Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio"

Transcript

1 FROM C TO Visual Basic DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FEDERICO GIUNTOLI

2 Microsoft Visual Basic Questo capitolo ha lo scopo di definire le caratteristiche elementari del linguaggio e dell ambiente di sviluppo integrato.

3 Un nuovo modo di programmare CONTENUTO 1. Cenni storici 2. Descrizione generale del linguaggio 3. Programmazione event-driven Al giorno d oggi, la disponibilità di linguaggi e di strumenti utili al fine di creare applicazioni è ampia, vale tuttavia la pena di prendere in considerazione il Visual Basic. Arrivato alla versione 8, il Visual Basic è un semplice ma potente linguaggio di programmazione di casa Microsoft per costruire software installabili direttamente sul computer. Fino alla versione 6, il VB era considerato, da molti, un linguaggio limitato e semplicistico, tuttavia, dalla versione 7, Visual Basic è stato completamente rivisto e microsoft ha lanciato il nuovo Visual Basic.NET, la sintassi è comunque molto simile a quella del VB. Con le nuove versioni questo si è evoluto in un linguaggio più vicino alle esigenze degli sviluppatori che utilizzano la programmazione orientata agli oggetti. Con questo linguaggio è possibile creare qualsiasi tipo di applicazione. Le caratteristiche per cui questo linguaggio risulta particolarmente semplice e versatile, sono diverse: Facilità di scrittura (non utilizza formalità di punteggiatura tipica di quasi tutti gli altri linguaggi). Funzione di progettazione dell interfaccia grafica completamente visuale. Il linguaggio di tipo event-driven.

4 I programmi Event-driven (programmazione a eventi), non hanno un inizio e una fine, bensì sono predisposti ad eseguire un loop infinito di istruzioni. Il flusso di lavoro viene dunque determinato dal verificarsi di eventi esterni. Un evento o, più semplicemente, un azione, è un interazione dell utente con il programma, essa può consistere in un semplice click, digitazione in una casella, inserimento di periferiche esterne, cambiamento della risoluzione, ecc. Gli oggetti del Visual Basic sono in grado di riconoscere autonomamente gli eventi più comuni, senza che il programmatore si preoccupi di stabilire, per esempio, quando l utente ha fatto click su un oggetto. Proprio per la sua facilità e per la potenza e la flessibilità che offre, il Visual Basic viene utilizzato sia dai programmatori più esperti, sia dai neofiti che si avvicinano per la prima volta al mondo della programmazione. L apprendimento del VB risulta, per la sua somiglianza sintattica al C# e quindi al C++, particolarmente facilitato per gli utenti i quali hanno già familiarità con quest ultimo.

5 SEZIONE 2 L ambiente Microsoft Visual Basic CONTENUTO 1. L ambiente di sviluppo visuale Microsoft Visual Basic 2. Da che cosa è composto e le fasi di realizzazione di un progetto Visual Basic 3. Il primo progetto L editor per la programmazione ad oggetti in Visual Basic più famoso è Microsoft Visual Studio e non si tratta esattamente di un editor, bensì di un ambiente di sviluppo. Esistono dei software, magari scritti anch essi in Visual Basic, ad uso commerciale o meno, per implementare utility, ma sono dei surrogati dell'ambiente di sviluppo originale. VB.NET è un linguaggio di libero utilizzo. Il relativo compilatore è scaricabile dall'area download del sito Microsoft. È altresì scaricabile una versione detta Express dell'ide di sviluppo Visual Studio completamente gratuita. Esiste inoltre un compilatore opensource e multipiattaforma che, grazie al progetto Mono, è in grado di compilare anche su piattaforme anche diverse da Windows, come Mac OS X o Linux. Oltre alle versioni di Visual Studio, esiste anche un IDE (Integrated Development Environment) open source, SharpDevelop, che permette di creare applicazioni in modo veloce e semplice. SharpDevelop permette lo sviluppo di plugin per l'ide stesso, applicazioni Mono, creazione di applicazione con.net Compact Framework e le classiche applicazioni Console e Windows Form.

6 L ambiente di sviluppo utilizzato per realizzare questa guida è Microsoft Visual Basic 2010 Express. Iniziamo con il lato pratico. Apriamo Microsoft Visual Basic 2010, spostiamoci nel menu File e facciamo click su Nuovo progetto, scegliamo EXE Standard (Applicazione Windows form, nel nostro caso). Avviato il nuovo progetto, ci troviamo davanti vuna finestra, il form, che sarà la finestra della nostra futura applicazione. Nel form vengono collocati tutti gli elementi dell interfaccia utente: caselle di testo, pulsanti, immagini, ecc. Per inserirli nel progetto basterà selezionarli dalla barra strumenti e trascinarli nel punto desiderato. Altrettanto facilmente è possibile modificare la posizione e la dimensione di un controllo semplicemente utilizzando il mouse. Come comune in ambiente windows, i comandi utili alla realizzazione di un progetto sono raggruppati in una toolbox.

7 Nella finestra proprietà sono elencate le impostazioni dell oggetto selezionato, una proprietà è una caratteristica dell oggetto. A seconda dell oggetto selezionato le proprietà visibili saranno diverse. L ambiente di Visual Basic propone già i possibili valori elencati in una casella di riepilogo. Le fasi di realizzazione di un progetto sono le seguenti: 1. Creazione dell interfaccia utente - definiamo il form e tutti gli oggetti che saranno utilizzati nel progetto. 2. Impostazioni delle priorità - descrizione degli oggetti componenti il progetto 3. Scrittura del codice Visual Basic - Istruiamo il programma in modo da stabilire cosa deve accadere al verificarsi di un dato evento. Al termine di queste fasi si potrà procedere alla creazione dell eseguibile e del pacchetto di installazione. Vediamo adesso come realizzare il nostro semplicissimo primo progetto. 1. Apriamo un nuovo progetto e iniziamo ad inserire i controlli utilizzando la toolbox degli strumenti. 2. Selezioniamo l oggetto Label e posizioniamolo nel form. 3. Troviamo l oggetto Button e facciamo la stessa cosa del punto 2

8 La situazione dovrebbe essere all incirca questa: 4. Selezionate adesso il bottone, spostatevi nella finestra delle proprietà e quindi nel campo name, modifichiamolo in cmdbutton. 5. Nel campo Text scriviamo Calcola 6. Ripetiamo i punti 4 e 5 per Label1 e modifichiamo nel modo seguente, name: lblrisultato, Text: qui comparirà il risultato 7. Finestraacciamo doppio click sul bottone, si aprirà la scheda del codice, dove troveremo quanto segue: Public Class Form1 Private Sub Button1_Click(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles Button1.Click End Sub End Class Per versioni VB dalla 7 in poi. Public Class Form1 End Sub Private Sub cmdcalcola_click() End Class Per vecchie versioni di VB

9 Ogni comando inserito all interno del sub appena creato verrà lanciato non appena si farà click sul pulsante 8. Spostiamoci all interno del nuovo sub e scriviamo lblrisultato.text = Analogamente alla sintassi del C#, l operazione di assegnazione viene effettuata tramite l operatore = 9. Eseguiamo il programma con il tasto Run o premendo F5 Se tutto ha funzionato, il programma dovrebbe avviarsi e, cliccando sul pulsante, dovrebbe comparire la somma di 2+2.

10 CAPITOLO 2 Allora iniziamo a programmare! - Le basi Dopo aver affrontato il primo capitolo e aver preso mano con il linguaggio e il relativo ambiente di sviluppo, questo capitolo fornisce gli elementi per applicare le basi di programmazione che si conoscono al Visual Basic

11 SEZIONE 1 Le variabili e le costanti CONTENUTO 1. I tipi di dato 2. Dichiarazione di una variabile 3. Dichiarazione di una costante 4. Pratica: Area del cerchio Così come in C# (e in tutti gli altri linguaggi) i dati possono essere di vario tipo, ognuno dei quali rappresenta valori diversi e occupa una diversa dimensione in memoria: Tipo di dato Dimension e in memoria Intervallo Boolean 2 byte true (-1) o False (0) Integer (intero) 2 byte Da a Long (intero lungo) Single (virgola mobile a precisione semplice) Double (virgola mobile a precisione doppia) String 10 byte + lunghezza stringa (10 byte + numero caratteri) 4 byte Da a byte Da -3,402823E38 a -1,401298E-45 per valori negativi;da 1,401298E-45 a 3,402823E38 per valori positivi 8 byte Da -1, E308 a -4, E-324 per valori negativi; da 4, E-324 a 1, E308 per valori positivi Da 0 a circa 2 miliardi

12 Vediamo adesso la differenza tra la dichiarazione di una costante e quella di una variabile. Le costanti vengono dichiarate nel seguente modo: [Public Private] Const <NomeConstante> As <Tipo> = valore Public e Private restringono il campo d azione delle costanti definite, il primo stabilisce che i dati presenti nel form possono essere condivise anche con altri progetti, mentre la seconda limita l uso dei dati al solo progetto in costruzione. Const è la parola chiave <NomeConstante> è il nome che si desidera assegnare alla costante As è un altra parola chiave, indica che <Tipo> è il tipo con cui viene dichiarata la constante <Tipo>, come appena detto, identifica il tipo assegnato alla constante = valore assegna il valore della constante esempi di constanti sono: Const Massimo As Integer = 10 Const pigreco As Double = 3,14

13 Vediamo adesso come dichiarare una variabile Dim <NomeVariabile> As <Tipo> Dim è l istruzione di dichiarazione esplicita che consente di assegnare alle variabili un identificatore e un tipo <NomeVariabile> è il nome da assegnare alla variabile As, così come <Tipo>, hanno la stessa funzione vista per le constanti Anche per le variabili è possibile assegnare un valore iniziale, sempre con l operatore = Esempi: Dim Risultato As Integer Dim I As Integer = 1 Dim cognome As String Dim nome As String *20 Così come accadeva in C# con il tipo string, anche qui esso può sì avere una lunghezza fissa dichiarata (*20 indica che la variabile nome può contenere massimo 20 caratteri), ma può avere anche lunghezza variabile (come accade nel terzo esempio), basta non dichiarare la dimensione Vediamo adesso come realizzare un semplice programma che utilizzi sia variabili che constanti. 1. Apriamo un nuovo progetto e inseriamo nel form il controllo TextBox 2. Inseriamo adesso un bottone comune e una Label

14 3. Applichiamo le seguenti proprietà, Bottone: Label: Name: cmdbutton, Text: Calcola; Name: lblrisultato, Text: Risultato 4. Spostiamoci all interno della scheda del codice, dentro il class, e andiamo a dichiarare le seguenti variabili e constanti: Const pigreco As Double = 3.14 Dim raggio As Double Dim Risultato As Double 5. Torniamo nella finestra del form, facciamo doppio click sul bottone, ecco che verremo spostati nuovamente nella scheda del codice, all interno del sub 6. Qui andremo a scrivere: Raggio = TextBox1.Text Risultato = pigreco * raggio * raggio lblrisultato.text = Risultato

15 7. Il codice completo dovrebbe essere simile a questo: Public Class Form1 Const pigreco As Double = 3.14 Dim raggio As Double Dim Risultato As Double Private Sub cmdcalcola_click(byval sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdcalcola.click raggio = TextBox1.Text Risultato = pigreco * raggio * raggio lblrisultato.text = Risultato End Sub 8. Eseguite il programma, inserendo il valore del raggio nella casella di testo e premendo Calcola, dovrebbe comparire l area del cerchio.

16 SEZIONE 2 Procedure e funzioni CONTENUTO 1. Procedure 2. Funzioni 3. Applicazioni e differenze 4. Esempio: Somma e sottrazione Come abbiamo già visto studiando il linguaggio C, nella scrittura di un programma possiamo usufruire di un potente strumento le funzioni. Le funzioni, o routine, ci permettono dunque di dividere il programma in sottoprogrammi. Rispetto al C la gestione delle funzioni è molto simile e la sintassi semplificata. Vediamo adesso alcune precisazioni. In VB abbiamo la distinzione tra procedure e funzioni. La differenza fondamentale tra procedure e funzioni è che le seconde possono restituire dei valori, mentre le procedure no. Di seguito, la dichiarazione di una procedura. Private Sub <nome>([parametro As <Tipo>,...])... End Sub Private, indica il campo d azione dei dati. Sub è l abbreviazione di subroutine, inizia la dichiarazione della procedura

17 nome: è il nome con cui vogliamo identificare la procedura per una successiva chiamata. Dentro le parentesi tonde dobbiamo inserire il nome delle variabili con i relativi tipi, esse rispettano le regole studiate nel C, in chiamata dovremmo perciò rispettare gli stessi accorgimenti. Potremo inoltre decidere se passare il parametro per valore (anteponendo byval) o per indirizzo (byref). end sub, è una parola chiave del VB che segna la fine della procedura. Vediamo adesso come gestire la chiamata ad una procedura: <nome>([parametro As <Tipo>,...]) La chiamata è estremamente semplice, basta fare riferimento al nome e includere tra parentesi i parametri da passare al parametro. Vediamo adesso la dichiarazione di una funzione. Private Function <nome>([parametro As <Tipo>,...]) [As <Tipo>]... End Function Private, indica il campo d azione dei dati. Fuction, inizia la dichiarazione della funzione nome: è il nome con cui vogliamo identificare la funzione per una successiva chiamata. Come con le procedure, passiamo, all interno delle parentesi tonde, i parametri. As <Tipo>: esso indica il tipo di dato restituito dalla funzione. Proviamo a mettere in pratica quanto appreso. 1. Apriamo un nuovo progetto

18 2. Inseriamo il necessario: tre label, due TextBox, due bottoni e modifichiamo come di seguito CAMPO \OGGETTO NOME.TEXT (O CAPTION) Label1 -invariato- Variabile A Label2 -invariato- Variabile B Label3 lblrisultato Risultato TexBox1 txtvara -vuoto- TexBox2 txtvara -vuoto- Botton1 cmdsomma Somma Botton2 cmdsottrazione Sottrazione Otterrete un risultato simile a questo

19 Adesso andremo ad effettuare la somma mediante un parametro e la sottrazione mediante una funzione. 3. Dichiariamo due variabili globali: A e B come interi 4. Andiamo a scrivere la procedura somma, ricordiamo che una procedura non restituisce valori. Private Sub somma(byval A As Integer, ByVal B As Integer) Dim risultato As Integer risultato = Val(A) + Val(B) lblrisultato.text = risultato End Sub Analizziamo: Abbiamo dichiarato la procedura somma, la quale lavorerà con il valore (byval) dei parametri A e B). Abbiamo dichiarato il risultato come un intero e abbiamo assegnato ad esso l addizione tra A e B. Poiché non è possibile far tornare un valore, la visualizzazione del risultato deve avvenire all interno della procedura. 5. Scriviamo la funzione sottrazione, la quale può restituire valori. Private Function sottrazione(byval A As Integer, ByVal B As Integer) As Integer Dim risultato As Integer risultato = Val(A) - Val(B) Return risultato End Function Analizziamo: Abbiamo dichiarato la funzione somma, la quale lavorerà con il valore (byval) dei parametri A e B). Questa funzione restituirà un valore intero. Abbiamo dichiarato il risultato come un intero e abbiamo assegnato ad esso la differenza tra A e B. Return è la parola chiave che anticipa il valore di ritorno.

20 6. Creiamo gli eventi click su cmdsomma e click su cmdsottrazione. 7. Assegnamo alle variabili i TextBox. 8. Effettuiamo la chiamata al sottoprogramma relativo. Risultato finale: Public Class Form1 Dim A As Integer Dim B As Integer Private Sub cmdsomma_click(byval sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdsomma.click A = txtvara.text B = txtvarb.text somma(a, B) End Sub Private Sub cmdsottrazione_click(byval sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdsottrazione.click A = txtvara.text B = txtvarb.text Dim risultato As Integer risultato = sottrazione(a, B) lblrisultato.text = risultato End Sub Private Sub somma(byval A As Integer, ByVal B As Integer) Dim risultato As Integer risultato = Val(A) + Val(B) lblrisultato.text = risultato End Sub Private Function sottrazione(byval A As Integer, ByVal B As Integer) As Integer Dim risultato As Integer risultato = Val(A) - Val(B) Return risultato End Function End Class //A seconda della versione utilizzata, il codice potrebbe risultare diverso.

21 SEZIONE 3 Funzioni iterative CONTENUTO 1. Ciclo For... Next 2. Ciclo Do... Loop 3. Pratica: Fattoriale Vediamo come mandare in esecuzione dei cicli con il VB. Il ciclo più utilizzato è sicuramente il For.. Next /*anche se alla prof non piace : ) */ Vediamone la sintassi: For <Contatore> = Inizio To Fine [Step Incremento]... Next [<Contatore>] For: è la parola chiave che apre il ciclo <Contatore> : è una variabile contenente valori numerici Inizio To Fine: Inizio è il valore che assumerà subito il contatore, Fine è il valore che dovrà raggiungere. La parola chiave Step è facoltativa, se non viene specificata, l incremento di default sarà +1 Next <Contatore> chiude il ciclo

22 Il Do... Loop può presentarsi in due forme: Do While Condizione... Loop Do apre il ciclo. While Condizione è la condizione da verificare per entrare nel ciclo. Loop termina il ciclo. Questa struttura prevede per prima cosa la verifica della condizione. Il ciclo entrerà in esecuzione finché la condizione risulterà vera. Do... Loop While Condizione Do: Apre il ciclo. Loop: segna la fine del ciclo. While Condizione è la condizione da verificare per entrare nel ciclo. Questa struttura permette di eseguire le istruzioni e di verificare la condizione al termine di ciascuna esecuzione. Scriviamo adesso un semplice programma con i vari cicli, così da evidenziarne le differenze. Public Class Form1 Private Sub Button1_Click(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdcalcola.click Dim A As Integer A = txtvara.text Dim Risultato As Integer Risultato = 1 For i As Integer = 0 To A - 1 Risultato = Risultato * (A - i) Next lblrisultato.text = Risultato End Sub End Class For Next

23 Public Class Form1 >>>>>>Private Sub Button1_Click(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdcalcola.click Dim A As Integer, i As Integer, Risultato As Integer A = txtvara.text Risultato = 1 i = 0 Do While i < A Risultato = Risultato * (A - i) i = i + 1 Loop lblrisultato.text = Risultato End Sub End Class Do... Loop

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Per realizzare un programma in VB

Per realizzare un programma in VB Per realizzare un programma in VB E necessario eseguire nell ordine i seguenti passi: 1) Dato un problema, disegnare la tabella delle variabili 2) Determinare l algoritmo risolutivo con la pseudocodifica

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Visual Basic.NET: un nuovo linguaggio di programmazione

Visual Basic.NET: un nuovo linguaggio di programmazione Visual Basic.NET: un nuovo linguaggio di programmazione Visual Basic.NET è uno dei linguaggi che fa parte della suite di sviluppo Visual Studio.NET: con essa Microsoft vuole segnare una svolta nel mondo

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso Integrare le MFC con Irrlicht by Raffaele White tiger Mancuso In questo topic spiegherò come integrare irrlicht in un documento singolo MFC *(1). Io ho usato il visual c++ 6 ma la procedura dovrebbe essere

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Nonostante esistano già in rete diversi metodi di vendita, MetaQuotes il programmatore di MetaTrader 4, ha deciso di affidare

Dettagli

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Scuola Specializzazione Istruzione Superiore Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Michele Batocchi ITC Vittorio Emanuele II Perugia A.S. 2007/2008 Introduzione

Dettagli

Corso. LabVIEW. a cura di FRANCESCO FICILI. oltre l elettronica N 144-152

Corso. LabVIEW. a cura di FRANCESCO FICILI. oltre l elettronica N 144-152 Corso LabVIEW a cura di FRANCESCO FICILI N 144-152 oltre l elettronica Sommario LEZIONI 1 9 LEZIONE 1 Iniziamo a conoscere la piattaforma software LabVIEW di National Instruments, un innovativo ambiente

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa

Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa A cura del Centro Elaborazione Dati Amministrativi 1 INDICE 1. Accesso ed utilizzo della Webmail

Dettagli

1 PARTE Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

1 PARTE Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net 1 PARTE Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo.

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Disabilitare lo User Account Control

Disabilitare lo User Account Control Disabilitare lo User Account Control Come ottenere i privilegi di sistema su Windows 7 1s 2s 1. Cenni Generali Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) Win 7 1.1 Dove può essere applicato questo

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C.:luxx:. PREMESSE In questa guida non verranno trattati i costrutti di flusso, le funzioni, o comunque le caratteristiche del linguaggio, che si danno come presupposte.

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone PRIMI PASSI Se è la prima volta che aprite l'applicazione MAIL vi verrà chiesto di impostare o creare il vostro account di posta e le gli step

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi Primo in C Un semplice L ambiente di sviluppo Dev-C++ Codifica del Compilazione e correzione errori Esecuzione e verifica 2 Esercizio Somma due numeri Si realizzi un in linguaggio C che acquisisca da tastiera

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli