Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio"

Transcript

1 FROM C TO Visual Basic DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FEDERICO GIUNTOLI

2 Microsoft Visual Basic Questo capitolo ha lo scopo di definire le caratteristiche elementari del linguaggio e dell ambiente di sviluppo integrato.

3 Un nuovo modo di programmare CONTENUTO 1. Cenni storici 2. Descrizione generale del linguaggio 3. Programmazione event-driven Al giorno d oggi, la disponibilità di linguaggi e di strumenti utili al fine di creare applicazioni è ampia, vale tuttavia la pena di prendere in considerazione il Visual Basic. Arrivato alla versione 8, il Visual Basic è un semplice ma potente linguaggio di programmazione di casa Microsoft per costruire software installabili direttamente sul computer. Fino alla versione 6, il VB era considerato, da molti, un linguaggio limitato e semplicistico, tuttavia, dalla versione 7, Visual Basic è stato completamente rivisto e microsoft ha lanciato il nuovo Visual Basic.NET, la sintassi è comunque molto simile a quella del VB. Con le nuove versioni questo si è evoluto in un linguaggio più vicino alle esigenze degli sviluppatori che utilizzano la programmazione orientata agli oggetti. Con questo linguaggio è possibile creare qualsiasi tipo di applicazione. Le caratteristiche per cui questo linguaggio risulta particolarmente semplice e versatile, sono diverse: Facilità di scrittura (non utilizza formalità di punteggiatura tipica di quasi tutti gli altri linguaggi). Funzione di progettazione dell interfaccia grafica completamente visuale. Il linguaggio di tipo event-driven.

4 I programmi Event-driven (programmazione a eventi), non hanno un inizio e una fine, bensì sono predisposti ad eseguire un loop infinito di istruzioni. Il flusso di lavoro viene dunque determinato dal verificarsi di eventi esterni. Un evento o, più semplicemente, un azione, è un interazione dell utente con il programma, essa può consistere in un semplice click, digitazione in una casella, inserimento di periferiche esterne, cambiamento della risoluzione, ecc. Gli oggetti del Visual Basic sono in grado di riconoscere autonomamente gli eventi più comuni, senza che il programmatore si preoccupi di stabilire, per esempio, quando l utente ha fatto click su un oggetto. Proprio per la sua facilità e per la potenza e la flessibilità che offre, il Visual Basic viene utilizzato sia dai programmatori più esperti, sia dai neofiti che si avvicinano per la prima volta al mondo della programmazione. L apprendimento del VB risulta, per la sua somiglianza sintattica al C# e quindi al C++, particolarmente facilitato per gli utenti i quali hanno già familiarità con quest ultimo.

5 SEZIONE 2 L ambiente Microsoft Visual Basic CONTENUTO 1. L ambiente di sviluppo visuale Microsoft Visual Basic 2. Da che cosa è composto e le fasi di realizzazione di un progetto Visual Basic 3. Il primo progetto L editor per la programmazione ad oggetti in Visual Basic più famoso è Microsoft Visual Studio e non si tratta esattamente di un editor, bensì di un ambiente di sviluppo. Esistono dei software, magari scritti anch essi in Visual Basic, ad uso commerciale o meno, per implementare utility, ma sono dei surrogati dell'ambiente di sviluppo originale. VB.NET è un linguaggio di libero utilizzo. Il relativo compilatore è scaricabile dall'area download del sito Microsoft. È altresì scaricabile una versione detta Express dell'ide di sviluppo Visual Studio completamente gratuita. Esiste inoltre un compilatore opensource e multipiattaforma che, grazie al progetto Mono, è in grado di compilare anche su piattaforme anche diverse da Windows, come Mac OS X o Linux. Oltre alle versioni di Visual Studio, esiste anche un IDE (Integrated Development Environment) open source, SharpDevelop, che permette di creare applicazioni in modo veloce e semplice. SharpDevelop permette lo sviluppo di plugin per l'ide stesso, applicazioni Mono, creazione di applicazione con.net Compact Framework e le classiche applicazioni Console e Windows Form.

6 L ambiente di sviluppo utilizzato per realizzare questa guida è Microsoft Visual Basic 2010 Express. Iniziamo con il lato pratico. Apriamo Microsoft Visual Basic 2010, spostiamoci nel menu File e facciamo click su Nuovo progetto, scegliamo EXE Standard (Applicazione Windows form, nel nostro caso). Avviato il nuovo progetto, ci troviamo davanti vuna finestra, il form, che sarà la finestra della nostra futura applicazione. Nel form vengono collocati tutti gli elementi dell interfaccia utente: caselle di testo, pulsanti, immagini, ecc. Per inserirli nel progetto basterà selezionarli dalla barra strumenti e trascinarli nel punto desiderato. Altrettanto facilmente è possibile modificare la posizione e la dimensione di un controllo semplicemente utilizzando il mouse. Come comune in ambiente windows, i comandi utili alla realizzazione di un progetto sono raggruppati in una toolbox.

7 Nella finestra proprietà sono elencate le impostazioni dell oggetto selezionato, una proprietà è una caratteristica dell oggetto. A seconda dell oggetto selezionato le proprietà visibili saranno diverse. L ambiente di Visual Basic propone già i possibili valori elencati in una casella di riepilogo. Le fasi di realizzazione di un progetto sono le seguenti: 1. Creazione dell interfaccia utente - definiamo il form e tutti gli oggetti che saranno utilizzati nel progetto. 2. Impostazioni delle priorità - descrizione degli oggetti componenti il progetto 3. Scrittura del codice Visual Basic - Istruiamo il programma in modo da stabilire cosa deve accadere al verificarsi di un dato evento. Al termine di queste fasi si potrà procedere alla creazione dell eseguibile e del pacchetto di installazione. Vediamo adesso come realizzare il nostro semplicissimo primo progetto. 1. Apriamo un nuovo progetto e iniziamo ad inserire i controlli utilizzando la toolbox degli strumenti. 2. Selezioniamo l oggetto Label e posizioniamolo nel form. 3. Troviamo l oggetto Button e facciamo la stessa cosa del punto 2

8 La situazione dovrebbe essere all incirca questa: 4. Selezionate adesso il bottone, spostatevi nella finestra delle proprietà e quindi nel campo name, modifichiamolo in cmdbutton. 5. Nel campo Text scriviamo Calcola 6. Ripetiamo i punti 4 e 5 per Label1 e modifichiamo nel modo seguente, name: lblrisultato, Text: qui comparirà il risultato 7. Finestraacciamo doppio click sul bottone, si aprirà la scheda del codice, dove troveremo quanto segue: Public Class Form1 Private Sub Button1_Click(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles Button1.Click End Sub End Class Per versioni VB dalla 7 in poi. Public Class Form1 End Sub Private Sub cmdcalcola_click() End Class Per vecchie versioni di VB

9 Ogni comando inserito all interno del sub appena creato verrà lanciato non appena si farà click sul pulsante 8. Spostiamoci all interno del nuovo sub e scriviamo lblrisultato.text = Analogamente alla sintassi del C#, l operazione di assegnazione viene effettuata tramite l operatore = 9. Eseguiamo il programma con il tasto Run o premendo F5 Se tutto ha funzionato, il programma dovrebbe avviarsi e, cliccando sul pulsante, dovrebbe comparire la somma di 2+2.

10 CAPITOLO 2 Allora iniziamo a programmare! - Le basi Dopo aver affrontato il primo capitolo e aver preso mano con il linguaggio e il relativo ambiente di sviluppo, questo capitolo fornisce gli elementi per applicare le basi di programmazione che si conoscono al Visual Basic

11 SEZIONE 1 Le variabili e le costanti CONTENUTO 1. I tipi di dato 2. Dichiarazione di una variabile 3. Dichiarazione di una costante 4. Pratica: Area del cerchio Così come in C# (e in tutti gli altri linguaggi) i dati possono essere di vario tipo, ognuno dei quali rappresenta valori diversi e occupa una diversa dimensione in memoria: Tipo di dato Dimension e in memoria Intervallo Boolean 2 byte true (-1) o False (0) Integer (intero) 2 byte Da a Long (intero lungo) Single (virgola mobile a precisione semplice) Double (virgola mobile a precisione doppia) String 10 byte + lunghezza stringa (10 byte + numero caratteri) 4 byte Da a byte Da -3,402823E38 a -1,401298E-45 per valori negativi;da 1,401298E-45 a 3,402823E38 per valori positivi 8 byte Da -1, E308 a -4, E-324 per valori negativi; da 4, E-324 a 1, E308 per valori positivi Da 0 a circa 2 miliardi

12 Vediamo adesso la differenza tra la dichiarazione di una costante e quella di una variabile. Le costanti vengono dichiarate nel seguente modo: [Public Private] Const <NomeConstante> As <Tipo> = valore Public e Private restringono il campo d azione delle costanti definite, il primo stabilisce che i dati presenti nel form possono essere condivise anche con altri progetti, mentre la seconda limita l uso dei dati al solo progetto in costruzione. Const è la parola chiave <NomeConstante> è il nome che si desidera assegnare alla costante As è un altra parola chiave, indica che <Tipo> è il tipo con cui viene dichiarata la constante <Tipo>, come appena detto, identifica il tipo assegnato alla constante = valore assegna il valore della constante esempi di constanti sono: Const Massimo As Integer = 10 Const pigreco As Double = 3,14

13 Vediamo adesso come dichiarare una variabile Dim <NomeVariabile> As <Tipo> Dim è l istruzione di dichiarazione esplicita che consente di assegnare alle variabili un identificatore e un tipo <NomeVariabile> è il nome da assegnare alla variabile As, così come <Tipo>, hanno la stessa funzione vista per le constanti Anche per le variabili è possibile assegnare un valore iniziale, sempre con l operatore = Esempi: Dim Risultato As Integer Dim I As Integer = 1 Dim cognome As String Dim nome As String *20 Così come accadeva in C# con il tipo string, anche qui esso può sì avere una lunghezza fissa dichiarata (*20 indica che la variabile nome può contenere massimo 20 caratteri), ma può avere anche lunghezza variabile (come accade nel terzo esempio), basta non dichiarare la dimensione Vediamo adesso come realizzare un semplice programma che utilizzi sia variabili che constanti. 1. Apriamo un nuovo progetto e inseriamo nel form il controllo TextBox 2. Inseriamo adesso un bottone comune e una Label

14 3. Applichiamo le seguenti proprietà, Bottone: Label: Name: cmdbutton, Text: Calcola; Name: lblrisultato, Text: Risultato 4. Spostiamoci all interno della scheda del codice, dentro il class, e andiamo a dichiarare le seguenti variabili e constanti: Const pigreco As Double = 3.14 Dim raggio As Double Dim Risultato As Double 5. Torniamo nella finestra del form, facciamo doppio click sul bottone, ecco che verremo spostati nuovamente nella scheda del codice, all interno del sub 6. Qui andremo a scrivere: Raggio = TextBox1.Text Risultato = pigreco * raggio * raggio lblrisultato.text = Risultato

15 7. Il codice completo dovrebbe essere simile a questo: Public Class Form1 Const pigreco As Double = 3.14 Dim raggio As Double Dim Risultato As Double Private Sub cmdcalcola_click(byval sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdcalcola.click raggio = TextBox1.Text Risultato = pigreco * raggio * raggio lblrisultato.text = Risultato End Sub 8. Eseguite il programma, inserendo il valore del raggio nella casella di testo e premendo Calcola, dovrebbe comparire l area del cerchio.

16 SEZIONE 2 Procedure e funzioni CONTENUTO 1. Procedure 2. Funzioni 3. Applicazioni e differenze 4. Esempio: Somma e sottrazione Come abbiamo già visto studiando il linguaggio C, nella scrittura di un programma possiamo usufruire di un potente strumento le funzioni. Le funzioni, o routine, ci permettono dunque di dividere il programma in sottoprogrammi. Rispetto al C la gestione delle funzioni è molto simile e la sintassi semplificata. Vediamo adesso alcune precisazioni. In VB abbiamo la distinzione tra procedure e funzioni. La differenza fondamentale tra procedure e funzioni è che le seconde possono restituire dei valori, mentre le procedure no. Di seguito, la dichiarazione di una procedura. Private Sub <nome>([parametro As <Tipo>,...])... End Sub Private, indica il campo d azione dei dati. Sub è l abbreviazione di subroutine, inizia la dichiarazione della procedura

17 nome: è il nome con cui vogliamo identificare la procedura per una successiva chiamata. Dentro le parentesi tonde dobbiamo inserire il nome delle variabili con i relativi tipi, esse rispettano le regole studiate nel C, in chiamata dovremmo perciò rispettare gli stessi accorgimenti. Potremo inoltre decidere se passare il parametro per valore (anteponendo byval) o per indirizzo (byref). end sub, è una parola chiave del VB che segna la fine della procedura. Vediamo adesso come gestire la chiamata ad una procedura: <nome>([parametro As <Tipo>,...]) La chiamata è estremamente semplice, basta fare riferimento al nome e includere tra parentesi i parametri da passare al parametro. Vediamo adesso la dichiarazione di una funzione. Private Function <nome>([parametro As <Tipo>,...]) [As <Tipo>]... End Function Private, indica il campo d azione dei dati. Fuction, inizia la dichiarazione della funzione nome: è il nome con cui vogliamo identificare la funzione per una successiva chiamata. Come con le procedure, passiamo, all interno delle parentesi tonde, i parametri. As <Tipo>: esso indica il tipo di dato restituito dalla funzione. Proviamo a mettere in pratica quanto appreso. 1. Apriamo un nuovo progetto

18 2. Inseriamo il necessario: tre label, due TextBox, due bottoni e modifichiamo come di seguito CAMPO \OGGETTO NOME.TEXT (O CAPTION) Label1 -invariato- Variabile A Label2 -invariato- Variabile B Label3 lblrisultato Risultato TexBox1 txtvara -vuoto- TexBox2 txtvara -vuoto- Botton1 cmdsomma Somma Botton2 cmdsottrazione Sottrazione Otterrete un risultato simile a questo

19 Adesso andremo ad effettuare la somma mediante un parametro e la sottrazione mediante una funzione. 3. Dichiariamo due variabili globali: A e B come interi 4. Andiamo a scrivere la procedura somma, ricordiamo che una procedura non restituisce valori. Private Sub somma(byval A As Integer, ByVal B As Integer) Dim risultato As Integer risultato = Val(A) + Val(B) lblrisultato.text = risultato End Sub Analizziamo: Abbiamo dichiarato la procedura somma, la quale lavorerà con il valore (byval) dei parametri A e B). Abbiamo dichiarato il risultato come un intero e abbiamo assegnato ad esso l addizione tra A e B. Poiché non è possibile far tornare un valore, la visualizzazione del risultato deve avvenire all interno della procedura. 5. Scriviamo la funzione sottrazione, la quale può restituire valori. Private Function sottrazione(byval A As Integer, ByVal B As Integer) As Integer Dim risultato As Integer risultato = Val(A) - Val(B) Return risultato End Function Analizziamo: Abbiamo dichiarato la funzione somma, la quale lavorerà con il valore (byval) dei parametri A e B). Questa funzione restituirà un valore intero. Abbiamo dichiarato il risultato come un intero e abbiamo assegnato ad esso la differenza tra A e B. Return è la parola chiave che anticipa il valore di ritorno.

20 6. Creiamo gli eventi click su cmdsomma e click su cmdsottrazione. 7. Assegnamo alle variabili i TextBox. 8. Effettuiamo la chiamata al sottoprogramma relativo. Risultato finale: Public Class Form1 Dim A As Integer Dim B As Integer Private Sub cmdsomma_click(byval sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdsomma.click A = txtvara.text B = txtvarb.text somma(a, B) End Sub Private Sub cmdsottrazione_click(byval sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdsottrazione.click A = txtvara.text B = txtvarb.text Dim risultato As Integer risultato = sottrazione(a, B) lblrisultato.text = risultato End Sub Private Sub somma(byval A As Integer, ByVal B As Integer) Dim risultato As Integer risultato = Val(A) + Val(B) lblrisultato.text = risultato End Sub Private Function sottrazione(byval A As Integer, ByVal B As Integer) As Integer Dim risultato As Integer risultato = Val(A) - Val(B) Return risultato End Function End Class //A seconda della versione utilizzata, il codice potrebbe risultare diverso.

21 SEZIONE 3 Funzioni iterative CONTENUTO 1. Ciclo For... Next 2. Ciclo Do... Loop 3. Pratica: Fattoriale Vediamo come mandare in esecuzione dei cicli con il VB. Il ciclo più utilizzato è sicuramente il For.. Next /*anche se alla prof non piace : ) */ Vediamone la sintassi: For <Contatore> = Inizio To Fine [Step Incremento]... Next [<Contatore>] For: è la parola chiave che apre il ciclo <Contatore> : è una variabile contenente valori numerici Inizio To Fine: Inizio è il valore che assumerà subito il contatore, Fine è il valore che dovrà raggiungere. La parola chiave Step è facoltativa, se non viene specificata, l incremento di default sarà +1 Next <Contatore> chiude il ciclo

22 Il Do... Loop può presentarsi in due forme: Do While Condizione... Loop Do apre il ciclo. While Condizione è la condizione da verificare per entrare nel ciclo. Loop termina il ciclo. Questa struttura prevede per prima cosa la verifica della condizione. Il ciclo entrerà in esecuzione finché la condizione risulterà vera. Do... Loop While Condizione Do: Apre il ciclo. Loop: segna la fine del ciclo. While Condizione è la condizione da verificare per entrare nel ciclo. Questa struttura permette di eseguire le istruzioni e di verificare la condizione al termine di ciascuna esecuzione. Scriviamo adesso un semplice programma con i vari cicli, così da evidenziarne le differenze. Public Class Form1 Private Sub Button1_Click(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdcalcola.click Dim A As Integer A = txtvara.text Dim Risultato As Integer Risultato = 1 For i As Integer = 0 To A - 1 Risultato = Risultato * (A - i) Next lblrisultato.text = Risultato End Sub End Class For Next

23 Public Class Form1 >>>>>>Private Sub Button1_Click(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs) Handles cmdcalcola.click Dim A As Integer, i As Integer, Risultato As Integer A = txtvara.text Risultato = 1 i = 0 Do While i < A Risultato = Risultato * (A - i) i = i + 1 Loop lblrisultato.text = Risultato End Sub End Class Do... Loop

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

IL LINGUAGGIO Visual Basic

IL LINGUAGGIO Visual Basic Caratteristiche del linguaggio VB Linguaggio basato sugli eventi IL LINGUAGGI Visual Basic I programmi non sono procedurali, poiche non seguono una sequenza operativa. gni programma si basa infatti su

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti Variabili

Dettagli

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1 Lezione di Visual Basic Prof.ssa Paola Goi 1 VISUAL BASIC E un ambiente di programmazione che permette una programmazione: VISUALE AD EVENTI Per creare programmi applicativi nel sistema operativo Windows.

Dettagli

Il Web-Service SDMX dell ISTAT

Il Web-Service SDMX dell ISTAT Il Web-Service SDMX dell ISTAT Versione: 1.0.0 Data: 05/06/2014 Autore: Approvato da: Modifiche Versione Modifiche Autore Data Indice dei contenuti 1 Introduzione... 4 2 Creazione dell esempio d uso...

Dettagli

Applicazioni grafiche

Applicazioni grafiche Applicazioni grafiche I grafici all interno di un form sono realizzati attraverso gli oggetti del namespace System.Drawing. Graphics. Il namespace è incluso automaticamente nel progetto, quindi non è necessaria

Dettagli

A. Carullo Introduzione a Visual Basic. Introduzione a

A. Carullo Introduzione a Visual Basic. Introduzione a Introduzione a Visual Basic 1 Indice degli argomenti trattati Cos è Visual Basic? L ambiente di sviluppo Visual Basic I passi per la creazione di un progetto VB Operazioni più comuni in un progetto VB

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 9)

Corso di Visual Basic (Parte 9) Corso di Visual Basic (Parte 9) di Maurizio Crespi La nona lezione del corso dedicato alla programmazione in Visual Basic si pone lo scopo di illustrare le funzioni definibili dall'utente e il concetto

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Istruzioni per installare EpiData e i files dati ad uso di NetAudit

Istruzioni per installare EpiData e i files dati ad uso di NetAudit Istruzioni per installare EpiData a cura di Pasquale Falasca e Franco Del Zotti Brevi note sull utilizzo del software EpiData per una raccolta omogenea dei dati. Si tratta di istruzioni passo-passo utili

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Visual Basic Visual Basic Linguaggio di programmazione

Dettagli

Esistono sostanzialmente due metodi per inserire un video online (preso da siti di video sharing come Youtube) in un powerpoint slideshow :

Esistono sostanzialmente due metodi per inserire un video online (preso da siti di video sharing come Youtube) in un powerpoint slideshow : Arricchire con contenuti multimediali uno slideshow di Powerpoint, sia per fare presentazioni a carattere professionale, didattico o per presentare una tesi-relazione, in determinate circostanze può veramente

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java Ing. Luca Ferrari ferrari.luca@unimore.it Tel. 0592056142 Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java 1 Il Compilatore

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS

CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS CONTENUTI: CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS Creazione database vuoto Creazione tabella Inserimento dati A) Creazione di un database vuoto Avviamo il programma Microsoft Access. Dal menu

Dettagli

Windows. Cos è I componenti principali Le funzioni essenziali. www.vincenzocalabro.it 1

Windows. Cos è I componenti principali Le funzioni essenziali. www.vincenzocalabro.it 1 Windows Cos è I componenti principali Le funzioni essenziali www.vincenzocalabro.it 1 Cos è Windows è un sistema operativo, ovvero un insieme di software che consente di eseguire le operazioni basilari

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata:

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata: Creare un Database completo per la gestione del magazzino. Vedremo di seguito una guida pratica su come creare un Database per la gestione del magazzino e la rispettiva spiegazione analitica: Innanzitutto

Dettagli

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 01 Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 Premessa Premettiamo da subito che Microsoft Access risulta essere uno degli applicativi della famiglia di Microsoft Office con una curva di apprendimento

Dettagli

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito Database 1 biblioteca universitaria Testo del quesito Una biblioteca universitaria acquista testi didattici su indicazione dei professori e cura il prestito dei testi agli studenti. La biblioteca vuole

Dettagli

Realizzare semplici applicazioni windows

Realizzare semplici applicazioni windows ITIS Mattei - Prof. Luca Tessore Laboratorio in pillole: VisualBasic Realizzare semplici applicazioni windows Prerequisiti: Matematica: operazioni di base e calcolo letterale. Informatica: saper gestire

Dettagli

Guida alla composizione di modelli OpenOffice

Guida alla composizione di modelli OpenOffice Tekne Informatica & Comunicazione Guida alla composizione di modelli OpenOffice guida rapida per creare e modificare modelli OpenOffice per XDent 01 aprile 2011 Sommario Premessa... 2 Ottenere ed Installare

Dettagli

Programmazione avanzata con Visual Basic 2005

Programmazione avanzata con Visual Basic 2005 Ambiente di sviluppo Visual P1 Creare una soluzione Visual Basic.NET 2005 nelle sue versioni (Standard Edition, Professional Edition) permette di creare diverse tipologie di progetti: Abbiamo anche Visual

Dettagli

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 MANCA COPERTINA INDICE Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 epico! è distribuito nelle seguenti versioni: epico!

Dettagli

SCARICO DATI ONETOUCH Verio per EuroTouch Home GUIDA ALL USO

SCARICO DATI ONETOUCH Verio per EuroTouch Home GUIDA ALL USO SCARICO DATI ONETOUCH Verio per EuroTouch Home GUIDA ALL USO Sommario Installazione dell applicazione... 3 L applicazione... 4 Requisiti... 4 Avvio dell applicazione... 4 Connessione al Database di EuroTouch

Dettagli

Creazione Account PEC puntozeri su Outlook Express

Creazione Account PEC puntozeri su Outlook Express Creazione Account PEC puntozeri su Outlook Express In questa guida viene spiegato come creare un account di posta elettronica certificata per gli utenti che hanno acquistato il servizio offerto da puntozeri.it

Dettagli

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic LIBRERIA WEB 6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic PROGETTO Il centro sportivo Olympic organizza corsi di tipo diverso: nuoto, danza, karate, ecc. Ogni corso ha un unico istruttore prevalente,

Dettagli

Software standard Alpi Label Ver. 2.2.0.0

Software standard Alpi Label Ver. 2.2.0.0 Pag. 1 di 16 Manuale utente Software standard Alpi Label Ver. 2.2.0.0 Pag. 2 di 16 1 SOMMARIO Sommario 1 Sommario... 2 2 Specifiche Tecniche... 3 3 Maschera Principale... 4 4 Funzioni menù... 7 Pag. 3

Dettagli

Processo di Sviluppo delle Applicazioni

Processo di Sviluppo delle Applicazioni Processo di Sviluppo delle Applicazioni La realizzazione di un applicazione come Vivere Ateneo App Domenico Zarcone Ognuno ha il suo ambiente Quali sono gli ambienti integrati di sviluppo più utilizzati?

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

CAPITOLO 10 - TECNOLOGIA ASP.NET - WEB FORM

CAPITOLO 10 - TECNOLOGIA ASP.NET - WEB FORM INTRODUZIONE Nel capitolo 5, dedicato all ambiente di sviluppo, si è descritto come implementare un progetto Web tramite lo strumento di sviluppo Microsoft Visual Studio 2010. Un progetto web (o sito web)

Dettagli

Kaguya 3D Moon-Navi Manuale utente

Kaguya 3D Moon-Navi Manuale utente Kaguya 3D Moon-Navi Manuale utente Grazie a Chiara, Guido e Luca per la traduzione dal giapponese; l'adattamento è colpa di Paolo Attivissimo. L'originale è scaricabile da http://wms.selene.jaxa.jp/3dmoon/manual.html.

Dettagli

ISI s.r.l. Corso di Access 05 CREARE UN ELENCO MAILING ED INVIARE MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA Pag. 1/6

ISI s.r.l. Corso di Access 05 CREARE UN ELENCO MAILING ED INVIARE MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA Pag. 1/6 Pag. 1/6 Quello che vogliamo ottenere con questo database è un semplice programma che permetta di fare mailing tramite posta elettronica. 1 Dopo aver creato il database con Access 97 o 2000 è necessario

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE DI MINGW

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE DI MINGW ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE DI MINGW Prima di iniziare la procedura di installazione di MinGW dobbiamo dire che il presente software è un compilatore C che non possiede un ambiente di programmazione.

Dettagli

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica.

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. Il lavoro si presenta piuttosto lungo, ma per brevità noi indicheremo come creare la pagina iniziale,

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

Come installare Python

Come installare Python Capitolo 2 Come installare Python Per poter installare Python, dovremo scaricare la versione adeguata alla nostra piattaforma e, contestualmente, troveremo le istruzioni più aggiornate per l installazione.

Dettagli

Foglio di calcolo con Microsoft Excel 2003 III

Foglio di calcolo con Microsoft Excel 2003 III Foglio di calcolo con Microsoft Excel 2003 III 1. Scrittura di formule con Autocomposizione Funzione 2. Tabelle Pivot per l'analisi dei dati 1. Scrittura di formule con Autocomposizione Funzione Somme

Dettagli

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1 Il Framework Redistribuitable Package e il Framework Sdk (Software Development Kit) 1.1 Italian Presentazione del corso Con l avvento della piattaforma applicativa.net Microsoft è riuscita a portare un

Dettagli

REMOTE ACCESS24. Note di installazione

REMOTE ACCESS24. Note di installazione REMOTE ACCESS24 Note di installazione . 2011 Il Sole 24 ORE S.p.A. Sede legale: via Monte Rosa, 91 20149 Milano Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE GUIDA UTENTE Installazione...2 Prima esecuzione...5 Login...7 Registrazione del programma...8 Inserimento clienti...9 Gestione contatti...11 Agenti...15 Archivi di base...16 Installazione in rete...16

Dettagli

ASSOWEB. Manuale Operatore

ASSOWEB. Manuale Operatore ASSOWEB Manuale Operatore Sistemi Internet per la gestione delle Associazioni dei Donatori di Sangue integrata con il sistema informativo del Servizio Trasfusionale L utilizzo delle più moderne tecnologie

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag