Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 1. Premessa Il progetto mira a operare una rivalutazione generale delle architetture impiantistiche, volendo dare peso non solo all efficientamento energetico, ma piuttosto ripensando in toto gli impianti, anche con nuove distribuzioni - queste ultime non previste nel preliminare - al fine di restituire all Ente, per ciascun corpo di fabbrica, impianti nuovi e basati su nuove tecnologie che permettano da una parte livelli di standards energetici tra i più elevati possibili e dall altra altissimi livelli di comfort auspicabili e neanche paragonabili a quelli eventualmente raggiungibili secondo le opere e gli interventi a spot poste a base di gara. 2. Municipio L impianto esistente vede la presenza di singoli impianti, di climatizzazione invernale ed estiva, rispettivamente alimentati, il primo, con generatore di calore a gasolio e terminali a radiatori, il secondo con unità singole ad espansione diretta (comunemente chiamati split). Secondo il progetto preliminare non era prevista alcuna lavorazione per la sistemazione degli impianti singoli ad espansione diretta (split) ad oggi presenti. In generale veniva richiesta la sostituzione della caldaia, l installazione delle valvole termostatiche a corredo dei radiatori, l installazione di quattro nuove unità singole ad espansione diretta. Non era dunque menzionato alcun intervento impiantistico rivolto all integrazione funzionale e tecnologica e gli interventi di efficientamento degli impianti veniva risolto, nel progetto preliminare, con l installazione di apparecchiature con maggior efficienza che avrebbero mantenuto l impianto, nel complesso, ad un grado di efficienza non elevato, lasciando invece ampi margini di miglioramento, non solo dal punto di vista energetico ma anche per il livello di comfort raggiungibile. La necessità del mantenimento del comfort sia in regime invernale che estivo ha indotto a considerare la possibilità che il sistema di climatizzazione potesse essere di tipo centralizzato piuttosto che frazionato, specie in regime estivo, affrancandosi Pagina 1

2 dunque i benefici riconducibili alla maggiore efficienza energetica realizzabile con un nuovo impianto di ultima generazione e strutturato secondo più elevati standards energetici. Oltre a quanto considerato, si è valutato anche il fatto che l adeguamento dell impianto di riscaldamento esistente, a mezzo di sostituzione del generatore di calore e installazione di valvole termostatiche a corredo dei terminali radiatori, se da una parte avrebbe favorito indubbiamente il contenimento dei consumi energetici, sebbene senza un sensibile aumento del rendimento globale, dall altra, non avendo previsto alcun intervento sull impianto di distribuzione, non avrebbe potuto garantire la vita utile dell intero impianto correlato a quella delle nuove apparecchiature installate: infatti, una qualunque avaria all impianto di distribuzione vanificherebbe in maniera integrale il funzionamento dell impianto, lasciando dunque un alea non accettabile a fronte di un intervento programmato in modo massivo e completo come quello previsto nelle opere da appaltare. a. Intervento di progetto Si è deciso dunque di progettare un rifacimento totale degli impianti, sia di climatizzazione invernale che estiva, utilizzando una tecnologia, del tipo ad espansione diretta a portata di refrigerante variabile, che si configura come la miglior soluzione, sia per il carattere funzionale-impiantistico che per l elevatissimo standard di efficienza energetica. La soluzione impiantistica scaturisce da una valutazione tecnica maturata anche in ragione delle particolari lavorazioni previste nel progetto definitivo; non solo dunque per la particolare tipologia impiantistica da voler adottare ma soprattutto, volendo realizzare un nuovo impianto, da esigenze tecniche di realizzazione e funzionali. Non potendo interessare tutte le superfici disponibili (per esempio pavimenti), si è dovuta escludere qualunque possibilità di distribuzione a pavimento; alla stessa stregua, gli spazi a controsoffitto risultavano idonei solo per l installazione di Pagina 2

3 tubazioni di dimensioni limitate: da una parte dunque la difficoltà di realizzare una distribuzione ad acqua che potesse essere efficiente, vista la necessità di realizzare sfoghi d aria nella sommità delle tubazioni e dall altra un limite fisico dovuto alle dimensioni del controsoffitto e delle tubazioni e dell isolamento termico da installare al suo interno. Tra le diverse applicazioni possibili ci si è rivolti verso un impianto centralizzato a portata di refrigerante variabile, sistema impiantistico che ingloba tutti gli obiettivi proposti nel progetto. Dal punto di vista funzionale-impiantistico, la distribuzione del gas refrigerante quale fluido vettore supera eventuali problematiche che potrebbero generarsi con l uso di un impianto di tipo idronico (con acqua quale fluido vettore) legate alla possibilità, con quest ultimo, di formazione di sacche di aria difficilmente contrastabili nel tempo, dunque rischio di scarsa circolazione e perdita immediata dell efficacia dell impianto. La struttura impiantistica apporta invece, rispetto anche alla configurazione indicate nel bando di gara (sostituzione caldaia, installazione di valvole termostatiche, integrazione di quattro sistemi singoli ad espansione diretta) valore aggiunto congenito, rappresentato dalla peculiarità del sistema stesso: generatore ad altissima efficienza, controllo puntuale delle condizioni termoigrometriche interne ad ogni singolo locale, controllo delle parzializzazioni di funzionamento con aumento del rendimento dell impianto, funzionamento sia estivo che invernale (pompa di calore reversibile). Il sistema funziona senza l uso di pompe perché il fluido termovettore (gas refrigerante) viene trasportato per differenza di pressione generata dai compressori, questi ultimi funzionanti con controllo ad inverter, al fine di inseguire i carichi parziali dell impianto e garantire il minimo assorbimento elettrico possibile, dunque la massima efficienza energetica perseguibile. La configurazione progettata garantisce l oggettivo aumento di rendimento globale del sistema impianto che, insieme alle soluzioni costruttive previste per l involucro Pagina 3

4 edilizio, rendono il sistema edificio-impianto altamente performante tanto da assegnarne, secondo le ipotesi di progetto, una classe energetica di primo livello. Al fine poi di evitare aperture di infissi per ricambio d aria, anche all interno dei bagni, si è ritenuto opportuno proporre l installazione di sistemi di ventilazione forzata attivo nelle ore di occupazione. I sistemi sono installi all interno dei locali w.c. e la loro installazione è stata studiata per far si che gli stessi sistemi avessero valenza sia per quanto concerne il normale ricambio d aria all interno dei locali w.c. (lavaggio del locale sporco), sia per il rinnovo totale dell aria all interno dell intero edificio (posizione contrapposta rispetto alle superfici permanentemente aperte - porte ingresso), sia per garantire una condizione di comfort all interno dei locali stessi senza l ausilio di ulteriori unità terminali che avrebbero comportato un inutile aumento dei consumi. Pagina 4

5 3. Scuola elementare L impianto esistente vede la presenza di un impianto di climatizzazione invernale alimentato con generatore di calore e terminali a radiatori. In generale veniva richiesta la sostituzione della caldaia, l installazione di fan coils in sostituzione dei radiatori, l installazione di sei nuove unità singole ad espansione diretta per la climatizzazione estiva dei locali amministrazione, l installazione di pannelli solari termici. Non era dunque richiesto alcun intervento impiantistico rivolto all integrazione funzionale e tecnologica e gli interventi di efficientamento degli impianti si sarebbero potuti realizzare con l installazione di apparecchiature con maggior efficienza che avrebbero mantenuto l impianto, nel complesso, ad un grado di efficienza non elevato, lasciando invece ampi margini di miglioramento, non solo dal punto di vista energetico ma anche per il livello di comfort raggiungibile. La necessità del mantenimento del comfort sia in regime invernale che estivo, sebbene quest ultimo limitato ad alcuni locali, ha indotto a considerare la possibilità che il sistema di climatizzazione potesse essere di tipo centralizzato piuttosto che frazionato, anche in regime estivo, affrancandosi dunque i benefici riconducibili alla maggiore efficienza energetica realizzabile con un nuovo impianto di ultima generazione e strutturato secondo più elevati standards energetici. Oltre a quanto considerato, si è valutato anche il fatto che l adeguamento dell impianto di riscaldamento esistente, a mezzo di sostituzione del generatore di calore e installazione di fan coils in sostituzione dei radiatori, se da una parte avrebbe favorito indubbiamente il contenimento dei consumi energetici, sebbene senza un sensibile aumento del rendimento globale, dall altra, non avendo previsto intervento sull impianto di distribuzione, non avrebbe potuto garantire la vita utile dell intero impianto correlato a quella delle nuove apparecchiature installate: infatti, una qualunque avaria all impianto di distribuzione, vanificherebbe in maniera integrale il funzionamento dell impianto, lasciando dunque un alea non Pagina 5

6 accettabile a fronte di un intervento programmato in modo massivo e completo come quello previsto nelle opere. a. Intervento di progetto Alla luce di quanto esposto si è deciso dunque di progettare una soluzione impiantistica che prevedesse un rifacimento totale degli impianti, sia di climatizzazione invernale che estiva, utilizzando tecnologie che si configurassero come la miglior soluzione, sia per il carattere funzionale-impiantistico che per l elevatissimo standard di efficienza energetica: il generatore di calore sarà una pompa di calore ad inversione di ciclo, dunque con funzione anche di gruppo frigorifero per l alimentazione dell acqua refrigerata ai locali amministrazione, pannelli radianti a soffitto per tutta la superficie da riscaldare, locai w.c. compresi, fan coils, alimentati dal sistema centralizzato, per la climatizzazione estiva dei locali amministrazione. La soluzione impiantistica scaturisce da una valutazione tecnica maturata anche in ragione delle particolari lavorazioni previste in progetto; non solo dunque per la particolare tipologia impiantistica da voler adottare ma soprattutto, volendo realizzare un nuovo impianto, da esigenze tecniche sia di realizzazione sia funzionali. Non potendo interessare tutte le superfici disponibili (per esempio pavimenti) ed avendo previsto nei locali un abbassamento delle quote a mezzo di controsoffittature, si è ritenuto opportuno prevedere un impianto radiante a soffitto, la cui peculiarità è quella di replicare spontaneamente le condizioni di irraggiamento solare (dall alto) alle quali siamo naturalmente avvezzi e che caratterizzano le condizioni di comfort che istintivamente il corpo umano predilige. Il sistema impiantistico ingloba tutti gli obiettivi proposti nel progetto. Dal punto di vista funzionale-impiantistico, la distribuzione dell acqua all interno dei pannelli è garantita da serpentine preformate con pannelli che sono accoppiabili meccanicamente, sia in serie che in parallelo, generando zone impiantistiche con Pagina 6

7 controllo dedicato, sia per le temperature sia per i periodi di esercizio degli impianti, garantendo la massima flessibilità di gestione, specie per le zone con occupazione discontinua, per le quali le normative vigenti obbligano a tale tipo di conduzione. La struttura impiantistica apporta valore aggiunto congenito, rappresentato dalla peculiarità del sistema stesso: generatore ad altissima efficienza, controllo puntuale delle condizioni termoigrometriche interne ad ogni singola zona, controllo delle parzializzazioni di funzionamento con aumento del rendimento dell impianto, funzionamento sia estivo che invernale (pompa di calore reversibile). Il sistema funziona con pompe con controllo ad inverter, al fine di inseguire i carichi parziali dell impianto e garantire il minimo assorbimento elettrico possibile, dunque la massima efficienza energetica perseguibile. La configurazione garantisce l oggettivo aumento di rendimento globale del sistema impianto che, insieme alle soluzioni costruttive previste per l involucro edilizio, rendono il sistema edificio-impianto altamente performante tanto da assegnarne, secondo le ipotesi di progetto proposte, una classe energetica di primo livello. L impianto, mantenendo la medesima struttura e qualora lo si volesse, potrà essere implementato anche per la climatizzazione estiva di tutti i locali aule, inserendo sulle tubazioni già predisposte, unità ventilanti per il controllo dell umidità. Anche all interno dei bagni si è ritenuto opportuno, vista la presenza di bambini, utilizzare il riscaldamento diffuso, al fine di garantire le migliori condizioni di comfort in qualunque momento della giornata scolastica. Per quanto alla produzione di acqua calda sanitaria, si è prevista l installazione di pannelli solari termici con funzionamento in serie ai bollitori esistenti, al fine di garantire la massima integrazione in ragione delle particolari condizioni di irraggiamento solare. 4. Scuola Materna L impianto esistente vede la presenza di un impianto di climatizzazione invernale alimentato con generatore di calore e terminali a radiatori. Pagina 7

8 In generale veniva richiesta la sostituzione della caldaia, l installazione di valvole termostatiche a corredo dei radiatori, l installazione di pannelli solari termici. Non era dunque menzionato alcun intervento impiantistico rivolto all integrazione funzionale e tecnologica e gli interventi di efficientamento degli impianti erano previsti con l installazione di apparecchiature con maggior efficienza, che avrebbero mantenuto l impianto, nel complesso, ad un grado di efficienza non elevato, lasciando invece ampi margini di miglioramento, non solo dal punto di vista energetico ma anche per il livello di comfort raggiungibile. La necessità del mantenimento del comfort in regime invernale, ha indotto a considerare la possibilità che il sistema di climatizzazione potesse essere di tipo centralizzato con predisposizione per futuro ampliamento anche in regime estivo, affrancandosi dunque i benefici riconducibili alla maggiore efficienza energetica realizzabile con un nuovo impianto di ultima generazione e strutturato secondo più elevati standards energetici. Oltre a quanto considerato, si è anche valutato anche il fatto che l adeguamento dell impianto di riscaldamento esistente, a mezzo di sostituzione del generatore di calore e installazione valvole termostatiche a corredo dei radiatori, se da una parte avrebbe favorito indubbiamente il contenimento dei consumi energetici, sebbene senza un sensibile aumento del rendimento globale, dall altra, non avendo previsto intervento sull impianto di distribuzione, non avrebbe potuto garantire la vita utile dell intero impianto correlato a quella delle nuove apparecchiature installate: infatti, una qualunque avaria all impianto di distribuzione, avrebbe vanifocato in maniera integrale il funzionamento dell impianto, lasciando dunque un alea non accettabile a fronte di un intervento programmato in modo massivo e completo come quello previsto nelle opere da appaltare. a. Intervento di progetto Alla luce di quanto esposto si è deciso dunque di progettare una soluzione impiantistica che prevede un rifacimento totale degli impianti di climatizzazione Pagina 8

9 invernale, utilizzando tecnologie che si configurano come la miglior soluzione, sia per il carattere funzionale-impiantistico sia per l elevatissimo standard di efficienza energetica: il generatore di calore sarà una pompa di calore ad inversione di ciclo, dunque con funzione anche di gruppo frigorifero per l alimentazione dell acqua refrigerata, per futuro eventuale esercizio, pannelli radianti a soffitto per tutta la superficie da riscaldare, locai w.c. compresi. La soluzione impiantistica scaturisce da una valutazione tecnica maturata anche in ragione delle particolari lavorazioni previste nel progetto definitivo; non solo dunque per la particolare tipologia impiantistica da voler adottare ma soprattutto, volendo realizzare un nuovo impianto, da esigenze tecniche di realizzazione e funzionali. Non potendo interessare tutte le superfici disponibili (per esempio pavimenti) ed avendo previsto nei locali un abbassamento delle quote a mezzo di controsoffittature, si è ritenuto opportuno prevedere un impianto radiante a soffitto, la cui peculiarità è quella di replicare spontaneamente le condizioni di irraggiamento solare (dall alto) alle quali siamo naturalmente avvezzi e che caratterizzano le condizioni di comfort che istintivamente il corpo umano predilige. Il sistema impiantistico ingloba tutti gli obiettivi proposti nel progetto. Dal punto di vista funzionale-impiantistico, la distribuzione dell acqua all interno dei pannelli è garantita da serpentine preformate con pannelli che sono accoppiabili meccanicamente, sia in serie che in parallelo, generando zone impiantistiche con controllo dedicato, sia per le temperature che per i periodi di esercizio degli impianti, garantendo la massima flessibilità di gestione, specie per le zone con occupazione discontinua, per le quali le normative vigenti obbligano a tale tipo d conduzione. La struttura impiantistica apporta valore aggiunto congenito, rappresentato dalla peculiarità del sistema stesso: generatore ad altissima efficienza, controllo puntuale delle condizioni termoigrometriche interne ad ogni singola zona, controllo delle Pagina 9

10 parzializzazioni di funzionamento con aumento del rendimento dell impianto, funzionamento sia estivo che invernale (pompa di calore reversibile). Il sistema funziona con di pompe con controllo ad inverter, al fine di inseguire i carichi parziali dell impianto e garantire il minimo assorbimento elettrico possibile, dunque la massima efficienza energetica perseguibile. La configurazione progettata garantisce l oggettivo aumento di rendimento globale del sistema impianto che, insieme alle soluzioni costruttive previste per l involucro edilizio, rendono il sistema edificio-impianto altamente performante tanto da assegnarne, secondo le ipotesi di progetto proposte, una classe energetica di primo livello. L impianto, mantenendo la medesima struttura e qualora lo si volesse, potrà essere implementato anche per la climatizzazione estiva di tutti i locali aule inserendo, sulle tubazioni già predisposte, unità ventilanti per il controllo dell umidità. Anche all interno dei bagni si è ritenuto opportuno, vista la presenza di bambini, utilizzare il riscaldamento diffuso, al fine di garantire le migliori condizioni di comfort in qualunque momento della giornata scolastica. Per quanto alla produzione di acqua calda sanitaria, si è prevista l installazione di pannelli solari termici con funzionamento in serie ai bollitori esistenti, al fine di garantire la massima integrazione in ragione delle particolari condizioni di irraggiamento solare. 5. Centro sociale per anziani L impianto esistente vede la presenza di un impianto di climatizzazione invernale alimentato con generatore di calore e terminali a radiatori. In generale veniva richiesta la sostituzione della caldaia, l installazione di fan coils, l installazione di pannelli solari termici. Non era dunque menzionato alcun intervento impiantistico rivolto all integrazione funzionale e tecnologica e gli interventi di efficientamento degli impianti erano circoscritti all installazione di apparecchiature con maggior efficienza che avrebbero Pagina 10

11 mantenuto l impianto, nel complesso, ad un grado di efficienza non elevato, lasciando invece ampi margini di miglioramento, non solo dal punto di vista energetico ma anche per il livello di comfort raggiungibile. La necessità del mantenimento del comfort in regime invernale, ha indotto a considerare la possibilità che il sistema di climatizzazione potesse essere di tipo centralizzato con predisposizione per futuro ampliamento anche in regime estivo, affrancandosi dunque i benefici riconducibili alla maggiore efficienza energetica realizzabile con un nuovo impianto di ultima generazione e strutturato secondo più elevati standards energetici. Oltre a quanto considerato, si è anche valutato anche il fatto che l adeguamento dell impianto di riscaldamento esistente, a mezzo di sostituzione del generatore di calore e installazione di fan coils, se da una parte avrebbe favorito indubbiamente il contenimento dei consumi energetici, sebbene senza un sensibile aumento del rendimento globale, dall altra, non avendo previsto intervento sull impianto di distribuzione, non avrebbe potuto garantire la vita utile dell intero impianto correlato a quella delle nuove apparecchiature installate: infatti, una qualunque avaria all impianto di distribuzione, avrebbe vanificato in maniera integrale il funzionamento dell impianto, lasciando dunque un alea non accettabile a fronte di un intervento programmato in modo massivo e completo come quello previsto nelle opere da appaltare. a. Intervento di progetto Alla luce di quanto esposto si è progettata una soluzione impiantistica che prevede un rifacimento totale degli impianti di climatizzazione invernale, utilizzando le medesime tecnologie previste nel progetto preliminare e prevedendo anche il rifacimento dell intera distribuzione delle tubazioni, dimensionata per le portate d acqua tali da garantire la corretta distribuzione anche in ciclo estivo, qualora in futuro si volesse utilizzare un gruppo frigorifero per la produzione dell acqua refrigerata. Pagina 11

12 La soluzione impiantistica scaturisce da una valutazione tecnica maturata anche in ragione delle particolari lavorazioni previste nel progetto definitivo; non solo dunque per la particolare tipologia impiantistica da voler adottare ma soprattutto, volendo realizzare un nuovo impianto, da esigenze tecniche di realizzazione e funzionali. Il sistema funziona con di pompe con controllo ad inverter, al fine di inseguire i carichi parziali dell impianto e garantire il minimo assorbimento elettrico possibile, dunque la massima efficienza energetica perseguibile. L impianto, mantenendo la medesima struttura e qualora lo si volesse potrà essere implementato anche per la climatizzazione estiva di tutti i locali perché le tubazioni sono già dimensionate per le portate corrette di acqua refrigerata (circa il doppio di quelle previste per il solo riscaldamento). Per quanto alla produzione di acqua calda sanitaria, vista la condizione di non modificare l impianto esistente, vista la necessità, durante l estate, di garantire prelievi costanti al fine di evitare sovratemperature che danneggerebbero l impianto stesso e visto invece l esiguo utilizzo dell acqua calda sanitaria, che, oltre al rischio appena esposto non avrebbe fatto conseguire alcun risparmio all Ente, si è preferito mantenere l impianto esistente. Pagina 12

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO Edifici comunali in rete CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA La riqualificazione

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A PECULIARITÀ - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. - Gas refrigerante ecologico R410A. - Rendimento C.O.P. 4,6. - Frequenza ridotta dei cicli di sbrinamento. - Regolazione automatica della velocità

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO Installazione a parete o a pavimento Versioni on-off e ad Inverter, abbinabile al sistema di gestione VMF

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%.

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%. 1. Diagnosi energetica La prima cosa da fare è ovviamente la diagnosi energetica dell edificio, sia sotto il profilo energetico che del comfort ambientale. La diagnosi dell edificio è necessaria per valutare

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE I VANTAGGI DELL IMPIANTO CENTRALIZZATO E DELL IMPIANTO AUTONOMO IN UN UNICA SOLUZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE Lo scenario energetico sta cambiando rapidamente; le direttive

Dettagli

Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI E UTENZE ENERGETICHE

Dettagli

maggiore benessere, minore consumo

maggiore benessere, minore consumo anli inverter, maggiore benessere, minore consumo si abbina con tutti i terminali (pannelli radianti, fancoil e radiatori) ed è in grado di produrre acqua calda sanitaria; gestisce gli impianti a portata

Dettagli

A PANNELLI RADIANTI, IL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMPIANTO GEOTERMICO ABITARE BENE, VIVERE MEGLIO.

A PANNELLI RADIANTI, IL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMPIANTO GEOTERMICO ABITARE BENE, VIVERE MEGLIO. ABITARE BENE, VIVERE MEGLIO. COMFORT, QUALITÀ, RISPARMIO ENERGETICO, IL COMFORT DELLA CLIMATIZZAZIONE A PANNELLI RADIANTI, IL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMPIANTO GEOTERMICO RISPARMIO ENERGETICO ESTRAZIONE

Dettagli

nzeb NEARLY ZERO ENERGY BUILDING La scuola e l energia sostenibile, un primo passo verso il 2020

nzeb NEARLY ZERO ENERGY BUILDING La scuola e l energia sostenibile, un primo passo verso il 2020 Impiantistica in case ad energia quasi zero Architetto Stefano Belcapo Consulente esperto Agenzia Casaclima PREMESSE L approccio progettuale integrato al sistema edificio-impianto Potenza ed energia Temperatura

Dettagli

ARCHITETTURA DEL SISTEMA

ARCHITETTURA DEL SISTEMA SISTEMI HEATING ARCHITETTURA DEL SISTEMA SISTEMA SPLIT ARIA-ACQUA CARRIER PRESENTA XP ENERGY,, L INNOVATIVA SOLUZIONE DI RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO PER APPLICAZIONI RESIDENZIALI CON SISTEMA SPLIT

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA Soluzione - La riqualificazione energetica

Dettagli

Impianto Solare Termico

Impianto Solare Termico Impianto Solare Termico La ING DG&R è in grado di progettare, fornire e realizzare impianti solari termici di qualsiasi dimensione, con accesso agli incentivi del Conto Energia Termico. A titolo di esempio

Dettagli

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Luigi Guerra, Ufficio Energia di Acer Reggio Emilia Alcuni numeri Il settore civile è

Dettagli

55% RISPARMIO ENERGETICO

55% RISPARMIO ENERGETICO AMICO DELLA NATURA ECO-FRIENDLY RIENTRA NEI PARAMETRIDILEGGE PER LA DETRAZIONE FISCALE DEL 55% IL BENESSERE DEL RISPARMIO ENERGETICO RISCALDAMENTO, CONDIZIONAMENTO E ACQUA CALDA SANITARIA A 50 C SENZA

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO Ing. Paolo Silveri Via Valle Bresciana, 10 25127 Brescia Tel. 347.9932215 silveri.progea@gmail.com COMUNE di ODOLO Provincia di Brescia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano.

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano. RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Maggio

Dettagli

IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE

IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE 1 IMPIANTI SOSTENIBILI Sostenibilità: equilibrio fra il soddisfacimento delle esigenze presenti, senza compromettere la possibilità delle

Dettagli

Comune di Porto Cesareo. Efficientamento energetico e miglioramento della sostenibilità ambientale della scuola materna di Via Piccinni.

Comune di Porto Cesareo. Efficientamento energetico e miglioramento della sostenibilità ambientale della scuola materna di Via Piccinni. INDICE INTRODUZIONE 2 1. CAPPOTTO TERMICO DELLE PARETI DI TAMPONAMENTO... 3 2. ISOLAMENTO TERMICO COPERTURA... 3 3. REALIZZAZIONE NUOVI INFISSI E SCHERMATURE SOLARI... 3 4. ISOLAMENTO TERMICO IMPIANTO

Dettagli

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare ITALTEC E N E R G I A S O S T E N I B I L E Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici Comune di Scuola Elementare 2 di 13 Indice 1. La domanda 2. Il risparmio in 3 punti 2.1. Il controllo 2.2.

Dettagli

Dosso, 6 febbraio 2012. Oggetto: Comunicato stampa ixwall HP

Dosso, 6 febbraio 2012. Oggetto: Comunicato stampa ixwall HP Dosso, 6 febbraio 2012 Oggetto: Comunicato stampa ixwall HP Lamborghini Calor presenta ixwall HP, un innovativa pompa di calore multifunzione ad incasso per la climatizzazione e la produzione di acqua

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Strategie e interventi di successo. Ing. Marco Oliva Per. Ind. Colombo Lorenzo

EFFICIENZA ENERGETICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Strategie e interventi di successo. Ing. Marco Oliva Per. Ind. Colombo Lorenzo EFFICIENZA ENERGETICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Strategie e interventi di successo Ing. Marco Oliva Per. Ind. Colombo Lorenzo Il contenimento dei costi aziendali è una necessità!! Le strutture commerciali

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI source X Performance Source NUOVI SISTEMI RADIANTI X PERFORMANCE I componenti che fanno parte della sezione X Performance, sono realizzati con materiali di elevatissima qualità e studiati per dare il massimo

Dettagli

WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica

WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica Dott. Ing. Georg Felderer Via Negrelli Straße 13 39100 Bolzano / Bozen Tel.: 0471 054040 KLIMAHOUSE 07 Il WineCenter a Caldaro Il WineCenter a Caldaro

Dettagli

Gli impianti geotermici

Gli impianti geotermici Gli impianti geotermici Valutazioni generali Nell ambito della provincia di Verona, qualunque sia il contesto geologico in cui realizzare l impianto geotermico, il criterio generale prevede di utilizzare

Dettagli

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo.

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. Maggiore efficienza energetica sistema radiante = maggiore comfort, minori consumi Lo scopo di tutti

Dettagli

Capitolo 1 Condizioni di progetto

Capitolo 1 Condizioni di progetto Premessa L intervento in oggetto riguarda la ristrutturazione del sistema di generazione del calore della scuola dell infanzia Aquilone, via dei Comuni fraz. Ferriera - Comune di Buttigliera Alta (TO).

Dettagli

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Serata informativa L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Puoi rivolgerti allo Sportello Energia per ottenere informazioni su aspetti tecnici, economici e normativi in materia

Dettagli

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI -

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - A. INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE COMPLESSIVA DELL EDIFICIO...2 A) VALORI LIMITE...2 B) COSTI AMMISSIBILI...3 C) CONTENUTO DELL ASSEVERAZIONE...3 B. INTERVENTI SU STRUTTURE

Dettagli

Inverter Rinnovabile Per l edilizia in classe A. SISTEMA IN POMPA DI CALORE BI-STADIO Con terminali d impianto per la climatizzazione a ciclo annuale

Inverter Rinnovabile Per l edilizia in classe A. SISTEMA IN POMPA DI CALORE BI-STADIO Con terminali d impianto per la climatizzazione a ciclo annuale Inverter Rinnovabile Per l edilizia in classe A SISTEMA IN POMPA DI CALORE BI-STADIO Con terminali d impianto per la climatizzazione a ciclo annuale RISTRUTTURAZIONI: VANTAGGI Le pompe di calore sono state

Dettagli

ASPETTI TECNOLOGICI DELL EFFICIENZA ENERGETICA

ASPETTI TECNOLOGICI DELL EFFICIENZA ENERGETICA LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA NELLA SANITA STRUMENTI CONTRATTUALI E BEST-PRACTICE ASPETTI TECNOLOGICI DELL EFFICIENZA ENERGETICA ROBERTO ZECCHIN 1 LE STRUTTURE OSPEDALIERE EDIFICI GENERALMENTE DI GRANDI

Dettagli

Sistemi ibridi integrati. Luna Platinum CSI

Sistemi ibridi integrati. Luna Platinum CSI Sistemi ibridi integrati Luna Platinum CSI Sistemi ibridi integrati Storicamente leader nel mercato del riscaldamento domestico, Baxi ha allargato la sua attività verso i sistemi ibridi integrati, in cui

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO : Scuola Secondaria INDIRIZZO : Rogeno,Via vecchia Casletto

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE CON CLAUSOLA D URGENZA (art. 51 e 59 LOC)

MESSAGGIO MUNICIPALE CON CLAUSOLA D URGENZA (art. 51 e 59 LOC) Risoluzione municipale no. 743 Paradiso, 9 luglio 2012 Del 9 luglio 2012 a10mmc:gr/aa Dicastero Territorio MESSAGGIO MUNICIPALE CON CLAUSOLA D URGENZA (art. 51 e 59 LOC) No. 1740/2012 accompagnante la

Dettagli

S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e

S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e Edea SA Via Pasquale Lucchini 4 CH-6900 Lugano Tel +41 (0)91 921 47 80 +41 (0)91 921 47 81 info@edea.ch S i s t e m i p e r l a P r o d u z i o n e C o m b i n a t a d i E n e r g i a T e r m i c a e d

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/1990 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/1998 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

Pompe di calore PBS-i

Pompe di calore PBS-i Pompe di calore Pompe di calore aria-acqua splittate inverter La pompa di calore splittata secondo Baxi Efficienza e risparmio energetico ai vertici della categoria Una gamma per tutte le esigenze, dall

Dettagli

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi MADE IN ITALY Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi solare termico SOLARdens aerotermico pompe di calore HPdens SOLARfryo geotermico GEOsolar UN REFERENTE E TANTE SOLUZIONI INTEGRATE PER LE ENERGIE

Dettagli

Pompa di calore che gestisce contemporaneamente climatizzazione e produzione di ACS con due stadi di temperatura

Pompa di calore che gestisce contemporaneamente climatizzazione e produzione di ACS con due stadi di temperatura Pompa di calore che gestisce contemporaneamente climatizzazione e produzione di ACS con due stadi di temperatura COP > 4 ACS a 75 C 06 TECNOLOGIA BREVETTATA La combinazione di una pompa di calore inverter

Dettagli

Scaldacqua in pompa di calore a basamento SPC

Scaldacqua in pompa di calore a basamento SPC Scaldacqua in pompa di calore a basamento SPC SPC: scaldacqua in pompa di calore aria/ acqua, monoblocco Baxi è da sempre attiva nella progettazione di soluzioni tecnologicamente avanzate ma con il minimo

Dettagli

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l.

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l. IL PUNTO DI VISTA DELL IMPRESA ESECUTRICE EVOLVE S.r.l. Evolve si occupa di progettare, realizzare e gestire impianti a gas naturale, cogenerazione, biomasse, reti di teleriscaldamento e servizio energia.

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Blue Water System BWS. Impianto. idronico di. climatizzazione. distribuita

Blue Water System BWS. Impianto. idronico di. climatizzazione. distribuita Blue Water System BWS Impianto idronico di climatizzazione distribuita Blue Water System Impianto idronico di climatizzazione distribuita Air Blue ha sviluppato il nuovo sistema idronico BWS di climatizzazione

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU EDIFICI ESISTENTI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU EDIFICI ESISTENTI Premessa Da una recente ricerca risulta che circa 3 su 4 delle abitazioni italiane sono state costruite prima del 1976, anno in cui per la

Dettagli

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 Idee da installare Il comfort tutto l anno Da qualche anno anche in Italia l impianto a pavimento si sta presentando quale soluzione

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

Hybrid Technology by Solar Ter. Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia

Hybrid Technology by Solar Ter. Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia Hybrid Technology by Solar Ter Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia 1 Edilizia «4» passaggi per la nuova costruzione o ristrutturazione Isolamento: primo importante intervento per ridurre

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

soluzioni ad alta efficienza Company Profile

soluzioni ad alta efficienza Company Profile soluzioni ad alta efficienza Company Profile HITEC L Azienda HITEC nasce nel 1997 come azienda specializzata nella vendita di sistemi solari termici a circolazione forzata e naturale. Da sempre la sua

Dettagli

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione **** CE in acciaio inox 316 a basamento Con produzione ACS Solare Bruciatore modulante premiscelato Potenza

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti Dott. Ing. Pietro Marforio Sistema edificio/impianto Per soddisfare il fabbisogno di energia termica di un edificio,

Dettagli

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE SOGGETTI DESTINATARI Le grandi, piccole e medie imprese ubicate nella Regione

Dettagli

La SCUOLA che fa SCUOLA inaugurata il 28 novembre 2009 Rimini, 27/02/2012 Relatore: Per. Ind. Lorenzo Grilli 1 Tutto ha inizio con un progetto Rimini, 27/02/2012 Relatore: Per. Ind. Lorenzo Grilli 2 Obiettivo

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

CASA PRIVATA RESIDENTIAL

CASA PRIVATA RESIDENTIAL RESIDENTIAL CASA PRIVATA Cartigliano, Vicenza - Italy Casa singola Nuova Costruzione Sistema ELFOSystem Anno 2008 L abitazione monofamiliare di nuova costruzione, riservata ad esclusivo uso residenziale,

Dettagli

AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO

AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO FASE 1a bollette e planimetrie AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO Scheda raccolta dati bollette del gas Inserire nelle caselle della tabella i dati di consumo di m 3 di gas metano per ciascuno dei mesi

Dettagli

Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente?

Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente? Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente? 1 Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente? Preferisci rivolgerti a tanti interlocutori o avere un unica

Dettagli

DIVISIONE Efficientamento per gli impianti termici condominiali: da obbligo ad opportunità con Autogas Nord.

DIVISIONE Efficientamento per gli impianti termici condominiali: da obbligo ad opportunità con Autogas Nord. DIVISIONE Efficientamento per gli impianti termici condominiali: da obbligo ad opportunità con Autogas Nord. Andrea Orsi Milano, 26 Novembre 2015 1 Sommario Obblighi normativi: cenni sul D.Lgs. 102/2014

Dettagli

APPLICAZIONE AUTOFLOW N 9 DA/A CENTRALE TERMICA

APPLICAZIONE AUTOFLOW N 9 DA/A CENTRALE TERMICA CALEFFI 00 98 Stabilizzatori automatici di portata APPLICAZIONE AUTOFLOW N 9 Impianto di riscaldamento a termostrisce L impianto di cui si tratta è destinato alla climatizzazione di un capannone industriale

Dettagli

BOLLETTE +35% Attenzione: iva da 20% a 22% per un Comune che consuma 1,6 ML di mc/anno = + 28.000 /anno. Variazione costo totale GAS - AEEG 2009-2013

BOLLETTE +35% Attenzione: iva da 20% a 22% per un Comune che consuma 1,6 ML di mc/anno = + 28.000 /anno. Variazione costo totale GAS - AEEG 2009-2013 Por Fesr 2014-20202020 per l energia. case study: Il progetto Caldaie in Rete gestione e monitoraggio dei consumi negli edifici pubblici Ing. Giovanni Battistini Bologna, 13 novembre 2014 Efficienza Energetica:

Dettagli

Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione

Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione prof ing. Maurizio Fauri Università degli studi di trento Polo Tecnologico per l Energia srl (Trento) Scenario italiano % dei consumi

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA:

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E DI

Dettagli

Easy Compact Clima 4 in 1

Easy Compact Clima 4 in 1 Easy Compact Clima 4 in 1 Innovativo sistema compatto per la ventilazione meccanica a doppio flusso, il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria, con pompa di calore. In

Dettagli

Polivalenti idronici di nuova generazione a doppio ciclo: realizzazioni e risultati sul campo

Polivalenti idronici di nuova generazione a doppio ciclo: realizzazioni e risultati sul campo Polivalenti idronici di nuova generazione a doppio ciclo: realizzazioni e risultati sul campo Autore - Affiliazione Lucia Favuzzi Servizio Marketing Thermocold Costruzioni Srl Sommario Contesto Generale

Dettagli

LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE

LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TERMOMECCANICI Generalità La scelta del tipo d impianti termici da adottare per il reparto PET è

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Soggetti beneficiari Per gli interventi di cui all art. 1, commi da 2 a 5 del Decreto 19 febbraio 2007, la detrazione dall imposta

Dettagli

Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare

Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare Raffrescamento solare di Schüco Raffrescamento innovativo ed ecologico con l energia solare 2 Schüco Il raffrescamento solare Il raffrescamento solare riduce i costi dell energia e aumenta il comfort Raffrescamento

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

COMUNE DI QUARTU S.ELENA PROVINCIA DI CAGLIARI RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

COMUNE DI QUARTU S.ELENA PROVINCIA DI CAGLIARI RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO COMUNE DI QUARTU S.ELENA PROVINCIA DI CAGLIARI PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO ADEGUAMENTO ALLE NORME DELL EDIFICIO SCOLASTICO SCUOLA PRIMARIA VIA CIMABUE RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

Dettagli

Sistemi di climatizzazione estiva a basso consumo ed impatto ambientale

Sistemi di climatizzazione estiva a basso consumo ed impatto ambientale IL COMFORT ESTIVO A BASSO CONSUMO Sistemi di climatizzazione estiva a basso consumo ed impatto ambientale Giuliano Dall O Dipartimento BEST Politecnico di Milano Milano, 25 Maggio 2006 1 KYOTO E L INDUSTRIA

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

ANNI di EVOLUZIONE TECNOLOGICA

ANNI di EVOLUZIONE TECNOLOGICA 14 ANNI di EVOLUZIONE TECNOLOGICA MASSIMO COMFORT,MASSIMA EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO Condizionamento Riscaldamento Acqua Calda Sanitaria è un sistema innovativo per la produzione di acqua calda

Dettagli

SOLUZIONI TECNICHE DEL PROGETTO

SOLUZIONI TECNICHE DEL PROGETTO RISCALDAMENTO INVERNALE MODALITA FUNZIONAMENTO RAFFRESCAMENTO ESTIVO MODALITA FUNZIONAMENTO SCHEMA P&I D 6. IMPIANTO A PAVIMENTO 4. SOLARE TERMICO 1. POZZO GEOTERMICO 2. POMPA DI CALORE 3. UNITA TRATTAMENTO

Dettagli

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza IT Trattamento atia Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Il

Dettagli

LG NEWS FLASH Aprile 2013. Campagna pubblicitaria clima 2013

LG NEWS FLASH Aprile 2013. Campagna pubblicitaria clima 2013 Campagna pubblicitaria clima 2013 LG Electronics Italia S.p.A. e molto lieta di presentarvi la campagna pubblicitaria in corso su Il Sole 24 Ore, dove tutti i venerdi fino al 24 maggio troverete uno spazio

Dettagli

menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO

menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO Il riscaldamento degli edifici avviene tradizionalmente mediante impianti di combustione ( gas metano, gasolio, carbone ). Recentemente sono stati introdotti sistemi

Dettagli

Impianti Geotermici con pompe di calore:

Impianti Geotermici con pompe di calore: Impianti Geotermici con pompe di calore: le energie rinnovabili nelle riqualificazioni Direttore R-S & Innovazione Ferrara 22 Settembre 2010 Chi siamo Siram: una solida realtà italiana parte di un grande

Dettagli

smile SMILE hp 55% 7,6 19,7 kw Riscaldamento 6,7 22,4 kw Raffreddamento R410A INVERTER E C

smile SMILE hp 55% 7,6 19,7 kw Riscaldamento 6,7 22,4 kw Raffreddamento R410A INVERTER E C smile POMPA DI CALORE REVERSIBILE PER RISCALDAMENTO, RAFFREDDAMENTO SMILE hp E PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA 7,6 19,7 kw Riscaldamento 6,7 22,4 kw Raffreddamento 55% INVERTER R410A E C 2 SMILE hp

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Relazione Tecnica CLIENTE: Comune di Castelfranco di Sotto CODICE OFFERTA: PF.213.13.CFS PROPONENTE Toscana Energia Green

Dettagli

Casa Kyoto: zero consumi, zero emissioni 1/20

Casa Kyoto: zero consumi, zero emissioni 1/20 Casa Kyoto: zero consumi, zero emissioni 1/20 Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro LA VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO DI CALORE AD ELEVATA EFFICIENZA Casa

Dettagli

Presidio Ospdaliero A. Manzoni di Lecco

Presidio Ospdaliero A. Manzoni di Lecco CARBOTERMO S.P.A. IMPIANTO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO A. MANZONI AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO. PREMESSA Di seguito vengono descritte le principali caratteristiche tecniche dell impianto di

Dettagli

Soluzione Energetica Domotecnica

Soluzione Energetica Domotecnica Soluzione Energetica Domotecnica QUALE SOLUZIONE PER I CONDOMINI CON IMPIANTO CENTRALIZZATO? Il risparmio energetico e il contenimento dei consumi negli impianti centralizzati sono determinati dal miglioramento

Dettagli

- 70. Abitare ecologico

- 70. Abitare ecologico - 70 Abitare ecologico 71 - Tipologia edificio: casa unifamiliare Località: Vicenza Tipologia intervento: costruzione nuovo edificio CARATTERISTICHE IMPIANTO: realizzazione impianto di riscaldamento e

Dettagli