Blog. Ha 150 anni il MIT la fabbrica delle idee. Articoli recenti. Commenti recenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Blog. Ha 150 anni il MIT la fabbrica delle idee. Articoli recenti. Commenti recenti"

Transcript

1 Blog Articoli recenti Ha 150 anni il MIT la fabbrica delle idee Alla faccia di Obama: +59% le tariffe sanitarie Il metalmeccanico Usa progetta la riscossa Attacchi ai cristiani, dopo l Egitto il Sudan? Made in Daham, il mondo prima di Marchionne Attenti al cartello dei metalli California: meno 15% le emissioni carboniche Pugno duro contro le commissioni delle carte di credito Usa: sotto l albero meno tasse per tutti! Si è buoni anche senza Dio? Scandalo in Texas Search Commenti recenti cassiobarloquater su Alla faccia di Obama: +59% le tariffe sanitarie giacomo_50 su Made in Daham, il mondo prima di Marchionne tommasoliguori21_01 su Stampar moneta, l Europa copia gli Usa tommasoliguori21_01 su Il metalmeccanico Usa progetta la riscossa gjta su Made in Daham, il mondo prima di Marchionne Blog di Repubblica.it Rimbalzidi Maurizio Crosetti La Juve guarda avanti Eco-logicadi Antonio Cianciullo La posta in palio è il mercato del futuro PNR - presi nella retedi Riccardo Stagliano' Rob Brezsny racconta un futuro poetico (in 2 ore di video-intervista) Gli altri Blog I blog dei lettori Sulla sorellanza (che non c' ) Amniocentesi addio? Religione e guerra Crea ora il tuo blog 7 Ha 150 anni il MIT la fabbrica delle idee Dalle tecnologie della comunicazione alle loro applicazioni nel design industriale, nell urbanistica, nelle scienze mehe e perfino nel motore di ricerca di Google: nessun altra istituzione universitaria al mondo forse può ambire al ruolo di fabbrica delle idee quanto il Massachusetts Institute of Technology (Mit), fondato esattamente 150 anni fa. Qui hanno lavorato inventori, scienziati, artisti, architetti, ingegneri che hanno plasmato il modo in cui oggi viviamo, lavoriamo, e pensiamo il nostro mondo : a loro il Mit dea con queste parole il nuovo museo che viene inaugurato oggi nel celebre campus sui bordi del fiume Charles, alla periferia nobile di

2 Boston. 150 anni di storia di questo formidabile laboratorio della creatività umana sono l occasione per interrogarsi su un modello: che cosa lo rende così efficace? Qual è la ricetta del successo di questo polo di ricerca? E riproducibile altrove, in un Occidente dove tante istituzioni educative e culturali sono in crisi? Osservare da vicino la fabbrica delle idee, mette a dura prova tutto ciò che crediamo di sapere sui rapporti pubblico-privato nell insegnamento e nella scienza, e sfata i più diffusi stereotipi sull America. Il paradosso è che il Mit nacque nel 1861 per copiare un sistema europeo, il Politecnico tedesco. Ma 150 anni dopo, nessuna università del Vecchio continente può sognare di avvicinarsi a queste vette. Per occuparsi di soli iscritti ai corsi di laurea, e studenti post-laurea, il Mit mette in campo ben docenti a tempo pieno, un prof ogni dieci allievi. Ha 76 Premi Nobel, la percentuale più alta in proporzione al numero di docenti e studenti. In un anno relativamente povero come il 2009, segnato dalle ristrettezze post-recessione, ha speso 718 milioni di sola ricerca. Ha un fondo di dotazione di otto miliardi. Il numero di aziende che sono state erate dalle invenzioni dei suoi ricercatori, rappresenta un fatturato così elevato che il Mit sarebbe la 17esima economia del pianeta, se fosse una nazione indipendente. Non c è nulla di simile in Europa, mi conferma John Durant. Biologo per formazione, storico delle scienze per professione, Durant è stato chiamato al Mit per dirigere il nuovo museo che s inaugura domani. E in una posizione unica: questo scienziato britannico ha passato la prima parte della sua carriera nell altra Cambridge, quella inglese. Un polo di eccellenza europeo, che tuttavia negli ultimi anni ha perso terreno nei confronti con l America. Quello che rende il Mit davvero speciale è una mescolanza d ingredienti mi e Durant non basta il fatto di avere riunito qui un numero molto vasto di scienziati di grande talento. C è un ampiezza d interessi insospettata: oltre a matematica, ingegneria, fisica, chimica, meina, abbiamo anche l architettura, l arte, tutte le scienze umanistiche. Fin dai tempi in cui qui si inventò il radar nella seconda guerra mondiale, il segreto del Mit è stato di mobilitare attorno a una sfida tutte le risorse nei campi più disparati. Oggi, per esempio, sulla lotta al cambiamento climatico e la ricerca di nuove fonti energetiche lavorano insieme fisici, architetti, urbanisti, economisti. Nel Dna del Mit c è proprio questo. Fin dall inizio il ruolo dei privati è stato determinante. Il campus attuale del Mit non esisterebbe senza la donazione fatta nel 1916 da George Eastman, l industriale fondatore della Kodak. Eppure il Mit volle distinguersi dalle università aristocratiche della Ivy League (come la vicina Harvard) nel reclutare studenti della middle class, compresi i ragazzi cresciuti da famiglie operaie. La creazione di un vasto complesso militar-industriale agli albori della seconda guerra mondiale diede un impulso formidabile alla crescita del Mit, con il Radiation Laboratory e il Project Whirlwind dove nacque il primo computer digitale per la simulazione dei voli. Alla fine della guerra al Mit lavorava oltre un quarto dei fisici americani, era il più vasto centro di ricerca militare del paese. Eppure fu qui che negli anni Sessanta e Settanta scoppiarono alcune delle più virulente contestazioni studentesche contro la guerra nel Vietnam. Ed è in un assemblea di docenti del Mit, il 4 marzo 1969, che fu creata la Union of Concerned Scientist, tuttora la più influente associazione di scienziati progressisti. E nel 1971 dal Mit venne il celebre studio su I limiti dello sviluppo, una visione allora profetica sulla crisi energetica e i problemi ambientali. Sono queste le qualità che sorprendono l Europa e il resto del mondo osserva Durant perché dentro il Mit convivono un anima che ha sempre avuto stretti rapporti col governo, inclusi il Pentagono e la Nasa; un anima capitalista che ha partorito centinaia di imprese di grande successo; ma anche una robusta tradizione di pensiero alternativo, contro-cultura, impegno anti-establishment. Ci sono fior di talenti intellettuali qua dentro che come obiettivo di vita non vogliono diventare ricchi, né tantomeno lavorare per la ricerca militare. Forse proprio qui sta il segreto della fabbrica delle idee: E nella diversità, nel rifiuto di sistemi monolitici e rigidi come quelli europei, e lo storico-scienziato inglese. Dalle idee di studenti, docenti e ricercatori del Mit sono nati colossi industriali delle tecnologie avanzate che attraversano tutta la storia dell America contemporanea: McDonnell Douglas nell aerospaziale, Intel e Texas Instruments nell elettronica, 3Com e Qualcomm nelle telecomunicazioni, Genentech nella bioetica. Al tempo stesso uno dei cervelli più rispettati in questa venerabile istituzione è il linguista Noam Chomsky, un intellettuale di estrema sinistra, anti-capitalista, anti-imperialista (secondo i repubblicani: anti-americano ). Nel museo che si apre oggi ci sono anche due illustri esempi italiani di questa contaminazione, di questa apertura alla diversità. Il più antico è il torinese Salvador Luria, morto nel 1991, premio Nobel della meina per i suoi studi di biologia molecolare sulla struttura dei virus. Luria fondò al Mit il centro di ricerca sul cancro ma era anche un celebre contestatore, impegnato politicamente e socialmente, ricorda Durant. Fu un oppositore strenuo della guerra in Vietnam e un sostenitore del ruolo dei sindacati. Un caso più recente che viene esibito nel museo è quello di Carlo Ratti, architetto di 39 anni, direttore al Mit del Senseable City Laboratory, un vasto progetto interdisciplinare per un urbanistica sostenibile. In un solo anno il Mit sforna oltre 500 invenzioni e registra 160 brevetti internazionali. Ma come fa a proteggere la ricerca pura un istituzione privata, i cui finanziamenti provengono sia dallo Stato che dalle imprese (600 aziende private hanno contratti di ricerca coi laboratori del Mit)? E come può non essere classista una università la cui retta annua parte da dollari? Su questo secondo punto, intervengono le borse di studio e altre forme di aiuto economico: in media dollari per studente. Regna la meritocrazia e nessuno viene rifiutato per mancanza di mezzi. In quanto all indipendenza, e Durant, è fondamentale la Costituzione stessa del Mit, che ne fa un istituzione privata ma non profit. La missione qui non è quella di far soldi, bensì di produrre insegnamento e ricerca al servizio degli Stati Uniti e del mondo intero. So che non è facile spiegarlo agli europei, ma vivendo immersi qui dentro ci si accorge ogni giorno di quanto i docenti e i ricercatori siano fieri della propria autonomia, decisi a difenderla a ogni costo, e capaci di farlo. Da molte erazioni. Indirizzo permanente del post Scrivi un commento» 6 Alla faccia di Obama: +59% le tariffe sanitarie Mentre i repubblicani vogliono usare la loro nuova maggioranza alla Camera per mettere subito ai voti l abrograzione della riforma sanitaria (il 12 naio), le compagnie assicurative approfittano della lentezza nell entrata in vigore delle nuove norme. Il record del banditismo spetta alla Blue Shield of California, uno dei massimi assicuratori nazionali: è scattato ora un rincaro del +59% sulle tariffe delle polizze sanitarie individuali. Decine di migliaia di assicurati hanno

3 ricevuto la ferale notizia del maxiaumento in questi giorni. E allo stato attuale le autorità federali e locali hanno pochi mezzi per contrastare questa rapina. La maggior parte delle nuove regole contenute nella legge Obama entrano in vigore nel Indirizzo permanente del post Un commento» 4 Il metalmeccanico Usa progetta la riscossa Visto dall Italia, nella vicenda Fiat ha sempre fatto la parte del cattivo azionista che vuole estrarre il massimo di profitti dal suo investimento. Oppure è stato descritto come una sorta di sindacato giallo pronto a cedere su tutto: la paga oraria ridotta alla metà per i nuovi assunti a Detroit è il simbolo di una capitolazione. Ma il sindacato americano dei metalmeccanici vuole chiudere quella parentesi, che considera come una ritirata tattica imposta dalla crisi. E ora lancia la sua riscossa: parte alla conquista delle fabbriche non sindacalizzate, per estendere conquiste e diritti. Progetta perfino una grande offensiva internazionale, per organizzare i metalmeccanici in Cina, India, Brasile. Lo annuncia il nuovo presidente della United Auto Workers (Uaw), Bob King (nella foto) in un intervista al Wall Street Journal. Abbiamo un tesoro di guerra di 800 milioni di dollari e King e siamo decisi a spenderli per spingere la nostra organizzazione in nuove fabbriche. E il modo migliore per proteggere i nostri iscritti attuali. Possiamo deare a questa operazione risorse illimitate. E uno sforzo senza precedenti, come non lo si vede da molti anni. Il bersaglio designato: Toyota, Volkswa, Hyundai. Tre multinazionali straniere che hanno localizzato le loro fabbriche negli Stati Usa più refrattari ai sindacati. Per lo più sono Stati del Sud come Alabama, Mississippi e Tennessee. Storicamente poveri rispetto alle aree industriali del Midwest, per attirare investimenti questi Stati hanno adottato le cosiddette normative right-to-work (diritto al lavoro) che di fatto sono robuste barriere contro i sindacati. Alle Unions viene proibito prelevare in busta paga la quota del tesseramento. Organizzare dei referendum in fabbrica per consentire l ingresso dei sindacati è difficile, il datore di lavoro ha diritto a ogni sorta di ostruzionismo. E in virtù di queste regole che l Uaw è rimasta confinata per 75 anni a Detroit nelle tre case automobilistiche americane, General Motors Ford e Chrysler. Mentre le concorrenti estere, andando a reclutare manodopera più giovane e rigorosamente non sindacalizzata, hanno pagato salari più bassi e ottenuto un notevole margine di competitività. Sui dipendenti dell industria automobilistica negli Stati Uniti, lavorano per le case straniere in territori ostili ai sindacati. Ma la cortina di ferro invisibile tra Nord e Sud degli Stati Uniti è stata incrinata dall ultima crisi. Da una parte, l Uaw ha fatto le note concessioni: i nuovi assunti a Detroit ricevono una paga oraria di 14 dollari (la metà degli altri); anche gli operai con anzianità hanno accettato tagli pesanti sulle prestazioni sanitarie e la pensione. Di conseguenza, il divario con il costo del lavoro alla Toyota è quasi azzerato. Nel frattempo la Toyota ha avuto tremendi problemi di qualità alle sue vetture: si è spezzata così l equazione più efficienza senza il sindacato. Inoltre l Uaw tramite il suo fondo previdenziale e sanitario è diventato azionista di Gm e Chrysler. Con il collocamento in Borsa della Gm risanata, ha incassato profitti che ora può reinvestire per dare l assalto al nemico, le multinazionali straniere. Se non accettano le nostre regole avverte King la battaglia sarà dura, e globale. L Uaw è pronta a organizzare manifestazioni di protesta fuori dai cancelli delle fabbriche Toyota, Volkswa e Hyundai, a picchettare i loro concessionari, a boicottare le gare automobilistiche a cui partecipano queste marche. E vuole estendere ogni forma di lotta fuori dai confini degli Stati Uniti, fino a colpire i quartieri erali delle case madri. E una svolta totale commenta il Wall Street Journal per un sindacato che ha speso gli ultimi anni in una ritirata. L Uaw ha presentato 11 regole alle case straniere: tra queste figura l impegno a non intimidire i loro lavoratori per scoraggiarli dall aderire al sindacato, né promettere aumenti a chi rifiuta il tesseramento. La Union vuole creare anche un organizzazione globale con sedi nei paesi emerti come Cina India e Brasile, con scambi di delegati e borse di studio: per capire meglio la realtà delle nuove case automobilistiche cresciute in paesi dove il movimento sindacale è debole; e per capire come penetrare in quel mondo. Entro la fine del annuncia King vogliamo avere insediato l organizzazione sindacale almeno in una delle case automobilistiche estere. Indirizzo permanente del post 3 commenti» 3 Attacchi ai cristiani, dopo l Egitto il Sudan? La strage in Egitto potrebbe essere la prova erale per un altra carneficina di cristiani già annunciata: in Sudan, dopo il referendum sulla secessione Nord-Sud fissato per questo 9 naio. L attenzione della Casa Bianca per la tragedia egiziana è rafforzata da questo scenario. Il Sudan sarà la più grande emerza per la nostra politica estera nel. Questa hiarazione di P.J.Crowley, il portavoce del Dipartimento di Stato,

4 suonò strana quando fu pronunciata a metà embre, nel bel mezzo del ciclone WikiLeaks. Oggi sorprende di meno, alla luce del ruolo di Al Qaeda che secondo Washington è regista dell attacco sanguinoso contro i cristiani d Egitto. Al confine meridionale con l Egitto, il Sudan è atteso come un test ad alto rischio per Barack Obama, per la sua politica africana, e per la coerenza con i valori umanitari che ha spesso proclamato. In campagna elettorale il presidente additò il mancato intervento americano in Ruanda come una concausa di quel ocidio nel 1994 ( morti), un accusa che grava sul bilancio di Bill Clinton. L Amministrazione Bush da parte sua fu inerte davanti al ocidio del Darfur (2 milioni di profughi), perpetrato da Omar Hassan al Bashir e che è valso al dittatore sudanese l incriminazione per crimini di guerra. Ora Bashir potrebbe mettere Obama di fronte a un dilemma, scatenando le sue milizie contro i cristiani del Sud nel caso di secessione. Lo scenario di una nuova escalation di violenza nel Sudan è considerato altamente probabile proprio per le tensioni che si concentrano attorno al voto del 9 naio: dalle divisioni etnico-religiose (musulmani al Nord, cristiani e animisti al Sud) fino ai rancori sulla rendita petrolifera accaparrata dal clan di Bashir. Più le ricadute geostrategiche per la crescente penetrazione della Cina in quell area. Che farà allora Obama? Se lo chiede il Washington Post con un titolo interrogativo che suona già a priori accusatorio: Il Sudan esploderà mentre Obama sta a a guardare? A lanciare l allarme è Michael Abramowitz, direttore per la prevenzione dei ocidi presso il museo dell Olocausto a Washington. Un intellettuale di punta, a testimonianza della mobilitazione che c è stata dai tempi del Darfur: incluse star hollywoodiane come George Clooney e Mia Farrow. Oltre che a questa constituency, Obama deve rispondere ai suoi elettori neri che da tempo aspettano una politica più interventista sui diritti umani in Africa. In effetti questa Amministrazione sembra di gran lunga più disponibile rispetto ai predecessori Bush e Clinton. Un segno di svolta fu fin dall inizio la nomina tra i consiglieri della Casa Bianca di Samantha Power, la specialista di diritti umani divenuta celebre nel 2002 proprio con il suo libro-reportage ( A Problem from Hell ) sui ocidi in Ruanda e Bosnia. Anche figure gerarchiche più elevate il vicepresidente Joe Biden, il segretario di Stato Hillary Clinton, l ambasciatrice all Onu Susan Rice, lei stessa afroamericana hanno fatto più volte autocritica per l inazione degli Stati Uniti di fronte ai passati ocidi in Ruanda e Darfur. Questa volta poi c è almeno un vantaggio organizzativo : l appuntamento referendario del 9 naio è noto da tempo. E una crisi che si sta accendendo al rallentatore, il potenziale di violenza che si può scatenare dopo il voto è evidente, i leader politici e militari hanno avuto tutto il tempo per pianificare gli interventi necessari a prevenire la catastrofe, sottolinea Abramowitz sul Washington Post. A conferma: le parole di P.J.Crowley nel bel mezzo della vicenda WikiLeaks, il fatto che Obama ha moltiplicato le riunioni dei suoi consiglieri sul Sudan, e ha inviato a Kartum per venti volte il suo inviato speciale. La posta in gioco è molto elevata. Oltre alla coerenza con le promesse elettorali, ai valori umanitari cui è legata la sua ala liberal e la constituency afroamericana, il Sudan fa parte dei santuari dell integralismo islamico dove Al Qaeda può ricostruire la sua potenza e reclutare nuovi terroristi anche per gli attacchi verso gli Stati Uniti. E per un presidente che la destra americana ha tentato di destabilizzare insinuando che sia filo-islamico, una violenza su vasta scala contro i cristiani d Africa è un test simbolico che non può essere fallito. Indirizzo permanente del post Scrivi un commento» 2 Made in Daham, il mondo prima di Marchionne E il più efficace manifesto anti-marchionne che ci sia in circolazione attualmente. Il magnifico film inglese Made in Daham, uscito simultaneamente in America e in Europa, ci trasporta in un mondo rovesciato rispetto a quello in cui viviamo. Fedele ricostruzione di una vicenda reale, racconta con leggerezza e umorismo la storica battaglia delle donne operaie alla fabbrica inglese della Ford, che fu all origine della parità salariale uomo-donna. Devo confessare almeno due sorprese. Primo: la data dell evento, anno Avrei creduto che la parità di retribuzione a parità di mansione fosse stata conquistata, almeno sulla carta, prima di quell anno. Secondo: il luogo. Ho appreso con stupore che è stata l Inghilterra a varare per prima una legge in quel senso (proprio in seguito alla battaglia delle operaie di Daham), precedendo gli Stati Uniti. Il film è una piacevole ventata di allegrìa perché ci trasporta, per un ora e mezza, in un epoca in cui accanto a gravi ingiustizie c era anche la fiducia di poterle raddrizzare. Perché c era la convinzione che le cose si possono cambiare attraverso i movimenti sociali. In questo senso sembra che la storia delle donne inglesi nel 1968 sia l opposto dell epoca attuale. Basti pensare a ciò che il movimento sindacale americano ha dovuto ingoiare proprio nell industria automobilistica durante la crisi del 2008: pesanti tagli salariali, con la paga oraria ridotta alla metà per i nuovi assunti, sacrifici anche sull assistenza sanitaria, sulle pensioni future. E tutto un rinunciare, un dare indietro, un ridimensionamento dei diritti. La terribile recessione del 2008 ha avuto tra i suoi effetti anche quello di indebolire ulteriormente le organizzazioni collettive che tutelano i lavoratori, almeno in Occidente. Made in Daham sembra una favola, è quasi irreale, tanta è la distanza dalle nostre condizioni. Ma proprio in quel film c è un passaggio-chiave, che già prefigura il rovesciamento nei rapporti di forze tra lavoratori e capitalisti. E il momento in cui il capo dell Ford americana minaccia il ministro inglese (donna) del Lavoro: se ci imponete dei costi di produzione troppo elevati, potremmo abbandonare l Inghilterra. E un ricatto che oggi conosciamo bene. Ma in quell anno di grazia 1968, il ricatto suona nuovo e non molto credibile. Infatti il ministro non cede, va a vedere il bluff, e la parità uomo-donna diventa legge senza che la Ford chiuda lo stabilimento. Perché quel ricatto non funzionò allora, mentre è diventato tremendamente efficace oggi? Perché nel 1968 la globalizzazione era appena agli inizi. La Cina era comunista, come l Est europeo. Le frontiere tra il Nord e il Sud del mondo erano chiuse da barriere protezioniste. Perfino la Spagna non faceva ancora parte del mercato comune europeo. Le infrastrutture di trasporto e comunicazione non erano così sviluppate da rendere facile la delocalizzazione di intere produzioni. Insomma la Ford avrebbe faticato per trovare un luogo alternativo dove produrre a costi inferiori le autovetture e poi reimportarle sul mercato

5 inglese. La globalizzazione ha sconvolto i rapporti di forze, dando ai capitalisti infinite possibilità di ricatto. Poteva andare altrimenti? Non ho mai pensato che un alternativa progressista fosse il protezionismo. Grazie alla globalizzazione un miliardo di cinesi hanno ottenuto un miglioramento reale nelle loro condizioni di vita, centinaia di milioni di esseri umani nel mondo intero si sono affrancati dalla fame. Guardando Made in Daham, però, rivaluto un personaggio come Jacques Delors, il cattolico-socialista francese che fu presidente della Commissione europea, e teorizzava la necessità di una governance sociale della globalizzazione. La regìa di quel processo è stata dominata dagli interessi del grande capitale. Poteva andare altrimenti, se la sinistra e il movimento sindacale avessero partecipato alla scrittura delle regole del nuovo mondo. Oggi una speranza è che il prossimo Made in Daham avvenga in Cina. A giuare dalle lotte operaie che sono dilagate in tante fabbriche del Guangdong all inizio del, non è una speranza del tutto infondata. Indirizzo permanente del post 13 commenti» 22 Attenti al cartello dei metalli E in atto una corsa verso l oligopolio delle miniere mondiali. I prezzi record delle materie prime e dei metalli stanno provocando un ondata di fusioniacquisizioni, con la costruzione di un cartello globale dei big dell estrazione dalla Cina al Canada all Australia. Indirizzo permanente del post 2 commenti» 18 California: meno 15% le emissioni carboniche La California fa da sé contro il cambiamento climatico, vara una nuova normativa per ridurre del 15% le emissioni di CO2 entro il E di gran lunga più avanzata del resto degli Stati Uniti e mette la California di nuovo all avanguardia mondiale nelle leggi sull ambiente. E si insedia nella capitale Sacramento il nuovo governatore Jerry Brown (foto) che in passato fu uno dei pionieri della Green Economy. Indirizzo permanente del post 4 commenti» 17 Pugno duro contro le commissioni delle carte di credito E la Federal Reserve americana che va all attacco delle carte di credito: pesante offensiva su Visa e Mastercard per costringerle a ridurre del 90% le commissioni. Ieri i titoli delle due società hanno perso il 12% per le anticipazioni su questa mossa. E uno dei nuovi poteri che la riforma Obama ha dato alla banca centrale per tutelare i consumatori. Ma da naio la stessa Federal Reserve sarà sotto inchiesta permanente. E il futuro che attende la banca centrale americana visto che presidente della commissione parlamentare di vigilanza sulla politica monetaria diventerà Ron Paul, l ultrà neoliberista del Tea Party che in campagna elettorale parlava addirittura di abolire la Fed. L indipendenza di Ben Bernanke dalla politica sarà messa a dura prova, ogni suo gesto sarà oggetto di critiche e inchieste

6 parlamentari. Ma intanto Indirizzo permanente del post 2 commenti» 17 Usa: sotto l albero meno tasse per tutti! I mal di pancia della sinistra democratica non hanno impedito il sì finale della Camera alla maximanovra fiscale Obama-Bush. L etichetta scomoda si giustifica con il fatto che le legge contiene, fra l altro, la proroga di tutti gli sgravi fiscali che George Bush diede senza distinzione di reddito, quindi beneficiando anche gli straricchi. Come si è arrivati a questo? Inizialmente Obama si era battuto in coerenza con la sua posizione di sempre per escludere dalla proroga i redditi del 2,9% di contribuenti più benestanti: cioè sopra la soglia di dollari di reddito imponibile individuale o di dollari annui per nucleo familiare. Aveva provato a spostare la soglia anche più in alto, per colpire almeno i milionari e miliardari. I repubblicani si sono impuntati. Con un ricatto odioso: sgravi estesi a tutti, milionari e miliardari inclusi, oppure la destra avrebbe votato contro l estensione delle indennità di disoccupazione che in questo mese scadono per due milioni di disoccupati di lunga durata. Alla fine Obama ha optato per quello che la sinistra democratica considera una capitolazione indecente. Ha detto sì agli sgravi di Bush, inclusa un esenzione totale dalla tassa di successione per i patrimoni fino a 5 milioni, e sopra quella soglia la riduzione dell aliquota dal 55% al 35% (un bel risparmio sulla tassa di successione per diverse dinastie miliardarie come i Walton della Wal-Mart, come denunciato dai progressisti su Msnbc). Obama però porta a casa dei risultati importanti. Oltre all estensione dei sussidi di disoccupazione, nella manovra fiscale c è il calo immediato di due punti (dal 6 al 4%) degli oneri sociali prelevati dalla Social Security tramite ritenuta alla fonte sulle buste paga dei lavoratori dipendenti. Per un reddito da dollari annui vale circa dollari netti. In totale questa legge immette nell economia americana 900 miliardi di potere d acquisto in un biennio. E un secondo stimolo alla crescita, perfino più potente di quello varato in piena recessione con la manovra di spesa pubblica del naio 2009 (che fu di circa 800 miliardi). In quanto al realismo tattico di Obama, non fa una piega: il presidente è riuscito a strappare in extremis questo voto bipartisan finché è riunito il vecchio Congresso nella sessione pre-natalizia. A naio si insediano i nuovi deputati e senatori, usciti dalle elezioni del 2 novembre: i numeri saranno molto più favorevoli ai repubblicani, e qualsiasi compromesso negoziato a naio sarebbe stato probabilmente più sfavorevole. Alla fine il vero test di questa scelta sarà se nel riparte sul serio la crescita dell occupazione, finora mancata all appello. I primi sondaggi sull elettorato democratico anche sulla Msnbc, la tv più di sinistra inano che la base del suo partito è meno critica verso Obama di quanto lo siano gli opinionisti liberal. Infine si è aperta una contraddizione in seno al partito repubblicano. L ala oltranzista del Tea Party, e non solo quella, si presenta come la paladina del rigore di bilancio. Ma con questa legge ha ratificato un robusto aumento del deficit pubblico. Come lo spiegherà alla sua base? Indirizzo permanente del post 6 commenti» 16 Si è buoni anche senza Dio? Scandalo in Texas

7 Un milione di esseri umani sono buoni senza Dio. E lo slogan che appare sulle fiancate degli autobus di Fort Worth, Texas, pubblicità a pagamento finanziata da un ateo militante. Ma subito è scatta un aspra campagna delle Chiese locali, arrivando fino a promuovere il boicottaggio degli autobus municipali che portano quella scritta. Gli atei si sentono soli sotto Natale, commenta il promotore della campagna. Un audace, nel paese dove l ateismo è l unica religione davvero messa al bando. Indirizzo permanente del post 8 commenti» «Post precedenti Pagina successiva» naio: L M M G V S D « Categorie Afghanistan ambiente America e Cindia America economia BRIC California Cina economia Cina politica commercio estero consumatori Coree demografia destra Usa diritti umani Economia Usa energia finanza governance globale identità culturali immigrazione India India economia India politica industria informazione infrastrutture Iran istruzione lavoro sindacati letture materie prime New York Obama Olimpiadi Politica estera Usa politica partiti elezioni Usa

8 povertà previsioni e scenari Rampini risponde rapporti con America rapporti con Italia religione sanità Usa Senza Categoria storia strategia e armamenti Taiwan tecnologia terrorismo Tibet valute Gli Articoli Del Giornale Unitá d'italia, via alle celebrazioni Napolitano: "Rispettare la Costituzione" Giovani disoccupati al 28,9% Dato record dal 2004 Quagliarella è ko Stangata Felipe Melo "Congresso? Non so di cosa si parli" Veltroni replica alle voci sul Lingotto Il pm chiede l'ergastolo per Busco "Delitto con aggravante crudeltá" Blogroll WordPress.com WordPress.org >Gli altri blog Percentualmente di Rosaria Amato MediaTrek di Ernesto Assante Post Teatro di Anna Bandettini Bloooog! di Fabrizio Bocca Europe di Andrea Bonanni MotoriBlog di Vincenzo Borgomeo Politica Pop di Marco Bracconi Chiedimi Come di Massimo Bucchi Piccola Italia di Antonello Caporale Diritti e rovesci di Giampaolo Cadalanu Stato e Spettacolo di Filippo Ceccarelli Eco-Logica di Antonio Cianciullo Blog Trotter di Leonardo Coen Destinazioni di Dario Cresto-Dina Rimbalzi di Maurizio Crosetti Corazzata Potemkin di Paolo D'Agostini My Tube di Enrico Franceschini 2050 di Valerio Gualerzi Animal Mouse di Cristina Nadotti Controfagotto di Aldo Lastella Il non-senso della vita di Piergiorgio Odifreddi

9 Bookowski di Dario Olivero Noi&Voi di Guglielmo Pepe Estremo Occidente di Federico Rampini Wwwomen di Cinzia Sasso Orient-Tales di Fabio Scuto Fotocrazia di Michele Smargiassi PNR Presi nella rete di Riccardo Staglianò In un altro paese di Alexander Stille Scene Digitali di Vittorio Zambardino Tempo Reale il blog del direttore di Vittorio Zucconi Fai di Repubblica la tua homepage Mappa del sito Parole più cercate Redazione Scriveteci Servizio Clienti Aiuto Pubblicità Divisione La Repubblica Gruppo Editoriale L Espresso Spa - P.Iva Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di CIR SpA

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014. www.lorenapesaresi.eu

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014. www.lorenapesaresi.eu ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014 www.lorenapesaresi.eu Il PD nel PSE per l Europa Lavoro. Il PSE vuole una nuova politica industriale, la promozione di tecnologie verdi e tutele per i lavoratori; rilancio

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica Gianni Alioti Con un inquadramento particolare al settore auto ufficio internazionale Fim-Cisl e componente esecutivi Fem e Fism Milano 28 ottobre

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola aggiornamento al 30 gennaio 2015 Dieci punti di forza dell Italia, talvolta poco conosciuti, fotografati da Fondazione Symbola: 1) È uno dei cinque

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile!

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! Pagina 1 di 6 Search PENSIONI blog Europa Informazioni Notizie Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2014-08:24 RSS In Notizie Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! 29 marzo 2014-08:24

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D LA GLOBALIZZAZIONE Istituto Primario Primo Grado F.D Un mondo globalizzato La globalizzazione è un fenomeno che si estende a tutta la superficie terrestre o all intera umanità Essa offre grandi possibilità

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof.

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof. GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA Prof. Daniel Navas Vega 1 SCHEMA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI? LE CARATTERISTICHE DELLO

Dettagli

Rapporto dei presidenti

Rapporto dei presidenti Rapporto dei presidenti Nonostante le difficili condizioni quadro economiche, nel 2015 il Gruppo Migros ha ottenuto un fatturato pari a CHF 27.4 miliardi, con una crescita dello 0.1 %. Inoltre è riuscita

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Women of Tomorrow. Il carrello rosa. Milano, dicembre 2011

Women of Tomorrow. Il carrello rosa. Milano, dicembre 2011 Il carrello rosa Milano, dicembre 2011 La voce delle donne in 21 paesi 3.421 interviste nei PAESI SVILUPPATI U.S. Canada Italy D Germany France Sweden South Korea U.K. Spain Turkey Thailand Mexico Brazil

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

LA SCOZIA STA CAMBIANDO.

LA SCOZIA STA CAMBIANDO. LA SCOZIA STA CAMBIANDO. UN NUOVO INIZIO. Arrivano nuovi poteri al Parlamento scozzese. Questi nuovi poteri sono stati concordati e garantiti da tutti e cinque i principali partiti politici scozzesi. Faranno

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Scienze e Tecnologie Alimentari a Giovanni Ferrero

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Scienze e Tecnologie Alimentari a Giovanni Ferrero Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Scienze e Tecnologie Alimentari a Giovanni Ferrero Laudatio Prof. Giacomo Rizzolatti Parma, 24 ottobre 2015 1 Magnifico Rettore Autorità

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

Salario minimo: Argomentazioni tascabili

Salario minimo: Argomentazioni tascabili Salario minimo: Argomentazioni tascabili il 18 maggio 2014 Salari giusti: Il lavoro va pagato! Chiunque lavori in Svizzera deve poter vivere in modo decoroso del proprio salario. Perciò, 4000 franchi al

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

SYRIZA ED IL CONTROVERSO PROGRAMMA DELLA VITTORIA

SYRIZA ED IL CONTROVERSO PROGRAMMA DELLA VITTORIA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 867 SYRIZA ED IL CONTROVERSO PROGRAMMA 26 gennaio 2015 EXECUTIVE SUMMARY 2 Il trionfo

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che Premessa «Il denaro è un mezzo e non un ne» si insegnava una volta, quando la scuola primaria si chiamava ancora elementare: ma oggi ha un senso questa frase? Sembrerebbe di no, osservando il nostro maltrattato

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

Fiom Cgil Basilicata

Fiom Cgil Basilicata Osservatorio sull industria metalmeccanica Fiom Cgil Basilicata PRODUTTIVITA e PRODUZIONI FIAT SATA 1 Davide Bubbico (Università di Salerno) Giuseppe Cillis Osservatorio sull industria metalmeccanica (Fiom

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Catania, Boldrini: "Più Sud nell'agenda politica"

Catania, Boldrini: Più Sud nell'agenda politica Catania, Boldrini: "Più Sud nell'agenda politica" di Redazione Sicilia Journal - 10, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/catania-boldrini-piu-sud-nellagenda-politica/ di Graziella Nicolosi 1 / 5 CATANIA

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl Grazie a tutti Voi per essere qui dalle fabbriche del Legno, del Cemento, dei materiali

Dettagli

Quel buco nero chiamato fiscal cliff

Quel buco nero chiamato fiscal cliff Quel buco nero chiamato fiscal cliff Nell agenda del rieletto presidente Obama è sicuramente l argomento più importante da affrontare entro la fine dell anno. Il punto da cui dipenderà buona parte dell

Dettagli

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la Festa della donna. Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile tragedia, avvenuta l 8 Marzo 1908, a New York, negli Stati

Dettagli

In libreria a OTTObre

In libreria a OTTObre In libreria a OTTObre Massimo Bucchi, Italia povera Uscita: 4 ottobre Michael Moritz, Ritorno al piccolo regno Uscita: 4 ottobre Andrea Gentile, L impero familiare delle tenebre future Uscita: 11 ottobre

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

TALENTI SENZA CONFINI

TALENTI SENZA CONFINI TALENTI SENZA CONFINI Con la collaborazione dinova COME TRASFORMARE I PROBLEMI IN OPPORTUNITA VEDRO 2012 AGENDA Gli obiettivi e le regole del gioco Il problema Cosa si fa all estero e in Italia Possibili

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa»

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» Cosa fa il WFP Chi sono i beneficiari interviene nelle emergenze umanitarie le vittime di guerre e di disastri naturali promuove lo sviluppo

Dettagli

Top 10 delle marche in tutta la Svizzera 6.6% 6.2% 5.9% 5.9% 5.7% 5.6% 4.5% 4.0% 4.0% TOYOTA MERCEDES PEUGEOT 14% VOLVO FORD 10% 8.0% 7.

Top 10 delle marche in tutta la Svizzera 6.6% 6.2% 5.9% 5.9% 5.7% 5.6% 4.5% 4.0% 4.0% TOYOTA MERCEDES PEUGEOT 14% VOLVO FORD 10% 8.0% 7. Auto - una copertura assicurativa ottimale al miglior prezzo! Quali sono le marche e i modelli di auto più amati in Svizzera? Quali le differenze al volante tra uomini e donne? Tra Svizzeri romandi e Svizzeri

Dettagli

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Discorsi del Presidente della Fondazione Craxi Inaugurazione della Mostra "Tunisiaca" Tunisi, Museo Nazionale del Bardo, 19 gennaio 2004 Stefania Craxi Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Eccellenza,

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI Vicenç Navarro 13/01/2014 Se

Dettagli

Il rilancio parte da sinistra

Il rilancio parte da sinistra Il rilancio parte da sinistra Come fare ridere i poveri senza fare piangere i ricchi Luglio 2013 UNA CRISI CHE VIENE DA LONTANO La crisi economica e sociale del paese non nasce nel 2011, ne nel 2008. Ha

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli