I N S E R T O Anno XVII - N.1 1 gennaio 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I N S E R T O Anno XVII - N.1 1 gennaio 2004"

Transcript

1 I N S E R T O Anno XVII - N.1 1 gennaio 2004 DOMANDE E OFFERTE Gli annunci relativi alle opportunità commerciali pubblicate in questo numero sono pervenuti nel periodo precedente l'uscita del Notiziario: la redazione non si assume alcuna responsabilità per quanto segnalato e raccomanda pertanto di usare l'abituale prudenza commerciale. Si ricorda che l'u.o. Estero e Internazionalizzazione (Tel.0543/ di questa Camera ha la possibilità di fornire informazioni commerciali su ditte estere. Il presente Inserto è anche sul sito clicca su Notiziario Commercio Estero La Camera di Commercio Italiana per la Francia (134, Rue Faubourg Saint-Honoré, B.P Parigi Tel Fax comunica nominativi dei propri nuovi iscritti, vale a dire di aziende potenzialmente interessate a rapporti d affari con l Italia IL CESTINO M.me Sandrine Carnazzo 9, Rue de la Gare UCKANGE Fax Grossista e dettagliante di alimenti italiani LAGO.GER.S (Laboratoires Gernétic Synthèse) M.me Fabienne Lenoir Chateau d Ensoulès BERAUT CONDOM TEL Produce e commercializza prodotti cosmetici M.me Myrtile MUZARELLA 223, Rue Nationale LILLE Tel Vendita di abbigliamento, calzature, bigiotteria ITAL TRADITION Sarl 2, Rue des Feivres METZ Actipole Fax Importatore di prodotti alimentari. M.JOSEPH INGLESE 14 Rue de la Vallée Kerbach Tel Produzione di balaustre e decorazioni per giardini. DECOMOB M. Cisaro Rue de Touraine FAMECK Fax Mobili GALERIES DU CARRELAGE M. Lorenzo PIUBELLO R.N OPINS JUSTARET Fax Negozio di sanitari e piastrelle. LA POLYVALENCE INDUSTRIELLE M.Mario Salvino 2, Chemin de l Usine ALGRANGE Fax Meccanica industriale. ETILOR - M.Patrice Valentini 5, Rue Maréchal Joffre BP MOYEUVRE GRANDE Fax Tubature industriali. SARL JOANNES PATRICE 76 Avenue de la Gare Mont saint Martn Fax Costruzione di edifici. 1

2 La Camera di Commercio Italiana per il Portogallo (Av. 5 de Outubro, 95-4 Dt LISBONA Fax comunica le seguenti RICHIESTE DI PRODOTTI: REPAROMAR Avenida da India (Antiga Estaçao de Pedrouços) LISBONA Fax Cerca barche da diporto gonfiabili (gommoni) JB EQUIPAMENTOS INDUSTRIAIS LDA Rua do progresso Lote 7 R/C Dto - Mato-Cheirinhos Tires SAO DOMINGOS DE RANA Fax Cerca barche da diporto gonfiabili L Ufficio Commerciale dell Ambasciata d Italia a Cipro (XXV March Street 11 Engomi P.O.Box Nicosia - Internet. segnala le seguenti richieste M. KAKOULLIS LTD 42, Pireos, P.C Strovolos, NICOSIA Tel: Fax: Occhiali da sole. YIOTA BEAUTY CARE SALON Vyzantiou 35F, Strovolos - P.C NICOSIA Tel: / Fax: Belletti e cosmetici in genere. MELEX LTD P.O.Box P.C LARNACA Tel: / Fax: Articoli igienico sanitari ed accessori - piastrelle e ceramiche per rivestimento edile. C.T.C. ARGOSY OPERATIONS LTD P.O.Box P.C NICOSIA Tel: / Fax: Carta igienica, fazzoletti, salviette per uso domestico CHRYMARIS HOUSE LTD P.O.Box P.C AGLANTZIA, NICOSIA Tel: / Fax: Tegole di ceramica 2

3 C.C. HATZIMILTI BROS ERGODOMI LTD Likourgou, 27 - LIMASSOL Tel: / Fax: Tegole di ceramica! La Camera di Commercio Italo-Ellenica di Salonicco (Papanastasiou Salonicco - Fax Internet: comunica inoltre le seguenti opportunità commerciali: KONOMIS LAZAROS Mr. Konomis Dimitrios I. Drosopoulou 117A Atene Tel Fax : Cerca contato con Ditte italiane che producono e installano attrezzatture per la lavorazione e la confezione del sale. VARDAKIS G. ATHANASIOS Mr. Vardakis Georgios 21hs Iouniou Kilkis Tel Fax : Cerca contatto con produttori di mobili, tessuti per arredamento, articoli igienico-sanitari e piastrelle. L ARTE DI SOGNO DIMITRAKOPOULOS DIMITRIOS Koritsas Thessaloniki Tel Fax : Mr. Dimitrakopoulos Dimitrios Cerca contatto con produttori italiani di bomboniere in argento. " #! La Camera di Commercio Italiana per la Francia (2 Rue Henri Barbusse MARSIGLIA - Tel Fax Sito Web: comunica le seguenti opportunità commerciali: Ref. F-09/09 Azienda francese cerca contatto con produttori e distributori di pelletteria (valigeria, borse in pelle, a mano e da sport) Ref. F-10/09 Azienda francese cerca contatto con produttori di reti e materassi. Ref. F-11/09 Azienda francese produttrice e distributrice di vivai e di trattamenti fitosanitari cerca contatto con vivaisti italiani produttori di alberi, arbusti, piante, palme, agrumi, fiori. Le aziende interessate alle suddette opportunità commerciali potranno mettersi in contatto con l'ufficio Commercio Estero della Camera di Commercio di Forlì-Cesena (Fax E- Mail: citando il codice di riferimento che precede ogni richiesta. 3

4 "$$!%" & La Camera di Commercio Italo-Lussemburghese (10, Boulevard Grande-Duchesse Charlotte L Luxembourg Fax Sito: comunica i nominativi di alcuni dei propri aderenti e quindi nominativi potenzialmente interessati a rapporti commerciali con l Italia: LUXLAIT ASSOCIATION AGRICOLE 27 Boulevard Marcel Cahen - L-1311 LUXEMBOURG Fax Vende prodotti lattiero-caseari ADAMO & EVA S.a.r.l. 20, Rue St-Ulric - L-2651 Luxembourg Fax Tratta tailleurs uomo/donna su misura e vendita di accessori: camicie, bottoni, sciarpe, ecc.) ALLIANCE FOODS S.a.r.l. 4, Rue Albert 1 - L-1117 LUXEMBOURG Fax Rappresentante commerciale di prodotti alimentari surgelati. ARCELOR LONG COMMERCIAL S.A. 66, Rue de Luxembourg - L-4221 ESCH/ALZETTE Fax Commercializza acciaio CACTUS S.A. Route des Trois Cantons - L-8399 WINDHOF Fax Sito: Grande distribuzione ETS ROSSI S.a.r.l. 53, Rue Goffelt - L-3480 DUDELANGE Fax Grossista di bevande EUROFOOD S..a.r.l. 71, Rue de la Ferme - L-3235 Bettembourg Fax Prodotti alimentari L EPICERIE S..a.r.l. 3 Rue Chimay - L-1333 LUXEMBOURG Fax Commercio di prodotti alimentari, vini ed alcolici MAX POINT 12, Ancienne Route d Arlon - L-8399 WINDHOF Fax Abbigliamento, calzature abiti in pelle. 4

5 Z.I. FOETZ Rue de l Industrie - L-3895 FOETZ Fax Pavimentazioni in gomma e giocattoli SOFIA FASHION S.a.r.l. 3, Place d Armes L-1136 LUXEMBOURG Fax Pellicce, abbigliamento in pelle, cashemire SPORT DIRECT S.a.r.l. Maison 36 - L-9631 ALLEBORN Fax Import Export di articoli per lo sport VEGLIO S.a.r.l. 204, Route d Arlon L-8010 STRASSEN Fax Liquori, vino, prodotti alimentari %! & La Camera di Commercio Belgo-Italiana (Avenue des Arts 24 B.P Bruxelles Fax Sito. comunica i nominativi di alcuni dei propri aderenti e quindi nominativi potenzialmente interessati a rapporti commerciali con l Italia: RALUX S.A. Siemenslaan Dilsen - Fax Produzione di moquette e tappeti. A.W.E.X. (Agence Wallonne à l Exportation) 2, Place Sainctelette B-1080 Bruxelles Fax Agenzia per l exportazione della Vallonia M.ANTONIO ABATE 6 Rue Ernest Allard B-3294 OLENSTEDE Fax Incastonatore di diamanti. ATELIERS ROISIN S.A. 37, Chemin des Bois B-6220 FLEURUS Fax E-Mal: Costruzioni metalliche, calderaio, tubature BELGRO S.A. 66, Rue Joseph Lefèvre B-6220 Fleurus Fax Accessori auto 5

6 "' L Ufficio Commerciale dell Ambasciata d Italia ad Ankara (06680 Ankara - Kavaklidere - Ataturk Bulevari, Tel Telefax Pubblica settimanalmente una news letter chiamata CRONACHE ITALIANE contenente informazioni utili per chi opera con la Turchia (Andamento economico, Settore bancario e finanza, Privatizzazioni, Relazioni ed investimenti internazionali, Turismo, Imprese turche, Fiere, Borsa di Istanbul, Cambio,Varie). Nuova legge sugli investimenti esteri L I.C.E., l Ambasciata Italiana ad Ankara, il Sottosegretario agli Investimenti stranieri del Ministero Turco sono a disposizione delle aziende interessate ad investire in Turchia. I suddetti Enti sono in grado di illustrare le caratteristiche della nuova disciplina degli investimenti diretti esteri e le relative opportunità createsi, unitamente ad una panoramica dell andamento congiunturale del paese, indicando i principali settori di interesse dell economia turca per il mondo imprenditoriale italiano. Per ulteriori informazioni contattare l I.C.E. di Roma (Sig.ra Laura Testaguzza Fax ) Settore autoveicoli La Camera di Commercio Italiana di Izmir (Cumhuriyet Bulvan No: 123 Mayis Is Merkezi K: 5 D: 504 Alsancak Izmir Fax intende favorire e sostenere ogni iniziativa volta rafforzare la collaborazione tra le PMI italiane e turche. Sottolinea l importanza dell Industria autoveicolista per la Turchia diventata ormai un vero centro di produzione mondiale. Le associazioni settoriali in Turchia sono le seguenti: OSD Otomotiv Sanayi Dernegi Associazione degli Industriali dell automobile TAYSAD Tasit Araçlan Parça Sanayicileri Dernegi Associazione degli Industriali della Componentistica per autoveicoli ISOD - Otomotiv Sektoru mensuplan Dernegi - Associazione degli appartenenti al settore automobilistico OYDER Otomotiv Yetkili Saticilari Dernegi Associazione dei Venditori d Automobili Opportunità commerciali KAREYEL OTOMOTIIV LTV.STI. Fax: Desidera contattare produttori di nastri per cinture di sicurezza. CEKICLER INSAAT Fax: Desidera contattare produttori di piastrelle per pavimenti. GENTIP MEDIKAL Fax: Desidera contattare produttori di attrezzature e prodotti medico ospedalieri. SUNAR LTD.STI. Fax: Desidera contattare produttori di macchine per la produzione di filtri d aria e d olio meccanico. 6

7 FIERE NEL MONDO GRECIA AGROTICA 2004 Fiera Internazionale delle Macchine per l Agricoltura di Salonicco 28 gennaio 1 febbraio 2004 La Camera di Commercio Italo-Ellenica di Salonicco (Papanastasiou Salonicco - Fax Internet: sarà presente, con no spazio espositivo di circa 150 mq alla fiera in oggetto. Nel proprio spazio espositivo situato l padiglione 15 ospiterà le società italiane che ne faranno richiesta. La Camera di Commercio Italo-Ellenica, inoltre, durante lo svolgimento della fiera creerà un punto INFODESK da dove sarà in grado di fornire, sia agli espositori che ai visitatori, informazioni di carattere commerciale ed economico sull Italia e sulla Grecia, come anche organizzare, per le società che ne faranno richiesta, incontri mirati ed opportunità di work shop. Il settore agricolo conserva, in Grecia, un ruolo importante nella struttura economica del Paese, contribuisce alla formazione del PIL in misura nettamente superiore alla media degli altri paesi europei. Le produzioni agricole piu importanti sono quelle tradizionali di olio, uva e vino e prodotti ortofrutticoli. Altre produzioni di rilievo riguardano i cereali (frumento ed orzo), la barbabietola da zucchero, il cotone e il tabacco. L agricoltura greca ha beneficiato a partire dagli anni 80 di un ampio processo di modernizzazione (estensione dei fondi, formazione di cooperative, progressi nell irrigazione) che ha consentito di elevare il reddito del settore migliorandone l efficienza e la produttivita. Ulterori informazioni sulla mostra potranno essere richieste direttamente alla suddetta Camera di Commercio Italo-Ellenica o all Ufficio Commercio Estero della Camera di Commercio di Forlì- Cesena Tel FRANCIA FOIRE D AGEN Fiera Internazionale di prodotti tipici, gastronomia, artigianato e folklore settembre 2004 Agen è una città francese situata a sud-ovest della Francia fra Bordeaux e Toulouse. Un terzo della popolazione residente nel sud-ovest della Francia è di origine italiana per via delle immigrazioni degli anni 20. Viene data la possibilità di vendere i propri prodotti sul luogo al fine di incrementare la propria attività di esportazione. Il parco delle Esposizioni di Agent ospita ogni anno circa 50 manifestazioni fieristiche Per informazioni: Sig.na Alice Liberti - Fax U.S.A. IL FANCY FOOD SHOW D INVERNO A SAN FRANCISCO IN GENNAIO L edizione invernale del Fancy Food Show, la più importante manifestazione fieristica per i prodotti alimentari negli Stati Uniti, avrà luogo al Moscone Center a San Francisco dal 18 al 20 gennaio È prevista la presenza di 1200 aziende espositrici, di cui 850 americane. Alla fiera vi sono anche 25 padiglioni nazionali di altrettanti paesi. Informazioni sulla fiera sono disponibili sul sito EMIRATI ARABI Dal 25 al 28 maggio 2004, nel Centro Espositivo dell Emirato Arabo di Sharjah, si svolgerà la prima mostra del settore arredo, complemento d arredo e articolo da regalo denominata Italian Lifestyle in the Emirates, interamente dedicata al Made in Italy ed alle imprese italiane di qualità Per informazioni: Artex Firenze Tel

8 U. S. A. Informazioni ricevute da: Studio D. Grosser and Associates, Ltd. 305 Madison Avenue, suite New York, NY tel Fax web site: - e mail: LA FDA PERMETTERA' PER 8 MESI L'ENTRATA DI ALIMENTARI IN USA ANCHE CON NOTIFICHE ERRATE La FDA e il CPB (Uffici Doganali) hanno comunicato che dal 12 dicembre 2003 al 12 marzo 2004, i prodotti alimentari importati negli USA verranno sdoganati anche se le notifiche previste dalla nuova legge sul Bioterrorismo non saranno state fatte in modo regolare. La nuova legge richiede che i documenti dei prodotti alimentari importati in USA debbano indicare il numero di registrazione che l'esportatore ha ricevuto dalla FDA e che la FDA venga notificata dell'arrivo della spedizione almeno 8 ore prima dell'arrivo della nave o 4 ore prima dell'atterraggio dell'aereo. Questa moratoria di 8 mesi e' stata decisa allo scopo di evitare di creare scompensi al commercio internazionale. IL MASSACHUSETTS PERMETTE LE VENDITE DI VINI ANCHE DI DOMENICA Il Massachusetts è diventato il 28esimo Stato degli USA a permettere la vendita di vini anche di domenica. La nuova legge era diventata necessaria da quando lo Stato di New York, che confina con il Massachussetts, aveva passato una legge analoga nel mese di maggio. Le leggi che proibivano la vendita di alcolici di domenica, le cosiddette Blue Laws (Leggi Blu), risalgono ai tempi dei Puritani quando veniva proibito bere alcolici di domenica. L apertura dei negozi di alcolici di domenica è comunque facoltativa. Chi ritiene che la nuova legge non porti benefici economici può tenere chiuso il negozio. A CHE PREZZI SI VENDONO I PRODOTTI ITALIANI IN U.S.A. Nei negozi delle catene di supermercati Meijer Store, Whole Food Markets e Busch s, l aceto balsamico Gran Riserva invecchiato di dieci anni della ditta Lucini si vende a 12 dollari la bottiglia (di 25 cl). L aceto bianco di Pinot Grigio è in vendita a 8 dollari (bottiglia da 25cl). Le salse Puttanesca e Marinara della Daen & Deluca si vendono a 9,95 dollari per una confezione di 75 cl. L olio d oliva extra vergine si vende a 29,99 dollari per 75 cl. DEAN & DELUCA APRE UN NUOVO NEGOZIO A NEW YORK Il nuovo negozio della nota catena di prodotti gastronomici, di oltre 800 metri quadri, è stato aperto il 5 dicembre 2003 all angolo tra Madison Avenue e l 85esima Street a Manhattan. Come il negozio bandiera al 560 di Brodway nel quartiere di Soho, il negozio avrà una ricca selezione di specialità alimentari come formaggi, caffè, biscotti, oli d oliva extra vergini, aceti balsamici, spezie e cioccolata, principalmente d importazione. Presidente della ditta è Dave Neller, Dean & Deluca, 560 Broadway, New York, NY 10012, tel RAPPORTO AMERICANO SUI NEGOZI DI ALIMENTARI IN GERMANIA Il Ministero dell Agricoltura statunitense ha pubblicato un rapporto sui negozi di alimentari in Germania intitolato Germany: Retail Food Sector Report Il rapporto sottolinea che la Germania ha il mercato nazionale più vasto d Europa e che le vendite complessive di alimentari nel 2002 sono state di 120,4 miliardi di Euro. Il rapporto fornisce dati sulle vendite di alimentari suddivise per ipermercati, supermercati, negozi discount e negozi tradizionali. Vi è anche una lista delle principali catene di negozi alimentari e indicazioni sulle strategie da seguire per entrare nel mercato. Il rapporto è in formato PDFe può essere scaricato cliccando su 8

9 SEZIONE SPECIALE: COSA SUCCEDE CON IL DOLLARO Il declino del valore del dollaro sta avendo serie ripercussioni nei confronti delle aziende europee che esportano negli Stati Uniti. Il commercio internazionale, per funzionare bene, ha bisogno di stabilità e i tassi di cambio stabili sono una delle condizioni per consentire alle aziende nell import-export di poter fare programmi a media scadenza. L Euro è stato creato appunto per consentire ai paesi della Comunità Europea di operare in modo più efficiente e di poter fare programmi a medio e lungo termine senza doversi preoccupare delle fluttuazioni monetarie tra un paese e l altro. UN DECLINO DRAMMATICO NEL 2003 Il declino del dollaro nel 2003 è stato drammatico: all inizio dell anno l Euro valeva 1,036 dollari e a metà dicembre era salito a 1,22 dollari, con un aumento del 17% in un periodo relativamente molto breve. Inoltre, da gennaio 2000 a questa parte il rapporto tra Euro e Dollaro ha mostrato un andamento a zigzag che ha sconcertato gli esportatori. Nel 2000, all inizio dell anno l Euro valeva 1,015 dollari; il 25 ottobre era sceso a un livello minimo di 0,827 dollari e all inizio del 2001 era risalito a quota 0,946 dollari. Nel 2001, partendo dalla quota di 0,946, l Euro era sceso a 0,837 dollari all inizio di luglio, ma a fine anno era risalito a 0,903 dollari. Nel 2002 partendo dalla quota di 0,903 l Euro era nuovamente sceso arrivando a un minimo di 0,876 dollari il 25 marzo; all inizio di novembre era però risalito ed era arrivato alla parità con il Dollaro e il 2 gennaio 2003 aveva raggiunto quota 1,036 dollari. Nel 2003 l Euro era salito fino a raggiungere il valore di 1,185 dollari alla fine di maggio; poi era sceso arrivando fino a un minimo di 1,084 dollari all inizio di settembre. Da allora è però stato in costante ascesa, fino a superare il livello di 1,22 dollari il 10 dicembre. È molto difficile spiegare i movimenti del valore del Dollaro da un mese all altro; è forse possibile cercare di spiegare alcuni dei motivi del declino nel periodo di tre anni e fornire delle indicazioni per il futuro. PERCHÉ IL DOLLARO È CALATO? Il motivo del declino del dollaro negli ultimi dodici mesi è che ci sono troppi dollari nel mercato. E quando l offerta è superiore alla domanda il prezzo scende. Perché ci sono troppi dollari nel mercato? L abbondanza di dollari deriva dal fatto che gli Stati Uniti importano molto più di quanto esportino. I paesi che esportano negli USA in cambio delle merci esportate in USA ricevono dollari. Questi dollari possono essere usati per acquistare merci o servizi in USA e in altri paesi o per essere investiti negli Stati Uniti. Quello che avanza viene venduto per acquistare altre valute. Queste vendite di dollari non investiti in USA o non usati per acquistare beni e servizi contribuiscono a fare scendere il valore del dollaro. FATTORI STRUTTURALI DEL DECLINO DEL DOLLARO Va notato che rispetto a tre anni fa è avvenuto un importante cambiamento strutturale nel mercato delle valute: l introduzione dell Euro. Il semplice fatto che l Euro sia diventato la moneta comune di tanti paesi ha fatto sì che questi paesi non abbiano bisogno di mantenere la stessa quantità di dollari come valuta di riserva e di scambio come in precedenza. Inoltre anche molti paesi terzi che commerciano con l Europa possono pagare in Euro e non in dollari. In altre parole, con l introduzione dell Euro, il Dollaro ha perduto parte dell importanza che aveva come moneta per gli scambi internazionali. Pertanto la domanda di dollari è tendenzialmente diminuita. Un altro fattore strutturale, che però non è nuovo, è il deficit della bilancia commerciale statunitense. Per un paese ad alto sviluppo economico è normale acquistare dall estero più di quanto si venda. Questo deficit commerciale contribuisce alla prosperità del paese perché permette ai consumatori di acquistare all estero prodotti più a buon mercato di quanto disponibile nel paese. 9

10 FATTORI CHE HANNO CAUSATO IL DECLINO DEL DOLLARO NEL BREVE TERMINE A questi fattori di carattere strutturale, si aggiungono altri fattori che hanno influito sul declino del dollaro nel breve termine. Questi fattori sono: il deficit federale statunitense, i bassi tassi d interesse in USA e la minore attrazione della Borsa di Wall Street per gli investitori. Il deficit del bilancio federale è stato causato principalmente da spese per la ricostruzione per il World Trade Center e per la creazione di un sistema tutto nuovo di difesa territoriale, nonché dalla guerra contro il terrorismo e contro i paesi che ospitano i terroristi. Se il Governo spende più di quanto ricava, deve finanziare il deficit prendendo denaro a prestito con l emissione di Buoni del Tesoro. In situazione normale questo genera un aumento dei tassi d interesse. Se la cosa non è avvenuta è perché la Federal Reserve ha pompato liquidità nell economia per mantenere bassi i tassi d interesse. Questo ha contribuito a un aumento dei dollari nel mercato. I tassi d interesse, al livello più basso da 40 anni a questa parte, sono stati abbassati dalla Federal Reserve allo scopo di risollevare il paese dalla recessione nella quale si era trovato dall estate del La manovra è riuscita brillantemente perché i tassi d interesse bassi, anche se non sono serviti a rilanciare gli investimenti industriali e commerciali, hanno avuto un effetto immediato nei confronti del settore immobiliare e delle nuove costruzioni. D altra parte, con i tassi d interesse bassi è anche diminuito l interesse degli stranieri in possesso di dollari, ad investirli negli Stati Uniti. Meglio vendere i dollari, acquistare altre valute e investire queste valute in paesi dove i tassi d interesse sono superiori. La Borsa di Wall Street dopo che il pallone speculativo si è sgonfiato, non attrae più come prima. Nonostante la ripresa economica, pochi sanno in quali settori investire, il settore dell alta tecnologia ha perso il suo lustro e non si è sicuri se la ripresa economica avrà un lungo corso o durerà poco. A questo si aggiunge il fatto che il calo stesso del dollaro ha reso la Borsa e i Buoni del tesoro statunitense meno attraenti nei confronti degli investitori esteri. Va notato che negli anni passati il Dollaro è stato forte nonostante il grande deficit nella bilancia commerciale proprio perché il Bilancio Federale era in pari, i tassi d interesse non erano eccessivamente bassi, e la Borsa di Wall Street attraeva investitori da tutto il mondo. In altre parole il deficit della Bilancia Commerciale veniva compensato da flussi finanziari positivi di investitori che riportavano i dollari in eccesso negli Stati Uniti. Ora questi investitori stanno investendo altrove, anche in oro, che, pur non pagando interesse, ha visto il suo valore aumentare del 60% dal febbraio 2001 passando da 255 a oltre 400 dollari l oncia. IL FATTORE CINA La Cina, con la valuta controllata dal governo e mantenuta a un livello fisso di 8,278 Yuan per Dollaro, continua a generare enormi avanzi nella bilancia commerciale con gli Stati Uniti e ad incamerare miliardi di dollari. È più che probabile che se il valore dello Yuan venisse lasciato alla mercé del mercato valutario, lo Yuan aumenterebbe di valore e di conseguenza l avanzo nella bilancia commerciale con gli USA diminuirebbe. Questo è proprio quello che il governo cinese vuole evitare perché considera le esportazioni verso gli Stati Uniti molto importanti per lo sviluppo industriale ed economico della Cina. A lungo termine sarà difficile per il governo cinese mantenere artificialmente basso il valore dello Yuan senza possibili contraccolpi negativi. A breve termine tuttavia, questa politica di controllo della valuta è uno dei fattori che contribuiscono ad indebolire il Dollaro. COSA VOGLIONO GLI USA? UN DOLLARO FORTE O UN DOLLARO DEBOLE? Durante la presidenza Clinton, il Ministro del Tesoro statunitense non mancava di affermare che era importante che il dollaro si mantenesse forte. Queste affermazioni avevano un effetto nei confronti del mercato delle valute, tuttavia è probabile che servissero a sostenere delle tendenze già esistenti più che a generare tendenze nuove. In fondo gli Stati Uniti hanno l interesse che il Dollaro rimanga la principale moneta nel mercato mondiale e questo lo si può assicurare solo se la moneta mantiene il suo valore. 10

11 D altra parte il mondo industriale statunitense è rimasto seriamente danneggiato dal Dollaro forte perché questo fenomeno ha reso più a buon mercato i prodotti d importazione e questo ha portato alla chiusura di molte fabbriche e alla perdita di centinaia di migliaia di posti lavoro nel settore manifatturiero. Non sorprende quindi vedere che i sindacati dei lavoratori come l American Federation of Labor (AFL) sono diventati tra i maggiori sostenitori di una politica protezionistica che sta trascinando con sè la maggioranza del partito Democratico. La crisi del settore manifatturiero è una cosa delicata perché può avere importanti conseguenze a livello politico, specialmente nelle elezioni presidenziali. Questo potrenne spiegare il silenzio del Ministro del Tesoro attuale, che non parla più di Dollaro forte. A breve termine gli interessi politici del Partito Repubblicano di Governo, tradizionalmente liberista, sono anch essi protezionistici. Per quanto il governo statunitense avrebbe potuto fare ben poco per rallentare la discesa del valore del Dollaro, tale discesa capita proprio come il cacio sui maccheroni perché sta aiutando molte imprese industriali a recuperare molta della competitività perduta a seguito del rafforzamento del Dollaro fino alla metà del PROSPETTIVE A BREVE TERMINE A breve termine il declino del dollaro può essere rallentato parzialmente e temporaneamente da interventi delle Banche Centrali. In dicembre la Banca del Giappone è intervenuta acquistando dollari per cercare di frenare il declino del Dollaro rispetto allo Yen. Infatti il declino del Dollaro sta danneggiando sostanzialmente gli esportatori giapponesi che vedono aumentare il prezzo dei loro prodotti negli Stati Uniti, un fattore che contribuisce a farne diminuire le vendite. Questi interventi possono operare come palliativi temporanei e tutt al più servire da catalizzatore per qualche inversione di tendenza. Non possono però fermare il declino di una valuta così come nessuno è in grado di fermare la marea, perché oggi nessun paese è in grado di arginare gli enormi i flussi finanziari nel mercato delle valute. Il Dollaro è come la marea: non la si può fermare ma bisogna aspettare che receda. Il principale fattore su cui contare per una ripresa del Dollaro è una veloce ripresa dell economia statunitense, con un susseguente aumento dei ricavi del Ministero del Tesoro e una diminuzione del deficit del Bilancio Federale. A questo potrà seguire un miglioramento dei profitti aziendali e un aumento dei tassi d interesse a un livello più equilibrato rispetto ai tassi d interesse in Europa. Presto o tardi questo aumento dovrà arrivare anche perché già alcuni economisti hanno scritto nei redazionali di giornali e riviste che l eccessiva liberalità della Federal Reserve nel pompare denaro nell economia con una politica di bassi tassi d interesse, se non arginata per tempo, porterà probabilmente a delle future pressioni inflazionistiche. Cambiamenti del genere non capitano sempre da un giorno all altro. Tuttavia in passato si sono verificati rovesciamenti di tendenza nel giro di poche settimane e non c è motivo di presumere che cose simili non possano accadere nel prossimo futuro. Infine va tenuto conto che la situazione politica e militare è poco stabile ed è quindi soggetta a cambiamenti repentini. Per fare un esempio, la cattura di Saddam Hussein potrebbe fare saltare in alto il Dollaro. I disaccordi tra Germania e Francia da una parte e gli altri soci della Comunità Europea dall altra, potrebbe fare scendere il valore dell Euro. Avvenimenti poco prevedibili hanno la potenzialita di fare invertire le tendenze del mercato. A breve termine un cambiamento di tendenza potrebbe capitare da una settimana all altra anche se per il momento i fattori che possono causare questo cambiamento non sono evidenti. Visto sotto una prospettiva di sei mesi o forse anche meno, è possibile che il Dollaro, sostenuto da una diversa realtà economica statunitense, si riprenda. A breve termine i fattori che lo indeboliscono sono tutti presenti e non è da escludere un ulteriore perdita di valore. 11

12 (!$' ESTONIA In base ad uno studio relativo al clima per gli investimenti nei Paesi in via di integrazione nell Unione Europea, l Estonia, si è posizionata al 1 posto. Seguono Repubblica Ceca, Ungheria, Slovenia, Polonia, Lituania, Lettonia, Slovacchia e Croazia. GRAN BRETAGNA Londra Sera, il giornale d informazione anglo-italiano più diffuso in Gran Bretagna pubblica ogni anno un numero speciale dedicato al commercio italo-britannico. In questo contesto LONDRA SERA dà una chance ai prodotti italiani di essere notati, grazie alle continue edizioni in distribuzione agli operatori del settore, tramite canali diplomatici dell Ambasciata d'italia nel Regno Unito, nelle edicole ed a tutti i soci della Camera di Commercio. Gli interessati a far pubblicare un proprio annuncio commerciale possono mettersi in contatto con LONDRA SERA Fax VIETNAM In sordina, soprattutto a causa del grande clamore che la Cina suscita in Europa e nel nostro paese, il Vietnam continua a crescere. Dal 1999 infatti registra un incremento annuo del Pil pari al 7%, dovuto principalmente alla produzione industriale e manifatturiera. Il merito di tale tendenza, a cui si associa un inflazione del 2% e un tasso di disoccupazione del 6%, fra più bassi dell estremo oriente (anche se tale stima non tiene conto della sottoccupazione della campagna), va dato senza dubbio al governo vietnamita che in questi anni ha implementato politiche di apertura del Paese ai mercati e agli investimenti esteri. GERMANIA Aumenta l import di generi alimentari e voluttuari italiani. Nel 1 semestre del 2003 la Germania ha importato dall Italia generi alimentari e voluttuari per un valore di 1.842,2 milioni di euro, pari ad un incremento del 5% rispetto alo stesso periodo dell anno precedente. U.S.A. Leggi statunitensi sull Agente di commercio Guida pratica per esportatori italiani Ogni impresa italiana che si affaccia sul mercato americano deve scegliere la modalità economicosociale più opportuna per la promozione dei suoi prodotti. In questo quadro una conoscenza idonea sulla regolamentazione del rapporto con un Agente di commercio come prevista dalla legislazione di ogni singolo stato americano risulta quanto mai necessaria. Per informazioni o per l acquisto della suddetta pubblicazione che ha un costo di euro 95: Fax ARGENTINA Dopo 4 anni di ininterrotta recessione, l economia argentina sembra rialzare la testa stimolata soprattutto da un export sempre più trainante. Nel contempo i costi produttivi ridotti all osso dalla svalutazione del pesos unitamente a una situazione politica all apparenza stabile attirano nuovi investimenti diretti di aziende straniere. RUSSIA In Russia la produzione di calzature non riesce a coprire nemmeno il 40% del fabbisogno dei consumatori, il cui potenziale di consumo è stimato in circa 200 milioni di paia. L export italiano verso la Russia continua ad aumentare grazie anche alla qualità e al design delle calzature italiane. I maggiori acquirenti appartengono alla classe alta e medio-alta: le scarpe italiane, infatti, vengono commercializzate nei negozi di lusso delle principali strade di Mosca 12

13 COMUNICAZIONE Questo è l ultimo numero del Notiziario Commercio Estero in forma cartacea. Dal prossimo numero, che uscirà con la data del 15 gennaio 2004, l invio avverrà esclusivamente via . Si invitano pertanto le aziende interessate a voler comunicare a questo ufficio il loro indirizzo di posta elettronica. Si resta a disposizione per ulteriori informazioni: Ufficio Commercio Estero Camera di Commercio di Forlì-Cesena Corso della Repubblica FORLI Tel Fax

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Esportare la dolce vita Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Il rapporto è stato realizzato da: Alessandro Gambini, Manuela Marianera, Luca Paolazzi (Centro

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta Spread C è anche quello dei prezzi LA NOSTRA INCHIESTA Le grandi catene internazionali, da Zara a McDonald s, praticano prezzi diversi in Europa. I consumatori italiani tra i più penalizzati. Le grandi

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE.

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. Le vostre esigenze. IL NOSTRO STILE. Gli specialisti della VIA MAT INTERNATIONAL vantano una pluriennale esperienza nell offrire ai nostri clienti servizi professionali di

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli