Uno sguardo alla certificazione dei macchinari al di fuori dell Europa: i casi Brasile ed Australia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uno sguardo alla certificazione dei macchinari al di fuori dell Europa: i casi Brasile ed Australia"

Transcript

1 Uno sguardo alla certificazione dei macchinari al di fuori dell Europa: i casi Brasile ed Australia Torino, 18 Marzo 2014 Marco Cencio

2 Uno sguardo al di fuori dell Europa 2

3 La sicurezza dei macchinari per l esportazione al di fuori dell Europa La direttiva Macchine codifica, tramite il suo testo e le norme armonizzate, i regolamenti ed i requisiti minimi per progettare e realizzare in sicurezza il generico macchinario, da immettere SUL MERCATO DELLA COMUNITA EUROPEA. L iter di messa in sicurezza e la certificazione si concludono con l apposizione del marchio CE. 3

4 Norme recepite dai paesi extra UE I comitati internazionali ISO (svariati settori) e IEC (settore elettrico / elettronico / elettrotecnico ) rappresentano gli enti normatori di riferimento per tutti i paesi. Ogni paese recepisce e (non necessariamente) modifica uno standard di riferimento ISO, IEC o ITU. Oppure elabora indipendentemente un proprio status di norme e/o regolamenti. Es. CENELC e CEN in EUROPA Es. ABNT in BRASILE: rappresenta un ente nazionale di discussione e Normalizzazione (collabora con Instituto Nacional de Metrologia, Normalização e Qualidade Industrial (INMETRO)) 4

5 Il principio di base Il principio di base per la buona progettazione in sicurezza, riguarda un attenta analisi di rischio dei pericoli associati al determinato macchinario. 5

6 IL BRASILE: INMETRO, NR E ABNT L approccio alla certificazione di prodotto ricalca lo schema europeo, per cui esistono: 1. una direttiva (chiamato regolamento) con dei principi base da rispettare mandatoriamente, e 2. le normative tecniche di ausilio alla progettazione e costruzione dei prodotti, mantenendo dei parametri di sicurezza prestabiliti. IN BRASILE parleremo di: A. Ordinanze (Es. PORTARIA N 179/2010 INMETRO,...), per CERTIFICARE talune categorie di prodotti ( si va dagli apparecchi ATEX, ai semplici anelli Segeer, etc...) B. Regolamenti federali NR (Es. NR-12): sono mandatori PER LA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO e possono contenere al loro interno rimandi alle norme tecniche (Es. ABNT NBR...) - Norme tecniche (Es. ABNT NBR 5410 «Instalações elétricas de baixa tensão,...), che sono applicabili sia per i contesti A che B. 6

7 I concetti di base Cosa sono le NR? Strumenti giuridici emessi dal Ministero del Lavoro e dell occupazione che regolano e forniscono indicazioni sulle procedure obbligatorie relative alla sicurezza e salute del lavoro in Brasile, che disciplinano gli obblighi di stabilimenti di qualsiasi natura, per quanto riguarda la salute e la sicurezza del lavoratore. Sono obbligatori per tutte le società brasiliane disciplinati dalla CLT = Consolidação das Leis do Trabalho NR-12 CONCETTO IMPORTANTE L'uomo non è in grado, di per sé, nel suo ambiente di lavoro, di proteggersi senza sicurezze. Le macchine e le attrezzature devono integrare i dispositivi di sicurezza. I dispositivi di sicurezza normalizzati diminuiscono sensibilmente i rischi esistenti, ma non li eliminano totalmente. Occorrono, necessariamente in aggiunta, formazione continua degli operatori e del personale di manutenzione, nonchè le attività di manutenzione preventiva in accordo alle istruzioni. 7

8 NR 12 - SAFETY IN MACHINERY AND EQUIPMENT WORK The Regulatory Standard No NR 12, approved by Governmental Decree No of June 8th, 1978, under the title "Machinery and Equipment.... with the aim of follow the implementation of the new regulation, as established in article 9 of Governmental Decree No of October 2nd,

9 NR 12 Struttura ibrida tra una ns. norma tecnica di prodotto (es. UNI EN 953) e i requisiti di sicurezza minimi demandati dal D.Lgs 81 per la sicurezza sul luogo di lavoro. Richiama al suo interno concetti tipici di altre normative (Es. ISO 12100, IEC , ISO ) Negli anni ha acquisito una configurazione che si è modificata partendo da concetti che davano ENFASI alla sicurezza specifica della macchina, fino a richiamare gli aspetti peculiari che consentono per rendere SICURO il posto di lavoro, nella sua globalità 9

10 NR 12 Concetti della norma, che sono stati implementati nel tempo: Il progresso tecnologico (concetti di Rischio e Pericolo); Sviluppo della tecnologia nella protezione macchine (concetto di fail safe); Disposizioni legislative;... perché tutto ciò??? Stima dal 1999 al 2010 riguardo incidenti sul posto di lavoro, associati all uso di macchine!!! 10 anni = incidenti (124k malattie professionali, 206k disabilità e 49k decessi; (fonte: Conselho Nacional de Saúde)* * Fonte CIESP = Centro das Indústrias do Estado de São Paulo 10

11 NR 12 - CONTENUTI Corpo (18 Pagine): Principi generali di sicurezza per l uso di tutte le tipologie di macchine Allegati (65 pagine): Principi, definizioni di casi specifici di macchinari. Allegato riferimento Allegato riferimento I- Distanze di sicurezza II- Formazione III-Accessi permanenti IV- Glossario V-Motoseghe VI-Macchine per panificazione / pasticceria VII-Macchine per la carne IX-Macchine per iniezione plastica XI-Macchine agricole e forestali VIII-Presse X-Macchine per calzature ed affini XII-Macchine ed attrezzature per sollevamento di persone Elencazione dei principi, per suddivisione in commi: x...12.n 11

12 NR 12 - AMBITO Questo Norma ed i suoi allegati forniscono i riferimenti tecnici, i principi fondamentali e le misure di protezione per garantire l'integrità della salute e fisica dei lavoratori, e stabilisce i requisiti minimi per la prevenzione degli infortuni e malattie professionali nelle fasi di progettazione e utilizzo di macchinari e attrezzature di tutti i tipi, e anche la fabbricazione, l'importazione, la commercializzazione, esposizione e vendita per qualsiasi motivo, in tutte le attività economiche, subordinatamente al rispetto di altre disposizioni delle norme regolamentari... Le fasi utili che si considerano sono: costruzione, trasporto, montaggio, installazione, regolazione, funzionamento, pulizia, manutenzione, smantellamento, e demolizione. 12

13 NR 12 FAIL SAFE Par La concezione della macchina deve attenersi al principio di guasto in sicurezza. Principio fail-safe: richiede che un sistema vada in stato di sicurezza quando avviene un guasto di un componente correlato alla sicurezza. Il presupposto indispensabile per l'applicazione di questo principio è l'esistenza di uno stato di sicurezza in cui il sistema possa essere progettato ed indirizzato, quando si verificano guasti. 13

14 NR 12 CIRCUITO DI COMANDO IMPORTANTE!!! Viene esplicitato un concetto chiave che ha un impatto diretto sulla progettazione e realizzazione degli azionamenti di una macchina = Il circuito elettrico di comando d avviamento ed arresto di un motore elettrico di macchina, deve avere almeno due contattori con contatti a guida forzata, collegati in serie, con il monitoraggio eseguito da un interfaccia di sicurezza, oppure in conformità con gli standard stabiliti dalle norme tecniche nazionali esistenti o, in mancanza, da norme internazionali, se indicato dall'analisi di rischio, a seconda della gravità del danno e frequenza o durata dell'esposizione al rischio. 14

15 NR 12 SISTEMI DI SICUREZZA I sistemi di sicurezza devono essere scelti ed installati per soddisfare i seguenti requisiti: a) realizzare la categoria di sicurezza come previsto in analisi del rischio, secondo le attuali norme tecniche ufficiali (es. ISO / IEC ); b) essere legalmente autorizzati da un tecnico professionista; c) essere tecnicamente conformi al sistema di controllo cui sono integrati, d) installati in modo che non possano essere rimossi od elusi; e) rimanere sotto sorveglianza automatica, o monitoraggio, secondo la categoria di sicurezza richiesta, fatta eccezione per i dispositivi di sicurezza puramente meccanici, e f) consentire l'arresto dei movimenti pericolosi e ad altri rischi, quando si verificano guasti o situazioni di lavoro anomale. Protezioni, sistemi e dispositivi di sicurezza devono integrare i macchinari e le attrezzature, e non possono essere considerati elementi opzionali per qualsiasi scopo. 15

16 NR 12 - ARRESTO D EMERGENZA I dispositivi di arresto di emergenza devono essere posizionati in zone di facile accesso e visualizzazione per gli operatori sul posto di lavoro e per altre persone, e mantenuti permanentemente privi di ostacoli. 16

17 NR 12 - SISTEMI DI SICUREZZA ED AFFIDABILITÀ Dal glossario all. IV: Concetto di Categoria di sicurezza (B, 1, 2, 3, 4) e livelli di prestazione (a, b, c, d, e) ABNT NBR Segurança de máquinas - Partes de sistemas de comando relacionadas à segurança - Princípios gerais para projeto. Quali sono le principali cause che determinano i guasti? Incorretta valutazione del rischio; Errata od insufficiente installazione; Apparecchiature non certificate; Locale / sito d installazione non adeguato; Prodotti installati al di fuori di un sistema di sicurezza adeguato; Carenza d un piano manutentivo adeguato; 17

18 NR 12 Flow-chart analisi del rischio PROGETTAZIONE INTRINSECA AL MACCHINARIO PIÙ EFFICACI PROTEZIONI FISSE SOLUZIONI CON PROTEZONI CONTROLLATE TARGHE MONITORIE, FORMAZIONE, PROCEDURE DPI MENO EFFICACI 18

19 NR 12 DOCUMENTAZIONE ed ISPEZIONE Quando la macchina non ha la documentazione tecnica necessaria, il suo proprietario la costituisce, sotto la responsabilità di una figura tecnica professionista legalmente abilitata, ed iscritta al Consiglio regionale di Ingegneria e Architettura - ART / CR Stesso discorso vale per la verifica di conformità della macchina, prima della messa in servizio!! Liberi professionisti legalmente autorizzati!!! 19

20 NR 12 Altri requisiti minimi Mezzi d accesso permanente al macchinario Componenti in pressione Trasportatori di materiali Aspetti ergonomici durante il lavoro con macchine ed attrezzature (rif. NR-17) Rischi addizionali Manutenzione, preparazione, aggiustamento e riparazione Segnalazioni (rif. NR-26) Manuali Procedure di sicurezza Progettazione, fabbricazione, importazione, vendita, locazione, cessione, esposizione, ed utilizzo Formazione Altri requisiti specifici di sicurezza (es. attrezzi per manutenzione...) Disposizioni finali 20

21 DISPOSIZIONE GERARCHICA DEI REGOLAMENTI APPLICABILI ALLA PROTEZIONE DEL LAVORO SU/CON MACCHINE I) LEGISLAZIONE FEDERALE II) CONVENZIONI INTERNAZIONALI FIRMATE DAL BRASILE (esempio: Convenção 119 da OIT), emanate dal Ministero del Lavoro (Ministério do Trabahlo ed Emprego MTE); III) CONVENZIONI COLLETTIVE DI SICUREZZA SUL LAVORO, di validità nazionale, secondo le modalità definite dal MTE; IV) LEGISLAZIONE STATALE, se esistente ed applicabile; V) CONVENZIONI COLLETTIVE DI SICUREZZA SUL LAVORO, di validità statale o intrastatale, secondo le modalità definite dal MTE; (es. Convenção Coletiva das Industrias Metalúrgicas do Estado de São Paulo); VI) LEGISLAZIONE MUNICIPALE, se esistente ed applicabile; VII) SPECIFICHE TECNICHE E RACCOMANDAZIONI DEGLI ORGANI UFFICIALI (Es. Nota Técnica 16/2005, pubblicata da MTE sulla protezione del lavoro con le presse); VIII) NORME TECNICHE BRASILIANE PUBBLICATE DA ABNT, secondo la seg. convenzione: VIII.1) Normae di Tipo C VIII.2) Normae di Tipo B VIII.3) Norme di Tipo A IX) NORME TECNICHE EUROPEE (EN-CE), in mancanza di norme brasiliane applicabili; X) NORME TECNICHE INTERNAZIONALI, in mancanza di norme brasiliane applicabili; XI) ALTRI RIFERIMENTI TECNICI UTILI... 21

22 DISPOSIZIONE GERARCHICA DEI REGOLAMENTI APPLICABILI ALLA PROTEZIONE DEL LAVORO SU/CON MACCHINE (continua) LEGISLAZIONE FEDERALE!!!: obbligatoria, se applciabile - NR-12 e leggi ordinarie (esempio di legge ordinaria: Legge 5780/67, che obbliga le macchine e le attrezzature importate a dimostrare, per lo sdoganamento, il rispetto della legislazione brasiliana) 22

23 Altre regolamenti utili NR per costruttori / utilizzatori d impianti e macchine NR 10 - Segurança em instalaçoes e serviços em electricidade NR 13 - Safety in installation of Boilers & Pressure Vessels NR 17 - Ergonomia NR 26 - Sinalização de Segurança 23

24 FROM BRAZIL TO AUSTRALIA 24

25 L AUSTRALIA: AS = AUSTRALIAN STANDARD Anche in Australia, la situazione normativa tiene conto della presenza di regolamentazioni nazionali 25

26 IL CONTESTO LEGALE Gli obblighi generali Occupation Safety and Health Act Supportato da Occupation Safety and Health Regulations e Guidance Material (Linee Guida) Risoluzione di controversie Rappresentanti Sicurezza e Salute Comitati di Sicurezza e Salute Applicazione di Leggi e Regolamenti Stabiliscono i requisiti minimi per i rischi specifici e le prassi di lavoro Si riferiscono alle Norme Nazionali sviluppate dal NOSHC Australian Standards sviluppate da Standards Australia National Standard of Plant Codici di buona pratica Norme consultive Codici Nazionali di buona Pratica e Norme Nazionali sviluppate da NOHSC Australian Standards sviluppate da Standards Australia 26

27 Accordo Intergovernativo e Nuovi Scenari Inter-Governmental Agreement for Regulatory and Operational Reform in Occupational Health and Safety Ha sancito l accordo tra per l armonizzazione delle leggi sulla sicurezza del lavoro, tra i vari governi dei territori australiani. Nuove leggi per la Salute e sicurezza sul lavoro ( WHS ) New work health and safety (WHS) laws Le Nuove leggi sulla Salute e Sicurezza sul lavoro ( WHS ) hanno preso il via il 1 gennaio 2012 in molti stati e territori per armonizzare le leggi sulla salute e la sicurezza ( OH&S ),in tutta l'australia. La legislazione WHS include un modello di legge, regolamenti, codici di buona pratica e politiche di conformità ed applicazioni nazionali. Il modello WHS non è significativamente diverso da quello precedente OH&S, ma renderà più facile per le imprese ed i lavoratori a rispettare i suoi requisiti attraverso diversi stati e territori. Ogni stato e territorio è responsabile nel far rispettare le leggi WHS. 27

28 Accordo Intergovernativo e Nuovi Scenari I seguenti Stati e territori ora usano una legislazione armonizzata WHS invece di precedenti leggi OH&S : Australian Capital Territory Commonwealth of Australia New South Wales Northern Territory Queensland South Australia La maggior parte degli stati rimanenti è tenuta a passare al nuovo modello di leggi WHS entro l'inizio del Atti OH&S Gli stati ed territori che non hanno ancora attuato le nuove leggi WHS sono ancora responsabili di far rispettare le proprie legggi OH&S. Queste leggi precisano le funzioni dei diversi attori che giocano un ruolo nella salute e sicurezza sul lavoro. 28

29 Accordo Intergovernativo e Nuovi Scenari OH&S, i regolamenti WHS e codici di buona pratica Alcuni pericoli sul lavoro possono provocare infortuni o malattie di tale entità, che sono necessari regolamenti specifici o codici di buona pratica per il loro controllo. Questi regolamenti e codici spiegano le funzioni di particolari gruppi di persone coinvolte nella gestion di tali rischi. C'è una differenza tra regolamenti e codici: I regolamenti sono giuridicamente vincolanti I codici di buona pratica (che rimandano ad esempio alla serie di Norme AS4024 «Sicurezza dei macchinari») forniscono consigli su come soddisfare i requisiti normativi. I codici non sono giuridicamente vincolanti, ma possono essere usati nei tribunali come prova che le prescrizioni giuridiche siano o non siano state rispettate. Es. Per chi debba esportare in WA: Code of practice Safeguarding of machinery and plant

30 STORIA DELLA NORMA AS 4024 Prima del 1992 le questioni sulla sicurezza erano incorporate in specifiche norme sulle macchine (trasportatori, gru, ) BS (Safety of Machinery) pone le basi per la nuova standardizzazione in Australia Nel 1992 AS viene edita come standard ad Interim Nel 1996 AS diventa uno National Standard pienamente riconosciuto Nel 2006 AS viene riscritta sulla base delle nozioni acquisite dalle Norme Europee. AS4024 (2006) Safety of Machinery è una serie di norme che definisce lo stato dell arte in relazione alla savaguardia del lavoro con macchinari e impianti. Dovrebbe rappresentare il riferimento primario per gli utenti finali e per i costruttori. 30

31 AS 4024 Sez. 1101: Terminologia e definizioni Sez. 1201: Principi generali tecnici di base Sez : Valutazione del rischio. Principi per la riduzione tutti i pericoli e per le emissioni di sostanze pericolose Sez. 1401: Ergonomia Sez. 1501: Sicurezza dei sistemi di comando. Progetto e validazione 26 Sezioni in tutto Equivale alle norme di tipo A e B Europee, con varianti Sez. 1601: Interblocchi e ripari, avviamento inatteso, arresto d emergenza Sez. 1701: Misure del corpo umano e dimensioni degli accessi Sez. 1801: Distanze di sicurezza e spazi minimi Sez. 1901: Interfacce 31

32 AS 3000 (WIRING RULES) 462 pagg. (5a e;d. 2007) Vale per tutte le installazione elettriche all interno di edifici, comprensori industriali, etc...(simile alla nostra CEI 64-8) Parte 1: Scopo, applicazione e principi fondamentali Parte 2: Pratiche d installazione (es. messa a terra, colori dei cavi, sezioni dei cavi, etc...) 13 Allegati ATTENZIONE!: diversificazione di concetti base (Es. identificazione del Neutro con il NERO) 32

33 Dalla AS3000 alla AS/NZS Al par però si esplicita, con riferimento alla scelta del corretto equipaggi Equipment is deemed to satisfy that requirement if it satisfies one or more of the following conditions: (a) The essential safety requirements for low voltage electrical equipment made by AS/NZS (b) The safe design, construction, installation and performance provisions of (i) an Australian, New Zealand or Australian/New Zealand Standard that is appropriate and relevant to the type of electrical equipment;»... AS/NZS

34 Altre norme AS utili per costruttori / utilizzatori d impianti e macchine AS 4024 Safety of Machinery Part 3610: Conveyors General Safety Requirements AS 1418 Cranes, hoists and wiches AS Safety of machinery Application of protective equipment to detect the presence of persons Per l equipaggiamento elettrico AS/NZS 3008 Electrical installations Selection of cables Part 1.1: Cables for alternating voltages up to and including 0.6/1 kv Typical Australian installation conditions AS/NZS 3013 Electrical installations Classification of the fire and mechanical performance of wiring system elements Per le apparecchiature in pressione AS/NZS Pressure Equipment AS/NZS 1210 Pressure Vessels and many more... 34

35 Alcuni link utili BRAZIL Instituto Nacional de Prevenção aos Acidentes em Máquinas e Equipamentos Brazilian Association of Machinery and Equipment (ABIMAQ) National Institute of Metrology, Quality and Technology (INMETRO) AUSTRALIA UNITED STATES / CANADA 35

36 Perché BV? -DESIGN REVIEW -GAP ANALYSIS In collaborazione con i ns. colleghi delle sedi estere: Brasile, USA, Australia,... -INSPECTION / CONFORMITY VERIFICATION 36

37 Sede di Torino Via Ventimiglia TO 37

38 38

Machinery safety directives

Machinery safety directives Machinery safety directives General directives, national (Italy) Italian directives: D.Lgs. 81/2008, ha abrogato e sostituito, tra gli altri, il D.Lgs. 626/94. Direttiva macchine: Direttiva 98/37/CE recepita

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Workshop 2012 Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di TERAMO Workshop 2012 I settori: -Sicurezza -Automazione

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 Dal 31 maggio 2001, gli impianti per cancelli automatici ad uso promiscuo (carrabile-pedonale)

Dettagli

LA NORMATIVA TECNICA A SUPPORTO DELL ESECUZIONE DELLE ATTIVITA DI VERIFICA

LA NORMATIVA TECNICA A SUPPORTO DELL ESECUZIONE DELLE ATTIVITA DI VERIFICA LA NORMATIVA TECNICA A SUPPORTO DELL ESECUZIONE DELLE ATTIVITA DI VERIFICA Ing. ROBERTO CIANOTTI ISPESL Roma 12/12/2007 Nuovo Approccio (risoluzione del Consiglio Europeo del 07/05/85) Direttive di prodotto

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

ATTREZZATURE DI LAVORO

ATTREZZATURE DI LAVORO ATTREZZATURE DI LAVORO ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) Corso anno scolastico 2010-2011 OGGI PARLEREMO DI DEFINIZIONE DI: ATTREZZATURA DI

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V3.0 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on 1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on LETTERHEAD PAPER of the applicant 2. Elenco documenti che

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

La Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Direttiva Macchine 2006/42/CE La Direttiva Macchine 2006/42/CE Implicazioni per l utilizzatore Verona, 26 Maggio 2010 Eleonora Pagani Introduzione Concetti generali La direttiva Macchine ha un duplice obbiettivo: permettere la libera

Dettagli

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi Macchine e Direttiva macchina Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi La Normativa La Macchina L Ambiente Il Lavoratore La Normativa Decreto del Presidente della Repubblica del 27 aprile 1955, n. 547 Decreto

Dettagli

IL TACHIGRAFO DIGITALE

IL TACHIGRAFO DIGITALE IL TACHIGRAFO DIGITALE Treviso 13 aprile 2006 Normativa Regolamento (CEE) 3821/85 Regolamento (CE) 2135/98 Regolamento (CE) 1360/2002 Regolamento (CE) n.../2006 di modifica dei regolamenti 3821/85 e 2135/98

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA...1 a) I principi di gestione della qualità evidenziati dalla Vision 2000...2 b) I principali cambiamenti introdotti dalla Vision 2000...4 c) Il processo di certificazione...5

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Formazione Preposti I.T.I. G. Galilei Livorno 1 Articolazione dell intervento Quadro normativo vigente Scelta, acquisto, installazione, manutenzione

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA Fattori che hanno determinato l evoluzionel 1 Recepimento delle Direttive Comunitarie con conseguente passaggio dalla normativa nazionale a quella comunitaria Le Direttive sono

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE Decreto del Ministero dell interno 4 febbraio 2011 Definizione dei criteri per il rilascio delle autorizzazioni di cui all art. 82, comma 2, del D.Lgs. 09/04/2008, n. 81, e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di successo. Non solo come risposta ad un adempimento di

Dettagli

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Bologna - 4 maggio 2011 Ing. Mario Alvino Coordinatore Operativo CTS L Allegato V del Testo Unico tratta i requisiti

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI. Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena

LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI. Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI Iole Pinto Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena 1. Introduzione Il D.L. 9 Aprile 2008 n. 81 titolo

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager LA SICUREZZA DELLE MACCHINE Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager Le origini della Società CERMET è stato fondato nel 1985 per valorizzare l'immagine dell'azienda

Dettagli

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Torino, 18 Marzo 2014 Gian Paolo Tondetta gianpaolo.tondetta@it.bureauveritas.com La Direttiva Macchine 2006/42/CE In accordo

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V2.1 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 VINCOLI DI PROGETTAZIONE PER LA PARTE DI COMANDO E CONTROLLO ESPRESSI NELLA ATTUALE DIRETTIVA MACCHINE 1998/37/CE E NELLA NUOVA 2006/42/CE 1.2.1. Sicurezza e affidabilità dei

Dettagli

IRIS International Railway Industry Standard

IRIS International Railway Industry Standard Italiano Appendice, 19 Giugno 2008 IRIS International Railway Industry Standard Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner

Dettagli

Relatori. Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine

Relatori. Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine 1 2 Relatori Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine Avv. Prof. Antonio Oddo Docente Università degli Studi di Pavia, Studio Legale Oddo (MI) 3 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n.

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro 2.2 SICUREZZA generale delle macchine 2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro La principale normativa di riferimento per una corretta scelta e gestione delle macchine

Dettagli

La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE

La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE ALLEGATO I (previsto dall'art. 3, comma 3, lettera a)) Requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute relativi alla

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA

PROCEDURA DI SICUREZZA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 5 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa da S.P.P.R.

Dettagli

MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES. Sara Pelizzoli. Modena, 29/10/2014. - Copyright Bureau Veritas

MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES. Sara Pelizzoli. Modena, 29/10/2014. - Copyright Bureau Veritas MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES Sara Pelizzoli Modena, 29/10/2014 - Copyright Bureau Veritas RIFERIMENTI NORMATIVI Direttiva 93/42/CEE del Consiglio del 14 Giugno 1993 concernente

Dettagli

Nuovi Riferimenti Normativi e Revisioni di Sistemi anticaduta

Nuovi Riferimenti Normativi e Revisioni di Sistemi anticaduta Impianti e sistemi tecnologici Nuovi Riferimenti Normativi e Revisioni di Sistemi anticaduta Relatore: p.i. Paolo Casali Qualificato Formatore AIAS ACADEMY Rif. n 15932 by La circolare del Ministero del

Dettagli

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO LAVORI IN PROSSIMITÁ DI IMPIANTI ELETTRICI E LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE IN BT E FUORI TENSIONE IN AT

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013 SEMINARIO TECNICO Milano 4 dicembre 2013 LA MANOMISSIONE DEI CIRCUITI DI SICUREZZA NELLE MACCHINE Relatore Dott. Ing. Federico Dosio Copyright F.D. - All rights reserved. - 1-11/17/2013 1 DIRETTIVA 2006/42/CE

Dettagli

Procedure di lavoro in ambienti confinati Livello specialistico

Procedure di lavoro in ambienti confinati Livello specialistico Procedure di lavoro in ambienti confinati Livello specialistico La formazione riferita a questo modulo formativo intende far acquisire le nozioni relative alla normativa e ai processi operativi che governano

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO N 5 articoli (da art. 69

Dettagli

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma Università Carlo Cattaneo - LIUC 7 Giugno 2010 Ing. E. Moroni Organismo Notificato n.0066 I.C.E.P.I S.p.A. Via P. Belizzi

Dettagli

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL)

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Esperienza del laboratorio di approfondimento Regione Lombardia Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Marina Della Foglia Milano - giugno 2015 ILO-OSH 2001 Guidelines on

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE. Sicurezza, Ambiente, Management

PROGETTO FORMAZIONE. Sicurezza, Ambiente, Management PROGETTO FORMAZIONE Sicurezza, Ambiente, Management Studio di Consulenza Aziendale Copyright STUDIODEMETRA 2001 Il presente documento è di proprietà di STUDIODEMETRA Ogni divulgazione e riproduzione o

Dettagli

ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORME) DI TIPO A, B ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE

ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORME) DI TIPO A, B ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORME) DI TIPO A, B ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE Norme suddivise per tipo di norma: NORME DI TIPO A - NORME DI INTERESSE GENERALE NORME DI TIPO B

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Sicurezza impianti elettrici

Sicurezza impianti elettrici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Capo III Impianti e apparecchiature elettriche Obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali, le apparecchiature

Dettagli

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE Sicurezza delle Macchine e marcatura CE (direttiva 2006/42/CE) Reggio Emilia 16-23 - 29 Giugno 2015 Il corso affronta nel dettaglio e con taglio operativo, i principali standard (UNI, ISO, ecc) la cui

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Il processo di certificazione del software MD

Il processo di certificazione del software MD Il processo di certificazione del software MD Ing. Maurizio Bianchi Responsabile Tecnico Dispositivi Medici - IMQ S.p.A. maurizio.bianchi@imq.it Vicenza, 5 ottobre 2007 Introduzione Moduli certificativi

Dettagli

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO GLI STRUMENTI DI STANDARDIZZAZIONE TECNICA

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO GLI STRUMENTI DI STANDARDIZZAZIONE TECNICA GLI STRUMENTI DI STANDARDIZZAZIONE TECNICA Roberto Bacci Riproduzione riservata Low Carbon Mobility - Roma, 26 ottobre 2010 Mercato leale e competitivo Sicurezza e affidabilità Sviluppo tecnologico Economicità

Dettagli

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 15398/06/S FIORINI PACKAGING S.P.A. ISO 9001:2008 VIA GIAMBATTISTA FIORINI 25 60019 SENIGALLIA (AN) ITA

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 15398/06/S FIORINI PACKAGING S.P.A. ISO 9001:2008 VIA GIAMBATTISTA FIORINI 25 60019 SENIGALLIA (AN) ITA CERTIFICATO N. 15398/06/S SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE QUALITY MANAGEMENT SYSTEM OF NELLE SEGUENTI UNITÀ OPERATIVE / IN THE FOLLOWING OPERATIONAL

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss NEAR MISS Si definisce near miss o quasi infortunio qualsiasi evento, correlato al lavoro, che avrebbe potuto causare un infortunio o danno alla salute (malattia) o morte ma, solo per puro caso, non lo

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE: Le norme a supporto dell innovazione e della sostenibilità delle macchine utensili

QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE: Le norme a supporto dell innovazione e della sostenibilità delle macchine utensili DIT Dipartimento Innovazione Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti, Prodotti e Insediamenti Antropici QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE: Le norme a supporto dell innovazione e della sostenibilità delle macchine

Dettagli

SAFETY SERVICE FORMAZIONE TECNICA 2011. Member of Omron Europe

SAFETY SERVICE FORMAZIONE TECNICA 2011. Member of Omron Europe SAFETY SERVICE FORMAZIONE TECNICA 2011 Member of Omron Europe Garantire la sicurezza dell uomo e della macchina Progettisti, fabbricanti e installatori e utilizzatori di macchine ed impianti sono tenuti

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL CURATORE FALLIMENTARE E DEL DATORE DI LAVORO

LA RESPONSABILITA DEL CURATORE FALLIMENTARE E DEL DATORE DI LAVORO LA RESPONSABILITA DEL CURATORE FALLIMENTARE E DEL DATORE DI LAVORO 1. INTRODUZIONE Dott. Ing. G. GAETANI - Responsabile divisione Ingegneria Forense del Gruppo 2G - Esperto di Organizzazioni Aziendali

Dettagli

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Indice Introduzione................................................................. pag. 8 Preambolo

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 4 febbraio 2011 Definizione dei criteri per il rilascio delle autorizzazioni di cui all'articolo 82, comma 2), lettera c), del decreto legislativo

Dettagli

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci?

Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? Verifiche apparecchiature: problemi da risolvere o gestioni efficaci? STUDIO TECNICO PROF. NERI s.r.l. Via Borghi Mamo N. 15-40137 Bologna - TEL. 051.441065 - FAX 051.443045 WWW.STUDIONERI.COM EMAIL:STUDIONERI@STUDIONERI.COM

Dettagli

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Date delle lezioni del corso: Data Ora Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì 10 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Giovedì 12 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Ing. Angelo Romanelli, Direttore Dipartimento RCV Bergamo Data 12 settembre 2014 INTRODUZIONE IL COMMITTENTE Soggetto individuato

Dettagli

SEI SICURO CHE I TUOI CARRELLISTI SIANO IN REGOLA?

SEI SICURO CHE I TUOI CARRELLISTI SIANO IN REGOLA? SEI SICURO CHE I TUOI CARRELLISTI SIANO IN REGOLA? Nel 2013 è entrata in vigore una nuova norma che impone al datore di lavoro di provvedere alla formazione degli operatori carrellisti secondo specifiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI.

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. Gentile Cliente, il sistema certificativo aziendale si è notevolmente sviluppato

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni Normativa tecnica e marcatura CE Sommario Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni 1 Documenti Normativi Finalità ed Uso Finalità Definire lo Stato dell Arte nei rispettivi settori di competenza

Dettagli

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Fabio Olivieri ATEX DAY Desenzano del Garda, 26 giugno 2015 DPR 462 del 22 Ottobre 2001

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE

PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE PROGETTARE e ATTUARE un PIANO di CONTROLLO e MANUTENZIONE delle ATTREZZATURE DI LAVORO Patrocinio Un progetto Un progetto con il Patrocinio Comitato scientifico: Giorgio Luzzana Responsabile Servizio di

Dettagli

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX Direttiva 94/9/CE ATEX 95 (ex art. 100) del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 Marzo 1994. Concerne il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08 Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro ART. 69 - Definizioni - C. 1 Agli effetti delle disposizioni

Dettagli

Come adottare un Sistema di Gestione ambientale Dott. Giorgio Galotti - Gemini ist Come rendere verde un Ente Locale: dal GPP alla Contabilità ambientale GPP Net Forum Cremona, 11 Maggio 2007 Riferimenti

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Capo I Uso delle attrezzature di lavoro Articolo 69 Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering DM03 IL MANUALE D ISTRUZIONI Scrivere le Istruzioni per l uso è un attività specialistica che va affidata ad esperti con conoscenze interdisciplinari di tipo legislativo, tecnico e scientifico. È necessaria

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli