ALDO MORO. Rebecca Pastore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALDO MORO. Rebecca Pastore"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale ALDO MORO Via Gallo Pecca n. 4/ RIVAROLO CANAVESE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ESAME DI STATO Rebecca Pastore Classe V AL Sezione Scientifica La crisi: ieri e oggi Quando gli Stati Uniti starnutiscono il resto del mondo prende il raffreddore

2 Introduzione Fin dal primo momento in cui ho sentito parlare del mondo dell alta finanza, così lontano dalla mia vita, ne sono rimasta affascinata e anche leggermente spaventata. Fino a qualche anno fa non avevo la minima idea di cosa fossero le banche di investimento, le azioni, la Bce ecc.. Insomma, non conoscevo il mondo della Borsa. Subito mi sono informata su internet sul significato di svariati termini che sentivo dire al telegiornale, poi ho iniziato a chiedere alla mia famiglia cosa si intendesse per Titoli azionari. Ma cosa significa che una società si è quotata in borsa? Quali vantaggi le porta correre questo rischio? Proprio per soddisfare questa mia curiosità ho deciso di sviluppare la mia tesina trattando questo argomento e concentrandomi in particolar modo sulla crisi iniziata fra il 2007 e il 2008 e facendone un confronto con quella del Inoltre in un grande momento di crisi come quello che stiamo vivendo, ritengo sia importante, se non addirittura fondamentale, chiedersi da dove vengono tutti i problemi economici che il nostro Paese sta attraversando. 1

3 Procediamo cronologicamente 2

4 IL CROLLO DI WALL STREET E LA GRANDE DEPRESSIONE La data di inizio della crisi del 1929 si pone convenzionalmente al 24 ottobre dello stesso anno (chiamato anche Giovedì Nero) ma in realtà il crollo di Wall Street mette le sue radici già nei primi anni di quel decennio. Da tempo negli Stati Uniti si viveva l Età dell oro e le cifre parlavano chiaro: Dal 1925 al Le industrie americane erano aumentate da a Si diffondeva il consumismo generalizzato (nascevano le prime industrie di elettrodomestici, lavatrici, radio ecc..) e la produttività industriale salì al 43%. I salari aumentavano del 20% (crescita più lenta rispetto a quella della produzione industriale). La discrepanza fra la crescita della produttività e i salari spingeva le aziende di ogni settore a investire sempre più azioni in Borsa. Questa febbre frenetica di titoli sfuggì però ad ogni controllo e diventò febbre speculativa. La crescita convulsa e la politica del denaro facile contagiò un po tutti, dai piccoli risparmiatori ai più ricchi: erano i ROARING TWENTIES. MA.. La distribuzione del reddito non era affatto omogenea, infatti il solo 5% della popolazione statunitense aveva nelle mani l 1/3 dell intero reddito e tale concentrazione faceva sì che l economia dipendesse dalle loro decisioni. Questo 5%, però, era formato anche da persone le cui aziende avevano un valore nominale elevatissimo in contrasto con un valore reale minimo: questo vuol dire che sulla carta una certa azienda capitalizzava 1000 mentre nella realtà possedeva solo

5 Questi procacciatori di affari, impostori e truffatori fecero in modo che dal secondo semestre del 24 in cui i primi titoli quotati in Borsa valevano 106 punti, a fine agosto del 29 quegli stessi raggiungessero i 499 punti. Nel frattempo il potere d acquisto dei salari diminuì facendo calare spropositatamente la domanda, ci fu un surplus di produzione e i magazzini rimasero pieni di merce invenduta: era il periodo della SOVRAPPRODUZIONE. Nel 1923 le azioni negoziate furono 237 milioni; nel 1924, 280 milioni; nel 1925, 452 milioni; nel 1926, 449 milioni; nel 1927, 577 milioni; nel 1928, 920 milioni e quasi altrettanti nei sei mesi del fatidico 1929, cioè 827milioni. Corriere della Sera, 31 ottobre 1929 Già a settembre del 29, quindi prima del fatidico Giovedì nero, grandi economisti erano preoccupati dell imminente scoppio di questa Speculative Bubble (Bolla speculativa) che si era creata in questo periodo. Il 5 settembre l economista e imprenditore Roger Babson, tenendo un discorso a Wall Street, lanciò un allarme: Sooner or later a crash is coming, and it may be terrific. Factories will shut down, men will be thrown out of work, the vicious circle will get in full swing and the result will be a serious business depression. Presto o tardi il crack arriverà e sarà tremendo. Gli stabilimenti saranno chiusi, gli operai licenziati, il circolo vizioso diventerà inarrestabile e il risultato sarà una seria crisi economica. Di tutt altra opinione era invece Charles Mitchell, presidente della National City Bank e della Federal Reserve Bank di New York, che, il 15 ottobre, sosteneva: La situazione industriale negli Stati Uniti è assolutamente solida, nulla può fermare il movimento positivo del mercato. Il 21 ottobre il presidente Hoover rassicurò che le attività economiche del paese (quindi produzione e distribuzione delle merci) erano su basi solide. Anche il New York Times, che fino alla settimana prima aveva pubblicato articoli pessimistici riportando parole come quelle di Babson, cambiò posizione e rincuorò i risparmiatori e gli operatori in Borsa. 4

6 Il giorno dopo Mitchell, insieme ad altri banchieri, comprò un gran numero di titoli per frenare il forte ribasso che era iniziato e, a fine giornata, la situazione di pericolo sembrava finita. Il 23 ottobre iniziò la corsa disperata alla vendita di titoli e ormai la mattina del 24 ottobre, ancor prima che la Borsa aprisse, tutta New York era nel panico. A metà mattinata c era già il caos, dopo aver segnato un punto del non ritorno, si tocca il punto di collasso. Nell aula della Borsa gli agenti cadevano in delirio; altri uscivano dal palazzo urlando come presi da pazzia, mentre fuori, in Wall Street, la folla dei piccoli speculatori faceva ressa piangendo e gridando ad ogni notizia che segnava il polverizzarsi di patrimoni. Il panico dei finanzieri era diventato isterismo e cupe tragedie spirituali seguivano alle tragedie morali Il Corriere della Sera Figura 1: Il vocio di migliaia di persone davanti alla borsa era ormai diventato un chiasso assordante. Ma ad un tratto scese un silenzio tombale dall alto, infatti, tutti si misero a guardare in su. Dal tetto di un palazzo di fronte di dieci piani, si sporgeva un uomo; un altro suicidio? un altra tragedia? un altro agente rovinato? Attimi di gelo nelle vene. Ma era semplicemente un carpentiere che dal tetto dove lavorava si era affacciato per curiosità nel sentire sotto tutto quel baccano. La psicosi del dramma aveva fatto il resto. 5

7 Il martedì 29 ottobre fu ancora più disastroso: se il giovedì precedente le azioni messe in vendita furono quasi 13 milioni, il martedì superarono o i 16 milioni. L indice medio del valore dei titoli dimezzò. L America intera entrò in fibrillazione. Figura 2: l indice dei prezzi delle azioni alla Borsa di New York. Al mattino erano state buttate sul mercato azioni, alle ore 12 il numero era di 8 milioni, alle ore 13,30 era salito a , all ora di chiusura venne stabilito il nuovo primato degli scambi: azioni, che si assommavano a quelle del giovedì ( ) e con quelle di venerdì e sabato, toccavano l impressionante totale di azioni. Il Corriere della Sera 6

8 Ebbe inizio la GRANDE DEPRESSIONE. Il crac travolse il mondo finanziario e si abbattè su tutta l economia statunitense. Gli istituti bancari chiusero immediatamente le linee di credito (bloccarono quindi l accesso ai prestiti). Il potere di acquisto della media borghesia crollò bruscamente e di conseguenza anche il consumo. Ci fu una reazione a catena di fallimenti di Società finanziarie, Istituti di credito, aziende commerciali e industriali. Nell autunno del 30 fallirono 256 banche con depositi per 180 milioni di dollari, a dicembre altri 352 istituti di credito con 370 milioni di depositi e ancora fallì la Bank of United State of New York con più di 200 milioni di dollari di risparmi. Nel 31 da crisi bancaria si passò a crisi economica. Nel 31 i disoccupati erano 8 milioni. Nel 32 erano 12 milioni (un quarto della forza lavoro). Il reddito nazionale era sceso da 85 miliardi a 37 miliardi di dollari nel 32. Il presidente Hoover, ai primi segni dell indebolimento del sistema economico, reagì col protezionismo, continuando la politica economica precedente all anno fatidico. Furono messi in atto sbarramenti doganali all importazione delle merci e i crediti all estero furono sospesi. 7

9 Dall America si passò all Europa.. I governi dei paesi europei seguirono l esempio di Hoover: applicarono il protezionismo e questo fu un grave errore (l esempio più grande fu quello attuato dai Britannici che nel 31 misero in atto un sistema di tariffe preferenziali per gli stati del Commonwealth). Fu la paralisi del mercato internazionale: il flusso di denaro verso l Europa e delle merci da Europa ai mercati americani diminuì rapidamente e tutti gli indici economici crollarono. Ci fu un vero e proprio tracollo in tutti i settori e le lunghe file di persone disoccupate alla ricerca di un lavoro erano ormai un immagine quotidiana anche in Europa. STATO USA 83 Gran 94 Bretagna Francia Germania 86 Italia Figura 3: Indice produzione industriale dopo il 1929: l indice è posto uguale a 100 nel

10 I governi fronteggiarono la situazione affidandosi all economia liberale classica attraverso i seguenti provvedimenti: Conseguire il pareggio del bilancio. Taglio della spesa pubblica. Imposizione di nuove tasse. Questi provvedimenti non servirono a risolvere la situazione. 9

11 La Svolta Nelle elezioni del 1932 negli Stati Uniti si propose di nuovo Hoover, repubblicano, considerato responsabile della crisi che aveva portato il mondo alla rovina. Questa volta, però, fu il partito democratico a vincere le elezioni con la figura di Franklin D. Roosevelt, che fu poi rieletto nuovamente nel 1936, nel 1940 e nel Fin da subito F. D. Roosevelt parlò di New Deal (Il nuovo corso) e promise di portare gli Stati Uniti fuori dalla crisi. Il governo si sarebbe impegnato direttamente e avrebbe preso una serie di decisioni economiche, promuovendo quindi una politica di tipo interventista (diversa, se non opposta al liberismo). I governi possono sbagliare, i Presidenti possono fare errori, ma l immortale Dante ci dice che la divina giustizia pesa i peccati a sangue freddo e a sangue caldo con bilance differenti. Preferisco gli sbagli occasionali di un Governo che vive in spirito di carità alle continue omissioni di un Governo congelato nel ghiaccio della propria indifferenza. Franklin Delano Roosevelt, discorso di accettazione della (ri)nomina alla presidenza degli Stati Uniti, 1936 Il suo intervento fu sistemizzato e teorizzato dall economista britannico e padre della macroeconomia John Maynard Keynes. Egli sosteneva che l intervento pubblico statale nell economia con misure di politica di bilancio e monetaria fosse necessario: era favorita la regolamentazione delle attività economiche e la mediazione dello stato nei rapporti tra capitale e lavoro. 10

12 Il New Deal Nei primi 100 giorni di presidenza furono attuati una serie di provvedimenti a carattere straordinario : 1- Per evitare la corsa agli sportelli per paura di un impennata inflazionistica, le banche furono chiuse una settimana e furono sospesi i pagamenti in oro. 2- Emergency Banking Act: La Federal Reserve diventò Banca Centrale degli Stati Uniti e dovette gestire la politica monetaria, mentre le altre banche furono sottoposte a controlli periodici. 3- Fu introdotta una garanzia statale sui piccoli depositi. 4- Il dollaro fu svalutato, fino a essere deprezzato del 60% nel (Roosevelt voleva usare la svalutazione per operare una diminuzione dei debiti interni e per accrescere il potere d acquisto dei ceti agricoli, in modo che essi potessero intensificare gli acquisti di prodotti industriali, e quindi contribuire attivamente alla ripresa). 5- I tassi di interesse furono abbassati per favorire nuovi investimenti. 6- Furono emessi Titoli di stato per finanziare le spese pubbliche. 7- Furono emessi in gran numero prestiti per chi doveva estinguere il debito del mutuo che non poteva più pagare. Fu pertanto abbandonata la politica di pareggio di bilancio e furono adottate una serie di misure al fine di rimettere in moto l economia delle imprese e aumentare il numero di posti di lavoro. I processi economici furono indirizzati in modo tale da: Favorire la ripresa della produzione industriale. Realizzare una maggiore equità sociale eliminando la speculazione e riducendo lo strapotere dei grandi gruppi finanziari. 11

13 Vediamo ora una serie di misure dedite alla creazione di nuovi posti di lavoro: National Industrial Recovery Act (1933): riforma per introdurre un codice di condotta per la regolazione della concorrenza fra le varie imprese, per la stabilizzazione dei prezzi e per la garanzia di salari minimi e di diritti sindacali ai lavoratori. Agricultural Adjustment Act (1933): rilancio della produzione agricola. Le finanze pubbliche acquistavano le merci in eccedenza che venivano distribuite ai bisognosi. Work Progress Administration (1935): agenzia pubblica con l incarico di gestire i cantieri per la costruzione di opere pubbliche, assumendo manodopera nelle zone rurali e depresse. Fu creata la Tennessee Valley Authority: agenzia col compito di sviluppare energia a basso costo attraverso lo sfruttamento del bacino del Tennessee e di provvedere al riassetto ecologico del territorio. Sempre nel 1935 fu attuata una riforma fiscale per rendere più democratico il sistema delle tasse (in parole povere, più si guadagna più si paga). Social Security Act (1935): indennizzazione disoccupati e creazione di un fondo per la vecchiaia. Figura 4: Il grafico rappresenta il tasso di occupazione negli Stati Uniti fra il 1920 e il E da notare la grande discesa che c è stata fra la data d inizio della crisi e il 1933, mentre, a partire dalla salita al potere di Roosevelt, l andamento è stato nettamente crescente. 12

14 Come si può vedere dal grafico, a partire dal 1933 ci fu l inizio della ripresa. Il fenomeno, però, non fu contemporaneo in tutti i paesi. Per l Italia, ad esempio, bisognò attendere il 1934; per il Belgio, il 1935; ecc. Negli anni seguenti, la produzione continuò a crescere, e con essa l occupazione e gli investimenti. Questa fase di ripresa culminò nel 1937, facendo ritenere che si fosse di nuovo di fronte a un boom. Tuttavia, già sul finire di quell'anno, si poterono rilevare qua e là segni indubbi di recessione. E se questa recessione non si estese e non si aggravò, trasformandosi in una nuova drammatica crisi, questo avvenne perché il mondo aveva imboccato chiaramente la strada del riarmo e della guerra. Nell estate del 1938 l'annessione dell Austria alla Germania e l incontro di Monaco diedero il via, sul finire dell estate dell anno successivo, allo scoppio della seconda guerra mondiale. 13

15 Possiamo ora passare all altra grande crisi da analizzare.. 14

16 LA CRISI DEI MUTUI SUB-PRIME Dopo la Grande Depressione gli Stati Uniti d America hanno vissuto 40 anni di crescita economica senza crisi finanziarie. L economia era strettamente controllata. Le banche erano per lo più locali. Speculare con i risparmi dei clienti era severamente proibito. Le banche di investimento erano formate da pochi soci che mettevano a disposizione i loro soldi e soprattutto NON VOLEVANO RISCHIARE DI PERDERLI. Negli anni 80 le banche di investimento ricevevano una grande quantità di soldi e molti a Wall Street iniziarono ad arricchirsi. Dal 1981 al 1985, gli anni cioè di Ronald Raegan, iniziava il cosiddetto periodo di deregolamentazione in cui furono eseguiti una serie di investimenti rischiosi utilizzando i soldi dei clienti. Alla fine degli anni 80 centinaia di compagnie fallirono e ai contribuenti tutto questo costò 124 miliardi di dollari. Fu la più grande frode bancaria della storia e migliaia di dirigenti finirono in carcere per aver saccheggiato le loro compagnie. Ma l attività di speculazione iniziata con Reagan continuò negli anni 90 con l amministrazione Clinton ed entrambi ignorarono i segnali di allarme sul pericolo legato a quel tipo di investimenti. 15

17 Nel film Inside Job di Charles Ferguson la voce narrante di Matt Damon intervista ministri al tesoro come la francese Christien Lagarde, capi di governo come il primo ministro di Singapore Lee Hsieng Loong, finanzieri illuminati come George Soros, accademici, economisti e persino uno psicologo specializzato in top manager di Wall Street. Le loro parole sono chiare: questa era una crisi che si poteva evitare. Dopo le riforme che seguirono la Grande Depressione non una singola crisi colpì gli Stati Uniti, tuttavia la deregolamentazione progressiva diede origine a un industria sempre più criminale, le cui innovazioni produssero una successione di crisi finanziarie, una peggiore dell altra, eppure poche persone andarono in galera, e questo grazie alla ricchezza e al potere sempre maggiore dell industria. Ma la truffa causò centinaia di miliardi di dollari di perdite. Quando si pensa che è possibile costruire qualcosa dal nulla, è difficile resistere Primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong Questa crisi non è stata un incidente: è stata causata da un industria fuori controllo Matt Damon 16

18 Interessante è la metafora utilizzata dal finanziere George Soros per spiegare la differenza fra un mercato regolamentato e uno non. Figura 5: l immagine rappresenta una petroliera avente scompartimenti. Figura 6: l immagine rappresenta una petroliera senza scompartimenti. Soros sostiene che le grandi petroliere hanno bisogno di scompartimenti per evitare che il petrolio al loro interno le rovesci. Le regolamentazioni introdotte dopo la Grande Depressione hanno introdotto questi scompartimenti (vedi figura 5). La deregolamentazione ha portato alla fine della compartizione quindi il mercato è destinato ad affondare (vedi figura 6). 17

19 Con la deregolamentazione, infatti, si falsificavano conti, si defraudavano i clienti e si riciclava denaro. Esempi significativi sono: La Credit Suisse aiutò a trovare fondi per il programma nucleare iraniano e per i missili balistici. La Citigroup (unione di Citicorp e Travelers che, oltretutto, andava contro una legge emanata dopo la degressione per prevenire che le banche partecipassero a investimenti rischiosi con i soldi degli investitori) aiutò a incanalare narcodollari fuori dal Messico. La FannieMae aumentò le entrate di più di 10 miliardi di dollari fra il 1998 e il Ma allora perché i governi, uno dopo l altro, favorirono questa politica economica al posto di frenarla? 1- Si dava grande fiducia all autoregolamentazione dei mercati. 2- Molte banche erano o troppo grandi o troppo coinvolte per fallire. 3- Il sistema economico era fortemente cambiato a partire dagli anni Le regole esistenti furono male applicate. 5- I pericoli che si correvano non erano stati ben capiti. Rispetto al punto 3 è necessario precisare che l inizio degli anni 90 fu caratterizzato dall invenzione di innovazioni finanziarie (particolari titoli) con le quali gli economisti sostennero di aver reso più sicuro il mercato, mentre nella realtà lo avevano reso altamente più instabile. Con questi derivati si poteva giocare d azzardo su internet in qualsiasi ambito. Alla fine degli anni 90 questa parte di mercato non regolamentato occupava 50 trilioni di dollari e furono addirittura fatte delle leggi per esentare questi strumenti derivati dalle regolamentazioni. L innovazione finanziaria consistette essenzialmente nell inventarsi dei titoli che andavano a occupare, quasi senza soluzione di continuità, tutte o quasi le possibili nicchie dei rapporti rischio/rendimento. I titoli spazzatura (junk bonds), per esempio, offrivano alti rendimenti perché erano ad alto rischio: in sostanza venivano finanziate società che non avrebbero avuto un prestito da banche normali. 18

20 In guerra, in amore e nel sistema bancario ombra tutto è permesso. Si crearono allora società di investimento che erano tagliate fuori dalla regola più importante alla quale una banca normale doveva sottostare, ossia il principio Basilea 2. Basilea 2 stabilisce che le banche devono avere un capitale pari almeno all 8% del loro attivo (questo rapporto viene chiamato Capital Ratio) dove l attivo è rappresentato dai prestiti e dai titoli presenti nel bilancio di una banca mentre il capitale è una sorta di garanzia per la banca: una certa quantità di denaro che essa non deve investire e, quindi, il depositante sa che può contare su questa cifra nel caso in cui le cose vadano male. Ma l attivo è caratterizzato solo da una serie di numeri nella pagina del bilancio, e stava lì, fermo: la banca non doveva fare altro che aspettare che i soldi prestati rientrassero nelle sue tasche. Ma questo non bastava ai finanzieri. Fu creato allora un nuovo marchingegno: le cartolarizzazioni. Questa grande innovazione finanziaria consiste nel vendere il proprio credito a qualcuno e trasferire quindi il rischio ai compratori di questi titoli cartolarizzati. Prendiamo, ora, un esempio pratico dal libro SOS economia ovvero la crisi spiegata ai comuni mortali di Fabrizio Galimberti per capire con più semplicità in cosa consistono. Supponiamo che io faccia un prestito a un caro amico, che ha bisogno di comprare una casa, ma gli mancano un po di soldi. Lui ha bisogno di 100mila euro e ci mettiamo d accordo sul tasso di interesse: mettiamo un 4,8% per 10 anni. Conviene a tutti e due, è meno di quel che la banca gli farebbe pagare e più di quel che potrei ottenere comprando titoli pubblici in euro. Il problema è che, dopo avergli prestato i soldi, succede qualcosa per cui io avrei bisogno di riaverli indietro prima della scadenza. Ma naturalmente l amico non può. Ha comprato la casa e al massimo mi può intestare qualche stanza, ma non mi può ridare i soldi. Cosa faccio? Guardo il mio bilancio, vedo nell attivo quel credito verso un amico e mi viene un idea geniale: vendere quel credito a qualcuno. Non è facile trovare un altro disposto a comperarsi quel credito e sborsare 100mila euro, ma forse posso trovare, fra amici e conoscenti, 25 persone disposte a sborsare 4mila euro ciascuna. Invece di tenere i soldi in banca, dove non rendono niente, me li danno e io do loro un pezzo di carta nel quale riconosco un debito di 4mila euro, pagabile fra 10 anni e sul quale verserò un interesse del 4,8%. Interesse che pagherò con i soldi del caro amico, che puntualmente (speriamo) mi pagherà gli interessi sul prestito di 100mila euro. E il capitale? Lo rimborserò ai magnifici 25 tra 10 anni con i soldi che sempre il caro amico mi avrà restituito. Cosa ho fatto? Ho cartolarizzato il mio credito. P

21 Quindi queste società emisero titoli ad alto rischio e ad alto rendimento. Fu così che il numero di titoli emessi aumentò in maniera spropositata e il settore finanziario si indebitò enormemente. Dopo il 2000 queste innovazioni esplosero e, quando negli Stati Uniti salì Bush nel 2001 l industria era dominata da: 5 banche di investimento: - Goldman Sachs - Morgan Stanley - Lehman Brothers - Merril Lynch - Bear Stearns 2 conglomerati finanziari: - Citigroup - Jp Morgan 3 compagnie di assicurazioni: - AIG - MBIA - AMBAC 3 agenzie di rating: - Moddy s - Standard & Poor s - Fitch Ma come sono legate l una all altra? Attraverso le cartolarizzazioni. 20

22 Prima delle e cartolarizzazioni la situazione era come in Figura 7: Figura 7 I mutui si concedevano con molta attenzione perché per ripagarli si impiegavano anni. La situazione odierna invece si presenta come in Figura 8: Figura 8 I venditori possono vendere i mutui alle banche di investimento, le quali uniscono i mutui ad altro capitale per fare dei prestiti chiamati Colletaralised Debt Obligation ovvero CDO (titoli derivati) ad azionisti (Figura 9). Figura 9 21

23 Figura 10 Le agenzie di rating vengono pagate per valutare i CDO e moltissimi ricevono una tripla A (AAA) che è il grado di investimento più alto, ovvero il più sicuro. Figura 11 Naturalmente non ci sono responsabilità se le loro valutazioni sono false. Fra il 2000 e il 2003 il numero di prestiti quadruplicò (Figura 12). Figura 12 22

24 Ma anche il numero di mutui più rischiosi (i Sub-Prime) crebbe parecchio (Figura 13). Figura 13 E, naturalmente, anch essi ricevettero una tripla A. Questo tipo di titoli era il preferito delle banche di investimento perché avevano tassi di interesse più alti. In questo modo a chiunque poteva essere concesso un mutuo, e, di conseguenza, i prezzi delle case salirono alle stelle: fu la più grande bolla speculativa della storia. Come si nota in Figura 14, ci fu un boom immobiliare esponenziale e dal 1996 al 2006 i prezzi delle case raddoppiarono. Figura 14 23

25 Inoltre in questi 10 anni il numero di mutui sub-prime aumentò da 30 miliardi a 600 miliardi. La Lehman Brothers era la prima società di assicurazioni per prestiti sub-prime. Nel 2004 la Commissione per i titoli e gli scambi (SEC) aumentò il limite di indebitamento per le banche d investimento, che quindi potevano ottenere prestiti maggiori. Dal 2005 al 2008 la Goldman Sachs, Morgan Stanley e Deutsche Bank e altre banche di investimento iniziarono a scommettere con i Credit Default Swaps contro gli stessi titoli che vendevano come estremamenti sicuri (i Credit Default Swaps sono un invenzione della AIG (American International Group): gli investitori pagavano parte dei CDO alla AIG che prometteva loro di pagare i debiti in caso di crollo del valore dei CDO. Tanti speculatori mettevano i propri soldi a disposizione per i Credit Default Swap poiché in caso di crollo del valore dei CDO la AIG avrebbe dovuto pagare sia gli speculatori che le banche di investimento (Figura 15)). Figura 15 24

26 La Moody s, Standard & Pool s e Fitch davano AAA ai subprime perché più ne davano, più venivano pagati. Esse quadruplicarono i profitti dal 2002 al Figura 16 25

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente.

INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente. INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente. La vera origine della Crisi. La crisi che ci troviamo ad affrontare

Dettagli

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York La crisi del 29 Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York Giovedì 24 Ottobre 1929: crollo della Borsa di New York Provoca crisi economica mondiale Segna trauma epocale che destabilizzerà le

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Economia Politica II H-Z Lezione 1b

Economia Politica II H-Z Lezione 1b Economia Politica II H-Z Lezione 1b Sergio Vergalli vergalli@eco.unibs.it Vergalli - Lezione 1 Iperinflazione 4 Zimbabwe: il 12 maggio 2006 il governo ha dichiarato che in aprile l inflazione ha raggiunto

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 5. La grande crisi: economia e società negli anni Trenta Alla fine degli anni 20: L Europa e

Dettagli

IL SUICIDIO ECONOMICO DELL ITALIA

IL SUICIDIO ECONOMICO DELL ITALIA IL SUICIDIO ECONOMICO DELL ITALIA La crisi economica mondiale che stiamo attraversando mi appare sempre più simile a quella del 1929 ed ugualmente sbagliate mi sembrano le politiche adottate per contrastarla.

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Economia Politica Lezione 2b

Economia Politica Lezione 2b Economia Politica Lezione 2b Sergio Vergalli vergalli@eco.unibs.it Vergalli - Lezione 1 CRISI ECONOMICHE E FINANZIARIE Temi Opzioni Reali 1. Crisi Subprime 2007-08 2. Crisi del 1929 Crisi del 1929 Il boom

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Investireconsapevoli. *Informazione completa all interno dell area riservata agli utenti registrati

Investireconsapevoli. *Informazione completa all interno dell area riservata agli utenti registrati Bloomberg, che è il più importante servizio di informazioni finanziarie, da questa settimana ha cominciato ad usare il termine "Obama Bear Market". Il cuore del problema è il sistema finanziario che è

Dettagli

Capire le cause della Crisi finanziaria 2007-2008

Capire le cause della Crisi finanziaria 2007-2008 Capire le cause della Crisi finanziaria 2007-2008 Sono passati ormai 5 anni dal fallimento di Lehman Brothers, la quarta banca di affari più importante degli stati uniti fino al 2008; questo fallimento

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Dalla crisi del 29 ai regime degli anni 30

Dalla crisi del 29 ai regime degli anni 30 Dalla crisi del 29 ai regime degli anni 30 Gli U.S.A. negli anni 20 Gli U.S.A. dopo la guerra sono diventati di fatto il motore dell economia mondiale, per capacità produttive e prestiti (esportatore di

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

La crisi finanziaria mondiale: origini e conseguenze

La crisi finanziaria mondiale: origini e conseguenze UNITER ARESE 26 febbraio 2009 La crisi finanziaria mondiale: origini e conseguenze Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it Agenda Le crisi non sono una novità Le determinanti,

Dettagli

Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo

Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo MoneyExpert.it Diario di Bordo 15 novembre 2012 s-pain Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo Per ora più sommersa

Dettagli

John Maynard Keynes (1883-1946), scrisse nel 1936 La teoria generale dell occupazione, dell interesse e della moneta.

John Maynard Keynes (1883-1946), scrisse nel 1936 La teoria generale dell occupazione, dell interesse e della moneta. I LA RIVOLUZIONE KAYNESIANA John Maynard Keynes (1883-1946), scrisse nel 1936 La teoria generale dell occupazione, dell interesse e della moneta. Keynes ha frequentato il college di Eton e l università

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

Crisi finanziaria dalla A alla Z

Crisi finanziaria dalla A alla Z Crisi finanziaria dalla A alla Z Focus La crisi economica scoppiata nel 2008 in seguito alla caduta di Lehman Brothers, una banca di investimenti americana, ha contagiato tutto il pianeta, risultando nel

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

La crisi del 1929 e il New Deal

La crisi del 1929 e il New Deal La crisi del 1929 e il New Deal 1919-29 decollo economia USA Tra il 1919 e il 1929 si assiste ad uno straordinario decollo dell economia americana che comporta l aumento del 78% della produzione industriale.

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

IL MONDO IN CRISI. Confronto tra la Crisi Economica del '29-'32 e l'attuale Crisi Finanziaria. Fabio Crimi, classe 5pa ITC Falcone, Corsico

IL MONDO IN CRISI. Confronto tra la Crisi Economica del '29-'32 e l'attuale Crisi Finanziaria. Fabio Crimi, classe 5pa ITC Falcone, Corsico IL MONDO IN CRISI Confronto tra la Crisi Economica del '29-'32 e l'attuale Crisi Finanziaria Fabio Crimi, classe 5pa ITC Falcone, Corsico 1 LE DUE CRISI A CONFRONTO #Pagina Materie 8 LA CRISI DEL '29-'32

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

I RUGGENTI ANNI VENTI LA CRISI DEL 29 F.D.ROOSEVELT E IL NEW DEAL

I RUGGENTI ANNI VENTI LA CRISI DEL 29 F.D.ROOSEVELT E IL NEW DEAL I RUGGENTI ANNI VENTI LA CRISI DEL 29 F.D.ROOSEVELT E IL NEW DEAL Il presidente Woodrow Wilson Woodrow Wilson, democratico > intervento in Europa nella prima guerra mondiale, 14 punti, Società delle Nazioni.

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

CAP 11 LA GRANDE CRISI

CAP 11 LA GRANDE CRISI CAP 11 LA GRANDE CRISI Alcuni richiami teorici Alla fine degli anni Venti si sviluppa nei paesi capitalistici occidentali una crisi di proporzioni mai viste rispetto alla quale esistono tre scuole di pensiero

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

scuole medie* La Crisi Economica

scuole medie* La Crisi Economica Economia: una lezione per le scuole medie* La Crisi Economica Giacomo Calzolari Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna http://www2.dse.unibo.it/calzolari/ * L autore ringrazia le cavie,

Dettagli

«Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!»

«Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!» «Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!» «La sottomissione della politica alla tecnologia e alla finanza si dimostra nel fallimento dei Vertici mondiali sull ambiente. Ci sono troppi interessi

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

il Sistema Bancario Ombra, la tripla ipoteca e i BTP

il Sistema Bancario Ombra, la tripla ipoteca e i BTP il Sistema Bancario Ombra, la tripla ipoteca e i BTP A partire dagli anni 70 il debito privato è triplicato. Se fosse vero che le banche prestano i risparmi che ricevono in deposito non sarebbe evidentemente

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino La crisi (origini) Le cause americane: Anni di politica monetaria espansiva

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Quel buco nero chiamato fiscal cliff

Quel buco nero chiamato fiscal cliff Quel buco nero chiamato fiscal cliff Nell agenda del rieletto presidente Obama è sicuramente l argomento più importante da affrontare entro la fine dell anno. Il punto da cui dipenderà buona parte dell

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

Comunicato stampa: LEHMAN BROS. E GUERRA! Partita da Bari la prima causa contro le Agenzie di rating per Lehman Brothers

Comunicato stampa: LEHMAN BROS. E GUERRA! Partita da Bari la prima causa contro le Agenzie di rating per Lehman Brothers Comunicato stampa: LEHMAN BROS. E GUERRA! Partita da Bari la prima causa contro le Agenzie di rating per Lehman Brothers 04 dicembre 2008 - Trenta risparmiatori difesi dai legali delle tre associazioni

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

La gestione del rischio: se i meno contano più dei più

La gestione del rischio: se i meno contano più dei più 1 La gestione del rischio: se i meno contano più dei più Aggiornato il 20/02/2008 Introduzione Quanti di noi si metterebbero al volante di un auto essendo consapevoli che i freni sono guasti? Probabilmente

Dettagli

Hedge fund e banche. Chi è il malato?

Hedge fund e banche. Chi è il malato? Hedge fund e banche. Chi è il malato? Gli hedge fund e le banche Peter J. Wallison è membro della American Enterprise Institute for Public Policy Research. Da ormai parecchi mesi ci troviamo in un periodo

Dettagli

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Lezioni Lincee di Economia Milano 2 marzo 2015 Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Una volta uno studente chiese a N. Kaldor (un grande economista di Cambridge, ma di origine ungherese) se

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Dalla crisi economica del 1929 alla crisi del 2008

Dalla crisi economica del 1929 alla crisi del 2008 Dalla crisi economica del 1929 alla crisi del 2008 Corso di Politica economica a.a. 2013-14 L attuale crisi economica sta segnando profondamente l economia sia dei paesi occidentali, nella quale si è originata

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Aper e t r ura r dei e la l v a o v ri Davide Giovanelli P e r s e i s d i en e te AIT I I

Aper e t r ura r dei e la l v a o v ri Davide Giovanelli P e r s e i s d i en e te AIT I I Apertura dei lavori Davide Giovanelli Presidente AITI Firenze: il legame con banche e finanza ha origini antiche I mercanti banchieri fiorentini del secolo XIII-XIV misero in piedi un sistema bancario

Dettagli

L azionario vince sempre nel lungo periodo?

L azionario vince sempre nel lungo periodo? 1 L azionario vince sempre nel lungo periodo? Redatto il 03/08/2007 Introduzione Spesso accade di ascoltare la celebre ed inflazionata massima secondo la quale l azionario vince sempre nel lungo periodo.

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 L Italia negli anni della crisi

Dettagli

Commento di fine anno

Commento di fine anno Commento di fine anno Si è concluso il primo decennio del primo secolo del terzo millennio. Che anno è stato per i metalli non ferrosi? E come sarà quello che sta per entrare? Come più in generale si può

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi

Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi Le parole difficili Le parole difficili Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi a cura di Vincenzo Comito Le sigle, i termini specialistici, le

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, LA DELUSIONE OBAMA

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, LA DELUSIONE OBAMA (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) LA DELUSIONE OBAMA Vicenç Navarro 26/08/2013 Uno dei processi più significativi

Dettagli

La crisi dei debiti sovrani in Europa

La crisi dei debiti sovrani in Europa La crisi dei debiti sovrani in Europa Prof. Andrea Fumagalli Università di Pavia utilizzando i dati elaborati dal Prof. Carluccio Bianchi, Università di Pavia Una crisi che viene da lontano La crisi attuale

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Stiamo vivendo la più grande crisi economico-finanziaria dagli anni 30 del secolo scorso (Grande Depressione)

Stiamo vivendo la più grande crisi economico-finanziaria dagli anni 30 del secolo scorso (Grande Depressione) La crisi in atto: cause, conseguenze e risposte di politica economica Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

Due grandi crisi a confronto: 1929 2009

Due grandi crisi a confronto: 1929 2009 Marco Ungarelli Due grandi crisi a confronto: 1929 2009 Opportunità per l Italia Le grandi crisi economiche sono tuttora indicate, dai nostalgici dello statalismo, come esempio dei danni che il libero

Dettagli

Mercati e Valute, 16 marzo 2015. Euro in caduta libera alla ricerca di un supporto. Paragoni e considerazioni

Mercati e Valute, 16 marzo 2015. Euro in caduta libera alla ricerca di un supporto. Paragoni e considerazioni Mercati e Valute, 16 marzo 2015 Euro in caduta libera alla ricerca di un supporto. Paragoni e considerazioni L Euro è crollato sotto 1,05 nei confronti del Dollaro USA per la prima volta dal gennaio 2003.

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

TOBIN TAX. a cura di G.Garofalo

TOBIN TAX. a cura di G.Garofalo TOBIN TAX a cura di G.Garofalo La proposta originaria E'necessario gettare un po di sabbia negli ingranaggi dell attività di trading Dal nome dell'economista James Tobin, premio Nobel per l Economia nel

Dettagli

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 237 LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 11 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

Dettagli

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali Francesco Daveri Università di Parma, e SDA Bocconi Storia dell Europa dalle origini al suo ruolo attuale Bergamo, 1 marzo 2013 Due sfide epocali per l

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli