INDICE. Unità 7 DALLA CIRCONFERENZA AI POLIGONI REGOLARI, 1 CIRCONFERENZA E CERCHIO, 2 PARTI DELLA CIRCONFERENZA E DEL CERCHIO, 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Unità 7 DALLA CIRCONFERENZA AI POLIGONI REGOLARI, 1 CIRCONFERENZA E CERCHIO, 2 PARTI DELLA CIRCONFERENZA E DEL CERCHIO, 3"

Transcript

1 INIE Unità 7 LL IRONFERENZ I POLIGONI REGOLRI, Il libro prosegue nel 7. IRONFERENZ E ERIO, ESERIZI da p. 7. PRTI ELL IRONFERENZ E EL ERIO, Le parti della circonferenza, Le parti del cerchio, 7. NGOLI E IRONFERENZ, 6 ngoli al centro, 6 ngoli alla circonferenza, 6 Relazione tra angoli al centro e angoli alla circonferenza, 7 7. IRONFERENZE E RETTE NEL PINO, 8 Posizioni di una retta rispetto a una circonferenza, 8 Posizioni reciproche di due circonferenze, POLIGONI INSRITTI IN UN IRONFERENZ, 0 ondizione di inscrittibilità dei poligoni, POLIGONI IROSRITTI UN IRONFERENZ, ondizione di circoscrittibilità dei poligoni, 7.7 POLIGONI REGOLRI, 6 Proprietà dei poligoni regolari, 6 Il cammino della matematica: rchimede, un genio universale, 9 SINTESI, 0 llenamente, 58 MTEMTI ON IL P: irconferenze e poligoni, 59 ESERIZI da p. ESERIZI da p. 7 ESERIZI da p. ESERIZI da p. 5 ESERIZI da p. 9 ESERIZI da p. per la VERIFI orale, 8 per PREPRRSI all esame, 8 PINO RTESINO, 8 UTOVERIFI, 9 ESERIZI per il recupero, 50 ESERIZI per il potenziamento, 56

2 IV Indice Unità 8 RE EI POLIGONI, 6 Il libro prosegue nel 8. EQUIVLENZ E EQUISOMPONIILITÀ ELLE FIGURE PINE, 6 Equivalenza, 6 Equiscomponibilità per somma, 6 Equiscomponibilità per differenza, 6 ESERIZI da p MISUR ELL SUPERFIIE, 65 ESERIZI da p RE EL RETTNGOLO E EL QURTO, 66 rea del rettangolo, 66 rea del quadrato, 67 ESERIZI da p RE EL PRLLELOGRMMO, 69 ESERIZI da p RE EL TRINGOLO, 7 Il triangolo rettangolo, 7 Formula di Erone, 7 ESERIZI da p RE EL ROMO, 7 ESERIZI da p. 8.7 RE EL TRPEZIO, 76 LORTORIO matematico: Trasformazione del trapezio in triangolo, RE EI POLIGONI REGOLRI, 78 Relazione tra lato e apotema nei poligoni regolari, 79 alcolo dell area o del lato con i numeri fissi, 80 Il cammino della matematica: Le invenzioni di Erone, 8 SINTESI, 8 llenamente, MTEMTI ON IL P: rea dei poligoni, ESERIZI da p. 9 ESERIZI da p. 5 per la VERIFI orale, 8 per PREPRRSI all esame, 8 PINO RTESINO, 0 UTOVERIFI, ESERIZI per il recupero, ESERIZI per il potenziamento, 9 Unità 9 IL TEOREM I PITGOR, 5 9. LE TERNE PITGORIE, 6 he cosa sono le terne pitagoriche, 6 ome si generano le terne pitagoriche, 7 9. IL TEOREM I PITGOR, 8 LORTORIO matematico: Verifica del teorema di Pitagora, 9 ESERIZI da p. 6 ESERIZI da p. 6 Il libro prosegue nel

3 Indice V 9. PPLIZIONI EL TEOREM I PITGOR, 50 alcolo della misura dell ipotenusa, 50 alcolo della misura di un cateto, 5 9. IL TEOREM I PITGOR NEI POLIGONI, 5 Triangolo isoscele, 5 Triangolo equilatero, 5 Quadrato, 5 Rettangolo, 5 Rombo, 5 Parallelogrammo, 5 Trapezio rettangolo, 5 Trapezio isoscele, 5 Poligoni regolari, IL TEOREM I PITGOR NELL IRONFERENZ, 56 Triangolo inscritto in una semicirconferenza, 56 istanza di una corda dal centro della circonferenza, 56 Tangente alla circonferenza da un punto P, 57 Il cammino della matematica: Il teorema di Pitagora, 59 SINTESI, 60 llenamente, 0 MTEMTI ON IL P: Verifica del teorema di Pitagora, 0 ESERIZI da p. 68 ESERIZI da p. 7 ESERIZI da p. 88 per la VERIFI orale, 58 per PREPRRSI all esame, 58 PINO RTESINO, 90 UTOVERIFI, 9 ESERIZI per il recupero, 9 ESERIZI per il potenziamento, 98 Unità 0 LE TRSFORMZIONI ISOMETRIE, 05 Il libro prosegue nel 0. ONGRUENZ E ISOMETRIE, 06 Movimento e congruenza diretti, 06 Movimento e congruenza inversi, 06 Il concetto di trasformazione geometrica, 07 Le trasformazioni isometriche, L TRSLZIONE, 09 Il vettore, 09 La traslazione, 0 ESERIZI da p. ESERIZI da p L ROTZIONE, ESERIZI da p L SIMMETRI SSILE, Punti uniti, 0.5 L SIMMETRI ENTRLE, 5 La simmetria centrale di un punto, 5 La simmetria centrale di un segmento, 5 La simmetria centrale di un poligono, L SIMMETRI NEI POLIGONI, 8 Figure con assi di simmetria, 8 Figure con centro di simmetria, 9 SINTESI, llenamente, 50 MTEMTI ON IL P: Trasformazioni isometriche, 5 ESERIZI da p. ESERIZI da p. 9 ESERIZI da p. per la VERIFI orale, per PREPRRSI all esame, PINO RTESINO, UTOVERIFI, ESERIZI per il recupero, ESERIZI per il potenziamento, 8

4 VI Indice Unità OMOTETIE E SIMILITUINI, 5 Il libro prosegue nel L OMOTETI, 5. ESERIZI da p. 78. L SIMILITUINE, 57 Poligoni simili, 59. I RITERI I SIMILITUINE EI TRINGOLI, 6 Primo criterio di similitudine, 6 Secondo criterio di similitudine, 6 Terzo criterio di similitudine, 6. LE PROPRIETÀ EI POLIGONI SIMILI, 6 Misure lineari, 6 Misure di superficie, 6.5 I TEOREMI I EULIE, 66 Primo teorema di Euclide, 66 Secondo teorema di Euclide, 67.6 LE RPPRESENTZIONI IN SL, 69 Riduzioni, 69 Ingrandimenti, 70.7 IL TEOREM I TLETE, 7 Triangolo tagliato da una parallela a un lato, 7 Il cammino della matematica: Euclide, 75 SINTESI, 76 llenamente, 0 MTEMTI ON IL P: Le omotetie, Soluzioni, Tavole numeriche, 5 ESERIZI da p. 8 ESERIZI da p. 89 ESERIZI da p. 9 ESERIZI da p. 99 ESERIZI da p. 0 ESERIZI da p. 08 per la VERIFI orale, 7 per PREPRRSI all esame, 7 PINO RTESINO, 08 UTOVERIFI, 0 ESERIZI per il recupero, ESERIZI per il potenziamento, 6

5 LE FIGURE GEOMETRIE Unità 9 IL TEOREM I PITGOR Le terne pitagoriche Il teorema di Pitagora pplicazioni del teorema di Pitagora Il teorema di Pitagora nei poligoni Il teorema di Pitagora nella circonferenza SPERE avrai acquisito il concetto di terna pitagorica avrai appreso il teorema di Pitagora SPER FRE saprai riconoscere e generare una terna pitagorica saprai applicare il teorema di Pitagora in varie situazioni saprai risolvere problemi utilizzando il teorema di Pitagora

6 6 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9. LE TERNE PITGORIE Esercizi a p. 6 he cosa sono le terne pitagoriche Se costruiamo un triangolo con tre cannucce lunghe cm, cm e 5 cm, si può verificare (con la squadra o il goniometro) che, comunque si dispongano le cannucce, l angolo compreso tra il lato di cm e quello di cm è un angolo retto. llo stesso modo possiamo verificare che, utilizzando cannucce lunghe 5 cm, cm e cm, l angolo compreso tra i lati di 5 cm e di cm è ancora un angolo retto. Oltre a questa particolare proprietà, cioè quella di formare angoli retti, le due terne di numeri hanno un altra proprietà interessante. onsideriamo la prima terna: 5 Eleviamo ciascun numero al quadrato: = 9 = 6 5 = 5 Se addizioniamo i primi due risultati, otteniamo il terzo: = 5 Ripetiamo lo stesso procedimento con la seconda terna: 5 5 = 5 = = = 69 tutte le terne di numeri che hanno questa caratteristica viene dato il nome di terna pitagorica. Una terna pitagorica è costituita da tre numeri a, b e c tali che addizionando i quadrati dei primi due si ottiene il quadrato del terzo numero: a + b = c Grazie alle proprietà delle terne: i triangoli i cui lati corrispondono a una terna pitagorica sono triangoli rettangoli e l angolo retto è quello compreso tra i due lati più corti. 5, e è una terna pitagorica l angolo retto è compreso tra i due lati minori Osserva che Non tutte le terne di numeri sono terne pitagoriche. 5 6 non è una terna pitagorica = 6 5 = 5 6 = π 6

7 LE FIGURE GEOMETRIE 9. Le terne pitagoriche 7 ome si generano le terne pitagoriche onsideriamo la terna pitagorica, e 5 e moltiplichiamo ciascun termine per. Otteniamo la terna 6, 8 e 0. Possiamo verificare che è una terna pitagorica. Infatti, addizionando i quadrati dei primi due numeri otteniamo ancora il quadrato del terzo: 6 = 6 8 = 6 0 = 00 e = 00 Questa nuova terna prende il nome di terna derivata. Una terna pitagorica si dice primitiva se è formata da numeri primi tra loro. Una terna pitagorica si dice derivata se si ottiene moltiplicando i numeri di una terna primitiva per uno stesso fattore diverso da 0. Esempi, e 5 è una terna pitagorica primitiva 9, e 5 è una terna pitagorica derivata Esempio mio è una terna pitagorica derivata Sviluppa l intuito iofanto, un matematico greco del III secolo d.. circa, scoprì una formula per calcolare terne pitagoriche a, b e c dati due numeri naturali qualsiasi m e n (con m > n): a = m n b = m n c = m + n Per esempio, per m = e n = : a = = b = = c = + = 5 ome abbiamo già visto,, e 5 è proprio una terna pitagorica. Ora calcola tu la terna pitagorica, per m = 5 e n =, e poi verifica che sia una terna pitagorica. pplica Individua le terne pitagoriche. a b c a b c calcolo laboratorio nel : ostruzione di un angolo retto usando uno spago è una terna pitagorica?

8 8 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9. IL TEOREM I PITGOR Esercizi a p. 6 La proprietà delle terne pitagoriche di corrispondere alle misure dei lati dei triangoli rettangoli era nota molto tempo prima di Pitagora, ma solo per terne particolari e per via empirica, cioè non era stata data alcuna dimostrazione generale della sua validità. È merito di Pitagora (o forse di un suo allievo) avere dato questa dimostrazione e averne tratto conclusioni generali di grande importanza per la cultura matematica. onsideriamo un triangolo rettangolo qualsiasi. ostruiamo sull ipotenusa un quadrato Q l e sui cateti due quadrati Q e Q. Il teorema di Pitagora afferma che l area del quadrato Q l è uguale alla somma delle aree dei due quadrati Q e Q. Q = Q + Q Inoltre, se indichiamo con i l ipotenusa e con c e c i cateti del triangolo rettangolo, potremo scrivere: Q = i perché i è il lato del quadrato Q Q = c perché c è il lato del quadrato Q Q = c perché c è il lato del quadrato Q Quindi: i = c + c In ogni triangolo rettangolo il quadrato costruito sull ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati costruiti sui cateti. E, viceversa, se il quadrato costruito sull ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati costruiti sui cateti, allora il triangolo è sicuramente un triangolo rettangolo. Esempio I lati di un triangolo misurano 6 dm, 8 dm e 0 dm. Il triangolo è rettangolo perché le misure dei lati corrispondono a una terna pitagorica. Infatti: i = 0 dm = 00 dm c = 6 dm = 6 dm c = 8 dm = 6 dm e 00 dm = (6 + 6) dm Esempio mio Osserva che In matematica spesso si parla di condizione necessaria e di condizione sufficiente. Per esempio, condizione necessaria affinché un quadrilatero sia un quadrato è che abbia tutti i lati tra loro congruenti, ma questa condizione non è sufficiente. Infatti anche il rombo ha tutti i lati tra loro congruenti, ma non è un quadrato. Una proprietà può essere contemporaneamente una condizione necessaria e sufficiente, come per esempio quella espressa dal teorema di Pitagora. Infatti, perché un triangolo sia rettangolo è necessario che le misure dei suoi lati corrispondano a una terna pitagorica (condizione necessaria). Viceversa, è sufficiente che le misure dei lati corrispondano a una terna pitagorica perché un triangolo sia rettangolo (condizione sufficiente).

9 LE FIGURE GEOMETRIE 9. Il teorema di Pitagora 9 pplica Indica quali terne di misure di lati si riferiscono a triangoli rettangoli. misure dei lati (m) a b c ,,8 8,5,5 0 9,9 0, calcolo è un triangolo rettangolo? LORTORIO matematico Materiale: cartoncino e forbici VERIFI EL TEOREM I PITGOR La verifica del teorema di Pitagora può sembrare facile. Si tratta di costruire sui lati di un triangolo rettangolo qualsiasi i tre quadrati e ritagliarli in modo opportuno per ricoprire esattamente quello grande con i due piccoli. Prova e constaterai che non è facile. Esiste tuttavia un metodo, proposto dal francese enry Perigal, che con la matematica si divertiva molto, pur non essendo un matematico. Fu tanto orgoglioso di questa sua scoperta che fece stampare lo schema sui suoi biglietti da visita.. isegna un triangolo rettangolo qualsiasi, al centro di un foglio quadrettato o millimetrato. ostruisci sui tre lati i tre quadrati.. Segna, nel punto di intersezione delle due diagonali, il centro del quadrato costruito sul cateto maggiore.. Traccia una parallela e una perpendicolare all ipotenusa passanti. In questo modo il quadrato è suddiviso in quattro parti.. Ritaglia le quattro parti e il quadrato costruito sull altro cateto. I cinque pezzi ritagliati si incastreranno facilmente per ricoprire esattamente il quadrato costruito sull ipotenusa.

10 50 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9. PPLIZIONI EL TEOREM I PITGOR Esercizi a p. 68 Il teorema di Pitagora si applica solo ed esclusivamente al triangolo rettangolo e consente di calcolare la misura di un lato quando si conoscono le misure degli altri due lati. alcolo della misura dell ipotenusa bbiamo visto che la formula che esprime il teorema di Pitagora è: i = c + c dove i è l area del quadrato costruito sull ipotenusa. Poiché la lunghezza di un lato di un quadrato si calcola estraendo la radice quadrata della sua area, la misura dell ipotenusa si calcola estraendo la radice quadrata dell area del quadrato costruito su di essa, che è uguale a c + c. unque, in generale: la misura dell ipotenusa di un triangolo rettangolo si calcola estraendo la radice quadrata della somma dei quadrati delle misure dei due cateti. i= c + c Problema svolto alcola la misura dell ipotenusa del triangolo rettangolo, sapendo che i cateti misurano rispettivamente 6 cm e cm. ati = triangolo rettangolo = 6 cm = cm Incognita cm cm Procedimento risolutivo e calcolo Il teorema di Pitagora permette di calcolare l area Q quando sono note le aree Q e Q : Q = Q + Q Q = 6 cm = 56 cm Q = cm = cm Q = Q + Q = (56 + ) cm = 00 cm Q l è l area del quadrato costruito sul lato, la cui misura si ricava usando la formula inversa relativa all area del quadrato: = Q = 00 cm = 0 cm

11 LE FIGURE GEOMETRIE 9. pplicazioni del teorema di Pitagora 5 alcolo della misura di un cateto alla formula vista prima, che esprime il teorema di Pitagora, possiamo ricavare la formula inversa: c = i c dove c è l area del quadrato costruito su un cateto. Quindi la misura del cateto c si calcola estraendo la radice quadrata dell area del quadrato costruito su di esso, che è uguale a i c. unque, in generale: la misura di un cateto di un triangolo rettangolo si calcola estraendo la radice quadrata della differenza fra il quadrato della misura dell ipotenusa e il quadrato della misura del cateto noto. c = i -c Problema guidato alcola la misura del cateto del triangolo rettangolo, sapendo che l ipotenusa e l altro cateto misurano rispettivamente 0 cm e 6 cm. ati = triangolo rettangolo =... cm =... cm Incognita cm cm Procedimento risolutivo e calcolo pplichiamo la formula risolutiva: ovvero c = i c = = =... = cm pplica laboratorio nel : Rappresentazione grafica dei numeri irrazionali In un triangolo rettangolo i due cateti c e c misurano 6 cm e 8 cm. Quanto misura l ipotenusa i? [0 cm] alcola la misura dell ipotenusa di un triangolo rettangolo i cui cateti misurano cm e 8 cm. [50 cm] In un triangolo rettangolo l ipotenusa i e il cateto c misurano rispettivamente 5 cm e 9 cm. Quanto misura il cateto c? [ cm] alcola la misura di un cateto di un triangolo rettangolo in cui l altro cateto misura 6 cm e l ipotenusa cm. [0 cm]

12 5 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9. IL TEOREM I PITGOR NEI POLIGONI Esercizi a p. 7 Tutte le volte che in una figura è possibile individuare un triangolo rettangolo si può applicare il teorema di Pitagora. Questo succede in un numero illimitato di casi. Triangolo isoscele L altezza relativa alla base suddivide il triangolo isoscele in due triangoli rettangoli congruenti, a cui si può applicare il teorema di Pitagora. l b = + h b h = l b = l h l h Esempio alcola l altezza h di un triangolo isoscele in cui lato e base misurano rispettivamente 0 cm e 6 cm. b h = 6 0 cm = 0 cm = 00 9 cm = 9 cm 9, 5 cm Triangolo equilatero L altezza relativa a uno qualsiasi dei lati suddivide il triangolo equilatero in due triangoli rettangoli congruenti, ciascuno dei quali ha per ipotenusa il lato e per cateti l altezza e metà del lato. Perciò applicando il teorema di Pitagora si ottiene: l l l l l h = l l l = = = = cioè h= l da cui l h = Poiché 0, 866 (valore approssimato ai millesimi) h le due formule precedenti diventano: h 0, 866 l e l 0, 866 l l h Esempio alcola l altezza di un triangolo equilatero il cui lato misura 5 cm. h 0,866 l 0,866 5 cm, cm Quadrato Una diagonale suddivide il quadrato in due triangoli rettangoli isosceli congruenti, per i quali essa rappresenta l ipotenusa. Grazie al teorema di Pitagora: d = l l e d = d l

13 LE FIGURE GEOMETRIE 9. Il teorema di Pitagora nei poligoni 5 Poiché il valore approssimato ai millesimi di è,: d d, l e l, Esempio alcola la diagonale di un quadrato il cui lato misura 5 cm. d =, l, 5 cm 7, 070 cm Rettangolo Una diagonale suddivide il rettangolo in due triangoli rettangoli congruenti, a cui si può applicare il teorema di Pitagora: d = b + h b = d h h = d b h d Esempio alcola la misura della diagonale d di un rettangolo, le cui dimensioni misurano 5 cm e 60 cm. d = b + h = cm = cm = 565 cm = 75 cm b Rombo Le diagonali suddividono il rombo in quattro triangoli rettangoli congruenti, in cui i cateti sono metà delle diagonali d e d. d d l = + d d l = d d l = d d l Esempio alcola la misura del lato di un rombo, le cui diagonali misurano cm e cm. l d d = + = + cm = + 6 cm = 00 cm = 0 cm Parallelogrammo L altezza del parallelogrammo lo scompone in un triangolo rettangolo e in un trapezio rettangolo. pplicando il teorema di Pitagora al triangolo rettangolo si ottengono le seguenti formule: l h l = h + h = l = l h

14 5 Unità 9 Il teorema di Pitagora Trapezio rettangolo Un altezza suddivide il trapezio rettangolo in un rettangolo e in un triangolo rettangolo, pertanto: b l = h + ( b b ) b b = l h h = l ( b b ) h b l b b Esempio Le basi di un trapezio rettangolo misurano 5,5 cm e cm; l altezza misura, cm. alcola la misura del lato obliquo. l = h + ( b b ) =, + ( 5, 5 ) cm =, +, 5 cm = =, 69 cm =, 7 cm Trapezio isoscele b Le due altezze scompongono il trapezio isoscele in due triangoli rettangoli congruenti e un rettangolo. In questo caso la differenza delle basi deve essere divisa per due. h b h l b b l b = h + b b h = l b b b = l h Esempio In un trapezio isoscele la base maggiore misura 65 m, la base minore 75 m e l altezza 60 m. alcola la misura del lato obliquo. l b = h + b = 60 + m = m = 565 m = 75 m Osserva che In un trapezio rettangolo e in un trapezio isoscele si possono evidenziare triangoli rettangoli anche in altri modi e a ciascuno applicare il teorema di Pitagora. Trapezio rettangolo Trapezio isoscele Una diagonale lo suddivide in due triangoli di cui uno è sempre rettangolo. L altezza e una diagonale lo suddividono in tre triangoli rettangoli. Una diagonale e un altezza individuano due triangoli rettangoli.

15 LE FIGURE GEOMETRIE 9. Il teorema di Pitagora nei poligoni 55 Poligoni regolari Un poligono regolare può essere scomposto in tanti triangoli isosceli congruenti quanti sono i suoi lati. L altezza di ciascun triangolo relativa al lato del poligono (l apotema) lo scompone a sua volta in due triangoli rettangoli. Per esempio, il pentagono regolare è scomponibile in 0 triangoli rettangoli congruenti. In tutti, un cateto è l apotema, l altro cateto è la metà del lato del pentagono e l ipotenusa è il raggio della circonferenza circoscritta. Perciò è possibile applicare il teorema di Pitagora per calcolare l apotema, il raggio e il lato del poligono regolare. a r l l l r = a + a r r a = = Esempio alcola la misura dell apotema di un esagono regolare il cui lato misura cm. Poiché la misura del lato dell esagono regolare è uguale a quella del raggio della circoferenza circoscritta, il triangolo O è equilatero e la misura dei suoi lati è: O = O = = cm Perciò: = 6 cm O O = O = 6 cm = 08 cm 0, cm pplica alcola la misura del lato di un triangolo isoscele, sapendo che la base è lunga 0 m e l altezza 6 m. [9 m] alcola la misura della diagonale di un quadrato il cui lato è lungo 6 cm. [8,85 cm] alcola la misura del lato di un quadrato la cui diagonale è lunga 00 cm. [70,7 cm] alcola la misura della diagonale di un rettangolo le cui dimensioni sono,5 cm e 8 cm. [,5 cm] 5 alcola la misura del lato di un rombo le cui diagonali misurano 9,6 m e,8 cm. [8 cm] 6 In un terreno a forma di trapezio isoscele la base maggiore misura 660 m, la base minore 00 m e l altezza 0 m. alcola la misura del lato obliquo. [00 m] 7 alcola l apotema di un pentagono regolare, sapendo che il lato misura,76 m e il raggio della circonferenza circoscritta misura m. [0,809 m]

16 56 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9.5 IL TEOREM I PITGOR NELL IRONFERENZ Esercizi a p. 88 lcuni problemi che riguardano la circonferenza possono essere risolti applicando il teorema di Pitagora. Triangolo inscritto in una semicirconferenza ome abbiamo visto, qualsiasi triangolo inscritto in una semicirconferenza e con un lato coincidente con il diametro è un triangolo rettangolo. Il diametro della circonferenza è l ipotenusa del triangolo, perciò: O d = c + c c = d c c = d c istanza di una corda dal centro della circonferenza Il triangolo O è un triangolo rettangolo in cui la distanza O della corda dal centro della circonferenza è un cateto, il raggio r della circonferenza è l ipotenusa e la metà della corda è l altro cateto. pplicando il teorema di Pitagora si ricavano le seguenti formule: r O O = r r O r O = + = Esempio alcola la distanza O, dal centro della circonferenza, di una corda lunga cm, sapendo che il raggio della circonferenza misura 0 cm. O = r = 0 cm = 00 cm = 6 cm

17 LE FIGURE GEOMETRIE 9.5 Il teorema di Pitagora nella circonferenza 57 Tangente alla circonferenza da un punto P La tangente forma con il diametro un angolo retto. Si può costruire un triangolo rettangolo in cui il diametro d è un cateto, il segmento di tangente P è l altro cateto e la distanza P del punto P dall altro estremo del diametro è l ipotenusa. pplicando il teorema di Pitagora al triangolo rettangolo P si possono ricavare le relazioni: P O d = P P P = P d P = P + d Lo stesso ragionamento si può fare considerando il triangolo OP in cui un cateto è il raggio. Si ricavano le seguenti formule: P r = PO P P = PO r PO = P + r r O Esempi alcola la misura del diametro di una circonferenza, sapendo che il segmento P tangente alla circonferenza nell estremo del diametro misura 7 cm e che la distanza di P dall altro estremo misura 5 cm. = P P = 5 7 cm = cm = 96 cm = 6 cm alcola la misura del raggio O di una circonferenza, sapendo che il segmento P tangente alla circonferenza nell estremo del raggio misura, m e che la distanza di P dal centro O misura,5 m. O = PO P = 5,, cm = 09, cm = 07, cm pplica alcola il diametro d di una circonferenza, sapendo che i due lati minori del triangolo inscritto nella semicirconferenza misurano 0 cm e 8 cm. [5 cm] alcola la lunghezza di una corda che ha una distanza O = 5 cm dal centro della circonferenza di raggio r = 65 cm. [0 cm] alcola la lunghezza del segmento P tangente alla circonferenza nell estremo del diametro che misura cm, sapendo che la distanza di P dall altro estremo è di 50 cm. [8 cm] alcola la misura del raggio O di una circonferenza, sapendo che un segmento P tangente in alla circonferenza misura 8 mm e che la distanza di P dal centro O è di 5 mm. [5 mm]

18 58 Unità 9 Il teorema di Pitagora per la VERIFI orale 5 Spiega che cos è una terna pitagorica e fai uno o più esempi. escrivi il metodo per generare terne pitagoriche a partire da una terna nota. Enuncia il teorema di Pitagora e le formule relative con esempi applicativi. escrivi alcune applicazioni del teorema di Pitagora a poligoni diversi dal triangolo rettangolo. escrivi le applicazioni del teorema di Pitagora al triangolo equilatero e ai poligoni regolari in generale. per PREPRRSI all esame In una tavoletta del 800 a.. si legge il seguente quesito: Un bastone lungo 0 unità è appoggiato a un muro (a). Poi scivola di unità (b). i quante unità il piede del bastone si è allontanato dalla base del muro? INVLSI a.s unit unit unit a) a 6 unità b 8 unità c 0 unità d unità b) soluzioni a p. In un trapezio isoscele il rapporto tra la base minore e la base maggiore è : e la loro somma è di 0 dm. L altezza è i della base minore. La misura del perimetro è: 5 a, dm b, dm c 6,8 dm d, dm Nella figura sono disegnati una mensola e il relativo supporto necessario a reggerla. In base ai dati qual è la lunghezza del supporto (che si considera di spessore trascurabile)? cm a 6, dm b 0,9 cm cm c 5 cm cm d 9 cm su orto

19 Il cammino della MTEMTI 59 Il teorema di Pitagora Il teorema porta il suo nome, ma era noto già molti secoli prima di Pitagora. Per esempio, la straordinaria proprietà della terna, e 5 era già conosciuta presso i Sumeri e i abilonesi nel IV millennio a.. Presso gli Egizi, questa terna di numeri venne collegata al triangolo sacro, detto triangolo isiaco, da Iside, forse la più famosa delle divinità egizie. Riferisce Plutarco, storico greco del I secolo d..: oros 5 Iside Osiride nche gli Egizi visualizzano la natura dell universo con la figura del triangolo più bello. Questo triangolo ha l altezza di unità, la base di e l ipotenusa di 5, tale cioè che il suo quadrato è uguale alla somma dei quadrati degli altri due lati. L altezza, dunque, può essere paragonata al maschio, la base alla femmina e l ipotenusa al figlio da entrambi generato. Il triangolo isiaco rappresentava la divina trinità costituita dalla dea Iside, dal dio Osiride e dal loro figlio oros. 5 Il triangolo isiaco, oltre ad avere il significato metafisico che abbiamo visto, serviva materialmente a tracciare gli angoli retti. Questo era un impiego molto utile nella costruzione degli edifici. Grazie all esperienza, i cosiddetti tiratori di corde avevano messo a punto una tecnica molto semplice quanto efficace: congiungevano le estremità di una cordicella suddivisa in parti uguali e formavano un triangolo che avesse i lati di, e 5 parti uguali. L angolo retto era quello opposto al lato più lungo del triangolo. Successivamente, in un libro indiano del IV secolo a.. si spiega come si possono ottenere angoli retti costruendo triangoli, oltre che con lati di,, 5 unità, anche con lati di 5,, oppure 8, 5, 7 oppure, 5, 7 unità. unque i predecessori di Pitagora sapevano dell esistenza di terne di numeri collegate al triangolo rettangolo, ma non conoscevano una regola generale, dimostrabile, che stabilisse la relazione tra tutti gli infiniti triangoli rettangoli e le misure dei loro lati. Il merito di avere scoperto e dimostrato questa relazione è da attribuire a Pitagora. Una leggenda racconta che Pitagora abbia scoperto il suo teorema per caso, osservando un pavimento a piastrelle quadrate. Egli avrebbe osservato che il quadrato costruito sulla diagonale di una piastrella risultava costituito da due piastrelle. In realtà Pitagora non lasciò scritta alcuna dimostrazione ed essa potrebbe essere opera del suo allievo Ippaso di Metaponto. omunque sia, dovettero passare circa 00 anni (dal VI al IV secolo a..) prima della comparsa della dimostrazione scritta. Infatti la prima dimostrazione del teorema di Pitagora si trova negli Elementi di Euclide. a allora a oggi il teorema di Pitagora è stato dimostrato in molti modi diversi e si può dire che è forse il teorema di cui sono state date più dimostrazioni.

20 60 Unità 9 Il teorema di Pitagora mappa interattiva nel SINTESI LE TERNE PITGORIE Tre numeri costituiscono una terna pitagorica quando addizionando i quadrati dei primi due si ottiene il quadrato del terzo. ENUNITO EL TEOREM I PITGOR In ogni triangolo rettangolo il quadrato costruito sull ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati costruiti sui cateti. E, viceversa, se il quadrato costruito sull ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati costruiti sui cateti, allora il triangolo è sicuramente un triangolo rettangolo. i = c + c i = c + c 5 + = = 5 5 = 5 c = i c PPLIZIONI EL TEOREM I PITGOR Il teorema di Pitagora si applica solo ed esclusivamente ai triangoli rettangoli e a tutte le figure in cui sia evidenziabile un triangolo rettangolo. Triangolo isoscele b b b l = + h h = l = l h l h l b b Triangolo equilatero h h = l 0, 866 l l = h 0, 866 Quadrato d d d = l, l l =, Rettangolo d = b + h b = d h h = d b b Rombo d d d d d d l = + = l = l

21 Il teorema di Pitagora Unità 9 6 Parallelogrammo l = h + h = l = l h Trapezio rettangolo l = h + ( b b ) h = l ( b b ) b b = l h b h l b b b Trapezio isoscele b l = h + b b b b b h l = = l h b b h l b b Poligoni regolari l l l r = a + a = r = r a a r l Triangolo inscritto in una semicirconferenza Qualsiasi triangolo inscritto in una semicirconferenza è retto. d = c + c c = d c c = d c c O d c istanza di una corda dal centro della circonferenza O = r r = O + = r O r O Tangente alla circonferenza da un punto P d = P P P = P d P = P + d P r = PO P P = PO r PO = P + r O d

22 6 ESERIZI UNITÀ 9 Il teorema di Pitagora Teoria a 9. LE TERNE PITGORIE p. 6 Faq nel Per consolidare la comprensione e l uso del linguaggio specifico e la conoscenza del concetto di terna pitagorica Se il quadrato di un numero è uguale alla somma dei quadrati di due altri numeri, come vengono chiamati i tre numeri? inzia ha dato la seguente definizione: Si chiama terna pitagorica un gruppo di tre numeri tali che il prodotto dei quadrati di due di essi è uguale al quadrato del terzo. La definizione è scorretta. orreggila. Indica quale uguaglianza rappresenta una terna pitagorica. x y = z x + y = z x + y = z x + y = z x + y = z (x + y) = z Per applicare la conoscenza del concetto di terna pitagorica Esegui i calcoli e stabilisci quali terne sono pitagoriche. Esempio 5 6 = 6 5 = 5 6 = π 6 non è una terna pitagorica ompleta le frasi. Una terna pitagorica si dice primitiva se è formata da numeri... Quando si moltiplica una terna pitagorica primitiva per uno stesso fattore diverso da zero si ottiene una terna pitagorica... Rispondi alle domande. Quanti triangoli si possono costruire (uno diverso dall altro) con i lati di cm, cm e 5 cm? i che tipo di triangoli si tratta? Qual è l ampiezza dell angolo compreso tra il lato di cm e quello di cm? Le lettere a, b e c indicano tre numeri di una terna pitagorica scritti in ordine crescente. Scrivi la formula che esprime la relazione esistente tra di loro , 0,8 0 0,8 0,5 0,5 6, 5, 6 0,09 0,0 0, 0,5 5,6 5,7 7,5 6,5,98,0 Trova il numero maggiore di 65 che rende la coppia 88 e 65 una terna pitagorica, con questo procedimento:. calcola i quadrati dei due numeri;. esegui l addizione;. estrai la radice quadrata della somma. [87] Trova il numero minore di 7 che rende la coppia 7 e 78 una terna pitagorica, con questo procedimento:. calcola i quadrati dei due numeri;. sottrai il minore dal maggiore;. estrai la radice quadrata della differenza. [0] alla terna pitagorica 7 5 sono state ricavate alcune terne pitagoriche derivate. ompletale scrivendo sui puntini i numeri mancanti (i numeri sono scritti in ordine crescente). Esempio (perché 8 : 7 = 5 = 00) ,5... 0,7,..., ,9... 9,5...,,5,8 8,96... Verifica se la terna di numeri è una terna pitagorica. Ricava da essa altre due terne pitagoriche. Poi verifica che siano effettivamente terne pitagoriche. Esiste un numero che rende la coppia di numeri 6 e 68 una terna pitagorica. Trovalo, sapendo che è maggiore di 68. [70] 9 ggiungi un terzo numero naturale in modo che la coppia 8 e 0 diventi una terna pitagorica. [6]

IL TEOREMA. Lezioni UNITÀ2. Geometria

IL TEOREMA. Lezioni UNITÀ2. Geometria 7_0_TEORI 9_ -0-007 6:8 Pagina 9 UNITÀ IL TEOREM I PITGOR Geometria Le conoscenze che devi avere Lezioni Le proprietà dei poligoni Il concetto di figure equivalenti Le abilità che devi avere Usare i procedimenti

Dettagli

Parte Seconda. Geometria

Parte Seconda. Geometria Parte Seconda Geometria Geometria piana 99 CAPITOLO I GEOMETRIA PIANA Geometria: scienza che studia le proprietà delle figure geometriche piane e solide, cioè la forma, l estensione e la posizione dei

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione Test di autovalutazione 0 0 0 0 0 0 0 70 80 90 00 n Il mio punteggio, in centesimi, è n Rispondi a ogni quesito segnando una sola delle alternative. n onfronta le tue risposte con le soluzioni. n olora,

Dettagli

Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta

Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta Il concetto di similitudine è innato: riconosciamo lo stesso oggetto se è più o meno distante

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

Anna Montemurro. 2Geometria. e misura

Anna Montemurro. 2Geometria. e misura Anna Montemurro Destinazione Matematica 2Geometria e misura GEOMETRIA E MISURA UNITÀ 11 Le aree dei poligoni apprendo... 11. 1 FIGURE PIANE EQUIVALENTI Consideriamo la figura A. A Le figure B e C

Dettagli

ALCUNE OSSERVAZIONI SUI TRIANGOLI

ALCUNE OSSERVAZIONI SUI TRIANGOLI LUNE OSSERVZIONI SUI TRINGOLI ataloghiamo i triangoli seondo i lati seondo gli angoli 115 3 67 81 Esiste sempre il triangolo? Selte a aso le misure dei lati, è sempre possibile ostruire il triangolo? Quali

Dettagli

Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta.

Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta. CLASSE III C RECUPERO GEOMETRIA AREA PERIMETRO POLIGONI Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta. ES: se ho fatto questo disegno e so che 1 quadretto vale

Dettagli

I TRIANGOLI Un triangolo è un poligono con tre lati e tre angoli.

I TRIANGOLI Un triangolo è un poligono con tre lati e tre angoli. I TRIANGOLI Un triangolo è un poligono con tre lati e tre angoli. In ogni triangolo un lato è sempre minore della somma degli altri due e sempre maggiore della loro differenza. Relazione fra i lati di

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

Vertici opposti. Fig. C6.1 Definizioni relative ai quadrilateri.

Vertici opposti. Fig. C6.1 Definizioni relative ai quadrilateri. 6. Quadrilateri 6.1 efinizioni Un poligono di 4 lati è detto quadrilatero. I lati di un quadrilatero che hanno un vertice in comune sono detti consecutivi. I lati di un quadrilatero non consecutivi tra

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 «non si può intendere se prima non s impara a intender lingua, e conoscer i caratteri, nei quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri sono triangoli,

Dettagli

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente.

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. Linee Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. a. curva spezzata retta mista aperta chiusa b. curva spezzata

Dettagli

Osserva i seguenti poligoni, disegna tutte le possibili diagonali e completa la tabella. Infine rispondi alle domande.

Osserva i seguenti poligoni, disegna tutte le possibili diagonali e completa la tabella. Infine rispondi alle domande. I poligoni Osserva i seguenti poligoni, disegna tutte le possibili diagonali e completa la tabella. Infine rispondi alle domande. 6 7 8 9 Figura Nome Numero Numero Numero lati angoli diagonali triangolo

Dettagli

Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. I triangoli e i criteri di congruenza Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. ntonio Manca da materiali offerti dalla rete. ontributi di: tlas editore, matematicamente, Prof.ssa. nnamaria Iuppa,

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

Appunti di Geometria

Appunti di Geometria ISTITUTO COMPRENSIVO N.7 - VIA VIVALDI - IMOLA Via Vivaldi, 76-40026 Imola (BOLOGNA) Centro Territoriale Permanente: Istruzione Degli Adulti - IDA Appunti di Geometria Scuola Secondaria di I Grado - Ex

Dettagli

1. Particolari terne numeriche e teorema di PITAGORA. 2. Le terne pitagoriche 3. Applicazioni i idel teorema di Pitagora.

1. Particolari terne numeriche e teorema di PITAGORA. 2. Le terne pitagoriche 3. Applicazioni i idel teorema di Pitagora. TEOREMA DI PITAGORA Contenuti 1. Particolari terne numeriche e teorema di PITAGORA. Le terne pitagoriche 3. Applicazioni i idel teorema di Pitagora Competenze 1. Sapere il significato di terna pitagorica

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

PRIMA DI SVOLGERE GLI ESERCIZI RIPASSA GLI ARGOMENTI SUL LIBRO E GLI APPUNTI SUL QUADERNO.

PRIMA DI SVOLGERE GLI ESERCIZI RIPASSA GLI ARGOMENTI SUL LIBRO E GLI APPUNTI SUL QUADERNO. Compiti di matematica e scienze a. s. 2014 2015 classe 2 M da fare su un unico quaderno Alcuni esercizi vanno svolti sul quaderno. Il quaderno e la scheda verranno ritirati al ritorno dalle vacanze PRIMA

Dettagli

Il giardino di Archimede

Il giardino di Archimede ldo cquati, armen e Pascale, Flora Scuderi, Valeria Semini Il giardino di rchimede orso di matematica per la Scuola secondaria di primo grado Geometria . cquati,. e Pascale, F. Scuderi, V. Semini Il giardino

Dettagli

matematica classe quinta GLI ANGOLI SCHEDA N. 49 1. Misura l ampiezza di ogni angolo e scrivila sui puntini.

matematica classe quinta GLI ANGOLI SCHEDA N. 49 1. Misura l ampiezza di ogni angolo e scrivila sui puntini. SE N. 49 GLI NGOLI 1. Misura l ampiezza di ogni angolo e scrivila sui puntini. a b c L angolo a misura.... L angolo b misura.... L angolo c misura.... 2. isegna un angolo di 25, un angolo di 35, un angolo

Dettagli

2 Dato il triangolo rettangolo della figura, quale delle seguenti proporzioni esprime il primo teorema di Euclide?

2 Dato il triangolo rettangolo della figura, quale delle seguenti proporzioni esprime il primo teorema di Euclide? 1 Le seguenti affermazioni sono tutte vere, tranne una. Quale? due triangoli con un angolo retto sono sempre simili due triangoli equilateri sono sempre simili due triangoli isosceli sono simili se hanno

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

TRIANGOLI, CIRCONFERENZE E PUNTI NOTEVOLI

TRIANGOLI, CIRCONFERENZE E PUNTI NOTEVOLI TRINGOLI, IRONFERENZE E UNTI NOTEVOLI Mazza Lorenzo - Liceo Scientifico io XII (Roma) Incontri Olimpici - etraro, 9-2 ottobre 20 L'universo non potrà essere letto finché non avremo imparato il linguaggio

Dettagli

/H]LRQH,OFRQIURQWRGHOOHVXSHUILFL,O SUREOHPD GHO FRQIURQWR GL VXSHUILFL H OD WUDVIRUPD]LRQH GL SROLJRQLHTXLYDOHQWL

/H]LRQH,OFRQIURQWRGHOOHVXSHUILFL,O SUREOHPD GHO FRQIURQWR GL VXSHUILFL H OD WUDVIRUPD]LRQH GL SROLJRQLHTXLYDOHQWL /H]LRQH,OFRQIURQWRGHOOHVXSHUILFL,O SUREOHPD GHO FRQIURQWR GL VXSHUILFL H OD WUDVIRUPD]LRQH GL SROLJRQLHTXLYDOHQWL Il confronto della lunghezza tra due segmenti è un problema molto semplice. Infatti tutti

Dettagli

LE GEOMETRIE NON EUCLIDEE FRA CULTURA, STORIA E DIDATTICA DELLA MATEMATICA. Dario Palladino (Università di Genova)

LE GEOMETRIE NON EUCLIDEE FRA CULTURA, STORIA E DIDATTICA DELLA MATEMATICA. Dario Palladino (Università di Genova) LE GEOMETRIE NON EUCLIDEE FRA CULTURA, STORIA E DIDATTICA DELLA MATEMATICA Dario Palladino (Università di Genova) Seconda parte Momenti della storia dei tentativi di dimostrazione del V postulato di Euclide

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Indice LE FIGURE GEOMETRICHE ELEMENTARI. verso le competenze fondamentali. 2 Unità di apprendimento 1. 3 Attività per iniziare

Indice LE FIGURE GEOMETRICHE ELEMENTARI. verso le competenze fondamentali. 2 Unità di apprendimento 1. 3 Attività per iniziare Indice 2 Unità di apprendimento 1 LE IGURE GEOMETRIHE ELEMENTRI 3 ttività per iniziare verso le competenze fondamentali Le figure geometriche elementari, 4 5 1 Il punto, la retta, il piano Il punto, 5

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

INdAM QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA

INdAM QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA INdAM Prova scritta per il concorso a 40 borse di studio, 2 borse aggiuntive e a 40 premi per l iscrizione ai Corsi di Laurea in Matematica, anno accademico 2011/2012. Piano Lauree Scientifiche. La prova

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

2B GEOMETRIA. Isoperimetria, equivalenza e calcolo delle aree. Esercizi supplementari di verifica

2B GEOMETRIA. Isoperimetria, equivalenza e calcolo delle aree. Esercizi supplementari di verifica 2 GEOMETRI Isoperimetria, equivalenza e calcolo delle aree Esercizi supplementari di verifica Esercizio 1 Metti una crocetta su vero (V) o falso (F) di fianco ad ogni affermazione. a) V F ue poligoni isoperimetrici

Dettagli

Geometria TERESA GENOVESE LORENZA MANZONE BERTONE GIORGIO RINALDI. S. Lattes & C. Editori SpA - Vietata la vendita e la diffusione

Geometria TERESA GENOVESE LORENZA MANZONE BERTONE GIORGIO RINALDI. S. Lattes & C. Editori SpA - Vietata la vendita e la diffusione Geometria TERES GENESE LRENZ MNZNE ERTNE GIRGI RINLDI LIR MIST PRGETT Geometria TERES GENESE LRENZ MNZNE ERTNE GIRGI RINLDI Redazione: puntoacapo - Torino Impaginazione: entro Grafico Meridionale - Napoli

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 7

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 7 METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Lezione n 7 In questa lezione percorriamo gli argomenti della geometria che interessano la scuola primaria, in modo essenziale, o meglio ancora sommario.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE

ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE Piano di studio di istituto di Matematica Competenza 1 al termine del 4 biennio (seconda e terza media) Strumenti 1)Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del

Dettagli

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali:

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali: TRIANGOLI Geogebra IL TRIANGOLO 1. Fai clic sull icona Ic2 e nel menu a discesa scegli Nuovo punto : fai clic all interno della zona geometria e individua il punto A. Fai di nuovo clic per individuare

Dettagli

IGiochidiArchimede--Soluzionitriennio

IGiochidiArchimede--Soluzionitriennio PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE IGiochidiArchimede--Soluzionitriennio 18 novembre 2009 Griglia delle risposte

Dettagli

Il teorema di Pitagora

Il teorema di Pitagora Didattica della matematica Il teorema di Pitagora Prof. ssa Maria Rosa Casparriello Scuola media Fontanarosa RIFERIMENTO AL PECUP: adoperare il linguaggio ed i simboli della matematica per indagare con

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime Metodi e strumenti Nelle lezioni in aula si farà uso: [] della lezione dialogata (utilizzata di norma, e che prevede lo sviluppo anche

Dettagli

Introduzione. 001_007_pagine_iniziali.indd 7 22/01/14 11.21

Introduzione. 001_007_pagine_iniziali.indd 7 22/01/14 11.21 7 Introduzione Questo volume si propone di riorganizzare i percorsi di aritmetica e di geometria del corso principale adattandoli a studenti con esigenze specifiche. Il progetto grafico originale del corso

Dettagli

Alla ricerca del rettangolo più bello

Alla ricerca del rettangolo più bello Alla ricerca del rettangolo più bello Livello scolare: biennio Abilità interessate Individuare nel mondo reale situazioni riconducibili alla similitudine e descrivere le figure con la terminologia specifica.

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI Gabellone, Silvagni,Damiano TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE QUARTA Sviluppa

Dettagli

TEST PSICOMETRICO. Corso preparatorio all esame in italiano del 2014

TEST PSICOMETRICO. Corso preparatorio all esame in italiano del 2014 TEST PSICOMETRICO Corso preparatorio all esame in italiano del 2014 Febbraio Marzo 2014 Docente: Giacomo Sassun E-mail: gsassun@yahoo.it info@israeluni.it Realizzato grazie al contributo dell UNIONE DELLE

Dettagli

SIMULAZIONE QUARTA PROVA: MATEMATICA

SIMULAZIONE QUARTA PROVA: MATEMATICA SIMULAZIONE QUARTA PROVA: MATEMATICA COGNOME: NOME: TEMPO IMPIEGATO: VOTO: TEMPO DELLA PROVA = 44 (a fianco di ogni quesito si trova il tempo consigliato per lo svolgimento dell esercizio). PUNTEGGIO TOTALE

Dettagli

1B GEOMETRIA. Gli elementi fondamentali della geometria. Esercizi supplementari di verifica

1B GEOMETRIA. Gli elementi fondamentali della geometria. Esercizi supplementari di verifica Gli elementi fondamentali della geometria Esercizi supplementari di verifica Esercizio 1 a) V F Si dice linea retta una qualsiasi linea che non ha né un inizio né una fine. b) V F Il punto è una figura

Dettagli

4. Programmi di matematica per le scuole tecniche e gli istituti tecnici (1860) 1

4. Programmi di matematica per le scuole tecniche e gli istituti tecnici (1860) 1 4. Programmi di matematica per le scuole tecniche e gli istituti tecnici (1860) 1 SCUOLE TECNICHE MATEMATICHE ELEMENTARI Primo Anno Aritmetica Sistema volgare di numerazione orale e scritta Le quattro

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

I teoremi di Euclide e di Pitagora

I teoremi di Euclide e di Pitagora I teoremi di Euclide e di Pitagora In questa dispensa vengono presentati i due teoremi di Euclide ed il teorema di Pitagora, fondamentali per affrontare diverse questioni sui triangoli rettangoli. I teoremi

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2010 Categoria Junior Per studenti di seconda o terza della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2010 Categoria Junior Per studenti di seconda o terza della secondaria di secondo grado Testi_10Mat.qxp 15-02-2010 7:17 Pagina 22 Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2010 Categoria Per studenti di seconda o terza della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA Fo.Svi.Co International s.a.s. Formazione Sviluppo Competenze (per la competitività in campo internazionale) SEDE LEGALE Corso Magenta, 83 20 123 Milano SEDE OPERATIVA 00100 ROMA, via Arduino, 46 SEDE

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PRIMO BIENNIO A.S.

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PRIMO BIENNIO A.S. LICEO SCIENTIFICO STATALE EDOARDO AMALDI Liceo Scientifico Scienze Applicate Liceo Sportivo Cod. Mecc. BGPS17000D.F. 80032770168 Via Locatelli, 16-24022 LZANO LOMBARDO (BG) tel. 035-511377 - fax 035-516569

Dettagli

Elenco Ordinato per Materia Chimica

Elenco Ordinato per Materia Chimica ( [B,25404] Perché le ossa degli uccelli sono pneumatiche, cioè ripiene di aria? C (A) per consentire i movimenti angolari (B) per immagazzinare come riserva di ossigeno X(C) per essere più leggere onde

Dettagli

La trigonometria prima della trigonometria. Maurizio Berni

La trigonometria prima della trigonometria. Maurizio Berni La trigonometria prima della trigonometria Maurizio Berni 9 maggio 2010 Negli istituti tecnici agrari la trigonometria viene affrontata: nella seconda classe in Disegno e Topografia (risoluzione di triangoli

Dettagli

Il numero. Indice. esercizi. mi autovaluto 12. mi autovaluto 24. mi autovaluto 38. L insieme Q + 5. Una nuova operazione 13

Il numero. Indice. esercizi. mi autovaluto 12. mi autovaluto 24. mi autovaluto 38. L insieme Q + 5. Una nuova operazione 13 Indice Il numero Per orientarti 2 unità di apprendimento 1 L insieme Q + 5 Frazioni e numeri decimali 6 I numeri decimali limitati, p. 6; I numeri decimali illimitati, p. 7 Frazioni generatrici Operazioni

Dettagli

Proporzionalità diretta k = 60 kcal

Proporzionalità diretta k = 60 kcal Domanda D1. Paola, quando corre, consuma 60 kcal per ogni chilometro percorso. a. Completa la seguente tabella che indica le kcal consumate da Paola al variare dei chilometri percorsi. Chilometri percorsi

Dettagli

Con carta e forbici alla scoperta del paese Geometria

Con carta e forbici alla scoperta del paese Geometria Con carta e forbici alla scoperta del paese Geometria Anna Asti Enrica Ventura La parola non serve a nulla, il disegno non basta, è necessaria l azione perché il bambino giunga a combinare delle operazioni

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione Test di autovalutazione Test 0 10 0 30 0 0 0 70 80 90 100 n Il mio punteggio, in centesimi, è n Rispondi a ogni quesito segnando una sola delle alternative. n onfronta le tue risposte con le soluzioni.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI Numeri naturali Ordinalità Cardinalità Ricorsività Confronto Misura Valore posizionale Operazioni Contare

Dettagli

Elementi di Geometria. Lezione 03

Elementi di Geometria. Lezione 03 Elementi di Geometria Lezione 03 I triangoli I triangoli sono i poligoni con tre lati e tre angoli. Nelle rappresentazioni grafiche (Figura 32) i vertici di un triangolo sono normalmente contrassegnati

Dettagli

Punti notevoli di un triangolo

Punti notevoli di un triangolo Punti notevoli dei triangoli (UbiLearning). - 1 Punti notevoli di un triangolo Particolarmente importanti in un triangolo sono i punti dove s intersecano specifici segmenti, rette o semirette (Encyclopedia

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

Seconda media A Istituto Elvetico Lugano 2014 2015 prof. Mazzetti Roberto

Seconda media A Istituto Elvetico Lugano 2014 2015 prof. Mazzetti Roberto Seconda media A Istituto Elvetico Lugano 2014 2015 prof. Mazzetti Roberto Carissimi, eccovi gli argomenti trattati in quest anno scolastico. Ti servono quale ripasso!!!se qualcosa non fosse chiaro batti

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1

Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1 Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1 Indice / Terminologia addendo x L'addizione, la somma, l'addendo, più 1 2a 24 addizionare x L'addizione, la somma, l'addendo, più

Dettagli

IL TEOREMA DI PITAGORA

IL TEOREMA DI PITAGORA GEOMETRIA IL TEOREMA DI PITAGORA E LE SUE APPLICAZIONI PREREQUISITI l conoscere le rorietaá delle quattro oerazioni ed oerare con esse l conoscere il significato ed oerare con otenze ed estrazioni di radici

Dettagli

matematica classe quarta LA COMPRAVENDITA SCHEDA N. 27 1. Completa la tabella. 2. Completa la tabella. 3. Risolvi i seguenti problemi.

matematica classe quarta LA COMPRAVENDITA SCHEDA N. 27 1. Completa la tabella. 2. Completa la tabella. 3. Risolvi i seguenti problemi. SHE N.. ompleta la tabella. L OMPRVENIT Spesa Ricavo Guadagno Perdita, 0,0.........,0...,0...,......,..., 00,...,.... ompleta la tabella. Merce Peso Ricavo Ricavo Spesa Spesa Guadagno Guadagno unitario

Dettagli

Kangourou della Matematica 2015 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 9 maggio 2015. Quesiti

Kangourou della Matematica 2015 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 9 maggio 2015. Quesiti Kangourou della Matematica 015 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 9 maggio 015 Quesiti 1. La busta La figura mostra in che modo, ripiegando opportunamente un foglio di carta a forma di

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MATEMATICA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MATEMATICA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

UBI MATH Matematica per il tuo futuro ARITMETICA 2

UBI MATH Matematica per il tuo futuro ARITMETICA 2 Ubaldo Pernigo Marco Tarocco UBI MATH Matematica per il tuo futuro ARITMETICA 2 con la collaborazione di Annalisa Castellucci Sommario contenuti digitali integrativi unità L insieme dei numeri razionali

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica UNIONE MATEMATICA ITALIANA C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica ESEMPI DI TERZE PROVE per il NUOVO ESAME DI STATO LA COMPONENTE MATEMATICA ISTITUTO MAGISTRALE Tipologia

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Competenze Conoscenze Abilità L alunno riconosce il significato dei numeri ed i modi per rappresentarli i numeri naturali entro il 20 nei loro aspetti

Dettagli

PROGRAMMI PER GLI ESAMI I PATENTE DE MAESTRI E DELLE MAESTRE DELLE SCUOLE PRIMARIE

PROGRAMMI PER GLI ESAMI I PATENTE DE MAESTRI E DELLE MAESTRE DELLE SCUOLE PRIMARIE Programmi per le Scuole normali e magistrali, e per gli esami di Patente de Maestri e delle Maestre delle Scuole primarie approvati con regio decreto 9 novembre 1861 n. 315 (Raccolta ufficiale delle leggi

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della matematica. Obiettivi di apprendimento NUMERI Acquisire

Dettagli

Il più famoso teorema della geometria euclidea. Prof.ssa Laura Salvagno

Il più famoso teorema della geometria euclidea. Prof.ssa Laura Salvagno Il più famoso teorema della geometria euclidea 1 Il teorema di Pitagora è uno dei più importanti teorema della geometria euclidea che stabilisce la relazione fondamentale tra i lati di un triangolo rettangolo.

Dettagli

LA PROVA PER LE BORSE DI STUDIO INDAM DEL 2002 4000 EURO PER I MIGLIORI STUDENTI DI MATEMATICA

LA PROVA PER LE BORSE DI STUDIO INDAM DEL 2002 4000 EURO PER I MIGLIORI STUDENTI DI MATEMATICA 00 rchimede L PROV PER LE BORSE DI STUDIO INDM DEL 00 RTICOLI 4000 EURO PER I MIGLIORI STUDENTI DI MTEMTIC Per il terzo anno consecutivo, l INdM ha bandito il concorso per assegnare 50 borse di studio

Dettagli

ABCD è un parallelogrammo 90. Dimostrazione

ABCD è un parallelogrammo 90. Dimostrazione EQUISCOMPONIBILITÀ Problema G2.360.1 È dato il parallelogrammo ABCD: dai vertici A e B si conducano le perpendicolari alla retta del lato CD e siano rispettivamente E e F i piedi di tali perpendicolari

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA

CURRICOLO DI MATEMATICA CURRICOLO DI MATEMATICA 5 ANNI SCUOLA MATERNA CONTENUTI COMPETENZE DESCRITTORI ATTIVITA Calendari assenti/presenti Individua simboli numerici nell ambiente Associa un numero ad un insieme (una quantità

Dettagli

Costruire poligoni. Attività riadattata da "matematica 2001/2003": Roberto Battisti, Fabio Brunelli, Franco Spinelli, Carmela Milone

Costruire poligoni. Attività riadattata da matematica 2001/2003: Roberto Battisti, Fabio Brunelli, Franco Spinelli, Carmela Milone Costruire poligoni Attività riadattata da "matematica 2001/2003": Roberto Battisti, Fabio Brunelli, Franco Spinelli, Carmela Milone Introduzione... Errore. Il segnalibro non è definito. Descrizione dell

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

AREA LOGICO-MATEMATICA

AREA LOGICO-MATEMATICA SCUOLA DELL INFANZIA AREA LOGICO-MATEMATICA TRAGUARDI SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI NUCLEO: NUMERO E SPAZIO PREREQUISITI -Raggruppare e ordinare secondo criteri diversi, confrontare e valutare

Dettagli

PROVA INVALSI Scuola Secondaria di I grado Classe Prima

PROVA INVALSI Scuola Secondaria di I grado Classe Prima SNV 2010-2011; SNV 2011-2012; SNV 2012-2013 SPAZIO E FIGURE SNV 2011 10 quesiti su 29 (12 item di cui 6 a risposta aperta) SNV 2012 11 quesiti su 30 (13 item di cui 2 a risposta aperta) SNV 2013 9 quesiti

Dettagli

I TRIANGOLI I TRIANGOLI 1. IL TRIANGOLO. Il triangolo è un poligono avente tre lati. a) Proprietà di un triangolo

I TRIANGOLI I TRIANGOLI 1. IL TRIANGOLO. Il triangolo è un poligono avente tre lati. a) Proprietà di un triangolo I TRIANGOLI 1. IL TRIANGOLO Il triangolo è un poligono avente tre lati. a) Proprietà di un triangolo In un triangolo: I lati e i vertici sono consecutivi fra loro. La somma degli angoli interni è sempre

Dettagli

IGiochidiArchimede-GaraTriennio 22 novembre 2006

IGiochidiArchimede-GaraTriennio 22 novembre 2006 PROGTTO OLIMPII I MTMTI U.M.I. UNION MTMTI ITLIN SUOL NORML SUPRIOR IGiochidirchimede-GaraTriennio novembre 006 1) La prova consiste di 5 problemi; ogni domanda è seguita da cinquerisposteindicate con

Dettagli

Geometria piana. Veronica Gavagna E Albachiara Trapanese

Geometria piana. Veronica Gavagna E Albachiara Trapanese Geometria piana Veronica Gavagna E Albachiara Trapanese http://online.scuola.zanichelli.it/bergamini-files/biennio/schedelavoro/bergamini_scheda_lavoro_triangoli.pdf Disegna un triangolo. Quante e quali

Dettagli