PRECARIETA DELL ECONOMIA USA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRECARIETA DELL ECONOMIA USA"

Transcript

1 Colistra Daniela De Marco Lorena LA PRECARIETA DELL ECONOMIA USA C è una parola che circola con insistenza negli ambienti economici e finanziari della più grande potenza del mondo:recessione. La recessione americana era iniziata molto prima degli attentati:nel Marzo 2001 ed è finita prima, per questo motivo si potrebbe parlare di minirecessione, tuttavia rimangono aperte alcune questioni. Negli stati Uniti sono stati riportati 430 casi di licenziamenti di massa:crisi scoppiate in grandi e medie aziende e imputate direttamente all 11 settembre,che hanno coinvolto 125mila lavoratori;il 36%dei lavoratori licenziati erano addetti delle compagnie aeree,un altro 26% lavorava nel turismo e nella ristorazione. 1

2 Dopo un anno le prime stime statistiche hanno rilevato un calo del 20% del traffico aereo con una perdita globale di 7 miliardi di dollari.tant è che la US Arways è sull orlo del fallimento e l American Airlines in dicembre ha chiesto agli impiegati di rinunciare agli aumenti generali di paga in 2003 operando dei tagli al personale amministrativo di circa il 22% Il mercato del lavoro è in affanno e la disoccupazione è arrivata ad agosto 2002 al 5,7%.i disoccupati ufficiali negli USA sono 8,3 milioni,si aggiunga un altro milione e mezzo di disoccupati che non hanno cercato lavoro attivamente e che quindi non sono inclusi nelle liste. Il Wall Street Journal ha calcolato che dopo un anno il comparto finanziario abbia perso circa 43 mila addetti. C è chi è convinto che le probabilità di una recessione dell economia siano serie. Sugli Usa pesano tre fattori molto negativi:il deficit della bilancia commerciale,un debito publico che permane elevato e l indebitamento delle famiglie.tutto ciò incide sull andamento della Borsa,in quanto se I consumi ad un certo punto precipitassero,cadrebbe immediatamente anche la domanda aggregata e le imprese che,sebbene abbiano migliorato le prospettive di profitto,sono ancora indebitate e assai poco propense a investire,non sosterrebbero a sufficienza la domanda;in tal caso si allontanerebbe l afflusso di investimenti daal estero essenziali per finanziare il debito pubblico e riequilibrare la bilancia commerciale. 2

3 Il miracolo della produttività americana L aura miracolosa della "New Economy" nasce dal presupposto che la "rivoluzione digitale" moltiplichi la produttività, e che, diversamente dai cicli congiunturali dell economia tradizionale caratterizzati da alti e bassi, avrebbe schiuso un epoca di sviluppo economico in cui non ci sono né interruzioni né inflazione dei prezzi. Da qui deriverebbe una specie di garanzia di redditi sempre maggiori sui mercati azionari. Quando si descrivono queste rosee prospettive solitamente si evita accuratamente di menzionare un elemento molto importante. Secondo tutte le misurazioni ufficiali, l incremento di produttività registrato negli USA tra gli anni Settanta e il 1995 risulta inferiore a quello registrato in tutto il dopoguerra fino alla fine degli anni Sessanta. 3

4 Mentre l economia USA negli anni Cinquanta e Sessanta ha mediamente registrato un incremento annuo della produttività di poco superiore al 2%, nel periodo successivo la media è stata di circa la metà. Le cose assumono un aspetto maggiormente preoccupante quando la curva dell andamento della produttività viene confrontata con la curva degli investimenti nel settore informatico. In tal caso infatti i rapporti diventano inversamente proporzionali: all aumento degli investimenti nelle tecnologie informatiche corrisponde in pratica una diminuzione di produttività dell economia USA. Gli economisti definiscono il fenomeno il "paradosso della produttività". Qualche anno fa il Nobel per l economia Robert Solov disse chiaro e tondo: "Gli effetti dell epoca del computer si sentono dappertutto meno che nelle statistiche della produttività". Ma se manca questa mitica espansione della produttività che fa parlare di "boom economico USA", che cosa alimenta l euforia incredibilmente protratta che imperversa sui mercati azionari? La risposta si trova facilmente dando un occhiata alle cifre del debito, degli investimenti nelle infrastrutture e nel reddito reale. 4

5 L economia USA è preda di quella che si sta rivelando la più grossa bolla speculativa della storia dell umanità. Per tenere in piedi la piramide occorre convincere percentuali sempre maggiori della popolazione ad affidare risparmi e pensione ai giochi febbrili della borsa. Per questo è stato allestito tutto l arsenale pubblicitario della "New Economy". In effetti sono proprio pochi gli investitori tanto ingenui da credere davvero alla miracolistica della "New Economy". Per continuare a massimizzare i profitti derivanti dalla bolla speculativa si finisce per rinunciare a fare o rimandare gli investimenti a lungo termine e gli accantonamenti di vario tipo. Questo avviene nei bilanci familiari, in quelli delle imprese e delle amministrazioni pubbliche e governative. Le conseguenze complessive di questa ottica del profitto immediato sono le seguenti: L accumulo di una spaventosa piramide di debiti delle imprese e dei privati. L abbandono degli investimenti pubblici nelle manutenzioni e nel rinnovo delle infrastrutture fisiche. La diminuzione del livello di vita di strati crescenti della popolazione dovuta a perdite di potere d acquisto e ai tagli del bilancio sociale. La piramide del debito L indebitamento delle famiglie (credito ai consumi, carte di credito, credito per l auto, ecc.) è passato da 3,3 5

6 a 6 trilioni di dollari nel corso degli anni Novanta. Il debito delle imprese nel corso dello stesso decennio è passato da 6 a quasi 13 trilioni di dollari. Il debito pubblico è passato anch esso dai 3 ai 6 trilioni di dollari nello stesso arco di tempo. Al debito complessivo di questi tre settori privati, imprese e pubbliche amministrazioni che ha raggiunto i 25 trilioni di dollari, circa il 300% del PIL, si assommano 60 trilioni di dollari di scadenze a breve termine delle banche USA nel settore dei derivati finanziari, le operazioni speculative fuori bilancio. Questo debito è aumentato sei volte nel corso dell ultimo decennio. Attualmente l indebitamento complessivo degli USA si moltiplica tre volte più rapidamente del PIL: ad ogni nuovo dollaro di PIL corrispondono tre dollari di debito! 6

7 Nel debito delle famiglie, la categoria che aumenta più rapidamente riguarda i debiti contratti per l acquisto di azioni (margin debt). Questo debito ha oggi raggiunto una percentuale del PIL pari a quella del crac del Nel corso del 1999 l indebitamento per l acquisto di azioni è passato dai 141 ai 228 miliardi di dollari, un incremento del 56%. Nel gennaio 2000 la cifra ha raggiunto i 244 miliardi. In questa categoria si contano solo i debiti che gli investitori contraggono con il broker. Se poi si aggiunge il debito contratto allo stesso scopo su carta di credito, l ipoteca del fondo pensionistico e della casa, il volume del debito per l acquisto di titoli di borsa si può calcolare sui 600 miliardi di dollari. Le famiglie USA spendono più di quanto guadagnano, per cui l economia USA consuma più beni e servizi di quanti ne produce come questo è evidente dall esplosione del deficit commerciale verificatasi negli ultimi anni: All inizio degli anni Novanta il deficit era contenuto al di sotto dei 50 miliardi di dollari. Dal 1994 al 1997 le importazioni hanno superato le esportazioni di circa 100 miliardi di dollari annui. L accentuata spinta consumistica degli anni successivi non è stata accompagnata da una spinta produttiva per cui il deficit ha raggiunto i 169 miliardi di dollari nel 1998 ed i 271 nel Se poi si considerano le sole merci, escludendo i servizi, il deficit del 1999 è di 347 miliardi di dollari! Si tratta di un andamento inarrestabile, tanto che nel primo mese del 2000 il deficit ha toccato il nuovo record mensile di 28 miliardi di dollari. A questo punto, le importazioni aumentano cinque volte più rapidamente delle esportazioni. 7

8 Buone le indicazioni sui profitti delle imprese, aumentati nel quarto trimestre per la quarta volta consecutiva, con un progresso su base annua del 4,1%, il più ampio dal tre anni (+2,1% nel terzo trimestre). Nell'intero 2002 i profitti delle imprese usa sono diminuiti del 4% (- 10% nel 2001). Riduzione delle esportazioni e frenata dei consumi sono stati alla basi del rallentamento del Pil del quarto trimestre, mentre gli investimento hanno dato segni di ripresa per la prima volta in due anni. I consumi sono cresciuti dell'1,7% (rivisto da +1,5% preliminare) nel quarto trimestre, meno del 4,2% annuo del terzo trimestre. La spesa per beni durevoli, auto incluse, ha subito un tracollo dell'8,2%, in più ampio dalla recessione del Gli investimenti sono saliti del 2,3% rivisto mentre il valore delle scorte è aumentato di 25,8 miliardi di dollari, l'incremento maggiore degli ultimi due anni. Le vendite reali finali (Pil meno variazione delle scorte) sono quindi aumentate nel quarto trimestre dell'1,1% (rivisto da +1,2% preliminare) contro il 3,4% nel precedente trimestre. L'economia Usa è stata penalizzata nell'ultimo trimestre del 2002 da un caduta delle esportazioni del 5,8% (rivisto da -4,4%) e da un aumento delle importazioni del 7,4% (rivisto da +7,2%). A riequilibrare la situazione ha contribuito, tuttavia, l'aumento della spesa pubblica (federale, statale e locale) Infrastrutture fatiscenti Secondo l American Society of Civil Engineers (ASCE), soltanto a Washington occorre investire nel corso dei prossimi cinque anni 1,3 trilioni di dollari solo per colmare le lacune infrastrutturali più vistose. Inoltre: Il 59% della rete stradale USA versa in condizioni tra il carente ed il disastroso. Anche in previsione di un aumento 8

9 del 66% del traffico stradale nell arco dei prossimi venti anni, la rete risulta in ogni caso insufficiente. Già attualmente più del 70% del traffico si svolge in situazioni di congestionamento nelle ore di punta. Il 31% dei ponti manifesta delle carenze strutturali o addirittura non è più transitabile. Il 20% degli autobus e il 23% delle vetture ferroviarie sono in condizioni carenti. Lo stesso dicasi per il 35% dei veicoli agricoli e dei veicoli speciali. Il 21% dei binari dev essere sostituito. Il continuo rinvio delle manutenzioni di molte dighe costituisce una minaccia alla vita dei cittadini con il rischio di danni materiali enormi. Su dighe, sono giudicate altamente pericolose e altre sono state definite insicure. Negli ultimi cinque anni sono stati notificati 350 cedimenti di dighe. Un quarto di tutte le dighe ha più di cinquant anni; queste stanno quindi superando la vita media per cui sono state progettate. Più di un terzo delle dighe della categoria ad alto rischio non sono mai state ispezionate nel corso degli ultimi otto anni. Nel 1996 il 7% dell erogazione complessiva d acqua potabile non è stata sufficientemente depurata per rientrare nelle norme vigenti, di conseguenza l acqua per uso domestico deve essere prima bollita. I 16 mila sistemi fognari pubblici sono generalmente sovraccarichi e vecchi. Le scuole pubbliche versano in condizioni tanto fatiscenti da richiedere la completa ricostruzione di un terzo degli edifici. I 14 milioni di studenti nei prossimi anni aumenteranno, mentre per l edilizia scolastica non è previsto alcun freno allo smantellamento provocato da condizioni 9

10 sempre più precarie: infiltrazioni di acqua piovana, malfunzionamento del riscaldamento, ecc. La "piena occupazione", più posti di lavoro e meno salario Uno dei vanti attribuiti alla "New Economy" sarebbero i 30 milioni di posti di lavoro creati dagli anni Ottanta. Come prima cosa a questo riguardo si preferisce tacere il fatto che tra il 1990 e il 1998 la popolazione USA è aumentata di 21,5 milioni. Occorre quindi notare che dopo un decennio di sistematico alleggerimento della busta paga reale, oggi solo la metà dei posti di lavoro offre una retribuzione sufficiente al mantenimento di una famiglia di due o più persone. Di conseguenza si registra un aumento preoccupante del doppio o triplo lavoro. Circa due terzi delle donne americane in età lavorativa svolgono un attività. Tra il 1990 ed il 1997, le madri sole con bambini al di sotto dei sei anni costrette a lavorare sono passate dal 48,7% al 65,1%. Mentre i profitti della borsa negli ultimi anni hanno creato molti nuovi miliardari, i quattro quinti delle famiglie USA hanno subito una riduzione del reddito (fig. 3). L 80% delle famiglie, quelle che rientrano nelle fasce inferiori della piramide, hanno complessivamente un reddito che tra il 1977 ed il 1999 si è ristretto dal 55,8% al 49,6%. L 1% delle famiglie, le più ricche (1,2 milioni con 2,75 milioni di persone), incassa più del 38% delle famiglie a reddito più basso (43,7 milioni con 105,6 milioni di persone). Mai prima nella storia americana il divario tra ricchi e poveri è stato così accentuato. La forbice tra ricchezza e povertà è stata esasperata dai mercati azionari. Tra il 1995 ed il 1999 i redditi di capitale incassati sono passati da 180 a 530 miliardi di dollari. In realtà le entrate di redditi di capitale, dividendi ed interessi sono ammontate nel 1999 a circa 1,6 trilioni di dollari. Il reddito delle attività finanziarie è 10

11 sostanzialmente maggiore del reddito delle occupazioni produttive (industria, agricoltura, costruzioni, miniere, trasporti, energia). Tre quarti del reddito finanziario però finisce nelle tasche del 20% delle famiglie a reddito alto. A moltiplicare i dividendi dei ricchi contribuiscono dagli anni Settanta i generosi sgravi fiscali che vengono finanziati con i tagli spietati del budget sociale e delle spese alla sanità. Nel Balanced Budget Act del 1997 sono stati approvati tagli al welfare sociale e alla sanità per 433 miliardi di dollari in un periodo di 10 anni: Nel "Medicare", l assistenza sanitaria usufruita da 38 milioni tra anziani e handicappati, i tagli sono di 115,1 miliardi, tra il 1998 ed il 2002 e di altri 270,4 miliardi tra il 2003 ed il Nel "Medicaid", l assistenza sanitaria usufruita da 36 milioni di poveri, i tagli sono di 10,4 miliardi tra 1998 e 2002 e di 37,4 miliardi tra 2003 e Molti ospedali delle amministrazioni comunali, che mediamente coprono il 44% del proprio bilancio con gli assegni di Medicare e Medicaid, vanno incontro al fallimento sicuro. Meno di due terzi degli occupati negli USA usufruisce di un assistenza sanitaria. Tra quelli del 20% a reddito più basso, solo un occupato su quattro è assistito. Nel 1999 i bambini senza assistenza sono stati 11 milioni. Tra il 1987 ed il 1997 i cittadini americani costretti a rinunciare all assistenza medica sono passati dai 31 ai 43,4 milioni. La stessa tendenza si riscontra sul fronte delle pensioni. Solo il 45% degli occupati versa i contributi previdenziali. Tra il 20% a reddito inferiore la percentuale scende a 13%. Crisi finanziaria e il caso Enron 11

12 Il problema dei crack economici e finanziari di grosse aziende è un problema globale di gestione della Governance finanziaria all interno di un sistema economico. L impatto infatti di crack di queste dimensioni si ripercuote su tutti gli agenti economici facenti parte il mercato finanziario, fondi, fondi pensione, banche. Questo significa che è centrale la creazione di un mercato basato su regole certe e trasparenti sui bilanci. La relazione che sussiste dunque tra società di revisione e società non è soltanto una questione che riguarda tali soggetti ma è un problema più generale che va risolto con una attenta costruzione di meccanismi giuridici che permettano di minimizzare i rischi di tali transazioni economiche che come si è visto possono avere un impatto molto forte sui mercati finanziari. Il caso Enron poi ha sollevato altri punti chiave all interno della Corporate Governance: la fornitura di servizi complementari da parte del revisore e il fatto che sia assunto dal suo cliente. Questi crack infatti provocano a catena diversi effetti: perdite per gli azionisti, perdite per i fondi pensione, e per altri soggetti sul mercato finanziario. Dunque il crollo di una azienda per ragioni economico finanziarie può avere grosse ripercussioni addirittura sulla pensione degli stessi dipendenti, oltre che sul reddito degli azionisti. Dunque gli effetti possono essere estremamente gravi ed estremamente persistenti nel tempo (perdita della fiducia). Effetti finanziari di lungo periodo Il problema più grosso è quindi quello di mantenere la fiducia e la credibilità verso gli operatori finanziari. Una tale credibilità deve essere mantenuta con controlli incrociati e con regole trasparenti che possano rapidamente segnalare le situazioni pericolose. Quando ciò non avviene tutti I soggetti del sistema finanziario vengono messi a repentaglio I fondi pensione, I fondi, ed in generale il sistema bancario e I mercati. Gli effetti di lungo periodo sono stati calcolati da Brooking Institution e prevede un tempo per cui gli investori 12

13 rimangono a guardare e ad aspettare appunto che la situazione economico finanziaria si chiarisca e diminuisca il rischio. Tali effetti vengono ad esplicarsi in questa maniera: inferiori investimenti azionari (infatti la rischiosità dei titoli va ad aumentare senza che aumenti il ritorno) che si vanno ad impattare su un minore reddito, in quanto la quota proveniente da reddito finanziario viene a mancare. Per le imprese maggiori difficoltà per il finanziamento, e maggiore difficoltà a perseguire delle politiche aziendali di sviluppo. Insieme i due fenomeni creano minori consumi, maggiore disoccupazione. Le stime econometriche della Fed, in particolare, mostrano che 1 dollaro in più di ricchezza proveniente dagli stock di investimento portano una crescita dei consumi di tre centesimi e mezzo, mentre gli investimenti declineranno dello 0.8% in risposta ad una perdita del 20% nella ricchezza della ricchezza finanziaria (stock market wealth). In finale dunque a livello finanziario da 37 a 42 miliardi di dollari, circa 75mila e 84mila miliardi di lire, più o meno quanto spende in un anno il Governo di Washington per la sicurezza interna. Gli effetti dunque si dovrebbero riversare in maniera pesante sulle variabili macroeconomiche fondamentali consumo, investimenti, anche i capitali ed i flussi di questi provenienti dall estero ne dovrebbero risentire di conseguenza. Note: ENRON è una società a livello mondiale nel campo della distribuzione del gas naturale e della produzione di energia elettrica con sede a Houston, in Texas, con un organico di circa dipendenti distribuiti in tutto il mondo. ENRON costruisce e gestisce strutture di trasporto e distribuzione di gas naturale, centrali elettriche ed è leader nello sviluppo di infrastrutture energetiche, risk management e servizi finanziari. 13

14 Possiede e gestisce: una rete di distribuzione di gas con più di miglia di tubazioni attraverso le quali fluisce il 15% circa del gas naturale consumato negli Stati Uniti e inoltre centrali elettriche per una potenza complessiva di circa MW. 401K Sono fondi pensione individuali. I soldi sono in mano al padrone. Teoricamente il lavoratore può dire direttamente al gestore del fondo (finanziarie) quali azioni vendere o comprare, giocandosi così da solo ogni giorno in Borsa la propria vecchiaia. Nella realtà -come alla Enron- il lavoratore era obbligato a tenersi le azioni del proprio padrone perché altrimenti questi non avrebbe più versato la sua parte di contributi sul 401k. "In media i lavoratori americani riversano tra il 5 e l'8% del salario in questi piani, con un variabile contributo aziendale". I 401k hanno compiuto 20 anni nel 2001, e oggi contano su miliardi di dollari (4 milioni di miliardi di lire) di attività e 42 milioni di investitori" (IlSole24ore, ). 14

15 Bibliografia: Brooking Institution (2002) "The Bigger They Are, The Harder They Fall: An Estimate of the Costs of the Crisis in Corporate Governance" Il Sole 24 ore (vari giorni) K. Palepu, V. Bernard and P. Healy (1996) Introduction to Business Analysis and Valuation, Southwestern Press Wall Street Journal (vari giorni) Siti Internet The Brooking Institution: Il Sole 24 ore: Lettera Finanziaria: 15

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO CODICE TAVOLA SOTTOCAPITOLO

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO CODICE TAVOLA SOTTOCAPITOLO CAPITOLO INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO SOTTOCAPITOLO CODICE TAVOLA DESCRIZIONE TAVOLA delle a livello. Iscrizioni/cancellazioni/stock di registrate/stock di attive

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York La crisi del 29 Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York Giovedì 24 Ottobre 1929: crollo della Borsa di New York Provoca crisi economica mondiale Segna trauma epocale che destabilizzerà le

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Quel buco nero chiamato fiscal cliff

Quel buco nero chiamato fiscal cliff Quel buco nero chiamato fiscal cliff Nell agenda del rieletto presidente Obama è sicuramente l argomento più importante da affrontare entro la fine dell anno. Il punto da cui dipenderà buona parte dell

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

GDP AND MORE IL SISTEMA ECONOMICO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO

GDP AND MORE IL SISTEMA ECONOMICO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO GDP AND MORE IL SISTEMA ECONOMICO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO 5 Quali sono i settori dell economia altoatesina che contribuiscono maggiormente alla formazione del prodotto interno lordo? Quali sono

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Conferenza stampa LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Bologna, 5 dicembre 2014 Relazione di Gian Primo Quagliano, Presidente Econometrica e Centro Studi Promotor Questa

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI Elena Molignoni Mercato dei capannoni industriali Il comparto dei capannoni industriali ha evidenziato nel

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

Le risorse pubbliche e il modello per tornare a crescere

Le risorse pubbliche e il modello per tornare a crescere Il bilancio delle risorse in Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere Non consiste tanto la prudenza della economia nel sapersi guardare dalle spese, perché sono molte volte necessarie,

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo Ricavi a 204,7 milioni di Euro (206,6 milioni di Euro nel primo trimestre ) Margine operativo lordo a 24,2

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

FONDO DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DALL'ENEL E DALLE AZIENDE ELETTRICHE PRIVATE

FONDO DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DALL'ENEL E DALLE AZIENDE ELETTRICHE PRIVATE In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento dei maggiori fondi speciali gestiti dall Istituto. Questo vuole essere un

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LUNEDÌ 2 LUGLIO 2012 ORE 11.00 CENTRO CONSERVAZIONE E RESTAURO LA VENARIA REALE VIA XX SETTEMBRE 18 VENARIA REALE (TO) CONTESTO ECONOMICO

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

Fondav. I costi: alti e bassi

Fondav. I costi: alti e bassi Fondav Il volo della pensione Per gli assistenti di volo vi è il fondo pensione chiuso Fondav. Dopo la nostra analisi si è rivelato un fondo con pochi alti e molti bassi sia nei costi, sia, soprattutto,

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Lavoro e previdenza in Agriturismo. Il ruolo dell INPS.

Lavoro e previdenza in Agriturismo. Il ruolo dell INPS. Lavoro e previdenza in Agriturismo. Il ruolo dell INPS. Per delineare il ruolo dell INPS nel sistema agrituristico è necessario fare una breve premessa generale sul ruolo dell INPS nel sistema Paese Italia.

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Evasione Fiscale Equità Sociale Evasione Contributiva Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Appunti della Camera del Lavoro di Brescia su equità sociale, evasione fiscale e contributiva, sicurezza sul lavoro

Dettagli