Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità"

Transcript

1 Ingegneria del Software Interattivo - Oltre l esperimento - Docente: Daniela Fogli Parte quarta: L usabilità 1. L ingegneria dell usabilità 2. I metodi di valutazione di usabilità dei sistemi interattivi - Valutazione euristica attraverso i dieci principi di Nielsen - Valutazione attraverso il metodo del walkthrough cognitivo (e cenni a keystroke analysis) - Gli esperimenti con gli utenti - Altri tecniche oltre gli esperimenti con gli utenti 2 Altre tecniche di valutazione Osservazione e monitoraggio 1. Osservazione dell utente al lavoro, con diverse tecniche di osservazione: dirette e indirette 2. Raccolta di opinioni dell utenza: questionari ed interviste 3. Focus group 4. Monitoraggio: logging dell uso del sistema Metodi interpretativi 1. Vari tipi di protocolli verbali 3 L osservazione nell ingegneria dell usabilità L osservazione dell utente al lavoro è un metodo importante di raccolta dati, sia per l analisi dei compiti sia per le valutazioni di usabilità di sistemi installati L osservazione può essere condotta con varie tecniche, cercando di essere meno intrusivi possibile, compatibilmente con il metodo scelto Gli scopi dettagliati (errori nell eseguire una attività etc.) e le metriche dell osservazione non sono necessariamente definite a priori 4

2 Osservazione diretta dell utente al lavoro Un osservatore assiste all attività dell utente e annota ciò che vede effetto Hawthorne utile nelle fasi iniziali per avere idea di cosa piace o non piace associata a metodi indiretti e di annotazione da parte dell osservatore uso di checklist se si sa cosa si vuol osservare il problema di osservare una realtà molto ricca, visione parziale le note dell osservazione possono essere criptiche per lo stesso osservatore! vantaggio: si scoprono modi d uso inaspettati che in un esperimento non si sarebbero trovati Osservazione indiretta dell utente al lavoro Usa strumenti: telecamere Possibilmente combinare più modi di osservare Pro l osservatore può vedere più volte il filmato e le note Contro tempo necessario problemi di sincronizzazione effetto Hawthorne 5 6 Osservazione indiretta video dell utente Problema: rivela difficoltà utente nel contesto senza dire il perché Analisi: può essere progettata a posteriori, con misura di: - frequenza compiti completati - tempi di esecuzione - tempi di pause cognitive - frequenza errori Osservazione indiretta video: progettazione Progettazione di come condurre l osservazione: definire a priori le classi di problemi da osservare individuare (sviluppare) gli strumenti di supporto decidere dove mettere le telecamere, chi e quando cambia la cassetta, etc. prevedere tempi e costi dell analisi: l analisi chiede tempi 5:1 rispetto all osservazione (il video viene rivisto più volte) 7 8

3 Raccogliere le opinioni degli utenti Intervista: dà indicazioni qualitative Questionario: più verso il quantitativo con attenzione! - meno flessibile Sono strumenti di semantizzazione progressiva Problemi comuni: sono opinioni soggettive dell utente, individuano situazioni di disagio (ansia) o soddisfazione Danno l idea di come l utente pensa che stiano le cose NON di come stanno 9 Interviste e questionari: caratteristiche generali Metodi simili perché coinvolgono gli utenti facendo loro domande I questionari sono su carta o interattivi su computer, possono essere gestiti senza bisogno di altre persone che facciano le domande agli utenti Le interviste invece prevedono la presenza di un intervistatore che legge le domande all intervistato e le risposte sono solitamente registrate anziché essere scritte direttamente dall utente 10 Interviste e questionari: caratteristiche generali (2) Le interviste generano dei risultati immediati: sono fatte via telefono o di persona I risultati dei questionari subiscono ritardi dovuti a invio/ricevimento domande/risposte: sono generalmente gestiti via posta (elettronica o ordinaria) o via web Coi questionari, occorrono meccanismi per invogliare l utente a rispondere (ad esempio, busta già affrancata, remunerazione, etc.) Ma il vantaggio è che in linea di principio è possibile inviare un questionario all intera popolazione interessata Un problema Sia con interviste che con questionari il problema è interpretare i risultati Esempio: agli utenti fu dato un questionario sulla difficoltà delle istruzioni di un telefono cellulare, 24 su 25 dissero che le istruzioni erano di difficoltà media o semplici da capire quando fu fatto l esperimento le loro prestazioni furono corrette al 50% indicando che le istruzioni non erano poi così soddisfacenti Gli utenti PENSAVANO di aver capito le istruzioni, ma in realtà non era così Quindi non sempre bisogna interpretare i risultati alla lettera 11 12

4 Una causa La gente risponde ciò che pensa di dover rispondere (per non fare brutta figura, per non apparire insufficiente, per non offendere l intervistatore) Esempio assistenza tecnica: alla richiesta di quanto tempo l utente ha speso per cercare la soluzione nella documentazione prima di chiedere al servizio assistenza tutti gli utenti tendono a sovrastimare il tempo speso Tipi di interviste Strutturata Domande predefinite in sequenze predefinite; non si esplora l attitudine del singolo Adatta ad utenti esperti del dominio L intervistatore può non essere esperto Non Strutturata Domande flessibili: l intervistatore è libero di chiedere L intervistatore deve essere esperto deve avere una STRATEGIA di indagine chiara, aver chiaro COSA vuol sapere (i punti da esplorare) non deve mettere a disagio gli utenti Strutturata Semi-strutturata (gruppi di domande predefinite) Forme intermedie In base alle risposte l intervistatore può riadattare le domande Non Strutturata Prompted (con solleciti) I solleciti possono essere schizzi, metafore grafiche, in linguaggio di dominio 15 Intervista semi-strutturata Nielsen propone una lista di domande da fare per individuare informazioni che l utente non dice perché le considera banali o legate ad azioni che fa senza pensarci esplicitamente: 1. Perché lo fai? (individuare le intenzioni dell utente) 2. Come lo fai? (capire i sottocompiti: ripetere ricorsivamente) 3. Perché lo fai (o non lo fai) in questa maniera? (capire il razionale sottostante) 4. Quali sono le pre-condizioni? (formulato in linguaggio di utente: devi fare qualche cosa prima di questo?) 5. Quali sono i risultati nel fare questo? 6. Si possono vedere i risultati del lavoro? 7. Accadono errori nel fare il lavoro? Quali? Quanti? 8. Come si scoprono e correggono gli errori? 9. Ci sono situazioni critiche? Possibili incidenti? E una guida per l intervistatore, che è libero di raccogliere altri commenti 16

5 L intervista: in sintesi Richiede un intervistatore Raggiunge un numero limitato di utenti Ammette domande ambigue (gestite da intervistatore) Quando fare un intervista? In varie fasi del ciclo di vita: Nell analisi dei compiti Dopo osservazione e/o monitoraggio degli utenti Per ottenere il feedback dagli utenti Il Progetto Chi intervistare Chi è l intervistatore Il tipo di intervista Come analizzare i risultati Costi: remunerazione intervistatore, remunerazione intervistati, tempi preparazione, costi analisi Questionario Un insieme ordinato di domande non ambigue Pregio: può raggiungere un gran numero di utenti Difetto: rigidità Le domande: Aperte: chi risponde dà la risposta che vuole Chiuse: chi risponde seleziona una risposta in un insieme limitato. Occorre fissare una scala di merito con cui pesare le risposte Problemi di progetto del questionario Il progetto delle domande Domande non ambigue Aumentare la probabilità che chi deve rispondere lo completi: questionario corto, remunerare chi compila, invio risposta non costoso Il problema dell analisi dei dati: con package statistici (ma attenti alle scale! Quale statistica è adatta?) Fare solo domande di cui si vuole veramente conoscere la risposta Condurre un Test Pilota: in generale il questionario NON si può adattare all utente (è vero anche coi nuovi media?), il questionario costa, il test pilota consente di ridurre i pericoli di incomprensione e ambiguità 19 Occorre fissare una linea di base del giudizio: se richiedo giudizi di diversi utenti rispetto a più sistemi considero i giudizi uno relativamente all altro se richiedo giudizi di diversi utenti rispetto a un sistema c è polarizzazione rispetto al non voler offendere Una possibile strategia: fare questionario prima dell uso (sulle aspettative) fare questionario dopo l uso (sull effettiva esperienza) 20

6 Le scale adottabili (1) Le scale adottabili (2) Lista di controlli non c è ordine, zero, distanza: statistica corretta: frequenza Scala di valutazione a punti c è un ordine, ma non sono definiti lo zero e la distanza Scala di Likert In risposta a domande precise. Ci sono zero e distanza, ma arbitrarie (vedi dopo) 21 Semantica differenziale Agli estremi: aggettivi bi-polari: ogni punto dà un peso arbitrario ad uno dei due Ordinale secondo il rango ordinare elementi simili rispetto ad una qualità (utilità, difficoltà d uso) 22 L analisi dei dati In generale le scale sono convertite arbitrariamente a scale numeriche strongly agree -3 agree -2 slightly agree -1 neutral 0 slightly disagree 1 disagree 2 strongly disagree 3 e valutate con statistiche per scale numeriche Un esempio 23 24

7 Un altro (pagine 1-2) Un altro (pagine 3-4) (Tratto da tesi di G. Pollini, 2008) 25 (Tratto da tesi di G. Pollini, 2008) 26 Focus Group Tecnica informale: 6-9 utenti discutono, in presenza di un moderatore, su nuovi concetti e strumenti per un periodo di circa due ore prima e dopo l implementazione del sistema (o di prototipi). Gli utenti hanno l impressione di una discussione libera Il moderatore deve: Prima dell esperimento: preparare la lista di temi da discutere e gli scopi da raggiungere, quasi un copione Durante: mantenere la discussione focalizzata; garantire che tutti si esprimano Dopo: analizzare i dati e stendere rapporto Vantaggi: fa emergere le idee e le reazioni spontanee degli utenti e le dinamiche di gruppo Svantaggi: costoso in termini di utenti (almeno 6 in un gruppo, utili più gruppi) 27 Monitoraggio utenti (Logging) Si tratta di osservare, mediante programmi, gli utenti mentre interagiscono con un sistema software Si avranno statistiche sulla frequenza con cui l utente ha usato una certa funzionalità o con cui si sono verificati certi eventi di interesse (esempio, messaggi di errore) Spesso usato nei siti web, per capire i percorsi che fanno gli utenti Ora uso anche di eytracker 28

8 Monitoraggio utenti: a che livello Con strumenti di basso livello (battitura tasti o mouse click time-stamped): facile da fare ma produce massa risultati costosa da esaminare Importanza della grafica nel supportare l analisi Un esempio di influenza nascosta delle tecnologie: la tecnologia grafica porta ad una interazione ambigua A livello di gestori di interfaccia grafica: cattura eventi interpretati (e.g. selezione dell icona seleziona l archivio pazienti) Con Agenti osservatori: moduli software che individuano pattern di attività di alto livello 29 Logging dei click per un gioco per bambini 30 Pro e contro del monitoraggio Osservazione, monitoraggio, raccolta opinioni: i documenti Pro Cons Mette a disposizione dati riesaminabili Poco intrusivo Non richiede presenza valutatore Problemi di privatezza Quantità dei dati Metodi di analisi 31 Osservazione: dell utente in attività, deve risultare in documenti che descrivono l attività e in documenti che sintetizzano i risultati Monitoraggio: dell utente che svolge una attività: risulta in archivi di osservazioni e in documenti che sintetizzano i risultati Questionari ed interviste: raccolta di opinioni dell utente, fuori del contesto, mediante tecniche opportune: risultano in archivi di rapporti (osservazioni emerse da interviste e da raccolta questionari) e documenti di sintesi Problemi comuni: progettazione accurata, esecuzione metodica, necessità di rassicurare, retribuire e motivare gli utenti 32

9 Metodi interpretativi Lo scopo di questa valutazione è permettere ai progettisti di capire come gli utenti usano il sistemi nel loro ambiente naturale e come il sistema si integra con le altre attività I dati sono raccolti in maniera informale e arrecando meno disturbo possibile agli utenti E comune una qualche forma di partecipazione degli utenti nella raccolta, analisi o interpretazione dei dati Anche con questi si possono memorizzare video e audio, anche se la maniera di analizzarli è differente rispetto ai metodi visti 33 Protocolli verbali Memorizzazione audio delle attività dell utente (a) - raccogliere i commenti che l utente fa per conto suo (in parallelo al video o all osservazione dell osservatore) Si capiscono: intenzioni, piani, il linguaggio dell utente i nomi delle attività, degli oggetti, degli strumenti Poco adatto con utenti silenziosi Poco invasivo (b) think aloud (pensa ad alta voce): si chiede all utente di commentare ciò che sta facendo 1 - carico cognitivo sull utente 2 - molto qualitativo 3 - problema delle teorie ingenue dell utente sulle cause e i rimedi 34 Come si conduce il think aloud Lo sperimentatore stimola l utente a parlare Non risponde alle sue richieste o risponde secondo norme prefissate Per ridurre il disagio lo sperimentatore fa una demo all utente Oppure si usano coppie di utenti, tipicamente un esperto che insegna a un novizio a usare il sistema Pro e contro dei protocolli verbali Effetto Hawthorne: modo di agire non naturale Utile per il progettista informatico ma difficile interpretare i dati Utile per l utente: dovendo spiegare a volte individua errori nei suoi modelli mentali! Un utile complemento post event protocol : l utente commenta a posteriori ciò che ha fatto e ciò che ha detto 35 36

10 Alcuni risultati inaspettati Pensare ad alta voce permette all utente - di trovare a volte inconsistenze - nella sua attività - nel modello del compito - nell individuazione di parti critiche - di migliorare le sue prestazioni - di prevenire errori 37

Interazione Uomo-Macchina

Interazione Uomo-Macchina Interazione Uomo-Macchina Oltre l esperimento con gli utenti Corsi di Laurea Magistrale in: Ingegneria Informatica Università degli Studi di Brescia Altre tecniche di valutazione Osservazione e monitoraggio

Dettagli

Lezione 2: Ciclo di Vita a Stella Specifica dei Requisiti

Lezione 2: Ciclo di Vita a Stella Specifica dei Requisiti INTERAZIONE UOMO-MACCHINA MACCHINA I Lezione 2: Ciclo di Vita a Stella Specifica dei Requisiti Stefano Valtolina Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli studi di Milano Il ciclo di

Dettagli

Interviste contestuali

Interviste contestuali Interviste contestuali Intervista gli utenti nelle situazioni rilevanti. Le interviste dovranno essere svolte più vicino possibile al contesto, nel quale in cui il prodotto/servizio saranno usati. Le interviste

Dettagli

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita Il processo di progettazione La valutazione dell usabilita requisiti analisi utenza design iterazione prototipazione implementazione e attivazione Convalida e valutazione usabilità Informatica applicata

Dettagli

Esempi di valutazione dell usabilità

Esempi di valutazione dell usabilità INTERAZIONE UOMO-MACCHINA Esempi di valutazione dell usabilità Barbara Rita Barricelli (barricelli@dico.unimi.it) Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli studi di Milano Metodi considerati

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LINGUAGGI E AMBIENTI MULTIMEDIALI B

LINGUAGGI E AMBIENTI MULTIMEDIALI B LINGUAGGI E AMBIENTI MULTIMEDIALI B Laurea Specialistica in Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione docente: Gabriella Taddeo mail: gabriella.taddeo@polito.it 1 SOCIAL NETWORK Lezione 10: test

Dettagli

Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1

Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1 Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1 La Buona Scuola in Toscana Vademecum per i Focus Group Il Focus Group (di seguito FG) è una tecnica di rilevazione basata

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo:

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo: il testo: 01 Le tecniche di rilevazione dei dati Le principali tecniche di raccolta dei dati si dividono in: tecniche descrittive: il ricercatore osserva ciò che sta studiando. Sono tecniche descrittive

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

Il protocollo eglu 2.0 e le fasi della procedura del protocollo. Pierluigi Feliciati UniMC - GLU

Il protocollo eglu 2.0 e le fasi della procedura del protocollo. Pierluigi Feliciati UniMC - GLU Il protocollo eglu 2.0 e le fasi della procedura del protocollo Pierluigi Feliciati UniMC - GLU si diceva, usabilità: ovvero qualità? La qualità d uso di un software risiede nella sua capacità di rispondere

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web

I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

VALUTAZIONE DI USABILITÀ

VALUTAZIONE DI USABILITÀ VALUTAZIONE DI USABILITÀ (fonte prof. Polillo) - 1 - Valutare l'usabilità di un sito web Per valutare l'usabilità di un sito web esistono tre classi di tecniche diverse: 1. Usability inquiry 1. Usability

Dettagli

RICERCA AZIONE STRUMENTI

RICERCA AZIONE STRUMENTI RICERCA AZIONE STRUMENTI STRUMENTI INTROSPETTIVI Permettono di scoprire gli aspetti più nascosti, le sfaccettature più profonde. Sono privati perché di norma vengono usati dall individuo da solo. Non sono

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ Informatica Generale (AA 0-5) Web: Modello di Qualità Web: Modello di Qualità (Polillo) caratteristiche principali grafica autorevolezza accessibilità

Dettagli

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP PRESENTAZIONE DEL PROGETTO La CISL ha organizzato questo incontro perché

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra ILPO 2007 ERGONOMIA e INDUSTRIAL DESIGN Metodi di valutazione utilizzati nel processo di progettazione e realizzazione dei

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli Lezione con la LIM. unisalento Perché piace agli insegnanti - rinnova la lezione frontale consente salvataggio di attività didattiche e il recupero rapido - facilita la spiegazione di processi, la descrizione

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Paolo Ferrario Nelle organizzazioni di servizio si tengono con frequenza incontri di lavoro, seminari di formazione, riunioni

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

INSEGNARE CON I TASK Appunti

INSEGNARE CON I TASK Appunti INSEGNARE CON I TASK Appunti 1. Condizioni per l apprendimento Esposizione alla lingua da apprendere Opportunità per l uso della lingua Motivazione l uso della lingua in attività di ascolto, parlato, lettura

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

BOLLIRE E SGUSCIARE LE UOVA

BOLLIRE E SGUSCIARE LE UOVA Esempio di modulo didattico relativo al progetto Ark of Inquiry Ark of Inquiry: Premi per la ricerca ai giovani studenti in Europa (AoI), è un progetto che riguarda la formazione degli insegnanti, orientato

Dettagli

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma Questo paper ha la finalità di illustrare come gli utenti web dell Università Sapienza di Roma abbiano partecipato al percorso

Dettagli

didattica da laboratorio

didattica da laboratorio didattica da laboratorio LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE IDM Premium IDM PREMIUM è una rete didattica multimediale hardware ideata per rendere l insegnamento in laboratorio sempre più dinamico ed

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE 51 Dichiarazione d intenti (mission statement) La dichiarazione d intenti ha il compito di stabilire degli obiettivi dal punto di vista del mercato, e in parte dal

Dettagli

Progettare un sito web

Progettare un sito web Progettare un sito web Fasi della progettazione La progettazione di un sito web dovrebbe passare attraverso 4 fasi differenti: 1. Raccolta e realizzazione dei contenuti e delle informazioni da pubblicare

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Conoscenza. Metodo scientifico

Conoscenza. Metodo scientifico Conoscenza La conoscenza è la consapevolezza e la comprensione di fatti, verità o informazioni ottenuti attraverso l'esperienza o l'apprendimento (a posteriori), ovvero tramite l'introspezione (a priori).

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

L informatica nella scuola: mezzo o fine?

L informatica nella scuola: mezzo o fine? L informatica nella scuola: mezzo o fine? Il paradigma della ricerca in didattica; L introduzione del computer nell insegnamento delle matematiche. 1 La comunicazione delle matematiche ed il computer come

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Università di Bergamo, 2004 Una classificazione dei siti web intranet: reti aziendali enterprise information portals: accesso a informazioni e servizi

Dettagli

Usabilità dei Siti Web

Usabilità dei Siti Web Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Usabilità dei Siti Web Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Usabilità La efficacia, efficienza e soddisfazione con cui

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

Capitolo 4 Probabilità

Capitolo 4 Probabilità Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 4 Probabilità Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara Docenti: Dott.

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 14. Progettazione di Siti Web Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO IL SOFTWARE L HARDWARE da solo non è sufficiente a far funzionare un computer Servono dei PROGRAMMI (SOFTWARE) per: o Far interagire, mettere in comunicazione, le varie componenti hardware tra loro o Sfruttare

Dettagli

Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro

Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro Ambito di competenza: formazione iniziale e continua Livello: 6 Credito: Capacità Conoscenze

Dettagli

Librerie digitali. Video. Gestione di video. Caratteristiche dei video. Video. Metadati associati ai video. Metadati associati ai video

Librerie digitali. Video. Gestione di video. Caratteristiche dei video. Video. Metadati associati ai video. Metadati associati ai video Video Librerie digitali Gestione di video Ogni filmato è composto da più parti Video Audio Gestito come visto in precedenza Trascrizione del testo, identificazione di informazioni di interesse Testo Utile

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Corso di Architettura degli Elaboratori

Corso di Architettura degli Elaboratori Corso di Architettura degli Elaboratori Valutazione delle prestazioni DOCENTE Luigi Palopoli AA. 2011/2012 Valutare le Prestazioni La complessita di un moderno calcolatore rende la valutazione delle prestazioni

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Data la crescente necessità di sicurezza e tutela dei propri dati durante la navigazione in rete, anche gli stessi browser si sono aggiornati,

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione

ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione ing. Domenico Mannelli ruolo dell Informazione e della Formazione Processi relazionali definiti dal 626 (istituti relazionali) o Informazione ( e istruzioni) o Formazione ( e addestramento) o Consultazione

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA ATTIVITÀ DI ANALISI QUESITI INVALSI GRUPPO DI LAVORO DI PARMA Coordinamento prof. P. VIGHI ANALISI QUESITI RELATIVI A: FASCICOLO somministrato nella 2^ classe PRIMARIA a.s. 2013-2014 FASCICOLO somministrato

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

VALIDAZIONE DEI SOFTWARE POTENZIAMENTO COGNITIVO E QUADERNO IPERMEDIALE

VALIDAZIONE DEI SOFTWARE POTENZIAMENTO COGNITIVO E QUADERNO IPERMEDIALE documentazione SGQ SIRQ MO 250 rev. 0 del 21/04/2009 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI - TORTONA (AL) SEDE ITIS MARCONI VIALE EINAUDI 6 TEL 0131.866.326 Istituto Tecnico Industriale Meccanica,

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

CORSI 2011 - LA COMUNICAZIONE. Calendario:

CORSI 2011 - LA COMUNICAZIONE. Calendario: La comunicazione verbale e non verbale: CORSI 2011 - LA COMUNICAZIONE Calendario: SEMINARIO DI LETTURA ESPRESSIVA Data: Sabato 5 marzo, 9,30-13,30; 14,30-18,30 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE Data: Sabato

Dettagli

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Quali obiettivi? Indagare la qualità e il livello raggiunti nello sviluppo delle capacità comunicative e linguistiche Individuare

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara Curricolo 2014/2015 Infanzia-Primaria-Secondaria di I grado COMPETENZE DIGITALI

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara Curricolo 2014/2015 Infanzia-Primaria-Secondaria di I grado COMPETENZE DIGITALI Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I grado di Franca Da Re Indicazioni Nazionali 2012 La competenza digitale è ritenuta dall Unione Europea competenza chiave, per la sua importanza e pervasività

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Esercizi su. Funzioni

Esercizi su. Funzioni Esercizi su Funzioni ๒ Varie Tracce extra Sul sito del corso ๓ Esercizi funz_max.cc funz_fattoriale.cc ๔ Documentazione Il codice va documentato (commentato) Leggibilità Riduzione degli errori Manutenibilità

Dettagli

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all atto della loro iscrizione sono limitati all indirizzo e-mail e sono obbligatori

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning agli eventi formativi previsti nei programmi di formazione professionale continua per i ragionieri commercialisti Indice 1. Definizioni..3

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

Unità procedurali (UP)

Unità procedurali (UP) Elemento 4 Indice: 1. Base concettuale Pagina 1 2. Processi / unità procedurali 2.1 Definizione / esempio Pagina 2 2.2 Obiettivo delle unità procedurali Pagina 2 2.3 Numero di unità procedurali Pagina

Dettagli

Tutorial di FPM c. Poderico Luigi

Tutorial di FPM c. Poderico Luigi Poderico Luigi Introduzione Per rendere più agevole l utilizzo di FPM c, specialmente per chi lo usa per la prima volta, proponiamo di seguito un esempio d utilizzo del programma. Partendo dalla formulazione

Dettagli

Disabilità e Internet: il progetto www.vostromondo.it

Disabilità e Internet: il progetto www.vostromondo.it Disabilità e Internet: il progetto www.vostromondo.it Facoltà di Psicologia La sperimentazione di un intervento di comunicazione mediata come strumento riabilitativo Relatore Chiarissimo Professore Carlo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE PRIMA PROVA SCRITTA DEL 22 giugno 2011 SETTORE DELL INFORMAZIONE Tema n. 1 Il candidato sviluppi un analisi critica e discuta

Dettagli

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI Le statistiche attuali mostrano un numero impressionante di bambini che, in tutto il mondo, vivono in condizioni di vita precarie e,

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

ESSERE PRUDENTI ON-LINE

ESSERE PRUDENTI ON-LINE ESSERE PRUDENTI ON-LINE LINEE GUIDA PER UN CORRETTO USO DI INTERNET Per non rischiare una brutta avventura, prendi nota delle seguenti regole relative all'utilizzo di internet. Avvicinarsi al computer

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

IL FOCUS GROUP INDICE

IL FOCUS GROUP INDICE IL FOCUS GROUP INDICE Che cos è il Focus Group e a che cosa serve Pag. 3 Metodologia 3 Come utilizzare il Focus Group con diversi target 4 Attenzioni per la realizzazione di un Focus Group 5 Analisi dei

Dettagli

Il test di usabilità

Il test di usabilità Obiettivi Consente di valutare nel dettaglio le performance e le reazioni dell utente nei diversi stadi di sviluppo del sistema Fornisce indicazioni sulle modifiche da apportare ai prototipi nelle successive

Dettagli

USO SICURO S.r.l. SPIN-OFF UNIVERSITARIO

USO SICURO S.r.l. SPIN-OFF UNIVERSITARIO SPIN-OFF UNIVERSITARIO P. IVA 06062510489 Sede Legale e Segreteria: c/o CESPRO, Largo G.A. Brambilla 3 Edificio H3-50134 Firenze Prof. Sergio Boncinelli, Cell: + 39 3392667880 mail: info@usosicuro.com

Dettagli