DISTRE,TTO SOCIO. SANITARIO N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTRE,TTO SOCIO. SANITARIO N."

Transcript

1 I \ t DISTRE,TTO SOCIO. SANITARIO N. 45 Comune di Modica Comune di Scicli Comune di lspica Comune di Pozzallo AZIENDA SAN.PROV DISTRETTO DI MODICA Le Amministrazioni Comunali di: PROTOCOLLO D'INTESA DBL 30 APRILE,IOIT COJ!fLÎ.'{E LrJtV] ulii: DI t]l POZZALLO Reg. N"-ZS5 Si.cerf ifica che il pr.escntc atto e stato Pubblicato all;rlbo plqbrio.on-line <lel Cornune dalas-:os: :ó( 51f;i'1 ll"t I 1.'ó'f,'U -of.wu Cornune oai,l6 II RESPONSABILE trl SEGRETARIO " MODICA SCICLI POZZN-LO ISPICA o bfi. 5rA. :'tb* TtL.t^!J& L'AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE rappresentafa daî brrealro b'cjtr. Il*!s{,tA PREMESSO CHE il Piano di Zona del Distretto socio-sanitario 45, Comune capofila Modica, è stato approvato dal nucleo divalutazione della Regione Sicilia n.21 del ; CHE con D.D.R. n.795 de\2ila4l20i0 è stato assunto impegno economico per il nostro Distretto di C : CHE successivamente è stata emessa la prima tranche di finanziamento parr a ,00; CHE il DPRS dei 2/ "Approvazione dei Programma regionale delle politiche sociali e socio sanitarie 2010", al punto 5.1. "Le modalità diriparto" prevede che una quota del F.N.P.S. sia destinata alla premialità, "frnalizzata a fnanziare Ie azioni di sviluppo distrettuale a seguito della valutazione del monitoraggio S.I.R.I.S dell'attuazione dei piani di zona";

2 ql urll, con nota prot. n. )luj/ ctel JU.rI.zuLI la t(eglone slcllla assegna la premialità ai Distretti socio sanitari, con il relativo ripafto al nostro Distretto pari a ,64; VISTO il verbale del Gruppo Piano n. 1 del con cui si rileva I'indirizzo di assegnare la somma della premialità al progetto Luc, considerata la costante crescita di utenti del Distretto che richiedono assistenza economica; RITENUTO di approvare le scelte del gruppo piano supportate anche dalle statistiche degli uffici servizi sociali professionali dei singoli comuni; QUANTO sopra premesso e considerato le parti, come sopra costituite, concordano quanto segue: ART. 1 Si da atto che la somma disponibile sarà utilizzataper implementare il progetto già azione I "LUC" del piano di zona : progetto LUC vedi Allegato In fede e a piena conferma di quanto sopra, le parti si sottoscrivono come segue ne di Scicli Comune di Po (^'" Comune di Ispica

3 \ DISTRETTOSOCIO. SANITARION. 45 PozzALLo F-fffryWol Si celtlfîcachc il lrru'scnîc il'.k)ò stato ll. -l-t, t: -,- - t r t r, ' LUC llre$f$ì.1$"à.bile It-5EíJ*,ETARTO 2. DES.RIZIjNE DELLEATTIVITÀ quellerivolte all'internodell'azionedi riferimento,specificando Descrivere sinteticamentele attivitàche si intendonorealizzare o,o n i t o r a g g ieo v a l u t a z i o n e... ) a i d e s t i n a t a rdi a q u e l l ed i s i s t e m a( c o o r d i n a m e n t m l l p r o g e t t o L u c s i r i f e r i s c ea p e r c o r s id i i n c l u s i o n el a v o r a t i v ad i p e r s o n es v a n t a g g i a t ep,e r p e r s e g u i r el ' i n t e r e s s e g e n e r a l e d e l l a c o m u n i t à a l l a p r o m o z i o n e u m a n a e a l l ' i n t e g r a z i o n es o c i a l e d e i c i t t a d i n i, i n a l t e r n a t i v a a i c o m u n id i a lol a all'assistenzialism, c o s i d e t t aa s s i s t e n zeac o n o m i c al.s o g g e t t i f r u i t o r i d e l p r o g e t t oa p p a r t e n g o n o S c i c l il,s p i c ae P o z z a l l o. l l l a v o r oc o m e p r o g e t t oe d u c a t i v os u l l ap e r s o n ac, o n f i n a l i t àd i a i u t o p e r i s o g g e t t ip i ù d e b o l ia d i n s e r i r siin c o n t e s t i p e r c o r sdi i e m a n c i p a z i o n e. s o c i a lei l a v o r a t i vpi e r s o n d a r el e l o r o c a p a c i t àr e l a z i o n ael i p r o d u t t i v ea l f i n e d i i n d i v i d u a r e I p e r c o r s i,l e m e t o d o l o g i ee g l i s t r u m e n t i i d e n t i f i c a t in e l r i s p e t t o d e l l e s i n g o l e i n d i v i d u a l i t àe s u l l a b a s e o n o: d e l l ' i n t e g r a z i o ns e - a c c o g l i e n zeas o s t e g n oi n d i v i d u a l e ; - o s s e r v a z i o nf ien a l i z z a t a ; - e l a b o r a z i o ndee l p r o g e t t oi n d i v i d u a l e ; - n e g o z i a z i o neec o n t r a t t o ; - attuazione. o l e v a l u t a z i o ni in i t i n e r es i r i m a n d aa l l o s p e c i f i c o P e rq u a n t or i g u a r d al e a z i o n ir i v o l t ea l s i s t e m ap e r i l m o n i t o r a g g i e p r o g e t t od i v e r i f i c ae c o n t r o l l o,a z i o n en....,m e n t r e p e r q u a n t o r i g u a r d al a v a l u t a z i o n ee x a n t e s i f a r i f e r i m e n t o innanzitutto a l f e e d - b a c kp o s i t i v oo t t e n u t od a l l ' e s p l e t a m e n d t oe l p r o g e t t od u r a n t el a l " t r i e n n a l i t àd, a i b i s o g nei m e r s i i e r l a n u o v at r i e n n a l i t àd a c u i s i e v i n c el ' e s i g e n zdai p r o p o r r ei l p r o g e t t op e r r i s p o n d e r ea l l e r i c h i e s t e daidati rilevatp d e l l ap o p o l a z i o n e. E DELLE RISORSE 3. DEFINIZIoNE DELIASTRUTTURA organizzativa Individuarela rete di collaborazione tra servizipubblicie del privatosociale,isoggetticoinvolti,le modalitàdi coinvolgimentoe in n.d i c a r ei,n o l t r e,le risorsenecessarie d i p a r t e c i p a z i o nien;p a r t i c o l a rle' e v e n t u a l lei v e l l od i i n t e g r a z i o nseo c i o - s a n i t a r Ii a termini di struttureed attrezzature. I soggettiinteressatisono: soggettiappartenentia nucleifamiliari multiproblematici,caratterizzalida svantaggidi t i i l u n g ad u r a t a, i n v a l i dfi i s i c i,p s i c h i cei s e n s o r i a l ee,x d e g e n t i c a r a t t e r es o c i a l ee d e c o n o m i c oe s o g g e t tdi i s o c c u p a d i s t i t u t ip s i c h i a t r i cei,x t o s s i c o d i p e n d e net ia l c o o l i s t ci,o n d a n n a tai m i s u r ea l t e r n a t i v ea l l ad e t e n z i o n ei,q u a l iv e n g o n o c o i n v o l t ii n l a v o r i d i p u l i z i a,d i v i g i l a n z ae c u s t o d i ad i e d i f i c ip u b b l i c i.l ' a s s i s t e n tseo c i a l ec o m p e t e n t e c, u i v i e n e l a d o c u m e n t a z i o n e f, f e t t u ai l c o l l o q u i oc o n i l r i c h i e d e n t e d e v e n t u a l m e n tlea a s s e g n a tiol p r o c e d i m e n t oe,s a m i n a t a d e l l ' a u t o n o m isao c i o - e c o n o m i c o. v i s i t aa d o m i c i l i oq. u i n d ie l a b o r au n p r o g e t t op e r s o n a l i z z adt oi p r o m o z i o n e G l i u t e n t if r u i t o r id e l p r o g e t t os a r a n n oi m p e g n a t ic, i a s c u n o p, e r 5 0 o r e m e n s i l ei p e r 3 m e n s i l i t à. L e r i s o r s en e c e s s a r iceo n s i s t o n oi n s t r u t t u r ec o m u n a l i n c u i f a r s v o l g e r el e a t t i v i t àd i l u c. L e p e r s o n ea d e r e n t ia l p r o g e t t os a r a n n oa s s i c u r a pt ie r i l p e r i o d od e i l u c. 4. FIGURE PRaFESSIONALI I n s e r i r el e f i g u r e p r o f e s s i o n a lci h e s i i n t e n d o n o u t i l i z z a r ea l l ' i n t e r n o d e l l ' a z i o n ed i s t i n g u e n d oq u e l l e a c a r i c o d e l l e a m m t n t s t r a z t o n lb b lrcnecornvolteoa Típolotia tnconvenztone -'A caricodelle amministrazioni pubbliche coínvolte(enti In convenzione Totale locali,a's'p.1ex AsP{EXAUSL)), T.M.,Sèuole...) A s s i s t e n st io c i a l i A s s i s t e n tseo c i a l e A s s i s t e n tseo c i a l e E n t il o c a l i ASp Uepe (Atrcean 4 e 5) 5. PtANoFtNANztARto p e r o g n i a z i o n ec h e s i v u o l er e a l i z z a r e. C o m p i l a r iel p i a n od i s p e s ad e t t a g l i a t o 5 6 1

4 r!] 6. Speqnce RAGIzNATA suut moonurà il GEsrtoNE Indicare le modalità di gestione che si intendono utilizzare per l'azione di riferimento X Diretta n Mista (specificore lo proceduro di offidamento che si intende odottarel t-l lndiretta/esternalizzata (specificore lo proceduro di offidamento che si intende adottare)

5 PIANO F I NANZIARIO AZION E PREMIALITA' Dettogliore ogni singold voce di speso (es.: responsabile azione, responsabile tecnico del servìzio, assistente sociale, mediatori socio-culturali, consulenti, segretari, ausiliari, operatori, amministrativi, esperti di monitoraggio e valutazione, ecc.) Dettoglidre ogni singola voce di speso (es.: affitto locali, strutture, noleggio auto, ecc) Dettogliare ogni singola voce di spesa (es.: telefono, fax, pc, stampante, fotocopiatrice, ecc.) Dettogliore ogni singola voce di spesa (es.: cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione. ecc.) voce di speso (es.: lva,

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 17 2. TITOLO AZIONE Servizio di Babysitting 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 7 2. TITOLO AZIONE La Bottega delle Arti e Tradizioni 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 8 2. TITOLO AZIONE Servizio di Telesoccorso 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 6 2. TITOLO AZIONE CENTRO DIURNO POLIFUNZIONALE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 11 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA IGIENICO-SANITARIA AGLI ALUNNI GRAVEMENTE DISABILI FREQUENTANTI LA SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA. 3. DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 24 2. TITOLO AZIONE EDUCATIVA DOMICILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

ANIMAZIONE DI STRADA

ANIMAZIONE DI STRADA DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE ANIMAZIONE DI STRADA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI CITTADINANZA

CENTRO COMUNALE DI CITTADINANZA 1. NUMERO AZIONE 15 2. TITOLO AZIONE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ CENTRO COMUNALE DI CITTADINANZA Considerato che dall analisi delle attività svolte dai Centri di Cittadinanza Comunale, realizzati nei

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 26 2. TITOLO AZIONE CITTADINANZA ATTIVA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE Sportello di segretariato sociale. 1.a MACRO LIVELLO 1 SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO OBIETTIVI DI SERVIZIO A CUI VA RICONDOTTA LA TIPOLOGIA

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 SOS DETTO - FATTO

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 SOS DETTO - FATTO DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 5 2. TITOLO AZIONE SOS DETTO - FATTO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE 1 PIANI ASSISTENZIALI INDIVIDUALIZZATI 1.a Classificazione dell Azione programmata (D.M. Lavoro e Politiche Sociali 26/06/2013 ) AREE DI INTERVENTO

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

4.4 I. 2. TITOLO AZIONE Progetto "PET THERAPY" 3. DESCRIZIONE DELLEATTIVITÀ

4.4 I. 2. TITOLO AZIONE Progetto PET THERAPY 3. DESCRIZIONE DELLEATTIVITÀ l.numero AZIONE 4.4 I 2. TITOLO AZIONE Progetto "PET THERAPY" 3. DESCRIZIONE DELLEATTIVITÀ Il progetto intende contribuire al miglioramento della qualità della vita dei pazienti eoinvolti e delle loro

Dettagli

Comune capofila AGRIGENTO

Comune capofila AGRIGENTO DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Realmente - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - AREA:

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 2 2. TITOLO AZIONE CARD - TICKET SERVICE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so 1 T R I BU N A L E D I T R E V IS O BA N D O P E R L A C E S S IO N E C O M P E TI TI V A D EL C O M P E N D I O A Z I E N D A LE D E L C O N C O R D A T O PR EV E N T I V O F 5 Sr l i n l i q u i da z

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 BENVENUTO CITTADINO

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 BENVENUTO CITTADINO DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 18 2. TITOLO AZIONE BENVENUTO CITTADINO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo REPERTORIO GENERALE N.72 DEL 27/01/2014 DETERMINAZIONE N.48 DEL 27/01/2014 Oggetto: Approvazione avviso per la concessione del Bonus Socio Sanitario a nuclei

Dettagli

Distretto Socio -Sanitario D1. Comune Capofila Agrigento

Distretto Socio -Sanitario D1. Comune Capofila Agrigento Distretto Socio -Sanitario D1 Comune Capofila Agrigento Aragona - Comitini - Favara - lappalo Giancaxio - Porto Empedocle - Realmente - Sani 'Angelo Miaaro - Santa Elisabetta -Siculiana Raffadali AREA;

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 15 2. TITOLO AZIONE Mediazione linguistica 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

Casa Appartamento per disabili psichici

Casa Appartamento per disabili psichici R E G I O N E S I C I L I A N A Assessorato della Famiglia, delle Poliche Sociali e delle Autonomie Locali Diparmento della Famiglia e delle Poliche Sociali Casa Appartamento per disabili psichici 1. Numero

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 19 2. TITOLO AZIONE Spazio di consulenza e sostegno alle famiglie e agli adolescenti 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE. Trasporto disabili 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE. 1.a SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO

FORMULARIO DELL AZIONE. Trasporto disabili 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE. 1.a SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE 2 Trasporto disabili 1.a MACRO LIVELLO 1 SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO Trasporto disabili OBIETTIVI DI SERVIZIO A CUI VA RICONDOTTA

Dettagli

2. TITOLO AZIONE Centro di Prima Accoglienza Prevenzione delle Patologie Correlate (già riduzione dei rischi)

2. TITOLO AZIONE Centro di Prima Accoglienza Prevenzione delle Patologie Correlate (già riduzione dei rischi) ALLEGATO 10 FORMULARIO DELL AZIONE AZIONE 34 2. TITOLO AZIONE Centro di Prima Accoglienza Prevenzione delle Patologie Correlate (già riduzione dei rischi) 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente

Dettagli

DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1. Comune capofila AGRIGENTO

DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1. Comune capofila AGRIGENTO DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D Comune capofila AGRIGENTO Aragona - Comitini - Favata - lùppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Realmente - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - AREA:

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 13 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA IGIENICO-SANITARIA AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (Pozzallo) 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 LUC

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 LUC DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 1 2. TITOLO AZIONE LUC 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell azione di riferimento,

Dettagli

DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D2 COMUNE DI BIVONA

DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D2 COMUNE DI BIVONA DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D2 COMUNE DI BIVONA PROVINCIA DI AGRIGENTO ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO DEI SINDACI N. 13 del Reg. Data 24.11.214 N. 77 del Reg. Gen. Data 26.11.214 OGGETTO: Approvazione

Dettagli

Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana -

Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - AREA:

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE INCONTRO DONNE ANTIVIOLENZA DI CREMONA AIDA, PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ARCA DELLE DONNE

SCHEMA DI CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE INCONTRO DONNE ANTIVIOLENZA DI CREMONA AIDA, PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ARCA DELLE DONNE Allegato D) SCHEMA DI CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE INCONTRO DONNE ANTIVIOLENZA DI CREMONA AIDA, PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ARCA DELLE DONNE (Id Progetto: CR/Cre-1 Acc.2013) tra Il Comune di Cremona,

Dettagli

& >arì,saad ls nàr' 2o1s

& >arì,saad ls nàr' 2o1s r.r'?b a.r [8o1-llis,tto." Premesso che: & >arì,saad ls nàr' 2o1s COMUNE DI MASCALI PROVINCIA DI CATANIA III AREA 2" Servizio: Manutenzione, Paîrimonio e Energia DETERMINAZIONE DEL FUNZIONARIO RESPONSABILE

Dettagli

COMUNE DI MONTEROSSO ALMO ( Provincia di Ragusa)

COMUNE DI MONTEROSSO ALMO ( Provincia di Ragusa) REG. DELIB. N.193 DEL 21/12/2012 COMUNE DI MONTEROSSO ALMO ( Provincia di Ragusa) ****"'*"''''''''''''' DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE - COPIA OGGETTO: "Trasferimento somma al Comune Capofila del

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche c uriosando in Bibl i oteca Spunti tematici

Dettagli

Cosa nostra Il delitto dalla Chiesa. à è. è à

Cosa nostra Il delitto dalla Chiesa. à è. è à Cosa nostra Il delitto dalla Chiesa à è à è à è à é ì ì à é ù é à à è à ì à è à ò ì é à ì è é à à ù è à è à é È è è ì è ò é ì ì è è è è ò ò è à è ò é é ò à è àà à à à è è ò ù à à ò à à à è à è ù è ùè ò

Dettagli

Casa della salute Progetto per la medicina del territorio

Casa della salute Progetto per la medicina del territorio Casa della salute Progetto per la medicina del territorio CASA DELLA SALUTE PROGETTO PER LA MEDICINA DEL TERRITORIO CASA DELLA SALUTE 1 PROGETTO PER LA MEDICINA DEL TERRITORIO 2 S E Z I O N E 1 P R E ME

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

2. TITOLO AZIONE Potenziamento A.D.I. Assistenza Domiciliare Integrata (AREA: ANZIANI e/o DISABILI)

2. TITOLO AZIONE Potenziamento A.D.I. Assistenza Domiciliare Integrata (AREA: ANZIANI e/o DISABILI) 1. NUMERO AZIONE 7 2. TITOLO AZIONE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ EROGAZIONE DI CURE DOMICILIARI INTEGRATE DI PRIMO E SECONDO LIVELLO come definite nel documento della Commissione Nazionale LEA con Decreto

Dettagli

SAPIENZA Università Di Roma. Previsione Triennale 2015 2017. Versione : V_INP. Anno : 2015

SAPIENZA Università Di Roma. Previsione Triennale 2015 2017. Versione : V_INP. Anno : 2015 SAPIENZA Università Di Roma Dettaglio Imputazioni Previsione Triennale 20152017 Versione : V_INP Anno : 2015 COSTI Codice Voce Codice Ua Ua Voce A.A.02.02.020.010 Attrezzature CORRDotazione Ordinaria (ricavi)

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 10 2. TITOLO AZIONE VINCERE LE DIPENDENZE SI PUO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1. Comune capofila AGRIGENTO

DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1. Comune capofila AGRIGENTO DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Realmente - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - AREA:

Dettagli

Nov 7132. ra. 0931/781300 - FAX 783697 Vie Italie 105 96100-5IRACUSA. i e. dm\ /s4b.. (t gl. Siracusa, 2 2 N O V, 2012. Prot

Nov 7132. ra. 0931/781300 - FAX 783697 Vie Italie 105 96100-5IRACUSA. i e. dm\ /s4b.. (t gl. Siracusa, 2 2 N O V, 2012. Prot .01ígea. - DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D 48 dm\ /s4b.. Prot (t gl Siracusa, 2 2 N O V, 2012 OGGETTO: Delibera distrettuale n. 91 del 09/11/2012 Comun ch Sprecuse PROTOCO LO GENERALE N. 0138415 del 2311112012

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Tringali Giuseppina. giuseppinatringali@virgilio.it. servizi Impiegata di concetto. Pubblica amministrazione Impiegato di concetto

Tringali Giuseppina. giuseppinatringali@virgilio.it. servizi Impiegata di concetto. Pubblica amministrazione Impiegato di concetto F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via Vincenzo Bellini 1-97014 Ispica - Telefono 0932951661/3406276138 Fax E-mail giuseppinatringali@virgilio.it

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO D4 CASTELTERMINI

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO D4 CASTELTERMINI DISTRETTO SOCIO-SANITARIO D4 CASTELTERMINI PROVINCIA DI AGRIGENTO Ambito territoriale: Casteltermini San Giovanni Gemini - Cammarata Determinazione del Coordinatore dell Ufficio di Piano Distrettuale N.

Dettagli

COMUNE., FORMIA. Provincia di Latina SETTORE 1 ECONOMICO FINANZIARIO - DEMANIO PATRIMONIO - TRIBUTI - AFFARI GENERALI.

COMUNE., FORMIA. Provincia di Latina SETTORE 1 ECONOMICO FINANZIARIO - DEMANIO PATRIMONIO - TRIBUTI - AFFARI GENERALI. t h l l COMUNE., FORMIA Provincia di Latina SETTORE 1 ECONOMICO FINANZIARIO - DEMANIO PATRIMONIO - TRIBUTI - AFFARI GENERALI. Ufficio Affari Generali 1! N DETERMINAZIONE OGGETTO: Manutenzione ordinaria

Dettagli

Comune Capofila : VETRALLA

Comune Capofila : VETRALLA PROGETTI DI INTERVENTI E SERVIZI PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI APPARTENENTI AL DISTRETTO SOCIALE VT 4 -Anno 2010- Comune Capofila : VETRALLA Comuni di : Barbarano Romano Villa San Giovanni in Tuscia

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA'

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA' REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 898 16/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 21370 DEL 10/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 20 2. TITOLO AZIONE Mamma trenino 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell azione

Dettagli

Sviluppo Lazio S.p.A.

Sviluppo Lazio S.p.A. Sviluppo Lazio S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2012 1 BILANCIO CIVILISTICO AL 31.12.2012 2 PARTECIPANTI AL CAPITALE REGIONE LAZIO C.C.I.A.A. DI ROMA 3 ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI ERULA. Provincia di Sassari C O P I A RESPONSABILE DEL SERVIZIO PILERI ANTONIO. N. Gen.

COMUNE DI ERULA. Provincia di Sassari C O P I A RESPONSABILE DEL SERVIZIO PILERI ANTONIO. N. Gen. COMUNE DI ERULA Provincia di Sassari C O P I A N. Gen. 551 Data: 12/09/2014 RESPONSABILE DEL SERVIZIO PILERI ANTONIO OGGETTO: Bonus neonato. Contributo anni 2012, 2013, 2014. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania

CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA) Prot. n. 21087 del 20.12.2013 P.A.C - PIANO DI AZIONE COESIONE

Dettagli

VERBALE N. 41. 3 punto: Progetto La Girandola : laboratori socio-ricreativi Distretto socio-sanitario Marsala-Petrosino;

VERBALE N. 41. 3 punto: Progetto La Girandola : laboratori socio-ricreativi Distretto socio-sanitario Marsala-Petrosino; VERBALE N. 41 L anno 2014, il giorno 21 del mese di Ottobre, alle ore 15.00, nei locali della Direzione Didattica del VI Circolo, siti in via Sirtori n. 20, si è riunito il Consiglio di Circolo per discutere

Dettagli

FRANCAVILLA DI SICILIA

FRANCAVILLA DI SICILIA j. i.- COMUNE DI FRANCAVILLA DI SICILIA PROVINCIA DI MESSINA Ente del Parco Fluviale deli'alcantara Area Tecnica Lavori Pubblici - Urbanistica Piazza Annunziata n. 3-98034 Francavilla di Sicilia (ME) tel:

Dettagli

CENTRO DIURNO PER DISABILI

CENTRO DIURNO PER DISABILI R E G I O N E S I C I L I A N A Assessorato della Famiglia, delle Poliche Sociali e delle Autonomie Locali Diparmento della Famiglia e delle Poliche Sociali CENTRO DIURNO PER DISABILI 1. Numero Azione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO FINANZIARIO

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO FINANZIARIO Modalità di classificazione 1 Quote associative 2 Contributi per progetti e attività Analisi delle entrate Le macrovoci le entrate vanno classificate

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 4.1: Affidamento Familiare DIREZIONE REGIONALE POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT SOTTOMISURA 4.1_AB AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

ANNO 2010: Programma di attività e Preventivi

ANNO 2010: Programma di attività e Preventivi ANNO 2010: Programma di attività e Preventivi PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2010 (Richiesta risorse al Co.Ge) p. 1 SCHEDE DI DETTAGLIO Oneri generali di funzionamento della struttura p. 2 Oneri dettagliati delle

Dettagli

1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 1 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il Servizio Assistenza Domiciliare Anziani (SADA)

Dettagli

54 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 39 - Venerdì 25 settembre 2015

54 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 39 - Venerdì 25 settembre 2015 54 Bollettino Ufficiale D.G. Famiglia, solidarietà sociale, volontariato e pari opportunità D.d.g. 23 settembre 2015 - n. 7644 Modalità attuative per la sottoscrizione di accordi di collaborazione tra

Dettagli

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 Protocollo d intesa Costituzione di un Centro regio nale per la promozione e lo sviluppo dell auto

Dettagli

Si trasmette in allegato, per le delegazioni, il documento COM(2016) 435 final ANNEX 1.

Si trasmette in allegato, per le delegazioni, il documento COM(2016) 435 final ANNEX 1. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 1º luglio 2016 (OR. en) 10859/16 ADD 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Data: 30 giugno 2016 Destinatario: SOC 445 EMPL 294 FSTR 42 CADREFIN 42 REGIO 51 Jordi AYET

Dettagli

ALLEGATO A FOGLIO 1 ASSE 1 FORMAZIONE e POLITICHE GIOVANILI CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE POLIVALENTE (approvato assemblee distrettuali 10.09.

ALLEGATO A FOGLIO 1 ASSE 1 FORMAZIONE e POLITICHE GIOVANILI CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE POLIVALENTE (approvato assemblee distrettuali 10.09. ALLEGATO A FOGLIO 1 ASSE 1 FORMAZIONE e POLITICHE GIOVANILI CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE POLIVALENTE (approvato assemblee distrettuali 10.09.08) VOCI DI SPESA AREA FORMAZIONE DI QUALIFICA e FLAD

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA IN ITALIA e NEL VENETO (1) (2) ALUNNI 1.655.386 100% 960.987 58,1% 34.776 2,1%

LA SCUOLA DELL INFANZIA IN ITALIA e NEL VENETO (1) (2) ALUNNI 1.655.386 100% 960.987 58,1% 34.776 2,1% LA SCUOLA DELL INFANZIA IN ITALIA e NEL VENETO Fonti: Ministero Pubblica Istruzione U.R. www.istruzione.it Ufficio Scolastico Regionale del Veneto www.istruzioneveneto.it AGESC Associazione Genitori Scuole

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE RESPONSABILE F.F. DELL U.O.C. SERVIZI SOCIOSANITARI E DEL DIRETTORE DEL DISTRETTO S.S. N.1 BRINDISI

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE RESPONSABILE F.F. DELL U.O.C. SERVIZI SOCIOSANITARI E DEL DIRETTORE DEL DISTRETTO S.S. N.1 BRINDISI Servizio Sanitario Nazionale REGIONE PUGLIA Azienda Sanitaria Locale Della Provincia di Brindisi DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE RESPONSABILE F.F. DELL U.O.C. SERVIZI SOCIOSANITARI E DEL DIRETTORE DEL DISTRETTO

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N. 117 Seduta del 31.03.2015 OGGETTO: Piano Triennale di Razionalizzazione e Riqualificazione della spesa

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO PER L IDEAZIONE, PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO RIAPRE IL PECCI, RIPARTE IL CONTEMPORANEO IN TOSCANA FORMULARIO DI PROGETTO SEZIONE 1 - DATI GENERALI 1.1

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ; DELIBERAZIONE N.1177 DEL 23/12/2005 Oggetto: L.r. 7 dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia. Individuazione degli interventi prioritari, nonché delle modalità e dei criteri di riparto

Dettagli

Distretto Socio-Sanitario n. 42 (Capofila Comune di Palermo)

Distretto Socio-Sanitario n. 42 (Capofila Comune di Palermo) istretto Socio-Sanitario n. 42 (Capofila Comune di Palermo) AVVISO PROGETTI ASSISTENZIALI PERSONALIZZATI PER PERSONE CON ISABILITA' GRAVISSIMA ANNO 2016 Il istretto Socio-Sanitario n. 42, emana il presente

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 ------- Accordo 16 dicembre 2014 sottoscritto tra Cgil, Cisl, Uil congiuntamente alle Federazioni regionali pensionati Spi, Fnp e Uilp della Lombardia e l

Dettagli

\\srvo2\servizisociali\marzanati\regolamento per le prestazioni,doc

\\srvo2\servizisociali\marzanati\regolamento per le prestazioni,doc \\srvo2\servizisociali\marzanati\regolamento per le prestazioni,doc ~I PREMESSA Nell'ambito territoriale del Distretto di Luino definito a norma dell' art. 8 c.3 lettera a) della L.328/00 e della d.g.r.l.

Dettagli

Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias

Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias Legge Regionale 28.06.2013, n. 15 Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Gestione Commissariale - D.P.G.R. N. 90 del 02.07.2013

Dettagli

Scheda Progetto L.R. 46/95 Annualità 2008

Scheda Progetto L.R. 46/95 Annualità 2008 ALLEGATO Scheda Progetto L.R. 6/9 Annualità 008 Comune Capofila di Porto Sant Elpidio Ambito Territoriale Sociale N Ambito Sociale n 0 Popolazione 8.8 Il Progetto è stato presentato in ٱSingola Forma ٱAssociata

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 Oggetto: LR 20/ 97, art. 3. Finanziamento di progetti d intervento a favore di persone con disturbo mentale e di persone con disabilità intellettive.

Dettagli

PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - ENTRATE Residui presunti finali dell'anno 2011

PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - ENTRATE Residui presunti finali dell'anno 2011 - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI MODENA ANNO PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - ENTRATE dell'anno l'anno 01 001 0001 Quote 326.700,00 14.760,00 341.460,00 341.460,00 01 001 0002 Quote ridotte 13.600,00-700,00

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL RENDICONTO ECONOMICO

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL RENDICONTO ECONOMICO ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL RENDICONTO ECONOMICO Modalità di classificazione 1 Quote associative 2 Contributi per progetti e attività Analisi delle entrate Le macrovoci le entrate vanno classificate

Dettagli

COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania

COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania Reg. N. 100 det 31 Luglio 2014 COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DEL GIUNTA COMUNALE Progetto per la realínzazione di un Centro Incontro

Dettagli

GiornataInformativaNazionaleorgan zzata dall'ecp- Europefor CitizensPoint ltaly Ministerodei Beni e delleattività Culturalie del Turismo

GiornataInformativaNazionaleorgan zzata dall'ecp- Europefor CitizensPoint ltaly Ministerodei Beni e delleattività Culturalie del Turismo h.finisf*ro dei Beni e delle Attìvità ProgrammaEuropaper i Cittadini20142029 I nuovibandie le opportunitàdi finanziamento Crrlturali e del'i'urismo GiornataInformativaNazionaleorgan zzata dall'ecp Europefor

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 969 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 16 LUGLIO

Dettagli

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE ANNO 2011

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE ANNO 2011 ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE ANNO 2011 Distretto: RM H6 ANZIO - NETTUNO Comune capofila: ANZIO Per la ASL RMH Il Direttore Generale

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 16 2. TITOLO AZIONE AFFIDO FAMILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

Costo Dinamico Carburanti DFC. Gabriele Puccetti E CO RINNOVABILITALIA 2011 2013 tutti i diritti riservati

Costo Dinamico Carburanti DFC. Gabriele Puccetti E CO RINNOVABILITALIA 2011 2013 tutti i diritti riservati CDC Costo Dinamico Carburanti DFC DynamicFuel Cost Gabriele Puccetti E CO RINNOVABILITALIA 2011 2013 tutti i diritti riservati CDC (Costo Dinamico Carburanti) Con il progetto CDC si propone come creare

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012

Piano di Zona 2010-2012 AREA INCLUSIONE SOCIALE PER SOGGETTI APPARTENENTI ALLE FASCE DEBOLI CODICE - IS - COD. AZIONE PAG IS 1 ITINERARIO LAVORO - Tirocini Formativi-Lavorativi per Adulti e Giovani svantaggiati 277 20 NUMERO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI U f f i c i o d i P i a n o Varese, lì 7 marzo 2014 Prot. n. 12720 AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI DISTRETTO VARESE

Dettagli

BANDO SPORTELLI PER L ASSISTENZA FAMILIARE IN RETE PROGETTI PER IL POTENZIAMENTO DEI SERVIZI A SPORTELLO

BANDO SPORTELLI PER L ASSISTENZA FAMILIARE IN RETE PROGETTI PER IL POTENZIAMENTO DEI SERVIZI A SPORTELLO BANDO SPORTELLI PER L ASSISTENZA FAMILIARE IN RETE PROGETTI PER IL POTENZIAMENTO DEI SERVIZI A SPORTELLO 1. Finalità dell intervento Con il presente bando la Provincia di Varese ha come obiettivo la qualificazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE D13/2011

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE D13/2011 Comune di Ravenna Area: POLITICHE DI SOSTEGNO, GIOVANI, SPORT E RAPPORTI INTERNAZIONALI Servizio Proponente: U.O. PIANIFICAZIONE SOCIO SANITARIA Dirigente Responsabile: DOTT.SSA NOEMIA PIOLANTI Cod. punto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Il Direttore Generale

AVVISO PUBBLICO. Il Direttore Generale l. essere in possesso della cittadinanza italiana o di uno degli stati membri dell'unione Euronea o essere un cittadino extra-comunitario in regola con la normativa vigente; 1)~,{ i-. ~. J ~ PtR t=f to.t~

Dettagli

PREVENTIVO 2014 VALORE % 463.230,08 20% 1.328.249,64 57%

PREVENTIVO 2014 VALORE % 463.230,08 20% 1.328.249,64 57% CENTRO DIURNO DISABILI DI CUSANO COSTI DEL PERSONALE E COSTI DI GESTIONE PERSONALE ASL PERSONALE COOPERATIVA (EDUCATORI+ ASA+ PSICOLOGA 14 ORE SETT) ATTIVITA'48 SETTIMANE VALORE % 463.230,08 20% 1.328.249,64

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO "Osservatorio Legalità e Sicurezza." IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PREVISTI DALL'ARTICOLO 3, LEGGE REGIONALE N. 3/2011 TRA La Regione Emilia-Romagna,

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

COMUNE DI MONTEROSSO ALMO Provincia di Ragusa AREA TECNICA SERVIZIO MANUTENZIONE

COMUNE DI MONTEROSSO ALMO Provincia di Ragusa AREA TECNICA SERVIZIO MANUTENZIONE COMUNE DI MONTEROSSO ALMO Provincia di Ragusa AREA TECNICA SERVIZIO MANUTENZIONE C.A.P. 97010 P.I. - 00177200886 Tel. 0932/970261-0932/970262 DETERMINA AREA n. )t~ del '1 r(w./).uhu 2015" DETERMINAZIONE

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: PROGETTO AUTISMO MARCHE SOTTO-PROGETTO PER L ETA ADOLESCENZIALE ED ADULTA - CRITERI E MODALITA DI UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE. LA, - VISTO il documento istruttorio, riportato

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO. tra:

CONTRATTO DI SERVIZIO. tra: In data. 2011 è stipulato il seguente: CONTRATTO DI SERVIZIO tra: l Azienda Unità Sanitaria 11, (successivamente denominata AUSL), Codice Fiscale e Partita IVA 04616830487, con sede legale in Empoli, Via

Dettagli

ANALISI ILLUSTRATIVA DELLO SCHEMA DI CONTO ECONOMICO DEL BILANCIO PREVISIONALE PER L ANNO 2015

ANALISI ILLUSTRATIVA DELLO SCHEMA DI CONTO ECONOMICO DEL BILANCIO PREVISIONALE PER L ANNO 2015 ANALISI ILLUSTRATIVA DELLO SCHEMA DI CONTO ECONOMICO DEL BILANCIO PREVISIONALE PER L ANNO 2015 Lo schema di conto economico 2015, redatto nelle modalità indicate dalla delibera regionale n. 279 del 12.03.2007,

Dettagli