Qt 5 Quanto Basta. La guida all'uso della libreria grafica Qt 5, in italiano. Gianbattista Gualeni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qt 5 Quanto Basta. La guida all'uso della libreria grafica Qt 5, in italiano. Gianbattista Gualeni"

Transcript

1

2 Qt 5 Quanto Basta La guida all'uso della libreria grafica Qt 5, in italiano Gianbattista Gualeni Volume 01: Da Hello World! ad una applicazione e oltre.

3 Copyright 2014 Gianbattista Gualeni Seconda Edizione, Maggio 2014 Tutti i diritti sono riservati. Ai sensi delle convenzioni internazionali sul diritto d'autore, senza il permesso scritto dell'autore, è vietata ogni riproduzione, anche parziale, del presente libro. Contenuto depositato presso gli organi competenti. ISBN: Per informazioni: web: Qt è un marchio registrato di Digia Plc e/o sue sussidiarie (http://qt.digia.com). I prodotti e i marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari.

4 Indice generale Prefazione...7 Glossario...8 Introduzione...9 Come nasce questo libro...9 Perché la scelta di Qt come libreria di sviluppo...10 Ubuntu ovvero la scelta della distribuzione Linux...11 Come finì la storia Prerequisiti: libreria, editor e compilatore Prima di iniziare La licenza duale Componenti del sistema Scaricare la libreria Qt Configurazione del sistema Linux Configurazione del sistema Windows Hello World! Creare il primo applicativo Analisi dei file che compongono il progetto Compilare il progetto Compilazione ed esecuzione di un applicativo QDebug: inserire un messaggio trace Altri file che possono far parte del progetto Rimuovere un file dal progetto Distribuire l'applicativo Distribuire un applicativo per Linux Distribuire un applicativo per Windows Un visualizzatore immagini con QGraphicsView Creare l'applicazione di base QAction e l'interazione con l'utente QGraphicsView per visualizzare le immagini Selezionare la cartella e caricare le immagini Completare le azioni per sfogliare le immagini Gestire lo zoom Risultato finale Completare il visualizzatore di immagini La versione dell'applicazione QSettings per salvare la configurazione QMessageBox::question() per chiedere conferma prima di chiudere Impostare il colore dello sfondo QStatusBar: informazioni sulla barra di stato Gestire l'attesa durante il caricamento delle immagini Finestra con le informazioni dell'immagine Distribuire Visualizzatore Immagini Creare una libreria con Qt Classificazione delle librerie Cap6ElaIm: creare una libreria statica D-pointer per fare una vera libreria Come si usa una libreria statica Creare una libreria dinamica Usare una libreria dinamica Controllare il contenuto di una libreria La compatibilità binaria Argomenti avanzati...196

5 7.1 Mostrare una gif animata durante l'attesa Formati immagine supportati Controllare la posizione del mouse tramite le frecce...218

6 Alla mia famiglia e a tutti gli amici che mi hanno so(u)pportato in questa fantastica avventura! Gianbattista 15 Gennaio 2014 It's my life, It's now or never, I ain't gonna live forever, I just want to live while I'm alive Bon Jovi

7 Prefazione Penso di essere stato il primo o forse, se non proprio il primo, tra i primissimi ad acquistare la prima edizione del libro Qt5 Quanto Basta di Gianbattista Gualeni. Quando mi è stato chiesto di scrivere la prefazione a questo libro, ho accettato con piacere, in quanto in diversi anni di attività (e di letture) mi è capitato raramente di incontrare un autore che con passione, talento e spirito di condivisione mette a disposizione di tutti quanto ha imparato autonomamente. Essere un buon software designer, oggi come sempre, richiede contemporaneamente una capacità creativa ed una padronanza delle tecniche e degli strumenti disponibili. Su questa base è possibile asserire che l ambiente di sviluppo Qt rappresenta una perfetta sintesi di ispirazione creativa e tecnica di programmazione. Fatta questa premessa è quindi intuibile comprendere l abilità dell autore che ha saputo trasmettere, con passione, la semplicità, la potenza e non ultimo l eleganza, del codice sorgente scritto impiegando questo toolkit. Le pagine di questo libro scorrono piacevolmente presentando una sequenza fitta di informazioni preziose per chi vuol scrivere buon codice sorgente multi-piattaforma. Esso è fondamentale per tutti coloro che si avvicinano a Qt per la prima volta, ma è anche utile a chi Qt lo conosce già; posso confermare infatti che, pur seguendo l evoluzione di questo toolkit sin dal lontano 2003, ho trovato nel libro informazioni utili, stimoli per migliorare e punti di vista interessanti. Lo stile impiegato dall autore mette il lettore a proprio agio fornendo con precisione, sin dalle battute iniziali, tutte le informazioni necessarie per poter mettere in pratica i concetti esposti; il lettore viene così accompagnato per mano nella realizzazione di applicazioni dalle GUI evolute ed allo stato dell arte. Termino quest introduzione del libro con, permettetemi, una nota di orgoglio in quanto finalmente, grazie a Gianbattista Gualeni, è disponibile un libro in lingua italiana sulle famose librerie Qt. Paolo Sereno, Torino, 20 Maggio 2014

8 Glossario In questa sezione cerchiamo di dare una rapida definizione ad alcuni termini o acronimi che verranno usati con una certa disinvoltura all'interno del testo. Bash: Bourne Again Shell è uno dei tanti programmi che comunicano con il sistema operativo usando la command line interface. In realtà in Ubuntu non si usa la bash ma un applicativo che si chiama Gterminal (dove la prima G sta per GNOME). In italiano viene spesso chiamata Terminale. Compilatore: lo scopo del compilatore è quello di convertire del codice scritto in un linguaggio ad alto livello, contenuto in un file di testo, in un file binario contente del codice Assembly, in modo che possa essere interpretato dal processore. DLL: ovvero Dynamic Link Library è un file che contiene parte del codice, organizzato come una libreria di funzioni o di risorse, che viene collegato all'eseguibile mentre è in esecuzione. GNOME: E' uno dei possibili desktop grafici usati nelle distribuzioni Linux. La versione di Ubuntu che uso si appoggia ad un desktop GNOME. GNU: è un progetto per lo sviluppo cooperativo di software libero, lanciato da Richard Stallman nel Oltre ad essere probabilmente la prima volta che si è formulato, con tanto di licenza e basi legali, il concetto di software libero, ha prodotto risultati notevoli, tra cui il compilatore GCC. GPL: GNU Pulic License, è un altro risultato eclatante del progetto GNU ed è la base del concetto di Open Source. Si tratta di una licenza che pur proteggendo il diritto d'autore di chi ha creato il codice, prevede la diffusione del codice sorgente dell'applicativo o della libreria, affinché chi riceve il lavoro possa, a patto di rispettare alcune condizioni, modificarlo, correggerlo, migliorarlo, senza richiedere un consenso esplicito dell'autore. LGPL: Lesser GNU Public License. Questa licenza sovviene a uno dei limiti più grandi della GPL, che impediva di usare codice Open Source all'interno di progetti che a loro volta non fossero Open Source. Linker: è un applicativo che prende il risultato del compilatore e lo impacchetta in un eseguibile. Linux: è un sistema operativo, simile a Unix, ma libero, sviluppato nei primi anni '90 da Linus Torvalds. Attualmente è molto molto popolare dato che viene usato in tutti i telefoni Android. La sua diffusione in ambiente Desktop invece non è mai riuscita a scalfire la supremazia di Windows. Plug-in: con questo termine si intendono delle librerie di funzioni che possono essere innestate in un applicativo al fine di espandere le sue funzionalità. Tecnicamente sono delle librerie a collegamento dinamico, con alcune funzionalità aggiuntive. SDK: software development kit, è una collezione di esempi, librerie software e documentazione, che assieme formano un Kit per lo sviluppo di applicazioni software. SO: ovvero Shared Object è l'estensione usata per identificare le librerie a caricamento dinamico nel mondo Linux. Ubuntu: si tratta di una distribuzione di Linux, basata su Debian e Gnome. Viene manutenuta e sviluppata principalmente da Canonical, che è una azienda fondata da Mark Shuttleworth, un giovane imprenditore sudafricano. Widget: si usa per indicare un elemento riusabile in una interfaccia grafica. Pulsanti, caselle di testo, barre di scorrimento, finestre per visualizzare immagini, sono tutti Widget. In alcune librerie sono chiamati anche Controlli.

9 Introduzione In questo breve capitolo, passeremo in rassegna, gli eventi che negli ultimi 5 anni, mi hanno portato a scegliere Qt come libreria per lo sviluppo delle mie applicazioni, sia per Linux che per Windows. Come nasce questo libro Nel 2008 mi occupavo di telecamere per applicazioni di visione industriale. Per intenderci, sono telecamere che controllano la conformità di una lavorazione meccanica o di un astuccio per medicinali. In queste applicazioni c'era sempre un pannello operatore che veniva usato per controllare la macchina o la linea di produzione. Dietro di esso c'era quasi sempre un computer industriale con un sistema operativo Windows 2000 o Windows XP. Sicuramente saprete che le applicazioni industriali hanno in genere un approccio molto conservativo, e che sono sistemi pensati per garantire la produttività della macchina o della linea per un minimo di 10 anni. Nel 2008 Windows 2000 era vicino ai 10 anni di vita, e non veniva più usato per i nuovi progetti, mentre Windows XP era considerato il sistema operativo ideale per i nuovi sviluppi, dato che aveva iniziato a diffondersi a partire dal Torniamo noi, il 2008 è l'anno del fallimento della banca Lehman Brothers, l'anno in cui la finanza anglosassone è scesa dalla cattedra e ci ha trascinato nella più grande crisi economica di sempre. Ma il 2008 è anche l'anno in cui ha cominciato a diffondersi Windows Vista e si è cominciato a capire che non sarebbe stato un sistema adatto per applicazioni industriali, per una serie di motivi, tra cui la necessità di processori più potenti, di schede grafiche aggiornate, di memoria RAM superiore a 1 GB e almeno 100 GB di spazio su disco. Queste erano richieste impegnative già per i sistemi desktop, figuratevi per i sistemi industriali, dove le CPU erano spesso depotenziate per poter funzionare senza ventole, la memoria RAM era quasi sempre da 256 MB (a volte da 512 MB), e il disco fisso veniva sostituito da una memoria flash da 4 GB con scrittura bloccata per aumentarne al massimo l'affidabilità. Installare Windows Vista significava passare a sistemi con ventola di raffreddamento. Ve lo immaginate cosa si sarebbe potuto formare dentro un PC, a causa della ventola, dopo dieci anni di funzionamento? Sareste riusciti ad accettare quel livello di sporcizia su una macchina dedita al confezionamento di farmaci? O su una linea di produzione di biscotti? Era chiaro a tutti che stava per arrivare un grosso problema. Nel momento in cui Microsoft avesse deciso di chiudere la vendita di Windows XP e Windows 2000, le opzioni erano due: o installare copie pirata o passare ad un altro sistema operativo, meno esoso nei requisiti, e più stabile nel tempo: Linux. Cavoli, Linux! Quando i clienti mi cominciarono a parlare di questi progetti, rimasi spiazzato. Avevo molti amici che lo conoscevano, lo usavano, ci smanettavano, ma io non ero mai andato oltre la simpatia per il sistema operativo creato da Linus Torvalds nel Al tempo avevo giusto provato ad installarlo su una macchina virtuale, ma poi, di fronte all'interfaccia a linea di comando, avevo lasciato perdere. E poi, si fa alla svelta a dire Linux, ma c'è il Kernel, c'è la distribuzione, c'è il file system, c'è il desktop, c'è la shell di comando, c'è il gestore dei pacchetti di installazione... A differenza di Windows, dove nel bene e nel male tutte queste opzioni sono già state valutate e tutte le scelte sono state fatte, quando ci si approccia al mondo Linux il numero di possibili combinazioni è così alto da

10 far spavento. Il risultato fu che coloro che non poterono passare ad un PC più potente a causa dei problemi con le ventole iniziarono a progettare la migrazione della loro applicazione verso Linux. Gli altri si misero in una sorta di limbo in attesa che Microsoft mandasse loro un segnale di speranza. A tal proposito si narra che Michael Dell in persona, il titolare di Dell Computers, partì da Austin, in Texas, in sella al suo cavallo nero, con cappello bianco a falda larga, il fucile Winchester e nella fondina una pistola Colt (forse sto un poco esagerando ) e arrivò fino a Redmond, nello stato di Washington, dopo 2150 miglia di viaggio. Suonò al campanello di Steve Ballmer, che al tempo era l'amministratore delegato di Microsoft, e lo implorò di permettergli di continuare a vendere PC con installato Windows XP. Alla fine trovarono un accordo e fu concesso a Dell, e poi a tutti gli altri costruttori di computer, di installare Windows Vista e Windows XP contemporaneamente, lasciando poi che il cliente decidesse, al primo avvio, quale dei due sistemi operativi usare. Il povero Steve Ballmer si arrese all'evidenza quando realizzò che il 99,9% dei clienti preferiva Windows XP. I miei clienti tirarono un sospiro di sollievo. Ma a questo punto vi chiederete: cosa c'entra questo con la libreria Qt? La risposta è semplice: queste sono le condizioni al contorno quando decisi di iniziare a studiare la libreria grafica Qt. Dovete sapere che al tempo io curavo lo sviluppo dell'sdk per le telecamere industriali. Per intenderci, l'sdk è una collezione di documenti, esempi, manuali, e librerie software che servono al cliente per collegare la telecamera alla sua applicazione. Per fare un SDK serve una buona conoscenza delle applicazioni, dei tool di sviluppo e del sistema operativo. Il nostro SDK non era eccezionale, ma si difendeva, solo che era pensato per funzionare solo con Windows XP. Sviluppare un nuovo SDK per Linux voleva dire studiare il sistema operativo, studiare i tool di sviluppo e studiare le applicazioni, il tutto per piattaforme a 32-bit o a 64-bit e probabilmente per più di una distribuzione. Capite che il problema non ammetteva una soluzione semplice. Più entravo nel mondo Linux e più mi rendevo conto della complessità di un SDK adatto. E fu a questo punto che inciampai nelle librerie multi-piattaforma e in Qt. In realtà la mia prima scelta fu WxWidget, dato che al tempo Qt non permetteva di sviluppare con la licenza LGPL, ovvero quella licenza che permette di rilasciare il proprio lavoro in forma chiusa, e in azienda non mi avrebbero autorizzato a rilasciare l'sdk in formato Open Source o GPL. La fortuna volle che nel 2008 Nokia acquistò l'azienda proprietaria di Qt e nel 2009 rilasciò la libreria in formato LGPL. A questo punto passai definitivamente a Qt. Perché la scelta di Qt come libreria di sviluppo L'ontologia di una libreria multi-piattaforma è che lo stesso codice sorgente possa essere convertito in un applicativo su più di un sistema operativo. Nel caso di Qt, è possibile scrivere un applicativo e compilarlo per Windows, per Linux, per Mac (da poco anche per iphone, ipad e dispositivi Android, ma questo potrebbe essere l'argomento di un prossimo libro). Questo era perfetto per le nostre esigenze. Una volta che tutto il nostro SDK fosse stato convertito in Qt, avremmo potuto manutenere un solo progetto e compilarlo sia per Windows che per Linux. Inoltre Qt era disponibile come LGPL, quindi anche i nostri clienti avrebbero potuto sviluppare i loro applicativi in Linux, senza investire 3/4000 in un ambiente di sviluppo. E anche per noi era fantastico, perché avremmo potuto fare delle demo o delle presentazioni ai clienti senza problemi di licenza. Inoltre, a seguito dell'acquisizione da parte di Nokia, venne posto grande impegno per rendere i tool di sviluppo più facili da usare. Furono create delle distribuzioni che a fianco della libreria contenevano anche Qt Creator e tutti gli applicativi di supporto (ad esempio per il multilingua). Per farla breve, anche per gli utenti Linux si poteva installare il tutto senza bisogno di aprire il terminale

11 e digitare: sudo apt-get install. Bastava scaricare un file da internet ed eseguirlo facendo doppio click. Ubuntu ovvero la scelta della distribuzione Linux Bene, dopo aver chiarito come è stata scelta la libreria Qt, vorrei spendere due parole su come sono finito ad usare la distribuzione Linux Ubuntu. Essendo digiuno in materia iniziai ad intervistare amici, clienti, e colleghi. Il responso fu unanime: la distribuzione più adatta, secondo loro, era Debian. Tutti mi indicarono quella come la distribuzione migliore per un uso professionale. Pertanto iniziai a studiare tutti gli aspetti, a scaricarmi e a masterizzare i cinque DVD necessari e a capire come avrei potuto installarla sul PC portatile che l'azienda mi aveva messo a disposizione, a fianco dell'installazione di Windows XP. Pertanto, nell'estate del 2008, durante le vacanze estive, a casa, con quaranta gradi all'ombra iniziai ad installare Debian. Non si trattava di un sacrificio straordinario, dato che non ho mai amato le vacanze di Agosto. Con tutta l'italia ferma, qualsiasi vacanza è molto più costosa e qualsiasi località troppo affollata per essere un'esperienza rilassante. Ma non pensavo nemmeno che diventasse una operazione tanto complicata da portarmi via tutta la vacanza. Tra l'altro, per la prima volta, la mia azienda mi obbligò a fare quattro settimane di ferie ad Agosto. Ebbene, dopo aver provato tre volte ad installare una distribuzione Debian (mi sembra si chiamasse Lenny), e non essere riuscito a far ripartire il portatile alla fine dell'installazione, disperato cominciai a cercare su internet una via di uscita. E fu in quel frangente che mi imbattei in Ubuntu. Fu una sorta di folgorazione, fu come vedere l'arcobaleno dopo essere stato nel bosco sotto un temporale che sembrava non finire mai. Nello slogan di Ubuntu: Linux per esseri umani colsi l'attenzione per il grido di dolore che si sollevava da tutti coloro che come me, avevano provato ad installare Linux e avevano rinunciato. Subito, mi comperai una chiavetta USB da 8 GB, su cui installai la distribuzione in formato Live, ovvero in modo che potesse funzionare senza installare alcunché sul computer, e iniziai ad usare Linux. Insomma, alla fine dell'estate del 2008 ero pronto per sviluppare un SDK multi piattaforma, usando Qt, Ubuntu e Windows XP. Come finì la storia Microsoft fece un passo indietro autorizzando i clienti al downgrade, ovvero a comperare Windows Vista e poi convertirlo in Windows XP, dando alle aziende altri cinque anni per adeguarsi, mentre dichiarava che il nuovo Windows 7, che venne rilasciato a fine 2009, avrebbe fatto tesoro delle critiche degli utenti. La crisi colpì duramente l'azienda per cui lavoravo e, dopo un primo tentativo di recupero nel 2010, nel 2011 arrivò il cosiddetto double deep, vale a dire la seconda recessione, e alla fine del 2011, mi ritrovai in cassa integrazione. Nel 2012 cambiai lavoro e passai a fare altro. Alla fine l'azienda per cui lavoravo non sviluppò l'sdk multi-piattaforma. Nel frattempo la distribuzione Ubuntu perse la sua spinta dirompente e non divenne mai un sistema operativo in grado di impensierire Windows, mentre nel mondo Linux la distribuzione Linux Mint, a partire dal 2011, la soppiantò in termini di popolarità (stando alle statistiche pubblicate dal sito anche se l'argomento è fonte di accesissime discussioni in cui non voglio entrare).

12 Anche Nokia, che era proprietaria della libreria Qt, non se la passò bene. L'arrivo di Apple nel mercato della telefonia, con il suo iphone e le sue app, la colse impreparata, o forse addormentata sugli allori della sua mostruosa quota di mercato. Quando poi all'orizzonte comparve Android, Nokia cercò di reagire rimpiazzando il suo sistema operativo Simbian, che ormai era troppo vecchio, con MeeGo, ma era troppo tardi. Gli sviluppatori deridevano Nokia giocando sul nome MeeGo e chiamandolo Mee Gone, per indicare qualcosa del tipo: io, me ne sono andato. Alla fine, nel 2010, Nokia annunciò un accordo con Microsoft, in base al quale la nuova linea di telefoni Lumia presto avrebbe avuto come sistema operativo Windows Phone 8. A quel punto era chiaro a tutti gli sviluppatori e gli appassionati che come me usavano Qt, che la libreria non era più un prodotto strategico per Nokia. Poteva finire male, con Qt relegato al rango di prodotto morente, con pochi nuovi sviluppi, qualche rilascio di manutenzione, portato avanti da sviluppatori demotivati. Sembrava abbastanza improbabile che la tanto annunciata versione 5.0, che stava accumulando quasi un anno di ritardo, potesse mai vedere la luce. Invece non finì così! Nel 2012 Qt venne venduto a Digia e moltissimi sviluppatori lasciarono Nokia. Iniziò un pesantissimo lavoro di migrazione di tutta la documentazione e di tutti i server verso il nuovo dominio (qt.digia.com). Il 19 Dicembre 2012 la versione 5.0 venne finalmente rilasciata.

13 1 Prerequisiti: libreria, editor e compilatore In questo capitolo vedremo quali sono gli elementi essenziali, dove reperirli e come installarli. Per essere sicuri del risultato finale, il tutto verrà provato sia per Linux che Windows. Inoltre verranno descritte le differenze tra licenza commerciale e licenza LGPL. 1.1 Prima di iniziare Questo libro vuole essere una guida che, attraversando i componenti principali della libreria, vi renderà in grado di sviluppare applicazioni e librerie con Qt, sia per Windows che per Linux. Gli esempi non verranno testati con un Mac, ma data l'attenzione posta da Digia per la qualità della libreria, dato che Mac Os ha un kernel molto simile a Linux e dato che verificheremo direttamente come la stessa applicazione possa essere compilata sia per Linux che per Windows, non ho alcun dubbio sul fatto che il libro sia adatto anche per utenti Mac. Detto questo, abbiate pazienza se gli esempi di codice e le schermate sono state fatte principalmente usando Qt in Ubuntu. Non voglio fare evangelizzazione a favore di Ubuntu, ma trovo molto più comodo lavorare in Linux che in Windows 7. Il vantaggio principale è la velocità di avvio del sistema. Ho degli amici che accendono il computer la mattina, vanno a fare colazione, e poi lo lasciano acceso tutto il giorno. Non è il mio caso. Il mio nuovo portatile, pur essendo scarsino come processore, grazie a Ubuntu e ad un disco allo stato solido fa il boot in soli 16 secondi. Se mi servono dei test con Windows 7, posso usare una macchina virtuale, riavviarla in pochi secondi e ricongelarla. Addirittura a volte ho l'impressione che Windows 7 giri meglio in una macchina virtuale lanciata da Linux, che non nel caso nativo. 1.2 La licenza duale Uno degli aspetti fondamentali di Qt è la disponibilità di una forma duale di licenza, ovvero di una commerciale e di una Open Source LGPL. La licenza commerciale, che è a tutti gli effetti una licenza di sviluppo, prevede l'acquisto della libreria, esattamente come si fa con Microsoft Visual Studio, e nessun'altra spesa per rilasciare le applicazioni. Questa è obbligatoria nel caso di applicazioni embedded o nel caso in cui si voglia rilasciare un'applicazione in forma monolitica, ovvero senza mostrare la presenza della libreria Qt. Inoltre comprende il supporto tecnico da parte di Digia. La licenza LGPL non prevede alcun supporto e alcuna garanzia, e nemmeno un costo. Nel caso in cui ci si avvalga della licenza Open Source, è possibile usare la libreria per fare qualsiasi cosa, compreso la creazione di applicativi con codice sorgente chiuso e commercializzarli a patto che: Sia ben chiaro all'utente finale, tramite l'uso del logo di Qt, che si sta utilizzando la libreria. Le DLL (Dynamic Link Libraries) o gli SO (Shared Objects) siano visibili e sostituibili dall'utente, che in questo modo mantiene il diritto di poter modificare il codice, relativamente alla parte di libreria Qt. In entrambi i casi le librerie sono identiche, identica la qualità dei test che vengono fatti e identici i tool che fanno parte della libreria. Cambia solo quanto si spende e che cosa si può fare o

14 non fare con la libreria. Concludendo, possiamo dire che la licenza LGPL è perfetta per lo studio della libreria, o per fare piccole applicazioni. Per le aziende che sviluppano prodotti basati su Qt è più adatta la versione commerciale in quanto possono accedere a vari livelli di supporto, richiedere corsi di formazione, etc. Se poi l'applicazione è destinata ad alcuni settori specifici, come il biomedicale, l'uso di software open source non è ammesso per motivi di sicurezza. Ve lo immaginate un infermiere che cambia una DLL in un apparato per la dialisi? In questi casi la licenza commerciale è l'unica opzione. Prima che nel 2009 venisse introdotta la licenza LGPL, era possibile solo lo sviluppo di applicazioni Open Source, cioè il codice dell'applicazione doveva essere distribuito, aperto e modificabile, dall'utente. 1.3 Componenti del sistema Per sviluppare con Qt servono tre componenti base: la libreria Qt, Qt Creator e un compilatore. La libreria è la parte più corposa e nel caso di Linux occupa circa 500 MB di disco fisso, distribuiti in file. Contiene: gli SO ( Shared Objects ) o le DLL ( Dynamic Link Libraries ) nel caso di Windows, gli header file (ovvero i file.h, per intenderci) che descrivono il contenuto delle librerie, gli esempi e tutta la documentazione necessaria. Per dare un'idea della complessità, basti pensare che la cartella della documentazione contiene più di file e occupa circa 250 MB. Qt Creator è l'applicativo che si usa per creare un progetto, scrivere il codice, interrogare la documentazione, costruire l'interfaccia utente, invocare il compilatore per generare l'eseguibile, ed eseguire il proprio applicativo in modalità debug. Il compilatore è l'unica parte esterna a Qt. Nel caso Linux si usa il GNU C++ Compiler, detto anche g++; nel caso di Windows tipicamente si usa sia il compilatore di Visual Studio che MinGW. Se avete provato a sviluppare con Microsoft Visual Studio, questa architettura basata su tre elementi vi suonerà strana, ma è solo perché l'ambiente di programmazione nasconde la struttura. In realtà il framework.net è la libreria, Visual Studio equivale a Qt Creator e il compilatore si chiama cl.exe e si trova nella cartella Visual Studio\VC\bin. A questo punto siamo pronti per scaricare la libreria da Internet. 1.4 Scaricare la libreria Qt La libreria usata per la stesura del libro è la versione 5.0.2, rilasciata il 10 Aprile Utilizzare esattamente questa versione di libreria è essenziale perché tutti gli esempi funzionino al 100% e non ci siano intoppi. Naturalmente non mi aspetto dei cambiamenti straordinari passando a versioni successive, ma per il momento il consiglio è: Usate la 5.0.2! La prima operazione da fare è andare sul sito qt.digia.com, cercare il link a qt-proiect.org, aprire la pagina, cercare download e arrivare alla pagina con i link delle varie distribuzioni.

15 Fig. 1.1: Cercare la sezione Qt Project A questo punto vi verrà proposta la versione corrente della libreria, che non sarà più la 5.0.2, ma probabilmente una molto più avanzata. Cercate la sezione Older Versions e passate all'archivio. Fig. 1.2: Cercare la sezione relativa alle versioni precedenti Una volta entrati nell'archivio si deve aprire la pagina relativa alla versione 5.0 Fig. 1.3: Cercare la cartella relativa alla versione 5.0 Poi selezionare la cartella relativa alla versione 5.0.2

16 Fig. 1.4: Selezionare la cartella E per finire, selezionare il file più adatto alla piattaforma che stiamo usando. Fig. 1.5: Selezionare il pacchetto adatto alla piattaforma e alla configurazione in uso 1.5 Configurazione del sistema Linux In questo paragrafo verranno illustrati tutti i passi necessari ad installare libreria, compilatore, e ambiente di sviluppo, fino a creare una prima applicazione per verificare che l'installazione sia corretta. La distribuzione Linux usata durante la revisione finale del libro è Ubuntu Quantal Quetzal a 64-bit. La libreria installata è la versione a 64-bit, rilasciata il 10 Aprile 2013, mentre il compilatore usato è g++, versione Per quanto riguarda Qt Creator, si è optato per la versione resa pubblica il 21 Marzo Ricordate che per scaricare il tutto e poterlo installare servono circa 2 GB di spazio libero sulla partizione di sistema (root) Installazione del compilatore

17 Il compilatore da usare è GNU C++ Compiler, conosciuto anche come g++. Lo si può installare usando il comando: sudo apt-get install g++ Oppure, se come me siete un poco pigri, non vi ricordate la sintassi esatta o semplicemente preferite l'interfaccia grafica, potete usare Ubuntu Software Center, cercare g++ nella lista dei programmi e controllare che non sia già installato, cosa altamente probabile, altrimenti installarlo. Attenzione a non fare confusione tra gcc che è il compilatore C e g++ che è il compilatore C++. Fig. 1.6: Installazione del compilatore C++ in Linux Fig. 1.7: Compilatore C++ Installato Oltre al compilatore, sono necessarie anche le librerie OpenGL. Per installarle stavolta l'unica opzione è il terminale di comando, dove per installare libgl-dev e libglu-dev dobbiamo digitare: sudo apt-get install libgl-dev libglu-dev Installazione della libreria Qt Supponendo di avere già un computer con Ubuntu e un browser, e aver seguito le istruzioni del paragrafo 1.4 su dove trovare la libreria, scarichiamo il file qt-linux-opensource x86_64-offline.run

18 Fig. 1.8: File da scaricare per Linux a 64 Bit Dato che questa versione contiene anche Qt Creator 2.7.0, non serve altro. Recuperiamo il file qt-linux-opensource x86_64-offline.run dalla cartella in cui è stato scaricato e facendo click con il tasto destro rendiamolo eseguibile cliccando sul flag Consentire l'esecuzione del file come programma. Fig. 1.9: Rendere l'installer eseguibile Ora facendo doppio click sul file inizia l'installazione. Impostare il flag Esecuzione equivale ad usare il comando change mode tramite il terminale. Personalmente lo trovo più facile da ricordare che non digitare la sequenza: chmod u+x qt-linux-opensource x86_64-offline.run

19 Fig. 1.10: Schermata iniziale dell'installazione di Qt su Linux Fig. 1.11: Schermata finale dell'installazione di Qt su Linux Verificare che l'installazione sia completa Alla fine del processo di installazione aprite Qt Creator; per controllare che tutto funzioni è sufficiente selezionare File, New File or Project e, nella finestra di dialogo che appare, nella prima colonna selezionate Applications, nella seconda colonna Qt Gui Application, e premete il pulsante Choose. Procedete inserendo il nome dell'applicazione che volete creare, ad esempio TestInstallazione, ed impostate la cartella di lavoro. Premete Next quando appare la schermata relativa alla sezione del kit di compilazione, selezionate Next alla schermata Class Information, e poi Finish nella schermata Project Management. In pochi secondi ci si ritrova in Qt Creator con il progetto creato, pronto per essere compilato ed eseguito.

20 Fig. 1.12: Creare un'applicazione per testare l'installazione Fig. 1.13: Impostare nome progetto e cartella Fig. 1.14: Selezione della configurazione di compilazione

21 Fig. 1.15: Generazione della classe principale Fig. 1.16: Impostazione del controllo di gestione Per verificare che l'applicativo si possa compilare ed eseguire, selezionate il menù Build, Run (o premere Ctrl+R). Se tutto funziona, vedrete comparire una finestra vuota che si chiama MainWindow.

22 Fig 1.17: Finestra vuota per l'applicazione di test in Linux 1.6 Configurazione del sistema Windows In questo paragrafo verranno illustrati tutti i passi necessari ad installare la libreria e il compilatore Visual Studio 2012 Express, fino a creare una prima applicazione per verificare che l'installazione sia corretta. Visual Studio Express è la versione prova per 30 gg del blasonato Visual Studio ed è disponibile sul sito di Microsoft. Passati i 30 gg è possibile registrarsi sul sito di Microsoft ed estendere gratuitamente e senza limiti la licenza. Questa formula vale per tutte le versioni di Visual Studio, compresa la versione L'installazione richiede circa 5 GB per Visual Studio e circa 1.6 GB per la libreria Qt. La libreria viene distribuita nella versione compilata con: MinGW, Visual Studio 2010 a 32-bit, Visual Studio 2012 a 64-bit. Dato che il mio sistema operativo è Windows 7 a 64-bit, sarebbe uno spreco installare una libreria compilata a 32-bit, pertanto ho scelto di lavorare con Visual Studio Express E poi personalmente credo che la piattaforma a 32-bit vada archiviata come un retaggio del secolo scorso, dato che sono passati ormai più di 10 anni dal rilascio del primo processore AMD a 64-bit. Ormai tutti i processori in commercio sono in grado di funzionare a 64-bit e, poveretti, molti di loro si ritrovano a vivere una vita non loro, limitata, a 32-bit, mentre potrebbero girare a 64-bit. I loro sistemi operativi non li valorizzano. Spesso sui computer portatili viene installato Windows 7 a 32-bit, perché in questo modo il processore consuma meno e la batteria dura di più. Non ho esperienze dirette di Windows 8, ma voglio dire basta, voglio ascoltare la frustrazione del mio Core i5 e liberare la sua potenza, permettendogli di lavorare a 64-bit, consentendogli di indirizzare file più grandi di 4 GB e memorie RAM superiori a 4 GB. Per inciso, l'architettura a 64-bit attuale si chiama AMD64 a seguito del prevalere della soluzione AMD sulla soluzione Intel, che era stata denominata IA64 e venne implementata per la prima volta con il processore Itanium nel Il passaggio alla nuova architettura fu ritenuto troppo oneroso dal mercato e fu preferita l'architettura AMD, i cui primi processori vennero rilasciati nel 2003 (Athlon 64 e Opteron 64). Abbastanza rapidamente, nel 2004, Intel inserì nei suoi processori le estensioni EM64T e rese le famiglie Xeon (processori per server) e Pentium 4 (processori per desktop) compatibili con i sistemi operativi a 64-bit. La prima versione di Windows

23 XP a 64-bit venne pubblicata nell'aprile La versione di Windows usata durante la revisione finale del libro è Windows 7 64-bit. La libreria installata è la versione a 64-bit, rilasciata il 10 Aprile 2013, mentre il compilatore usato è Visual Studio 2012, che è in grado di compilare sia a 32-bit che a 64-bit. Per quanto riguarda Qt Creator, si è optato per la versione resa pubblica il 21 Marzo 2013 e distribuita con la libreria Installazione di Visual Studio Express 2012 La prima cosa da fare è scaricare Visual Studio 2012 Express andando sul sito di Microsoft e selezionando Visual Studio Express A questo punto si passa ad una pagina che chiede quale versione di Visual Studio si vuole installare. Selezionare la versione per Windows Desktop. Cliccando sull'immagine del CD è possibile scaricare un file in formato ISO che contiene l'installazione. Fig. 1.18: Selezionare l'immagine del CD per scaricare il file ISO con l'installazione di Visual Studio Express 2012 Il file, una volta scaricato si chiama VS2012_WDX_ITA.iso ed ha una dimensione di 622 MB. Per poterlo usare lo si deve masterizzare su un CD, oppure montare come CD virtuale usando un apposito programma. Nella mia installazione ho utilizzato il programma free-ware Virtual Clone Drive, prodotto da slysoft (www.slysoft.com). Dopo aver installato Virtual Clone Drive, basta fare doppio click sul file VS2012_WDX_ITA.iso e nella schermata che appare selezionare Open folder to view files. A questo punto, doppio click su wdexpress_full e l'installazione inizia.

24 Fig. 1.19: Apertura del file VS2012_WDX_ITA.iso Fig. 1.20: Programma di installazione di Visual Studio 2012 Express Dopo qualche secondo, credo dovuto alla macchina virtuale del framework.net, comparirà una schermata in cui si devono accettare tutte le condizioni di licenza chieste da Microsoft e poi far partire l'installazione vera e propria premendo INSTALLA. Preparatevi al fatto che l'operazione non sarà veloce. Solo per far uscire la finestra iniziale ci vogliono 25 secondi, figuratevi quanti minuti servono per installare il tutto. Ascoltate il mio consiglio, portate fuori il cane a fare i suoi bisogni, bevetevi un caffè al bar, leggetevi la Gazzetta e quando tornate l'installazione potrebbe essere finita. Non pensate di poter usare il computer nel frattempo. Nonostante i 4 processori siano assolutamente disoccupati, il computer è comunque inutilizzabile.

25 Fig. 1.21: Schermata iniziale dell'installazione di Visual Studio 2012 Express

26 Fig. 1.22: Installazione di Visual Studio 2012 Express in corso Installazione della libreria Qt Se avete seguito le istruzioni del paragrafo 1.4 su come scaricare la libreria, ora non resta che scaricare il file: qt-windows-opensource msvc2012_64-x64-offline.exe Dato che questa versione contiene anche la versione di Qt Creator, non è necessario scaricare a parte Qt Creator. Fig. 1.23: File da scaricare per Windows Fare doppio click sul file qt-windows-opensource msvc2012_64-x64-offline.exe appena scaricato e seguire la procedura di installazione. Premere Next nella schermata iniziale, premere Next nella schermata che permette di selezionare la cartella di destinazione dell'installazione e premere Next nella schermata che permette di selezionare quali componenti installare. A questo punto basta attendere pochi minuti e l'installazione è completa.

27 Fig. 1.24: Schermata iniziale dell'installazione in Windows 7 Fig. 1.25: Selezione della cartella di destinazione in Windows 7

28 Fig. 1.26: Selezione dei componenti da installare Fig. 1.27: Installazione in corso

29 Fig. 1.28: Installazione completata Controllare che il tutto funzioni Dato che prima è stato installato il compilatore e poi la libreria Qt, tutte le operazioni di configurazione del sistema sono già state fatte e non dovrebbero esserci problemi. Verificarlo è molto semplice, basta aprire Qt Creator, cercando nell'elenco dei programmi di Windows la cartella Qt Una volta aperto il programma selezionare la voce di menu File, New File or Project e nella finestra di dialogo che appare, nella prima colonna selezionare Applications, nella seconda colonna selezionare Qt Gui Application, e premere il pulsante Choose. Procedere inserendo il nome dell'applicazione, ad esempio TestInstallazioneW7, ed impostando la cartella di lavoro. Premere Next quando appare la schermata relativa alla sezione del kit di compilazione, premere Next alla schermata Class Information, premere Finish quando chiede di selezionare un controllo di versione nella schermata Project Management. In pochi secondi ci si ritrova in Qt Creator con il progetto completato, pronto per essere compilato ed eseguito. Fig. 1.29: Posizione di Qt Creator

30 Fig. 1.30: Creare una nuova applicazione Fig. 1.31: Impostazione nome progetto e cartella di lavoro

31 Fig. 1.32: Impostazione del kit di compilazione Fig. 1.33: Definizione della classe principale del progetto

32 Fig. 1.34: Selezione del controllo di versione Fig. 1.35: Il progetto di prova viene visualizzato in Qt Creator Non resta altro che verificare che l'applicativo si possa compilare ed eseguire. Selezionare il menù Build, Run (o premere Ctrl+R) e se tutto funziona vedrete comparire una finestra vuota che si chiama MainWindow

33 Fig. 1.36: Ecco come appare la form principale in Windows 7

34 2 Hello World! Creare il primo applicativo In questo capitolo vedremo gli elementi necessari a creare il classico Hello World! Prestate molta attenzione, perché si deve mettere il punto esclamativo alla fine, altrimenti non è un Hello World! valido. Questa, sarà anche l'occasione per vedere bene, quali sono i componenti di un progetto, e quali fasi si devono attraversare per passare dal codice, all'eseguibile. 2.1 Analisi dei file che compongono il progetto Per capire dove si deve agire per creare il messaggio Hello World! è bene fare una disamina dettagliata di come viene costruito il progetto e di quale ruolo svolge ogni singolo file. Conoscere bene questi aspetti non è fondamentale fino a quando ci si imbatte nella classica situazione del non ho cambiato niente eppure non va più un tubo!. Tenete presente questo paragrafo, qualora vi trovaste in una situazione simile. Si prende come riferimento il progetto TestInstallazione appena creato nel capitolo precedente, partendo dal modello Qt GUI Application File di progetto Il file principale che descrive il progetto è TestInstallazione.pro e si tratta di un file di testo che contiene essenzialmente quattro sezioni: l'elenco dei moduli da includere, il modello da usare, il nome dell'eseguibile che verrà creato, l'elenco dei file che compongono il progetto. Fig. 2.1: Qt Creator e il file principale del progetto L'elenco dei moduli da includere serve per collegare al progetto solo una selezione dei e più file che compongono la libreria. In particolare, la divisione in moduli è una delle maggiori

35 migliorie introdotte nella versione 5.0. Inoltre, guardando i moduli che vengono inclusi è possibile sapere quali saranno i file.so o le.dll da distribuire con la propria applicazione. Nel nostro esempio abbiamo tre moduli: core, gui e widgets. QT += core gui greaterthan(qt_major_version, 4): QT += widgets Si noti come il modulo widgets venga incluso solo nel caso in cui la versione della libreria sia superiore a Qt4, questo perché la separazione delle widgets dalla gui è avvenuta con Qt5. Questa sintassi mostra che il file del progetto è a sua volta un linguaggio di scripting con macro e funzioni. Le librerie corrispondenti, nel caso di un sistema operativo Linux sono: libqt5gui.so, libqt5widgets.so e si trovano nella cartella libqt5core.so, Qt5.0.2/5.0.2/gcc_64. Nel caso di sistema operativo Windows le DLL si chiamano: Qt5Core.dll, Qt5Gui.dll, Qt5Widgets.dll e si trovano nella cartella c:\qt\qt5.0.2\5.0.2\msvc2012_64\bin\ I moduli di cui è composta la libreria sono elencati nell'help, alla voce All Modules. Quelli che verranno utilizzati nel libro sono: Qt Core Raccolta delle classi non grafiche usate dagli altri moduli. Qt GUI E' la classe base per l'interfaccia grafica e comprende anche OpenGL. Qt Multimedia E' la collezione delle classi per gestire i flussi audio, video e le applicazioni radio o le telecamere. Qt Network Raccolta delle classi per rendere la programmazione della comunicazione di rete più facile e portabile nelle varie piattaforme. Qt SQL Classi per la comunicazione con i database usando il linguaggio SQL. Qt Widgets Classi che estendono il modulo Qt GUI con le Widgets C++. Qt WebKitWidgets Classi per la gestione e la visualizzazione di pagine Web La sezione successiva, TARGET specifica il nome del file che verrà generato. Il valore di default è il nome del progetto, ma potrebbe essere diverso. TARGET = TestInstallazione Nella sezione TEMPLATE si specifica il tipo di file che verrà generato. I tipici modelli per la generazione del codice sono due: applicazione e libreria. Nel caso applicazione il risultato della compilazione sarà un file eseguibile, nel caso della libreria sarà un file DLL o SO. Nel nostro caso si tratta di una applicazione. TEMPLATE = app

36 L'ultima parte del file di progetto elenca i nomi dei file che compongono il progetto, raggruppati per tipologia: SOURCES per i file con il codice C++, HEADERS per file di intestazione, in genere con estensione *.h e FORMS per file di definizione dell'interfaccia grafica, con estensione *.ui. SOURCES += main.cpp\ mainwindow.cpp HEADERS += mainwindow.h FORMS += mainwindow.ui File di configurazione A fianco del file di progetto viene creato in automatico il file TestInstallazione.pro.user. Questo file contiene l'elenco dei file aperti e viene usato per ripristinare la sessione quando si riapre il progetto in Qt Creator, oltre alla definizione dei kit di compilazione. Se si cancella questo file, nel momento in cui il progetto viene riaperto, si apre immediatamente la pagina per la configurazione del progetto e la selezione del kit di compilazione. E' bene tener presente che questo è l'unico file che è obbligatorio cambiare, quando per esempio si passa da Linux a Windows. La cosa più semplice è copiare tutto il codice nel nuovo sistema operativo, cancellare il file.user e lasciare che Qt Creator ne crei uno adatto. Fig. 2.2: Impostazione del progetto e delle configurazioni di compilazione File che contengono il codice Sono i classici file *.cpp e *.h che in questo caso si chiamano: main.cpp, mainwindow.cpp e mainwindow.h. Apriamo il file main.cpp facendo doppio click sull'albero con tutti i file del progetto. La prima cosa che si nota è che è estremamente sintetico e contemporaneamente chiaro.

37 Fig. 2.3: Contenuto del file main.cpp Nella lista delle inclusioni troviamo mainwindow.h che è l'intestazione relativa alla classe della finestra di dialogo principale, seguita da <QApplication> che invece raccoglie le definizioni collegate alla classe QApplication. Fondamentalmente la funzione principale (main appunto) non fa altro che creare un oggetto QApplication, un oggetto MainWindow e visualizzarlo. Per ultima cosa entra nel ciclo di gestione degli eventi dell'oggetto QApplication, da cui uscirà solo quando l'applicativo verrà chiuso File che definiscono l'interfaccia grafica La finestra di dialogo (MainWindow) visibile nell'esempio è definita dal file mainwindow.ui. Si tratta di un file XML che descrive il contenuto della finestra. E' possibile editarlo a mano con un editor di testo, oppure lo si può molto più comodamente editare in modo grafico da Qt Creator, facendo doppio click sul file, nell'albero del progetto. Il risultato è una schermata in cui compare l'editor delle finestre, con a sinistra l'elenco degli oggetti grafici, che vengono chiamati Widget e al centro la nostra finestra di dialogo, detta form. Per trasformarla nel classico Hello World! basta inserire un Widget di tipo QLabel al centro della finestra di dialogo e cambiare il testo in esso contenuto semplicemente facendo doppio click sulla QLabel. Già che ci siamo, possiamo anche rimpicciolire la finestra di dialogo usando i punti di controllo quadrati (blu) presenti sul bordo della scheda. Per finire possiamo anche impostare un titolo per la finestra di dialogo, ad esempio Test Installazione, selezionando la finestra di dialogo principale ed impostando la proprietà windowtitle. Fig. 2.4: Modificare graficamente la finestra di dialogo

38 Fig. 2.5: Impostare il titolo della finestra di dialogo File di risorse Un menzione speciale va poi fatta per i file che contengono le risorse, come per esempio le icone, le traduzioni nelle varie lingue, le immagini da inserire nell'applicazione. Queste vengono inserite nel progetto tramite un file che ha estensione.qrc. Aggiungiamo al nostro progetto un file di risorse ed usiamolo per impostare l'icona dell'applicazione. Per la creazione del file si usa il menù File, New File or Project, e quando si apre la finestra di dialogo per creare un nuovo file, nella colonna di sinistra si deve selezionare la riga Qt, e nella parte centrale Qt Resource file. Premere Choose e passare alla impostazione del percorso. Naturalmente la posizione di default è il percorso base del progetto, supponiamo di chiamare il nuovo file RisorseProgetto.qrc. Premere Next per passare all'impostazione del controllo di versione, premere Finish per completare la creazione. Fig. 2.6: Creazione di un nuovo file di risorse

39 Fig. 2.7: Impostazione del nome del file di risorse Il nuovo file sarà visibile nell'albero del progetto, nella sezione Resources, mentre nel file TestInstallazione.pro comparirà una nuova sezione che si chiama RESOURCES. RESOURCES += \ RisorseProgetto.qrc A questo punto cerchiamo da qualche parte un'immagine abbastanza piccola da essere usata come icona, ad esempio usando un motore di ricerca e selezionando la prima immagine 32x32 che è adatta al nostro programma. Nel mio caso ho trovato configuration32.png. Salviamo l'immagine nella cartella del progetto e apriamo il file delle risorse con un doppio click. Le risorse vanno organizzate come se fossero archiviate su un disco, pertanto oltre al nome del file si deve mettere un prefisso che funge da percorso per trovare la risorsa. Va fatto notare che il file delle risorse si limita a collezionare dei riferimenti a dei file che si trovano poi nella cartella del progetto. Non vi è alcuna incorporazione di file all'interno di RisorseProgetto.qrc. Per inserire un'immagine nel file delle risorse, cliccare sul pulsante Add che si trova nella parte bassa di Qt Creator e selezionare Add Prefix. Dato che si tratta di un'icona, è ragionevole chiamare il prefisso con /icon. Per accedere alla risorsa dall'interno del progetto basta aprirla come fosse un file, con un percorso speciale che inizia con :. Ma non serve ricordare questa sintassi, basta fare click con il tasto destro sulla nostra icona e selezionare: Copy Resource Path to Clipboard e poi inserire il testo nel codice. Il testo memorizzato nella clipboard è il seguente: :/icon/configuration32.png Fig. 2.8: Inserire l'icona della applicazione nel file delle risorse

40 Per usare l'immagine, configuration32.png come icona della nostra applicazione, basta aprire il file mainwindow.ui, selezionare tutta la finestra e nella tabella delle proprietà della finestra di dialogo cercare la sezione QWidgets e la proprietà windowicon. Cliccare sulla freccia verso il basso e selezionare Choose Resource. A questo punto si apre un pop-up con l'elenco delle risorse. Selezionare l'icona appena inserita e premere OK. Fig. 2.9: Impostazione dell'icona della form principale Fig. 2.10: Selezione delle icone presenti nel file delle risorse Il passo successivo è quello di impostare la dimensione dell'icona, cercando la voce iconsize all'interno della sezione QMainWindow. Il valore di default è 24 x 24, nel nostro caso lo si deve portare a 32 x 32 pixel, dato che questa è la dimensione di configuration32.png Fig. 2.11: Impostare la dimensione dell'icona della finestra principale 2.2 Compilare il progetto Dopo aver esplorato tutti i file che compongono un progetto, aver inserito l'icona per la finestra di dialogo principale, e un'etichetta di testo al centro della finestra di dialogo principale, proviamo a vedere il risultato del nostro lavoro eseguendo la compilazione.

41 Per far questo possiamo premere la combinazione Ctrl+R oppure selezionare la voce Run del menù Build, o semplicemente cliccare sulla freccia verde in basso a sinistra. Fig. 2.12: Pulsante per compilare ed eseguire il programma Risultato finale in Linux E' interessante osservare, come lo stesso codice sorgente possa essere compilato in Linux e in Windows, e dare origine a due applicativi identici nella funzionalità, ma diversi nello stile. Questo perché Qt si integra nel sistema operativo e ripropone lo stesso Look and Feel. Iniziamo con Linux, dove la nostra icona compare sia nella barra delle applicazioni a sinistra che nel task manager quando premiamo CTRL+TAB. Fig. 2.13: Finestra di dialogo, icona nella barra delle applicazioni e nel task manager nel caso di Ubuntu Risultato finale in Windows Per compilare l'applicativo in Windows basta prendere lo stesso codice sorgente, e copiarlo in Windows. L'unica modifica è che il file TestInstallazione.pro.user, va rigenerato dato che è stato creato per una piattaforma diversa. Premere No nella finestra di dialogo che compare appena si cerca di aprire il progetto e l'aggiornamento si completa velocemente. La schermata successiva è quella della finestra di dialogo configure project, che suggerisce i parametri di compilazione adatti al nuovo sistema operativo. Basta premere il tasto Configure

42 Project e la conversione è fatta. Fig. 2.14: Avviso relativo al file.user che va rigenerato nel nuovo sistema operativo Fig. 2.15: Schermata di configurazione del progetto in Windows Fig. 2.16: Finestra di dialogo, icona sulla barra dei programmi, e nel task manager, nel caso di Windows Compilare in Release Automaticamente Qt Creator crea due configurazioni di compilazione, che si chiamano Debug e Release. La compilazione Debug contiene simboli e informazioni necessarie per il debug appunto della applicazione, mentre queste informazioni vengono omesse nella configurazione Release. Inoltre nel caso debug si usano librerie a loro volta compilate in debug, riconoscibili dal suffisso d, che sono diverse da quelle che vengono usate in Release. Per finire, va fatto notare che se ci sono opzioni di ottimizzazione del codice, queste vengono applicate solo in Release. Questo perché alcune ottimizzazioni cambiano l'ordine di esecuzione del codice.

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- a cura di Marco Marchetta Aprile 2014 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CONNESSIONE INTERNET CD - DVD Chiavetta USB o Router ADSL (*) COMPONENTI

Dettagli

New Team Up in English Flip-Book Guida all uso

New Team Up in English Flip-Book Guida all uso New Team Up in English Flip-Book Indice 1 Introduzione p. 3 2 Procedura d avvio p. 4 2. 1 Procedura per PC WIN p. 4 2. 2 Procedura per Mac p. 4 2. 3 Procedura per Linux p. 4 3 Creazione del profilo p.

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Se si aggiorna il PC da Windows XP a Windows 7 è necessario eseguire un'installazione personalizzata che non conserva programmi, file o impostazioni. Per questo

Dettagli

Code::Blocks, installazione ed uso

Code::Blocks, installazione ed uso Code::Blocks, installazione ed uso Alessio Mauro Franchi Dipartimento DEIB, Politecnico di Milano, Milano 9 ottobre 04 Indice Introduzione Installare Code::Blocks: Windows 3 3 Installare Code::Blocks:

Dettagli

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti.

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti. SOFTWARE PER CENTRALI FENICE Software_Fenice_1.2.0 12/09/2012 Questo Software permette all'installatore di programmare le centrali della serie Fenice, di aggiornare i firmware dei vari componenti del sistema

Dettagli

Guida all installazione di Code::Blocks

Guida all installazione di Code::Blocks Guida all installazione di Code::Blocks Andrea Galbiati, Daniele Valente October 11, 2011 Contents 1 Introduzione 1 2 Installazione 2 2.1 Windows..................................... 2 2.2 Linux......................................

Dettagli

Utilizzo di MioNet. 2008 Western Digital Technologies Inc. Manuale utente MioNet Versione 1.08

Utilizzo di MioNet. 2008 Western Digital Technologies Inc. Manuale utente MioNet Versione 1.08 Utilizzo di MioNet 1 Avviso di Copyright Non è consentito riprodurre, trasmettere, trascrivere, archiviare in un sistema di recupero, o tradurre in qualunque linguaggio, umano o informatico, in qualunque

Dettagli

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012 Per WebReporter 2012 Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2012 Indice Installazione dei componenti essenziali... 1 Panoramica... 1 Passo 1 : Abilitare gli Internet Information Services... 1 Passo 2: Eseguire

Dettagli

1. Avviare il computer

1. Avviare il computer Guida n 1 1. Avviare il computer 2. Spegnere correttamente il computer 3. Riavviare il computer 4. Verificare le caratteristiche di base del computer 5. Verificare le impostazioni del desktop 6. Formattare

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8JZGL450591 Data ultima modifica 22/07/2011 Prodotto Tuttotel Modulo Tuttotel Oggetto: Installazione e altre note tecniche L'utilizzo della procedura è subordinato

Dettagli

DUAL BOOT WINDOWS-LINUX.

DUAL BOOT WINDOWS-LINUX. DUAL BOOT WINDOWS-LINUX. Realizzato da Jona Lelmi Nickname PyLinx Iniziato il giorno 5 Luglio 2010 - terminato il giorno 8 Luglio 2010 email autore: jona.jona@ymail.com Canale Youtube http://www.youtube.com/user/pylinx

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA ACCESSO ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE Microsoft Visual C++ è sufficiente cliccare sul pulsante di Windows,

Dettagli

L ambiente grafico (GNOME o KDE)

L ambiente grafico (GNOME o KDE) L ambiente grafico (GNOME o KDE) Abbiamo già speso alcune parole in merito alla differenza tra gestori di finestre (o window managers) e gestori di desktop, ma in questa lezione impareremo alcuni concetti

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- INSTALLAZIONE a cura di Marco Marchetta Aprile 2013 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CD - DVD (*) (*) Requisiti minimi richiesti da da Ubuntu

Dettagli

BREVE GUIDA ALL UTILIZZO DI BFTC

BREVE GUIDA ALL UTILIZZO DI BFTC BREVE GUIDA ALL UTILIZZO DI BFTC Rev. 1.0.0 11 Ottobre 2014 Digital Technology Art srl Digital Technology Art srl BFTC Introduzione 1 INDICE INTRODUZIONE INSTALLAZIONE IMPOSTARE IL PLUG IN CREARE UN NUOVO

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1 Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Avviare il pc Il tasto da premere per avviare il computer è frequentemente contraddistinto dall etichetta Power ed è comunque il più grande posto sul case.

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

Introduzione a Visual Studio 2005

Introduzione a Visual Studio 2005 Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria Elettronica e Telecomunicazioni a.a. 2008/2009 Introduzione a Visual Studio 2005 Outline Solutions e Projects Visual Studio e il linguaggio C Visual

Dettagli

Migrazione di HRD da un computer ad un altro

Migrazione di HRD da un computer ad un altro HRD : MIGRAZIONE DA UN VECCHIO PC A QUELLO NUOVO By Rick iw1awh Speso la situazione è la seguente : Ho passato diverso tempo a impostare HRD e a personalizzare i comandi verso la radio, le frequenze preferite,

Dettagli

PC Crash Course: OBIETTIVI

PC Crash Course: OBIETTIVI PC Crash Course: OBIETTIVI 1. PC: uno strumento 2. Microsoft Windows XP: alcuni concetti chiave della interfaccia grafica 3. File System: file, direttori, link, 4. Il prompt dei comandi 5. Un occhiata

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

Procedura di installazione e configurazione per l'applicazione. SchedeCet

Procedura di installazione e configurazione per l'applicazione. SchedeCet Procedura di installazione e configurazione per l'applicazione SchedeCet usata per l'immissione delle schede utenti dei Centri Ascolto Caritas della Toscana. Questo documento è destinato agli operatori

Dettagli

Anno 2011/2012 Syllabus 5.0

Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 2 Lezione 1: Introduzione Primi passi col computer Guida in linea Il file system Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Il Sistema Operativo (S.O. o, dall'inglese, O.S.)

Dettagli

I TUTOR. Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it. Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife.

I TUTOR. Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it. Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife. I TUTOR Massimiliano Cattafi e-mail: massimiliano.cattafi@student.unife.it Ilaria Laurenti e-mail: ilaria.laurenti@student.unife.it IL LABORATORIO Perché il laboratorio? Alcune problematiche si capiscono

Dettagli

Manuale utente. Software Content Manager per HP ipaq 310 Series Travel Companion. Italiano Dicembre 2007. Part number: 467721-061

Manuale utente. Software Content Manager per HP ipaq 310 Series Travel Companion. Italiano Dicembre 2007. Part number: 467721-061 Manuale utente Software Content Manager per HP ipaq 310 Series Travel Companion Italiano Dicembre 2007 Part number: 467721-061 Copyright Note legali Il prodotto e le informazioni riportate nel presente

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

GERICO 2015 p.i. 2014

GERICO 2015 p.i. 2014 Studi di settore GERICO 2015 p.i. 2014 Guida operativa 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ASSISTENZA ALL UTILIZZO DI GERICO... 4 3. CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 4. INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO DA INTERNET...

Dettagli

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due:

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: Pagina 1 di 6 Strumenti di produzione Strumenti Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: 1. Netscape Composer, gratuito e scaricabile da netscape.org assieme al browser

Dettagli

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi 1 Modulo 2 - ECDL Uso del computer e gestione dei file 2 Chiudere la sessione di lavoro 1.Fare Clic sul pulsante START 2.Cliccare sul comando SPEGNI COMPUTER 3.Selezionare una delle opzioni STANDBY: Serve

Dettagli

SBLOCCARE E-MULE E ERRORE EVENTO TCP 4226 IN WINDOWS XP

SBLOCCARE E-MULE E ERRORE EVENTO TCP 4226 IN WINDOWS XP SBLOCCARE E-MULE E ERRORE EVENTO TCP 4226 IN WINDOWS XP I pregi di TCP-Z, senza dubbio, sono tre: 1)Sicuro e semplice perchè modifica il file tcpip.sys in memoria senza quindi toccare il file originale

Dettagli

Breve guida a Linux Mint

Breve guida a Linux Mint Breve guida a Linux Mint Il Desktop. Il "desktop" (scrivania) è la parte del sistema operativo che è responsabile per gli elementi che appaiono sul desktop: il Pannello, lo sfondo, il Centro di Controllo,

Dettagli

a) l accettazione del contratto di licenza chiamato EULA acronimo di End User License Agreement

a) l accettazione del contratto di licenza chiamato EULA acronimo di End User License Agreement INSTALLARE UNA APPLICAZIONE Installare una applicazione significa eseguire un programma sul proprio computer. Per eseguire questa operazione non esiste una procedura standard e uguale per tutti: ogni programma

Dettagli

Ambiente Virtuale Inclusivo per la Persona Autistica MANUALE OPERATORE. Release 1.0-13/10/09. Copyright Lynx 2009 http://www.lynxlab.

Ambiente Virtuale Inclusivo per la Persona Autistica MANUALE OPERATORE. Release 1.0-13/10/09. Copyright Lynx 2009 http://www.lynxlab. MANUALE OPERATORE Release 1.0-13/10/09 Copyright Lynx 2009 http://www.lynxlab.com Indice generale MANUALE OPERATORE...1 1.1 Definizioni...3 1.2 Ambienti...3 1.3 Release e copyright...3 2. Utenti...4 2.1

Dettagli

È richiesta la connessione a internet per i componenti software necessari.

È richiesta la connessione a internet per i componenti software necessari. Toolchain per ARM in ambiente GNU/Linux Stefano Salvatori - marzo 2013 Introduzione Nella guida che segue verrà presentata la procedura d'installazione di una toolchain completa per microcontrollori basati

Dettagli

Word. Unità didattica 1 - Concetti generali

Word. Unità didattica 1 - Concetti generali Word Unità didattica 1 - Concetti generali Prerequisiti: nessuno in particolare Obiettivi: aprire, chiudere Word salvare un documento utilizzare la guida in linea modificare impostazioni di base Avviare

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

EasyVote v.1.0. Logos Av Com. Manuale d uso

EasyVote v.1.0. Logos Av Com. Manuale d uso EasyVote v.1.0 Logos Av Com Manuale d uso Revisions table Revision Date Author Pages Notes 1.0 05/06/2012 P.A. Aisa 30 First Emission File name EasyVote_UserManual_1.0 Revisions table 2 / 30 Indice 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows www.informarsi.net Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows Sistema operativo Il sistema operativo, abbreviato in SO (in inglese OS, "operating system") è un particolare software, installato su un sistema

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Server USB Manuale dell'utente

Server USB Manuale dell'utente Server USB Manuale dell'utente - 1 - Copyright 2010Informazioni sul copyright Copyright 2010. Tutti i diritti riservati. Disclaimer Incorporated non è responsabile per errori tecnici o editoriali od omissioni

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers Guida rapida all'installazione 13897290 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Gestione di file e uso delle applicazioni

Gestione di file e uso delle applicazioni Obiettivi del corso Gestione di file e uso delle applicazioni Conoscere gli elementi principali dell interfaccia di Windows Gestire file e cartelle Aprire salvare e chiudere un file Lavorare con le finestre

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Introduzione a VMware Fusion

Introduzione a VMware Fusion Introduzione a VMware Fusion VMware Fusion per Mac OS X 2008 2012 IT-000933-01 2 Introduzione a VMware Fusion È possibile consultare la documentazione tecnica più aggiornata sul sito Web di VMware all'indirizzo:

Dettagli

GLORY 4. Manuale Istruzioni - Italiano

GLORY 4. Manuale Istruzioni - Italiano GLORY 4 Manuale Istruzioni - Italiano 1. ICONE Nuova e-mail Modalità aereo USB collegato Debug USB collegato Pulsante Indietro Visualizza opzioni di una funzione selezionata Livello della batteria Scaricamento

Dettagli

LPIC-1 Junior Level Linux Certification

LPIC-1 Junior Level Linux Certification Corso 2012/2013 Introduzione a GNU/Linux Obiettivi Il percorso formativo ha l obiettivo di fornire ai partecipanti le competenze basilari necessarie per installare, configurare e gestire un server/workstation

Dettagli

Manuale Utente. Linux Fedora, Debian e Ubuntu

Manuale Utente. Linux Fedora, Debian e Ubuntu Manuale Utente Linux Fedora, Debian e Ubuntu Chiavet ta Internet MDC525UPA Via Del Lavoro 9 1 1 Sommario Introduzione... 3 Requisiti minimi... 3 Contenuto del CD-ROM... 3 1. Installazione Driver e Software

Dettagli

Creare un applicazione con Qt Creator in pochi semplici passi

Creare un applicazione con Qt Creator in pochi semplici passi Creare un applicazione con Qt Creator in pochi semplici passi Premessa Questa presentazione è rilasciata sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-NoDerivativeWorks (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/deed.it).

Dettagli

Capitolo 2. Esplorare l interfaccia tra uomo e computer

Capitolo 2. Esplorare l interfaccia tra uomo e computer Capitolo 2 Esplorare l interfaccia tra uomo e computer Imparare la tecnologia Gli esseri umani non hanno abilità tecnologiche innate La nostra precedente esperienza nell uso di dispositivi simili, incluse

Dettagli

GUIDA PER L UTILIZZO DELLA WEBAPP VERSIONE 8

GUIDA PER L UTILIZZO DELLA WEBAPP VERSIONE 8 GUIDA PER L UTILIZZO DELLA WEBAPP VERSIONE 8 Contenuto di questo documento 1. Introduzione... 2 2. Menu Principale... 2 Importa dal mio PC... 5 Scarica Risultati... 5 Salva Progetto... 6 Salva con nome...

Dettagli

Compilazione rapporto di Audit in remoto

Compilazione rapporto di Audit in remoto Compilazione rapporto di Audit in remoto Installazione e manuale utente CSI S.p.A. V.le Lombardia 20-20021 Bollate (MI) Tel. 02.383301 Fax 02.3503940 E-mail: info@csi-spa.com Rev. 1.1 23/07/09 Indice Indice...

Dettagli

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail Reti Informatiche: Internet e posta elettronica Tina Fasulo 2012 Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail 1 Parte prima: navigazione del Web Il browser è un programma che consente

Dettagli

Guida rapida all installazione di RobCAD 8.0 per Windows

Guida rapida all installazione di RobCAD 8.0 per Windows Guida rapida all installazione di RobCAD 8.0 per Windows Lo scopo di questo documento é di fornire una guida sintetica all installazione della versione 8.0 di Robcad. AVVERTENZA Non procedere all'installazione

Dettagli

Guida di Installazione Software

Guida di Installazione Software Guida di Installazione Software Per l Installazione di Cubase LE 4, di X-Edit e dei Driver USB Contenuti 1. Congratulazioni... 1 2. Requisiti Minimi del Computer... 1 3. Installazione del Software per

Dettagli

Personalizzazione del PC

Personalizzazione del PC È la prima volta che utilizzi Windows 7? Anche se questa versione di Windows è molto simile a quella precedente, potrebbero tornarti utili alcune informazioni per partire a razzo. Questa Guida contiene

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

SOMMARIO: ------- 1. INFORMAZIONI SU PARALLELS TRANSPORTER

SOMMARIO: ------- 1. INFORMAZIONI SU PARALLELS TRANSPORTER File Leggimi di Parallels Transporter SOMMARIO: 1. Informazioni su Parallels Transporter 2. Requisiti di Sistema 3. Installazione di Parallels Transporter 4. Rimozione di Parallels Transporter 5. Informazioni

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 2 DESKTOP, FINESTRE, CARTELLE E FILE a cura di Marco Marchetta Aprile 2013 1 DESKTOP E FINESTRE LA CARTELLA HOME : Dispositivi, Computer

Dettagli

Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4. Responsabile di redazione: Francesco Combe Revisione: Ottobre 2012

Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4. Responsabile di redazione: Francesco Combe Revisione: Ottobre 2012 Guida per l'installazione SENSORE PER RADIOVIDEOGRAFIA RX4 Responsabile di redazione: Francesco Combe FH056 Revisione: Ottobre 2012 CSN INDUSTRIE srl via Aquileja 43/B, 20092 Cinisello B. MI tel. +39 02.6186111

Dettagli

Guida installazione Winasped 4 Data ultima revisione della guida: 12-05-2014

Guida installazione Winasped 4 Data ultima revisione della guida: 12-05-2014 Guida installazione Winasped 4 Data ultima revisione della guida: 12-05-2014 Winasped è un'applicazione di tipo client - server pertando è composta da due parti: un programma client e uno server. Di seguito

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Stellar Phoenix Mac Data Recovery 7.0. Guida all'installazione

Stellar Phoenix Mac Data Recovery 7.0. Guida all'installazione Stellar Phoenix Mac Data Recovery 7.0 Guida all'installazione Introduzione Stellar Phoenix Mac Data Recovery v7 è una soluzione completa per tutti i problemi di perdita di dati. La perdita di dati può

Dettagli

TEST: Hardware e Software

TEST: Hardware e Software TEST: Hardware e Software 1. Che tipo di computer è il notebook? A. da tavolo B. generico C. non è un computer D. Portatile 2. Come è composto il computer? A. Software e Freeware B. Freeware e Antivirus

Dettagli

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved Versione 2014 Installazione GSL Copyright 2014 All Rights Reserved Indice Indice... 2 Installazione del programma... 3 Licenza d'uso del software... 3 Requisiti minimi postazione lavoro... 3 Requisiti

Dettagli

Virtual meeting istruzioni per l uso v 1.0 del 10 aprile 2012 - by LucioTS

Virtual meeting istruzioni per l uso v 1.0 del 10 aprile 2012 - by LucioTS Qui di seguito le istruzioni per partecipare ai virtual meeting 3rotaie. Il software (ad uso gratuito per scopi non commerciali) scelto è TeamViewer (scaricabile da http://www.teamviewer.com) che la momento

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Qlik Sense Desktop. Qlik Sense 1.1 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati.

Qlik Sense Desktop. Qlik Sense 1.1 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Qlik Sense Desktop Qlik Sense 1.1 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Qlik, QlikTech, Qlik

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida Copyright Axis Communications AB Aprile 2005 Rev. 1.0 Numero parte 23794 1 Indice Informazioni sulle normative............................. 3 AXIS Camera

Dettagli

Samsung Drive Manager Manuale per l'utente

Samsung Drive Manager Manuale per l'utente Samsung Drive Manager Manuale per l'utente I contenuti di questo manuale sono soggetti a modifica senza preavviso. Se non diversamente specificato, le aziende, i nomi e i dati utilizzati in questi esempi

Dettagli

Guida a CoinBeez v1.1 (da leggere TUTTA, almeno 3 volte)

Guida a CoinBeez v1.1 (da leggere TUTTA, almeno 3 volte) Guida a CoinBeez v1.1 (da leggere TUTTA, almeno 3 volte) Per utilizzare correttamente CoinBeez bisogna seguire una serie di passaggi, da farsi in sequenza uno dopo l altro. E altamente consigliato l utilizzo

Dettagli

Per questo motivo le distribuzioni Live richiedono la presenza di un maggior quantitativo di RAM rispetto ad una installazione tradizionale.

Per questo motivo le distribuzioni Live richiedono la presenza di un maggior quantitativo di RAM rispetto ad una installazione tradizionale. LiveCD LiveCD è un termine generico utilizzato per indicare una distribuzione di un sistema operativo in grado di essere avviato ed eseguito senza richiedere una preventiva installazione su hard disk.

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

Parte 3. Sistemi Operativi. Sistema operativo. Il sistema operativo (Operating System - OS): offre le operazioni base necessarie per:

Parte 3. Sistemi Operativi. Sistema operativo. Il sistema operativo (Operating System - OS): offre le operazioni base necessarie per: Parte 3 Sistemi Operativi Sistema operativo Il sistema operativo (Operating System - OS): offre le operazioni base necessarie per: l uso efficace del computer mediante funzionalità che non sono fornite

Dettagli

Scuola 8.0. Lavagna interattiva e software Open Source

Scuola 8.0. Lavagna interattiva e software Open Source Scuola 8.0 Lavagna interattiva e software Open Source Intervento di Emiliano Pancaldi INTRODUZIONE Queste slides (diapositive) hanno lo scopo di richiamare alla memoria le diverse informazioni che vi ho

Dettagli

Word per iniziare: aprire il programma

Word per iniziare: aprire il programma Word Lezione 1 Word per iniziare: aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Easy VHS to DVD 3 & Easy VHS to DVD 3 Plus. Guida introduttiva

Easy VHS to DVD 3 & Easy VHS to DVD 3 Plus. Guida introduttiva Easy VHS to DVD 3 & Easy VHS to DVD 3 Plus Guida introduttiva ii Roxio Easy VHS to DVD Guida introduttiva www.roxio.com Introduzione a Roxio Easy VHS to DVD 3 Nel presente manuale Benvenuti in Roxio Easy

Dettagli

unità di misura usata in informatica

unità di misura usata in informatica APPUNTI PER UTILIZZARE WINDOWS SENZA PROBLEMI a cura del direttore amm.vo dott. Nicola Basile glossario minimo : terminologia significato Bit unità di misura usata in informatica byte Otto bit Kilobyte

Dettagli

Sistema Informativo Sanitario Territoriale

Sistema Informativo Sanitario Territoriale Sistema Informativo Sanitario Territoriale MANUALE KIT ACTALIS CNS Versione 1.0 Dicembre 2009 Innova S.p.A. Pag 1 di 34 Indice 1. SCOPO DEL MANUALE... 3 2. REQUISITI DI SISTEMA... 3 3. ACTALIS KIT CNS

Dettagli

Gestione di file e uso delle applicazioni

Gestione di file e uso delle applicazioni Gestione di file e uso delle applicazioni Obiettivi del corso Conoscere gli elementi principali dell-interfaccia di Windows Conoscere le differenze tra file di dati e di programmi Impostare la stampa di

Dettagli

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10 Web Server Guida all impostazione Le informazioni contenute in questo documento sono state raccolte e controllate con cura, tuttavia la società non può essere

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA 2

CORSO DI INFORMATICA 2 CORSO DI INFORMATICA 2 RINOMINARE FILE E CARTELLE Metodo 1 1 - clicca con il tasto destro del mouse sul file o cartella che vuoi rinominare (nell esempio Mio primo file ) 2 - dal menu contestuale clicca

Dettagli

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6 Manuale utente di Avigilon Control Center Server Versione 5.6 2006-2015 Avigilon Corporation. Tutti i diritti riservati. Salvo quando espressamente concesso per iscritto, nessuna licenza viene concessa

Dettagli