INDICE. Unità 7 DALLA CIRCONFERENZA AI POLIGONI REGOLARI, 1 CIRCONFERENZA E CERCHIO, 2 PARTI DELLA CIRCONFERENZA E DEL CERCHIO, 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Unità 7 DALLA CIRCONFERENZA AI POLIGONI REGOLARI, 1 CIRCONFERENZA E CERCHIO, 2 PARTI DELLA CIRCONFERENZA E DEL CERCHIO, 3"

Transcript

1 INIE Unità 7 LL IRONFERENZ I POLIGONI REGOLRI, Il libro prosegue nel 7. IRONFERENZ E ERIO, ESERIZI da p. 7. PRTI ELL IRONFERENZ E EL ERIO, Le parti della circonferenza, Le parti del cerchio, 7. NGOLI E IRONFERENZ, 6 ngoli al centro, 6 ngoli alla circonferenza, 6 Relazione tra angoli al centro e angoli alla circonferenza, 7 7. IRONFERENZE E RETTE NEL PINO, 8 Posizioni di una retta rispetto a una circonferenza, 8 Posizioni reciproche di due circonferenze, POLIGONI INSRITTI IN UN IRONFERENZ, 0 ondizione di inscrittibilità dei poligoni, POLIGONI IROSRITTI UN IRONFERENZ, ondizione di circoscrittibilità dei poligoni, 7.7 POLIGONI REGOLRI, 6 Proprietà dei poligoni regolari, 6 Il cammino della matematica: rchimede, un genio universale, 9 SINTESI, 0 llenamente, 58 MTEMTI ON IL P: irconferenze e poligoni, 59 ESERIZI da p. ESERIZI da p. 7 ESERIZI da p. ESERIZI da p. 5 ESERIZI da p. 9 ESERIZI da p. per la VERIFI orale, 8 per PREPRRSI all esame, 8 PINO RTESINO, 8 UTOVERIFI, 9 ESERIZI per il recupero, 50 ESERIZI per il potenziamento, 56

2 IV Indice Unità 8 RE EI POLIGONI, 6 Il libro prosegue nel 8. EQUIVLENZ E EQUISOMPONIILITÀ ELLE FIGURE PINE, 6 Equivalenza, 6 Equiscomponibilità per somma, 6 Equiscomponibilità per differenza, 6 ESERIZI da p MISUR ELL SUPERFIIE, 65 ESERIZI da p RE EL RETTNGOLO E EL QURTO, 66 rea del rettangolo, 66 rea del quadrato, 67 ESERIZI da p RE EL PRLLELOGRMMO, 69 ESERIZI da p RE EL TRINGOLO, 7 Il triangolo rettangolo, 7 Formula di Erone, 7 ESERIZI da p RE EL ROMO, 7 ESERIZI da p. 8.7 RE EL TRPEZIO, 76 LORTORIO matematico: Trasformazione del trapezio in triangolo, RE EI POLIGONI REGOLRI, 78 Relazione tra lato e apotema nei poligoni regolari, 79 alcolo dell area o del lato con i numeri fissi, 80 Il cammino della matematica: Le invenzioni di Erone, 8 SINTESI, 8 llenamente, MTEMTI ON IL P: rea dei poligoni, ESERIZI da p. 9 ESERIZI da p. 5 per la VERIFI orale, 8 per PREPRRSI all esame, 8 PINO RTESINO, 0 UTOVERIFI, ESERIZI per il recupero, ESERIZI per il potenziamento, 9 Unità 9 IL TEOREM I PITGOR, 5 9. LE TERNE PITGORIE, 6 he cosa sono le terne pitagoriche, 6 ome si generano le terne pitagoriche, 7 9. IL TEOREM I PITGOR, 8 LORTORIO matematico: Verifica del teorema di Pitagora, 9 ESERIZI da p. 6 ESERIZI da p. 6 Il libro prosegue nel

3 Indice V 9. PPLIZIONI EL TEOREM I PITGOR, 50 alcolo della misura dell ipotenusa, 50 alcolo della misura di un cateto, 5 9. IL TEOREM I PITGOR NEI POLIGONI, 5 Triangolo isoscele, 5 Triangolo equilatero, 5 Quadrato, 5 Rettangolo, 5 Rombo, 5 Parallelogrammo, 5 Trapezio rettangolo, 5 Trapezio isoscele, 5 Poligoni regolari, IL TEOREM I PITGOR NELL IRONFERENZ, 56 Triangolo inscritto in una semicirconferenza, 56 istanza di una corda dal centro della circonferenza, 56 Tangente alla circonferenza da un punto P, 57 Il cammino della matematica: Il teorema di Pitagora, 59 SINTESI, 60 llenamente, 0 MTEMTI ON IL P: Verifica del teorema di Pitagora, 0 ESERIZI da p. 68 ESERIZI da p. 7 ESERIZI da p. 88 per la VERIFI orale, 58 per PREPRRSI all esame, 58 PINO RTESINO, 90 UTOVERIFI, 9 ESERIZI per il recupero, 9 ESERIZI per il potenziamento, 98 Unità 0 LE TRSFORMZIONI ISOMETRIE, 05 Il libro prosegue nel 0. ONGRUENZ E ISOMETRIE, 06 Movimento e congruenza diretti, 06 Movimento e congruenza inversi, 06 Il concetto di trasformazione geometrica, 07 Le trasformazioni isometriche, L TRSLZIONE, 09 Il vettore, 09 La traslazione, 0 ESERIZI da p. ESERIZI da p L ROTZIONE, ESERIZI da p L SIMMETRI SSILE, Punti uniti, 0.5 L SIMMETRI ENTRLE, 5 La simmetria centrale di un punto, 5 La simmetria centrale di un segmento, 5 La simmetria centrale di un poligono, L SIMMETRI NEI POLIGONI, 8 Figure con assi di simmetria, 8 Figure con centro di simmetria, 9 SINTESI, llenamente, 50 MTEMTI ON IL P: Trasformazioni isometriche, 5 ESERIZI da p. ESERIZI da p. 9 ESERIZI da p. per la VERIFI orale, per PREPRRSI all esame, PINO RTESINO, UTOVERIFI, ESERIZI per il recupero, ESERIZI per il potenziamento, 8

4 VI Indice Unità OMOTETIE E SIMILITUINI, 5 Il libro prosegue nel L OMOTETI, 5. ESERIZI da p. 78. L SIMILITUINE, 57 Poligoni simili, 59. I RITERI I SIMILITUINE EI TRINGOLI, 6 Primo criterio di similitudine, 6 Secondo criterio di similitudine, 6 Terzo criterio di similitudine, 6. LE PROPRIETÀ EI POLIGONI SIMILI, 6 Misure lineari, 6 Misure di superficie, 6.5 I TEOREMI I EULIE, 66 Primo teorema di Euclide, 66 Secondo teorema di Euclide, 67.6 LE RPPRESENTZIONI IN SL, 69 Riduzioni, 69 Ingrandimenti, 70.7 IL TEOREM I TLETE, 7 Triangolo tagliato da una parallela a un lato, 7 Il cammino della matematica: Euclide, 75 SINTESI, 76 llenamente, 0 MTEMTI ON IL P: Le omotetie, Soluzioni, Tavole numeriche, 5 ESERIZI da p. 8 ESERIZI da p. 89 ESERIZI da p. 9 ESERIZI da p. 99 ESERIZI da p. 0 ESERIZI da p. 08 per la VERIFI orale, 7 per PREPRRSI all esame, 7 PINO RTESINO, 08 UTOVERIFI, 0 ESERIZI per il recupero, ESERIZI per il potenziamento, 6

5 LE FIGURE GEOMETRIE Unità 9 IL TEOREM I PITGOR Le terne pitagoriche Il teorema di Pitagora pplicazioni del teorema di Pitagora Il teorema di Pitagora nei poligoni Il teorema di Pitagora nella circonferenza SPERE avrai acquisito il concetto di terna pitagorica avrai appreso il teorema di Pitagora SPER FRE saprai riconoscere e generare una terna pitagorica saprai applicare il teorema di Pitagora in varie situazioni saprai risolvere problemi utilizzando il teorema di Pitagora

6 6 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9. LE TERNE PITGORIE Esercizi a p. 6 he cosa sono le terne pitagoriche Se costruiamo un triangolo con tre cannucce lunghe cm, cm e 5 cm, si può verificare (con la squadra o il goniometro) che, comunque si dispongano le cannucce, l angolo compreso tra il lato di cm e quello di cm è un angolo retto. llo stesso modo possiamo verificare che, utilizzando cannucce lunghe 5 cm, cm e cm, l angolo compreso tra i lati di 5 cm e di cm è ancora un angolo retto. Oltre a questa particolare proprietà, cioè quella di formare angoli retti, le due terne di numeri hanno un altra proprietà interessante. onsideriamo la prima terna: 5 Eleviamo ciascun numero al quadrato: = 9 = 6 5 = 5 Se addizioniamo i primi due risultati, otteniamo il terzo: = 5 Ripetiamo lo stesso procedimento con la seconda terna: 5 5 = 5 = = = 69 tutte le terne di numeri che hanno questa caratteristica viene dato il nome di terna pitagorica. Una terna pitagorica è costituita da tre numeri a, b e c tali che addizionando i quadrati dei primi due si ottiene il quadrato del terzo numero: a + b = c Grazie alle proprietà delle terne: i triangoli i cui lati corrispondono a una terna pitagorica sono triangoli rettangoli e l angolo retto è quello compreso tra i due lati più corti. 5, e è una terna pitagorica l angolo retto è compreso tra i due lati minori Osserva che Non tutte le terne di numeri sono terne pitagoriche. 5 6 non è una terna pitagorica = 6 5 = 5 6 = π 6

7 LE FIGURE GEOMETRIE 9. Le terne pitagoriche 7 ome si generano le terne pitagoriche onsideriamo la terna pitagorica, e 5 e moltiplichiamo ciascun termine per. Otteniamo la terna 6, 8 e 0. Possiamo verificare che è una terna pitagorica. Infatti, addizionando i quadrati dei primi due numeri otteniamo ancora il quadrato del terzo: 6 = 6 8 = 6 0 = 00 e = 00 Questa nuova terna prende il nome di terna derivata. Una terna pitagorica si dice primitiva se è formata da numeri primi tra loro. Una terna pitagorica si dice derivata se si ottiene moltiplicando i numeri di una terna primitiva per uno stesso fattore diverso da 0. Esempi, e 5 è una terna pitagorica primitiva 9, e 5 è una terna pitagorica derivata Esempio mio è una terna pitagorica derivata Sviluppa l intuito iofanto, un matematico greco del III secolo d.. circa, scoprì una formula per calcolare terne pitagoriche a, b e c dati due numeri naturali qualsiasi m e n (con m > n): a = m n b = m n c = m + n Per esempio, per m = e n = : a = = b = = c = + = 5 ome abbiamo già visto,, e 5 è proprio una terna pitagorica. Ora calcola tu la terna pitagorica, per m = 5 e n =, e poi verifica che sia una terna pitagorica. pplica Individua le terne pitagoriche. a b c a b c calcolo laboratorio nel : ostruzione di un angolo retto usando uno spago è una terna pitagorica?

8 8 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9. IL TEOREM I PITGOR Esercizi a p. 6 La proprietà delle terne pitagoriche di corrispondere alle misure dei lati dei triangoli rettangoli era nota molto tempo prima di Pitagora, ma solo per terne particolari e per via empirica, cioè non era stata data alcuna dimostrazione generale della sua validità. È merito di Pitagora (o forse di un suo allievo) avere dato questa dimostrazione e averne tratto conclusioni generali di grande importanza per la cultura matematica. onsideriamo un triangolo rettangolo qualsiasi. ostruiamo sull ipotenusa un quadrato Q l e sui cateti due quadrati Q e Q. Il teorema di Pitagora afferma che l area del quadrato Q l è uguale alla somma delle aree dei due quadrati Q e Q. Q = Q + Q Inoltre, se indichiamo con i l ipotenusa e con c e c i cateti del triangolo rettangolo, potremo scrivere: Q = i perché i è il lato del quadrato Q Q = c perché c è il lato del quadrato Q Q = c perché c è il lato del quadrato Q Quindi: i = c + c In ogni triangolo rettangolo il quadrato costruito sull ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati costruiti sui cateti. E, viceversa, se il quadrato costruito sull ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati costruiti sui cateti, allora il triangolo è sicuramente un triangolo rettangolo. Esempio I lati di un triangolo misurano 6 dm, 8 dm e 0 dm. Il triangolo è rettangolo perché le misure dei lati corrispondono a una terna pitagorica. Infatti: i = 0 dm = 00 dm c = 6 dm = 6 dm c = 8 dm = 6 dm e 00 dm = (6 + 6) dm Esempio mio Osserva che In matematica spesso si parla di condizione necessaria e di condizione sufficiente. Per esempio, condizione necessaria affinché un quadrilatero sia un quadrato è che abbia tutti i lati tra loro congruenti, ma questa condizione non è sufficiente. Infatti anche il rombo ha tutti i lati tra loro congruenti, ma non è un quadrato. Una proprietà può essere contemporaneamente una condizione necessaria e sufficiente, come per esempio quella espressa dal teorema di Pitagora. Infatti, perché un triangolo sia rettangolo è necessario che le misure dei suoi lati corrispondano a una terna pitagorica (condizione necessaria). Viceversa, è sufficiente che le misure dei lati corrispondano a una terna pitagorica perché un triangolo sia rettangolo (condizione sufficiente).

9 LE FIGURE GEOMETRIE 9. Il teorema di Pitagora 9 pplica Indica quali terne di misure di lati si riferiscono a triangoli rettangoli. misure dei lati (m) a b c ,,8 8,5,5 0 9,9 0, calcolo è un triangolo rettangolo? LORTORIO matematico Materiale: cartoncino e forbici VERIFI EL TEOREM I PITGOR La verifica del teorema di Pitagora può sembrare facile. Si tratta di costruire sui lati di un triangolo rettangolo qualsiasi i tre quadrati e ritagliarli in modo opportuno per ricoprire esattamente quello grande con i due piccoli. Prova e constaterai che non è facile. Esiste tuttavia un metodo, proposto dal francese enry Perigal, che con la matematica si divertiva molto, pur non essendo un matematico. Fu tanto orgoglioso di questa sua scoperta che fece stampare lo schema sui suoi biglietti da visita.. isegna un triangolo rettangolo qualsiasi, al centro di un foglio quadrettato o millimetrato. ostruisci sui tre lati i tre quadrati.. Segna, nel punto di intersezione delle due diagonali, il centro del quadrato costruito sul cateto maggiore.. Traccia una parallela e una perpendicolare all ipotenusa passanti. In questo modo il quadrato è suddiviso in quattro parti.. Ritaglia le quattro parti e il quadrato costruito sull altro cateto. I cinque pezzi ritagliati si incastreranno facilmente per ricoprire esattamente il quadrato costruito sull ipotenusa.

10 50 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9. PPLIZIONI EL TEOREM I PITGOR Esercizi a p. 68 Il teorema di Pitagora si applica solo ed esclusivamente al triangolo rettangolo e consente di calcolare la misura di un lato quando si conoscono le misure degli altri due lati. alcolo della misura dell ipotenusa bbiamo visto che la formula che esprime il teorema di Pitagora è: i = c + c dove i è l area del quadrato costruito sull ipotenusa. Poiché la lunghezza di un lato di un quadrato si calcola estraendo la radice quadrata della sua area, la misura dell ipotenusa si calcola estraendo la radice quadrata dell area del quadrato costruito su di essa, che è uguale a c + c. unque, in generale: la misura dell ipotenusa di un triangolo rettangolo si calcola estraendo la radice quadrata della somma dei quadrati delle misure dei due cateti. i= c + c Problema svolto alcola la misura dell ipotenusa del triangolo rettangolo, sapendo che i cateti misurano rispettivamente 6 cm e cm. ati = triangolo rettangolo = 6 cm = cm Incognita cm cm Procedimento risolutivo e calcolo Il teorema di Pitagora permette di calcolare l area Q quando sono note le aree Q e Q : Q = Q + Q Q = 6 cm = 56 cm Q = cm = cm Q = Q + Q = (56 + ) cm = 00 cm Q l è l area del quadrato costruito sul lato, la cui misura si ricava usando la formula inversa relativa all area del quadrato: = Q = 00 cm = 0 cm

11 LE FIGURE GEOMETRIE 9. pplicazioni del teorema di Pitagora 5 alcolo della misura di un cateto alla formula vista prima, che esprime il teorema di Pitagora, possiamo ricavare la formula inversa: c = i c dove c è l area del quadrato costruito su un cateto. Quindi la misura del cateto c si calcola estraendo la radice quadrata dell area del quadrato costruito su di esso, che è uguale a i c. unque, in generale: la misura di un cateto di un triangolo rettangolo si calcola estraendo la radice quadrata della differenza fra il quadrato della misura dell ipotenusa e il quadrato della misura del cateto noto. c = i -c Problema guidato alcola la misura del cateto del triangolo rettangolo, sapendo che l ipotenusa e l altro cateto misurano rispettivamente 0 cm e 6 cm. ati = triangolo rettangolo =... cm =... cm Incognita cm cm Procedimento risolutivo e calcolo pplichiamo la formula risolutiva: ovvero c = i c = = =... = cm pplica laboratorio nel : Rappresentazione grafica dei numeri irrazionali In un triangolo rettangolo i due cateti c e c misurano 6 cm e 8 cm. Quanto misura l ipotenusa i? [0 cm] alcola la misura dell ipotenusa di un triangolo rettangolo i cui cateti misurano cm e 8 cm. [50 cm] In un triangolo rettangolo l ipotenusa i e il cateto c misurano rispettivamente 5 cm e 9 cm. Quanto misura il cateto c? [ cm] alcola la misura di un cateto di un triangolo rettangolo in cui l altro cateto misura 6 cm e l ipotenusa cm. [0 cm]

12 5 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9. IL TEOREM I PITGOR NEI POLIGONI Esercizi a p. 7 Tutte le volte che in una figura è possibile individuare un triangolo rettangolo si può applicare il teorema di Pitagora. Questo succede in un numero illimitato di casi. Triangolo isoscele L altezza relativa alla base suddivide il triangolo isoscele in due triangoli rettangoli congruenti, a cui si può applicare il teorema di Pitagora. l b = + h b h = l b = l h l h Esempio alcola l altezza h di un triangolo isoscele in cui lato e base misurano rispettivamente 0 cm e 6 cm. b h = 6 0 cm = 0 cm = 00 9 cm = 9 cm 9, 5 cm Triangolo equilatero L altezza relativa a uno qualsiasi dei lati suddivide il triangolo equilatero in due triangoli rettangoli congruenti, ciascuno dei quali ha per ipotenusa il lato e per cateti l altezza e metà del lato. Perciò applicando il teorema di Pitagora si ottiene: l l l l l h = l l l = = = = cioè h= l da cui l h = Poiché 0, 866 (valore approssimato ai millesimi) h le due formule precedenti diventano: h 0, 866 l e l 0, 866 l l h Esempio alcola l altezza di un triangolo equilatero il cui lato misura 5 cm. h 0,866 l 0,866 5 cm, cm Quadrato Una diagonale suddivide il quadrato in due triangoli rettangoli isosceli congruenti, per i quali essa rappresenta l ipotenusa. Grazie al teorema di Pitagora: d = l l e d = d l

13 LE FIGURE GEOMETRIE 9. Il teorema di Pitagora nei poligoni 5 Poiché il valore approssimato ai millesimi di è,: d d, l e l, Esempio alcola la diagonale di un quadrato il cui lato misura 5 cm. d =, l, 5 cm 7, 070 cm Rettangolo Una diagonale suddivide il rettangolo in due triangoli rettangoli congruenti, a cui si può applicare il teorema di Pitagora: d = b + h b = d h h = d b h d Esempio alcola la misura della diagonale d di un rettangolo, le cui dimensioni misurano 5 cm e 60 cm. d = b + h = cm = cm = 565 cm = 75 cm b Rombo Le diagonali suddividono il rombo in quattro triangoli rettangoli congruenti, in cui i cateti sono metà delle diagonali d e d. d d l = + d d l = d d l = d d l Esempio alcola la misura del lato di un rombo, le cui diagonali misurano cm e cm. l d d = + = + cm = + 6 cm = 00 cm = 0 cm Parallelogrammo L altezza del parallelogrammo lo scompone in un triangolo rettangolo e in un trapezio rettangolo. pplicando il teorema di Pitagora al triangolo rettangolo si ottengono le seguenti formule: l h l = h + h = l = l h

14 5 Unità 9 Il teorema di Pitagora Trapezio rettangolo Un altezza suddivide il trapezio rettangolo in un rettangolo e in un triangolo rettangolo, pertanto: b l = h + ( b b ) b b = l h h = l ( b b ) h b l b b Esempio Le basi di un trapezio rettangolo misurano 5,5 cm e cm; l altezza misura, cm. alcola la misura del lato obliquo. l = h + ( b b ) =, + ( 5, 5 ) cm =, +, 5 cm = =, 69 cm =, 7 cm Trapezio isoscele b Le due altezze scompongono il trapezio isoscele in due triangoli rettangoli congruenti e un rettangolo. In questo caso la differenza delle basi deve essere divisa per due. h b h l b b l b = h + b b h = l b b b = l h Esempio In un trapezio isoscele la base maggiore misura 65 m, la base minore 75 m e l altezza 60 m. alcola la misura del lato obliquo. l b = h + b = 60 + m = m = 565 m = 75 m Osserva che In un trapezio rettangolo e in un trapezio isoscele si possono evidenziare triangoli rettangoli anche in altri modi e a ciascuno applicare il teorema di Pitagora. Trapezio rettangolo Trapezio isoscele Una diagonale lo suddivide in due triangoli di cui uno è sempre rettangolo. L altezza e una diagonale lo suddividono in tre triangoli rettangoli. Una diagonale e un altezza individuano due triangoli rettangoli.

15 LE FIGURE GEOMETRIE 9. Il teorema di Pitagora nei poligoni 55 Poligoni regolari Un poligono regolare può essere scomposto in tanti triangoli isosceli congruenti quanti sono i suoi lati. L altezza di ciascun triangolo relativa al lato del poligono (l apotema) lo scompone a sua volta in due triangoli rettangoli. Per esempio, il pentagono regolare è scomponibile in 0 triangoli rettangoli congruenti. In tutti, un cateto è l apotema, l altro cateto è la metà del lato del pentagono e l ipotenusa è il raggio della circonferenza circoscritta. Perciò è possibile applicare il teorema di Pitagora per calcolare l apotema, il raggio e il lato del poligono regolare. a r l l l r = a + a r r a = = Esempio alcola la misura dell apotema di un esagono regolare il cui lato misura cm. Poiché la misura del lato dell esagono regolare è uguale a quella del raggio della circoferenza circoscritta, il triangolo O è equilatero e la misura dei suoi lati è: O = O = = cm Perciò: = 6 cm O O = O = 6 cm = 08 cm 0, cm pplica alcola la misura del lato di un triangolo isoscele, sapendo che la base è lunga 0 m e l altezza 6 m. [9 m] alcola la misura della diagonale di un quadrato il cui lato è lungo 6 cm. [8,85 cm] alcola la misura del lato di un quadrato la cui diagonale è lunga 00 cm. [70,7 cm] alcola la misura della diagonale di un rettangolo le cui dimensioni sono,5 cm e 8 cm. [,5 cm] 5 alcola la misura del lato di un rombo le cui diagonali misurano 9,6 m e,8 cm. [8 cm] 6 In un terreno a forma di trapezio isoscele la base maggiore misura 660 m, la base minore 00 m e l altezza 0 m. alcola la misura del lato obliquo. [00 m] 7 alcola l apotema di un pentagono regolare, sapendo che il lato misura,76 m e il raggio della circonferenza circoscritta misura m. [0,809 m]

16 56 Unità 9 Il teorema di Pitagora 9.5 IL TEOREM I PITGOR NELL IRONFERENZ Esercizi a p. 88 lcuni problemi che riguardano la circonferenza possono essere risolti applicando il teorema di Pitagora. Triangolo inscritto in una semicirconferenza ome abbiamo visto, qualsiasi triangolo inscritto in una semicirconferenza e con un lato coincidente con il diametro è un triangolo rettangolo. Il diametro della circonferenza è l ipotenusa del triangolo, perciò: O d = c + c c = d c c = d c istanza di una corda dal centro della circonferenza Il triangolo O è un triangolo rettangolo in cui la distanza O della corda dal centro della circonferenza è un cateto, il raggio r della circonferenza è l ipotenusa e la metà della corda è l altro cateto. pplicando il teorema di Pitagora si ricavano le seguenti formule: r O O = r r O r O = + = Esempio alcola la distanza O, dal centro della circonferenza, di una corda lunga cm, sapendo che il raggio della circonferenza misura 0 cm. O = r = 0 cm = 00 cm = 6 cm

17 LE FIGURE GEOMETRIE 9.5 Il teorema di Pitagora nella circonferenza 57 Tangente alla circonferenza da un punto P La tangente forma con il diametro un angolo retto. Si può costruire un triangolo rettangolo in cui il diametro d è un cateto, il segmento di tangente P è l altro cateto e la distanza P del punto P dall altro estremo del diametro è l ipotenusa. pplicando il teorema di Pitagora al triangolo rettangolo P si possono ricavare le relazioni: P O d = P P P = P d P = P + d Lo stesso ragionamento si può fare considerando il triangolo OP in cui un cateto è il raggio. Si ricavano le seguenti formule: P r = PO P P = PO r PO = P + r r O Esempi alcola la misura del diametro di una circonferenza, sapendo che il segmento P tangente alla circonferenza nell estremo del diametro misura 7 cm e che la distanza di P dall altro estremo misura 5 cm. = P P = 5 7 cm = cm = 96 cm = 6 cm alcola la misura del raggio O di una circonferenza, sapendo che il segmento P tangente alla circonferenza nell estremo del raggio misura, m e che la distanza di P dal centro O misura,5 m. O = PO P = 5,, cm = 09, cm = 07, cm pplica alcola il diametro d di una circonferenza, sapendo che i due lati minori del triangolo inscritto nella semicirconferenza misurano 0 cm e 8 cm. [5 cm] alcola la lunghezza di una corda che ha una distanza O = 5 cm dal centro della circonferenza di raggio r = 65 cm. [0 cm] alcola la lunghezza del segmento P tangente alla circonferenza nell estremo del diametro che misura cm, sapendo che la distanza di P dall altro estremo è di 50 cm. [8 cm] alcola la misura del raggio O di una circonferenza, sapendo che un segmento P tangente in alla circonferenza misura 8 mm e che la distanza di P dal centro O è di 5 mm. [5 mm]

18 58 Unità 9 Il teorema di Pitagora per la VERIFI orale 5 Spiega che cos è una terna pitagorica e fai uno o più esempi. escrivi il metodo per generare terne pitagoriche a partire da una terna nota. Enuncia il teorema di Pitagora e le formule relative con esempi applicativi. escrivi alcune applicazioni del teorema di Pitagora a poligoni diversi dal triangolo rettangolo. escrivi le applicazioni del teorema di Pitagora al triangolo equilatero e ai poligoni regolari in generale. per PREPRRSI all esame In una tavoletta del 800 a.. si legge il seguente quesito: Un bastone lungo 0 unità è appoggiato a un muro (a). Poi scivola di unità (b). i quante unità il piede del bastone si è allontanato dalla base del muro? INVLSI a.s unit unit unit a) a 6 unità b 8 unità c 0 unità d unità b) soluzioni a p. In un trapezio isoscele il rapporto tra la base minore e la base maggiore è : e la loro somma è di 0 dm. L altezza è i della base minore. La misura del perimetro è: 5 a, dm b, dm c 6,8 dm d, dm Nella figura sono disegnati una mensola e il relativo supporto necessario a reggerla. In base ai dati qual è la lunghezza del supporto (che si considera di spessore trascurabile)? cm a 6, dm b 0,9 cm cm c 5 cm cm d 9 cm su orto

19 Il cammino della MTEMTI 59 Il teorema di Pitagora Il teorema porta il suo nome, ma era noto già molti secoli prima di Pitagora. Per esempio, la straordinaria proprietà della terna, e 5 era già conosciuta presso i Sumeri e i abilonesi nel IV millennio a.. Presso gli Egizi, questa terna di numeri venne collegata al triangolo sacro, detto triangolo isiaco, da Iside, forse la più famosa delle divinità egizie. Riferisce Plutarco, storico greco del I secolo d..: oros 5 Iside Osiride nche gli Egizi visualizzano la natura dell universo con la figura del triangolo più bello. Questo triangolo ha l altezza di unità, la base di e l ipotenusa di 5, tale cioè che il suo quadrato è uguale alla somma dei quadrati degli altri due lati. L altezza, dunque, può essere paragonata al maschio, la base alla femmina e l ipotenusa al figlio da entrambi generato. Il triangolo isiaco rappresentava la divina trinità costituita dalla dea Iside, dal dio Osiride e dal loro figlio oros. 5 Il triangolo isiaco, oltre ad avere il significato metafisico che abbiamo visto, serviva materialmente a tracciare gli angoli retti. Questo era un impiego molto utile nella costruzione degli edifici. Grazie all esperienza, i cosiddetti tiratori di corde avevano messo a punto una tecnica molto semplice quanto efficace: congiungevano le estremità di una cordicella suddivisa in parti uguali e formavano un triangolo che avesse i lati di, e 5 parti uguali. L angolo retto era quello opposto al lato più lungo del triangolo. Successivamente, in un libro indiano del IV secolo a.. si spiega come si possono ottenere angoli retti costruendo triangoli, oltre che con lati di,, 5 unità, anche con lati di 5,, oppure 8, 5, 7 oppure, 5, 7 unità. unque i predecessori di Pitagora sapevano dell esistenza di terne di numeri collegate al triangolo rettangolo, ma non conoscevano una regola generale, dimostrabile, che stabilisse la relazione tra tutti gli infiniti triangoli rettangoli e le misure dei loro lati. Il merito di avere scoperto e dimostrato questa relazione è da attribuire a Pitagora. Una leggenda racconta che Pitagora abbia scoperto il suo teorema per caso, osservando un pavimento a piastrelle quadrate. Egli avrebbe osservato che il quadrato costruito sulla diagonale di una piastrella risultava costituito da due piastrelle. In realtà Pitagora non lasciò scritta alcuna dimostrazione ed essa potrebbe essere opera del suo allievo Ippaso di Metaponto. omunque sia, dovettero passare circa 00 anni (dal VI al IV secolo a..) prima della comparsa della dimostrazione scritta. Infatti la prima dimostrazione del teorema di Pitagora si trova negli Elementi di Euclide. a allora a oggi il teorema di Pitagora è stato dimostrato in molti modi diversi e si può dire che è forse il teorema di cui sono state date più dimostrazioni.

20 60 Unità 9 Il teorema di Pitagora mappa interattiva nel SINTESI LE TERNE PITGORIE Tre numeri costituiscono una terna pitagorica quando addizionando i quadrati dei primi due si ottiene il quadrato del terzo. ENUNITO EL TEOREM I PITGOR In ogni triangolo rettangolo il quadrato costruito sull ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati costruiti sui cateti. E, viceversa, se il quadrato costruito sull ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati costruiti sui cateti, allora il triangolo è sicuramente un triangolo rettangolo. i = c + c i = c + c 5 + = = 5 5 = 5 c = i c PPLIZIONI EL TEOREM I PITGOR Il teorema di Pitagora si applica solo ed esclusivamente ai triangoli rettangoli e a tutte le figure in cui sia evidenziabile un triangolo rettangolo. Triangolo isoscele b b b l = + h h = l = l h l h l b b Triangolo equilatero h h = l 0, 866 l l = h 0, 866 Quadrato d d d = l, l l =, Rettangolo d = b + h b = d h h = d b b Rombo d d d d d d l = + = l = l

21 Il teorema di Pitagora Unità 9 6 Parallelogrammo l = h + h = l = l h Trapezio rettangolo l = h + ( b b ) h = l ( b b ) b b = l h b h l b b b Trapezio isoscele b l = h + b b b b b h l = = l h b b h l b b Poligoni regolari l l l r = a + a = r = r a a r l Triangolo inscritto in una semicirconferenza Qualsiasi triangolo inscritto in una semicirconferenza è retto. d = c + c c = d c c = d c c O d c istanza di una corda dal centro della circonferenza O = r r = O + = r O r O Tangente alla circonferenza da un punto P d = P P P = P d P = P + d P r = PO P P = PO r PO = P + r O d

22 6 ESERIZI UNITÀ 9 Il teorema di Pitagora Teoria a 9. LE TERNE PITGORIE p. 6 Faq nel Per consolidare la comprensione e l uso del linguaggio specifico e la conoscenza del concetto di terna pitagorica Se il quadrato di un numero è uguale alla somma dei quadrati di due altri numeri, come vengono chiamati i tre numeri? inzia ha dato la seguente definizione: Si chiama terna pitagorica un gruppo di tre numeri tali che il prodotto dei quadrati di due di essi è uguale al quadrato del terzo. La definizione è scorretta. orreggila. Indica quale uguaglianza rappresenta una terna pitagorica. x y = z x + y = z x + y = z x + y = z x + y = z (x + y) = z Per applicare la conoscenza del concetto di terna pitagorica Esegui i calcoli e stabilisci quali terne sono pitagoriche. Esempio 5 6 = 6 5 = 5 6 = π 6 non è una terna pitagorica ompleta le frasi. Una terna pitagorica si dice primitiva se è formata da numeri... Quando si moltiplica una terna pitagorica primitiva per uno stesso fattore diverso da zero si ottiene una terna pitagorica... Rispondi alle domande. Quanti triangoli si possono costruire (uno diverso dall altro) con i lati di cm, cm e 5 cm? i che tipo di triangoli si tratta? Qual è l ampiezza dell angolo compreso tra il lato di cm e quello di cm? Le lettere a, b e c indicano tre numeri di una terna pitagorica scritti in ordine crescente. Scrivi la formula che esprime la relazione esistente tra di loro , 0,8 0 0,8 0,5 0,5 6, 5, 6 0,09 0,0 0, 0,5 5,6 5,7 7,5 6,5,98,0 Trova il numero maggiore di 65 che rende la coppia 88 e 65 una terna pitagorica, con questo procedimento:. calcola i quadrati dei due numeri;. esegui l addizione;. estrai la radice quadrata della somma. [87] Trova il numero minore di 7 che rende la coppia 7 e 78 una terna pitagorica, con questo procedimento:. calcola i quadrati dei due numeri;. sottrai il minore dal maggiore;. estrai la radice quadrata della differenza. [0] alla terna pitagorica 7 5 sono state ricavate alcune terne pitagoriche derivate. ompletale scrivendo sui puntini i numeri mancanti (i numeri sono scritti in ordine crescente). Esempio (perché 8 : 7 = 5 = 00) ,5... 0,7,..., ,9... 9,5...,,5,8 8,96... Verifica se la terna di numeri è una terna pitagorica. Ricava da essa altre due terne pitagoriche. Poi verifica che siano effettivamente terne pitagoriche. Esiste un numero che rende la coppia di numeri 6 e 68 una terna pitagorica. Trovalo, sapendo che è maggiore di 68. [70] 9 ggiungi un terzo numero naturale in modo che la coppia 8 e 0 diventi una terna pitagorica. [6]

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta.

Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta. CLASSE III C RECUPERO GEOMETRIA AREA PERIMETRO POLIGONI Disegno in quadretti le parti da calcolare; se capisco quanto vale un quadretto è fatta. ES: se ho fatto questo disegno e so che 1 quadretto vale

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente.

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. Linee Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. a. curva spezzata retta mista aperta chiusa b. curva spezzata

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE

ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE ISTITUTO COMPRENSIVO DEL CHIESE Piano di studio di istituto di Matematica Competenza 1 al termine del 4 biennio (seconda e terza media) Strumenti 1)Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PRIMO BIENNIO A.S.

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PRIMO BIENNIO A.S. LICEO SCIENTIFICO STATALE EDOARDO AMALDI Liceo Scientifico Scienze Applicate Liceo Sportivo Cod. Mecc. BGPS17000D.F. 80032770168 Via Locatelli, 16-24022 LZANO LOMBARDO (BG) tel. 035-511377 - fax 035-516569

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

TEST PSICOMETRICO. Corso preparatorio all esame in italiano del 2014

TEST PSICOMETRICO. Corso preparatorio all esame in italiano del 2014 TEST PSICOMETRICO Corso preparatorio all esame in italiano del 2014 Febbraio Marzo 2014 Docente: Giacomo Sassun E-mail: gsassun@yahoo.it info@israeluni.it Realizzato grazie al contributo dell UNIONE DELLE

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

LA PROVA PER LE BORSE DI STUDIO INDAM DEL 2002 4000 EURO PER I MIGLIORI STUDENTI DI MATEMATICA

LA PROVA PER LE BORSE DI STUDIO INDAM DEL 2002 4000 EURO PER I MIGLIORI STUDENTI DI MATEMATICA 00 rchimede L PROV PER LE BORSE DI STUDIO INDM DEL 00 RTICOLI 4000 EURO PER I MIGLIORI STUDENTI DI MTEMTIC Per il terzo anno consecutivo, l INdM ha bandito il concorso per assegnare 50 borse di studio

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Introduzione. 001_007_pagine_iniziali.indd 7 22/01/14 11.21

Introduzione. 001_007_pagine_iniziali.indd 7 22/01/14 11.21 7 Introduzione Questo volume si propone di riorganizzare i percorsi di aritmetica e di geometria del corso principale adattandoli a studenti con esigenze specifiche. Il progetto grafico originale del corso

Dettagli

Caro studente benvenuto in squadra!!! c) La maggior parte però applicherà il metodo migliore, che consiste nel seguire queste semplici regolette:

Caro studente benvenuto in squadra!!! c) La maggior parte però applicherà il metodo migliore, che consiste nel seguire queste semplici regolette: V i a A n g e l o M a j B E R G A M O 0 0 Fa: 0 6 Sito e contatti: www.liceolussana.com Codice fiscale: 00606 V i a A n g e l o M a j B E R G A M O 0 0 Fa: 0 6 Sito e contatti: www.liceolussana.com Codice

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

IGiochidiArchimede-GaraTriennio 22 novembre 2006

IGiochidiArchimede-GaraTriennio 22 novembre 2006 PROGTTO OLIMPII I MTMTI U.M.I. UNION MTMTI ITLIN SUOL NORML SUPRIOR IGiochidirchimede-GaraTriennio novembre 006 1) La prova consiste di 5 problemi; ogni domanda è seguita da cinquerisposteindicate con

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

Frazioni e numeri razionali

Frazioni e numeri razionali Cognome e nome Data Matematica Teoria - Numeri III Base I Frazioni e numeri razionali I. Introduzione I.. Rappresentazione di frazioni FRAZIONE I.. Frazione come operatore 0? di 0 : Divido in ( ) : di

Dettagli

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99 Bravissimo/a! Sei arrivato/a alla fine della parte di italiano... Adesso perché non ripassi un po di matematica? A settembre sarai un bolide nelle operazioni, nel risolvere i problemi e in geometria! matematica

Dettagli

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica UNIONE MATEMATICA ITALIANA C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica ESEMPI DI TERZE PROVE per il NUOVO ESAME DI STATO LA COMPONENTE MATEMATICA ISTITUTO MAGISTRALE Tipologia

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

La trigonometria prima della trigonometria. Maurizio Berni

La trigonometria prima della trigonometria. Maurizio Berni La trigonometria prima della trigonometria Maurizio Berni 9 maggio 2010 Negli istituti tecnici agrari la trigonometria viene affrontata: nella seconda classe in Disegno e Topografia (risoluzione di triangoli

Dettagli

giocare con le forme

giocare con le forme IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice A caccia

Dettagli

E-BOOK01 INVALSI Matematica

E-BOOK01 INVALSI Matematica E-book01 per la scuola secondaria di II grado Per la preparazione alle prove INVALSI dell anno scolastico 2012-13 Le domande presenti in questo e-book sono prodotte e distribuite dall Istituto Nazionale

Dettagli

STUDIO ESTIVO IN PREPARAZIONE ALLA SCUOLA SUPERIORE

STUDIO ESTIVO IN PREPARAZIONE ALLA SCUOLA SUPERIORE www.istitutocalabrese.vr.it e-mail vris@istruzione.it www.liceoprimolevi.it STUDIO ESTIVO IN PREPARAZIONE ALLA SCUOLA SUPERIORE Gli insegnanti di matematica delle Scuole Medie di BUSSOLENGO CAPRINO VERONESE

Dettagli

LEZIONI CON I PAD Docente scuola secondaria IC Moglia Carla Casareggio Classi seconde 2014/2015 Proprietà triangoli e quadrilateri con Sketchometry

LEZIONI CON I PAD Docente scuola secondaria IC Moglia Carla Casareggio Classi seconde 2014/2015 Proprietà triangoli e quadrilateri con Sketchometry LEZIONI CON I PAD Docente scuola secondaria IC Moglia Carla Casareggio Classi seconde 2014/2015 Proprietà triangoli e quadrilateri con Sketchometry La costruzione di figure geometriche al computer con

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Benjamin Per studenti di prima o seconda media. I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Benjamin Per studenti di prima o seconda media. I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 9-14-.qxd 22/02/2004 16.53 Pagina 10 Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Per studenti di prima o seconda media I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. (10 x 100) x (20 x 80)

Dettagli

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti Equazioni e Disequazioni Ripasso generale relativo alla risoluzione di equazioni, disequazioni,

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Cadet Per studenti di terza media o prima superiore

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Cadet Per studenti di terza media o prima superiore 15-20-.qxd 22/02/2004 22.51 Pagina 16 Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Per studenti di terza media o prima superiore I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Qual è il risultato

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico

Liceo G.B. Vico Corsico Liceo G.B. Vico Corsico Classe: 3A Materia: MATEMATICA Insegnante: Nicola Moriello Testo utilizzato: Bergamini Trifone Barozzi: Manuale blu.0 di Matematica Moduli S, L, O, Q, Beta ed. Zanichelli 1) Programma

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Cadet Per studenti di terza della scuola secondaria di primo grado e prima della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

MATEMATICA C3 ALGEBRA 2 8. TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE PIANE

MATEMATICA C3 ALGEBRA 2 8. TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE PIANE MATEMATICA C3 ALGEBRA 2 8. TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE PIANE La danza degli stormi, foto di _Pek_ http://www.flickr.com/photos/_pek_/4113244536 1. Generalità sulle trasformazioni geometriche piane...2 2.

Dettagli

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA)

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA) Istruzioni e programmi d insegnamento per gli istituti tecnici approvati con regio decreto 2 ottobre 1891 n. 622 (Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d Italia, Roma, Stamperia Reale,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate Via G. Verdi, 1 85025 MELFI (PZ) Tel. 097224434/35 Cod. Min.: PZIS02700B

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 CURRICOLO DI MATEMATICA classi prime, seconde e terze Riferimenti alle INDICAZIONI NAZIONALI: PECUP - Obiettivi formativi OSA -Obiettivi specifici di apprendimento

Dettagli

Trigonometria 30 = 3. l angolo inferiore ad un angolo retto per un trentesimo di quadrante è ampio un quadrante meno un trentesimo e cioè 87.

Trigonometria 30 = 3. l angolo inferiore ad un angolo retto per un trentesimo di quadrante è ampio un quadrante meno un trentesimo e cioè 87. Trigonometria Introduzione storica La trigonometria nasce dal problema pratico di calcolare a partire dalla misura di tre elementi di un triangolo (di cui almeno un lato) le misure dei tre elementi mancanti.

Dettagli

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi I VETTORI ESERCIZI Risolti e Discussi 19 dicembre 2007 1 Somma di vettori: metodo graco 1.0.1 Si considerino due spostamenti, uno di modulo 3 m e un altro di modulo 4 m. Si mostri in che modo si possono

Dettagli

GEOMETRIA CLASSE TERZA

GEOMETRIA CLASSE TERZA GEOMETRIA CLASSE TERZA Le principali figure geometriche del piano e dello spazio. Rette incidenti, perpendicolari e parallele. Introduzione del concetto di angolo a partire da contesti concreti. Introduzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE Testi dei temi d esame ed esercizi proposti con soluzione breve Versione del 1 settembre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MATEMATICA BIENNIO A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE MATEMATICA BIENNIO A.S. 2014-2015 PROGRAMMAZIONE MATEMATICA BIENNIO A.S. 2014-2015 - Finalità della matematica - Promuovere le facoltà intuitive e logiche - Educare a procedimenti sperimentali oltre che di astrazione e di formazione dei

Dettagli

Gilda Flaccavento Romano. Quaderno. studente. per lo

Gilda Flaccavento Romano. Quaderno. studente. per lo Gilda Flaccavento Romano Quaderno per lo studente indice esercizi di recupero I numeri relativi 6 Il calcolo letterale 8 Equazioni e disequazioni 11 La risoluzione algebrica dei problemi 13 La statistica

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

LICEO STATALE G. MAZZINI

LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Viale Aldo Ferrari, 37 Tel. 0187743000 19122 La Spezia Fax 0187743208 www.liceomazzini.org

Dettagli

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti Geometria del piano e dello spazio, trigonometria [2008, ORD] Si consideri la seguente proposizione: Se due solidi hanno uguale volume, allora, tagliati

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Titolo: Il Teorema di Pitagora. Palmira Ronchi. Nucleo: Spazio e forme. PREREQUISITI: riconoscere e costruire poligoni equiscomponibili.

Titolo: Il Teorema di Pitagora. Palmira Ronchi. Nucleo: Spazio e forme. PREREQUISITI: riconoscere e costruire poligoni equiscomponibili. Titolo: Il Teorema di Pitagora Palmira Ronchi Nucleo: Spazio e forme PREREQUISITI: riconoscere e costruire poligoni equiscomponibili. Scheda di lavoro 1: Le mattonelle ATTIVITÁ Il Teorema di Pitagora Scheda

Dettagli

Quale numero riportato sulla piantina identifica il Partenone? A. 19 B. 17 C. 14 D. 1

Quale numero riportato sulla piantina identifica il Partenone? A. 19 B. 17 C. 14 D. 1 E1. L immagine qui sotto è una ricostruzione dell Acropoli di Atene. L edificio indicato con P è il Partenone, tempio dedicato alla dea Atena. Osserva ora questa piantina dell Acropoli: Quale numero riportato

Dettagli

GEOMETRIA PIANA CENNI STORICI

GEOMETRIA PIANA CENNI STORICI GEOMETRIA PIANA CENNI STORICI Le origini della geometria sono antichissime e, per lo più, legate a necessità pratiche. Le tavolette e i papiri egiziani, risalenti al 2000 a.c., mettono in evidenza che

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 In un piano, riferito

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli

IGiochidiArchimede--Soluzionibiennio

IGiochidiArchimede--Soluzionibiennio PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE IGiochidiArchimede--Soluzionibiennio 17 novembre 2010 Griglia delle risposte

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

MEDICINA E CHIRURGIA Test di matematica anni: 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011. Anno Accademico 1997/1998

MEDICINA E CHIRURGIA Test di matematica anni: 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011. Anno Accademico 1997/1998 Anno Accademico 1997/1998 MATEMATICA anno 1997 1998 n. 76 La derivata della funzione f(x) = 5x + lnx (con ln logaritmo in base e) è: A) 5 + x B) / x C) 5 + ( / x) ln x D) 5 + /x E) nessuna di quelle delle

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

Soluzioni del Certamen Mathematicum

Soluzioni del Certamen Mathematicum Soluzioni del Certamen Mathematicum dicembre 2004 1. Notiamo che un qualsiasi quadrato modulo 4 è sempre congruo o a 0 o a 1. Infatti, se tale numero è pari possiamo scriverlo come 2k, seè dispari invece

Dettagli

Archimede BORSE DI STUDIO INDAM 2003

Archimede BORSE DI STUDIO INDAM 2003 1 2004 Archimede BORSE DI STUDIO INDAM 2003 ARTICOLO UN PREMIO PER GLI STUDENTI DI MATEMATICA Anche per il 2003-2004, l INdAM ha assegnato 50 borse di studio ad alcuni dei migliori studenti immatricolati

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

dell istitutonazionale di alta matematica

dell istitutonazionale di alta matematica 01 Archimede Nella valutazione della prova, si è rilevato, ancora una volta, un notevole affanno nei problemi dimostrativi: i punteggi medi in ognuno di essi sono stati di circa 5 punti su 0. Anche tenendo

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

LA GEOMETRIA CON GEOGEBRA

LA GEOMETRIA CON GEOGEBRA La geometria con Geogebra Introduzione 1 SERGIO BALSIMELLI LA GEOMETRIA CON GEOGEBRA (seconda edizione) Esercizi per la scuola secondaria di primo grado e di secondo grado La geometria con Geogebra Introduzione

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA - FISICA

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA - FISICA L.S. GALILEO GALILEI SELVAZZANO (PD) TEST D INGRESSO DI MATEMATICA - FISICA Nome e cognome:. classe : data :. Obiettivi: sondare alcune conoscenze in ambito matematico-fisico utili allo svolgimento del

Dettagli

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015 METODOLOGIA DIDATTICA E STRUMENTI Le lezioni teoriche vengono sviluppate a partire da momenti pratici e di osservazione di fenomeni. I principi teorici verranno quindi o presentati dall insegnate o ricavati

Dettagli

cm, (C) cm, (D) cm, (B) cm, (E) (A) 262 6) Per quanti valori distinti del numero reale b l equazione x 2 + bx 16 = 0,

cm, (C) cm, (D) cm, (B) cm, (E) (A) 262 6) Per quanti valori distinti del numero reale b l equazione x 2 + bx 16 = 0, PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE IGiochidiArchimede-GaraTriennio 19 novembre 2008 1) La prova consiste di

Dettagli

Simulazione di prova d Esame di Stato

Simulazione di prova d Esame di Stato 1 Simulazione di prova d Esame di Stato Risolvi uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario Nome Cognome Classe Data / / Problema 1 Sia y = f(x) una funzione reale di variabile

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente

I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2010/11 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado (a cura di Giorgio Bolondi, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni, Domingo

Dettagli

PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE

PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE IGiochidiArchimede-GaraTriennio 18 novembre 2009 1) La prova consiste di

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2011/2012 A CURA DEL RESPONSABILE DI AMBITO CAGNESCHI FEDERICA / IMPERATORE DOLORES L AMBITO DISCIPLINARE DI MATEMATICA STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 004 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un piano

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

Corso di matematica. Quaderno operativo. Anna Montemurro. con attività di

Corso di matematica. Quaderno operativo. Anna Montemurro. con attività di Anna Montemurro Teorema Corso di matematica Quaderno operativo con attività di Riepilogo e consolidamento Recupero e ripasso Sviluppo e ricerca Approfondimento interdisciplinare indice IL NUMERO unità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. A cura di Jung Kyu CANCI e Domenico FRENI. Con la collaborazione di

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. A cura di Jung Kyu CANCI e Domenico FRENI. Con la collaborazione di UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria A cura di Jung Kyu CANCI e Domenico FRENI Con la collaborazione di Luciano BATTAIA e Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE TEMI D ESAME 9

Dettagli

M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo. Quaderno operativo 2. Trevisini Editore

M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo. Quaderno operativo 2. Trevisini Editore M. erini - R. Fiamenghi - D. Giallongo Quaderno operativo Trevisini Editore La pubblicazione di un libro è un operazione complessa, che richiede numerosi controlli: sul testo, sulle immagini e sulle relazioni

Dettagli

PROGRAMMA di MATEMATICA

PROGRAMMA di MATEMATICA Liceo Scientifico F. Lussana - Bergamo PROGRAMMA di MATEMATICA Classe 3^ I a.s. 2014/15 - Docente: Marcella Cotroneo Libro di testo : Leonardo Sasso "Nuova Matematica a colori 3" - Petrini Ore settimanali

Dettagli

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento 1 Il progetto Il progetto ha coinvolto alunni e docenti dei plessi dei tre ordini scolastici dell Istituto

Dettagli

GIOCHI A SQUADRE. 30 marzo 2012

GIOCHI A SQUADRE. 30 marzo 2012 Centro Pristem Università Bocconi GIOCHI A SQUADRE 30 marzo 2012 1. La campestre Carla, Milena, Anna, Fausta e Debora hanno partecipato alla corsa campestre della loro classe. Carla e Anna non hanno vinto.

Dettagli

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini Scuola secondaria di 2 Grado Liceo Artistico A.S. 2012 2013 CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini PROGRAMMAZIONE CONSUNTIVA DISCIPLINE GEOMETRICHE La classe è composta da alunni che hanno dimostrano una

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Rapporto tecnico sulle caratteristiche delle prove INVALSI 2011 Scuola secondaria di secondo grado classe II MATEMATICA Domanda D1 item a D1. Nella tabella che

Dettagli

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSE 5 B

ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSE 5 B ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSE 5 B A questo punto dell anno scolastico il lavoro di laboratorio può esserci utile per iniziare a studiare il cerchio, imparare a disegnare poligoni inscritti e circoscritti

Dettagli

MEDICINA ODONTOIATRIA Test di matematica anni: 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011. Anno Accademico 1997/1998

MEDICINA ODONTOIATRIA Test di matematica anni: 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011. Anno Accademico 1997/1998 Anno Accademico 1997/1998 MATEMATICA anno 1997 1998 n. 69 L'espressione (4 + 2x 12y) / 2 si può ridurre a: A) 2 + 2 (x + 6y) B) 4 + y + 6x C) 2 + x + 6y D) 4 + x + 6y E) 2 + 2x + 6y MATEMATICA anno 1997

Dettagli

Matematica - Sessione 1 / Produzione Esame di Qualifica (III Livello Europeo) Terzo Anno

Matematica - Sessione 1 / Produzione Esame di Qualifica (III Livello Europeo) Terzo Anno Id orso ata.. Nome e ognome Tipo prova Matematica - Sessione 1 / Produzione Esame di Qualifica (III Livello Europeo) Terzo Anno a.f. 2014/2015 omanda 1 M9063-00 Un aeroplano ha p posti di prima classe

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli