I N S E R T O Anno XVII - N.1 1 gennaio 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I N S E R T O Anno XVII - N.1 1 gennaio 2004"

Transcript

1 I N S E R T O Anno XVII - N.1 1 gennaio 2004 DOMANDE E OFFERTE Gli annunci relativi alle opportunità commerciali pubblicate in questo numero sono pervenuti nel periodo precedente l'uscita del Notiziario: la redazione non si assume alcuna responsabilità per quanto segnalato e raccomanda pertanto di usare l'abituale prudenza commerciale. Si ricorda che l'u.o. Estero e Internazionalizzazione (Tel.0543/ di questa Camera ha la possibilità di fornire informazioni commerciali su ditte estere. Il presente Inserto è anche sul sito clicca su Notiziario Commercio Estero La Camera di Commercio Italiana per la Francia (134, Rue Faubourg Saint-Honoré, B.P Parigi Tel Fax comunica nominativi dei propri nuovi iscritti, vale a dire di aziende potenzialmente interessate a rapporti d affari con l Italia IL CESTINO M.me Sandrine Carnazzo 9, Rue de la Gare UCKANGE Fax Grossista e dettagliante di alimenti italiani LAGO.GER.S (Laboratoires Gernétic Synthèse) M.me Fabienne Lenoir Chateau d Ensoulès BERAUT CONDOM TEL Produce e commercializza prodotti cosmetici M.me Myrtile MUZARELLA 223, Rue Nationale LILLE Tel Vendita di abbigliamento, calzature, bigiotteria ITAL TRADITION Sarl 2, Rue des Feivres METZ Actipole Fax Importatore di prodotti alimentari. M.JOSEPH INGLESE 14 Rue de la Vallée Kerbach Tel Produzione di balaustre e decorazioni per giardini. DECOMOB M. Cisaro Rue de Touraine FAMECK Fax Mobili GALERIES DU CARRELAGE M. Lorenzo PIUBELLO R.N OPINS JUSTARET Fax Negozio di sanitari e piastrelle. LA POLYVALENCE INDUSTRIELLE M.Mario Salvino 2, Chemin de l Usine ALGRANGE Fax Meccanica industriale. ETILOR - M.Patrice Valentini 5, Rue Maréchal Joffre BP MOYEUVRE GRANDE Fax Tubature industriali. SARL JOANNES PATRICE 76 Avenue de la Gare Mont saint Martn Fax Costruzione di edifici. 1

2 La Camera di Commercio Italiana per il Portogallo (Av. 5 de Outubro, 95-4 Dt LISBONA Fax comunica le seguenti RICHIESTE DI PRODOTTI: REPAROMAR Avenida da India (Antiga Estaçao de Pedrouços) LISBONA Fax Cerca barche da diporto gonfiabili (gommoni) JB EQUIPAMENTOS INDUSTRIAIS LDA Rua do progresso Lote 7 R/C Dto - Mato-Cheirinhos Tires SAO DOMINGOS DE RANA Fax Cerca barche da diporto gonfiabili L Ufficio Commerciale dell Ambasciata d Italia a Cipro (XXV March Street 11 Engomi P.O.Box Nicosia - Internet. segnala le seguenti richieste M. KAKOULLIS LTD 42, Pireos, P.C Strovolos, NICOSIA Tel: Fax: Occhiali da sole. YIOTA BEAUTY CARE SALON Vyzantiou 35F, Strovolos - P.C NICOSIA Tel: / Fax: Belletti e cosmetici in genere. MELEX LTD P.O.Box P.C LARNACA Tel: / Fax: Articoli igienico sanitari ed accessori - piastrelle e ceramiche per rivestimento edile. C.T.C. ARGOSY OPERATIONS LTD P.O.Box P.C NICOSIA Tel: / Fax: Carta igienica, fazzoletti, salviette per uso domestico CHRYMARIS HOUSE LTD P.O.Box P.C AGLANTZIA, NICOSIA Tel: / Fax: Tegole di ceramica 2

3 C.C. HATZIMILTI BROS ERGODOMI LTD Likourgou, 27 - LIMASSOL Tel: / Fax: Tegole di ceramica! La Camera di Commercio Italo-Ellenica di Salonicco (Papanastasiou Salonicco - Fax Internet: comunica inoltre le seguenti opportunità commerciali: KONOMIS LAZAROS Mr. Konomis Dimitrios I. Drosopoulou 117A Atene Tel Fax : Cerca contato con Ditte italiane che producono e installano attrezzatture per la lavorazione e la confezione del sale. VARDAKIS G. ATHANASIOS Mr. Vardakis Georgios 21hs Iouniou Kilkis Tel Fax : Cerca contatto con produttori di mobili, tessuti per arredamento, articoli igienico-sanitari e piastrelle. L ARTE DI SOGNO DIMITRAKOPOULOS DIMITRIOS Koritsas Thessaloniki Tel Fax : Mr. Dimitrakopoulos Dimitrios Cerca contatto con produttori italiani di bomboniere in argento. " #! La Camera di Commercio Italiana per la Francia (2 Rue Henri Barbusse MARSIGLIA - Tel Fax Sito Web: comunica le seguenti opportunità commerciali: Ref. F-09/09 Azienda francese cerca contatto con produttori e distributori di pelletteria (valigeria, borse in pelle, a mano e da sport) Ref. F-10/09 Azienda francese cerca contatto con produttori di reti e materassi. Ref. F-11/09 Azienda francese produttrice e distributrice di vivai e di trattamenti fitosanitari cerca contatto con vivaisti italiani produttori di alberi, arbusti, piante, palme, agrumi, fiori. Le aziende interessate alle suddette opportunità commerciali potranno mettersi in contatto con l'ufficio Commercio Estero della Camera di Commercio di Forlì-Cesena (Fax E- Mail: citando il codice di riferimento che precede ogni richiesta. 3

4 "$$!%" & La Camera di Commercio Italo-Lussemburghese (10, Boulevard Grande-Duchesse Charlotte L Luxembourg Fax Sito: comunica i nominativi di alcuni dei propri aderenti e quindi nominativi potenzialmente interessati a rapporti commerciali con l Italia: LUXLAIT ASSOCIATION AGRICOLE 27 Boulevard Marcel Cahen - L-1311 LUXEMBOURG Fax Vende prodotti lattiero-caseari ADAMO & EVA S.a.r.l. 20, Rue St-Ulric - L-2651 Luxembourg Fax Tratta tailleurs uomo/donna su misura e vendita di accessori: camicie, bottoni, sciarpe, ecc.) ALLIANCE FOODS S.a.r.l. 4, Rue Albert 1 - L-1117 LUXEMBOURG Fax Rappresentante commerciale di prodotti alimentari surgelati. ARCELOR LONG COMMERCIAL S.A. 66, Rue de Luxembourg - L-4221 ESCH/ALZETTE Fax Commercializza acciaio CACTUS S.A. Route des Trois Cantons - L-8399 WINDHOF Fax Sito: Grande distribuzione ETS ROSSI S.a.r.l. 53, Rue Goffelt - L-3480 DUDELANGE Fax Grossista di bevande EUROFOOD S..a.r.l. 71, Rue de la Ferme - L-3235 Bettembourg Fax Prodotti alimentari L EPICERIE S..a.r.l. 3 Rue Chimay - L-1333 LUXEMBOURG Fax Commercio di prodotti alimentari, vini ed alcolici MAX POINT 12, Ancienne Route d Arlon - L-8399 WINDHOF Fax Abbigliamento, calzature abiti in pelle. 4

5 Z.I. FOETZ Rue de l Industrie - L-3895 FOETZ Fax Pavimentazioni in gomma e giocattoli SOFIA FASHION S.a.r.l. 3, Place d Armes L-1136 LUXEMBOURG Fax Pellicce, abbigliamento in pelle, cashemire SPORT DIRECT S.a.r.l. Maison 36 - L-9631 ALLEBORN Fax Import Export di articoli per lo sport VEGLIO S.a.r.l. 204, Route d Arlon L-8010 STRASSEN Fax Liquori, vino, prodotti alimentari %! & La Camera di Commercio Belgo-Italiana (Avenue des Arts 24 B.P Bruxelles Fax Sito. comunica i nominativi di alcuni dei propri aderenti e quindi nominativi potenzialmente interessati a rapporti commerciali con l Italia: RALUX S.A. Siemenslaan Dilsen - Fax Produzione di moquette e tappeti. A.W.E.X. (Agence Wallonne à l Exportation) 2, Place Sainctelette B-1080 Bruxelles Fax Agenzia per l exportazione della Vallonia M.ANTONIO ABATE 6 Rue Ernest Allard B-3294 OLENSTEDE Fax Incastonatore di diamanti. ATELIERS ROISIN S.A. 37, Chemin des Bois B-6220 FLEURUS Fax E-Mal: Costruzioni metalliche, calderaio, tubature BELGRO S.A. 66, Rue Joseph Lefèvre B-6220 Fleurus Fax Accessori auto 5

6 "' L Ufficio Commerciale dell Ambasciata d Italia ad Ankara (06680 Ankara - Kavaklidere - Ataturk Bulevari, Tel Telefax Pubblica settimanalmente una news letter chiamata CRONACHE ITALIANE contenente informazioni utili per chi opera con la Turchia (Andamento economico, Settore bancario e finanza, Privatizzazioni, Relazioni ed investimenti internazionali, Turismo, Imprese turche, Fiere, Borsa di Istanbul, Cambio,Varie). Nuova legge sugli investimenti esteri L I.C.E., l Ambasciata Italiana ad Ankara, il Sottosegretario agli Investimenti stranieri del Ministero Turco sono a disposizione delle aziende interessate ad investire in Turchia. I suddetti Enti sono in grado di illustrare le caratteristiche della nuova disciplina degli investimenti diretti esteri e le relative opportunità createsi, unitamente ad una panoramica dell andamento congiunturale del paese, indicando i principali settori di interesse dell economia turca per il mondo imprenditoriale italiano. Per ulteriori informazioni contattare l I.C.E. di Roma (Sig.ra Laura Testaguzza Fax ) Settore autoveicoli La Camera di Commercio Italiana di Izmir (Cumhuriyet Bulvan No: 123 Mayis Is Merkezi K: 5 D: 504 Alsancak Izmir Fax intende favorire e sostenere ogni iniziativa volta rafforzare la collaborazione tra le PMI italiane e turche. Sottolinea l importanza dell Industria autoveicolista per la Turchia diventata ormai un vero centro di produzione mondiale. Le associazioni settoriali in Turchia sono le seguenti: OSD Otomotiv Sanayi Dernegi Associazione degli Industriali dell automobile TAYSAD Tasit Araçlan Parça Sanayicileri Dernegi Associazione degli Industriali della Componentistica per autoveicoli ISOD - Otomotiv Sektoru mensuplan Dernegi - Associazione degli appartenenti al settore automobilistico OYDER Otomotiv Yetkili Saticilari Dernegi Associazione dei Venditori d Automobili Opportunità commerciali KAREYEL OTOMOTIIV LTV.STI. Fax: Desidera contattare produttori di nastri per cinture di sicurezza. CEKICLER INSAAT Fax: Desidera contattare produttori di piastrelle per pavimenti. GENTIP MEDIKAL Fax: Desidera contattare produttori di attrezzature e prodotti medico ospedalieri. SUNAR LTD.STI. Fax: Desidera contattare produttori di macchine per la produzione di filtri d aria e d olio meccanico. 6

7 FIERE NEL MONDO GRECIA AGROTICA 2004 Fiera Internazionale delle Macchine per l Agricoltura di Salonicco 28 gennaio 1 febbraio 2004 La Camera di Commercio Italo-Ellenica di Salonicco (Papanastasiou Salonicco - Fax Internet: sarà presente, con no spazio espositivo di circa 150 mq alla fiera in oggetto. Nel proprio spazio espositivo situato l padiglione 15 ospiterà le società italiane che ne faranno richiesta. La Camera di Commercio Italo-Ellenica, inoltre, durante lo svolgimento della fiera creerà un punto INFODESK da dove sarà in grado di fornire, sia agli espositori che ai visitatori, informazioni di carattere commerciale ed economico sull Italia e sulla Grecia, come anche organizzare, per le società che ne faranno richiesta, incontri mirati ed opportunità di work shop. Il settore agricolo conserva, in Grecia, un ruolo importante nella struttura economica del Paese, contribuisce alla formazione del PIL in misura nettamente superiore alla media degli altri paesi europei. Le produzioni agricole piu importanti sono quelle tradizionali di olio, uva e vino e prodotti ortofrutticoli. Altre produzioni di rilievo riguardano i cereali (frumento ed orzo), la barbabietola da zucchero, il cotone e il tabacco. L agricoltura greca ha beneficiato a partire dagli anni 80 di un ampio processo di modernizzazione (estensione dei fondi, formazione di cooperative, progressi nell irrigazione) che ha consentito di elevare il reddito del settore migliorandone l efficienza e la produttivita. Ulterori informazioni sulla mostra potranno essere richieste direttamente alla suddetta Camera di Commercio Italo-Ellenica o all Ufficio Commercio Estero della Camera di Commercio di Forlì- Cesena Tel FRANCIA FOIRE D AGEN Fiera Internazionale di prodotti tipici, gastronomia, artigianato e folklore settembre 2004 Agen è una città francese situata a sud-ovest della Francia fra Bordeaux e Toulouse. Un terzo della popolazione residente nel sud-ovest della Francia è di origine italiana per via delle immigrazioni degli anni 20. Viene data la possibilità di vendere i propri prodotti sul luogo al fine di incrementare la propria attività di esportazione. Il parco delle Esposizioni di Agent ospita ogni anno circa 50 manifestazioni fieristiche Per informazioni: Sig.na Alice Liberti - Fax U.S.A. IL FANCY FOOD SHOW D INVERNO A SAN FRANCISCO IN GENNAIO L edizione invernale del Fancy Food Show, la più importante manifestazione fieristica per i prodotti alimentari negli Stati Uniti, avrà luogo al Moscone Center a San Francisco dal 18 al 20 gennaio È prevista la presenza di 1200 aziende espositrici, di cui 850 americane. Alla fiera vi sono anche 25 padiglioni nazionali di altrettanti paesi. Informazioni sulla fiera sono disponibili sul sito EMIRATI ARABI Dal 25 al 28 maggio 2004, nel Centro Espositivo dell Emirato Arabo di Sharjah, si svolgerà la prima mostra del settore arredo, complemento d arredo e articolo da regalo denominata Italian Lifestyle in the Emirates, interamente dedicata al Made in Italy ed alle imprese italiane di qualità Per informazioni: Artex Firenze Tel

8 U. S. A. Informazioni ricevute da: Studio D. Grosser and Associates, Ltd. 305 Madison Avenue, suite New York, NY tel Fax web site: - e mail: LA FDA PERMETTERA' PER 8 MESI L'ENTRATA DI ALIMENTARI IN USA ANCHE CON NOTIFICHE ERRATE La FDA e il CPB (Uffici Doganali) hanno comunicato che dal 12 dicembre 2003 al 12 marzo 2004, i prodotti alimentari importati negli USA verranno sdoganati anche se le notifiche previste dalla nuova legge sul Bioterrorismo non saranno state fatte in modo regolare. La nuova legge richiede che i documenti dei prodotti alimentari importati in USA debbano indicare il numero di registrazione che l'esportatore ha ricevuto dalla FDA e che la FDA venga notificata dell'arrivo della spedizione almeno 8 ore prima dell'arrivo della nave o 4 ore prima dell'atterraggio dell'aereo. Questa moratoria di 8 mesi e' stata decisa allo scopo di evitare di creare scompensi al commercio internazionale. IL MASSACHUSETTS PERMETTE LE VENDITE DI VINI ANCHE DI DOMENICA Il Massachusetts è diventato il 28esimo Stato degli USA a permettere la vendita di vini anche di domenica. La nuova legge era diventata necessaria da quando lo Stato di New York, che confina con il Massachussetts, aveva passato una legge analoga nel mese di maggio. Le leggi che proibivano la vendita di alcolici di domenica, le cosiddette Blue Laws (Leggi Blu), risalgono ai tempi dei Puritani quando veniva proibito bere alcolici di domenica. L apertura dei negozi di alcolici di domenica è comunque facoltativa. Chi ritiene che la nuova legge non porti benefici economici può tenere chiuso il negozio. A CHE PREZZI SI VENDONO I PRODOTTI ITALIANI IN U.S.A. Nei negozi delle catene di supermercati Meijer Store, Whole Food Markets e Busch s, l aceto balsamico Gran Riserva invecchiato di dieci anni della ditta Lucini si vende a 12 dollari la bottiglia (di 25 cl). L aceto bianco di Pinot Grigio è in vendita a 8 dollari (bottiglia da 25cl). Le salse Puttanesca e Marinara della Daen & Deluca si vendono a 9,95 dollari per una confezione di 75 cl. L olio d oliva extra vergine si vende a 29,99 dollari per 75 cl. DEAN & DELUCA APRE UN NUOVO NEGOZIO A NEW YORK Il nuovo negozio della nota catena di prodotti gastronomici, di oltre 800 metri quadri, è stato aperto il 5 dicembre 2003 all angolo tra Madison Avenue e l 85esima Street a Manhattan. Come il negozio bandiera al 560 di Brodway nel quartiere di Soho, il negozio avrà una ricca selezione di specialità alimentari come formaggi, caffè, biscotti, oli d oliva extra vergini, aceti balsamici, spezie e cioccolata, principalmente d importazione. Presidente della ditta è Dave Neller, Dean & Deluca, 560 Broadway, New York, NY 10012, tel RAPPORTO AMERICANO SUI NEGOZI DI ALIMENTARI IN GERMANIA Il Ministero dell Agricoltura statunitense ha pubblicato un rapporto sui negozi di alimentari in Germania intitolato Germany: Retail Food Sector Report Il rapporto sottolinea che la Germania ha il mercato nazionale più vasto d Europa e che le vendite complessive di alimentari nel 2002 sono state di 120,4 miliardi di Euro. Il rapporto fornisce dati sulle vendite di alimentari suddivise per ipermercati, supermercati, negozi discount e negozi tradizionali. Vi è anche una lista delle principali catene di negozi alimentari e indicazioni sulle strategie da seguire per entrare nel mercato. Il rapporto è in formato PDFe può essere scaricato cliccando su 8

9 SEZIONE SPECIALE: COSA SUCCEDE CON IL DOLLARO Il declino del valore del dollaro sta avendo serie ripercussioni nei confronti delle aziende europee che esportano negli Stati Uniti. Il commercio internazionale, per funzionare bene, ha bisogno di stabilità e i tassi di cambio stabili sono una delle condizioni per consentire alle aziende nell import-export di poter fare programmi a media scadenza. L Euro è stato creato appunto per consentire ai paesi della Comunità Europea di operare in modo più efficiente e di poter fare programmi a medio e lungo termine senza doversi preoccupare delle fluttuazioni monetarie tra un paese e l altro. UN DECLINO DRAMMATICO NEL 2003 Il declino del dollaro nel 2003 è stato drammatico: all inizio dell anno l Euro valeva 1,036 dollari e a metà dicembre era salito a 1,22 dollari, con un aumento del 17% in un periodo relativamente molto breve. Inoltre, da gennaio 2000 a questa parte il rapporto tra Euro e Dollaro ha mostrato un andamento a zigzag che ha sconcertato gli esportatori. Nel 2000, all inizio dell anno l Euro valeva 1,015 dollari; il 25 ottobre era sceso a un livello minimo di 0,827 dollari e all inizio del 2001 era risalito a quota 0,946 dollari. Nel 2001, partendo dalla quota di 0,946, l Euro era sceso a 0,837 dollari all inizio di luglio, ma a fine anno era risalito a 0,903 dollari. Nel 2002 partendo dalla quota di 0,903 l Euro era nuovamente sceso arrivando a un minimo di 0,876 dollari il 25 marzo; all inizio di novembre era però risalito ed era arrivato alla parità con il Dollaro e il 2 gennaio 2003 aveva raggiunto quota 1,036 dollari. Nel 2003 l Euro era salito fino a raggiungere il valore di 1,185 dollari alla fine di maggio; poi era sceso arrivando fino a un minimo di 1,084 dollari all inizio di settembre. Da allora è però stato in costante ascesa, fino a superare il livello di 1,22 dollari il 10 dicembre. È molto difficile spiegare i movimenti del valore del Dollaro da un mese all altro; è forse possibile cercare di spiegare alcuni dei motivi del declino nel periodo di tre anni e fornire delle indicazioni per il futuro. PERCHÉ IL DOLLARO È CALATO? Il motivo del declino del dollaro negli ultimi dodici mesi è che ci sono troppi dollari nel mercato. E quando l offerta è superiore alla domanda il prezzo scende. Perché ci sono troppi dollari nel mercato? L abbondanza di dollari deriva dal fatto che gli Stati Uniti importano molto più di quanto esportino. I paesi che esportano negli USA in cambio delle merci esportate in USA ricevono dollari. Questi dollari possono essere usati per acquistare merci o servizi in USA e in altri paesi o per essere investiti negli Stati Uniti. Quello che avanza viene venduto per acquistare altre valute. Queste vendite di dollari non investiti in USA o non usati per acquistare beni e servizi contribuiscono a fare scendere il valore del dollaro. FATTORI STRUTTURALI DEL DECLINO DEL DOLLARO Va notato che rispetto a tre anni fa è avvenuto un importante cambiamento strutturale nel mercato delle valute: l introduzione dell Euro. Il semplice fatto che l Euro sia diventato la moneta comune di tanti paesi ha fatto sì che questi paesi non abbiano bisogno di mantenere la stessa quantità di dollari come valuta di riserva e di scambio come in precedenza. Inoltre anche molti paesi terzi che commerciano con l Europa possono pagare in Euro e non in dollari. In altre parole, con l introduzione dell Euro, il Dollaro ha perduto parte dell importanza che aveva come moneta per gli scambi internazionali. Pertanto la domanda di dollari è tendenzialmente diminuita. Un altro fattore strutturale, che però non è nuovo, è il deficit della bilancia commerciale statunitense. Per un paese ad alto sviluppo economico è normale acquistare dall estero più di quanto si venda. Questo deficit commerciale contribuisce alla prosperità del paese perché permette ai consumatori di acquistare all estero prodotti più a buon mercato di quanto disponibile nel paese. 9

10 FATTORI CHE HANNO CAUSATO IL DECLINO DEL DOLLARO NEL BREVE TERMINE A questi fattori di carattere strutturale, si aggiungono altri fattori che hanno influito sul declino del dollaro nel breve termine. Questi fattori sono: il deficit federale statunitense, i bassi tassi d interesse in USA e la minore attrazione della Borsa di Wall Street per gli investitori. Il deficit del bilancio federale è stato causato principalmente da spese per la ricostruzione per il World Trade Center e per la creazione di un sistema tutto nuovo di difesa territoriale, nonché dalla guerra contro il terrorismo e contro i paesi che ospitano i terroristi. Se il Governo spende più di quanto ricava, deve finanziare il deficit prendendo denaro a prestito con l emissione di Buoni del Tesoro. In situazione normale questo genera un aumento dei tassi d interesse. Se la cosa non è avvenuta è perché la Federal Reserve ha pompato liquidità nell economia per mantenere bassi i tassi d interesse. Questo ha contribuito a un aumento dei dollari nel mercato. I tassi d interesse, al livello più basso da 40 anni a questa parte, sono stati abbassati dalla Federal Reserve allo scopo di risollevare il paese dalla recessione nella quale si era trovato dall estate del La manovra è riuscita brillantemente perché i tassi d interesse bassi, anche se non sono serviti a rilanciare gli investimenti industriali e commerciali, hanno avuto un effetto immediato nei confronti del settore immobiliare e delle nuove costruzioni. D altra parte, con i tassi d interesse bassi è anche diminuito l interesse degli stranieri in possesso di dollari, ad investirli negli Stati Uniti. Meglio vendere i dollari, acquistare altre valute e investire queste valute in paesi dove i tassi d interesse sono superiori. La Borsa di Wall Street dopo che il pallone speculativo si è sgonfiato, non attrae più come prima. Nonostante la ripresa economica, pochi sanno in quali settori investire, il settore dell alta tecnologia ha perso il suo lustro e non si è sicuri se la ripresa economica avrà un lungo corso o durerà poco. A questo si aggiunge il fatto che il calo stesso del dollaro ha reso la Borsa e i Buoni del tesoro statunitense meno attraenti nei confronti degli investitori esteri. Va notato che negli anni passati il Dollaro è stato forte nonostante il grande deficit nella bilancia commerciale proprio perché il Bilancio Federale era in pari, i tassi d interesse non erano eccessivamente bassi, e la Borsa di Wall Street attraeva investitori da tutto il mondo. In altre parole il deficit della Bilancia Commerciale veniva compensato da flussi finanziari positivi di investitori che riportavano i dollari in eccesso negli Stati Uniti. Ora questi investitori stanno investendo altrove, anche in oro, che, pur non pagando interesse, ha visto il suo valore aumentare del 60% dal febbraio 2001 passando da 255 a oltre 400 dollari l oncia. IL FATTORE CINA La Cina, con la valuta controllata dal governo e mantenuta a un livello fisso di 8,278 Yuan per Dollaro, continua a generare enormi avanzi nella bilancia commerciale con gli Stati Uniti e ad incamerare miliardi di dollari. È più che probabile che se il valore dello Yuan venisse lasciato alla mercé del mercato valutario, lo Yuan aumenterebbe di valore e di conseguenza l avanzo nella bilancia commerciale con gli USA diminuirebbe. Questo è proprio quello che il governo cinese vuole evitare perché considera le esportazioni verso gli Stati Uniti molto importanti per lo sviluppo industriale ed economico della Cina. A lungo termine sarà difficile per il governo cinese mantenere artificialmente basso il valore dello Yuan senza possibili contraccolpi negativi. A breve termine tuttavia, questa politica di controllo della valuta è uno dei fattori che contribuiscono ad indebolire il Dollaro. COSA VOGLIONO GLI USA? UN DOLLARO FORTE O UN DOLLARO DEBOLE? Durante la presidenza Clinton, il Ministro del Tesoro statunitense non mancava di affermare che era importante che il dollaro si mantenesse forte. Queste affermazioni avevano un effetto nei confronti del mercato delle valute, tuttavia è probabile che servissero a sostenere delle tendenze già esistenti più che a generare tendenze nuove. In fondo gli Stati Uniti hanno l interesse che il Dollaro rimanga la principale moneta nel mercato mondiale e questo lo si può assicurare solo se la moneta mantiene il suo valore. 10

11 D altra parte il mondo industriale statunitense è rimasto seriamente danneggiato dal Dollaro forte perché questo fenomeno ha reso più a buon mercato i prodotti d importazione e questo ha portato alla chiusura di molte fabbriche e alla perdita di centinaia di migliaia di posti lavoro nel settore manifatturiero. Non sorprende quindi vedere che i sindacati dei lavoratori come l American Federation of Labor (AFL) sono diventati tra i maggiori sostenitori di una politica protezionistica che sta trascinando con sè la maggioranza del partito Democratico. La crisi del settore manifatturiero è una cosa delicata perché può avere importanti conseguenze a livello politico, specialmente nelle elezioni presidenziali. Questo potrenne spiegare il silenzio del Ministro del Tesoro attuale, che non parla più di Dollaro forte. A breve termine gli interessi politici del Partito Repubblicano di Governo, tradizionalmente liberista, sono anch essi protezionistici. Per quanto il governo statunitense avrebbe potuto fare ben poco per rallentare la discesa del valore del Dollaro, tale discesa capita proprio come il cacio sui maccheroni perché sta aiutando molte imprese industriali a recuperare molta della competitività perduta a seguito del rafforzamento del Dollaro fino alla metà del PROSPETTIVE A BREVE TERMINE A breve termine il declino del dollaro può essere rallentato parzialmente e temporaneamente da interventi delle Banche Centrali. In dicembre la Banca del Giappone è intervenuta acquistando dollari per cercare di frenare il declino del Dollaro rispetto allo Yen. Infatti il declino del Dollaro sta danneggiando sostanzialmente gli esportatori giapponesi che vedono aumentare il prezzo dei loro prodotti negli Stati Uniti, un fattore che contribuisce a farne diminuire le vendite. Questi interventi possono operare come palliativi temporanei e tutt al più servire da catalizzatore per qualche inversione di tendenza. Non possono però fermare il declino di una valuta così come nessuno è in grado di fermare la marea, perché oggi nessun paese è in grado di arginare gli enormi i flussi finanziari nel mercato delle valute. Il Dollaro è come la marea: non la si può fermare ma bisogna aspettare che receda. Il principale fattore su cui contare per una ripresa del Dollaro è una veloce ripresa dell economia statunitense, con un susseguente aumento dei ricavi del Ministero del Tesoro e una diminuzione del deficit del Bilancio Federale. A questo potrà seguire un miglioramento dei profitti aziendali e un aumento dei tassi d interesse a un livello più equilibrato rispetto ai tassi d interesse in Europa. Presto o tardi questo aumento dovrà arrivare anche perché già alcuni economisti hanno scritto nei redazionali di giornali e riviste che l eccessiva liberalità della Federal Reserve nel pompare denaro nell economia con una politica di bassi tassi d interesse, se non arginata per tempo, porterà probabilmente a delle future pressioni inflazionistiche. Cambiamenti del genere non capitano sempre da un giorno all altro. Tuttavia in passato si sono verificati rovesciamenti di tendenza nel giro di poche settimane e non c è motivo di presumere che cose simili non possano accadere nel prossimo futuro. Infine va tenuto conto che la situazione politica e militare è poco stabile ed è quindi soggetta a cambiamenti repentini. Per fare un esempio, la cattura di Saddam Hussein potrebbe fare saltare in alto il Dollaro. I disaccordi tra Germania e Francia da una parte e gli altri soci della Comunità Europea dall altra, potrebbe fare scendere il valore dell Euro. Avvenimenti poco prevedibili hanno la potenzialita di fare invertire le tendenze del mercato. A breve termine un cambiamento di tendenza potrebbe capitare da una settimana all altra anche se per il momento i fattori che possono causare questo cambiamento non sono evidenti. Visto sotto una prospettiva di sei mesi o forse anche meno, è possibile che il Dollaro, sostenuto da una diversa realtà economica statunitense, si riprenda. A breve termine i fattori che lo indeboliscono sono tutti presenti e non è da escludere un ulteriore perdita di valore. 11

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

LUSSEMBURGO Il contesto economico ed

LUSSEMBURGO Il contesto economico ed LUSSEMBURGO Il contesto economico ed il mercato agroalimentare Dott.ssa Luisa Castelli Segretario Generale CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LUSSEMBURGHESE Roma, 3 marzo 2011 LUSSEMBURGO: posizione strategica

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York

USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York CALZATURE Andamento Mercato Il mercato americano ha rappresentato nella storia un grande sbocco per il made in Italy, e rimane sempre una

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

SALONE PROFESSIONALE DELL AGROALIMENTARE E DELL ENOGASTRONOMIA DI QUALITÀ

SALONE PROFESSIONALE DELL AGROALIMENTARE E DELL ENOGASTRONOMIA DI QUALITÀ NAPOLI 3/5 Dicembre 2015 Mostra d Oltremare SALONE PROFESSIONALE DELL AGROALIMENTARE E DELL ENOGASTRONOMIA DI QUALITÀ media partner partner istituzionali L EXPO CONTINUA A NAPOLI: DAL 3 AL 5 DICEMBRE ALLA

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

26 luglio 2012 NOTIZIE ECONOMICHE DAGLI STATI UNITI

26 luglio 2012 NOTIZIE ECONOMICHE DAGLI STATI UNITI 11 Broadway, Suite 630 New York, NY 10004 Tel (212) 661-0435 Fax (212) 661-0422 d@grosserconsulting.com www.grosserconsulting.com 26 luglio 2012 NOTIZIE ECONOMICHE DAGLI STATI UNITI Per avere successo

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

L EXPORT ITALIANO VOLA ANCHE NEL 2007

L EXPORT ITALIANO VOLA ANCHE NEL 2007 L EXPORT ITALIANO VOLA ANCHE NEL 27 Nel 27 la bilancia commerciale italiana ha chiuso un passivo di oltre 9,4 miliardi di euro, valore relativamente tenuto se raffrontato quello di altri paesi europei

Dettagli

NEWSLETTER ECONOMIA U.S.A. Gli Stati Uniti non vogliono rinunciare all uso dei nomi Parmesan, Feta e Mozzarella

NEWSLETTER ECONOMIA U.S.A. Gli Stati Uniti non vogliono rinunciare all uso dei nomi Parmesan, Feta e Mozzarella 11 Broadway, Suite 630 New York, NY 10004 Tel (212) 661-0435 Fax (212) 661-0422 d@grosserconsulting.com www.grosserconsulting.com 25 Marzo 2014 NEWSLETTER ECONOMIA U.S.A. Gli Stati Uniti non vogliono rinunciare

Dettagli

Russia Scheda Paese marzo 2013

Russia Scheda Paese marzo 2013 Russia Scheda Paese marzo 2013 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.: 06-59926707 agro.alimentari@ice.it A cura di: Pietro Simonelli Impaginazione e grafica Vincenzo

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

MACEF THE ITALIAN EXPERIENCE. 9-12 settembre 2010. www.macef.it www.mymacef.it. International Home Show

MACEF THE ITALIAN EXPERIENCE. 9-12 settembre 2010. www.macef.it www.mymacef.it. International Home Show THE ITALIAN EXPERIENCE www.macef.it www.mymacef.it 9-12 settembre 2010 International Home Show Macef, Salone Internazionale della Casa THE ITALIAN EXPERIENCE Macef, Salone Internazionale della Casa, da

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Doing Business in the BalKan Area and in Turkey

Doing Business in the BalKan Area and in Turkey Doing Business in the BalKan Area and in Turkey Newsletter n. 1, 2012/2013 Un progetto delle Camere di Commercio italiane all estero di: Atene, Belgrado, Bucarest, Istanbul, Salonicco, Sofia e delle Camere

Dettagli

Alimentaria & Horexpo & Tecnoalimentaria Lisbona, 22-24 Novembre2015

Alimentaria & Horexpo & Tecnoalimentaria Lisbona, 22-24 Novembre2015 Alimentaria & Horexpo & Tecnoalimentaria Lisbona, 22-24 Novembre2015 Salone Internazionale dell Alimentazione, dell Ospitalità Alberghiera e della Tecnologia per l Industria Alimentare. La realizzazione

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Fondazione Edison - Symbola I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Intervento di Marco Fortis (vice presidente Fondazione Edison) Assolombarda, 7 ottobre 2009 Bilancia commerciale di alcuni Paesi

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO

L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO ICE HONG KONG Marzo 2004 1 L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG 1. Il mercato della gioielleria a Hong Kong Il settore della gioielleria

Dettagli

Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente Castelletti, Dottor Amadori, Amici imprenditori,

Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente Castelletti, Dottor Amadori, Amici imprenditori, ABITARE IL TEMPO GIORNATE INTERNAZIONALI DI ARREDO INAUGURAZIONE (VERONA, 18 SETTEMBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente

Dettagli

ROADSHOW USA Come affontare con successo il mercato americano

ROADSHOW USA Come affontare con successo il mercato americano ROADSHOW USA Come affontare con successo il mercato americano Treviso, Verona, Bologna, Milano, Torino 22-26 ottobre 2012 Aniello Musella (Coordinatore Rete ICE USA) USA: principali indicatori economici

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

NEWSLETTER ECONOMIA U.S.A.

NEWSLETTER ECONOMIA U.S.A. 11 Broadway, Suite 630 New York, NY 10004 Tel (212) 661-0435 Fax (212) 661-0422 d@grosserconsulting.com www.grosserconsulting.com 15 Dicembre 2014 NEWSLETTER ECONOMIA U.S.A. Ricchi immigranti finanziano

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 9 mesi ICE - AGENZIA Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Parigi SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA Primi VOCI DOGANALI : 6301 : Coperte 6302

Dettagli

Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona. Milano, 4 Febbraio 2015

Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona. Milano, 4 Febbraio 2015 Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona Milano, 4 Febbraio 2015 1 Il Piano per la Moda-Persona 2015 Il Governo recepisce le priorità del settore declinando un piano di filiera

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

Analisi delle Esportazioni Italiane

Analisi delle Esportazioni Italiane Federazione Russa Analisi delle Esportazioni Italiane Agenzia ICE Mosca Febbraio 2014 1. INTERSCAMBIO ED ESPORTAZIONI SETTORIALI ITALIANE Nel 2013 l Italia ha esportato nella Federazione Russa per 10,4

Dettagli

elò ITALIA Going to China

elò ITALIA Going to China elò ITALIA Going to China elò ITALIA: l unione di esperti per il massimo dei risultati Consulvendite Srl Italy Professional Srl SG Consulting Core Business aziendale Società specializzata nella consulenza

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI settembre 2013 1. Il quadro macroeconomico In questa nota si procede all aggiornamento del quadro macroeconomico e si fornisce anche una nuova

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali «Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 8 settembre 2015 Agenda 1 Importanza e specificità

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Perche investire a Hong Kong Analisi dei dati di import/export di Hong

Dettagli

Progetto Nord Europa. Il mercato alimentare in Norvegia. Presentazione elaborata dall Ufficio ICE di Oslo

Progetto Nord Europa. Il mercato alimentare in Norvegia. Presentazione elaborata dall Ufficio ICE di Oslo Progetto Nord Europa Il mercato alimentare in Norvegia Presentazione elaborata dall Ufficio ICE di Oslo 1 Quadro congiunturale Al secondo posto al mondo per reddito pro-capite, la Norvegia, paese con 4,5

Dettagli

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc.

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Merrill Lynch Investment Managers - Europe, Middle East & Africa (EMEA) 33 King William Street London EC4R 9AS Data di pubblicazione: Venerdì 30 Aprile 2004 MERRILL LYNCH

Dettagli

PROGETTO. Parma Point in Australia

PROGETTO. Parma Point in Australia PROGETTO Parma Point in Australia Marzo Agosto 2013 Il progetto La Camera di commercio di Parma, in collaborazione con la Camera di commercio italiana in Australia, propone alle imprese del territorio

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

AUSTRALIA. TIM GAUCI Console Generale e Dirigente Affari Commerciali CONSOLATO GENERALE D AUSTRALIA E AUSTRADE

AUSTRALIA. TIM GAUCI Console Generale e Dirigente Affari Commerciali CONSOLATO GENERALE D AUSTRALIA E AUSTRADE AUSTRALIA TIM GAUCI Console Generale e Dirigente Affari Commerciali CONSOLATO GENERALE D AUSTRALIA E AUSTRADE AUSTRALIA:UN ECONOMIA PROSPERA Contesto sociale, politico ed economico molto stabile Uno dei

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

SETTORE MACCHINARI MACCHINE UTENSILI

SETTORE MACCHINARI MACCHINE UTENSILI SETTORE MACCHINARI Nel primo semestre del 2010 le importazioni coreane di macchinari e componenti elettromeccanici (V. doganale merceologica 84, 85) hanno totalizzato 52 miliardi USD, con un aumento del

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 3 mesi

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 3 mesi ICE - AGENZIA Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Parigi SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA Primi VOCI DOGANALI : 6301 : Coperte 6302

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

EXPO RIVA SCHUH Expo Riva Schuh è il principale evento internazionale di business dedicato al comparto della calzatura di volume.

EXPO RIVA SCHUH Expo Riva Schuh è il principale evento internazionale di business dedicato al comparto della calzatura di volume. EXPO RIVA SCHUH Expo Riva Schuh è il principale evento internazionale di business dedicato al comparto della calzatura di volume. Da oltre quarant anni, la domanda e l offerta di questo settore scelgono

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE PRODOTTI CERAMICI 2013 Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE PRODOTTI CERAMICI 2013 Primi 9 mesi ICE - AGENZIA Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Parigi SCHEDA DI SETTORE PRODOTTI CERAMICI Primi IL MERCATO Secondo le ultime cifre pubblicate

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015

LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015 LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di: Per: Federazione Tessile e Moda Centro Studi Pitti Immagine 1. Il bilancio settoriale del 2014 Nel 2014, per il terzo anno consecutivo, l industria italiana

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA GIUGNO 2014 CONTENUTI E NOTE METODOLOGICHE Lo studio che segue, curato dall Agenzia ICE di Mosca, e di tipo congiunturale e analizza in dettaglio, per tavole

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

AGENDA. Informazioni politiche sociali e sviluppo economico; Accordi di libero commercio; Regimi di zone Franche;

AGENDA. Informazioni politiche sociali e sviluppo economico; Accordi di libero commercio; Regimi di zone Franche; AGENDA Informazioni politiche sociali e sviluppo economico; Accordi di libero commercio; Regimi di zone Franche; Costituire una impresa in Costa Rica; Dati di crescita e aspettative per il 2013; Interscambio

Dettagli

SHANGHAI INTERNATIONAL EXHIBITION CENTER 8-10 MARZO, 2013

SHANGHAI INTERNATIONAL EXHIBITION CENTER 8-10 MARZO, 2013 SHANGHAI INTERNATIONAL EXHIBITION CENTER Ente organizzatore I partners di SICEC In collaborazione con Con il Patrocinio della PERCHE ITALY MADE EXPO E UNA GRANDE MANIFESTAZIONE ESCLUSIVAMENTE DEDICATA

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

GLI ITALIANI E IL VINO Comportamenti e. all acquisto diretto dal produttore

GLI ITALIANI E IL VINO Comportamenti e. all acquisto diretto dal produttore GLI ITALIANI E IL VINO Comportamenti e propensione all acquisto diretto dal produttore DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare Vinitaly, 8 aprile 2010 I temi di approfondimento

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce IL MERCATO AGROALIMENTARE IN THAILANDIA Il settore del Food in Thailandia è sicuramente uno dei piu promettenti e in rapida crescita. La concorrenza sta crescendo di pari passo; ogni anno infatti assistiamo

Dettagli

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Milano, 28 aprile 2014 L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Paolo De Castro Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo

Dettagli

Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)

Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) La Romania detiene una gamma diversificata, ma quantitativamente ridotta, di fonti di energia primaria (petrolio, gas naturale,

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA:

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA: BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO MOD B COMPANY PROFILE 1) INFORMAZIONI GENERALI RAGIONE SOCIALE: P. IVA: INDIRIZZO: CAP: CITTA

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

THAIFEX WORLD OF FOOD ASIA 2015

THAIFEX WORLD OF FOOD ASIA 2015 Presentazione Area Italiana THAIFEX WORLD OF FOOD ASIA 2015 Salone Internazionale per il Settore Alimentare e dell Ospitalità 20 24 maggio 2015 IMPACT Exhibition Center Bangkok, Thailandia Scopri le opportunità

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Il mercato tedesco del vino

Il mercato tedesco del vino Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Berlino Nota Settoriale Il mercato tedesco del vino Berlino, marzo 2013 2 INDICE 1. Importanza del mercato

Dettagli

Un Paese su cui scommettere

Un Paese su cui scommettere Un Paese su cui scommettere La Polonia è un Paese in cui investire è una garanzia; da anni ormai attrae l interesse di un numero crescente di imprese (Europee e non), che operano nei settori più svariati,

Dettagli

CUSHMAN & WAKEFIELD: CANONI D AFFITTO RECORD PER SPAZI AD USO UFFICIO A MANHATTAN

CUSHMAN & WAKEFIELD: CANONI D AFFITTO RECORD PER SPAZI AD USO UFFICIO A MANHATTAN COMUNICATO STAMPA Milano, 16 Aprile 2007 CUSHMAN & WAKEFIELD: CANONI D AFFITTO RECORD PER SPAZI AD USO UFFICIO A MANHATTAN Il canone medio d affitto di un immobile di classe A nella zona di Midtown raggiunge

Dettagli

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

FEDERAZIONE RUSSA. Agenzia ICE Mosca

FEDERAZIONE RUSSA. Agenzia ICE Mosca FEDERAZIONE RUSSA Interscambio, Esportazioni settore agroalimentare, Attività promozionale a supporto di Agenzia ICE Mosca Camera di Commercio Italo-Russa 29 Aprile 2015 Maurizio Forte Direttore Agenzia

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

USA: MERCATO DEL MOBILE GIUGNO 2011. USA: il mercato del mobile

USA: MERCATO DEL MOBILE GIUGNO 2011. USA: il mercato del mobile USA: il mercato del mobile Giugno 2011 PREMESSA INDICE INTRODUZIONE 1 1. ATTUALE SITUAZIONE ECONOMICA NEGLI STATI UNITI 2 1.1 Panoramica della situazione economica negli stati uniti 2 1.2 Il mercato immobiliare

Dettagli