ISBN Titolo originale dell opera: The Wolf of Wall Street. Traduzione di Michele Foschini e G.L. Staffilano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-17-07035-5. Titolo originale dell opera: The Wolf of Wall Street. Traduzione di Michele Foschini e G.L. Staffilano"

Transcript

1

2

3 Proprietà letteraria riservata 2007 by Jordan Belfort This translation is published by arrangement with The Bentam Dell Publishing Group, a division of Random House, Inc RCS Libri S.p.A., Milano ISBN Titolo originale dell opera: The Wolf of Wall Street Traduzione di Michele Foschini e G.L. Staffilano Prima edizione Rizzoli 2008 Prima edizione BUR gennaio 2014 Per conoscere il mondo BUR visita il sito

4

5 Jordan Belfort Il lupo di Wall Street

6 Ai miei due magnifici figli, Chandler e Carter Belfort

7 Nota dell Autore Questo libro è un opera biografica: una storia vera, basata per quanto possibile sul ricordo di molti eventi della mia vita. Dove era opportuno, ho modificato il nome e le caratteristiche di alcune persone citate, per rispettarne la riservatezza (alla loro prima apparizione nel testo i nomi fittizi sono contrassegnati da un asterisco). In alcuni casi, per rendere più fluida la narrazione ho riordinato e condensato eventi e periodi di tempo e ho ricreato i dialoghi adatti.

8 Prologo Un bambino nel bosco 4 maggio 1987 «Tu conti meno di zero» disse il mio nuovo capo, mentre mi accompagnava per la prima volta nella sala operativa della LF Rothschild. «La cosa ti crea problemi, Jordan?» «No» risposi, «nessun problema.» «Bene» approvò il capo, brusco, e continuò a camminare. Percorrevamo un labirinto di scure scrivanie di mogano e cavi telefonici neri, al ventiduesimo piano di una torre di vetro e alluminio che si alzava per quaranta piani sopra la famosa Quinta Avenue di Manhattan. La sala operativa era ampia, forse quindici metri per venti. Un locale opprimente, con scrivanie, telefoni, computer e un piccolo esercito di yuppie molto sgradevoli, settanta in tutto. Si erano tolti la giacca e a quell ora, le nove e venti del mattino, se ne stavano appoggiati alla spalliera della sedia a leggere il «Wall Street Journal» e a rallegrarsi di essere i giovani Padroni dell Universo. Padrone dell Universo: mi pareva un nobile obiettivo; e mentre li oltrepassavo, in completo blu a buon mercato e scarpe pesanti, mi ritrovai a desiderare di essere uno di loro. Ma il mio nuovo capo si premurò subito di ricordarmi che non lo ero. «Il tuo compito...» guardò la targhetta col nome sul risvolto della mia modesta giacca blu «... Jordan Belfort, è quello di collegare, il che significa comporre numeri di telefono cinquecento 11

9 volte al giorno, per riuscire a oltrepassare la segretaria. Non devi vendere niente, raccomandare niente, creare niente. Devi solo contattare titolari d azienda.» S interruppe per un istante, poi riprese a sputare veleno. «E quando ne avrai uno al telefono, tutto ciò che dirai è: Buongiorno, signor Tal dei Tali, ho in linea Scott per lei e mi passerai la telefonata e ricomincerai a comporre numeri. Pensi di potertela cavare o è troppo complicato per te?» «No, credo di potercela fare» risposi speranzoso, mentre mi sentivo sopraffatto da uno tsunami di panico. Il programma d addestramento della LF Rothschild durava sei mesi. Sarebbero stati sei mesi durissimi, sei mesi a sudare sangue, nel corso dei quali sarei stato alla mercé di cazzoni come Scott, lo spregevole yuppie che pareva risalito dalle infuocate viscere dell inferno degli yuppie. Dopo averlo esaminato di sottecchi, giunsi rapidamente alla conclusione che Scott aveva l aria di un pesce rosso. Era calvo e pallido e i pochi capelli che gli rimanevano erano di un colore arancione fangoso. Poco più di trent anni, alto, con cranio stretto e labbra rosee e gonfie. Sfoggiava una cravatta a farfalla che lo rendeva ridicolo, ma erano gli occhiali dalla montatura metallica sugli occhi nocciola sporgenti che gli davano quell aria ottusa, da pesce rosso, appunto. «Bene» disse lo spregevole pesce rosso. «Allora, ecco le regole di base: niente interruzioni, niente chiamate personali, niente giorni di malattia, niente ritardi e niente perdite di tempo. Hai trenta minuti per pranzo...» fece una pausa strategica prima del colpo a effetto «... e sarà meglio che torni in orario, perché cinquanta persone non aspettano altro che prendersi la tua scrivania, se fai cazzate.» Continuò a camminare e a parlare, mentre lo seguivo a un passo di distanza, ipnotizzato dalle migliaia di quotazioni di titoli che scorrevano, in arancione, sul grigio dei monitor. La parete anteriore della sala era tutta una vetrata che guardava sul centro commerciale di Manhattan. Più avanti si scorgeva l Empire State Building: torreggiava su tutto, sembrava arrivare 12 davvero fino a grattare il cielo. Un magnifico panorama, degno di un giovane Padrone dell Universo. Una meta che ora pareva sempre più lontana. «Per dirti la verità» biascicò Scott, «non penso che tu sia tagliato per questo lavoro. Hai l aria da ragazzino e Wall Street non è un posto per ragazzini. È un posto per assassini. Per mercenari. Da questo punto di vista sei fortunato che qui non sia io a fare le assunzioni.» Ridacchiò brevemente. Mi morsi il labbro e rimasi in silenzio. Era il 1987 e gli yuppie cazzoni come Scott parevano dominare il mondo. Wall Street era al cuore di un violento mercato tendente al rialzo e nuovi miliardari venivano sputati fuori per dieci centesimi alla dozzina. Il denaro era a buon mercato e un tizio, Michael Milken, aveva inventato i «titoli spazzatura» che avevano cambiato il modo in cui le imprese americane facevano affari. Era un tempo di sbrigliata avidità, un tempo di eccessi sfrenati. Era l epoca degli yuppie. Mentre ci avvicinavamo alla mia scrivania, la mia nemesi in carriera si girò verso di me e disse: «Lo ripeto, Jordan. Sei più in basso dell ultimo gradino. Ancora non sei neppure un cold caller, non fai vendite per telefono. Sei solo un collegatore». Dalla parola grondava disprezzo. «E finché non avrai ottenuto la licenza di vendita di azioni, collegare sarà tutto il tuo universo. Ecco perché conti meno di zero. Per te non è un problema, vero?» «Assolutamente no» risposi. «È il lavoro perfetto per me, perché conto davvero meno di zero.» Mi strinsi nelle spalle, con aria innocente. A differenza di Scott, non ho l aspetto di un pesce rosso, e perciò mi sentii orgoglioso mentre lui mi scrutava in viso per capire se facevo dell ironia. Non sono molto alto e a ventiquattro anni avevo ancora i lineamenti morbidi di un adolescente. Quel tipo di faccia che mi rendeva difficile entrare in un bar senza che verificassero la mia età. Avevo una massa di capelli castano chiaro, pelle liscia e olivastra e grandi occhi blu. Tutto sommato, non ero brutto. 13

10 Purtroppo, però, non avevo mentito a Scott, quando avevo ammesso di contare meno di zero. Perché era proprio così che mi sentivo. Avevo appena mandato in fumo la mia prima attività imprenditoriale e la mia autostima aveva fatto la stessa fine. Era stata un iniziativa nell industria della carne e del pesce partita con il piede sbagliato e, quando si era conclusa, mi ero trovato sulle croste ventisei camion in leasing... tutti da me personalmente garantiti e tutti in inadempienza. Perciò le banche mi davano la caccia, al pari di una bellicosa tizia dell American Express (una donna cannone barbuta, a giudicare dalla voce) che minacciava di prendermi a calci di persona se non avessi pagato. Avevo considerato l idea di cambiare numero di telefono, ma ero in arretrato anche con la bolletta, e pure l azienda telefonica mi braccava. Arrivammo alla scrivania di Scott, il quale mi offrì di sedermi accanto a lui, insieme con qualche parola d incoraggiamento, più o meno. «Guarda il lato positivo» disse spiritosamente. «Se per un miracolo non sarai licenziato per pigrizia, stupidità, insolenza o ritardi, un giorno potresti diventare davvero un operatore di borsa.» Sogghignò alla battuta. «E, giusto perché tu lo sappia, l anno scorso ho tirato su più di trecentomila dollari e il mio collega per cui lavorerai, più di un milione.» Più di un milione? Riuscivo solo a immaginare che razza di stronzo doveva essere. Sentendomi morire, chiesi: «Chi è?». «Che te ne importa?» replicò il mio aguzzino yuppie. Santo cielo, pensai, parla solo se sei interrogato, poppante. Era come essere nei Marine. Anzi, avevo la netta impressione che il film preferito di quel bastardo fosse Ufficiale e gentiluomo e che lui sfogasse su di me una fantasia alla Lou Gossett, fingendo di essere un sergente istruttore responsabile di un marine inadeguato. Ma tenni per me quel pensiero e mi limitai a dire: «Ah, niente. Ero solo... curioso». «Si chiama Mark Hanna e lo incontrerai presto.» Mi passò una catasta di schede sei per dieci, ciascuna col nome e il numero di telefono di un ricco imprenditore. «Sorridi e chiama» mi 14 disse, «e non alzare la fottuta testa fino alle dodici.» Poi si sedette alla scrivania, prese una copia del «Wall Street Journal», appoggiò sul piano le scarpe di coccodrillo nere e cominciò a leggere. Stavo per prendere il ricevitore, quando sentii sulla spalla una mano robusta. Alzai gli occhi e mi bastò un occhiata per capire che quello era Mark Hanna. Puzzava di successo, come un vero Padrone dell Universo. Era un pezzo d uomo, circa uno e ottanta per cento chili, quasi tutto muscoli. Aveva capelli neri, intensi occhi scuri, lineamenti carnosi e una bella spruzzata di cicatrici di acne. Era piuttosto piacente, un po sul tipo uomo d affari, ed emanava la zaffata hippy del Greenwich Village. Sentivo il carisma colargli di dosso. «Jordan?» disse, in un tono assai rassicurante. «Sì, eccomi» risposi, con l aria del condannato. «Nullità di prima classe, al tuo servizio.» Rise con calore mentre le imbottiture delle spalle del suo completo grigio gessato da duemila dollari si alzavano e si abbassavano ritmicamente. Poi, con voce più forte del necessario, disse: «Sì, bene, vedo che ti sei già beccato la prima dose dello stronzo del villaggio!». Con la testa indicò Scott. Annuii impercettibilmente. Lui strizzò l occhio. «Non ti preoccupare, qui sono io il broker più anziano, lui è solo un piccolo speculatore senza meriti. Non fare caso a tutto ciò che ha detto e che potrebbe dire in futuro.» Per quanto tentassi di trattenermi non riuscii a non lanciare un occhiata a Scott, che borbottò: «Fanculo, Hanna!». Mark però non si offese. Si limitò a scrollare le spalle e girò intorno alla scrivania, mettendo la sua grande massa tra Scott e me. «Non lasciarti infastidire da lui» disse. «Ho saputo che sei un venditore di prim ordine. Fra un anno quell idiota ti bacerà il culo.» Sorrisi, con un misto d orgoglio e d imbarazzo. «Chi ti ha detto che sono un grande venditore?» «Steven Schwartz, il tizio che ti ha assunto. Ha detto che nel colloquio te lo sei rigirato per bene.» Ridacchiò al pensiero. «È 15

11 rimasto colpito. Mi ha detto di stare attento a te.» «Sì, ero nervoso per paura che non mi assumesse. C erano venti persone in fila per il colloquio, perciò ho pensato che era meglio andarci deciso... sai, fare impressione.» Mi strinsi nelle spalle. «Lui però mi ha detto di moderare un po i toni.» Mark sorrise, compiaciuto. «Sì, ma non troppo. La pressione è indispensabile in questo lavoro. La gente non compra azioni, bisogna vendergliele. Non dimenticarlo mai.» Lasciò che le parole facessero presa. «Comunque, lo stronzo del villaggio ha ragione su una cosa: collegare frega davvero. Io l ho fatto per sette mesi e ogni giorno volevo suicidarmi. Perciò ti rivelerò un piccolo segreto.» Abbassò la voce in tono da cospiratore. «Fa solo finta di collegare. Perdi tempo a ogni occasione.» Sorrise e strizzò l occhio, poi riprese in tono normale. «Non fraintendermi. Voglio che tu mi colleghi col maggior numero possibile di persone, perché è da loro che spremo denaro. Ma non voglio che ti tagli i polsi per questo, non mi piace la vista del sangue.» Ammiccò di nuovo. «Perciò fa un mucchio d interruzioni. Va in bagno e masturbati, se ne hai bisogno. È quello che facevo io, e per me era come un talismano. Ti piace masturbarti, ho ragione?» Per un attimo fui colto alla sprovvista, ma come avrei appreso ben presto, una sala operativa di Wall Street non era il luogo più adatto a fare sfoggio di bon ton. Parole come «merda» e «coglione» e «bastardo» e «cazzo» erano comuni come «sì» e «no» e «forse» e «per favore». Dissi: «Sì, certo, adoro masturbarmi. Voglio dire, a chi non piace?». Lui annuì, quasi sollevato. «Bene, molto bene. La masturbazione è la chiave. E ti raccomando seriamente anche l uso di droghe, specialmente coca, perché così sarai più svelto a comporre numeri e sarà meglio per me.» Esitò, come se cercasse altre perle di saggezza, ma a quanto pareva aveva esaurito la riserva. «Bene, non c è altro. Queste sono tutte le indicazioni che posso darti adesso. Te la passerai bene, pivello. Un giorno ripenserai a questi momenti e ci riderai sopra; almeno questo te lo posso promettere.» Sorrise ancora una volta e si sedette davanti al telefono. 16 Un attimo dopo risuonò un cicalino, l annuncio che il mercato era appena stato aperto. Guardai il Timex, comprato da JCPenney per quattordici dollari la settimana prima. Erano le nove e trenta in punto. Del 4 maggio 1987, il mio esordio a Wall Street. Proprio allora la voce del direttore vendite della LF Rothschild, Steven Schwartz, superò l altoparlante. «Bene, signori. I future sembrano forti, stamattina, e da Tokyo arrivano notevoli acquisti.» Steven aveva solo trentotto anni, ma l anno prima aveva guadagnato più di due milioni di dollari: Un altro Padrone dell Universo, senza dubbio. «Ci aspettiamo un balzo di dieci punti all apertura» soggiunse, «perciò prendiamo il telefono e diamoci da fare!» E nella sala si scatenò il pandemonio. I piedi volarono giù dalle scrivanie; i «Wall Street Journal» furono archiviati nei cestini; le maniche delle camicie furono arrotolate al gomito; e a uno a uno i broker presero il telefono e iniziarono a chiamare. Presi anch io il telefono e cominciai a chiamare. Nel giro di qualche minuto tutti andavano avanti e indietro come esagitati e gesticolavano e gridavano al telefono, creando un incredibile frastuono. Era la prima volta che udivo il ruggito di una sala operativa di Wall Street, simile al fragore di una folla tumultuante. Un rumore che non dimenticherò mai, e che mi avrebbe cambiato per sempre la vita. Il rumore di uomini inghiottiti da avidità e ambizione, che sputavano cuore e anima per convincere ricchi imprenditori di ogni angolo d America. «Le Miniscribe sono un fottuto furto quaggiù» gridò al telefono uno yuppie dal viso paffuto. Aveva ventotto anni, una forte dipendenza dalla coca e un reddito lordo di seicentomila dollari. «Il suo broker in West Virginia? Cristo! Sarà bravo a scegliere azioni di miniere di carbone, ma siamo negli anni Ottanta. Il gioco ora si chiama high-tech!» «Ho cinquantamila July Fifties!» strillò un tizio due scrivanie più in là. «Hanno finito i soldi!» urlò un altro. «Non mi arricchisco in una sola transazione» giurò un 17

12 broker al suo cliente. «Sta scherzando?» sbottò Scott al telefono. «Dopo aver diviso la commissione fra la società e il governo, non mi resta nemmeno quanto basta per dar da mangiare al mio cane!» Di tanto in tanto un broker sbatteva giù la cornetta in segno di vittoria, riempiva un modulo d acquisto e andava al tubo di un sistema di posta pneumatica affisso a una colonna. Incollava il modulo a un cilindro di vetro e guardava il tubo risucchiarlo fino al soffitto. Da lì il modulo arrivava al banco contrattazioni all altro lato dell edificio, da dove sarebbe stato inoltrato al pianterreno della Borsa di New York per l evasione. Il soffitto era stato abbassato per fare spazio al sistema di tubi e avevo la sensazione che mi schiacciasse. Alle dieci Mark Hanna aveva già fatto tre viaggi alla colonna ed era sul punto di farne un altro. Al telefono era così calmo da lasciarmi sbalordito. Come se si scusasse col cliente mentre gli strappava gli occhi. «Signore, mi consenta» stava dicendo Mark al presidente di una società elencata da «Fortune» tra le prime cinquecento degli Stati Uniti, «sono orgoglioso di aver trovato una via per risolvere il problema. Il mio obiettivo è consentirle di affrontare con sicurezza situazioni del genere, e soprattutto garantirle di poterne uscire.» Il suo tono era così calmo e convincente da risultare quasi ipnotico. «Desidero avere un ruolo positivo per lei nel lungo termine; un ruolo positivo per i suoi affari e per la sua famiglia.» Due minuti più tardi Mark era al tubo di posta pneumatica, con un ordine d acquisto da duecentocinquantamila dollari per azioni di una certa Microsoft. Non avevo mai sentito parlare della Microsoft, ma il nome faceva pensare a una società abbastanza rispettabile. A ogni modo, la commissione di Mark sulla vendita ammontava a tremila dollari. Io, in tasca, avevo sette dollari. Alle dodici avevo la testa che girava e morivo di fame. A dire il vero, ero stordito, oltre che affamato e sudavo copiosamente. Ma, cosa più importante, ero preso all amo. Il possente ruggito mi cresceva nelle viscere e mi echeggiava in ogni fibra del cor- 18 po. Sapevo di poter fare quel lavoro. Sapevo di poterlo fare proprio come lo faceva Mark Hanna, forse anche meglio. Sapevo di poter essere liscio come la seta. Con mia sorpresa, anziché prendere l ascensore e scendere nell atrio e spendere metà del mio patrimonio in due würstel e una Coca, mi ritrovai a salire all attico, a fianco di Mark Hanna. La nostra destinazione era un ristorante a cinque stelle, il Top of the Sixes, al quarantesimo piano dell edificio. In quel locale l élite si ritrovava a pranzo e i Padroni dell Universo potevano sbronzarsi di Martini e vantarsi degli ultimi colpi. Appena entrammo nel ristorante, Luis, il maître, si precipitò verso Mark, gli strinse con vigore la mano e gli disse quant era bello vederlo in un lunedì pomeriggio così splendido. Mark gli rifilò un cinquanta (a momenti ci restavo secco) e Luis ci accompagnò a un tavolo d angolo con una magnifica vista dell Upper West Side di Manhattan e del ponte George Washington. Mark sorrise. «Luis» disse, «portaci subito due Absolut Martini. E poi altri due, fra...» si guardò il Rolex d oro massiccio «sette minuti e mezzo esatti. Continua a portarcene altri due ogni cinque minuti, finché uno di noi non perde i sensi.» Luis annuì. «Ma certo, signor Hanna. Mi sembra un eccellente strategia.» Sorrisi a Mark e dissi in tono di scusa: «Mi spiace, ma non bevo». Mi rivolsi a Luis. «Mi porti una Coca. Andrà benissimo.» Luis e Mark si scambiarono un occhiata, come se avessi appena commesso un crimine. Mark però si limitò a commentare: «È il suo primo giorno a Wall Street. Diamogli tempo». Luis mi guardò, serrò le labbra e annuì, serio. «Perfettamente comprensibile. Non si preoccupi, presto sarà un alcolista.» Mark concordò. «Ben detto, Luis, ma portagli ugualmente un Martini, nel caso cambi idea. Male che vada, lo berrò io.» «Benissimo, signor Hanna. Lei e il suo amico desiderate pranzare, oggi, o prendete solo qualche drink?» Ma di che cazzo parlava, Luis? Aveva fatto una domanda as- 19

13 surda, vista l ora di pranzo! Con mia sorpresa, Mark rispose a Luis che per quel giorno lui non avrebbe pranzato, ma l avrei fatto io; a quel punto Luis mi porse un menu e andò a prendere i drink. L attimo dopo scoprii perché Mark non avrebbe pranzato: dal taschino della giacca tirò fuori una fialetta di coca, svitò il tappo e tuffò nel recipiente un minuscolo cucchiaino. Estrasse un mucchietto del più potente inibitore naturale dell appetito, la cocaina, e l inalò con forza dalla narice destra. Poi ripeté il procedimento e aspirò come un Hoover dalla narice sinistra. Ero stupefatto. Non potevo crederci. Proprio lì nel ristorante. Fra i Padroni dell Universo! Con la coda dell occhio guardai in giro per vedere se qualcuno l aveva notato. Pareva che nessuno ci avesse fatto caso e, in retrospettiva, sono sicuro che comunque tutti se ne sarebbero fregati. In fin dei conti erano impegnati a distruggersi con vodka, scotch, gin, bourbon e i pericolosi prodotti farmaceutici che si erano agevolmente procurati grazie ai loro favolosi guadagni. «Ecco qua» disse Mark, passandomi la fialetta di coca. «Il vero biglietto per Wall Street: questa roba e le puttane.» Puttane? Il riferimento mi parve bizzarro. Voglio dire, non ero mai stato con una prostituta. E poi ero innamorato di una ragazza che stava per diventare mia moglie. Si chiamava Denise ed era splendida, bellissima dentro e fuori. Le probabilità che la tradissi erano meno di zero. In quanto alla coca, be, avevo avuto la mia parte di divertimento, al college, ma da alcuni anni non toccavo niente di più dell erba. «No, grazie» risposi, sentendomi un po imbarazzato. «Quella roba e io non andiamo d accordo. Mi rende... ehm... suonato. Mi passa la voglia di dormire o di mangiare e... comincio a preoccuparmi di tutto. Per me è davvero nociva. Davvero malefica.» «Nessun problema» disse lui, sniffandone ancora. «Ma ti garantisco che la coca ti aiuterà decisamente a tirare avanti per tutto il giorno, da queste parti.» Scosse la testa e scrollò le spalle. «È un mestiere incasinato, il broker. Non fraintendermi: i soldi ci sono alla grande e non manca niente, ma non si crea 20 nulla, non si costruisce nulla. Perciò dopo un po di tempo diventa piuttosto monotono.» Esitò, come se cercasse la parola giusta. «La verità è che non siamo altro che degli squallidi venditori. Nessuno di noi ha idea di quali azioni saliranno. Ci limitiamo a tirare freccette su un tabellone, a gettare fumo negli occhi della gente e a imbrogliare. Comunque te ne accorgerai abbastanza presto.» Passammo qualche minuto a parlare delle nostre rispettive esperienze precedenti. Mark era cresciuto a Brooklyn, nel sobborgo di Bay Ridge, un ambiente abbastanza duro a quanto ne sapevo. «Fa qualsiasi cosa» disse ironicamente, «ma non uscire con le ragazze di Bay Ridge. Sono tutte matte!» Poi sniffò ancora un po di coca e aggiunse: «L ultima con cui sono uscito mi ha pugnalato con una fottuta matita mentre dormivo! Te l immagini?». Proprio allora un cameriere in smoking posò sul tavolo i nostri drink. Mark alzò il Martini da venti dollari e io la Coca-Cola da otto. Mark disse: «Questo è perché il Dow Jones vada dritto a cinquemila!». Facemmo tintinnare i bicchieri. «E questo per la tua carriera a Wall Street!» continuò. «Che tu possa fare una maledetta fortuna in questo mestiere e tenerci impegnata solo una piccola porzione dell anima!» Sorridemmo e facemmo toccare di nuovo i bicchieri. In quel preciso istante, se qualcuno m avesse detto che soltanto qualche anno dopo sarei stato il proprietario del ristorante dove ora sedevo e che Mark Hanna e metà degli altri broker alla LF Rothschild avrebbero lavorato per me, l avrei preso per pazzo. E se qualcuno m avesse detto che avrei sniffato strisce di coca sul banco di quello stesso ristorante, mentre una decina di puttane d alto bordo guardavano con ammirazione, avrei pensato che si era bevuto il cervello. Ma era solo l inizio. Vedete, in quello stesso momento, molto lontano da me si verificavano alcuni eventi (eventi che non avevano niente a che fare con la mia persona) a iniziare da una faccenda detta «assicurazione patrimoniale», ossia una strategia di copertura azionaria elaborata al computer, che a un cer- 21

14 to punto avrebbe messo fine a quel folle mercato al rialzo e avrebbe fatto crollare l indice Dow Jones di cinquecentootto punti in un solo giorno. E da quel momento in poi la catena d eventi successivi sarebbe stata quasi inimmaginabile. Wall Street avrebbe chiuso bottega per qualche tempo e la società LF Rothschild, finanziaria per il collocamento di nuove azioni, sarebbe stata costretta a chiudere i battenti. E poi la follia avrebbe regnato. Vi offro appunto una ricostruzione, satirica, di quella follia, di quella che si sarebbe rivelata una delle corse più sfrenate nella storia di Wall Street. E ve la offro nella voce che mi risuonava nella testa a quel tempo. Una voce ironica, disinvolta, egoistica e, in molti casi, meschina. Una voce che mi permetteva di trovare giustificazioni razionali per ogni aspetto della mia vita di sfrenato edonismo. Una voce che mi ha aiutato a corrompere altre persone e a manipolarle, a portare caos e follia a un intera generazione di giovani americani. Sono cresciuto in una famiglia borghese a Bayside, nel Queens, dove i termini spregiativi per indicare neri e portoricani e italoamericani e cinesi erano considerati le peggiori parolacce, da non pronunciare in nessuna circostanza. Nella casa dei miei genitori si combattevano i pregiudizi di qualsiasi genere, considerandoli segno di ignoranza e vedute ristrette. Ho sempre ricordato questa regola, da bambino e da adolescente; e anche al vertice della follia. Eppure quegli epiteti offensivi mi sarebbero saliti alle labbra, con notevole facilità, soprattutto mentre la follia s impossessava di me. Naturalmente razionalizzavo anche questo, mi dicevo che Wall Street è fatta così e che a Wall Street non c è tempo per troppe cortesie o finezze sociali. Perché vi dico questo? Perché voglio che sappiate chi realmente sono e, cosa più importante, chi non sono. E perché ho due figli miei e un mucchio di cose da spiegare loro, un giorno. Dovrò spiegare come il loro amorevole papà, lo stesso papà che ora li porta alle partite di calcio e partecipa agli incontri fra maestri e genitori e resta a casa i venerdì sera e prepara loro la Caesar salad, sia stato un tempo una persona così spregevole. 22 Ma ciò che sinceramente mi auguro è che il racconto della mia vita possa servire da monito tanto ai ricchi quanto ai poveri; a chiunque viva con un cucchiaino nel naso e un cocktail di pillole disciolte nello stomaco; o a qualsiasi persona accetti un dono di Dio e ne faccia cattivo uso; a chiunque decida di passare al lato oscuro del potere e vivere una vita di sfrenato edonismo. E a chiunque pensi che sia affascinante essere conosciuto come un Lupo di Wall Street. 23

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

un gioco di acquisti e costruzioni

un gioco di acquisti e costruzioni un gioco di acquisti e costruzioni Creato da Ben Haskett Illustrazioni di Derek Bacon La storia........ 2 Obiettivo del gioco........ 3 Componenti... 3 Preparazione..... 4 Come giocare...... 6 Carte costruzione.........

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli