ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ISTRUZIONE PROFESSIONALE Servizi Commerciali e Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera ISTRUZIONE TECNICA Turismo Via Baden Powell, VICENZA tel fax Sede staccata - Strada Sant'Antonino 32 - tel C:\Users\bovolinc\Desktop\ ESAMI 2015\5BC bozza_2015.doc m. f o r n e r DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5^BC ISTITUTO PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI a.s. 2014/2015

2 a) INFORMAZIONI_GENERALI 1) Elenco dei candidati pag. 3 2) Profilo Professionale pag. 3 3) Relazione sulla classe pag. 4 b) ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 1) Attività svolte pag 7 2) Competenze mirate e Compiti-Prodotti pag 8 Valutazione e certificazione delle competenze c) SIMULAZIONI DI ESAMI 1) Prima Prova Scritta (criteri e griglia di valutazione) pag. 11 2) Seconda Prova Scritta (criteri e griglia di valutazione) pag. 14 3) Terza Prova Scritta (criteri, testi e griglia di valutazione) pag. 18 4) Colloquio (criteri e griglia di valutazione) pag. 28 5) Tabella conversione punti voto pag. 30 d) ARGOMENTI DI TIPO PLURIDISCIPLINARE 1) Argomenti, materie coinvolte e contenuti pag. 31 Allegati al Documento: e) Relazione e Programmazione del docente pag. 34 2

3 a) INFORMAZIONI GENERALI 1) ELENCO CANDIDATI 1 BARCHUK OKSANA V. 2 BERTEZZOLO CHIARA 3 CHIUMENTO LUCA 4 DONKOR GIUSEPPINA 5 FALIVA SILVIA 6 FISCATO KETTY 7 JOSIFOVA MARIJA 8 LEONARDI LUCIANA 9 MINATI ALICE 10 PINTUS ALESSIA 11 PIRAS MASSIMO 12 RIELLO FEDERICO 13 RIZZI MARCO 14 SPATARO SAMUELE 15 WARAHENA LIYANAGE APPUHAMI 2) PROFILO PROFESSIONALE DIPLOMA DI ISTITUTO PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI Il Diplomato in Istruzione Professionale nell indirizzo SERVIZI COMMERCIALI ha competenze professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende del settore sia nella gestione dei processi amministrativi e commerciali sia nell attività di promozione delle vendite. Si orienta nell ambito socio-economico del proprio territorio e nella rete di interconnessioni che collega fenomeni e soggetti della propria regione con contesti nazionali ed internazionali. È in grado di: ricercare ed elaborare dati concernenti mercati nazionali e internazionali; contribuire alla realizzazione della gestione commerciale e degli adempimenti amministrativi ad essa connessi; contribuire alla realizzazione della gestione dell area amministrativo-contabile e delle risorse umane; contribuire alla realizzazione di attività nell area marketing; collaborare alla gestione degli adempimenti di natura civilistica e fiscale; utilizzare strumenti informatici e programmi applicativi di settore; organizzare eventi promozionali; utilizzare tecniche di relazione e comunicazione commerciale, secondo le esigenze del territorio e delle corrispondenti declinazioni; comunicare in almeno due lingue straniere con una corretta utilizzazione della terminologia di settore; collaborare alla gestione del sistema informativo aziendale. 3

4 3) RELAZIONE SULLA CLASSE La classe è composta da 15 alunni, di cui 10 ragazze e 5 ragazzi, provenienti tutti dalla 4BC dell anno scolastico 2013/2014, ad eccezione di un alunna, ripetente di 5BT. Nella classe è presente un alunna con obiettivi minimi, per la quale è stato predisposto un P.E.I., che prevede un sistema di valutazione riferito ad un percorso individualizzato, con obiettivi educativi e formativi non interamente riconducibili ai programmi ministeriali. Per un altro alunno, con diagnosi DSA, il C.d.C. ha approvato in data 25 nov un piano didattico personalizzato. La frequenza alle lezioni è stata regolare per quasi tutti gli alunni. Solo due alunne.hanno un numero maggiore di assenze, pur non superando i limiti stabiliti per eventuale non ammissione. Tutti gli alunni hanno mantenuto durante l anno scolastico un comportamento corretto nei confronti dei docenti e dei compagni. I rapporti umani all interno della classe sono stati improntati al rispetto reciproco, e la classe appare veramente unita e solidale. Per quanto riguarda il possesso dei prerequisiti, sebbene in modo diversificato e con la presenza di alcune mediocrità, il gruppo esprime attitudini e preparazione di base mediamente sufficiente a livello generale. La partecipazione degli studenti al lavoro didattico ed al dialogo educativo è stata generalmente positiva ma non sempre, per tutti, pienamente responsabile e consapevole dell importanza e delle difficoltà dei traguardi da raggiungere. E venuta a mancare, qualche volta, quella spinta propositiva tanto utile alla maturazione delle coscienze individuali e di gruppo. Questo comportamento ha prodotto un evidente flessione anche sul rendimento medio generale. Sul piano del rendimento scolastico, la classe appare divisa. Un gruppo ha dimostrato impegno costante ottenendo risultati nel complesso discreti; per l altro gruppo lo studio e l applicazione, evidenziati soprattutto nel pentamestre, sono valsi a colmare le fragilità iniziali nei confronti delle diverse discipline, riuscendo a raggiungere un profitto nel complesso sufficiente. Le difficoltà che ancora permangono in alcuni ragazzi sono imputabili sia ad un bagaglio di competenze poco solido, sia a un metodo di studio mnemonico e orientato prevalentemente ad una conoscenza essenziale degli argomenti. Nonostante ciò, in quest ultimo periodo, la classe ha acquisito un profilo complessivamente accettabile. Nel biennio post - qualifica la classe ha beneficiato della continuità didattica di tutti gli insegnanti ad eccezione del docente di tedesco, di matematica e scienze motorie. Pur nella diversità degli interventi, unico è stato l obiettivo del Consiglio di Classe da perseguire: fare acquisire agli alunni conoscenze, competenze e capacità nelle varie discipline che potessero, nel loro prossimo futuro, essere spendibili professionalmente e culturalmente. Si è cercato di accrescere l interesse e la partecipazione degli studenti mediante la trattazione di argomenti legati ai loro interessi personali e professionali. L esperienza dell alternanza scuola-lavoro, sotto meglio descritta, che ha contemplato una preparazione teorica, uno stage in azienda per 5 settimane ed una restituzione dell esperienza durante l anno in corso, ha certamente rappresentato per gli studenti un momento di crescita molto significativa. Due studenti di questa classe hanno partecipato al progetto internazionale Leonardo, svolgendo il loro stage in UK. 4

5 Al fine di consentire a ciascuno di essi di poter scegliere con maggior consapevolezza la propria attività di lavoro o la prosecuzione degli studi, coerentemente con le proprie capacità ed attitudini, sono state effettuate delle attività di orientamento, meglio specificate in seguito. Partecipazione a Job & Orienta, mostra convegno nazionale: orientamento, scuola, formazione, lavoro - presso la Fiera di Verona. Partecipazione ai moduli FSE in orario pomeridiano. Incontro approfondimento sulla Crisi del 29 e globalizzazione Incontro su: La crisi dell Europa, lo sterminio degli ebrei e la memoria del XX secolo Incontro sulle Foibe Incontro Sentieri di legalità - Un eroe borghese: Giorgio Ambrosoli Incontro sul razzismo Partecipazione ad incontri sulla bioetica Incontro sul volontariato in ospedale Incontro sulla donazione di organi, sangue e midollo con FIDAS, ADMO, AIDO Partecipazione al viaggio di istruzione a Praga 5

6 ELENCO DOCENTI CLASSE 4^ E 5^ MATERIE DOCENTI CLASSE 4^ DOCENTI CLASSE 5^ Italiano POLISTENA M.ROSA POLISTENA M.ROSARIA Storia POLISTENA M.ROSA POLISTENA M.ROSARIA Matematica PETRONE BARBARA CORDIANO MARCO Tedesco SESSA PAOLA GIGANTE ONOFRIO Tecniche professionali FIN CRISTINA FIN CRISTINA Diritto-Economia MUSACCHIO M.TERESA MUSACCHIO M.TERESA Lingua Inglese OMENETTO MANUELA OMENETTO EMANUELA Tecniche di comunicazione FISSOLO LAURA FISSOLO LAURA Educazione Fisica TRULLA GIANLUCA CARTA PATRIZIA Informatica e Laborat. VEZZARO RENATO VEZZARO RENATO Religione DADDELLI FRANCO DADDELLI FRANCO Sostegno PICCOLO CARMELA PICCOLO CARMELA 6

7 b) ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Biennio L Attività di Alternanza Scuola Lavoro - Indirizzo Gestionale Il progetto biennale di Alternanza Scuola Lavoro nella classe 5^B commerciale è stato attuato attraverso le seguenti attività: un incontro per la presentazione dell attività ai genitori all inizio della classe quarta attività in classe: - Unità di Apprendimento 1 (classe quarta): Presentarsi in azienda discipline coinvolte : Economia d Azienda, Laboratorio trattamento testi, Inglese, Italiano, Comunicazione (esperto esterno) - Unità di Apprendimento 2 (classe quarta): attività preparatoria al periodo di formazione in situazione di lavoro nel periodo maggio/luglio - Unità di Apprendimento 3 (classe quinta): attività preparatoria alla restituzione dell esperienza di stage incontri con esperti esterni 1. Informazioni sulla normativa per la sicurezza (classe quarta) 2. Redazione del Curriculum Vitae (Europass) e della lettera di presentazione (cl. quarta) 3. Simulazione colloquio di lavoro (classe quarta) apprendimento in situazione lavorativa: - un incontro per conoscenza dell azienda - stage di 200 ore alla fine della classe quarta, dal 20 maggio al 27 giugno Gli alunni che hanno partecipato al Progetto ASL finanziato dal FSE hanno effettuato un secondo periodo di stage dal 01 settembre al 05 settembre 2014 presentazione formale dell esperienza di apprendimento in situazione lavorativa fatta dagli studenti di quinta davanti ad un pubblico formato da genitori, tutor aziendali, docenti e studenti certificazione delle competenze alla fine della classe quinta a cura del consiglio di classe Competenze Mirate e Compiti-Prodotti Gli obiettivi dell Alternanza Scuola lavoro sono stati definiti in termini di competenze che gli studenti dovevano acquisire. Le competenze scelte, promosse attraverso le attività e i compiti-prodotti specificati nelle tre Unità di Apprendimento, sono: per gli assi culturali: padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti. Produrre testi scritti di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi professionali: interagire nel sistema azienda e riconoscere i diversi modelli di strutture organizzative aziendali, svolgendo attività connesse all attuazione di procedure riguardanti l area amministrativa e commerciale. Integrare le competenze professionali con quelle linguistiche. Intervenire nel sistema informativo aziendale attraverso l uso di strumenti tecnologici, con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio 7

8 COGNOME NOME VALUTAZIONE EVENTO VALUTAZIONE LETTERA VALUTAZIONE CV VALUTAZIONE RELAZIONE MEDIA LETT. CV REL. VALUTAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Media) VALUTAZIONE DEL TUTOR AZIENDALE Media Valutazione c.d.c./valutazione Tutor azienda Competenza professionali Competenze assi culturali Competenze di cittadinanza di cittadinanza: presentarsi in maniera adeguata al contesto e alla tipologia degli interlocutori e gestire le relazioni nel rispetto della chiarezza, affidabilità e responsabilità, nell osservanza delle regole. I compiti-prodotti richiesti sono: Curriculum Vitae e lettera di presentazione Copie di documenti redatti durante la permanenza in azienda Relazione sul periodo di apprendimento in situazione lavorativa, presentata con elaborato scritto e multimediale, articolata nei seguenti paragrafi: o presentazione dell azienda o descrizione dell esperienza, con particolare riferimento all area/funzione in cui è stata svolta l attività, ai compiti assegnati, ai rapporti con il tutor e le altri funzioni aziendali o considerazioni personali sul valore dell esperienza Valutazione e certificazione delle competenze Alla valutazione delle attività di Alternanza Scuola Lavoro hanno contribuito i docenti del Consiglio di Classe, gli esperti esterni e i tutor aziendali. Tutti i soggetti coinvolti nella valutazione hanno fatto uso di una griglia comune istanziata e seconda dei casi. In particolare i tutor aziendali hanno valutato l attività di apprendimento in situazione lavorativa (stage) mentre i docenti coinvolti nelle diverse Unità di Apprendimento hanno espresso una valutazione relativamente ai compiti-prodotti richiesti agli studenti. In base a tutti gli elementi raccolti il Consiglio di Classe ha provveduto alla certificazione delle competenze degli assi culturali, professionali e di cittadinanza. La schede che seguono riporta i dati significativi cui si è tenuto conto per procedere alla certificazione delle competenze Valutazione e certificazione delle competenze N. 1 GRADO DI PADRONANZA: BASILARE, per gli alunni con punteggio da 65 a 75 ADEGUATO, per gli alunni con punteggio da 76 a 89 ECCELLENTE, per gli alunni con punteggio da 90 a 100 BARCHUK OKSANA 97 90,37 91,11 82, , ,09 ECCELLENTE ADEGUATO ECCELLENTE 2 BERTEZZOLO CHIARA 92 88,15 88,89 80, , ,20 BASILARE ADEGUATO ECCELLENTE 3 CHIUMENTO LUCA 81 79,26 82,22 76, , ,89 ADEGUATO ADEGUATO ADEGUATO 4 DONKOR GIUSEPPINA 77 76,30 78,52 63, , ,39 BASILARE BASILARE ADEGUATO 5 FALIVA SILVIA 77 67,41 68,15 67, , ,54 ADEGUATO BASILARE ADEGUATO 6 FISCATO KETTY 70 68,15 68,15 66, , ,12 BASILARE BASILARE BASILARE 7 JOSIFOVA MARIA 70 65,00 65,00 65, , ,63 BASILARE BASILARE BASILARE 8 LEONARDI LUCIANA DESIREE 85 68,89 68,89 56, , ,43 ADEGUATO BASILARE ADEGUATO 9 MINATI ALICE 83 74,81 75,56 70, , ,49 BASILARE BASILARE ADEGUATO 10 PINTUS ALESSIA 84 92,59 91,85 78, , ,92 ADEGUATO ADEGUATO ADEGUATO 11 PIRAS MASSIMO 75 73,33 71,85 65, , ,22 ADEGUATO BASILARE BASILARE 12 RIELLO FEDERICO 79 74,07 72,59 64, , ,26 ECCELLENTE BASILARE ADEGUATO 13 RIZZI MARCO 80 75,56 74,07 69, , ,88 ADEGUATO BASILARE ADEGUATO 14 SPATARO SAMUELE 80 86,67 85,93 71, , ,96 BASILARE ADEGUATO ADEGUATO 15 WARAHENA TARUSHI 74 64,44 64,44 65, , ,91 ADEGUATO BASILARE BASILARE 8

9 Apprendimento in Situazione Lavorativa COGNOME NOME Azienda Località Azienda N. ore BARCHUK OKSANA BERTEZZOLO CHIARA INPS Vicenza NET 1 Vicenza CHIUMENTO LUCA FRIDLE sistemi di tenuta srl Costabissara 240 DONKOR GIUSEPPINA TORNERDA P.M.S. srl Montecchio Maggiore 239 FALIVA SILVIA COMUNE DI CALDOGNO ente locale Caldogno 175 FISCATO KETTY Pietro FIORENTINI spa Vicenza 232 JOSIFOVA MARIA PISCINE di Vicenza spa soc.sport Vicenza 160 LEONARDI LUCIANA DESIREE MINATI ALICE PINTUS ALESSIA SIMPA DUE srl Marola 198 Pietro FIORENTINI spa Vicenza 232 PISCINE di Vicenza spa soc.sport. Vicenza 235 PIRAS MASSIMO DEBENHAMS shopping centre Liechfield (UK) 120* RIELLO FEDERICO CONVETT srl Bressanvido 240 RIZZI MARCO DEBENHAMS shopping centre Liechfield (UK) 120* SPATARO SAMUELE WARAHENA TARUSHI Pietro FIORENTINI spa Vicenza 192 AIM Vicenza 196 *gli studenti Piras Massimo e Rizzi Marco hanno partecipato al progetto LEONARDO, finanziato dalla comunità europea, che prevedeva una settimana di preparazione linguistica e tre settimane di stage lavorativo in UK. Gli alunni di seguito elencati hanno partecipato al Progetto FSE: COGNOME CHIUMENTO DONKOR FISCATO MINATI PINTUS RIELLO SPATARO NOME LUCA GIUSEPPINA KETTY ALICE ALESSIA FEDERICO SAMUELE 9

10 Nell ambito del Progetto ASL finanziato dal FSE: FORMAZIONE PER ADDETTI COMMERCIO E MARKETING sono state realizzate n. 55 ore d aula in orario extrascolastico, di cui 20 ore nella classe quarta e 35 ore nella classe quinta. Gli alunni hanno partecipato ai seguenti incontri: PROGETTO ASL FSE: FORMAZIONE PER ADDETTI COMMERCIO E MARKETING FORMAZIONE IN AULA EXTRACURRICULARE Temi Comunicazione multimediale Modulistica commerciale Marketing dei servizi e prodotti Incontri Individuare il target del prodotto comunicativo (sito web, presentazione multimediale, brochure...) in base alle esigenze aziendali e in relazione alla concorrenza al fine di garantirne l'efficacia Principi di accessibilità e usabilità di un sito web. Caratteristiche generali di un sito CMS Caratteristiche generali di un sito HTML Applicativi di publishing e presentazioni multimediali Modalità di inserimento dati in un sito HTML Modalità di monitoraggio di un sito I fondamenti della comunicazione visiva Ricerca e raccolta di materiale da utilizzare in prodotto multimediale Realizzazione di una presentazione multimediale Gestione della modulistica relativa alle transazioni commerciali La modulistica commerciale nazionale e internazionale, normativa fiscale riferita alla modulistica commerciale, modalità e normativa dei trasporti nazionali e internazionali Analisi del microambiente (fornitori intermediari commerciali-clienti concorrenza) e del macro ambiente (studio del territorio) Il comportamento del cliente consumatore E-commerce Politiche di marketing e marketing mix 10

11 c) SIMULAZIONI DI ESAME 1) PRIMA PROVA SCRITTA (ITALIANO) CRITERI SEGUITI PER LA PROGETTAZIONE Il dipartimento di materia ha stabilito di somministrare a tutte le classi quinte una simulazione di prima prova del tutto simile a quella d esame, per cui sono state previste tutte e quattro le tipologie (tipologia A: analisi di un testo letterario; tipologia B: saggio breve o articolo di giornale di ambito artistico-letterario, socio-economico, storico e tecnico-scientifico; tipologia C: tema storico; tipologia D: tema di ordine generale); la durata è stata di 6 ore scolastiche; è stata usata la stessa griglia di valutazione che viene allegata. La simulazione si è svolta il giorno 6 maggio 11

12 PROVA SCRITTA DI ITALIANO: TIPOLOGIA A Alunno/a Classe INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Molto scorretta e povera lessicalmente 0-1 Parzialmente corretta 2 Sufficientemente corretta 3 Corretta, scorrevole e ricca lessicalmente 4 Correttezza e proprietà Linguistica Comprensione e sintesi del testo Analisi del testo Capacità di interpretazione e di contestualizzazione Carente Sufficiente Corretto Incompleta e molto imprecisa Parzialmente sviluppata Sufficientemente sviluppata Articolata e approfondita Approssimativa Sufficiente Discreta Buona/Ottima Voto Totale punteggio L insegnante PROVA SCRITTA DI ITALIANO: TIPOLOGIA B Alunno/a Classe INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Molto scorretta e povera lessicalmente 0-1 Parzialmente corretta 2 Sufficientemente corretta 3 Corretta, scorrevole e ricca lessicalmente 4 Correttezza e proprietà Linguistica Pertinenza alla traccia e ricchezza dei contenuti Capacità argomentativa e coerenza interna Rispondenza alla tipologia scelta Frammentaria Parziale Sufficiente Ampia Completa e approfondita Incompleta e molto imprecisa Parzialmente sviluppata Sufficientemente sviluppata Articolata e approfondita Parzialmente rispondente Pertinente e ben sviluppata Voto Totale punteggio L insegnante

13 PROVA SCRITTA DI ITALIANO: TIPOLOGIA C D Alunno/a Classe INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Molto scorretta e povera lessicalmente 0-1 Parzialmente corretta 2 Sufficientemente corretta 3 Corretta, scorrevole e ricca lessicalmente 4 Correttezza e proprietà linguistica Pertinenza alla traccia e ricchezza dei contenuti Capacità argomentativa e coerenza interna Organicità delle opinioni e spirito critico Frammentaria Parziale Sufficiente Ampia Completa e approfondita Incompleta e molto imprecisa Parzialmente sviluppata Sufficientemente sviluppata Articolata e approfondita Parzialmente rispondente Pertinente e ben sviluppata Voto Totale punteggio L insegnante

14 2) SECONDA PROVA SCRITTA TECNICHE PROFESSIONALI SERVIZI COMMERCIALI CRITERI SEGUITI PER LA PROGETTAZIONE La simulazione è stata progettata in base ai programmi svolti e sulla base di esami ministeriali di anni precedenti e di tipologie di prove proposte, coerenti con le indicazioni contenute nella Circolare del MIUR n. 1, Prot. n. 758 del 29/01/2015. TESTO Data Tipologia Durata Strumenti 8/5/2015 Seconda Prova Scritta 6 h Codice Civile non commentato Calcolatrice scientifica Il bilancio di esercizio rappresenta una fonte di informazioni importante per numerosi stakeholder sia del passato ma, anche delle sue prospettive future. Dopo avere commentato l affermazione il candidato descriva l analisi di bilancio come evoluzione e integrazione dell informativa di bilancio, con particolare attenzione al ruolo prospettico. Proceda quindi, utilizzando i prospetti sotto riportati dello Stato Patrimoniale e del conto economico riclassificato a valore aggiunto ad effettuare l analisi di bilancio, applicando i principali indici finanziari ed economici. Esprima un giudizio sulla situazione della società in un report, sapendo che l utile è stato destinato a Riserva per la quota obbligatoria e che non sono stati rilevati ratei. ATTIVO PASSIV0 A) CREDITI VERSO SOCI A) PATRIMONIO NETTO B) IMMOBILIZZAZIONI I Capitale sociale I IMMOBILIZZ. IMMATERIALI IV Riserva legale Altre riserve (distintamente II IMMOBILIZZ. MATERIALI VII ind.) III IMMOBILIZZAZIONI FINANZ IX Utile o perdita esercizio TOTALE IMMOBILIZZ. (B) Totale C) ATTIVO CIRCOLANTE I RIMANENZE B) FONDI RISCHI E ONERI II CREDITI C) DEBITI PER TFR (di cui esigibili oltre l'es. successivo) III ATTIVITA' FINANZIARIE CHE NON COSTITUISCONO IMMOBILIZZAZIONI D) DEBITI (di cui esigibili oltre l'es. IV DISPONIBILITA' LIQUIDE successivo) TOTALE ATTIVO CIRC. (C) D) RATEI E RISCONTI ATTIVI E) (di cui disaggio ) 14 RATEI E RISCONTI PASSIVI TOTALE ATTIVITA' TOTALE PASS. e NETTO

15 Conto economico a valore aggiunto VALORE DELLA PRODUZIONE Ricavi delle vendite e delle prestazioni Variaz. riman. prodotti in lav., semil., finiti Costruzioni interne Rimb. spese di vendita Totale valore della produzione COSTO DEI BENI E SERVIZI ACQUISTATI Totale costo beni e servizi ACQUISTATI VALORE AGGIUNTO Costi del personale Totale costi del personale MARGINE OPERATIVO LORDO Ammortamenti e svalutazioni Totale ammortamenti e svalutazioni Margine operativo netto PROVENTI E ONERI FINANZIARI Proventi finanziari Oneri finanziari RISULTATO DELLA GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE ACCESSORIA Fitti attivi Oneri della gest. extra RISULTATO DELLA GESTIONE EXTRACARATTERISTICA Risultato della gestione ordinaria GESTIONE STRAORDINARIA RISULTATO DELLA GESTIONE STRAORDINARIA RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE(A-B+/-C+/-D+/-E) imposte sul reddito di esercizio, correnti, differite e anticipate UTILE o PERDITA di Esercizio Successivamente il candidato svolga uno dei seguenti punti a scelta: A) Caso Sigma spa La Sigma spa è un impresa industriale mono prodotto. La capacità produttiva annua è di unità di prodotto MK01, i costi fissi ammontano a euro, i cv a 25,00 euro. Considerando che il prodotto si vende al prezzo di euro 55,00, calcolare: la quantità da produrre e vendere per raggiungere il pareggio economico, esprimendola anche in termini di percentuale di sfruttamento della capacità produttiva; la quantità da produrre e vendere per ottenere un risultato economico positivo di euro. Proceda, quindi, alla redazione di un report supportato da esemplificazioni numeriche e da adeguate rappresentazioni grafiche, che consenta alla direzione di verificare: le conseguenze di un eventuale azione promozionale che riduca il prezzo del prodotto a euro 50, suggerendo alla direzione quali modifiche strutturali si renderebbero necessarie; la possibilità di acquisire un nuovo cliente interessato a 500 unità di prodotto disposto a pagare il prezzo unitario di 50,00, sapendo che attualmente produce e vende unità all anno. Proceda anche ad effettuare il calcolo del risultato economico nell ipotesi di acquisizione dell ordinativo. 15

16 B) Caso Omicron spa La direzione commerciale dell impresa industriale Omicron spa si prefigge di conseguire nell esercizio successivo vendite per unità al prezzo di 45,00 euro dell unico prodotto realizzato (X730). I fattori produttivi da impiegare e i relativi costi unitari per la realizzazione di un unità del prodotto sono i seguenti: materia A: kg 4,20; costo unitario std 45,00 euro. Manodopera: 33 minuti, costo orario 22,00 euro. Si prevedono le seguenti scorte di magazzino: prodotto X730: esistenze iniziali 5.200, rimanenze finali 6.500; materia A: esistenze iniziali , rimanenze finali Il candidato utilizzando i dati a disposizione rediga i budget settoriali (possono redigere solo: vendite, produzione, fabbisogno, approvvigionamenti, manodopera), quello economico e quello patrimoniale sintetico, sapendo che l azienda ha formulato i seguenti indici previsionali: ROE 9,50%; ROI 12%; ROS 14%; leverage 2,3 (dati mancanti a scelta). 16

17 INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Non pertinente 0 Pertinenza Conoscenza dei contenuti e uso appropriato di terminologia specifica Parte applicativa Presenta molte parti non pertinenti Tutte le parti sono pertinenti o solo alcune non lo sono Le conoscenze sono carenti e/o errate. Non usa il linguaggio specifico Le conoscenze sono superficiali o incomplete o errate. L esposizione è poco curata Conosce gli argomenti nei caratteri essenziali ma commette qualche lieve errore. Utilizza termini specifici in modo corretto La conoscenza è complessivamente esauriente pur in presenza di qualche imperfezione. Sa utilizzare il linguaggio specifico Conosce gli argomenti in maniera pienamente esauriente. Il linguaggio è corretto anche se sono presenti alcune imperfezioni La conoscenza degli argomenti è approfondita. Il linguaggio è corretto Conoscenza ottima e padronanza nel linguaggio settoriale Non svolta Parzialmente svolta e con gravi errori Parzialmente svolta e con errori Parzialmente svolta ma corretta Svolta in ogni sua parte ma con qualche errore Corretta con qualche imperfezione Corretta e completa TOTALE /15 17

18 TERZA PROVA SCRITTA CRITERI SEGUITI PER LA PROGETTAZIONE Le prove somministrate si sono basate su argomenti del programma delle discipline coinvolte, sottoponendo agli alunni 3 domande tipologia B. Si sono privilegiate materie specifiche dell indirizzo. Data Tipologia Durata Strumenti 07 febbraio 2015 B 3 ore dizionario bilingue, calcolatrice scientifica MATEMATICA 1. Scrivere l equazione della retta tangente al grafico di una funzione in un suo punto e calcolarla per la seguente funzione: 2. Determinare gli asintoti della seguente funzione: 3. Determinare massimi e minimi relativi della seguente funzione: 18

19 INGLESE Read the document carefully and develop the tasks beside: 1 -Summarize the content of the letter stating who the parties involved are and giving details about the reason for writing.( 3-5 lines) 2- Write the body of a letter of reply giving the following details (Ci deve essere stata una svista nel reparto imballaggi; si è già provveduto alla sostituzione della merce danneggiata; arriverà entro dieci giorni). (5-7 lines) 3- What kind of events make companies complain about things? (3-5 lines) 19

20 DIRITTO 1) Descrivi brevemente i vari strumenti finanziari spiegando i vari gradi di rischio di ciascun investimento. 2) Spiega cos'è un fondo comune d'investimento, quali vantaggi dà ai risparmiatori e come si distinguono i vari tipi di fondi. 3) Spiega gli obiettivi e i conseguenti strumenti della politica monetaria e creditizia SCIENZE MOTORIE 1 il candidato descriva brevemente le fasi del massaggio (5 righe) 2 Un valido contributo per il raggiungimento dell equilibrio fisico e mentale della persona può essere ottenuto dalla pratica dello Yoga (termine sanscrito che significa unione). Lo yoga è un antichissima forma di autodisciplina nata in India, che permette a colui che lo pratica di rendere consapevole la propria persona. Qual è la sequenza più indicata per iniziare la pratica? 3 nello sport il training autogeno rappresenta un ottimo ausilio per contrastare l ansia e la tensione, facilitando l accesso dell atleta nella condizione ottimale per la performance agonistica. Quali sono le fasi di questo esercizio? Data Tipologia Durata Strumenti 01 aprile 2015 B 3 ore dizionario bilingue, calcolatrice scientifica INGLESE READ THE LETTER AND ANSWER THE QUESTIONS: Dear Mr Clayton, Further to our telephone conversation of last Monday, in which we discussed our overdue invoice (no.268, dated 31 st July), I am writing to confirm the details of the repayment plan we agreed on. The first instalment of 280 is to be paid by the 15 th of this month; the balance is to be paid in 12 monthly instalments of 200 by the last working day of each month, starting from the end of the current month. I trust that this will make your cash-flow situation easier and that there will be no more delays in making these payments. Should there be any further difficulties, however, please contact me immediately. I look forward to receiving your settlement. Yours sincerely, Lynne Roberts 20

21 1 Which type of letter is it and why has the plan been necessary? (5-7- lines) When did Mr Clayton and Lynne Roberts decide on the plan? 2 What is the total to be repaid? How many separate payments does Mr Clayton have to make to pay the invoice in full? (3-5 lines) 3 Now write Lynne Roberts original letter, using the information in the letter above. (5-7 lines) 21

22 MATEMATICA 1- Leggere il grafico seguente deducendo dominio, codominio, caratteristiche, intersezioni con gli assi cartesiani, segno, andamento, punti di discontinuità, asintoti, monotonia, massimi e minimi relativi, massimi e minimi assoluti, punti di non derivabilità, concavità e flessi della funzione corrispondente 2- Determinare gli asintoti della seguente funzione: 3- Determinare concavità e flessi della seguente funzione: 22

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli