IPSAA de Franceschi Pistoia Opzione Gestione delle Risorse Forestali e Montane. Gestione di Parchi, Aree protette ed Assestamento Forestale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPSAA de Franceschi Pistoia Opzione Gestione delle Risorse Forestali e Montane. Gestione di Parchi, Aree protette ed Assestamento Forestale."

Transcript

1 IPSAA de Franceschi Pistoia Opzione Gestione delle Risorse Forestali e Montane Gestione di Parchi, Aree protette ed Assestamento Forestale Classe IV Francesco Pettinà La Quercia delle Streghe. Gragnano, Capannori Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno le cose che nessun maestro ti dirà Bernardo di Chiaravalle Ultimo aggiornamento: agosto 2014

2 INDICE PARTE PRIMA: DENDROMETRIA... pag 4 1. Introduzione Richiami di Matematica 5 3. Principali misure dendrometriche 6 e strumenti utilizzati 3.1 Il diametro e la sua misura L altezza e la sua misura Casi particolari Tipologie di ipsometri L ipsometro SUUNTO L età e la sua misura La stima del volume di singoli alberi La forma degli alberi Determinazione del volume 15 di una pianta atterrata Formula della sezione 15 mediana Formula di Heyer Il coefficiente di riduzione Determinazione del volume di 18 un albero in piedi 5. La stima del volume di un bosco Il rilievo dei diametri Elaborazione dei dati 22 diametrici 5.2 Il relascopio di Bitterlich Il rilievo delle altezze La curva ipsometrica L altezza media L altezza dominante La stima del volume Metodo dell albero di 31 dimensioni medie Metodo di cubatura 32 per classi diametriche Metodo delle tavole di 33 cubatura 6. La legna da ardere e le stime relative La legna da ardere La densità del legno Determinazione della densità 39 di una partita di legna 6.3 Altre stime relative alla legna 39 PARTE SECONDA: AREE NATURALI PROTETTE Introduzione Caratteristiche comuni delle Aree 43 Protette 3. Riferimenti normativi Classificazione delle Aree Protette Dati statistici Le Aree Protette nel dettaglio Parchi Nazionali La gestione delle risorse 48 agrosilvopastorali 2

3 6.2 Parchi Naturali Regionali pag Riserve Naturali Statali e 50 Regionali 6.4 Altre tipologie di Aree Protette 50 della regione Toscana PARTE TERZA: ELEMENTI di CARTOGRAFIA Caratteristiche generali delle 52 rappresentazioni cartografiche 2. I sistemi cartografici: UTM e Gauss-Boaga Il Sistema UTM Il Sistema Gauss-Boaga Principali elementi di una carta topografica Semplici operazioni con le carte La cartografia italiana Le carte topografiche IGM Le carte topografiche della 64 regione Toscana 6. La cartografia digitale 66 3

4 PARTE PRIMA DENDROMETRIA 1. INTRODUZIONE La DENDROMETRIA (il termine deriva dal greco dendron, che significa albero o fusto, e métron, che vuol dire misura) è la disciplina delle Scienze Forestali che si occupa della misurazione degli alberi. Le misurazioni possono interessare: Singoli alberi, atterrati oppure in piedi Boschi Legname accatastato Prodotti di prima lavorazione derivanti dal legno (travi, tavole, pali) Le misure possono essere suddivise in misure dirette, che sono rilevate per mezzo di un qualche strumento, ed in misure indirette, che derivano da calcoli eseguiti sulle misure dirette. Le principali misure dirette riguardano: Diametro Altezza Età Crescita annua Estensione della chioma Peso Le principali misure indirette riguardano: Area basimetrica Coefficiente di riduzione Volume Coefficiente di accatastamento Perché vengono misurati gli alberi? La misurazione degli alberi, ha numerosi campi pratici di applicazione. Nelle sue varie componenti é utilizzata: Per la compravendita di boschi, di tagli boschivi, di legna accatastata, di legname segato. Per le stime dei danni ai soprassuoli boschivi. Per valutare la stabilità degli alberi in ambito urbano e non. Per eseguire inventari di superfici boschive, sia a scopo conoscitivo (inventari regionali e nazionali), che come strumento fondamentale per la gestione dei boschi (inventari dei Piani di Assestamento). Come dato descrittivo di piante di particolare pregio (alberi monumentali). Per indagini scientifiche. 4

5 2. RICHIAMI di MATEMATICA Superficie di un cerchio La superficie di un cerchio di raggio r si calcola con la formula: S = π r² In Dendrometria si lavora spesso con i diametri; la formula per calcolare la superficie di un cerchio in funzione del suo diametro d è: S = d² π/4 E importante conoscere anche la formula inversa, per ricavare il diametro a partire dalla superficie S: d = 2 S Volume di un cilindro Il volume di un cilindro con base di raggio r, ed altezza H, si calcola con la formula: V = π r² H Volume di un cono Il volume di un cono con base di raggio r, ed altezza H, si calcola con la formula: V = π r² H/3 Alcune equivalenze importanti 1 m² = cm² 1 ettaro (ha) = m² 1 km² = 100 ha 1 m³ = litri = dm³ 1 quintale = 100 kg 1 tonnellata = 10 quintali = kg 5

6 3. PRINCIPALI MISURE DENDROMETRICHE e STRUMENTI UTILIZZATI 3.1 IL DIAMETRO di un albero e la sua misura Il diametro di una pianta si misura con il cavalletto dendrometrico, il quale è una specie di grosso calibro, formato da un asta graduata in cm da entrambi i lati (ne esistono in commercio di varie misure, da 30 cm a 100 cm), e da due bracci, perpendicolari all asta e paralleli tra loro, di cui uno è fisso, mentre l altro è scorrevole sull asta graduata. Sono costruiti con materiali in lega leggera, inossidabili e indeformabili. Cavalletto dendrometrico Il diametro di una pianta in piedi, per convenzione internazionale, si misura a 130 cm da terra (diametro a petto d uomo, indicato con DAP). La sezione corrispondente costituisce, nelle elaborazioni di calcolo, la base della pianta. Nel caso che ad 1,30 m il fusto presenti evidenti anomalie, quali ad esempio rigonfiamenti, la misura si prende immediatamente sopra o sotto. Nel caso infine che la pianta ad 1,3 m sia già divisa in più fusti, si misurano tutti. Nei terreni in pendenza, la misura del diametro va sempre presa a monte della pianta. Il cavalletto dendrometrico va inserito a fondo, fino a toccare il fusto con l asta graduata, e perpendicolarmente all asse della pianta, per non avere errori nella misura. Quando si misurano piante atterrate, risulta spesso impossibile inserire a fondo il cavalletto, e bisogna quindi accertarsi che i bracci siano il più possibile paralleli tra loro (l errore che si può commettere è dell ordine dei 2-3 cm). In caso di piante più grosse della portata del cavalletto, o nel caso di piante monumentali, invece del diametro, si misura la circonferenza con una rotella metrica. Dalla circonferenza, il diametro si può ricavare dalla formula d = cir/π. Esistono anche dei cavalletti registratori (che registrano elettronicamente o meccanicamente i diametri delle piante misurate), e dei cavalletti speciali per la misurazione dei cedui (chiamati ceduometri), ma nella pratica non sono molto utilizzati. Dopo l uso, il cavalletto va pulito con un panno morbido; in caso di incrostazioni di resina (molto probabili quando si misurano conifere), si possono asportare con acquaragia. Ogni tanto è bene oliare il braccio scorrevole. 6

7 3.2 L ALTEZZA di un albero e la sua misura Per misurare l altezza di alberi atterrati, si utilizza una rotella metrica. E una operazione semplice e veloce. Per misurare l altezza di un albero in piedi, si adopera uno strumento che si chiama ipsometro, di cui ne esistono diversi modelli. Qualunque tipo di ipsometro venga utilizzato, il suo funzionamento si basa sullo stesso principio trigonometrico. Figura 1. Misura dell altezza di un albero in piedi Ovvero (fare riferimento alla Figura 1): Si misura con una rotella metrica la distanza d tra la pianta e l operatore O. Si punta l ipsometro verso la cima dell albero, e si misura l angolo AÔB. Si punta l ipsometro verso la base dell albero, e si misura l angolo CÔB Si ricava l altezza h1 con la formula trigonometrica: h1 = distanza x Tangente angolo AÔB (h1 = d tg AÔB) Si ricava l altezza h2 con la formula trigonometrica: h2 = distanza x Tangente angolo CÔB (h2 = d tg CÔB) Si sommano i valori h1 ed h2, e si ottiene l altezza totale. Altezza totale = h1 + h2 In pratica: h = d (tg AÔB + tg CÔB) (1) Esercizio 1 Si determini l altezza di un albero, conoscendo la distanza tra la pianta ed il rilevatore (15 m), l angolo formato dalla visuale del rilevatore e la cima dell albero (55 ), e l angolo formato dalla visuale del rilevatore e la base dell albero (8 ). Altezza = 15m (tg 55 + tg 8 ) = = 15m (1, ,1405) = 23,5 metri 7

8 Quando si opera su terreno perfettamente pianeggiante, si potrebbe anche misurare solo h1, ed aggiungervi l altezza degli occhi dell operatore (supponendo che la conosca e che rimanga costante!). In realtà tutti gli ipsometri, per certi prefissati valori di distanza (da 2 a 4 a seconda del modello, con distanze prefissate di 15 metri, 20 metri, 25 metri, 30 metri) permettono di leggere direttamente l altezza della pianta (sia h1 che h2). Alcuni strumenti hanno anche un distanziometro ottico, che consente di porsi alla distanza voluta senza stendere la rotella. Gli strumenti più moderni impiegano una tecnologia a raggi laser, e calcolano direttamente l altezza senza bisogno di eseguire calcoli, a qualsiasi distanza ci si ponga dalla pianta Casi particolari di misura dell altezza La formula (1) si può applicare solo quando si opera su un terreno perfettamente pianeggiante. Se invece il terreno è inclinato rispetto all orizzontale di x, si hanno due casi, a seconda che l operatore si disponga a monte od a valle della pianta da misurare 1. Misura dell altezza di un albero su terreno in pendenza, con operatore disposto a monte della pianta Figura 2. Misura dell altezza di un albero su terreno inclinato. Operatore disposto a monte In questo caso (vedi Figura 2), è necessario correggere la distanza reale misurata sul terreno (d), tenendo conto dell inclinazione 1, al fine di ottenere la distanza orizzontale (dc), da applicare nella formula (1) Distanza orizzontale = d cos BÔC, dove BÔC è l inclinazione del terreno La formula (1) diventa quindi: h = d cos BÔC (tan AÔB + tan BÔD) (2) 1 Si ricorda che l inclinazione del terreno si misura in gradi, mentre la sua pendenza si misura in percentuale. 8

9 Esercizio 2 Si determini l altezza di un albero su di un terreno in pendenza, e con l operatore posto a monte della pianta. La distanza tra la pianta ed il rilevatore è 10,5 m, l angolo formato dalla visuale del rilevatore e la cima dell albero è 65, l angolo formato dalla visuale del rilevatore e la base dell albero è 20, e l inclinazione del terreno è di 22 distanza orizzontale (dc) = 10,5 cos 22 = = 10,5 x 0,93 = 9,77 m altezza = 9,77 m (tg 65 + tg 20 ) = = 9,77 m (2, ,364) = 24,5 m 2. Misura dell altezza di un albero su terreno in pendenza, con operatore disposto a valle della pianta Figura 3. Misura dell altezza di un albero su terreno inclinato. Operatore disposto a valle In questo secondo caso, oltre a correggere la distanza reale, come nel caso precedente, per ottenere l altezza della pianta, bisogna sottrarre h2 da h1. La formula (2) diventa quindi (vedi figura 3): h = d cos BÔD (tan AÔB - tan BÔD) (3) Esercizio 3 Si determini l altezza di un albero su di un terreno in pendenza, e con l operatore posto a valle della pianta. La distanza tra la pianta ed il rilevatore è 13 m, l angolo formato dalla visuale del rilevatore e la cima dell albero è 75, l angolo formato dalla visuale del rilevatore e la base dell albero è 25, e l inclinazione del terreno è di 28. 9

10 distanza orizzontale (dc) = 13 cos 28 = = 13 x 0,88 = 11,44 m altezza = 11,44 m (tg 75 - tg 25 ) = = 11,44 m (3,732 0,466) = 37,4 m Per evitare queste complicazioni di calcolo, su terreni in pendenza è bene, se possibile, che il rilevatore si ponga sulla stessa curva di livello dell albero, situazione in cui distanza reale e distanza orizzontale coincidono Tipologie di ipsometri Per poter puntare agevolmente la cima e la base dell albero, gli ipsometri dono dotati di un cannocchiale, costituito da un oculare e da un obiettivo, o di altri semplici dispositivi (mirino, ecc.). Quello che in sostanza fanno gli ipsometri, è misurare degli angoli. Alcuni di essi (strumenti laser) misurano anche le distanze. gli altri, misurano solo distanze prefissate. In commercio si trovano diverse tipologie di strumenti: Ipsometri a raggi laser od infrarossi Per misurare le distanze, utilizzano raggi laser od infrarossi, considerando il tempo che impiega il raggio a raggiungere l obiettivo, mentre gli angoli sono misurati meccanicamente. Molto costosi (si parte dai euro, fino a ), sono quelli usati dai professionisti. Permettono di battere un gran numero di altezze in poco tempo, senza necessità di fare calcoli, neanche sui terreni in pendenza, perché li fa lo strumento stesso. Ipsometri classici Ce ne sono di vari tipi (Haga, Blume-Leiss, Suunto). Possono essere dotati di distanziometro ottico, che permette all operatore di posizionarsi a distanze prefissate (15, 20, 25, 30 metri). Per le distanze prefissate, non sono necessari calcoli (a parte il caso che si sia su un terreno in pendenza, vedi sopra); il risultato appare o nel mirino, o su di una finestra esterna. Relascopio di Bitterlich Strumento forestale polivalente (ne vedremo in seguito la grande utilità), funziona anche come ipsometro. Per distanze prefissate, corregge automaticamente l altezza in relazione all inclinazione del terreno L ipsometro a lenti SUUNTO E questo l ipsometro che abbiamo a scuola per le esercitazioni. E costruito in lega di alluminio anticorrosione; su di un lato c è una finestra circolare, con una scala graduata da 90 a +90 (essa permette, appoggiato lo strumento su di una superficie, di determinarne l inclinazione). Una volta misurata la distanza albero-operatore, si impugna l ipsometro con la mano destra, in modo che la finestra circolare resti sulla nostra sinistra (curando di non tapparla, perché da essa entra la luce che illumina la scala interna) e, tenendo ambedue gli occhi aperti (da inizio è un po faticoso, poi ci si abitua, con qualche lacrima), si avvicina l occhio destro all oculare (il quale è dotato di una ghiera, ruotando la quale si mettono a fuoco le scale interne, per adattarsi alla vista dell operatore), e si fa quindi collimare la linea orizzontale che si vede all interno prima con la cima dell albero, o con un altro punto di cui si vuole determinare l altezza, e poi con la base (la linea orizzontale si sovrappone al punto preso di mira per illusione ottica, ed è per questo che bisogna tenere aperti i due occhi). All interno si vedono tre scale, che si muovono inclinando lo strumento: quella di sinistra consente direttamente la lettura dell altezza da una distanza di 20 metri, e quella centrale da una distanza di 15 metri (se ci mettiamo ad una distanza doppia, ovvero 40 m o 30 m, per ottenere l altezza, basta raddoppiare i valori letti sulla scala 20 o 15). La scala di destra riporta 10

11 la pendenza in % (+/- 150%): i valori letti vanno moltiplicati per 10. Questa ultima scala permette di misurare l altezza a qualunque distanza ci si ponga dall albero; ricordando che la tangente di un angolo è uguale alla pendenza relativa a quell angolo, diviso per 100, si ha: h = d (pendenza visuale cima/100 + pendenza visuale base/100), dove d rappresenta sempre la distanza orizzontale. Figura 4. Ipsometro a lenti della SUUNTO Esercizio 4 Si determini l altezza di un albero, conoscendo la distanza tra la pianta ed il rilevatore (18 m), la pendenza relativa all angolo formato dalla visuale del rilevatore e la cima dell albero (120 %), e la pendenza relativa all angolo formato dalla visuale del rilevatore e la base dell albero (8 %). Altezza = 18m (120/ /100) = = 18m (1,2 + 0,08) = 23 metri 3.3 L ETA di un albero e la sua misura Conoscere l età di un albero (o meglio l età di un bosco) è molto importante per le seguenti ragioni: Ci dice se il bosco ha raggiunto l età minima per potere essere utilizzato, ovvero tagliato. Si ricorda che esiste un Regolamento Forestale Regionale, che stabilisce le età minime di taglio, distinte per forma di governo (ceduo o fustaia) e per specie. E un dato fondamentale nell ambito dell Assestamento Forestale. Per misurare l età di un albero si può: Ricorrere al conteggio dei palchi di rami, possibile per alcune conifere (in particolare i pini), e per alcune latifoglie (castagno, dove in realtà si contano le biforcazioni, non formando palchi), fino ad una certa età (8/10 anni per il castagno; 30 circa per le conifere). Abbattere una pianta campione e contare sulla sezione alla base gli anelli di accrescimento annuale. Ogni anno un albero forma due anelli legnosi di diverso colore: un anello chiaro, prodotto nel periodo primaverile/estivo (legno primaticcio), caratterizzato da vasi conduttori più ampi e da 11

12 densità minore, ed un anello più scuro, prodotto a fine stagione vegetativa (legno di chiusura), a densità maggiore. Si contano gli anelli scuri, più visibili. (Attenzione, prima di tagliare, perché gli anelli non sono ben visibili in tutte le specie). Basarsi sui dati riportati nei Piani di Assestamento Forestale, sempre che ci siano, aggiornando l età. Utilizzare documenti storici, laddove presenti (utilizzabile per stimare l età di alberi molto vecchi). Sempre per alberi vetusti, di particolare importanza monumentale, si può ricorrere al metodo del carbonio radioattivo (costoso e complicato, e spesso non applicabile perché molte specie tendono con l età a svuotare la parte interna del fusto, che è la più vecchia) Utilizzare il Succhiello di Pressler. Questo è una specie di trivella, che si avvita nel fusto, in direzione del centro della pianta, fino a quando si presume di aver raggiunto il centro stesso; si inserisce poi un estrattore, con cui si estrae una piccola carota cilindrica, su cui si contano poi gli anelli. Non è fattibile per alberi dal diametro elevato. Alcune specie (le Querce), hanno un legno talmente duro che si smoccola per avvitarlo e spesso si desiste. Altre specie (castagno) macchiano la carota, e non si vede un tubo. Idem per i pini, che impastano con la resina carota ed estrattore, e se non si pulisce spesso con acquaragia, non si riesce più ad inserire ed estrarre. E importante, all inizio della trapanazione, spingere moderatamente senza forzare, per evitare di spaccare la punta dello strumento. L estrattore va inserito con molta cautela, spingendo con una mano, e sorreggendolo da sotto con l altra, per evitare di piegarlo, nel qual caso diviene inutilizzabile. Una volta inserito fino in fondo, si ruota il succhiello in senso antiorario per un quarto di giro, tenendo ben fermo l estrattore sul manico, per facilitare il distacco della carota. Estratta la carota, il succhiello va svitato immediatamente (e con delicatezza!), perché aspettando troppo l operazione potrebbe risultare molto difficoltosa. Per facilitare la trapanazione, è molto utile passare sulla parte filettata della cera di api, che funge da lubrificante. Terminato l uso, andrebbe pulito ed oliato, anche all interno. Non è generalmente necessario affilarlo, perché mantiene il filo per molti anni. L albero trapanato non subisce in genere danni, poiché inizia subito i processi di riparazione. Il foro può comunque essere tappato con del sughero, o con un pezzo del campione prelevato. Figura 5. Succhiello di Pressler El verdadero forestal toma mucho y habla mal (motto degli studenti della Escuela de Ingenieros de Montes della Università di Madrid) 12

13 4. LA STIMA del VOLUME di SINGOLI ALBERI Figura 6. Fusto di Abete Bianco Fusto di Faggio Le misure del diametro e dell altezza di un albero sono dati che ci servono per calcolarne il volume. Il volume (di un albero, ma soprattutto di un intero bosco), è il dato più importante studiato dalla Dendrometria. L unità di misura del volume, utilizzata sia per alberi e boschi, che per il legname da opera (tavole, travi ecc.), è il metro cubo (mc o m³); solo per la legna da ardere si utilizza il metro stero (mst), di cui si parlerà in seguito, od il peso, espresso in quintali. I forestali utilizzano anche il termine massa come sinonimo di volume, nonostante non sia molto corretto. Così pure, per dire misurare il volume, viene spesso utilizzato il termine cubare. Nella realtà per un albero non esiste un volume unico, ma si hanno differenti tipi di volume. Una prima distinzione si ha tra volume sopra corteccia (viene considerata anche la corteccia), e volume sotto corteccia (ovvero dell albero spogliato dalla sua corteccia). Indipendentemente dalla presenza di corteccia o meno, le principali categorie di volume sono: Volume dendrometrico E il volume dell intera pianta. Nel caso delle conifere corrisponde in pratica al volume del fusto, cimale compreso, in quanto i rami non vengono considerati; nel caso delle latifoglie comprende anche il volume di branche e rami. Volume cormometrico E il volume del solo tronco da lavoro, ovvero il volume del fusto svettato in corrispondenza del diametro minimo compatibile con le destinazioni che avrà quel legname. Volume blastometrico E il volume della sola legna e fascina. Poco utilizzato. N. B. Da un punto di vista della stima del volume non cambia un bel niente, sia che si debba stimare l uno o l altro tipo, basta sapere cosa si cerca, ed adeguare rilievi e calcoli. Anche le Tavole di cubatura (vedi avanti) sono già suddivise, specificando se si tratta di una tavola dendrometrica o cormometrica, o quant altro. 13

14 4.1 La forma degli alberi Prima di analizzare il problema della stima del volume, è opportuno ricordare alcuni elementi caratteristici relativi alla forma degli alberi: La sezione trasversale di un albero, nei calcoli eseguiti per la stime del suo volume, viene considerata un cerchio perfetto. Ciò non è assolutamente vero, poiché ha quasi sempre forma irregolare. Alberi cresciuti in pendenza hanno sezione ovale. Ci sono poi le screpolature della corteccia. I punti di inserzione dei rami generano rigonfiamenti. Eventi accidentali, quali fulmini e rotture, provocano deformazioni. Alberi molto vecchi, infine, assumono forme spesso stravaganti, che comunque niente hanno a che vedere con quella circolare. In altezza, gli alberi riducono progressivamente il loro diametro. La forma che assume un albero in senso verticale non è comunque assimilabile ad alcun solido geometrico, ma risulta piuttosto dalla combinazione di diversi solidi: La base (chiamata calcio o pedale) ha una forma svasata, molto ampia ed irregolare al colletto, perché risente dell inserzione delle radici; questa è la ragione per cui il diametro si misura ad una certa altezza da terra. Parte basale del fusto. Abete bianco (Abies alba) La parte intermedia del fusto è una via di mezzo tra un cilindro ed un solido di rotazione generato da una parabola. Parte intermedia del fusto. Abete bianco La parte superiore, chiamata cimale, ha approssimativamente forma conica. 14

15 Cimali di Abies magnifica Quanto sopra porta una immediata conseguenza pratica: non si può calcolare il valore esatto del volume del fusto di un albero. Si può invece stimare questo volume, ovvero fornire un valore più o meno approssimato dello stesso. La forma dei fusti di conifere è generalmente piuttosto regolare, ed il diametro diminuisce lentamente e progressivamente dalla base verso la punta; i rami hanno diametri talmente bassi, che non vengono quasi mai considerati nel calcolo del volume. Il fusto delle latifoglie viene invece reso irregolare dalla presenza di grosse branche secondarie, che talora sostituiscono il fusto principale. La caratteristica di un albero di ridurre progressivamente il diametro del fusto viene chiamata in gergo forestale rastremazione. Un fusto poco rastremato ha forma tendente alla cilindrica; un fusto molto rastremato tende alla forma conica. La rastremazione dipende dalla specie, dall età, dalle caratteristiche del luogo dove è cresciuta la pianta e dalla densità di crescita (piante isolate hanno fusto più rastremato e ramoso rispetto a quelle cresciute in bosco). Uno degli scopi della selvicoltura produttiva è proprio quello di coltivare gli alberi di un bosco in modo che il loro fusto sia poco rastremato, e che assumano quindi una forma il più possibile cilindrica. In questo modo si avranno minori perdite di lavorazione all atto della segagione del fusto. Ovviamente, se il nostro bosco deve produrre legna da ardere, la forma dei fusti diviene un elemento secondario. 4.2 Determinazione del volume di una pianta atterrata La misurazione del volume può riguardare l intero fusto (dalla base alla gemma apicale), od una porzione di esso di qualsiasi lunghezza, ovvero di quello che si chiama tronco. I metodi sono identici. Il problema si risolve con l applicazione di alcune semplici formule. Tra le tante, si presenteranno di seguito solo le due più importanti: Formula della sezione mediana (o di Huber) Per determinare il volume del fusto di una pianta atterrata: - Si misura l altezza del fusto atterrato (H); - Si misura il diametro del fusto a metà altezza (D ½ H ). Il volume del fusto si ottiene quindi dalla formula: V= Π/4 D ² 1/2h H (4) 15

16 Esercizio 5 Applicando la formula della sezione mediana, si determini il volume del fusto di un albero atterrato, lungo 31,30 metri, con DAP di 41,5 cm e con diametro a 15,65 metri dalla base(metà lunghezza) di 29 cm. Volume = Π/4 D ² 1/2h H = Π/4 x 0,29 ² x 31,3 = = 0,785 x 0,0841 x 31,3 = = 2,066 m³ Si determini quindi il volume di un tronco tratto dallo stesso fusto, lungo 12 m e con diametro a 6 metri dalla base di 29,5 cm. Volume = Π/4 D ² 1/2h H = Π/4 x 0,295 ² x 12 = = 0,785 x 0,0870 x 12 = 0,820 m³ Attenzione: per ottenere il risultato in m³, occorre trasformare in metri il valore del diametro, semplicemente dividendolo per 100. Per la sua semplicità ed attendibilità la formula della sezione mediana è probabilmente il metodo più usato per la cubatura degli alberi atterrati, tanto da essere chiamato metodo commerciale. Gli errori rispetto a metodi più precisi sono trascurabili nel calcolo del volume di tronchi; diventano invece maggiori nella cubatura di fusti interi Formula di Heyer (o della cubatura per sezioni) Per determinare il volume del fusto di una pianta atterrata: - Si suddivide idealmente il fusto in tronchetti di uguale lunghezza (in genere 1 metro) - Si misura il diametro a metà di ogni tronchetto. - Si ottiene il Volume dalla somma dei volumi dei singoli tronchetti, a cui si aggiunge il volume del cimale. Ovvero: V = K (S1 + S2 +. +Sn) + 1/3 Sc Hc (5) dove K è la lunghezza dei tronchetti; S le aree delle sezioni mediane dei singoli tronchetti; Sc è l area dell ultima sezione (la base del cimale); Hc è la lunghezza del cimale. Questo metodo è considerato il più preciso, ed il suo risultato viene usato come misura esatta del volume nelle più svariate indagini dendrometriche (vedi Esempio 6, a pagina seguente) Il coefficiente di riduzione In Dendrometria, dato un determinato albero, viene indicato come coefficiente di riduzione, ed indicato con la lettera f, il rapporto tra il volume reale di quell albero (misurato con la formula dell Heyer) ed il volume di un cilindro corrispondente (volume cilindrometrico), di altezza uguale a quella dell albero, e di diametro pari al DAP. Ovvero: f = Vreale/Vcilindrometrico (6) Per l albero utilizzato negli esempi 5 e 6, il coefficiente di riduzione risulta come segue: f = 2, / Π/4 x 0,415 ² x 31,3 = 2, / 4,2338 = 0,4813 L importanza di f sta nel fatto che, una volta determinato su alberi modello atterrati, può essere applicato per stimare il volume di un albero in piedi della stessa specie, e di simile diametro ed 16

17 altezza. Il coefficiente f è minore di 1 per tutte le conifere, mentre può essere uguale o superiore ad 1 per quelle latifoglie (quercia, castagno, ecc), cresciute isolate, a causa delle numerose grosse branche e rami che ne accrescono notevolmente il volume. F dimunuisce anche all aumentare della rastremazione del fusto. Esercizio 6 Si determini il volume del fusto dell esempio 5, utilizzando il metodo della cubatura per sezioni. Il fusto è stato svettato a 29 metri dalla base, in corrispondenza del diametro di 9 cm. I diametri delle sezioni mediane dei tronchetti, la cui lunghezza è uguale a 1 m, sono riportati nella seguente tabella, insieme ai calcoli svolti per ogni sezione: Tronchetto Distanza Diametro Area Volume calcio circolare numero m cm m² m³ 1 0,5 45,0 0, , ,5 41,0 0, , ,5 38,7 0, , ,5 37,7 0, , ,5 37,2 0, , ,5 36,5 0, , ,5 36,7 0, , ,5 35,5 0, , ,5 35,0 0, , ,5 34,2 0, , ,5 33,5 0, , ,5 32,5 0, , ,5 31,5 0, , ,5 31,0 0, , ,5 30,0 0, , ,5 29,0 0, , ,5 28,2 0, , ,5 27,0 0, , ,5 26,0 0, , ,5 24,0 0, , ,5 23,0 0, , ,5 22,0 0, , ,5 21,0 0, , ,5 20,0 0, , ,5 17,7 0, , ,5 16,0 0, , ,5 14,5 0, , ,5 12,5 0, , ,5 10,0 0, , ,5 0 0 Volume fusto svettato = m³ 2, Calcolo del volume del cimale V cim = Π/4 x 0,09 ² x 2,3/3 = 0, m³ Volume totale del fusto V tot = Vfusto svettato + Vcimale = 2, , = 2, m³ 17

18 4.3 Determinazione del volume di una pianta in piedi La stima del volume di una pianta in piedi è per forza di cose meno accurata rispetto a quella di una pianta atterrata, e comporta comunque la conoscenza (o la stima) del coefficiente di riduzione f. I passi da seguire sono: 1. Si misurano l altezza h ed il DAP della pianta; 2. si calcola l area basimetrica g (area della sezione di base della pianta, ovvero ad 1,30 metri da terra): g = Π/4 DAP² ; 3. si ricava f da alberi modello, della stessa specie e di simili dimensioni, precedentemente abbattuti per lo scopo; 4. si ottiene il volume dalla formula: Esercizio 7 V = g h f (7) Stimare il volume di un albero di abete bianco, con DAP di 45 cm ed altezza di 30,8 metri. Come coefficiente di riduzione, si utilizzi il valore calcolato al paragrafo (0,4813). g = Π/4 x 0,45² = 0,159 m² Volume = 0,159 x 30,8 x 0,4813 = 2,357 m³ Una formula che non va tanto per il sottile, conosciuta come formula del maresciallo, considera f uguale a 0,5 per qualunque albero, da cui: Meglio lasciarla perdere! V = g h 0,5 18

19 5. LA STIMA del VOLUME di un BOSCO Per stimare il volume di una qualsiasi superficie di bosco, occorre anzitutto procedere ad una serie di rilievi dendrometrici da eseguire nel bosco interessato, che riguardano diametri ed altezze. 5.1 Il rilievo dei diametri L operazione di misura del DAP delle piante di un bosco si chiama cavallettamento. Su una superficie di bosco si possono misurare tutte le piante (cavallettamento totale, oramai poco utilizzato per i costi proibitivi, fermo restando che risulta il più preciso ai fini delle elaborazioni successive) o di alcuni gruppi di piante (cavallettamento parziale, concentrato sulle piante che ricadono all interno di aree di saggio appositamente delimitate). Alle aree di saggio si da, salvo rare eccezioni, forma circolare, con raggio di 5 metri o 10 metri (per i cedui), 15 metri e 20 metri (per le fustaie). I dati rilevati possono facilmente essere riportati all ettaro, considerando quante volte la superficie dell area di saggio entra in m² (vedi Tabella 1). Tabella 1 Raggio AdS m Superficie AdS m² 5 78,54 127, , 16 31, ,86 14, ,54 7,9 19 Fattore moltiplicativo per riportare i dati ad ettaro Le AdS possono servire solo per il rilievo in corso (ed in tal caso il loro perimetro è marcato con dei segni di gesso sugli alberi esterni) od avere carattere permanente (in genere per scopi di ricerca), nel qual caso gli alberi si marcano con vernici resistenti. Il numero di AdS da rilevare per una data superficie, e la loro disposizione sul terreno, verranno trattate nel corso di Assestamento Forestale. La squadra di cavallettamento è composta da un capotessera (colui che annota i DAP e che controlla che tutte le piante all interno dell AdS vengono misurate) e da uno o due cavallettatori.

20 Ovviamente, si misurano i DAP di tutte le piante presenti all interno dell AdS. Nel caso dei cedui, è utile anche contare il numero delle ceppaie. In genere si fissa una soglia di cavallettamento, ovvero un DAP minimo di rilievo (5 o 10 o 15 cm): le piante di DAP inferiore non si misurano. Attenzione: è da porre la massima cura per le eventuali piante poste lungo il perimetro dell AdS, nel senso di valutare se ricadono dentro o fuori l AdS, o se magari qualcuna vi è compresa per metà. Un errore di una pianta (e, distrazioni a parte, sono le piante sul perimetro che si sbagliano), una volta riportate ad ettaro, diviene un errore molto più grande. (E quando si faranno dal vero in bosco, evitare di cavallettare pali della luce o del telefono, e di chiamare piante inesistenti, simpaticoni! Grazie) I DAP vengono annotati su di un foglio chiamato Piedilista di cavallettamento (vedi figura 7 a pagina seguente), in cui i DAP vengono annotati separatamente per specie. Sul piedilista di cavallettamento si segnano anche le altezze (rilevate in seguito), le eventuali piante da abbattere con il diradamento, ed eventuali altri dati rilevati. I forestali usano un curioso modo di segnare le piante cavallettate sul piedilista. Strano o meno, è il seguente: e così via. 20

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

2 Assortimento e misurazione del legname

2 Assortimento e misurazione del legname 2 Assortimento e misurazione del legname 2.1 Assortimenti di legname In questo capitolo sono trattate le prescrizioni usate in Svizzera per l assortimento e per la misurazione. Legname tondo, tronchi Conifere

Dettagli

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO INDICE INTRODUZIONE PREMESSA LA FINALITÀDEL PRESENTE LAVORO ÈSTATA QUELLA DI FORNIRE AGLI ALUNNI STRUMENTI E

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO Numeri e nozioni di Xiloenergetica Per richiedere il volume rivolgersi a: Settore Politiche Forestali della Regione Piemonte Corso Stati Uniti, 21-10128 TORINO E_mail: tosettore.foreste14-@regione.piemonte.it

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO PARTE PRIMA GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO Gli alberi forestali della nostra Provincia Gli alberi che formano i boschi della nostra Provincia sono comuni a tutto l arco alpino, e non solo. In questo manuale

Dettagli

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Sommario a) Legna da ardere Sezione I Usi generali Distinzione Art. 1 Qualità 2 Pezzatura 3 Stagionatura 4 Provenienza 5 Forma del contratto 6 Prezzo 7 Contrattazione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE IL LEGNO COME COMBUSTIBILE Il legno è uno dei materiali più preziosi offerti dalla natura. Fin dall'antichità più preistorica è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. NR. 12 DEL 27.02.1997

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO Ideazione: Area Agricoltura della Comunità Montana Valtellina di Sondrio Testo e disegni - parte prima e parte terza:

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

PRODUZIONE DEI TRONCHI

PRODUZIONE DEI TRONCHI MATERIALI: LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco era di legno massello Oggi: il banco è di ferro e truciolare laminato QUANDO IL LEGNO ENTRAVA OVUNQUE 1) Macchinari 2) Strutture per le case 3) Mezzi

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Quadro A - Proprietario o Azienda

Quadro A - Proprietario o Azienda DICH-P Pagina 1 di 9 Settore Programmazione Forestale Quadro A - Proprietario o Azienda Sez. 00 - Documenti accessori Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (barrare solo una casella) Settore Forestale Dichiarazione

Dettagli

L albero e il tronco

L albero e il tronco IL LEGNO L albero e il tronco Ciclo di produzione Trasporto: Camion Teleferica Fluitazione Rotaie Segagione Tipi di segagione Il taglio e gli effetti del ritiro Tipi di segati Sfogliati Tranciati Prodotti

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

MODULO 1 Le grandezze fisiche

MODULO 1 Le grandezze fisiche MODULO 1 Le grandezze fisiche Quante volte, ogni giorno, utilizziamo il metro, i secondi, i kilogrammi Ma forse non sappiamo quante menti di uomini ingegnosi hanno dato un senso a quei simboli per noi

Dettagli

Strumenti innovativi di supporto operativo per l inventariazione forestale a scala locale

Strumenti innovativi di supporto operativo per l inventariazione forestale a scala locale Strumenti innovativi di supporto operativo per l inventariazione forestale a scala locale Gianfranco SCRINZI Diego GIULIARELLI Davide TRAVAGLINI Sistemi di posizionamento satellitare Sistemi di posizionamento

Dettagli

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico Capitolo 4 4.1 Il foglio elettronico Le più importanti operazioni richieste dall analisi matematica dei dati sperimentali possono essere agevolmente portate a termine da un comune foglio elettronico. Prenderemo

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed.

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. Panoramica e criteri di scelta dei riscaldamenti a legna Corso Riscaldamenti a legna Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI:

SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI: S.p.A. PLANKLINE SISTEMI INTEGRATI DI SEGHERIA, STAZIONARI E MOBILI: MINI PROFI 900 - MINI PROFI 1000 BICOUPE Nuovi modelli: maggiore produttività e agilità di manovra L esperienza conta PEZZOLATO S.p.A.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Matematica e Statistica I Anno Accademico 2009-2010 Foglio di esercizi settimana 2

Matematica e Statistica I Anno Accademico 2009-2010 Foglio di esercizi settimana 2 Matematica e Statistica I Anno Accademico 9- Foglio di esercizi settimana Funzioni di variabile reale: modelli, grafici, composizione, invertibilità; relazioni lineari. ESERCIZIO. In una città sono stati

Dettagli

INDICE. Un cls di qualità 1/6

INDICE. Un cls di qualità 1/6 INDICE,OFDOFHVWUX]]RIUHVFR 7UDVSRUWR /DYRUDELOLWj 0HVVDLQRSHUDSHUYLEUD]LRQH 6HJUHJD]LRQHHFRHVLRQH %OHHGLQJ GHOFOV 3RPSDJJLRGHOFOV 0L['HVLJQRSURSRU]LRQDPHQWR GHO FDOFHVWUX]]R 1 Un cls di qualità 1/6 I fenomeni

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se:

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: 1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: A. Si possono moltiplicare tra loro B. Si possono dividere tra loro C. Ci possono sommare tra loro D. Sono divisibili per uno stesso numero 2) Un blocchetto

Dettagli

IL RILIEVO DELLE GROTTE

IL RILIEVO DELLE GROTTE IL RILIEVO DELLE GROTTE di Andrea Maconi Indice 1 Premessa...2 2 Cosa si porta per fare un rilievo?...2 3 Schema di realizzazione di una poligonale...2 4 Dove fare i capisaldi?...3 5 Come leggere la bussola...4

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

GEOMETRIA CLASSE TERZA

GEOMETRIA CLASSE TERZA GEOMETRIA CLASSE TERZA Le principali figure geometriche del piano e dello spazio. Rette incidenti, perpendicolari e parallele. Introduzione del concetto di angolo a partire da contesti concreti. Introduzione

Dettagli

Motorino elettrico fatto in casa

Motorino elettrico fatto in casa Realiz zato da Giovanni Gerardi VA P.N.I. a.s. 2010-11 Motorino elettrico fatto in casa Premesse. In una lezione di fisica verso metà marzo la professoressa di matematica e fisica Maria Gruarin ha introdotto

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO I

STRUTTURE IN LEGNO I Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN LEGNO I AGGIORNAMENTO 13/01/013 CONIFERE (essenze resinose) Sono alberi che vivono in alta montagna. CONIFERA

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri IL MATERIALE

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca X MATEMATICA_COP_Layout 1 15/03/11 08:51 Pagina 2 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione

Dettagli

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA Sistemi di misura Enti geometrici fondamentali GEOMETRI SISTEMI DI MISUR Si dice grandezza tutto ciò che si può misurare, Es: la durata di una lezione di matematica, il peso di un ragazzo, la lunghezza

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

2) Il potere calorifico della biomassa ligno-cellulosica varia secondo. Fonte: catalogo Unical. % di umidità. Potere calorifico Kcal / Kg

2) Il potere calorifico della biomassa ligno-cellulosica varia secondo. Fonte: catalogo Unical. % di umidità. Potere calorifico Kcal / Kg Capitolo IV IL LEGNO Il legno è prodotto da alberi ed arbusti appartenenti alle più svariate specie botaniche presenti nel nostro pianeta. Le principali sostanze che lo compongono sono: cellulosa (40-50

Dettagli

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI Corso di Misure Meccaniche Termiche e Collaudi 5 anno - Ingegneria Meccanica Politecnico di Bari prof. Domenico Laforgia ing. Giuseppe Starace TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI In questa trattazione si farà

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

La misura in topografia

La misura in topografia La misura in topografia In questa dispensa di fornisce un cenno agli strumenti e alle tecniche di misura impiegate in topografia. Vengono descritti gli strumenti per misurare le lunghezze, quali il flessometro,

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

Francesco Biccari (biccari@gmail.com) Maria Grazia Polidoro (mariagraziapolidoro@gmail.com) 24 gennaio 2013. Prerequisiti

Francesco Biccari (biccari@gmail.com) Maria Grazia Polidoro (mariagraziapolidoro@gmail.com) 24 gennaio 2013. Prerequisiti Schema dettagliato di una lezione rivolta a una classe di studenti del secondo biennio del liceo scientifico. Argomento: Studio di funzione. Dominio, insieme di positività, simmetrie. Francesco Biccari

Dettagli

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti Geometria del piano e dello spazio, trigonometria [2008, ORD] Si consideri la seguente proposizione: Se due solidi hanno uguale volume, allora, tagliati

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

NOVITÀ MONDIALE. Cippatore ibrido mobile HC 1250 / HC 1266. The Green Business Class. Semplice. Migliore. Sicura nel tempo.

NOVITÀ MONDIALE. Cippatore ibrido mobile HC 1250 / HC 1266. The Green Business Class. Semplice. Migliore. Sicura nel tempo. NOVITÀ MONDIALE Cippatore ibrido mobile HC 1250 / HC 1266 The Green Business Class. Semplice. Migliore. Sicura nel tempo. The Green Business Class: Vantaggi a tutto campo: economicità, requisiti tecnici

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Algoritmo Nazionale per il GSM

Algoritmo Nazionale per il GSM Algoritmo Nazionale per il GSM Storia (1) Esistono numerosi metodi per la pianificazione e la copertura dei sistemi di telefonia cellulare. Ogni operatore sceglie quello che ritiene più opportuno anche

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO IL LEGNO E uno dei materiali più antichi ed ha rappresentato per l uomo il modo di risolvere, per molti

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Carlo Gregoretti Corso di Idraulica ed Idrologia Elementi di statist. per Idrolog.-7//4 ELEMETI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Introduzione Una variabile si dice casuale quando assume valori che dipendono

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

LA LEGNA: FONTE DI CALORE PRIMORDIALE

LA LEGNA: FONTE DI CALORE PRIMORDIALE La storia ci dice che il legno è il più antico combustibile utilizzato dall uomo per il riscaldamento delle abitazioni e la cottura dei cibi. La sua lenta ma inesorabile sostituzione è cominciata circa

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea.

Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea. PROGETTO RI.SELV.ITALIA Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea. Ricerca 3.2.7 - Individuazione di mezzi di lavoro, anche innovativi,

Dettagli

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4)

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) Misura di e/m Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) 1 Introduzione 1.1 Introduzione ai fenomeni in esame Un elettrone all interno di un campo elettrico risente della forza elettrica

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Benjamin Per studenti di prima o seconda media. I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Benjamin Per studenti di prima o seconda media. I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 9-14-.qxd 22/02/2004 16.53 Pagina 10 Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Per studenti di prima o seconda media I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. (10 x 100) x (20 x 80)

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di II grado. Classe Seconda Fascicolo 1

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di II grado. Classe Seconda Fascicolo 1 PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA Scuola secondaria di II grado Classe Seconda Fascicolo

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO SOSTENIBILE ED ECONOMICO Magnifica Comunità di Fiemme Massimo NEGRIN m.negrin@mcfiemme.eu Hotel Lagorai Cavalese 20 Gennaio 2012 Progetto BIO-EN-AREA

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di II grado. Classe Seconda Fascicolo 5

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di II grado. Classe Seconda Fascicolo 5 Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA Scuola secondaria di II grado Classe Seconda Fascicolo 5 Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI Troverai nel fascicolo

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli