ALDO MORO. Rebecca Pastore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALDO MORO. Rebecca Pastore"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale ALDO MORO Via Gallo Pecca n. 4/ RIVAROLO CANAVESE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ESAME DI STATO Rebecca Pastore Classe V AL Sezione Scientifica La crisi: ieri e oggi Quando gli Stati Uniti starnutiscono il resto del mondo prende il raffreddore

2 Introduzione Fin dal primo momento in cui ho sentito parlare del mondo dell alta finanza, così lontano dalla mia vita, ne sono rimasta affascinata e anche leggermente spaventata. Fino a qualche anno fa non avevo la minima idea di cosa fossero le banche di investimento, le azioni, la Bce ecc.. Insomma, non conoscevo il mondo della Borsa. Subito mi sono informata su internet sul significato di svariati termini che sentivo dire al telegiornale, poi ho iniziato a chiedere alla mia famiglia cosa si intendesse per Titoli azionari. Ma cosa significa che una società si è quotata in borsa? Quali vantaggi le porta correre questo rischio? Proprio per soddisfare questa mia curiosità ho deciso di sviluppare la mia tesina trattando questo argomento e concentrandomi in particolar modo sulla crisi iniziata fra il 2007 e il 2008 e facendone un confronto con quella del Inoltre in un grande momento di crisi come quello che stiamo vivendo, ritengo sia importante, se non addirittura fondamentale, chiedersi da dove vengono tutti i problemi economici che il nostro Paese sta attraversando. 1

3 Procediamo cronologicamente 2

4 IL CROLLO DI WALL STREET E LA GRANDE DEPRESSIONE La data di inizio della crisi del 1929 si pone convenzionalmente al 24 ottobre dello stesso anno (chiamato anche Giovedì Nero) ma in realtà il crollo di Wall Street mette le sue radici già nei primi anni di quel decennio. Da tempo negli Stati Uniti si viveva l Età dell oro e le cifre parlavano chiaro: Dal 1925 al Le industrie americane erano aumentate da a Si diffondeva il consumismo generalizzato (nascevano le prime industrie di elettrodomestici, lavatrici, radio ecc..) e la produttività industriale salì al 43%. I salari aumentavano del 20% (crescita più lenta rispetto a quella della produzione industriale). La discrepanza fra la crescita della produttività e i salari spingeva le aziende di ogni settore a investire sempre più azioni in Borsa. Questa febbre frenetica di titoli sfuggì però ad ogni controllo e diventò febbre speculativa. La crescita convulsa e la politica del denaro facile contagiò un po tutti, dai piccoli risparmiatori ai più ricchi: erano i ROARING TWENTIES. MA.. La distribuzione del reddito non era affatto omogenea, infatti il solo 5% della popolazione statunitense aveva nelle mani l 1/3 dell intero reddito e tale concentrazione faceva sì che l economia dipendesse dalle loro decisioni. Questo 5%, però, era formato anche da persone le cui aziende avevano un valore nominale elevatissimo in contrasto con un valore reale minimo: questo vuol dire che sulla carta una certa azienda capitalizzava 1000 mentre nella realtà possedeva solo

5 Questi procacciatori di affari, impostori e truffatori fecero in modo che dal secondo semestre del 24 in cui i primi titoli quotati in Borsa valevano 106 punti, a fine agosto del 29 quegli stessi raggiungessero i 499 punti. Nel frattempo il potere d acquisto dei salari diminuì facendo calare spropositatamente la domanda, ci fu un surplus di produzione e i magazzini rimasero pieni di merce invenduta: era il periodo della SOVRAPPRODUZIONE. Nel 1923 le azioni negoziate furono 237 milioni; nel 1924, 280 milioni; nel 1925, 452 milioni; nel 1926, 449 milioni; nel 1927, 577 milioni; nel 1928, 920 milioni e quasi altrettanti nei sei mesi del fatidico 1929, cioè 827milioni. Corriere della Sera, 31 ottobre 1929 Già a settembre del 29, quindi prima del fatidico Giovedì nero, grandi economisti erano preoccupati dell imminente scoppio di questa Speculative Bubble (Bolla speculativa) che si era creata in questo periodo. Il 5 settembre l economista e imprenditore Roger Babson, tenendo un discorso a Wall Street, lanciò un allarme: Sooner or later a crash is coming, and it may be terrific. Factories will shut down, men will be thrown out of work, the vicious circle will get in full swing and the result will be a serious business depression. Presto o tardi il crack arriverà e sarà tremendo. Gli stabilimenti saranno chiusi, gli operai licenziati, il circolo vizioso diventerà inarrestabile e il risultato sarà una seria crisi economica. Di tutt altra opinione era invece Charles Mitchell, presidente della National City Bank e della Federal Reserve Bank di New York, che, il 15 ottobre, sosteneva: La situazione industriale negli Stati Uniti è assolutamente solida, nulla può fermare il movimento positivo del mercato. Il 21 ottobre il presidente Hoover rassicurò che le attività economiche del paese (quindi produzione e distribuzione delle merci) erano su basi solide. Anche il New York Times, che fino alla settimana prima aveva pubblicato articoli pessimistici riportando parole come quelle di Babson, cambiò posizione e rincuorò i risparmiatori e gli operatori in Borsa. 4

6 Il giorno dopo Mitchell, insieme ad altri banchieri, comprò un gran numero di titoli per frenare il forte ribasso che era iniziato e, a fine giornata, la situazione di pericolo sembrava finita. Il 23 ottobre iniziò la corsa disperata alla vendita di titoli e ormai la mattina del 24 ottobre, ancor prima che la Borsa aprisse, tutta New York era nel panico. A metà mattinata c era già il caos, dopo aver segnato un punto del non ritorno, si tocca il punto di collasso. Nell aula della Borsa gli agenti cadevano in delirio; altri uscivano dal palazzo urlando come presi da pazzia, mentre fuori, in Wall Street, la folla dei piccoli speculatori faceva ressa piangendo e gridando ad ogni notizia che segnava il polverizzarsi di patrimoni. Il panico dei finanzieri era diventato isterismo e cupe tragedie spirituali seguivano alle tragedie morali Il Corriere della Sera Figura 1: Il vocio di migliaia di persone davanti alla borsa era ormai diventato un chiasso assordante. Ma ad un tratto scese un silenzio tombale dall alto, infatti, tutti si misero a guardare in su. Dal tetto di un palazzo di fronte di dieci piani, si sporgeva un uomo; un altro suicidio? un altra tragedia? un altro agente rovinato? Attimi di gelo nelle vene. Ma era semplicemente un carpentiere che dal tetto dove lavorava si era affacciato per curiosità nel sentire sotto tutto quel baccano. La psicosi del dramma aveva fatto il resto. 5

7 Il martedì 29 ottobre fu ancora più disastroso: se il giovedì precedente le azioni messe in vendita furono quasi 13 milioni, il martedì superarono o i 16 milioni. L indice medio del valore dei titoli dimezzò. L America intera entrò in fibrillazione. Figura 2: l indice dei prezzi delle azioni alla Borsa di New York. Al mattino erano state buttate sul mercato azioni, alle ore 12 il numero era di 8 milioni, alle ore 13,30 era salito a , all ora di chiusura venne stabilito il nuovo primato degli scambi: azioni, che si assommavano a quelle del giovedì ( ) e con quelle di venerdì e sabato, toccavano l impressionante totale di azioni. Il Corriere della Sera 6

8 Ebbe inizio la GRANDE DEPRESSIONE. Il crac travolse il mondo finanziario e si abbattè su tutta l economia statunitense. Gli istituti bancari chiusero immediatamente le linee di credito (bloccarono quindi l accesso ai prestiti). Il potere di acquisto della media borghesia crollò bruscamente e di conseguenza anche il consumo. Ci fu una reazione a catena di fallimenti di Società finanziarie, Istituti di credito, aziende commerciali e industriali. Nell autunno del 30 fallirono 256 banche con depositi per 180 milioni di dollari, a dicembre altri 352 istituti di credito con 370 milioni di depositi e ancora fallì la Bank of United State of New York con più di 200 milioni di dollari di risparmi. Nel 31 da crisi bancaria si passò a crisi economica. Nel 31 i disoccupati erano 8 milioni. Nel 32 erano 12 milioni (un quarto della forza lavoro). Il reddito nazionale era sceso da 85 miliardi a 37 miliardi di dollari nel 32. Il presidente Hoover, ai primi segni dell indebolimento del sistema economico, reagì col protezionismo, continuando la politica economica precedente all anno fatidico. Furono messi in atto sbarramenti doganali all importazione delle merci e i crediti all estero furono sospesi. 7

9 Dall America si passò all Europa.. I governi dei paesi europei seguirono l esempio di Hoover: applicarono il protezionismo e questo fu un grave errore (l esempio più grande fu quello attuato dai Britannici che nel 31 misero in atto un sistema di tariffe preferenziali per gli stati del Commonwealth). Fu la paralisi del mercato internazionale: il flusso di denaro verso l Europa e delle merci da Europa ai mercati americani diminuì rapidamente e tutti gli indici economici crollarono. Ci fu un vero e proprio tracollo in tutti i settori e le lunghe file di persone disoccupate alla ricerca di un lavoro erano ormai un immagine quotidiana anche in Europa. STATO USA 83 Gran 94 Bretagna Francia Germania 86 Italia Figura 3: Indice produzione industriale dopo il 1929: l indice è posto uguale a 100 nel

10 I governi fronteggiarono la situazione affidandosi all economia liberale classica attraverso i seguenti provvedimenti: Conseguire il pareggio del bilancio. Taglio della spesa pubblica. Imposizione di nuove tasse. Questi provvedimenti non servirono a risolvere la situazione. 9

11 La Svolta Nelle elezioni del 1932 negli Stati Uniti si propose di nuovo Hoover, repubblicano, considerato responsabile della crisi che aveva portato il mondo alla rovina. Questa volta, però, fu il partito democratico a vincere le elezioni con la figura di Franklin D. Roosevelt, che fu poi rieletto nuovamente nel 1936, nel 1940 e nel Fin da subito F. D. Roosevelt parlò di New Deal (Il nuovo corso) e promise di portare gli Stati Uniti fuori dalla crisi. Il governo si sarebbe impegnato direttamente e avrebbe preso una serie di decisioni economiche, promuovendo quindi una politica di tipo interventista (diversa, se non opposta al liberismo). I governi possono sbagliare, i Presidenti possono fare errori, ma l immortale Dante ci dice che la divina giustizia pesa i peccati a sangue freddo e a sangue caldo con bilance differenti. Preferisco gli sbagli occasionali di un Governo che vive in spirito di carità alle continue omissioni di un Governo congelato nel ghiaccio della propria indifferenza. Franklin Delano Roosevelt, discorso di accettazione della (ri)nomina alla presidenza degli Stati Uniti, 1936 Il suo intervento fu sistemizzato e teorizzato dall economista britannico e padre della macroeconomia John Maynard Keynes. Egli sosteneva che l intervento pubblico statale nell economia con misure di politica di bilancio e monetaria fosse necessario: era favorita la regolamentazione delle attività economiche e la mediazione dello stato nei rapporti tra capitale e lavoro. 10

12 Il New Deal Nei primi 100 giorni di presidenza furono attuati una serie di provvedimenti a carattere straordinario : 1- Per evitare la corsa agli sportelli per paura di un impennata inflazionistica, le banche furono chiuse una settimana e furono sospesi i pagamenti in oro. 2- Emergency Banking Act: La Federal Reserve diventò Banca Centrale degli Stati Uniti e dovette gestire la politica monetaria, mentre le altre banche furono sottoposte a controlli periodici. 3- Fu introdotta una garanzia statale sui piccoli depositi. 4- Il dollaro fu svalutato, fino a essere deprezzato del 60% nel (Roosevelt voleva usare la svalutazione per operare una diminuzione dei debiti interni e per accrescere il potere d acquisto dei ceti agricoli, in modo che essi potessero intensificare gli acquisti di prodotti industriali, e quindi contribuire attivamente alla ripresa). 5- I tassi di interesse furono abbassati per favorire nuovi investimenti. 6- Furono emessi Titoli di stato per finanziare le spese pubbliche. 7- Furono emessi in gran numero prestiti per chi doveva estinguere il debito del mutuo che non poteva più pagare. Fu pertanto abbandonata la politica di pareggio di bilancio e furono adottate una serie di misure al fine di rimettere in moto l economia delle imprese e aumentare il numero di posti di lavoro. I processi economici furono indirizzati in modo tale da: Favorire la ripresa della produzione industriale. Realizzare una maggiore equità sociale eliminando la speculazione e riducendo lo strapotere dei grandi gruppi finanziari. 11

13 Vediamo ora una serie di misure dedite alla creazione di nuovi posti di lavoro: National Industrial Recovery Act (1933): riforma per introdurre un codice di condotta per la regolazione della concorrenza fra le varie imprese, per la stabilizzazione dei prezzi e per la garanzia di salari minimi e di diritti sindacali ai lavoratori. Agricultural Adjustment Act (1933): rilancio della produzione agricola. Le finanze pubbliche acquistavano le merci in eccedenza che venivano distribuite ai bisognosi. Work Progress Administration (1935): agenzia pubblica con l incarico di gestire i cantieri per la costruzione di opere pubbliche, assumendo manodopera nelle zone rurali e depresse. Fu creata la Tennessee Valley Authority: agenzia col compito di sviluppare energia a basso costo attraverso lo sfruttamento del bacino del Tennessee e di provvedere al riassetto ecologico del territorio. Sempre nel 1935 fu attuata una riforma fiscale per rendere più democratico il sistema delle tasse (in parole povere, più si guadagna più si paga). Social Security Act (1935): indennizzazione disoccupati e creazione di un fondo per la vecchiaia. Figura 4: Il grafico rappresenta il tasso di occupazione negli Stati Uniti fra il 1920 e il E da notare la grande discesa che c è stata fra la data d inizio della crisi e il 1933, mentre, a partire dalla salita al potere di Roosevelt, l andamento è stato nettamente crescente. 12

14 Come si può vedere dal grafico, a partire dal 1933 ci fu l inizio della ripresa. Il fenomeno, però, non fu contemporaneo in tutti i paesi. Per l Italia, ad esempio, bisognò attendere il 1934; per il Belgio, il 1935; ecc. Negli anni seguenti, la produzione continuò a crescere, e con essa l occupazione e gli investimenti. Questa fase di ripresa culminò nel 1937, facendo ritenere che si fosse di nuovo di fronte a un boom. Tuttavia, già sul finire di quell'anno, si poterono rilevare qua e là segni indubbi di recessione. E se questa recessione non si estese e non si aggravò, trasformandosi in una nuova drammatica crisi, questo avvenne perché il mondo aveva imboccato chiaramente la strada del riarmo e della guerra. Nell estate del 1938 l'annessione dell Austria alla Germania e l incontro di Monaco diedero il via, sul finire dell estate dell anno successivo, allo scoppio della seconda guerra mondiale. 13

15 Possiamo ora passare all altra grande crisi da analizzare.. 14

16 LA CRISI DEI MUTUI SUB-PRIME Dopo la Grande Depressione gli Stati Uniti d America hanno vissuto 40 anni di crescita economica senza crisi finanziarie. L economia era strettamente controllata. Le banche erano per lo più locali. Speculare con i risparmi dei clienti era severamente proibito. Le banche di investimento erano formate da pochi soci che mettevano a disposizione i loro soldi e soprattutto NON VOLEVANO RISCHIARE DI PERDERLI. Negli anni 80 le banche di investimento ricevevano una grande quantità di soldi e molti a Wall Street iniziarono ad arricchirsi. Dal 1981 al 1985, gli anni cioè di Ronald Raegan, iniziava il cosiddetto periodo di deregolamentazione in cui furono eseguiti una serie di investimenti rischiosi utilizzando i soldi dei clienti. Alla fine degli anni 80 centinaia di compagnie fallirono e ai contribuenti tutto questo costò 124 miliardi di dollari. Fu la più grande frode bancaria della storia e migliaia di dirigenti finirono in carcere per aver saccheggiato le loro compagnie. Ma l attività di speculazione iniziata con Reagan continuò negli anni 90 con l amministrazione Clinton ed entrambi ignorarono i segnali di allarme sul pericolo legato a quel tipo di investimenti. 15

17 Nel film Inside Job di Charles Ferguson la voce narrante di Matt Damon intervista ministri al tesoro come la francese Christien Lagarde, capi di governo come il primo ministro di Singapore Lee Hsieng Loong, finanzieri illuminati come George Soros, accademici, economisti e persino uno psicologo specializzato in top manager di Wall Street. Le loro parole sono chiare: questa era una crisi che si poteva evitare. Dopo le riforme che seguirono la Grande Depressione non una singola crisi colpì gli Stati Uniti, tuttavia la deregolamentazione progressiva diede origine a un industria sempre più criminale, le cui innovazioni produssero una successione di crisi finanziarie, una peggiore dell altra, eppure poche persone andarono in galera, e questo grazie alla ricchezza e al potere sempre maggiore dell industria. Ma la truffa causò centinaia di miliardi di dollari di perdite. Quando si pensa che è possibile costruire qualcosa dal nulla, è difficile resistere Primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong Questa crisi non è stata un incidente: è stata causata da un industria fuori controllo Matt Damon 16

18 Interessante è la metafora utilizzata dal finanziere George Soros per spiegare la differenza fra un mercato regolamentato e uno non. Figura 5: l immagine rappresenta una petroliera avente scompartimenti. Figura 6: l immagine rappresenta una petroliera senza scompartimenti. Soros sostiene che le grandi petroliere hanno bisogno di scompartimenti per evitare che il petrolio al loro interno le rovesci. Le regolamentazioni introdotte dopo la Grande Depressione hanno introdotto questi scompartimenti (vedi figura 5). La deregolamentazione ha portato alla fine della compartizione quindi il mercato è destinato ad affondare (vedi figura 6). 17

19 Con la deregolamentazione, infatti, si falsificavano conti, si defraudavano i clienti e si riciclava denaro. Esempi significativi sono: La Credit Suisse aiutò a trovare fondi per il programma nucleare iraniano e per i missili balistici. La Citigroup (unione di Citicorp e Travelers che, oltretutto, andava contro una legge emanata dopo la degressione per prevenire che le banche partecipassero a investimenti rischiosi con i soldi degli investitori) aiutò a incanalare narcodollari fuori dal Messico. La FannieMae aumentò le entrate di più di 10 miliardi di dollari fra il 1998 e il Ma allora perché i governi, uno dopo l altro, favorirono questa politica economica al posto di frenarla? 1- Si dava grande fiducia all autoregolamentazione dei mercati. 2- Molte banche erano o troppo grandi o troppo coinvolte per fallire. 3- Il sistema economico era fortemente cambiato a partire dagli anni Le regole esistenti furono male applicate. 5- I pericoli che si correvano non erano stati ben capiti. Rispetto al punto 3 è necessario precisare che l inizio degli anni 90 fu caratterizzato dall invenzione di innovazioni finanziarie (particolari titoli) con le quali gli economisti sostennero di aver reso più sicuro il mercato, mentre nella realtà lo avevano reso altamente più instabile. Con questi derivati si poteva giocare d azzardo su internet in qualsiasi ambito. Alla fine degli anni 90 questa parte di mercato non regolamentato occupava 50 trilioni di dollari e furono addirittura fatte delle leggi per esentare questi strumenti derivati dalle regolamentazioni. L innovazione finanziaria consistette essenzialmente nell inventarsi dei titoli che andavano a occupare, quasi senza soluzione di continuità, tutte o quasi le possibili nicchie dei rapporti rischio/rendimento. I titoli spazzatura (junk bonds), per esempio, offrivano alti rendimenti perché erano ad alto rischio: in sostanza venivano finanziate società che non avrebbero avuto un prestito da banche normali. 18

20 In guerra, in amore e nel sistema bancario ombra tutto è permesso. Si crearono allora società di investimento che erano tagliate fuori dalla regola più importante alla quale una banca normale doveva sottostare, ossia il principio Basilea 2. Basilea 2 stabilisce che le banche devono avere un capitale pari almeno all 8% del loro attivo (questo rapporto viene chiamato Capital Ratio) dove l attivo è rappresentato dai prestiti e dai titoli presenti nel bilancio di una banca mentre il capitale è una sorta di garanzia per la banca: una certa quantità di denaro che essa non deve investire e, quindi, il depositante sa che può contare su questa cifra nel caso in cui le cose vadano male. Ma l attivo è caratterizzato solo da una serie di numeri nella pagina del bilancio, e stava lì, fermo: la banca non doveva fare altro che aspettare che i soldi prestati rientrassero nelle sue tasche. Ma questo non bastava ai finanzieri. Fu creato allora un nuovo marchingegno: le cartolarizzazioni. Questa grande innovazione finanziaria consiste nel vendere il proprio credito a qualcuno e trasferire quindi il rischio ai compratori di questi titoli cartolarizzati. Prendiamo, ora, un esempio pratico dal libro SOS economia ovvero la crisi spiegata ai comuni mortali di Fabrizio Galimberti per capire con più semplicità in cosa consistono. Supponiamo che io faccia un prestito a un caro amico, che ha bisogno di comprare una casa, ma gli mancano un po di soldi. Lui ha bisogno di 100mila euro e ci mettiamo d accordo sul tasso di interesse: mettiamo un 4,8% per 10 anni. Conviene a tutti e due, è meno di quel che la banca gli farebbe pagare e più di quel che potrei ottenere comprando titoli pubblici in euro. Il problema è che, dopo avergli prestato i soldi, succede qualcosa per cui io avrei bisogno di riaverli indietro prima della scadenza. Ma naturalmente l amico non può. Ha comprato la casa e al massimo mi può intestare qualche stanza, ma non mi può ridare i soldi. Cosa faccio? Guardo il mio bilancio, vedo nell attivo quel credito verso un amico e mi viene un idea geniale: vendere quel credito a qualcuno. Non è facile trovare un altro disposto a comperarsi quel credito e sborsare 100mila euro, ma forse posso trovare, fra amici e conoscenti, 25 persone disposte a sborsare 4mila euro ciascuna. Invece di tenere i soldi in banca, dove non rendono niente, me li danno e io do loro un pezzo di carta nel quale riconosco un debito di 4mila euro, pagabile fra 10 anni e sul quale verserò un interesse del 4,8%. Interesse che pagherò con i soldi del caro amico, che puntualmente (speriamo) mi pagherà gli interessi sul prestito di 100mila euro. E il capitale? Lo rimborserò ai magnifici 25 tra 10 anni con i soldi che sempre il caro amico mi avrà restituito. Cosa ho fatto? Ho cartolarizzato il mio credito. P

21 Quindi queste società emisero titoli ad alto rischio e ad alto rendimento. Fu così che il numero di titoli emessi aumentò in maniera spropositata e il settore finanziario si indebitò enormemente. Dopo il 2000 queste innovazioni esplosero e, quando negli Stati Uniti salì Bush nel 2001 l industria era dominata da: 5 banche di investimento: - Goldman Sachs - Morgan Stanley - Lehman Brothers - Merril Lynch - Bear Stearns 2 conglomerati finanziari: - Citigroup - Jp Morgan 3 compagnie di assicurazioni: - AIG - MBIA - AMBAC 3 agenzie di rating: - Moddy s - Standard & Poor s - Fitch Ma come sono legate l una all altra? Attraverso le cartolarizzazioni. 20

22 Prima delle e cartolarizzazioni la situazione era come in Figura 7: Figura 7 I mutui si concedevano con molta attenzione perché per ripagarli si impiegavano anni. La situazione odierna invece si presenta come in Figura 8: Figura 8 I venditori possono vendere i mutui alle banche di investimento, le quali uniscono i mutui ad altro capitale per fare dei prestiti chiamati Colletaralised Debt Obligation ovvero CDO (titoli derivati) ad azionisti (Figura 9). Figura 9 21

23 Figura 10 Le agenzie di rating vengono pagate per valutare i CDO e moltissimi ricevono una tripla A (AAA) che è il grado di investimento più alto, ovvero il più sicuro. Figura 11 Naturalmente non ci sono responsabilità se le loro valutazioni sono false. Fra il 2000 e il 2003 il numero di prestiti quadruplicò (Figura 12). Figura 12 22

24 Ma anche il numero di mutui più rischiosi (i Sub-Prime) crebbe parecchio (Figura 13). Figura 13 E, naturalmente, anch essi ricevettero una tripla A. Questo tipo di titoli era il preferito delle banche di investimento perché avevano tassi di interesse più alti. In questo modo a chiunque poteva essere concesso un mutuo, e, di conseguenza, i prezzi delle case salirono alle stelle: fu la più grande bolla speculativa della storia. Come si nota in Figura 14, ci fu un boom immobiliare esponenziale e dal 1996 al 2006 i prezzi delle case raddoppiarono. Figura 14 23

25 Inoltre in questi 10 anni il numero di mutui sub-prime aumentò da 30 miliardi a 600 miliardi. La Lehman Brothers era la prima società di assicurazioni per prestiti sub-prime. Nel 2004 la Commissione per i titoli e gli scambi (SEC) aumentò il limite di indebitamento per le banche d investimento, che quindi potevano ottenere prestiti maggiori. Dal 2005 al 2008 la Goldman Sachs, Morgan Stanley e Deutsche Bank e altre banche di investimento iniziarono a scommettere con i Credit Default Swaps contro gli stessi titoli che vendevano come estremamenti sicuri (i Credit Default Swaps sono un invenzione della AIG (American International Group): gli investitori pagavano parte dei CDO alla AIG che prometteva loro di pagare i debiti in caso di crollo del valore dei CDO. Tanti speculatori mettevano i propri soldi a disposizione per i Credit Default Swap poiché in caso di crollo del valore dei CDO la AIG avrebbe dovuto pagare sia gli speculatori che le banche di investimento (Figura 15)). Figura 15 24

26 La Moody s, Standard & Pool s e Fitch davano AAA ai subprime perché più ne davano, più venivano pagati. Esse quadruplicarono i profitti dal 2002 al Figura 16 25

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

DIECI DOMANDE E DIECI RISPOSTE SULLA CAMPAGNA DI SOLIDARIETA CON LE DONNE GRECHE

DIECI DOMANDE E DIECI RISPOSTE SULLA CAMPAGNA DI SOLIDARIETA CON LE DONNE GRECHE DIECI DOMANDE E DIECI RISPOSTE SULLA CAMPAGNA DI SOLIDARIETA CON LE DONNE GRECHE A cura di Donnedellacrisi Come nasce l idea di una campagna di solidarietà? In occasione del Social Forum Europeo di Firenze

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati CAPIRE LA FINANZA I Derivati Indice Introduzione 1. Cosa sono i derivati 1.1 Tipi di strumenti derivati 2. Il mercato dei derivati 2.1 Le dimensioni e i trend internazionali 2.2 I derivati scambiati nei

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Politica economica e finanziaria applicata

Politica economica e finanziaria applicata Politica economica e finanziaria applicata Appunti delle lezioni A cura di Alessio Brunelli AFC 2011/12 1 Punto sulla situazione finanziaria corrente: home page di banca carige e in basso a sinistra c

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli Siamo nel mezzo di una crisi finanziaria e reale tanto pervasiva e globale che sta coinvolgendo tutti i paesi, dai più

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

www.scuolabridgemultimediale.it

www.scuolabridgemultimediale.it La vera natura di Bear Stearns Altrimondi - Documenti http://gda.splinder.com/post/16376669 lunedì, 17 marzo 2008 La vera natura di Bear Stearns Il Foglio, domenica 16 marzo Non è vero che Bear Stearns,

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Patto per una Svizzera produttiva

Patto per una Svizzera produttiva Unia Segretariato centrale Weltpoststrasse 20 CH-3000 Berna 15 T +41 31 350 21 11 F +41 31 350 22 11 www.unia.ch Patto per una Svizzera produttiva La Svizzera ha bisogno di un fondo per la produzione basato

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Un muro tra Messico e Stati Uniti

Un muro tra Messico e Stati Uniti Un muro tra Messico e Stati Uniti UUna realtà complessa Tempo fa ho assistito a una messa a El Paso, in Texas, lungo il confine fra il Messico e gli Stati Uniti. È stata celebrata in quel terreno asciutto,

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

"Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi"

Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi Convegno "Populismi e democrazia in Europa" Vicenza, 31 gennaio 2014 "Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi" PERCHÉ L'EUROPA IN ORIGINE? E' pensiero comune credere che i padri fondatori dell'unione

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 29 aprile 2013 Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava

Assemblea degli Azionisti 29 aprile 2013 Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava Assemblea degli Azionisti 29 aprile 2013 Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava 1) Si e finanziato il Meeting di Rimini di Cl? Per quanto?... 6 2) Qual è stato l investimento nei titoli

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia DEL VIZIO E DELLA VIRTÙ 15 maggio 2014 Dollaro ed euro, cicale intelligenti e formiche così così Dissertazione per un esame di filosofia morale. È da considerare

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli