ISBN Titolo originale dell opera: The Wolf of Wall Street. Traduzione di Michele Foschini e G.L. Staffilano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-17-07035-5. Titolo originale dell opera: The Wolf of Wall Street. Traduzione di Michele Foschini e G.L. Staffilano"

Transcript

1

2

3 Proprietà letteraria riservata 2007 by Jordan Belfort This translation is published by arrangement with The Bentam Dell Publishing Group, a division of Random House, Inc RCS Libri S.p.A., Milano ISBN Titolo originale dell opera: The Wolf of Wall Street Traduzione di Michele Foschini e G.L. Staffilano Prima edizione Rizzoli 2008 Prima edizione BUR gennaio 2014 Per conoscere il mondo BUR visita il sito

4

5 Jordan Belfort Il lupo di Wall Street

6 Ai miei due magnifici figli, Chandler e Carter Belfort

7 Nota dell Autore Questo libro è un opera biografica: una storia vera, basata per quanto possibile sul ricordo di molti eventi della mia vita. Dove era opportuno, ho modificato il nome e le caratteristiche di alcune persone citate, per rispettarne la riservatezza (alla loro prima apparizione nel testo i nomi fittizi sono contrassegnati da un asterisco). In alcuni casi, per rendere più fluida la narrazione ho riordinato e condensato eventi e periodi di tempo e ho ricreato i dialoghi adatti.

8 Prologo Un bambino nel bosco 4 maggio 1987 «Tu conti meno di zero» disse il mio nuovo capo, mentre mi accompagnava per la prima volta nella sala operativa della LF Rothschild. «La cosa ti crea problemi, Jordan?» «No» risposi, «nessun problema.» «Bene» approvò il capo, brusco, e continuò a camminare. Percorrevamo un labirinto di scure scrivanie di mogano e cavi telefonici neri, al ventiduesimo piano di una torre di vetro e alluminio che si alzava per quaranta piani sopra la famosa Quinta Avenue di Manhattan. La sala operativa era ampia, forse quindici metri per venti. Un locale opprimente, con scrivanie, telefoni, computer e un piccolo esercito di yuppie molto sgradevoli, settanta in tutto. Si erano tolti la giacca e a quell ora, le nove e venti del mattino, se ne stavano appoggiati alla spalliera della sedia a leggere il «Wall Street Journal» e a rallegrarsi di essere i giovani Padroni dell Universo. Padrone dell Universo: mi pareva un nobile obiettivo; e mentre li oltrepassavo, in completo blu a buon mercato e scarpe pesanti, mi ritrovai a desiderare di essere uno di loro. Ma il mio nuovo capo si premurò subito di ricordarmi che non lo ero. «Il tuo compito...» guardò la targhetta col nome sul risvolto della mia modesta giacca blu «... Jordan Belfort, è quello di collegare, il che significa comporre numeri di telefono cinquecento 11

9 volte al giorno, per riuscire a oltrepassare la segretaria. Non devi vendere niente, raccomandare niente, creare niente. Devi solo contattare titolari d azienda.» S interruppe per un istante, poi riprese a sputare veleno. «E quando ne avrai uno al telefono, tutto ciò che dirai è: Buongiorno, signor Tal dei Tali, ho in linea Scott per lei e mi passerai la telefonata e ricomincerai a comporre numeri. Pensi di potertela cavare o è troppo complicato per te?» «No, credo di potercela fare» risposi speranzoso, mentre mi sentivo sopraffatto da uno tsunami di panico. Il programma d addestramento della LF Rothschild durava sei mesi. Sarebbero stati sei mesi durissimi, sei mesi a sudare sangue, nel corso dei quali sarei stato alla mercé di cazzoni come Scott, lo spregevole yuppie che pareva risalito dalle infuocate viscere dell inferno degli yuppie. Dopo averlo esaminato di sottecchi, giunsi rapidamente alla conclusione che Scott aveva l aria di un pesce rosso. Era calvo e pallido e i pochi capelli che gli rimanevano erano di un colore arancione fangoso. Poco più di trent anni, alto, con cranio stretto e labbra rosee e gonfie. Sfoggiava una cravatta a farfalla che lo rendeva ridicolo, ma erano gli occhiali dalla montatura metallica sugli occhi nocciola sporgenti che gli davano quell aria ottusa, da pesce rosso, appunto. «Bene» disse lo spregevole pesce rosso. «Allora, ecco le regole di base: niente interruzioni, niente chiamate personali, niente giorni di malattia, niente ritardi e niente perdite di tempo. Hai trenta minuti per pranzo...» fece una pausa strategica prima del colpo a effetto «... e sarà meglio che torni in orario, perché cinquanta persone non aspettano altro che prendersi la tua scrivania, se fai cazzate.» Continuò a camminare e a parlare, mentre lo seguivo a un passo di distanza, ipnotizzato dalle migliaia di quotazioni di titoli che scorrevano, in arancione, sul grigio dei monitor. La parete anteriore della sala era tutta una vetrata che guardava sul centro commerciale di Manhattan. Più avanti si scorgeva l Empire State Building: torreggiava su tutto, sembrava arrivare 12 davvero fino a grattare il cielo. Un magnifico panorama, degno di un giovane Padrone dell Universo. Una meta che ora pareva sempre più lontana. «Per dirti la verità» biascicò Scott, «non penso che tu sia tagliato per questo lavoro. Hai l aria da ragazzino e Wall Street non è un posto per ragazzini. È un posto per assassini. Per mercenari. Da questo punto di vista sei fortunato che qui non sia io a fare le assunzioni.» Ridacchiò brevemente. Mi morsi il labbro e rimasi in silenzio. Era il 1987 e gli yuppie cazzoni come Scott parevano dominare il mondo. Wall Street era al cuore di un violento mercato tendente al rialzo e nuovi miliardari venivano sputati fuori per dieci centesimi alla dozzina. Il denaro era a buon mercato e un tizio, Michael Milken, aveva inventato i «titoli spazzatura» che avevano cambiato il modo in cui le imprese americane facevano affari. Era un tempo di sbrigliata avidità, un tempo di eccessi sfrenati. Era l epoca degli yuppie. Mentre ci avvicinavamo alla mia scrivania, la mia nemesi in carriera si girò verso di me e disse: «Lo ripeto, Jordan. Sei più in basso dell ultimo gradino. Ancora non sei neppure un cold caller, non fai vendite per telefono. Sei solo un collegatore». Dalla parola grondava disprezzo. «E finché non avrai ottenuto la licenza di vendita di azioni, collegare sarà tutto il tuo universo. Ecco perché conti meno di zero. Per te non è un problema, vero?» «Assolutamente no» risposi. «È il lavoro perfetto per me, perché conto davvero meno di zero.» Mi strinsi nelle spalle, con aria innocente. A differenza di Scott, non ho l aspetto di un pesce rosso, e perciò mi sentii orgoglioso mentre lui mi scrutava in viso per capire se facevo dell ironia. Non sono molto alto e a ventiquattro anni avevo ancora i lineamenti morbidi di un adolescente. Quel tipo di faccia che mi rendeva difficile entrare in un bar senza che verificassero la mia età. Avevo una massa di capelli castano chiaro, pelle liscia e olivastra e grandi occhi blu. Tutto sommato, non ero brutto. 13

10 Purtroppo, però, non avevo mentito a Scott, quando avevo ammesso di contare meno di zero. Perché era proprio così che mi sentivo. Avevo appena mandato in fumo la mia prima attività imprenditoriale e la mia autostima aveva fatto la stessa fine. Era stata un iniziativa nell industria della carne e del pesce partita con il piede sbagliato e, quando si era conclusa, mi ero trovato sulle croste ventisei camion in leasing... tutti da me personalmente garantiti e tutti in inadempienza. Perciò le banche mi davano la caccia, al pari di una bellicosa tizia dell American Express (una donna cannone barbuta, a giudicare dalla voce) che minacciava di prendermi a calci di persona se non avessi pagato. Avevo considerato l idea di cambiare numero di telefono, ma ero in arretrato anche con la bolletta, e pure l azienda telefonica mi braccava. Arrivammo alla scrivania di Scott, il quale mi offrì di sedermi accanto a lui, insieme con qualche parola d incoraggiamento, più o meno. «Guarda il lato positivo» disse spiritosamente. «Se per un miracolo non sarai licenziato per pigrizia, stupidità, insolenza o ritardi, un giorno potresti diventare davvero un operatore di borsa.» Sogghignò alla battuta. «E, giusto perché tu lo sappia, l anno scorso ho tirato su più di trecentomila dollari e il mio collega per cui lavorerai, più di un milione.» Più di un milione? Riuscivo solo a immaginare che razza di stronzo doveva essere. Sentendomi morire, chiesi: «Chi è?». «Che te ne importa?» replicò il mio aguzzino yuppie. Santo cielo, pensai, parla solo se sei interrogato, poppante. Era come essere nei Marine. Anzi, avevo la netta impressione che il film preferito di quel bastardo fosse Ufficiale e gentiluomo e che lui sfogasse su di me una fantasia alla Lou Gossett, fingendo di essere un sergente istruttore responsabile di un marine inadeguato. Ma tenni per me quel pensiero e mi limitai a dire: «Ah, niente. Ero solo... curioso». «Si chiama Mark Hanna e lo incontrerai presto.» Mi passò una catasta di schede sei per dieci, ciascuna col nome e il numero di telefono di un ricco imprenditore. «Sorridi e chiama» mi 14 disse, «e non alzare la fottuta testa fino alle dodici.» Poi si sedette alla scrivania, prese una copia del «Wall Street Journal», appoggiò sul piano le scarpe di coccodrillo nere e cominciò a leggere. Stavo per prendere il ricevitore, quando sentii sulla spalla una mano robusta. Alzai gli occhi e mi bastò un occhiata per capire che quello era Mark Hanna. Puzzava di successo, come un vero Padrone dell Universo. Era un pezzo d uomo, circa uno e ottanta per cento chili, quasi tutto muscoli. Aveva capelli neri, intensi occhi scuri, lineamenti carnosi e una bella spruzzata di cicatrici di acne. Era piuttosto piacente, un po sul tipo uomo d affari, ed emanava la zaffata hippy del Greenwich Village. Sentivo il carisma colargli di dosso. «Jordan?» disse, in un tono assai rassicurante. «Sì, eccomi» risposi, con l aria del condannato. «Nullità di prima classe, al tuo servizio.» Rise con calore mentre le imbottiture delle spalle del suo completo grigio gessato da duemila dollari si alzavano e si abbassavano ritmicamente. Poi, con voce più forte del necessario, disse: «Sì, bene, vedo che ti sei già beccato la prima dose dello stronzo del villaggio!». Con la testa indicò Scott. Annuii impercettibilmente. Lui strizzò l occhio. «Non ti preoccupare, qui sono io il broker più anziano, lui è solo un piccolo speculatore senza meriti. Non fare caso a tutto ciò che ha detto e che potrebbe dire in futuro.» Per quanto tentassi di trattenermi non riuscii a non lanciare un occhiata a Scott, che borbottò: «Fanculo, Hanna!». Mark però non si offese. Si limitò a scrollare le spalle e girò intorno alla scrivania, mettendo la sua grande massa tra Scott e me. «Non lasciarti infastidire da lui» disse. «Ho saputo che sei un venditore di prim ordine. Fra un anno quell idiota ti bacerà il culo.» Sorrisi, con un misto d orgoglio e d imbarazzo. «Chi ti ha detto che sono un grande venditore?» «Steven Schwartz, il tizio che ti ha assunto. Ha detto che nel colloquio te lo sei rigirato per bene.» Ridacchiò al pensiero. «È 15

11 rimasto colpito. Mi ha detto di stare attento a te.» «Sì, ero nervoso per paura che non mi assumesse. C erano venti persone in fila per il colloquio, perciò ho pensato che era meglio andarci deciso... sai, fare impressione.» Mi strinsi nelle spalle. «Lui però mi ha detto di moderare un po i toni.» Mark sorrise, compiaciuto. «Sì, ma non troppo. La pressione è indispensabile in questo lavoro. La gente non compra azioni, bisogna vendergliele. Non dimenticarlo mai.» Lasciò che le parole facessero presa. «Comunque, lo stronzo del villaggio ha ragione su una cosa: collegare frega davvero. Io l ho fatto per sette mesi e ogni giorno volevo suicidarmi. Perciò ti rivelerò un piccolo segreto.» Abbassò la voce in tono da cospiratore. «Fa solo finta di collegare. Perdi tempo a ogni occasione.» Sorrise e strizzò l occhio, poi riprese in tono normale. «Non fraintendermi. Voglio che tu mi colleghi col maggior numero possibile di persone, perché è da loro che spremo denaro. Ma non voglio che ti tagli i polsi per questo, non mi piace la vista del sangue.» Ammiccò di nuovo. «Perciò fa un mucchio d interruzioni. Va in bagno e masturbati, se ne hai bisogno. È quello che facevo io, e per me era come un talismano. Ti piace masturbarti, ho ragione?» Per un attimo fui colto alla sprovvista, ma come avrei appreso ben presto, una sala operativa di Wall Street non era il luogo più adatto a fare sfoggio di bon ton. Parole come «merda» e «coglione» e «bastardo» e «cazzo» erano comuni come «sì» e «no» e «forse» e «per favore». Dissi: «Sì, certo, adoro masturbarmi. Voglio dire, a chi non piace?». Lui annuì, quasi sollevato. «Bene, molto bene. La masturbazione è la chiave. E ti raccomando seriamente anche l uso di droghe, specialmente coca, perché così sarai più svelto a comporre numeri e sarà meglio per me.» Esitò, come se cercasse altre perle di saggezza, ma a quanto pareva aveva esaurito la riserva. «Bene, non c è altro. Queste sono tutte le indicazioni che posso darti adesso. Te la passerai bene, pivello. Un giorno ripenserai a questi momenti e ci riderai sopra; almeno questo te lo posso promettere.» Sorrise ancora una volta e si sedette davanti al telefono. 16 Un attimo dopo risuonò un cicalino, l annuncio che il mercato era appena stato aperto. Guardai il Timex, comprato da JCPenney per quattordici dollari la settimana prima. Erano le nove e trenta in punto. Del 4 maggio 1987, il mio esordio a Wall Street. Proprio allora la voce del direttore vendite della LF Rothschild, Steven Schwartz, superò l altoparlante. «Bene, signori. I future sembrano forti, stamattina, e da Tokyo arrivano notevoli acquisti.» Steven aveva solo trentotto anni, ma l anno prima aveva guadagnato più di due milioni di dollari: Un altro Padrone dell Universo, senza dubbio. «Ci aspettiamo un balzo di dieci punti all apertura» soggiunse, «perciò prendiamo il telefono e diamoci da fare!» E nella sala si scatenò il pandemonio. I piedi volarono giù dalle scrivanie; i «Wall Street Journal» furono archiviati nei cestini; le maniche delle camicie furono arrotolate al gomito; e a uno a uno i broker presero il telefono e iniziarono a chiamare. Presi anch io il telefono e cominciai a chiamare. Nel giro di qualche minuto tutti andavano avanti e indietro come esagitati e gesticolavano e gridavano al telefono, creando un incredibile frastuono. Era la prima volta che udivo il ruggito di una sala operativa di Wall Street, simile al fragore di una folla tumultuante. Un rumore che non dimenticherò mai, e che mi avrebbe cambiato per sempre la vita. Il rumore di uomini inghiottiti da avidità e ambizione, che sputavano cuore e anima per convincere ricchi imprenditori di ogni angolo d America. «Le Miniscribe sono un fottuto furto quaggiù» gridò al telefono uno yuppie dal viso paffuto. Aveva ventotto anni, una forte dipendenza dalla coca e un reddito lordo di seicentomila dollari. «Il suo broker in West Virginia? Cristo! Sarà bravo a scegliere azioni di miniere di carbone, ma siamo negli anni Ottanta. Il gioco ora si chiama high-tech!» «Ho cinquantamila July Fifties!» strillò un tizio due scrivanie più in là. «Hanno finito i soldi!» urlò un altro. «Non mi arricchisco in una sola transazione» giurò un 17

12 broker al suo cliente. «Sta scherzando?» sbottò Scott al telefono. «Dopo aver diviso la commissione fra la società e il governo, non mi resta nemmeno quanto basta per dar da mangiare al mio cane!» Di tanto in tanto un broker sbatteva giù la cornetta in segno di vittoria, riempiva un modulo d acquisto e andava al tubo di un sistema di posta pneumatica affisso a una colonna. Incollava il modulo a un cilindro di vetro e guardava il tubo risucchiarlo fino al soffitto. Da lì il modulo arrivava al banco contrattazioni all altro lato dell edificio, da dove sarebbe stato inoltrato al pianterreno della Borsa di New York per l evasione. Il soffitto era stato abbassato per fare spazio al sistema di tubi e avevo la sensazione che mi schiacciasse. Alle dieci Mark Hanna aveva già fatto tre viaggi alla colonna ed era sul punto di farne un altro. Al telefono era così calmo da lasciarmi sbalordito. Come se si scusasse col cliente mentre gli strappava gli occhi. «Signore, mi consenta» stava dicendo Mark al presidente di una società elencata da «Fortune» tra le prime cinquecento degli Stati Uniti, «sono orgoglioso di aver trovato una via per risolvere il problema. Il mio obiettivo è consentirle di affrontare con sicurezza situazioni del genere, e soprattutto garantirle di poterne uscire.» Il suo tono era così calmo e convincente da risultare quasi ipnotico. «Desidero avere un ruolo positivo per lei nel lungo termine; un ruolo positivo per i suoi affari e per la sua famiglia.» Due minuti più tardi Mark era al tubo di posta pneumatica, con un ordine d acquisto da duecentocinquantamila dollari per azioni di una certa Microsoft. Non avevo mai sentito parlare della Microsoft, ma il nome faceva pensare a una società abbastanza rispettabile. A ogni modo, la commissione di Mark sulla vendita ammontava a tremila dollari. Io, in tasca, avevo sette dollari. Alle dodici avevo la testa che girava e morivo di fame. A dire il vero, ero stordito, oltre che affamato e sudavo copiosamente. Ma, cosa più importante, ero preso all amo. Il possente ruggito mi cresceva nelle viscere e mi echeggiava in ogni fibra del cor- 18 po. Sapevo di poter fare quel lavoro. Sapevo di poterlo fare proprio come lo faceva Mark Hanna, forse anche meglio. Sapevo di poter essere liscio come la seta. Con mia sorpresa, anziché prendere l ascensore e scendere nell atrio e spendere metà del mio patrimonio in due würstel e una Coca, mi ritrovai a salire all attico, a fianco di Mark Hanna. La nostra destinazione era un ristorante a cinque stelle, il Top of the Sixes, al quarantesimo piano dell edificio. In quel locale l élite si ritrovava a pranzo e i Padroni dell Universo potevano sbronzarsi di Martini e vantarsi degli ultimi colpi. Appena entrammo nel ristorante, Luis, il maître, si precipitò verso Mark, gli strinse con vigore la mano e gli disse quant era bello vederlo in un lunedì pomeriggio così splendido. Mark gli rifilò un cinquanta (a momenti ci restavo secco) e Luis ci accompagnò a un tavolo d angolo con una magnifica vista dell Upper West Side di Manhattan e del ponte George Washington. Mark sorrise. «Luis» disse, «portaci subito due Absolut Martini. E poi altri due, fra...» si guardò il Rolex d oro massiccio «sette minuti e mezzo esatti. Continua a portarcene altri due ogni cinque minuti, finché uno di noi non perde i sensi.» Luis annuì. «Ma certo, signor Hanna. Mi sembra un eccellente strategia.» Sorrisi a Mark e dissi in tono di scusa: «Mi spiace, ma non bevo». Mi rivolsi a Luis. «Mi porti una Coca. Andrà benissimo.» Luis e Mark si scambiarono un occhiata, come se avessi appena commesso un crimine. Mark però si limitò a commentare: «È il suo primo giorno a Wall Street. Diamogli tempo». Luis mi guardò, serrò le labbra e annuì, serio. «Perfettamente comprensibile. Non si preoccupi, presto sarà un alcolista.» Mark concordò. «Ben detto, Luis, ma portagli ugualmente un Martini, nel caso cambi idea. Male che vada, lo berrò io.» «Benissimo, signor Hanna. Lei e il suo amico desiderate pranzare, oggi, o prendete solo qualche drink?» Ma di che cazzo parlava, Luis? Aveva fatto una domanda as- 19

13 surda, vista l ora di pranzo! Con mia sorpresa, Mark rispose a Luis che per quel giorno lui non avrebbe pranzato, ma l avrei fatto io; a quel punto Luis mi porse un menu e andò a prendere i drink. L attimo dopo scoprii perché Mark non avrebbe pranzato: dal taschino della giacca tirò fuori una fialetta di coca, svitò il tappo e tuffò nel recipiente un minuscolo cucchiaino. Estrasse un mucchietto del più potente inibitore naturale dell appetito, la cocaina, e l inalò con forza dalla narice destra. Poi ripeté il procedimento e aspirò come un Hoover dalla narice sinistra. Ero stupefatto. Non potevo crederci. Proprio lì nel ristorante. Fra i Padroni dell Universo! Con la coda dell occhio guardai in giro per vedere se qualcuno l aveva notato. Pareva che nessuno ci avesse fatto caso e, in retrospettiva, sono sicuro che comunque tutti se ne sarebbero fregati. In fin dei conti erano impegnati a distruggersi con vodka, scotch, gin, bourbon e i pericolosi prodotti farmaceutici che si erano agevolmente procurati grazie ai loro favolosi guadagni. «Ecco qua» disse Mark, passandomi la fialetta di coca. «Il vero biglietto per Wall Street: questa roba e le puttane.» Puttane? Il riferimento mi parve bizzarro. Voglio dire, non ero mai stato con una prostituta. E poi ero innamorato di una ragazza che stava per diventare mia moglie. Si chiamava Denise ed era splendida, bellissima dentro e fuori. Le probabilità che la tradissi erano meno di zero. In quanto alla coca, be, avevo avuto la mia parte di divertimento, al college, ma da alcuni anni non toccavo niente di più dell erba. «No, grazie» risposi, sentendomi un po imbarazzato. «Quella roba e io non andiamo d accordo. Mi rende... ehm... suonato. Mi passa la voglia di dormire o di mangiare e... comincio a preoccuparmi di tutto. Per me è davvero nociva. Davvero malefica.» «Nessun problema» disse lui, sniffandone ancora. «Ma ti garantisco che la coca ti aiuterà decisamente a tirare avanti per tutto il giorno, da queste parti.» Scosse la testa e scrollò le spalle. «È un mestiere incasinato, il broker. Non fraintendermi: i soldi ci sono alla grande e non manca niente, ma non si crea 20 nulla, non si costruisce nulla. Perciò dopo un po di tempo diventa piuttosto monotono.» Esitò, come se cercasse la parola giusta. «La verità è che non siamo altro che degli squallidi venditori. Nessuno di noi ha idea di quali azioni saliranno. Ci limitiamo a tirare freccette su un tabellone, a gettare fumo negli occhi della gente e a imbrogliare. Comunque te ne accorgerai abbastanza presto.» Passammo qualche minuto a parlare delle nostre rispettive esperienze precedenti. Mark era cresciuto a Brooklyn, nel sobborgo di Bay Ridge, un ambiente abbastanza duro a quanto ne sapevo. «Fa qualsiasi cosa» disse ironicamente, «ma non uscire con le ragazze di Bay Ridge. Sono tutte matte!» Poi sniffò ancora un po di coca e aggiunse: «L ultima con cui sono uscito mi ha pugnalato con una fottuta matita mentre dormivo! Te l immagini?». Proprio allora un cameriere in smoking posò sul tavolo i nostri drink. Mark alzò il Martini da venti dollari e io la Coca-Cola da otto. Mark disse: «Questo è perché il Dow Jones vada dritto a cinquemila!». Facemmo tintinnare i bicchieri. «E questo per la tua carriera a Wall Street!» continuò. «Che tu possa fare una maledetta fortuna in questo mestiere e tenerci impegnata solo una piccola porzione dell anima!» Sorridemmo e facemmo toccare di nuovo i bicchieri. In quel preciso istante, se qualcuno m avesse detto che soltanto qualche anno dopo sarei stato il proprietario del ristorante dove ora sedevo e che Mark Hanna e metà degli altri broker alla LF Rothschild avrebbero lavorato per me, l avrei preso per pazzo. E se qualcuno m avesse detto che avrei sniffato strisce di coca sul banco di quello stesso ristorante, mentre una decina di puttane d alto bordo guardavano con ammirazione, avrei pensato che si era bevuto il cervello. Ma era solo l inizio. Vedete, in quello stesso momento, molto lontano da me si verificavano alcuni eventi (eventi che non avevano niente a che fare con la mia persona) a iniziare da una faccenda detta «assicurazione patrimoniale», ossia una strategia di copertura azionaria elaborata al computer, che a un cer- 21

14 to punto avrebbe messo fine a quel folle mercato al rialzo e avrebbe fatto crollare l indice Dow Jones di cinquecentootto punti in un solo giorno. E da quel momento in poi la catena d eventi successivi sarebbe stata quasi inimmaginabile. Wall Street avrebbe chiuso bottega per qualche tempo e la società LF Rothschild, finanziaria per il collocamento di nuove azioni, sarebbe stata costretta a chiudere i battenti. E poi la follia avrebbe regnato. Vi offro appunto una ricostruzione, satirica, di quella follia, di quella che si sarebbe rivelata una delle corse più sfrenate nella storia di Wall Street. E ve la offro nella voce che mi risuonava nella testa a quel tempo. Una voce ironica, disinvolta, egoistica e, in molti casi, meschina. Una voce che mi permetteva di trovare giustificazioni razionali per ogni aspetto della mia vita di sfrenato edonismo. Una voce che mi ha aiutato a corrompere altre persone e a manipolarle, a portare caos e follia a un intera generazione di giovani americani. Sono cresciuto in una famiglia borghese a Bayside, nel Queens, dove i termini spregiativi per indicare neri e portoricani e italoamericani e cinesi erano considerati le peggiori parolacce, da non pronunciare in nessuna circostanza. Nella casa dei miei genitori si combattevano i pregiudizi di qualsiasi genere, considerandoli segno di ignoranza e vedute ristrette. Ho sempre ricordato questa regola, da bambino e da adolescente; e anche al vertice della follia. Eppure quegli epiteti offensivi mi sarebbero saliti alle labbra, con notevole facilità, soprattutto mentre la follia s impossessava di me. Naturalmente razionalizzavo anche questo, mi dicevo che Wall Street è fatta così e che a Wall Street non c è tempo per troppe cortesie o finezze sociali. Perché vi dico questo? Perché voglio che sappiate chi realmente sono e, cosa più importante, chi non sono. E perché ho due figli miei e un mucchio di cose da spiegare loro, un giorno. Dovrò spiegare come il loro amorevole papà, lo stesso papà che ora li porta alle partite di calcio e partecipa agli incontri fra maestri e genitori e resta a casa i venerdì sera e prepara loro la Caesar salad, sia stato un tempo una persona così spregevole. 22 Ma ciò che sinceramente mi auguro è che il racconto della mia vita possa servire da monito tanto ai ricchi quanto ai poveri; a chiunque viva con un cucchiaino nel naso e un cocktail di pillole disciolte nello stomaco; o a qualsiasi persona accetti un dono di Dio e ne faccia cattivo uso; a chiunque decida di passare al lato oscuro del potere e vivere una vita di sfrenato edonismo. E a chiunque pensi che sia affascinante essere conosciuto come un Lupo di Wall Street. 23

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3 Titolo originale: Because of Mr. Terupt 2010 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2010 da Delacorte Press, un marchio di Random House Children s Books, una divisione di Random

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE. renatocarcatella@sangiorgioweb.it

Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE. renatocarcatella@sangiorgioweb.it Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE renatocarcatella@sangiorgioweb.it 2 I proventi della vendita destinati all'autore saranno interamente devoluti all ABA (Associazione senza fini di lucro impegnata

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse.

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse. A proposito di tasse: parliamo di evasione fiscale in Italia. Siamo campioni anche in quello. Noi siamo sempre i primi quando si parla di illegalità. Sempre a mia moglie norvegese: quando ho cercato di

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!»

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!» 1 SHOPPING SFRENATO Tom attraversò il vialetto a passo di lumaca, trascinando i piedi. Sua madre e sua nonna erano già sedute in macchina. «Sbrigati, Tom!» gridò la sua mamma sporgendosi dal finestrino.

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Cristina Volpi BANDITI IN AZIENDA. La nobile arte di sabotare gli altri rovinando se stessi

Cristina Volpi BANDITI IN AZIENDA. La nobile arte di sabotare gli altri rovinando se stessi Cristina Volpi BANDITI IN AZIENDA La nobile arte di sabotare gli altri rovinando se stessi INCENDI FRA CENTRO E PERIFERIA 6 «Visto i giornali di oggi?» esordì Marco Cantelli con i suoi due assistenti.

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1 INDICE 1 Va bene va bene cosi... 2 2 Colpa d Alfredo... 3 3 Deviazioni... 4 4 Fegato fegato spappolato... 5 5 Vita spericolata... 7 6 Ogni volta... 8 7 Albachiara... 9 8 Bollicine... 10 9 Siamo solo noi...

Dettagli

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari.

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari. Scheda 1 Nome:... Cognome:... Classe:... Gli aggettivi qualificativi 1 Completa le frasi con l aggettivo appropriato, come nell esempio. pigra bugiarda curiosa generosa fortunata coraggiosa tranquilla

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Natale, primo pomeriggio

Natale, primo pomeriggio Natale, primo pomeriggio «Ha un nome, quell attrezzo?» «Sei sicuro che sia quello che vuoi sapere? Il nome di questo attrezzo?» «No. Per la verità era un pretesto. Voglio capire che cosa ci fa, lei, al

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Aidan Chambers. Ora che so. Traduzione di Giorgia Grilli

Aidan Chambers. Ora che so. Traduzione di Giorgia Grilli Aidan Chambers Ora che so Traduzione di Giorgia Grilli Proprietà letteraria riservata 2004 RCS Libri S.p.A., Milano 1987 Aidan Chambers Pubblicato per la prima volta in Gran Bretagna da The Bodley Head

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

SABATO, 31 AGOSTO. A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi.

SABATO, 31 AGOSTO. A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi. SABATO, 31 AGOSTO A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi. Tutto è cominciato questa mattina quando le ho chiesto se poteva comprarmi uno

Dettagli