Blog. Ha 150 anni il MIT la fabbrica delle idee. Articoli recenti. Commenti recenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Blog. Ha 150 anni il MIT la fabbrica delle idee. Articoli recenti. Commenti recenti"

Transcript

1 Blog Articoli recenti Ha 150 anni il MIT la fabbrica delle idee Alla faccia di Obama: +59% le tariffe sanitarie Il metalmeccanico Usa progetta la riscossa Attacchi ai cristiani, dopo l Egitto il Sudan? Made in Daham, il mondo prima di Marchionne Attenti al cartello dei metalli California: meno 15% le emissioni carboniche Pugno duro contro le commissioni delle carte di credito Usa: sotto l albero meno tasse per tutti! Si è buoni anche senza Dio? Scandalo in Texas Search Commenti recenti cassiobarloquater su Alla faccia di Obama: +59% le tariffe sanitarie giacomo_50 su Made in Daham, il mondo prima di Marchionne tommasoliguori21_01 su Stampar moneta, l Europa copia gli Usa tommasoliguori21_01 su Il metalmeccanico Usa progetta la riscossa gjta su Made in Daham, il mondo prima di Marchionne Blog di Repubblica.it Rimbalzidi Maurizio Crosetti La Juve guarda avanti Eco-logicadi Antonio Cianciullo La posta in palio è il mercato del futuro PNR - presi nella retedi Riccardo Stagliano' Rob Brezsny racconta un futuro poetico (in 2 ore di video-intervista) Gli altri Blog I blog dei lettori Sulla sorellanza (che non c' ) Amniocentesi addio? Religione e guerra Crea ora il tuo blog 7 Ha 150 anni il MIT la fabbrica delle idee Dalle tecnologie della comunicazione alle loro applicazioni nel design industriale, nell urbanistica, nelle scienze mehe e perfino nel motore di ricerca di Google: nessun altra istituzione universitaria al mondo forse può ambire al ruolo di fabbrica delle idee quanto il Massachusetts Institute of Technology (Mit), fondato esattamente 150 anni fa. Qui hanno lavorato inventori, scienziati, artisti, architetti, ingegneri che hanno plasmato il modo in cui oggi viviamo, lavoriamo, e pensiamo il nostro mondo : a loro il Mit dea con queste parole il nuovo museo che viene inaugurato oggi nel celebre campus sui bordi del fiume Charles, alla periferia nobile di

2 Boston. 150 anni di storia di questo formidabile laboratorio della creatività umana sono l occasione per interrogarsi su un modello: che cosa lo rende così efficace? Qual è la ricetta del successo di questo polo di ricerca? E riproducibile altrove, in un Occidente dove tante istituzioni educative e culturali sono in crisi? Osservare da vicino la fabbrica delle idee, mette a dura prova tutto ciò che crediamo di sapere sui rapporti pubblico-privato nell insegnamento e nella scienza, e sfata i più diffusi stereotipi sull America. Il paradosso è che il Mit nacque nel 1861 per copiare un sistema europeo, il Politecnico tedesco. Ma 150 anni dopo, nessuna università del Vecchio continente può sognare di avvicinarsi a queste vette. Per occuparsi di soli iscritti ai corsi di laurea, e studenti post-laurea, il Mit mette in campo ben docenti a tempo pieno, un prof ogni dieci allievi. Ha 76 Premi Nobel, la percentuale più alta in proporzione al numero di docenti e studenti. In un anno relativamente povero come il 2009, segnato dalle ristrettezze post-recessione, ha speso 718 milioni di sola ricerca. Ha un fondo di dotazione di otto miliardi. Il numero di aziende che sono state erate dalle invenzioni dei suoi ricercatori, rappresenta un fatturato così elevato che il Mit sarebbe la 17esima economia del pianeta, se fosse una nazione indipendente. Non c è nulla di simile in Europa, mi conferma John Durant. Biologo per formazione, storico delle scienze per professione, Durant è stato chiamato al Mit per dirigere il nuovo museo che s inaugura domani. E in una posizione unica: questo scienziato britannico ha passato la prima parte della sua carriera nell altra Cambridge, quella inglese. Un polo di eccellenza europeo, che tuttavia negli ultimi anni ha perso terreno nei confronti con l America. Quello che rende il Mit davvero speciale è una mescolanza d ingredienti mi e Durant non basta il fatto di avere riunito qui un numero molto vasto di scienziati di grande talento. C è un ampiezza d interessi insospettata: oltre a matematica, ingegneria, fisica, chimica, meina, abbiamo anche l architettura, l arte, tutte le scienze umanistiche. Fin dai tempi in cui qui si inventò il radar nella seconda guerra mondiale, il segreto del Mit è stato di mobilitare attorno a una sfida tutte le risorse nei campi più disparati. Oggi, per esempio, sulla lotta al cambiamento climatico e la ricerca di nuove fonti energetiche lavorano insieme fisici, architetti, urbanisti, economisti. Nel Dna del Mit c è proprio questo. Fin dall inizio il ruolo dei privati è stato determinante. Il campus attuale del Mit non esisterebbe senza la donazione fatta nel 1916 da George Eastman, l industriale fondatore della Kodak. Eppure il Mit volle distinguersi dalle università aristocratiche della Ivy League (come la vicina Harvard) nel reclutare studenti della middle class, compresi i ragazzi cresciuti da famiglie operaie. La creazione di un vasto complesso militar-industriale agli albori della seconda guerra mondiale diede un impulso formidabile alla crescita del Mit, con il Radiation Laboratory e il Project Whirlwind dove nacque il primo computer digitale per la simulazione dei voli. Alla fine della guerra al Mit lavorava oltre un quarto dei fisici americani, era il più vasto centro di ricerca militare del paese. Eppure fu qui che negli anni Sessanta e Settanta scoppiarono alcune delle più virulente contestazioni studentesche contro la guerra nel Vietnam. Ed è in un assemblea di docenti del Mit, il 4 marzo 1969, che fu creata la Union of Concerned Scientist, tuttora la più influente associazione di scienziati progressisti. E nel 1971 dal Mit venne il celebre studio su I limiti dello sviluppo, una visione allora profetica sulla crisi energetica e i problemi ambientali. Sono queste le qualità che sorprendono l Europa e il resto del mondo osserva Durant perché dentro il Mit convivono un anima che ha sempre avuto stretti rapporti col governo, inclusi il Pentagono e la Nasa; un anima capitalista che ha partorito centinaia di imprese di grande successo; ma anche una robusta tradizione di pensiero alternativo, contro-cultura, impegno anti-establishment. Ci sono fior di talenti intellettuali qua dentro che come obiettivo di vita non vogliono diventare ricchi, né tantomeno lavorare per la ricerca militare. Forse proprio qui sta il segreto della fabbrica delle idee: E nella diversità, nel rifiuto di sistemi monolitici e rigidi come quelli europei, e lo storico-scienziato inglese. Dalle idee di studenti, docenti e ricercatori del Mit sono nati colossi industriali delle tecnologie avanzate che attraversano tutta la storia dell America contemporanea: McDonnell Douglas nell aerospaziale, Intel e Texas Instruments nell elettronica, 3Com e Qualcomm nelle telecomunicazioni, Genentech nella bioetica. Al tempo stesso uno dei cervelli più rispettati in questa venerabile istituzione è il linguista Noam Chomsky, un intellettuale di estrema sinistra, anti-capitalista, anti-imperialista (secondo i repubblicani: anti-americano ). Nel museo che si apre oggi ci sono anche due illustri esempi italiani di questa contaminazione, di questa apertura alla diversità. Il più antico è il torinese Salvador Luria, morto nel 1991, premio Nobel della meina per i suoi studi di biologia molecolare sulla struttura dei virus. Luria fondò al Mit il centro di ricerca sul cancro ma era anche un celebre contestatore, impegnato politicamente e socialmente, ricorda Durant. Fu un oppositore strenuo della guerra in Vietnam e un sostenitore del ruolo dei sindacati. Un caso più recente che viene esibito nel museo è quello di Carlo Ratti, architetto di 39 anni, direttore al Mit del Senseable City Laboratory, un vasto progetto interdisciplinare per un urbanistica sostenibile. In un solo anno il Mit sforna oltre 500 invenzioni e registra 160 brevetti internazionali. Ma come fa a proteggere la ricerca pura un istituzione privata, i cui finanziamenti provengono sia dallo Stato che dalle imprese (600 aziende private hanno contratti di ricerca coi laboratori del Mit)? E come può non essere classista una università la cui retta annua parte da dollari? Su questo secondo punto, intervengono le borse di studio e altre forme di aiuto economico: in media dollari per studente. Regna la meritocrazia e nessuno viene rifiutato per mancanza di mezzi. In quanto all indipendenza, e Durant, è fondamentale la Costituzione stessa del Mit, che ne fa un istituzione privata ma non profit. La missione qui non è quella di far soldi, bensì di produrre insegnamento e ricerca al servizio degli Stati Uniti e del mondo intero. So che non è facile spiegarlo agli europei, ma vivendo immersi qui dentro ci si accorge ogni giorno di quanto i docenti e i ricercatori siano fieri della propria autonomia, decisi a difenderla a ogni costo, e capaci di farlo. Da molte erazioni. Indirizzo permanente del post Scrivi un commento» 6 Alla faccia di Obama: +59% le tariffe sanitarie Mentre i repubblicani vogliono usare la loro nuova maggioranza alla Camera per mettere subito ai voti l abrograzione della riforma sanitaria (il 12 naio), le compagnie assicurative approfittano della lentezza nell entrata in vigore delle nuove norme. Il record del banditismo spetta alla Blue Shield of California, uno dei massimi assicuratori nazionali: è scattato ora un rincaro del +59% sulle tariffe delle polizze sanitarie individuali. Decine di migliaia di assicurati hanno

3 ricevuto la ferale notizia del maxiaumento in questi giorni. E allo stato attuale le autorità federali e locali hanno pochi mezzi per contrastare questa rapina. La maggior parte delle nuove regole contenute nella legge Obama entrano in vigore nel Indirizzo permanente del post Un commento» 4 Il metalmeccanico Usa progetta la riscossa Visto dall Italia, nella vicenda Fiat ha sempre fatto la parte del cattivo azionista che vuole estrarre il massimo di profitti dal suo investimento. Oppure è stato descritto come una sorta di sindacato giallo pronto a cedere su tutto: la paga oraria ridotta alla metà per i nuovi assunti a Detroit è il simbolo di una capitolazione. Ma il sindacato americano dei metalmeccanici vuole chiudere quella parentesi, che considera come una ritirata tattica imposta dalla crisi. E ora lancia la sua riscossa: parte alla conquista delle fabbriche non sindacalizzate, per estendere conquiste e diritti. Progetta perfino una grande offensiva internazionale, per organizzare i metalmeccanici in Cina, India, Brasile. Lo annuncia il nuovo presidente della United Auto Workers (Uaw), Bob King (nella foto) in un intervista al Wall Street Journal. Abbiamo un tesoro di guerra di 800 milioni di dollari e King e siamo decisi a spenderli per spingere la nostra organizzazione in nuove fabbriche. E il modo migliore per proteggere i nostri iscritti attuali. Possiamo deare a questa operazione risorse illimitate. E uno sforzo senza precedenti, come non lo si vede da molti anni. Il bersaglio designato: Toyota, Volkswa, Hyundai. Tre multinazionali straniere che hanno localizzato le loro fabbriche negli Stati Usa più refrattari ai sindacati. Per lo più sono Stati del Sud come Alabama, Mississippi e Tennessee. Storicamente poveri rispetto alle aree industriali del Midwest, per attirare investimenti questi Stati hanno adottato le cosiddette normative right-to-work (diritto al lavoro) che di fatto sono robuste barriere contro i sindacati. Alle Unions viene proibito prelevare in busta paga la quota del tesseramento. Organizzare dei referendum in fabbrica per consentire l ingresso dei sindacati è difficile, il datore di lavoro ha diritto a ogni sorta di ostruzionismo. E in virtù di queste regole che l Uaw è rimasta confinata per 75 anni a Detroit nelle tre case automobilistiche americane, General Motors Ford e Chrysler. Mentre le concorrenti estere, andando a reclutare manodopera più giovane e rigorosamente non sindacalizzata, hanno pagato salari più bassi e ottenuto un notevole margine di competitività. Sui dipendenti dell industria automobilistica negli Stati Uniti, lavorano per le case straniere in territori ostili ai sindacati. Ma la cortina di ferro invisibile tra Nord e Sud degli Stati Uniti è stata incrinata dall ultima crisi. Da una parte, l Uaw ha fatto le note concessioni: i nuovi assunti a Detroit ricevono una paga oraria di 14 dollari (la metà degli altri); anche gli operai con anzianità hanno accettato tagli pesanti sulle prestazioni sanitarie e la pensione. Di conseguenza, il divario con il costo del lavoro alla Toyota è quasi azzerato. Nel frattempo la Toyota ha avuto tremendi problemi di qualità alle sue vetture: si è spezzata così l equazione più efficienza senza il sindacato. Inoltre l Uaw tramite il suo fondo previdenziale e sanitario è diventato azionista di Gm e Chrysler. Con il collocamento in Borsa della Gm risanata, ha incassato profitti che ora può reinvestire per dare l assalto al nemico, le multinazionali straniere. Se non accettano le nostre regole avverte King la battaglia sarà dura, e globale. L Uaw è pronta a organizzare manifestazioni di protesta fuori dai cancelli delle fabbriche Toyota, Volkswa e Hyundai, a picchettare i loro concessionari, a boicottare le gare automobilistiche a cui partecipano queste marche. E vuole estendere ogni forma di lotta fuori dai confini degli Stati Uniti, fino a colpire i quartieri erali delle case madri. E una svolta totale commenta il Wall Street Journal per un sindacato che ha speso gli ultimi anni in una ritirata. L Uaw ha presentato 11 regole alle case straniere: tra queste figura l impegno a non intimidire i loro lavoratori per scoraggiarli dall aderire al sindacato, né promettere aumenti a chi rifiuta il tesseramento. La Union vuole creare anche un organizzazione globale con sedi nei paesi emerti come Cina India e Brasile, con scambi di delegati e borse di studio: per capire meglio la realtà delle nuove case automobilistiche cresciute in paesi dove il movimento sindacale è debole; e per capire come penetrare in quel mondo. Entro la fine del annuncia King vogliamo avere insediato l organizzazione sindacale almeno in una delle case automobilistiche estere. Indirizzo permanente del post 3 commenti» 3 Attacchi ai cristiani, dopo l Egitto il Sudan? La strage in Egitto potrebbe essere la prova erale per un altra carneficina di cristiani già annunciata: in Sudan, dopo il referendum sulla secessione Nord-Sud fissato per questo 9 naio. L attenzione della Casa Bianca per la tragedia egiziana è rafforzata da questo scenario. Il Sudan sarà la più grande emerza per la nostra politica estera nel. Questa hiarazione di P.J.Crowley, il portavoce del Dipartimento di Stato,

4 suonò strana quando fu pronunciata a metà embre, nel bel mezzo del ciclone WikiLeaks. Oggi sorprende di meno, alla luce del ruolo di Al Qaeda che secondo Washington è regista dell attacco sanguinoso contro i cristiani d Egitto. Al confine meridionale con l Egitto, il Sudan è atteso come un test ad alto rischio per Barack Obama, per la sua politica africana, e per la coerenza con i valori umanitari che ha spesso proclamato. In campagna elettorale il presidente additò il mancato intervento americano in Ruanda come una concausa di quel ocidio nel 1994 ( morti), un accusa che grava sul bilancio di Bill Clinton. L Amministrazione Bush da parte sua fu inerte davanti al ocidio del Darfur (2 milioni di profughi), perpetrato da Omar Hassan al Bashir e che è valso al dittatore sudanese l incriminazione per crimini di guerra. Ora Bashir potrebbe mettere Obama di fronte a un dilemma, scatenando le sue milizie contro i cristiani del Sud nel caso di secessione. Lo scenario di una nuova escalation di violenza nel Sudan è considerato altamente probabile proprio per le tensioni che si concentrano attorno al voto del 9 naio: dalle divisioni etnico-religiose (musulmani al Nord, cristiani e animisti al Sud) fino ai rancori sulla rendita petrolifera accaparrata dal clan di Bashir. Più le ricadute geostrategiche per la crescente penetrazione della Cina in quell area. Che farà allora Obama? Se lo chiede il Washington Post con un titolo interrogativo che suona già a priori accusatorio: Il Sudan esploderà mentre Obama sta a a guardare? A lanciare l allarme è Michael Abramowitz, direttore per la prevenzione dei ocidi presso il museo dell Olocausto a Washington. Un intellettuale di punta, a testimonianza della mobilitazione che c è stata dai tempi del Darfur: incluse star hollywoodiane come George Clooney e Mia Farrow. Oltre che a questa constituency, Obama deve rispondere ai suoi elettori neri che da tempo aspettano una politica più interventista sui diritti umani in Africa. In effetti questa Amministrazione sembra di gran lunga più disponibile rispetto ai predecessori Bush e Clinton. Un segno di svolta fu fin dall inizio la nomina tra i consiglieri della Casa Bianca di Samantha Power, la specialista di diritti umani divenuta celebre nel 2002 proprio con il suo libro-reportage ( A Problem from Hell ) sui ocidi in Ruanda e Bosnia. Anche figure gerarchiche più elevate il vicepresidente Joe Biden, il segretario di Stato Hillary Clinton, l ambasciatrice all Onu Susan Rice, lei stessa afroamericana hanno fatto più volte autocritica per l inazione degli Stati Uniti di fronte ai passati ocidi in Ruanda e Darfur. Questa volta poi c è almeno un vantaggio organizzativo : l appuntamento referendario del 9 naio è noto da tempo. E una crisi che si sta accendendo al rallentatore, il potenziale di violenza che si può scatenare dopo il voto è evidente, i leader politici e militari hanno avuto tutto il tempo per pianificare gli interventi necessari a prevenire la catastrofe, sottolinea Abramowitz sul Washington Post. A conferma: le parole di P.J.Crowley nel bel mezzo della vicenda WikiLeaks, il fatto che Obama ha moltiplicato le riunioni dei suoi consiglieri sul Sudan, e ha inviato a Kartum per venti volte il suo inviato speciale. La posta in gioco è molto elevata. Oltre alla coerenza con le promesse elettorali, ai valori umanitari cui è legata la sua ala liberal e la constituency afroamericana, il Sudan fa parte dei santuari dell integralismo islamico dove Al Qaeda può ricostruire la sua potenza e reclutare nuovi terroristi anche per gli attacchi verso gli Stati Uniti. E per un presidente che la destra americana ha tentato di destabilizzare insinuando che sia filo-islamico, una violenza su vasta scala contro i cristiani d Africa è un test simbolico che non può essere fallito. Indirizzo permanente del post Scrivi un commento» 2 Made in Daham, il mondo prima di Marchionne E il più efficace manifesto anti-marchionne che ci sia in circolazione attualmente. Il magnifico film inglese Made in Daham, uscito simultaneamente in America e in Europa, ci trasporta in un mondo rovesciato rispetto a quello in cui viviamo. Fedele ricostruzione di una vicenda reale, racconta con leggerezza e umorismo la storica battaglia delle donne operaie alla fabbrica inglese della Ford, che fu all origine della parità salariale uomo-donna. Devo confessare almeno due sorprese. Primo: la data dell evento, anno Avrei creduto che la parità di retribuzione a parità di mansione fosse stata conquistata, almeno sulla carta, prima di quell anno. Secondo: il luogo. Ho appreso con stupore che è stata l Inghilterra a varare per prima una legge in quel senso (proprio in seguito alla battaglia delle operaie di Daham), precedendo gli Stati Uniti. Il film è una piacevole ventata di allegrìa perché ci trasporta, per un ora e mezza, in un epoca in cui accanto a gravi ingiustizie c era anche la fiducia di poterle raddrizzare. Perché c era la convinzione che le cose si possono cambiare attraverso i movimenti sociali. In questo senso sembra che la storia delle donne inglesi nel 1968 sia l opposto dell epoca attuale. Basti pensare a ciò che il movimento sindacale americano ha dovuto ingoiare proprio nell industria automobilistica durante la crisi del 2008: pesanti tagli salariali, con la paga oraria ridotta alla metà per i nuovi assunti, sacrifici anche sull assistenza sanitaria, sulle pensioni future. E tutto un rinunciare, un dare indietro, un ridimensionamento dei diritti. La terribile recessione del 2008 ha avuto tra i suoi effetti anche quello di indebolire ulteriormente le organizzazioni collettive che tutelano i lavoratori, almeno in Occidente. Made in Daham sembra una favola, è quasi irreale, tanta è la distanza dalle nostre condizioni. Ma proprio in quel film c è un passaggio-chiave, che già prefigura il rovesciamento nei rapporti di forze tra lavoratori e capitalisti. E il momento in cui il capo dell Ford americana minaccia il ministro inglese (donna) del Lavoro: se ci imponete dei costi di produzione troppo elevati, potremmo abbandonare l Inghilterra. E un ricatto che oggi conosciamo bene. Ma in quell anno di grazia 1968, il ricatto suona nuovo e non molto credibile. Infatti il ministro non cede, va a vedere il bluff, e la parità uomo-donna diventa legge senza che la Ford chiuda lo stabilimento. Perché quel ricatto non funzionò allora, mentre è diventato tremendamente efficace oggi? Perché nel 1968 la globalizzazione era appena agli inizi. La Cina era comunista, come l Est europeo. Le frontiere tra il Nord e il Sud del mondo erano chiuse da barriere protezioniste. Perfino la Spagna non faceva ancora parte del mercato comune europeo. Le infrastrutture di trasporto e comunicazione non erano così sviluppate da rendere facile la delocalizzazione di intere produzioni. Insomma la Ford avrebbe faticato per trovare un luogo alternativo dove produrre a costi inferiori le autovetture e poi reimportarle sul mercato

5 inglese. La globalizzazione ha sconvolto i rapporti di forze, dando ai capitalisti infinite possibilità di ricatto. Poteva andare altrimenti? Non ho mai pensato che un alternativa progressista fosse il protezionismo. Grazie alla globalizzazione un miliardo di cinesi hanno ottenuto un miglioramento reale nelle loro condizioni di vita, centinaia di milioni di esseri umani nel mondo intero si sono affrancati dalla fame. Guardando Made in Daham, però, rivaluto un personaggio come Jacques Delors, il cattolico-socialista francese che fu presidente della Commissione europea, e teorizzava la necessità di una governance sociale della globalizzazione. La regìa di quel processo è stata dominata dagli interessi del grande capitale. Poteva andare altrimenti, se la sinistra e il movimento sindacale avessero partecipato alla scrittura delle regole del nuovo mondo. Oggi una speranza è che il prossimo Made in Daham avvenga in Cina. A giuare dalle lotte operaie che sono dilagate in tante fabbriche del Guangdong all inizio del, non è una speranza del tutto infondata. Indirizzo permanente del post 13 commenti» 22 Attenti al cartello dei metalli E in atto una corsa verso l oligopolio delle miniere mondiali. I prezzi record delle materie prime e dei metalli stanno provocando un ondata di fusioniacquisizioni, con la costruzione di un cartello globale dei big dell estrazione dalla Cina al Canada all Australia. Indirizzo permanente del post 2 commenti» 18 California: meno 15% le emissioni carboniche La California fa da sé contro il cambiamento climatico, vara una nuova normativa per ridurre del 15% le emissioni di CO2 entro il E di gran lunga più avanzata del resto degli Stati Uniti e mette la California di nuovo all avanguardia mondiale nelle leggi sull ambiente. E si insedia nella capitale Sacramento il nuovo governatore Jerry Brown (foto) che in passato fu uno dei pionieri della Green Economy. Indirizzo permanente del post 4 commenti» 17 Pugno duro contro le commissioni delle carte di credito E la Federal Reserve americana che va all attacco delle carte di credito: pesante offensiva su Visa e Mastercard per costringerle a ridurre del 90% le commissioni. Ieri i titoli delle due società hanno perso il 12% per le anticipazioni su questa mossa. E uno dei nuovi poteri che la riforma Obama ha dato alla banca centrale per tutelare i consumatori. Ma da naio la stessa Federal Reserve sarà sotto inchiesta permanente. E il futuro che attende la banca centrale americana visto che presidente della commissione parlamentare di vigilanza sulla politica monetaria diventerà Ron Paul, l ultrà neoliberista del Tea Party che in campagna elettorale parlava addirittura di abolire la Fed. L indipendenza di Ben Bernanke dalla politica sarà messa a dura prova, ogni suo gesto sarà oggetto di critiche e inchieste

6 parlamentari. Ma intanto Indirizzo permanente del post 2 commenti» 17 Usa: sotto l albero meno tasse per tutti! I mal di pancia della sinistra democratica non hanno impedito il sì finale della Camera alla maximanovra fiscale Obama-Bush. L etichetta scomoda si giustifica con il fatto che le legge contiene, fra l altro, la proroga di tutti gli sgravi fiscali che George Bush diede senza distinzione di reddito, quindi beneficiando anche gli straricchi. Come si è arrivati a questo? Inizialmente Obama si era battuto in coerenza con la sua posizione di sempre per escludere dalla proroga i redditi del 2,9% di contribuenti più benestanti: cioè sopra la soglia di dollari di reddito imponibile individuale o di dollari annui per nucleo familiare. Aveva provato a spostare la soglia anche più in alto, per colpire almeno i milionari e miliardari. I repubblicani si sono impuntati. Con un ricatto odioso: sgravi estesi a tutti, milionari e miliardari inclusi, oppure la destra avrebbe votato contro l estensione delle indennità di disoccupazione che in questo mese scadono per due milioni di disoccupati di lunga durata. Alla fine Obama ha optato per quello che la sinistra democratica considera una capitolazione indecente. Ha detto sì agli sgravi di Bush, inclusa un esenzione totale dalla tassa di successione per i patrimoni fino a 5 milioni, e sopra quella soglia la riduzione dell aliquota dal 55% al 35% (un bel risparmio sulla tassa di successione per diverse dinastie miliardarie come i Walton della Wal-Mart, come denunciato dai progressisti su Msnbc). Obama però porta a casa dei risultati importanti. Oltre all estensione dei sussidi di disoccupazione, nella manovra fiscale c è il calo immediato di due punti (dal 6 al 4%) degli oneri sociali prelevati dalla Social Security tramite ritenuta alla fonte sulle buste paga dei lavoratori dipendenti. Per un reddito da dollari annui vale circa dollari netti. In totale questa legge immette nell economia americana 900 miliardi di potere d acquisto in un biennio. E un secondo stimolo alla crescita, perfino più potente di quello varato in piena recessione con la manovra di spesa pubblica del naio 2009 (che fu di circa 800 miliardi). In quanto al realismo tattico di Obama, non fa una piega: il presidente è riuscito a strappare in extremis questo voto bipartisan finché è riunito il vecchio Congresso nella sessione pre-natalizia. A naio si insediano i nuovi deputati e senatori, usciti dalle elezioni del 2 novembre: i numeri saranno molto più favorevoli ai repubblicani, e qualsiasi compromesso negoziato a naio sarebbe stato probabilmente più sfavorevole. Alla fine il vero test di questa scelta sarà se nel riparte sul serio la crescita dell occupazione, finora mancata all appello. I primi sondaggi sull elettorato democratico anche sulla Msnbc, la tv più di sinistra inano che la base del suo partito è meno critica verso Obama di quanto lo siano gli opinionisti liberal. Infine si è aperta una contraddizione in seno al partito repubblicano. L ala oltranzista del Tea Party, e non solo quella, si presenta come la paladina del rigore di bilancio. Ma con questa legge ha ratificato un robusto aumento del deficit pubblico. Come lo spiegherà alla sua base? Indirizzo permanente del post 6 commenti» 16 Si è buoni anche senza Dio? Scandalo in Texas

7 Un milione di esseri umani sono buoni senza Dio. E lo slogan che appare sulle fiancate degli autobus di Fort Worth, Texas, pubblicità a pagamento finanziata da un ateo militante. Ma subito è scatta un aspra campagna delle Chiese locali, arrivando fino a promuovere il boicottaggio degli autobus municipali che portano quella scritta. Gli atei si sentono soli sotto Natale, commenta il promotore della campagna. Un audace, nel paese dove l ateismo è l unica religione davvero messa al bando. Indirizzo permanente del post 8 commenti» «Post precedenti Pagina successiva» naio: L M M G V S D « Categorie Afghanistan ambiente America e Cindia America economia BRIC California Cina economia Cina politica commercio estero consumatori Coree demografia destra Usa diritti umani Economia Usa energia finanza governance globale identità culturali immigrazione India India economia India politica industria informazione infrastrutture Iran istruzione lavoro sindacati letture materie prime New York Obama Olimpiadi Politica estera Usa politica partiti elezioni Usa

8 povertà previsioni e scenari Rampini risponde rapporti con America rapporti con Italia religione sanità Usa Senza Categoria storia strategia e armamenti Taiwan tecnologia terrorismo Tibet valute Gli Articoli Del Giornale Unitá d'italia, via alle celebrazioni Napolitano: "Rispettare la Costituzione" Giovani disoccupati al 28,9% Dato record dal 2004 Quagliarella è ko Stangata Felipe Melo "Congresso? Non so di cosa si parli" Veltroni replica alle voci sul Lingotto Il pm chiede l'ergastolo per Busco "Delitto con aggravante crudeltá" Blogroll WordPress.com WordPress.org >Gli altri blog Percentualmente di Rosaria Amato MediaTrek di Ernesto Assante Post Teatro di Anna Bandettini Bloooog! di Fabrizio Bocca Europe di Andrea Bonanni MotoriBlog di Vincenzo Borgomeo Politica Pop di Marco Bracconi Chiedimi Come di Massimo Bucchi Piccola Italia di Antonello Caporale Diritti e rovesci di Giampaolo Cadalanu Stato e Spettacolo di Filippo Ceccarelli Eco-Logica di Antonio Cianciullo Blog Trotter di Leonardo Coen Destinazioni di Dario Cresto-Dina Rimbalzi di Maurizio Crosetti Corazzata Potemkin di Paolo D'Agostini My Tube di Enrico Franceschini 2050 di Valerio Gualerzi Animal Mouse di Cristina Nadotti Controfagotto di Aldo Lastella Il non-senso della vita di Piergiorgio Odifreddi

9 Bookowski di Dario Olivero Noi&Voi di Guglielmo Pepe Estremo Occidente di Federico Rampini Wwwomen di Cinzia Sasso Orient-Tales di Fabio Scuto Fotocrazia di Michele Smargiassi PNR Presi nella rete di Riccardo Staglianò In un altro paese di Alexander Stille Scene Digitali di Vittorio Zambardino Tempo Reale il blog del direttore di Vittorio Zucconi Fai di Repubblica la tua homepage Mappa del sito Parole più cercate Redazione Scriveteci Servizio Clienti Aiuto Pubblicità Divisione La Repubblica Gruppo Editoriale L Espresso Spa - P.Iva Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di CIR SpA

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

La riforma che non perdona

La riforma che non perdona Massimo Gaggi La riforma che non perdona La riforma sanitaria aveva, nei progetti iniziali di Barack Obama, obiettivi sostanziali e ideali. E avrebbe dovuto segnare il marchio nobile di una presidenza

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI La presente pubblicazione raccoglie schede di sintesi relative a finanziamento della politica nei principali

Dettagli

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia William Shakespeare Una guerra al male è una guerra senza fine Paul Kennedy Sequenza A La crisi della presidenza Obama Parte

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

I sindacati americani e la crisi: Seiu e Uaw, due esperienze a confronto

I sindacati americani e la crisi: Seiu e Uaw, due esperienze a confronto I sindacati americani e la crisi: Seiu e Uaw, due esperienze a confronto di Marianna De Luca * 1. Il sindacato americano è in declino? Le esperienze di due organizzazioni molto diverse tra loro come Seiu

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

PIRELLI INVESTE IN BRASILE 100 MILIONI DI DOLLARI PER NUOVO POLO TECNOLOGICO DEDICATO AI PNEUMATICI PER VEICOLI SPECIALI

PIRELLI INVESTE IN BRASILE 100 MILIONI DI DOLLARI PER NUOVO POLO TECNOLOGICO DEDICATO AI PNEUMATICI PER VEICOLI SPECIALI COMUNICATO STAMPA PIRELLI INVESTE IN BRASILE 100 MILIONI DI DOLLARI PER NUOVO POLO TECNOLOGICO DEDICATO AI PNEUMATICI PER VEICOLI SPECIALI IL NUOVO STANZIAMENTO SI AGGIUNGE AL PIANO, ILLUSTRATO LO SCORSO

Dettagli

Le politiche sociali in discussione

Le politiche sociali in discussione Le politiche sociali in discussione * Le politiche sociali al centro del dibattito Nel gennaio 2009, il neo-eletto presidente degli Stati Uniti terrà il solenne giuramento inaugurale del proprio mandato

Dettagli

La mitologia della riforma sanitaria

La mitologia della riforma sanitaria La mitologia della riforma sanitaria Il piano del governatore Romney Il 12 aprile 2006, il governatore repubblicano del Massachusetts - e potenziale candidato alle presidenziali del 2008 - Mitt Romney

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e le elezioni presidenziali USA

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e le elezioni presidenziali USA OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e le elezioni presidenziali USA Il Gazzettino, 06.11.2012 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Onorevoli senatori. Da chi nasce la moderna teoria del libero scambio?

Onorevoli senatori. Da chi nasce la moderna teoria del libero scambio? Onorevoli senatori da oltre 20 anni la "globalizzazione" viene da più parti indicata come la nuova strada che renderà ricche e felici terre e popolazioni nel mondo, definendo questa impostazione come una

Dettagli

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE 3 CONGRESSO MONDIALE DELLA CSI - Berlino 18-23 Maggio 2014 OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE BOZZA Quadro d Azione CONFEDERAZIONE INTERNAZIONALE DEI SINDACATI OCCUPAZIONE SOSTENIBILE,

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 237 LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 11 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

Economia Politica II H-Z Lezione 1b

Economia Politica II H-Z Lezione 1b Economia Politica II H-Z Lezione 1b Sergio Vergalli vergalli@eco.unibs.it Vergalli - Lezione 1 Iperinflazione 4 Zimbabwe: il 12 maggio 2006 il governo ha dichiarato che in aprile l inflazione ha raggiunto

Dettagli

È il momento per una copertura sanitaria universale

È il momento per una copertura sanitaria universale È il momento per una copertura sanitaria universale Necessità di una copertura sanitaria universale A più di sessant anni dal giorno in cui il presidente Truman avanzò per primo la richiesta di un assicurazione

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

Sono 3 milioni di persone che ogni anno

Sono 3 milioni di persone che ogni anno Su 300-400.000 persone che ogni anno emigrano dalla Serbia verso Occidente e la quota dei laureati è intorno al 10 percento. Ma il dato più preoccupante è che la gran parte dei laureati migranti è costituita

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8%

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% Nel 2013 sono stati prodotti in Asia 1 /Oceania oltre 45,8 milioni di autoveicoli, con un incremento del 4,8%; in termini di volumi si tratta

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

Ristabilire la nostra autorità

Ristabilire la nostra autorità Ristabilire la nostra autorità morale * Immigrazione *William Bill Richardson è governatore del New Mexico e candidato alle primarie dei democratici. Si calcola che negli Stati Uniti ci siano ormai circa

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

MID-TERM ELECTION USA: VALUTAZIONI E PROSPETTIVE Aspenia - dicembre 2010

MID-TERM ELECTION USA: VALUTAZIONI E PROSPETTIVE Aspenia - dicembre 2010 MID-TERM ELECTION USA: VALUTAZIONI E PROSPETTIVE Aspenia - dicembre 2010 Per cogliere l influenza delle correnti profonde della società americana nelle recenti elezioni americane di midterm, a me pare

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Combattere alla radice la povertà

Combattere alla radice la povertà Combattere alla radice la povertà * Immigrazione Si calcola che negli Stati Uniti ci siano ormai circa 12 milioni di immigrati clandestini: sono una risorsa o un danno per il Paese? La nostra economia

Dettagli

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85 La rincorsa frenata 1 Anni di piombo e solitudini europee Inizio anni Settanta: profonda crisi. Fine della produzione di massa, della domanda pubblica

Dettagli

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda 1. Il quadro macroeconomico alla base della Finanziaria 2002: da rivedere le stime sulla crescita 2. Mancanza di

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

SPECIAL REPORT. 15 idee d investimento da 100 a 100.000 euro. Rischio: *****

SPECIAL REPORT. 15 idee d investimento da 100 a 100.000 euro. Rischio: ***** FIAT Azioni Italia Prezzo al 02/09/2013 5,81 euro Potenzialità di rivalutazione: **** Rischio: ***** Liquidità: **** PRO CONTRO Partecipazioni detenute non valorizzate adeguatamente dal mercato Mercato

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Intervista a Richard Florida: per battere la crisi ci vorrebbe un "Creativity Stimulus"

Intervista a Richard Florida: per battere la crisi ci vorrebbe un Creativity Stimulus 15 aprile 2009 Intervista a Richard Florida: per battere la crisi ci vorrebbe un "Creativity Stimulus" di Rosanna Santonocito La crisi mondiale? Quando sarà finita, spalancherà le porte alla nuova era

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

Francesca Amadori Giovanni Morresi Azzurra Nicchi Anna Renzini Elisa Rosati Lorenzo Schiavi

Francesca Amadori Giovanni Morresi Azzurra Nicchi Anna Renzini Elisa Rosati Lorenzo Schiavi Il cambiamento in Fiat Auto attraverso le parole di Sergio Marchionne Corso di Strategie d impresa A.A. 2010/2011 Prof. Tonino Pencarelli, Dott. Simone Splendiani Teamwork: Francesca Amadori Giovanni Morresi

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Sembra quasi si nascondano. Le decisioni da prendere sono molto importanti e invece di condividere la responsabilità delle scelte con le popolazioni interessate, i governanti europei

Dettagli

Modera Antonio POLITO Direttore del Quotidiano Il Riformista" Intervento del Segretario generale Cisl Raffaele Bonanni

Modera Antonio POLITO Direttore del Quotidiano Il Riformista Intervento del Segretario generale Cisl Raffaele Bonanni Forum La partecipazione dei lavoratori nelle imprese, promosso dal Quotidiano Il Riformista e Cisl, Roma 13 giugno 2008 c/osenato della Repubblica - Sala Capitolare Chiostro del Convento di S. Maria sopra

Dettagli

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo IL FASCISMO La via italiana al totalitarismo LA MARCIA SU ROMA La Marcia su Roma (inizia il 27 ottobre) colpisce lo Stato nel pieno disfacimento dei suoi poteri. Facta si dimette il 28 ottobre. Il Re,

Dettagli

N. 40 15 dicembre 2014 aggiornato alle ore 22.00 di lunedì

N. 40 15 dicembre 2014 aggiornato alle ore 22.00 di lunedì N. 40 15 dicembre 2014 aggiornato alle ore 22.00 di lunedì Notizie in breve Italia Esteri Notizie per parlare Giocare in borsa Spazio aperto Salute: attualità & prevenzione Cinema Giochi pag. 1 pag. 2

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Walter Russell Mead Il pragmatismo per superare lo stallo

Walter Russell Mead Il pragmatismo per superare lo stallo Walter Russell Mead Il pragmatismo per superare lo stallo Nella campagna elettorale americana è mancato proprio quello di cui il paese ha più bisogno: la proposta di una nuova visione sociale e di politiche

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL.

Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL. Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL. Una proposta per il futuro. La natura solidaristica e democratica del sindacato si accompagna per la UIL alla sua indipendenza e alla

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona?

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona? Uno degli obiettivi del M5S è Nessuno deve rimanere indietro. E inaccettabile che un cittadino italiano venga abbandonato a sé stesso dallo Stato perché perde il lavoro, magari dopo aver pagato contributi

Dettagli

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Il Protocollo di Kyoto è stato approvato nel 1997 ed è entrato in vigore nel 2005 come convenzione internazionale,

Dettagli

Federcarrozzieri. Federazione Italiana Carrozzieri Indipendenti

Federcarrozzieri. Federazione Italiana Carrozzieri Indipendenti Federazione Italiana Carrozzieri Indipendenti Disegno di legge n. 2085, recante «Legge annuale per il mercato e la concorrenza», relativa alle tematiche concernenti il meccanismo per il risarcimento dei

Dettagli

Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo

Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE [legge delega] (bozza per il costituendo comitato promotore) Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo I lavoratori precari legali

Dettagli

I colori della vita: conoscere e conoscersi per affrontare il futuro

I colori della vita: conoscere e conoscersi per affrontare il futuro I colori della vita: conoscere e conoscersi per affrontare il futuro Laboratorio multimediale di educazione alla legalità RELAZIONE FINALE >>> E CONCLUSIONI SUL SONDAGGIO NAZIONALE >>> RELAZIONE FINALE

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline.

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline. 032 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA 23 giugno 2015 a cura di Renato Brunetta JÜRGEN

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari?

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari? UNION EUROPEENNE DE L ARTISANAT ET DES PETITES ET MOYENNES ENTREPRISES EUROPÄISCHE UNION DES HANDWERKS UND DER KLEIN- UND MITTELBETRIEBE EUROPEAN ASSOCIATION OF CRAFT, SMALL AND MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: Da anni ormai il bilancio del Cantone segna rosso, con elevati deficit ricorrenti ormai consolidati. Il che significa che si tratta di un problema strutturale

Dettagli

COMUNICATO LGE SOFCPOWER COMUNE DI MORI

COMUNICATO LGE SOFCPOWER COMUNE DI MORI Mezzolombardo, Lunedi 22 Dicembre, 2014 COMUNICATO LGE SOFCPOWER COMUNE DI MORI Le celle a combustibile a ossidi solidi della trentina SOFCpower S.p.a., azienda leader nel settore delle tecnologie pulite,

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010)

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010) 1 RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO (Ricerca completata in data 01/12/2010) di Raffaele Picilli con la collaborazione di Flavio Giordano

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

Rassegna Stampa dal 24 al 26 gennaio 2015. Ambasciata d Italia a Zagabria

Rassegna Stampa dal 24 al 26 gennaio 2015. Ambasciata d Italia a Zagabria Rassegna Stampa dal 24 al 26 gennaio 2015 Ambasciata d Italia a Zagabria POLITICA ESTERA Ministro degli Esteri Pusic in Iran Noi siamo testimoni che il radicalismo vuole nascondersi dietro all Islam. Non

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

Auto USA, Bob King (sindacato americano): la UAW del ventunesimo secolo

Auto USA, Bob King (sindacato americano): la UAW del ventunesimo secolo www.adapt.it, 20 settembre 2010 Auto USA, Bob King (sindacato americano): la UAW del ventunesimo secolo «È per me un onore rivolgermi ai miei colleghi dell industria automobilistica per la prima volta

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Industria dell Auto in Canada

Industria dell Auto in Canada Industria dell Auto in Canada A cura di Massimo Di Nola Aggiornamento: dicembre 2014 1 Industria dell auto Il Paese, le Opportunità Un industria forte, con una traduzione ormai secolare (la prima fabbrica

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Discorsi del Presidente della Fondazione Craxi Inaugurazione della Mostra "Tunisiaca" Tunisi, Museo Nazionale del Bardo, 19 gennaio 2004 Stefania Craxi Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Eccellenza,

Dettagli

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design 21 Bando pubblico di partecipazione per Giovani Architetti, Designer, Artigiani, Artisti, Scuole Scadenza

Dettagli

SOMMARIO DEL 30 GENNAIO 2013. Maserati Grugliasco, sfida di alta gamma. Grugliasco conferma l impegno di Fiat in Italia

SOMMARIO DEL 30 GENNAIO 2013. Maserati Grugliasco, sfida di alta gamma. Grugliasco conferma l impegno di Fiat in Italia SOMMARIO DEL 30 GENNAIO 2013 Il Sole 24 Ore Uff.Stampa Fismic La Stampa Adnkronos Asca MF-Dow Jones Il Sole 24 Ore Il Messaggero Corriere della Sera Prima Pagina Maserati Grugliasco, sfida di alta gamma

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 Storia contemporanea Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 GIOLITTI 1892-93 1893 dimissioni scandalo Banca romana 1903-1905 1906-1907 1911-1914 GIOLITTI Liberale, abile e scrupoloso

Dettagli

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica Gianni Alioti Con un inquadramento particolare al settore auto ufficio internazionale Fim-Cisl e componente esecutivi Fem e Fism Milano 28 ottobre

Dettagli