Il Futuro della Finanza Luigi Zingales University of Chicago, NBER, & CEPR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Futuro della Finanza Luigi Zingales University of Chicago, NBER, & CEPR"

Transcript

1 Il Futuro della Finanza Luigi Zingales University of Chicago, NBER, & CEPR 1 Luigi Zingales

2 Un trentennio d oro Gli ultimi 30 anni sono stati anni eccezionali dal punto di vista di crescita economica (il Pil mondiale e raddoppiato) riduzione della poverta (la percentuale di persone al mondo che vive con meno di $2 al giorno si e dimezzata) sviluppo dei paesi emergenti (in Cina il reddito pro capite e quasi decuplicato) E il trentennio in cui e stata creata la maggior quantita di ricchezza nella storia dell umanita. 2 Luigi Zingales

3 World GDP Per Capita PPP Figure 1: World GDP Per Capita PPP (Constant 2000 International Dollar) Year 3 Luigi Zingales

4 4 Luigi Zingales

5 5 Luigi Zingales

6 Il ruolo della finanza nella crescita Il settore finanziario ha giocato un ruolo fondamentale in questo sviluppo. identificare le opportunita di investimento riallocazione del capitale tra I vari paesi, compensando forti squilibri di bilancia commerciale Senza un settore finanziario sviluppato l internet oggi sarebbe solo uno strumento per computer geek e non la struttura portante della nuova economia 6 Luigi Zingales

7 Il ruolo della finanza nello sviluppo tecnologico Lo scorso week-end ero a Madison Wisconsin, un posto che la maggior parte di noi non pensa come la culla del venture capital. Nello spazio di qualche chilometro c erano molti start up che applicavano nuove tecnologie Molti di questi erano finanziati dai venture capitalists Nessuno di questi sarebbe mai esistito senza un mercato azionario sviluppato 7 Luigi Zingales

8 L evidenza scientifica Questi non sono solo aneddoti. Esiste una letteratura scientifica che lega lo sviluppo economico allo sviluppo finanziario (Levine, 1997; Jayaratne e Strahan,1996); Rajan e Zingales, 1998; Guiso et al, 2004) alla riduzione della povertà (Beck et al, 2004) allo sviluppo tecnologico (Mollica e Zingales, 2007) 8 Luigi Zingales

9 Un esperimento malvagio Per quanto econometricamente sofisticata tutta questa evidenza non può provare il rapporto di casualità come lo possono fare gli esperimenti scientifici. Purtroppo (o per fortuna) noi economisti possiamo fare esperimenti limitati (al laboratorio o sul campo), non degli esperimenti a livello di nazioni. Ma se uno scienziato malvagio avesse voluto provare l importanza del mondo finanziario non avrebbe potuto farlo in modo più convincente che creando la crisi del Luigi Zingales

10 Il peggiore dei momenti e il migliore dei momenti La crisi del 2008, paralizzando il sistema finanziario, ha dimostrato l effetto devastante che un cattivo funzionamento del sistema finanziario ha sull economia. Ancora ad Agosto le previsioni dell IMF davano l economia mondiale in forte crescita Oggi le previsioni sono del -0,1%. Questo corrisponde a un enorme ammontare di ricchezza non creata. Senza contare gli effetti di lungo periodo 10 Luigi Zingales

11 Quale ruolo nel futuro? Non solo la finanza è importante per la crescita, ma una finanza sofisticata è tanto più importante quanto più sviluppato è un paese. Quando si tratta di finanziare l acquisto di sementi per l agricoltura anche il meno sofisticato strozzino è in grado di farlo Quando si tratta di individuare the new new thing abbisogniamo di un sistema sofisticato 11 Luigi Zingales

12 Frazione degli investimenti fatti da imprese con poco cashlow interno 12 Luigi Zingales

13 13 Luigi Zingales

14 Non tutto è oro quel che luccica Quello che amo di questo modello è che mette in evidenza anche che qualche cosa è andato storto La quantità di reddito appropriata dal sistema finanziario eccede qualsiasi ragionevole relazione con il possibile contributo economico di questo settore. Che i finanzieri guadagnassero troppo non lo dice solo la stampa di sinistra, lo dicono anche gli stessi economisti finanziari. 14 Luigi Zingales

15 15 Luigi Zingales

16 Le responsabilità nella crisi E ovviamente ci sono le responsabilità della finanza nella crisi In questo festival mi è stato affidato l ingrato compito di difendere la finanza dalle sue colpe Questo compito è stato reso più facile dall accusa, che si è limitata a cercare una responsabilità legale, che io credo non esserci. Ma esiste una responsabilità Morale Politica Ideologica 16 Luigi Zingales

17 Una parabola Immaginatevi un paese in cui non esistono limiti di velocità su strada. Il settore dell autonoleggio affitta anche macchine da corsa. In condizioni normali il costo (in termini di assicurazione) di affittare queste macchine è molto molto elevato, soprattutto se ad affittarle sono giovani sotto 21 anni. In questo Paese, il governo vuole favorire gli spostamenti veloci e quindi offre a tutti gli autonoleggi un rimborso integrale in caso di incidenti. Per favorire i giovani impone una percentuale minima di noleggi che deve essere fatta ai giovani. Tanti incidenti, di chi è la colpa? 17 Luigi Zingales

18 Di chi e la colpa? Degli autonoleggi che, motivati dal profitto, affittano le Ferrari che poi vanno a schiantarsi? O del governo che 1. Non impone limiti di velocità 2. Ripagando I danni degli incidenti elimina gli incentivi ad affittare le macchine solo a persone affidabili 3. Imponendo quote ai giovani aumenta il rischio di incidenti? Indirettamente l industria dell autonoleggio è responsabile per aver fatto pressioni politiche per non avere limiti di velocità ed essere sussidiata. 18 Luigi Zingales

19 Ma la colpa principale è del potere politico che si è fatto influenzare. E normale che un teenager chieda troppa libertà ai genitori. Se la riceve la colpa non è sua, ma dei genitori che gliela hanno data. Lo stesso vale in politica. Non solo è normale, è anche salutare che esitano pressioni dai vari gruppi di interesse. Quello che non è né normale né salutare è che il potere politico sia completamente catturato da uno di questi gruppi di interesse. 19 Luigi Zingales

20 L analogia L autonoleggio è l industria finanziaria La mancanza dei limiti di velocità è l insufficienza sui limiti di assunzione di rischio Il sussidio in caso di incidenti è la politica di salvataggio operata dal governo americano (la dottrina Rubin e la Greenspan put ). Le quote per i giovani sono le quote dei mutui ai meno abbienti richiesti dal Congresso a Fannie and Freddie. 20 Luigi Zingales

21 Responsabilità Morale Con questo non voglio assolvere l industria finanziaria dalle sue colpe. Un banchiere americano ha descritto la crisi come il mondo si è ubriacato e noi eravamo i baristi Ma un barista ha una responsabilità morale se non legale di non vendere alcool a chi è ubriaco o a chi sa essere un alcolista che cerca di rimanere sobrio. La finanza non ha avuto queste accortezze 21 Luigi Zingales

22 Responsabilità Politica L industria finanziaria ha fatto una lobbying pesante (e continua a farla) per Eliminare vincoli sul capitale delle banche Eliminare il mark-tomarket (l indicatore di velocità sui veicoli) Evitare che i derivati fossero scambiati in una borsa regolamentata Evitare qualsiasi forma di regolamentazione 22 Luigi Zingales

23 Responsabilità Ideologica Molti fisici nucleari hanno messo in guardia dai rischi dell atomica. Gli economisti finanziari non hanno fatto altrettanto con i rischi degli strumenti da loro inventati. Troppo preoccupati delle possibili restrizioni hanno sottovalutato i pericoli Perché ci guadagnavano? 23 Luigi Zingales

24 La Colpa Principale E di aver acquisito troppo potere politico. Come? Grosse fusioni -> concentrazione di potere Finanziamenti elettorali Occupazione dei posti chiave Paradossalmente i danni più elevati della deregolamentazione vengono dall enorme concentrazione di potere acquisita da Wall Street. Troppo potere per il loro stesso bene 24 Luigi Zingales

25 L esperienza storica americana Tradizionalmente un populismo anti-wall Street ha caratterizzato la politica americana: La commissione Pujo contro il money trust Lo Glass-Steagall Act La regolamentazione bancaria Frammentava l industria finanziaria con il risultato che più frammentata più diversificata in termini di interessi meno potere politico 25 Luigi Zingales

26 Le ragioni della politica e quelle dell economia L eliminazioni di queste restrizioni aveva sacrosante motivazioni economiche. Ma ha avuto come conseguenza indesiderata e inaspettata un forte aumento del potere politico dell industria finanziaria. 26 Luigi Zingales

27 Salvare la Finanza da Wall Street L industria finanziaria è essenziale allo sviluppo del paese. Un suo potere eccessivo porta però ad eccessi che si ritorcono contro l industria stessa. Bisogna salvare la finanza da Wall Street Ma come? Indirizzando sulla strada giusta il sentimento anti Wall Street diffuso nel Paese. 27 Luigi Zingales

28 La Rivolta Anti Wall Street 65% di Americani pensa che il governo debba mettere dei tetti ai salari dei manager Il 60% ritiene che il governo debba intervenire su come le imprese sono gestite Solo il 6% degli americani ha molta fiducia nei banchieri Indignazione sui bonus dei manager delle banche che hanno ricevuto soldi da Tarp Assedio alle case dei manager di AIG 28 Luigi Zingales

29 Il Bivio -1 Da un lato l arroccamento: Rabbia popolare viene usata per iniziative simboliche senza conseguenze reali Anzi spesso con conseguenze reali opposte a quelle volute (limiti ai compensi imposti da Clinton) La rabbia popolare giustifica la posizione di rendita delle povere vittime L imposta del 90% sui bonus di AIG al tempo stesso in cui venivano dati pesanti sussidi agli hedge fund per comprare i titoli tossici delle banche 29 Luigi Zingales

30 Il Bivio -2 Dall altro l uso della rabbia popolare per ridurre il potere di lobby di Wall Street ed introdurre riforme vere: Pujo report viene dalla crisi del 1907 La SEC viene dalla crisi del 1929 e le audizioni parlamentari di Pecora. 30 Luigi Zingales

31 Quali riforme? 1) Riduzione del rischio sistemico Principali derivati spostati in Borsa Nuove regole sul capitale per istituzioni finanziarie 2) Aumento della trasparenza Riforma del sistema di accounting Trasparenza degli hedge funds Migliorare le misure di performance 3) Riduzione del potere del settore finanziario Shareholders access to proxy Separazione tra reti di vendita e fondi di gestione Limiti dimensionali 4) Favorire la competizione 31 Luigi Zingales

32 1) Riduzione del rischio sistemico Derivati con grossi volumi devono essere trattati in Borsa dove: Esistono regole precise di garanzia Esiste un sistema di garanzia sussidiaria della Borsa Esiste maggiore trasparenza Nuove regole sul capitale minimo di tutte le istituzioni finanziarie sistemiche (non solo banche). Un meccanismo di intervento basato sul mercato Un meccanismo di ristrutturazione che» Non turbi il mercato» Mantenga gli incentivi in piedi (Hart e Zingales, 2009) 32 Luigi Zingales

33 2) Aumento della trasparenza Riforma del sistema di accounting Svincolare accounting da regolamentazione Introdurre per tutte le poste una doppia valutazione Trasparenza degli hedge funds Disclosure ritardata (18-24 mesi) per evitare effetti competitivi (Zingales, 2009) Migliorare le misure di performance Forzare tutti i fondi (di investimento, di private equity, hedge funds) di fornire una misura di performance aggiustata per il leverage 33 Luigi Zingales

34 3) Riduzione del potere del settore finanziario Shareholders access to proxy Per permettere agli investitori istituzionali di nominare I loro rappresentanti nei consigli di amministrazione (Bebchuck, 2007; Zingales, 2009) Separazione tra reti di vendita e fondi di gestione Per prevenire conflitti di interesse nella vendita di prodotti nella gestione dei diritti di voto (Zingales, 2009) Limiti dimensionali Per ridurre il potere politico di ciascuna istituzione (Rajan and Zingales, 2004) 34 Luigi Zingales

35 Favorire la competizione Favorire la competizione su dimensioni rilevanti, limitando la competizione in dimensioni inutili se non dannose. Per esempio: teaser rates sui mutui. Non hanno nessun vantaggio economico Giocano solo sull ignoranza o la miopia del mutuatario Oggi si rivoltano contro quelli che li hanno inventati Classico esempio di come limitare il potere politico della finanza può aiutare la stessa finanza 35 Luigi Zingales

36 Conclusioni Per crescere il mondo ha bisogno di finanza E finanza sempre più sofisticata Prima della crisi il settore finanziario aveva accumulato troppo potere politico. Con conseguenze negative per la finanza stessa La crisi ha generato un forte sentimento anti-finanza Questo può bloccare lo sviluppo della finanza e quello dell economia per I prossimi trent anni O può essere usato per approvare riforme che limitando il potere politico di Wall Street rendano il sistema finanziario più competitivo ed efficiente A noi la scelta 36 Luigi Zingales

37 Brevi riferimenti bibliografici Bebchuk, Lucian Arye, 2007, The Myth of the Shareholder Franchise Virginia Law Review, Vol. 93, No. 3, pp , 2007 Beck, Thorsten, Asli Demirguc-Kunt and Ross Levine, 2004, Finance, Inequality, and Poverty: Cross-Country Evidence. NBER Working Paper. Committee on Capital Market Regulation Third Interim Report, May Guiso, L., P. Sapienza and L. Zingales, 2004, Does Local Financial Development Matter? Quarterly Journal of Economics. Hart O. e L. Zingales, 2009, A New Capital Regulation For Large Financial Institutions Jayaratne, Jith and Strahan, Philip E. ``The Finance-Growth Nexus: Evidence from Bank Branch Deregulation." Quarterly Journal of Economics, August 1996, CXI (3), pp Levine, Ross. ``Financial Development and Economic Growth: Views and Agenda." Journal of Economic Literature., June 1997, 35 (2), pp Mollica M e L. Zingales, 2007, The Impact of Venture Capital on Innovation and the Creation of New Businesses University of Chicago working paper. Philippon, T., 2008, The Evolution of the US Financial Industry from 1860 to 2007: Theory and Evidence NYU working paper. Philippon, T e A. Reshef, 2008, Wages and Human Capital in the U.S. Financial Industry: Rajan, R. and L. Zingales, ``Financial Dependence and Growth" The American Economic Review, (1998), 88: Rajan, R. and L. Zingales, Salvare il Capitalismo dai Capitalisti, Einaudi, Sapienza P. e L. Zingales, How Big Finance Bought the Bailout Plan February Zingales, L. The Future of Securities Regulation Journal of Accounting Research, Luigi Zingales

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

IL VOTO NELLE IMPRESE. Oliver Hart Festival dell Economia, Trento 1 giugno 2008

IL VOTO NELLE IMPRESE. Oliver Hart Festival dell Economia, Trento 1 giugno 2008 IL VOTO NELLE IMPRESE Oliver Hart Festival dell Economia, Trento 1 giugno 2008 Chi dovrebbe avere diritto di voto in un impresa? Diversi possibili candidati: azionisti/investitori, lavoratori, consumatori,

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince?

Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince? Authorized and regulated by the Financial Services Authority Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince? Le esigenze degli investitori istituzionali e le proposte del mercato: un connubio

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Quanti lavorano (o hanno lavorato) per una banca?

Quanti lavorano (o hanno lavorato) per una banca? 1 2 Quanti lavorano (o hanno lavorato) per una banca? 3 Domanda filosofica Il denaro è un mezzo o un fine? 4 Domanda pratica n.1 A cosa serve il denaro? 5 Domanda pratica n.1 A cosa serve il denaro? 1.

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Elenco completo periodici in abbonamento 20 giugno 2013 Ver. 1.0 Ministero dell Economia e delle Finanze Ufficio per il coordinamento tecnico logistico Biblioteca e ufficio di documentazione del DT Sommario

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Volterra, 19.6.2014 Prof. Roberto Barontini Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna E-mail r.barontini@sssup.it Matematica Statistica Storia

Dettagli

Vittoria Cerasi. Università di Milano-Bicocca. Università Cattolica S. Cuore 16 Aprile 2010

Vittoria Cerasi. Università di Milano-Bicocca. Università Cattolica S. Cuore 16 Aprile 2010 Compensi dei manager: teoria e applicazione al settore bancario Vittoria Cerasi Università di Milano-Bicocca ECRIRE-Economia della CRIsi e della REgolamentazione - Università Cattolica S. Cuore 16 Aprile

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

UNO STRUMENTO CHE PER FUNZIONARE HA BISOGNO DI FINANZIAMENTI ADEGUATI E DEL GOVERNO DELLA DINAMICA DEI CANONI.

UNO STRUMENTO CHE PER FUNZIONARE HA BISOGNO DI FINANZIAMENTI ADEGUATI E DEL GOVERNO DELLA DINAMICA DEI CANONI. UNO STRUMENTO CHE PER FUNZIONARE HA BISOGNO DI FINANZIAMENTI ADEGUATI E DEL GOVERNO DELLA DINAMICA DEI CANONI. Il Fondo Sociale è un aiuto economico per pagare l affitto, indirizzato alle famiglie con

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

Capire la finanza e la finanza etica

Capire la finanza e la finanza etica Corso Intensivo Capire la finanza e la finanza etica Sabato 5 febbraio 2011 Seminario di Marco Passarella (Università di Bergamo) PRIMA PARTE Il ruolo del pubblico nella regolazione dei mercati. L'evoluzione

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

Ernesto Screpanti LA GRANDE CRISI E LA GLOBALIZZAZIONE

Ernesto Screpanti LA GRANDE CRISI E LA GLOBALIZZAZIONE Ernesto Screpanti LA GRANDE CRISI E LA GLOBALIZZAZIONE Una crisi da deflazione del debito la cui gravità è determinata dall enorme accumulo di debito negli USA: privato, pubblico, estero Il debito si è

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Finanziamento e politiche per l innovazione

Finanziamento e politiche per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Finanziamento e politiche per l innovazione Banca d Italia, Sede di Genova 19 Novembre 2013 Le politiche per l innovazione: motivazione economica Tipologia ed effetti

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè 21 Ottobre 2014 Gli attori della finanza Andrea Nascè Argomenti Classificazione degli attori e mappa ideale degli attori Focus su: 1. L investimento ad opera dei 2. Il finanziamento ad opera delle IMPRESE

Dettagli

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica Gianni Alioti Con un inquadramento particolare al settore auto ufficio internazionale Fim-Cisl e componente esecutivi Fem e Fism Milano 28 ottobre

Dettagli

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Economia e scienze sociali

Economia e scienze sociali Giornate di orientamento Tommaso Monacelli, Direttore corso di laurea Economia e scienze sociali I corsi di laurea in economia I corsi di laurea 5 corsi di laurea triennale in Economia 4 corsi a base disciplinare

Dettagli

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE Pellini Stefania - Pupo Rosina -Tarantini Thomas Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Corso di Politica Economica Avanzato

Dettagli

Innovazione tecnologica e democrazia industriale

Innovazione tecnologica e democrazia industriale Innovazione tecnologica e democrazia industriale Casa della cultura Scuola di cultura politica 18 aprile, 2015 Milano Giovanni Dosi Direttore dell'istituto di Economia Scuola Superiore S.Anna, Pisa Le

Dettagli

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane Finanza per la crescita IPO Day, Borsa Italiana, Milano - 26 Settembre 2014 Silvia Magri, Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Outline

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

della Regione Toscana Si allega la proposta di legge al Parlamento in oggetto d iniziativa del consigliere Gabriele Chiurli Relazione illustrativa

della Regione Toscana Si allega la proposta di legge al Parlamento in oggetto d iniziativa del consigliere Gabriele Chiurli Relazione illustrativa REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 22 maggio 2014 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci OGGETTO: Proposta di legge al Parlamento

Dettagli

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002

Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Opportunità e sfide per gli investitori italiani nei fondi Private Equity Presentazione Borsa Italiana 22 maggio, 2002 Tre messaggi di fondo 1. La crescita del Private Equity in Europa è motivata dal potenziale

Dettagli

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007 Commentto merrccatti i Cffi i Advissorrss dell 2 lugll lio 2011,, a ccurra dii Ida I I. Pagnottttel lla IN I QUESTO NUMERO:: LL ORO :: NON SI COMPRA SE SI CREDE CHE TUTTO ANDRA BENE ALLA FINE! MOLTI INVESTITORI

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 16 La riforma della regolamentazione finanziaria (cap.5) La riforma finanziaria in Europa La riforma finanziaria negli Stati Uniti 2 La riforma

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli

Politica Economica Avanazata. Lezione 17

Politica Economica Avanazata. Lezione 17 Politica Economica Avanazata Lezione 17 Alcune estensioni al modello di BG (Spector, European Economic Review, 48, 2004, 25-38 Due ipotesi importanti del modello di BG: 1. La funzione di produzione Y=N

Dettagli

Infinite Support for Your Yield.

Infinite Support for Your Yield. Infinite Support for Your Yield. OPTIMIZE YOUR ENERGY PARK Presentazione aziendale Agosto 2013 Contenuti 1. Presentazione ENcome Energy Performance 2. Servizi offerti 3. ENcome Energy Monitor 4. Referenze

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale

Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale Guido Ferrarini Maria Cristina Ungureanu Università di Genova La normativa è indirizzata a:

Dettagli

Quanto vale la cooperazione agricola italiana?

Quanto vale la cooperazione agricola italiana? Eddi Fontanari *, Carlo Borzaga ** Quanto vale la cooperazione agricola italiana? * Euricse, University of Missouri - visiting scholar. **Università degli Studi di Trento, Euricse. Negli ultimi anni l

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende in crisi

L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende in crisi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO XI FORUM S.A.F.: Le operazioni sul capitale nell ambito degli attuali scenari economici L intervento degli investitori in capitale di rischio nelle aziende

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

LA RICERCA NON È UN BREVETTO

LA RICERCA NON È UN BREVETTO LA RICERCA NON È UN BREVETTO Si possono immaginare diversi scenari per il futuro della ricerca in Italia. Tutto dipenderà dalle regole che ci si vorrà dare, nel quadro di un rapporto tra politici e ricercatori

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

Discussione di. Italian Managers: Fidelity or Performance. Luigi Zingales University of Chicago

Discussione di. Italian Managers: Fidelity or Performance. Luigi Zingales University of Chicago Discussione di Italian Managers: Fidelity or Performance Luigi Zingales University of Chicago Preambolo Questo e` il paper ideale da discutere perche`: 1) Affronta un tema molto importante 2) Presenta

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri

Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri Testo: Art. 5. (Attività di volontariato, di promozione sociale e di mutuo soccorso) 1. Con i decreti legislativi di cui all'articolo

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

PMI, finanza e assicurazione Indice

PMI, finanza e assicurazione Indice . PMI, finanza e assicurazione Indice Indagine internazionale AXA IPSOS 2013 su PMI e autonomi Focus Italia Una luce in fondo al tunnel ma persistono alcuni ostacoli alla crescita Stretta del credito:

Dettagli

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE PERIODICI CEE TITOLO periodico 1 COMMON MARKET LAW REVIEW KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE IN BIBLIOTECA DAL VERSIONE CARTA/ONLINE 2 CONSENSUS FORECASTS G7 COUNTRIES WESTERN EUROPE -SINGLE USER CONSENSUS ECONOMICS

Dettagli

DONNE E IMPRESA: UN BINOMIO DI SUCCESSO IN ITALIA E NEL MONDO?

DONNE E IMPRESA: UN BINOMIO DI SUCCESSO IN ITALIA E NEL MONDO? DONNE E IMPRESA: UN BINOMIO DI SUCCESSO IN ITALIA E NEL MONDO? Strumenti per lo sviluppo dell imprenditorialità femminile: dalla microfinanza al venture capital Intervento di Simona Lanzoni 20 MARZO 2013

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

Teoria degli intermediari finanziari e sviluppo economico

Teoria degli intermediari finanziari e sviluppo economico Teoria degli intermediari finanziari e sviluppo economico Alberto Zazzaro Andrea Presbitero Aprile Maggio 2007 1 Struttura del corso Table 1: Calendario delle lezioni (ora: 11.30-13.30) Giorno Lezione

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

I FONDI DI FONDI DI PRIVATE EQUITY: UN INVESTIMENTO DECORRELATO

I FONDI DI FONDI DI PRIVATE EQUITY: UN INVESTIMENTO DECORRELATO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica I FONDI DI FONDI DI PRIVATE EQUITY: UN INVESTIMENTO DECORRELATO FRANCO MOSCA 16 Marzo, Milano Sommario Non è vero che il private

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli