BizTalk server fa parte dell offerta di Microsoft per la grande azienda.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BizTalk server fa parte dell offerta di Microsoft per la grande azienda."

Transcript

1 Web Service Dopo le applicazioni desktop e quelle per Internet, i servizi Web sono la terza componente essenziale delle applicazioni.net. I Web Service sono una nuova tecnologia che permette la realizzazione di applicazioni basate su componenti distribuiti. Il termine distribuiti si riferisce al fatto che i componenti sono in esecuzione su computer differenti, dunque implica un protocollo di comunicazione di rete per la comunicazione tra il componente e il programma che lo utilizza. Molti programmi che costituiscono l ossatura del framework.net in termini di servizi alle applicazioni consentono di comunicare attraverso servizi Web. Un esempio è BizTalk Server (Figura 1), il software di Microsoft che si occupa dell integrazione di sistemi, impiegati e partner commerciali. Questo server capisce le tecnologie alla base dei servizi Web e può essere integrato nelle proprie applicazioni precisamente grazie a questi. In che cosa si differenziano i Web Service rispetto ad altre tecnologie di programmazione distribuita, come DCOM? I servizi Web sono molto diversi dai componenti DCOM sotto molti aspetti. Innanzitutto, i Web Service comunicano attraverso un protocollo testuale, formalizzato attraverso documenti XML. I componenti DCOM, invece, si servivano di un protocollo prettamente binario. Con un protocollo testuale in luogo di dati binari è più semplice per lo sviluppatore capire il contenuto del messaggio. I Web Service si basano poi in maniera estensiva sul Web, come peraltro suggerisce il loro stesso nome. La comunicazione, infatti, avviene tramite il protocollo http. Questa decisione comporta due vantaggi. In primo luogo, i Web Service aderiscono a standard esistenti e molto diffusi. In secondo luogo, è interessante notare come il protocollo http, veicolato sulla porta 80, sia amichevole nei confronti dei firewall.

2 2 C# Pocket Figura 1 BizTalk server fa parte dell offerta di Microsoft per la grande azienda. I firewall aziendali bloccano la comunicazione su tutte le porte verso l esterno dell azienda, in modo da proteggere la rete interna contro eventuali attacchi a opera di malintenzionati. La configurazione di DCOM per comunicare con Internet non era affatto semplice, quindi l utilizzo di http permette di semplificare notevolmente il lavoro sistemistico per supportare un applicazione distribuita. Infine, la tecnologia DCOM è strettamente legata a Windows, anche se esistono prodotti software a pagamento per chiamare componenti DCOM da Java o sotto Unix. Il loro utilizzo è tuttavia costoso in termini di licenze, formazione e manutenzione; inoltre può presentare problemi di performance, in quanto viene instaurato un ulteriore livello di software tra il componente e il suo utilizzatore. Al contrario, i Web Service hanno una natura multipiattaforma, basata su standard consolidati, come il protocollo http e la tecnologia XML. Quest ultima, in particolare, permette di codificare informazioni in modo che siano facilmente leggibili da sistemi eterogenei, quindi interpretabili dal PC che utilizza Windows, come dal dispositivo Java, fino ai cellulari o i mainframe. I Web Service rappresentano dunque un alternativa valida per costruire sistemi distribuiti senza limiti di tipologie applicative, di piattaforme tecnologiche o di linguaggio di programmazione.

3 Web Service 3 La visione dei servizi Web è comunque molto più ampia, in quanto non si limita a un contesto applicativo locale, all interno dei quattro muri dell azienda. Piuttosto, ha una visione globale e si propone come standard per allacciare la comunicazione tra aziende diverse, sparse in tutto il mondo. I Web Service sono uno strumento per gestire il business tradizionale attraverso la rete, per ottimizzare e automatizzare le comunicazioni tra le aziende. Una pila di tecnologie I Web Service si basano su un insieme di tecnologie che sono state costruite negli anni da Microsoft insieme ad altri partner, come IBM. Per prima cosa è nato il protocollo di comunicazione a basso livello, poi è stato aggiunto un linguaggio per la descrizione dei servizi, infine l insieme delle tecnologie di base è stato completato da un registro di servizi e aziende presenti in tutto il mondo. Successivamente all introduzione di queste tecnologie di base, sono stati aggiunti numerosi altri elementi, indispensabili per supportare le specifiche iniziali. Queste, infatti, presentavano notevoli lacune, sia in merito agli elementi di base sia a quelli più avanzati. Negli anni che sono seguiti alla loro prima introduzione sono stati quindi aggiunti molti elementi, riassunti nella Figura 2. Figura 2 La pila delle tecnologie dei servizi Web.

4 4 C# Pocket Molte delle specifiche illustrate sono state sottoposte a organizzazioni internazionali con l intento di essere standardizzate. Molte tecnologie, quindi, sono standard e supportate da altre piattaforme. Utilizzando queste tecnologie si può ottenere l interoperabilità tra le diverse piattaforme. Utilizzare invece le ultime specifiche potrebbe portare a situazioni di incompatibilità. Il protocollo di comunicazione utilizzato dai servizi Web è SOAP (Simple Object Access Protocol). Il vantaggio di utilizzare gli strumenti di sviluppo Visual Studio.NET è quello di potersi concentrare sullo sviluppo delle applicazioni, senza preoccuparsi dei dettagli di basso livello. Un esempio concreto Per capire come realizzare un Web Service in concreto, si vedrà ora come sviluppare un semplice servizio che esegue le quattro operazioni matematiche di base. Si vedrà poi come realizzare un client che utilizzi il servizio. La creazione di un Web Service in Visual Studio.NET si basa sulla tecnologia ASP.NET e su Internet Information Services. Per realizzare un nuovo servizio è necessario scegliere, nella finestra Nuovo Progetto di Visual Studio, la tipologia ASP.NET Web Service. Lo strumento si occuperà di creare lo scheletro di un servizio e una directory virtuale nel Web server IIS installato sulla macchina di sviluppo. Non è possibile utilizzare Visual Studio C# Express per sviluppare Web Service. È necessario utilizzare Visual Studio completo o Visual Web Developer. Il vantaggio di sviluppare un Web Service in C# è la possibilità di concentrarsi sulle funzionalità anziché sui protocolli. Un servizio Web è infatti una semplice classe che deriva da System.Web.Services. WebService e in cui il programmatore ha inserito opportuni attributi per definire le modalità di presentazione all esterno del servizio. Gli attributi della classe devono includere il Namespace, che rappresenta, sostanzialmente, lo stesso concetto presente in C#, ma applicato al servizio Web. Questo è formalizzato come un URL. Per definire invece quali metodi debbano essere esposti attraverso la rete, si utilizza l attributo WebMethod. Altri metodi della classe privi di tale attributo non potranno essere visti dai client.

5 Web Service 5 I metodi esposti dal servizio sono Addizione, Sottrazione, Moltiplicazione e Divisione. Il codice sorgente completo del servizio è il seguente: using System; using System.Collections; using System.ComponentModel; using System.Data; using System.Diagnostics; using System.Web; using System.Web.Services; namespace Pocket_CSharp / <summary> / Web Service per le 4 operazioni / principali della matematica / </summary> [WebService(Namespace = "http:tempuri.org/pocket_csharp/", Name="Operazioni", Description="Le 4 operazioni principali")] public class Operazioni : System.Web.Services.WebService #region Costruttore public Operazioni() InitializeComponent(); #region Component Designer generated code anche in questo caso è presente il codice di base per operare con componenti visuali, anche se all atto pratico questo servizio non ne fa uso alcuno private IContainer components = null; private void InitializeComponent() protected override void Dispose(bool disposing ) if(disposing && components!= null) components.dispose();

6 6 C# Pocket base.dispose(disposing); #region Addizione [WebMethod] Implementazione dell operazione di somma public float Addizione(float addendo1, float addendo2) return addendo1 + addendo2; #region Sottrazione [WebMethod] Implementazione dell operazione di differenza public float Sottrazione(float minuendo, float sottraendo) return minuendo - sottraendo; #region Moltiplicazione [WebMethod] Implementazione dell operazione di prodotto public float Moltiplicazione(float fattore1, float fattore2) return fattore1 * fattore2; #region Divisione [WebMethod] Implementazione dell operazione di divisione public float Divisione(float numeratore, float denominatore) return numeratore / denominatore;

7 Web Service 7 L implementazione dei metodi esposti dal servizio è molto semplice e non fa altro che utilizzare gli operatori del linguaggio per eseguire le operazioni richieste. Per provare il servizio è sufficiente eseguire il progetto perché si venga rediretti all indirizzo Web al quale è presentato (Figura 3). Figura 3 Il sommario del servizio Operazioni. Sviluppo del client Per usufruire del servizio è stato realizzato un programma client la cui interfaccia utente replica l aspetto di una semplice calcolatrice (Figura 4). Figura 4 Il client del servizio Operazioni.

8 8 C# Pocket All interfaccia utente è collegato, premendo il pulsante Risultato, un brano di codice che crea un riferimento a un oggetto che rappresenta il servizio. Per fare questo è sufficiente creare un oggetto di tipo Operazioni: localhost.operazioni op = new localhost.operazioni(); Il codice sorgente è illustrato nel listato seguente. Si noti che per motivi di spazio è stato tagliato nelle parti meno essenziali, legate alla gestione dei singoli pulsanti dei numeri: using System; using System.Drawing; using System.Collections; using System.ComponentModel; using System.Windows.Forms; using System.Data; namespace Pocket_CSharp.Calcolatrice il client è implementato come una finestra public class Calc : System.Windows.Forms.Form private System.Windows.Forms.Button piu; private System.Windows.Forms.Button meno; private System.Windows.Forms.Button per; private System.Windows.Forms.Button diviso; private System.Windows.Forms.TextBox display; private System.Windows.Forms.Button uno; private System.Windows.Forms.Button due;... altri pulsanti private System.Windows.Forms.Button nove; private System.Windows.Forms.Button risultato; private System.ComponentModel.Container components = null; private float a = 0; private float b = 0; private System.Windows.Forms.Button button1; private string operation; il costruttore si limita ad inizializzare i componenti public Calc()

9 Web Service 9 InitializeComponent(); protected override void Dispose(bool disposing) if( disposing ) if (components!= null) components.dispose(); base.dispose( disposing ); #region Windows Form Designer generated code private void InitializeComponent() this.display = new System.Windows.Forms.TextBox(); this.piu = new System.Windows.Forms.Button(); this.meno = new System.Windows.Forms.Button(); this.per = new System.Windows.Forms.Button(); this.diviso = new System.Windows.Forms.Button(); this.tre = new System.Windows.Forms.Button(); this.due = new System.Windows.Forms.Button(); this.uno = new System.Windows.Forms.Button(); this.sei = new System.Windows.Forms.Button(); this.cinque = new System.Windows.Forms.Button(); this.quattro = new System.Windows.Forms.Button(); this.nove = new System.Windows.Forms.Button(); this.otto = new System.Windows.Forms.Button(); this.sette = new System.Windows.Forms.Button(); this.risultato = new System.Windows.Forms.Button(); this.button1 = new System.Windows.Forms.Button(); this.suspendlayout(); display

10 10 C# Pocket this.display.location = new System.Drawing.Point(8, 8); this.display.name = "display"; this.display.size = new System.Drawing.Size(192, 20); this.display.tabindex = 0; this.display.text = "0"; da questo punto inizia il codice che imposta le proprietà di tutti i pulsanti della finestra this.piu.font = new System.Drawing.Font("Microsoft Sans Serif", 18F, System.Drawing.FontStyle.Regular, System.Drawing.GraphicsUnit.Point, ((System.Byte)(0))); this.piu.location = new System.Drawing.Point(168, 160); this.piu.name = "piu"; this.piu.size = new System.Drawing.Size(32, 32); this.piu.tabindex = 1; this.piu.text = "+"; this.piu.click += new System.EventHandler(this.piu_Click);... uno this.uno.font = new System.Drawing.Font( "Microsoft Sans Serif", 18F, System.Drawing.FontStyle.Regular, System.Drawing.GraphicsUnit.Point, ((System.Byte)(0))); this.uno.location = new System.Drawing.Point(8, 160); this.uno.name = "uno"; this.uno.size = new System.Drawing.Size(32, 32); this.uno.tabindex = 7; this.uno.text = "1";

11 Web Service 11 this.uno.click += new System.EventHandler(this.uno_Click);... inizializza la finestra ed aggiunge alla stessa i pulsanti this.autoscalebasesize = new System.Drawing.Size(5, 13); this.clientsize = new System.Drawing.Size(208, 230); this.controls.add(this.button1); this.controls.add(this.risultato); this.controls.add(this.sette); this.controls.add(this.otto); this.controls.add(this.nove); this.controls.add(this.quattro); this.controls.add(this.cinque); this.controls.add(this.sei); this.controls.add(this.uno); this.controls.add(this.due); this.controls.add(this.tre); this.controls.add(this.diviso); this.controls.add(this.per); this.controls.add(this.meno); this.controls.add(this.piu); this.controls.add(this.display); this.name = "Calc"; this.text = "Calcolatrice"; this.resumelayout(false); [STAThread] static void Main() Application.Run(new Calc()); da qui in avanti iniziano i gestori di evento per la selezione dei pulsanti della finestra private void piu_click(object sender,

12 12 C# Pocket this.operation = "+"; private void meno_click(object sender, this.operation = " "; private void per_click(object sender, this.operation = "*"; private void diviso_click(object sender, this.operation = "/"; metodo presente per tutti i pulsanti imposta i valori da utilizzare per le operazioni. È possibile utilizzare solo numeri a singola cifra private void uno_click(object sender, if(a == 0) this.a = (float) (Int32.Parse(this.uno.Text)); else if(b == 0) this.b = (float) (Int32.Parse(this.uno.Text)); display.text = this.uno.text; il gestore di evento che gestisce il risultato crea un oggetto Operazioni che viene invocato in modo diverso in funzione dell operazione selezionata in precedenza private void risultato_click(object sender,

13 Web Service 13 localhost.operazioni op = new localhost.operazioni(); switch (this.operation) case "+": this.display.text = op.addizione(a, b).tostring(); this.a = op.addizione(a, b); this.b = 0; break; case " ": this.display.text = op.sottrazione(a, b).tostring(); this.a = op.sottrazione(a, b); this.b = 0; break; case "*": this.display.text = op.moltiplicazione(a, b).tostring(); this.a = op.moltiplicazione(a, b); this.b = 0; break; case "/": this.display.text = op.divisione(a, b).tostring(); this.a = op.divisione(a, b); this.b = 0; break; questo gestore di evento inizializza la calcolatrice, azzerando gli operandi private void button1_click(object sender, this.a = 0; this.b = 0; this.display.text = "0";

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Porta seriale Classe 4E Febbraio 2013. Form 1

Porta seriale Classe 4E Febbraio 2013. Form 1 Porta seriale Classe 4E Febbraio 2013 Form 1 using System; using System.Collections.Generic; using System.ComponentModel; using System.Data; using System.Drawing; using System.Linq; using System.Text;

Dettagli

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna Web Service: Introduzione 1 Contenuti Background.NET Framework ASP.NET Web Service Concetti e architetture Progettazione e sviluppo di Web Service Utilizzo di Web Service 2 Sezione 1: Introduzione Inquadramento

Dettagli

Progetto Ingegneria del Software. Anno Accademico 2014-2015. Sessione invernale. SoSolitario. Una tipologia di solitario come tante

Progetto Ingegneria del Software. Anno Accademico 2014-2015. Sessione invernale. SoSolitario. Una tipologia di solitario come tante Progetto Ingegneria del Software Anno Accademico 2014-2015 Sessione invernale SoSolitario Una tipologia di solitario come tante Giulia Talamonti n 248899 Indice 2 1. Specifica del problema 4 2. Specifica

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE

CORSO DI PROGRAMMAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. M. ANGIOY SASSARI CORSO DI PROGRAMMAZIONE ELEMENTI STATICI E CLASSI STATICHE DISPENSA 15.03 15-03_OOP_Static_[15] Questa dispensa è rilasciata sotto la licenza Creative

Dettagli

L Iniziativa egovernment.net per l Italia

L Iniziativa egovernment.net per l Italia L Iniziativa egovernment.net per l Italia Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 1 Porta di Dominio.NET Versione 1.0, Aprile 2002 Soluzioni per l Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa

Dettagli

Office Web Components in programmi C# da http://escher07.altervista.org

Office Web Components in programmi C# da http://escher07.altervista.org Office Web Components in programmi C# da http://escher07.altervista.org Generalità L obiettivo è realizzare un programma C# che utilizzando il componente Web Pivot permetta di ottenere un risultato come

Dettagli

I.T.I.S. L. da Vinci I.C. Miramare A. Di Duccio. Progetto La Cartella del Futuro

I.T.I.S. L. da Vinci I.C. Miramare A. Di Duccio. Progetto La Cartella del Futuro ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Leonardo da Vinci Via Ada Negri 34-47923 Rimini tel. 0541/384211-384159 e-mail: RNTF010004@istruzione.it I.T.I.S. L. da Vinci I.C. Miramare A. Di Duccio Progetto La

Dettagli

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722 PMF Web-Service Quick-Start Guide Guida Introduttiva Cliente Redatto da Francesco Buratto Redatto il 01 gennaio 2011 Riferimento PMF 2011 Introduzione PMFWS è un web-service HTTP che espone un interfaccia

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Proff. Fabio Ciao e Raffaele Bortone

Proff. Fabio Ciao e Raffaele Bortone ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS BRUNELLESCHI - EMPOLI Materia: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014/2015 Classe IV C Informatica Proff. Fabio Ciao e Raffaele Bortone Libro di testo: Cloud

Dettagli

SOMMARIO. Programmazione orientata agli eventi. Programmazione orientata agli eventi. Programmazione orientata agli eventi

SOMMARIO. Programmazione orientata agli eventi. Programmazione orientata agli eventi. Programmazione orientata agli eventi SOMMARIO Programmazione orientata agli eventi Graphical User Interface (GUI) Programmazione in Windows MFC GUI multipiattaforma Qt Applicazione di esempio (Qt) Programmazione orientata agli eventi Un evento

Dettagli

Il web server Apache Lezione n. 3. Introduzione

Il web server Apache Lezione n. 3. Introduzione Procurarsi ed installare il web server Apache Introduzione In questa lezione cominciamo a fare un po di pratica facendo una serie di operazioni preliminari, necessarie per iniziare a lavorare. In particolar

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

Introduzione a.net (2)

Introduzione a.net (2) Introduzione a.net (2) Il linguaggio C# Implementazioni alternative dell'architettura.net: Rotor Mono C#: un nuovo linguaggio C# : CLR = Java : JVM C# è il linguaggio di riferimento per.net Costruito su

Dettagli

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1 Il Framework Redistribuitable Package e il Framework Sdk (Software Development Kit) 1.1 Italian Presentazione del corso Con l avvento della piattaforma applicativa.net Microsoft è riuscita a portare un

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a:

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: RELAZIONE E COMUNICAZIONE Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: Microsoft Office System 2007 Windows Vista Microsoft Exchange Server 2007 è ancora più potente ed efficace, grazie

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

ProgettoSMS. Manuale Gateway Web Services

ProgettoSMS. Manuale Gateway Web Services ProgettoSMS Manuale Gateway Web Services Indice Indice... 2 Introduzione... 3 http Web Services... 4 Risposta... 4 Descrizione delle costanti... 5 AnswerRecipientType... 5 ErrorID... 5 ProtocolType...

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Massimiliano Vivian [777775] Massimiliano Vivian 1 Introduzione La comunicazione delle informazioni è l elemento fondamentale per lo sviluppo dei sistemi. SOAP

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE

CORSO DI PROGRAMMAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. M. ANGIOY SASSARI CORSO DI PROGRAMMAZIONE OBJECT ORIENTED PROGRAMMING: I METODI DISPENSA 15.02 15-02_OOP_Metodi_[15] Questa dispensa è rilasciata sotto la licenza Creative

Dettagli

Object Oriented Programming

Object Oriented Programming OOP Object Oriented Programming Programmazione orientata agli oggetti La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) è un paradigma di programmazione Permette di raggruppare in

Dettagli

Il Web-Service SDMX dell ISTAT

Il Web-Service SDMX dell ISTAT Il Web-Service SDMX dell ISTAT Versione: 1.0.0 Data: 05/06/2014 Autore: Approvato da: Modifiche Versione Modifiche Autore Data Indice dei contenuti 1 Introduzione... 4 2 Creazione dell esempio d uso...

Dettagli

Sviluppo di web part avanzate per SharePoint 2010 con Visual Studio 2010

Sviluppo di web part avanzate per SharePoint 2010 con Visual Studio 2010 Sviluppo di web part avanzate per SharePoint 2010 con Visual Studio 2010 Esercitazione pratica Manuale dell esercitazione - SPCHOL301 SPCHOL301 - Web part avanzate - C# Questo documento viene fornito «così

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Tecniche di Programmazione: C# versione 1.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

CRESCO. Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata

CRESCO. Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata CRESCO Centro computazionale di RicErca sui Sistemi COmplessi Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Matematica Applicata Università di Salerno Responsabile Unità Operativa Prof. Ciro D Apice Attività

Dettagli

Server web e protocollo HTTP

Server web e protocollo HTTP Server web e protocollo HTTP Dott. Emiliano Bruni (info@ebruni.it) Argomenti del corso Cenni generali sul web IIS e Apache Il server web Micsosoft Internet Information Server 5.0 Il server web Apache 2.0

Dettagli

C# Applicazioni Windows

C# Applicazioni Windows C# Applicazioni Windows Sommario Premessa III CAPITOLO 1 INTERFACCIA UTENTE: CONCETTI DI BASE 4 1.1 «Interfaccia utente» 5 1.1.1 Caratteristiche di una interfaccia utente 6 1.1.2 Modelli di interfaccia

Dettagli

Corso Sviluppatore servizi per il Web (WCF) Lezione 01

Corso Sviluppatore servizi per il Web (WCF) Lezione 01 01 Introduzione Introduzione alla tecnologia WCF Premessa Il corso su WCF di cui state leggendo la prima lezione, vi guiderà alla scoperta di questa nuova tecnologia introdotta da Microsoft per venire

Dettagli

Aritmetica. Progetto dei programmi

Aritmetica. Progetto dei programmi Aritmetica Un approccio metodologico alla costruzione dei programmi. Tipi di dati primitivi. int, float, double Variabili, dichiarazioni e operazioni Progetto dei programmi 2 Definizione del problema Scenario

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI

ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI System Manual ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI Utilizzo delle funzionalità SOAP nei moduli FactoryCast V3.1 in Excel, Internet Explorer e VBasic SM_soap SOMMARIO 1 - OGGETTO 2 - ARCHITETTURA 2.1 - Hardware

Dettagli

Cos è. Interface - colibri .01. colibri Corso Garibaldi, 60 06049 Spoleto Tel. 0743 224048 info@lightage.it www.lightage.it

Cos è. Interface - colibri .01. colibri Corso Garibaldi, 60 06049 Spoleto Tel. 0743 224048 info@lightage.it www.lightage.it nuovo! Cos è colibri è la soluzione di Content Management System che vi aiuterà a semplificare la gestione dei più complessi siti Internet tagliando i costi di manutenzione, assicurando un accessibilità

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza di rete. Questo documento è stato

Dettagli

Introduzione allo sviluppo per SharePoint

Introduzione allo sviluppo per SharePoint Introduzione allo sviluppo per SharePoint Esercitazione pratica Manuale dell esercitazione SPCHOL306 - Utilizzo di Silverlight con il modello a oggetti client - C# Questo documento viene fornito «così

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE:

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: Il sistema di modellazione di schemi e componenti Alfredo Scopece Consulente di Informatica Maggio 2005 Sintesi Il Registro di Collaborazione è un servizio

Dettagli

Smartphone 4.1. Cosa c èdi nuovo in Smartphone 4.1

Smartphone 4.1. Cosa c èdi nuovo in Smartphone 4.1 Smartphone 4.1 Cosa c èdi nuovo in Smartphone 4.1 Novità in Smartphone 4.1 La versione 4.1 di Smartphone offre le nuove funzionalità in modo di soddisfare le richieste dei mercati emergenti. Inoltre alle

Dettagli

Utilizzare il NetBeans GUI Builder. Dott. Ing. M. Banci, PhD

Utilizzare il NetBeans GUI Builder. Dott. Ing. M. Banci, PhD Utilizzare il NetBeans GUI Builder Dott. Ing. M. Banci, PhD Lavorare con i Beans Queste slide ci guidano nel processo di creazione di un bean pattern nel progetto NetBeans 15 Giugno 2007 Esercitazione

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO III Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica TESI DI LAUREA

POLITECNICO DI TORINO III Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica TESI DI LAUREA POLITECNICO DI TORINO III Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica TESI DI LAUREA Middleware per il data editing in ambiente.net Relatori Ing. Fulvio Corno Ing. Maurizio Rebaudengo

Dettagli

Il Sistema Operativo (1)

Il Sistema Operativo (1) E il software fondamentale del computer, gestisce tutto il suo funzionamento e crea un interfaccia con l utente. Le sue funzioni principali sono: Il Sistema Operativo (1) La gestione dell unità centrale

Dettagli

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione Programmazione ad Oggetti: JAVA Esercitazione Docente Ing. Mariateresa Celardo mariateresa.celardo@uniroma2.it Scrivere la classe Motorino che ha i seguenti attributi colore: una stringa indicante il colore

Dettagli

Eredità in C++ Corso di Linguaggi di Programmazione ad Oggetti 1. a cura di Giancarlo Cherchi

Eredità in C++ Corso di Linguaggi di Programmazione ad Oggetti 1. a cura di Giancarlo Cherchi Eredità in C++ Corso di Linguaggi di Programmazione ad Oggetti 1 a cura di Giancarlo Cherchi 1 Introduzione Il meccanismo dell eredità consente di sfruttare delle relazioni tipo/sottotipo, ereditando attributi

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

Introduzione allo sviluppo per SharePoint

Introduzione allo sviluppo per SharePoint Introduzione allo sviluppo per SharePoint Esercitazione pratica Manuale dell esercitazione SPCHOL305 - Sviluppo di un flusso di lavoro di SharePoint 2010 con un modulo di avvio in Visual Studio 2010 -

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza per utente singolo. Una licenza

Dettagli

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1 Prossime lezioni Dai TDA agli oggetti Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 18 19 gennaio

Dettagli

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione BANCA VIRTUALE/1 Il termine indica un entità finanziaria che vende servizi finanziari alla clientela tramite le tecnologie dell informazione e della comunicazione, senza ricorrere al personale di filiale

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Bologna, 12/12/2002 Corso di Laurea In Informatica. Alessandro Valenti. Sessione II

Università degli Studi di Bologna Bologna, 12/12/2002 Corso di Laurea In Informatica. Alessandro Valenti. Sessione II Università degli Studi di Bologna Bologna, 12/12/2002 Corso di Laurea In Informatica Alessandro Valenti Sessione II Anno Accademico 2001-2002 SOMMARIO: Scenario Data Integration Il Servizio AnaWeb Web

Dettagli

Glossario. dei. termini

Glossario. dei. termini MoonSoft Via Belzoni, 6 35100 Padova E-Mail: moonsoft2007@gmail.com Glossario dei termini Versione 1.2e Redatto da: Spimpolo Matteo Controllato da: Scapin Enrico Approvato da: Tessari Lorenzo MST_RR_GlossarioDeiTermini_1.2e

Dettagli

Strumento evoluto di Comunicazione con i Venditori

Strumento evoluto di Comunicazione con i Venditori Strumento evoluto di Comunicazione con i Venditori GAS 2 net è una soluzione web-based compliant con le definizioni di strumento evoluto come richiesto dalla normativa vigente (Del. AEEG n 157/07, Del.

Dettagli

APPENDICE 4 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE - MODALITÀ ELETTRONICHE DI PAGAMENTO

APPENDICE 4 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE - MODALITÀ ELETTRONICHE DI PAGAMENTO APPENDICE 4 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE - MODALITÀ ELETTRONICHE DI PAGAMENTO I POS NEGLI UFFICI DELATE - TERRITORIO RMINALI POS NEGLI UFFICI - TERRITORIO INDICE 1. Premessa... 3 2. Requisiti tecnici...

Dettagli

PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE

PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE 1 JAX-WS 2.0 Java API for XML Web Services Specifica basata su annotazioni Applicata su classi ed interfacce in modo da definire e gestire automaticamente il protocollo

Dettagli

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it Programmazione II Lezione 4 Daniele Sgandurra daniele.sgandurra@iit.cnr.it 30/09/2011 1/46 Programmazione II Lezione 4 30/09/2011 Sommario 1 Esercitazione 2 Panoramica della Programmazione Ad Oggetti 3

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 08 Traduzione ed esecuzione di programmi Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Nota bene Alcune parti del presente materiale didattico

Dettagli

L ambiente operativo integrato leader del settore. Sistema operativo IBM i elaborazione aziendale efficiente e resiliente

L ambiente operativo integrato leader del settore. Sistema operativo IBM i elaborazione aziendale efficiente e resiliente L ambiente operativo integrato leader del settore Sistema operativo IBM i elaborazione aziendale efficiente e resiliente Punti di forza Middleware integrato per un elaborazione aziendale efficiente Virtualizzazione

Dettagli

i5/os per processi di business efficienti e flessibili

i5/os per processi di business efficienti e flessibili L ambiente operativo integrato leader nel settore i5/os per processi di business efficienti e flessibili Caratteristiche principali Middleware integrato per processi di business efficienti. Funzioni integrate

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Enterprise Edi.on Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Web Services Web Services: SOAP vs. RESTful 2 diversi.pi di Web Services I Web Services SOAP sono quelli classici Si basano

Dettagli

CAPITOLO 10 - TECNOLOGIA ASP.NET - WEB FORM

CAPITOLO 10 - TECNOLOGIA ASP.NET - WEB FORM INTRODUZIONE Nel capitolo 5, dedicato all ambiente di sviluppo, si è descritto come implementare un progetto Web tramite lo strumento di sviluppo Microsoft Visual Studio 2010. Un progetto web (o sito web)

Dettagli

Corso basilare di programmazione

Corso basilare di programmazione Parte vi Corso basilare di programmazione Introduzione............................................ 947 Programma didattico.................................. 947 Strumenti per la compilazione..........................

Dettagli

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software La presente guida spiega come installare il software necessario per utilizzare Sharp Remote Device Manager (nel seguito della presente guida

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

J2ME Platform. Symbian OS. Nokia property platform: Series 60. Microsoft Windows CE.NET Microsoft Windows Mobile Mobile client-server communication

J2ME Platform. Symbian OS. Nokia property platform: Series 60. Microsoft Windows CE.NET Microsoft Windows Mobile Mobile client-server communication Dott. Giovanni Perbellini giovanni.perbellini@univr.it J2ME Platform J2ME Wireless Toolkit (WTK 2.2) Symbian OS Symbian SDK Nokia property platform: Series 60 Nokia Developer s Suite SDK Microsoft Windows

Dettagli

Esercitazione n 4. Obiettivi

Esercitazione n 4. Obiettivi Esercitazione n 4 Obiettivi Progettare e implementare per intero un componente software in Java Linguaggio Java: Classi astratte Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Polimorfismo Esempio guida:

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Programmazione Object Oriented in Java

Dettagli

Risorsa N 023093 DATI ANAGRAFICI: FORMAZIONE E CORSI: ISTRUZIONE E CERTIFICAZIONI: LINGUE STRANIERE: COMPETENZE INFORMATICHE: Nato nel : 1976

Risorsa N 023093 DATI ANAGRAFICI: FORMAZIONE E CORSI: ISTRUZIONE E CERTIFICAZIONI: LINGUE STRANIERE: COMPETENZE INFORMATICHE: Nato nel : 1976 Risorsa N 023093 DATI ANAGRAFICI: Nato nel : 1976 Residente a : Salerno FORMAZIONE E CORSI: Dal 09/2012 al 12/2012: Corso di Siebel 8 Dal 06/2005 al 07/2005: Corso di JSP (Introduzione alla programmazione

Dettagli

Introduzione allo sviluppo per SharePoint

Introduzione allo sviluppo per SharePoint Introduzione allo sviluppo per SharePoint Esercitazione pratica Manuale dell esercitazione SPCHOL303 - Utilizzo di un modello a oggetti client e dei servizi REST da un applicazione.net - C# Questo documento

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Web Services Dogane LINEE GUIDA

Web Services Dogane LINEE GUIDA Web Services Dogane LINEE GUIDA Pagina 1 di 17 Indice Indice... 2 1. INTRODUZIONE... 3 2. TEST FUNZIONALI SUI WEB SERVICES... 8 3. SICUREZZA... 14 4. FIRMA... 14 5. TRASFORMAZIONE CERTIFICATO DI FIRMA...

Dettagli

Soluzioni Windows Embedded per il settore Retail

Soluzioni Windows Embedded per il settore Retail M ANUFACTURING & RETAIL MICROSOFT ENTERPRISE CLUB Disponibile anche sul sito: www.microsoft.com/italy/eclub/ Soluzioni Windows Embedded per il settore Retail Soluzioni Windows Powered per sistemi POS M

Dettagli

I linguaggi di programmazione per i servizi in multicanalità

I linguaggi di programmazione per i servizi in multicanalità I linguaggi di programmazione per i servizi in multicanalità Gianluca Daino Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione daino@unisi.it I servizi delle reti Un servizio

Dettagli

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com Cosa è XML? extensible Markup Language Linguaggio è una definizione limitativa XML serve a descrivere con precisione qualsiasi informazione XML è estensibile. Ovvero non ha tag predefiniti come HTML XML

Dettagli

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta Programmazione a Oggetti Lezione 10 Ereditarieta Sommario Come definire sottoclassi Costruttori Abstract Classes Final Ereditarietà: promemoria Strumento tipico dell OOP per riusare il codice e creare

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei di Emanuele Crescentini

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

Java? Sì, grazie. Scopo del corso

Java? Sì, grazie. Scopo del corso Modulo di Java? Sì, grazie Il linguaggio di Internet? Portabilità su qualunque piattaforma (non solo calcolatori): It works everywhere Supporto e disponibilità di strumenti, librerie e documentazione garantiti

Dettagli

DESIGN PATTERNS Parte 5. Facade Strategy Composite Interpreter

DESIGN PATTERNS Parte 5. Facade Strategy Composite Interpreter DESIGN PATTERNS Parte 5 Facade Strategy Composite Interpreter FACADE Per proteggere la nostra applicazione sfruttando il Protect Variation possiamo usare il pattern Facade. Questo pattern è ottimo per

Dettagli

Design Pattern in Java

Design Pattern in Java Design Pattern in Java Claudio Di Ciccio, Massimiliano de Leoni (con la supervisione del docente Massimo Mecella) Università di Roma La Sapienza - Sede di Latina Corso di Progettazione del Software A.A.

Dettagli