza, un quarto dei servizi sono per i giovani, Roma, Palazzo Altieri 27 febbraio. 45 C. Borgomeo & co. (2008), 4 Rapporto sul microcredito in Italia, Soveria Mannelli (Catanzaro): Rubbettino. 20

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Francesco Terreri, Microfinanza srl Luigi Galimberti Faussone, Microfinanza srl Con il

Dettagli

5. IL CASO ITALIANO. 3 Il razionamento del credito nei confronti delle

5. IL CASO ITALIANO. 3 Il razionamento del credito nei confronti delle 52 5. IL CASO ITALIANO 5.1 Il contesto e le caratteristiche della domanda Con riferimento al contesto italiano, la domanda per servizi di micro finanza espressa da due principali categorie di attori: -

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Forlì, 2 dicembre 2005 Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Chiara Valentini operatore micro.bo Cos è il MICROCREDITO Il microcredito è un sistema di credito basato su programmi che concedono

Dettagli

Misure della povertà minorile in Italia 1

Misure della povertà minorile in Italia 1 Misure della povertà minorile in Italia 1 Sintesi Nel clima economico attuale, con la presenza di una forte recessione, con il consolidamento delle misure fiscali, le liberalizzazioni, le semplificazioni

Dettagli

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati Giuseppe Garofalo Nord e Sud del mondo Secondo i dati dell UNDP (United Nations Development Program), il 20% più ricco

Dettagli

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 45 4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 4.1 La situazione attuale La microfinanza in Europa si sta progressivamente dimostrando uno strumento essenziale delle politiche sociali; un importante mezzo di promozione

Dettagli

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Massimo Carrozzo Roma, 4 maggio 2010 1 Agenda Contesto economico

Dettagli

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero 2.3 Le rimesse degli immigrati all estero L importanza crescente che il fenomeno migratorio sta assumendo comporta la necessità di considerare la funzione economica svolta dai cittadini stranieri inseriti

Dettagli

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI José Luis Rhi-Sausi 1 Le due indagini ABI CeSPI Rilevazione sull offerta presso le

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti. Immigrazione e sviluppo dell imprenditorialità

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti. Immigrazione e sviluppo dell imprenditorialità Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti Immigrazione e sviluppo dell imprenditorialità Provincia di Asti, 1 dicembre 2007, ore 9 Intervento del Presidente Mario Sacco Dall Osservatorio

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

Lo studio di fattibilità di un programma di MF

Lo studio di fattibilità di un programma di MF Lo studio di fattibilità di un programma di MF Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 L identificazione Fase di IDENTIFICAZIONE le idee per la creazione o variazione del progetto e le azioni necessarie

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE: 1 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MICROCREDITO PER IL JOB CREATION ANNUALITÀ 2012/2013, TESO A PREVENIRE IL FENOMENO DELL USURA E RIVOLTO PRIORITARIAMENTE AI CITTADINI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona?

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona? Uno degli obiettivi del M5S è Nessuno deve rimanere indietro. E inaccettabile che un cittadino italiano venga abbandonato a sé stesso dallo Stato perché perde il lavoro, magari dopo aver pagato contributi

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2015

Dossier Statistico Immigrazione 2015 Dossier Statistico Immigrazione 2015 I paradossi dell immigrazione a cura di IDOS in partenariato con Confronti e in collaborazione con l UNAR Con il sostegno dei fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

Dettagli

SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO. Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria

SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO. Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria 1 SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO Di Michela Mantovani (bozza) Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria Per ricercare le ragioni del deficit di sviluppo e per

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI

L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI a cura di Alice Ciani e Lucilla Scelba Tecnoborsa 1. Introduzione Come ogni anno Tecnoborsa torna a sondare il mercato dei

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

FINANZA E COMPORTAMENTI IMPRENDITORIALI NELL ITALIA MULTIETNICA SINTESI DELLA RICERCA

FINANZA E COMPORTAMENTI IMPRENDITORIALI NELL ITALIA MULTIETNICA SINTESI DELLA RICERCA FINANZA E COMPORTAMENTI IMPRENDITORIALI NELL ITALIA MULTIETNICA SINTESI DELLA RICERCA Roma, 25 novembre 2009 Introduzione Unioncamere, Nomisma e Crif Decision Solutions hanno deciso di realizzare congiuntamente

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Questioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) Il mercato del credito alle famiglie dopo cinque anni di crisi: evidenze dall indagine sui loro bilanci di Silvia Magri e Raffaella Pico Ottobre 2014

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010-2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 Le persone che hanno usufruito degli interventi, sia con risorse proprie della Fondazione, e sia

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l Roma, 25 ottobre 2006

ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l Roma, 25 ottobre 2006 ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l finanziaria Roma, 25 ottobre 2006 LA BANCARIZZAZIONE DEI NUOVI ITALIANI Canalizzazione e valorizzazione delle rimesse José

Dettagli

2006 2007) 500 - -. L

2006 2007) 500 - -. L COMUNICATO STAMPA I Rapporto sul Mercato Immobiliare 27 Tempi più lunghi per vendere o affittare ma i prezzi tengono. I prezzi crescono meno velocemente che in passato: nelle città di medie dimensioni,

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI

FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI 49 IL CASO ITALIA: CONTRO LA POVERTÀ LO STRUMENTO SIA Simona TENAGLIA* * Ricercatrice Isfol, economista esperta in politiche sociali I L QUADRO ITALIANO La crisi economica ha

Dettagli

Focus: il caso dell abitazione

Focus: il caso dell abitazione Focus: il caso dell abitazione I grafici sono stati elaborati nell indagine Le difficoltà d accesso all abitazione da parte degli immigrati curata da Paola Bertolini e Francesco Pagliacci in occasione

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

L impresa di extracomunitari in provincia di Modena è uno studio di

L impresa di extracomunitari in provincia di Modena è uno studio di L IMPRESA DI EXTRA-COMUNITARI IN PROVINCIA DI MODENA L impresa di extracomunitari in provincia di Modena è uno studio di Nomisma - Società di studi economici Strada Maggiore 44 40125 Bologna, Italia Tel.

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2 Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale La popolazione sotto il livello di povertà. 09_21.odt 1 R.I. 21/09 Dicembre 2009 Questo rapporto

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza 6. un aggiornamento sui dati del prestito della speranza Dal Censimento delle opere ecclesiali 1. Il Prestito della Speranza nel contesto nazionale del microcredito Il Prestito della Speranza è un progetto

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

La povertà soggettiva in Italia

La povertà soggettiva in Italia ISTITUTO DI STUDI E ANALISI ECONOMICA Piazza dell Indipendenza, 4 Luglio 2005 00185 Roma tel. 06/444821 - fax 06/44482229 www.isae.it Stampato presso la sede dell Istituto La povertà soggettiva in Italia

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE...

PRIMA DI INIZIARE... PRIMA DI INIZIARE... Nel 2011 l'istat ha stimato che In Italia le famiglie che si trovano in condizioni di povertà relativa sono 2 milioni 782 mila (8 milioni 173 mila individui) e rappresentano l 11,1%

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Roma, 29 ottobre 27 Carlo Milani Centro Studi e Ricerche Ordine della presentazione 1. Prime evidenze

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI

COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI VII Panel Osservatorio Legislazione & Mercati SEMPLIFICAZIONE, FISCO, LIQUIDITA : TRE MOSSE PER UNA VERA CRESCITA 1 a sessione COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI Villa Valmarana Morosini,

Dettagli

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA «Il Microcredito: la buona economia» Dal denaro alla cura. Lo strumento Microcredito sul territorio Carpi, 12 Aprile 2013 LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA Realizzazione di una Guida pratica

Dettagli

PRECARIETA E POLARIZZAZIONE 10 TREND EMERGENTI

PRECARIETA E POLARIZZAZIONE 10 TREND EMERGENTI PRECARIETA E POLARIZZAZIONE 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK 1 7 PRECARIETA E POLARIZZAZIONE Di fronte al crescente senso di vulnerabilità e alla

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 30 SETTEMBRE 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 30 SETTEMBRE 2015 REPORT No. 22 dell 12 novembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 30 SETTEMBRE 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA ***

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** La legislazione antiusura e antiracket (leggi 108/96 e 44/99) sottolinea l impegno dello Stato nel sostegno

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO M A G G I O 2002 DODICI Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA Alla sua elaborazione hanno partecipato: Paolo Andreozzi

Dettagli

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011

IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI. Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 IL FENOMENO DELL INDEBITAMENTO IN ITALIA: CAUSE, FORME, ASPETTI EDUCATIVO-SOCIALI Luciano Gualzetti» Savona, 12 novembre 2011 Premessa 1/2 Il titolo del Convegno recita: «Siamo indebitati perché non siamo

Dettagli

Rimesse trasparenti. www.mandasoldiacasa.it

Rimesse trasparenti. www.mandasoldiacasa.it Rimesse trasparenti www.mandasoldiacasa.it 9 novembre 2009 QUANTO COSTA INVIARE 150 EURO DALL ITALIA AL MAROCCO? E AL SENEGAL? E IN COLOMBIA? NASCE IL SITO ITALIANO PER LA COMPARAZIONE DEI COSTI DI INVIO

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico Materiali di lavoro 7 Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico In questa scheda si presentano alcune stime riguardanti gli

Dettagli